MISSIONE EVANGELIZZATRICE DI GESU IN PALESTINA INIZIANO I VIAGGI DEGLI APOSTOLI NEL MONDO PER DIFFONDERE LA PAROLA DI GESU

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MISSIONE EVANGELIZZATRICE DI GESU IN PALESTINA INIZIANO I VIAGGI DEGLI APOSTOLI NEL MONDO PER DIFFONDERE LA PAROLA DI GESU"

Transcript

1 ARTE CRISTIANA LE DATE NACITA DI GESU A BETLEMME MISSIONE EVANGELIZZATRICE DI GESU IN PALESTINA MORTE E RESSURREZIONE DI GESU INIZIANO I VIAGGI DEGLI APOSTOLI NEL MONDO PER DIFFONDERE LA PAROLA DI GESU GLI INSEGNAMENTI DEL CRISTIANESIMNO ARRIVANO A ROMA : INIZIANO LE PERSECUZIONI. SAN PIETRO E SAN PAOLO MUOIONO A ROMA MATTEO, MARCO, LUCA E GIOVANNI SCRIVONO IL VANGELO ll SEC PRIME ICONOGRAFIE CRISTIANE NELE CATACOMBE EDITTO DI MILANO DI COSTANTINO : I CRISTIANO SONO LIBERI DI PROFESSARE IL LORO CULTO INIZIANO LE COSTRUZIONI DELLE PRIME CHIESE COSTANTINO FONDA LA NUOVA CAPITALE DELL IMPERO D ORIENTE : COSTANTINOPOLI EDITTO DI COSTANTINOPOLI DI TEODOSIO : IL CRISTIANESIMO E DICHIARATO UNICA RELIGIONE DELL IMPERO NASCITA DEL MONACHESIMO IN ORIENTE ED IN OCCIDENTE (EREMITI E CENOBITI) SAN BENEDETTO FONDA IL MONASTERO DI MONTECASSINO E L ORDINE DEI BENEDETTINI AI QUALI E DATA LA REGOLA : Ora et Labora

2 L EDITTO «ut daremus et Christianis et omnibus liberam potestatem sequendi religionem quam quisque voluisset» «e che fosse giusto dare ai Cristiani e a tutti gli altri la libertà di seguire la religione che a ciascuno apparisse preferibile Con l editto dell imperatore Costantino (313) si pone fine alle persecuzioni dei cristiani. Nasce così l esigenza da parte dei cristiani di erigere nuovi luoghi di culto che sostituiranno le catacombe e le case private utilizzate per riunioni religiose. Prima della liberalizzazione del culto cristiano (313 d.c. Editto di Costantino) il cristianesimo trova diffusione in forma clandestina e subisce le persecuzioni da parte dell autorità imperiale. Quando San Paolo arriva a Roma nel 61 d.c. trova già una comunità cristiana organizzata, alla quale appartengono adepti delle classi sociali economicamente più depresse (plebei, militari e schiavi) ma alla quale partecipano anche i ricchi, gli aristocratici, i proprietari terrieri, che mettono a disposizione le loro abitazioni come luogo clandestino di culto : le DOMUS ECCLESIAE (casa dell assemblea). Nelle città si formano, così, i TITULI, che sono simili alle moderne parrocchie. A Roma, nel IV secolo, se ne contano ben 25. Oggi non ci sono pervenute che sporadiche testimonianze di queste chiese domestiche in quanto, in molti casi, durante il IV secolo, l area sulla quale esse sorgevano verrà coperta dalle basiliche. La fede nella resurrezione del corpo porta i cristiani ad abbandonare la cremazione in favore dell inumazione dei defunti in luoghi di sepoltura sotterranei. Sia per i Cristiani che per i pagani di Roma esistevano 2 tipi di sepolcreti : le CATACOMBE e i CIMITERI. Il termine Catacomba, in uso da IX secolo, deriva dal greco kata kimbas che significa presso le grotte, in riferimento ad un luogo di sepoltura dove il terreno declina rapidamente verso un pendio sulla via Appia. Le catacombe sono luoghi di pellegrinaggio dove si venerano i corpi dei santi fino al IX secolo quando, per le continue traslazioni nelle basiliche, vengono abbandonate. Nel III secolo la chiesa, ancora clandestina, divide la città di Roma in sette regioni sovrintese da sette DIACONI (dal greco diakonos = servo, ministro del tempio), e ad ognuna di queste regioni corrisponde, fuori le mura, una zona catacombale. A volte le Catacombe prendono il nome dei proprietari del terreno sotto cui si diramano le gallerie (per es. le Catacombe di Priscilla), a volte quello dei martiri ivi sepolti. Le gallerie, scavate in piani sovrapposti hanno una larghezza media di cm. e una altezza di 2,50 metri. Oggi queste gallerie sono chiamate ambulacri ma anticamente erano dette CRIPTAE, nome dato loro dai FOSSORI, che erano gli operai addetti allo scavo. A volte ai lati delle gallerie si aprono delle camere sepolcrali più vaste, dette CUBICOLI (dal latino cubiculum = camera, stanza da letto), che avevano forma poligonale, dove venivano inumati i cristiani più facoltosi o che avevano maggiore considerazione presso la comunità. Queste tombe, gli ARCOSOLI, sono urne chiuse sormontate da un arco spesso decorato ad affresco. I sepolcri sovrapposti sono detti LOCI od LOCULI, mentre PILA è la sezione verticale della parete che li contiene.

3 ARTE FIGURATIVA CRISTIANA Il termine Arte Paleocristiana si riferisce alle espressioni artistiche dei primi secoli del Cristianesimo. Il prefisso PALEO, infatti, deriva dal greco e significa antico. Non si può parlare, però, di arte Paleocristiana prima del II secolo d.c. o l inizio del III secolo, in quanto solo da questo periodo si iniziano a trovare testimonianze artistiche di tipo pittorico e scultoreo propriamente cristiane. Sulla durata del periodo, invece, gli storici tendono a dividere l arte cristiana in due periodi : quello TARDO ROMANO o COSTANTINIANO (III IV secolo d.c.) e quello BIZANTINO (metà del IV VI secolo d.c.). Il mancato ritrovamento di opere d arte precedentemente al II secolo è stato spiegato da alcuni studiosi con due ipotesi : la prima con il rifiuto dell arte per rispettare a pieno il secondo comandamento che dice Non avrai altro Dio all infuori di me e quindi evitare qualsiasi forma di idolatria. La seconda ipotesi invece ritiene che non venivano realizzate opere d arte perché associate alla cultura pagana. LINGUAGGIO FIGURATIVO CRISTIANO 2 punti di ispirazione CULTURA PAGANA (tradizione greco-romana) CULTURA ORIENTALE - GIUDAICA CARATTERI : - persistenza nell iconografia di soggetti mitologici o di ispirazione bucolica - dal IV secolo intento storico narrativo, analogo ai fregi istoriati delle colone celebrative e degli archi trionfali - decorativismo, di cultura romana ellenistica CARATTERI : - illustrazione di fatti biblici senza mai rappresentare la divinità. - predilezione per le immagini simboliche, nel rispetto dell anicoismo che seguiva i dettami del divieto biblico : non avrai altro Dio fuori di me. Non ti fare nessuna scultura né immagine delle cose che splendono su nel cielo o sono sulla terra o nelle acque o sotto la terra. La consegna della legge fine IV secolo, mosaico Abside Chiesa di Santa Costanza, Roma Il Buon Pastore fine III-inizio IV secolo Catacombe santi Marcellino e Pietro, Roma

4 LINGUAGGIO FIGURATIVO CRISTIANO 2 forme espressive SIMBOLISMO prima del 313 d.c. CARATTERI : - prevale nei secoli che precedono l ufficializzazione del culto - l arte ha intento escatologico (dal greco eskatos=ultimo; escatologia =dottrina delle cose ultime - tensione dell arte cristiana verso l infinito, che si cerca di esprimere attraverso il simbolo, atto a cogliere la realtà metafisica (dal greco : tà metà tà physica = oltre le cose fisiche, appartenenti al mondo della natura. - il ricorso al simbolo è l elemento che lega l arte cristiana primitiva con al tradizione giudaica e il divieto di rappresentare le divinità. - allude al destino dell uomo dopo la morte NARRAZIONE dopo il 313 d.c. - Riprende i caratteri dei bassorilievi degli archi di trionfo e delle colonne celebrative. DAL IV SECOLO FORMA SIMBOLICA E FORMA NARRATIVA PROCEDONO PARALLELAMENTE E SARANNO ALLA BASE DI TUTTA L ARTE CRISTIANA, CHE SUCCESSIVAMENTE SARÀ ORIENTATA VERSO LA RAPPRESENTAZIONE DELL INVISIBILE ATTRAVERSO I VISIBILE. Le forme SIMBOLICHE e NARRATIVE sono le due forme espressive proprie dell arte cristiana primitiva. Nei secoli che precedono l ufficializzazione del culto prevale la forma simbolica, successivamente al 313 d.c. la forma simbolica e narrativa procederanno parallelamente ed assieme saranno la base di tutta l arte cristiana successiva, orientata verso la rappresentazione dell invisibile attraverso il visibile. Nell età tardo antica la spiritualità pagana di matrice ellenica, legata al culto delle divinità olimpiche, andava perdendo di importanza come testimonia la convivenza in Roma di culti misterici orientali con a religione ufficiale. In questo contesto la spiritualità cristiana apporta una nuova tensione verso l infinito che l arte cerca di esprimere attraverso il simbolo, atto a cogliere una realtà metafisica. Il ricorso al simbolo è inoltre determinato dal legame che l arte cristiana primitiva mantiene con la tradizione giudaica e con il relativo divieto di rappresentare la divinità. Successivamente ai simboli ed alle allegorie del Cristo come il Buon Pastore si affiancano le raffigurazioni dirette della sua persona : il Cristo imberbe, il Cristo tra gli Apostoli, il Cristo barbato o il Cristo del banchetto eucaristico. L iconografia cristiana, quindi, più che usare immagini nuove, recupera le stesse immagini della tradizione pagana preesistente ma attribuendole nuovi significati. Si tratta di una operazione semantica (di attribuzione di significato). Il motivo di questa acquisita libertà di rappresentazione dell immagine di Dio è insita nella natura stessa del Cristo, che è insieme divina ed umana. Cristo si è incarnato, è entrato nella storia, è partecipe della corporeità e del puro spirito. L umano e il divino si compenetrano e possono convivere in una forma rappresentabile : E iol verbo che si è fatto carne, e abitò fra noi, e noi fummo spettatori della sua gloria (Giovanni 1, 9-14). L immagine viene perciò riabilitata, in funzione della trasmissione del messaggio evangelico, come strumento della narrazione dei fatti salienti della vita del Cristo. Va aggiunto anche che dopo l Editto di Costantino del 313 d.c. cresce l importanza della forma narrativa della vita del Cristo e con l adesione degli imperatori alla fede cristiana la politica celebrerà l Impero attraverso la glorificazione del Cristo. Così il sodalizio tra Impero e Chiesa diventerà sempre più stretto ed in particolare quando, dal V secolo in poi, la cristianità sarà eletta a baluardo del mondo civilizzato contro barbari invasori.

5 L ICONOGRAFIA DEL PRIMO CRISTIANESIMO l iconografia cristiana dei primi secoli usa due tipi di immagini : le IMMAGINI SIMBOLO e le IMMAGINI NARRATIVE. Le prime sono caratterizzate dalla brevità del messaggio trasmesso e sono quelle più frequentemente usate negli affreschi delle catacombe e sui sarcofagi. Queste immagini hanno lo scopo di risultare immediatamente intelligibili a chi le osserva. Esse non descrivono gli avvenimenti ma li suggeriscono attraverso un processo di semplificazione che le rende comprensibili al cristiano dell epoca. Il Buon Pastore Catacombe Santi Marcellino e Pietro fine III inizi IV secolo. LA FIGURA DEL CRISTO Il Buon Pastore Caratteristica del repertorio iconografico dei primi secoli del cristianesimo è lo sfruttamento di alcuni elementi del mondo pagano (precristiano) presi a prestito e adattati per esprimere insegnamenti cristiani. Il BUON PASTORE con la pecora sulle spalle rappresenta Cristo salvatore che reca sulle spalle l anima che ha salvato. Questo è un simbolo frequentemente usato negli affreschi, nei rilievi dei sarcofagi, nei mosaici ed anche sulle tombe come incisione. Orfeo Per ritrarre le sembianze del Cristo si ricorre alle iconografie codificate della mitologia greco-romana. In questo caso il riferimento è Orfeo che incanta le bestie con la sua musica. In altri casi è la figura di Apollo. Il pesce Cristo viene identificato anche con il simbolo del pesce, il cui nome in greco IXOYE (pesce) è un acrostico dell espressione greca Gesù Cristo, figlio di Dio Salvatore. Si tratta di un acrostico in cui le lettere che formano la parola pesce sono le iniziali delle parole greche che compongono questa espressione. Il pesce con il paniere indica l Eucaristia e ricorda il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci L ULTIMA CENA Il soggetto dipinto nella catacomba di San Callisto esemplifica la continuità esistente tra l iconografia pagana e quella cristiana. La scena, che allude al banchetto eucaristico, offre evidenti affinità con la rappresentazione del banchetto allestito dai congiunti per celebrare il defunto, secondo una consuetudine pagana tollerata dalla chiesa fino al V secolo. Le scene di banchetti richiamano l episodio evangelico dell ultima cena e anche l AGAPE, la cena rituale a cui partecipavano i primi cristiani per commemorare quell evento. LA CROCE E dato dall unione delle due lettere iniziali del nome di Cristo in lingua ed alfabeto greci, la X e la P, inserite in una corona d alloro o di un clipeo in segno di vittoria. La croce è lo strumento e il simbolo della passione di Cristo. Nella prima iconografia cristiana la si può trovare sotto varie forme : quella dell ancora,in quella dell albero di una imbarcazione incrociato dalla barra che regge le vele, in quella del delfino trafitto dal tridente, nella forma di uccello volante. L Alfa e l Omega, la prima e l ultima lettera dell alfabeto greco, significano che Cristo è l inizio e la fine di tutte le cose. L ancora si trasforma in un simbolo di salvezza, immagine dell anima che ha raggiunto il porto sicuro dell eternità, ma rimanda anche alla croce. Poteva rappresentare un taglio trasversale, simboleggia la croce e la salda certezza della fede.

6 LA PIETAS La nozione di pietas è manifestata dall immagine simbolo dell orante, così come avveniva nella tradizione pagana. Oltre alla pietas le figure degli oranti rappresentavano il simbolo della croce attraverso il proprio corpo quando pregavano rivolti ad est con le braccia distese in figura di oranti, che è un altro tema ricorrente nelle pittura catacombali Il sarcofago rappresenta ai lati episodi della vita del profeta Giona ed una scena battesimale preceduta dal Buon Pastore, sulla lastra frontale, un orante ed un filosofo. Queste due figure, di origina pagana, sono interpretate dalla critica quali personificazioni delle principali virtù stoiche, a Filantropia e la Pietà. L Orante è, in un primo tempo, simbolo della preghiera e della salvezza; successivamente tale figura acquisterà m,maggiore rilievo in quanto non sarà solo la personificazione di un concetto (es. la salvezza) ma il simbolo dell anima del defunto del quale, talora riproduce le sembianze. Nel dettaglio si può notare che il volto dell orante è appena abbozzato in attesa di essere rifinito con le sembianze del defunto. Sarcofago con filosofo, orante, Giona e Buon Pastore Santa Maria Antiqua, Roima LA FENICE La Fenice, mitico uccello d Arabia che secondo la credenza degli antichi, dopo un dato numero di secoli risorge dalle sue ceneri, diventa il simbolo della resurrezione. GIONA Il tema di Giona testimonia particolarmente bene quell intersezione tra le culture pagana e cristiana, elaborate in questi secoli. Il tema è molto frequente nell arte funeraria cristiana primitiva. La storia narra che Giona aveva riceve l ordine di predicare nella città di Ninive, ma lui preferisce imbarcarsi suscitando l ira del Signore che, in conseguenza della disubbidienza, scatenerà una tempesta. L equipaggio della nave, avendo ritenuto che era lui la causa del naufragio lo getta in mare dove, il profeta, viene ingoiato da un serpente marino, nel ventre del quale rimarrà per tre giorni. L intervento divino lo salva ed egli decide di tornare a Ninive. Dopo aver redento la città Giona si riposa in campagna, sdraiato all ombra di un grande ricino che Dio ha fatto germogliare per lui. L iconografia cristiana di solito rappresenta gli episodi di Giona gettato in mare, vomitato dalle fauci del serpente marino e, poi, disteso sotto la pianta di ricino. I tre temi che l iconografia cristiana di solito narra sono : Giona gettato in mare; Giona vomitato dalle fauce del serpente marino e Giona disteso sotto la pianta di ricino. Il significato di queste immagini, di cui Giona è l inconsapevole interprete come altri personaggi dell Antico Testamento, vuole richiamare la morte e la resurrezione di Cristo e l intervento di Cristo in favore dei fedeli.

7 L ARTE CRISTIANA TRA IL III E IL IV SECOLO Le arti figurative cristiane, nei primi secoli del loro sviluppo, mostrano di non voler limitarsi alla rappresentazione della realtà fisica, ma di cercare di suggerire una realtà che trascende il mondo naturale, più spirituale. Da questo indirizzo nasceranno delle immagini che si allontaneranno dalla puntuale descrizione delle cose reali. In questo periodo lo sviluppo artistico oscillerà tra l iniziale realismo di matrice romana, il successivo allontanamento dal naturalismo verso forme simboliche e, intorno al V secolo, il recupero della tradizione classica. I primi documenti dell arte cristiana risalgono al III secolo in quanto nei primi due secoli i cristiani si attennero al divieto giudaico di rappresentare al divinità. Gli esempi più consistenti della pittura parietale sono conservati nei luoghi di sepoltura. Solo a partire dal IV secolo la decorazione parietale a mosaico si diffonderà nelle basiliche. Inizialmente nelle loro opere i Cristiani si rifanno stilisticamente al naturalismo ed al decorativismo di origine greco romana. Se confrontiamo l affresco degli Uccelli delle Catacombe di Pretestato con la Starna e fruttiera notiamo come la scelta del tema, i soggetti rappresentati e i dettagli naturalistici confermano la matrice romana delle opere cristiane. All interno di questa similitudine, però, si possono cogliere delle differenze stilistiche. L affresco cristiano mostra un tratto pittorico più rapido e schemi compositivi più rigidi. Starna e fruttiera I sec. Basilica di S. Sebastiano Uccelli prima metà del III sec. Catacomba di Pretestato Questa rapidità disegnativa è molto evidente nella Samaritana in San Callisto. Se confrontata con gli Uccelli della Catacomba di Pretestato si può notare come il tratto pittorico sia schizzato, quasi impressionistico. Con questo termine (che si riferisce alla corrente pittorica francese della fine 800, denominata Impressionismo) si intende una stesura pittorica veloce ed abbreviata, ottenuta con pennellate rapide e senza i passaggi di tonalità intermedie di colore. Con questa tecnica la forma viene suggerita più che descritta dettagliatamente e ciò avviene, dal punto di vista esecutivo, con la sostituzione del disegno accurato con le macchie di colore e il tratto veloce. L arte cristiana, nei primi secoli si ispira frequentemente ai motivi della romanità e ciò lo si può notare, ad esempio, nel Banchetto Eucaristico, presso le Catacombe dei SS. Pietro e Marcellino. L agape della tradizione pagana (agapè, in greco, significa carità e, per estensione, convito fraterno ) nell iconografia cristiana diventa commemorazione dell ultima cena di Cristo, secondo una usanza diffusa nel costume cristiano tra il II e il III secolo. Anche in questo affresco la resa sintetica e la fluidità di movimento delle figure intervengono in modo originale sulla tradizione classica preesistente. Banchetto eucaristico fine III secolo Catacombe dei SS. Pietro e Marcellino, Roma Cristo e la Samaritana prima metà III sec. Catacomba di San Callisto Roma

8 Lo stesso avviene nel sarcofago di Baebia Hertofila nel quale è rappresentata la moltiplicazione del panie dei pesci, che richiama alla memoria l iconografia dell Ultima Cena. In questo bassorilievo il segno è rapido, più attento alla resa espressiva che alle proporzioni anatomiche dei personaggi. La linearità prevale sugli intenti narrativi e sulla definizione illusionistica dello spazio. Ci troviamo di fronte ad una sorta di abbreviazione formale che interessa la pittura come la scultura. Cena eucaristico seconda metà III secolo Sarcofago di Baebia Hertofila -Roma

9 Nei sarcofagi del III e IV secolo notiamo il progressivo passaggio dai modi della narrazione, assunti dallo stile continuo dei rilievi romani, e dalla condensazione di più episodi in un unico contesto, alla presentazione dei singoli episodi. Un chiaro esempio della sintesi dei diversi episodi del Vecchio Testamento in una unica superficie è il sarcofago del Museo Laterano. Gli episodi, in sequenza, sono : il peccato originale, il miracolo del vino, ecc- Importante è però l applicazione di un processo di semplificazione compositiva in quanto l immagine del Cristo è ripetuta tre volte in positure quasi identiche. Le figure sono inoltre costrette in uno spazio compresso e gli elementi naturalistici sono quasi del tutto scomparsi, mentre le figure si sovrappongono le une alle altre. Sarcofago IV secolo - Roma Sarcofago di Giunio Basso seconda metà del IV secolo - Roma L impaginazione di questo sarcofago è molto diversa i quella della fronte del sarcofago di Giunio Basso, che una iscrizione del 399 dedica ad un ex console romano convertitosi al cristianesimo. Alla narrazione continua del primo sarcofago si oppone lo schema rigoroso del secondo che separa, per mezzo di colonnine, le scene del Vecchio e del Nuovo Testamento. Il bassorilievo ha un a fattura molto raffinata e presenta nessi con la classicità sia nella partizione ritmata dello spazio, scandita dagli elementi architettonici, sia nella resa volumetrica delle figure. Intorno al IV secolo il processo di sfaldamento formale della tecnica impressionista giunge a piena maturazione. Nel Mosè che percuote la roccia si nota come sia ancora mantenuta la scioltezza della positura, ma sul volto del profeta il colore viene steso a macchie chiare contrapposte a tocchi più scuri. Il tratto abbreviato tende a spostare l attenzione dalla descrizione dei dati fisionomici all espressione del personaggio, come nel caso analogo del sarcofago di Baebia Hertofila. Elementi simili li possiamo ritrovare nella Guarigione dell emorroissa, in cui i volti perdono l evidenza dei contorni e i personaggi appaiono isolati sullo sfondo, privo di elementi naturalistici (ancora presenti, invece nel Mosè che percuote la rioccia. Mosè che percuote laroccia IV secolo Catacombe diei SS. Pietro e Marcellino, Roma Guarigione dell emorroissa fine del III secolo Catacombe diei SS. Pietro e Marcellino, Roma

10 Se confrontiamo la figura dell Orante del Cimitero Maggiore (fine III secolo) con quella della Catacomba dei Giordani di età costantiniana (metà IV secolo) notiamo che la seconda ha acquistato maggiore ieraticità rispetto alla prima, grazie alla posizione frontale ed alla accentuazione dei grandi occhi. Dall uso di abiti più nobili si coglie come il messaggio cristiano sia penetrato nelle classi più abbienti. Per contro le pitture dell Ipogeo di Trebio Giusto, alludendo all attività di costruttore e di amministratore del defunto, dimostrano come la fede cristiana si sia propagata anche nei ceti sociali medi. Orante fine III secolo Cimitero Maggiore, Roma Orante metà IV secolo Catacombe dei Giordani Il defunto e i suoi parenti IV secolo - affresco Ipogeo di Trebio Giusto, Roma Nel III secolo l ideale umano della società muta orientamento e si indirizza dall esaltazione della corporeità all espressione della spiritualità. Questa espressività della dimensione spirituale nasce sulla scia del la diffusione delle dottrine plotiniane e di quella cristiana, entrambe rivolte alla trascendenza piuttosto che all immanenza del mondo classico. Ciò è visibile se confrontiamo La resurrezione di Lazzaro dipinta alla fine del III secolo (Catacomba di San Pietro e Marcellino) con l analogo soggetto della Nuova Catacomba della via Latina della metà de IV secolo, entrambe e Roma. Si può notare come l inquadratura architettonico illusionistica faccia da sfondo alla folla animata, attonita di fronte al miracolo operato da Cristo. Resurrezione di Lazzaro fine III sec. Catacomba SS. Pietro e Marcellino, Roma Resurrezione di Lazzaro metà IV sec. Catacomba di via Latina, Roma

11 Il recupero del classicismo Con la fine dell età costantiniana, fino allo scorcio del V secolo, si ha un prevalente ritorno al classicismo. Questi ritorni a stili del passato trovano giustificazione nella esigenza di trovare stabilità nel passato, ricercando in esso elementi di concordanza con la situazione presente che sfruttino la semplicità e la chiarezza comunicativa di immagini note, oppure per recuperare alcuni valori sottesi a quelle immagini. Un esempio palese può essere quello dell Imperatore Giuliano l Apostata che restaurando il culto pagano, rinnegando il Cristianesimo, propone un arte classicheggiante che è tesa a recuperare attraverso le immagini un passato vagheggiato in ambito politico. La successiva ripresa dei modi classici in età teodosiana, alla fine del IV secolo, corrisponde, dal punto di vista ideologico, ad una politica che mira a consolidare l Impero per riportarlo alla passata stabilità. Cioè si attua una riproposizione di forme artistiche funzionali alle scelte politiche. In questi casi il ritorno alla classicità si esprime attraverso il consolidamento della forma attraverso l uso del disegno e la funzione plastica del colore. Testa di Apostolo metà III sec. Ipogeo degli Aurelii, Roma Susanna in forma di Agnello tra i lupi metà IV secolo Catacomba di Pretestato, Roma Nel caso della tradizione figurativa cristiana il recupero della classicità cerca di consolidare la forma attraverso un diverso uso del disegno e una definizione plastica del colore. E una pittura plastico costruttiva che si affermerà definitivamente nel IV secolo. Elementi tipici di questa classicità romana sono la compostezza del panneggio ed il realismo delle acconciature femminili. Anche il ritorno ad una corretta descrizione fisionomica risulta evidente nel Cristo della Catacomba di Comodilla, dove il volto divino ha una espressione immobile della quale viene accentuata la frontalità, di palese ispirazione orientale. Inoltre il Cristo è dipinto tra l Alfa e l Omega, simboli della vita e della morte,. Esse sono infatti la prima l ultima lettera dell alfabeto greco e alludono all inizio e la fine dei tempi. Busto di Cristo fino IV sec.- inizio V sec. Catacomba di Commodilla, Roma S. Petronilla e Veneranda metà IV sec. Basilica dei SS. Nereo e Achileo, Roma

12 A volte anche le sculture si appropriano dei modi pittorici che tendono a ridurre la tridimensionalità. Lo si ritrova con evidenza nella Scena di vendemmia del Sarcofago di San Lorenzo fuori le Mura (IV secolo). L immagine raffigura putti alati con tralci e grappoli d uva. Si nota come il rilievo sia sostanzialmente schiacciato e il tratto che definisce le figure sia lineare, determinato da una forte incisione, che appiattisce le forme rappresentate, quasi fossero disegnate. Scena di vendemmia Sarcofago del IV secolo San Lorenzo, Roma Sarcofago del Buon Pastore seconda metà del IV secolo - San Lorenzo, Roma

13 LA BASILICA CRISTIANA 1 Quadriportico 2 Torri campanarie 3 Navata centrale 4 Navata laterale 5 Navata laterale 6 braccio sinistro del transetto 7 braccio destro del transetto 8 - Abside All origine le basiliche erano usate dai cittadini romani come luoghi dove veniva amministrata la giustizia. La loro pianta includeva spesso un atrio o quadriportico, costituito da un cortile rettangolare posto davanti all edificio (che accoglieva i fedeli che non avevano ancora ricevuto i sacramenti) SAN PIETRO La basilica di San Pietro, venne edificata sul luogo della sepoltura dell Apostolo Pietro. La costruzione, voluta dall imperatore Costantino, attorno al , e fu completata nel 329. Si trattava di un edificio preceduto da un quadriportico e diviso interamente in cinque navate,un transetto, infine, precedeva l unica ampia abside semicilindrica. Venne poi distrutta nel XVI secolo per fare spazio all attuale, della basilica costantiniana, a si serba il ricordo soprattutto in documenti grafici e pittorici del Cinquecento

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

Non ti farai scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra

Non ti farai scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra ARTE PALEOCRISTIANA Il problema delle immagini: dalla venerazione all idolatria Esodo 20,4-6: Non ti farai scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli o quaggiù sulla terra o

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

ARTE PALEOCRISTIANA. PROF. Antonio Fosca Doc. di Arte e Immagine Scuola Sec. di I Grado

ARTE PALEOCRISTIANA. PROF. Antonio Fosca Doc. di Arte e Immagine Scuola Sec. di I Grado ARTE PALEOCRISTIANA PROF. Antonio Fosca Doc. di Arte e Immagine Scuola Sec. di I Grado Arte Paleocristiana L'arte paleocristiana, figlia delle prime comunità cristiane, si crea e si sviluppa in tutte le

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

8-a. ARTE PALEOCRISTIANA

8-a. ARTE PALEOCRISTIANA 8-a. ARTE PALEOCRISTIANA L'ARTE PALEOCRISTIANA Il passaggio dall età antica all età medievale fu segnato da due rivoluzioni fondamentali: una ideologicoculturale e una politicoistituzionale. La rivoluzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

I SIMBOLI MEDIOEVALI

I SIMBOLI MEDIOEVALI I SIMBOLI MEDIOEVALI VERSO UN ARTE SIMBOLICA L arte medioevale ha la funzione di esprimere concetti e simboli religiosi mediante immagini, per far conoscere ai fedeli la storia sacra. Dall arte imperiale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

LA CHIESA NEI PRIMI SECOLI

LA CHIESA NEI PRIMI SECOLI UNITA 2 LA CHIESA NEI PRIMI SECOLI 1 Roma e le persecuzioni Il cristianesimo si diffonde a Roma molto precocemente. Roma è capitale dell Impero con circa un milione di abitanti. La società e divisa tra:

Dettagli

BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta

BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta BIBLE WORLD La Bibbia come non l avete mai letta Come in una storia, che permette letture sempre nuove e personali, la Bibbia si offre al lettore secondo lo stile del tempo in cui viene vissuta. Ogni lettura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

I sarcofagi cristiani. Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali

I sarcofagi cristiani. Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Dalla tetrarchia all età di Costantino i sarcofagi a grandi pastorali Dalla tetrarchia all età di Costantino

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 30 giugno 2002 La domenica con Gesù Tempo Ordinario Domenica 30 giugno 2002 Accogliere Gesù L'artista della settimana Loredana Sommaiuolo Colori in movimento "Abbasso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Curricolo di Religione

Curricolo di Religione Istituto Comprensivo n. 4 di v. Guicciardini, 8 - Imola - Curricolo di Religione Scuola Primaria CLASSE 1 Scoprire nell ambiente i Osservazioni della natura. segni che richiamano ai cristiani e a tanti

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

Chiediamo il Battesimo di nostro figlio

Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1.a tappa: prepar azione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio scheda di approffondimento 3. i Sacramenti della Fede Cristiana Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C.

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. Via D Avarna RMIC8FY006 - Distretto 24 - Via D Avarna 9/11 00151 Roma - C.F. 97714020589 Tel. /

Dettagli

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA INDICE PRESENTAZIONE di Don STEFANO RUSSO 5 LO SPAZIO SACRO (AMBROGIO MALACARNE) 9 Elementi naturali che richiamano l'idea del sacro 11 La caverna, santuario naturale 11 I megaliti e il loro riferimento

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

Dott. Giuseppe Cortesi

Dott. Giuseppe Cortesi Dott. Giuseppe Cortesi Schemi di lettura RAVENNA E I SUOI MONUMENTI PALEOCRISTIANI Cenni di storia a) Nel 476, con la deposizione di Romolo Augustolo, in Ravenna si insedia Odoacre, condottiero degli Eruli.

Dettagli

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede DIOCESI DI PORDENONE Aprile 2013 3 giorni; 2 notti Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede Percorso catechistico-celebrativo Porta fidei semper nobis patet, quae in communionem cum Deo nos infert datque

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

LA PAROLA, L IMMAGINE, LA FEDE

LA PAROLA, L IMMAGINE, LA FEDE LA PAROLA, L IMMAGINE, LA FEDE LA COMUNICAZIONE DELLA FEDE ATTRAVERSO L ARTE Gli artisti di ogni tempo hanno offerto alla contemplazione e allo stupore dei fedeli i fatti salienti del mistero della salvezza,

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE: RELIGIONE

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE: RELIGIONE CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE: RELIGIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: religione Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

TITOLO :Pittura Romanica

TITOLO :Pittura Romanica TITOLO :Pittura Romanica una pasta scura composta da argento, piombo, rame, zolfo e borace. Giuseppe d Arimatea personaggio del vangelo di giovanni il quale fece costruire il sepolcro dove verrà deposto

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

la chiesa come edificio: ieri e oggi

la chiesa come edificio: ieri e oggi m o d u lo 3 la chiesa come edificio: ieri e oggi twitter È necessario costruire nuove chiese quando c'è chi muore di fame? I preti dovrebbero mettersi per strada invece che stare tra quattro mura. Non

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso La cornice La cornice che racchiude attualmente la pala è opera seicentesca (si ipotizza una data intorno al 1623): lavoro complesso e fastoso a testimonianza della grande considerazione in cui era tenuto

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Preghiera, Liturgia, Ministeri

Preghiera, Liturgia, Ministeri Preghiera, Liturgia, Ministeri Primi passi della nuova comunità nel mondo Riunione di preghiera in casa Passaggio dalla casa privata alla casa dedicata al culto Passaggio dalla DOMUS ECCLESIA ai TITOLI

Dettagli

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO «MOTU PROPRIO» Introduzione PARTE PRIMA - LA PROFESSIONE DELLA FEDE Sezione Prima: «Io credo» - «Noi crediamo»

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Per gruppi di catechismo e oratori PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Il, inaugurato nel novembre 2001, sorge nei Chiostri di Sant Eustorgio, uno dei luoghi più significativi della città per quanto

Dettagli

L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO

L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO Flavius Valerius Costantinus Nasce a Naissus (nell attuale Serbia) nel 274 d.c. Muore a Nicomedia nel 337 d.c. Predecessore: Costanzo Cloro Successore: Costantino

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE

CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE Competenze in uscita per la classe prima U.A. : Io con gli altri U.A. :Il mondo, dono di Dio. O.S.A. Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini (Conoscenza) O.S.A. Scoprire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli