DICSI Le Dinamiche della Conoscenza nella Società dell Informazione. unità dell Università Politecnica delle Marche relazione finale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICSI Le Dinamiche della Conoscenza nella Società dell Informazione. unità dell Università Politecnica delle Marche relazione finale"

Transcript

1 DICSI Le Dinamiche della Conoscenza nella Società dell Informazione unità dell Università Politecnica delle Marche relazione finale

2 le 3 anime della ricerca formalizzazione rappresentazione stati mentali per architetture BDI (Belief Desire Intentions) Aldo Franco Dragoni acquisizione della conoscenza di agenti umani dall analisi di testi e profilazione automatica di competenze ed interessi Luigi Lella costruzione e gestione di ontologie per la gestione automatica della semantica di documenti Mauro Mazzieri

3 formalizzazione rappresentazione stati mentali per architetture BDI (Belief Desire Intentions) Aldo Franco Dragoni La relazione finale ricalca i contenuti già descritti nella relazione del primo anno

4 acquisizione di conoscenza dall analisi di testi e profilazione automatica di competenze ed interessi Luigi Lella Definizione di tecniche innovative di acquisizione della conoscenza che possano essere utilizzate per modellare le esperienze, gli interessi e gli attuali obiettivi di un dipendente aziendale. Illustrare delle possibili applicazioni di tali tecniche nella gestione del capitale intellettuale e umano di una azienda.

5 Argomenti trattati Stato dell arte su metodi di acquisizione e gestione della conoscenza Modulo di acquisizione della conoscenza Sistema per la generazione di reti di pratica Applicazioni pratiche Personal virtual assistant Blogosphere for collaborative learning

6 Learning Organization organismo intelligente in grado di percepire, decidere, agire e apprendere all interno di un ambiente dinamico (come il mercato)

7 Conoscenza Tacita Mentre la conoscenza esplicita può essere espressa con parole, numeri e immagini, e può essere condivisa tramite i mezzi di comunicazione, la conoscenza tacita è altamente personale e difficile da formalizzare In quanto difficile da replicare, è soprattutto la conoscenza tacita a costruire il capitale intellettuale di un organizzazione, aumentandone il suo vantaggio competitivo La conoscenza tacita è alla base del pensiero creativo e dell innovazione

8 Acquisizione della Conoscenza: data and knowledge mining Gli attuali strumenti di data mining estraggono pattern ricorrenti da basi di dati considerando solo i loro attributi e non la conoscenza di dominio I recenti strumenti del knowledge mining sono invece basati su modelli computazionali che acquisiscono nuova conoscenza a partire sia da fatti che da conoscenza di dominio precedentemente acquisita Questi strumenti comprendono una base di dati, una base di conoscenza, strumenti per l analisi di dati e per l apprendimento induttivo di nuove regole Quindi gli strumenti di knowledge mining rispetto a quelli classici di data mining sono sì maggiormente adatti a estrarre la conoscenza di una organizzazione ma potrebbero comunque rivelarsi poco adatti a rappresentare la conoscenza tacita di dipendenti difficilmente esprimibile in forma simbolica

9 Gestione della conoscenza: Autonomy La piattaforma di gestione della conoscenza più utilizzata al momento è Autonomy si basa sulla inferenza bayesiana e sui principi della teoria della informazione di Claude Shannon identifica i pattern che occorrono nei testi, sulla base dell uso e della frequenza di termini che corrispondono a determinati concetti MA non utilizza la conoscenza di dominio durante l analisi di un testo; inoltre l utente non può sapere in che modo il sistema modella il suo profilo ed in che modo viene estratta la conoscenza dai testi analizzati

10 il nostro KMS [Dragoni, Tascini, Lella, Giordano, 2004] proprietà della conoscenza tacita Dinamica Soggettiva Specifica Distribuita modello cognitivo di comprensione del discorso acquisizione della conoscenza di singoli dipendenti o piccoli gruppi di dipendenti. 1. Migliorare processi IR 2. Facilitare il recupero delle competenze 3. Favorire la generazione di Reti di Pratica

11 Modello Cognitivo di Comprensione del Discorso [Licata, Lella, Giordano, 2004] Working Memory STWM LTWM LTM 1) Tecnica Manuale [Van Dijk e Kintsch, 1983] 2) LSA [Landauer, Foltz e Laham, 1998] Creation Integration Model [Kintsch, Patel ed Ericsson, 1999]

12 Modulo di Acquisizione della Conoscenza [Licata, Tascini, Lella, Montesanto, Giordano, 2004] Finestratura Filtraggio Modello di grafo Scale Free (M.Steyvers,J.TenenBaum, 2002) Rete Associativa BUFFER WM LTM Diffusione di un segnale di attivazione

13 Grafi scale free Struttura a piccolo mondo Aggregazione Random C i = L 2Ei k 1 ( ) Distribuzione dei gradi con power law tail k i i Scale-free P ( k) = k γ

14 Aggiornamento della LTM [Licata, Tascini, Lella, Montesanto, Giordano, 2004] WM LTM 1) WM inizialmente formata da N nodi isolati 2) Aggiunti collegamenti η ij = 3) LTM viene aggiornata P ij η k ij j = ηil l (N. paragrafi dove sia i che j sono presenti) (N. paragrafi dove sono presenti o i o j) [ Bianconi e Barabasi, 2001 ] k l

15 Esempio di LTM

16 Piattaforme per la gestione della conoscenza L ICT deve supportare non solo i singoli dipendenti aziendali ma anche le loro interazioni. Gli aspetti da considerare nel progetto di un KMS sono [Stenmark, 2002]: Informazione Consapevolezza Comunicazione

17 Knowledge Management nel sistema Sanitario Il piano sanitario italiano ha strutturato il sistema sanitario in due principali livelli di assistenza in cui i vari operatori sanitari devono interagire nello svolgimento dei loro compiti Condividere Acquisire Aumentare Conoscenza

18 A.S.U.R. Zona medici di base medici specialisti

19 Sistema per Generazione Reti di Pratica

20 Sistema per Generazione Reti di Pratica Migliora le ricerche in Internet filtrando i risultati sulla base dei profili degli utenti (LTM) I modelli degli utenti vengono aggiornati mediante il contenuto dei documenti da questi selezionati I profili degli utenti vengono raggruppati mediante algoritmi di Unsupervised Pattern Recognition Si può anche profilare gli utenti (i cittadini) per meglio servirli

21 Sistema Informativo Aziendale Zona Territoriale 7

22 Reificazione delle Concettualizzazioni [Lella, Dragoni, Giampieri, F.O.M.I. 2005] Informazione non Strutturata Conversione della conoscenza in forma simbolica Modello RDF Reificazione delle Concettualizzazioni Estrazione dei temi Acquisizione Conoscenza

23 Estrazione dei temi [Lella, Dragoni, Giampieri, 2005]

24 Reificazione delle Concettualizzazioni [Lella, Dragoni, Giampieri, 2005]

25 Sviluppi Futuri: Virtual Workspace vero e proprio ambiente di lavoro che offre alle persone un supporto completo alle loro esigenze di operatività, servizi, comunicazione e gestione della conoscenza consente di connettere dinamicamente competenze e di riconfigurare in maniera auto organizzata processi e flussi informativi

26 Virtual Workspace: 4 dimensioni Employee Service Space: servizi di supporto alla vita lavorativa (gestione orari di lavoro, rimborso spese, prenotazione sale riunioni, richiesta acquisti, sistema bibliotecario etc.) Internal Communication Space: mezzi di comunicazione istituzionale (novità contrattuali, concorsi interni, normative, comunicati etc.) e socializzazione (forum, bacheca annunci etc.) Business Community Space: strumenti per l accesso a conoscenza esplicita (motori di ricerca, database etc.) e tacita (forum, ricerca delle competenze, wiki, blog etc.) Operative Work Space: strumenti e servizi informativi (procedure e manuali operativi, reportistica etc.) e transazionali (richiesta forniture specifiche etc.) per svolgimento attività aziendali.

27 Virtual Workspace: obiettivi Favorire velocità e agilità decisionale Stimolare la collaborazione tra unità differenti Creare flessibilità e riconfigurare processi dinamicamente Rendere l organizzazione aperta e pronta a recepire idee e stimoli all innovazione provenienti anche da fonti esterne.

28 Virtual Workspace per abbattere: Barriere spaziali: il posto di lavoro è ovunque la persona abbia la necessità di impiegare le proprie capacità. Barriere temporali: la persona può e deve essere chiamata a creare valore quando serve, compatibilmente con i propri impegni. Barriere organizzative: viene considerato come collega qualunque persona che possa aiutare a creare valore per l organizzazione, non solo un proprio pari in azienda.

29 Business Community Space Strumenti orientati alla collaborazione ed al lavoro di gruppo: condivisione agende e documenti di lavoro, invio SMS, instant messaging, videoconferenze etc. Strumenti orientati allo sviluppo e gestione della conoscenza: forum, ricerca esperti, sondaggi, blog, wiki etc. N.B.: mancano applicazioni mature di strumenti evoluti come i blog e i wiki, oggi praticamente assenti nelle Intranet aziendali.

30 Business Community Space Prospettive dei blog e wiki Spazi di supporto ai processi e di aiuto reciproco tra esperti con competenze anche complementari in attività di problem solving Spazi di apprendimento individuale dove lo scambio di conoscenze garantisce lo sviluppo della professionalità dei singoli dipendenti Spazi di supporto all innovazione dove l obiettivo è la crescita della capacità innovativa dell azienda.

31 BLOGOSPHERE AS A COLLABORATIVE LEARNING MANAGEMENT SYSTEM FOR HEALTH CARE

32 What is a Blog? a blog is basically a journal that is available on the web. blogs are typically updated daily using software that allows people with little or no technical background to update and maintain the blog. postings on a blog are almost always arranged in chronological order with the most recent additions featured most prominently. readers can leave comments in an interactive format

33 is very easy Blog Publishing

34 Blog usage in organizations

35 Blog usage in USA

36 Blog impact in Organizations

37 collaborative learning: network LEARNER LEARNER LEARNER LEARNER LEARNER LEARNER

38 collaborative learning: blogosphere BLOG LEARNER BLOG LEARNER BLOG LEARNER BLOG BLOG LEARNER BLOG LEARNER LEARNER LEARNER

39 the power of highest betweenness (Firenze, XV century) Castellani Peruzzi Strozzi Pucci 0 Bischeri Ridolfi Barbadori Tornabuoni Medici Acciaiuoli 0 Guadagni Lamberteschi 0 Albizzi Ginori 0 Salvati Pazzi 0

40 Instructor Selection Example: A,B,C highest betweenness centrality

41 Instructor Selection Example: D, E highest betweenness centrality

42 Testbench: ASUR HealthCare System

43 Metodi di Valutazione dei Risultati Sistema di Interviste : - Frequenza di utilizzo del sistema. - Valutazione della precisione del recupero info e dei contatti. - Valutazione dei benefici apportati in termini di miglioramento delle condizioni lavorative. - Valutazione dei limiti del sistema rispetto alle esigenze degli utenti. Monitoraggio della rete di rapporti collaborativi interni dell azienda.

44 Conclusioni Le organizzazioni necessitano di sistemi per favorire la creazione di nuova conoscenza. Il KMS realizzato può essere utilizzato per analizzare il contenuto dei documenti visionati e prodotti dai dipendenti allo scopo di tracciarne e tenerne aggiornati i profili. La conoscenza viene estratta dai testi sulla base di un modello psicologicamente valido di comprensione del discorso e sulla base di un modello di grafo scale free, assumendo la forma di una rete associativa. Documenti e profili possono essere organizzati mediante l uso di algoritmi di UPR. La conoscenza estratta può essere rappresentata in forma simbolica mediante meccanismi quali la reificazione della concettualizzazione. Il KMS è stato utilizzato in sistemi di gestione documentale e in virtual workspace comprendenti forum e motori di ricerca orientati alla formazione di reti di pratica. Si pensa di estendere tali piattaforme con nuovi strumenti quali blog e wiki.

45 Pubblicazioni A.F.Dragoni, G.Tascini, L.Lella, W.Giordano, Knowledge Extraction Using Dynamical Updating of Representation, Proc. RO.M.A.N.D., Ginevra, I.Licata, L.Lella, W.Giordano, From Ontologies to Ontogenetic Models. Extracting Semantics by Knowledge Representation Dynamical Updating, Proc. Dynamic Ontology, Trento, I.Licata, G.Tascini, L.Lella, A.Montesanto, W.Giordano, Scale Free Graphs in Dynamic Knowledge Acquisition, Proc. A.I.R.S., Castel Ivano, Pubblicato in Systemics of Emergence Research and Development, Minati G., Pessa E., Abram M. (Eds.), Springer L.Lella, I.Licata, Evolutionary Neural Gas. A Scale Free Self Organizing Neural Net without Topological Constraint, Proc. Complexity 2004, Roma, L.Lella, G.Tummarello, C.Morbidoni, "Enabling Semantic Web Forums using Dynamic Representation Schemas", Proceedings of S.W.A.P. 2004, Ancona, L.Lella, A.F.Dragoni and G.Giampieri, Enabling Knowledge Creation Through Associative Networks and Semantic Web Technologies, Proceedings of F.O.M.I. 2005, Castelnuovo del Garda, I.Licata, L.Lella, W.Giordano, Acquisizione dinamica della conoscenza dai testi, Computer Programming n.138, Settembre 2004.

it Consult 2006 Dr. Ing. Luigi Lella

it Consult 2006 Dr. Ing. Luigi Lella "Oltre il Datamining: verso l estrazione della Conoscenza Tacita" Come superare i limiti degli attuali sistemi di acquisizione e gestione della conoscenza Dr. Ing. Luigi Lella Premessa Per le attuali organizzazioni

Dettagli

dell integrazione Le criticità organizzative La nuova sfida per l impresa

dell integrazione Le criticità organizzative La nuova sfida per l impresa Dalla gestione dei documenti alla creazione di spazi di lavoro e condivisione: il nuovo ruolo delle intranet per la gestione della conoscenza Mariano Corso Professore Ordinario di Organizzazione e Risorse

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

Socializzare la conoscenza comunità online

Socializzare la conoscenza comunità online Socializzare la conoscenza 14 dicembre 2012 Le fasi del processo Socializzazione (da conoscenza tacita a tacita, in persone diverse che interagiscono) Esteriorizzazione o esternalizzazione (da conoscenza

Dettagli

Benvenuti. Claudio Cancelli. Mnemosyne

Benvenuti. Claudio Cancelli. Mnemosyne Metodologie di Redazione di Manuali e Procedure aziendali Benvenuti Claudio Cancelli Mnemosyne 1 Introduzione al Knowledge Management Funzioni centrate della comunicazione Strumentale (ottenere qualcosa)

Dettagli

Andrea Grippa Reti Intranet

Andrea Grippa Reti Intranet Andrea Grippa Reti Intranet Piccola guida per la comprensione dell evoluzione di alcuni modelli e delle loro applicazioni Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL ARCHITETTURA E DESIGN PIER LUIGI SPADOLINI SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA Il ruolo del Knowledge Management BENEDETTA BIONDI La conoscenza

Dettagli

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. 17-20 Maggio 2010 FORUM PA 2 ORIENTATI AL PERSONALE DEL MINISTERO AUMENTARE

Dettagli

Definizione di enterprise 2.0

Definizione di enterprise 2.0 L enterprise 2.0 Definizione di enterprise 2.0 Piattaforme sociali Canali e piattaforme Modalità emergente Sware enterprise Social sware Piattaforme - emergenza Definizione di McAfee tecnocentrica Mcafee

Dettagli

Workspace mobility: nuova opportunità per le aziende e gli individui

Workspace mobility: nuova opportunità per le aziende e gli individui Workspace mobility: nuova opportunità per le aziende e gli individui Mariano Corso Docente di Organizzazione e Risorse Umane School of Management, Politecnico di Milano www.osservatori.net Agenda L organizzazione

Dettagli

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology KON 3 Knowledge ON ONcology through ONtology Obiettivi di KON 3 Scopo di questo progetto èquello di realizzare un sistema di supporto alle decisioni, basato su linee guida e rappresentazione semantica

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

L e-business. Electronic Business. Metodi dell e-business. E-commerce. qualsiasi processo di business che si basa su un sistema informativo

L e-business. Electronic Business. Metodi dell e-business. E-commerce. qualsiasi processo di business che si basa su un sistema informativo L e-business Electronic Business Claudio Fornaro ver. 1.3 Definito genericamente come: qualsiasi processo di business che si basa su un sistema informativo In genere si fa e-business per mezzo del Web:

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Professioni Sanitarie e Formazione Digitale

Professioni Sanitarie e Formazione Digitale Sapienza Università di Roma Facoltà di Medicina e Psicologia Professioni Sanitarie e Formazione Digitale Vassilios Papaspyropoulos Convegno ECM Professioni Sanitarie & ICT Sala Convegno Fondazione Il Faro

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Knowledge Management. Sistemi Informativi 08/05/12. Introduzione (1/2)

Knowledge Management. Sistemi Informativi 08/05/12. Introduzione (1/2) Knowledge Management Concetti base e tecnologie Chianese Angelo Introduzione (1/2) La capacità delle moderne organizzazioni di creare valore ed innovazione è sempre sempre più fortemente dipendente dalla

Dettagli

La rappresentazione della conoscenza nella costruzione di strumenti collaborativi aziendali. Fabio Vitali e Paola Mandelli Università di Bologna

La rappresentazione della conoscenza nella costruzione di strumenti collaborativi aziendali. Fabio Vitali e Paola Mandelli Università di Bologna La rappresentazione della conoscenza nella costruzione di strumenti collaborativi aziendali Fabio Vitali e Paola Mandelli Università di Bologna ovvero Il Web 3.0 alle prese con l'azienda: verso un nuovo

Dettagli

Applicazioni Intranet e gestione della conoscenza

Applicazioni Intranet e gestione della conoscenza Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A6_1 V1.5 Applicazioni Intranet e gestione della conoscenza Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI VERSIONE PROVVISORIA GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI ABSTRACT La gestione della conoscenza nelle organizzazioni diviene il fattore sempre più qualificante attraverso

Dettagli

ICT4LAW. ICT Converging on Law: Next Generation Services for Citizens, Enterprises, Public Administration and Policymakers

ICT4LAW. ICT Converging on Law: Next Generation Services for Citizens, Enterprises, Public Administration and Policymakers ICT4LAW ICT Converging on Law: Next Generation Services for Citizens, Enterprises, Public Administration and Policymakers ICT for Law 1 Agenda ICT4LAW Il progetto I Partner Università CNR Imprese Tecnologie

Dettagli

SIMULWARE. SimulwareProfessional

SIMULWARE. SimulwareProfessional SIMULWARE SimulwareProfessional Che cosʼè SimulwareProfessional SimulwareProfessional è una piattaforma elearning SCORM-AICC compliant con un elevato livello di scalabilità e personalizzazione. Si presenta

Dettagli

Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti

Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti Paolo Bianchetti bianchetti@scuoladirobotica.it Convegno Robotica: dalla scuola all azienda ITIS A. OMAR Novara, 10 Marzo 2006 Costruttivismo

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Knowledge Management

Knowledge Management [ ] IL K-BLOG Cosa è il KM Il Knowledge Management (Gestione della Conoscenza) indica la creazione, la raccolta e la classificazione delle informazioni, provenienti da varie fonti, che vengono distribuite

Dettagli

I tempi turbolenti richiedono una leadership efficace e creativa. Sviluppa il tuo potenziale.

I tempi turbolenti richiedono una leadership efficace e creativa. Sviluppa il tuo potenziale. I tempi turbolenti richiedono una leadership efficace e creativa. Sviluppa il tuo potenziale. I tempi turbolenti richiedono una leadership efficace e creativa. Sviluppa il tuo potenziale Ovunque nel mondo

Dettagli

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software A cura di Marziana Monfardini Licenze e diritti software La tutela del software Copyright e diritto d autore Legge 633/41 Articolo 2 Sono protetti i programmi

Dettagli

Labss CNR Edulabss: Didattica e

Labss CNR Edulabss: Didattica e EduLabss Responsabile contenuti/formazione Federico CECCONI EduLabss c/o LABSS ISTC Cnr Via Palestro 32 00185 Roma Tel +39.06.49936410 email: info@edulabss.com Labss CNR Edulabss: Didattica e divulgazione

Dettagli

Che cosa è SADAS INFOMANAGER (1982) Gestione Archivi Storici (1992) SADAS (2005) Ambiente MVS OVERMILLION (1990) Client-Server e multipiattaforma

Che cosa è SADAS INFOMANAGER (1982) Gestione Archivi Storici (1992) SADAS (2005) Ambiente MVS OVERMILLION (1990) Client-Server e multipiattaforma 1 Che cosa è SADAS SADAS è un DBMS column-based progettato in modo specifico per ottenere grandi performance nell interrogazione di archivi statici di grandi dimensioni (analisi data warehouse, OLAP).

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org)

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) White paper APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) APRE è un ente privato di ricerca non profit sostenuto da oltre cento Soci Sostenitori e Ordinari provenienti da Università e Organizzazioni private

Dettagli

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE E PSICOLOGIA Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici Prof. Antonio Calvani antonio.calvani@unifi.it

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Conoscere, condividere, cambiare

Conoscere, condividere, cambiare Conoscere, condividere, cambiare Idee per una intranet 2.0 alla biblioteca di Milano Bicocca Bonaria Biancu e Ilaria Moroni I siti web negli archivi e nelle biblioteche A.I.B. e A.N.A.I. Sezione Friuli

Dettagli

Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso. Ing. Christian Morbidoni, Ph.

Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso. Ing. Christian Morbidoni, Ph. Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso Ing. Christian Morbidoni, Ph.D Semantic Web su Desktop e Intranet RDF(S)/OWL: strumenti di rappresentazione

Dettagli

Apprendimento collaborativo attraverso Wiki Wiki Web e Semantic Web

Apprendimento collaborativo attraverso Wiki Wiki Web e Semantic Web Apprendimento collaborativo attraverso Wiki Wiki Web e Semantic Web Paolo Castagna giovedì, 1 aprile 2004 Tanti x Tanti non fa tutti Siti scolastici accessibili: si può? Ufficio Scolastico

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Programma straordinario contro la Disoccupazione Intellettuale

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Programma straordinario contro la Disoccupazione Intellettuale MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Programma straordinario contro la Disoccupazione Intellettuale PROGETTO MULTIMEDIA SKILL Multimedia Skill è un progetto ideato e promosso da Poliedra Politecnico

Dettagli

Le nuove frontiere della ricerca scientifica: le nuove forme di documento: dal data/text mining al web semantico

Le nuove frontiere della ricerca scientifica: le nuove forme di documento: dal data/text mining al web semantico Le nuove frontiere della ricerca scientifica: le nuove forme di documento: dal data/text mining al web semantico Maria Cassella Università di Torino maria.cassella@unito.it Il workflow della comunicazione

Dettagli

FORUM ABI HR. Giuditta Alessandrini Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma TRE giuditta.alessandrini@uniroma3.

FORUM ABI HR. Giuditta Alessandrini Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma TRE giuditta.alessandrini@uniroma3. FORUM ABI HR Roma-Palazzo Altieri 9 Giugno 2015 Giuditta Alessandrini Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma TRE giuditta.alessandrini@uniroma3.it FORUM HR 2015 Laboratorio

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

Glossario. Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi)

Glossario. Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi) Glossario Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi) Con adaptive learning ( apprendimento adattivo ) si intende un metodo che utilizza il computer come strumento interattivo per adattare

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica (classe 23/S: Informatica) Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche (classe 23/S: Informatica)

Dettagli

www.casaleggio.it Intranet DAG Roma, 21 maggio 2007

www.casaleggio.it Intranet DAG Roma, 21 maggio 2007 Intranet DAG Roma, 21 maggio 2007 Indice 1. Intranet: definizione e obiettivi 2. Benefici 3. Best practice 4. Intranet DAG: opportunità 5. Intranet DAG: strategia 1 Intranet: definizioni La tecnologia

Dettagli

Intranet e la Enterprise 2.0

Intranet e la Enterprise 2.0 Intranet e la Enterprise 2.0 La trasformazione della conoscenza aziendale da tacita in esplicita Fabio Castronuovo Better Software Firenze 6 Maggio Agenda 1 Introduzione al KM 2 Dal KM 1.0 al KM 2.0 3

Dettagli

La Smart Home Hackathon & JEMMA La reference implementation di Energy@Home

La Smart Home Hackathon & JEMMA La reference implementation di Energy@Home La Smart Home Hackathon & JEMMA La reference implementation di Energy@Home Riccardo Tomasi, Ivan Grimaldi Pervasive Technologies Area, Istituto Superiore Mario Boella Demo & Reference Implementation Working

Dettagli

Il social Learning: il sistema di Apprendimento nella Social Organization

Il social Learning: il sistema di Apprendimento nella Social Organization Il social Learning: il sistema di Apprendimento nella Social Organization Il Social Learning L evoluzione TRAINING & DEVELOPMENT SOCIAL LEARNING PROFESSIONAL LEARNING Design - Delivery Connect - Collaborate

Dettagli

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A10_1 V1.1 Gestione della conoscenza Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO RUGGIERI GROUP

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO RUGGIERI GROUP Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO RUGGIERI GROUP Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.10 Innovare

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Enterprise Social Network. Creare community aziendali

Enterprise Social Network. Creare community aziendali Enterprise Social Network Creare community aziendali COLLABORATION 2.0 CHE COSA È NU+ è la soluzione Yooplus di collaboration finalizzata a creare le condizioni per sviluppare una elevata capacità di team

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli

Rete + Collaborazione = PA2.0. luca.mainetti@unisalento.it NeutralAccess11 Urbino, 11-6-11

Rete + Collaborazione = PA2.0. luca.mainetti@unisalento.it NeutralAccess11 Urbino, 11-6-11 Rete + Collaborazione = PA2.0 luca.mainetti@unisalento.it NeutralAccess11 Urbino, 11-6-11 Il Tavolo Tecnico Università Digitale Politecnico di TORINO Politecnico di MILANO Università degli Studi di CATANIA

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Scheda di Benchmark per intranet

Scheda di Benchmark per intranet Scheda di Benchmark per intranet 1. L organizzazione e la intranet 2. Contenuti 3. Design e architettura 4. Funzionalità 5. Nascita e processo di sviluppo 6. Gestione della redazione e processo di publishing

Dettagli

Il cloud per la tua azienda.

Il cloud per la tua azienda. Il cloud per la tua azienda. Questo è Microsoft Cloud Ogni azienda è unica. Dalla sanità alla vendita al dettaglio, alla produzione o alla finanza, non esistono due aziende che operano nello stesso modo.

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

Un #SocialHR per la #socialorg

Un #SocialHR per la #socialorg Un #SocialHR per la #socialorg 2 3 4 5 6 7 8 CHE COS E LA SOCIAL ORGANIZATION? GUARDIAMOLA CON GLI OCCHI DEL (social)hr CHE COS E LA SOCIAL Un nuovo modo di fare impresa che consente a un vasto numero

Dettagli

Dall apprendimento alla gestione della conoscenza: dall e-learning al WBKMS KM KM 22

Dall apprendimento alla gestione della conoscenza: dall e-learning al WBKMS KM KM 22 Dall apprendimento alla gestione della conoscenza: dall e-learning al WBKMS Società dell informazione L informazione è il fatto/dato L informazione è il fatto/dato Società della conoscenza La Conoscenza

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

Apprendimento Automatico

Apprendimento Automatico Metodologie per Sistemi Intelligenti Apprendimento Automatico Prof. Pier Luca Lanzi Laurea in Ingegneria Informatica Politecnico di Milano Polo regionale di Como Intelligenza Artificiale "making a machine

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Venexia. Fammi la tua domanda...

Venexia. Fammi la tua domanda... Venexia Fammi la tua domanda... Venexia chi sei? Risposta: Io sono Venexia e appartengo alla settima generazione d intelligenze artificiali sviluppate dagli ilabs. Domande collegate: puoi raccontarmi la

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Marketing e Comunicazione: Promo-Pub-DM

Dettagli

Il software Open Source nell elearning e nel lavoro in team

Il software Open Source nell elearning e nel lavoro in team Il software Open Source nell elearning e nel lavoro in team I software di social network: ELGG come testcase Open Source Lab USI Luca Mazzola http://www.linkedin.com/in/mazzolaluca 4 Giugno 2008 Social

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

CRM analitico: introduzione. Andrea Farinet

CRM analitico: introduzione. Andrea Farinet CRM analitico: introduzione Andrea Farinet 1 1. Agenda Definizione di Customer Relationship Management (CRM) Le caratteristiche strutturali di un progetto di Customer Relationship Management Il Customer

Dettagli

Questo documento riporta informazioni generali sul progetto europeo QALL-ME. Il pubblico al quale si rivolge è ampio e generico e il suo scopo

Questo documento riporta informazioni generali sul progetto europeo QALL-ME. Il pubblico al quale si rivolge è ampio e generico e il suo scopo QALL-ME EXECUTIVE SUMMARY Autore: Bernardo Magnini Presso: ITC-irst, Trento, Italia Introduzione Questo documento riporta informazioni generali sul progetto europeo QALL-ME. Il pubblico al quale si rivolge

Dettagli

CAPITOLO 3 Previsione

CAPITOLO 3 Previsione CAPITOLO 3 Previsione 3.1 La previsione I sistemi evoluti, che apprendono le regole di funzionamento attraverso l interazione con l ambiente, si rivelano una risorsa essenziale nella rappresentazione di

Dettagli

I vantaggi ottenibili nei campi applicativi attraverso l uso di tecniche di data mining

I vantaggi ottenibili nei campi applicativi attraverso l uso di tecniche di data mining Dipartimento di Informatica e Sistemistica I vantaggi ottenibili nei campi applicativi attraverso l uso di tecniche di data mining Renato Bruni bruni@dis.uniroma1.it Antonio Sassano sassano@dis.uniroma1.it

Dettagli

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Cosa è e come si usa la Organization Intelligence Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Overload Informativo Siamo costretti a navigare in un mare di informazioni nel quale è facile «perdere

Dettagli

Cos è Infinity Project

Cos è Infinity Project Cos è Infinity Project Infinity Project è un disegno strategico che, per mezzo di una potente tecnologia di sviluppo e avanzate piattaforme applicative, permette di creare soluzioni e progetti a valore

Dettagli

Data Mining e Analisi dei Dati

Data Mining e Analisi dei Dati e Analisi dei Dati Rosaria Lombardo Dipartimento di Economia, Seconda Università di Napoli La scienza che estrae utili informazioni da grandi databases è conosciuta come E una disciplina nuova che interseca

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Come ragiona un editore

Come ragiona un editore Come ragiona un editore Contenuti e servizi per la ricerca Modena, Fondazione Collegio san Carlo 3 maggio 2012 Fondazione Collegio san Carlo 3 maggio 2012 La Società editrice il Mulino Il Mulino è un editore

Dettagli

Action Learning: una metodologia didattica basata sull esperienza di Roberto Orazi 1 Università degli Studi di Perugia, roberto.orazi@unipg.

Action Learning: una metodologia didattica basata sull esperienza di Roberto Orazi 1 Università degli Studi di Perugia, roberto.orazi@unipg. 1 ISSN: 2038-3282 Pubblicato il: 09 Aprile 2014 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da

Dettagli

Screenshot dimostrativi degli strumenti presentati alle Roundtables Microsoft

Screenshot dimostrativi degli strumenti presentati alle Roundtables Microsoft Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di MESA s.r.l. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate,

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 Indice Presentazione di F. Falcinelli 7 Introduzione 11 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 2. Tipologie di e-learning e modelli

Dettagli

Teoria della Long Tail

Teoria della Long Tail Il web Definizioni 2/8 Web = un mezzo/strumento per comunicare, informare, raccontare, socializzare, condividere, promuovere, insegnare, apprendere, acquistare, vendere, lavorare, fare business, marketing,

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Operatore giuridico d impresa Informatica Giuridica A.A 2002/2003 II Semestre Sistemi informativi aziendali prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone

Dettagli

DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS

DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS 1 DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS Cristina Cocchetto (Direzione Risorse Umane Formazione, Sviluppo Manageriale e Comunicazione Interna) Bruno Cocchi / (Direzione

Dettagli

Gestire l informazione aziendale in modo strutturato e flessibile

Gestire l informazione aziendale in modo strutturato e flessibile ated Gestire l informazione aziendale in modo strutturato e flessibile Strumenti di Business Intelligence e Corporate Performance Management Conferenza ATED Manno, 20 settembre 2005 Ing. Roberto Fridel,

Dettagli

La gestione di competenze e profili professionali nel settore ICT secondo lo standard EUCIP

La gestione di competenze e profili professionali nel settore ICT secondo lo standard EUCIP MiOpen-CNA La gestione di competenze e profili professionali nel settore ICT secondo lo standard EUCIP Roberto Bellini Milano, 19 Ottobre 2007 0 Indice Competenze e professionalità digitali Lo standard

Dettagli

Tecnologie dell informazione e controllo

Tecnologie dell informazione e controllo Tecnologie dell informazione e controllo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA CORSO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE FEDERICO CANELLA Utilizzo dell ICT nell impresa 2 Wood floring International (legno esotico)

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

" # $! "#$ % & ' (! (! "#$%

 # $! #$ % & ' (! (! #$% Gemini Europa "#$! "#$ % & ' (! (!"#$% %! %,!!",!!" 0& 0 ' (& ( ) ) ( *) +, ( *), ( *) -!. ("'( )* + ( % & ( % "#$ ///& ( % & 0 #&'(!# Gruppo ENEL: competere per crescere ompetitive Practice Simulation

Dettagli

IntelliSemantic Thesis day 2008. Alberto Ciaramella Intellisemantic http://www.intellisemantic.com Marzo 2008

IntelliSemantic Thesis day 2008. Alberto Ciaramella Intellisemantic http://www.intellisemantic.com Marzo 2008 IntelliSemantic Thesis day 2008 Alberto Ciaramella http://www.intellisemantic.com Marzo 2008 IntelliSemantic To find and to be found on internet and intranet 2 Mission To develop OTS and customized solutions

Dettagli

e-learning & Social Networking

e-learning & Social Networking e-learning & Social Networking Una relazione da maneggiare con cura Luigi Colazzo Dipartimento di Informatica e Studi Aziendali - Università di Trento luigi.colazzo@unitn.it Di cosa parliamo 1 Della relazione

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT IN AMBITO SANITARIO CON TECNOLOGIE DI TIPO SEMANTIC WEB

KNOWLEDGE MANAGEMENT IN AMBITO SANITARIO CON TECNOLOGIE DI TIPO SEMANTIC WEB UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica KNOWLEDGE MANAGEMENT IN AMBITO SANITARIO CON TECNOLOGIE DI TIPO SEMANTIC WEB Tesi di Laurea di: Marco

Dettagli

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus Pag. 1 di 9 PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Sommario...2 IL MONDO LOTUS...2 LA NOSTRA ESPERIENZA...4 Formazione...4 Sviluppo e Sistemi...4 LA NOSTRA PROPOSTA...8 Area formazione...8 Area sviluppo...8

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

Architettura Open Data

Architettura Open Data Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Open City Platform Architettura Open Data OCP e Open Data architecture OCP e Open Service OCP intende favorire

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli