UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!!"

Transcript

1 UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!! di GIUSTI ROBERTA Anno scolastico (bambini di 5 anni) Da: Gennaio a Maggio 1. LA TIPOLOGIA DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO I sistemi simbolici funzionano come linguaggio per la comprensione e l organizzazione della conoscenza ed il sistema simbolico numerico è uno tra i più importanti. Il passaggio dall operatività, in cui i bambini imparano restando legati ad aspetti concreti della realtà, all astrazione, in cui sono invece necessari collegamenti logici su aspetti più lontani dalle esperienze, comporta delle difficoltà che non tutti sono in grado di superare. Legare l insegnamento al << quotidiano >> del bambino e a tutto ciò che fa parte del suo mondo, significa facilitarne l apprendimento e rendere meno arduo il salto dall operatività concreta all astrazione. I bambini conoscono i simboli numerici che utilizzano nel telecomando, al telefono, con tante delle loro esperienze della vita quotidiana, ma non ne conoscono la loro connotazione quantitativa ( funzione cardinale ), cioè la corrispondenza fra ciascun simbolo e la quantità che rappresenta. L acquisizione di questa corrispondenza è la base della loro formazione matematica, poiché su di essa si costituisce la loro capacità di contare e di fare calcoli nei percorsi di apprendimento che intraprenderanno nei successivi ordini di scuola. Il righello dei numeri sul quale verranno scritti i numeri da 1 a 10 servirà da mediatore didattico per rendere il più concreto possibile, attraverso il gioco, operazioni come quantificazione e comparazione ( corrispondenza - equipotenza non equipotenza ),conoscere il concetto di numero e distinguerlo ( cardinale o ordinale) e fare operazioni sui numeri cogliendo quello che viene prima o quello che viene fino ad arrivare a formulare ipotesi per rappresentare quantità e numeri nell ambiente e cimentarsi così nelle prime operazioni di calcolo. Associando un simbolo alla quantità numerica ( di + ; = ; di - ) riusciranno a tradurre il pensiero logico- matematico nella realtà da loro vissuta ogni giorno, facendoli sentire sicuri del fatto che sia per loro una nuova conoscenza acquisita in quanto in grado di gestirla autonomamente. Il bambino sarà in grado di pensare alle proprie azioni, interiorizzarle arrivando a gestire in modo autonomo il concetto di simbolo condiviso e di simbolo convenzionale. 2. IL PROBLEMA AFFRONTATO DALL UNITA DI APPRENDIMENTO Il pensiero prelogico, o intuitivo, procede in una sola direzione, ossia si focalizza su un elemento soltanto. Il bambino, in questa fase della crescita, deve essere aiutato a dare ordine alla loro conoscenza, ma questo è possibile se essi posseggono, in modo conscio, delle trame mentali che consentano, appunto, di ordinare le molteplici cose, i molteplici fenomeni che appartengono alla loro realtà di vita. Incorporando il nuovo dato d esperienza, arricchisce le strutture o gli schemi mentali di cui già dispone, i quali vengono, quindi, modificati da questa integrazione, senza discontinuità con lo stato precedente. Giocando con i simboli matematici delle quantità o avendo il primo approccio con semplici operazioni e calcoli matematici basilari il bambino, con l ingresso alla scuola elementare, sarà in grado di mettere in relazione tra loro gli schemi mentali, organizzandoli in strutture. La conquista

2 effettiva, rispetto al periodo precedente è la reversibilità dell azione interiorizzata. A 6-7 anni dunque il bambino non si lascerà più ingannare dai dati percettivi acquisiti, ma rielaborandoli in modo autonomo sarà in grado di scinderli e costruire un proprio pensiero logico capace di formulare ipotesi o trovare una verifica del ragionamento fatto, partendo proprio dalla soluzione. Con l acquisizione delle operazioni logico matematiche il bambino entra nel mondo del pensiero dell adulto, capace di cooperare con gli altri e di coordinare i diversi punti di vista, entrando così nella fase della costruzione della logica. L infanzia a scuola Editrice Padus Cremona L'unità prende in considerazione una tappa fondamentale della crescita del bambino: il passaggio dall operatività, in cui i bambini imparano restando legati ad aspetti concreti della realtà, all astrazione, in cui sono invece necessari collegamenti logici su aspetti più lontani dalle esperienze. Il bambino,in questa fase della crescita, deve essere aiutato a dare ordine alla propria conoscenza, ma questo è possibile se esso possiede delle trame mentali che consentano, appunto, di ordinare le molteplici cose, i molteplici fenomeni che appartengono alla loro realtà di vita. Incorporando il nuovo dato d esperienza, arricchisce le strutture o gli schemi mentali di cui già dispone, i quali vengono, quindi, modificati da questa integrazione, senza discontinuità con lo stato precedente. Associando un simbolo alla quantità numerica riusciranno a tradurre il pensiero logico- matematico nella realtà. Questi requisiti per esser consolidati e quindi diventare esperienza, conoscenza,confronto hanno bisogno di una serie di attività, giochi, conversazioni in cui rafforzare ciò che lui già possiede permettendo ciò che viene detto il fare e l agire del bambino e il sistema simbolico numerico: Rielabora le conoscenze di base per trovare possibili soluzioni Acquisisce un uso più consapevole del numero: accosta la quantità, espressa graficamente, al numero scritto in cifre. Interiorizza la sequenza dei numeri: conta e riconosce i numeri (da 1 a 10) rispettando una sequenza logica crescente e decrescente 3. MODALITA OPERATIVE 2 Attività : Un righellone speciale!!!! (mediatore attivo simbolico) Winnie farà recapitare in classe uno scatolone- regalo con dentro del materiale e le istruzioni per costruire un grosso righello tutti insieme..un righello speciale IL RIGHELLO dei NUMERI ( Ogni maestra è libera di mettere il materiale didattico che preferisce per realizzare il righellone ) Una volta costruito si metterà per terra e scalzi i bambini percorreranno il righello avanti e indietro a seconda di alcuni comandi dati dalla maestra, verbalizzando i movimenti fatti e il numero su cui si fermano.(es. sillabando il loro nome, o facendo due passi avanti, tre indietro vai avanti di 1 numero.ecc.) Successivamente verranno poste loro domande che li portano a compiere ragionamenti del tipo: il 5 viene due numeri DOPO il 3, il numero che viene DOPO il 4 è il 5 oppure il numero che viene PRIMA del 4 è il 3. Al termine ogni bambino colorerà e realizzerà il proprio righello dei numeri Attività 1: REGOLIAMOCI (mediatore attivo iconico) In classe arriverà un regalo.una confezione di regoli. Nel pacco ci sarà un biglietto con

3 sopra scritto che questi mattoncini colorati nascondono un segreto. Possono trasformare i numeri in misure. I bambini saranno invitati a disporli in scala dal più piccolo al più grande e contando assoceranno ad ogni regolo il numero corrispondente dei quadretti in base alla posizione che occupano Al termine si coloreranno i quadratini dello stesso colore del regolo a cui corrispondono e verrà fatto un cartellone di sintesi con tre colonne dove nella prima verrà riportato il numero scritto in lettere, nella seconda il numero sarà scritto come segno grafico ( 1 ) e nella terza verrà espresso tramite misura/quantità = regolo. 2 Gioco motorio: Numeri che camminano!!!! ( mediatore analogico e iconico) Preparare dei cartellini con dei numeri sopra da 1 a 10 ( consegnando ai mezzani i numeri compresi da 1 a 5 ) quanti sono i bambini di 4 5 anni in classe. Ogni bambino colorerà il proprio numero, che poi gli verrà messo sulla pancia come pettorina e si chiamerà : Iniziano a passeggiare per la palestra o sezione che sia salutandosi tra di loro e chiamandosi per numero che verranno rappresentato sulla pettorina del compagno Successivamente la maestra darà loro dei comandi: a coppie tutti i numeri. ; Fanno una fila i numeri 5,6,7,8 ( la stessa cosa in ordine decrescente usando anche altri numeri e così via; e i bambini dovranno rispettare l ordine crescente dei numeri appena elencati dalla maestra.. Al termine ogni bambino metterà l esperienza fatta su foglio a3 cercando di rappresentare sè stesso con il proprio numero e il compagno con il numero più piccolo (PRIMA di LUI ) e più grande del suo ( DOPO di LUI Attività: In che punto ci incontriamo???? (mediatore attivo- iconico) (preparare un cartellone con sopra una tabella a doppia entrata) La maestra preparerà delle fotocopie con dei pallini rappresentanti i numeri da 1 a 10, degli oggetti ( quelli trovati nell attività precedente, presenti nel bosco) e li darà da colorare ai bambini e ritagliare Al termine li farà incollare ai bambini nella tabella a doppia entrata: nella riga superiore i pallini rappresentanti i numeri sotto forma di quantità e nella colonna laterale gli oggetti. I bambini si divertiranno a partire dai due punti della tabella, dalle due entrate, e quando si incontreranno in una casella verbalizzeranno il numero indicato dall oggetto e dai pallini da cui sono partiti e vi scriveranno il numero corrispondente IN CIFRE. Al termine dell attività completeranno in modo autonomo la stessa tabella a doppia entrata singolarmente sul foglio 2 ATTIVITÀ: TAPPO HA FATTO UN GRAN PASTICCIO!!! (mediatore attivo - simbolico) (per i quattro anni numero = colore) La maestra farà trovare in classe dei numeri sparsi da 1 a 10 posti sotto ogni singola carota ( in modo però che unendole formino una figura ) La maestra porrà domande stimolo su come fare per aiutare tappo e perché ogni carote sotto ha un numero.fino ad arrivare a capire che bisogna seguire l ordine dei numeri per raccoglierle senza fare pasticci. Ogni bambino proverà con un filo o gomitolo di lana a fare il percorso e se unirà i numeri in modo corretto, seguendo una successione logica, vedrà che verrà fuori un disegno Al termine ogni bambino riprodurrà il tutto su una scheda che la maestra avrà preparato e che

4 dovrà completare registrando quanto fatto insieme. 2 ATTIVITÀ: MAGICHE MANI. (mediatore attivo simbolico) La maestra riprende la canzone dei numeri facendo arrivare in classe un paio di guanti speciali guanti che serviranno per far arrivare ogni bambino ad associare ad ogni numero il gesto con la mano che andrà ad indicare la quantità del numero enunciato nel corso della canzone Le dita diventeranno così uno strumento che renderà concreto quanto fatto fino ad ora Successivamente la maestra mostrerà loro delle immagini raffiguranti i vari numeri con l uso delle dita e i bambino dovranno provare a dire a che numero corrisponde una determinata figura Al termine varranno incollate su un cartellone, vicine due a due, e ogni bambino scriverà sotto ogni immagine il numero corrispondente I bambini faranno le impronte delle loro mani le ritaglieranno e a seconda del numero che vogliono andare a rappresentare piegheranno le dita in più e incolleranno le loro mani magiche su un foglio e sotto tradurranno l immagine in numero. 1 Gioco motorio: Gioco del fazzoletto (mediatore analogico iconico) la maestra invita i bambini a colorare coppie di numeri, a seconda di quanti sono i bambini in palestra o sezione l insegnante spiegherà le regole del gioco. i bambini che avranno il loro numero scritto in cifra attaccato alla maglia, dovranno associare al gesto della maestra il numero corrispondente ed eventualmente partire per prendere per primi il fazzoletto e regalare così un punto alla propria squadra. 4. REQUISITI-CERTIFICAZIONE IN USCITA Con la frequenza alle attività proposte nell unità di apprendimento il bambino ha acquisito le seguenti abilità: COGNITIVI: Accosta la quantità, espressa graficamente, al numero scritto in cifre Conta e riconosce i numeri da 1 a 10 METACOGNITIVI Metalinguistico: Usa termini appropriati per tradurre verbalmente un simbolo matematico che descrive una quantità: +, =, _ Metalogico: È in grado di contare da 1 a 10, secondo la funzione ordinale dei numeri, seguendone l ordine logico sia crescente che decrescente. Metateorici: Compie piccoli operazioni di relazione tra quantità e numero, formulando ipotesi e spiegando la scelta fatta al fine di riuscire a trovare una soluzione al problema. Associa un immagine, rappresentante un certo numero di elementi, al numero corrispondente, spiegandone il perché. COMPORTAMENTO Assume un atteggiamento attivo verso quanto gli viene proposto e collabora con i compagni iniziando ad accettare anche una loro idea o proposta. Non ride se un compagno ha delle difficoltà o sbaglia a dare una risposta.

5 COMUNICAZIONE Chiede ulteriori spiegazioni se non comprende una consegna o un ragionamento esposto dall insegnante. Rispetta le tempistiche dei compagni: dà tempo ai compagni di ragionare e trovare la risposta corretta senza intervenire istintivamente al suo posto. 6. APPORTO AL PROFILO DELLO STUDENTE Considerando i compiti dell età evolutiva che costituiscono le mete di una determinata fase evolutiva, considerando il percorso formativo attraverso l unità di apprendimento 4. Strumenti culturali per leggere e governare l esperienza Linguaggi creatività ed espressione Conta ed intuisce il rapporto simbolo numerico e di quantità Conferma l uso consapevole del numero: conta in sequenza, utilizza il numero in rapporto alla quantità Compie operazione matematiche. La conoscenza del mondo Di fronte ad un problema, di tipo logico matematico, formula delle ipotesi e cerca delle soluzioni Il sé e l altro Rispetta le regole del gioco interagendo correttamente con i compagni 7. VERIFICA DI FATTIBILITA In fase di programmazione il docente controlla che, quanto è indicato nelle voci precedenti sia effettivamente presente, in modo particolare le risorse fisiche ed economiche, oltre che la strumentazione e siano disponibili nei tempi e modalità prescelte. 8. LA RIPROGETTAZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO La riprogettazione è elemento di: auto-valutazione dell attività didattica, quale attività professionale dei docenti miglioramento continuo delle azioni didattiche un ipotesi di lavoro in continua evoluzione

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2a SOTTO A CHI.CONTA!!! di GIUSTI ROBERTA Anno scolastico 2009-2010 (bambini di 3 anni) Da febbraio 2010 ad aprile 2010

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2a SOTTO A CHI.CONTA!!! di GIUSTI ROBERTA Anno scolastico 2009-2010 (bambini di 3 anni) Da febbraio 2010 ad aprile 2010 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2a SOTTO A CHI.CONTA!!! di GIUSTI ROBERTA Anno scolastico 2009-2010 (bambini di 3 anni) Da febbraio 2010 ad aprile 2010 1.LA TIPOLOGIA DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO I bambini conoscono

Dettagli

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) di GIUSTI ROBERTA ( bambini di 4 anni ) Anno Scolastico 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI e allora MUOVI! da Gennaio

Dettagli

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE:

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: Competenza matematica, Comunicazione nella madrelingua, Imparare ad imparare, Competenze sociali e civiche, Spirito d iniziativa e imprenditorialità. Traguardi per lo sviluppo

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Come sottolineano Ferreiro

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA di MATEMATICA (CLASSI PRIME) secondo le indicazioni nazionali del 2012

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA di MATEMATICA (CLASSI PRIME) secondo le indicazioni nazionali del 2012 PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA di MATEMATICA (CLASSI PRIME) secondo le indicazioni nazionali del 2012 NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 Io imparo a contare Settembre/ottobre/novembre

Dettagli

( 4 ) 2008-2009 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

( 4 ) 2008-2009 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4b (Programmazione) di PASTORI Cristina ( bambini di 4 anni ) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Come

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

2008-2009 5 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

2008-2009 5 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO n. 2c LABORATORIO LOGICO MATEMATICO NUMERI CHE PASSIONE! di CASTELMARO Gianna Anno Scolastico 2008-2009 (bambini di 5 anni) da gennaio a maggio 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

Bolog na, 07/05/2014

Bolog na, 07/05/2014 Bologna, 07/05/2014 Come fare a costruire un curricolo verticale? Personali Situazioni d aula Indicazioni Nazionali Confronto con i colleghi, con le Istituzioni, con le famiglie,.. Ricerche in Didattica

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO ACCOGLIENZA 2008/2009 3 15 10 2008 A 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO ACCOGLIENZA 2008/2009 3 15 10 2008 A 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2008/2009 (bambini di 3 anni) Dal 15 settembre al 10 ottobre 2008 A scuola con il poliziotto Gigiotto 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO I primi giorni

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA San Carlo Borromeo e H. C. Andersen A.S. 2012-2013 (Laboratorio di logico-matematica) Siamo nati per contare, abbiamo dei circuiti incorporati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORISOLE Scuole Primarie PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima Matematica Anno Scolastico 2015/ 2016 COMPETENZE : A -NUMERO Comprende il significato dei numeri, i modi per

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

ATTIVITA DI LABORATORIO DEL 21 MARZO 2012

ATTIVITA DI LABORATORIO DEL 21 MARZO 2012 ATTIVITA DI LABORATORIO DEL 21 MARZO 2012 1. Conclusione intervento relativo a metacognizione e autoregolazione dell attività cognitiva: esemplificazione di materiale relativo a matematica, lingua italiana,

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici

ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici Unita di apprendimento ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici Comprendente UdA PIANO DI LAVORO CONSEGNA AGLI STUDENTI I.C. Gramsci Camponogara Autori: - Plesso A. Manzoni : Abet Luisa, Menin Loredana,

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

U.D.A. N. 1: PRIME ESPLORAZIONI E GUSTOSE CONQUISTE

U.D.A. N. 1: PRIME ESPLORAZIONI E GUSTOSE CONQUISTE U.D.A. N. 1: PRIME ESPLORAZIONI E GUSTOSE CONQUISTE MATEMATICA: Scopro e conosco i numeri tra giochi e merende O.F. : - Usare il numero per contare, confrontare e ordinare in diversi contesti. COMPETENZE

Dettagli

MATEMATICA Classe I ATTIVITÀ:

MATEMATICA Classe I ATTIVITÀ: OBIETTIVO GENERALE: MATEMATICA Classe I Acquisire una crescente capacità di ordinare, quantificare, misurare i fenomeni della realtà, iniziare a problematizzare la propria esperienza e a rappresentarla

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 1.1.1

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 ITALIANO Ascolto e conversazione: l alunno comprende e organizza gli elementi principali della comunicazione orale Intervenire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Riconoscere la quantità. Ordinare piccole quantità. Riconoscere la quantità. Operare e ordinare piccole

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNAULE DIDATTICA

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNAULE DIDATTICA Docenti PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Plesso LAMBRUSCHINI- TENUTA- SBRANA Classe I Disciplina MATEMATICA Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE

Dettagli

PROGETTO LOGICO-MATEMATICO

PROGETTO LOGICO-MATEMATICO PROGETTO LOGICO-MATEMATICO Forme e numeri intorno a me INSEGNANTE : ARIANNA RUCIRETA PREMESSA Negli ultimi anni l utilizzo delle tecnologie multimediali nella scuola è aumentato e si è rafforzata la consapevolezza

Dettagli

Classi I A B sc. ARDIGO anno scol. 2012 13 MATEMATICA

Classi I A B sc. ARDIGO anno scol. 2012 13 MATEMATICA Classi I A B sc. ARDIGO anno scol. 2012 13 MATEMATICA U di APPRENDIMENTO Numeri 1. Comprendere il significato dei numeri e i modi per rappresentarli, anche in relazione al loro uso nella realtà 2. Comprendere

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA - CLASSE SECONDA -

CURRICOLO MATEMATICA - CLASSE SECONDA - CURRICOLO MATEMATICA - CLASSE SECONDA - COMPETENZA Imparare a imparare NUMERI 1. a) Contare oggetti collegando correttamente la sequenza numerica verbale con l attività manipolativa e percettiva b) confrontare

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali)

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali) TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (obiettivi d apprendimento per lo sviluppo delle competenze cosa sarà in grado di fare l alunno) cfr. Indicazioni per il curricolo Riferimento alle competenze europee.

Dettagli

IL PAESE QUATRICERCHIO

IL PAESE QUATRICERCHIO Scuola dell infanzia di Santa Maria in Punta UNITÀ DI APPRENDIMENTO: IL PAESE QUATRICERCHIO UN MONDO DI FORME(prima parte) Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO GRIGLIA DI OSSERVAZIONE/RUBRICA

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Anna Maria Ghio Plesso Classe 1 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Primaria Giusti Sezione A Matematica Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 RICERCA-AZIONE Insegnare per competenze: Lo sviluppo dei processi cognitivi Scuola Elementare Fiorentino DESCRIZIONE DELL ESPERIENZA Docente: Rosa

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI

MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1c LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI e allora MUOVI! ( bambini di 5 anni ) di GIUSTI ROBERTA Anno Scolastico 2009-2010 Da Gennaio 2010 a Maggio

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Conoscenze Abilità Attività/Contenuti Soluzioni

Conoscenze Abilità Attività/Contenuti Soluzioni Conoscenze Abilità Attività/Contenuti Soluzioni organizzative 1.Italiano TEMPI Comunicazione orale: Aprile/giugno concordanza(genere,numero),tratti SPAZI prosodici(pausa, durata, Classe,scuola,cortile.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Sviluppa

Dettagli

2008-2009 4 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

2008-2009 4 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO n. 2a LABORATORIO LOGICO MATEMATICO NUMERI CHE PASSIONE! di CASTELMARO Gianna Anno Scolastico 2008-2009 (bambini di 4 anni) da gennaio a maggio 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

Cliccare per avanzare

Cliccare per avanzare Cliccare per avanzare UNITÀ DI APPERENDIMENTO Dalla sillaba al fonema TEMPI Otto settimane DESTINATARI bambini e bambine di 5 anni SITUAZIONE INIZIALE La presente unità non può prescindere dal raggiungimento

Dettagli

LA SIGNORA MATEMATICA

LA SIGNORA MATEMATICA PROGETTO LOGICA-MENTE SEZIONE 1 SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN LA SIGNORA MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 Numero BAMBINI 23 3 4 5 ANNI INSEGNANTI REGGIANI MARIA LUISA PANARO IRENE CATERINO MARIA

Dettagli

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi Docente: Scuola: Classe/i: CORRIAS RAFFAELA PRIMARIA 1^ A Discipline riportate: ARTE E IMMAGINE MATEMATICA SCIENZE - GEOGRAFIA 1) Disciplina: ARTE E IMMAGINE Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Dettagli

Direzione Didattica di Gemona a.s. 2007-08. Costruzione di un Curricolo verticale d Istituto secondo le Nuove Indicazioni Ministeriali

Direzione Didattica di Gemona a.s. 2007-08. Costruzione di un Curricolo verticale d Istituto secondo le Nuove Indicazioni Ministeriali Direzione Didattica di Gemona a.s. 2007-08 Costruzione di un Curricolo verticale d Istituto secondo le Nuove Indicazioni Ministeriali Incontri 7-21 aprile 8 maggio 2008 Gruppo di Matematica Scuola dell

Dettagli

APPRENDIMENTO. 1. a. Conoscere, denominare classificare e verbalizzare semplici figure geometriche dello spazio e del piano.

APPRENDIMENTO. 1. a. Conoscere, denominare classificare e verbalizzare semplici figure geometriche dello spazio e del piano. matematica Comunicazione nella madrelingua 1. Descrive e denomina figure 1. a. Conoscere, denominare classificare e verbalizzare semplici figure geometriche dello spazio e del piano. - Terminologia specifica

Dettagli

ASPETTI ORGANIZZATIVI

ASPETTI ORGANIZZATIVI MOTIVAZIONE Fin dalla prima infanzia, i bambini/e esplorano con le mani e con il corpo l ambiente intorno a loro. Attraverso la percezione sensoriale, cominciano ad elaborare una rappresentazione mentale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2013/2014 AREA SOVRADISCIPLINARE LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA LINGUA ITALIANA Obiettivi

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI INFANZIA I bambini esplorano continuamente la realtà e imparano a riflettere sulle proprie esperienze descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri. Pongono così le basi per la

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME A.S. 2014-2015 ITALIANO 1 - Ascoltare e parlare. Ascoltare, comprendere ed

Dettagli

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento UNITA DI 1 Numeri. MATEMATICA Conoscenze: Rappresentazione dei numeri in base dieci, entro il 100: il valore posizionale delle cifre. Le quattro operazioni tra numeri naturali entro il 100. Il significato

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 2b TORINO OGGI di Roberta Giusti (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2010 2011 Da Febbraio 2011 ad Aprile 2011

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 2b TORINO OGGI di Roberta Giusti (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2010 2011 Da Febbraio 2011 ad Aprile 2011 UNITA DI APPRENDIMENTO n. 2b TORINO OGGI di Roberta Giusti (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2010 2011 Da Febbraio 2011 ad Aprile 2011 1. TIPOLOGIA Il tempo accompagna la nostra vita, la segna scandisce

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO IL GIROTONDO DELL AMICIZIA Insieme è.più bello!! I.C. Gramsci Camponogara Autrici: Artusi Paola, Santin Martina 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione IL GIROTONDO DELL AMICIZIA

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

Scuola dell Infanzia San Francesco

Scuola dell Infanzia San Francesco Scuola dell Infanzia San Francesco 1 PROGETTO ACCOGLIENZA FINALITA L obiettivo del progetto è di rendere piacevole l ingresso o il ritorno a scuola dei bambini, superare quindi serenamente la paura della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

Istituto scolastico: IC Budrio- DD BudrioCompetenza da promuovere: Riconoscere e denominare le figure geometriche. Ambito: MATEMATICO

Istituto scolastico: IC Budrio- DD BudrioCompetenza da promuovere: Riconoscere e denominare le figure geometriche. Ambito: MATEMATICO Griglia di progettazione dell Unità di Competenza di MATEMATICA Titolo dell Unità di Competenza LE FIGURE GEOMETRICHE PIANE Denominazione della rete-polo : UNA RETE DI IDEE Istituto scolastico: IC Budrio-

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITA

PROTOCOLLO CONTINUITA PROTOCOLLO CONTINUITA Premessa La continuità educativa e didattica costituisce un valore fondamentale per la formazione e la crescita dei bambini e dei ragazzi. Essa è richiamata più volte dalla normativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Competenza matematicoscientifica COMPETENZE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA CLASSI 1^-2^-3^-4^-5^ 1-L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 2-Riconosce

Dettagli

G iochi con le carte 1

G iochi con le carte 1 Giochi con le carte 1 PREPARAZIONE E DESCRIZIONE DELLE CARTE L insegnante prepara su fogli A3 e distribuisce agli allievi le fotocopie dei tre diversi tipi di carte. Invita poi ciascun allievo a piegare

Dettagli

SEZIONE FARFALLE : mesi (24-36) SEZIONE COCCINELLE: mesi (12 24 ) PREMESSA

SEZIONE FARFALLE : mesi (24-36) SEZIONE COCCINELLE: mesi (12 24 ) PREMESSA SEZIONE FARFALLE : mesi (24-36) SEZIONE COCCINELLE: mesi (12 24 ) PREMESSA I primi anni di vita sono caratterizzati dal periodo definito senso-motorio :termine che indica un periodo in cui l intelligenza

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA

SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA, LA TERRA E UN ELEMENTO QUASI MAGICO, DA SCAVARE, TRAVASARE, TRASPORTARE, MISCELARE E RAPPRESENTA

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano Scuola dell infanzia G. Siani - Marano a.s. 2015/16..Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono la curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO ACCOGLIENZA - LO GNOMO COCO

UNITA DI APPRENDIMENTO ACCOGLIENZA - LO GNOMO COCO UNITA DI APPRENDIMENTO ACCOGLIENZA - LO GNOMO COCO di Cristina MARTOGLIO Anno Scolastico 2013/2014 - Dal 10 settembre 2013 all 11 ottobre 2013 - (bambini di 3-4-5 anni) 1. TIPOLOGIA 3-4-5 anni 2. PROBLEMA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Prima Pipolo Giulia Primaria G. Giusti Sezione A Disciplina Storia Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a. s. 2015-2015

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE o Intervenire nelle conversazioni

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEI PROCESSI DI MATURAZIONE GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI PER I

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) LABORATORIO RIMICO - MOTORIO ( bambini di 3 anni ) di VISCONTI Ileana Anno Scolastico 2007-2008 Da Gennaio 2009 a Maggio 2009 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Picchi Maria Letizia Scuola dell'infanzia Giuseppe Giusti Classe.. Sezione: A.e B. anni 4 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza I DISCORSI E LE PAROLE Tavola

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli