REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO"

Transcript

1 Regione Lazio Provincia di Rieti COMUNE di BORGOROSE REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO Realizzazione con il sistema del promotore art. 153 e seguenti del D.lgs 163/2006 e s.m.i. Documentazione di presentazione RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL P.E.F. A.T.I. PROPONENTE Altair Srl Edilver Srl Schena Arte Marmo Srl

2 A.T.I. PROPONENTE L A.T.I. che si propone quale soggetto promotore per la per la progettazione, realizzazione e gestione di un nuovo impianto di cremazione a Borgorose (RI) è costituita dalle seguenti aziende: A.T.I. PER BORGOROSE Altair Srl Edilver Srl Schena Arte Marmo Srl CAPOGRUPPO v. Giovanni XXIII, 15/D Domodossola (VB) MANDANTE v. Giovanni XXIII, 15/D Domodossola (VB) MANDANTE V. Don Bosco, Sondrio (SO) Altair Srl è individuata quale ditta capogruppo e da essa sono nate Altair Progetto Srl, l azienda che ha realizzato il primo impianto di cremazione in project financing in Italia (Domodossola, anno 2007) e Altair Progetto Trecate Srl che ha progettato, realizzato ed attualmente gestisce il tempio crematorio di Trecate. Al gruppo Altair si affiancano Edilver Srl, azienda operante nel settore delle costruzioni che ha accumulato esperienze importanti nel settore specifico e Schena Arte Marmo Srl, azienda tecnologicamente all avanguardia che produce lavorati per l edilizia, l arredo urbano e l interior design. 2

3 PREMESSA - L EVOLUZIONE DELLA CREMAZIONE IN ITALIA Le cremazioni effettuate nel corso del 2012 sono cresciute del 15% rispetto all anno precedente, traducendosi in un aumento di unità. Nel 2012 si sono registrate a consuntivo cremazioni di feretri, contro le del 2011 (erano nel 2010 a dimostrazione di un trend in continua crescita): il superamento di quota cremazioni e la continua crescita di questo numero derivano da una serie di fattori: su tutti la presenza di un maggior numero di impianti sul territorio e la crisi economica. L ISTAT ha recentemente diffuso i dati demografici relativi al 2012 rilevando decessi: l incidenza effettiva della cremazione sul totale delle sepolture, per l anno 2012, è pertanto del 16,62%. Analizzando il dato territoriale si può valutare che le regioni dove la cremazione è più sviluppata in termini di rapporto percentuale delle cremazioni eseguite sul territorio rispetto al dato nazionale sono: Lombardia (25,7%), Piemonte (13,7%) e Veneto (12,3%). Le regioni che hanno visto la crescita percentuale maggiore nel 2012 rispetto al 2011 sono invece: Sardegna (+63,9%), Emilia Romagna (+32,8%) e Umbria (+31,7%): incidono in queste variazioni soprattutto la messa in funzione o il fermo/rallentamento operativo di uno o più impianti. Le regioni che rispetto all anno precedente hanno registrato una crescita numerica più elevata sono state: Emilia Romagna (+3.003), Lombardia (+2.993) e Piemonte ( ). Il ricorso alla cremazione continua ad avvenire soprattutto al Nord anche grazie ad una più capillare presenza di impianti, ma anche il Centro sta raggiungendo interessanti valori percentuali. Roma, Milano e Genova si riconfermano, come negli anni precedenti, le città col maggior numero di cremazioni di cadaveri effettuate, rispettivamente con 9.078, 8.238, (anche se è bene chiarire che si tratta di cremazioni svolte per un area che spesso è almeno provinciale, se non ancor più estesa), mentre Torino (3.706) viene superata da Livorno (4.815) e Mantova (3.950). La regione in assoluto dove si crema di più è, come sempre, la Lombardia (che è tra quelle meglio dotate di impianti di cremazione), con cremazioni, seguite da Piemonte (13.968) e Veneto (12.541). I dati sopra riportati ed elaborati in questo documento derivano dalla circolare 1/8/2013 p.n. 3812/AG di Federutility SEFIT che ogni anno censisce il numero di cremazioni svolte in ogni crematorio d'italia, attraverso un rilevamento che è l'unico svolto sull'intero territorio nazionale e che consente di comprendere il livello di diffusione di tale pratica funebre. 3

4 Le percentuali di cremazione al Centro-Sud risultano per ora ancora basse, ma il potenziale di crescita è rilevato e previsto da tutti gli analisti: per queste ragioni riteniamo che un investimento a Borgorose possa risultare nel tempo vincente e soddisfacente sia per le nostre esigenze che per quelle del nostro partner pubblico. IL TREND FUTURO E probabile che la cremazione passi dal 10,3% attuale al 30% nel 2050 (valori medi italiani, ma profondamente diversi tra Nord, Centro e Sud); i due scenari alternativi, rispettivamente di minima e di massima, possono vedere la cremazione raggiungere il 25% e il 35%. In termini numerici si ritiene probabile un numero di cremazioni nel 2050 prossimo alle unità (contro le del 2005). Lo scenario minimo prevede cremazioni e quello massimo quasi La previsione tiene conto del fatto che in tutta Europa è in atto una crescita della cremazione che comprime le forme di sepoltura tradizionali (in genere è più diffusa la inumazione in terreno che non la tumulazione). Ad oggi in Europa la cremazione ha raggiunto e superato il preferenze della popolazione. 37% delle ITALIA EUROPA % CREMAZIONE ,6% 37% 4

5 ALCUNI DATI Le statistiche più aggiornate sulla evoluzione della cremazione in Italia, come anche dell andamento della mortalità e delle forme di sepoltura, sono elaborate annualmente dalla SEFIT Federutility (Federazione dei Servizi Funerari Italiani). 5

6 Risultano evidenti già dall analisi di queste prime tabelle le enormi potenzialità del bacino del Centro-Sud Italia. Un diverso approccio culturale e la presenza di pochissimi impianti portano a percentuali di cremazioni decisamente irrisorie se paragonate alla media del Centro-Nord. E questa la ragione principale che ci spinge a proporre un investimento importante a Borgorose. 6

7 ANALISI DEMOGRAFICA La proposta di un intervento privato nella realizzazione e gestione di un nuovo impianto di cremazione che sia da riferimento per una vasta area del centro-sud non può prescindere da una analisi demografica che consenta di definire il potenziale numero di cremazioni: di seguito vengono pertanto riportati una serie di dati utili alle valutazioni dell investimento: Andamento demografico della popolazione residente in Lazio. Popolazione residente al 31 dicembre di ogni anno fino al 2010 e al 8 ottobre 2011, giorno precedente il Censimento. Dati ISTAT. Anno Data rilevamento Popolazione residente Variazione assoluta Variazione percentuale dicembre dicembre ,56% dicembre ,15% dicembre ,25% dicembre ,66% dicembre ,55% dicembre ,23% dicembre ,18% 7

8 dicembre ,98% dicembre ,82% 2011 (¹) 8 ottobre ,65% (¹) popolazione anagrafica al 8 ottobre 2011, giorno prima del censimento. Variazione percentuale della popolazione Le variazioni annuali della popolazione della regione Lazio espresse in percentuale a confronto con le variazioni dell'intera popolazione italiana. Movimento naturale della popolazione Il movimento naturale di una popolazione in un anno è determinato dalla differenza fra le nascite ed i decessi ed è detto anche saldo naturale. Le due linee del grafico in basso riportano l'andamento delle nascite e dei decessi negli ultimi anni. L'andamento del saldo naturale è visualizzato dall'area compresa fra le due linee. 8

9 Anno Bilancio demografico Nascite Decessi Saldo Naturale gennaio-31 dicembre gennaio-31 dicembre gennaio-31 dicembre gennaio-31 dicembre gennaio-31 dicembre gennaio-31 dicembre gennaio-31 dicembre gennaio-31 dicembre gennaio-31 dicembre (¹) 1 gennaio-8 ottobre (²) 9 ottobre-31 dicembre (¹) bilancio demografico pre-censimento 2011 (dal 1 gennaio al 8 ottobre) (²) bilancio demografico post-censimento 2011 (dal 9 ottobre al 31 dicembre) Indicatori demografici Principali indici demografici calcolati sulla popolazione residente in Lazio. Anno Indice di vecchiaia Indice di dipendenza strutturale Indice di ricambio della popolazione attiva Indice di struttura della popolazione attiva Indice di carico di figli per donna feconda Indice di natalità Indice di mortalità 1 gennaio 1 gennaio 1 gennaio 1 gennaio 1 gennaio 1 gen-31 dic 1 gen-31 dic ,0 46,7 123,5 94,9 20,3 9,4 9, ,8 47,7 125,1 97,5 19,9 9,7 9, ,0 48,1 123,1 98,8 19,7 9,9 9, ,0 48,5 119,2 100,9 19,5 9,6 9, ,6 49,3 114,3 104,0 19,7 9,6 8, ,7 49,9 117,2 107,4 19,9 9,4 9, ,0 50,3 119,6 109,5 20,2 10,1 9,2 9

10 ,9 50,6 123,5 111,5 20,2 9,6 9, ,6 50,9 127,4 114,3 20,2 9,5 9, ,0 51,0 132,7 117,3 20,1 (*) (*) ,2 51,7 132,9 123,0 19,9 - - (*) dato non disponibile perché la popolazione al 31 dicembre 2011 è allineata con la popolazione censita il 9 ottobre 2011 e non è direttamente confrontabile con la popolazione residente al 1 gennaio Come si evince il tasso di mortalità si aggira intorno alla percentuale dello 0,95% rispetto alla popolazione. PANORAMA DEGLI IMPIANTI DI CREMAZIONE NEL BACINO DI RIFERIMENTO RIF. IMPIANTO CREMAZIONI CREMAZIONI VARIAZIONE MAPPA S. BENEDETTO DEL TRONTO ASCOLI PICENO ROMA VITERBO Sono quattro attualmente i potenziali competitors dell eventuale nuovo impianto di Borgorose in un bacino d utenza che oggi può contare almeno sulle Regioni Lazio, Abruzzo e su parte di territori del centro-sud sprovvisti di impianti di cremazione. Si tratta degli impianti di Ascoli Piceno (con numeri ed efficienza molto bassi) 10

11 e di San Benedetto del Tronto nella parte a nord e di quelli di Roma e Viterbo nel Lazio. IPOTESI DI AFFLUENZA Riteniamo che la messa in funzione di un nuovo impianto a Borgorose ed una sua gestione professionale possa rappresentare un occasione unica per catalizzare verso lo stesso grande affluenza e possa rappresentare l elemento determinante per un incremento significativo della percentuale di cremazioni in questa vasta area. Le simulazioni effettuate, che tengono conto delle distanze dall impianto e delle vie di comunicazione hanno considerato una percentuale media di cremazione sul dato di mortalità del 15%. La mappa riportata di seguito evidenzia il potenziale bacino d utenza compreso nei 70 minuti di percorrenza da Borgorose. 11

12 Comune Provincia Regione Popolazione, totale per Comune Frascati Roma Lazio Monte Porzio Catone Roma Lazio 7452 Monte Compatri Roma Lazio 7166 Rocca Priora Roma Lazio 8456 Colonna Roma Lazio 3059 Artena Roma Lazio Labico Roma Lazio 2488 Palestrina Roma Lazio Valmontone Roma Lazio Cave Roma Lazio 8584 Genazzano Roma Lazio 5065 Guidonia Montecelio Roma Lazio Zagarolo Roma Lazio Gallicano nel Lazio Roma Lazio 3528 Tivoli Roma Lazio Sant'Angelo Romano Roma Lazio 2525 Palombara Sabina Roma Lazio 8726 Marcellina Roma Lazio 5175 San Polo dei Cavalieri Roma Lazio 2125 San Gregorio da Sassola Roma Lazio 1499 Castel San Pietro Romano Roma Lazio 698 Poli Roma Lazio 2025 Casape Roma Lazio 812 Castel Madama Roma Lazio 6407 Rocca di Cave Roma Lazio 357 Capranica Prenestina Roma Lazio 307 Pisoniano Roma Lazio 810 San Vito Romano Roma Lazio 3268 Ciciliano Roma Lazio 1073 Sambuci Roma Lazio 819 Saracinesco Roma Lazio 176 Cerreto Laziale Roma Lazio 1077 Gerano Roma Lazio 1133 Anticoli Corrado Roma Lazio 940 Vicovaro Roma Lazio 3819 Licenza Roma Lazio 955 Mandela Roma Lazio 639 Cineto Romano Roma Lazio 537 Percile Roma Lazio 271 Roviano Roma Lazio 1470 Vallinfreda Roma Lazio 290 Riofreddo Roma Lazio 713 Orvinio Rieti Lazio 456 Vivaro Romano Roma Lazio 242 Pozzaglia Sabina Rieti Lazio

13 Olevano Romano Roma Lazio 6000 Bellegra Roma Lazio 3134 Rocca Santo Stefano Roma Lazio 1014 Rocca Canterano Roma Lazio 279 Canterano Roma Lazio 401 Marano Equo Roma Lazio 782 Agosta Roma Lazio 1450 Cervara di Roma Roma Lazio 495 Subiaco Roma Lazio 9004 Arsoli Roma Lazio 1582 Oricola L Aquila Abruzzo 897 Turania Rieti Lazio 281 Collegiove Rieti Lazio 201 Collalto Sabino Rieti Lazio 539 Nespolo Rieti Lazio 283 Rocca di Botte L Aquila Abruzzo 449 Pereto L Aquila Abruzzo 637 Carsoli L Aquila Abruzzo 5068 Castellafiume L Aquila Abruzzo 987 Tagliacozzo L Aquila Abruzzo 6452 Sante Marie L Aquila Abruzzo 1497 Scurcola Marsicana L Aquila Abruzzo 2332 Magliano de' Marsi L Aquila Abruzzo 3497 San Vincenzo Valle Roveto L Aquila Abruzzo 2757 Isola del Liri Frosinone Lazio Sora Frosinone Lazio Balsorano L Aquila Abruzzo 3643 Fontechiari Frosinone Lazio 1287 Broccostella Frosinone Lazio 2396 Posta Fibreno Frosinone Lazio 1365 Pescosolido Frosinone Lazio 1473 Campoli Appennino Frosinone Lazio 1815 Morino L Aquila Abruzzo 1603 Civitella Roveto L Aquila Abruzzo 3260 Canistro L Aquila Abruzzo 1018 Capistrello L Aquila Abruzzo 5597 Civita d'antino L Aquila Abruzzo 1065 Luco dei Marsi L Aquila Abruzzo 5347 Avezzano L Aquila Abruzzo Massa d'albe L Aquila Abruzzo 1291 Celano L Aquila Abruzzo Ovindoli L Aquila Abruzzo 1204 Collelongo L Aquila Abruzzo 1596 Trasacco L Aquila Abruzzo 5956 Ortucchio L Aquila Abruzzo 1931 San Benedetto dei Marsi L Aquila Abruzzo 3916 Villavallelonga L Aquila Abruzzo

14 Lecce nei Marsi L Aquila Abruzzo 1699 Aielli L Aquila Abruzzo 1473 Cerchio L Aquila Abruzzo 1735 Pescina L Aquila Abruzzo 4699 Collarmele L Aquila Abruzzo 1051 Secinaro L Aquila Abruzzo 558 Gagliano Aterno L Aquila Abruzzo 396 Vicalvi Frosinone Lazio 766 Gioia dei Marsi L Aquila Abruzzo 2275 Bisegna L Aquila Abruzzo 467 Ortona dei Marsi L Aquila Abruzzo 988 Villalago L Aquila Abruzzo 738 Anversa degli Abruzzi L Aquila Abruzzo 439 Castel di Ieri L Aquila Abruzzo 437 Cocullo L Aquila Abruzzo 416 Goriano Sicoli L Aquila Abruzzo 685 Castelvecchio Subequo L Aquila Abruzzo 1448 Molina Aterno L Aquila Abruzzo 554 San Benedetto in Perillis L Aquila Abruzzo 175 Prezza L Aquila Abruzzo 1231 Bugnara L Aquila Abruzzo 1161 Raiano L Aquila Abruzzo 2726 Vittorito L Aquila Abruzzo 1142 Popoli Pescara Abruzzo 5755 Corfinio L Aquila Abruzzo 968 Scanno L Aquila Abruzzo 2352 Introdacqua L Aquila Abruzzo 1675 Pratola Peligna L Aquila Abruzzo 7939 Roccacasale L Aquila Abruzzo 768 Toffia Rieti Lazio 829 Poggio Nativo Rieti Lazio 1801 Mompeo Rieti Lazio 581 Frasso Sabino Rieti Lazio 531 Casaprota Rieti Lazio 695 Monte San Giovanni Rieti Lazio 665 Montenero Sabino Rieti Lazio 373 Contigliano Rieti Lazio 3142 Greccio Rieti Lazio 1504 Colli sul Velino Rieti Lazio 462 Labro Rieti Lazio 293 Monteleone Sabino Rieti Lazio 1266 Poggio San Lorenzo Rieti Lazio 516 Torricella in Sabina Rieti Lazio 1181 Poggio Moiano Rieti Lazio 2381 Rocca Sinibalda Rieti Lazio 943 Belmonte in Sabina Rieti Lazio 627 Colle di Tora Rieti Lazio

15 Ascrea Rieti Lazio 318 Castel di Tora Rieti Lazio 330 Longone Sabino Rieti Lazio 699 Concerviano Rieti Lazio 461 Rieti Rieti Lazio Cittaducale Rieti Lazio 6434 Marcetelli Rieti Lazio 182 Varco Sabino Rieti Lazio 250 Petrella Salto Rieti Lazio 1608 Pescorocchiano Rieti Lazio 2738 Fiamignano Rieti Lazio 1864 Castel Sant'Angelo Rieti Lazio 1320 Borgo Velino Rieti Lazio 845 Micigliano Rieti Lazio 149 Posta Rieti Lazio 919 Antrodoco Rieti Lazio 3011 Borbona Rieti Lazio 734 Borgorose Rieti Lazio 4630 Scoppito L Aquila Abruzzo 2251 Tornimparte L Aquila Abruzzo 3016 Cagnano Amiterno L Aquila Abruzzo 1685 Montereale L Aquila Abruzzo 3114 Barete L Aquila Abruzzo 635 Pizzoli L Aquila Abruzzo 2598 Capitignano L Aquila Abruzzo 742 Cittareale Rieti Lazio 552 Lucoli L Aquila Abruzzo 1046 Rocca di Cambio L Aquila Abruzzo 447 Rocca di Mezzo L Aquila Abruzzo 1531 Ocre L Aquila Abruzzo 984 Fossa L Aquila Abruzzo 630 Sant'Eusanio Forconese L Aquila Abruzzo 462 L'Aquila L Aquila Abruzzo Villa Sant'Angelo L Aquila Abruzzo 480 Fontecchio L Aquila Abruzzo 469 Fagnano Alto L Aquila Abruzzo 499 Prata d'ansidonia L Aquila Abruzzo 616 San Demetrio Ne' Vestini L Aquila Abruzzo 1553 Poggio Picenze L Aquila Abruzzo 917 Barisciano L Aquila Abruzzo 1768 Tione degli Abruzzi L Aquila Abruzzo 485 Acciano L Aquila Abruzzo 538 Caporciano L Aquila Abruzzo 324 San Pio delle Camere L Aquila Abruzzo 554 Castelvecchio Calvisio L Aquila Abruzzo 246 Carapelle Calvisio L Aquila Abruzzo 125 Santo Stefano di Sessanio L Aquila Abruzzo

16 Calascio L Aquila Abruzzo 224 Isola del Gran Sasso d'italia Teramo Abruzzo 4952 Campotosto L Aquila Abruzzo 865 Tossicia Teramo Abruzzo 1456 Montorio al Vomano Teramo Abruzzo 8918 Colledara Teramo Abruzzo 2155 Teramo Teramo Abruzzo Navelli L Aquila Abruzzo 700 Collepietro L Aquila Abruzzo 364 Capestrano L Aquila Abruzzo 1141 Ofena L Aquila Abruzzo 757 Bussi sul Tirino Pescara Abruzzo 3236 Pescosansonesco Pescara Abruzzo 574 Brittoli Pescara Abruzzo 470 Corvara Pescara Abruzzo 333 Castel del Monte L Aquila Abruzzo 707 Castelli Teramo Abruzzo 1600 Arsita Teramo Abruzzo 1061 Bisenti Teramo Abruzzo 2511 Castiglione a Casauria Pescara Abruzzo 902 Tocco da Casauria Pescara Abruzzo 3044 Bolognano Pescara Abruzzo 1339 Torre de' Passeri Pescara Abruzzo 3299 Pietranico Pescara Abruzzo 691 Scafa Pescara Abruzzo 3863 Castel Castagna Teramo Abruzzo 609 Basciano Teramo Abruzzo 2228 Penna Sant'Andrea Teramo Abruzzo 1673 Cermignano Teramo Abruzzo 2196 Canzano Teramo Abruzzo 1802 Castellalto Teramo Abruzzo 5866 POPOLAZIONE BACINO D'UTENZA MORTALITA' CREMAZIONI ATTESE CREMAZIONI A BORGOROSE COMUNE DI ROMA TOTALE (*) (*) SI IPOTIZZA DI RAGGIUNGERE QUESTO DATO NEL 2017 DOPO LA FASE DI START UP RESTI MORTALI 462 RESTI OSSEI

17 tasso di mortalità: 1% % affluenza a Borgorose da potenziale bacino: 100% % affluenza a Borgorose dal Comune di Roma: 10% % cremazione: 15% IL PROGETTO PER BORGOROSE Sulla scorta dell esperienza maturata in questi anni che ci ha portato alla realizzazione degli impianti di Domodossola (VB), Trecate (NO), Acqui Terme (AL), Albosaggia (SO) ed alla gestione dell impianto di Cava De Tirreni (SA) abbiamo sviluppato un progetto complessivo in grado di dare vita ad un impianto dalle grandi potenzialità. Si tratta di una struttura con una linea di cremazione e la predisposizione per una eventuale seconda linea, dotato di sala del commiato, sala d attesa, sala per la restituzione delle urne, uffici amministrativi, locale per le celle frigorifere, servizi igienici e locali tecnici per un importo complessivo di euro ,50 (La somma è comprensiva di spese tecniche). Alla struttura si aggiunge la realizzazione di un tratto di strada al fine di realizzare un nuovo accesso alla struttura cimiteriale. Altri aspetti salienti della proposta sono: installazione di tecnologia all avanguardia della Facultatieve Technologies; un contributo annuo al Comune pari al 5% del fatturato derivante dalle operazioni di cremazione; l impiego a regime di cinque unità lavorative; una concessione del servizio per la durata di 30 anni. La somma è comprensiva di spese tecniche. Lo studio effettuato sull affluenza e la definizione del progetto preliminare ha consentito l elaborazione di un Piano Economico Finanziario (di seguito P.E.F.) che dimostra la sostenibilità dell investimento ipotizzato per Borgorose. Di seguito si riportano le tabelle sintetizzanti i contenuti del P.E.F.: 17

18 ENTITA DELL INVESTIMENTO PRIVATO NUOVO IMPIANTO DI CREMAZIONE DI BORGOROSE (RI) QUADRO ECONOMICO OPERE E IMPIANTI opere edili ,00 Impianti elettrici ,00 Impianti idrico sanitari e antincendio ,00 Impianti di climatizzazione e distribuzione calore ,00 Impianto cremazione ,00 opere per allacciamenti utenze ,00 TOTALE OPERE E IMPIANTI ,00 ONERI PER LA SICUREZZA per lavori ed opere ,00 per oneri di sicurezza compresi nei prezzi e non soggetti a ribasso per oneri di sicurezza aggiuntivi non soggetti a ribasso ,00 TOTALE IMPORTO ,00 ALTRE SOMME Spese tecniche di progettazione - sicurezza - Direzione lavori - comprensive di contributi previdenziali ,00 Spese per attività di supporto, oneri R.U.P ,00 Spese per pubblicità 5.000,00 Commissione giudicatrice 4.000,00 Collaudo Tecnico Amministrativo ,00 Spese tecniche per accatastamento 4.000,00 Imprevisti ,00 oneri per allacciamenti ai pubblici servizi ,00 Acquisizione aree o immobili ,00 Attrezzature strumentali - celle frigorifero ,00 Attrezzature strumentali - Arredi e arredi speciali sala del commiato ,00 TOTALE ALTRE ,00 TOTALE CONCESSIONE ,00 IVA IVA su lavori e impianti 10% ,50 IVA su spese tecniche 22% ,00 TOTALE IVA ,50 TOTALE INVESTIMENTO ,50 Spese per predisposizione del progetto ,00 TOTALE IMPEGNO DI SPESA ,50 18

19 DETTAGLIO DELL INVESTIMENTO DIMENSIONAMENTI Area in concessione mq Opere di sistemazione esterna - area accesso parcheggi mq 685 Opere di sistemazione esterna - strada per accesso secondario mq Fabbricato tempio Crematorio mq 575 Tettoia stoccaggio rifiuti mq 20 Opere di sistemazione esterna - area cortile tecnico crematorio mq 425 Opere di sistemazione esterna - area manovra/scarico mq 105 Opere di sistemazione esterna - recinzione e cancelli ml 35 Opere di sistemazione esterna - area verde mq DETTAGLIO COSTI DESCRIZIONE LAVORAZIONI Dimensionamento stima unitaria importo Allestimento area cantiere per consolidamenti n , ,00 Opere speciali di fondazione - micropali n , ,00 Costruzione fabbricato tempio Crematorio valutato per superficie mq , ,00 Costruzione tettoia stoccaggio rifiuti mq , ,00 Opere di sistemazione esterna - area accesso parcheggi mq , ,00 Opere di sistemazione esterna - area comune manovra mq , ,00 Opere di sistemazione esterna - area cortile tecnico mq 425 crematorio 50, ,00 Opere di sistemazione esterna - aree a verde mq , ,00 Opere di sistemazione esterna - recinzioni e cancelli ml , ,00 Opere di sistemazione esterna - strada per accesso mq secondario 45, ,00 Opere per cabina di trasformazione energia elettrica (piazzale) n , ,00 Movimentazione speciali per introduzioni impianti n , ,00 Sistemazione aree verdi rimanenti - versante zona ingresso n , ,00 Impianti elettrici F.M. - tempio crematorio mq , ,00 Impianti elettrici F.M. - cortile tecnico mq , ,00 Impianti elettrici F.M. - area manovra/scarico mq , ,00 Impianti elettrici F.M. - area accesso parcheggi mq , ,00 Impianti elettrici F.M. - strada per accesso secondario mq , ,00 Impianti elettrici illuminazione - tempio crematorio mq , ,00 Impianti elettrici illuminazione - cortile tecnico mq , ,00 Impianti elettrici illuminazione - area manovra/scarico mq , ,00 Impianti elettrici illuminazione - area accesso parcheggi mq , ,00 Impianti elettrici illuminazione - strada per accesso secondario mq , ,00 Impianti audio/video n , ,00 Impianti videocontrollo e antiintrusione n , ,00 Impianti idrico sanitari - tempio crematorio - punti acqua n 9 750, ,00 Impianti idrico sanitari - punti acqua esterni n 6 200, ,00 Impianti meccanici - riscaldamento e climatizzazione n , ,00 Impianto antincendio n , ,00 Opere per allacciamento utenze n , ,00 TOTALE ,00 19

20 SUDDIVISIONE COSTI PER TIPOLOGIA preparazione edili elettrico termico idrosanit. e vvf , , ,00 allacciamenti TOTALE , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 20

21 DETTAGLIO COSTI DI GESTIONE COSTI DESCRIZIONE IMPORTI BASE Addetti cremazione , Impiegati , Gas COSTO A CREMAZIONE Energia elettrica COSTO A CREMAZIONE Manutenzioni 18,00 12, COSTO A CREMAZIONE 16, Altre utenze 8.000, Altre spese per servizi (pulizie, ecc.) , Assicurazioni 9.000, Spese generali , Altri costi (materiali di consumo, ecc.) , Contributo al Comune su servizio cremazione 5,00% Viene ipotizzato l impiego di n. 4 addetti alla lavorazione e di n. 1 impiegato amministrativo. Il costo energetico per ogni cremazione (gas e energia elettrica) è rilevato nella quotidiana gestione degli impianti del gruppo Altair. Le spese di manutenzione derivano dal puntuale rispetto del manuale di manutenzione fornito dalla casa costruttrice. Il contributo al Comune viene calcolato nella percentuale del 5% del fatturato derivante dalle operazioni di cremazione. 21

22 DETTAGLIO RICAVI RICAVI SERVIZI DI CREMAZIONE DESCRIZIONE IMPORTO Cremazioni salme 434,00 Cremazione resti mortali (casse in legno) 365,00 Cremazione resti mortali (casse cellulosa) 316,00 Cremazione resti ossei 168, Ricavi cremazioni Numero annuo cremazioni PARAMETRI APPLICATI NELLO SVILUPPO DEL P.E.F. PARAMETRI Tasso incremento costi (inflazione) 2,00% Tasso incremento ricavi 0,20% Durata mutuo (mesi) 120 Tasso d'interesse mutuo 5,50% Incremento annuo cremazioni 1,00% Durata leasing (mesi) 96 Tasso di interesse leasing 5,50% AMMORTAMENTI Voce contabile Importo complessivo ammortamento (anni) Importi ammortamento annuo Fabbricati , ,83 Impianti e macchinari , ,00 Attrezzature strumentali , ,00 22

23 SIMULAZIONE LEASING PER IMPIANTO CREMATORIO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO - TEMPIO CREMATORIO PROSPETTO LEASING SIMULAZIONE LEASING COSTRUENDO - 96 MESI - ANTICIPO 30%, RISCATTO 1% CAPITALE ,00 RISORSE PROPRIE: ACCONTO pari a ,00 spese per istruzione pratica e altre spese immediate 3.800,00 TOTALE SPESE IMMEDIATE DISPONIBILITA' REALE AL PERIODO ,00 numero rate 96 importo rate 6.900,00 rata finale/riscatto pari a 7.800,00 TASSO PER SINGOLO PERIODO 0,45% n (numero periodi nell'annualità) 12 Taeg 5,52% Tan 5,39% 23

24 SVILUPPO DEL P.E.F. (vengono riportati i primi quattro anni) PARTE ECONOMICA Anno RICAVI Cremazioni Totale ricavi COSTI Personale Gas Energia elettrica Manutenzioni Altre utenze Altre spese per servizi Assicurazioni Spese generali Altri costi Contributo al Comune Totale costi Margine Operativo Lordo (EBITDA) Ammortamenti Reddito Operativo (EBIT) Leasing impianto crematorio Mutuo - Rimborso interessi Mutuo - Rimborso capitale Utile lordo IRAP IRES Risultato Netto PARTE FINANZIARIA Anno Reddito Operativo (EBIT) Apporto risorse proprie IRAP IRES Ammortamenti Finanziamenti Cash flow INDICATORI VAN Domodossola, 12/05/

(Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 44 del 31/07/2001, modificato con Deliberazione n. 30 del 25/05/2006)

(Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 44 del 31/07/2001, modificato con Deliberazione n. 30 del 25/05/2006) Amministrazione Provinciale dell Aquila Statuto (Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 44 del 31/07/2001, modificato con Deliberazione n. 30 del 25/05/2006) TITOLO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA

CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA Centro per l Impiego Roma Cinecittà bacino di competenza: Ex Municipi Roma I, Roma II, Roma VI, Roma IX, Roma X, Roma XI, Roma XVII Viale Rolando Vignali, 14 00173

Dettagli

Orario in vigore dal 24 Set 2010 al 19 Dic 2010 pag. 1/20 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 2. NS 18:45 2. SA 18:30

Orario in vigore dal 24 Set 2010 al 19 Dic 2010 pag. 1/20 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 2. NS 18:45 2. SA 18:30 Orario in vigore dal 24 Set 2010 al 19 Dic 2010 pag. 1/20 Partenze Da Cave p.zza Plebiscito, Cave DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Acuto Prenestina /ex Stazione 07:18. 10:43. 15:43. 17:20. 18:58. 20:38.

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Partenze Da Anagnina [Metro A]

Partenze Da Anagnina [Metro A] Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/84 Anagnina Metro A, Roma Partenze Da Anagnina [Metro A] DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Acuto Prenestina /ex Stazione 06:20. 09:45. 14:00. 14:45.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Partenze Da Gallicano nel Lazio

Partenze Da Gallicano nel Lazio Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/5 Partenze Da Gallicano nel Lazio p.zza Caduti di Guerra, Gallicano nel Lazio DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Casape c.so G.Marconi 08:55. 14:35.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente 2007. Le attività produttive e l ambiente

Relazione sullo Stato dell Ambiente 2007. Le attività produttive e l ambiente III.2 Le attività produttive e l ambiente 100 III.2.1 Le attività produttive Inquadramento Un indicatore molto importante e rappresentativo ai fini della caratterizzazione del sistema produttivo tiburtino

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto COMUNE di VIGONZA RIQUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE mediante FINANZA di di PROGETTO Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto testo: DOSI C., Gli Studi di Fattibilitàdegli

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Prefettura di Roma. Ufficio Territoriale del Governo AVVISO PUBBLICO

Prefettura di Roma. Ufficio Territoriale del Governo AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO PROCEDURA APERTA VOLTA ALLA CONCLUSIONE DI UN ACCORDO QUADRO CON PIU SOGGETTI ECONOMICI, PER IL PERIODO 01/09/2015-31/12/2015, PER ASSICURARE I SERVIZI DI ACCOGLIENZA, E DEI SERVIZI CONNESSI,

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli