Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Sommario Unified Modeling Language Ing. Gianluca Di Tomassi Modelli del processo SW Modello a cascata Sviluppo iterativo del SW Modello incrementale Modello a spirale Unified Modeling Language Un po di storia e gli obiettivi I diagrammi di UML Use case Diagram Activity Diagram Class Diagram Interaction Diagram State Transaction Diagram Package Diagram Deployment Diagram Component Diagram Alcune metodologie per lo sviluppo di un progetto applicat. RUP (Rational Unified Process) XP (extreme Programming) Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 2 Modelli del processo SW Ciclo di vita di un progetto software = Modello delle attività di sviluppo e dell operare il sistema informatico. Tipi di modelli: Il modello sequenziale lineare ( modello a cascata ) Il modello basato sulla prototipazione Il modello RAD (Rapid Application Development) Modelli evolutivi Il modello incrementale Il modello a spirale Il modello ad assemblaggio di componenti Il modello dei metodi formali Elementi che influiscono sulla scelta del modello del processo: la natura del progetto e dell applicazione le competenze specifiche e l esperienza acquisita in progetti precedenti dai membri del team di sviluppo i metodi e strumenti che si vogliono utilizzare i controlli e prodotti richiesti. Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 3 Modello a cascata Strutturazione e modellazione del sistema e dei dati (livello sistema) Analisi dei requisiti sw. Progettazione Codifica Collaudo dominio delle informazioni, funzionalità, comportamento, prestazioni, interfacce strutture di dati, architettura del software, interfacce, algoritmi delle operazioni Il software è una parte di un sistema più ampio. Sono necessarie un analisi e una progettazione di alto livello per raccogliere tutti i requisiti, da cui il software utilizza solo una parte. codice Problemi: i progetti reali non si conformano allo schema sequenziale ogni modifica nello schema può causare confusioni non può essere governata l incompletezza dei requisiti versione funzionante solo verso la fine del progetto stati bloccanti per colpa della sincronizzazione tra le attività o tra i membri del team Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 4

2 Sviluppo iterativo del SW Modello Incrementale 1. Non c è tempo per una versione completa però dobbiamo uscire sul mercato. 2. Esiste un nucleo di requisiti di sistema ma i dettagli delle estensioni non esistono ancora. Soluzione: modello di processo per un prodotto che evolve nel tempo Definire l output del sistema Specificare l incremento del sistema Costruire l incremento del sistema Collaudare l incremento del sistema Strutturazione del sistema e dei dati Analisi Proget tazione Codifica Stadio 1 Utile quando la disponibilità del personale è insufficiente a garantire l implementazione completa. Si comincia con un piccolo team. Il team accresce se l accoglienza è positiva. Collaudo Consegna dello stadio 1 Vantaggi dello sviluppo iterativo È pianificato e gestito È prevedibile Permette variazioni dei requisiti più facilmente Rilasciare l incremento del sistema È basato su prototipi eseguibili evolutivi e non solo documentati Implica il cliente nell arco dell intero processo È guidato da rischi Sistema è completo? Completare il rilascio del sistema Stadio 2 Stadio 3 Analisi Stadio 4 Analisi Proget tazione Analisi Proget tazione Proget tazione Codifica Codifica Collaudo Codifica Collaudo Consegna dello stadio 2 Collaudo Consegna dello stadio 3 Consegna dello stadio 4 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 5 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 6 Sei attività portanti (task region): Modello a spirale Asse dei punti di entrata Valutazione da parte del cliente Comunicazioni con il cliente Il modello abbina la natura iterativa della prototipazione e gli aspetti controllati e sistematici del modello sequenziale. Pianificazione Costruzione e rilascio Analisi dei rischi Strutturazione Progetti di sviluppo di nuove idee Progetti di sviluppo di un nuovo prodotto Progetti di miglioramento di un prodotto Progetti di manutenzione di un prodotto Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 7 Sommario Modelli del processo SW Modello a cascata Sviluppo iterativo del SW Modello incrementale Modello a spirale Unified Modeling Language Un po di storia e gli obiettivi I diagrammi di UML Use case Diagram Activity Diagram Class Diagram Interaction Diagram State Transaction Diagram Package Diagram Deployment Diagram Component Diagram Alcune metodologie per lo sviluppo di un progetto applicat. RUP (Rational Unified Process) XP (extreme Programming) Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 8

3 Un pò di storia Un pò di storia UML nasce per soddisfare il bisogno di un linguaggio di modellazione per sistemi complessi che sia semplice e capace di affrontare tutte le problematiche del progetto di tali sistemi complessi Lo sviluppo di UML comincia nell ottobre del 1994 UML e il prodotto di una unificazione dei metodi 1. Booch espressivo durante il progetto e adatto ad applicazioni engineering-intensive (Autore Grady Booch) 2. OMT (Object Modeling Tecnique) è un linguaggio di modellazione per l analisi e adatto a sistemi data-intensive 2. OOSE (Object Oriented Software Engineering) orientato agli use-case fornisce un eccellente supporto all analisi dei requisiti Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 9 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 10 Che cosa è UML 1. E un linguaggio per specificare, costruire, visualizzare e documentare manufatti sia di sistemi software, sia di processi produttivi e altri sistemi non strettamente software. 2. Rappresenta una collezione di best practices di ingegneria, dimostratesi vincenti nella modellazione di vasti e complessi sistemi 3. Permette di visualizzare, per mezzo di un formalismo rigoroso, manufatti dell ingegneria, consentendo di illustrare idee, decisioni prese, e soluzioni prese 4. Favorisce, inoltre, la divulgazione delle informazioni, in quanto standard internazionale de facto non legato alle singole imprese (Dal 1997 standard effettivo adottato dall OMG) 5. Permette di realizzare modelli potranno essere implementati con diversi linguaggi di programmazione Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 11 Che cosa NON è UML 1. Non è un linguaggio di programmazione visuale 2. Non è un processo di sviluppo (cioè non dice prima bisogna fare questa attività, poi quest altra ) 3. UML include suggerimenti utili per coloro che si occupano di realizzare dei tool di supporto, ma non stabilisce ogni necessario particolare. Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 12

4 Obiettivi dell UML 1. Fornire agli utenti un linguaggio di modellazione visuale pronto ad essere utilizzato per sviluppare e scambiare modelli espressivi 2. Fornire meccanismi di estensione e specializzazione al fine di accrescere i concetti presenti nel nucleo. 3. Supportare specifiche che risultino indipendenti da un particolare linguaggio di programmazione o processo di sviluppo. 4. Fornire le basi formali per comprendere il linguaggio di modellazione. 5. Incoraggiare la crescita del mercato dei tool Object Oriented 6. Supportare concetti di sviluppo di alto livello come componenti, collaborazioni, framework e pattern. 7. Integrare le best practices. Generalità In UML vi sono quatto costrutti grafici: Le icone I simboli bidimensionali I collegamenti Le stringhe Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 13 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 14 S t a t i c i D i n a m i c i I m p l e m. I diagrammi UML Use case diagram (Diagramma dei casi d uso):elenca i casi d uso del sistema e le loro relazioni Class diagram (Diagramma delle classi):descrive la struttura dati degli oggetti, del sistema e le loro relazioni Object diagram (Diagramma degli oggetti):insieme di oggetti della realtà d interesse e loro relazioni Interaction diagram (Diagramma d interazione): interazione tra oggetti Sequence diagram (Diagramma sequenziale) Collaboration diagram (Diagramma di collaborazione) State e activity diagram (Diagramma di stato e di attività): Stato di un oggetto e sequenze eventi-azioni-transazioni Component diagram (Diagramma dei componenti): Descrive l architettura fisica del sistema Deployment diagram (Diagramma di distribuzione):descrive la struttura del sistema HW e l allocazione dei moduli SW Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 15 Use case diagram: Elementi Fondamentali Un caso d caso d uso uso rappresenta un possibile modo di utilizzo del sistema descrive l interazione tra attori e sistema, non la logica interna della funzione una funzionalità dal punto di vista di chi la utilizza Mostra: le modalità di utilizzo del sistema (casi d uso) gli utilizzatori e coloro che interagiscono con il sistema (attori) le relazioni tra attori e casi d uso Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 16

5 Use case diagram: Come si producono? (01) Use case diagram: Come si producono? (02) Gli use case possono essere ricavati dalle interviste con gli utenti. Si identificano: Gli obiettivi: ciò che il sistema dovrebbe fare secondo gli utenti Le interazioni: cosa vorrebbero (o potrebbero) fare i diversi utenti Gli use case di alto livello sono generici I dettagli si aggiungono raffinando le funzionalità del sistema La loro definizione è iterativa Si inizia identificando i comportamenti più semplici Si continua descrivendo i comportamenti più complessi Quando ci si può fermare? Un buon livello di dettaglio facilità tutte le attività successive Se ci si focalizza troppo sui dettagli questi: Potrebberò introdurre troppo presto scelte progettuali Non consentirebbero una visione d insieme Complicherebbero la descrizione Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 17 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 18 Use case diagram: Elementi Fondamentali Use case diagram: Esempio Notazione grafica Semantica Attore: è qualcuno (utente) o qualcosa (sistemi esterni - hardware) che: Scambia informazioni con il sistema Fornisce input o riceve output dal sistema attore: un utilizzatore del sistema acquistare articoli Responsabile dell istanziazione di 1 o più Use Case Non fa parte del sistema cliente log in cassiere Casi: un caso è un unità funzionale parte del sistema tipiche interazioni fra utente e sistema esprimono le procedure esistenti nel dominio in termini di scenari operativi rimborsare articoli venduti caso d'uso: un "modo" di utilizzare il sistema Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 19 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 20

6 Use case diagram: Relazioni Fondamentali Use case diagram: Extends Notazione grafica <uses> <extends> Semantica Interazione: indicano relazioni tra attori e casi Uses (o include): uso di una certa funzionalità (utile quando funzionalità simili sono presenti in più contesti o Use Case, utile per evitare ripetizioni) extends: definisce una funzionalità per estensione di una funzionalità già esistente (descrive una variazione sul normale comportamento) Extends: indica che uno use case è simile a un altro ma è più specifico Pertanto gli attori hanno una relazione verso lo use case che viene esteso Si assume che un dato attore sia legato sia al caso base che a tutte le estensioni Nota: uno use case che estende un altro sono allo stesso livello, ma offrono funzionalità diverse (uno non è più generico dell altro) Esempio: Ordine di un prodotto e ordine via internet <extends> cliente Ordine Ordine via Internet Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 21 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 22 Use case diagram: Uses Use case diagram: Alcuni suggerimenti Uses (o include): fattorizza attività ricorrenti e condivise. Quindi uno use case ne utilizza un altro (magari comune a più use case); è una dipendenza (stereotipo predefinito) Esempio: Ordine di un prodotto Gestione credito <uses> <uses> Ordine <uses> <uses> Mod. pagamento Identificare sostantivi e verbi Distinguere tra sostantivi che indicano componenti interni ed esterni Selezionare i verbi che indicano azioni principali da parte del sistema Dati cliente Disp. prodotto Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 23 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 24

7 Use case diagram : Utilizzo Use case diagram: Esercizio-Sistema registrazione corsi (01) Modellazione ad alto livello del comportamento di un elemento: intero sistema o sottosistema Strumento di comunicazione fra analisti, utenti, sviluppatori Base per il test Un possibile metodo per definire gli use case Individuare gli attori Organizzare gli attori (casi particolari: generalizzazioni) Per ogni attore individuare le principali iterazioni con il sistema (casi base e alternative ed eccezioni) Organizzare gli use case All inizio di ogni semestre, l ufficio amministrativo dell università dovrà fornire agli studenti la lista dei corsi disponibili, attraverso un sistema di registrazione on-line. Il sistema dovrà fornire tutte le informazioni relative al corso: professore, dipartimento eventuali propedeuticità. Il nuovo sistema dovrà consentire agli studenti di selezionare quattro corsi fra quelli disponibili. In aggiunta ogni studente indicherà due alternative. Nessun corso potrà avere più di 10 studenti. Corsi con meno di 3 studenti verranno cancellati in modo automatico dal sistema. In caso di richiesta adeguata si potrebbero anche fare più corsi per la stessa materia. Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 25 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 26 Use case diagram: Esercizio-Sistema registrazione corsi (02) Use case diagram: Possibile soluzione I professori dovranno essere in grado di accedere al sistema on-line per indicare i corsi in cui insegneranno e anche per vedere gli studenti iscritti ai loro corsi. Il processo di registrazione dura 3 giorni. Il primo giorno è riservato agli studenti del primo anno. Il secondo giorno è riservato agli altri studenti. Durante il terzo giorno si risolvono eventuali conflitti. Finito il processo di registrazione, le informazioni relative ad un studente sono inviate all ufficio contabile per determinare le tasse da pagare. Durante il semestre gli studenti devono essere in grado di accedere al sistema per aggiungere o togliere corsi Ufficio Contabile Studente Gestione Curriculum Registrazione Corsi Cambiamento Agenda Corsi Richiesta Catalogo Corsi Gestione Informazioni Studenti Archivista Cambiamento Organizzazione Corso Richiesta Iscritti Professore Selezione Corso Gestione Informazioni Professori Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 27 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 28

8 Use case diagram: Scenari Use case diagram: Scenari Uno scenario è un istanza di uno use case: Definisce gli eventi in un caso particolare di esecuzione del programma Uno scenario è solitamente definito in linguaggio naturale. Si rispetta l ordine temporale Gli eventi devono essere semplici e autoesplicativi (non devono includere alternative complesse) NOTA: Servono tanti scenari quanti sono quelli necessari per capire il sistema Bisogna considerare diversi livelli d astrazione Ogni use case potrebbe avere un insieme di scenari: Scenario principale (più possibile) Tutto funziona correttamente Scenari secondari (pochi e significativi) Eccezioni (eventuali problemi o malfunzionamenti) Gli scenari sono descritti per mezzo dei diagrammi di interazione (di sequenza e di collaborazione) Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 29 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 30 Use case diagram: Un esempio di scenario Registrazione ai corsi: Gianluca sceglie i corsi: informatica, fisica, analisi e disegno Come corsi alternativi sceglie: fotografia e giornalismo I corsi scelti sono immessi nel sistema di registrazione Lo studente viene aggiunto ai primi 3 corsi principali Il quarto corso non è disponibile SE la prima alternativa è disponibile ALLORA lo studente viene aggiunto al corso ALTRIMENTI SE la seconda alternativa è disponibile ALLORA lo studente viene aggiunto al corso ALTRIMENTI si notifica allo studente che non è iscritto ad un numero sufficiente di corsi SE NON fallisce ALLORA Si crea la cartella corsi dello studente Si mandano le informazioni all ufficio contabile Use case diagram: Documentazione Per ogni caso d uso: Titolo Autori Descrizione Attori Pre-condizioni Post-condizioni Eccezioni Scenari Computo tasse Rossi e Bianchi Quando le iscrizioni di uno studente sono state accettate si inviano le informazioni all ufficio contabile Ufficio contabile, Studente registrato Non identificate.... Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 31 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 32

9 Activity Diagrams Activity Diagrams: Elementi Permette di modellare processi paralleli e la loro sincronizzazione Si descrive il comportamento attraverso un insieme di attività Modellazione di workflow: Attività a livello abbastanza alto (il flusso di oggetti può essere importante; le corsie possono essere utili) Modellazione di operazioni: A livello più dettagliato (branch, fork, join sono importanti) Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 33 Stati: i nodi del diagramma Stati di azioni (action state): atomici Stati di attività: decomponibili Stati particolari: inizio e fine Transizioni: archi che descrivono il passaggio da una attività ad un'altra Semplici Diramazioni (branching) Stati concorrenza: fork e join Corsie (swimlanes): descrivono la "competenza" per lo svolgimento delle attività (in termini di soggetti del mondo reale) Si delimita da altri gruppi con una linea verticale. Flusso di oggetti: le attività si possono inviare oggetti, nel cedere il controllo Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 34 Activity Diagrams: Elementi principali Activity Diagrams: Esempio Rilascio autorizzazione etichetta [ espress. Bool. ] * Stato di azione (Attività) Pseudo stato iniziale Pseudo stato finale Transizione Barra di sincronizzazione (Join, fork) Condizione guardiano,trigger Decisione Iterazione Possono essere associati all implementazione di un operazione, ad un caso d uso o una classe. Servono ad enfatizzare i flussi dell elaborazione interna. Sono utili nei casi in cui la fine delle attività interne è considerata un evento oppure è accompagnata dall emissione di uno o più eventi. I diagrammi di attività sono un alternativa agli STD in cui i nodi/stati sono attività/azioni che rappresentano l esecuzione di operazioni. Quando gli eventi sono asincroni, sono preferibili i diagrammi STD. Barra di sincronizzazione Cliente Vendite Magazzino Richiedi servizio Paga Ricevi merci Ricevi ordine Spedisci merce Completa ordine attività corsie Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 35 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 36

10 Activity Diagrams: Fork e Join Activity Diagrams: Esempio Fork = Rappresenta un flusso di controllo spaccato in più flussi di controllo concorrenti. Una fork ha un flusso in ingresso e più flussi in uscita. Per ciascun flusso in uscita, le attività associate continuano in parallelo con le attività dei flussi paralleli. fork Mettere il caffè nel filtro Mettere il filtro nella macchina Trovata la bevanda [ trovato il caffè ] Aggiungere acqua decisione [ manca il caffè ] Rilasciare il bichiere Rilasciare barattolo Cola [ manca Cola ] Join = Rappresenta la sincronizzazione di due o più flussi di controllo concorrenti. All arrivo nella join, un flusso deve aspettare finché tutti i flussi sono arrivati. Tra una fork e la join Le attività che sono in flussi corrispondente ci deve essere un paralleli possono comunicare bilanciamento: N flussi escono dalla tra loro inviando dei segnali fork, N flussi debbono entrare nella join. join Attivare la macchina [ le luci spente ] Fare bollire il caffe Consumare la bevanda Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 37 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 38 Activity Diagrams: Esercizio Activity Diagrams: Possibile soluzione Descrivere il processo con un activity diagram Ricevi Ordine La ricezione di un ordinativo in un azienda comporta il controllo della forma di pagamento prevista ed il controllo della disponibilità delle merci ordinate. La mancata autorizzazione al pagamento comporta la cancellazione dell ordine. Ogni merce, se disponibile, viene assegnata all ordine. Quando tutte le merci richieste sono state selezionate l ordine può essere evaso e si procede a riordinare le merci la cui disponibilità non è più sufficiente. Cancella Ordine Evadi Ordine fallimento Controlla Pagamento successo tutte le merci disponibili * Per ogni linea dell ordine Controlla Disponibilità Assegna a Ordine Riordina Merce Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 39 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 40

11 Class Diagrams E il caposaldo dell object oriented e definiscono la visione statica del sistema Rappresenta le classi di oggetti del sistema con i loro attributi e operazioni Mostra le relazioni tra le classi (associazioni, aggregazioni e gerarchie di specializzazione/generalizzazione) Può essere utilizzato a diversi livelli di dettaglio (in analisi e in disegno) Class Diagrams Descrizione statica del sistema: Classi Nomi Attributi (lo stato) Metodi (il comportamento) Relazioni tra classi Associazioni (uso) Generalizzazione (ereditarietà) Aggregazione (contenimento) Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 41 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 42 Class Diagrams: Classi Una classe è un insieme di entità del sistema o dell ambiente, con caratteristiche comuni. Una classe è composta da tre parti: nome attributi metodi Nome Professore Nome e metodi Nome e attributi Professore Nome Cognome Professore Create() Delete() Professore Nome Cognome Create() Delete() Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 43 Class Diagrams: Classi come individuarle? Guardare Cercare Considerare Quindi: Considerare i risultati precedenti e altri sistemi, prototipi, specifiche Strutture, cose ed eventi, ruoli, unità organizzative, procedure operative molteplicità di attributi e istanze, funzioni sempre presenti, requisiti del dominio Evidenziare i nomi (oggetti) nella specifica del problema Considerare gli use case e gli scenari Si definiscono gli use case Si specificano alcuni use case in scenari Si identificano gli oggetti propri di ogni scenario Si raggruppano gli oggetti in classi Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 44

12 Class Diagrams: Esercizio Class Diagrams: Possibile soluzione Identificare gli oggetti per il sistema di registrazione dei corsi a partire da: use case (slide 26, 27) scenario (slide 31) Gianluca Corso Informatica Fisica Analisi Disegno Corso alternativo Fotografia Giornalismo Sistema di registrazione Studente Corso principale Alternativa Notifica Cartella studente Informazioni Selezione Ufficio contabile Come raggruppare? Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 45 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 46 Class Diagrams: Come raggruppare Class Diagrams: Esercizio Esaminando gli oggetti identificati negli scenari, alcuni oggetti possono essere raggruppati Tutti i corsi specifici appartengono alla classe Corso Definire il modello iniziale delle classi per il sistema Registrazione corsi slide 26, 27 a partire dalla lista di nomi identificati Si individua anche la classe Studente, Professore,.. La lista può crescere considerando i diversi scenari Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 47 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 48

13 Class Diagrams: Soluzione modello iniziale delle classi Class Diagrams: Attributi come individuarli? (01) Un attributo è una caratteristica della classe Corso Studente Catalogo Corsi Gli attributi hanno una loro identità non la si deve aggiungere Ogni attributo deve essere definito in modo preciso Gli attributi dipendono dal dominio Cartella Studente Informazioni Contabili Professore Elenco Iscritti ESEMPIO: Persona in ambito bancario nome, cognome, codicefiscale, numeroconto Persona in ambito medico nome, cognome, peso, altezza Per studente attributi corretti nome, cognome Per studente attributi NON corretti CorsiScelti Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 49 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 50 Class Diagrams: Attributi come individuarli? (02) Class Diagrams: Attributi derivati Direttamente nel testo della specifica Durante la definizione delle classi stesse Conoscenza del dominio applicativo Un attributo derivato è un attributo il cui valore viene calcolato in base ai valori di altri attributi (quindi calcolato e non memorizzato) Si usa quando non si vuole ricalcolare tutti i valori per quell attributo nei vari oggetti ESEMPIO: età, area, perimetro Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 51 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 52

14 Class Diagrams: Metodi Class Diagrams: Relazioni Un metodo è una trasformazione applicabile a una istanza di una classe Tutti e solo i metodi rilevanti per il dominio applicativo ESEMPIO: In ambito bancario ApreContoCorrente, EffettuaPrelievo, In ambito medico EsegueEsame, PrendeMedicina, Una relazione definisce un canale di comunicazione bidirezionale fra due classi Tutti i sistemi sono composti da oggetti che collaborano per realizzare le funzionalità richieste Alcune relazioni sono: associazioni e aggregazioni La molteplicità definisce il numero di istanze che prendono parte alla relazione Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 53 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 54 Class Diagrams: Relazioni durante l analisi ed il progetto Class Diagrams: Associazioni Durante l analisi si stabiliscono relazioni (associazioni o aggregazioni) fra classi Le connessioni sono date dalla (insite nella) natura stessa del problema Si deve pensare alle possibili molteplicità per esplicitare assunzioni implicite Un associazione: indica una relazione tra classi (ad es. una persona che lavora per una azienda) deve avere un nome, solitamente un verbo (un etichetta al centro della linea che definisce l associazione) Durante il progetto: Corso appare CartellaStudente Le molteplicità vengono modificate e raffinate Le associazioni stesse vengono raffinate Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 55 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 56

15 Class Diagrams: Molteplicità Class Diagrams: Molteplicità La molteplicità indica: Se l associazione è obbligatoria oppure no 1..1 Esattamente 1 Il numero minimo e massimo di oggetti che possono essere relazionati ad un altro oggetto * 0 o più ESEMPIO: o uno Corso 0..* segue Studente m..n, 4..7, 9 entro gli estremi specificati Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 57 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 58 Class Diagrams: Aggregazioni Class Diagrams: Associazione o aggregazione? Le aggregazioni sono una forma particolare di associazione. Una parte è in relazione con un oggetto (part-of) Aggregazione se due oggetti sono uniti da una relazione part-of (ad es: auto con motore e ruote) A B Indica che A e parte di B Associazione se due oggetti sono solitamente considerati indipendenti, anche se spesso collegati ESEMPIO: ESEMPIO: Corso 1..* 1..1 Curriculum Curriculum * Corso 0..* segue Studente Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 59 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 60

16 Class Diagrams: Associazioni riflessive Class Diagrams: Attributi delle associazioni La Un associazione èriflessiva se coinvolge oggetti della stessa classe Indicano oggetti multipli della stessa classe che collaborano in qualche modo Corso 0..* 0..* Propedeuticità Parte Aggregazione L attributo si mette all interno dell icona di una classe e si collega l icona all associazione (si parla di classe associativa) La classe attributo può avere proprietà specifiche È permesso una sola classe attributo per associazione ESEMPIO: Studente segue Frequenza Profitto Percentuale 0..* Corso Solo un istanza della classe associativa tra ogni coppia di oggetti associati Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 61 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 62 Class Diagrams: Esempio Class Diagrams: Ereditarietà ( Generalizzazione) Persona * lavora Impiego Periodo 0..1 Azienda Si permette ad una persona di avere al massimo un impiego nella stessa azienda Esplicità eventuali comportamenti comuni Richiede che si debba: Aggiungere nuove proprietà alle classi Ridefinire/modificare metodi esistenti Padre general. Persona Da classe associativa a classe quando? Definisce il concetto di generalizzazione Persona * lavora 0..1 Azienda 1 Impiego 1 0..* Periodo * Si permette ad una persona di avere più di un impiego nella stessa azienda La classe figlie ereditano attributi e metodi dalla classe padre e possono avere propri attributi e metodi Studente Docente Figli general. Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 63 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 64

17 Class Diagrams: Esempio Class Diagrams: Esercizio Pag. Contanti Prodotto 1 descrive 0..* Aggregazione Riga vendita ha 1..* 1 data ora Pagamento importo 1 riferito a 1 Vendita crea_vendita() Pag. Carta Credito Specializzazione/ Generalizzazione Definire le relazioni per il modello delle classi per il sistema di registrazione corsi (slide 26, 27) Corso Studente Catalogo Corsi Cassiere utilizzato da 1 1 POST 1 * avviato da * 1..* 1 Negozio Associazione Cartella Studente Professore 1 Amministratore nome indirizzo Informazioni Contabili Elenco Iscritti Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 65 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 66 Class Diagrams: Una soluzione (inizio) Catalogo Corsi Cartella Studente * * 1..* Corso Studente 0..* 0..* 0..* Elenco Iscritti 1..1 Precedenze Professore 1..1 Interaction Diagrams Descrivono il comportamento dinamico del sistema. Specifica del modo in cui vengono inviati messaggi tra diverse istanze per eseguire un compito specifico Ad uno use case si possono associare diversi interaction diagrams Comprendono Sequence Diagram Collaboration Diagram Elementi fondamentali Oggetti Scambio messaggi Sequenza di invocazione dei messaggi Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 67 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 68

18 Interaction Diagrams: Messaggi e interazione Interaction Diagrams: Notazione per i messaggi e interazione Interazione: specifica del modo in cui vengono inviati messaggi tra diverse istanze per eseguire un compito specifico. Call: Interazione sincrona: Messaggio: specifica di una comunicazione tra istanze, che trasmette informazione nell'aspettativa che ne consegua attività evento Tipi di messaggi: Call: invoca un'operazione su oggetto (anche se stesso) Return: restituisce un valore al chiamante Send: invia un "segnale" ad un oggetto Create: crea un oggetto Destroy: distrugge un oggetto (anche se stesso) Return: Send: Create: Destroy: <<create>> <<destroy>> risposta: Interazione asincrona: Interazione non specificata (di solito asincrona) Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 69 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 70 Sequence diagram Sequence diagram: elementi principali E utilizzato per definire la logica di uno scenario (specifica sequenza di eventi) di un caso d uso (in analisi e poi ad un maggior livello di dettaglio in disegno) E uno dei principali input per l implementazione dello scenario Oggetto Linea della vita dell oggetto Attivazione Mostra il periodo in cui un oggetto realizza un azione Asse verticale: tempo, dall'alto verso il basso Asse orizzontale: oggetti, da sinistra verso destra in ordine decrescente di importanza; nella prima colonna l'oggetto che avvia la collaborazione Mostra gli oggetti coinvolti specificando la sequenza temporale dei messaggi che gli oggetti si scambiano E un diagramma di interazione ed evidenzia come un caso d uso è realizzato tramite la collaborazione di un insieme di oggetti etichetta {b-a<5sec} b Messaggio - call - return - send - create - destroy Vincolo Tempo della transizione Per ogni oggetto due caratteristiche importanti la "linea della vita rappresenta l esistenza dell oggetto o dell attore il "focus of control": evidenzia il periodo di tempo durante il quale un oggetto sta eseguendo un'azione, direttamente o utilizzando una procedura subordinata Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 71 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 72

19 Sequence diagram: Esempio Sequence diagram: Quando e perché utilizzarli? Oggetti Utente Selezione corso Corso Usati per modellare un flusso di controllo per ordine temporale Individuare il contesto dell interazione (sistema, sottosistema, ) Scegli corso Inoltra selezione Registrazione OK Corso disponibile? Aggiungi Utente Identificare gli oggetti coinvolti e posizionarli per importanza Utilizzare il focus of control per visualizzare il nesting dei messaggi o i tempi in cui avviene la computazione Aggiungere se necessario vincoli di spazio e tempo o pre o post condizioni ai msg Si possono specificare nodi decisionali o iterazioni Tempo Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 73 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 74 Sequence diagram: Esercizio Sequence diagram: Una soluzione Scrivere il sequence diagram corrispondente ad un prestito in una biblioteca Utente Controllo tessera Ricerca volume Utente Controllo tessera Ricerca volume Invia richiesta Tessera OK Ricerca volume Volume disponibile Prestito OK Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 75 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 76

20 Collaboration diagram: elementi principali E un diagramma di interazione e rappresenta un insieme di oggetti che collaborano per realizzare il comportamento di uno scenario di un caso d uso Classe: Oggetto Oggetto partecipante 2: etichetta Messaggio Link Self-link Non prevedono l uso del concetto di tempo A differenza del diagramma di sequenza, mostra i link (legami) tra gli oggetti che si scambiano messaggi, mentre la sequenza di tali messaggi è meno evidente Può essere utilizzato in fasi diverse (analisi, disegno di dettaglio) Collaboration diagram: Esempio Si vuole realizzare un applicazione per la condivisione di file. Gli utenti devono autenticarsi con il server fornendo una username e password. Una volta autenticati possono effettuare ricerche per cercare file. Trovato il file desiderato l utente puo effettuarne il download Realizzare il corrispondente sequence diagram 1: Autenticazione :Utente 2: Ricerca 3: Risultato :Server 4: Dowload Utente Autenticazione Ricerca Risultato Download Server Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 77 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 78 Collaboration diagram: Esercizio Collaboration diagram: Soluzione Riprendere l esercizio sul Sistema registrazione corsi (slide 26, 27) e realizzare il relativo Collaboration diagram 2: Seleziona informatica 3: Seleziona analisi 4: Seleziona fisica 5: Seleziona disegno 7: Seleziona fotografia 8: Seleziona giornalismo 9: Sottometti corsi :Studente 1: Seleziona 4 corsi 6: Seleziona 2 corsi alt. :Corso :SelezioneCorso 10: Corso disponibile 11: Aggiungi Studente 12: Crea cartella 13: Crea info contabili :InformazioniContabili :CartellaStudente Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 79 Unified Modeling Language Università degli Studi Roma Tre - Gianluca Di Tomassi 80

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Progettazione Orientata agli Oggetti

Progettazione Orientata agli Oggetti Progettazione Orientata agli Oggetti Sviluppo del software Ciclo di vita del software: comprende tutte le attività dall analisi iniziale fino all obsolescenza (sviluppo, aggiornamento, manutenzione) Procedimento

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software 1 Ingegneria del software L istituzione e l impiego di principi ingegneristici fondati, allo scopo di ottenere

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli