Ingegneria del Software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ingegneria del Software"

Transcript

1 UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Ingegneria del Software Prof. Giacomo Bucci ( ) Ciclo di Vita Ciclo a Cascata e a V Modelli agili Standard e Normativa PROVVISORIO

2 Il ciclo di vita Da ANSI / IEEE Std Il ciclo di vita è il periodo di tempo che: inizia quando un prodotto software viene concepito termina quando il prodotto software non viene più usato Costituisce il contesto organizzativo per lo sviluppo di un progetto Detto anche processo software Ciclo di vita G. Bucci 2

3 Il ciclo di vita (processo software) Organizzato in fasi. Grossolanamente: sviluppo e uso La fase di uso è molto più lunga della fase di progetto e sviluppo durante la fase d uso è normale apportare modifiche Inizio Rilascio Abbandono Sviluppo Leggenda metropolitana: Uso Il costo della fase di uso (costo maintenance) è il 70% del totale Ciclo di vita G. Bucci 3

4 Ciclo di vita Due classi estreme di modelli del ciclo Modelli Prescrittivi fasi ben codificate in successione organizzazione e metodi Esempio: modello cascata Modelli Agili privilegiano l adattabilità riducono la burocrazia Esempio: Extreme programming Code & Fix : Non è niente!!! Ciclo di vita G. Bucci 4

5 Ciclo di vita Serve un modello che possa essere: controllato diviso in fasi che consenta di identificare i semilavorati lungo il processo di produzione che permetta di identificare milestones etc. Ciclo di vita G. Bucci 5

6 Schema preliminare Requisiti Analisi Spec. Requisiti Spazio del problema Progettazione Spec. Progetto Realizzazione Spazio della soluzione Codice corretto Ciclo di vita G. Bucci 6

7 Modello del ciclo di vita a Cascata W. W. Royce, Winston W., Managing the Development of Large Software Systems, IEEE 1970 Ciclo di vita G. Bucci 7

8 Modello a cascata Capostipite di tutti i modelli di ciclo di vita risente dell epoca in cui è stato formulato albori dell industria del software macchine/strumenti scadenti E un po il modello industria pesante o piano quinquennale Ciclo di vita G. Bucci 8

9 Modello a Cascata: Fasi e deliverables (i principali) Studio di Fattibilità Analisi Più una caterva di altri documenti SRS Progetto Elementi di disturbo Codifica Test unit DS Integraz Test sist. Codice e risultati test Manutenz Ciclo di vita G. Bucci 9

10 Fasi Ogni fase ha un obiettivo definito; si basa sui risultati della fase precedente Le fasi corrispondono ad attività che transformano i loro ingressi in uscite; presuppongono la verifica ai milestones Ciclo di vita G. Bucci 10

11 Milestone E un evento predefinito che serve a misurare il progredire dello sviluppo Un milestone prevede normalmente: la consegna di prodotti (intermedi) - detti deliverable un esame (review) formale (l emissione di un documento) Ciclo di vita G. Bucci 11

12 Analisi/specifica dei requisiti L analisi è lo studio di un problema prima di intraprendere qualsiasi azione (*) L analisi è lo studio del dominio di un problema, che porta alla specifica di un comportamento esternamente osservabile, a una descrizione coerente e fattibile di ciò che occorre realizzare De Marco Structured Analysis and System Specification", Yourdon Press, Ciclo di vita G. Bucci 12

13 Analisi Analisi SRS Il principale deliverable prodotto è l SRS Fornisce una base di confronto e di accordo contrattuale con il committente Dovrebbe produrre anche il Manuale Utente e il Piano di test del sistema Il manuale utente dice meglio di qualunque altra cosa come si comporterà il sistema Il piano di test dice come verranno condotti i test del sistema Grande approfondimento Ciclo di vita G. Bucci 13

14 Progettazione SRS Progetto DS La Specifica di Progetto (DS) contiene l architettura del software: Scomposizione del sistema in sottosistemi Identificazione dei moduli e delle relazioni tra i moduli (struttura del sistema secondo una conveniente rappresentazione) Interfacce Convenzioni di chiamata... Ciclo di vita G. Bucci 14

