Seminario CNIPA 2 giornata La misura della Qualità del software. Roma - 10 aprile Giovanni Pistarini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario CNIPA 2 giornata La misura della Qualità del software. Roma - 10 aprile 2006. Giovanni Pistarini (giovanni.pistarini@it.compuware."

Transcript

1 Il collaudo del software Metodologie e principi del testing, funzionale e prestazionale esempi e regole da seguire per impostare un collaudo Seminario CNIPA 2 giornata La misura della Qualità del software Roma, 10 aprile Argomenti di oggi Come richiedere ed ottenere la qualità pattuita e non sostenere costi aggiuntivi Le richieste formali L organizzazione interna Processi e strumenti da utilizzare Come minimizzare i rischi nel caso di qualità non sufficiente Organizzazione del pre collaudo e collaudo Gestire il rischio e le risorse Metriche 2

2 Le multidimensioni della Qualità conformità con i requisiti funzionali e prestazionali espiciti, con standard di sviluppo documenti e con le caratteristiche implicite che è lecito attendersi (R.S.Pressman, Ingegneria del software, McGraw Hill, libri Italia 200) conseguenza dell efficacia e della efficienza dei processi che li hanno generati e li supportano (UNI ISO ) assenza di difetti che potrebbero bloccare l uso sel prodotto o condurlo a fornire risultati e/o prestazioni inaccettabili (C.Jones, Applied software measurement, 2 ed. McGraw Hill, 1996) soddisfazione dell utente ed aderenza ai requisiti (W.E.Perry, Quality Assurance for information Systems, QED Publishing Company, 1991) 3 Le multidimensioni della Qualità requisiti funzionali e prestazionali standard di sviluppo documenti Strategia di Acquisizione Gestione del contratto dei processi assenza di difetti prestazioni inaccettabili Processo di QA Piano di Qualità Controlli di Qualità Prodotti / Servizi Collaudo Metriche Slide di transizione Livelli di Servizio soddisfazione dell utente soddisfazione dell utente aderenza Certificazione ai requisiti di Qualità 4

3 Le multidimensioni della Qualità dei processi requisiti funzionali e prestazionali assenza di difetti prestazioni inaccettabili aderenza ai requisiti Strategia di Acquisizione Gestione del contratto Processo di QA Piano di Qualità Controlli di Qualità Prodotti / Servizi Collaudo standard di sviluppo documenti Metriche Livelli di Servizio soddisfazione dell utente Certificazione di Qualità 5 Perchè preoccuparsi (della qualità) Robert Cringely (giornalista scientifico): se l automobile avesse seguito lo stesso sviluppo del computer, una Rolls-Royce Royce costerebbe oggi giorno 100 $, farebbe un milione di kilometri con 5 litri ed esploderebbe una volta all annoanno causando la morte di tutti i passeggeri 6

4 Perchè preoccuparsi (della qualità) non solo un discorso di eccellenza Maggiore complessità delle applicazioni e sistemi con esposizione diretta verso gli utenti finali 70% dei progetti implementati fuori tempo e budget previsto (source: Newport group study) 60-70% dei progetti falliti sono per carenza nella gestione e dei requisiti (source: META Group) Rischi e costi derivati dalla non qualità sempre più insostenibili Cost of Inadequate Testing (billions) Feasible Cost Reduction (billions) Software developers $21.2 $10.6 Software users $38.3 $11.7 Total $59.5 $22.2 Source: National Institute of Standards and Technology The Economic Impacts of Inadequate Infrastructure for Software Testing May Assicurare minor costo della Qualità per avere la Qualità richiesta Cost of NonConformance I costi delle non conformità rappresentano gli effetti negativi di malfunzionamenti e incorretti sviluppi Includono: Sviluppo di servizi/ funzioni non adeguate alle richieste dell utente le attività di correzione dei difetti e retesting; eccessivo consumo di risorse; distribuzione del fix, gestione del disservizio e dell utente; oltre ai danni all immagine, la perdita di produttività, INVESTIMENTO QUALITA Investment in Conformance I costi per la conformità rappresentano gli investimenti per ridurre i costi legati alle non Conformità. COSTI NON QUALITA Includono: attività di assicurazione e controllo qualità (test, verifiche, validazioni, revisioni, ispezioni,collaudi ) analisi e gestione delle non conformità; tutti i processi atti a garantire e controllare gli standard di qualità prefissati (processi, procedure,...) 8

5 I costi della Qualità Prevention Appraisal Cost of preventing customer dissatisfaction, including errors or weaknesses in software, design, documentation, and support. Internal Failure Cost of dealing with errors discovered during development and testing. Note that the company loses money as a user (who can t make the product work) and as a developer (who has to investigate, and possibly fix and retest it). Cost of inspection (testing, reviews, etc.). External Failure Cost of dealing with errors that affect your customers, after the product is released. Source: Cem Kaner & James Black Black Box Testing 9 Alcuni esempi dei costi della qualità Prevention Staff training Requirements analysis & early prototyping Fault-tolerant design Defensive programming Usability analysis Clear specification Accurate internal documentation Pre-purchase evaluation of the reliability of development tools Internal Failure Bug fixes Regression testing Wasted in-house user time Wasted tester time Wasted writer time Wasted marketer time Wasted advertisements Direct cost of late shipment Opportunity cost of late shipment Source: Cem Kaner & James Black Black Box Testing Appraisal Design review Code inspection Glass box testing Black box testing Training testers Beta testing Usability testing Pre-release out-of-box testing by customer service staff External Failure Lost sales and lost customer goodwill Technical support calls Writing answer books (for Support) Investigating complaints Supporting multiple versions in the field Refunds, recalls, warranty, legal costs Interim bug fix releases Shipping updated product PR to soften bad reviews Discounts to resellers 10

6 I costi per il cliente e i costi per fornitore These illustrate costs absorbed by the seller that releases a defective product. Lost sales and lost customer goodwill Technical support calls Writing answer books (for Support) Investigating complaints Refunds, recalls, warranty, legal costs Government investigations Supporting multiple versions in the field Interim bug fix releases Shipping updated product PR to soften bad reviews Discounts to resellers Seller: external costs Customer: failure costs (seller s externalized costs) These illustrate costs absorbed by the customer who buys a defective product. Wasted time Lost data Lost business Embarrassment Frustrated employees quit Failure during one-time-only tasks, e.g. demos to prospective customers Cost of replacing product Reconfiguring the system Cost of recovery software Tech support fees Injury / death Source: Cem Kaner & James Black Black Box Testing 11 Cost of Costi indotti dalle NonConformance non conformità e I costi delle non conformità difetti rilevati rappresentano gli effetti negativi di malfunzionamenti e incorretti sviluppi Includono: Sviluppo di servizi/ funzioni non adeguate alle richieste dell utente le attività di correzione dei difetti e retesting; eccessivo consumo di risorse; distribuzione del fix, gestione del disservizio e dell utente; oltre ai danni all immagine, la perdita di produttività, Costi Assicurare minor costo della Qualità per avere la Qualità richiesta INVESTIMENTO QUALITA *QUALITYPOINT : denominazione della metodologia di test Compuware Investment in Conformance Quality Point* Quality Point* Risk $$$ Investimenti I costiin per qualità, la conformità processi e controlli rappresentano gli investimenti per ridurre i costi legati alle non Conformità. COSTI NON QUALITA Investimento nella qualità Includono: attività di assicurazione e controllo qualità (test, verifiche, validazioni, revisioni, ispezioni,collaudi ) analisi e gestione delle non conformità; tutti i processi atti a garantire e controllare gli standard di qualità prefissati (processi, procedure,...) Fonte ISO

7 Perchè preoccuparsi (della qualità) situazioni nella realtà Rapporto amministrazione fornitore troppo spesso sbilanciato sul minor costo La qualità non viene richiesta con i doverosi dettagli Nuove forniture basate su nuove tecnologie che richiedono un costante investimento in aggiornamento e formazione, nuovi costi per i fornitori Di contro una situazione generale difficile di mercato Necessità di mantenere le proprie posizioni nel mercato Necessità di abbassare i costi mantenendo i profitti Minori investimenti sul personale Esperienza e preparazione professionale da costruire Perché la qualità è il prodotto di un processo che deve iniziare subito ma i cui risultati sono visibili solo molto più avanti 13 La qualità dovuta, ma non è scontata Avere la qualità richiesta significa avere quel 46% (35%-50%) dal fornitore, per garantire non la qualità eccelsa, ma: Il software corretto per soddisfare le proprie necessità Il valore corretto per quanto corrisposto Questa parte della fornitura deve esserci L amministrazione deve far capire fin da subito che 100 è richiesto e 100 è corrisposto (costo di sviluppo) Altrimenti il ribasso sui costi interni porterà il fornitore a limitare quella parte di investimento meno visibili all amministrazione nell immediato : la qualità. E infatti difficile valutare la qualità nel breve tempo, e quanto ci si accorge della sua mancanza è troppo tardi per tutti tornare indietro. L amministrazione rischia di ottenere, del 100% corrisposto, solo il 60%, con l aggravante di sostenere i costi successivi della non qualità. 14

8 Ridurre i costi della qualità significa intervenire all origine Avere la qualità richiesta significa avere quel 46% (35%-50%) dal fornitore, per garantire non la qualità eccelsa, ma: Il software corretto per soddisfare le proprie necessità Il valore corretto per quanto corrisposto Questa parte della fornitura deve esserci attraverso un adeguato processo di assicurazione della Qualità e i relativi controlli di Qualità Qualità richiesta Controlli di Qualità verifica validazione riesame accettazione (UNI CEI ISO/IEC 12207) Revisioni Ispezioni Requisiti Revisioni Disegno Revisioni Assicurazione della Qualità test precollaudo Sviluppo e test funzionale qualità prestaizonale Collaudo Erogazione Manutenzione Periodo di garanzia n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. Rilevazione Non Conformità - BIP Base informativa di Progetto (PGE Gestione) accettazione Test Collaudo accettazione Utente finale 15 I controlli di QUALITA alla base di un processo di sviluppo a più basso costo L Assicurazione della Qualità ha come obiettivo primario digarantire che i processiproduttivi producano qualità nel prodotto realizzato: la precocità della rilevazione di anomalie e non conformità è anche alla base di un processo di sviluppo a più basso costo, data l incidenza elevata che nei costi globali assumono le rilavorazioni effettuate nelle parti finali del processo produttivo o dopo la sua conclusione (manutenzione). Il costo per la scoperta delle non conformità Metriche $10 $100 $1,000 $10,000 $100,000 Requirements Gathering Design Coding Testing Production 16

9 PAQ Assicurazione della Qualità (6.1.3) Definizione Assicurazione della Qualità (PAQ) è l insieme delle attivit à sistematiche e pianificate messe in campo dal fornitore per dare evidenza e fiducia all Amministrazione che i servizi e i prodotti contrattualmente forniti siano conformi ai requisiti. Determinare il livello di Qualità minimo... Determinare il livello di qualità minimo richiesto e le modalità di assicurazione della qualità è una attività che si deve preparare già nell analisi del rischio per essere valutata rispetto ai potenziali costi (e rischi) derivati dalla non qualità raggiunta. Parte integrante della fornitura È importante considerare il PAQ, e con esso il sistema di Controllo della Qualità (ad esempio il piano di test e il sistema realizzato per effettuarlo) e gli altri sistemi connessi (ad esempio gestione della configurazione), come parte integrante della fornitura del prodotto o servizio, e non un mezzo finalizzato alla sola consegna ed accettazione della fornitura. Questa considerazione, se applicata, permette di innescare un meccanismo di assicurazione della qualità tale da permettere un progressivo e continuo miglioramento dei livelli qualitativi. 17 Come valutare un processo di Qualità? Un PAQ deve essere misurato sulla sua capacità di rilevare le non conformità il più vicino possibile alla loro origine Tanto più questa distanza è minore, tanto minori saranno i costi di intervento per ristabilire il livello qualitativo richiesto (rimuovere la n.c.) Come misurare l efficacia del Processo di Assicurazione della Qualità? Il sistema di registrazione delle non conformità ed anomalie, oltre che essere un indispensabile processo di supporto, rappresenta un elemento di ingresso per il PAQ, fondamentale per valutare l efficacia e qualità del processo di assicurazione della qualità implementato dal fornitore e permettere dunque i necessari interventi per migliorarlo nel rispetto degli obiettivi e dei costi del progetto. (Descrizione delle attività e dei prodotti Cap 5) Metriche come la Defect Removal Effectiveness (Efficacia di rimozione delle Requisiti Disegno Sviluppo e test Collaudo Erogazione Manutenzione Utente finale non conformità). Essa misura la percentuale di non conformità rilevate e rimosse prima del rilascio della fornitura, Periodo o ad di garanzia una certa fase di sviluppo del n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. Garanzia progetto, sul totale delle non conformità presenti sulla fornitura. (Misurare l efficacia Rilevazione della Non Conformità qualità Cap - BIP 5.2.2) Base informativa di Progetto (PGE Gestione) 18

10 Gli effetti nella non qualità Come riuscire a valutare che siano state effettivamente impegnate risorse per inserire Qualità nel processo e nel prodotto (46%) Concetto di costo della qualità È il costo da sostenere per rimuovere le non conformità inserite nelle varie fasi del progetto (analisi, disegno, codifica,...) Questo costo è tanto più alto quanto più tardi sono rilevate le non conformita Questo costo è tanto più basso quanto più minima è la distanza tra l iniezione del difetto e la sua scoperta Per questo motivo è necessario che il processo di assicurazione di qualità e le attività di validazione e verifica siano presenti fin dalle prime fasi e per tutto il progetto (revisioni, ispezioni, test,..) Inoltre la misurare l efficacia delle attività di validazione e verifica può essere fatta solo sul lungo termine, quanto si conosce la reale quantità delle non conformità presenti Per questo motivo è pericoloso misurare la qualità effettiva solo quando si arriva al collaudo 19 I costi pericolosi della (non) Qualità importanza del PAQ nello sviluppo SW Il Costo della Qualità può essere considerato come il costo per rimuovere le NON conformità presenti CeBase Software Defect Reduction Top-10 List, Basili, Victor and Boehm, Barry, Presentation, January 10, 2001, page 5 (adapted) ,000 10, ,000 Requirements Gathering Design Coding Testing Production 20

11 Ridurre i costi della qualità significa intervenire all origine Conformità presenti per fase di progetto Esempio di calcolo del costo per 100 bug Situazione ideale Tutte le non conformità sono rilevate e rimosse non appena introdotte (all interno della stessa fase di progetto) Costo 25 n.c 40 n.c. 30 n.c. 3 n.c. 2 n.c. minimo Requirements Design Coding Testing Production Gathering della Qualità 25 x x x x x = ,000 10, ,000 Requirements Gathering Design Coding Testing Production Esempio del costo della non qualità 21 Ridurre i costi della qualità significa intervenire all origine Situazione peggiore le non conformità sono rilevate e rimosse solo in fasi successive per mancanza di controlli di qualità all interno delle stesse fasi di progetto 20 n.c 10 n.c. Costo 5 n.c. massimo 25 n.c 40 n.c. 30 n.c. 3 n.c. 2 n.c. della Requirements Design Coding Testing Production Qualità Gathering = ,000 10, ,000 Requirements Gathering 35 n.c. 30 n.c. Design Coding Testing Production Esempio di calcolo del costo Esempio del costo della non qualità 22

12 Ripartizione reale dei costi della non QUALITA Esempio di calcolo del costo 35 n.c. 30 n.c. 20 n.c 10 n.c. Costo 5 n.c. massimo 25 n.c 40 n.c. 30 n.c. 3 n.c. 2 n.c. della Requirements Design Coding Testing Production Qualità Gathering = Costi interni nelprocesso di sviluppo per il fornitore Area dicompromesso (troppo tardiper rifare, si deve comunque andare in produzione) Costi aggiuntiviper l amministrazione Manutenzione Correttiva & Evolutiva 23 Argomenti di oggi Come richiedere ed ottenere la qualità pattuita e non sostenere costi aggiuntivi Le richieste formali L organizzazione interna Processi e strumenti da utilizzare Come minimizzare i rischi nel caso di qualità non sufficiente Organizzazione del pre collaudo e collaudo Gestire il rischio e le risorse Metriche 24

13 Ridurre i costi della qualità significa intervenire all origine Ottenere la qualità al momento giusto 25 n.c 40 n.c. 30 n.c. 3 n.c. 2 n.c. Requirements Gathering Design Coding Testing Production Qualità richiesta Controlli di Qualità verifica validazione riesame accettazione (UNI CEI ISO/IEC 12207) Revisioni Ispezioni Requisiti Revisioni Disegno Revisioni Assicurazione della Qualità test precollaudo Sviluppo e test funzionale qualità prestaizonale Collaudo Erogazione Manutenzione Periodo di garanzia n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. n.c. Rilevazione Non Conformità - BIP Base informativa di Progetto (PGE Gestione) accettazione Test Collaudo accettazione Utente finale 25 Metriche come la Defect Removal Effectiveness (Efficacia di rimozione delle non conformità). permettono la misura della percentuale di non conformità rilevate e rimosse prima del rilascio della fornitura, o ad una certa fase di sviluppo del progetto, sul totale delle non conformità presenti sulla fornitura. Assicurazione della Qualità (PAQ ) Linee Guida CNIPA per la qualità nelle forniture ICT Gennaio 2005 Ma è difficile valutare le attività di V&V prima del test CeBase Software Defect Reduction Top-10 List, Basili, Victor and Boehm, Barry, Presentation, January 10, 2001, page 5 (adapted). Planning Report 02-3: The Economic Impacts of Inadequate Infrastructure for Software Testing, prepared by RTI for the National Institute of Standards & Technology, May 2002, page 6-10 (adapted). 26

14 Non impossibile controllare le attività per il test Test e collaudo (o collaudo?) Il test è la parte più costosa nelle attività di controllo qualità Ma è anche la parte visibile delle Verifiche e Validazioni costruite dal fornitore per assicurare la qualità E l ultima occasione per intervenire a costi accettabili per ridurre i rischi La Svolta: il test come parte integrante della fornitura Diventa argomento di valutazione, anche economica Si assicura la sua corretta preparazione (fin dalle prime fasi) e qualità (copertura, efficacia e riusabilità) Si quantifica, si qualifica, si dettagliano le modalità di documentazione ed esecuzione Si richiede di un asset utilizzabile a seguito di successive manutenzioni, si richiede il codice di test Si inseriscono strumenti e tecnologie di mercato a supporto, per garantire il rispetto di un certo processo Si assicura che il test, almeno il test, venga effettuato con il giusto rigore Si predispone ad un collaudo affidabile e rapido Applicazione o servizio più documentato Attenzione È una parte attiva del sistema, va mantenuta 27 Scopo del TESTING oltre la qualità il controllo e la mitigazione del rischio Il TESTING deve essere in grado di offrire La riduzione massima del rischio La garanzia (oggettiva) del rispetto dei requisiti richiesti (funzionalità e prestazioni). TEST La riduzione del rischio della messa in esercizio di applicazioni non correttamente funzionanti (core business, middleware, patch, ecc.). Un sistema organizzato e riutilizzabile che costituisce patrimonio per l amministrazione al pari dell applicazione. La portabilità del processo sia per lo sviluppo interno sia per quello esterno (fornitori). Un processo di miglioramento continuo della Qualità (accrescimento, miglioramento e automazione dei piani di test in vista del futuro riutilizzo). Metriche 28

15 Evitare che il TEST diventa COLLAUDO La qualità del sw non è immediatamente misurabile e quando è possibile farlo è troppo tardi E necessario riuscire a far sviluppare quel 46% al fornitore per le attività di verifica e validazione, incluse le attività di test. Per raggiungere questo obiettivo serve Attenzione massima al processo di assicurazione di qualità Specificare fin da subito con chiarezza le modalità richieste per il test, in termini di standard, strumenti, quantità, contenuti e modalità di progettazione ed esecuzione Gestire i test sulla base di requisiti e livello di rischio rappresentato Dare valenza economica in fase di aggiudicazione della gara Richiedere e approvare i documenti di test prima dello sviluppo e il codice di test al suo termine Implementare un processo di tracciatura dei difetti, dalle prime revisioni al collaudo e successivo periodo di garanzia, da implementare immediatamente Utilizzo metriche, ecc Creare al proprio interno una struttura competente con ruoli e poteri per seguire il progetto software in tutti i controlli di qualità richiesti. 29 Le mosse possibili delle amministrazioni Seguire le attività di V&V dal capitolato al collaudo Quantificare i test Definire gli standard per la progettazione dei test Definire i contenuti dei test, livello di dettaglio Definire le modalità di esecuzione (manuale/ automatica) Introdurre strumenti di test management e test automation Introdurre vincoli sull accettazione della documentazione di test Determinare precisi criteri di ingresso / uscita per la fase di collaudo Documentazione di test approvata Script di test dettagliati e riutilizzabili Ambiente di collaudo allestito Superamento di una prima fase di test a campione (smoke test) 30

16 Quantificare e qualificare il test Quanti test? Legare i test alle dimensioni del software Esempio 1,2 casi di test per FUNCTION POINT più 1 caso di test per ogni messaggio verso l utente Quali test Copertura funzionale, identificare e pesare la mappa delle funzioni da testare (REQUISITI FUNZIONALI DI TEST), dalla macro funzione e requisito di business fino alla funzione elementare. Copertura delle condizioni di test, identificare e pesare i singoli requisiti di test per le diverse condizioni di test da implementare per ogni singola funzione Attenzione Definire univocamente la dimensione e confine del caso di test Definire formati e contenuti minimi e comuni da utilizzare Definire ruoli all interno dell amministrazione e i tempi di consegna 31 Le mosse possibili delle amministrazioni (recenti capitolati) Quantificare i test [ ] Un test di funzione o di applicazione si compone di una sequenza di test elementari (casi di test, ad ognuno dei quali tipicamente corrisponde una segnalazione di ok, di warning o di errore), che si possono distinguerein: casi di test informatici (es. controllo di validità di un valorein un campo); casi di test applicativi (es. controllo di quadratura dopo un elaborazione di altri dati in input o presenti sulla base dati). I test di funzionedevono essere prodotti in modo da assicurarela seguente copertura: almeno 1 test per ogni funzione e almeno 0,5 casi di test per Punto Funzione; almeno 1 caso di test per ogni segnalazione intrafunzionale (di ok, di warning o di errore). 32

17 Le mosse possibili delle amministrazioni (recenti capitolati) i test come parte integrante della fornitura [ ] il codice di test (casi di test, script, set up dati di prova ecc.) relativo agli Obiettivi realizzativi, dovrà essere consegnato come parte integrante della fornitura, per essere catalogato e riusato nell ambito delle attività di manutenzione e di certificazione. Nel caso di manutenzione su applicazioni per le quali sia stato già prodotto il codice di test e collaudo, questo dovrà essereriutilizzato, aggiornato e riconsegnato a fronte dell intervento di manutenzione effettuato. Il codice di test e collaudo deve essere realizzato in forma autoconsistente. Il test perciò sarà composto di una prima parte di cleaning o set up della porzione di base dati che sarà utilizzata e di una seconda parte composta dall insieme dei casi di test di cui il test si compone. La parte set up potrà essererealizzata in forma autonoma e comuneper essere usata da più di un test. [ ] Richiedere test riutilizzabili implica cura nella loro preparazione e soprattutto implica che si tratta di test realmente utilizzati. Aumenta la confidenza che i test forniti siano test il cui utilizzo nel collaudo può essere limitato ad un campione. L amministrazione potrà selezionare i test per il collaudi e costruire un processo di certificazione Si introduce il concetto di codice di test, sia esso manuale o automatico (script di test). 33 Le mosse possibili delle amministrazioni (recenti capitolati) Attenzione al processo [ ]... per l attività di test funzionale : Va assicurato che i casi e le procedure di test siano completi e accurati. I risultati di queste attività vanno registrati e vanno aggiornati i casi di test e le procedure, se necessario. Vanno registrati e analizzati i risultati del test e le anomalie eventualmente riscontrate.... per l attività di Assicurazione della Qualità : Vanno effettuate, in modo continuativo, verifiche sulle attività di sviluppo software e sui prodotti risultanti da queste, al fine di: 1. assicurare che ogni attività sia stata eseguita in conformità con il contratto e con le procedure previste nel Piano della qualità 2. assicurare che ogni prodotto software sia stato sottoposto a verifiche, test e azioni correttive necessarie I piani e gli script di test realizzati sono considerati parte integrante del software fornito e devono essere rilasciati all Amministrazione per futuri collaudi di non regressione. 34

18 Le mosse possibili delle amministrazioni (recenti capitolati) Attenzione ai contenuti, alla copertura e alla modalità di verifica [ ] Test Funzionali e di integrazione : Vanno predisposti opportuni casi di test (in termini di output, risultati attesi e criteri di valutazione), procedure e dati per l effettuazione di test funzionali e di integrazione. I casi di test devono coprire tutti gli aspetti funzionali e qualitativi considerati nella progettazione del software. [ ] L analisi dell esito del test viene intesa come verifica, mediante strumenti automatici, dei dati elaborati sia a livello interfaccia sia a livello di dati presenti nel database dell applicazione (comparazione). Introduzione di strumenti per il test [ ] Strumenti per il test e il controllo di qualità : Il test del software dovrà essere effettuato impiegando strumenti specifici. Per quanto sopra, oltre alla realizzazione dei sistemi richiesti, la fornitura dovrà comprendere specifici prodotti software di mercato atti a consentire l automazione dei processi di test e la documentazione dei risultati, oltre che la verifica della qualità dei prodotti, della correttezza dei dati ed il test delle performance del sistema in condizioni di carico simulate. 35 Le mosse possibili delle amministrazioni (recenti capitolati) Non dare discrezionalità a priori [ ] Il criterio di determinazione dei casi di prova deve prevedere : descrizione dell'esito test, intesa come verifica oggettiva dei dati attesi, sia a livello interfaccia grafica, sia a livello dei dati presenti nel data-base dell'applicazione ; più casidi prova per ogni funzione ritenuta critica, secondo i criteri concordati tra il Fornitore e l'amministrazione ; per ogni funzione, per cui possano essere significativi, i casi che simulino operazioni errate da parte dell'utente ; per ogni funzione, per cui possano essere significativi, i casi di prova che simulino tentativi di accessi illegali da parte dell'utente ; le funzioni del sistema sottoposte al collaudo, con evidenziazione di quelle che, eventualmente, sostituiscono funzioni già esistenti nelsistema informatico attualmente in uso; Introdurre un criterio di rischio, ma definire le regole in anticipo il metodo adottato per valutare la criticità delle funzioni del sistema(es. funzioni di uso frequente, funzioni il cui ipotetico malfunzionamento potrebbe causare un grave danno pecuniario o d'immagine, ecc.); 36

19 La documentazione del TEST Piano di test Esplicita le strategie di test indicate nel piano di qualità Specifico per il tipo di test (es. funzionale) Obiettivi, standard, modalità, criteri, tecniche, strumenti Definizione dei cicli di test Definizione check list di test Requisiti funzioni di test scomposizione funzionale del progetto in requisiti funzionali di test (fino alla funzione elementare) visione completa dell applicazione e matrice con i requisiti di business punto di partenza per sviluppare i casi di test applicare fattori di rischio (complessita, impatto, maturità,..) Requisiti di test (casi di test) Ad ogni funzione elementare viene applicata la tecnica di test prescelta (es. BlackBox) Sono identificati i requisiti di test (casi di test) applicare fattori di rischio (complessita, impatto, maturità,..) Piano di Qualità Script di test (codice di test) Viene sviluppato ogni requisito di test secondo standard e tecniche previste dettaglio azioni / data input e output (risultato atteso) script manuale (inzialmente) / automatico piano di qualità Macro funzione Requisito Funzionale di test specifiche di test Funzione elementare Requisito Funzionale di test piano di test Caso di test Requisito di test Script di test Azioni / in / out 37 Il piano di test E un documento che finalizza quanto definito come linea strategica del test nel Piano della Qualità o di procedura generale del test Indica gli obiettivi e i risultati da produrre (deliverable) Tipicamente un piano per ogni tipo di test (test funzionale, integrazione, prestazionale, ecc) Contiene informazioni : Ruoli e responsabilità Definizione dei cicli di test e per ogni ciclo i criteri di ingresso e di uscita del test ( cosa serve per iniziare, e quanto posso fermarmi) Oggetti del test (ese. Requisiti funzionali di test ) Misure e metriche da rilevare Ambiente e risorse per il test (esempio strumenti) Naming convention, standard riferimento, processi associati (come QA, gestione difetti e gestione configurazione), 38

20 I requisiti funzionali di test scomposizione del progetto Matrice con i requisiti di Business Requisiti Funzionali di test Mappa delle funzioni da testare Funzionalita e matrice Piano di test criteri di ingresso e uscita Modalita Individuare le funzionalità da sottoporre a test Per ciascuna funzionalità valutare se funzionalità elementare, altrimenti decomporre Macro Funzionalità Gestione Anagrafica Gestione Contabile Gestione Documenti Gestione Personale Funzionalità principali Profilo Cittadino Profilo Aziende Gestione Spese Gestione Contributi Gestione Speciale Funzionalità elementare Aggiunta dati Cancellazione dati Modifica dati Visualizzazione dati Comunicazione Interazione Interrogazione Ricerca Produzione output Controllo stato Esempio standard COMPUWARE : Tabella requisiti funzionali di test Esempio standard CONSIP : Tabella di scomposizione funzionale del progetto 39 Determinare la tempistica per il test PIANO DI QUALITA Il test deve sviluppato secondo un ciclo parallelo allo sviluppo software Il piano di test dovrà essere pronto prima ancora dell inizio della fase di codifica e sottoposto a verifica e approvazione Si utilizzano diverse risorse specializzate che collaborano Le Specifiche di test (casi e script di test) dovranno essere consegnate prima della consegna del codice, e sottoposte a verifica e approvazione Le modalità e i tempi sono indicati nel piano di qualità. 40

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli