Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software"

Transcript

1 Sviluppo Agile I processi (di sviluppo) del software bisogni nuovi o modificati Processo software Prodotto software nuovo o modificato Un processo software descrive quali sono le attività che concorrono a sviluppare un prodotto software e come le attività sono collegate tra loro Assunzione: la qualità del processo implica la qualità del prodotto 1

2 Attività tipiche nello sviluppo ed evoluzione del software Attività tecniche Analisi dei requisiti (requirements analysis) Progettazione (design) Realizzazione (implementation) Collaudo (testing) Messa in esercizio (deployment) Conduzione operativa (operation) Manutenzione (maintenance) Attività organizzative Gestione del progetto (project management) Gestione della configurazione (configuration management) Assicurazione della qualità (quality assurance) Stile di processo a cascata (waterfall) Suddivide il progetto in base alle attività tecniche Le fasi coincidono con le attività Si passa a una fase successiva solo se si completa l attività e si supera il punto di controllo Tornare indietro è possibile ma come eccezione Problemi Rischio elevato: difficile Analysis Design Implementation Testing stabilire che tutto procede veramente bene Difficile da applicare se i requisiti sono poco noti o volatili Time to market ritardato 2

3 Stile di processo iterativo Anche conosciuto come incrementale, a spirale, evolutivo Suddivide il progetto in base a sottoinsiemi di funzionalità (iterazioni) L inizio delle iterazioni è preceduto da una fase esplorativa Ogni iterazione produce codice (build) testato e integrato nel sistema complessivo Le iterazioni messe in produzione sono dette release Time boxing: le release sono rilasciate a intervalli di tempo regolari Iterazione 1 Iterazione 2 Iterazione 3 Testing Implementation Implementation Testing Analysis Design Analysis Design Non esiste un modo unico per strutturare lo sviluppo del software Sviluppo hoc (build and fix) Conoscenza tacita Documentazione inesistente o quasi Approccio non ripetibile e trasferibile solo con apprendistato Sviluppo pianificato (plan-driven) Piano dettagliato delle attività creato a monte Molta documentazione come forma di comunicazione indiretta Stile di processo a cascata Adatto per progetti con requisiti noti a priori e stabili nel tempo Sviluppo agile Fortemente adattivo rispetto ai cambiamenti in corso d opera Poca documentazione: enfasi sulla comunicazione diretta tra persone Stile di processo iterativo: iterazioni corte e di durata costante (time-boxed) Esempio: Scrum 3

4 Manifesto for Agile Software Development We are uncovering better ways of developing software by doing it and helping others do it. Through this work we have come to value: Individuals and interactions over processes and tools Working software over comprehensive documentation Customer collaboration over contract negotiation Responding to change over following a plan That is, while there is value in the items on the right, we value the items on the left more. Kent Beck - Mike Beedle - Arie van Bennekum - Alistair Cockburn - Ward Cunningham - Martin Fowler - James Grenning - Jim Highsmith - Andrew Hunt Prof. - Filippo Ron Jeffries Lanubile- Jon Kern - Brian Marick - Robert C. Martin - Steve Mellor - Ken Schwaber - Jeff Sutherland - Dave Thomas Un processo tipico di sviluppo agile del sw Selezione Incremento del prodotto Product Backlog Iterazione (Time-boxed) Modifica backlog Raccolta del feedback 4

5 Metodi agili Extreme Programming (XP) Scrum Kanban Extreme Programming (XP) 5

6 Kanban Visualizzazione del flusso di lavoro Limitazione del Work in Progress (WIP) Rilascio continuo Scrum 6

7 Sprint I progetti Scrum fanno progressi in una serie di iterazioni dette sprint Il prodotto è progettato, realizzato e testato durante lo sprint La durata tipica è in genere di 2 4 settimane o un mese di calendario Una durata costante permette una migliore cadenza Durante uno Sprint non sono accettate richieste di modifiche ai requisiti Scrum framework * Ruoli Product owner ScrumMaster Team Eventi Sprint planning Sprint review Sprint retrospective Daily scrum meeting * Questa parte riadatta materiale tratto da - Mike Cohn, Introduction to Scrum - Ken Schwaber and Jeff Sutherland, The Scrum Guide Artifact Product backlog Sprint backlog Burndown charts 7

8 Scrum framework Ruoli Product owner ScrumMaster Team Eventi Sprint planning Sprint review Sprint retrospective Daily scrum meeting Artifact Product backlog Sprint backlog Burndown charts Product Owner È responsabile del valore del prodotto Ha la responsabilità esclusiva di gestione del Product Backlog Definisce le caratteristiche funzionali e non funzionali (feature) del prodotto Assegna le priorità alle feature in base al valore di mercato Adatta le feature e le priorità a ogni iterazione Accetta o rifiuta i risultati del lavoro del Team di Sviluppo In base a una definizione di Done (lavoro completo) compresa da tutto il Team di Sviluppo

9 Scrum Master È una guida al servizio del Team di Sviluppo e del Product Owner Aiuta a creare gli elementi del Product Backlog in modo chiaro e conciso Aiuta a ordinare gli elementi del Product Backlog per massimizzare il valore Facilita gli eventi Scrum Rende trasparente il processo di sviluppo mediante visualizzazione delle informazioni chiave Team di Sviluppo Soltanto i membri del Team di Sviluppo creano l incremento da rilasciare alla fine di ogni Sprint Dimensione: da 3 a regola delle 2 pizze (americane) Autogestione all interno di uno Sprint I singoli membri possono avere competenze specialistiche e aree di interesse ma è il Team di Sviluppo nel suo complesso ad avere la responsabilità finale 9

10 Scrum framework Ruoli Product owner ScrumMaster Team Eventi Sprint planning Sprint review Sprint retrospective Daily scrum meeting Artifact Product backlog Sprint backlog Burndown charts Sprint planning Valutazione delle priorità nel Product Backlog Scelta dello Sprint Goal Selezione degli item da completare nello Sprint Creazione dello Sprint Backlog Identificazione dei Task e stima (1-16 ore) Anche il design di alto livello è considerato Come pianificatore di vacanze, voglio vedere le foto degli alberghi. Scrivere lo strato business ( ore) Scrivere l interfaccia utente (4) Scrivere le test fixtures (4) Scrivere la classe pippo(6) Aggiornare i performance tests (4) 10

11 Daily scrum meeting Parametri Tutti i giorni 15-minuti In piedi Tre domande: Cosa hai fatto ieri? Cosa farai oggi? Ci sono problemi? Sono tutti invitati ma solo i membri del team, lo Scrum Master e il Product owner hanno diritto di parola Sprint review Il team presenta i risultati raggiunti durante lo Sprint Demo delle nuove funzionalità o dell architettura sottostante Informale Regola: 2 ore di preparazione Niente slide Riunione aperta Tutto il team partecipa Esterni benvenuti 11

12 Sprint retrospective Periodicamente si analizza cosa sta funzionando e cosa no Si discute cosa introdurre cosa evitare cosa continuare nel prossimo sprint Tipicamente da 15 a 30 minuti Fatta al termine di ogni sprint Partecipa tutto il team Possibilmente anche i clienti ed altri ruoli coinvolti Scrum framework Ruoli Product owner ScrumMaster Team Eventi Sprint planning Sprint review Sprint retrospective Daily scrum meeting Artifact Product backlog Sprint backlog Burndown charts 12

13 Product Backlog Una lista di tutto il lavoro richiesto sul progetto L unica fonte di requisiti per le modifiche da apportare al prodotto È dinamico e cambia continuamente Nella prima stesura contiene solo i requisiti inizialmente conosciuti e meglio compresi Le priorità sono stabilite dal Product Owner e aggiornate all inizio di ogni sprint Le stime degli item pronti per uno Sprint sono stabilite dal Team di Sviluppo Esempio di product backlog Backlog item Stima Permettere ad un ospite di effettuare una prenotazione Come ospite, voglio cancellare una prenotazione. 5 Come ospite, voglio cambiare le date di una prenotazione. Come impiegato dell hotel, posso lanciare i report RevPAR (Revenue Per Available Room = Fatturato per camera disponibile) Migliorare la gestione delle eccezioni

14 Requisiti funzionali nello sviluppo agile Descrizione di una user story Template Esempio In qualità di <ruolo utente>, voglio <obiettivo> [in modo tale da <motivo>] In qualità di cliente occasionale, voglio visualizzare le foto dell'albergo selezionato in modo tale da decidere se effettuare la prenotazione 14

15 Sprint goal Una breve indicazione dell obiettivo principale dello Sprint Cambio Database Fare girare l applicazione anche su SQL Server oltre che su Oracle. B Servizi finanziari Supportare più indicatori tecnici di quanto faccia ABC con dati in tempo reale. 15

16 Sprint backlog L'insieme degli elementi del Product Backlog selezionati per lo Sprint più un piano per fornire l'incremento del prodotto e realizzare lo Sprint Goal La gestione è di esclusiva pertinenza del Team di Sviluppo Il lavoro non è assegnato da un project manager Quando del nuovo lavoro risulta necessario, il Team di Sviluppo lo aggiunge allo Sprint Backlog Se alcuni elementi del piano non sono più ritenuti utili, sono rimossi La stima del lavoro rimanente è aggiornata nel daily meeting Uno sprint backlog Tasks Lun Mar Mer Gio Ven Codificare la UI 4 Codificare il middle tier Testare il middle tier Scrivere l help online 12 Codificare la classe foo Logging degli errori 4 16

17 Scrum board Una Scrum board fisica 17

18 Una Scrum board digitale Uno sprint burndown chart Hours 1

19 Tasks Codificare la UI Codificare il middle tier Testare il middle tier Scrivere l help online Lun Mar Mer Gio Ven Hours Lun Mar Mer Gio Ven Riepilogo 19

20 Adattare un processo a un progetto I progetti software differiscono al variare di molti fattori tipo di sistema software, natura dei rischi, tecnologie usate, numero e competenze dei partecipanti, distribuzione geografica del gruppo, Non ci sono processi che siano adatti per tutti i progetti Scelto un processo base è necessario modificarlo per farlo funzionare al meglio Valutazione retrospettiva (di progetto o di iterazione) Cose da tenere ciò che ha funzionato bene e che si intende ripetere in futuro Problemi aree in cui qualcosa non va come dovrebbe Cose da provare cambiamenti che potrebbero migliorare il processo 20

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Agile Origini dello Sviluppo Agile Proposta di un gruppo di sviluppatori che rilevava una serie di criticità degli approcci convenzionali: Troppa rigidità dei

Dettagli

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Firenze, 6 marzo 2013 Consiglio Regionale della Toscana Evento organizzato dal Branch Toscana-Umbria del PMI NIC Walter Ginevri, PMP, PgMP, PMI-ACP

Dettagli

Il sistema di automazione nelle Raffinerie di olio alimentare

Il sistema di automazione nelle Raffinerie di olio alimentare Il sistema di automazione nelle Raffinerie di olio alimentare Bellini Marco Responsabile Tecnico Software B&B Automation srl CHI SIAMO Soluzioni di Automazione a 360 18 Anni di esperienza 25 persone competenti

Dettagli

Introduzione all Ingegneria del Software

Introduzione all Ingegneria del Software Introduzione all Ingegneria del Software Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Dicembre 2013 Introduzione all Ingegneria del Software Ingegneria del Software Modelli di Sviluppo del Software

Dettagli

Il Processo Software

Il Processo Software Il Processo Software 29-03-2012 Prodotto Software Prodotto di qualità Tempi e costi determinati Processo Software Attività portanti Famiglia di compiti Attività ausiliari Quadro di riferimento Processo

Dettagli

Il Processo Software

Il Processo Software Il Processo Software 03/04/13 Prodotto Software Prodotto di qualità Tempi e costi determinati Processo Software Attività portanti Famiglia di compiti Attività ausiliari Quadro di riferimento Processo Software

Dettagli

Una fugace occhiata al Test Driven Development

Una fugace occhiata al Test Driven Development Una fugace occhiata al Test Driven Development Roberto Bettazzoni roberto@bettazzoni.it http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/ 1 Cosa è il TDD? 2 Cosa è il TDD? Una pratica agile. 3 Pratiche agili...

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti Sviluppo Agile [Cockburn 2002] Extreme Programming (XP) [Beck 2000] Sono più importanti auto-organizzazione, collaborazione, comunicazione tra membri del team e adattabilità del prodotto rispetto ad ordine

Dettagli

Innovazione di processo e di prodotto in un azienda del settore domotica

Innovazione di processo e di prodotto in un azienda del settore domotica Innovazione di processo e di prodotto in un azienda del settore domotica Marco Catuozzo (Responsabile R&D, sede di Erba) Mauro Sarchi (Project Leader applicazioni multimediali embedded, sede di Erba) Bticino

Dettagli

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland The Scrum Guide La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco Ottobre 2011 Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland Indice Scopo della Guida Scrum... 3 Overview di Scrum... 3 Scrum Framework...

Dettagli

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami Echi da Amsterdam Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009 Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile Relatore: Bruna Bergami PMI NIC - Tutti i diritti riservati Milano, 19 Giugno

Dettagli

La Guida a Scrum. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Luglio 2013. Sviluppata e mantenuta da Ken Schwaber Jeff Sutherland

La Guida a Scrum. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Luglio 2013. Sviluppata e mantenuta da Ken Schwaber Jeff Sutherland La Guida a Scrum La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco Luglio 2013 Sviluppata e mantenuta da Ken Schwaber Jeff Sutherland Table of Contents Scopo della Guida a Scrum... 3 Definizione di Scrum...

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

Agile Principles Agile People. Gaetano Mazzanti Gama-Tech

Agile Principles Agile People. Gaetano Mazzanti Gama-Tech Agile Principles Agile People Gaetano Mazzanti Gama-Tech > Hello, I m Agile and I m not alone project product Agile is about change culture people organization Processes and Tools Comprehensive Documentation

Dettagli

Introduzione all Agile Software Development

Introduzione all Agile Software Development IBM Rational Software Development Conference 5RPDRWWREUH 0LODQR RWWREUH Introduzione all Agile Software Development 0DULDQJHOD2UPH Solution Architect IBM Rational Services PRUPH#LWLEPFRP 2008 IBM Corporation

Dettagli

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Introduzione a Scrum. Prof. Paolo Ciancarini! Corso di Ingegneria del Software! CdL Informatica! Università di Bologna

Introduzione a Scrum. Prof. Paolo Ciancarini! Corso di Ingegneria del Software! CdL Informatica! Università di Bologna Introduzione a Scrum Prof. Paolo Ciancarini! Corso di Ingegneria del Software! CdL Informatica! Università di Bologna Agenda Origini di Scrum: collaborazione responsabile Struttura dello sprint Ruoli Rituali

Dettagli

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Gestire la complessità, adattarsi al cambiamento. Velocemente. Questa è la sfida quotidiana di ogni manager, sia in campo IT che in tutti

Dettagli

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi Un team agile allo sprint 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi una questione di leggerezza COMPLESSITÀ VARIABILITÀ SPRECHI SOVRA-ALLOCAZIONI COLLI DI BOTTIGLIA DEBITO BUSINESS/TECNICO RIDURRE TEMPI ATTESA RIDURRE

Dettagli

Università degli Studi dell Insubria

Università degli Studi dell Insubria Università degli Studi dell Insubria FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica Studio e applicazione di metodi agili nello sviluppo di prodotti Software Open Source

Dettagli

Quali passi per introdurre l Agile in azienda?

Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Garantire reattività e prontezza in uno scenario sempre più dinamico Quali passi per introdurre l Agile in azienda? White Paper Nell attuale contesto di mercato,

Dettagli

Il processo di sviluppo

Il processo di sviluppo Il processo di sviluppo Processo di sviluppo software = framework all'interno del quale si svolgono le attività necessarie per produrre software di alta qualità. E' il modo in cui viene organizzato e praticato

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A4_3 V1.1 Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Agile in tough economic times. Agile in tough. Slide 1 30 April 2009

Agile in tough economic times. Agile in tough. Slide 1 30 April 2009 Slide 1 Indice Storia Agile di una startup nel nostro progetto Qual e il valore aggiunto di Agile nei periodi di incertezza Conclusioni Slide 2 Non disclosure agreement Ho firmato un NDA che non mi permette

Dettagli

I lucidi messi a disposizione sul sito del corso di Analisi e progettazione del software NON sostituiscono il libro di testo

I lucidi messi a disposizione sul sito del corso di Analisi e progettazione del software NON sostituiscono il libro di testo Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Sviluppo iterativo, evolutivo e agile Capitolo 2 marzo 2015 Lo sviluppo iterativo dovrebbe essere utilizzato solo per i progetti che si desidera che vadano

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Diffusione delle metodologie di Agile Software Development

Diffusione delle metodologie di Agile Software Development Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Magistrale Diffusione delle metodologie di Agile Software Development Risultati

Dettagli

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro Processi di Sviluppo Software Introduzione Giuseppe Calavaro Processi di sviluppo software - Agenda Differenza tra Programmazione e Progettazione SW I Processi di Sviluppo Software Waterfall Spirale RUP

Dettagli

* Che cos è un processo software

* Che cos è un processo software Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Sviluppo iterativo, evolutivo e agile Capitolo 2 marzo 2013 Lo sviluppo iterativo dovrebbe essere utilizzato solo per i progetti che si desidera che vadano

Dettagli

Agili, snelli e scattanti!

Agili, snelli e scattanti! Agili, snelli e scattanti! Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche 4 Giugno 2013 Emiliano Soldi PMP, PMI-ACP, CSM Agile Practice Leader & Coach http://www.emilianosoldipmp.info @EmilianoSoldi Agile

Dettagli

La creazione del valore. Un approccio agile alla trasformazione dell IT

La creazione del valore. Un approccio agile alla trasformazione dell IT Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Relazione finale di tirocinio La creazione del valore. Un approccio agile alla trasformazione

Dettagli

Certified ScrumMaster

Certified ScrumMaster Obiettivo del corso L obiettivo del corso è quello di imparare Scrum utilizzandolo all interno di un corso organizzato con Scrum! Con questo corso ufficiale di 2 giorni sarà possibile sostenere l esame

Dettagli

Coaching. Nicola Moretto

Coaching. Nicola Moretto nicola.moretto@xpeppers.com XP Coach Coach Tecnico Scrum Master Coach Sistemico Evolutivo Coach Ontologico Trasformazionale Agile Coach Coach Puro Scrum Master Uno Scrum Master: Rimuove le barriere.

Dettagli

LightCode. Processi e Tool di Sviluppo del Software v05.00

LightCode. Processi e Tool di Sviluppo del Software v05.00 LightCode Processi e Tool di Sviluppo del Software v05.00 Pagina 1 / 21 Introduzione Questo documento presenta l approccio di LightCode allo sviluppo dei progetti software. Si tratta di un manifesto che

Dettagli

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it Modelli di Processo Il Modello del Processo Il modello del processo stabilisce i principi di base su cui si fonda lo sviluppo del software (e a cui è dovuto il successo o l insuccesso) Non esiste un unico

Dettagli

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al.

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello Code and fix Processo parte III Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello iniziale Iterazione di due passi scrittura del codice correzione degli errori Problemi: dopo una serie di cambiamenti, la

Dettagli

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata tools metodi processi Focus sulla qualità Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata (2) Qualità Elemento

Dettagli

Progetto di Informatica III

Progetto di Informatica III Progetto di Informatica III Sviluppo Agile (Agile Software Development) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Metodologia agile Agile Manifesto Che cos è l agilità

Dettagli

Impostazione di un processo di Continuous Development per il portale web Volagratis.it

Impostazione di un processo di Continuous Development per il portale web Volagratis.it Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Impostazione di un processo di Continuous Development per il portale web Volagratis.it Candidato: Corrado Lombardi Relatore: Dott.

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

3. SOFTWARE MANAGEMENT

3. SOFTWARE MANAGEMENT 3. SOFTWARE MANAGEMENT Introdurre caratteristiche e problematiche della direzione di progetto software (software management) Discutere la pianificazione di un progetto e la temporizzazione (scheduling)

Dettagli

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita Processi software Anno accademico 2009/10 Ingegneria del mod. A Tullio Vardanega, tullio.vardanega@math.unipd.it SCD IS Definizioni Ciclo di vita Copre l evoluzione di un prodotto dal concepimento al ritiro

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Modelli di produzione del software

Corso di Ingegneria del Software. Modelli di produzione del software Corso di Ingegneria del Software a.a. 2009/2010 Mario Vacca mario.vacca1@istruzione.it 1. Concetti di base Sommario 2. Modelli del ciclo vita del software 2.1 Modello a cascata 2.2 Modelli incrementali

Dettagli

L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili

L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili 11 Workshop on Automotive Software & Systems Milano, 7 Novembre 2013 Ernesto Viale Agenda Overview AIDA Model AIDA for Agile L integrazione della

Dettagli

Extreme programming e metodologie agili

Extreme programming e metodologie agili Extreme programming e metodologie agili Università degli Studi di Brescia, 8 Giugno 2007 Ing. Daniele Armanasco daniele@armanasco.it Ing. Emanuele DelBono emanuele@codiceplastico.com Enti organizzatori

Dettagli

Ciclo di vita dimensionale

Ciclo di vita dimensionale aprile 2012 1 Il ciclo di vita dimensionale Business Dimensional Lifecycle, chiamato anche Kimball Lifecycle descrive il framework complessivo che lega le diverse attività dello sviluppo di un sistema

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 2. Ciclo di Vita e Processi di

Dettagli

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto Project Management Dott. Andrea F. Abate e-mail: abate@unisa.it Web: http://www.dmi.unisa.it/people/abate Gestione di Progetti Software: Pianificazione delle attività e rappresentazioni grafiche Obiettivi

Dettagli

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI OBIETTIVI 1. Descrivere approcci e attività tipiche per pianificare e impostare il progetto di un S.I. 2. Identificare problemi chiave 3. Illustrare alcuni

Dettagli

Il metodo extreme Programming in sintesi

Il metodo extreme Programming in sintesi extreme Programming Approach Il metodo extreme Programming in sintesi Piergiuliano Bossi Coach Marina Morgagni Engagement Manager Quinary SpA Copyright 2001-2004 Quinary SpA Tutti i diritti sono riservati.

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG AGILE SOFTWARE DEVELOPMENT. Esercitazioni pratiche, Principi, Agile Modeling e TDD 6-10 MAGGIO 2013

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG AGILE SOFTWARE DEVELOPMENT. Esercitazioni pratiche, Principi, Agile Modeling e TDD 6-10 MAGGIO 2013 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG LARMAN AGILE SOFTWARE DEVELOPMENT Esercitazioni pratiche, Principi, Agile Modeling e TDD 6-10 MAGGIO 2013 AGILE, LEAN & ITERATIVE DEVELOPMENT Management Overview 13

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ARIE VAN AGILE PROJECT MANAGEMENT CON CERTIFICAZIONE

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ARIE VAN AGILE PROJECT MANAGEMENT CON CERTIFICAZIONE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ARIE VAN BENNEKUM AGILE PROJECT MANAGEMENT CON CERTIFICAZIONE ROMA 16-17 NOVEMBRE 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia SOA/EDA Composite Apps Software + Services Esercizio EAI Integrazione Punto-a-Punto Web services Consolidamento dell Infrastruttira Razionalizzazione

Dettagli

Antonio Bassi, Moira Tagliafico. Project Manager al lavoro: strumenti e tecniche MANAGEMENT. FrancoAngeli

Antonio Bassi, Moira Tagliafico. Project Manager al lavoro: strumenti e tecniche MANAGEMENT. FrancoAngeli Antonio Bassi, Moira Tagliafico Project Manager al lavoro: strumenti e tecniche MANAGEMENT FrancoAngeli Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS

Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS CONFIGURATION MANAGEMENT PLAN Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS Gruppo Laboratorio di Ingegneria del Software 2 Anno Accademico2009/2010 Gruppo Kairos: Maiero Matteo, Bertoni Alan, Zolli

Dettagli

Processi per lo sviluppo rapido del software

Processi per lo sviluppo rapido del software Lezione 3 Processi per lo sviluppo rapido del software Sviluppo Rapido del Software Slide 1 Riferimenti bibliografici I. Sommerville Ingegneria del Software 8a edizione Cap.17 R. Pressman- Principi di

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

AGILE IL TEAM, MA IL CLIENTE? Trasmettere al cliente valori, vantaggi e necessità dello sviluppo agile

AGILE IL TEAM, MA IL CLIENTE? Trasmettere al cliente valori, vantaggi e necessità dello sviluppo agile AGILE IL TEAM, MA IL CLIENTE? Trasmettere al cliente valori, vantaggi e necessità dello sviluppo agile ANTONIO BONANNO 27 anni, Milano, laureato in legge 2003, Etz.it 2007, Digital Natives 2008, TripShake.com

Dettagli

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica. Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.it Agile Group Agile Group, gruppo di ricerca su Ingegneria del SW,

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Sviluppo AGILE di una applicazione: dalle User Stories alla creazione collaborativa di un Mockup

Sviluppo AGILE di una applicazione: dalle User Stories alla creazione collaborativa di un Mockup Sviluppo AGILE di una applicazione: dalle User Stories alla creazione collaborativa di un Mockup Giuseppe Chiazzese CNR - Istituto per le tecnologie didattiche Modulo: Introduzione agli strumenti web per

Dettagli

Ottimizzare Agile per la. agility made possible. massima innovazione

Ottimizzare Agile per la. agility made possible. massima innovazione Ottimizzare Agile per la agility made possible massima innovazione Agile accelera l'offerta di innovazione Lo scenario aziendale attuale così esigente e in rapida evoluzione ha enormemente amplificato

Dettagli

DA STUDENTE A PROJECT MANAGER: MANUALE DI SOPRAVVIVENZA

DA STUDENTE A PROJECT MANAGER: MANUALE DI SOPRAVVIVENZA DA STUDENTE A PROJECT MANAGER: MANUALE DI SOPRAVVIVENZA Seminario di approfondimento per il corso «Laboratorio di Ingegneria Informatica» Lorenzo Della Sciucca Dedalus S.p.a. Facoltà di Ingegneria, Modena

Dettagli

ROB THOMSETT EXTREME PROJECT MANAGEMENT WORKSHOP ROMA 7-9 MAGGIO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

ROB THOMSETT EXTREME PROJECT MANAGEMENT WORKSHOP ROMA 7-9 MAGGIO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROB THOMSETT EXTREME PROJECT MANAGEMENT WORKSHOP ROMA 7-9 MAGGIO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it EXTREME

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG ROMA 26-28 OTTOBRE 2015 ROMA 29-30 OTTOBRE 2015 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG ROMA 26-28 OTTOBRE 2015 ROMA 29-30 OTTOBRE 2015 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG LARMAN Certified ScrumMaster Course PLUS Agile TDD and Refactoring ROMA 26-28 OTTOBRE 2015 ROMA 29-30 OTTOBRE 2015 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 info@technologytransfer.it

Dettagli

Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software

Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software Giorgio Brajnik e Andrea Baruzzo Dip. di Matematica e Informatica Università di Udine e Interaction Design Solutions srl

Dettagli

Retrospective, Stand-Up Meeting e Daily Journal Raccogliere feedback dal team

Retrospective, Stand-Up Meeting e Daily Journal Raccogliere feedback dal team Retrospective, Stand-Up Meeting e Daily Journal Raccogliere feedback dal team Pietro Di Bello & Jacopo Franzoi { p.dibello, j.franzoi } @sourcesense.com Chi siamo Pietro Di Bello, sviluppatore dal 1999,

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Application Lifecycle Management

Application Lifecycle Management Application Lifecycle Management Bologna 09/06/2011 Giacomo Borri AIVEBST S.p.A. Agenda Chi siamo Azienda Referenze Application Lifecycle Management Un caso pratico: What If Visual Studio ALM 2 AIVEBST

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it )

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) CEPIS e-cb Italy Report Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) Free online selfassessment tool Online services Enables the identification of competences needed for various ICT roles e-cf Competences

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM HOBART USER INTERFACE DESIGN PER LA PIATTAFORMA MOBILE VISUALIZING REQUIREMENTS ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software 1 Ingegneria del software L istituzione e l impiego di principi ingegneristici fondati, allo scopo di ottenere

Dettagli

CA-Clarity Vision. Governare la trasformazione delle idee in iniziative di business con un approccio agile Fabio Cresta Principal Consultant

CA-Clarity Vision. Governare la trasformazione delle idee in iniziative di business con un approccio agile Fabio Cresta Principal Consultant CA-Clarity Vision Governare la trasformazione delle idee in iniziative di business con un approccio agile Fabio Cresta Principal Consultant Legame tra fallimento dei progetti e requisiti Il 70-80% dei

Dettagli

ALTEN ITALIA ACADEMY

ALTEN ITALIA ACADEMY Catalogo Corsi ALTEN ITALIA ACADEMY 1/17 ALTEN Italia S.p.A. Società Unipersonale Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 Sede Legale e Amm.va: Via G. Crespi, 12-20134 Milano - Altre sedi: Bologna,

Dettagli

Project(s) Management PMO 3. Paolo Lubrano, PMP lubrano@fbk.eu May 21 st, 2014

Project(s) Management PMO 3. Paolo Lubrano, PMP lubrano@fbk.eu May 21 st, 2014 Project(s) Management PMO 3 Paolo Lubrano, PMP lubrano@fbk.eu May 21 st, 2014 Agenda Progetti complessi Kanban PMO Project Management Office Attività di progetto (traditional) Initiate Project Charter

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

Modelli di processo per lo sviluppo del software: modelli agili e modelli per la qualità

Modelli di processo per lo sviluppo del software: modelli agili e modelli per la qualità Modelli di processo per lo sviluppo del software: modelli agili e modelli per la qualità Prof. Paolo Ciancarini Corso di Ingegneria del Software CdL Informatica Università di Bologna Obiettivi di questa

Dettagli

Trasformazioni Agili: l importanza di un partner qualificato

Trasformazioni Agili: l importanza di un partner qualificato Articolo a firma di: Emiliano Soldi Agile Practice Leader Agile Coach Trasformazioni Agili: l importanza di un partner qualificato La promessa agile è chiara, tangibile nei risultati, oggi più che mai.

Dettagli

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Page 1 of 11 IL CERTIFICATO ITIL FOUNDATION IN IT SERVICE MANAGEMENT La

Dettagli

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Cosa è e come si usa la Organization Intelligence Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Overload Informativo Siamo costretti a navigare in un mare di informazioni nel quale è facile «perdere

Dettagli

Le storie utente ed altre tecniche per la specifica dei requisiti negli approcci Agili per lo sviluppo software

Le storie utente ed altre tecniche per la specifica dei requisiti negli approcci Agili per lo sviluppo software Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Ingegneria del Software Le storie utente ed altre tecniche per la specifica dei requisiti negli approcci Agili per lo

Dettagli

CRAIG LARMAN ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

CRAIG LARMAN ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA CRAIG LARMAN AGILE AND ITERATIVE DEVELOPMENT: A Manager s Guide APPLYING UML AND PATTERNS WORKSHOP: Mastering OOA/D ROMA 21 NOVEMBRE 2005 ROMA 22-25 NOVEMBRE 2005 VISCONTI

Dettagli

Agile Practitioner Curriculum 2015

Agile Practitioner Curriculum 2015 Agile Practitioner Curriculum 2015 Certificato da: PMI Project Management Institute e The George Washington University 8 corsi specialistici di Agile Project Management I CORSI FONDAMENTALI Agile Project

Dettagli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento.

Dettagli

Valutazione dello sviluppo cooperativo del software nell'ambito del progetto ETCplus

Valutazione dello sviluppo cooperativo del software nell'ambito del progetto ETCplus Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Programmazione Valutazione dello sviluppo cooperativo del software nell'ambito del progetto ETCplus Anno Accademico /

Dettagli

7. Esigenze informative e FAQ. 8. Allegati. Repository documentale.

7. Esigenze informative e FAQ. 8. Allegati. Repository documentale. Titolo Documento: Specifica customer service e knowledge base Codice Documento e versione template: MR CRZ 17 - v2.0 Repository documentale. I contenuti relativi al sistema/servizio possono essere di varia

Dettagli

Tutto il materiale inspirato a Steve Blank

Tutto il materiale inspirato a Steve Blank PERCHè SIAMO QUI PAOLA PISANO pisano@di.unito.it UN RINGRAZIAMENTO AGLI STUDENTI DEL SECONDO ANNO DI INFORMATICA PER LA REVISIONE DELLE SLIDE Tutto il materiale inspirato a Steve Blank PERCHE SIAMO QUI?

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli