Università degli Studi dell Insubria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi dell Insubria"

Transcript

1 Università degli Studi dell Insubria FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica Studio e applicazione di metodi agili nello sviluppo di prodotti Software Open Source Tesi di Laurea di: Relatore: Prof. Luigi Lavazza MARCO BINDA Prof. Sandro Morasca Matricola: Correlatore: Davide Taibi Anno Accademico

2 Riassunto Nello studio dell ingegneria del software si possono dividere i processi di sviluppo in due categorie: processi di sviluppo classici e processi di sviluppo agili. Quando si prende in considerazione un processo di sviluppo classico ci si riferisce a modelli come quello a cascata o a spirale, in cui la modalità di lavoro è fortemente orientata all esecuzione di passi sequenziali dove si pianifica, si progetta e si sviluppa l intero sistema software, con a volte la presunzione di implementare oltre alle funzionalità richieste quelle future. Questo modo di operare, ben si orienta allo sviluppo di progetti Closed Source Software (CSS). I processi di sviluppo Agili, come ad esempio Extreme Programming (XP) o SCRUM, si contrappongono a quelli classici. Questi modelli sono composti da una serie di fasi iterative, dove viene presa in considerazione una parte di progetto alla volta, piccola e ben definita. I processi di sviluppo Agili propongono un modo di lavorare fortemente orientato al risultato che ben si adatta allo sviluppo di progetto Open Source Software. In questo lavoro di tesi si è applicato un processo di sviluppo Agile, in particolare una versione modificata di SCRUM, ad uno strumento OSS contenuto all interno del progetto Qualipso, in dettaglio allo strumento MACXIM. Gli obiettivi che ci siamo proposti all inizio di questo lavoro sono quelli di valutare se sia possibile inserire il processo di sviluppo SCRUM in un progetto OSS già in fase di sviluppo, se sia possibile far cooperare un team di programmatori geograficamente distribuiti e se SCRUM ha contribuito effettivamente a migliorare la qualità del prodotto e la produttività del processo. SCRUM è stato studiato, modificato e adattato per poter essere applicato allo sviluppo di MACXIM. Sono state raccolte una serie di misure quantitative e qualitative prima e dopo l introduzione di SCRUM nel processo di sviluppo, che hanno permesso una valutazione oggettiva ed empirica dell applicazione di SCRUM a progetti OSS. ii

3 Sommario 1 INTRODUZIONE OBIETTIVI DELLA TESI STRUTTURA DELLA TESI I PROCESSI DI SVILUPPO PROCESSI DI SVILUPO CLASSICI IL PROCESSO DI SVILUPPO A CASCATA IL PROCESSO DI SVILUPPO ITERATIVO: A SPIRALE IL PROCESSO DI SVILUPPO UNIFIED PROCESS I PROCESSI DI SVILUPPO AGILI EXTREME PROGRAMMING SCRUM FEATURE DRIVEN DEVELOPMENT DYNAMIC SYSTEM DEVELOPMENT METHOD APPLICAZIONE DI SCRUM A PROGETTI OSS LIGHT SCRUM CASO DI STUDIO MACXIM PROCESSO DI SVILUPPO APPLICAZIONE DI LIGHT SCRUM A MACXIM RISULTATI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI BIBLIOGRAFIA Appendice A - I PRINCIPI FONDANTI DEL MANIFESTO AGILE Appendice B - PRATICHE iii

4 1 INTRODUZIONE Nel corso degli anni 90 si sono concretizzate ed hanno avuto modo di evolvere una serie di metodologie per lo sviluppo software denominato Agile. Queste discipline si focalizzano sul conseguimento di un obiettivo alla volta, breve e ben definito, realizzando con un processo iterativo l intero sistema. Talvolta queste metodologie possono essere impiegate per sviluppare prodotti software Open Source (OSS)[13]. Normalmente lo sviluppo di prodotti OSS avviene con criteri molto elastici, in cui gli sviluppatori sono distribuiti geograficamente, decidono il proprio lavoro e come distribuirlo alla comunità. Questa tipologia di sviluppo è in aperto contrasto con le metodologie Closed Source Software (CSS), dove vi sono dei paradigmi molto rigidi, come ad esempio quelli implementati nel modello Waterfall [14], in cui i programmatori devono seguire schemi di sviluppo rigorosi e ben impostati. Questo lavoro di tesi prende in esame due considerazioni principali: 1. Il processo di sviluppo dei prodotti OSS è molto simile al processo di sviluppo adottato nelle metodologie Agili 2. I prodotti CSS sviluppati con processi classici non hanno avuto modo in questi anni di abbracciare le metodologie Agili emergenti, mantenendo paradigmi di sviluppo rigidi. 1

5 Presa visione di queste due considerazioni, ho sviluppato il mio lavoro di tesi applicando una metodologia Agile ad uno strumento OSS nel progetto Qualipso [18], effettuando delle misurazioni prima e dopo l impiego di tale processo di sviluppo, per valutare se sia possibile ottimizzare la produttività del team di sviluppo ed aumentare la qualità dei prodotti OSS, attraverso un ambito più inquadrato rispetto a quello completamente non strutturato che caratterizza i progetti OSS. Dopo aver preso visione delle diverse metodologie Agili, valutando pregi e difetti di ciascuna, abbiamo applicato il processo di sviluppo SCRUM [1] per lo sviluppo di MACXIM (Model And Code Xml-based Integrated Meter), uno strumento OSS che estrae misure quantitative e oggettive da codice sorgente Java. Terminata questa esperienza abbiamo confrontato i dati raccolti prima e dopo l introduzione di SCRUM e ne abbiamo ricavato delle osservazioni su come applicare SCRUM ai prodotti OSS. Dai risultati ottenuti è emerso che SCRUM non ha alterato significativamente la produttività del nostro team di sviluppo e la qualità del nostro prodotto. Tuttavia è stato possibile controllare meglio il processo di sviluppo rispetto al periodo di non sviluppo con la metodologia SCRUM. 2

6 1.1 OBIETTIVI DELLA TESI In questo progetto di tesi si è applicata una metodologia si sviluppo Agile allo strumento MACXIM. MACXIM è sviluppato nel contesto delle attività del progetto Qualipso [18] che è dedicato alla valutazione della qualità di progetti OSS, insieme a una serie di altri strumenti. Considerando che il nostro interesse è rivolto alla qualità dei prodotti OSS, è stato quindi naturale includere MACXIM nella serie di prodotti OSS da valutare. Come conseguenza la qualità di ciascuna emissione di MACXIM è stata accuratamente misurata. Gli obiettivi che ci siamo prefissati prima di procedere all applicazione del processo di sviluppo SCRUM allo strumento OSS MACXIM sono convogliati nello rispondere ai seguenti quesiti: 1. È possibile passare con successo da SCRUM a un processo OSS in fase di sviluppo? 2. È possibile applicare SCRUM a una serie di sviluppatori geograficamente distribuiti? 3. Può SCRUM contribuire a migliorare la qualità del prodotto e la produttività del processo? Per poter rispondere alle tre domande precedenti, abbiamo individuato una serie di misure e confrontato i dati ottenuti prima e dopo l introduzione di SCRUM nel processo di sviluppo dello strumento MACXIM. I dati raccolti dopo essere stati analizzati e confrontati hanno permesso una valutazione quantitativa e qualitativa dell applicazione si SCRUM a dei progetti OSS. 3

7 1.2 STRUTTURA DELLA TESI In questo capitolo è stata presentata un introduzione al lavoro di tesi svolto. Nel secondo capitolo vengono presentate i principali processi di sviluppo classici, andando ad evidenziare le principali caratteristiche legate ad ogni modello analizzato. Nel terzo capitolo vengono presentati i principali modelli di sviluppo Agili, presi in considerazione per poter portare a termine con successo gli obiettivi prefissati. Nel quarto capitolo viene spiegato come il processo di sviluppo SCRUM è stato scelto e adattato allo sviluppo dello strumento MACXIM. Nel quinto capitolo viene descritto lo strumento MACXIM, il processo di sviluppo adottato, come è stato applicato LIGHT SCRUM allo strumento MACXIM ed i risultati ottenuti a fine lavoro. 4

8 2 I PROCESSI DI SVILUPPO Nell ingegneria del software esistono vari processi di sviluppo. Possiamo suddividere i processi di sviluppo in due categorie: i processi classici ed i processi agili. 2.1 PROCESSI DI SVILUPO CLASSICI Nel corso degli anni sono stati sviluppati diversi processi di sviluppo del software. In questo capitolo ne verranno presentati alcuni tra i più noti. A cascata. A spirale. Unified Process IL PROCESSO DI SVILUPPO A CASCATA Il processo di sviluppo a cascata (waterfall) è stato il primo processo di sviluppo studiato nell ingegneria del software (Fig. 1). Il processo di sviluppo a cascata è strutturato secondo una serie di fasi. Le fasi di questo processo di sviluppo sono lo studio di fattibilità, descrizione del problema, progettazione della soluzione, sviluppo e test di unità, integrazione e test del sistema, deployment e manutenzione. Vengono svolte in forma sequenziale: ogni fase per poter iniziare, deve attendere la conclusione di quella precedente. 5

9 Fig. 1 Modello a cascata Vi sono dei problemi evidenti in questo processo di sviluppo: pur avendo una struttura semplice che permette di semplificare il lavoro degli sviluppatori, accade spesso che in una di queste fasi ci si rende conto che sarebbe necessario tornare a quella precedente. Ad esempio, come spesso accade in fase di sviluppo, emergono alcuni aspetti del sistema non noti in una prima fase di analisi, che rendono quindi necessario tornare alla fase precedente per poter chiarire questi nuovi aspetti. Un ulteriore problema del processo di sviluppo a cascata è di non sposarsi bene con progetti dove i requisiti utente cambiano con una frequenza alta. 6

10 Questo processo di sviluppo è più adatto allo sviluppo di grossi progetti software, come ad esempio i primi sistemi operativi IL PROCESSO DI SVILUPPO ITERATIVO: A SPIRALE Nel corso degli anni sono stati ideati altri processi di sviluppo con l intenzione di affrontare e risolvere gli aspetti problematici di quello a cascata. È nato cosi il processo di sviluppo iterativo, ancora oggi ampiamente usato. Il processo di sviluppo iterativo è composto da una serie di iterazioni al termine delle quali è sempre prodotto un particolare deliverable. Le iterazioni sono mini-progetti formati da una ripetizione di fasi: le attività e i deliverable prodotti cambiano in funzione dello stato di avanzamento del progetto. Il più famoso processo di sviluppo iterativo è quello a spirale (Fig. 2). Fig. 2 Modello a spirale 7

11 Il processo di sviluppo a spirale conserva gli aspetti sistematici di quello a cascata, ma cerca di ridurre la possibilità di errori. Per far questo, il processo di sviluppo a spirale prevede la realizzazione del prodotto software attraverso più rilasci incrementali. Le attività che portano alla creazione di un rilascio, sono ciclicamente ripetute per ogni versione successiva, secondo una spirale. Il processo di sviluppo a spirale è caratterizzato da una struttura composta da task region. Ogni task region è costituita da un insieme di attività. Uno dei vantaggi principali di questo modello è l introduzione dell analisi del rischio a ogni livello di iterazione. La presenza dell analisi del rischio influenza in modo significativo le decisioni prese nel progetto IL PROCESSO DI SVILUPPO UNIFIED PROCESS Uno dei modelli iterativi più significativi è lo Unified Process (UP) e il suo esempio più famoso, il Rational Unified Process (RUP). UP è un modello che definisce una struttura generica di processo: tale struttura è poi specializzata per un ampia classe di sistemi software. UP è iterativo e incrementale: è scomposto in progetti di dimensione e complessità minori da svolgere in singole iterazioni. Al termine di ogni iterazione è necessario un momento di verifica e, se l esito è positivo, il progetto passa all iterazione successiva. Inoltre viene mantenuto un feedback di quanto fatto nel 8

