Ingegneria del Software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ingegneria del Software"

Transcript

1 UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Ingegneria del Software Prof. Giacomo Bucci ( ) Ciclo di Vita Ciclo a Cascata e a V Modelli agili Standard e Normativa PROVVISORIO

2 Il ciclo di vita Da ANSI / IEEE Std Il ciclo di vita è il periodo di tempo che: inizia quando un prodotto software viene concepito termina quando il prodotto software non viene più usato Costituisce il contesto organizzativo per lo sviluppo di un progetto Detto anche processo software Ciclo di vita G. Bucci 2

3 Il ciclo di vita (processo software) Organizzato in fasi. Grossolanamente: sviluppo e uso La fase di uso è molto più lunga della fase di progetto e sviluppo durante la fase d uso è normale apportare modifiche Inizio Rilascio Abbandono Sviluppo Leggenda metropolitana: Uso Il costo della fase di uso (costo maintenance) è il 70% del totale Ciclo di vita G. Bucci 3

4 Ciclo di vita Due classi estreme di modelli del ciclo Modelli Prescrittivi fasi ben codificate in successione organizzazione e metodi Esempio: modello cascata Modelli Agili privilegiano l adattabilità riducono la burocrazia Esempio: Extreme programming Code & Fix : Non è niente!!! Ciclo di vita G. Bucci 4

5 Ciclo di vita Serve un modello che possa essere: controllato diviso in fasi che consenta di identificare i semilavorati lungo il processo di produzione che permetta di identificare milestones etc. Ciclo di vita G. Bucci 5

6 Schema preliminare Requisiti Analisi Spec. Requisiti Spazio del problema Progettazione Spec. Progetto Realizzazione Spazio della soluzione Codice corretto Ciclo di vita G. Bucci 6

7 Modello del ciclo di vita a Cascata W. W. Royce, Winston W., Managing the Development of Large Software Systems, IEEE 1970 Ciclo di vita G. Bucci 7

8 Modello a cascata Capostipite di tutti i modelli di ciclo di vita risente dell epoca in cui è stato formulato albori dell industria del software macchine/strumenti scadenti E un po il modello industria pesante o piano quinquennale Ciclo di vita G. Bucci 8

9 Modello a Cascata: Fasi e deliverables (i principali) Studio di Fattibilità Analisi Più una caterva di altri documenti SRS Progetto Elementi di disturbo Codifica Test unit DS Integraz Test sist. Codice e risultati test Manutenz Ciclo di vita G. Bucci 9

10 Fasi Ogni fase ha un obiettivo definito; si basa sui risultati della fase precedente Le fasi corrispondono ad attività che transformano i loro ingressi in uscite; presuppongono la verifica ai milestones Ciclo di vita G. Bucci 10

11 Milestone E un evento predefinito che serve a misurare il progredire dello sviluppo Un milestone prevede normalmente: la consegna di prodotti (intermedi) - detti deliverable un esame (review) formale (l emissione di un documento) Ciclo di vita G. Bucci 11

12 Analisi/specifica dei requisiti L analisi è lo studio di un problema prima di intraprendere qualsiasi azione (*) L analisi è lo studio del dominio di un problema, che porta alla specifica di un comportamento esternamente osservabile, a una descrizione coerente e fattibile di ciò che occorre realizzare De Marco Structured Analysis and System Specification", Yourdon Press, Ciclo di vita G. Bucci 12

13 Analisi Analisi SRS Il principale deliverable prodotto è l SRS Fornisce una base di confronto e di accordo contrattuale con il committente Dovrebbe produrre anche il Manuale Utente e il Piano di test del sistema Il manuale utente dice meglio di qualunque altra cosa come si comporterà il sistema Il piano di test dice come verranno condotti i test del sistema Grande approfondimento Ciclo di vita G. Bucci 13

14 Progettazione SRS Progetto DS La Specifica di Progetto (DS) contiene l architettura del software: Scomposizione del sistema in sottosistemi Identificazione dei moduli e delle relazioni tra i moduli (struttura del sistema secondo una conveniente rappresentazione) Interfacce Convenzioni di chiamata... Ciclo di vita G. Bucci 14

15 Realizzazione C&T DS Codice e risultati test Codifica I singoli moduli vengono sviluppati in base alla specifica di progetto, nel linguaggio di programmazione scelto Test individuali I singoli moduli vengono provati per conto proprio Ciclo di vita G. Bucci 15

16 Integrazione Il fatto che i singoli moduli siano individualmente testati non è sufficiente a garantire il corretto funzionamento del sistema Spesso si scoprono incongruenze progettuali Normalmente è la fase più dolente Si parla di alfa test, beta test, COLLAUDO Ciclo di vita G. Bucci 16

17 Manutenzione I costi per la manutenzione sono di norma superiori ai costi di sviluppo Si parla di un 70% del costo totale (sviluppo più manutenzione) Correttiva (eliminazione errori) Adattativa (alle condizioni esterne) Perfettiva (nuove funzionalità, eliminazione di funzionalità inutili) di norma oltre il 50% della manutenzione Sui costi di manutenzione hanno grande incidenza: la modalità di progetto e sviluppo la qualità della documentazione Ciclo di vita G. Bucci 17

18 Documentazione Documentazione tecnica interna motivazioni per le assunzioni fatte e le decisioni prese in ogni fase risultati dei test Documentazione tecnica esterna struttura del sistema istruzioni per l installazione guida alla soluzione dei problemi... Documentazione per l utente finale Manuale utente prontuario (quick reference) guided tour... Ciclo di vita G. Bucci 18

19 Costi modifiche (tradizionale) Dati sperimentali indicavano che il costo dei cambiamenti cresceva esponenzialmente nel tempo Ciclo di vita G. Bucci 19

20 Se i costi crescono esponenzialmente: Bisogna pianificare bene le attività del progetto Scoprire un errore subito fa salvare denaro Modificare il modello è meglio che modificare il codice =>Investire sulle fasi di analisi =>BDUF (big design up-front) E proprio così? Ciclo di vita G. Bucci 20

21 Il modello a cascata Presume che sia possibile definire esattamente quali sono i requisiti del sistema Presume che i requisiti siano stabili Ma i requisiti non sono stabili E la traduzione dei processi manifatturieri: La Fiat deve pianificare esattamente la catena di montaggio. Il SW può essere cambiato sempre Ciclo di vita G. Bucci 21

22 Problemi del ciclo a cascata Tende a spostare in avanti le verifiche: Ci si può accorgere troppo tardi di errate concezioni o di errori Produce disallineamento tra ciò che viene fatto e ciò che era desiderato Il prodotto risultante finisce per soddisfare le esigenze degli sviluppatori, anziché quelle dei committenti. Ciclo di vita G. Bucci 22

23 Cosa ci si aspetta Dall uso di strumenti, tecniche e metodi attuali Ciclo di vita G. Bucci 23

24 Perché investire tanto nella fase iniziale quando non si sa bene dove si va a cascare? Perché investire su cose che possono rivelarsi del tutto inutili?...il tempo dirà al momento opportuno cosa fare e cosa non fare Ciclo di vita G. Bucci 24

25 Inoltre Il modello a cascata Tende a irreggimentare Non si adatta allo spirito del programmatore (un progettista/inventore piuttosto che un produttore) E burocratico impone la produzione di una quantità di semilavorati che disturba il programmatore Occorrono modelli meno rigidi Ciclo di vita G. Bucci 25

26 Prototipazione Un modo per ridurre i problemi Prototipo: una realizzazione parziale di un sistema, costruita allo scopo di permettere a committenti, utenti e sviluppatori una miglior conoscenza del problema e delle sue soluzioni Usa e getta Prototipo evolutivo Ciclo di vita G. Bucci 26

27 Prototipazione L uso di prototipi aiuta nella scrittura di SRS Il committente preferisce vedere un prototipo piuttosto che un documento scritto Il prototipo mette in evidenza aspetti non previsti Alcuni requisiti (p.e., i formati delle videate) possono essere estratti direttamente dal prototipo e portati in SRS Il processo deve essere ordinato: successivi rilasci di SRS e relativi prototipi, fino ad arrivare a SRS definitivo. Ciclo di vita G. Bucci 27

28 Evoluzione tecnologica Nel processo software: dal metodo a cascata ai metodi agili Ciclo di vita G. Bucci 28

29 Modello iterativo-evolutivo Successivi ampliamenti e rifiniture attraverso iterazioni multiple (feedback) Il sistema cresce incrementalmente Ciclo di vita G. Bucci 29

30 UP Unified Process Modello proposto da chi ha definito UML E iterativo e incrementale Ogni iterazione è fatta di: Requisiti, analisi, progettazione, implementazione, test E pilotato dai casi d uso (requisiti) Ciclo di vita G. Bucci 30

31 RUP This diagram is Copyright IBM. Ciclo di vita G. Bucci 31

32 UP Sostanzialmente ci riferiremo ad esso W. Zuser, S. Biffl, T. Grechenig, M. Kohle,, Ingegneria del software con UML e Unified process, McGraw-Hill, 2004 Ciclo di vita G. Bucci 32

33 Modelli leggeri/agili Nati in opposizione (estrema) ai metodi tradizionali I metodi tradizionali sono inadeguati specialmente quando: i requisiti sono incerti o variabili si richiede una rapida risposta ai cambiamenti di mercato Ciclo di vita G. Bucci 33

34 Modelli leggeri/agili Ogni applicazione pone problemi diversi E irrealistico definire un processo universalmente valido, senza cadere nei generici richiami al buon senso Occorre adattare il processo alle specifiche esigenze del caso Le tecnologie moderne aiutano Ciclo di vita G. Bucci 34

35 Modelli leggeri/agili Il lavoro aggiuntivo per i semilavorati intermedi risulta in una burocrazia inutile, che influisce in maniera negativa su flessibilità e efficienza. ridurre il lavoro di supporto, convogliando il massimo dello sforzo sulla mera produzione dell applicazione Ciclo di vita G. Bucci 35

36 Manifesto (2001) Privilegiare gli individui e le loro interazioni rispetto a processi e strumenti la disponibilità di sw funzionante rispetto a un ampia documentazione la collaborazione col cliente rispetto alla negoziazione dei contratti la pronta risposta ai cambiamenti rispetto all esecuzione di un piano Ciclo di vita G. Bucci 36

37 ..ovvero Dettagliate specifiche formali, approfondite analisi e puntigliosa documentazione sono considerate attività troppo costose rispetto ai benefici apportati limitano la flessibilità del processo che deve poter modificare i propri obiettivi in ogni momento. Ciclo di vita G. Bucci 37

38 XP extreme Programming (l agile estremo) Ciclo di vita G. Bucci 38

39 What is XP? XP is a lightweight methodology for small to medium sized teams developing software in the face of vague or rapidly changing requirements. -- Kent Beck. XP is: Humane. Honest. Productive. Professional. Fun. Ciclo di vita G. Bucci 39

40 What is XP? XP is a discipline of software development. There are certain things you must do. You must write tests before code. You must program in pairs. You must integrate frequently. You must be rested. You must communicate with the customer daily. You must follow the customer s priorities. You must leave the software clean and simple by the end of the day. You must adapt the process and practices to your environment. Ciclo di vita G. Bucci 40

41 extreme Programming Evita la produzione di semilavorati diversi da quelli necessari alla realizzazione delle applicazioni Mira a fornire meccanismi che, in corso d opera, danno agli sviluppatori la consapevolezza che ciò che stanno costruendo soddisferà pienamente le esigenze del committente/utente Ciclo di vita G. Bucci 41

42 Attività Quattro attività fondamentali che si ripetono per tutto il progetto: scrittura del codice dell applicazione (coding); verifica delle funzionalità (testing); osservazione dell ambiente inteso come desideri del committente, opportunità tecnologiche, sviluppi di mercato (listening); progetto dell applicazione (design). Ciclo di vita G. Bucci 42

43 Criteri I programmatori sono responsabili non solo della codifica dell applicazione, ma anche della sua verifica L enfasi è sulla verifica: Prima di scrivere le istruzioni pensare a come si testano nessuna istruzione dovrebbe essere considerata veramente parte dell applicazione finché non ne sia stato verificato l effetto secondo le attese Ciclo di vita G. Bucci 43

44 What makes XP familiar? XP matches the behavior of successful programmers in the wild. Tests. Refactoring. Evolutionary delivery. Incremental planning. Low overhead. Ciclo di vita G. Bucci 44

45 Processo La costruzione dell applicazione procede in maniera iterativa cogliendo le reazioni dei committenti e riprogettando, in maniera adeguata, le sue funzionalità e i meccanismi adottati per ottenerle Ciclo di vita G. Bucci 45

46 Extreme programming Pianificazione attività (planning the game) Brevi Iterazioni, Rilasci frequenti (Short releases) Progetti semplici (simple design) Integrazione continua (continous integration) Ristrutturazione del codice (refactoring) Verifica di ogni funzionalità (testing) Programmazione a coppie (pair programming) Proprietà collettiva del codice (collective ownership) Partecipazione del committente (onsite costumer) Uso di standard di codifica (coding standards) Rinuncia la lavoro straordinaro (40 h/w) Ciclo di vita G. Bucci 46

47 Costi con XP (pretesi) Sarà vero? Difficile! Ciclo di vita G. Bucci 47

48 Vantaggi XP Coinvolgimento del cliente Attività più gratificante per il programmatore Riduzione dei costi Maggior adeguamento al cambiamento in corso d opera Ciclo di vita G. Bucci 48

49 Problemi XP C è il rischio di cadere nel CODE & FIX Contrario a ogni pratica ingegneristica Conta troppo sulla qualità delle persone Chi fa software non sempre è un genio!!! Hacker XP Cascata Agili Adattativi Pianificati Pescrittivi Ciclo di vita G. Bucci 49

50 Lavoro individuale Approfondire il modello XP andare al sito dell XP Visitare il sito Ciclo di vita G. Bucci 50

51 Bibliografia W. Zuser e altri, Ingegneria del software con UML e Unified process, McGraw-Hill, 2004 Kent Beck Extreme Programming Explained: Embrace Change, Addison-Wesley (1999) B. Boehm, Get Ready with Agile methods, with Care, IEEE Computer Genn. 2002, pp Ciclo di vita G. Bucci 51

52 Quando la sicurezza è il requisito principale Sostanzialmente viene seguito il criterio del metodo a cascata: analisi e progettazione accurate sin dall inizio. Analisi dei requisiti, analisi del rischio, tracciabilità dei requisiti, pianificazione, assicurazione della qualità, versionamento,.. Ciclo di vita G. Bucci 52

53 Sicurezza Al termine sicurezza corrispondono due termini inglesi: safety e security Safety: the condition of being safe; freedom from danger, risk, or injury Security: something that gives or assures safety Si parla spesso di safety integrity level per indicare la misura della garanzia che un sistema dà di essere libero da determinati pericoli. Ciclo di vita G. Bucci 53

54 Dove e come Sistemi embedded, sistemi medicali, controllo del traffico aereo, ecc.. Devono garantire affidabilità, sicurezza, qualità, Di norma il processo software è strutturato come un modello a V (un adeguamento del modello a cascata) Normative e standard (di prodotto e di processo) per i vari settori (ferrovie, avionica,..) Ciclo di vita G. Bucci 54

55 Modello a V (in generale) Originally issued as a standard of the German Federal Administration The V-Modell is a process model for planning and executing Projects. The V-Modell improves project transparency, project management and the probability of success by defining concrete practices with associated results and responsible Roles Describes the development process from a functional point of view, defining a set of activities and products (results) that have to be produced. Publicly available It has been adopted by many companies and tailored to a variety of specific application contexts Ciclo di vita G. Bucci 55

56 Modello a V (in generale) Ciclo di vita G. Bucci 56

57 Produzione di sistemi HW/SW Ciclo di vita G. Bucci 57

58 Ciclo di vita G. Bucci 58

59 defines User Requirements, specifying both functional requirements and non-functional requirements. Ciclo di vita G. Bucci 59

60 identifies main system units and allocates User Requirements to each of them. Ciclo di vita G. Bucci 60

61 examines both software and hardware resources of each unit, decomposing them into software and hardware components that, according to the notation of Software Configuration Management, are referred to as Computer Software Configuration Items (CSCIs) and Hardware Configuration Items (HCIs). Ciclo di vita G. Bucci 61

62 V Model In software context Aimed at regulating the processes of system development, maintenance and modification in the software life cycle. Mentioned within a variety of process quality standards such as RTCA/DO-178B and CENELEC Ciclo di vita G. Bucci 62

63 Modello a V (solo SW) Ciclo di vita G. Bucci 63

64 Associaz. standardizzazione ISO (International Standard Organization) CEN/CENELEC (Comité européen de normalisation / Comité européen de normalisation en électronique et en électrotechnique) ECMA (European Computer Manufacturers Association) ANSI (American National Standards Institute) NIST (National Institute of Standards and Technology) IEEE UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) DOD, FDA..e molte altre Ciclo di vita G. Bucci 64

65 Ciclo di vita G. Bucci 65

66 Cosa contiene uno standard Scopo del documento EN 50128: This Standard concentrates on the methods which need to be used in order to provide software which meets the demands for safety integrity which are placed upon it by Definizione dei termini Identificazione degli attori Ciclo di vita Elencazione della documentazione richiesta Raccomandazioni Ciclo di vita G. Bucci 66

67 ESEMPIO: Normative CEI EN 50128, EN La Normativa specifica le procedure ed i requisiti tecnici per lo sviluppo del software nelle applicazioni ferroviarie EN Railway applications - Communication, signalling and processing systems - Safety related electronic systems for signalling Ciclo di vita G. Bucci 67

68 Fail-Safe I sistemi elettronici per il segnalamento ferroviario sono critici per la sicurezza. Devono conformarsi a criteri per il raggiungimento di Safety Requirements. Ovvero devono rispondere a seconda delle funzioni svolte a determinati SIL (Safety Integrity Level) software safety integrity level: A classification number which determines the techniques and measures that have to be applied in order to reduce residual software faults to an appropriate level 5 livelli : da 0 a 4 (zero praticamente nessun provvedimento) Ciclo di vita G. Bucci 68

69 EN Le normative europee CEI EN e forniscono dettagli circa i criteri da applicare per i processi di: Formazione del personale; Gestione della sicurezza; Gestione della qualità; Specifica dei requisiti del sistema; Definizione dell architettura del sistema; Definizione delle caratteristiche progettuali; Progettazione; Valutazione degli effetti dei guasti; Verifica e validazione Ciclo di vita G. Bucci 69

70 Modello a V di EN50128 Ciclo di vita G. Bucci 70

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software 1 Ingegneria del software L istituzione e l impiego di principi ingegneristici fondati, allo scopo di ottenere

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Progettazione Orientata agli Oggetti

Progettazione Orientata agli Oggetti Progettazione Orientata agli Oggetti Sviluppo del software Ciclo di vita del software: comprende tutte le attività dall analisi iniziale fino all obsolescenza (sviluppo, aggiornamento, manutenzione) Procedimento

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Analisi di Software Open Source per Project Management con logia PHP Relazione di Tirocinio

Analisi di Software Open Source per Project Management con logia PHP Relazione di Tirocinio Analisi di Software Open Source per Project Management con logia PHP Relazione di Tirocinio Umberto Sartore - 578209 Relatore: Prof. Ennio Buro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione della Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 Settembre 2013 Introduzione La presente nota intende

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT P.M.S. S.r.l. Via Migliara 46 n 6 04010 B.go S.Donato Sabaudia (LT) Tel. 0773.56281 Fax 0773.50490 Email info@pmstecnoelectric.it PROGETTO: PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT Dalla richiesta

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie di Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce all Asset Management e alla certificazione

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli