MISSIONE EVANGELIZZATRICE DI GESU IN PALESTINA INIZIANO I VIAGGI DEGLI APOSTOLI NEL MONDO PER DIFFONDERE LA PAROLA DI GESU

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MISSIONE EVANGELIZZATRICE DI GESU IN PALESTINA INIZIANO I VIAGGI DEGLI APOSTOLI NEL MONDO PER DIFFONDERE LA PAROLA DI GESU"

Transcript

1 ARTE CRISTIANA LE DATE NACITA DI GESU A BETLEMME MISSIONE EVANGELIZZATRICE DI GESU IN PALESTINA MORTE E RESSURREZIONE DI GESU INIZIANO I VIAGGI DEGLI APOSTOLI NEL MONDO PER DIFFONDERE LA PAROLA DI GESU GLI INSEGNAMENTI DEL CRISTIANESIMNO ARRIVANO A ROMA : INIZIANO LE PERSECUZIONI. SAN PIETRO E SAN PAOLO MUOIONO A ROMA MATTEO, MARCO, LUCA E GIOVANNI SCRIVONO IL VANGELO ll SEC PRIME ICONOGRAFIE CRISTIANE NELE CATACOMBE EDITTO DI MILANO DI COSTANTINO : I CRISTIANO SONO LIBERI DI PROFESSARE IL LORO CULTO INIZIANO LE COSTRUZIONI DELLE PRIME CHIESE COSTANTINO FONDA LA NUOVA CAPITALE DELL IMPERO D ORIENTE : COSTANTINOPOLI EDITTO DI COSTANTINOPOLI DI TEODOSIO : IL CRISTIANESIMO E DICHIARATO UNICA RELIGIONE DELL IMPERO NASCITA DEL MONACHESIMO IN ORIENTE ED IN OCCIDENTE (EREMITI E CENOBITI) SAN BENEDETTO FONDA IL MONASTERO DI MONTECASSINO E L ORDINE DEI BENEDETTINI AI QUALI E DATA LA REGOLA : Ora et Labora

2 L EDITTO «ut daremus et Christianis et omnibus liberam potestatem sequendi religionem quam quisque voluisset» «e che fosse giusto dare ai Cristiani e a tutti gli altri la libertà di seguire la religione che a ciascuno apparisse preferibile Con l editto dell imperatore Costantino (313) si pone fine alle persecuzioni dei cristiani. Nasce così l esigenza da parte dei cristiani di erigere nuovi luoghi di culto che sostituiranno le catacombe e le case private utilizzate per riunioni religiose. Prima della liberalizzazione del culto cristiano (313 d.c. Editto di Costantino) il cristianesimo trova diffusione in forma clandestina e subisce le persecuzioni da parte dell autorità imperiale. Quando San Paolo arriva a Roma nel 61 d.c. trova già una comunità cristiana organizzata, alla quale appartengono adepti delle classi sociali economicamente più depresse (plebei, militari e schiavi) ma alla quale partecipano anche i ricchi, gli aristocratici, i proprietari terrieri, che mettono a disposizione le loro abitazioni come luogo clandestino di culto : le DOMUS ECCLESIAE (casa dell assemblea). Nelle città si formano, così, i TITULI, che sono simili alle moderne parrocchie. A Roma, nel IV secolo, se ne contano ben 25. Oggi non ci sono pervenute che sporadiche testimonianze di queste chiese domestiche in quanto, in molti casi, durante il IV secolo, l area sulla quale esse sorgevano verrà coperta dalle basiliche. La fede nella resurrezione del corpo porta i cristiani ad abbandonare la cremazione in favore dell inumazione dei defunti in luoghi di sepoltura sotterranei. Sia per i Cristiani che per i pagani di Roma esistevano 2 tipi di sepolcreti : le CATACOMBE e i CIMITERI. Il termine Catacomba, in uso da IX secolo, deriva dal greco kata kimbas che significa presso le grotte, in riferimento ad un luogo di sepoltura dove il terreno declina rapidamente verso un pendio sulla via Appia. Le catacombe sono luoghi di pellegrinaggio dove si venerano i corpi dei santi fino al IX secolo quando, per le continue traslazioni nelle basiliche, vengono abbandonate. Nel III secolo la chiesa, ancora clandestina, divide la città di Roma in sette regioni sovrintese da sette DIACONI (dal greco diakonos = servo, ministro del tempio), e ad ognuna di queste regioni corrisponde, fuori le mura, una zona catacombale. A volte le Catacombe prendono il nome dei proprietari del terreno sotto cui si diramano le gallerie (per es. le Catacombe di Priscilla), a volte quello dei martiri ivi sepolti. Le gallerie, scavate in piani sovrapposti hanno una larghezza media di cm. e una altezza di 2,50 metri. Oggi queste gallerie sono chiamate ambulacri ma anticamente erano dette CRIPTAE, nome dato loro dai FOSSORI, che erano gli operai addetti allo scavo. A volte ai lati delle gallerie si aprono delle camere sepolcrali più vaste, dette CUBICOLI (dal latino cubiculum = camera, stanza da letto), che avevano forma poligonale, dove venivano inumati i cristiani più facoltosi o che avevano maggiore considerazione presso la comunità. Queste tombe, gli ARCOSOLI, sono urne chiuse sormontate da un arco spesso decorato ad affresco. I sepolcri sovrapposti sono detti LOCI od LOCULI, mentre PILA è la sezione verticale della parete che li contiene.

3 ARTE FIGURATIVA CRISTIANA Il termine Arte Paleocristiana si riferisce alle espressioni artistiche dei primi secoli del Cristianesimo. Il prefisso PALEO, infatti, deriva dal greco e significa antico. Non si può parlare, però, di arte Paleocristiana prima del II secolo d.c. o l inizio del III secolo, in quanto solo da questo periodo si iniziano a trovare testimonianze artistiche di tipo pittorico e scultoreo propriamente cristiane. Sulla durata del periodo, invece, gli storici tendono a dividere l arte cristiana in due periodi : quello TARDO ROMANO o COSTANTINIANO (III IV secolo d.c.) e quello BIZANTINO (metà del IV VI secolo d.c.). Il mancato ritrovamento di opere d arte precedentemente al II secolo è stato spiegato da alcuni studiosi con due ipotesi : la prima con il rifiuto dell arte per rispettare a pieno il secondo comandamento che dice Non avrai altro Dio all infuori di me e quindi evitare qualsiasi forma di idolatria. La seconda ipotesi invece ritiene che non venivano realizzate opere d arte perché associate alla cultura pagana. LINGUAGGIO FIGURATIVO CRISTIANO 2 punti di ispirazione CULTURA PAGANA (tradizione greco-romana) CULTURA ORIENTALE - GIUDAICA CARATTERI : - persistenza nell iconografia di soggetti mitologici o di ispirazione bucolica - dal IV secolo intento storico narrativo, analogo ai fregi istoriati delle colone celebrative e degli archi trionfali - decorativismo, di cultura romana ellenistica CARATTERI : - illustrazione di fatti biblici senza mai rappresentare la divinità. - predilezione per le immagini simboliche, nel rispetto dell anicoismo che seguiva i dettami del divieto biblico : non avrai altro Dio fuori di me. Non ti fare nessuna scultura né immagine delle cose che splendono su nel cielo o sono sulla terra o nelle acque o sotto la terra. La consegna della legge fine IV secolo, mosaico Abside Chiesa di Santa Costanza, Roma Il Buon Pastore fine III-inizio IV secolo Catacombe santi Marcellino e Pietro, Roma

4 LINGUAGGIO FIGURATIVO CRISTIANO 2 forme espressive SIMBOLISMO prima del 313 d.c. CARATTERI : - prevale nei secoli che precedono l ufficializzazione del culto - l arte ha intento escatologico (dal greco eskatos=ultimo; escatologia =dottrina delle cose ultime - tensione dell arte cristiana verso l infinito, che si cerca di esprimere attraverso il simbolo, atto a cogliere la realtà metafisica (dal greco : tà metà tà physica = oltre le cose fisiche, appartenenti al mondo della natura. - il ricorso al simbolo è l elemento che lega l arte cristiana primitiva con al tradizione giudaica e il divieto di rappresentare le divinità. - allude al destino dell uomo dopo la morte NARRAZIONE dopo il 313 d.c. - Riprende i caratteri dei bassorilievi degli archi di trionfo e delle colonne celebrative. DAL IV SECOLO FORMA SIMBOLICA E FORMA NARRATIVA PROCEDONO PARALLELAMENTE E SARANNO ALLA BASE DI TUTTA L ARTE CRISTIANA, CHE SUCCESSIVAMENTE SARÀ ORIENTATA VERSO LA RAPPRESENTAZIONE DELL INVISIBILE ATTRAVERSO I VISIBILE. Le forme SIMBOLICHE e NARRATIVE sono le due forme espressive proprie dell arte cristiana primitiva. Nei secoli che precedono l ufficializzazione del culto prevale la forma simbolica, successivamente al 313 d.c. la forma simbolica e narrativa procederanno parallelamente ed assieme saranno la base di tutta l arte cristiana successiva, orientata verso la rappresentazione dell invisibile attraverso il visibile. Nell età tardo antica la spiritualità pagana di matrice ellenica, legata al culto delle divinità olimpiche, andava perdendo di importanza come testimonia la convivenza in Roma di culti misterici orientali con a religione ufficiale. In questo contesto la spiritualità cristiana apporta una nuova tensione verso l infinito che l arte cerca di esprimere attraverso il simbolo, atto a cogliere una realtà metafisica. Il ricorso al simbolo è inoltre determinato dal legame che l arte cristiana primitiva mantiene con la tradizione giudaica e con il relativo divieto di rappresentare la divinità. Successivamente ai simboli ed alle allegorie del Cristo come il Buon Pastore si affiancano le raffigurazioni dirette della sua persona : il Cristo imberbe, il Cristo tra gli Apostoli, il Cristo barbato o il Cristo del banchetto eucaristico. L iconografia cristiana, quindi, più che usare immagini nuove, recupera le stesse immagini della tradizione pagana preesistente ma attribuendole nuovi significati. Si tratta di una operazione semantica (di attribuzione di significato). Il motivo di questa acquisita libertà di rappresentazione dell immagine di Dio è insita nella natura stessa del Cristo, che è insieme divina ed umana. Cristo si è incarnato, è entrato nella storia, è partecipe della corporeità e del puro spirito. L umano e il divino si compenetrano e possono convivere in una forma rappresentabile : E iol verbo che si è fatto carne, e abitò fra noi, e noi fummo spettatori della sua gloria (Giovanni 1, 9-14). L immagine viene perciò riabilitata, in funzione della trasmissione del messaggio evangelico, come strumento della narrazione dei fatti salienti della vita del Cristo. Va aggiunto anche che dopo l Editto di Costantino del 313 d.c. cresce l importanza della forma narrativa della vita del Cristo e con l adesione degli imperatori alla fede cristiana la politica celebrerà l Impero attraverso la glorificazione del Cristo. Così il sodalizio tra Impero e Chiesa diventerà sempre più stretto ed in particolare quando, dal V secolo in poi, la cristianità sarà eletta a baluardo del mondo civilizzato contro barbari invasori.

5 L ICONOGRAFIA DEL PRIMO CRISTIANESIMO l iconografia cristiana dei primi secoli usa due tipi di immagini : le IMMAGINI SIMBOLO e le IMMAGINI NARRATIVE. Le prime sono caratterizzate dalla brevità del messaggio trasmesso e sono quelle più frequentemente usate negli affreschi delle catacombe e sui sarcofagi. Queste immagini hanno lo scopo di risultare immediatamente intelligibili a chi le osserva. Esse non descrivono gli avvenimenti ma li suggeriscono attraverso un processo di semplificazione che le rende comprensibili al cristiano dell epoca. Il Buon Pastore Catacombe Santi Marcellino e Pietro fine III inizi IV secolo. LA FIGURA DEL CRISTO Il Buon Pastore Caratteristica del repertorio iconografico dei primi secoli del cristianesimo è lo sfruttamento di alcuni elementi del mondo pagano (precristiano) presi a prestito e adattati per esprimere insegnamenti cristiani. Il BUON PASTORE con la pecora sulle spalle rappresenta Cristo salvatore che reca sulle spalle l anima che ha salvato. Questo è un simbolo frequentemente usato negli affreschi, nei rilievi dei sarcofagi, nei mosaici ed anche sulle tombe come incisione. Orfeo Per ritrarre le sembianze del Cristo si ricorre alle iconografie codificate della mitologia greco-romana. In questo caso il riferimento è Orfeo che incanta le bestie con la sua musica. In altri casi è la figura di Apollo. Il pesce Cristo viene identificato anche con il simbolo del pesce, il cui nome in greco IXOYE (pesce) è un acrostico dell espressione greca Gesù Cristo, figlio di Dio Salvatore. Si tratta di un acrostico in cui le lettere che formano la parola pesce sono le iniziali delle parole greche che compongono questa espressione. Il pesce con il paniere indica l Eucaristia e ricorda il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci L ULTIMA CENA Il soggetto dipinto nella catacomba di San Callisto esemplifica la continuità esistente tra l iconografia pagana e quella cristiana. La scena, che allude al banchetto eucaristico, offre evidenti affinità con la rappresentazione del banchetto allestito dai congiunti per celebrare il defunto, secondo una consuetudine pagana tollerata dalla chiesa fino al V secolo. Le scene di banchetti richiamano l episodio evangelico dell ultima cena e anche l AGAPE, la cena rituale a cui partecipavano i primi cristiani per commemorare quell evento. LA CROCE E dato dall unione delle due lettere iniziali del nome di Cristo in lingua ed alfabeto greci, la X e la P, inserite in una corona d alloro o di un clipeo in segno di vittoria. La croce è lo strumento e il simbolo della passione di Cristo. Nella prima iconografia cristiana la si può trovare sotto varie forme : quella dell ancora,in quella dell albero di una imbarcazione incrociato dalla barra che regge le vele, in quella del delfino trafitto dal tridente, nella forma di uccello volante. L Alfa e l Omega, la prima e l ultima lettera dell alfabeto greco, significano che Cristo è l inizio e la fine di tutte le cose. L ancora si trasforma in un simbolo di salvezza, immagine dell anima che ha raggiunto il porto sicuro dell eternità, ma rimanda anche alla croce. Poteva rappresentare un taglio trasversale, simboleggia la croce e la salda certezza della fede.

6 LA PIETAS La nozione di pietas è manifestata dall immagine simbolo dell orante, così come avveniva nella tradizione pagana. Oltre alla pietas le figure degli oranti rappresentavano il simbolo della croce attraverso il proprio corpo quando pregavano rivolti ad est con le braccia distese in figura di oranti, che è un altro tema ricorrente nelle pittura catacombali Il sarcofago rappresenta ai lati episodi della vita del profeta Giona ed una scena battesimale preceduta dal Buon Pastore, sulla lastra frontale, un orante ed un filosofo. Queste due figure, di origina pagana, sono interpretate dalla critica quali personificazioni delle principali virtù stoiche, a Filantropia e la Pietà. L Orante è, in un primo tempo, simbolo della preghiera e della salvezza; successivamente tale figura acquisterà m,maggiore rilievo in quanto non sarà solo la personificazione di un concetto (es. la salvezza) ma il simbolo dell anima del defunto del quale, talora riproduce le sembianze. Nel dettaglio si può notare che il volto dell orante è appena abbozzato in attesa di essere rifinito con le sembianze del defunto. Sarcofago con filosofo, orante, Giona e Buon Pastore Santa Maria Antiqua, Roima LA FENICE La Fenice, mitico uccello d Arabia che secondo la credenza degli antichi, dopo un dato numero di secoli risorge dalle sue ceneri, diventa il simbolo della resurrezione. GIONA Il tema di Giona testimonia particolarmente bene quell intersezione tra le culture pagana e cristiana, elaborate in questi secoli. Il tema è molto frequente nell arte funeraria cristiana primitiva. La storia narra che Giona aveva riceve l ordine di predicare nella città di Ninive, ma lui preferisce imbarcarsi suscitando l ira del Signore che, in conseguenza della disubbidienza, scatenerà una tempesta. L equipaggio della nave, avendo ritenuto che era lui la causa del naufragio lo getta in mare dove, il profeta, viene ingoiato da un serpente marino, nel ventre del quale rimarrà per tre giorni. L intervento divino lo salva ed egli decide di tornare a Ninive. Dopo aver redento la città Giona si riposa in campagna, sdraiato all ombra di un grande ricino che Dio ha fatto germogliare per lui. L iconografia cristiana di solito rappresenta gli episodi di Giona gettato in mare, vomitato dalle fauci del serpente marino e, poi, disteso sotto la pianta di ricino. I tre temi che l iconografia cristiana di solito narra sono : Giona gettato in mare; Giona vomitato dalle fauce del serpente marino e Giona disteso sotto la pianta di ricino. Il significato di queste immagini, di cui Giona è l inconsapevole interprete come altri personaggi dell Antico Testamento, vuole richiamare la morte e la resurrezione di Cristo e l intervento di Cristo in favore dei fedeli.

7 L ARTE CRISTIANA TRA IL III E IL IV SECOLO Le arti figurative cristiane, nei primi secoli del loro sviluppo, mostrano di non voler limitarsi alla rappresentazione della realtà fisica, ma di cercare di suggerire una realtà che trascende il mondo naturale, più spirituale. Da questo indirizzo nasceranno delle immagini che si allontaneranno dalla puntuale descrizione delle cose reali. In questo periodo lo sviluppo artistico oscillerà tra l iniziale realismo di matrice romana, il successivo allontanamento dal naturalismo verso forme simboliche e, intorno al V secolo, il recupero della tradizione classica. I primi documenti dell arte cristiana risalgono al III secolo in quanto nei primi due secoli i cristiani si attennero al divieto giudaico di rappresentare al divinità. Gli esempi più consistenti della pittura parietale sono conservati nei luoghi di sepoltura. Solo a partire dal IV secolo la decorazione parietale a mosaico si diffonderà nelle basiliche. Inizialmente nelle loro opere i Cristiani si rifanno stilisticamente al naturalismo ed al decorativismo di origine greco romana. Se confrontiamo l affresco degli Uccelli delle Catacombe di Pretestato con la Starna e fruttiera notiamo come la scelta del tema, i soggetti rappresentati e i dettagli naturalistici confermano la matrice romana delle opere cristiane. All interno di questa similitudine, però, si possono cogliere delle differenze stilistiche. L affresco cristiano mostra un tratto pittorico più rapido e schemi compositivi più rigidi. Starna e fruttiera I sec. Basilica di S. Sebastiano Uccelli prima metà del III sec. Catacomba di Pretestato Questa rapidità disegnativa è molto evidente nella Samaritana in San Callisto. Se confrontata con gli Uccelli della Catacomba di Pretestato si può notare come il tratto pittorico sia schizzato, quasi impressionistico. Con questo termine (che si riferisce alla corrente pittorica francese della fine 800, denominata Impressionismo) si intende una stesura pittorica veloce ed abbreviata, ottenuta con pennellate rapide e senza i passaggi di tonalità intermedie di colore. Con questa tecnica la forma viene suggerita più che descritta dettagliatamente e ciò avviene, dal punto di vista esecutivo, con la sostituzione del disegno accurato con le macchie di colore e il tratto veloce. L arte cristiana, nei primi secoli si ispira frequentemente ai motivi della romanità e ciò lo si può notare, ad esempio, nel Banchetto Eucaristico, presso le Catacombe dei SS. Pietro e Marcellino. L agape della tradizione pagana (agapè, in greco, significa carità e, per estensione, convito fraterno ) nell iconografia cristiana diventa commemorazione dell ultima cena di Cristo, secondo una usanza diffusa nel costume cristiano tra il II e il III secolo. Anche in questo affresco la resa sintetica e la fluidità di movimento delle figure intervengono in modo originale sulla tradizione classica preesistente. Banchetto eucaristico fine III secolo Catacombe dei SS. Pietro e Marcellino, Roma Cristo e la Samaritana prima metà III sec. Catacomba di San Callisto Roma

8 Lo stesso avviene nel sarcofago di Baebia Hertofila nel quale è rappresentata la moltiplicazione del panie dei pesci, che richiama alla memoria l iconografia dell Ultima Cena. In questo bassorilievo il segno è rapido, più attento alla resa espressiva che alle proporzioni anatomiche dei personaggi. La linearità prevale sugli intenti narrativi e sulla definizione illusionistica dello spazio. Ci troviamo di fronte ad una sorta di abbreviazione formale che interessa la pittura come la scultura. Cena eucaristico seconda metà III secolo Sarcofago di Baebia Hertofila -Roma

9 Nei sarcofagi del III e IV secolo notiamo il progressivo passaggio dai modi della narrazione, assunti dallo stile continuo dei rilievi romani, e dalla condensazione di più episodi in un unico contesto, alla presentazione dei singoli episodi. Un chiaro esempio della sintesi dei diversi episodi del Vecchio Testamento in una unica superficie è il sarcofago del Museo Laterano. Gli episodi, in sequenza, sono : il peccato originale, il miracolo del vino, ecc- Importante è però l applicazione di un processo di semplificazione compositiva in quanto l immagine del Cristo è ripetuta tre volte in positure quasi identiche. Le figure sono inoltre costrette in uno spazio compresso e gli elementi naturalistici sono quasi del tutto scomparsi, mentre le figure si sovrappongono le une alle altre. Sarcofago IV secolo - Roma Sarcofago di Giunio Basso seconda metà del IV secolo - Roma L impaginazione di questo sarcofago è molto diversa i quella della fronte del sarcofago di Giunio Basso, che una iscrizione del 399 dedica ad un ex console romano convertitosi al cristianesimo. Alla narrazione continua del primo sarcofago si oppone lo schema rigoroso del secondo che separa, per mezzo di colonnine, le scene del Vecchio e del Nuovo Testamento. Il bassorilievo ha un a fattura molto raffinata e presenta nessi con la classicità sia nella partizione ritmata dello spazio, scandita dagli elementi architettonici, sia nella resa volumetrica delle figure. Intorno al IV secolo il processo di sfaldamento formale della tecnica impressionista giunge a piena maturazione. Nel Mosè che percuote la roccia si nota come sia ancora mantenuta la scioltezza della positura, ma sul volto del profeta il colore viene steso a macchie chiare contrapposte a tocchi più scuri. Il tratto abbreviato tende a spostare l attenzione dalla descrizione dei dati fisionomici all espressione del personaggio, come nel caso analogo del sarcofago di Baebia Hertofila. Elementi simili li possiamo ritrovare nella Guarigione dell emorroissa, in cui i volti perdono l evidenza dei contorni e i personaggi appaiono isolati sullo sfondo, privo di elementi naturalistici (ancora presenti, invece nel Mosè che percuote la rioccia. Mosè che percuote laroccia IV secolo Catacombe diei SS. Pietro e Marcellino, Roma Guarigione dell emorroissa fine del III secolo Catacombe diei SS. Pietro e Marcellino, Roma

10 Se confrontiamo la figura dell Orante del Cimitero Maggiore (fine III secolo) con quella della Catacomba dei Giordani di età costantiniana (metà IV secolo) notiamo che la seconda ha acquistato maggiore ieraticità rispetto alla prima, grazie alla posizione frontale ed alla accentuazione dei grandi occhi. Dall uso di abiti più nobili si coglie come il messaggio cristiano sia penetrato nelle classi più abbienti. Per contro le pitture dell Ipogeo di Trebio Giusto, alludendo all attività di costruttore e di amministratore del defunto, dimostrano come la fede cristiana si sia propagata anche nei ceti sociali medi. Orante fine III secolo Cimitero Maggiore, Roma Orante metà IV secolo Catacombe dei Giordani Il defunto e i suoi parenti IV secolo - affresco Ipogeo di Trebio Giusto, Roma Nel III secolo l ideale umano della società muta orientamento e si indirizza dall esaltazione della corporeità all espressione della spiritualità. Questa espressività della dimensione spirituale nasce sulla scia del la diffusione delle dottrine plotiniane e di quella cristiana, entrambe rivolte alla trascendenza piuttosto che all immanenza del mondo classico. Ciò è visibile se confrontiamo La resurrezione di Lazzaro dipinta alla fine del III secolo (Catacomba di San Pietro e Marcellino) con l analogo soggetto della Nuova Catacomba della via Latina della metà de IV secolo, entrambe e Roma. Si può notare come l inquadratura architettonico illusionistica faccia da sfondo alla folla animata, attonita di fronte al miracolo operato da Cristo. Resurrezione di Lazzaro fine III sec. Catacomba SS. Pietro e Marcellino, Roma Resurrezione di Lazzaro metà IV sec. Catacomba di via Latina, Roma

11 Il recupero del classicismo Con la fine dell età costantiniana, fino allo scorcio del V secolo, si ha un prevalente ritorno al classicismo. Questi ritorni a stili del passato trovano giustificazione nella esigenza di trovare stabilità nel passato, ricercando in esso elementi di concordanza con la situazione presente che sfruttino la semplicità e la chiarezza comunicativa di immagini note, oppure per recuperare alcuni valori sottesi a quelle immagini. Un esempio palese può essere quello dell Imperatore Giuliano l Apostata che restaurando il culto pagano, rinnegando il Cristianesimo, propone un arte classicheggiante che è tesa a recuperare attraverso le immagini un passato vagheggiato in ambito politico. La successiva ripresa dei modi classici in età teodosiana, alla fine del IV secolo, corrisponde, dal punto di vista ideologico, ad una politica che mira a consolidare l Impero per riportarlo alla passata stabilità. Cioè si attua una riproposizione di forme artistiche funzionali alle scelte politiche. In questi casi il ritorno alla classicità si esprime attraverso il consolidamento della forma attraverso l uso del disegno e la funzione plastica del colore. Testa di Apostolo metà III sec. Ipogeo degli Aurelii, Roma Susanna in forma di Agnello tra i lupi metà IV secolo Catacomba di Pretestato, Roma Nel caso della tradizione figurativa cristiana il recupero della classicità cerca di consolidare la forma attraverso un diverso uso del disegno e una definizione plastica del colore. E una pittura plastico costruttiva che si affermerà definitivamente nel IV secolo. Elementi tipici di questa classicità romana sono la compostezza del panneggio ed il realismo delle acconciature femminili. Anche il ritorno ad una corretta descrizione fisionomica risulta evidente nel Cristo della Catacomba di Comodilla, dove il volto divino ha una espressione immobile della quale viene accentuata la frontalità, di palese ispirazione orientale. Inoltre il Cristo è dipinto tra l Alfa e l Omega, simboli della vita e della morte,. Esse sono infatti la prima l ultima lettera dell alfabeto greco e alludono all inizio e la fine dei tempi. Busto di Cristo fino IV sec.- inizio V sec. Catacomba di Commodilla, Roma S. Petronilla e Veneranda metà IV sec. Basilica dei SS. Nereo e Achileo, Roma

12 A volte anche le sculture si appropriano dei modi pittorici che tendono a ridurre la tridimensionalità. Lo si ritrova con evidenza nella Scena di vendemmia del Sarcofago di San Lorenzo fuori le Mura (IV secolo). L immagine raffigura putti alati con tralci e grappoli d uva. Si nota come il rilievo sia sostanzialmente schiacciato e il tratto che definisce le figure sia lineare, determinato da una forte incisione, che appiattisce le forme rappresentate, quasi fossero disegnate. Scena di vendemmia Sarcofago del IV secolo San Lorenzo, Roma Sarcofago del Buon Pastore seconda metà del IV secolo - San Lorenzo, Roma

13 LA BASILICA CRISTIANA 1 Quadriportico 2 Torri campanarie 3 Navata centrale 4 Navata laterale 5 Navata laterale 6 braccio sinistro del transetto 7 braccio destro del transetto 8 - Abside All origine le basiliche erano usate dai cittadini romani come luoghi dove veniva amministrata la giustizia. La loro pianta includeva spesso un atrio o quadriportico, costituito da un cortile rettangolare posto davanti all edificio (che accoglieva i fedeli che non avevano ancora ricevuto i sacramenti) SAN PIETRO La basilica di San Pietro, venne edificata sul luogo della sepoltura dell Apostolo Pietro. La costruzione, voluta dall imperatore Costantino, attorno al , e fu completata nel 329. Si trattava di un edificio preceduto da un quadriportico e diviso interamente in cinque navate,un transetto, infine, precedeva l unica ampia abside semicilindrica. Venne poi distrutta nel XVI secolo per fare spazio all attuale, della basilica costantiniana, a si serba il ricordo soprattutto in documenti grafici e pittorici del Cinquecento

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11)

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11) QUATTORDICESIMO INCONTRO CRISTO È VERAMENTE RISORTO : QUESTA È LA FEDE DI PAOLO, QUESTA È LA NOSTRA FEDE 1 Cor 15,1-11 ACCOGLIENZA E PRESENTAZIONE DELL INCONTRO PREGHIERA INIZIALE Lettore: Dio nostro,

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

LA STORIA 1: DAI VANGELI AL MANDYLION.

LA STORIA 1: DAI VANGELI AL MANDYLION. 1 LA STORIA 1: DAI VANGELI AL MANDYLION. 1. Nuovo Testamento. L'autenticità storica dei Vangeli e del Nuovo Testamento risulta appurata al di là di ogni ragionevole dubbio, a partire dall'accurata analisi

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Dio ha un piano di salvezza e redenzione per l'uomo caduto e Satana ha un piano per mantenere l'uomo caduto in questo stato. L'intero piano di Satana è costruito attorno

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

I CHE COS È L ESEGESI?

I CHE COS È L ESEGESI? I CHE COS È L ESEGESI? Esegesi è una parola di origine greca (greco: exégesis) usata da Tucidide nel senso di «racconto, esposizione», da Polibio nel senso di «spiegazione, commento», da Platone nel senso

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

Ad gentes 1 www.olir.it

Ad gentes 1 www.olir.it DECRETO Ad gentes SULL ATTIVITÀ MISSIONARIA DELLA CHIESA PROEMIO 1. Inviata per mandato divino alle genti per essere «sacramento universale di salvezza» la Chiesa, rispondendo a un tempo alle esigenze

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME M. Piccirillo Nella primavera del 1992 un antiquario della Città Santa presentò al Museo dello Studium Biblicum uno stampo per eulogia in pietra, a suo dire,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA approfondimenti biblici 07 Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA In verità, in verità vi dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio Quel che è nato dalla

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 Interventi -------------------------------------------------------------------------------------------------------- FRANCESCO E LA CHIESA DEL SUO TEMPO

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20 1 Luca 2, 8-20 PREMESSA Luca prosegue il suo racconto di natale. Lui è uno storico, ce lo dice all'inizio del suo vangelo (Lc 1,1-4), ma il suo intento non è quello di riportarci dei fatti freddi, così

Dettagli

RINNEGARE SE STESSI. Se qualcuno vuole seguire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e segua me. (Mc 8,34)

RINNEGARE SE STESSI. Se qualcuno vuole seguire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e segua me. (Mc 8,34) RINNEGARE SE STESSI Se qualcuno vuole seguire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e segua me. (Mc 8,34) INTRODUZIONE: SCOPO E TAPPE DELL ANALISI I. IL RINNEGAMENTO DI SÉ COME CONDIZIONE

Dettagli

6 Il regno: già o non ancora?

6 Il regno: già o non ancora? 6 Il regno: già o non ancora? Gesù (probabilmente) non introdusse molte novità preoccupanti riguardo alla Legge; egli predicava il regno di Dio (o dei cieli, come diceva un pio israelita quale Matteo,

Dettagli

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE RIFLESSIONE SULL AVVENTO Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL 20 SIGNORE INTRODUZIONE Accogliamo dal Signore un nuovo Anno di grazia, di

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

TORNIAMO A FAR VISITA AI FRATELLI

TORNIAMO A FAR VISITA AI FRATELLI TORNIAMO A FAR VISITA AI FRATELLI RILEGGIAMO INSIEME UNA STORIA 9. Desidero adesso proporvi una breve lectio su un testo biblico tratto dal libro degli Atti degli Apostoli. Si tratta del racconto della

Dettagli

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa CO.PER.LI.M DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa Elaborato di Liturgia a cura di ROBERTA FRAMEGLIA Roma- Frascati, 2002-2003 PREFAZIONE Questa breve analisi

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

a Mons. Josef Clemens, Città del Vaticano

a Mons. Josef Clemens, Città del Vaticano 1 Parole di saluto all apertura della mostra di Pittura «Vi sia la luce» Galleria dell Istituto Portoghese di Sant Antonio in Roma 21 maggio 2008, ore 18. 30 a Mons. Josef Clemens, Città del Vaticano Eccellenza,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli