OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)"

Transcript

1 Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata in consultazione dalla CONSOB e con il presente documento intende formulare le proprie valutazioni, distinte, come riportato di seguito, tra commenti generali e osservazioni specifiche sui singoli articoli. COMMENTI GENERALI La regolamentazione oggetto della consultazione è stata predisposta, ovviamente, avendo esclusivo riguardo al comparto finanziario, introducendo novità di rilievo in attuazione della normativa MiFID. Le imprese di assicurazione, già dotate di una propria specifica disciplina (v. Codice delle assicurazioni e relativa normativa attuativa), a livello comunitario non sono assoggettate alla normativa in materia finanziaria, ma limitatamente ai prodotti finanziari da loro emessi risultano sottoposte agli artt. 21 e 23 del TUF in conseguenza di una scelta effettuata esclusivamente in sede di legislazione nazionale (v. art. 25-bis del TUF). Il quadro normativo sinteticamente descritto determina alcune difficoltà interpretative e di coordinamento in relazione alla disciplina applicabile alle imprese assicuratrici e alla relativa rete distributiva tradizionale (agenti, loro collaboratori e dipendenti, produttori diretti) in tutti i casi in cui il rinvio per relationem, previsto dall art. 87 della bozza di regolamento in esame (di seguito, Regolamento), viene effettuato a disposizioni che regolano attività e fattispecie tipiche dei soggetti abilitati ai sensi del TUF e, quindi, non rinvenibili nell ambito dell ordinamento assicurativo. Rinviando al commento dei singoli articoli per le osservazioni di maggior dettaglio, si riportano alcuni esempi di termini recati dal TUF (come modificato dallo schema di 1

2 d.lgs. di recepimento della direttiva MiFID di primo livello) che, laddove applicati al collocamento dei prodotti finanziari assicurativi, comportano difficoltà interpretative: servizi di investimento, per tali intendendosi in particolare le seguenti attività, quando hanno per oggetto strumenti finanziari: negoziazione per conto proprio; esecuzione di ordini per conto di clienti; sottoscrizione e/o collocamento; gestione di portafogli; ricezione e trasmissione di ordini; consulenza in materia di investimenti; strumenti finanziari, per tali intendendosi i valori mobiliari (azioni, obbligazioni ecc.), le quote di OICR, i contratti di opzione, i futures, gli swaps ecc.; consulenza in materia di investimenti, per tale intendendosi una consulenza personalizzata e avente ad oggetto la vendita di un determinato strumento finanziario (cfr., al riguardo, la relativa scheda di approfondimento inclusa nella documentazione in consultazione). Al riguardo, si osserva che i termini sopra citati si riferiscono a servizi o attività riservati in via esclusiva ai soggetti abilitati ai sensi del TUF. In particolare, nel nostro settore la consulenza viene svolta dagli intermediari assicurativi esclusivamente in relazione ai prodotti che gli intermediari stessi sono abilitati a collocare. Appare pertanto necessario precisare in qual modo le suddette espressioni debbano essere applicate nell ambito dell attività assicurativa. Tutto ciò premesso, si rileva che come già osservato nella precedente procedura di consultazione relativa alle modifiche del Regolamento Intermediari entrate in vigore il 1 luglio u.s. le disposizioni dettate dalla CONSOB in materia di distribuzione di prodotti finanziari emessi dalle imprese di assicurazione danno luogo ad inevitabili sovrapposizioni con la disciplina assicurativa già vigente. Va altresì rilevato che ulteriori sovrapposizioni potrebbero derivare da disposizioni CONSOB di contenuto analogo e poste a carico sia degli emittenti sia degli intermediari. Al riguardo, infatti, deve essere tenuto presente che: le imprese di assicurazione rivestono il ruolo di soggetti emittenti prodotti finanziari assicurativi (come tali sottoposti allo specifico Regolamento CONSOB) e risultano, al contempo, assoggettate anche alle regole di comportamento tipiche degli intermediari autorizzati ; le banche e le SIM, che possono collocare prodotti di ramo III e V nella specifica veste di intermediari assicurativi iscritti nell apposito Registro tenuto dall ISVAP, sono sottoposte sostanzialmente alle stesse regole di comportamento 2

3 delle imprese di assicurazione di cui collocano i prodotti (v. artt. 85, comma 1, e 87, comma 1). Il mercato assicurativo ritiene che la giusta ed incontestabile esigenza di tutelare la clientela debba essere perseguita e soddisfatta mediante disposizioni che consentano una applicazione chiara ed efficace da parte degli operatori interessati. Sulla base delle considerazioni sopra esposte, si formulano di seguito osservazioni sulle singole disposizioni del Regolamento che interessano il settore assicurativo, proponendo nel contempo eventuali modifiche in relazione alle quali si chiede la valutazione di codesta Autorità. OSSERVAZIONI SPECIFICHE SUI SINGOLI ARTICOLI Art. 27 (Requisiti generali delle informazioni) La disposizione in esame detta i requisiti generali cui si debbono uniformare tutte le informazioni alla clientela, ivi comprese quelle pubblicitarie e promozionali. A tale riguardo, si osserva che le imprese di assicurazione, nel collocare i propri prodotti finanziari assicurativi, devono utilizzare gli appositi schemi di prospetto informativo allegati al Regolamento Emittenti (ad eccezione delle particolari esimenti previste dall art. 33 di detto Regolamento). Il contenuto dei prospetti è predeterminato dalla CONSOB e quindi risponde già, implicitamente, ai requisiti generali recati dall art. 27 in commento (correttezza, chiarezza, idoneità a far comprendere al cliente la natura del prodotto collocato in modo che egli possa assumere decisioni consapevoli). Inoltre le imprese assicuratrici, nel pubblicizzare i prodotti finanziari da loro emessi, devono rispettare gli artt. 17 (salvo il comma 3) e 18 del citato Regolamento Emittenti, che in tema di pubblicità recano principi analoghi a quelli contenuti nell art. 27 in commento. A ciò si aggiunga che ulteriori e similari informazioni vengono fornite al cliente tramite la consegna dei modelli di cui agli allegati 7A e 7B del Regolamento Intermediari ISVAP n. 5/2006. Quanto poi alla definizione di sede di esecuzione (v. art. 2, comma 2, lett. e, del Regolamento: un mercato regolamentato, un sistema multilaterale di negoziazione- MTF, un internalizzatore sistematico, un market maker o altro negoziatore per conto proprio, nonché una sede equivalente di un Paese extracomunitario), non è dato comprendere con immediatezza in che modo essa possa essere applicata ai prodotti finanziari emessi dalle imprese di assicurazione. Al riguardo, si rileva comunque che: 3

4 o per sede di esecuzione si intende il mercato di riferimento degli investimenti cui le prestazioni dei prodotti finanziari assicurativi sono collegate e, in tal caso, tale informazione è evidentemente già presente negli schemi di prospetto informativo; oppure, una volta chiarito in che modo la definizione in questione possa essere applicata ai prodotti finanziari assicurativi, essa dovrebbe essere inserita negli schemi di prospetto informativo stessi. Tutto ciò considerato, si chiede di confermare l interpretazione secondo cui gli obblighi di informazione e comunicazione nei confronti della clientela risultano correttamente adempiuti, in caso di collocamento di prodotti finanziari assicurativi, tramite la consegna del prospetto informativo al cliente e l illustrazione dei contenuti informativi dello stesso nel rispetto dei requisiti stabiliti dal Regolamento Intermediari. Art. 28 (Condizioni per informazioni corrette, chiare e non fuorvianti) La disposizione in esame stabilisce le modalità da seguire per fornire informazioni chiare e corrette alla clientela. Come già osservato in sede di commento all art. 27, si rileva che gli schemi di prospetto informativo per i prodotti finanziari assicurativi predisposti dalla CONSOB soddisfano le condizioni previste dai commi 1, 2, 4, 5, 7 e 8 dell art. 28 in commento. Ciò considerato, si chiede di confermare l interpretazione secondo cui gli obblighi di informazione e comunicazione nei confronti della clientela risultano correttamente adempiuti, in caso di collocamento di prodotti finanziari assicurativi, tramite la consegna del prospetto informativo al cliente e l illustrazione dei contenuti informativi dello stesso nel rispetto dei requisiti stabiliti dal Regolamento Intermediari. Art. 29 (Informazioni sull impresa di investimento e i suoi servizi) La disposizione in esame esplicita nel dettaglio il contenuto delle informazioni di cui al comma 2, lett. a), del precedente art. 27. Al riguardo si rileva, in coerenza con quanto già osservato in sede di commento all art. 27, che le imprese di assicurazione già forniscono alla clientela le informazioni indicate nell art. 29, comma 1, poiché esse, nel collocare i propri prodotti finanziari assicurativi, devono utilizzare gli appositi schemi di prospetto informativo allegati al Regolamento Emittenti. Parimenti, similari informazioni vengono fornite al cliente tramite la consegna dei modelli di cui agli allegati 7A e 7B del Regolamento Intermediari ISVAP n. 5/

5 Ciò posto in via generale, con specifico riferimento ad alcune delle informazioni sull impresa di investimento e i suoi servizi indicate al comma 1 dell art. 29, si rileva quanto segue: alla lettera e), la norma prevede una dichiarazione in cui venga specificato lo Stato membro in cui è registrato l agente collegato attraverso cui l impresa colloca prodotti finanziari assicurativi. Dato che la definizione di agente collegato, ai sensi dell art. 23 della direttiva MiFID di primo livello, corrisponde a quella di promotore finanziario di cui all art. 31, comma 2, del TUF (come modificato dallo schema di d.lgs. di recepimento della stessa direttiva) e sembra trovare riscontro nella figura dell agente di assicurazione, si chiede conferma di tale interpretazione; alla lettera f), si prevede che vengano indicate al cliente la natura, la frequenza e le date dei rendiconti di cui agli articoli da 53 a 56; dato che ai sensi dell art. 87, comma 1, del Regolamento soltanto l art. 53 (ma si veda al riguardo, più avanti, il relativo commento) risulterebbe applicabile alle imprese di assicurazione, si chiede di precisare che la documentazione da fornire al cliente da parte delle imprese assicuratrici è esclusivamente quella prevista da detto articolo; alla lettera g), si prevede che venga fornita al cliente una descrizione sintetica delle misure adottate per la tutela degli strumenti finanziari o delle somme di denaro di clienti detenuti dall impresa. Considerato che le imprese di assicurazione non detengono né strumenti finanziari né somme di denaro per conto della clientela attività peraltro riservata in via esclusiva ai soggetti abilitati ai sensi del TUF ma impiegano i premi ai fini dell adempimento delle proprie obbligazioni utilizzando a tal fine attivi di loro proprietà, si ritiene che tale previsione non sia applicabile alle imprese assicuratrici stesse. Si chiede pertanto di eliminare la lettera g) del comma 1 dell art. 29 dall elenco delle norme applicabili alle imprese di assicurazione ai sensi dell art. 87, comma 1, del Regolamento. Tutto ciò considerato, si chiede di confermare l interpretazione secondo cui gli obblighi di informazione e comunicazione nei confronti della clientela risultano correttamente adempiuti, in caso di collocamento di prodotti finanziari assicurativi, tramite la consegna del prospetto informativo al cliente e l illustrazione dei contenuti informativi dello stesso nel rispetto dei requisiti stabiliti dal Regolamento Intermediari. Art. 30 (Informazioni concernenti la salvaguardia degli strumenti finanziari e delle somme di denaro della clientela) La disposizione in esame è focalizzata sulla detenzione di strumenti finanziari o somme di denaro appartenenti alla clientela. Per le stesse ragioni indicate in relazione alla lettera g) del comma 1 dell art. 29, essa non risulta applicabile alle imprese di assicurazione. 5

6 Si chiede pertanto di eliminare l articolo 30 dall elenco delle norme applicabili alle imprese di assicurazione ai sensi dell art. 87, comma 1, del Regolamento. Art. 31 (Informazioni sugli strumenti finanziari) La disposizione in esame esplicita nel dettaglio il contenuto delle informazioni di cui al comma 2, lett. b), del precedente art. 27. Al riguardo si ribadisce, in coerenza con quanto già osservato in sede di commento agli artt. 27 e 29, che le imprese di assicurazione già forniscono alla clientela le informazioni indicate nell art. 31, poiché esse, nel collocare i propri prodotti finanziari assicurativi, devono utilizzare gli appositi schemi di prospetto informativo allegati al Regolamento Emittenti. Parimenti, similari informazioni vengono fornite al cliente tramite la consegna dei modelli di cui agli allegati 7A e 7B del Regolamento Intermediari ISVAP n. 5/2006. Ciò considerato, si chiede di confermare l interpretazione secondo cui gli obblighi di informazione e comunicazione nei confronti della clientela risultano correttamente adempiuti, in caso di collocamento di prodotti finanziari assicurativi, tramite la consegna del prospetto informativo al cliente e l illustrazione dei contenuti informativi dello stesso nel rispetto dei requisiti stabiliti dal Regolamento Intermediari. Art. 32 (Informazioni sui costi e sugli oneri) La disposizione in esame esplicita nel dettaglio il contenuto delle informazioni di cui al comma 2, lett. d), del precedente art. 27. Al riguardo si ribadisce, in coerenza con quanto già osservato in sede di commento agli artt. 27, 29 e 31, che le imprese di assicurazione già forniscono alla clientela le informazioni indicate nell art. 32, poiché esse, nel collocare i propri prodotti finanziari assicurativi, devono utilizzare gli appositi schemi di prospetto informativo allegati al Regolamento Emittenti. Parimenti, similari informazioni vengono fornite al cliente tramite la consegna dei modelli di cui agli allegati 7A e 7B del Regolamento Intermediari ISVAP n. 5/2006. Ciò posto in via generale, con specifico riferimento all indicazione del prezzo totale che il cliente deve pagare, si osserva che nel caso dei prodotti finanziari assicurativi non è dato comprendere con immediatezza cosa si debba intendere, appunto, per prezzo totale. 6

7 Al riguardo, si ipotizza che per prezzo totale debba essere inteso il premio complessivo del contratto di assicurazione; in tal caso, l informazione in questione è evidentemente già riportata nel contratto stesso nonché nella quietanza di pagamento rilasciata al cliente. Inoltre, va evidenziato che all interno degli schemi di prospetto informativo è già presente la scomposizione percentuale del premio pagato (capitale investito, eventuali coperture assicurative, costi di caricamento), unitamente all indicazione dei costi del contratto e del costo percentuale medio annuo. Ciò considerato, si chiede di confermare l interpretazione secondo cui gli obblighi di informazione e comunicazione nei confronti della clientela risultano correttamente adempiuti, in caso di collocamento di prodotti finanziari assicurativi, tramite la consegna del prospetto informativo al cliente e l illustrazione dei contenuti informativi dello stesso nel rispetto dei requisiti stabiliti dal Regolamento Intermediari. Art. 34 (Modalità e termini di consegna delle informazioni) La disposizione in esame prevede, ai commi da 1 a 5, l indicazione delle modalità e dei termini di consegna delle informazioni da fornire ai clienti. Al riguardo si ribadisce, in coerenza con quanto già osservato in sede di commento agli artt. 27, 29, 31 e 32, che le imprese di assicurazione già sono tenute a rispettare detti termini e modalità nella consegna alla clientela degli appositi prospetti informativi. Parimenti, anche gli intermediari assicurativi già rispettano gli stessi termini e modalità nella consegna alla clientela dei modelli di cui agli allegati 7A e 7B del Regolamento Intermediari ISVAP n. 5/2006. Con riferimento, poi, alla comunicazione delle modifiche rilevanti delle informazioni fornite alla clientela, disciplinata dal comma 6 della disposizione in esame, si osserva che il Regolamento Emittenti già prevede la tempestiva comunicazione ai clienti delle variazioni delle informazioni contenute nel prospetto informativo (cfr. art. 28-septies, comma 8). Ciò considerato, si chiede di confermare l interpretazione secondo cui la disposizione in esame risulta correttamente adempiuta, in caso di collocamento di prodotti finanziari assicurativi, tramite la consegna del prospetto informativo al cliente e l illustrazione dei contenuti informativi dello stesso nel rispetto delle modalità e dei termini stabiliti dal Regolamento Intermediari. 7

8 Art. 35 (Informazioni riguardanti la classificazione dei clienti) Sulla base della nuova classificazione della clientela finanziaria ( cliente al dettaglio, cliente professionale, controparte qualificata ) classificazione alla quale è connesso un diverso grado di tutela del cliente medesimo la disposizione in esame disciplina i relativi obblighi informativi posti a carico degli intermediari autorizzati. In particolare, essa obbliga a comunicare ai nuovi clienti per iscritto la loro classificazione e ad informare i clienti medesimi circa la facoltà di chiederne il cambiamento. Ai sensi degli artt. 85 e 87, sia le imprese di assicurazione sia i soggetti abilitati all intermediazione assicurativa sono stati assoggettati alla disciplina in parola nel caso della distribuzione di prodotti finanziari assicurativi. Al riguardo, si rileva che l obbligo di comunicazione scritta ai nuovi clienti retail della loro classe di appartenenza e del relativo diritto di cambiare la classe stessa non sembra essere coerente, nel caso del collocamento dei prodotti finanziari assicurativi, con una adeguata analisi costi/benefici. Ed infatti, i clienti rientranti in tale tipologia non avrebbero alcun interesse a richiedere una diversa classificazione, che comporterebbe un grado di tutela certamente inferiore. In ogni caso, sempre in un ottica di analisi costi/benefici, la condivisa esigenza di informare la clientela circa le tutele cui ha diritto appare sostanzialmente realizzata attraverso la consegna dei documenti informativi precontrattuali (prospetto informativo e modelli di cui agli allegati 7A e 7B del Regolamento Intermediari ISVAP n. 5/2006), piuttosto che con la mera assegnazione di una determinata classe di appartenenza. A ciò si aggiunga che la clientela relativa ai prodotti finanziari assicurativi risulta, sul piano numerico, quasi esclusivamente al dettaglio. Si chiede, pertanto, che la clientela retail dei prodotti finanziari assicurativi possa essere classificata come tale in via automatica, ferma restando la facoltà per l impresa di comunicare per iscritto al cliente al dettaglio la sua classificazione. Parallelamente, si chiede di prevedere l obbligo di comunicazione scritta della classe di appartenenza esclusivamente nei confronti dei clienti professionali e delle controparti qualificate, i quali potrebbero essere effettivamente interessati a richiedere la classificazione di clienti al dettaglio in quanto caratterizzata da un maggior grado di tutela. A prescindere da quanto sopra richiesto, si ritiene che l obbligo di comunicazione in questione si possa considerare adempiuto indipendentemente dal fatto che vi provveda l impresa di assicurazione ovvero un altro soggetto. Ciò allo scopo di evitare appesantimenti operativi peraltro potenzialmente fonte di confusione per la stessa clientela. Conseguentemente, si chiede di inserire nell art. 35 una norma di contenuto analogo a quello recato dal comma 3 dell art. 53 o, in subordine, di confermare la correttezza di tale interpretazione. 8

9 Infine, si chiede di raccordare la norma in esame con le fattispecie di esonero dalla consegna del prospetto informativo di cui all art. 33 del Regolamento Emittenti (cfr., in particolare, comma 1, lett. c). Artt. 39, 40, 41 e 42 (Informazioni dai clienti nei servizi di consulenza in materia di investimenti e di gestione di portafogli; Valutazione dell adeguatezza; Informazioni dai clienti nei servizi diversi da quelli di consulenza in materia di investimenti e di gestione di portafogli; Valutazione dell appropriatezza.) Premesso che: per consulenza in materia di investimenti si intende la consulenza personalizzata e avente ad oggetto la vendita di un determinato strumento o prodotto finanziario; la consulenza in materia di investimenti costituisce formalmente attività tipica e riservata dei soggetti abilitati (v. art. 1, comma 5, lett. f, del TUF, come modificato dallo schema di d.lgs. di recepimento della direttiva MiFID di primo livello); il regime dell appropriatezza si pone come residuale rispetto al regime dell adeguatezza ( servizi di investimento diversi dalla consulenza in materia di investimenti e dalla gestione di portafogli ); nell ordinamento assicurativo la consulenza viene svolta dalle imprese di assicurazione e dalle proprie reti distributive tradizionali (agenti, loro collaboratori e dipendenti, produttori diretti) esclusivamente in relazione a prodotti emessi dalle stesse imprese assicuratrici; il Regolamento Intermediari ISVAP n. 5/2006, all art. 52, reca già una dettagliata disciplina in materia di adeguatezza dei contratti offerti, sostanzialmente simile a quanto previsto dalla normativa CONSOB nella stessa materia, si chiede di chiarire in che modo le disposizioni in esame, con specifico riguardo alla consulenza e alla relativa valutazione di adeguatezza, possano trovare applicazione nei confronti del settore assicurativo. In particolare, si chiede di precisare: quali siano i presupposti che danno luogo all obbligo di valutare l adeguatezza piuttosto che l appropriatezza del prodotto finanziario assicurativo offerto; se, una volta verificata l impossibilità di prestare l attività di consulenza, si possa comunque procedere nel collocamento del prodotto offerto valutandone, in ogni caso, l appropriatezza. 9

10 Artt. 49, 50 e 51 (Principi generali; Aggregazione e assegnazione; Assegnazione a seguito di aggregazione di ordini di clienti con disposizioni per conto proprio) Le disposizioni in esame disciplinano l attività di gestione di ordini per conto dei clienti. Al riguardo, si osserva che tale disciplina non sembra attagliarsi ai contratti di assicurazione, i quali non hanno ad oggetto la gestione di ordini per conto dei clienti, ma l adempimento di obbligazioni contrattuali a fronte del pagamento di un premio. Si chiede pertanto di eliminare gli articoli 49, 50 e 51 dall elenco delle norme applicabili alle imprese di assicurazione ai sensi dell art. 87, comma 1, del Regolamento. Qualora, invece, si ritenesse di poter comunque trasporre in campo assicurativo l attività di gestione di ordini per conto dei clienti, intendendosi per tali i singoli atti di esecuzione del contratto (per esempio, richiesta di riscatto o di switch), si ritiene che in ogni caso possano trovare concreta applicazione nei confronti delle imprese assicuratrici i soli commi 1, 3 e 5 dell articolo 49. Art. 52 (Incentivi) Il settore assicurativo è consapevole delle ragioni che hanno condotto all introduzione della disciplina in tema di c.d. inducements nel comparto finanziario, tenuto anche conto che nell ambito della normativa assicurativa esiste una specifica disciplina in materia di retrocessioni di commissioni o di altri proventi ricevuti dalle imprese in virtù di accordi con soggetti terzi (v. art. 29, comma 4, della circolare ISVAP n. 551/2005). Tuttavia, sussistono dubbi sulla applicabilità della disciplina in esame alla fattispecie del collocamento dei prodotti finanziari assicurativi da parte degli agenti legati all impresa preponente da un rapporto in esclusiva (c.d. monomandatari). Ed infatti, la normativa MiFID non include nel novero dei soggetti terzi cui fa riferimento la disciplina sugli inducements né i lavoratori dipendenti, né i produttori diretti, in quanto essi: sono vincolati all impresa da un rapporto di lavoro o di collaborazione; sono sottoposti al potere di indirizzo e di controllo ( eterodirezione ) da parte dell impresa; agiscono per conto dell impresa e pertanto la stessa risponde civilisticamente del loro operato; costituiscono con l impresa una unica realtà economica ed operativa, poiché l impresa stessa senza il loro operato non potrebbe svolgere la sua ordinaria attività e, viceversa, i soggetti in questione non potrebbero operare in assenza del rapporto di lavoro o di collaborazione con l impresa. 10

11 Per le stesse ragioni, la normativa MiFID non considera soggetti terzi ai fini della disciplina sugli inducements i promotori finanziari. Al riguardo, si osserva che alla stessa stregua dei lavoratori dipendenti e dei produttori diretti, nonché dei promotori finanziari anche gli agenti in esclusiva (monomandatari): sono giuridicamente vincolati all impresa preponente da uno specifico rapporto di agenzia; agiscono per conto dell impresa stessa e, in genere, anche in suo nome; sono sottoposti al potere di indirizzo e di controllo ( eterodirezione ) da parte dell impresa, che risponde civilisticamente del loro operato; costituiscono una unica realtà economica ed operativa con l impresa preponente. Ciò posto, si ritiene che, ai fini della disciplina sugli inducements, anche gli agenti in esclusiva non debbano, a rigore e secondo il principio del level playing field, essere considerati soggetti terzi rispetto all impresa di assicurazione di cui collocano i prodotti. Argomentare al contrario, infatti, implicherebbe: nel caso di collocamento attraverso lavoratori dipendenti o produttori diretti, che gli stessi dovrebbero essere considerati quali soggetti terzi rispetto all impresa di assicurazione, il che appare giuridicamente insostenibile e sostanzialmente illogico; una disciplina irragionevolmente diversa secondo la quale i promotori finanziari non sarebbero sottoposti alla regolamentazione in tema di inducements, mentre lo sarebbero gli agenti in esclusiva (monomandatari), e ciò nonostante che questi ultimi abbiano la stessa configurazione giuridica e svolgano di fatto la medesima attività (cfr. la definizione di agente collegato di cui all art. 4, comma 1, numero 25 della direttiva MiFID di primo livello). A ciò si aggiunga che la disciplina in tema di inducements si riferisce evidentemente ai rapporti tra intermediari e terzi (ad esempio, tra una banca o una SIM collocatrice e una SGR emittente il prodotto collocato). Al riguardo, si rileva che le imprese di assicurazione risultano sottoposte alla normativa sugli intermediari, pur non essendo tali sul piano formale, in conseguenza del richiamo operato dall art. 25-bis del TUF. Tuttavia, le imprese assicuratici sono allo stesso tempo emittenti i prodotti finanziari assicurativi e soggetti collocatori degli stessi attraverso personale dipendente, produttori diretti ed agenti che per le ragioni sopra illustrate non rientrano nel novero dei soggetti terzi nonché attraverso broker e soggetti abilitati all intermediazione assicurativa che viceversa, data la loro configurazione giuridica, rientrano nell ambito dei soggetti terzi. 11

12 A nostro avviso, pertanto, la disciplina sugli inducements ha ragione di essere applicata alle imprese di assicurazione nei loro rapporti con terzi, salvo poi verificare quando questi siano qualificabili effettivamente come tali. Al contrario, tale applicazione appare incoerente se si considerano gli agenti di assicurazione in esclusiva alla stessa stregua degli intermediari (banche, SIM, ecc.), sia per le ragioni sopra esposte sia perché, come la stessa Commissione ha già avuto modo di sottolineare, il riferimento operato dal 25-bis del TUF alle sole imprese di assicurazione non sembra in grado di attrarre sotto la vigilanza della CONSOB anche la distribuzione di prodotti assicurativi finanziari realizzata dagli agenti, produttori diretti e broker di assicurazione, che rimane quindi regolata dal Codice delle assicurazioni e dalle connesse disposizioni di attuazione (v. considerazioni alle pagg. 3 e 8 del documento CONSOB Regolamento Intermediari Distribuzione di prodotti finanziari emessi da banche e da imprese di assicurazione art. 25-bis del TUF Esito delle consultazioni del 1 giugno 2007). Da ultimo, si osserva che gli incentivi ricevuti ai sensi dell art. 52 dovrebbero essere indicati, ai sensi dell art. 37, comma 2, lett. f), del Regolamento, all interno dei contratti sulla base dei quali gli intermediari forniscono ai clienti al dettaglio i propri servizi di investimento. Orbene, la stessa Commissione ha riconosciuto che tale disposizione non debba trovare applicazione nei confronti delle imprese di assicurazione non inserendola nell elenco di cui al comma 1 dell art. 87 ragion per cui per le imprese stesse viene a mancare lo strumento in cui esplicitare gli incentivi in parola. Al riguardo, va ricordato che all interno del prospetto informativo deve essere in ogni caso specificato, in forma tabellare, la quota parte percepita dai distributori. In definitiva, si chiede conferma dell interpretazione sopra argomentata secondo cui gli agenti di assicurazione non possono essere considerati soggetti terzi ai sensi dell articolo 52 del Regolamento. Art. 53 (Rendicontazione nei servizi diversi dalla gestione di portafogli) La disposizione in esame disciplina gli obblighi di rendicontazione nei confronti della clientela rispetto agli ordini eseguiti. Al riguardo, si osserva che gli schemi di prospetto informativo per i prodotti finanziari assicurativi allegati al Regolamento Emittenti recano già una dettagliata disciplina sia in materia di lettera di conferma dell investimento dei premi, sia più in generale in tema di rendicontazione periodica cui è tenuta l impresa assicuratrice nei confronti della clientela. Peraltro, essendo la disciplina in questione posta anche a carico dei soggetti abilitati all intermediazione assicurativa, la pedissequa applicazione delle concorrenti 12

13 discipline in tema di rendicontazione porterebbe quindi al paradosso di dover inviare al medesimo cliente, ad esempio, più lettere di conferma dell investimento. Si chiede pertanto di confermare l interpretazione secondo cui gli obblighi di rendicontazione nei confronti della clientela risultano correttamente adempiuti, in caso di collocamento di prodotti finanziari assicurativi, tramite il rispetto di quanto già previsto dalla CONSOB nell ambito degli schemi di prospetto informativo per i prodotti finanziari assicurativi, che peraltro fanno anche riferimento alla vigente normativa in materia di assicurazione sulla vita. *** Il Regolamento in consultazione non contiene alcuna disposizione transitoria. Al riguardo, posto che l art. 37 sui contratti si applica ai soli intermediari autorizzati, si chiede di confermare se gli adempimenti posti a carico delle imprese di assicurazione sono da attuarsi a partire dal 1 novembre Qualora la Commissione ritenesse che alcune disposizioni, con riferimento alle imprese di assicurazione, possano riguardare i prodotti finanziari assicurativi collocati prima di detta data, si chiede di precisare quali siano tali disposizioni e di concedere, ai fini della loro applicazione, un congruo periodo di differimento, come peraltro concesso ai soggetti abilitati dallo stesso schema di d.lgs. di recepimento della direttiva MiFID di primo livello. 13

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO Roma, 30 gennaio 2008 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 luglio 2006 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 7 agosto 2006 al

Dettagli

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Impatto della MiFID sul sistema organizzativo interno degli intermediari. La consulenza e l impatto nell operatività dei promotori finanziari Milano,

Dettagli

POSITION PAPER. 23 novembre 2007

POSITION PAPER. 23 novembre 2007 Risposta ABI alla consultazione della CONSOB sulla Comunicazione contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Mercati adottato in attuazione della MiFID 23 novembre 2007 POSITION

Dettagli

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 25/2007)

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 25/2007) OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E I NATANTI

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare:

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare: GESTIONE, DISCLOSURE E MONITORAGGIO DEGLI INCENTIVI ( INDUCEMENTS ) VERSATI E/O PERCEPITI DALLA BANCA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI 1. PREMESSA La disciplina MiFID sugli incentivi

Dettagli

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini Edizione Novembre 2013 1 Sommario 1. Obbligo di Best Execution: principi generali e contesto normativo di riferimento 2. Sedi

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Inviata all indirizzo e-mail: dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it

Inviata all indirizzo e-mail: dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it Milano, 10 giugno 2014 Spettabile Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Via XX Settembre, n. 97 00187 - ROMA Inviata all indirizzo e-mail: dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it Oggetto:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009 RISOLUZINE N. 267/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 Operazioni esenti IVA Attività di intermediazione relative

Dettagli

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010.

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010. Aprile 2014 Recepimento della AIFMD in Italia e spunti EMIR Laura Francazi, Allen & Overy Il decreto legislativo 1 che recepisce in Italia le disposizioni della direttiva europea sui gestori di fondi di

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

RISOLUZIONE.7/E QUESITO

RISOLUZIONE.7/E QUESITO RISOLUZIONE.7/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 febbraio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Esenzione da ritenute d acconto sulle provvigioni - Art. 25- bis, comma quinto, del DPR 29 settembre 1973,

Dettagli

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA DELLE BANCHE QUALI INTERMEDIARI FINANZIARI: GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA DOPO LA MIFID CASTELLANZA 11 MARZO 2010 ROBERTO LENZI

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria LA CONSULENZA FINANZIARIA La normativa regolamentare della consulenza finanziaria Edoardo Guffanti - Nunzia Melaccio Commissione Banche e Intermediari Finanziari ODEC Milano 22 marzo 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Bozza di comunicazione avente ad oggetto: Messaggi pubblicitari relativi ad offerte al pubblico e/o ammissioni alle negoziazioni su di un mercato regolamentato di prodotti finanziari

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Nella presente tavola, si dà conto esclusivamente dei commenti aventi ad oggetto le disposizioni secondarie di competenza della Banca d Italia ( Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento

Dettagli

15 luglio 2013. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 settembre 2013 al seguente indirizzo:

15 luglio 2013. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 settembre 2013 al seguente indirizzo: Disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela da parte dei promotori finanziari, ai sensi dell art. 7, comma 2, del Decreto Legislativo 21 novembre 2007, n. 231 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte.

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte. OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA DELLE ADESIONI ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI In via preliminare, si esprime apprezzamento per il lavoro svolto dalla Commissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID Simone D Ippolito Markets Regulation Borsa Italiana Milano, 15 aprile 2008 Contenuti Aspetti generali L obbligo di best execution La strategia

Dettagli

"MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012

MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012 "MIFID EMIFID REVIEW: LA POSIZIONE DELL'AUTORITÀ DI VIGILANZA ITALIANA" Flavio Bongiovanni CONSOB Divisione Intermediari Sorrento, 14-15 giugno 2012 LaMIFID1: Indice degli argomenti Evoluzione del quadro

Dettagli

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 2 Milano, 26 marzo 2014 I FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI: I FIA ITALIANI

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

La vendita dei Prodotti Assicurativi

La vendita dei Prodotti Assicurativi La vendita dei Prodotti Assicurativi I prodotti assicurativi formano sempre di più oggetto di campagne di vendita. Vogliamo fornire ai colleghi una breve nota che riepiloghi i punti essenziali della normativa

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** ***

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** *** ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazione Private e di Interesse Collettivo Via Del Quirinale, 21 00187 ROMA *** ** *** PROPOSTE DI EMENDAMENTO AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012; SCHEMA

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio 1.1.1 I contrasti

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Regolamento concernente la disciplina della trasparenza dei premi e delle condizioni di contratto nell assicurazione obbligatoria per i veicoli a

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA 1. PREMESSA a. Le Sim di Consulenza e le Società di Consulenza Finanziaria associate ad ASCOSIM ( le società ) concordano sui principi contenuti nel presente Codice Etico ( Codice ) e si impegnano applicarne

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli