Rapid e-learning: una nuova strategia di produzione ed erogazione dei contenuti didattici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapid e-learning: una nuova strategia di produzione ed erogazione dei contenuti didattici"

Transcript

1 Facoltà di Scienze della Formazione Master GESTORE E PROGETTISTA DI FORMAZIONE IN RETE Rapid e-learning: una nuova strategia di produzione ed erogazione dei contenuti didattici Relatore: Prof. Antonio Fini Correlatore: Prof. Giovanni Bonaiuti Candidato: Dott. Fabio Ballor Matr Anno Accademico

2 Ad Adele, per avermi sostenuto ed incoraggiato lungo tutto il percorso del Master 2

3 Sommario 1 INTRODUZIONE DEFINIZIONE DELLO SCENARIO CHE COS'È IL RAPID E-LEARNING? QUANDO UTILIZZARE IL RAPID E-LEARNING QUALE APPLICAZIONE E-LEARNING ABBIAMO BISOGNO? IL RAPID E-LEARNING PER GESTIRE PROCESSI DI KNOWLEDGE MANAGEMENT USI DIDATTICI DEL RAPID E-LEARNING RAPID PROTOTYPE IL RUOLO DELL INSTRUCTIONAL DESIGNER RAPID INSTRUCTIONAL DESIGN TEMPI E COSTI GLI STRUMENTI DI SVILUPPO CONCLUSIONI ALCUNE ESEMPI DI RAPID E-LEARNING SITO-BIBLIOGRAFIA

4 1 Introduzione Rapid E-Learning changes the development model, leverages new tools, and dramatically changes the economics of content development. Jennifer De Vries (De Vries, 2004) Imagine the impact that the microwave oven had on cooking. It did not do away with the oven, but it did enable millions of people to each popcorn and instant soup. E-Learning need a fast cooking Josh Bersin (Bersin, 2004) We have a unique problem in the learning/technology field of giving every small nuance in a concept a new name. Then we declare the old name/concept dead almost as if we are constantly struggling to stay with the in crowd. George Siemens (Brandon, 2005) The lack of a sound instructional architecture for e- learning is one key reason for the slow and costly development in e-learning. But more importantly, impacts the quality of e-learning programs Ray E. Jimenez (Jimenez, 2005) Il Rapid e-learning, termine relativamente nuovo nel panorama dell e-learning, identifica sia un insieme di strumenti software che una metodologia finalizzata a produrre ed erogare materiali didattici a basso costo e con tempi ridotti di sviluppo. Perché ha ottenuto un grande successo? Che differenze ci sono rispetto all e-learning tradizionale? Qual è il ruolo in questo ambito di alcune figure chiave dei processi di sviluppo? La tesi che sosterremo è che il Rapid e-learning è a tutti gli effetti una metodologia utile per la formazione, a condizione che venga pensato ed usato all interno di una completa architettura didattica. Al pari di altri, questi strumenti hanno una loro caratterizzazione che si concretizza nella trasmissione di specifici contenuti didattico-formativiinformativi. Questo elaborato nasce all interno del Master in Gestore e progettista di formazione in rete dell Università di Firenze. Durante il periodo dello stage formativo, svolto presso l azienda Altaformazione di Milano, ho avuto modo di confrontarmi con le dinamiche relative alla progettazione e realizzazione di 4

5 Learning Object. Ho analizzato come si relazionano i vari attori nella stesura dello storyboard e come questo guidi tutte le fasi della produzione. Tale conoscenza è divenuta la base di confronto per il presente lavoro, condotto fondamentalmente attraverso l analisi di risorse documentali trovate tramite ricerche mirate su internet. Attraverso i nove capitoli che compongono questa ricerca si cercherà di dare un quadro quanto più ampio possibile del fenomeno Rapid e-learning. Si introduce l argomento, quindi nel secondo capitolo si definisce lo scenario economico e strutturale nel quale nasce e si inserisce il REL. Ma che cos è veramente il Rapid e-learning?, a questa domanda si cerca di dare una risposta nel terzo capitolo, mentre nel quarto si delineano le condizioni per l uso di questi strumenti. Il quinto chiude l argomento con la trattazione dei processi di progettazione, il Rapid Instructional Design. Infine il sesto capitolo traccia un quadro di massima sugli strumenti utilizzati nel Rapid e-leaning. 5

6 2 Definizione dello scenario Nata intorno agli anni 90 come sistema di formazione fruibile tramite le tecnologie internet, l'e-learning agli inizi del 2000 sembrava ormai essere la nuova "killer application" della Rete, per via dei molteplici aspetti che influenzano, trasformano e arricchiscono i sistemi di apprendimento tradizionali. Tra le varie motivazioni che possono giustificare i diversi insuccessi, da molte parti vengono poste in evidenza le questioni di sostenibilità economica insieme all inefficacia del modello pedagogico. (cfr. Bonaiuti, 2006) Si chiede Jimenez: È quanto mai sospetto come tutta l'industria della formazione, amministratori, formatori, progettisti, sviluppatori, fornitori siano tutti arrivati alla stessa conclusione, ovvero che molti dei progetti e-learning non raggiungono l'obiettivo che si sono prefissi (Jimenez, 2005). Che l'e-learning sia morto? L'interesse verso gli strumenti Rapid e-learning può essere una possibile risposta? Uno degli aspetti più interessanti nell'evoluzione dei sistemi per la produzione dei contenuti didattici, detti Authoring Tools, è appunto il Rapid e-learning. Alcune ricerche internazionali evidenziano come la maggior parte dei progetti e- learning siano oggi non solo caratterizzati dalla necessità di trasformare enormi quantità di contenuti, ma di farlo in tempi accelerati, time critical e-learning. Ciò rende impossibile continuare ad adottare processi e strumenti di sviluppo tradizionali, che rilasciano i loro prodotti finiti dopo alcuni mesi o nei casi più di contenuti ad alto tasso di interattività, molti mesi. Alla domanda: Quanti dei progetti e-learning sono time-critical per la vostra azienda?, il 72% dei professionisti intervistati dichiara che alcuni o la maggior parte delle produzioni devono essere sviluppate in alcune settimane e che contengono informazioni che potrebbero diventare obsolete in pochi mesi. (Bersin & Associates, 2004) 6

7 È in questo contesto che si è introdotto il Rapid e-learning, come una metodologia particolarmente adatta a contenuti formativi (o forse sarebbe meglio dire informativi?) che devono essere sviluppati in tempi brevi, che diventano velocemente datati ovvero che cambiano di frequente o non sono così importanti da essere considerati validi per una soluzione e-learning tradizionale. Uno dei più citati rapporti di ricerca è quello di Bersin & Associates. In questa ricerca si indica che il segmento di mercato relativo a strumenti software veloci ha sviluppato l'80% del fatturato di tutto l e-learning durate il 2004 e raggiungerà un valore di mercato di 410 milioni di dollari nel L interesse che sta dietro questo boom è duplice, da un lato la richiesta di creare soluzioni formative veloci per eventi fondamentalmente legati al mondo del business e dall altro la necessità di ottimizzare la professionalità degli esperti del contenuto (Subject Matter Export, SME). (cfr. Bersin, 2004, 2005) Figura 1 - L'andamento del mercato del Rapid e-learning (Bersin, 2004) Un'altra ricerca, condotta dalla Larstan Business nel 2004, evidenzia che su 500 intervistati l'80% dichiara che il Rapid e-learning potrebbe dare contributo significativo alle iniziative di training della propria azienda. (Archibald, 2005) L e-learning Guild, una comunità di pratica composta da più di membri e associati tra i professionisti della formazione, tra il 2005 e il 2006 conduce due diversi sondaggi, pubblicando il The Rapid E-Learning Research Report. Le ricerche evidenziano che il Rapid e-learning, anche nel 2006, continua ad essere l argomento più interessante del panorama e-learning. 7

8 Secondo gli studi del Guild, la domanda di Rapid e-learning è incrementata dal 70% del 2005 (The Rapid e-learning Development Research Report) all 82% del 2006 (The Rapid E-Learning Research Report 2006). Pulichino, direttore della ricerca di elearning Guild, afferma che nel report dello scorso anno noi abbiamo scritto che l argomento più dibattuto nel mondo dell elearning era il Rapid e-learning, questa opinione sembra non essere stata cambiata quest anno. Il comitato di ricerca dell elearning Guild ha voluto studiare questo fenomeno con maggiore dettaglio. Abbiamo cominciato facendo alcune domande semplici e dirette: il Rapid e-learning è semplicemente una terminologia di vendita generata dal marketing per vendere gli ultimi strumenti autore? O dietro al termine c è una reale metodologia innovativa? [ ] entrambe, sia la ricerca del 2005 che lo studio di quest anno, suggeriscono che il Rapid e-learning sta trasformandosi in una pratica molto pervasiva per risolvere i problemi comuni a molti progettisti e-learning. In conclusione il Rapid e-learning è una realtà e sembra lo voglia diventare sempre più. (Pulichino, 2006, Jimenez, 2005) Tecnicamente nel settore denominato Rapid e-learning convergono un insieme di strumenti e processi che, nelle intenzioni dei sostenitori, fanno diminuire in modo significativo i tempi di sviluppo dei contenuti didattico/formativi ovvero dei cosiddetti Learning Object. Questi strumenti si basano principalmente sulle comuni applicazioni di office automation e contengono funzioni che accelerano e semplificano il processo di sviluppo, come la costruzione delle schermate (interfacce), la generazione degli elementi di navigazione e l aggiornamento dei contenuti didattici. Queste sono state identificate come le attività che sovente consumano molto tempo nello sviluppo dei contenuti e-learning. (cfr. Fantacone, Guachi, 2006) Inoltre, tra i processi che gli strumenti rapidi vengono a modificare vi sono quelli legati al ciclo produttivo di un learning object. Generalmente il metodo di sviluppo tradizionale nell'e-learning prevede un ciclo di sviluppo che si basa sugli esperti della materia, i quali passano le informazioni all'instructional Designer che 8

9 a sua volta progetta la soluzione. Poi entra in campo lo sviluppatore che, sulla base di questo progetto, costruisce il corso e alla fine il responsabile qualità testa la soluzione. Questo approccio, definito a cascata, può comportare lunghi e costosi cicli di progettazione e sviluppo, che aumentano i costi di realizzazione e possono ridurre l'efficacia del contenuto che deve essere disponibile a scadenza ravvicinata o di un contenuto che è caratterizzato da un alta volatilità. In questo contesto l'esperto della materia (SME) può lavorare a stretto contatto con L'Instructional Designer (ID) nella progettazione del corso se non addirittura le due professionalità possono coincidere con la stessa persona, riducendo così notevolmente tempi e costi di produzione di un Learning Object. Attenzione, ci avverte George Siemens dalle pagine del suo blog, se Rapid e- learning significa che limitiamo le risorse allora possiamo anche fare i nostri lavori più velocemente? Questo è probabilmente vero, ma di quale lavori stiamo parlando? Parlando di Rapid e-learning, ognuno vede il suo beneficio. I Professionisti intendono qualcosa che faciliti il loro lavoro o che consenta loro di servire i loro clienti più efficientemente, i decisori vedono il veloce, dalle promesse commerciali, come estensione delle loro attività e-learning. I discenti possono rallegrarsi di una prospettiva di corsi decaffeinati, che possono essere completati in tempi rapidi, ovvero la panacea: l'apprendimento veloce!!! (Brandon, 2005) Invece di dire possiamo farlo meglio, più economicamente e più velocemente diciamo rapid, aggiungendo a questo un senso di urgenza e di attenzione. Soltanto se comprendiamo le reali necessità didattiche e applichiamo correttamente i modelli e le architetture dell'e-learning possiamo svilupparlo più rapidamente. (Jimenez, 2005) Questo è lo scenario da cui partiamo per cercare di analizzare il fenomeno del Rapid e-learning. Fenomeno che partendo da una base commerciale ha trovato molti aspetti applicativi, sicuramente andando a colmare lacune e mancanze. Come spesso accade parlando di strumenti l uso che se ne può fare è strettamente 9

10 correlato alle necessità che stanno alla base, nessuno strumento è giusto o sbagliato in senso assoluto. Tutti gli strumenti vanno bene se inseriti nel corretto contesto applicativo, questo è il riferimento concettuale da cui ci muoviamo e in cui crediamo. 10

11 3 Che cos'è il Rapid e-learning? Fin dal 1970, termini come accelerated learning sono conosciuti nell ambito della didattica, individuando una serie di approcci pratici all apprendimento. Nel versante informatico sono approcci usuali quelli definiti rapid design, rapid programming ed extreme programming. Il termine Rapid e-learning compare per la prima volta nel 2004 in una ricerca di Bersin & Associates dal titolo Rapid E-Learning: What Works. Market Tools and Techniques and Best Practices for Building E-Learning Programs in Weeks. In questa ricerca viene predetto che il Rapid e-learning rappresenterà più del 50 % del mercato degli strumenti di sviluppo dell'e-learning nell'anno successivo. Josh Bersin, capo e fondatore dell omonima società di consulenza, annuncia che, per i 228 sviluppatori e-learning intervistati nella ricerca, il rapid e-learning rappresenta più di un terzo di tutti i progetti relativi alla formazione. (Bersin, 2004, Boehle, 2005) Ma in quel periodo pochi sembrano realmente capire cos'è il rapid e-learning, né tanto meno acconsentono al fatto che l'e-learning sia veloce! (cfr. Jimenez, 2005) L' elearning Guild, conduce un sondaggio nel febbraio del 2005, Bill Brandon, editore del elearning Developers' Journal dice che, alla domanda: La vostra azienda è centrata sul Rapid e-learning? la risposta più popolare è stata: Che cos'è il Rapid e-learning? (Boehle, 2005) Andiamo allora a vedere che cosa si intende con il termine Rapid e-learning. In accordo con l elearning Guild, la definizione migliore è sicuramente compresa della termine stesso: e-learning veloce!, ovvero, come dice George Siemens: la definizione è presente nell occhio dell osservatore (Boehle, 2005) Bersin & Associates definisce il Rapid e-learning come una nuova categoria di strumenti autore per contenuti didattici, che consentono agli SME di sviluppare velocemente moduli didattici, quindi Learning Object che possono essere creati in 11

12 alcune settimane, tipicamente dagli esperti del contenuto. (Bersin, 2005) Tutte le definizioni che abbiamo incontrato puntano sui due punti di forza di questo approccio: veloce tempo di rilascio e facilità di sviluppo. La chiave del successo degli strumenti di Rapid e-learning è nell'avere un processo di sviluppo (inclusi gli strumenti) che consentono uno sviluppo facile e veloce di un corso (Bersin, 2004) I contenuti creati con il Rapid e-learning hanno queste caratteristiche: Possono essere sviluppati in poche settimane; Gli esperti del contenuto fungono da risorsa primaria per lo sviluppo; Uno strumento molto noto e usato, come Microsoft PowerPoint, e l uso di template user friendly, formano la base di partenza della produzione; Questionari, sistemi di feedback e tracciamento sono generalmente forniti dal software stesso; Elementi multimediali possono venire usati per arricchire il processo formativo; I moduli creati possono essere fruiti in meno di un'ora e spesso in meno di 30 minuti; Possono essere usati strumenti sincroni e asincroni; (cfr. Bersin, 2005) È interessante notare come, anche nella prima ricerca dell elearning Guild, la richiesta di Rapid e-learning riflette l'incremento nella velocità nel mercato dell'elearning, ovvero il breve time-to-market richiesto allo sviluppo del prodotto e- learning. (Jimenez, 2005) Lo stesso sondaggio, svolto un anno dopo, mette in evidenza un cambiamento nelle priorità che muovono la scelta del Rapid e-learning. Il 56% degli intervistati dichiara che la scelta è guidata da vari fattori (risorse, pianificazione, contenuti ed altro fuori dal loro controllo) che mettono sotto pressione il tempo di sviluppo (Brandon, 2005) 12

13 Jimenez, invece, punta l'attenzione all'insieme dei mezzi di design e di sviluppo che consentono di realizzare progetti e-learning veloci ed economici, andando incontro alle mutate condizioni di mercato e fornendo al discente l'opportunità per applicare velocemente conoscenze all'esecuzione degli obiettivi [ ] devono essere gli aspetti di design e di sviluppo a portare verso le applicazioni veloci (sia che questo si learning definito tradizionalmente, o no). Senza questo requisito c'è il rischio di produrre corsi e-learning rapidi per i motivi errati (Jimenez, 2005) 13

14 4 Quando utilizzare il Rapid e-learning È ormai assodato (o dovrebbe esserlo) che per progettare, sviluppare e implementare correttamente un sistema e-learning è importante identificare l'appropriata metodologia didattica da adottare, sulla base degli obiettivi e sui bisogni relativi all'impianto didattico nel suo complesso. Accogliendo la definizione di Maria Ranieri (Ranieri 2005) con e-learning ci riferiamo a un insieme molto variegato di metodologie e tecnologie che consentono di attuare percorsi di formazione a distanza, avvalendosi prevalentemente, ma non esclusivamente, della rete. Già adesso molti prodotti e-learning sono pieni di contenuti, letture, simulazioni, esercizi, metodi che forzano il contenuto e tendono al controllo del discente. Non c è reale analisi delle necessità dell utente, realizzando in pratica quello che Jimenez, chiama contenut-ismo e controll-ismo. (cfr. Jimenez, 2005) A prescindere dallo sviluppo dell'industria del Rapid e-learning, qual è il modello didattico corretto che c è (o ci può essere) dietro questi nuovi strumenti? (cfr. Boehle, 2005) Dice Bryan Chapman: E' nell'interesse di tutti applicare gli strumenti Rapid e- learning il più frequente possibile, [...] ma, usando questi strumenti, occorre guardare se non si sta sacrificando la qualità dei corsi, magari in situazioni in cui questi non sono adeguati Sempre Chapman afferma: Non sono flessibili come gli strumenti di sviluppo tradizionale e non generano una esperienza e-learning così profonda o impegnata, quanto quella sviluppata con strumenti tradizionali. (Boehle, 2005) Per analizzare al meglio le due diverse spinte, Jimenez, sviluppa un modello di analisi finalizzato a decidere quale approccio utilizzare, per valutare strategie e tattiche e-learning. Il modello individua le seguenti aree di analisi: 14

15 Qualità; Tempo/velocità di sviluppo; Costo per ora; Facilità/difficoltà del contenuto; Valore didattico del contenuto (Jimenez, 2005) La ricerca di Bersin & Associates individua tre diverse macro tipologie entro cui si sviluppano pratiche e-learning: Rapido per il 36% degli intervistati; Tradizionale per il 37% Strategico per il 28% (Bersin, O Leonard, 2005) Rapid e-learning: è sviluppato in risposta a bisogni di business urgenti, come il lancio di un nuovo prodotto. Può essere anche prodotto come componente di un progetto di formazione continua o quando il contenuto ha un tempo di vita molto breve. La maggior parte dei corsi rapid e-learning sono principalmente creati in risposta ad una richiesta che proviene da settori marketing aziendali. E-learning tradizionale: è più centrato sulle competenze. Fa parte spesso di programma di formazione che va incontro alle necessità di colmare specifiche lacune all interno di un organizzazione o di un gruppo. Qualche volta l e-learning tradizionale è sviluppato a partire da esigenze didattiche misurate con questionari di rilevamento delle competenze. E-learning strategico: è sviluppato in congiunzione con lo sviluppo organizzativo di un azienda o a partire da strategie di change management. Tipicamente queste iniziative avvengono in un periodo lungo mesi o anni, in cui i vari aspetti formativi sono sviluppati come processi organizzativi. Questi moduli nascono spesso a partire da un team trasversale di professionisti interni e/o esterni all organizzazione. 15

16 4.1 Quale applicazione e-learning abbiamo bisogno? Cercando di analizzare le applicazioni e-learning più idonee a realizzare un determinato impianto didattico/formativo è utile ribadire che, trattando le tematiche relative al Rapid e-learning, non parliamo di progettazione in senso stretto, ma di strumenti che ci consentono di veicolare un particolare messaggio didattico. Tali strumenti sono a disposizione del progettista, nella sua cassetta degli attrezzi, per creare un architettura quanto più adeguata possibile alle richieste del committente e agli obiettivi didattici da raggiungere. Qualsiasi riflessione sugli strumenti non può prescindere dalle considerazioni sulle affondance collegate allo strumento. Il concetto di affondance è insito nelle peculiarità dello strumento, attivabile attraverso l interazione con un agente umano (Gibson, in Ranieri, 2005). Ed è proprio questo rapporto che dobbiamo analizzare per tirarne fuori tutte le reali potenzialità di questi strumenti. La domanda allora è: Quale strumento per quale finalità? La ricerca di Bersin & Associates, analizzando le applicazioni usate dai loro intervistati per gestire soluzioni e-learning evidenzia come, nella gestione della conoscenza, queste rientrano in quattro macro categorie principali (Bersin, 2004): Trasmissione di nuova informazione: Per esempio comunicare rapidamente un semplice cambiamento di un prezzo. Non c'è un interesse diretto verso segmenti di formazione o training, ma quanto al trasferimento veloce di informazioni. Questa è la tipologia più usata dalle sezioni vendita e marketing delle aziende, spesso realizzata attraverso strumenti come la posta elettronica. In questi casi gli strumenti Rapid e-learning funzionano molto bene. Trasferimento di conoscenza: Per esempio comunicare ai centri dislocati nel territorio un nuovo listino prezzi, volendo, però, essere sicuri che ogni membro cui è destinato il messaggio legga e comprenda il contenuto che si vuol divulgare. Questo genere di comunicazione è spesso indirizzata ai venditori. È possibile aggiungere un questionario al contenuto e tracciare il completamento del 16

17 percorso. Anche in questo caso gli strumenti Rapid e-learning rispondono alla perfezione alle esigenze comunicative. Sviluppo di nuove competenze: In questo caso ci si vuole assicurarci che i soggetti destinatari non solo apprendano i contenuti didattici, ma che siano anche in grado di comprendere la struttura sottostante. In questo approccio viene erogato il contenuto, spiegata la struttura portante e le conoscenze vengono applicate in un caso concreto. Questo tipo di impiego è garantito all'interno di progetti di training tradizionali e usando tecniche di sviluppo tradizionale dei contenuti. Creazione di competenze certificate: Per concludere, c è la necessità di certificare e misurare che i soggetti abbiano effettivamente compreso i contenuti didattici e abbiano sviluppato proprie competenze di analisi degli eventi e capacità di trovare soluzioni adeguate. In questi casi è spesso utilizzato un progetto di tipo blended learning che potrebbe includere strumenti Rapid e-learning, training tradizionale, simulazioni ed esercizi. Figura 2 - Categorie di conoscenza e strategie didattiche (Bersin, 2005) Ciascuna di queste categorie di conoscenza ha obiettivi di apprendimento, sistemi di valutazione e tracciamento diversi tra loro. Il Rapid e-learning non è sicuramente la migliore soluzione per tutte le categorie. Il migliore uso di questi strumenti è quello finalizzato a colmare bisogni fondamentalmente informativi, che hanno un alto valore di urgenza e che hanno un breve ciclo di vita e non richiedono padronanza cognitiva. (cfr. Bersin, 2005) 17

18 Le prime due categorie, trasmissione di nuova informazione e trasferimento di conoscenza, rispondono al meglio alle caratteristiche proprie degli strumenti rapidi. Per le attività propriamente formative il Rapid e-learning può essere usato per introdurre gli argomenti, gestire prerequisiti didattici o attuare aggiornamenti o aggiustamenti didattici ma, l impianto didattico, resta quello collegato a courseware convenzionali o programmi blended learning. Figura 3 - Rapporto tra tipologia di conoscenza e tipologia di e-learning Entrando nel merito della classificazione adottata da Bersin & Associates, troviamo delle analogie con un'altra famosa classificazione delle conoscenze: la tassonomia di Bloom. In generale, la tassonomia di Bloom (cfr. Bloom, 1956) organizza gli obiettivi educativi (e conseguentemente i livelli di abilità) dalla consapevolezza cosciente alla completa padronanza dell'intera abilità. Le categorie degli obiettivi di apprendimento di Bloom (Consapevolezza, Ricordo, Applicazione, Padronanza) ci ricordano come il livello di attivazione cognitiva, del soggetto che apprende, è tanto maggiore quanto più ci spostiamo verso la padronanza, allo stesso modo, gli strumenti rapidi, sono tanto più opportuni quanto più ci si sposta verso il lato informativo della tassonomia. Occorre però ricordare che non tutti i percorsi di apprendimento tradizionali richiedono padronanza di competenze. Nella maggior parte dei percorsi didattici, ci sono circa il 10% di cose da imparare (principi chiave, obiettivi ed idee) mentre il resto è un insieme di riferimenti, risorse, procedure. (cfr. Jimenez, 2005) 18

19 Figura 4 -Uso didattico del Rapid - elearning (Università degli Studi di Firenze) Seguendo questo filo di ragionamento, possiamo vedere come conoscere sia un passaggio nella value chain, catena del valore, della conoscenza, un continuum che ad un estremo presenta la pura trasmissione delle informazioni e all altro estremo la saggezza. (cfr. Sorrentino, Paganelli, 2006) Figura 5 La catena del valore della conoscenza (Sorrentino, Paganelli, 2006) Il passaggio dalla semplice informazione alla più alta conoscenza non è esclusivamente relativa al semplice processo di acquisizione, ma necessita di attività personali (esperienze, interazioni, intuizioni) in cui in soggetto è attivo in un contesto ben preciso. (cfr. Calvani, Rotta, 1999) 4.2 Il Rapid e-learning per gestire processi di Knowledge Management Sempre più spesso soprattutto in settori collegati alla gestione della conoscenza, l esigenza di acquisire nuovi saperi in tempi rapidi per far fronte a uno specifico problema professionale, poco si concilia con i tempi di attuazione di un programma formativo di tipo formale. L arco di tempo necessario allo sviluppo di tutte le fasi di produzione di un 19

20 courseware, per quanto breve possa essere, difficilmente soddisfa le esigenze dell azione just-in-time, con un azione formativa molto specifica (personalizzata), intervenendo direttamente sul problema. Di conseguenza a chi eroga/organizza formazione viene sempre più spesso chiesto di offrire qualcosa che stia a cavallo fra una consulenza e un intervento formativo, di agire cioè su uno specifico problema (come farebbe un consulente) ma al tempo stesso formare competenze e conoscenze nell impresa in modo da renderla successivamente autonoma nel risolvere problemi analoghi. Il cambiamento di scenario a questo punto è evidente. Si passa da una formazione formale, in cui l erogatore assume un ruolo direttivo nei confronti di chi fruisce (anche quando mediato da materiali didattici), a una formazione on-demand dove invece le indicazioni sui contenuti da trattare vengono fornite in modo mirato e selettivo da chi ha l esigenza formativa. (cfr. Fantacone, Guachi, 2006) Nasce, quindi, l esigenza di trovare soluzioni di altro genere, in un certo senso meno push e più pull, legate cioè alla capacità del singolo di recuperare autonomamente ( tirare verso di sé), di volta in volta, ciò che serve a favorire il proprio processo di crescita professionale. (cfr. Trentin, 2006) In questo senso la metodologia Rapid e-learning può assumere interessanti ricadute sul versante dell'apprendimento organizzativo, ed in particolare per quanto attiene alle problematiche di Knowledge Management, laddove coniugata con logiche di costruttivismo sociale. (cfr. Fantacone, Guachi, 2006) Per comprendere meglio l'importanza dell'integrazione fra e-learning e Knowledge Management, è forse utile ripercorrere la sequenza di punti fissati da Serge Ravet, Istituto Europeo per l'e-learning. (cfr. Ravet, 2003) 20

21 Figura 6 - Rapporti tra Knowledge Management e Learning Management (Trentin, 2006) In sostanza l integrazione dei due processi diventa la base su cui si viene a sviluppare l organizzazione che apprende, un organizzazione che però non apprende da sé ma attraverso le persone. Figura 7 - La 'catena del valore' dell'e-knowledge (Sorrentino, Paganelli, 2006) Il passaggio che separa il knowledge dall eknowledge ci dice del passaggio al digitale dei dati, passaggio che si completa con il cambiamento concettuale di informazione in contenuto. Quindi l e-knowledge, come nuovo aspetto della conoscenza, diventa centrale nella sfera dell apprendimento (Sorrentino, Paganelli, 2006) 21

22 Il Rapid e-learning interviene proprio nel passaggio da contenuto a e- knowledge. Fornendone gli strumenti di produzione e le metodologie di disegno. Agisce quindi proprio da punto di incontro tra Knowledge Management ed e- Learning. Nella produzione di Learning Object con strumenti leggeri, come quelli del Rapid e-learning, viene coinvolto il cliente nella fase di produzione, attraverso risorse interne appositamente formate. In tal modo il processo di produzione dei contenuti può essere inteso come processo di valorizzazione della conoscenza interna all'organizzazione stessa. L azienda quindi non soltanto avrà come finalità un oggetto didattico che ne rispecchia cultura e linguaggio (elementi spesso carenti nella produzione a catalogo ) ma sopratutto avrà la capacità di innescare processi virtuosi di condivisione della conoscenza. Il Knowledge Management è una disciplina che utilizza le tecnologie per favorire la condivisione delle conoscenze, mentre l'e-learning si serve delle tecnologie a supporto dei processi di insegnamento/apprendimento, seguendo una architettura ben definita. L'intersezione tra knowledge management e e-learning sembra essere una delle soluzioni più adeguate per creare contenuti e-learning in poco tempo e con poche risorse. (cfr. Bersin, 2004) O'Driscoll, ricercatore dell'ibm ha scoperto che più del 30% dei corsi dell'ibm rientrano nella categoria procedurale/informativo, ha quindi messo a punto un sistema che consente a chiunque di richiamare just-in-time informazioni e dati di business che gli necessitano. Il sistema è molto simile ad un sistema di ricerca web quando si collegano per cercare in formazioni o procedure le persone hanno bisogno di istruzioni non di istruzione, la richiesta è del tipo: se, per esempio, io voglio imparare come scaricare software nel mio pc non ho bisogno di un corso. Tutto quello che mi serve e sapere come fare! (Boehle, 2005) Quindi, in questo senso, il Rapid e-learning è visto come metodologia per 22

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2)

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) Nel precedente approfondimento è stata evidenziata l'importanza di definire un'architettura per un percorso di blended e-learning (bl-el): questo

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

Politecnico Innovazione 1

Politecnico Innovazione 1 LOGOTEL S.P.A. 1. PROFILO SOCIETÀ Logotel S.p.A. nasce nell ottobre del 1993 come società di consulenza, formazione e supporto operativo per lo sviluppo delle Reti di Vendita e per la gestione del loro

Dettagli

Le figure professionali dell e-learning

Le figure professionali dell e-learning Le figure professionali dell e-learning Competenze e opportunità Dott. M. Boati Le figure professionali Le figure professionali per fase rogettazione Ogni fase di un progetto produce effetti sulla fase

Dettagli

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali Catalogo FORMAZIONE BLENDED Aula + Pillole Formative Finanziabile con Fondi Interprofessionali 2 Indice CORSO DI SVILUPPO MANAGERIALE Pag. 3 REVERSE MENTORING Pag. 5 STRUMENTI E METODI PER LA GESTIONE

Dettagli

E-learning. Introduzione

E-learning. Introduzione E-learning Introduzione Definizione L'e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi

Dettagli

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

How to START E-LEARNING

How to START E-LEARNING How to START E-LEARNING come INIZIARE Set-up di progetto e-learning AZIENDALE Premessa Per ogni azienda è oggi fondamentale riuscire a tradurre i cambiamenti in innovazione nel più breve tempo possibile.

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Apprendimento informale e dispositivi mobili: il nuovo approccio alla formazione

Apprendimento informale e dispositivi mobili: il nuovo approccio alla formazione 21/3/2013 Apprendimento informale e dispositivi mobili: il nuovo approccio alla formazione In parallelo all evoluzione della tecnologia, sottolineata oggi dall ascesa dei dispositivi mobili, è in corso

Dettagli

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z Carica i file tramite il form Allestimento del corso Leggi le indicazioni Progetta il corso, produci i contenuti Ricevi

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER Lezione 1 1 Web Design Lafiguracentralenelprogettodiunsitowebèilwebdesigner:eglisioccupadell'aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo di siti Web business to business

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

KPMG e-learning Solution La nostra offerta

KPMG e-learning Solution La nostra offerta KPMG e-learning Solution La nostra offerta BUSINESS PERFORMANCE SERVICES Aprile 2011 ADVISORY Agenda 1. Introduzione Il ruolo della tecnologia nella formazione Le opportunità offerte dall e-learning 2.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e E-LEARNING E-LEARNING Electronic Learning Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli

Calvani Antonio, Rotta M., Fare formazione in Internet. Manuale di didattica online, Edizioni Erickson; Trento, 2000 pp. 378

Calvani Antonio, Rotta M., Fare formazione in Internet. Manuale di didattica online, Edizioni Erickson; Trento, 2000 pp. 378 Calvani Antonio, Rotta M., Fare formazione in Internet. Manuale di didattica online, Edizioni Erickson; Trento, 2000 pp. 378 -Recensione di Cristiana Cardinali - 29 marzo 2007- Abstract In questo lavoro

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE DOMANDE FREQUENTI In queste pagine potete trovare un elenco di domande e dubbi che riguardano www.i-d-e-e.it. Per qualsiasi altra informazione, non esitate a contattarci via mail all indirizzo info@i-d-e-e.it.

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Processo e attori della progettazione formativa

Processo e attori della progettazione formativa 1 5 2 Processo e attori della progettazione formativa 4 3 1 Unità Didattiche 1, 2 Alla fine del modulo sarai in grado di Descrivere attori e fasi del processo di progettazione di un sistema formativo OBIETTIVI

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning ICT Solution ICT Solution WeTech Srl è un'azienda italiana operante nel campo dell'information & Communication Technology che, grazie alla sua offerta di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto, è in

Dettagli

Integrare l e-learning nell offerta formativa delle organizzazioni: un opportunità per valorizzare il know-how interno

Integrare l e-learning nell offerta formativa delle organizzazioni: un opportunità per valorizzare il know-how interno Peer Reviewed Papers Integrare l e-learning nell offerta formativa delle organizzazioni: un opportunità per valorizzare il know-how interno Cinzia Bianchino 1, Antonio Campanella 1, Giada Marinensi 2,

Dettagli

Formazione on line Le soluzioni di More Interactive per lo sviluppo di competenze e conoscenze

Formazione on line Le soluzioni di More Interactive per lo sviluppo di competenze e conoscenze ... Formazione on line Le soluzioni di More Interactive per lo sviluppo di competenze e conoscenze More Interactive Srl - Via Russoli, 1-20143 Milano Tel +39.02.89123754 - Fax +39.02.89122451 www.more.it

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Retail Technology Enhanced Learning

Retail Technology Enhanced Learning Manuela Martini Ingegnere Gestionale, manager esperto di Business Process Re-engineering, Manuela ha gestito progetti nazionali ed internazionali finalizzati all'informatizzazione dei processi organizzativi

Dettagli

Formazione in rete e apprendimento collaborativo

Formazione in rete e apprendimento collaborativo Formazione in rete e apprendimento collaborativo Ballor Fabio Settembre 2003 Cos è l e-learning Il termine e-learning comprende tutte quelle attività formative che si svolgono tramite la rete (Internet

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

Attualmente ne sono previsti cinque: perché narrare, come narrare, cosa narrare, l autobiografia e la parodia narrativa.

Attualmente ne sono previsti cinque: perché narrare, come narrare, cosa narrare, l autobiografia e la parodia narrativa. Analisi fattibilità economica. Questa fase prevede di tradurre i bisogni formativi rappresentati nel precedente documento di analisi, in uno studio di fattibilità tecnico economico. Questo studio di fattibilità

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Dai contenuti alla produzione dei WBT. Dott. Marco Coinu

Dai contenuti alla produzione dei WBT. Dott. Marco Coinu Dai contenuti alla produzione dei WBT Dott. Marco Coinu Corso di progettazione multimediale per la FAD Università ità Sapienza di Roma Facoltà di Scienze della Comunicazione Prof. Valerio Eletti A.A. 2007-08

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative Sommario INDICE Lo strumento ideale per erogazione e gestione dei C.F.P. (Crediti formativi permanenti) Punti di Forza Sistema

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

STAKEHOLDERS INTERESSI RISORSE/POTERI PROBLEMI Migliorare la formazione Budget influenza politica

STAKEHOLDERS INTERESSI RISORSE/POTERI PROBLEMI Migliorare la formazione Budget influenza politica Progetto di Formazione Docenti Studio di caso di Valentina Mariano Perché del progetto La Legge di Riforma della Scuola richiede al personale docente maggiori competenze per attuare le numerose innovazioni

Dettagli

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A.

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. sviluppiamo le competenze! Progetto Una rete per la formazione di qualità RFQ 2014 Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. Roma, 3 marzo 2014 1 I moduli aree di

Dettagli

indice Blended Learning 1

indice Blended Learning 1 Blended Learning La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Blended Learning 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA accompagna lo sviluppo delle risorse in azienda

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE Università degli Studi del Molise Città di d i Isernia Medaglia d oro Allegato B al DR n. 1368 del 18.10.2007 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTA DI ECONOMIA anno accademico 2007/2008 -------------------------------------

Dettagli

Indice. 1 Ambienti virtuali di apprendimento e piattaforme per l e-learning... 3. 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento...

Indice. 1 Ambienti virtuali di apprendimento e piattaforme per l e-learning... 3. 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento... AMBIENTI VIRTUALI DI APPRENDIMENTO PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 e piattaforme per l e-learning... 3 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento... 4 2 Il contesto di apprendimento e insegnamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

Entrano poi in gioco due caratteristiche proprie dei contenuti del corso e della condizione dei corsisti:

Entrano poi in gioco due caratteristiche proprie dei contenuti del corso e della condizione dei corsisti: Progettazione di un corso in rete A.Calvani, Università di Firenze PREMESSA Si ringrazia M. Ranieri per l apporto arrecato nella revisione In questo laboratorio ci proponiamo di lavorare più analiticamente

Dettagli

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING I N T R O D U Z I O N E IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING Il presente Glossario e learning costituisce il risultato di un attività di ricerca condotta

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO A.S. 2010/2011

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO A.S. 2010/2011 Via Cappuccini, 27 75100 MATERA Tel/fax 0835 310024 - Presidenza 0835 310040 C.F. 93002390776 http:/www.liceoartisticomatera.it mtsl01000b@istruzione.it SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA

Dettagli

Formazione Manageriale e Comportamentale

Formazione Manageriale e Comportamentale Formazione Manageriale e Comportamentale La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Formazione Manageriale e Comportamentale 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione.

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione. Mission Filosofia di intervento Soluzioni Management Consulting Training & HR Development Approccio al Training Catalogo Training Modello di Training Targetizzazione Contatti 2 MISSION Future People offre

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici

L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici Graziella Di Blasi, Agostino Lorenzi ITC B.Belotti, Via Azzano 5, 24126 Bergamo

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

Success story. FIRST CLASS Formazione Medica Continua (http://fad.fclass.it)

Success story. FIRST CLASS Formazione Medica Continua (http://fad.fclass.it) FORMAZIONE A DISTANZA ebrain, è una soluzione scalabile, personalizzabile, modulare che permette di coprire una vasta gamma di applicazioni diverse: Best Practice Network, knowledge management e business

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

documento di progettazione Pagina 1

documento di progettazione Pagina 1 documento di progettazione Pagina 1 MASTER UNIVERSITARIO IN E-LEARNING Sommario 1. Introduzione e contesto - Finalità generali del corso - Titolo - Tema 2. Obiettivi - Macroobiettivo 3. Contenuti - Destinatari

Dettagli

Corso EPICT Valutazione e ICT

Corso EPICT Valutazione e ICT Corso EPICT Valutazione e ICT (Certificazione EPICT Bronze Valutazione e ICT) La valutazione nella Scuola digitale evolve come evoluti rispetto alla scuola tradizionale - sono gli oggetti di valutazione.

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni SCHEDA PROGETTO LIM Dati dell istituzione scolastica Codice VETF04000T Denominazione I.T.I.S. CARLO ZUCCANTE Indirizzo TF45 - PROGETTO ABACUS -INFORMATICA Titolo di progetto Classi coinvolte Docenti conduttori

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

FORMAT. per la produzione contenuti. courseware on line

FORMAT. per la produzione contenuti. courseware on line FORMAT per la produzione contenuti courseware on line Introduzione agli aspetti redazionali [ ] All interno del quadro di riferimento della realizzazione del master on line progetto E_LASTIC - E-learning

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

Cap. 1. INTRODUZIONE ALL USO PER CSM.1

Cap. 1. INTRODUZIONE ALL USO PER CSM.1 GUIDA ALL USO DI CSM.1 Cap. 1. INTRODUZIONE ALL USO PER CSM.1 1 1.1 - Il nostro prodotto in sintesi 1. INTRODUZIONE ALL USO PER CSM.1 Il prodotto che abbiamo realizzato (CSM.1 - Customer Satisfaction Manager.1)

Dettagli

PROGETTO NETWORK DONNE D'IMPRESA

PROGETTO NETWORK DONNE D'IMPRESA PROGETTO TITOLO NETWORK DONNE D'IMPRESA MOTIVAZIONI La Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche sottopone alla attenzione il progetto Network Donne d'impresa, volto alla

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

INFORMATICA AVANZATA: CERTIFICAZIONI MICROSOFT & E-COMMERCE

INFORMATICA AVANZATA: CERTIFICAZIONI MICROSOFT & E-COMMERCE Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: INFORMATICA AVANZATA: CERTIFICAZIONI MICROSOFT & E-COMMERCE Corsi di specializzazione

Dettagli

E-Learning Il valore aggiunto e gli elementi di criticità nell'innovazione metodologica, organizzativa, didattica e tecnologica

E-Learning Il valore aggiunto e gli elementi di criticità nell'innovazione metodologica, organizzativa, didattica e tecnologica Bellinzona, 2007 E-Learning Il valore aggiunto e gli elementi di criticità nell'innovazione metodologica, organizzativa, didattica e tecnologica Chi progetta soluzioni per l'e-learning o soluzioni blended

Dettagli

Corso erogato in collaborazione con CNGeGL e Geoweb DURATA 9 ORE

Corso erogato in collaborazione con CNGeGL e Geoweb DURATA 9 ORE Corso erogato in collaborazione con CNGeGL e Geoweb Corso di aggiornamento e-learning destinato al Coordinatore per la progettazione e al Coordinatore per l esecuzione dei lavori A002 PSC e costi della

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Process groups G006. Corso di formazione e-learning in materia di project management DURATA 9 ORE

Process groups G006. Corso di formazione e-learning in materia di project management DURATA 9 ORE Corso di formazione e-learning in materia di project management G006 DURATA 9 ORE Process groups Il corso è valido ai fini del raggiungimento delle 35 contact hours richieste per la certificazione PMP

Dettagli

http:www.e-oncology.it

http:www.e-oncology.it http:www.e-oncology.it Il prototipo e-oncology strumento operativo di Rete di interconnessione tra gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Oncologici costituita per iniziativa del Ministero

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013 formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani Livorno, 23 aprile 2013 2 TRIO è il Sistema di Web Learning della Regione Toscana che mette a disposizione di cittadini, enti pubblici e organizzazioni

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Come è ormai noto a quanti operano nel campo della qualità, è stata pubblicata la nuova revisione della ISO 9001. Le Norme ISO toccano numerosi ambiti

Dettagli

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA 7.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si basa su un campione del prodotto, precedentemente selezionato

Dettagli

FORMAZIONE INTEGRATA. E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3

FORMAZIONE INTEGRATA. E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3 FORMAZIONE INTEGRATA E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3 1 TUTOR Bevilacqua Barbara Discenti: Giuseppe Marino Nadia Vincenzo 2 La scheda a fianco proviene dalla Svizzera; descrive le attitudini e le

Dettagli