15 Realizzazione C&T DS Codice e risultati test Codifica I singoli moduli vengono sviluppati in base alla specifica di progetto, nel linguaggio di programmazione scelto Test individuali I singoli moduli vengono provati per conto proprio Ciclo di vita G. Bucci 15

16 Integrazione Il fatto che i singoli moduli siano individualmente testati non è sufficiente a garantire il corretto funzionamento del sistema Spesso si scoprono incongruenze progettuali Normalmente è la fase più dolente Si parla di alfa test, beta test, COLLAUDO Ciclo di vita G. Bucci 16

17 Manutenzione I costi per la manutenzione sono di norma superiori ai costi di sviluppo Si parla di un 70% del costo totale (sviluppo più manutenzione) Correttiva (eliminazione errori) Adattativa (alle condizioni esterne) Perfettiva (nuove funzionalità, eliminazione di funzionalità inutili) di norma oltre il 50% della manutenzione Sui costi di manutenzione hanno grande incidenza: la modalità di progetto e sviluppo la qualità della documentazione Ciclo di vita G. Bucci 17

18 Documentazione Documentazione tecnica interna motivazioni per le assunzioni fatte e le decisioni prese in ogni fase risultati dei test Documentazione tecnica esterna struttura del sistema istruzioni per l installazione guida alla soluzione dei problemi... Documentazione per l utente finale Manuale utente prontuario (quick reference) guided tour... Ciclo di vita G. Bucci 18

19 Costi modifiche (tradizionale) Dati sperimentali indicavano che il costo dei cambiamenti cresceva esponenzialmente nel tempo Ciclo di vita G. Bucci 19

20 Se i costi crescono esponenzialmente: Bisogna pianificare bene le attività del progetto Scoprire un errore subito fa salvare denaro Modificare il modello è meglio che modificare il codice =>Investire sulle fasi di analisi =>BDUF (big design up-front) E proprio così? Ciclo di vita G. Bucci 20

21 Il modello a cascata Presume che sia possibile definire esattamente quali sono i requisiti del sistema Presume che i requisiti siano stabili Ma i requisiti non sono stabili E la traduzione dei processi manifatturieri: La Fiat deve pianificare esattamente la catena di montaggio. Il SW può essere cambiato sempre Ciclo di vita G. Bucci 21

22 Problemi del ciclo a cascata Tende a spostare in avanti le verifiche: Ci si può accorgere troppo tardi di errate concezioni o di errori Produce disallineamento tra ciò che viene fatto e ciò che era desiderato Il prodotto risultante finisce per soddisfare le esigenze degli sviluppatori, anziché quelle dei committenti. Ciclo di vita G. Bucci 22

23 Cosa ci si aspetta Dall uso di strumenti, tecniche e metodi attuali Ciclo di vita G. Bucci 23

24 Perché investire tanto nella fase iniziale quando non si sa bene dove si va a cascare? Perché investire su cose che possono rivelarsi del tutto inutili?...il tempo dirà al momento opportuno cosa fare e cosa non fare Ciclo di vita G. Bucci 24

25 Inoltre Il modello a cascata Tende a irreggimentare Non si adatta allo spirito del programmatore (un progettista/inventore piuttosto che un produttore) E burocratico impone la produzione di una quantità di semilavorati che disturba il programmatore Occorrono modelli meno rigidi Ciclo di vita G. Bucci 25

26 Prototipazione Un modo per ridurre i problemi Prototipo: una realizzazione parziale di un sistema, costruita allo scopo di permettere a committenti, utenti e sviluppatori una miglior conoscenza del problema e delle sue soluzioni Usa e getta Prototipo evolutivo Ciclo di vita G. Bucci 26

27 Prototipazione L uso di prototipi aiuta nella scrittura di SRS Il committente preferisce vedere un prototipo piuttosto che un documento scritto Il prototipo mette in evidenza aspetti non previsti Alcuni requisiti (p.e., i formati delle videate) possono essere estratti direttamente dal prototipo e portati in SRS Il processo deve essere ordinato: successivi rilasci di SRS e relativi prototipi, fino ad arrivare a SRS definitivo. Ciclo di vita G. Bucci 27

28 Evoluzione tecnologica Nel processo software: dal metodo a cascata ai metodi agili Ciclo di vita G. Bucci 28

29 Modello iterativo-evolutivo Successivi ampliamenti e rifiniture attraverso iterazioni multiple (feedback) Il sistema cresce incrementalmente Ciclo di vita G. Bucci 29

30 UP Unified Process Modello proposto da chi ha definito UML E iterativo e incrementale Ogni iterazione è fatta di: Requisiti, analisi, progettazione, implementazione, test E pilotato dai casi d uso (requisiti) Ciclo di vita G. Bucci 30

31 RUP This diagram is Copyright IBM. Ciclo di vita G. Bucci 31

32 UP Sostanzialmente ci riferiremo ad esso W. Zuser, S. Biffl, T. Grechenig, M. Kohle,, Ingegneria del software con UML e Unified process, McGraw-Hill, 2004 Ciclo di vita G. Bucci 32

33 Modelli leggeri/agili Nati in opposizione (estrema) ai metodi tradizionali I metodi tradizionali sono inadeguati specialmente quando: i requisiti sono incerti o variabili si richiede una rapida risposta ai cambiamenti di mercato Ciclo di vita G. Bucci 33

34 Modelli leggeri/agili Ogni applicazione pone problemi diversi E irrealistico definire un processo universalmente valido, senza cadere nei generici richiami al buon senso Occorre adattare il processo alle specifiche esigenze del caso Le tecnologie moderne aiutano Ciclo di vita G. Bucci 34

35 Modelli leggeri/agili Il lavoro aggiuntivo per i semilavorati intermedi risulta in una burocrazia inutile, che influisce in maniera negativa su flessibilità e efficienza. ridurre il lavoro di supporto, convogliando il massimo dello sforzo sulla mera produzione dell applicazione Ciclo di vita G. Bucci 35

36 Manifesto (2001) Privilegiare gli individui e le loro interazioni rispetto a processi e strumenti la disponibilità di sw funzionante rispetto a un ampia documentazione la collaborazione col cliente rispetto alla negoziazione dei contratti la pronta risposta ai cambiamenti rispetto all esecuzione di un piano Ciclo di vita G. Bucci 36

37 ..ovvero Dettagliate specifiche formali, approfondite analisi e puntigliosa documentazione sono considerate attività troppo costose rispetto ai benefici apportati limitano la flessibilità del processo che deve poter modificare i propri obiettivi in ogni momento. Ciclo di vita G. Bucci 37

38 XP extreme Programming (l agile estremo) Ciclo di vita G. Bucci 38

39 What is XP? XP is a lightweight methodology for small to medium sized teams developing software in the face of vague or rapidly changing requirements. -- Kent Beck. XP is: Humane. Honest. Productive. Professional. Fun. Ciclo di vita G. Bucci 39

40 What is XP? XP is a discipline of software development. There are certain things you must do. You must write tests before code. You must program in pairs. You must integrate frequently. You must be rested. You must communicate with the customer daily. You must follow the customer s priorities. You must leave the software clean and simple by the end of the day. You must adapt the process and practices to your environment. Ciclo di vita G. Bucci 40

41 extreme Programming Evita la produzione di semilavorati diversi da quelli necessari alla realizzazione delle applicazioni Mira a fornire meccanismi che, in corso d opera, danno agli sviluppatori la consapevolezza che ciò che stanno costruendo soddisferà pienamente le esigenze del committente/utente Ciclo di vita G. Bucci 41

42 Attività Quattro attività fondamentali che si ripetono per tutto il progetto: scrittura del codice dell applicazione (coding); verifica delle funzionalità (testing); osservazione dell ambiente inteso come desideri del committente, opportunità tecnologiche, sviluppi di mercato (listening); progetto dell applicazione (design). Ciclo di vita G. Bucci 42

43 Criteri I programmatori sono responsabili non solo della codifica dell applicazione, ma anche della sua verifica L enfasi è sulla verifica: Prima di scrivere le istruzioni pensare a come si testano nessuna istruzione dovrebbe essere considerata veramente parte dell applicazione finché non ne sia stato verificato l effetto secondo le attese Ciclo di vita G. Bucci 43

44 What makes XP familiar? XP matches the behavior of successful programmers in the wild. Tests. Refactoring. Evolutionary delivery. Incremental planning. Low overhead. Ciclo di vita G. Bucci 44

45 Processo La costruzione dell applicazione procede in maniera iterativa cogliendo le reazioni dei committenti e riprogettando, in maniera adeguata, le sue funzionalità e i meccanismi adottati per ottenerle Ciclo di vita G. Bucci 45

46 Extreme programming Pianificazione attività (planning the game) Brevi Iterazioni, Rilasci frequenti (Short releases) Progetti semplici (simple design) Integrazione continua (continous integration) Ristrutturazione del codice (refactoring) Verifica di ogni funzionalità (testing) Programmazione a coppie (pair programming) Proprietà collettiva del codice (collective ownership) Partecipazione del committente (onsite costumer) Uso di standard di codifica (coding standards) Rinuncia la lavoro straordinaro (40 h/w) Ciclo di vita G. Bucci 46

47 Costi con XP (pretesi) Sarà vero? Difficile! Ciclo di vita G. Bucci 47

48 Vantaggi XP Coinvolgimento del cliente Attività più gratificante per il programmatore Riduzione dei costi Maggior adeguamento al cambiamento in corso d opera Ciclo di vita G. Bucci 48

49 Problemi XP C è il rischio di cadere nel CODE & FIX Contrario a ogni pratica ingegneristica Conta troppo sulla qualità delle persone Chi fa software non sempre è un genio!!! Hacker XP Cascata Agili Adattativi Pianificati Pescrittivi Ciclo di vita G. Bucci 49

50 Lavoro individuale Approfondire il modello XP andare al sito dell XP Visitare il sito Ciclo di vita G. Bucci 50

51 Bibliografia W. Zuser e altri, Ingegneria del software con UML e Unified process, McGraw-Hill, 2004 Kent Beck Extreme Programming Explained: Embrace Change, Addison-Wesley (1999) B. Boehm, Get Ready with Agile methods, with Care, IEEE Computer Genn. 2002, pp Ciclo di vita G. Bucci 51

52 Quando la sicurezza è il requisito principale Sostanzialmente viene seguito il criterio del metodo a cascata: analisi e progettazione accurate sin dall inizio. Analisi dei requisiti, analisi del rischio, tracciabilità dei requisiti, pianificazione, assicurazione della qualità, versionamento,.. Ciclo di vita G. Bucci 52

53 Sicurezza Al termine sicurezza corrispondono due termini inglesi: safety e security Safety: the condition of being safe; freedom from danger, risk, or injury Security: something that gives or assures safety Si parla spesso di safety integrity level per indicare la misura della garanzia che un sistema dà di essere libero da determinati pericoli. Ciclo di vita G. Bucci 53

54 Dove e come Sistemi embedded, sistemi medicali, controllo del traffico aereo, ecc.. Devono garantire affidabilità, sicurezza, qualità, Di norma il processo software è strutturato come un modello a V (un adeguamento del modello a cascata) Normative e standard (di prodotto e di processo) per i vari settori (ferrovie, avionica,..) Ciclo di vita G. Bucci 54

55 Modello a V (in generale) Originally issued as a standard of the German Federal Administration The V-Modell is a process model for planning and executing Projects. The V-Modell improves project transparency, project management and the probability of success by defining concrete practices with associated results and responsible Roles Describes the development process from a functional point of view, defining a set of activities and products (results) that have to be produced. Publicly available It has been adopted by many companies and tailored to a variety of specific application contexts Ciclo di vita G. Bucci 55

56 Modello a V (in generale) Ciclo di vita G. Bucci 56

57 Produzione di sistemi HW/SW Ciclo di vita G. Bucci 57

58 Ciclo di vita G. Bucci 58

59 defines User Requirements, specifying both functional requirements and non-functional requirements. Ciclo di vita G. Bucci 59

60 identifies main system units and allocates User Requirements to each of them. Ciclo di vita G. Bucci 60

61 examines both software and hardware resources of each unit, decomposing them into software and hardware components that, according to the notation of Software Configuration Management, are referred to as Computer Software Configuration Items (CSCIs) and Hardware Configuration Items (HCIs). Ciclo di vita G. Bucci 61

62 V Model In software context Aimed at regulating the processes of system development, maintenance and modification in the software life cycle. Mentioned within a variety of process quality standards such as RTCA/DO-178B and CENELEC Ciclo di vita G. Bucci 62

63 Modello a V (solo SW) Ciclo di vita G. Bucci 63

64 Associaz. standardizzazione ISO (International Standard Organization) CEN/CENELEC (Comité européen de normalisation / Comité européen de normalisation en électronique et en électrotechnique) ECMA (European Computer Manufacturers Association) ANSI (American National Standards Institute) NIST (National Institute of Standards and Technology) IEEE UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) DOD, FDA..e molte altre Ciclo di vita G. Bucci 64

65 Ciclo di vita G. Bucci 65

66 Cosa contiene uno standard Scopo del documento EN 50128: This Standard concentrates on the methods which need to be used in order to provide software which meets the demands for safety integrity which are placed upon it by Definizione dei termini Identificazione degli attori Ciclo di vita Elencazione della documentazione richiesta Raccomandazioni Ciclo di vita G. Bucci 66

67 ESEMPIO: Normative CEI EN 50128, EN La Normativa specifica le procedure ed i requisiti tecnici per lo sviluppo del software nelle applicazioni ferroviarie EN Railway applications - Communication, signalling and processing systems - Safety related electronic systems for signalling Ciclo di vita G. Bucci 67

68 Fail-Safe I sistemi elettronici per il segnalamento ferroviario sono critici per la sicurezza. Devono conformarsi a criteri per il raggiungimento di Safety Requirements. Ovvero devono rispondere a seconda delle funzioni svolte a determinati SIL (Safety Integrity Level) software safety integrity level: A classification number which determines the techniques and measures that have to be applied in order to reduce residual software faults to an appropriate level 5 livelli : da 0 a 4 (zero praticamente nessun provvedimento) Ciclo di vita G. Bucci 68

69 EN Le normative europee CEI EN e forniscono dettagli circa i criteri da applicare per i processi di: Formazione del personale; Gestione della sicurezza; Gestione della qualità; Specifica dei requisiti del sistema; Definizione dell architettura del sistema; Definizione delle caratteristiche progettuali; Progettazione; Valutazione degli effetti dei guasti; Verifica e validazione Ciclo di vita G. Bucci 69

70 Modello a V di EN50128 Ciclo di vita G. Bucci 70

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Ingegneria del Software AA 2005-2006 Introduzione Prof. Giacomo Bucci Contenuto del corso Problematiche relative all analisi, la progettazione, la produzione

Dettagli

Specifica dei requisiti

Specifica dei requisiti Specifica dei requisiti Contenuto: Cosa sono i requisiti Specifica col metodo classico Standard IEEE 830-1998 Cenni su altri standard 1 Cosa sono i requisiti Con la parola requisito si intende una caratteristica

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Ingegneria del Software Prof. Giacomo Bucci (aa 2011-2012) 1 Introduzione PROVVISORIO Contenuto Cos è il SW Prodotto/processo Legislazione Categorie/tipi di

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Agile Origini dello Sviluppo Agile Proposta di un gruppo di sviluppatori che rilevava una serie di criticità degli approcci convenzionali: Troppa rigidità dei

Dettagli

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A4_3 V1.1 Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Introduzione all Ingegneria del Software

Introduzione all Ingegneria del Software Introduzione all Ingegneria del Software Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Dicembre 2013 Introduzione all Ingegneria del Software Ingegneria del Software Modelli di Sviluppo del Software

Dettagli

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al.

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello Code and fix Processo parte III Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello iniziale Iterazione di due passi scrittura del codice correzione degli errori Problemi: dopo una serie di cambiamenti, la

Dettagli

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Software Embedded Integration Testing Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Chi siamo Skytechnology è una società di ingegneria che opera nell area dei sistemi embedded aiutando i propri Clienti

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI OBIETTIVI 1. Descrivere approcci e attività tipiche per pianificare e impostare il progetto di un S.I. 2. Identificare problemi chiave 3. Illustrare alcuni

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

introduzione al corso di ingegneria del software

introduzione al corso di ingegneria del software introduzione al corso di ingegneria del software a.a. 2003-2004 contatti con i docenti Maurizio Pizzonia pizzonia@dia.uniroma3.it orario ricevimento: mercoledì 17:30 (presentarsi entro le 18:00) Valter

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Il punto di vista dell OEM sulla norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale dei veicoli: la sfida dell integrazione nei processi aziendali Marco Bellotti Functional Safety Manager Contenuti

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it Modelli di Processo Il Modello del Processo Il modello del processo stabilisce i principi di base su cui si fonda lo sviluppo del software (e a cui è dovuto il successo o l insuccesso) Non esiste un unico

Dettagli

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 Skytechnology srl Skytechnology è una società di ingegneria,

Dettagli

Manutenzione del software

Manutenzione del software del software Generalità Leggi dell evoluzione del software Classi di manutenzione Legacy systems Modelli di processo per la manutenzione 1 Generalità La manutenzione del software è il processo di modifica

Dettagli

CORSO I.F.T.S. "TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE. Matricola 2014LA0033 DISPENSE DIDATTICHE MODULO DI PROGETTAZIONE SOFTWARE

CORSO I.F.T.S. TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE. Matricola 2014LA0033 DISPENSE DIDATTICHE MODULO DI PROGETTAZIONE SOFTWARE CORSO I.F.T.S. "TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE Matricola 2014LA0033 DISPENSE DIDATTICHE MODULO DI PROGETTAZIONE SOFTWARE Dott. Imad Zaza Lezione del 07/07/2014 Page 1 Prologo Page

Dettagli

Progetto di Informatica III

Progetto di Informatica III Progetto di Informatica III Sviluppo Agile (Agile Software Development) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Metodologia agile Agile Manifesto Che cos è l agilità

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Modelli di produzione del software

Corso di Ingegneria del Software. Modelli di produzione del software Corso di Ingegneria del Software a.a. 2009/2010 Mario Vacca mario.vacca1@istruzione.it 1. Concetti di base Sommario 2. Modelli del ciclo vita del software 2.1 Modello a cascata 2.2 Modelli incrementali

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita Processi software Anno accademico 2009/10 Ingegneria del mod. A Tullio Vardanega, tullio.vardanega@math.unipd.it SCD IS Definizioni Ciclo di vita Copre l evoluzione di un prodotto dal concepimento al ritiro

Dettagli

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti Sviluppo Agile [Cockburn 2002] Extreme Programming (XP) [Beck 2000] Sono più importanti auto-organizzazione, collaborazione, comunicazione tra membri del team e adattabilità del prodotto rispetto ad ordine

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A1_1 V2.2 Ingegneria del Software Il contesto industriale del software Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Il metodo extreme Programming in sintesi

Il metodo extreme Programming in sintesi extreme Programming Approach Il metodo extreme Programming in sintesi Piergiuliano Bossi Coach Marina Morgagni Engagement Manager Quinary SpA Copyright 2001-2004 Quinary SpA Tutti i diritti sono riservati.

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

La nuova ISO 9001 e le aziende di sviluppo software

La nuova ISO 9001 e le aziende di sviluppo software La nuova ISO 9001 e le aziende di sviluppo software Giovanni A. Cignoni, Dip. di Informatica, Univ. di Pisa Davide Morano, SIAS - Gruppo KataWeb Ottobre 2000 Sommario L impostazione della nuova ISO 9001,

Dettagli

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro

Processi di Sviluppo Software Introduzione. Giuseppe Calavaro Processi di Sviluppo Software Introduzione Giuseppe Calavaro Processi di sviluppo software - Agenda Differenza tra Programmazione e Progettazione SW I Processi di Sviluppo Software Waterfall Spirale RUP

Dettagli

extreme Programming in un curriculum universitario

extreme Programming in un curriculum universitario extreme Programming in un curriculum universitario Lars Bendix Department of Computer Science Lund Institute of Technology Sweden Università di Bologna, 18 giugno, 2002 Extreme Programming On-site customer

Dettagli

Il controllo di qualità nei progetti informatici

Il controllo di qualità nei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Il controllo di qualità nei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Qualità

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

1. L Ingegneria del Software

1. L Ingegneria del Software 1. L Ingegneria del Software Obiettivi della lezione: Definire cosa si intende per Ingegneria del Software Discutere i concetti di prodotto software e di processo software Spiegare il concetto di visibilità

Dettagli

Agile. mercoledì, 1 luglio 2015, 3:05 p. Prof. Tramontano docente Federico II ingegneria del software. Sviluppo Agile: metaprocesso

Agile. mercoledì, 1 luglio 2015, 3:05 p. Prof. Tramontano docente Federico II ingegneria del software. Sviluppo Agile: metaprocesso Agile mercoledì, 1 luglio 2015, 3:05 p. Prof. Tramontano docente Federico II ingegneria del software Sviluppo Agile: metaprocesso Molti progetti software falliscono Sì parte dagli anni 2000 Millennium

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 2. Ciclo di Vita e Processi di

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

SOLUZIONI PER IL FUTURO

SOLUZIONI PER IL FUTURO SOLUZIONI PER IL FUTURO Alta tecnologia al vostro servizio Alta affidabilità e Sicurezza Sede legale e operativa: Via Bologna, 9 04012 CISTERNA DI LATINA Tel. 06/96871088 Fax 06/96884109 www.mariniimpianti.it

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

Progettazione dei sistemi informatici

Progettazione dei sistemi informatici Progettazione dei sistemi informatici Gestione dei progetti CARLO BELLETTINI Carlo.Bellettini@unmi.it Agile! Bertrand Meyer In realtà non è solo un libro su Agile analizza in maniera critica molti concetti

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del software A. A. 2004-2005. Marina Mongiello

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del software A. A. 2004-2005. Marina Mongiello Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del A. A. 2004-2005 1 La progettazione È applicata indipendentemente dal modello di processo utilizzato. Parte dal punto in cui sono

Dettagli

Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione. Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1

Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione. Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1 Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1 Riferimenti bibliografici I. Sommerville Ingegneria del Software 8a edizione Cap.1 R.

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software Sviluppo Agile I processi (di sviluppo) del software bisogni nuovi o modificati Processo software Prodotto software nuovo o modificato Un processo software descrive quali sono le attività che concorrono

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Automation Software Developement

Automation Software Developement A scientist builds in order to learn; an engineer learns in order to build. FRED BROOKS Automation Software Developement 12 giugno 2008 Un caso: il presvolgitore Sa Mp d Ms Il modello Sa d Livello attuale

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

Dall analisi dei requisiti alla specifica della soluzione

Dall analisi dei requisiti alla specifica della soluzione Dall analisi dei requisiti alla specifica della soluzione G.Raiss - 4 maggio 2001 1 IL processo di produzione del sw Passando da un approccio artigianale ad uno industriale nello sviluppo del software,

Dettagli

I lucidi messi a disposizione sul sito del corso di Analisi e progettazione del software NON sostituiscono il libro di testo

I lucidi messi a disposizione sul sito del corso di Analisi e progettazione del software NON sostituiscono il libro di testo Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Sviluppo iterativo, evolutivo e agile Capitolo 2 marzo 2015 Lo sviluppo iterativo dovrebbe essere utilizzato solo per i progetti che si desidera che vadano

Dettagli

Organizzazione della lezione. Extreme Programming (XP) Lezione 19 Extreme Programming e JUnit. JUnit. JUnit. Test-Driven Development

Organizzazione della lezione. Extreme Programming (XP) Lezione 19 Extreme Programming e JUnit. JUnit. JUnit. Test-Driven Development Organizzazione della lezione Lezione 19 Extreme Programming e JUnit Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita (2003-2004) Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno

Dettagli

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica. Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.it Agile Group Agile Group, gruppo di ricerca su Ingegneria del SW,

Dettagli

Metodologie di progettazione

Metodologie di progettazione Metodologie di progettazione 1 Metodologie di progettazione Una procedura per progettare un sistema Il flusso di progettazione può essere parzialmente o totalmente automatizzato. Un insieme di tool possono

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali Università degli studi dell Aquila Sistemi informativi aziendali 6 C.F.U. 9 C.F.U. Ing. Gaetanino Paolone (gaetanino.paolone@univaq.it) Prof. Dr. Luciano Fratocchi (luciano.fratocchi@univaq.it) Contenuti

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione 1 AGENDA Criticità del software nel settore aerospaziale Standard di riferimento esistenti e loro similitudini/differenze (panoramica

Dettagli

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 13. Ciclo di Vita e Processi

Dettagli

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Relatore Ercole Colonese Roma, 29 novembre 2010 Organizzazione del test Temi trattati nel libro Il gruppo di test Competenze e specializzazione

Dettagli

Dispositivi Medici Direttive

Dispositivi Medici Direttive Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Medica Dispositivi Medici Direttive La Comunità Europea (CE) Secondo gli accordi comunitari il Parlamento

Dettagli

Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario. Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM

Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario. Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM Le linee Guida nel panorama della standardizzazione Europea e Internazionale Ing. Gianosvaldo

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V2.1 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Extreme programming e metodologie agili

Extreme programming e metodologie agili Extreme programming e metodologie agili Università degli Studi di Brescia, 8 Giugno 2007 Ing. Daniele Armanasco daniele@armanasco.it Ing. Emanuele DelBono emanuele@codiceplastico.com Enti organizzatori

Dettagli

SMICC. 1) di valutare per importanza i progetti di adeguamento (approccio basato sul rischio)

SMICC. 1) di valutare per importanza i progetti di adeguamento (approccio basato sul rischio) SMICC INTRODUZIONE Le normative applicabili all interno delle Organizzazioni crescono in numero e complessità di giorno in giorno: per evitare che questa situazione crei strutture sempre più difficili

Dettagli

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata tools metodi processi Focus sulla qualità Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata (2) Qualità Elemento

Dettagli

Mappa degli standard

Mappa degli standard Mappa degli standard (Parte 1) Domenico Natale 1 Sommario 1. Mappa degli standard Enti di standardizzazione Standard & Health per tipologia d uso 2. Requisiti di qualità per la certificazione del software

Dettagli

Verifica del codice con Interpretazione Astratta

Verifica del codice con Interpretazione Astratta Verifica del codice con Interpretazione Astratta Daniele Grasso grasso@dsi.unifi.it grasso.dan@gmail.com Università di Firenze, D.S.I., Firenze, Italy December 15, 2009 D.Grasso (Università di Firenze)

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

Corrado Aaron Visaggio visaggio@unisannio.it, Research Centre on Software Technology - RCOST University of Sannio Benevento, Italy

Corrado Aaron Visaggio visaggio@unisannio.it, Research Centre on Software Technology - RCOST University of Sannio Benevento, Italy Test Driven Development in action Corrado Aaron Visaggio visaggio@unisannio.it, Research Centre on Software Technology - RCOST University of Sannio Benevento, Italy Corrado Aaron Visaggio 1 Agile Manifesto

Dettagli

Architettura del software: una introduzione

Architettura del software: una introduzione Architettura del software: una introduzione Andrea Saltarello Software Architect @ Managed Designs S.r.l. andrea.saltarello@manageddesigns.it http://blogs.ugidotnet.org/pape http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/

Dettagli

Il Processo Software

Il Processo Software Il Processo Software 29-03-2012 Prodotto Software Prodotto di qualità Tempi e costi determinati Processo Software Attività portanti Famiglia di compiti Attività ausiliari Quadro di riferimento Processo

Dettagli

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software T 2. Analisi orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001

Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001 Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001 Cesare Gallotti Milano, 14 marzo 2011 Agenda Presentazione

Dettagli

Collaudo e qualità del software Quali test eseguire

Collaudo e qualità del software Quali test eseguire Collaudo e qualità del software Relatore Ercole Colonese Roma, Tipologie di test Temi trattati nel libro Modello a V Livelli di testing Tipi di test Test funzionali Test delle funzionalità Test di gestione

Dettagli

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto)

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it 1 Il processo di

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2.

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2. Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento.

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

LINEA PROJECT MANAGEMENT

LINEA PROJECT MANAGEMENT LINEA PROJECT MANAGEMENT ITIL FOUNDATION V3 46.10.3 3 giorni Il corso, nell ambito della Gestione dei Servizi IT, mira a: 1. Comprendere Struttura e Processi di ITIL V3 - Information Technology Infrastructure

Dettagli

La progettazione del software nelle piccole o micro imprese

La progettazione del software nelle piccole o micro imprese La progettazione del software nelle piccole o micro imprese Il contenuto di questo documento è strettamente confidenziale, la visione dello stesso è consentita solo al personale di FadeOut Snc e della

Dettagli

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

* Che cos è un processo software

* Che cos è un processo software Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Sviluppo iterativo, evolutivo e agile Capitolo 2 marzo 2013 Lo sviluppo iterativo dovrebbe essere utilizzato solo per i progetti che si desidera che vadano

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli