Lo spettacolo del futurismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo spettacolo del futurismo"

Transcript

1 Lo spettacolo del futurismo È il 15 gennaio del 1909, durante l intervallo che segue il secondo atto di La donna è mobile, versione italiana di Poupées électriques: un testo che aveva indotto il critico teatrale de «Il Lavoro» al commento «non tutti i matti sono in manicomio». L autore, Filippo Tommaso Marinetti, sale sul palco, affronta imperterrito il pubblico rumoreggiante e lo ringrazia per «questa fischiata che mi onora profondamente», provocando così un subisso di urla. Un nuovo testo, Fondazione e Manifesto del futurismo, è ancora sulla sua scrivania, in attesa di vedere a sua volta la luce. Nel preparare il proscenio per la sua apparizione, di lì a un mese, Marinetti ha inventato un interazione attore-spettatore completamente inedita. «Quella di ieri sera non è stata una recita, ma una battaglia, un pandemonio, un caos», riferì la «Gazzetta del Popolo»: gli spettacoli dal vivo erano infatti lo strumento perfetto per creare quel genere di provocazione manesca che sarebbe assurta a sinonimo del futurismo stesso. Non stupisce dunque che il lettore del fascicolo di febbraio-marzo della rivista di Marinetti, «Poesia», potesse trovare, una volta terminata la lettura di Fondazione e Manifesto, un invito a tutta pagina rivolto a quanti avevano fischiato La donna è mobile ad assistere al nuovo spettacolo di Marinetti Le roi Bombance, in cartellone a Parigi. Ma la scandalosa serata di cui stiamo parlando non ebbe luogo a Parigi e neppure a Milano, le due città dove secondo la leggenda il futurismo è stato fondato, bensì al teatro Alfieri di Torino. Ed è soltanto uno dei molti episodi spettacolari che alterano l immagine consolidata del futurismo quale fenomeno che si diffuse lentamente a partire da Milano (dove viveva Marinetti), per toccare Firenze (dove gli intellettuali della rivista «Lacerba» si erano uniti al banchetto marinettiano), Roma («città passatista» per eccellenza) e quindi la provincia, allorché il futurismo non era più una cosa di là da venire. In verità il futurismo fu piuttosto, sin all inizio, l espressione di una rete nazionale: i suoi personaggi principali erano insediati, e lavoravano, in ogni parte del paese, e su questa ampia penetrazione geografica si basava il loro successo, sia che agissero in privato sia che si mostrassero in scena. I futuristi facevano grande affidamento sulle esibizioni dal vivo. Oltre alla pubblicazione di manifesti e alle mostre d arte, organizzavano concerti, conferenze, simposi, manifestazioni di protesta, spettacoli teatrali, ma soprattutto quel genere di evento che riuniva tutte queste forme di performance: la leggendaria serata. Le semplici cifre indicano la rilevanza di questi eventi, qui raggruppati sotto la dicitura generica di «spettacolo»: in Italia tra il 1909 e il 1915 il nucleo dei futuristi più importanti organizzò almeno 115 eventi, ma meno di 20 mostre d arte. Questo non vuol dire che gli spettacoli dal vivo fossero più importanti dei manifesti o delle opere figurative; significa che, se i futuristi preferivano l esperienza alla semplice percezione, e se ambivano non a rappresentare bensì a ricostruire l universo, fu naturale che proprio lo spettacolo dal vivo in grado di assorbire le altre forme artistiche nel momento in cui le promuoveva: in grado di essere fantasmagorico, effimero, interattivo con le masse secondo modalità precluse a ogni altra forma diventasse ai loro occhi lo strumento privilegiato per diffondere il movimento. Una breve nota sui dati che seguono. Il numero di eventi si riferisce a tutte le forme di spettacolo qui censite, con la sola esclusione delle mostre d arte. Si è scelto di indicare il numero complessivo degli eventi invece di suddividerli per tipologia, un po a scopo di leggibilità e un po per sottolineare come una quota dell inventiva futurista consistesse appunto nel cancellare il confine tra le diverse forme d espressione. Quando i futuristi lanciavano volantini alla prima del Rosenkavalier di Richard Strauss per protesta contro il «passatismo» della Scala di Milano, si producevano in un atto di teppismo o in una performance vera e propria? e quando declamavano le loro poesie alle manifestazioni interventiste si trattava semplicemente di azioni politiche, o di esibizioni letterarie di strada? Qui si è provato a documentare in maniera esaustiva gli eventi futuristi ufficiali organizzati da e/o con la partecipazione di Marinetti medesimo e dei personaggi a lui vicini che con sicurezza ebbero luogo, e di stabilirne la data precisa. Tuttavia, malgrado l esistenza di molte e scrupolose ricerche specializzate, le informazioni disponibili sono talvolta vaghe, o peggio, contraddittorie. Condurre un opera di verifica rigorosa implicherebbe un massiccio spoglio dei quotidiani dell epoca, così da confermare o correggere quei dati; ma è un impresa che eccede i limiti di questo saggio. Sono indicati anche alcuni eventi non ufficiali ma degni comunque di menzione.

2 Lo spettacolo del futurismo 3 La difficoltà maggiore nel graficizzare il futurismo è legata all ineguale precisione delle ricerche svolte nelle (e sulle) diverse aree del territorio italiano. Si sono consultate alcune decine di storie generali del futurismo e di studi concentrati su una particolare città o regione, solo in minima parte menzionati in bibliografia. Quasi ogni regione d Italia ha cercato di rivendicare il marchio di un suo speciale futurismo, ma questi tentativi sono incomparabili per profondità e per ampiezza. Naturalmente, le ricerche generano altre ricerche, ed è per questo che alcune regioni come la Liguria e la Sicilia appaiono importanti sia perché lo furono davvero sia perché sono state studiate meglio, laddove per regioni come l Abruzzo vale l esatto contrario. Eppure, anche in questi casi non è chiaro se l assenza di documenti stia a indicare una vera e propria assenza di attività, o denunci semplicemente che il lavoro rimane da fare. Ciò detto, la ricerca qui presentata è abbastanza completa da offrire una nuova base per la discussione; si spera che le eventuali delusioni derivanti da una qualche esclusione inducano a ulteriori indagini sulle questioni, sulle città e sulle personalità che al momento non sono conosciute a sufficienza. Il primo gruppo di mappe registra la diffusione del movimento in Italia. L anno 1909 è notevole per l assenza di Milano. L importanza della città è indubbia, dato che Marinetti vi abitò fin da quando ebbe concluso gli studi universitari, e dato che nella sua casa milanese ebbero sede le edizioni della rivista «Poesia» (sotto la cui egida apparvero molte opere futuriste) fino al 1925, anno in cui Marinetti si trasferì a Roma. Eppure le prime uscite ufficiali del futurismo dal vivo e su carta avvennero altrove. In virtù della pubblicazione di Fondazione e Manifesto, sulla prima pagina del quotidiano «Le Figaro» (il 20 febbraio 1909), Parigi è l altra città cui si accredita la nascita del futurismo; ma, come è noto, quel manifesto era apparso in precedenza sui quotidiani di varie città italiane, e Milano non figura tra queste. Il proclama di Marinetti si era potuto leggere nella sua interezza il 5 febbraio a Bologna («Gazzetta dell Emilia»), il 6 su «Il Pungolo» e il 14 su «La Tavola Rotonda» (entrambi di Napoli), il 9 sulla «Gazzetta di Mantova» e infine sul numero del 9-10 febbraio de «L Arena» di Verona. Altri giornali («Il Mattino» di Napoli, «Il Piccolo della Sera» di Trieste e la «Gazzetta di Venezia») avevano pubblicato articoli di commento o, nel caso dell ultima testata, di aperta satira del testo, limitandosi a riprodurne alcune parti. Anche nel suo primo anno di vita, dunque, quando l esistenza del futurismo era legata quasi esclusivamente alle sue espressioni cartacee, la detonazione del movimento non interessò soltanto Parigi o Milano dove «Poesia» pubblicò il manifesto nel fascicolo di febbraio-marzo ma coinvolse svariate città italiane. È da notare come Napoli mostri subito un grande interesse per le nuove imprese di Marinetti, con ampie cronache sullo spettacolo-scandalo La donna è mobile e riproducendo il Manifesto su tre diversi quotidiani: quasi l annuncio che la capitale partenopea sarebbe diventata presto, con Roma, un centro focale del futurismo. Per gli eventi dal vivo la tendenza è identica. Milano arretra sullo sfondo fino a scomparire. Oltre a Torino e Parigi, La Spezia e Trieste furono i luoghi deputati a ospitare gli eventi futuristi della prima annata. Con esibizioni specificamente teatrali e con iniziative pubbliche di natura più immediatamente politica (come la lettura di Trieste nostra bella polveriera eseguita da Marinetti, discorso che celebrava la centralità della città giuliana nella causa irredentista), il 1909 gettò le basi per un programma futurista all insegna di provocazioni pubbliche. Le famigerate serate futuriste cominciarono nel 1910, e fu di nuovo Trieste ad aggiudicarsi il primato ospitando la prima di esse il 12 gennaio; Milano si affaccia finalmente sulla nostra mappa, con la seconda serata del 15 febbraio. Nel biennio , circa metà delle trenta esibizioni dal vivo furono serate: un numero che è più del doppio rispetto a quello delle mostre cui i futuristi parteciparono, tutte tenute a Milano tranne una. In genere Marinetti inaugurava le serate, organizzate in grandi teatri municipali presi in affitto e stipati di pubblico fino al soffitto, con un atteggiamento derisorio e aggressivo: «Ho sperimentato sufficientemente la femminilità delle folle e la debolezza della loro verginità collettiva, nell imporre i versi liberi futuristi». Marinetti e la sua falange che all epoca annoverava Aldo Palazzeschi, Armando Mazza, e alcuni poeti del circolo futuristico romano come Libero Altomare e Giuseppe Carrieri declamavano poesie e manifesti e, non appena anche musicisti e pittori ebbero cominciato a produrre lavori futuristi, esibivano opere d arte ed eseguivano brani musicali. Sono innumerevoli gli aneddoti relativi al caos provocato dai futuristi nelle strade e nei teatri: il lancio di volantini da automobili prima dello spettacolo, e di ortaggi durante, fino alle processioni trionfali per le strade una volta calato il sipario sulla scena. Erano altrettante azioni di rivolta contro le tradizioni del teatro borghese, così come contro un più vasto malessere sociale, culturale e politico che i futuristi intendevano stigmatizzare. Alcuni eventi non ufficiali di quel biennio mostrano quanto rumore stessero provocando i futuristi. A Napoli ebbero subito un grande successo le parodie teatrali: il monologo Il futurista di Carlo Veneziani fu recitato da Vincenzo Scarpetta, il cui padre Eduardo Scarpetta, il comico più amato di quel periodo scrisse subito dopo una parodia tutta sua. L anno successivo (1911) Parma ospitò una conferenza di Marinetti e una serata, ma con svariate difficoltà e mesi dopo che, in seguito a due caotiche conferenze non ufficiali sul futurismo, le autorità avevano negato l autorizzazione a una serata promossa dagli studenti universitari. Ancora a Napoli, il primo concerto futurista venne eseguito all insaputa dei futuristi stessi: Nino Floro Caravaglios, che era in contatto col musicista Francesco Balilla Pratella benché non avesse ancora aderito al movimento, eseguì le musiche di Pratella informandolo solo a cose fatte. Marinetti, che si considerava unico arbitro degli eventi futuristi, non ne rimase per nulla contento. Infine, a Roma e a Civitavecchia Anton Giulio Bragaglia pro-

3 eventi futuristi ufficiali pubblicazione manifesto eventi futuristi ufficiali Verona Mantova Venezia Trieste Milano Venezia Bologna Napoli Napoli Figura 1. Eventi futuristi (1909). Figura 2. Eventi futuristi (1910). eventi futuristi ufficiali eventi futuristi ufficiali Parma Genova Roma Figura 3. Eventi futuristi (1911). Figura 4. Eventi futuristi (1912).

4 eventi futuristi ufficiali eventi futuristi ufficiali Milano Genova Savona Bologna Firenze Roma Roma Napoli Catanzaro Catania Figura 5. Eventi futuristi (). Figura 6. Eventi futuristi (1914). pose i suoi esperimenti di «fotodinamismo» che, pur non essendo tecnicamente lavori futuristi (Bragaglia avrebbe stabilito contatti con i futuristi romani solo alcuni mesi più tardi), vennero in breve tempo riconosciuti e finanziati da Marinetti in persona. Il portò con sé un esplosione di eventi, dopo il vuoto totale dell anno precedente, dovuto ai numerosi viaggi all estero dei protagonisti del movimento. Le manifestazioni non ufficiali si moltiplicarono. Folgore e Bragaglia accettarono di partecipare a un giro di serate organizzate da un entusiasta amico umbro (non è certo che tutte le esibizioni abbiano realmente avuto luogo, ma resta notevole l ampiezza del programma, che prevedeva ben due tournée nelle otto maggiori città dell Italia centrale). A Orvieto, in marzo, Pericle Perali presentò una conferenza sul futurismo presso la Società Pro Cultura, dopo aver chiesto a Folgore fotografie di quadri futuristi con una lettera in cui spiegava: «Non posso invitarvi io a farvi da voi stessi la réclame qua. Né a voi interesserebbero». Inoltre, con l obiettivo di imitare i loro idoli, alcuni studenti di Bologna si recarono a teatro per fischiare un opera di Puccini, mentre altri gruppi studenteschi andavano spuntando in varie città italiane tra cui Palermo, Rimini e Ancona. Quanto agli eventi ufficiali, oltre a banchetti e conferenze spesso imperniate sulla pittura o sulla fotografia di Bragaglia, una nuova versione di La donna è mobile intitolata Elettricità venne portata in tournée dal settembre al gennaio dell anno successivo. Grazie a questo lavoro e alle diverse serate, Genova Bologna Figura 7. Eventi futuristi (1915). eventi futuristi ufficiali

5 6 L età della nazione eventi futuristi ufficiali Torino Sanremo 1915 Novara Savona 1915 Como 1911 Genova Milano Pavia Bergamo La Spezia Parma Verona 1915 Pisa Mantova 1911 Modena Vicenza 1915 Bologna Faenza Pistoia Firenze Arezzo Padova Ferrara 1911 Forlì 1914 Treviso 1911 Ravenna 1914 Sansepolcro Perugia Venezia Bevagna Orvieto Pesaro 1911 Gubbio Nocera Foligno Spoleto Falconara Trieste Ancona 1915 Civitavecchia 1911 Roma L Aquila Velletri Roma: 1911,,,,,,,,,,,,,,,, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, , 1914 Napoli: 1910, 1910, 1910, 1910, 1910, 1910,, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, , 1910, 1911 Milano: 1910, 1910, 1911,, 1914, 1914, 1914, 1914, 1914, Genova: 1912, 1912,, 1914, 1914, 1915, 1915 Bologna: 1914, 1914, 1914, 1915, 1915 Firenze: 1911,,, 1914 Parma: 1911, , 1911 Venezia: 1910, 1910, 1911, 1915 La Spezia: 1909, Torino: 1909, 1910, Bergamo: 1911, 1915 Catania:, Catanzaro:, Faenza: 1914, 1915 Padova: 1910, 1915 Palermo: 1911, Perugia: 1914 Savona: Trieste: 1909, 1910 Palermo Napoli Messina Catania Catanzaro Figura 8. Eventi futuristi ( ).

6 Lo spettacolo del futurismo Italia estero Figura 9. Eventi (ufficiali) di spettacolo in Italia e all estero. non meno di diciannove città italiane, da Catania a Torino, ebbero occasione di vedere i futuristi in azione. Ben presto però il clamore attorno alle serate ufficiali giunse a un livello eccessivo persino per i gusti di Marinetti. Dopo quella che viene ricordata come «la battaglia di Firenze» il 12 dicembre, al Teatro Verdi, quando il pubblico si sgolò al che, ancora prima dell inizio, gli stessi promotori della serata non riuscirono a farsi ascoltare, e l evento si concluse con l intervento della polizia, il capobanda futurista si risolse a un cambiamento di rotta. «Il Futurismo non ha bisogno attualmente di grandi clamori, ma bensì di comunicazioni dirette coi pochi spiriti veramente futuristi che contiene una città», scrisse Marinetti al collega siciliano Guglielmo Jannelli, aggiungendo che la serata di Firenze era stata «sufficientemente dannosa». Una soluzione perfetta si trovò con l apertura di due gallerie permanenti da parte di Giuseppe Sprovieri: la prima a Roma nel dicembre, l altra a Napoli nel maggio 1914; una terza, progettata a Palermo, non fu mai inagurata per via della guerra. Si trattava di spazi più piccoli e per questo meglio gestibili: locali dove chi fosse realmente interessato al futurismo inteso non soltanto come un pretesto per fare chiasso poteva tenersi informato sulle attività del movimento. Non si trattava più di realizzare blitz per reclutare nuovi adepti; per il futurismo, anzi, l agitarsi incontrollabile delle folle rappresentava ormai più un intralcio che una spinta. Con questo cambio di strategia le energie furono concentrate su Roma e Napoli, che in questo modo divennero i principali centri di attività. Gli eventi organizzati nelle gallerie capitoline e partenopee erano analoghi alle serate, con letture di poesie e manifesti ed esecuzione di musiche. Le gallerie d arte, però, garantivano un atmosfera più raccolta, adatta per inediti esperimenti teatrali non semplici declamazioni, ma veri e propri allestimenti come la celebre Piedigrotta di Francesco Cangiullo, dedicata all omonimo festival partenopeo. Esse divennero così il luogo ideale per realizzare i principî enunciati nel manifesto del sul Teatro di Varietà, e per sviluppare le innovazioni del Teatro sintetico, che ebbe le sue prime tournée nel 1915 e 1916, e del Teatro della sorpresa qualche anno più tardi. Nella tabella 1 si danno i titoli di alcune tra le opere più importanti, ma andrà comunque ricordato che questi generi di spettacolo si componevano spesso di recite e declamazioni multiple. Gli anni 1914 e 1915 mostrano (fig. 9) un picco corrispondente agli anni -14 e un apparente tracollo nel 1915: il dato non sorprende, vista la mobilitazione dei futuristi per la guerra. Ma se le testimonianze dei futuristi sono attendibili, la quantità e la varietà degli eventi organizzati nelle gallerie di Sprovieri tra la fine del e l inizio del 1914 fu sbalorditivo. Oltre alle mostre d arte a catena, era in programma almeno uno spettacolo alla settimana, che solitamente non si discostava molto da quelli appena descritti. Cangiullo riferisce che a Napoli il pubblico ne avrebbe graditi anche due o tre per settimana, sebbene ulteriori ricerche abbiano rivelato come le difficoltà finanziarie e la necessità di incanalare le energie su Roma facessero progressivamente sfiorire la scena napoletana.

7 8 L età della nazione data Milano Roma Napoli febbraio serata 19 marzo apertura collettiva con Boccioni, Bonzagni, Carrà 20 aprile serata (presente Benedetto Croce) 22 aprile intervento di Marinetti 23 aprile intervento di Marinetti 24 aprile mini-serata per studenti 26 giugno intervento di Marinetti 27 giugno lettura poesie di Palazzeschi 29 o 30 luglio intervento di Marinetti 24 agosto apertura collettiva con Boccioni, Bonzagni, Carrà ottobre processo contro Marinetti per oltraggio al pudore 20 dicembre apertura collettiva con Boccioni, Bonzagni, Carrà e Russolo febbraio manifestazione contro il passatismo inscenata alla Scala durante lo spettacolo Il Cavaliere della Rosa di Strauss 30 aprile apertura collettiva con Boccioni, Carrà, Russolo 29 maggio intervento Boccioni 19 novembre musica di Pratella 12 dicembre apertura collettiva con Boccioni, Carrà, Russolo febbraio Prima esposizione di Pittura futurista 12 febbraio intervento di Marinetti 21 febbraio serata con concerto + 26 febbraio intervento di Boccioni 27 febbraio intervento di Marinetti, lettura di poesia, danza di Valentine Saint-Point 9 marzo serata con concerto + 21 marzo banchetto futurista 24 marzo fotodinamiche di Anton Giulio Bragaglia, mostra inaugurata con discorso di Marinetti + 26 marzo lettura poesia + intervento di Marinetti 27 marzo ricevimento per i futuristi 18 aprile conferenze di Marinetti, poi lettura di poesia. (Nella stessa settimana ci sarebbe stato un altro evento presso il Circolo Marchigiano di Roma) 24 aprile conferenza di Bragaglia? aprile Marinetti legge poesie? aprile «Fu Balla», mostra e vendita dei quadri passatisti di Giacomo Balla 11 ottobre intonarumori Tabella 1. Le città futuriste. Roma, Napoli, Milano, ( = espozione artistica, mostra; = manifestazione interventista; = concerto; = spettacolo, che comprende spettacoli teatrali, «serate futuriste» propriamente dette, interventi, conferenze, letture di poesie, manifesti ecc.). Il punto interrogativo indica che la data è incerta.

8 Lo spettacolo del futurismo 9 data Milano Roma Napoli 5 novembre serata e spettacolo, Elettricità di Marinetti 6 dicembre apre la Galleria Permanente Futurista Sprovieri 6 dicembre Boccioni 14 dicembre letture di Marinetti 28 dicembre letture di Boccioni 29 dicembre letture di Auro d Alba gennaio Pratella, Inno alla vita 16 gennaio serata con Elettricità 28 gennaio lettura di Marinetti 1º febbraio lettura di Marinetti 11 febbraio pittura 15 febbraio esce il film Mondo Baldoria? febbraio collettiva con i futuristi 8 marzo Folgore, Negli hangars del futurismo 15 marzo replica di Hangars e lettura di Paolo Buzzi 19 marzo lettura di Zang Tumb Tumb 29 marzo Piedigrotta di Cangiullo 5 aprile Piedigrotta di Cangiullo 13 aprile Esposizione libera futurista internazionale di pittori e scultori (inaugurata da un discorso di Marinetti) e spettacoli, che includono i Funerali del critico passatista (Benedetto Croce) + 21 aprile intonarumori 26 aprile Grande Convegno Futurista 3? maggio Apre la Galleria Futurista Permanente con letture di poesie di Marinetti + 12 maggio Piedigrotta 14 maggio Mostra di Pittura futurista, che si inaugura con uno spettacolo + 17 maggio Serata in onore di Yvonne 24 maggio Piedigrotta 27 maggio Cangiullo, serata, più alcune altre serate nei giorni successivi (mancano le date precise) 31 maggio replica di Yvonne 4 giugno Piedigrotta 6 giugno lettura poesie 7 giugno Folgore, Hangars 9 giugno lettura poesie 15 settembre manifestazione durante uno spettacolo di Puccini alla Scala 16 settembre manifestazione alla Galleria Vittorio Emanuele 29 novembre lancio di In quest anno futurista 9 dicembre manifestazione all università 11 dicembre manifestazione all università aprile lettura poesie 15 dicembre lettura di Marinetti (in licenza militare) all inaugurazione della Esposizione Fu Balla e Balla Futurista +

9 10 L età della nazione La domenica era il giorno tipicamente prescelto per gli spettacoli sull esuberante scena romana. Si è qui tenuto conto soltanto delle performance specificamente documentate; ciò vuol dire che il numero effettivo di eventi, fino all intervento dell Italia nella guerra (quando Sprovieri chiuse le sue gallerie fino al 1918), è probabilmente di gran lunga superiore a quello qui riportato. Ma anche senza tener conto di quelli sfuggiti al censimento degli studiosi, il numero di eventi a Roma e Napoli dal in poi supera di molto quello registrato a Milano o in altre città. Tra il 1914 e il 1915 ci furono anche diverse dimostrazioni interventiste a Bologna, Milano e Roma, alcune organizzate dai futuristi e altre soltanto con la loro partecipazione (queste ultime sono escluse dal conteggio). Marinetti e i suoi subirono vari arresti, nel settembre 1914 a Milano, a febbraio e ad aprile 1915 a Roma: in quest ultimo caso come è noto insieme a Benito Mussolini. Altri eventi non ufficiali compresero una serata a La Spezia, una conferenza sul futurismo a Savona e una lettura di poesie futuriste da parte del celebre attore Leo Sotti a Vicenza. Ma la novità di gran lunga più significativa fu l uscita romana di Mondo Baldoria, con chiaro riferimento al titolo italiano di Le roi Bombance di Marinetti: Re Baldoria. Lanciato come il «primo soggetto futurista in cinematografia», il film conteneva musiche, foto e cartelloni futuristi, e perfino un breve spezzone in cui comparivano Marinetti e altri esponenti del movimento. Eppure, Marinetti disconobbe in tutto e per tutto quel film, con la motivazione che il regista Aldo Molinari non faceva parte del suo gruppo. Il Mondo Baldoria venne comunque percepito come un evento futurista, e la stroncatura pubblicata in seguito da Marinetti non fece che alimentare la chiacchiera sul futurismo in una città già espugnata dal movimento. L imporsi di Roma quale città futurista impone un commento. Molto si è scritto sul presunto ritardo con cui la capitale del Regno si aggiunse alla scena del futurismo. A Roma, fino al, si può registrare soltanto una conferenza tenuta nel 1911 dal celebre pittore-scultore Umberto Boccioni. Secondo alcuni, questa lenta adozione del futurismo rappresenterebbe la conferma che aveva colto nel segno il manifesto del 1910 Contro Roma passatista, quando sosteneva che la capitale d Italia «langu[iva] sotto la sua lebbra di rovine». Si dice per esempio che Roma soppiantò Milano come quartier generale futurista solo quando Marinetti vi si trasferì (era la città d origine di sua moglie, Benedetta Cappa). Nonostante negli ultimi anni studiosi come Claudia Salaris ed Enrico Crispolti abbiano valorizzato il ruolo di Roma nella storia del movimento, si continua a ripetere erroneamente che la capitale contò ben poco agli albori del futurismo. Non soltanto Roma era diventata la città futurista più vivace e dinamica sin dal, ma ospitava anche personaggi chiave nell aiutare Marinetti a dare una struttura al proprio movimento. A Roma risiedeva Remo Mannoni, che nell aderire al gruppo futurista aveva scelto di ribattezzarsi Libero Altomare; in rapporti con Marinetti fin dal 1908, fu accolto con entusiasmo dal gruppo e si vide pubblicare la poesia Apocalisse nel fondamentale fascicolo di febbraio-marzo di «Poesia», quello cioè in cui apparve il primo Manifesto. Nel 1910 Altomare presentò Marinetti a Boccioni, che aveva vissuto nella città eterna dal 1901 al Quanto a Giacomo Balla, conobbe Marinetti alla conferenza romana di Boccioni del Il romeno Luciano Folgore (già Omero Vecchi nel suo periodo prefuturista: i romani avevano un gusto particolarmente spiccato nell ostentare la propria esuberanza con pseudonimi carichi di elettricità) era diventato futurista nel Giuseppe Carrieri, un giovane calabrese giunto a Roma per studiare legge, fu un altro degli animatori della prima ora, quando il movimento era ancora soltanto letterario e non ancora artistico. E poi, c erano i fratelli Bragaglia. Benché Anton Giulio fosse entrato ufficialmente nel gruppo solo nel 1912, lui e suo fratello Arturo avevano sperimentato il fotodinamismo almeno fin dalla metà del 1911, e dall autunno dello stesso anno avevano cominciato a tenere conferenze e a organizzare mostre. Una ricerca esaustiva sulle attività di Bragaglia aggiungerebbe parecchi punti alla mappa futurista, perché sappiamo con certezza che presentò i suoi lavori nel Lazio, in Campania, in Abruzzo e nelle Marche. La cronologia delle tre principali città futuriste (tab. 1) e la mappa di Roma futurista (fig. 12) mostrano fino a che punto la capitale del Regno sia stata al centro delle attenzioni di Marinetti dal in poi; la mappa comprende pure il periodo bellico, che fu anch esso una fase feconda e degna di nota. L entusiasmo e la partecipazione dei romani durante la guerra furono essenziali per la sopravvivenza del movimento; allo stesso modo come ha notato Enrico Crispolti il profilo sempre più internazionale dell avanguardia italiana diede una spinta decisiva alle esperienze in corso: il che si può dire tanto dei futuristi quanto di chi entrò in contatto con loro. L esempio migliore lo offre la collaborazione tra i futuristi e i Balletti Russi di Serge Diaghilev: un alleanza preparata fin dal 1914, quando Igor Stravinskij assistette a un concerto futurista a Londra (l anno successivo i futuristi suonarono per lui e per Diaghilev in casa di Marinetti a Milano). Diaghilev, i suoi ballerini, il coreografo Léonide Massine, gli scenografi Larionov e Gon arova e i loro collaboratori Jean Cocteau e Pablo Picasso passarono alcuni mesi a Roma prima che nell aprile 1917 debuttasse Feu d artifice: un balletto senza ballerini composto da Stravinskij e disegnato da Balla. Oltre a far nascere una nuova estetica per la compagnia di Diaghilev, quell incontro rivoluzionò la danza moderna. Risalendo nel tempo, la mappa relativa al 1912 che è quasi del tutto priva di eventi ci invita a spostare l attenzione oltre i confini italiani. Fu quello un anno di incessanti tentativi del futurismo per ottenere il riconoscimento internazionale; e l arte, soprattutto la pittura, ebbe un ruolo decisivo in questo processo. La proliferazione di manifesti aveva rapidamente esteso la notorietà del gruppo fino al Giappone, ma fu solo dal 1912 in poi che città diverse dal binomio Parigi-Londra (dove Marinetti aveva già tenuto conferenze e letture nel

10 Lo spettacolo del futurismo 11 Pietroburgo Mosca Londra L Aia Amburgo Amsterdam Rotterdam Hannover Berlino Parigi Bruxelles Colonia Lipsia Karlsruhe Monaco Vienna Zurigo Budapest Chicago San Francisco evento-performance futurista mostra futurista Figura 10. Gli eventi e le performance futuriste all estero ( ) e nel 1911) ospitarono eventi futuristi. Furono per lo più mostre d arte, come indica la figura 10, accompagnate da conferenze che contestualizzavano le opere e diffondevano il verbo futurista, nelle occasioni in cui qualche membro del gruppo era sul posto. I pittori fecero il loro debutto fuori dai confini nazionali nel febbraio 1912 a Parigi, con l esposizione Les peintres futuristes italiens che includeva opere di Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Luigi Russolo e Gino Severini (ma non quelle di Giacomo Balla, benché comprese nel catalogo); tutti gli artisti, più Marinetti, erano presenti. La mostra si spostò poi a Londra, Berlino (con Marinetti e Boccioni al seguito), Bruxelles, L Aia, Amsterdam e Monaco. Un altra serie di esposizioni nel e nel 1914 toccò Budapest, Rotterdam, Karlsruhe, nuovamente Berlino, Lipsia e ancora Londra. Le performance dal vivo abbinate alle mostre, a Berlino, a Londra e a Parigi, sottolineano lo sforzo compiuto dal movimento per farsi conoscere nei luoghi dove poteva ottenere il massimo della pubblicità. Allo stesso tempo, però, la centralità accordata ai pittori lascia pensare che fuori dai confini d I-

11 12 L età della nazione pubblicazioni futuriste evento futurista Adolfo Bianchi (per breve tempo entusiasta del futurismo) pubblica La parabola del futurismo, pamphlet con cui abbandona la sperimentazione d avanguardia febbraio Il deputato cosentino Nicola Serra aderisce pubblicamente al programma del Partito politico futurista con una lettera a «Roma futurista», favorendo i contatti di altri calabresi con il movimento Michele Berardelli, da poco diventato futurista, espone le sue ceramiche in una mostra del Dopolavoro Armando Muti pubblica la composizione Incursione Aerea, brano per pianoforte, ispirata al futurismo e dedicata a Marinetti 1 dicembre Pietro Pupino Carbonelli pubblica «La Rivolta futurista», numero unico, con scritti futuristi 10 agosto Dopo aver già sostenuto il futurismo nella rivista politica «La Freccia», il futurista calabrese Enzo Benedetto pubblica la rivista «Originalità». Ne esce un secondo fascicolo il 7 settembre: entrambi contengono scritti di Marinetti e di altri futuristi siciliani e giuliani 9 settembre Si inaugura la IV Biennale d Arte di Reggio Calabria con una sala futurista organizzata da Benedetto, che vi espone circa 40 sue opere. Sono presenti Benedetta Marinetti, i futuristi Guglielmo Jannelli e Fortunato Depero, e Italo Balbo, all epoca segretario di stato per l Aviazione 2 aprile Al Politeama Siracusa, Marinetti declama Bombardamento di Adrianopoli, tiene una conferenza su Boccioni e annuncia la formazione in città di un gruppo futurista. Qualche giorno più tardi, con la collaborazione del Dopolavoro, ci sarà una prima riunione pubblica estate In una sala dei Guf si tiene una mostra di «Cartelli lanciatori» futuristi, cioè manifesti pubblicitari di natura politica Geppo Tedeschi fonda il gruppo futurista Gli Adoratori della Patria Cosenza Caulonia Catanzaro Alfonso Dolce pubblica A piedi nudi. Teatro sintetico senza veli, una raccolta di testi ispirata al futurismo Cropani ottobre. Due spettacoli futuristi: Elettricità di Marinetti e, il giorno dopo, serata futurista presso il Circolo di Cultura 22 maggio Marinetti, invitato dal Circolo di Cultura Francesco Squillace, tiene una conferenza su Boccioni e presenta il proprio libro L alcova d acciaio Il primo numero della rivista locale «Approdi», rassegna di lettere e d arte, si apre con un Autobiografia di Anton Giulio Bragaglia Esce il secondo numero di «Approdi», che dedica ampio spazio al futurismo Marinetti presenta il suo nuovo libro Il poema africano della divisione «28 Ottobre» Reggio Calabria Ilario Franco fonda il Circolo futurista Il Nuovo Inferno. Figura 11. Calabria futurista: un esempio di futurismo in provincia ( ).

12 Lo spettacolo del futurismo 13 talia cioè là dove la lingua diventava un ostacolo fossero le tele dipinte e non le parole scritte a dare forza alla spinta futurista. Resta comunque affascinante l esperienza di Londra, dove nel giugno 1914 i futuristi tennero dodici concerti al Coliseum con l «intonarumori» di Luigi Russolo. Gli spettacoli venivano aperti da una lettura di Marinetti in lingua inglese, e si calcola siano stati visti da circa trentamila spettatori; se contati come dodici eventi distinti piuttosto che come un evento unico, essi conferirebbero a Londra e non a Parigi il primato della città straniera più attiva nell ospitare iniziative futuriste. Al di fuori dell Europa occidentale e centrale, gli episodi più rilevanti furono una visita di Marinetti in Russia, dove tenne otto conferenze tra Mosca e San Pietroburgo, e oltreoceano alcune mostre d arte a Chicago e a San Francisco che ospitarono opere futuriste. Marinetti venne salutato come «la caffeina d Europa» proprio in virtù di questi infaticabili spostamenti: le spedizioni a Parigi, Berlino e Londra spiegano in larga parte l aumento dell attività futurista in quelle capitali. Ma Marinetti e gli altri futuristi compirono anche viaggi non segnati sulla nostra mappa. Le scappate a Parigi dove viveva il compagno di malefatte Gino Severini erano frequenti per molti di loro, laddove Balla era più incline a recarsi a Düsseldorf; si sa inoltre che Marinetti visitò la Spagna, l Inghilterra e più volte la Germania, mentre i suoi viaggi in tempo di guerra in Libia e a Sofia, in Bulgaria, sono ben documentati da quel capolavoro futurista che è Zang Tumb Tumb. Riesce difficile immaginare che i futuristi, e Marinetti in particolare, non profittassero di quelle visite per proseguire nella loro attività di proselitismo. Le esibizioni e le mostre futuriste raggiunsero dunque quaranta città italiane e venti città straniere fin dai primi anni del movimento, mentre l ampia diffusione delle pubblicazioni, l attenzione della stampa e gli sforzi entusiastici dei simpatizzanti fecero sì che il movimento lasciasse il segno anche in quei luoghi che i futuristi non avevano toccato. Se l attività fu meno dirompente nel periodo tra le due guerre, anche in questa fase più tarda al movimento non fecero però difetto né innovazioni né proseliti infervorati. In luoghi come le Marche o la Puglia, il futurismo rimase una presenza costante grazie alla stampa che riferiva di quanto avveniva altrove. In Sicilia, dove i poeti locali parteciparono fin dal primo giorno all attività del gruppo, le nuove riviste furono numerosissime. Altrove, il ricordo dei riusciti incontri d anteguerra fece sì che la bandiera futurista fosse inalberata ancora per lungo tempo. La Liguria, ad esempio, mantenne un calendario folto di iniziative dal 1909 fino al 1944, cioè all anno della morte di Marinetti: anche perché il fondatore del movimento e sua moglie Benedetta passavano in Liguria gran parte del loro tempo. La mappa relativa alla Calabria futurista offre un quadro sintetico della penetrazione del movimento in questa regione: dagli anni dieci fino al principio degli anni quaranta. Si tratta di un caso tanto più notevole in quanto, secondo Claudia Salaris, la Calabria vide una relativamente «scarsa diffusione del movimento». Evidentemente, una modesta attività futurista implicava comunque lo svolgersi di una grande varietà di eventi, tra cui conferenze, mostre, pubblicazioni di riviste e di libri, e perfino la fondazione di circoli. Riguardo agli anni venti e trenta, è necessario peraltro segnalare il sostegno offerto alle attività del futurismo dal governo fascista, al punto che non sempre la differenza tra eventi fascisti ed eventi futuristi risulta oggi percepibile. In questa sede, naturalmente, non si può affrontare la complicata questione delle relazioni tra il movimento e il regime; basterà notare almeno che la loro collaborazione indica quanto fosse importante per i futuristi e per tutta l avanguardia italiana del primo Novecento colmare il divario tra cultura d élite e cultura di massa. E questo sempre al servizio di una rivoluzione da essi concepita in termini non esclusivamente estetici ma anche sociali e politici. I futuristi non smisero mai di combattere per creare non solo inedite forme di arte, letteratura e spettacolo ma anche, e forse soprattutto, «una realtà completamente nuova». La loro scommessa sulle capacità palingenetiche del regime mussoliniano con tutti gli abbagli del caso si spiega a partire da questa esigenza di abbattere una volta per tutte i confini e di estetizzare la vita quotidiana almeno quanto di politicizzare l'esperienza estetica. patricia gaborik g. antonucci, Lo spettacolo futurista in Italia, Studium, Roma 1974; p. fossati, La realtà attrezzata. Scena e spettacolo dei futuristi, Einaudi, Torino 1977; l. lapini, Il teatro futurista italiano, Mursia, Milano 1977; g. antonucci e altri, Il futurismo e Roma, Istituto di studi romani, Roma 1978; c. salaris, Storia del futurismo, Editori Riuniti, Roma 1985; a. c. toni (a cura di), I luoghi del futurismo ( ), Multigrafica, Roma 1986; g. miligi, Prefuturismo e primo futurismo in Sicilia, , Sicania, Messina 1989; m. d ambrosio, Nuove verità crudeli. Origini e primi sviluppi del futurismo a Napoli, Guida, Napoli 1990; a. m. ruta, Il futurismo in Sicilia. Per una storia dell avanguardia letteraria, Pungitopo, Marina di Patti 1991; g. berghaus, Futurism and Politics: Between Anarchist Rebellion and Fascist Reaction, , Berghahn, Oxford 1996; e. crispolti, Futurismo e meridione,electa, Napoli 1996; v. cappelli e l. caruso, Calabria Futurista, Rubbettino, Soveria Mannelli 1997; c. salaris, Luciano Folgore e le avanguardie, La Nuova Italia, Firenze 1997; g. berghaus, Italian Futurist Theatre, , Clarendon Press, Oxford 1998; c. salaris, La Roma delle avanguardie. Dal futurismo all underground, Editori Riuniti, Roma 1999; g. lista, Cinema e fotografia futurista, Skira, Milano 2001; s. bertini, Marinetti e le eroiche serate, Interlinea, Novara 2002; l. tallarico, Il Futurismo e la Calabria, Iiriti, Reggio Calabria 2003; f. magro, Catanzaro vento futurista, Calabria letteraria, Soveria Mannelli 2004; f. t. marinetti, Teatro,a cura di J. T. Schnapp, Mondadori, Milano 2004; g. casetti e v. m. trapasso, FuturMappa, Libreria-galleria il museo del louvre, Roma 2009 (poster); e. gentile, La nostra sfida alle stelle: futuristi in politica, Laterza, Roma-Bari 2009; ch. poggi, Inventing Futurism: The Art and Politics of Artificial Optimism,Princeton University Press, Princeton N.J. 2009; e. crispolti, Nuovi archivi del futurismo, De Luca, Roma 2010.

13 ROMA FUTURISTA collaborazione con i Balletti Russi assembramento politico scontri fisici 12 spazio pubblico invaso dai futuristi 1 Campo de Fiori. Il mercato dove i fratelli Bragaglia comprano la macchina fotografica con cui realizzano le prime fotodinamiche. 2 Piazza dell Oratorio. Nel è teatro di una rissa, il giorno di una conferenza di Marinetti, quando i futuristi cercano di impedire il suo arresto; dopo l episodio, il questore invita il capo dei futuristi ad abbandonare la città. 3 Porta Portese. Marinetti e Cangiullo fanno lo shopping per l assemblage M.lle flic flac chiap-chiap. 4 Piazza della Pilotta. Vi si svolge una manifestazione interventista che sfocia nell arresto di Marinetti, Balla, Bruno Corra ed Emilio Settimelli insieme con Mussolini. 9 abitazione o studio di esponente futurista 5 Via Muzio Clementi n. 9. È la pensione dove Umberto Boccioni e Libero Altomare dividono una stanza. 6 Via Montebello n. 34. Casa di Luciano Folgore fino all agosto Via Donizetti n. 14. Casa di Benedetta Cappa, allieva di Balla e futura moglie di Marinetti. 8 Via Cimarosa n. 1. Casa di Luciano Folgore dall agosto Via Terenzio n. 30. Prima abitazione romana di Fortunato Depero. 10 Via Nicolò Porpora n. 2. «Casa Balla», che a partire dal 1914 l artista arreda nello stile futurista. Viene aperta al pubblico la domenica pomeriggio. 11 Via Quattro Fontane. 12 Viale Gulio Cesare. Studio futuresoterico di Arnaldo Ginna. Studio di Depero. Hôtel Flora, dove Marinetti ha a disposizio- 13 Via Veneto n ne una camera. 14 Via dei Banchi Vecchi n Vicolo del Leopardo n. 36. Casa di Bragaglia. Abitazione e posto di lavoro del signor Petrosemo (pseudonimo di Giacomo Foà), il sarto di Giacomo Balla che nel 1914 realizza per lui il «vestito antineutrale». 16 Via Margutta n. 53b. Studio di Pablo Picasso durante la collaborazione tra i futuristi e i Balletti Russi. 17 Via del Babuino n. 9. Hôtel de Russie et des Îles Britanniques, alloggio di Picasso e di Jean Cocteau al principio del Hôtel Minerva, alloggio dei balleri- 18 Piazza della Minerva n. 69. ni dei Balletti Russi (1917). 19 Via Principessa Clotilde. Studio degli scenografi dei Balletti Russi, Larionov e Gon arova, durante la loro collaborazione del 1917 con i futuristi. 20 Via del Corso, angolo via del Parlamento. Nel , Diaghilev affitta una stanza nel palazzo dei marchesi Theodoli; Stravinskij è suo ospite. Figura 12. Roma futurista ( ) 14 15

14 Roma

15 16 L età della nazione caffè regolarmente frequentato da futuristi 21 Via Condotti Via del Corso Via del Tritone. Caffè Greco. Caffè Aragno. Caffè Gropo. i locali degli eventi futuristi 24 Via Quattro Novembre n Libreria Mantegazza, dove nel 1911 si tiene la prima esposizione fotodinamica di Anton Giulio Bragaglia. 25 Via Margutta n. 14. Circolo artistico di via Margutta, che nel 1911 ospita una conferenza di Boccioni sulla pittura futurista. 26 Via del Babuino n. 36. Giacomo Balla vi programma nel 1912 un asta dei suoi quadri «passatisti», appendendo una grande tela su cui è scritto «Balla è morto, qui si vendono le opere del Fu Balla». 27 Piazza Madonna dei Monti. Vi sorge l edicola di giornali decorata da Arnaldo Ginna e Giacomo Balla nel Via Torino n. 22. Teatro Costanzi. Vi si svolgono le serate del 21 febbraio e del 9 marzo, nonché nel 1917 lo spettacolo Feu d artifice dei Balletti Russi, con scenografia di Giacomo Balla. 29 Via Torino angolo via Nazionale. Qui, dopo la serata del 9 marzo, Marinetti prende a calci il principe Ludovico Altieri e perde una scarpa. 30 Via del Corso n Ristorante Le Venete, sede nel del banchetto futurista. 31 Via Velletri n. 13. Sala Pichetti: nel ospita eventi futuristi. 32 Via Boncompagni n. 93. Circolo Marchigiano: nel ospita eventi futuristi. 33 Piazza Colonna. Padiglione Colonna: nel ospita eventi futuristi. 34 Corso Rinascimento n. 40. La Sapienza, sede delle manifestazione futuriste del Via Capo le Case n. 57. Il bordello della signora Ines, locale di incontri celebri, come quello del 1910 in cui Marinetti e Apollinaire discutono di astrologia. 36 Via della Mercede. Libreria Lux che nel espone all esterno una tela di Boccioni (viene fotografata la folla che la guarda). 37 Via Pesaro n Stabilimento della Vera Films, società produttrice di Mondo Baldoria. 38 Piazza Venezia. dei Balletti Russi. Caffè Faraglia: nel 1917 vi si svolgono le prove 39 Via dei Santi Apostoli n. 20. Teatro dei Piccoli, nel Palazzo Odescalchi, dove va in scena lo spettacolo Balli Plastici di Depero (nel 1925 diventerà sede del Teatro d Arte di Pirandello). 40 Via San Nicola da Tolentino n. 23. Casa d Arte Italiana di Mario Recchi ed Enrico Prampolini, giovane pittore che diventerà il maggiore protagonista dello spettacolo futurista negli anni venti. La Casa apre nel Via della Stelletta n. 25. Sede del Fronte Interno, dove Marinetti fonda il Fascio politico futurista romano subito dopo l armistizio, nel dicembre Via del Tritone n galleria futurista Galleria Sprovieri. I futuristi di Roma si scelgono un nuovo nome Remo Mannoni Libero Altomare Omero Vecchi Luciano Folgore Umberto Bottone Auro D Alba Renato Santamaria Dinamo Correnti Guido Orzi Guizzidoro Umberto Daquanno Vasto Ciclone Eva Kühn Amendola Magamal (Magamal è il nome del fratello di Mafarka nel romanzo di Marinetti Mafarka il futurista, Eva, invece, è moglie e madre di due uomini politici: Giovanni e Giorgio Amendola)

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

OGGETTO Proposta Spettacoli

OGGETTO Proposta Spettacoli O n a r t s d i Soc.Coop.Artemente Via Ronchi 12, Ca tania Fax 095.2935784 Mobile 320 0752460 www.onarts.net - info@onarts.net OGGETTO Proposta Spettacoli Con la presente siamo lieti di presentarvi le

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Presenta L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Premio IN-BOX 2014 LA CRITICA Uno spettacolo intenso... L'eco del diluvio è dilagata in noi con il suo fragore incontenibile

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Storia dell'opera lirica in pillole

Storia dell'opera lirica in pillole Storia dell'opera lirica in pillole Le origini dell opera lirica: tutto ebbe inizio così... L opera lirica non esisteva nell antichità. Esisteva il teatro fin dai tempi dell antica Grecia e c era la musica

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

L uso dell articolo con i nomi propri italiani regole generali Verwendung des Artikels bei italienischen Eigennamen - generelle Regeln

L uso dell articolo con i nomi propri italiani regole generali Verwendung des Artikels bei italienischen Eigennamen - generelle Regeln L uso dell articolo con i nomi propri italiani regole generali Verwendung des Artikels bei italienischen Eigennamen - generelle Regeln 1. Nomi di persona/battesimo (Personennamen) e cognomi (Familiennamen)

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Liceo Mazzini - La Spezia a. s. /11 classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Nell ambito della programmazione di Laboratorio della Comunicazione, la nostra classe ha svolto

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI LISTE REGIONALI SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ.3 SEZ.4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 TOTALE LISTA N. 1 CANCELLERI Giovanni Carlo 72 103 104 106 70 53 90 91 59 86 77 89 96 1096 LISTA

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

WILHELM SENONER E UNO DI NOI

WILHELM SENONER E UNO DI NOI WILHELM SENONER E UNO DI NOI Dopo l installazione presso il Padiglione Italia di Torino in occasione della 54 Biennale d Arte di Venezia, una nuova metafora della condizione umana rappresentata dal lavoro

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli