Introduzione all Ingegneria del Software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione all Ingegneria del Software"

Transcript

1 Introduzione all Ingegneria del Software Alessandro Martinelli 28 novembre 2014 Introduzione all Ingegneria del Software Ingegneria del Software Modelli di Sviluppo del Software Waterfall Model Modelli a Spirale Sviluppo Incrementale ed Iterativo Agile Software Development ed Extreme Programming Il Rilascio del Software e le Versioni Fondamenti di Informatica II

2 Ingegneria del Software Due parole : Software e Ingegneria Software Linguaggi (C,Java), Paradigmi (Procedurali, ad Oggetti), Metafore di Programmazione Codice di Programmazione Strumenti di Case (Eclipse) Ingegneria Progettazione, Disegno Sviluppo e Produzione Verifica, Collaudo Uso di Strumentazione Tecnica Applicazione di Standard A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

3 Ingegneria del Software Ingegneria del Software Ingegneria del Software Un insieme di pratiche Ingegneristiche che servono a supportare e a migliorare la realizzazione di un prodotto software. Migliorare? Ridurre i tempi di sviluppo Ridurre gli errori di produzione. Sfruttare soluzioni standard di cui beneficino modularità, riciclabilità, portabilità, usabilità... A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

4 Alcuni Elementi di Ingegneria del Software Le pratiche dell Ingegneria del Software Tra le pratiche principali dell Ingegneria del Software troviamo: Metriche : forniscono valutazioni oggettive e misurabili del codice. Design Pattern : offrono dei modelli di progettazione utili e riciclabili. Linguaggi di Modellazione : offrono uno strumento per l analisi e la progettazione del Software. Esempio: i Diagrammi delle Classi UML Metodologie e Tool per lo Sviluppo : formalizzano la tecnica di sviluppo del Software, standardizzando lo sviluppo stesso, consentendo un più semplice coordinamento tra gli sviluppatori. Questa lezione è dedicata soprattutto ai Modelli di Sviluppo. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

5 Alcuni Elementi di Ingegneria del Software Metriche Alcuni esempi di metriche: LoC (Lines of Code) : ne esistono molte varianti Fattore di qualità : Q = LoC N Errori Critica alle Metriche LoC o simili Famose intorno agli anni 80, venivano usate per misurare la produttività degli sviluppatori e sono state estremamente criticate, perché: Poco significative. Favoriscono la ripetizione e la duplicazione di codice. Sfavoriscono interventi volti a migliorare la riusabilità del codice. Perchè: le metriche buone (come la Lack of Cohesion in Methods) sono quelle che l ingegnere usa per valutare la qualità del proprio operato, non quelle usate dai dirigenti per valutare la produttività degli ingegneri. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

6 Modelli di Sviluppo del Software Modelli di Sviluppo del Software Per agevolare l organizzazione ed il flusso di lavoro di grandi progetti è necessario definire un Modello di Sviluppo attraverso il quale vengono pianificate ed organizzate le attività di Sviluppo. La scelta del Modello di Sviluppo è vincolata: Dalle persone coinvolte Dai requisiti temporali (i.e. Pagamento alla consegna) Dalla dimensione del progetto Dalla tipologia di Progetto Dal periodo storico in cui il progetto è iniziato Sulle Metodologie di Sviluppo Il tema della Metodologia di Sviluppo è un tema molto caldo al giorno d oggi. Le Metodologie moderne sono talvolta complesse. C è una forte entropia sull argomento, perchè gli interessati si informano unicamente sul web. C è una diffusa ingenuità ed ignoranza sull argomento. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

7 Modelli di Sviluppo del Software Le Fasi dello Sviluppo Ogni Modello di Sviluppo ha come obiettivo quello di pianificare lo Sviluppo in fasi ben determinate Ogni fase avrà obiettivi specifici e farà uso di strumenti differenti. Il coordinamento delle fasi deve consentire di raggiungere l obiettivo finale che è la realizzazione di un progetto. Fasi tipiche dello sviluppo : Definizione dei Requisiti Analisi Codifica Validazione (Testing/Debugging) Rilascio A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

8 Il Modello a Cascata Il Waterfall Model (Modello a Cascata) Il Modello a Cascata definisce un elenco di attività che devono essere svolte in sequenza. Il concetto di Modello a Cascata può essere applicato a differenti tipologie di Cascate. Il modello originale prevedeva questi passi: Definizione delle Specifiche Progettazione Implementazione Integrazione (con i dispositivi e gli altri sistemi con cui il progetto si deve integrare) Validazione: Testing(per verificare l esistenza di errori) e Debugging (per rimuove gli errori). Installazione. Manutenzione. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

9 Il Modello a Cascata Il Waterfall Model (Modello a Cascata) Specifiche Progetto Implementazione Verifica Manutenzione A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

10 Il Modello a Cascata Il Waterfall Model : Difetti La fase di definizione delle Specifiche è Definita una volta per tutte. Questo rende impossibile rivedere le specifiche qualora durante lo sviluppo si presentassero delle complicazioni. La fase di progettazione avviene prima di tutto lo sviluppo; anche in questo caso è impossibile tornare sui propri passi qualora le cose non andassero come si deve La fase di Manutenzione è particolarmente critica. Il progetto è chiuso. Qualsiasi esigenza aggiuntiva diventa difficile da soddisfare in un secondo momento. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

11 Il Modello a Spirale Il Modello a Spirale Le critiche al Modello a Cascata suggeriscono un l uso di un Modello che consenta di tornare sui propri passi. Il Modello a Spirale complica quello a cascata con le seguenti considerazioni: Definito l elenco di specifiche e di funzionalità di un prodotto, gli sviluppatori selezionano alcuni obiettivi iniziali. Il processo di sviluppo, che qui è detto ciclo, prevede questi step: Definizione Specifiche Valutazione dei rischi legati allo sviluppo Implementazione Validazione (Testing-Debugging) Terminato il processo di Validazione, vengono considerati nuovi obiettivi e nuovi requisiti e si ricomincia da capo. Il Modello è a Spirale perchè ad ogni ciclo di sviluppo si produce una nuova versione del progetto, di dimensione crescente. Soprattutto nella fase iniziale, le versioni sono dette Prototipi, ed il processo di selezione dei requisiti nelle prime fasi viene detto Prototipazione. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

12 Il Modello a Spirale Il Modello a Spirale 3 4 Implementazione Validazione Rilascio Prototipo 2 Valutazione Rischi Requisiti 1 A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

13 Il Modello a Spirale Il Modello a Spirale Il Modello a Spirale è in genere vantaggioso perchè consente di descrivere un processo un poco per volta. La fase di valutazione dei rischi rende più robusta la gestione del progetto La progettazione a piccoli passi consente di valutare più rapidamente eventuali difficoltà di sviluppo. Lo sviluppo un poco alla volta rende anche più facili le fasi di testing e debugging: E più facile definire test adeguati. E più facile trovare gli errori se si è modificato meno codice. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

14 Il Modello a Spirale Sviluppo Incrementale ed Iterativo Col Modello a Spirale spesso si introducono il concetto di Sviluppo Incrementale ed Iterativo. Sviluppo Iterativo Quando lo sviluppo segue delle iterazioni, ovvero è ciclico. Sviluppo Incrementale Quando lo sviluppo si basa su specifiche che vengono definite un po alla volta. I clienti/commissionanti od utenti possono giocare un ruolo fondamentale. In tutti i casi l uso dello Sviluppo Incrementale ed Iterativo favorisce lo sviluppo dei Prototipi che possono essere rilasciati al commissionante. Questo consente al commissionante di Rivalutare le specifiche, diventando parte integrande e fondamentale del processo di Sviluppo. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

15 Il Modello a Spirale Sviluppo Incrementale ed Iterativo Requirements, Testing Analisi, Design Implementation Initial Planning Deployment Evaluation Testing I Rilasci (Deployment) diventano un elemento fondamentale perchè consentono all utente finale di avere una valutazione in corso d opera del lavoro svolto. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

16 Il Modello a Spirale I Modelli Evolutivi e l Agile Software Development Modelli Evolutivi L Agile Software Development (in italiano si usa l espressione Metodologie Agili) rientra nei cosidetti Modelli Evolutivi, che si fondano sull idea centrale di coinvolgere il cliente o l utente, fornendogli continue nuove versioni in modo che possa essere partecipe nello sviluppo del progetto. L Obiettivo principale dell Agile Software Development è rendere il cliente il più soddisfatto possibile. Inoltre, si cerca di sostituire il modello di ciclo fisso, con qualcosa di più elastico e dinamico. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

17 Il Modello a Spirale Dal Manifesto dell Agile Software Development We are uncovering better ways of developing software by doing it and helping others do it. Through this work we have come to value: Individuals and interactions over processes and tools Working software over comprehensive documentation Customer collaboration over contract negotiation Responding to change over following a plan That is, while there is value in the items on the right, we value the items on the left more. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

18 Il Modello a Spirale Dal Manifesto dell Agile Software Development Individuals and interactions Le Persone e le loro relazioni sono molto più importanti della strumentazione tecnica o degli strumenti che vengono utilizzati per produrre software. Working software E inutile realizzare del software difficile da utilizzare o poco comprensibile da capire e poi fornire tonnellate di documentazione. E molto meglio scrivere codice facile da capire e da usare. Nell Agile Software Development il cliente diventa un elemento partecipe del progetto e le considerazioni di cui sopra lo coinvolgono. Customer collaboration La partecipazione del cliente o del committente al progetto, aumenta la probabilità che sia soddisfatto del lavoro che viene svolto. La partecipazione avviene effettuando continui rilasci e dando quindi la possibilità al cliente di vedere il proprio progetto crescere. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

19 Il Modello a Spirale Responding to change (Operare per il cambiamento) Responding to change over following a plan : questo punto di vista ha un enorme importanza perché non seguire un piano significa evitare, del tutto o in parte, la fase di analisi. Cambiamento Tutti i sistemi cambiano e si evolvono nel tempo. I Clienti partecipano e contribuiscono con nuove idee, o propongono nuove caratteristiche. I cambiamenti in corso d opera rendono la manutenzione del Software difficile. Come deve avvenire la Progettazione per tenere conto del Cambiamento? A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

20 Il Modello a Spirale Responding to change : Progettazione Agile La Progettazione Agile non avviene in un momento ben definito. Avviene continuamente, tutte le volte che nel codice si verifica uno dei seguenti problemi. Cambiamento Rigidità: il sistema è difficile da cambiare Fragilità: le modifiche causano malfunzionamenti Immobilità: i sorgenti sono difficili da riutilizzare Viscosità: i cambiamenti compatibili con l architettura sono difficili da realizzare Complessità inutile: il sistema è più complicato del necessario Ripetizioni inutili: i sorgenti contengono codice simile Opacità: la funzione dei moduli non è facilmente comprensibile Nello Sviluppo Agile non si fa mai progettazione, ma si fa piuttosto Riprogettazione (Refactoring) A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

21 Il Modello a Spirale Responding to Change : Modularità Fin dall inizio della storia della programmazione si è cercato di definire il concetto di Modularità Modularità Lo studio di metodologie agili ha contribuito a migliorare il concetto di Modularità, soprattutto per quanto riguarda la programmazione ad oggetti Il Refactoring aiuta ad ottenere moduli con una elevata Coesione ed un Basso livello di Accoppiamento, e a definire astrazioni, in modo da rende gli oggetti più riciclabili. E l Agile Software Development che ha introdotto i principi SOLID, oggigiorno considerati principi generali di una buona programmazione ad oggetti. Perché è fondamentale nell Agile Software Development rispondere ai cambiamenti di specifiche: Se i moduli sono coesi, sono tanti e piccoli ed è più facile fare le modifiche solo dove occorre. Se i moduli sono disaccoppiati, le modifiche non si propagheranno nel codice. I principi SOLID aiutano a mantenere alta la Coesione e basso l Accoppiamento. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

22 Il Modello a Spirale Extreme Programming (XP) (1/4) Formulato da Kent Beck, Ward Cunningham e Ron Jeffries intorno al 1999, Istituisce su una serie di pratiche per lo Sviluppo Agile: Pair Programming Planning Game Test-Driven Development Whole-Team Continuous Integration Refactoring o Design Improvement Small Releases Coding Standards Collective Code Ownership Symple Design System Metaphor Sustainable Pace A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

23 Il Modello a Spirale Extreme Programming (XP) (2/4) Pair Programming Due Programmatori lavorano allo sviluppo del codice. Questa pratica ha lo svantaggio di aumentare i tempi di sviluppo, ma diminuisce la probabilità che durante lo sviluppo vengano fatti errori. Planning Game La Pianificazione non avviene una volta per tutte, ma avviene continuamente e sulla base di interventi anche del cliente, un po come in un gioco dove il cliente fa la prima mossa, il programmatore lo segue e così via fino a progetto realizzato Test-Driven Development I Test vengono realizzati prima ancora di scrivere codice. Questa prassi ha l enorme vantaggio di aiutare a capire come devono essere sviluppate certe cose, oltre a fornire una base stabile per le fasi di debugging. Whole-Team L Utente finale del sistema DEVE contribuire ed essere parte integrante dello sviluppo, la sua opinione conta più di ogni altra idea su come il progetto debba andare avanti. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

24 Il Modello a Spirale Extreme Programming (XP) (3/4) Continuous Integration I cambiamenti vengono integrati continuamente nel codice, e mai rimandati ad una successiva fase di progettazione. Refactoring La riscrittura del codice che non cambia la funzionalità del programma, è usata perchè rende il codice più snello, generale e quindi più semplice da integrare e riutilizzare nel tempo. Small Releases Continue consegne rendono il cliente e l utente sia più responsabile del lavoro che viene svolto, sia più fiducioso. Coding Standards Il codice dovrebbe sempre seguire delle regole standard definite fin dall inizio del progetto A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

25 Il Modello a Spirale Extreme Programming (XP) (4/4) Collective Code Ownership Tutti sono responsabili di tutto. Il codice è condiviso ed appartiene a tutti. Symple Design Nella progettazione, le soluzioni più semplici dovrebbero essere sempre le migliori System Metaphor Usare delle metafore su come il sistema funziona. Le Metafore possono essere viste come storie (Users Stories) che forniscono informazioni sul sistema, ma che dovrebbero farlo in modo più semplice da capire per tutti. Sustainable Peace Non fare straordinare, non eccedere, fare pause. I programmatori quando sono freschi e riposati fanno meno errori... A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

26 Il Modello a Spirale Un tipico ciclo di sviluppo nell Extreme Programming Stima rilascio Iterazione con l'utente iterazione Acceptance Test ogni giorno Pianifica Rilascio Pianifica Iterazione Test Driven Development continuamente Implementazione Refactoring Integrazione Working Software A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

27 Il Modello a Spirale Il Rilascio del Software Rilascio (Deployment) Con rilascio si intende la generazione di una versione che viene messa a disposizione degli utenti finali. Lo Sviluppo Incrementale ed Iterativo e l Extreme Programming prevedono un meccanismo a rilasci continui che consente l interazione con l Utente Finale L utente finale diventa partecipe allo sviluppo del software Ma chi sono gli utenti? Nei software commerciali o comunque pensati per il grande pubblico, gli sviluppatori con chi dovrebbero andare a parlare? A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

28 Il Modello a Spirale Il Rilascio del Software: le Versioni Il Deployment genera Versioni. Quando l Utente è un commissionante, o comunque una persona fisica Si usa il termine Milestone per indicare un insieme di specifiche ed una data entro cui devono essere raggiunte. Fornitore e commissionante si accordano sulle Milestone valide, e prevedono un rilascio a testimonianza di ogni Milestone. Quando l Utente è un gruppo e non c è una persona fisica a cui rivolgersi Una possibilità è pagare o coinvolgere degli utenti tipo per contribuire allo sviluppo. L avvento di internet ha tuttavia stravolto il modo in cui certi progetti vengono seguiti. I Deployement vengono fatti in rete. Gli utenti possono contribuire attraverso sistemi con chat e dibattiti in rete. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

29 Il Modello a Spirale Il Rilascio del Software: Tipologie di Rilascio La pratica di rilasciare versioni in rete ha contribuito alla nascita di una terminologia per la classificazione dei rilasci: Pre-Alpha Una versione Pre-Alpha è una versione esemplificativa delle funzionalità che il programma potrebbe avere. Alpha Una versione Alpha è una versione del programma non completa, ma con alcune cose funzionanti Beta Una versione Beta è una versione di Test. Le versioni Beta dovrebbero avere tutte o quasi tutte le funzionalità già implementate. Versione Candidata per il rilascio (talvolta Gamma o Delta) Una Versione che si suppone essere definitiva. E tuttavia noto che questi termini sono spesso usati in modo approssimativo. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

30 Il Modello a Spirale Il Problema delle Licenze (Copyright) (cenni)... la diffusione in rete del software ha anche contribuito ad alimentare il dibattito sul problema dei Diritti Legali correlati al software I Diritti sul Software Il software viene legalmente considerato come Bene Intellettuale. L Autore è proprietario di qualsiasi diritto ed è suo diritto decidere chi è come L insieme di regole fornite dall Autore è detto licenza (copyright). In Teoria ognuno potrebbe scriversi la propria licenza In Pratica esistono delle Licenze preconfezionate ed è consigliabile fare sempre affidamente ad una di esse. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

31 Il Modello a Spirale Il Problema del Copyright : le licenze Open (cenni) CopyLeft Nel Mondo delle Licenze stanno assumendo una rilevanza sempre più grande le Licenze Open Source, che rilasciano. Il Software Open si è diffuso soprattutto grazie alla possibilità di rilasciare in rete il codice Sorgente. L idea del Software Open è quella di consentire a chiunque di personalizzare un prodotto software esistente. Licenza GNU GPL (General Public License) Consente a chiunque di modificare il codice sorgente di un programma, ma obbliga a rilasciare le versioni modificate con licenza GNU GPL. Licenza GNU LGPL (Lesser General Public License) Consente a chiunque di modificare il codice sorgente di un programma, e non da obblighi sui rilasci. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

32 Il Modello a Spirale La Validazione mediante i Test La Validazione del Codice La Validazione del Codice è l insieme di attività che vengono svolte per verificare la validatà del codice. Alcune tipologie di attività specifiche della Validazione: Test Porzioni di codice dedicate alla verifica di alcune caratteristiche di un sistema. Il Test deve consentire di definire con chiarezza se la funzionalità sta operando correttamente. Test Unitari Test dedicati alla verifica specifica del funzionamento di un componente. Test Automatici Gruppi di Test che vengono validati in automatico, riducendo di molto il tempo di validazione. Debugging Attività di rimozione degli errori dal codice. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

33 Test Driven Development Il Test Driven Development Test Driven Development (TDD) Il TDD è il processo di Sviluppo del Software che usa i Test come strumento di Pianificazione e Sviluppo. I Test si realizzano prima di ogni altra cosa Il TDD: Si Basa sull identificazione/valutazione/invenzione di casi pratici di utilizzo di un sistema per capire come deve essere realizzato. Aiuta la pianificazione ad oggetti, perchè dato un modulo consente di scrivere immediatamente codice che descrive come dovrà essere utilizzato Consente agli sviluppatori di riflettere sulle funzionalità prima ancora di implementarle Gli sviluppatori testano più di frequente e scoprono i problemi in anticipo; questo rende più semplice la risoluzione dei problemi. Nei contesti in cui questo è possibile, fa un forte utilizzo di Test Automatici e dei Test Unitari A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

34 Test Driven Development Nota sui metodi di Test Test Driven Development, Testing Unitario e Testing Automatico sono tre tecniche di Testing distinte, ognuna con un obiettivo specifico: Test Driven Development: fornisce una solida guida alla progettazione del codice basata su esempi. Testing Unitario: spezza i test in test piccoli, in modo che sia più facile individuare l anello debole della catena. Testing Automatico: rende molto più veloce la verifica/validazione dei test (ed è apprezzabile nel caso di test unitari). Data l importanza di tutti e tre i contributi, di solito le 3 tecniche di testing vengono combinate tra di loro, ma questo è a discrezione del team di sviluppo e può dipendere dalla tipologia di progetti presi in considerazione. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

35 Test Driven Development Test Driven Development: Esempio di Test Unitario 1 Test dell Area di un Rettangolo public class TestRect{ Rect rect=new Rect (); public void testarea (){ } } rect. setwidth (10); rect. setheight (20); assertequals (200, rect. getarea ()); Questo test è : Unitario : perché esiste un metodo di test specifico per testare il metodo getarea, all interno della classe TestRect che contiene tutti i test dei metodi di Rect Automatico : perché verifica in automatico se la condizione di validità del test. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

36 Test Driven Development Test Driven Development: Esempio di Test Unitario 2 Test su un Gioco che gestisce un Labirinto... public void connect( int room1, int room2, String move){//todo } public void setplayerroom( int room){//todo }... public void testmove(){ LabGame g=new LabGame (); g. connect(4,5, E ); g. setplayerroom (4); g. east (); asssertequals (5,g. getplayerroom ()); } I metodi di un modulo vengono progettati mediante i test, e posso essere aggiunti nel modulo in via temporanea con implementazioni parziali ed incomplete. Il vantaggio del Test Driven Development è quello di mettere in luce dall inizio il comportamento che dovranno avere i moduli, nel senso che si chiarisce da subito come si intende usarli. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

37 Debugging Bug e Debugging Bug Il termine Bug (Baco in italiano) sta ad indicare un problema o un errore in un programma. E ragionevolmente errato definire bug un errore di compilazione. I bug sono unicamente errori comportamentali che si possono riscontrare esclusivamente a run-time. Il Debugging può essere visto come l insieme di attività che servono a rimuovere i Bug dal Codice: Il Debugging richiede esperienza: i Bug si trovano più facilmente quando rientrano in una categoria di problemi noti e che si verificano di frequente. Esistono tuttavia alcune tecniche e strumenti utili che vengono in aiuto quando il programmatore non è in grado di identificare i problemi sulla base della propria esperienza. Nota importante L Attività di Debugging è una della attività più costose in termini di tempo ed energie che un qualsiasi progetto software debba affrontare. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

38 Debugging Tecniche di Debugging : Circoscrivere il problema La Circoscrizione del Problema è uno degli aspetti più critici del Debugging. Spesso infatti, l errore si trova in una o poche righe di codice ed i Sintomi sono tutt altro che Chiari. L Esperienza può aiutare a definire i punti del codice che possono essere causa di un problema più alla svelta. Tuttavia, spesso: E indispensabile conoscere la struttura del programma, la documentazione può venire in aiuto. E necessario utilizzare delle tecniche che consentano di andare a caccia dell errore. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

39 Debugging Tecniche di Debugging : Logging Il Logging è il meccanismo di Debugging più semplice ed in molti casi il più efficace. Consiste nello stampare dei messaggi utili attraverso strumenti di stampa come: Stampa sullo stream di Output: printf o System.out Stampa sullo stream di Errore: System.err Stampa su Strumenti di Log specifici della piattaforma Stampa su File Vantaggi: Si tiene traccia dell ordine con cui certi eventi si verificano o con cui sono fatte certe chiamate.... ma i messaggi devono essere riportati in modo sincrono. NOTA Lo Stream di output e di errore sono stream separati. Quando stampati sulla stessa console, i messaggi non sono necessariamente sincronizzati. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

40 Debugging Tecniche di Debugging : Debugging ad Eccezioni La Gestione delle Eccezioni è di per sé un Elemento fondamentale per il Debugging. Fornisce uno strumento per il trattamento di casi eccezionali che possono essere rilevati in modo più accurato. (In Java) fornisce l elenco delle chiamate che hanno generato il problema. (In Eclipse) consente di arrivare immediatamente alla righe di codice che hanno generato il problema con un click. Un Uso Pratico La gestione delle Eccezioni può essere sfruttata per capire la causa di un problema, quando è chiaro che il problema è dovuto ad un passaggio di dati errato. L uso delle RunTimeException può essere sfruttato per costringere il programma a stampare la traccia delle chiamate che generano un problema noto all interno di un metodo. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

41 Debugging Modalità di Debugging Molti programmi di CASE come Eclipse sono forniti di una modalità di Debugging: Durante la modalità di Debugging, l esecuzione del Codice viene monitorata. Il programmatore è in grado di recuperare informazioni aggiuntive e di controllare il flusso del programma. Caratteristiche della modalità di Debugging: Consente di ottenere informazioni molto precise e dettagliate con facilità. Richiede tuttavia di aver già capito dove si trova il problema. Un Consiglio La Modalità di Debugging rallenta l esecuzione, e andrebbe usata solo una volta che il problema è stato significativamente circoscritto. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

42 Debugging Elementi ed Operazioni tipiche della Modalità di Debugging BreakPoint Un BreakPoint è un punto del codice in cui si vuole mettere in pausa (sospendere) l esecuzione del programma. Definito il BreakPoint e lanciato il programma, la Modalità di Debugging fermerà l esecuzione non appena raggiunto il BreakPoint. E possibile rilanciare il programma fino al BreakPoint successivo. Step by Step I Debugger consentono varie tipologie di modalità a Step (Passi), che consentono di eseguire il codice riga per riga; un pulsante di controllo consente di passare alla riga successiva. Solitamente, è più utile usarla dopo un BreakPoint che dall inizio del programma. Monitoring delle Variabili I Debugger sono muniti di pannelli che elencano le variabili utilizzate all interno di un metodo ed i loro valori. Questi pannelli giocano un ruolo fondamentale nel documentare lo stato della situazione quando si arriva ad un BreakPoint o nei passi di una esecuzione a Step. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

43 Refactoring Il Refactoring Il Refactoring è una attività il cui obiettivo è quello di migliorare la qualità del codice senza alterarne le funzionalità. Il refactoring contempla operazioni come: La scrittura di nuovi metodi La scrittura di nuove classi e la frammentazione di classi preesitenti. L introduzione di interfacce e di relazioni di ereditarietà. La ridenominazione di alcuni attributi, metodi, variabili. Lo spostamento di attributi e metodi da una classe ad un altra. L introduzione di Design Pattern Solitamente questi interventi si effettuano con l intento di realizzare codice di programmazione modulare, molto spesso nel rispetto dei principi SOLID. Code Smell Un Code Smell è un difetto specifico del codice. I Code Smell sono strumenti molto importanti in fase di Refactoring, perché: più semplici da identificare precisi nell indicare le operazioni di refactoring risolutive. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

44 Refactoring I Code Smell Si riportano solo alcuni Code Smell molto significativi. Codice Duplicato Blocchi di codice duplicato o parzialmente duplicato in più punti del codice. Cause: Copia e Incolla Soluzioni L Estrazione di Metodo, cioè la generazione di un metodo contenente il codice duplicato. Metodi Troppo Lunghi Un metodo è molto lungo, e quindi di difficile lettura. Una linea guida da considerare è che un metodo è lungo se supera le 10 righe di codice (anche se ovviamente non è vero in generale). Soluzioni L Estrazione di Metodo, cioè la generazione di uno o più metodi contentente parte del codice del metodo lungo. A. Martinelli Modelli di Sviluppo 28 novembre / 72

Introduzione all Ingegneria del Software

Introduzione all Ingegneria del Software Introduzione all Ingegneria del Software Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Dicembre 2013 Introduzione all Ingegneria del Software Ingegneria del Software Modelli di Sviluppo del Software

Dettagli

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Marzo 2014 Il Ciclo Lungo Il Versioning e la Condivisione di Codice Organizzazione dei Pacchetti La Modellazione

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Agile Origini dello Sviluppo Agile Proposta di un gruppo di sviluppatori che rilevava una serie di criticità degli approcci convenzionali: Troppa rigidità dei

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

Agile. mercoledì, 1 luglio 2015, 3:05 p. Prof. Tramontano docente Federico II ingegneria del software. Sviluppo Agile: metaprocesso

Agile. mercoledì, 1 luglio 2015, 3:05 p. Prof. Tramontano docente Federico II ingegneria del software. Sviluppo Agile: metaprocesso Agile mercoledì, 1 luglio 2015, 3:05 p. Prof. Tramontano docente Federico II ingegneria del software Sviluppo Agile: metaprocesso Molti progetti software falliscono Sì parte dagli anni 2000 Millennium

Dettagli

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A4_3 V1.1 Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti Sviluppo Agile [Cockburn 2002] Extreme Programming (XP) [Beck 2000] Sono più importanti auto-organizzazione, collaborazione, comunicazione tra membri del team e adattabilità del prodotto rispetto ad ordine

Dettagli

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software Sviluppo Agile I processi (di sviluppo) del software bisogni nuovi o modificati Processo software Prodotto software nuovo o modificato Un processo software descrive quali sono le attività che concorrono

Dettagli

Introduzione alla Progettazione per Componenti

Introduzione alla Progettazione per Componenti Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica

Dettagli

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Obiettivi Nelle lezioni precedenti abbiamo descritto come modellare i requisiti funzionali

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

extreme Programming in un curriculum universitario

extreme Programming in un curriculum universitario extreme Programming in un curriculum universitario Lars Bendix Department of Computer Science Lund Institute of Technology Sweden Università di Bologna, 18 giugno, 2002 Extreme Programming On-site customer

Dettagli

Small Software Factories

Small Software Factories NEWITS SERVIZI PER LE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Small Software Factories Sviluppare software in piccole realtà per grandi clienti Software Configuration Management 1 Software Configuration Management

Dettagli

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 2. Ciclo di Vita e Processi di

Dettagli

Prova Finale Controllo delle versioni

Prova Finale Controllo delle versioni Prova Finale Controllo delle versioni 1 Controllo delle versioni: a cosa serve? Tenere traccia dei cambiamenti Semplificare la collaborazione Gestione di diverse diramazioni (branch) di sviluppo Differen3

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Organizzazione della lezione. Extreme Programming (XP) Lezione 19 Extreme Programming e JUnit. JUnit. JUnit. Test-Driven Development

Organizzazione della lezione. Extreme Programming (XP) Lezione 19 Extreme Programming e JUnit. JUnit. JUnit. Test-Driven Development Organizzazione della lezione Lezione 19 Extreme Programming e JUnit Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita (2003-2004) Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno

Dettagli

Concetti di base di ingegneria del software

Concetti di base di ingegneria del software Concetti di base di ingegneria del software [Dalle dispense del corso «Ingegneria del software» del prof. A. Furfaro (UNICAL)] Principali qualità del software Correttezza Affidabilità Robustezza Efficienza

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

Gestione della configurazione del software

Gestione della configurazione del software Gestione della configurazione del software 1 Indice Concetti di gestione della configurazione Versione e Configurazione Memorizzazione delle versioni Baseline e Release Alcune pratiche consigliate 2 1

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Modelli di produzione del software

Corso di Ingegneria del Software. Modelli di produzione del software Corso di Ingegneria del Software a.a. 2009/2010 Mario Vacca mario.vacca1@istruzione.it 1. Concetti di base Sommario 2. Modelli del ciclo vita del software 2.1 Modello a cascata 2.2 Modelli incrementali

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Iniziamo la panoramica sul funzionamento dell'svn sulla suite S.A.

Iniziamo la panoramica sul funzionamento dell'svn sulla suite S.A. Tutorial utilizzo SVN su piattaforma S.A. Uno dei requisiti principali dello sviluppo di progetti in Team è la necessità di avere uno spazio nel quale condividere il progetto con tutti i TeamMates. Subversion

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Firenze, 6 marzo 2013 Consiglio Regionale della Toscana Evento organizzato dal Branch Toscana-Umbria del PMI NIC Walter Ginevri, PMP, PgMP, PMI-ACP

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

BiblioTech - Personal Digital Library

BiblioTech - Personal Digital Library Albana Gaba Alessandro Pegoraro Mirco Bocedi Fabio Giuseppe Strozzi Gruppo 8 Obiettivo Creare un software efficiente per la catalogazione di documenti digitali in categorie personalizzabili dall utente.

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 13. Ciclo di Vita e Processi

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Architecture is the set of design decisions that you wish you could get right early in a project, but that you are not necessarily more likely to get them right than any other.

Dettagli

Extreme programming e metodologie agili

Extreme programming e metodologie agili Extreme programming e metodologie agili Università degli Studi di Brescia, 8 Giugno 2007 Ing. Daniele Armanasco daniele@armanasco.it Ing. Emanuele DelBono emanuele@codiceplastico.com Enti organizzatori

Dettagli

Ingegneria dei Requisiti

Ingegneria dei Requisiti Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Ingegneria dei Requisiti E. TINELLI Contenuti I requisiti del software Documento dei requisiti I processi

Dettagli

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA Misura: è una funzione m: A -> B che associa ad ogni attributo A di un osservabile nel mondo reale o empirico (dominio) un oggetto formale B nel mondo matematico (range);

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Software proprietario

Software proprietario Open Source Software proprietario NO Fino a tutti glianni sessanta, anche se in misura decrescente, la componente principale e costosa di un computer era l hardware. Da ciò la scelta dei produttori di

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

Realizzazione di un applicazione per la stesura di un Business Plan

Realizzazione di un applicazione per la stesura di un Business Plan tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Vincenzo Malzone Matr. 534/1173 Obiettivi Realizzare un applicazione desktop per la stesura di un documento di

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che Prefazione In questo volume completiamo l esplorazione del linguaggio Java che abbiamo iniziato in Java Fondamenti di programmazione. I due testi fanno parte di un percorso didattico unitario, come testimoniano

Dettagli

Metodologie di programmazione in Fortran 90

Metodologie di programmazione in Fortran 90 Metodologie di programmazione in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2007/2008 Fortran 90: Metodologie di programmazione DIS - Dipartimento di

Dettagli

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica. Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.it Agile Group Agile Group, gruppo di ricerca su Ingegneria del SW,

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

III.2 Come condividere risultati

III.2 Come condividere risultati III.2 Come condividere risultati Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Ottobre 6, 2015 Argomenti 1 Di cosa si tratta Tipologie 2 Ai fine del progetto Comandi

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

Progetto di Informatica III. Introduzione al corso

Progetto di Informatica III. Introduzione al corso Progetto di Informatica III Introduzione al corso Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Contatti Obiettivo Natura Argomenti Organizzazione Materiale didattico Modalità

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Sistemi software di collaborazione in ambito open source

Sistemi software di collaborazione in ambito open source Sistemi software di collaborazione in ambito open source Testimonianza di: Davide Dalle Carbonare davide.dallecarbonare@eng.it 1 Introduzione Collaborare e cooperare: diverse persone operano contemporaneamente

Dettagli

Server Galileo. http://galileo.dmi.unict.it/

Server Galileo. http://galileo.dmi.unict.it/ Server Galileo http://galileo.dmi.unict.it/ Gestione progetti Wiki Subversion Iscrizione a Galileo Per registrarsi è sufficiente iscriversi da questa pagina: https://galileo.dmi.unict.it/iscrizioni/ L'account

Dettagli

Ingegneria del Software I Prova parziale del 27/4/2015 - ESERCIZI

Ingegneria del Software I Prova parziale del 27/4/2015 - ESERCIZI Cognome Nome Matricola Ingegneria del Software I Prova parziale del 27/4/2015 - ESERCIZI Durata: 1h 15' Esercizio 1 (6 pt.). Si supponga di dover implementare un sistema di lettura ed elaborazione automatica

Dettagli

E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries 1/8

E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries 1/8 E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries Quick-EDD/ DR-DRm ETL 1/8 Sommario ETL... 3 I processi ETL (Extraction, Transformation and Loading - estrazione, trasformazione e caricamento)... 3 Cos è l

Dettagli

Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing

Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing Test e collaudo del software Continuous Integration and Testing Relatore Felice Del Mauro Roma, Cosa è la Continuous Integration A software development practice where members of a team integrate their

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica lllo Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Metodi e Modelli per le Decisioni

Metodi e Modelli per le Decisioni Metodi e Modelli per le Decisioni Corso di Laurea in Informatica e Corso di Laurea in Matematica Roberto Cordone DI - Università degli Studi di Milano Lezioni: Giovedì 13.30-15.30 Venerdì 15.30-17.30 Ricevimento:

Dettagli

Introduzione al TDD. Test Driven Development: Quando, Come, Perchè Facoltà di Ingegneria Pavia 27 Novembre 2015. Marco Fracassi Roberto Grandi

Introduzione al TDD. Test Driven Development: Quando, Come, Perchè Facoltà di Ingegneria Pavia 27 Novembre 2015. Marco Fracassi Roberto Grandi Introduzione al TDD Test Driven Development: Quando, Come, Perchè Facoltà di Ingegneria Pavia 27 Novembre 2015 Marco Fracassi Roberto Grandi Chi siamo? 8 team sviluppo in 7Pixel: Nautilus Nimbus -> Marco

Dettagli

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Lorenzo Barbieri Sono un Senior Trainer/Consultant in ObjectWay SpA (www.objectway.it), specializzato in architetture Microsoft.NET, Windows, SQL Server,

Dettagli

ottobre 2008 -Fonti [SSA] Chapter 16, The Functional Viewpoint Luca Cabibbo Punto di vista Funzionale Luca Cabibbo SwA

ottobre 2008 -Fonti [SSA] Chapter 16, The Functional Viewpoint Luca Cabibbo Punto di vista Funzionale Luca Cabibbo SwA Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa AS 16 ottobre 2008 1 -Fonti [SSA] Chapter 16, The Functional Viewpoint 2 Obiettivi - Obiettivi e argomenti descrivere il punto di vista Funzionale Argomenti

Dettagli

Corso di INFORMATICA 2 (Matematica e Applicazioni)

Corso di INFORMATICA 2 (Matematica e Applicazioni) Università di Camerino Scuola di Scienze e Tecnologie Sezione di Matematica Corso di INFORMATICA 2 (Matematica e Applicazioni) Anno Accademico 2014/15 3 Anno Primo Semestre Docenti: Paolo Gaspari Roberto

Dettagli

4.1 Che cos è l ideazione

4.1 Che cos è l ideazione Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Ideazione (non è la fase dei requisiti) Capitolo 4 marzo 2013 Il meglio è nemico del bene. Voltaire 1 *** AVVERTENZA *** I lucidi messi a disposizione

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

1 Progetto di laboratorio di reti I

1 Progetto di laboratorio di reti I 1 Progetto di laboratorio di reti I In questo documento sono descritte le specifiche per la realizzazione del progetto. Vedremo innanzitutto le caratteristiche richieste nel codice e nella relazione, per

Dettagli

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Valentina Presutti (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) Indice degli argomenti Introduzione all Ingegneria del Software UML Design Patterns Refactoring

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

SVN server, per Florim, è installato su server di test, anche se la sua configurazione può avvenire in qualsiasi ambiente.

SVN server, per Florim, è installato su server di test, anche se la sua configurazione può avvenire in qualsiasi ambiente. Siti FLORIM SVN Subversion Il sistema di versioning viene illustrato nell immagine seguente: Sistema locale dello sviluppatore, si parla di working copy ( copia dei file dal server in produzione) SVN server,

Dettagli

Docenti: Patrizia Scandurra (referente princiaple) Angelo Gargantini. patrizia.scandurra@unibg.it

Docenti: Patrizia Scandurra (referente princiaple) Angelo Gargantini. patrizia.scandurra@unibg.it Progetto di Informatica III Introduzione al corso Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario Contatti Obiettivo Natura Argomenti Organizzazione Materiale didattico Modalità

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

Il metodo extreme Programming in sintesi

Il metodo extreme Programming in sintesi extreme Programming Approach Il metodo extreme Programming in sintesi Piergiuliano Bossi Coach Marina Morgagni Engagement Manager Quinary SpA Copyright 2001-2004 Quinary SpA Tutti i diritti sono riservati.

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

Un sistema di sviluppo aziendale

Un sistema di sviluppo aziendale Un sistema di sviluppo aziendale Ing. Davide Bolcioni Amministratore di Sistema 3D Informatica Srl Scalare il processo di sviluppo Scalare in quantità Aumentano gli sviluppatori Rif. The Mythical Man-Month.

Dettagli

Elementi del calcolatore: CPU

Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Hard Disk Antefatto Sistema Operativo Come il computer appare Il calcolatore

Dettagli

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software T 2. Analisi orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare

Dettagli

Esercizi di Ingegneria del Software

Esercizi di Ingegneria del Software Esercizi di Ingegneria del Software Il caso della Grande Distribuzione V. Ambriola, C. Montangero e L. Semini Corso di Laurea in Informatica Corso di Laurea in Informatica Applicata Dipartimento di Informatica

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Gestione della Configurazione

Gestione della Configurazione Gestione della Configurazione - Ingegneria del Software 2 Gestione della Configurazione 1 Riferimenti Sommerville, Capitolo 29 - Ingegneria del Software 2 Gestione della Configurazione 2 1 Gestione della

Dettagli

Object Oriented Programming

Object Oriented Programming OOP Object Oriented Programming Programmazione orientata agli oggetti La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) è un paradigma di programmazione Permette di raggruppare in

Dettagli

Programmazione Java Avanzata

Programmazione Java Avanzata Programmazione Java Avanzata Concetti di Java, parte 2 Ing. Giuseppe D'Aquì Testi Consigliati Java ( R. Liguori, P. Liguori), O'Reilly Hops Tecniche Nuove (2008) Java Tutorials [http://download.oracle.com/javase/tutorial/java/]

Dettagli

Progetto di Informatica III

Progetto di Informatica III Progetto di Informatica III Sviluppo Agile (Agile Software Development) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Metodologia agile Agile Manifesto Che cos è l agilità

Dettagli

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Cosa è e come si usa la Organization Intelligence Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Overload Informativo Siamo costretti a navigare in un mare di informazioni nel quale è facile «perdere

Dettagli

Introduzione a Visual Studio 2005

Introduzione a Visual Studio 2005 Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria Elettronica e Telecomunicazioni a.a. 2008/2009 Introduzione a Visual Studio 2005 Outline Solutions e Projects Visual Studio e il linguaggio C Visual

Dettagli

DA STUDENTE A PROJECT MANAGER: MANUALE DI SOPRAVVIVENZA

DA STUDENTE A PROJECT MANAGER: MANUALE DI SOPRAVVIVENZA DA STUDENTE A PROJECT MANAGER: MANUALE DI SOPRAVVIVENZA Seminario di approfondimento per il corso «Laboratorio di Ingegneria Informatica» Lorenzo Della Sciucca Dedalus S.p.a. Facoltà di Ingegneria, Modena

Dettagli

Pattern Architetturali e Analisi Architetturale

Pattern Architetturali e Analisi Architetturale Pattern Architetturali e Analisi Architetturale Ingegneria del Software parte II Andrea Bei Pattern Architetturali Pattern Architetturale Descrive il modello organizzativo strutturale di un sistema software

Dettagli

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse Politecnico di Milano View integration 1 Integrazione di dati di sorgenti diverse Al giorno d oggi d la mole di informazioni che viene gestita in molti contesti applicativi è enorme. In alcuni casi le

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

Esercizi di Ingegneria del Software

Esercizi di Ingegneria del Software Esercizi di Ingegneria del Software Il caso della Grande Distribuzione V. Ambriola, C. Montangero e L. Semini Corso di Laurea in Informatica Corso di Laurea in Informatica Applicata Dipartimento di Informatica

Dettagli

Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS

Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS CONFIGURATION MANAGEMENT PLAN Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS Gruppo Laboratorio di Ingegneria del Software 2 Anno Accademico2009/2010 Gruppo Kairos: Maiero Matteo, Bertoni Alan, Zolli

Dettagli