ALLEGATO 1. Roma, 31 agosto 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 1. Roma, 31 agosto 2010"

Transcript

1 Ai Sigg. Presidenti, Amministratori Delegati e Direttori delle Aziende, Società ed Enti associati del settore funerario Alla Commissione Servizi funerari Roma, 31 agosto 2010 Circ. p.n. 2499/AG e p.c. Al Consiglio direttivo Alla Confservizi Alle Confservizi regionali Alle Federazioni consorelle All ANCI Agli Assessorati alla Sanità delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e Bolzano LORO SEDI Oggetto: Regione del Veneto D.G.R. n del 27 luglio 2010 Legge Regionale 4 marzo 2010 n.18 "Norme in materia funeraria". Linee guida di prima applicazione. La Giunta regionale del Veneto, con la deliberazione n del 27 luglio 2010, pubblicata nel B.U.R. n. 65 del 10 agosto 2010, ha adottato Linee guida di prima applicazione della L. R. (Veneto) 4 marzo 2010, n. 18 Norme in materia funeraria, nelle sue premesse definite per una corretta e uniforme applicazione su tutto il territorio regionale., contenute nell Allegato A alla sopra richiamata D.G.R. n del 27 luglio In Allegato 1 si riporta il testo della D.G.R. (Veneto) n del 27 luglio 2010, mentre in Allegato 2 indicazioni illustrative delle Linee guida di prima applicazione della legge regionale richiamata. La presente circolare ed il testo degli allegati in essa citati sono presenti, per gli associati, sul sito della Federazione, selezionando l area circolari del settore funerario. Con riserva di ulteriori chiarimenti o comunicazioni si inviano distinti saluti. Il Direttore Area Idrico-Ambientale (Renato Drusiani) ALLEGATO 1

2 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n del 27 luglio 2010 pag. 1/4 Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria LINEE GUIDA DI PRIMA APPLICAZIONE Per rispondere alle richieste di Aziende Ulss, Comuni ed Associazioni di categoria circa alcuni aspetti applicativi di carattere operativo urgente della nuova legge regionale Norme in materia funeraria e in attesa della definizione dei requisiti di cui all articolo 2, si forniscono indicazioni per una corretta e uniforme applicazione su tutto il territorio regionale. La legge regionale 18/2010 è la normativa di riferimento in materia funeraria per la Regione Veneto e supera il DPR 10 settembre 1990 n. 285 che resta in vigore per quanto non espressamente previsto o non diversamente disposto. Ai sensi dell art. 54 della legge regionale le disposizioni di cui al DPR 285/1990 continuano ad applicarsi fino alla pubblicazione sul BUR dei provvedimenti che riguardano: a) i requisiti strutturali dei cimiteri e dei crematori; b) i requisiti delle strutture destinate al servizio obitoriale; c) i requisiti strutturali di case funerarie e di sale del commiato; d) i requisiti dei mezzi di trasporto funebre e delle casse; e) i requisiti strutturali, gestionali e professionali per l esercizio dell attività funebre; f) le caratteristiche e le modalità di realizzazione delle cappelle private e delle tumulazioni privilegiate fuori dai cimiteri; g) l elenco delle malattie infettive che richiedono particolari prescrizioni per la sepoltura o per la cremazione. AUTORIZZAZIONI ALLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA FUNEBRE Nulla è innovato per le imprese funebri operanti al momento di entrata in vigore della legge già in possesso delle autorizzazioni al commercio e di pubblica sicurezza di cui all art. 115 del T.U.LL.PS. Le imprese funebri esistenti dovranno tuttavia adeguarsi ai requisiti che saranno definiti dalle disposizioni regionali per l esercizio dell attività funebre, entro i termini stabiliti nelle disposizioni stesse (art. 54, comma 4). Nell ottica della semplificazione amministrativa, la specifica autorizzazione comunale per l esercizio dell attività funebre, prevista all art. 5, comma 2, comprende le autorizzazioni di competenza del Comune previste dalla normativa vigente in materia di commercio e di agenzia d affari e persegue anche una finalità di natura igienico-sanitaria. Sarà cura del Comune, in sede istruttoria, verificare l esclusione di cui all art. 5, comma 1, lettera b). L art. 5, comma 4, introduce, in coerenza con quanto segnalato dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in relazione all affidamento dei servizi di gestione delle camere mortuarie, obitoriali e dei servizi cimiteriali, ad imprese di onoranze funebri, l incompatibilità dell attività funebre con la gestione del servizio cimiteriale e del servizio obitoriale. L art. 28, secondo comma, richiama ancora l incompatibilità della gestione dei cimiteri con l attività funebre.

3 ALLEGATOA alla Dgr n del 27 luglio 2010 pag. 2/4 L affidamento di operazioni e servizi cimiteriali previsti dalla legge, ancorché sotto il controllo diretto del Comune, attengono in ogni caso all attività di gestione dei cimiteri. La gestione delle aree e dei servizi cimiteriali, come richiamato dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nella segnalazione AS392 del 17/05/2007 pubblicata sul bollettino n. 19/2007, è infatti suscettibile di determinare un vantaggio concorrenziale per l operatore che offre tale servizio, posto che lo stesso può utilizzare la sua presenza nelle aree cimiteriali come volano per la sua caratteristica di operatore funebre. La stessa Autorità Garante ha inoltre ricordato di essere già in passato intervenuta per censurare la condotta di quelle amministrazioni comunali che avevano bandito gare per affidare il servizio di gestione dei servizi cimiteriali ad imprese di onoranze funebri, rilevando come tale circostanza avvantaggiava l operatore funebre aggiudicatario. La legge regionale non prevede disposizioni per i casi di affidamento temporaneo e/o occasionale di tali servizi. Nelle situazioni esistenti, a scadenza dell affidamento e comunque entro il 24 marzo 2011 è fatto d obbligo la separazione societaria con proprietà diversa (art. 54, comma 2). TRASPORTO FUNEBRE Il trasferimento del cadavere durante il periodo di osservazione, così come disciplinato dall art. 11, non costituisce trasporto funebre e pertanto non è soggetto all autorizzazione di cui all art. 23. Resta fermo l obbligo di comunicazione della nuova sede all ufficiale di stato civile e al medico necroscopo da parte dell impresa funebre che esegue il trasferimento. Nel caso di trasferimento in Comune diverso da quello di decesso detta comunicazione dovrà essere inoltrata a tutti i soggetti territorialmente interessati. Nel caso di trasferimento di paziente deceduto in struttura sanitaria o socio assistenziale, dal reparto ove è avvenuto il decesso alla struttura interna, con funzione di servizio obitoriale (art. 18) si precisa che per struttura interna si intende la struttura interna all ente, anche se ubicata in un Comune diverso. In questo ultimo caso la comunicazione di cui all art. 11 sarà effettuata a cura della direzione medica della struttura che effettua il trasferimento. L'art. 21, comma 3, riconosce e indica come responsabile delle verifiche preliminari al trasporto, quali l'identità del cadavere e la regolarità del confezionamento del feretro, l addetto al trasporto nella sua veste di incaricato di pubblico servizio. Il personale delle ulss viene così del tutto e definitivamente svincolato da attività che non richiedono discrezionalità tecnico-professionale ora di competenza del personale delle imprese funebri autorizzate. La definizione di incaricato del trasporto della salma era peraltro già contenuta nel punto 5.4 della circolare del Ministero della Sanità 24 giugno 1993 n. 24. Con l intento di uniformare le modalità di verbalizzazione degli adempimenti previsti dalla norma è stato predisposto un modello esemplificativo come da allegato. L azienda ULSS è tenuta a certificare le caratteristiche delle casse limitatamente ai fini del trasporto del feretro all estero (art. 26, comma 4). Altra innovazione introdotta in relazione alla semplificazione amministrativa riguarda l autorizzazione all inumazione, alla tumulazione o alla cremazione, rilasciata dall ufficiale dello stato civile (art. 23, comma 2), che ha validità anche ai fine del trasporto. L autorizzazione comunale al trasporto funebre resta pertanto formalmente prevista solo nei casi diversamente contemplati (esempio trasporto di cadavere da cimitero ad altro cimitero). Si suggerisce di riportare in calce all atto le diciture la presente autorizzazione vale anche come autorizzazione al trasporto ai sensi dell art. 23, comma 2, della l.r. 18/2010.

4 ALLEGATOA alla Dgr n del 27 luglio 2010 pag. 3/4 INIEZIONI CONSERVATIVE L art. 20, comma 3, prevede che il trattamento antiputrefattivo, quando prescritto ai sensi del comma 2, venga effettuato, con personale appositamente formato, dall impresa funebre che provvede al confezionamento del feretro. La formazione del personale riguarda aspetti che attengono prevalentemente alla tutela della salute e sicurezza degli operatori (Dlgs. 81/2008), la cui responsabilità ricade nell ambito delle competenze del datore di lavoro, ma anche altri aspetti tecnico-operativi.. Nelle more dell approvazione delle disposizioni di cui all art. 2, comma 2, lettera e), le aziende ulss continuano ad assicurare tale trattamento. CREMAZIONE L art. 46 disciplina l autorizzazione alla cremazione intesa come pratica funeraria che trasforma il cadavere, tramite un procedimento termico, in ceneri (art. 45). Nel caso diverso di cremazione di resti mortali, ipotesi contemplate agli articoli 39 e 40, si precisa che l autorizzazione compete al comune in cui sono esumati o estumulati e non all ufficiale dello stato civile del comune di decesso. Ciò peraltro coerentemente anche con quanto già stabilito all art. 3 del DPR 15/07/2003 n. 254, comma 5. Per quanto riguarda la rimozione dei pace-maker si precisa che il problema si pone solo in presenza di stimolatore cardiaco alimentato con radionuclidi, oggi eccezionalmente impiegati. Negli altri casi, la rimozione di tali dispositivi non è necessaria. Con l occasione si evidenzia che quanto descritto all art. 3, comma 1, lettera h) della legge 130/2001 (obbligo per il medico necroscopo di raccogliere dal cadavere, e conservare per un periodo minimo di dieci anni, campioni di liquidi biologici ed annessi cutanei, a prescindere dalla pratica funeraria prescelta, per eventuali indagini per causa di giustizia) non è stato oggetto di disciplina nella legge regionale 18/2010. Le Aziende ULSS e i Comuni sono invitati a dare la più ampia informazione delle presenti linee guida di prima applicazione.

5 ALLEGATOA alla Dgr n del 27 luglio 2010 pag. 4/4

6 ALLEGATO 2 Regione del Veneto D.G.R. n del 27 luglio 2010 Legge Regionale 4 marzo 2010 n.18 "Norme in materia funeraria". Linee guida di prima applicazione. (in B.U.R. Veneto n. 65 del 10 agosto 2010). La Giunta regionale del Veneto, con la deliberazione n del 27 luglio 2010, pubblicata nel B.U.R. n. 65 del 10 agosto 2010, ha adottato Linee guida di prima applicazione della L. R. (Veneto) 4 marzo 2010, n. 18 Norme in materia funeraria, nelle sue premesse definite per una corretta e uniforme applicazione su tutto il territorio regionale. Dette Linee guida di prima applicazione, sono contenute nell Allegato A alla sopra richiamata D.G.R. n del 27 luglio Le Linee guida sarebbero state emanate per rispondere alle richieste delle Aziende ULSS, Comuni ed associazioni di categoria (sempre che siano state interpellate), in attesta della definizione dei provvedimenti previsti dall art. 2, comma 2 legge regionale, che assume il ruolo di normativa di riferimento, superando il d.p.r. 10 settembre 1990, n. 286 il quale, per altro, rimane pienamente vigente per quanto non espressamente previsto o non diversamente disposto dalla legge regionale stessa. Tra l altro, nella parte iniziale dell Allegato A, si affronta pressoché subito il nodo dell art. 54, comma 1, legge regionale, con l asserzione secondo la quale le disposizioni del D.P.R. 10 settembre 1990, n. 285 (ma la norma richiamata appare più estesa facendo riferimento alle normative vigenti, termine ben più esteso che non il mero, riduttivo, richiamo al solo d.p.r. 10 settembre 1990, n. 285 ora citato) continuano ad applicarsi fino a che non siano pubblicati di provvedimenti individuati dall art. 2, comma 2 L. R. (Veneto) 4 marzo 2010, n. 18. Ne consegue che, almeno secondo questo indirizzo interpretativo, le disposizioni della legge regionale che non siano direttamente interessate da tali provvedimenti regionali, sarebbero applicabili fin dall entrata in vigore della legge regionale. Per inciso, potrebbe ricordarsi, per quanto valga, come un Azienda ULSS (che, per altro, risulta non essere stata estranea nella fase redazionale del testo della legge regionale)), dopo consultazioni tra i vari servizi e dipartimenti, incluso il proprio Servizio affari legali, fosse giunta alla conclusione che la sola norma della legge regionale immediatamente applicabile fosse quella dell art. 7, comma 2, interpretazione che da un lato appare debole (infatti, le disposizioni dell art. 54, comma 1 legge regionale possono portare o all interpretazione per cui la clausola sospensiva ivi considerata attenga all intera legge regionale o che operi limitatamente alle parti per le quali occorra la pubblicazione dei provvedimenti regionali enucleati all art. 2, comma 2, senza grandi possibilità per soluzioni interpretative intermedie), dall altro segnala le difficoltà interpretative che derivano da un testo legislativo in tal modo redatto (il ché è comprovato, altresì, dalla stessa adozione delle Linee guida ). Per inciso, sulla portata dell art. 54, comma 1 L. R. (Veneto) 4 marzo 2010, n. 18 non è il caso di sostenere a-prioristicamente una o altra linea interpretativa, ben avendo presente che anche l intenzione del legislatore, seppure in forma subordinata, costituisce uno dei criteri d interpretazione delle norme, ma proprio in quanto subordinata essa non può far attribuire alle norme senso diverso da quello fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse. Le Linee guida considerano alcune aree tematiche. Autorizzazioni allo svolgimento dell attività funebre. Allo stato, rientrando l esercizio dell attività funebre tra le materie oggetto di provvedimenti regionali di cui all art. 2, comma 2 legge regionale, viene affermata la (temporanea) non modifica dei titoli di esercizio dell attività funebre (e per quanto riguarda le autorizzazioni considerate dall art. 115 T.U.LL.P.S., approvato con R.D. 18 giugno 1931, n. 773 e succ. modif., si fa necessario rinvio alla circolare n. 2490/AG del 4 agosto 2010), fermo restando il successivo adeguamento in osservanza dell art. 54, comma 4 legge regionale. Per altro, sul punto si osserva

7 come la stessa definizione di attività funebre data all art. 5, comma 1 legge regionale risenta di quei fattori di criticità rilevati con la già citata circolare e con la ed essa precedente circolare n. 2007/AG del 22 giugno In materia di incompatibilità, si osserva come la prima delle ipotesi considerate dall art. 5, comma 4 della legge regionale, le Linee guida ricordano come la legge regionale non preveda disposizioni per i casi di affidamento temporaneo (ogni affidamento di servizi pubblici non potrebbe che essere temporaneo) e/o occasionale di tali servizi, obliterando il fatto che ciò non potrebbe aversi avuto, in quanto gli affidamenti di servizi pubblici locali attengono, ratio materiae, alla competenza dello Stato e dell Unione europea. Trasporto funebre. Lascia perplessi l affermazione per la quale il trasporto del cadavere effettuato durante il periodo di osservazione non costituisca trasporto funebre, con le conseguenze, anche sotto il profilo dell individuazione delle procedure autorizzatorie, pur comprendendosi come tale impostazione derivi dall anomala scelta di non avvalersi, a differenza di altre norme regionali, della differenziazione tra trasporto di salma e trasporto di cadavere, la quale, debitamente definita, avrebbe evitato equivocità non di poco conto, anche per il fatto dell inidoneità di una tto amministrativo, quale è la D.G.R. n del 27 luglio 2010, ad introdurre elementi riconducibili a quella che dovrebbe essere un interpretazione autentica del testo normativo. E, per altro, ben vero come all art. 5, comma 1, lett. d) L. R. (Veneto) 4 marzo 2010, n. 18, si indichino separatamente sia il trasporto durante il periodo di osservazione, che il trasporto funebre, cosa che per altro non risolve l equivocità già segnalata, trattandosi pur sempre di un trasporto di cadavere, quale definito proprio come trasporto funebre dall art. 18, il ché esclude che possano darsi definizioni diverse da quelle già date dalla legge regionale stessa, specie se con atti amministrativi d indirizzo. Nel secondo periodo, con riferimento alle ipotesi di trasporti che riguardino strutture sanitarie o socio-assistenziali, è presente un indicazione che sembrerebbe ipotizzare l ammissibilità di un servizio obitoriale non presente nel medesima struttura fisica di decesso, trascurando il fatto per il quale la presenza di un adeguato servizio obitoriale è condizione per il funzionamento, o per l accreditamento, di strutture sanitarie e di alcune strutture socio-sanitarie (ad esempio, per le R.S.A., si veda il d.p.c.m. 22 dicembre 1989). E evidente come tale indicazione possa essere, presuntivamente, per le situazioni che vedono enti (forse il riferimento è alle Aziende ULSS) in cui siano presenti una pluralità di strutture sanitarie o socio-assistenziali (tanto che si tratti di padiglioni ospedalieri, quanto di altre strutture gestite sul territorio da alcune Aziende ULSS), in funzione di programmare una quale concentrazione di strutture obitoriali (ipotesi che potrebbe anche avere una qualche razionalità per alcune tipologie di strutture, in particolare nel caso di quelle per le quali la disponibilità di un servizio mortuario non costituisca requisito per il funzionamento o l accreditamento, come, ad esempio, le C.T.P. ed altre), visto che è presente l ipotesi che quest ultima si trovi in comune diverso. Per altro, in relazione all art. 18, comma 2, poiché tali trasferimenti non possono che essere svolti se non da personale della struttura, consegue anche che debbano avvenire con i mezzi prescritti per il trasporto di cadaveri su strada di cui all art. 20 d.p.r. 10 settembre 1990, n. 285 (fino a che esso rimanga applicabile) non solo quando vi sia il trasferimento del cadavere in struttura obitoriale dello stesso ente sito in altro comune, ma altresì ogni qual volta il trasferimento abbia una percorrenza sulla viabilità ordinaria, anche se all interno del medesimo territorio comunale, mezzi dei quali le Aziende ULSS, così come altre strutture sanitarie o socio-assistenziali generalmente non dispongono. In relazione alla c.d. verifica del feretro viene proposto uno modello di verbale di chiusura del feretro, annesso all Allegato A contenente le Linee guida. Per altro, appare del tutto superficiale l affermazione secondo cui tale attività non richiederebbe discrezionalità tecnico-professionale, dato che non si tratta di discrezionalità, quanto di verifica sull osservanza delle prescrizioni da osservare per il singolo confezionamento del feretro, in relazione alla tipologie di trasporto e alla pratica funeraria, al mezzo di trasporto utilizzato ed al tempo, alla percorrenza dello stesso, verifica che, pur se priva di componenti discrezionali, ha comunque un contenuto di valutazione tecnica. Di fatto (ma ciò discende dalla legge regionale, art. 21, comma 3) viene meno ogni controllo da parte

8 di un soggetto terzo, avendosi introdotto una sorta di auto-controllo, che aggrava la posizione dell addetto al trasporto, il quale risponde penalmente, e quindi personalmente, in caso di infedele, od imprecisa, attestazione. Nelle Linee guida viene fatto riferimento alla disposizione dell art. 23, comma 2 legge regionale, che, a parte la non superabile distinzione, oggettiva e soggettiva, tra funzioni proprie dei comuni e funzioni gestite dai comuni in servizi di competenza dello Stato, è formulato non tenendo presente, forse perché neppure noto in sede d istruttoria della D.G.R., l orientamento espresso in proposito dalla Giunta Regionale. Direzione Regionale Affari Legislativi, con nota n /40.03 del 28 maggio 2010 con cui è stato espresso il parere n. 35/10 (si va rinvio alla precedente circolare n. 2426/AG del 18 giugno 2010), segno che non mancano valutazioni diverse, anche contrastanti, anche all interno della struttura regionale. Iniezioni conservative. Poiché l art. 20 comma 3 legge regionale trasla la titolarità all esecuzione dei trattamenti antiputrefattivi, quando necessari, in capo a personale dell impresa funebre appositamente formato e nella fase di adozione dei provvedimenti regionali di cui all art. 2, comma 2 legge regionale, viene precisato come, transitoriamente, tali attività continuino ad essere assicurate dalle Aziende ULSS. Si deve, per inciso, osservare come non sia sufficiente la sola pubblicazione dei provvedimenti regionali di riferimento, ma anche la loro messa in attuazione e, per quanto riguarda la formazione, la tenuta e conclusione delle relative attività di formazione e, anche in tal caso, progressivamente per quanto riguarda il personale che risulterà, a mano a mano, avere completato il percorso formativo. Cremazione. In materia di cremazione, viene precisato come la rimozione di stimolatori cardiaci elettroalimentati (pace-maker) sia necessaria solo in presenza di stimolatori cardiaci alimentati a radionuclidi. Per altro, pur nella considerazione del loro ormai rarefatto utilizzo, specie negli impianti più recenti, deve considerarsi come sarebbe opportuno un qualche accertamento della presenza del pace-maker e, se sussistente, della verifica della sua tipologia, in quanto altrimenti si esporrebbe il soggetto esercente l attività funebre nella specie commissionato, nonché i familiari, quando risulti, documentalmente, che siano stati di ciò informati dall esercente l attività funebre, a possibili azioni civilistiche (artt e 2050 Codice Civile) di indennizzo dai danni che possano prodursi all impianto di cremazione. Il paragrafo dedicato alla cremazione considera altresì come la legge regionale non abbia preso in considerazione, disciplinando la fattispecie in un senso od in altro, le disposizioni dell art. 3, comma 1, lett. h) L. 30 marzo 2001, n. 130, da cui discende che questa disposizione sia operativa, quanto meno dall entrata in vigore della L. R. (Veneto) 25 settembre 2009, n. 24, oggi abrogata dall art. 55 L. R. (Veneto) 4 marzo 2010, n. 18, abrogazione consequenziale al fatto che le norme della prima sono state riprese dalla successiva. Salvo non voler giungere alla conclusione per le quali le leggi statali non operino nella regione.

Bur n. 65 del 10/08/2010

Bur n. 65 del 10/08/2010 Bur n. 65 del 10/08/2010 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 1909 del 27 luglio 2010 Legge Regionale 4 marzo 2010 n.18 "Norme in materia funeraria". Linee guida di prima applicazione.

Dettagli

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata;

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata; Determinazione del Responsabile del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna 6 ottobre 2004, n. 13871 DISCIPLINA DELLE MODALITÀ TECNICHE DELLE PROCEDURE PER IL TRASPORTO DELLE SALME, DEI CADAVERI

Dettagli

"Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali".

Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. LEGGE REGIONALE 18 novembre 2003, N. 22 "Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali". (BURL n. 47, 1º suppl. ord. del 21 Novembre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-11-18;22

Dettagli

proposta di legge n. 256

proposta di legge n. 256 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 256 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 16 settembre 2004 NORME IN MATERIA DI ATTIVITA E SERVIZI NECROSCOPICI FUNEBRI

Dettagli

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Lo stato dell arte in Regione Toscana Emanuela Balocchini Servizi di Prevenzione in sanità Pubblica e veterinaria Regione Toscana 1 Quali ambiti

Dettagli

Oggetto: Legislazioni regionali Regioni: a) Friuli-Venezia Giulia, b) Puglia Aggiornamenti

Oggetto: Legislazioni regionali Regioni: a) Friuli-Venezia Giulia, b) Puglia Aggiornamenti [carta intestata] Ai Sigg. Presidenti, Amministratori Delegati e Direttori delle Aziende, Società ed Enti associati del settore funerario Alla Commissione Servizi funerari Roma, 28 aprile 2010 Circ. p.n.

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO LR(8) 19_04 Pag: 1 LEGGE REGIONALE EMILIA- ROMAGNA 29 luglio 2004, n. 19 Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria. in B.U.R.E. n. 105 del 29-7-2004 sommario Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

DISPOSIZIONI APPLICATIVE

DISPOSIZIONI APPLICATIVE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/5 Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria DISPOSIZIONI APPLICATIVE REQUISITI DELLA CASA FUNERARIA (Art. 2, comma 2,

Dettagli

CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori

CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori Legge regionale 4 marzo 2010, n. 18 (BUR n. 21/2010) NORME IN MATERIA FUNERARIA CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori Art. 1 - Finalità. 1. La presente legge disciplina gli aspetti relativi alla

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA FUNERARIA E DI POLIZIA MORTUARIA

DISCIPLINA IN MATERIA FUNERARIA E DI POLIZIA MORTUARIA REGIONE EMILIA-ROMAGNA CONSIGLIO REGIONALE VII LEGISLATURA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA N. 143/2004 DISCIPLINA IN MATERIA FUNERARIA E DI POLIZIA MORTUARIA APPROVATA DAL CONSIGLIO REGIONALE NELLA SEDUTA POMERIDIANA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Il sindaco del Comune di (omissis) segnala che nell ente che rappresenta occorre procedere ad estumulare

Dettagli

euro.act s.r.l., Via Valle Zavelea 22, 44124 Ferrara, C.F./P.I./R.I. Ferrara 01317570388

euro.act s.r.l., Via Valle Zavelea 22, 44124 Ferrara, C.F./P.I./R.I. Ferrara 01317570388 5 maggio 2010 (Ferrara) Titolo: La cremazione. Conservazione, affidamento e dispersione ceneri SERENO SCOLARO (Libero professionista e Responsabile SEFIT) FINALITÀ DEL CORSO: Lo sviluppo della cremazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento disciplina il servizio di trasporti funebri nel territorio comunale espletato nel rispetto delle norme di cui al Capo

Dettagli

b) cadavere la salma dopo l esecuzione dell accertamento di morte secondo quanto previsto dalla vigente legislazione;

b) cadavere la salma dopo l esecuzione dell accertamento di morte secondo quanto previsto dalla vigente legislazione; Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 198 del 19-12-2008 21965 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 34 Norme in materia di attività funeraria, cremazione e dispersione delle ceneri. La seguente

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 18/2009 (Atti del Consiglio) Modifiche alla legge regionale 4 aprile 2007, n. 18 (Disciplina del trasporto di salme e di cadaveri). ***************

Dettagli

VENETO - LEGGE REGIONALE 4 marzo 2010, n. 18 Norme in materia funeraria.

VENETO - LEGGE REGIONALE 4 marzo 2010, n. 18 Norme in materia funeraria. la seguente legge regionale: VENETO - LEGGE REGIONALE 4 marzo 2010, n. 18 Norme in materia funeraria. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta regionale p r o m u l g a CAPO I Finalità,

Dettagli

RUGGIERO CAFARI PANICO. Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano

RUGGIERO CAFARI PANICO. Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano RUGGIERO CAFARI PANICO Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano LE ATTIVITÀ FUNERARIE NEL DIRITTO EUROPEO: IL NUOVO DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA 1. Introduzione.

Dettagli

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116 Identificativo Atto n. 116 1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO INDICAZIONI REGIONALI PER PERCORSI FORMATIVI PER ADDETTI ALL ATTIVITA FUNEBRE IL DIRIGENTE DELLA U.O. ATTUAZIONE

Dettagli

- all art. 14 definisce gli elementi fondamentali per la formazione del cerimoniere delle strutture per il commiato;

- all art. 14 definisce gli elementi fondamentali per la formazione del cerimoniere delle strutture per il commiato; REGIONE PIEMONTE BU39S3 25/09/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 22 settembre 2014, n. 22-343 Disciplina regionale dei corsi di formazione professionale relativi ai servizi funebri e cimiteriali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE. Atti della Regione PARTE I. della REGIONE CAMPANIA n. 33 del 1 giugno 2009

BOLLETTINO UFFICIALE. Atti della Regione PARTE I. della REGIONE CAMPANIA n. 33 del 1 giugno 2009 A.G.C. 17 - - Politica Giovanile e del Forum Regionale della Gioventù - Osservatorio Regionale del Mercato del Lavoro (O.R.ME.L.) - Deliberazione n. 963 del 15 maggio 2009 - Disposizioni concernenti l'organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento sala del commiato

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento sala del commiato CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento sala del commiato Approvato con D.C.C. n. 82 del 29/12/2011 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto il complesso delle norme

Dettagli

Disposizioni applicative della Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria

Disposizioni applicative della Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 982 del 17 giugno 2014 pag. 1/5 Disposizioni applicative della Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria Le presenti disposizioni

Dettagli

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO Allegato A) alla delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 24/04/2013. COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DI DESTINAZIONE DELLE CENERI. ART. 1 Oggetto

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE.

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. Dr Mario Spinelli Direttore S.C. Medicina Legale ASL n. 15 Cuneo NORMATIVA T.U delle Leggi Sanitarie n. 1265 del 27 luglio 1934 ( Tit. VI) D.

Dettagli

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE MODULO DI ISCRIZIONE da spedire a Euro.Act s.r.l. via fax al numero 0532-1911222 entro il GIOVEDì della settimana precedente alla data di effettuazione del corso COMPILARE TUTTI I CAMPI ED INVIARE UN MODULO

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

Richiamato l art. 29 della L.R. 27 luglio 2005, n. 14 con il quale vengono apportate modificazioni alla citata L.R. 19/04;

Richiamato l art. 29 della L.R. 27 luglio 2005, n. 14 con il quale vengono apportate modificazioni alla citata L.R. 19/04; Deliberazione Giunta Regionale Emilia-Romagna 13 febbraio 2006, n. 163 APPROVAZIONE DIRETTIVA AI SENSI DELL ARTICOLO 2, COMMA 1, LETTERA A) DELLA L.R. 29/7/2004, N. 19 DISCIPLINA IN MATERIA FUNERARIA E

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.24 del 15.05.2002 - OMISSIS - Il capo IV viene sostituito interamente dal seguente: Capo IV Trasporti funebri

Dettagli

Comune di LOMBRIASCO

Comune di LOMBRIASCO Comune di LOMBRIASCO Provincia di TORINO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Giunta Regione Emilia-Romagna - atto n. 156 del 07/02/2005 Prot. N. (PRC/05/2194) ------------------------------------------------------------ LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Vista la legge regionale

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI Documenti per i soci

FEDERAZIONE NAZIONALE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI Documenti per i soci FEDERAZIONE NAZIONALE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI Documenti per i soci Allegato Direttiva della Giunta regionale, ai sensi dell articolo 2, comma 1, lett. a) della legge regionale 29 luglio 2004, n. 19 (Disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI ISOLA D ASTI Provincia di Asti REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con delibera di C.C. n. 35 del 27.11.2008. REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI CITTA' di CANALE Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con

Dettagli

ATTIVITÀ FUNEBRE L.R. 4 marzo 2010, n. 18 S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività

ATTIVITÀ FUNEBRE L.R. 4 marzo 2010, n. 18 S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività CAPAR04C.rtf - (06/2015) ATTIVITÀ FUNEBRE L.R. 4 marzo 2010, n. 18 S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cog Nome C.F. _ _ _

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013.

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013. All. A del. C.C. n. /2013 COMUNE DI TARZO (TV) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DI DEFUNTI E/O RESTI MORTALI Approvato con deliberazione

Dettagli

Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001

Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001 Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001 1 CAPO l CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE Art. I Definizione di trasporto funebre 1. Costituisce trasporto

Dettagli

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI Allegato 1 DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI a) Domanda in bollo al Sindaco del Comune in cui si trova la salma da

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GRINZANE CAVOUR Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 504 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore TOMASSINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 26 MAGGIO 2006 Disciplina delle attività nel settore funerario TIPOGRAFIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BUSCA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI PONTEBBA. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI PONTEBBA. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI PONTEBBA Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.ro 60 del 30/11/2013 INDICE Art. 1 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio Allegato A Comune di Teglio Provincia di Sondrio Disciplinare per l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri - procedure individuazione luoghi destinati alla dispersione delle ceneri derivanti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di MOMBELLO MONFERRATO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere autorizzata dal Comune (2) ove è avvenuto il decesso,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI I N D I C E Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE 1 CAPO I - NORME GENERALI

Dettagli

Arti ausiliarie e sanitarie

Arti ausiliarie e sanitarie Categoria IV S a n i t à e i g i e n e 040112 040113 040950 Arti ausiliarie e sanitarie (art. 100, R.D. 27 luglio 1934, 265) REGISTRO dei residenti nel Comune esercenti arti ausiliarie sanitarie, 12 nomi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI Approvato con deliberazione del C.C. n. 18 del 08.04.2014 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 DURATA DELLE CONCESSIONI

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione

Art. 1 Oggetto  Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione PROVINCIA DI CUNEO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione Art. 5 Insufficienza sepolture. Cremazioni Art. 6 Caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria Comune di Prazzo Provincia di Cuneo Regolamento comunale di polizia mortuaria Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 31/05/2012 1 Il presente Regolamento di polizia mortuaria sostituisce

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE C O M U N E DI G E N O L A Provincia di Cuneo REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA U.O. SERVIZI CIMITERIALI E POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, LA CONSERVAZIONE, L AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE

Dettagli

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1327 del 23 luglio 2013 pag. 1/7 Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto Legge regionale 14 giugno 2013, n. 11 Disposizioni regionali di indirizzo

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 11/I-II del 11.3.2008 - Amtsblatt Nr. 11/I-II vom 11.3.2008 33

Bollettino Ufficiale n. 11/I-II del 11.3.2008 - Amtsblatt Nr. 11/I-II vom 11.3.2008 33 Bollettino Ufficiale n. 11/I-II del 11.3.2008 - Amtsblatt Nr. 11/I-II vom 11.3.2008 33 t) qualità di studente; u) qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n.20) Art. DESCRIZIONE Art.

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA CREMAZIONE, DISPERSIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con atto deliberativo di Consiglio

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia di Trapani) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE (Approvato con deliberazione C.C. n 99 del 29/12/2008) CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 18/9^ DI INIZIATIVA

PROPOSTA DI LEGGE N. 18/9^ DI INIZIATIVA Consiglio regionale r DI INIZIATIVA del Consigliere MORELLI RECANTE: disciplina in materia funeraria, di edilizia cimiteriale, polizia mortuaria e istituzione delle RELATORE: Francesco Morelli IL DIRIGENTE

Dettagli

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CERESETO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LA CREMAZIONE, L'AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LA CREMAZIONE, L'AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LA CREMAZIONE, L'AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE La cremazione, l'affidamento, la conservazione e la dispersione delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Ordinanza per regolare esumazioni ed estumulazioni nel Comune di Ferrara IL SINDACO

COMUNE DI FERRARA. Ordinanza per regolare esumazioni ed estumulazioni nel Comune di Ferrara IL SINDACO COMUNE DI FERRARA PROTOCOLLO GENERALE Cod. AMC.FE.A01. 17 GEN. 2004 N. 4519 COMUNE DI FERRARA Ordinanza per regolare esumazioni ed estumulazioni nel Comune di Ferrara PROT. N. IL SINDACO - Premesso che

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Servizi cimiteriali REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 18 del 28 maggio 2005 modificato ed integrato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA APPROVAZIONE Delibera Consiglio Comunale n. 70

Dettagli

Allegato. Comune di Campogalliano

Allegato. Comune di Campogalliano Allegato Comune di Campogalliano REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con delibera di C.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CORNELIANO D ALBA Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S

Dettagli

Regolamento per la cremazione, l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento per la cremazione, l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Provincia di Livorno Regolamento per la cremazione, l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 192 del

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O CAPO I - NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO II

Dettagli

c) decesso in Struttura Ospedaliera o RSA In tale caso, il decesso è constatato ovviamente dal personale medico della struttura.

c) decesso in Struttura Ospedaliera o RSA In tale caso, il decesso è constatato ovviamente dal personale medico della struttura. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO COMPARTO IGIENE PUBBLICA VIA A. CANTORE N. 20 25128 BRESCIA Tel. 030/3838613 Fax 030/3838710 E-mail:igiene pubblica.comparto@aslbrescia.it Brescia, 06.10.2008 1. LA DIAGNOSI

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 521-2014 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014 SETTORE : AFFARI GENERALI E

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli