Logistics Maturity Model: Applicazione ad una azienda del settore Fashion & Apparel Large Retail Trade

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Logistics Maturity Model: Applicazione ad una azienda del settore Fashion & Apparel Large Retail Trade"

Transcript

1 Logistics Maturity Model: Applicazione ad una azienda del settore Fashion & Apparel Large Retail Trade White Paper Aprile 2012 Operations Management Team

2 Riferimenti a questo documento possono essere effettuati nelle seguenti forme: - Battista, C. & Schiraldi, M.M. (2012), Logistics Maturity Model White Paper, Operations Management Team, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Rome, Italy. - Battista, C., Fumi, A. & Schiraldi, M.M. (2012), The Logistics Maturity Model: guidelines for Logistics processes continuous improvement, XXIII World POMS Conference, Chicago (IL), April Copyright 2012 Operations Management Team s.r.l., Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Via del Politecnico, Roma, Italia. L opera, comprese tutte le sue parti, è tutelata dalla legge sui diritti d autore. I contenuti di questo documento sono di proprietà di Operations Management Team s.r.l. e, se non espressamente autorizzato, ne è vietato l adattamento, la traduzione e la rielaborazione, in ogni modo e forma, con qualsiasi modalità attualmente nota o in futuro sviluppata. Per informazioni circa l'utilizzo da parte di terzi dei contenuti presenti nel documento, inviare una richiesta via a specificando la ragione della richiesta e gli scopi dell utilizzo. Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 1/12

3 1. Introduzione al caso aziendale in esame 1.1. Organizzazione della filiera logistica L azienda BLS (il nome è di fantasia) è una azienda italiana di medio-grande dimensione, che opera nel settore abbigliamento e accessori donna con la presenza di circa duecento punti vendita sparsi sul territorio nazionale ed alcuni punti vendita all estero. Allo stato attuale la filiera logistica BLS è strutturata su due livelli, con un unico magazzino centrale dal quale vengono riforniti i punti vendita, che gestiscono i prodotti in conto-vendita. La pianificazione degli approvvigionamenti è svolta con cadenza semestrale collezione invernale ed estiva prendendo in input i dati storici del venduto aggregati per classi merceologiche a diversi livelli di dettaglio. I prodotti vengono stoccati nel magazzino centrale, gestito in outsourcing da un azienda che si occupa anche della gestione della distribuzione dei prodotti ai diversi punti vendita. Il parco fornitori BLS è concentrato principalmente nei paesi orientali (Cina, Turchia e India) con conseguenti elevati tempi di approvvigionamento. Sei mesi prima dell inizio della nuova stagione l Ufficio Stile di BLS si occupa dell elaborazione della collezione definendo i nuovi articoli per ogni reparto e sotto-reparto. In base alla tipologia del capo vengono contatti i diversi fornitori lanciando i relativi ordini d approvvigionamento. All interno del magazzino centrale i materiali sono quindi gestiti a fabbisogno: sulla base dei dati di previsione della domanda sono stimate le quantità di approvvigionamento per ogni classe merceologica e, successivamente, per ogni articolo. Differente è invece la gestione delle scorte nei diversi punti vendita della filiera logistica: il sistema di replenishment dei punti vendita prevede una gestione dei materiali a ripristino, ovvero l azienda definisce quanto, quando e cosa spedire ai punti vendita sulla base di alcuni propri criteri di valutazione. Negli ultimi anni la BLS ha registrato una forte crescita sia in termini di dimensione della filiera logistica, raddoppiando il numero di punti vendita ed incrementando anche maggiormente i flussi di materiali in ingresso al magazzino centrale. Tale crescita esponenziale ha generato delle difficoltà nella gestione dei diversi attori della supply chain non riuscendo a volte a soddisfare in modo adeguato le richieste dei clienti. Figura 1: Andamento delle movimentazioni in ingresso al magazzino centrale ( ) Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 2/12

4 Con l obiettivo di supportare l azienda nel delineare un percorso di crescita e miglioramento finalizzato a lungo termine all internazionalizzazione dei mercati BLS, si è avviato un progetto di maturity assessment mediante l applicazione del Logistics Maturity Model (LMM). Nello specifico l intervento è stato suddiviso in quattro fasi: I. svolgimento del Maturity Assessment; II. III. IV. valutazione dei risultati e la definizione delle strategie di miglioramento; definizione delle improvement road maps; convalida dei risultati ottenuti. Per i riferimenti metodologici sul Logistics Maturity Model, si veda il white paper Introduzione al Logistics Maturity Model, reperibile sul sito web 2. Analisi del livello di maturità dei processi logistici 2.1. Fase I: lo svolgimento del Maturity Assessment Un efficace applicazione del LMM richiede una preliminare mappatura dei processi aziendali con quelli definiti all interno del LMM al fine di identificare le figure chiave da intervistare durante l assessment. In tal senso è stata avviata una prima fase di brainstorming con il management con un duplice obiettivo: a. definire i processi logistici svolti in outsourcing per i quali è necessario un coinvolgimento dei fornitori esterni per la determinazione del relativo livello di maturità; b. identificare per ognuno dei processi foglia del LMM le risorse chiave su cui focalizzare l assessment. In merito al punto (a) per ragioni strategiche l azienda ha deciso di escludere, nel primo progetto, l analisi del livello di maturità dei processi svolti in outsourcing concentrandosi unicamente sulle attività gestite e monitorate dalle risorse interne. L assessment è stato svolto in sei interviste rivolte mediamente a 3-4 persone coinvolgendo in totale 10 risorse in azienda e monitorando i tempi di svolgimento dei singoli incontri. Ogni assessment, escludendo la parte iniziale dell incontro in cui sono stati illustrati gli obiettivi del progetto e la logica di funzionamento del modello, è stato concluso mediamente entro un ora con un tempo medio di risposta di circa un minuto per quesito per persona intervistata. A titolo esemplificativo esempio, di seguito si riportano i quesiti relativi all area di processo/sottoprocesso Tempificazione dei lotti di approvvigionamento. Maturity Grid: Sottoprocesso Tempificazione del lotto di approvvigionamento Livello Codice Achievement Descrizione Achievement 1 P1.3.2/ AC1.1 P1.3.2/ AC2.1 Si è tenuto conto della necessità di considerare i processi di tempificazione del lotto d'approvvigionamento? Si è in grado di effettuare una previsione (almeno di massima) dei tempi di approvvigionamento dei propri fornitori? 2 P1.3.2/ AC2.2 Si è in grado di effettuare una stima (almeno di massima) della puntualità dei propri fornitori? P1.3.2/ AC2.3 Si è in grado di considerare i costi di trasporto degli ordini richiesti per fornitore? Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 3/12

5 Maturity Grid: Sottoprocesso Tempificazione del lotto di approvvigionamento Livello Codice Achievement Descrizione Achievement P1.3.2/ AC2.4 P1.3.2/ AC2.5 P1.3.2/ AC2.6 P1.3.2/ AC3.1 P1.3.2/ AC3.2 P1.3.2/ AC3.3 P1.3.2/ AC3.4 P1.3.2/ AC3.5 P1.3.2/ AC3.6 P1.3.2/ AC4.1 P1.3.2/ AC4.2 P1.3.2/ AC4.3 P1.3.2/ AC4.4 P1.3.2/ AC5.1 P1.3.2/ AC5.2 P1.3.2/ AC5.3 P1.3.2/ AC5.4 Si è in grado di effettuare una pianificazione (almeno di massima) per ogni codice delle date in cui si desidera ricevere la merce dal fornitore nei punti di stoccaggio della filiera logistica? Si è in grado di effettuare una stima (almeno di massima) dei costi di stoccaggio per ogni codice, ovvero del valore del capitale immobilizzato in scorta? Si è in grado di effettuare una stima (almeno di massima) del livello di inventario di ogni codice in ogni punto di stoccaggio della filiera logistica? Esiste una procedura formalizzata e condivisa per la valutazione dei tempi di approvvigionamento dai propri fornitori? Esiste una procedura formalizzata e condivisa per la valutazione della puntualità dai propri fornitori? Esiste una procedura formalizzata e condivisa per la valutazione dei costi di stoccaggio dei prodotti - ovvero del valore del capitale immobilizzato in scorta? Esiste una procedura formalizzata e condivisa per la valutazione dei costi di trasporto di un ordine ad un fornitore? Esiste una procedura formalizzata e condivisa per l'elaborazione di un piano temporale degli approvvigionamenti? Esiste una procedura formalizzata e condivisa per misurare il livello di inventario di ogni codice in ogni punto di stoccaggio della filiera logistica? È possibile misurare e controllare in modo costante e appropriato la puntualità di consegna per ogni fornitore? È possibile misurare e controllare in modo costante e appropriato i tempi di approvvigionamento dai propri fornitori? È possibile misurare e controllare in modo costante e appropriato il livello di inventario di ciascun prodotto in ogni punto di stoccaggio della filiera logistica? È possibile misurare e controllare in modo costante e appropriato il costo di trasporto di ogni ordine di approvvigionamento per ciascun fornitore? Sono stati avviati interventi di miglioramento per aumentare l'affidabilità della stima dei tempi di approvvigionamento per fornitore? Sono stati avviati degli interventi di miglioramento per ottimizzare l'elaborazione del piano temporale degli approvvigionamenti? Sono stati avviati degli interventi di miglioramento per ottimizzare la schedulazione temporale delle consegne ai punti di stoccaggio della filiera logistica con dettaglio settimanale/giornaliero/orario? Sono stati avviati degli interventi di miglioramento per incrementare il livello di integrazione con i fornitori più critici? 2.2. Fase II: analisi dei risultati A valle della conduzione dell assessment, la valutazione del livello di maturità dei processi logistici dell azienda è stata effettuata secondo diversi livelli di aggregazione. A) Maturity score dell intero sistema logistico BLS Maturity Score BLS Logistic System 5 10 BLS Logistic System Maturity Score 3 Figura 2: Maturity Score del sistema logistico della BLS Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 4/12

6 LA0 LA1 LA2 LA3 B) Maturity score del sistema logistico BLS per ogni livello di maturità Maturity Level Score BLS Logistics System 10 78% Maturity Level 15% Figura 3: Maturity Level Score BLS Logistics System Dall analisi del livello di maturità del sistema logistico dell azienda, la BLS ha quasi raggiunto il livello 2 del LMM. In tal senso il sistema logistico della BLS è risultato essere quasi gestito, ovvero: i processi logistici sono operativamente gestiti seguendo delle linee guida di massima stabilite dal management aziendale; le attività sono assegnate a diversi responsabili dalla cui performance e interazione dipende il successo o insuccesso del lavoro svolto; Sono identificati alcuni indicatori per monitorare l efficienza dei processi con una conseguente stima di massima della relativa performance; la BLS è quindi caratterizzata da una buona solidità (fase di sviluppo ed espansione), bassa affidabilità nella qualità offerta al cliente, bassa reattività in termini di tempi di risposta alle richieste di mercato, scarsa capacità di controllare e ottimizzare la performance e i costi aziendali, incapacità di ripetere i propri successi. Gli intervistati hanno confermato tale profilo evidenziando inoltre come le problematiche sopra descritte sono comuni a tutte le aree aziendali. Tale informazione è stata confermata dall analisi della maturità delle diverse aree logistiche e dei relativi processi C) Maturity Score di ogni Logistics Area analizzata Maturity Score BLS Logistics Area 29% 28% 31% 32% Maturity Score Figura 4: Maturity Score BLS Logistics Area Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 5/12

7 Il livello di maturità del sistema logistico BLS risulta essere uniformemente distribuito tra le diverse aree logistiche, le quali presentano infatti un maturity score comparabile. D) Maturity Score di ogni Logistics Area per ogni livello di maturità Maturity Score Level Score LA % 13% Liv 1 Liv 2 Liv 3 Liv 4 Liv 5 Maturity Level Figura 5: Maturity Level Score LA 1 Maturity Level Score LA % 14% Liv 1 Liv 2 Liv 3 Liv 4 Liv 5 Maturity level Figura 6: Maturity Level Score LA 2 Maturity Level Score LA % 17% Liv 1 Liv 2 Liv 3 Liv 4 Liv 5 Maturity level Figura 7: Maturity Level Score LA 3 Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 6/12

8 P1.1 P1.2 P1.3.1/P2.1.2 P1.3.2/2.1.3 P0.1 P2.1.1/3.1.1 Maturity Level Score LA % 25% Liv 1 Liv 2 Liv 3 Liv 4 Liv 5 Maturity level Figura 8: Maturity Level Score LA 0 Le quattro aree logistiche presentano un profilo di maturità comparabile raggiungendo in misura diversa il secondo livello del LMM. In tal senso i processi relativi a ogni Logistics Area sono quasi gestiti, mentre è completamente assente una formalizzazione e definizione delle relative attività, ruoli e responsabilità. L area Pianificazione inoltre presenta il punteggio più basso nel grado di raggiungimento del livello 2 del LMM. La previsione dei volumi di vendita si configura come uno degli aspetti più critici per l azienda, in tal senso potrebbe essere opportuno avviare prioritariamente delle azioni di intervento finalizzate al raggiungimento completo del secondo livello del LMM. E) Maturity Score di ogni Processo Process Maturity Score % 21% 26% 29% 32% 29% Figura 9: Process Maturity Score Il livello di maturità di ogni Logistics Area risulta essere uniformemente distribuito tra i diversi processi, i quali presentano infatti un maturity score comparabile (escluso il processo P1.1 che mostra un punteggio relativamente più alto rispetto agli altri). F) Maturity Score di ogni Processo per ogni livello di maturità Sono stati generati grafici analoghi ai precedenti per ogni processo e sottoprocesso all interno della Process Area considerate. I risultati sono qui omessi per esigenze di sintesi. Alla luce di tali risultati il management della BLS ha potuto definire al meglio le strategie di miglioramento a breve e medio termine. Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 7/12

9 3. Definizione ed attuazione delle strategie di miglioramento 3.1. Fase III: definizione dell Improvement Road Map A valle dei risultati in conclusione dell assessment condotto con il Logistics Maturity Model, il management BLS ha definito due tipologie di obiettivi strategici: Strategie di breve periodo A. Incrementare il grado di maturità del livello 2 prioritariamente per il processo P0.1 e in seconda fase per i processi P1.3.1/2.1.2 e P1.2; Strategie di medio periodo B. Incrementare per ogni processo il grado di maturità al livello 3; C. Incrementare il grado di maturità del processo P0.1 avviando interventi che consentano di ridurre l errore di previsione della domanda. In base alle strategie delineate dall azienda è stato possibile definire un piano di tutti i possibili interventi di miglioramento da avviare per raggiungere gli obiettivi strategici indicati. Mediante le Maturity Grid dei diversi processi si sono facilmente identificati tutti le potenziali azioni di miglioramento da avviare in risposta ai tre obiettivi strategici delineati dall azienda. Nello specifico sono stati identificati come Achievement Target: gli AC dei processi P0.1, P1.2 e P1.3.1/2.1.2 riferiti al livello di maturità 2 (strategia A); gli AC di tutti i processi analizzati riferiti al livello di maturità 3 (strategia B); gli AC del processo P0.1 correlati a una riduzione dell errore nella stima dei volumi di vendita (KPI 36). Con l obiettivo di passare da un livello di maturity gestito al livello definito, insieme con il management si è definito un programma di implementazione degli interventi sulla base della relativa priorità Fase IV: convalida dei risultati raggiunti A valle dell implementazione degli interventi individuati grazie all assessment del Logistic Maturity Model, l azienda ha ottenuto di incrementare il livello di maturità del proprio sistema logistico del 21% nel suo complesso. Nello specifico, si registra un aumento del 16% del grado di raggiungimento del livello maturità 2, del 61% del punteggio relativo al livello 3 e del 5% dello stato di maturity riferito al livello 5. In merito alle singole aree logistiche, l implementazione dell Improvement Road Map ha consentito un incremento medio del maturity score pari a circa il 24%. In particolare si è raggiunto un incremento medio del 19% per il livello di maturità 2, del 66% per il livello 3 e del 13% per il livello 5. Il dettaglio dell output arriva fino al report per ciascun processo in ciascuna area logistica, ed è qui omesso per esigenze di sintesi. Tutte le risorse aziendali coinvolte nel progetto di implementazione del LMM hanno riconosciuto la propria azienda nel profilo di maturità identificato, apprezzando in particolare la possibilità di poter usufruire di uno strumento che si configura come linea guida strategica, tattica e operativa nella crescita aziendale. Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 8/12

10 LA0 LA1 LA2 LA3 Maturity Score BLS Logistics System BLS Logistic System BLS Logistic System Maturity Score 3 Improvement 21,4% Figura 10: Maturity Score BLS Logistics System PRE vs POST Maturity Level Score BLS Logistic System - POST Maturity Level PRE Maturity Level POST 10 94% 10 78% 61% 15% 15% 5% Liv 1 Liv 2 Liv 3 Liv 4 Liv 5 Figura 11: Maturity Level Score BLS Logistics System PRE vs POST Maturity Score Logistic Area - POST Maturity Level PRE Maturity Level POST 68% 48% 49% 52% 32% 31% 28% 29% Figura 12: Maturity Score Logistics Area PRE vs POST Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 9/12

11 4. Riferimenti bibliografici - Andrade, J., Ares, J., Garcia, R., Rodriguex, S., & Suarez, S. (2010). A knowledge-based systems for knowledge management capability assessment model evaluation. Wseas transactions on computers, 9(5). - Attran, M., & Attran, S. (2007). Collaborative supply chain management, the most promising practice for building efficient and sustainable supply chains. Business Process Management Journal, 13, (3), Barnard, J. H. (2006). A Multi-view framework for defining the services supply chain using object oriented methodology. Orlando, Florida: University of Central Florida. - Bolstorff, P., & Rosenbaum, G. (2007). Supply Chain Excellence. Amacom. - Bourne, L. a. (2007). Comparing Maturity Models: CMMI. OPM3 and P3M3. PMOZ Conference. - Brown, M. G. (1996). Keeping Score: Using the Right Metrics to Drive World-Class Performance. Quality Resources. - Brown, P., Kelly, J., & Querusio, D. (2011). Toward a healthcare business-process reference model. IEEE Computer Society, Burgess, K., Singh, P. J., & Koroglu, R. (2006). Supply chain management: A structured literature review and implications of future research. International Journal of Operations and Production Management, 26(7), Cooke-Davies, T. J. (2004). Measurement of organizational maturity: what are the relevant questions about maturity and metrics for a project-based organization to ask, and what do these imply for project management research? Innovations: project management research. - Crosby, P. (1979). Quality is Free: the Art of Making Quality Certain. New York: McGraw-Hill. - Deming, W. (1982). Out of the Crisis. Massachusetts Institute of Technology. - Dubey, R. (2011). Improving firm performance through logistics activities: a research framework. Indian Journal of Commerce & Management Studies, p. Vol Ehms, K., & Langen, M. (2002). Holistic development of KM with KMMM. Siemens AG Corporate Technology Knowledge Management and Business Trasformation. - Enkawa, T. (2010). Logistics Scorecard (LSC) in Japan- Logistics networks are successfully benchmarked in Japan? Tokyo, Japan: Tokyo Institute of Technology. - Fiocco, A. (1997). L evoluzione del rapporto fra modelli di misurazione delle performance e processi di controllo. Studi e note di economia. - Fitzgerald, L., Johnston, R., Brignall, S., Silvestro, R., & Voss, C. (1991). Performance Measurement in Service Business. The Chartered Institute of Management Accountants. - Foggin, J. H., Mentzer, J. T., & Monroe, C. L. (2004). A supply chain diagnostic tool. International Journal of Physical Distribution & Logistics Management, p Fraser, P., Moultrie, & Gregory, M. (2002). The use of maturity models / grids as a tool in assessing product development capability. Paper presented at Engineering Management Conference. IEEE International. - Garcia, H., & Giachetti, R. (2010). Using Experts to Develop a Supply Chain Maturity Model in Mexico. Supply Chain Management: An International Journal. - Garcia, H., & Giachetti, R. (2010). Using Experts to Develop a Supply Chain Maturity Model in Mexico. Supply Chain Management: An International Journal. - Gattorna, J. L., & Walters, D. (1996). Managing the supply chain: A strategic perspective. New York: Palgrave Publishers Ltd. - Gibson, C. K., & Nolan, R. L. (1974). Managing the four stages of EDP growth. Harvard Business Review, Gibson, D. L., Goldenson, D. R., & Kost, K. (2009). Performance Results of CMMI-Based Process Improvement (Software Engineering Process Management). Pittsburgh. - Gunasekaran, A., Patel, C., & McGaughey, R. E. (2004). A framework for supply chain performance measurement. International Journal Production Economics, 87, Hammer, M. (1996). Beyond reengineering: how the process-centered organization is changing our lives. New York, NY: Harper Business. - Hammer, M., & Stanton, S. (1999). How process enterprises really work. Harvard Business Review, 77(6). - Harmon, P. (2004). Evaluating an Organization's Business Process Maturity. Business Process Trend. - Harter, D., Mayuram, S., & Slaughter, S. (2000). Effects of process maturity on quality, cycle time and effort in software product development. Management Science, 46(4), Humphrey, W. (1988). Characterizing the Software Process. IEEE Software, 5(2), Humphrey, W., & Sweet, W. (1987). A method for assessing the Software Engineering Capability of Contractors. Carnegie Mellon University. Pittsburgh: Software Engineering Institute. - Hunsche, C. (2006). Introducing the Design Chain. Supply-ChainCouncil. - Johnson, H., & Kaplan, R. (1987). Relevance Lost - The Rise and Fall of Management Accounting. Boston: Harvard Business School Press. - Kaplan, R. S., & Norton, D. P. (1996). The Balanced Scorecard - Translating Strategy into Action. Boston, MA: Harvard Business School Press. - Kauremaa, J., & Suzuki, S. (2007). Evaluating SCM Practices with the SCM Scorecard: Evidence from an International Study. POMS 18th Annual Conference. Dallas, Texas, U.S.A. - Klimko, G. (2001). Knowledge Management and Maturity Models: Building common understanding. Proceeding of the 2nd European Conference on Knowledge Management, (p ). - Kochikar, T. (2000). The Knowledge Management Maturity Model - A staged framework for leveraging knowledge. The KM World 2000 Conference. - Kosanke, K., & Zelm, M. (1999). CIMOSA Modelling Process. In Computers in Industry (Vol. 40, p ). - Krishnan, M., Kriebel, C., Kekre, S., & Mukhopadhyay. (2000). An Empirical Analysis of Productivity and Quality in Software Products. Management Science, 46(6), Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 10/12

12 - Kulkarni, U., & Freeze, R. (2004). Development and validation of knowledge management capability assessment model. Twenty-Fifth International Conference on Information Systems, (p ). - Lambert, D. M. (2008). Supply Chain Management: Processes, Partnerships, Performance (Terza edizione). Sarasota, Florida: Supply Chain Management Istitute. - Lebas, M. J. (1995). Performance measurement and performance management. International Journal of Production Economics. - Lingle, J., & Schiemann, W. (1996). From Balanced Scorecard to Strategy Gauges: Is Measurement Worth It? Management Review, Lynch, R., & Cross, K. (1991). Measure Up - The Essential Guide to Measuring Business Performance. London: Mandarin. - Martinez, V., Kennerley, M., & Neely, A. (2004). Impact of PMS on business performance: a methodological approach. - McCormack, K. (2004). The Development of a Supply Chain Management Process Maturity Model Using the Concepts of Business Process Orientation. Supply Chain Management, McCormack, K. P., & Johnson, W. C. (2000). Business process orientation: gaining the e-business competitive advantage. Boca Raton, Florida: CRC Press LLC. - McCormack, K. P., & Johnson, W. C. (2002). Supply Chain Networks and Business Process Orientations. Boca Raton, Florida: The St. Lucie Press/APICS Series on Resource Management. - McCormack, K., & Lockamy III, A. (2004). The Development of a Supply Chain Management Process Maturity Model Using the Concepts of Business Process Orientation. Supply Chain Management journal. - Naslund, D., & Williamson, S. (2010). What is Management in Supply Chain Management? - A Critical Review of Definitions, Frameworks and Terminology. Journal of Management Policy and Practice, p. Vol. 11(4). - Neely, A. (1998). Measuring Business Performance. London: Economist Books. - Neely, A. M., Gregory, M., & Platts, K. (1995). Performance measurement system design: a literature review and research agenda. In International Journal of Operations and Production Management, Vol Neely, A., Mills, J., Platts, K., Richards, H., Gregory, M., Bourne, M., & Kennerley, M. (2000). Performance measurement system design: developing and testing a process-based approach. International Journal of Operations & Production Management. - Netland, T., Alfnes, E., & Fauske, H. (2007). How mature is your supply chain? A supply chain maturity assessment test. EurOMA, (p ). Ankara. - Nyere, J. (2006). The Design-Chain Operations Reference-Model. Supply Chain Council. - Paulk, M. C., Curtis, B., Chrissis, M., & Weber, C. (1993). Capability Maturity Model for Software, Version 1.1. IEEE Software, 10(4), Paulk, M. C., Garcia, S. M., Chrissis, M. B., & Bush, M. (1993). Key Practices of the Capability Maturity Model, Version 1.1. Technical Report CMU/SEI-93-TR-025 ESC-TR Pennypacker, J. S., & Grant, K. P. (2003). Project management maturity: an industry benchmark. Project Management Journal. - PMI, P. M. (2003). Organizational Project Management Maturity Model (OPM3) knowledge fondation. Milano. - Qualye, M. (2006). Purchasing and Supply Chain Management: Strategies and Realities. Londra: IRM Press. - Radice, R., Harding, J., Munnis, P., & Phillips, R. (1985). A programming process study. IBM Systems Journal 24, Roseman, M., Kulkarny, U., De Bruin, T., & Freeze, R. (2005). Understanding the main phases of developing a maturity assessment model. Australasian Conference on Information System. Sydney. - Simatupang, T. M., & Sridharan, R. (2005). An integrative framework. The International Journal of Logistics Management for supply chain collaboration, 16(2), p Sink, S. (1991). The Role Of Measurement In Achieving World Class Quality And Productivity Management. In Industrial Engineering (Vol. 23, p ). - Software Engineering Institute. (1995). The Capability Maturity Model: Guidelines for Improving the Software Process. Pittsburgh: Addison-Wesley. - Srai, J., & Gregory, M. (2005). Supply Chain Capability Assessment of Global operations using Maturity Models. Proceedings of EurOMA, (p ). Budapest. - Staggers, N., Rodney, M., Alafaireet, P., Backman, C., Bochinski, J., Schumacer, B., & Xiao, Y. (2011). Promoting Usability in Health Organizations: initial steps and progress toward a healthcare usability maturity model. Healthcare Information and Management System Society. - Stock, J., Boyer, S., & Harmon, T. (2009). Developing a consensus definition of supply chain management: a qualitative study. International journal of Physical Distribution & Logistics Management, Supply Chain Council. (1996). Supply Chain Operations Reference Model. USA. - Supply Chain Council. (2010). Supply Chain Operations Reference Model. USA. - Svensson, G. (2003). Holistic and Cross-Disciplinary Deficiencies in the Theory Generation of Supply Chain Management. Supply Chain Management: An International Journal, 8(4), Turner, R. a. (2002). Agile meets CMMT: Culture clash or common cause? Computer Science, Valadares, O., Ladeira, B., & McCormack, P. (2005). The Supply Chain Process Management Maturity Model - SCPM3. Supply Chain Management. - Van Landeghem, R., & Persoons, K. (2001). Benchmarking of logistical operations based on a causal model. International Journal of Operations & Production Management, p Venkatraman, N., & Ramanujam, V. (1996). Measurement of Business Performance in Strategy Research: A Comparison of Approaches. Academy of Management Review. - Visconti, M., & Cook, C. (1998). Evolution of a maturity model - critical evaluation and lessons learned. Software Quality Journal, Wetering, R. a. (2009). A PACS maturity model: a systematic meta-analytic review on maturation and evolvability of PACS in the hospital enterprise. International Journal of Medical Informatics, Wettstein, T., & Kueng, P. (2002). A Maturity Model for Performance Measurement Systems. Management Information Systems. - Whitman, L., Ramachandran, K., & Vikram, K. (2001). A Taxonomy of a living model of the enterprise. Winter Simulation Conference. Wichita, KS , U.S.A.: B. A. Peters, J. S. Smith, D. J. Medeiros, and M. W. Rohrer. Logistics Maturity Model White Paper Operations Management Team pag. 11/12

Logistica Integrata. Introduzione

Logistica Integrata. Introduzione Logistica Integrata Introduzione Supply Chain : Introduzione Cos è il Supply Chain Management e la Logistica? Perché Supply Chain Management? Problematiche fondamentali 2 Che cos è la logistica? Perché

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca Creating Your Future PROJECT MANAGEMENT IN BANCA La governance dell innovazione in banca 1 Ambito di applicazione 2 Attività formativa 3 Competenze 4 Project Management Framework 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Come tradurre la strategia in azione a cura di Alessandro Saviotti - saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Costi Cash Flow EVA Return on investmen

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MITCHELL WEISBERG. Strategic Management dell IT

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MITCHELL WEISBERG. Strategic Management dell IT LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MITCHELL WEISBERG Strategic Management dell IT SVILUPPARE UNA BALANCED SCORECARD PER MISURARE LA PERFORMANCE DELL IT E ALLINEARE IT E BUSINESS ROMA 11-13 NOVEMBRE 2015 RESIDENZA

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Il modello CMMI Engineering nelle organizzazioni software Agenda Focalizzazione sul processo CMMI come modello per il miglioramento dei processi Struttura del modello CMMI Aree di processo Riferimenti

Dettagli

Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 -

Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 - Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 - Il presente rapporto costituisce una sintesi dei lavori svolti nell ambito di due aree all interno del gruppo di studio

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT 1 Sviluppare competenze nel Singolo e nel Gruppo 2 Creare Sistemi per la gestione delle attività del Singolo nel Gruppo 3 Innescare dinamiche

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation La polarizzazione del mercato Polarizzazione del mercato consumer Bell Curves Crescita e valore percepito Well Curves Mass Competitive Spectrum Targeted Gli specialisti di settore devono possedere value

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione 1 AGENDA Criticità del software nel settore aerospaziale Standard di riferimento esistenti e loro similitudini/differenze (panoramica

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 12: Metodologie: controllo qualità P.M. Fase 3-4: tracking di progetto, introduzione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Technology Consulting and Engineering IMPOSTAZIONE STRATEGICA E GOVERNANCE DELLE ATTIVITÀ DI TEST

Technology Consulting and Engineering IMPOSTAZIONE STRATEGICA E GOVERNANCE DELLE ATTIVITÀ DI TEST Technology Consulting and Engineering IMPOSTAZIONE STRATEGICA E GOVERNANCE DELLE ATTIVITÀ DI TEST AGENDA ALTEN Italia Quanto è importante il testing? Testing Governance: processi e strategia Dal Risk Management

Dettagli

Agenda. Qualità e Misurazione: definizioni possibili. Modello QEST/LIME. Validazione degli indicatori di processo. Conclusioni

Agenda. Qualità e Misurazione: definizioni possibili. Modello QEST/LIME. Validazione degli indicatori di processo. Conclusioni Agenda Qualità e Misurazione: definizioni possibili Entità misurabili approccio IPO (Input-Processing-Output) approccio STAR (Software TAxonomy Revised) Analisi Multidimensionale Gestione dei progetti

Dettagli

TRASPORTI FERROVIARI - LA FERROVIA NELL ATTUALE SISTEMA DEL TRASPORTO DELLE MERCI. Il PIANO GENERALE 310/01/2015 sabato 9,00-13,00

TRASPORTI FERROVIARI - LA FERROVIA NELL ATTUALE SISTEMA DEL TRASPORTO DELLE MERCI. Il PIANO GENERALE 310/01/2015 sabato 9,00-13,00 Titolo seminario Data e orario RIUNIONE E INTRODUZIONE ALLA LOGISTICA SISTEMI INTERPORTUALI E VISITA AL QUADRANTE LOGISTICA E SCM-CONCETTI BASE E STRATEGIE VISITA QUADRANTE EUROPA STUDI E RICERCHE SULLA

Dettagli

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome: DONATELLA FORTUNA Indirizzo: via Avellino n. 18, 82100, Benevento Telefono: 3491450428 Email: donatella.fortuna@unisannio.it Data di nascita: 29/07/1976 Luogo

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

Destinazioni turistiche come network

Destinazioni turistiche come network 5 e 6 settembre 2013 La Salle, Aosta 26 novembre 2013 Aosta Destinazioni turistiche come network Tripodi C., Università della Valle d Aosta e SDA Bocconi Turci L., Università della Valle d Aosta e Oxford

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it )

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) CEPIS e-cb Italy Report Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) Free online selfassessment tool Online services Enables the identification of competences needed for various ICT roles e-cf Competences

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills Echi dal PMI Global Congress Europe 2004 Area of focus SWT Software and Technical Skills Maria Antonietta Cervini Senior Clinical Planner Nerviano Medical Science Nerviano (Milano) Italy 21 May 2004 1

Dettagli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento.

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice?

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice? A PROPOSITO DI ITIL ITIL fornisce un framework di linee guida best practice per l IT Service Management. Fornisce un framework per la governance dell IT e si focalizza sulla continua misurazione e miglioramento

Dettagli

PERFORMANCE MEASUREMENT SYSTEM NEL

PERFORMANCE MEASUREMENT SYSTEM NEL CAPITOLO 6 PERFORMANCE MEASUREMENT SYSTEM NEL FACILITY MANAGEMENT di Mattia Montagner e Fabio Nonino Con la rivoluzione della misurazione delle performance dei primi anni 90, le organizzazioni hanno iniziato

Dettagli

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it COMPANY PROFILE A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it 1 1 Il valore che offriamo FORMAZIONE IN AZIENDA - Personalizzazione - Applicazione sul

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

Il Management System e la Balanced Scorecard

Il Management System e la Balanced Scorecard Il Management System e la Balanced Scorecard Agenda A. La perdita di rilevanza del budget tradizionale B. Proposte evolutive C. Nuovi framework e nuovi strumenti La Balanced Scorecard 2 1 A. La perdita

Dettagli

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE BICOCCA IMPRESE Demand e Supply Chain Management: Le iniziative e gli strumenti più efficaci per capire e sfruttare le evoluzioni della domanda e ridurre i costi ed i tempi logistici e produttivi Tecnologie

Dettagli

Gestione e Miglioramento dei Processi di Produzione del Software

Gestione e Miglioramento dei Processi di Produzione del Software Gestione e Miglioramento dei Processi di Produzione del Software Ingegneria del Software 2 Processo Software 1 Riferimenti Sommerville, Capitolo 28 Dennis M. Ahern, Aaron Clouse, and Richard Turner, CMMI

Dettagli

LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET

LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET Ezio Viola Co-Founder e General Manager The Innovation Group Elena Vaciago Research Manager The InnovationGroup 18 Dicembre

Dettagli

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In Francesca Rulli 25 marzo 2015 - Dossobuono di Villafranca (Vr) DALLA DECISIONE STRATEGICA ALLA PIANIFICAZIONE OPERATIVA L impresa SOSTENIBILE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise IT Governance e Portfolio Management Supportare il Business The core business of tomorrow is a "new and different" idea today

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement

Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement Management and System Integration La nostra offerta Smart Media offre il necessario supporto ORGANIZZATIVO, METODOLOGICO ed APPLICATIVO alle aziende che intendono intraprendere un percorso di continuo

Dettagli

Giuseppe Clemente Curriculum Vitae

Giuseppe Clemente Curriculum Vitae Giuseppe Clemente Curriculum Vitae Obiettivo Interessato alla ricerca di ambienti e contesti stimolanti, nazionali ed internazionali, focalizzati su sfidanti progetti di crescita e/o di ristrutturazione

Dettagli

Attività didattiche del primo anno del CLM in Management Engineering AA 2014-15, e anticipazione sul secondo anno (Attivato nell a.a.

Attività didattiche del primo anno del CLM in Management Engineering AA 2014-15, e anticipazione sul secondo anno (Attivato nell a.a. Anticipazione informale sull astruttura del nuovo corso di Laurea Magistrale in Management Engineering In particolare, il secondo anno verrà attivato nell'aa 2015-2016 e potranno quindi esserci dei piccoli

Dettagli

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1 00Pr_pag_CAROLI_2012 16/07/12 06.44 Pagina VII Prefazione alla quarta edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XVII XXI XXIII XXV Parte I La strategia nel sistema impresa 1 Il sistema

Dettagli

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA ESPANSIONE INTERNAZIONALE, MAGGIORE INTEGRAZIONE NELLA GESTIONE DEI DATI E MIGLIORAMENTO DELLA STANDARDIZZAZIONE DELLE PROCEDURE,

Dettagli

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA (Aggiornato a MARZO 2013) NOME E COGNOME E-MAIL Paola Ramassa ramassa@economia.unige.it CURRICULUM STUDI LAUREA Laurea in Economia e Commercio (indirizzo aziendale) Università degli Studi di Genova DOTTORATO

Dettagli

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

ICT & Airport Business Integration

ICT & Airport Business Integration ICT & Airport Business Integration 31 Gennaio 2005 Fabio Pacelli Contenuti Lo scenario di riferimento nell Industry Aeroportuale Un modello per valutare la capacità di maturità di un azienda nello scenario

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

GIANFRANCO CARBONATO. Presidente Confindustria Piemonte. Torino, 16 giugno 2014

GIANFRANCO CARBONATO. Presidente Confindustria Piemonte. Torino, 16 giugno 2014 GIANFRANCO CARBONATO Presidente Confindustria Piemonte Torino, 16 giugno 2014 IL PIEMONTE E LA SUA INDUSTRIA La manifattura Dati 2013 23,8% nel 2007 Fonte dati: Centro Studi Confindustria Piemonte Il Piemonte

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

PMM. Project Management Maturity. Area of focus. Echi dal PMI Global Congress EMEA 2005. Andrea Caccamese, PMP, PRINCE2 Foundation

PMM. Project Management Maturity. Area of focus. Echi dal PMI Global Congress EMEA 2005. Andrea Caccamese, PMP, PRINCE2 Foundation Echi dal PMI Global Congress EMEA 2005 Area of focus PMM Project Management Maturity Andrea Caccamese, PMP, PRINCE2 Foundation Senior Consultant Eureka Service Echi da Edimburgo, 24 giugno 2005 1 Obiettivo

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Ilenia Confente. Scuola di Metodologia della Ricerca organizzata dall AIDEA.

Ilenia Confente. Scuola di Metodologia della Ricerca organizzata dall AIDEA. CURRICULUM VITAE Ilenia Confente DATI GENERALI Istituzione di appartenza Ricercatore a tempo determinato Università degli Studi di Verona Facoltà di Economia Dipartimento di Economia Aziendale Via dell

Dettagli

Tesi di Dottorato di Ricerca in Marketing e Comunicazione (IX Ciclo) A.A. 2012/2013 ABSTRACT

Tesi di Dottorato di Ricerca in Marketing e Comunicazione (IX Ciclo) A.A. 2012/2013 ABSTRACT Tesi di Dottorato di Ricerca in Marketing e Comunicazione (IX Ciclo) A.A. 2012/2013 ABSTRACT Employer branding e talento come leve di innovazione e differenziazione competitiva Le organizzazioni si trovano

Dettagli

E-mail bmagnanelli@luiss.it, bsmagnanelli@yahoo.it, bmagnanelli@johncabot.edu

E-mail bmagnanelli@luiss.it, bsmagnanelli@yahoo.it, bmagnanelli@johncabot.edu BARBARA SVEVA MAGNANELLI E-mail bmagnanelli@luiss.it, bsmagnanelli@yahoo.it, bmagnanelli@johncabot.edu Attuale Posizione Accademica Precedente Posizione Accademica Da Maggio 2013 Assistant Professor in

Dettagli

ideas > action > result

ideas > action > result ideas > action > result 1 M ISSION La OPT Solutions è una società di consulenza e progettazione software che opera nel settore industriale, si pone come obiettivo primario il recupero di efficienza e di

Dettagli

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY 2 MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY Oggi il mondo del business è in rapida evoluzione. Le decisioni devono essere prese sempre più velocemente e sotto pressione.

Dettagli

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96 1. Il Lean Thinking Nelle Aziende Di Servizi 1.1 Introduzione... 27 1.2 Significato di azienda di servizi... 28 1.2.1 Intangibilità dei servizi... 29 1.2.2 Contestualità tra produzione e consumo... 29

Dettagli

Lowendalmasaï Enterprise Cost Management

Lowendalmasaï Enterprise Cost Management Lowendalmasaï Enterprise Cost Management Workshop LA RIFORMA DEL LAVORO VISTA DA VICINO Milano, 28 Settembre 2012 Corporate profile Punto di riferimento sul mercato.ottimizzazione del Cash Flow, dei Costi

Dettagli

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Il nuovo posizionamento strategico di Lowendalmasaї Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? Un caso di successo Lowendalmasaї è

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Valter Tozzini - ItSMF Italia Paola Belforte - ItSMF

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo BOCCI, FABRIZIO 1, VIA XXV APRILE, 41043, Formigine (MO), Italia Telefono +39 059 574616 E.mail

Dettagli

Your mission, our passion

Your mission, our passion Your mission, our passion Corporate Profile Reggio Emilia, marzo 2014 Il Gruppo Il Gruppo Movi finance Accounting & Lean Six Sigma Consulting (prossima attivazione) Movin log scarl Logistics & Recruitment

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione Fiona Healy 29 September 2011 Det Norske Veritas DNV è una fondazione internazionale indipendente che dal 1864 opera per la salvaguardia

Dettagli

UNIVERSITA DI PADOVA. Executive Master in Management. of a Chinese Branch. SOUTHEAST UNIVERSITY Nanjing

UNIVERSITA DI PADOVA. Executive Master in Management. of a Chinese Branch. SOUTHEAST UNIVERSITY Nanjing UNIVERSITA DI PADOVA Executive Master in Management SOUTHEAST UNIVERSITY Nanjing of a Chinese Branch Ottobre 2008 Agosto 2009 CONTENUTI Executive Summary Partners and locations Programme General Information

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011 Project Management e Business Analysis: the dynamic duo Firenze, 25 Maggio 2011 Grazie! Firenze, 25 Maggio 2011 Ing. Michele Maritato, MBA, PMP, CBAP 2 E un grazie particolare a www.sanmarcoinformatica.it

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza Ridisegno Supply-chain Esempio di un progetto di Consulenza Obiettivo dell intervento 1. Mappare l attuale sistema logistico-produttivo dei tappi mettendo in evidenza le criticità ed i potenziali miglioramenti;

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

IPMA DELTA l Assessment in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e

IPMA DELTA l Assessment in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e IPMA DELTA l in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e UNA UNA VISIONE A 360 INDIPENDENTE AL 100% P E R U N A MIG LIO R E C O M P ETITIVITÀ a product of L EFFETTO DELTA.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Transforming for Results

Transforming for Results Transforming for Results Il nuovo paradigma per un efficace gestione del Capitale Umano 26 settembre 2013 Why deloitte? This is you This is you, Aligned This is you, Transformed Deloitte Business-Driven

Dettagli

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali KaiZen La cornice per partire: i trend attuali FORZE ESTERNE GLOBALIZZAZIONE Quantità vendute La coda lunga Prodotti Competitività per crescere Modello di business Se funziona è vecchio Prodotto Processi

Dettagli

LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management

LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management IX edizione LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management Workshop a GENNAIO Forum esclusivi Perché formare in logistica Nel giro di 10 anni il comparto varrà dal 15% al

Dettagli

MODELLI DI PRODUZIONE

MODELLI DI PRODUZIONE Università di Udine Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Corso di Strategia della produzione MODELLI DI SOMMARIO Paradigmi produttivi Caratteristiche dei paradigmi produttivi Principi dei nuovi paradigmi

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid

Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid Università degli Studi di Messina Facoltà di Ingegneria Servizi Avanzati in Ambiente Distribuito NESSI - Grid Autore: ing. Giulio De Meo Indice degli argomenti Piattaforme Tecnologiche Europee NESSI Grid

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management 10-dic-2008 Osservatorio P 3 MO Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management Oscar Pepino Consigliere Esecutivo Reply S.p.A. 2 Sommario Gruppo Reply - scenario

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT. Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3. Misura

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT. Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3. Misura Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3 Misura Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e per

Dettagli

Esercizi per la redazione del Business Plan

Esercizi per la redazione del Business Plan Esercizi per la redazione del Business Plan Una società intende iniziare la sua attività l 1/1/2010 con un apporto in denaro di 20.000 euro. Dopo aver redatto lo Stato Patrimoniale iniziale all 1/1/2010

Dettagli

Workshop I Energia e sostenibilità ambientale dei prodotti: nuove opportunità per le imprese

Workshop I Energia e sostenibilità ambientale dei prodotti: nuove opportunità per le imprese Workshop I Energia e sostenibilità ambientale dei prodotti: nuove opportunità per le imprese Ecodesign, integrare economia ed ecologia nel ciclo di vita dei prodotti Alessandro Santini Dipartimento di

Dettagli