12 corso dell iterazione, in modo da assecondare eventuali cambiamenti occorsi durante il progetto. Il modello UP è strutturato secondo due diverse dimensioni: 1. una dimensione temporale suddivisa in fasi che determina la vita e la maturità del progetto (è la sequenza di iterazioni citate in precedenza); 2. una dimensione di workflow del processo, articolata in attività ripetute in ogni iterazione di ciascuna fase (definisce la struttura di ogni singola iterazione). Le fasi del modello UP vengono illustrate in Fig. 3 e sono inception, elaboration, construction e transition. Mentre le attività individuate a ogni iterazione sono requirements, analysis, design, implementation, test. Fig. 3 Fasi del modello Unified Process A volte queste fasi assumono un peso ritenuto fin troppo rilevante. Per questo motivo negli ultimi anni 9

13 sono stati definiti nuovi processi di sviluppo, identificati con l espressione Agile Software Development. 10

14 3 I PROCESSI DI SVILUPPO AGILI L Agile Software Development è un approccio che punta l attenzione verso la capacità di rispondere in modo veloce ed efficace ai cambiamenti che caratterizzano il processo di sviluppo del software. Nel 2001 è stato pubblicato un manifesto dell Agile Software Development che ne descrive i principi fondanti e i valori. Il termine agile fa riferimento, in generale, alla capacità di reazione al cambiamento, come ad esempio la capacità di adattare la soluzione software in base ai cambiamenti dei requisiti richiesti dall utente, e alla flessibilità del lavoro del team durante l intero progetto. In Appendice A - I PRINCIPI FONDANTI DEL MANIFESTO AGILEvengono riportati i dodici principi che stanno dietro la stesura del manifesto mentre in [2] i firmatari del documento. Nel manifesto sono indicati quattro aspetti che differenziano il processo di sviluppo agile rispetto ai modelli esistenti: Lo sviluppo agile si focalizza sulle persone e sull interazione piuttosto che sul processo e i tool. L enfasi è sulla realizzazione del software piuttosto che sulla redazione di una documentazione esaustiva. L aspetto essenziale è la collaborazione con l utente e non la negoziazione del contratto. 11

15 È essenziale rispondere al cambiamento piuttosto che seguire in modo rigido un piano di progetto preordinato. Sulla base di questi principi e dei dodici punti del Manifesto Agile, sono nate un insieme di metodologie agili, all interno delle quali è possibile applicare una o più pratiche in base all esigenza del committente del progetto. Con il termine pratica si indica un modo di operare associato alla metodologia. Le singole pratiche applicabili alle metodologie agili sono decine e nella loro scelta si deve tener conto delle caratteristiche di ogni pratica, per i benefici che apporta e le conseguenze che comporta. Le pratiche più diffuse tra cui scegliere sono simili fra di loro e possono essere raggruppate in categorie come riportato in Appendice B - PRATICHE. Qui di seguito verranno descritte le metodologie agili più significative: Extreme Programming. SCRUM. Feature Driven Development. DSDM. Lean Software Development. Tutte le metodologie agili condividono una serie di caratteristiche comuni e fondamentali come adattabilità, iteratività, rilasci frequenti, testing, orientamento alle persone e applicabilità a progetti dove i requisiti utente cambiano in continuazione. Operativamente, quindi, le metodologie agili 12

16 ridimensionano l importanza e lo sforzo impiegato nelle attività preliminari del progetto, come ad esempio la raccolta dei requisiti, la progettazione della soluzione e in particolare dell architettura di base. Ciò non significa che queste attività non siano eseguite, ma che il tempo e lo sforzo dedicati sono minori rispetto ai processi di sviluppo software classici. 13

17 3.1.1 EXTREME PROGRAMMING Nel 1999 fu pubblicato Extreme Programming Explained nel quale l autore Kent Beck presenta un nuovo modo di sviluppare software, che permette di limitare i rischi di fallimento strettamente legati alla fase di progettazione. L Extreme Programming (XP) è una metodologia agile, come tale cerca di rispondere agli obiettivi fissati dal manifesto agile. In particolare mira alla realizzazione di un processo di sviluppo leggero e flessibile, adatto a rispondere in tempi brevi e con costi ridotti, alle mutevoli richieste del committente anche in fase avanzata del progetto. XP propone l utilizzo di dodici pratiche agili, e suggerisce di utilizzarle al massimo delle loro potenzialità, da qui il termine Extreme. Tra le pratiche consigliate troviamo progettare con il cliente, test funzionali e unitari, refactoring (riscrivere il codice senza alterarne le funzionalità esterne), progettare al minimo, descrivere il sistema con una metafora, proprietà del codice collettiva (contribuisce alla stesura chiunque sia coinvolto nel progetto), scegliere ed utilizzare un preciso standard di scrittura del codice, integrare continuamente i cambiamenti al codice, il cliente deve essere presente e disponibile a verificare (sono consigliate riunioni settimanali), open workspace, quaranta ore di lavoro settimanali, pair programming (due programmatori lavorano insieme su un solo computer). Inoltre XP è caratterizzato da quattro valori chiave: semplicità, feedback, comunicazione e coraggio. Questo approccio si focalizza su una progettazione della 14

18 soluzione il più semplice, inclusiva delle sole funzionalità che di volta in volta il team deve rilasciare al committente. L ideazione e la pianificazione della soluzione avvengono tramite user story. Una user story è la descrizione, semplice e breve, di una particolare funzionalità richiesta dal committente: il team di sviluppo analizza tutte le user story e decide in che ordine implementarle. Il feedback è ottenuto dal testing continuo eseguito sul codice: spesso i casi di test sono pensati prima dell implementazione del codice che viene quindi realizzato per rispondere al test definito. Il team, ricevendo i frequenti feedback del committente, può adattare i rilasci successivi in modo flessibile. XP riscuote molto successo nel mondo dello sviluppo e dell ingegneria del software, ma ha anche i suoi detrattori. Essi evidenziano alcuni fattori critici del metodo, sostenendo che XP funzioni solo con programmatori di alto profilo (programmatori senior), capaci di progettare applicazioni scalabili da subito o in grado di applicare un buon refactoring. Inoltre sostengono che il pair programming dimezzi il numero di task eseguibili in parallelo e individuano nel test driven development del lavoro aggiunto, in quanto costringe a scrive e mantenere altro codice. L estremismo di questo metodo non sempre è apprezzato, ma gli va riconosciuto il merito di evidenziare pratiche agili di successo, tra queste può valere la pena sperimentare in ambiente produttivo quelle che più si avvicinano alla filosofia aziendale. 15

19 3.1.2 SCRUM SCRUM è stato creato da Ken Schwaber, Jeff Sutherland e Mike Beedle. La parola SCRUM non è un acronimo, viene utilizzato cosi come si presenta dalle aziende per indicare l attuazione del processo stesso. Deriva probabilmente dai primi documenti pubblicati da Ken Schwaber che portavano nel titolo la parola in maiuscolo SCRUM. È un termine che deriva dal Rugby ed indica il pacchetto di mischia, dove ogni componente del team di sviluppo deve spingere nella stessa direzione, agendo come un entità coordinata. Di seguito in Fig. 4 viene mostrato il ciclo di vita del processo SCRUM relativo allo svolgimento di un Sprint Backlog. Fig. 4 Ciclo di vita del processo SCRUM Prima di descrivere il processo stesso, analizziamo le parti che lo compongono. SCRUM è composto da tre ruoli, tre cerimonie e tre artefatti. 16

20 I tre ruoli sono ricoperti da Product Owner, colui che commissiona, finanzia il progetto ed ha la responsabilità di definire le caratteristiche del prodotto e di decidere la data di rilascio ed il contenuto. Lo ScrumMaster deve garantire che il team di lavoro sia funzionale e produttivo, una stretta cooperazione in tutti i ruoli e le funzioni e che il processo sia eseguito in ogni sua cerimonia, inoltre deve schermare il team da interferenze esterne. L ultimo ruolo ma non meno importante è il team di sviluppo. Esso si occupa di selezionare e portare a termine l obiettivo di ogni Sprint, inoltre si organizza il proprio lavoro, mostrando i risultati ottenuti per mezzo di demo al Product Owner. La prima delle tre cerimonie è lo sprint planning meeting, un incontro della durata di circa quattro ore, in cui il Product Owner e il team di lavoro negoziano su quali caratteristiche devono essere implementate durante l iterazione (Sprint), basando questa decisione su quali caratteristiche con la massima priorità e un alto valore commerciale è possibile portare a termine in quel periodo. La seconda cerimonia è il daily scrum meeting, un incontro mattutino della durata di quindici minuti, in cui ogni componente del team di lavoro rende noto cosa ha fatto nella giornata precedente, cosa farà durante quella giornata e che problemi ha incontrato. La terza cerimonia è data dallo sprint review meeting, un incontro di quattro ore, in cui il team di lavoro presenta al Product Owner ciò che è stato implementato durante lo Sprint, inoltre viene deciso cosa implementare nello Sprint successivo, ristabilendo le priorità di ciascuna caratteristica. 17

21 I tre artefatti utilizzati in questo processo sono: il product backlog, che consiste in una lista di caratteristiche che definisco il prodotto finale. Lo sprint backlog, è la lista di caratteristiche che il team di lavoro deve implementare durante lo Sprint. La burndown chart, contiene il lavoro che non è stato svolto dal team durante lo Sprint. In una fase di pre-processo si effettua uno sprint planning meeting, tra il Product Owner e il team di lavoro, in cui viene definito il product backlog e lo sprint backlog. Dopo questa fase avviene il primo sprint della durata di quattro settimane, in cui quotidianamente avviene il daily scrum meeting, presidiato dallo ScrumMaster. Al termine di questo periodo si effettua lo sprint review meeting, in cui ciò che non è stato completato viene aggiunto alla burndown chart, mentre la parte di lavoro portata a termine viene presentata tramite una demo al Product Owner. 18

22 3.1.3 FEATURE DRIVEN DEVELOPMENT La feature driven development (FDD) è stata ideata da Jeff De Luca e Peter Coad. Questa metodologia agile basa la propria forma di sviluppo sulle funzionalità richieste dal programma. Per poter applicare FDD è necessario dividere il progetto in cinque fasi chiamate processi. Qui di seguito in Fig. 5 viene mostrato il ciclo di vita del processo FDD con le rispettive fasi Fig. 5 Ciclo di vita del processo FDD La prima fase riguarda lo sviluppo di un modello complessivo. Questa fase viene svolta da un team di modellatori, persone altamente qualificate della materia da trattare. Hanno il compito di sviluppare un modello complessivo del dominio del problema. Questo modello viene aggiornato iterativamente, sulla base dei risultati ottenuti dal quarto processo. La seconda fase consiste nella costruzione di una lista di funzionalità, dove il modello complessivo è suddiviso in aree più grandi. Ogni area ottenuta viene 19

23 a sua volta divisa in singole attività (funzionalità o features), organizzate successivamente in una lista con una struttura gerarchica. La terza fase è una pianificazione del processo di sviluppo sulla base delle funzionalità ottenute precedentemente, in cui vengono considerate le attività da svolgere e le relative priorità. Questo processo coinvolge il capo del progetto, il responsabile dello sviluppo e i capi programmatori. Nella quarta fase vengono elaborate le funzionalità. Lo svolgimento di questa parte è supervisionata dai capi programmatori, i quali identificano e coordinano i singoli programmatori per fargli sviluppare una singola funzionalità. Nella quinta fase vengono testate le funzionalità sviluppate al passo precedente utilizzando dei test di unità e successivamente revisionate dai capi programmatori. Una volta terminate queste due operazioni, il codice viene inserito nel repository del codice di progetto per poter essere condiviso da tutti gli sviluppatori e quindi pronto per il rilascio. 20

24 3.1.4 DYNAMIC SYSTEM DEVELOPMENT METHOD Il Dynamic System Development Method (DSDM) è stato sviluppato in Gran Bretagna ed ora divenuto uno standard europeo. L evoluzione del processo agile DSDM è gestito da un consorzio, che ne permette la distribuzione gratuita. Sviluppare un progetto con il processo DSDM, consiste nel dividere tale sviluppo in tre fasi: pre-project, ciclo di vita e post-project. Di seguito viene rappresentata in Fig. 6 la fase ciclo di vita. Fig. 6 Ciclo di vita del processo DSDM Il processo DSDM si compone di tre fasi sequenziali, dove nella fase di pre-project deve essere concretizzato il finanziamento al progetto e successivamente vengono individuati i candidati per portarlo a termine. Nella fase ciclo di vita, composta da cinque tappe, il progetto è realmente sviluppato. 21

25 La prima e la seconda tappa sono chiamate Studio, si dividono rispettivamente in uno studio di fattibilità, che consiste nel valutare se il processo DSDM è idoneo per poter realizzare il progetto analizzato e in uno studio businnes dove viene definito un elenco di requisiti con le rispettive priorità. La terza tappa chiamata modello funzionale d iterazione, consiste nello sviluppare un modello funzionale contenente le funzionalità ricavate dal elenco dei requisiti, accordarsi sugli orari d incontro, sviluppare un prototipo funzionale sulla base del modello e controllarne la correttezza. La quarta tappa denominata progettazione e costruzione d iterazione, è applicata per produrre una prima release funzionate da consegnare agli utenti finali per essere utilizzata come test. Nella tappa finale chiamata attuazione, vengono raccolti i feedback degli utenti, utilizzati come test, per proseguire con un successivo raffinamento del prodotto. Nella terza fase di post-progetto, viene effettuata una manutenzione del prodotto, effettuando una nuova iterazione della seconda fase. 22

26 4 APPLICAZIONE DI SCRUM A PROGETTI OSS In genere lo sviluppo di prodotti Software Open Source (OSS), non segue il tradizionale sviluppo software proveniente dai paradigmi descritti nei libri di testo dell ingegneria del software. In contrapposizione allo sviluppo OSS, vi sono i paradigmi di sviluppo classici, pensati e progettati per sviluppare Closed Source Software (CSS). L OSS ha ereditato caratteristiche che hanno reso questi paradigmi difficilmente conciliabili. Per esempio, OSS è spesso sviluppato da una comunità distribuita di sviluppatori ed è liberamente distribuito, come codice sorgente aperto e disponibile sia per gli sviluppatori che per gli utilizzatori finali, sotto specifiche licenze. Come stiamo descrivendo in questo lavoro di tesi, l analisi di alcune caratteristiche intrinseche dell OSS [13] da un lato confermano che i paradigmi rigidi di sviluppo, come ad esempio il modello Waterfall [14], non sono applicabili all OSS, mentre, da un altro lato sembra suggerire che i paradigmi Agili [15] possano aiutare gli sviluppatori OSS a migliorare la qualità dei loro prodotti. Questo è il risultato del fatto che i principi generali dietro il Manifesto Agile [1] sono riflessi nel modo in cui la maggior parte dei progetti OSS sono sviluppati e rilasciati agli utenti finali. Ciò che caratterizza molti progetti OSS è di non avere una visione commerciale a breve termine, questo implica che le attività di analisi del sistema e di progettazione, di solito non sono pre-programmate nello sviluppo OSS. Inoltre molti progetti OSS sono stati 23

27 avviati per risolvere il particolare problema di un utente, ma a volte finiscono innovando profondamente il campo del software (questo è il caso di Linux, Perl e Word Wide Web) anche se non hanno avuto una visione a lungo termine almeno alla loro nascita. La necessità di una profonda evoluzione della maggior parte dei progetti OSS è generalmente percepita dopo che sono stati utilizzati con successo da una vasta comunità di utenti. Il successo di un prodotto OSS è di solito imprevedibile. Esso è direttamente connesso al grado di attrattività e di utilità che il prodotto ha nella comunità degli utenti nel corso del tempo. È quindi molto difficile pianificare in anticipo le nuove versioni di un sistema, fatta eccezione per il breve termine. Queste osservazioni rispecchiano i primi due principi del Manifesto Agile: 1. Soddisfare il cliente attraverso la consegna rapida e continua di software di valore. 2. Consegnare frequentemente il software prodotto. Inoltre OSS è caratterizzato da un ambiente di lavoro non strutturato, dove la maggior parte degli sviluppatori OSS sono volontari, che, non si impegnano a rispettare tempi di consegna e ad avere assegnati dei compiti specifici. Nei progetti CSS, ai membri del team sono assegnati compiti specifici, mentre nei progetti OSS sono i membri del team che scelgono i propri compiti. A causa di queste libertà le attività che sono viste come fattori nocivi, quali la definizione del piano di progetto, la progettazione del sistema di valutazione e 24

28 l analisi dei requisiti, non possono essere eseguite seguendo paradigmi tradizionali nella comunità degli sviluppatori OSS. In molti contesti di sviluppo utilizzando processi Agili, i requisiti che non sono stati definiti in anticipo dagli analisti qualificati sono continuamente discussi dagli sviluppatori. I rischi vengono monitorati e gestiti nel corso del ciclo di vita del progetto, in modo naturale, come parte del normale sviluppo di lavoro. Queste caratteristiche dell OSS riflettono il principio Agile: Le architetture migliori, i requisiti e i disegni, emergono da gruppi auto-organizzati. L OSS è sviluppato in modo organizzativo e distribuito [8]. I sistemi OSS sono sviluppati in un ampio contesto di scala cooperativa, dove diverse squadre di utenti privati, nuclei di sviluppatori appassionati e comunità virtuali, creano la società non strutturata (ad esempio Rymond lo ha soprannominato il Bazaar ) contribuiscono allo sviluppo del progetto. Internet e il desktop, sono il ponteggio per queste organizzazioni virtuali di sviluppo del software, dove gli sviluppatori sono coordinati dalle politiche di licenza semplice, senza meccanismi di controllo gerarchico, altrettanto rigorosi nello sviluppo CSS. Di conseguenza gli sviluppatori OSS non seguono quasi mai metodologie di sviluppo, come ad esempio quelle definite e seguite dagli sviluppatori CSS. Inoltre lo sviluppo di progetti OSS è caratterizzato da una crescita più rapida [16] e più creativa rispetto allo sviluppo di progetti CSS [17], con l obbiettivo di soddisfare e rispondere più rapidamente alle esigenze degli utilizzatori. 25

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software 1 Ingegneria del software L istituzione e l impiego di principi ingegneristici fondati, allo scopo di ottenere

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Analisi di Software Open Source per Project Management con logia PHP Relazione di Tirocinio

Analisi di Software Open Source per Project Management con logia PHP Relazione di Tirocinio Analisi di Software Open Source per Project Management con logia PHP Relazione di Tirocinio Umberto Sartore - 578209 Relatore: Prof. Ennio Buro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci UNIVERSITA MILANO BICOCCA Corso di laurea di primo livello in servizio sociale anno accademico 2009-2010 Progettare il sociale Prof. Dario A. Colombo IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO Elementi essenziali di

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli