La Voce di Brescia MENSILE D'INFORMAZIONE ANNO III - MARZO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Voce di Brescia WWW.LAVOCEDELPOPOLO.IT MENSILE D'INFORMAZIONE ANNO III - MARZO 2012"

Transcript

1 La Voce di Brescia n.3 MENSILE D'INFORMAZIONE ANNO III - MARZO 2012 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - LO/BS Sport. L'inserto speciale. Ultimi mesi di fatiche per la formazione di mister Calori Primavera bresciana inseguendo i playoff Biancazzurri in campo per la fase conclusiva del campionato cadetto Le rondinelle ora meritano gli applausi e non deludono le aspettative Primo piano I servizi da pag. 17 La grande illusione Aumenta in Italia e a Brescia la "febbre del gioco". E crescono le storie di dipendenza e disperazione. Serve una presa di coscienza collettiva che coinvolga a fondo la società civile La pagina fotografica Rondinelle in rosa Viaggio per immagini nell'altra metà del calcio pag. 7 Costume e società Il rito funebre Brescia, è boom delle cremazioni pag. 9 I servizi a pag.2-3 Editoriale Ladri di sogni di Adriano Bianchi È una vera piaga nazionale, e stando ai numeri è anche una piaga bresciana. Se ne sono occupati tutti i media mostrandone l escalation vertiginosa. La denuncia va bene. Tenere alta l attenzione dell opinione pubblica è essenziale. Lo abbiamo fatto nelle scorse settimane anche noi dalle colonne del settimanale diocesano La Voce del popolo. Oggi riprendiamo il discorso nell edizione territoriale della Valtrompia. Le storie, infatti, dei territori confermano la tendenza, testimoniano la necessità di una reazione e di un accompagnamento che trova fortunatamente anche istituzioni e persone disponibili a raccogliere questa nuova emergenza sociale. L impatto sulle persone fragili, sulle famiglie e sulla società del gioco è adesso ancor più devastante a causa della crisi. La necessità di sbarcare il lunario, la voglia di non ridimensionere il proprio tenore di vita insieme a un irrefrenabile desiderio di sfidare la sorte portano molti a cadere nella trappola. Serve, pertanto, un di più etico da parte della società civile. In questo senso il contributo degli organi di stampa è essenziale. Nelle scorse settimane mi è stato proposto di mettere su Voce la pubblicità di alcune case da gioco in provincia. Ho rifiutato pur sapendo che la pubblicità (ben pagata) è essenziale per far vivere un giornale, soprattutto se come questo è gratuito. Come scrissi nel mio primo editoriale, però, La Voce di Brescia vive di pubblicità, ma non ne è e non vuole esserne schiava. Anche questo dovrebbe essere la stampa cattolica. Ora, a Brescia ci sono molti organi d informazione. Non posso pretendere che tutti facciano come noi, ma credo sia necessario proporlo in nome del senso civile ed educativo che tutti professiamo di svolgere. Lo stesso Parlamento in queste ultime settimane se n è occupato. Speriamo si giunga presto a regolare la materia anche vietando la pubblicità esplicita al gioco. Intanto i Comuni potrebbero dare un qualche segnale. La fantasia nel fare il bene non mancherà.

2 2 Sito: Primo piano Se il gioco vale tre finanziarie, chi vota contro? Sono 79,9 i miliardi di euro che gli italiani hanno giocato nel Una cifra appena inferiore al fatturato annuo dell Eni e quasi il triplo della finanziaria di Monti. Ammontano a 44,9 i miliardi di euro giocati dagli italiani nelle slot machine in apposite sale o in semplici esercizi commerciali. Su tutto il territorio nazionale sono 400mila le slot machine autorizzate tra sale gioco e normali esercizi commerciali. E sono 9 sono i miliardi di euro che l erario italiano incamera come percentuale sulle giocate degli italiani. Secondo tante associazioni è dello 0,5% la quota che lo Stato dovrebbe versare al servizio sanitario per la dipendenza da gioco d azzardo. L'inchiesta. Ottanta miliardi investiti nella fabbrica dei sogni e tante storie di ordinaria disperazione Lotterie e slot: la grande illusione di Massimo Venturelli Lasciatemi sognare con la schedina in mano... È questa l accattivante colonna sonora scelta dai Monopoli di Stato per lo spot del Superenalotto. Uno spot che sta imperversando in questi giorni e che fa il paio con una massiccia campagna pubblicitaria riversata sulle pagine dei quotidiani. Mentre gli italiani sognano, lo Stato incassa. Dei quasi 80 miliardi di euro giocati lo scorso anno ben nove sono andati direttamente nelle casse dell erario. Una cifra a cui, in tempi di magra, nessuno rinuncia a cuor leggero, anche se i sogni milionari si stanno trasformando per tanti in un vero e proprio incubo. I dati sul gioco d azzardo (legalizzato) in Italia sono da capogiro: i miliardi di euro giocati in Italia nel 2011 tra lotto, Superenalotto, lotterie, slot machine e mille altri rivoli sono pari a tre finanziarie lacrime e sangue del governo e rappresentano il secondo fatturato del Paese, dopo quello dell Eni. Dietro gli 80 miliardi investiti nel sogno nel corso del 2011, si nascondono tante storie di disperazione, speranze trasformate in incubi. Anche nel Bresciano. Quello del gioco d azzardo ricorda Fabio Scozzesi, presidente della Lega consumatori di Brescia che da anni sta interessandosi del fenomeno nel Bresciano paradossalmente è quanto di più democratico ci sia oggi in Italia. Tra le vittime della dipendenza del gioco d azzardo in fatti ci sono tutte le classi sociali: professionisti che si sono giocati lo studio, imprenditori che hanno salutato l azienda, semplici casalinghe che hanno dilapidato il loro patrimonio. Tutti, poi, hanno messo a rischio la famiglia. È il dramma nel dramma: la dipendenza da gioco, come quella da droga, travolge tutta la famiglia. Con costi sociali facilmente intuibili. Per questo continua Scozzesi chiediamo che lo Stato destini parte di quanto incassa con il gioco d azzardo al servizio sanitario nazionale per la cura della dipendenza da gioco che, ormai, è diventata una vera e propria dipendenza. Una macchina che ha assunto una velocità tale da non poter più essere fermata. Lo Stato ricorda Scozzesi da quel lontano 21 dicembre 1994 in cui autorizzò la prima lotteria istantanea ha dato il via libera a una serie infinita di giochi d azzardo, invitando gli italiani a sognare. Quello del gioco d azzardo è ormai un fiume in piena, impossibile da arginare perché da qualche tempo a questa parte si alimenta dei giochi online, poker in testa, che attraggono schiere sempre più ampie di giovani e giovanissimi. La prospettiva, neanche tanto remota, è che un numero sempre maggior di persone si sveglino dal sogno e si ritrovino nell incubo. Tra pubblico e privato. Lo Stato non sembra accorgersi dei danni che provoca a livello sociale la febbre Come superare la dipendenza cronica da gioco d azzardo Nonostante costi sociali acclarati (patrimoni dilapidati, famiglie che si spaccano, marginalità sociale) solo lo Stato sembra non accorgersi di quali danni provochi il gioco d azzardo quando diventa patologia. Si spiegano così i pochi servizi attivati, la delega quasi assoluta al privato sociale o a forme di auto aiuto. E anche quando il pubblico si è attivato, lo ha fatto più sulla scorta della capacità di alcune Asl di leggere il territorio che non a scelte di politica socio-sanitaria. Nel Bresciano, oltre a un iniziativa messa in campo dal Sert di Orzinuovi, una delle poche realtà in prima fila contro questa nuova dipendenza è la Fraternità onlus di Ospitaletto che dal 2007 ha creato Mago di Oz, una cooperativa che propone veri e propri percorsi terapeutici per superare la dipendenza dal gioco. A parlare di questa esperienza è Simona Boglioni, responsabile della struttura che la cooperativa ha aperto a Rezzato. Il gioco d azzardo afferma è diventato un comportamento socialmente legale e accettato da chiunque in quanto fortemente incentivato dallostato. Inoltre, essendo fruibile a chiunque, il gioco entra nella vita di tutti i giorni, dal tabaccaio al comune I percorsi terapeutici per superare la dipendenza da gioco Fabio Scozzesi, presidente Lega consumatori di Brescia: Chiediamo che lo Stato destini parte di quanto incassa con il gioco d azzardo al servizio sanitario nazionale bar di paese. Il numero dei giocatori aumenta esponenzialmente e coinvolge la casalinga come il professionista. Al Mago di Oz i giocatori arrivano dai servizi Sociali del Comune, dai medici di base, dai consultori familiari, dai servizi psichiatrici, dai gruppi di auto-mutuoaiuto. (m.v.)

3 brescia vocemedia.it Azzardo: Brescia ha arginato il fenomeno Se Brescia è riuscita arginare il dilagare delle sale da gioco, lo deve a un regolamento che il consiglio comunale ha adottato un anno e mezzo fa. Ad affermarlo è l assessore al commercio Maurizio Margaroli. Il regolamento adottato da Brescia vieta, in sostanza, l apertura di sale da gioco nel perimetro del centro storico, nella zona della stazione e in via Milano. Limitazioni continua l assessore che abbiamo inserito anche nel pgt. In città per altro sono già operative 41 sale da gioco. Potrebbero essere di più se non esistessero i limiti regolamentari che, ricorda Margaroli, sono di carattere urbanistico. "È lo Stato che concede le autorizzazioni all avvio dell attività specifica. 3 Prevenzione. Siglato dalla Prefettura di Brescia l'accordo di tutela con Abi, Banca d'italia e Associazioni Protocollo antiusura per fermare chi specula sulla disperazione di Massimo Venturelli L usuraio è colui che, soprattutto in periodi di difficoltà economica, si cela dietro una maschera di apparente benefattore, mettendo facilmente a disposizione delle persone somme di denaro che, poi, si tramutano in una spirale di enorme difficoltà, sofferenza e problemi, risolvibili soltanto con l intervento dell autorità giudiziaria. Per arginare il fenomeno e per incentivare i cittadini alla denuncia, la Prefettura di Brescia ha siglato nei giorni scorsi un protocollo d intesa per la prevenzione e il contrasto del fenomeno dell usura, in accordo con la Banca d Italia, l Abi, i principali istituti di credito del territorio e le associazioni di categoria. L obiettivo ha spiegato il Prefetto Livia Narcisa Brassesco Pace (nella foto) è tutelare e assistere le famiglie e gli imprenditori, difendendo l usurato, sia esso singolo cittadino o impresa. Si tratta del rinnovo di un accordo già stipulato nel 2007, che istituiva l Osservatorio antiusura, all interno del quale periodicamente si riuniscono un nucleo di valutazione e un minipool Il Prefetto di Brescia, Livia Narcisa Brassesco Pace. antiracket. Ad esso, che già prevedeva meccanismi di tutela dell usurato, sono stati aggiunti due articoli: il primo riguarda i moltiplicatori sui quali misurare i finanziamenti erogabili coperti da garanzia dei fondi antiusura, mentre il secondo assegna maggiore libertà alle banche per quanto riguarda la valutazione dell affidabilità del soggetto. Il protocollo, inoltre, è volto a promuovere e incrementare l attività di microcredito, realizzare iniziative e programmi di educazione finanziaria ed informare la cittadinanza sull utilizzo dei fondi antiusura. L usura ha sottolineato il Questore Lucio Carluccio è statisticamente il reato con il più alto indice di risoluzione senza conseguenze per chi lo denuncia, pertanto l invito è quello a rendere note queste situazioni senza timori. Il sistema di individuazione dell usuraio, infatti, non comporta alcun problema per chi manifesta il desiderio di risolvere la propria situazione problematica. L aspetto iniziale del benefattore, che spesso si mostra come un uomo perbene che contribuisce al salvataggio dell azienda prosegue il Questore finisce per tramutarsi in colui che ne decreta la fine, imponendone la cessione. Dello stesso parere il procuratore generale della Repubblica Guido Papalia: Le denunce sottolinea avvengono soltanto a fatto avvenuto, ma è invece importante bloccare sul nascere questi fenomeni, soprattutto in un periodo di crisi economica come quello che stiamo affrontando. Nella Provincia di Brescia, i dati in merito all usura non sono allarmanti. Allarmante, piuttosto precisa Guido Papalia è la mancanza di liquidità che induce le imprese a richiedere finanziamenti. Le iniziative. L'assessore per la "città sicura" di Empoli ha formato un tavolo permanente di contrasto Filippo Torrigiani: La proposta per superare l azzardo Filippo Torrigiani (nella foto) è un cavaliere della Repubblica. Il titolo gli è stato conferito dal presidente Napolitano per la battaglia condotta sulla regolamentazione del gioco d azzardo a Empoli, di cui è assessore per la città sicura. Un impegno oltre l adozione di un apposito regolamento comunale per l apertura di sale gioco. Empoli racconta Filippo Torrigiani raggiunto al telefono è una piccola cittadina dove tutti si conoscono. Il gioco d azzardo si stava trasformando in patologia, creando un pericoloso fenomeno di disagio sociale coi frequentatori più assidui di slot machine che erano studenti e padri di famiglia. Di qui la decisione, drastica, di un ordinanza (9 luglio 2010) con cui il sindaco di Empoli, su suggerimento del suo assessore, intimava il divieto di accendere prima delle 14 le slot machine (che con i 44,9 miliardi di euro fagocitati nel 2009 è la principale fonte di approvvigionamento del gioco d azzardo). Il mancato rispetto dell ordinanza era punibile con sanzioni economiche (una multa di 400 euro) e, in caso di ripetuta violazione del divieto, con la sospensione dell uso delle slot machine da un minimo di 2 a un massimo di 15 giorni. Torrigiani è portabandiera di questa battaglia anche in seno ad Avviso pubblico, associazione nazionale contro tutte le mafie formata da 200 Comuni, 12 Province e sei Regioni, che gli ha conferito il mandato di formare un tavolo permanente per un efficace azione di contrasto al dilagare del gioco d azzardo. Torrigiani ha predisposto un documento che il 2 dicembre scorso è stato presentato alla Commissione parlamentare antimafia in cui, tra le altre cose, si chiede la destinazione dello 0,5% dei montepremi nazionali ai sistemi sanitari regionali perché attivino servizi per la dipendenza da gioco d azzardo.

4 Centro Assistenza Pellicceria e Pelle PULITURA E CUSTODIA Pelle e pellicceria, piumini e piumoni, woolrich, tappeti, tintura borse. OUTLET PELLICCERIA vendita campionari, vendita capi usati e rigenerati, rimessa a modello, sartoria e PERMUTA USATO. Consegnando questa pagina avrete diritto ad uno sconto del 15% su prezzi già scontatissimi! Offerta valida fino al 30/06/2012 AL SERVIZIO DEI MOTOCICLISTI Pulitura, ritintura, manutenzione di tute, giubbini e borse. CAPP s.r.l. Bovezzo (Brescia) via Verdi, 74 - Tel

5 brescia vocemedia.it 5 La parola ai lettori L LETTERE Omicidio stradale: una battaglia di civiltà Egr. Direttore, l Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, insieme all'associazione Condividere la Strada della Vita di Brescia, con grande soddisfazione apprende l impegno del governo tecnico Monti di portare avanti quella battaglia di civiltà che risulta oggi essere l'introduzione del reato di omicidio stradale per chi uccide in strada dopo aver assunto sostanze stupefacenti e/o alcoliche. Le associazioni ricordano la lunga campagna di sensibilizzazione avviata da tempo, con convegni, incontri parlamentari e soprattutto con una raccolta firma che ha portato cittadini in Italia (e solo nel territorio bresciano) a sottoscrivere la proposta di legge n che ha avviato il dibattito sull'omicidio stradale. Pur risultando meno organica del suddetto disegno di legge, l'apertura del Governo è un segnale positivo: c è molto da fare in questo campo, le divisioni non pagano, il confronto permette di rendere più complete le proposte e di ritrovare in una battaglia di civiltà le radici di un faticoso percorso, che culmina nella richiesta di modifica dell articolo 111 della Costituzione per il riconoscimento della dignità processuale della vittima. Per queste ragioni, misurarci con tutte le vittime e i familiari delle vittime di incidenti stradali che hanno come respirato sentendo che a Roma si pensa di introdurre il reato di omicidio stradale, dovrebbe far capire a tutti che, nel dolore, la loro speranza dovrebbe essere la nostra. Quella di chi ancora chiede e attende giustizia. Perché senza giustizia anche ogni composizione è più difficile. E alle molte ingiustizie davvero non dovrebbero sommarsi quelle parole che poi potrebbero apparirci essere state scritte sull acqua. Restiamo pertanto in attesa di altri passi concreti. Roberto Merli IL PEGGIO DI... Ancora ladri di reliquie Una sosta in stazione, prima di trasferirsi a Milano, giusto il tempo di appoggiare la valigetta a terra. Un breve attimo al telefono, prima che l'uomo, distratto dal dialogo, vedesse valigia e relativo contenuto sparire nel nulla, complice una nomade piuttosto rapida. All'interno della valigetta c'erano reliquie di alto valore storico e religioso, destinate allo studio e alla catalogazione, e non certo in alcun modo commerciabili nei mercati "sotterranei" di chi tratta merce rubata. Un furto di reliquie a tutti gli effetti che, ci si augura, potrebbe trovare almeno un sereno epilogo. L'appello infatti,è che chi ha rubato possa riconsegnare le reliquie, anche abbandonandole in unaqualsiasi parrocchia cittadina. Giornali della Comunità E' il notiziario, ben curato ed esaustivo, che viene redatto dalla parrocchia di San Bartolomeo, in via Gabbiane, in città. Notizie, approfondimenti e attenzione al mondo giovanile, sono tra gli ingredienti, trattati con professionalità, di questo bollettino, che informa puntualmente le famiglie della comunità. Radio Voce Spazio all'informazione nazionale ogni ora e a quella locale con 6 edizioni giornaliere dal lunedì al venerdì. Intrattenimento dalle alle 13 con il contenitore Voce Mattina, al pomeriggio la comicità dei Belli Dentro. Ampio spazio allo sport: dalle 14 alle 15 il calcio con 100% Brescia, mentre la domenica le radiocronache del Basket Brescia. fm Brescia e Provincia IL MEGLIO DI... Un parroco "contras" È il bresciano don Giacomo Panizza, parroco a Capizzaglie di Lamezia Terme e fondatore della Comunità Progetto Sud: lui è il riferimento in copertina di Famiglia Cristiana, che titola "Preti nel mirino della 'ndrangheta". Infatti don Giacomo, bresciano, anche se trasferito al Sud da più di quarant'anni, è oggetto delle attenzioni delle cosche dal 2002, anno in cui iniziò a gestire un palazzo confiscato. In quella sede di comunità don Panizza segue infatti persone con diversa abilità. Come per il sacerdote bresciano Famiglia Cristiana evidenzia vicende di altri religiosi, ad esempio don Pino De Masi, parroco a Polistena e don Ennio Stamile, parroco a Cetraro. Anche questi sacerdoti sono finiti nel mirino delle "attenzioni" delle cosche locali. Italia e pensionati, meglio espatriare? Caro direttore, vivere in Italia è sempre più difficile, soprattutto per chi percepisce una pensione. Così, con mia moglie, nella nostra nuova veste di pensionati in salute, stiamo seriamente valutando quel 'passo' che hanno fatto tanti altri come e prima di noi. Semplicemente, espatriare. Dove? Abbiamo esempi di amici che vivono benissimo a Santo Domingo, o in Brasile o ancora in Thailandia. Sembra un passo difficile, ma loro ci dicono, da là, che con mille euro al mese lì si vive e una buona assicurazione sanitaria basta anche per ogni emergenza. E non ci sono costi della vita ormai senza limiti, la benzina costa poco, si mangia con pochi soldi. Insomma, non sarà un paradiso, trasferirsi all'estero, ma è sempre meglio di quanto immaginiamo. Così, cara Italia, credo che partiremo, senza rancore. Lettera firmata Quanto viene pubblicato in queste pagine è da attribuirsi unicamente alla responsabilità dei firmatari delle lettere. Nelle lettere è necessario indicare in modo leggibile nome, cognome, indirizzo e numero di telefono di chi scrive per renderne possibile l identificazione. La redazione si riserva il diritto di sintetizzare, senza alterarne il senso, i contributi ritenuti troppo lunghi (massimo 1500 battute). La pubblicazione di una lettera non implica la condivisione del suo contenuto da parte della direzione del giornale. Non saranno pubblicate lettere già apparse su altri organi di stampa. Scrivete a, via Callegari, Brescia o via mail a

6

7 brescia vocemedia.it 7 Calcio femminile. Viaggio per immagini nell'altra metà del campionato: le ragazze in maglia biancazzurra Qui batte un cuore da Leonesse Sono le Rondinelle di casa nostra, atlete caratterizzate da passione, grinta e grande spirito agonistico E' il dna della storia quasi trentennale del sodalizio bresciano, che ha le sue origini nel settembre del 1985 Le ragazze ruggenti prime in serie A Hanno una storia che inizia da lontano, da quegli anni Ottanta che vide nascere il sodalizio bresciano, soprattutto all'insegna dell'entusiasmo e della grinta da sfoderare in campo. Le leonesse bresciane sono passate attraverso due decenni, anzi, si apprestano tra pochi anni a celebrare il trentennale, con immutata passione e voglia di mostrare di che stoffa sono fatte. In campo sono inarrestabili, lo vedete in queste immagini che immortalano le espressioni atletiche, la potenza in campo e la miscela di femminilità e agonismo che rende speciale il calcio femminile. Grazia e ritmo divengono una cosa sola, come la determinazione, tutta femminile, a non cedere il passo a qualunque costo. Viaggiano forte, queste giovani leonesse e conquistano sempre più il cuore dei tifosi grazie al primato in serie A. Insomma l'altra metà del cielo vince anche in campo.

8 8 Sito: Dentro le mura Via Vallecamonica, arriva la corsia riservata Grazie a un accordo tra Comune di Brescia e Circoscrizione Ovest, sono state apportate importanti migliorie alla scorrevolezza del traffico veicolare in via Vallecamonica, con una modifica alle corsie di preselezione e l introduzione di nuove indicazioni semaforiche all incrocio con via Violino. L amministrazione comunale ha provveduto a introdurre uno sfalsamento delle direzioni in via Vallecamonica consentendo nelle ore di maggiore intensità del traffico (dalle 7 del mattino fino alle 23) grazie a una freccia semaforica dedicata, uno scorrimento più veloce dei veicoli in svolta a sinistra per entrare in Via Violino. Brescia. Nuovi vertici in Confcooperative: massima attenzione a partecipazione e responsabilità sociale Marco Menni, crescere insieme nel segno della partecipazione Il nuovo presidente, eletto a conclusione dell assemblea del 25 febbraio scorso, ha raccolto il testimone da Roberto Marcelli. Subito l invito al mondo delle cooperative perché sappia fare rete di Massimo Venturelli Marco Menni è, dallo scorso 25 febbraio, presidente di Con fcooperative Bre scia. Succede a Ro berto Marcelli, del quale è stato vice presidente, e proviene da una lunga esperienza cooperativa, tra sversale a tutti i settori. Da sem pre è impegnato nel settore lavoro servizi cultura attraverso il Conast, che ha contribuito a costituire, e il sistema cooperativo del gruppo Acli, che ha promosso e rafforzato. Da tempo, inoltre, ricopre il ruo lo di presidente della cooperativa sociale Il Vomere di Travagliato. Convinto che il socio, la famiglia e i loro bisogni di crescita, dovran no essere Il nuovo presidente Marco Menni con il predecessore Roberto Marcelli al centro delle sensibilità imprenditoriali dei cooperatori e dei piani di sviluppo delle imprese cooperative Menni si è messo al servizio delle cooperative brescia ne con passione, per rafforzare il radicamento territoriale delle coo perative e il loro potenziale competitivo. Un primo pensiero il neopre sidente Marco Menni l ha dedicato al suo pre- decessore, quel Roberto Marcelli, che ha guidato Confcoo perative per 17 anni, promuovendo uno stile sobrio, generoso, attento a costruire rete fra le diverse anime del mondo cooperativo bresciano. Un impegno ha sottolineato Men ni che ha portato Confcooperative a diventare realtà di primo piano nel contesto economico provinciale. Uno stile che anche il nuovo presi dente intende mantenere per fare in modo che l unione di Brescia riesca ad assumere sfide importanti per il suo futuro. Da sempre ha sotto lineato il nuovo Presidente l espe rienza della cooperazione ha avuto il suo punto di forza nella capacità di assunzione di responsabilità civili da parte di tante persone che insie me, come avvenne negli anni 50 con l esperienza di padre Marcolini e ne gli anni 80 sul tema del welfare, han no saputo dare risposte importanti alla società. Fare rete sarà un impe rativo anche del mandato del nuovo presidente Menni convinto, come i predecessori, che sia la via privile giata per una nuova responsabilità sociale del mondo cooperativistico. Si tratta di un tipo di approccio ha affermato ancora Marco Menni che deve mettere le cooperative nelle condizioni di rinnovare quel loro protagonismo di base che le rende interlocutrici attendibili an che del pubblico. Il primo impegno dal nuovo presidente di Confcoopera tive è tutto interno alla squadra che lo affiancherà nel nuovo incarico. Per molti dei nuovi consiglieri afferma Menni si tratta del primo mandato. C è dunque bisogno di valorizzare e ottimizzare il senso di questo nuovo impegno che, vale la pena di ricordar lo, è totalmente gratuito.

9 brescia vocemedia.it 9 L'intervista. Mons. Alceste Catella: "Dietro i numeri c'è lo sforzo pubblicitario di chi gestisce queste esequie" Brescia, boom delle cremazioni Accettate e non incoraggiate di Massimo Venturelli I numeri nel Bresciano Una delle novità più significative è costituita dall appendice dedicata al rito delle esequie in caso di cremazione, una scelta in costante aumento anche nel Bresciano, come si evince anche dai dati presentati sempre in questa stessa pagina, per diverse motivazioni. La Chiesa accetta la cremazione, se non è decisa in odio alla fede, cioè per negare la risurrezione dei corpi proclamata nel Credo, ma non la incoraggia, ha spiegato mons. Alceste Catella, vescovo di Casale Monferrato e presidente della Commissione Cei per la liturgia, a margine della presentazione della seconda edizione del Rito delle esequie. Dietro l aumento del numero delle cremazioni, ha aggiunto, c è anche il grande sforzo pubblicitario delle agenzie funebri che gestiscono queste pratiche. Mons. Angelo Lameri, collaboratore dell Ufficio liturgico della Cei, ha puntualizzato come la stessa denominazione di appendice vuole richiamare il fatto che la Chiesa continua a ritenere la sepoltura del corpo dei defunti la forma più idonea a esprimere la fede nella ri- surrezione della carne, ad alimentare la pietà dei fedeli verso coloro che sono passati da questo mondo al Padre e a favorire il ricordo e la preghiera di suffragio da parte di familiari e amici. In questa prospettiva, è previsto che la celebrazione delle esequie preceda di norma la cremazione. Mentre, eccezionalmente, i riti previsti nella cappella del cimitero o presso la tomba si possono svolgere nella stessa sala crematoria. Particolarmente importante è anche l affermazione che la cremazione si ritiene conclusa con la deposizione effettiva dell urna nel cimitero. Ciò soprattutto per contrastare la prassi di spargere le ceneri in natura o di conservarle in luoghi diversi dal cimitero, come avviene in diversi casi. Tale prassi infatti solleva non poche perplessità". 557: questo il numero delle cremazioni eseguite dal tempio crematorio di Brescia nel 2005, anno della sua entrata in funzione. 2645: nel 2010, secondo una relazione della Regione sull'attività dei 10 impianti attivi in Lombardia, le cremazioni a Brescia. 3830: sono gli atti di morte che il personale dell'ufficio anagrafe del Comune di Brescia ha redatto durante lo scorso anno. 716: il numero delle autorizzazioni alla cremazione per cadaveri deceduti a Brescia emesse dallo stesso ufficio anagrafe. DOMENICA APERTO Cazzago San Martino (BS) - Via A. De Gasperi, 43 - Tel

10 10 Sito: Fuori le mura "Perché ci vuole Cuore", vernice di successo E' stato presentato negli spazi dell'assessorato alla Pubblica Istruzione il primo libro di Mauro Toninelli "Perché ci vuole Cuore" editato da Meccanica delle Idee. L'opera dell'autore bresciano, giornalista, ripercorre attraverso una analisi gradevole e di affascinante lettura il "viaggio" della scuola attraverso i secoli recenti, ponendo l'accento sul messaggio del capolavoro di Edmondo De Amicis "Cuore", e non solo. Alla presentazione dell'opera erano presenti l'assessore alla Pubblica Istruzione della Provincia di Brescia, Aristide Peli, Piera Maculotti, giornalista e scrittice che ha moderato l'incontro e il prof. Giuseppe Langella, autore della premessa. Istruzione. Con l' "Ok" della Regione cambia l'assetto gestionale per i dirigenti scolastici e amministrativi Scuola, al via gli accorpamenti di Laura Di Palma Via libera della Regione agli accorpamenti scolastici, per razionalizzare le risorse disponibili. La norma approvata prevede infatti un solo dirigente per più sedi scolastiche sullo stesso territorio. La proposta di accorpamento di alcuni istituti scolastici risale allo scorso novembre, ma l "ok" del Pirellone è giunto solo il 22 febbraio. Per quanto riguarda Brescia e la sua provincia, Regione Lombardia ha riproposto quanto già avviato tempo fa, ci ha detto Aristide Peli, assessore provinciale alla Pubblica Istruzione. A livello di scuole primarie e secondarie di primo grado, Palazzolo, Montichiari, Ghedi e i comuni della Valtenesi rimarranno Direzioni Didattiche, San Paolo, Quinzano e Borgo San Giacomo non hanno ancora trovato un accordo sulla sede della presidenza, mentre per L'assessore provinciale alla Pubblica Istruzione, Aristide Peli quanto riguarda le altre realtà scolastiche bresciane, rimarranno gli Istituti Comprensivi già presenti. Generalmente un Istituto Comprensivo aggrega in un solo organismo le Scuole dell Infanzia, Primarie e Secondarie di primo grado di uno stesso territorio. Nell Istituto Comprensivo si costituiscono quindi una sola Presidenza, un solo Consiglio di Istituto e un unico Collegio dei Docenti: evidente dunque che la scelta di avviare tutta una serie di accorpamenti amministrativi ha l obiettivo di donare maggiore efficienza al sistema scolastico lombardo e, allo stesso tempo, di contenere gli alti costi affrontati annualmente dai vari istituti presenti sul territorio. La riorganizzazione scolastica riguarderà inoltre anche alcuni istituti superiori bresciani ha ripreso l assessore Peli; un accorpamento è previsto infatti tra Itis Castelli e Ipsia Moretto oltre che tra l Istituto Tecnico per geometri Tartaglia e il Liceo Artistico Olivieri, con un cambio di sede da parte di quest ultimo. Non tutti gli Istituti Superiori interessati hanno però gradito le scelte della Provincia in ottemperanza alla delibera regionale: lo scorso dicembre gli studenti del Moretto hanno occupato la scuola in segno di protesta per il possibile accorpamento con l Itis Castelli, mentre, più di recente, il personale del liceo Olivieri ha espresso, attraverso uno scritto, la sua netta contrarietà all'accorpamento con il Tartaglia. La macchina amministrativa si è però avviata: per gli alunni non dovrebbe cambiare molto, mentre i dirigenti scolastici e il personale amministrativo dovranno imparare ora a gestire più scuole diverse tra loro. Eventi. Dal 19 al 22 aprile ritorna a Castel Mella l'appuntamento con le eccellenze e la vita d'altri tempi Tradizione, territorio e sapori: è la Sagra del Loertis Castel Mella potrà conservare anche quest anno l'appuntamento tradizionale e sentito dall intera comunità: la Sagra del Loertis. E lo stesso sindaco Marco Franzini a dare la conferma di questo vero e proprio salvataggio, annunciando che l edizione 2012 si terrà dal 19 al 22 aprile prossimi. Non è stato certo facile conferma il sindaco Franzini ma adesso posso ufficializzare che abbiamo raggiunto l obiettivo desiderato. Castel Mella potrà festeggiare anche quest anno la Sagra del Loertis e posso assicurare che si tratta di un risultato tutt altro che secondario. In effetti abbiamo dovuto fare i conti con le ridotte risorse di questi momenti, ma non ci siamo certo arresi. Anzi, abbiamo posto alla base di questa edizione della sagra una nuova e stretta collaborazione con tutte le associazioni di Castel Mella. In questo modo la rassegna può essere definita più che mai la fiera dell intera comunità, proprio perché tutte le realtà del nostro territorio vi hanno contribuito, trasmettendo un valore del tutto nuovo. L idea, in effetti, è quella di sfruttare le giornate delle sagra per mettere in vetrina i prodotti della zona e in particolare delle attività del nostro paese. Una pubblicità che, proprio per merito della Sagra del Loertis, può aprire nuove strade di lavoro e di scambio che, ne siamo sicuri, potranno portare a risultati positivi. E anche per questo che guardiamo con tanta voglia di fare e fiducia a questa edizione 2012 della nostra sagra. Senza dubbio le giornate dal 19 al 22 aprile sapranno regalare qualcosa di importante al nostro paese, alle nostre aziende e alle nostre stesse famiglie. L appuntamento con la tradizione, dunque, è fissato. La Sagra del Loertis ritorna in aprile

11 brescia vocemedia.it 11 L'iniziativa. Dal 18 al 21 aprile nel Festival di teatro sacro viene coinvolta Brescia Crucifixus chiama di Mauro Toninelli Franco Branciaroli, Lucilla Giagnoni, Marco Baliani, Silvio Castiglioni e il Teatro della Valdoca sono solo alcuni dei protagonisti di questa edizione di Crucifixus Festival di Primavera, festival di teatro sacro, che quest anno festeggia i quindici anni di vita. Ancora una volta sarà un edizione dai grandi numeri: 4 settimane di festival, 18 spettacoli, 36 repliche, 5 produzioni del festival, oltre 100 artisti coinvolti e 20 comuni. Davanti al successo della manifestazione Carla Bino, direttrice artistica, ai microfoni di Radio Voce, commenta: Il territorio riconosce questo progetto come un suo progetto, lo sente vivo, lo attende, ne è protagonista e attore. Anche nel 2012 Crucifixus mantiene inalterata la sua articolazione in due grandi sezioni: la prima, Terra di Passione, legata ai territori storici del festival, ossia la Valle Camonica e il Sebino, avrà il compito di inaugurare il festival il 24 marzo. Poi, fino al 14 aprile il pubblico potrà spostarsi tra i diciannove comuni coinvolti scoprendo le bellezze artistiche del territorio, valorizzate attraverso una selezione di spettacoli di grande qualità. La seconda sezione, Scene Sacre in città, si svolgerà tra il 18 e il 21 aprile, proponendo al proprio pubblico una produzione del festival di forte impatto emotivo, Cuore a mille, e gli spettacoli di tre grandi nomi del Lucilla Giagnoni in "Apocalisse", uno degli eventi di Crucifixus panorama italiano, il Teatro Valdoca, Lucilla Giagnoni e Silvio Castiglioni. Una serie di appuntamenti che chiama in causa la dimensione della coralità continua il direttore artistico perché non è un festival calato dall alto, ma è la convocazione di una comunità. Chiamare attorno a un tema coloro che sono interessati: il ricordo della Passione di Cristo, la morte e la rinascita. Il festival è nato 15 anni fa in Val Camonica e sul Sebino, poi quattro anni fa si è ampliato in città che l ha sposato con un appuntamento originale commenta ancora Carla Bino. Noi facciamo una proposta e ciascuno si avvicina agli spettacoli sulla base di ciò che sta cercando. C è chi cerca un approfondimento quaresimale e pasquale, o chi si avvicina con una modalità laica, perché apprezza le forme d arte. Crucifixus lavora anche quest anno nelle due direzioni che ha sempre seguito fin dalla nascita: la riscoperta delle tradizioni religiose del territorio (sia nelle forme popolari - feste, processioni e sacre rappresentazioni - sia nelle forme più colte - drammi liturgici, sermoni medievali, antiche preghiere) e la valorizzazione del patrimonio artistico locale attraverso le performances di artisti di caratura nazionale. Si apre con La passione delle donne per la regia di Carlo Susa con la comunità di Zone, per le vie della contrada di Cislano (Zone) sabato 24 marzo alle Lucilla Giagnoni presenterà la propria trilogia. In Valle in tre serate diverse: Vergine madre nel Duomo di Breno lunedì 2 aprile alle 20.45; Big bang martedì 3 aprile alle nell Auditorium 1861 Unità d Italia ; Apocalisse mercoledì 4 aprile ore nella chiesa di Santa Maria nascente a Edolo. In città sabato 21 aprile nella chiesa di San Giuseppe la trilogia della spiritualità completa: Vergine madre alle 20, Big bang alle e Apocalisse alle Marco Baliani sarà l interprete du Ama il prossimo tuo giovedì 29 marzo alle nella chiesa di Santa Maria Assunta a Pisogne. Franco Branciaroli in Con le braccia in croce con il coro Voci dalla Rocca nel Teatro delle Ali di Breno; ingresso previo ritiro coupon da martedì 27 marzo presso la biblioteca comprensoriale di Breno. Silvio Castiglioni ne Il silenzio di Dio mercoledì 18 aprile alle 21 nella Chiesa di San Giovanni di Brescia. Teatro Valdocca in Per voce e ombra, trio per corpi recitanti e percussioni a Brescia nella Chiesa del Carmine. Da segnalare anche la compagnia i Sacchi di sabbia che presentano Abram e Isac ingresso previa prenotazione telefonica domenica 25 marzo e nella chiesa di San Giovanni (Edolo); lunedì 26 marzo ore e a Zone (chiesa S. Antonio); martedì 27 marzo e ad Artogne, chiesa S. Maria in Elizabeth. Società. Il nostro patrimonio artistico ritorna nella "due giorni" dedicata ad Antonio e Giovanni Tagliaferri Ventesima edizione per le Giornate di Primavera del Fai Con le Giornate di Primavera 2012, i prossimi 24 e 25 marzo, si giungerà alla ventesima edizione di questo importante evento, divenuto ormai per tradizione il più noto tra quelli promossi dal Fondo per l Ambiente Italiano. Il Fai nasce nel 1975 con la finalità di fare qualcosa di concreto per promuovere e salvaguardare buona parte del patrimonio artistico italiano ci ha spiegato Maria Gallarotti Ratti (nella foto) capo delegazione Fai di Brescia. La missione del Fai è quindi quella di restaurare e restituire al pubblico tutta una serie di beni artistici ricevuti in eredità, ma anche quella di avviare importanti azioni di tipo educativo e conoscitivo. Per compiere le sue missioni il Fai si avvale di 110 gruppi presenti nelle varie Regioni italiane, le delegazioni, che fanno capo alla sede nazionale di Milano. Anche la nostra città ha proseguito Maria Ratti ha la sua delegazione, da oltre trent anni nel bresciano grazie all opera di Giosi Archetti. Convinti che si difende ciò che si ama e si ama ciò che si conosce, i suoi quasi 1400 iscritti hanno sempre promosso azioni concrete, come il restauro dell Orologio di Piazza della Loggia". In quest ottica il Fai di Brescia proporrà per le Giornate di Primavera tre importanti temi: Antonio e Giovanni Tagliaferri protagonisti dell architettura bresciana tra Otto/Novecento, con visite al Santuario delle Grazie, a Palazzo Broletto e a Palazzo Loggia; Puntiamo i riflettori su Sirmione, con l apertura dell area archeologica delle Grotte di Catullo e del parco di Villa Cortine e, infine, Arte, un ponte fra culture, che prevede visite guidate, in lingua, indirizzate a cittadini immigrati. (l.d.p.)

12 12 Sito: Hinterland Stalking: "Ascoltare la paura, salvare la vita E' un percorso formativo con partner prestigiosi (tra questi anche l'azienda ospedaliera Spedali Civili di Brescia) il percorso formativo in due giornate - 29 marzo e 16 aprile - dedicato alle procedure di valutazione del rischio nei casi di violenza domestica e stalking e sulla costituzione di una rete di intervento e di gestione della presa in carico delle vittime. Il corso, a numero programmato e a partecipazione gratuita, si rivolge a forze dell'ordine, medici e operatori socio-sanitari e d'accoglienza, professionisti del settore legale, psicologico e psichiatrico e docenti. Si terrà al Consiglio dell'ordine dei Medici della Provincia di Brescia Via Lamarmora n. 167, Brescia. Info: Piera Stretti San Zeno. Con l'estate inizierà la costruzione dell'opera, che sarà intitolata al sindaco Angiolino Serpelloni Serana: Sottopasso entro l anno di Emma Bettinardi Il progetto ha avuto i suoi natali nel 2001 quando ormai, già da molti anni, la comunità di San Zeno sentiva la necessità di smaltire traffico e code. Oggi, dopo undici anni finalmente verrà dato avvio ai lavori del sottopasso ferroviario della linea Brescia-Cremona e senza nessuna forma di indebitamento da parte del comune. Lo annunciano con orgoglio il vice sindaco Omar Bertelli e l'assessore architetto Vincenzo Serana, non senza un po' di rammarico per la precoce dipartita di chi tanto si era speso per la sua realizzazione, il sindaco Angiolino Serpelloni. Un'opera da 2 milioni e 535mila euro preventivati, circa un milione in più rispetto al progetto originale, del quale l'amministrazione attuale si è fatta carico. Il sottopasso che si realizzerà tra via Monti e la via Industriale, nella zona nord ovest del paese, sarà un impianto completamente nuovo che durante le fasi di lavorazione non altererà in alcun modo la viabilità pro- prio perché nascerà in una strada altrettanto nuova. I benefici non mancheranno, (oltre ad un significativo alleggerimento del traffico che, dopo la realizzazione delle recenti e importanti variabili della bretella molle e della deviante della 45 bis che permettono al traffico pesante di evitare il transi- to in centro), anche il traffico leggero sarà più scorrevole evitando code e lunghi ingorghi nella parte storica del paese. Non solo, il sottopasso rappresenterà un trait d'union con la località Garza che ospita un centinaio di famiglie isolate dal centro storico proprio a causa della ferrovia. Salvi intoppi burocratici dell'ultimo minuto entro un mese e mezzo potrà partire la gara d'appalto fa sapere l'ass. Serana e con la fine dell'estate inizieranno i lavori. Il sottopasso verrà realizzato con un tunnel in cemento armato largo 12,5 metri e alto 3,6 per garantire il passaggio dei mezzi di soccorso. Lo scheletro sarà prodotto esternamente e in un secondo tempo inserito nel terreno. In entrata ed uscita ci saranno rampe a una corsia per ogni senso di marcia affiancate da spazi pedonali ed un ampia pista ciclabile sopraelevata per garantire maggiore sicurezza. Il lavoro sarà completato con una rotatoria in uscita dal paese sulla via Industriale. Questa nuova opera è parte di un mosaico più ampio che comprende la deviante, i lavori per il nuovo comune e in futuro lavori di riqualificazione in seno al paese. La giunta si è già attivata affinché il sottopasso possa essere intitolato al deceduto sindaco Serpelloni come atto dovuto proprio per l'impegno profuso nel cercare accordi e finanziamenti. E' grazie alla sua tenacia che possiamo iniziare i lavori".

13 brescia vocemedia.it 13 Economia Metef 2012, torna il premio Innovazione Grazie al successo riscosso nel 2010, sarà riproposto anche nel 2012 il Premio Innovazione Metef 2012, che premierà i migliori casi di innovazione relativa a nuovi prodotti, alla produzione, trasformazione, lavorazione ed impiego di prodotti o componenti in metallo realizzati dalle aziende espositrici per le sezioni: materiali, macchine ed impianti, tecnologie e processi, prodotti, componenti, sistemi, applicazioni, varie. Il regolamento e la documentazione del premio sono disponibili sul sito della manifestazione. Nel 2010, la giuria assegnò complessivamente 3 premi assoluti, 4 premi ex-aequo e 7 menzioni speciali per le diverse categorie. Fiere. Debutta a Verona il 18 aprile Metef Foundeq, evento di riferimento della metallurgia internazionale Catturare la ripresa possibile di Emanuele Salvi Riflettori accesi su Metef Foundeq, expo internazionale dedicato all industria dell alluminio e della fonderia, che si presenta in questo 2012 alla sua nona edizione, e si conferma l evento di riferimento per l industria metallurgica internazionale, dedicato a materie prime, macchine, impianti, tecnologie, attrezzature, prodotti e applicazioni per l alluminio e la fonderia. E le cifre registrate dall edizione 2012 confermano il ruolo di manifestazione leader per il sud Europa ed il bacino del Mediterraneo: oltre 480 aziende espositrici (il 27 per cento da 28 Paesi), fra i quali figurano i principali produttori mondiali di tecnologie per l industria dei metalli, per 14mila mq. espositivi netti, 28 delegazioni da 22 Paesi con 400 delegati accreditati. "Quest'anno - ribadisce Mario Conserva, presidente Edimet, - la parola chiave, è internazionalizzazione. Infatti, apoche settimane dalla manifestazione, grazie alla collaborazione delle associazioni di settore Amafond, Assomet e ai servizi di in- Una delle passate edizioni di Metef ternazionalizzazione di Veronafiere, il numero dei delegati esteri attesi a Metef Foundeq è quasi raddoppiato rispetto all edizione 2010, un segnale importante della considerazione e dell interesse degli operatori esteri per la fiera". Dal 18 al 21 aprile sono attese le delegazioni di Argentina, Brasile, Cina, Cile, Egitto, Germania, India, Indonesia, Iran, Iraq, Marocco, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Singapore, Sud Africa, Tunisia, Turchia, Ucraina. In particolare si segnala la partecipazione ai massimi livelli di rappresentanti di Cifra - Camera della industria della Fonderia Argentina, della Camera di metallurgica egiziana, della Associazione della Fonderia Ceca, della Associazione della Fonderia Russa, di Idca - Associazione Iraniana della Pressocolata, della Associazione della Fonderia Turca e di delegazioni di operatori specializzati da Ucraina, Iraq e provincia cinese dello Shanxi organizzate con il supporto istituzionale locale."inoltre - proseguono dai vertici Edimet -, lo speciale servizio business to business di trade matching messo a disposizione di espositori e visitatori della manifestazione, attraverso una agenda elettronica online favorirà l incontro tra domanda ed offerta in fiera, generando concrete occasioni di business con i top class visitors, i committenti più qualificati in visita". Lavoro. La realtà dell'imprenditoria femminile si confronta con l'ufficio crediti dell'associazione Artigiani Imprese in rosa e Artfidi Lombardia, una realtà in crescita I finanziamenti alle imprese a conduzione femminile sono una realtà, che ne attesta la dinamicità e, al contempo, conferma la disponibilità e l attenzione di Artfidi Lombardia, che ha al proprio attivo oltre 20mila imprese associate. Le imprese condotte dalle donne, come è noto, hanno spesso, a causa dei condizionamenti culturali e sociali, una maggiore difficoltà, sia nella fase di start up, sia nella fase dello sviluppo successivo. E questo è un dato che viene reso evidente e suffragato dalle rilevazioni di Artfidi Lombardia ufficio crediti dell Associazione Artigiani di Brescia, che vede le imprese femminili chiedere finanziamenti in ragione del 24,20 per cento del totale delle richieste. Mentre nel 2010 sul totale delle richieste era pari al 22,5 per cento quello delle imprese al femminile. Artfidi Lombardia è oggi presente a Brescia, Milano, Seveso, Crema e Lodi ed è il primo confidi della Lombardia ad essere classificato intermediario finanziario e, di conseguenza dal 16 ottobre 2009 è stato iscritto nell'elenco speciale di cui all'art. 107 Tub. Dati interessanti che dimostrano come l azione dei consorzi fidi sia in grado di dare un sostanziale contributo all avvio e alla crescita anche ai quei settori imprenditoriali, come quello femminile, che hanno sofferto e soffrono di maggiori difficoltà a causa dei condizionamenti. Dati, infine, che confermano come per le imprese in rosa Artfidi rappresenti una realtà solida ed efficiente, capace di consentire nuova crescita.

14 14 Sito: L'intervista. La band è pronta e dopo il "ritiro inglese" Luke Frassani ora punta al cuore della Leonessa Da Oxford a Brescia con amore e sempre nel segno del blues di Richy Barone A volte ritornano. Senza retorica, con umiltà, ma anche con la ferma consapevolezza di avere qualità importanti, messe a frutto grazie ad un decennio vissuto in terra d Albione. Stiamo parlando di Luca Frassani, musicalmente conosciuto come Luke Frassani, bresciano rientrato da Oxford dove era emigrato per amore della musica, per approfondire la propria esperienza, per scoprire sensazioni ed emozioni destinate a divenire musica. Una scelta, la sua, che gli ha consentito un ulteriore introspezione e ricerca, prima del rientro nel nostro Paese. Incontriamo Luke dopo una bella cavalcata blues in compagnia di un altro talento bresciano, il bassista Roby Fenaroli. Luke, raccontaci un po di te e della tua passione. "Sono un bresciano doc, che ha subìto il contagio del blues grazie al papà, anche lui musicista dalle belle doti. Ho imparato da ragazzo i primi rudimenti della chitarra, crescendo poi mi sono affinato anche come cantante ma il momento decisivo è stata l esperienza in Inghilterra". Luca "Luke" Frassani Come mai hai deciso di andare all estero, in Inghilterra, nel cuore di quell'isola considerata la patria del blues bianco? "Per pura passione e per mettermi alla prova in un paese nel quale devi darti da fare, ma dove la musica vera, come di certo è il blues, è ancora apprezzata e considerata". Durante il tuo periodo "inglese", che genere di esperienze hai fatto ad Oxford? "Ho dovuto darmi da fare con lavoretti di ogni tipo per garantirmi la minima sussistenza, ma il mio tempo libero era tutto per la musica, per il blues, che è da sempre la mia passione". Quali sono stati gli incontri più significativi fatti in Inghilterra? "Quelli in studio di registrazione, dove ho realizzato con Paul Jefferies al basso e Theo Sloot alla batteria-percussioni l album "Blues From the Live Room". Mi viene ancora la pelle d oca se penso che in studio accanto a me c era la band di Eric Clapton e la sezione fiati della British Philharmonic Orchestra. La cosa che mi ha colpito di più è stata l umiltà e la semplicità nei rapporti umani, mentre in Italia assistiamo a forme di divismo anche da parte di chi intravede appena il successo". Ed ora quali sono i tuoi progetti bresciani? "Sono tornato a Brescia da due anni, all inizio è stata dura perché il clima musicale è molto diverso, ma ora sto cominciando a rientrare nel giro e credo che potrò togliermi delle belle soddisfazioni. Sto lavorando col bassista Roby Fenaroli e col batterista Beppe Facchetti per preparare un mio set blues, in duo e in trio. Se qualcuno ci chiama noi siamo pronti!". BRESCIA Servizi FILCA gestiti dalla CISL di Brescia Che cosa fa il sindacato FILCA-CISL di Brescia? Attività Sindacale Partecipazione alle trattative per il rinnovo dei contratti nazionali e territoriali, contrattazione territoriale e aziendale (II livello). Controllo buste paga, malattia, infortunio. Conteggio del trattamento di fine rapporto (TFR). Compilazione pratiche per la Cassa Edile (solo per gli edili). Corsi di formazione per delegati sindacali (RSU) e rappresentanti dei lavoratori della sicurezza (RLS). Attività di informazione attraverso il nostro Notiziario Sindacale Filca-Cisl Brescia. POLIZZA INFORTUNI GRATUITA Ti garantisce, in caso di ricovero ospedaliero a causa di infortunio, una indennità giornaliera di Euro 30 dal 4 al 30 giorno e di Euro 50 dal 31 al 60 giorno. Caaf (consulenza fiscale). Dichiarazione dei redditi (730, UNICO), calcolo ICI compilazione modelli RED INPS, denunce di successione, dichiarazione ISEE. Patronato INAS. Accreditamento contributivo del periodo del servizio militare. Controllo dei contributi previdenziali validi per la pensione (INPS, ecc.). Domande per pensioni di anzianità e vecchiaia. Compilazione domande assegno nucleo familiare Ufficio Vertenze e legale Vertenze individuali per recupero differenze salariali, TFR, fallimenti ecc. Assimoco-Unionvita Assicurazioni sulla vita e polizze auto. Calf (centro assistenza lavoro familiare) Gestione pratiche colf. Adiconsum (associazione italiana difesa consumatori). Frodi alimentari e commerciali. Tariffe luce, gas, telefono, riscaldamento assicurazioni, banche mutui. Controversie burocratiche e commerciali. Sicet (sindacato inquilini casa e territorio). Controllo contratti d affitto e spese condominiali, stipulazione contratti d affitto, domanda di assegnazione case popolari, contributi per l affitto. Anolf (sportello stranieri). Assistenza per permessi di soggiorno, ricongiungimento familiare, carta di soggiorno, residenza, cittadinanza, rapporti con le istituzioni, informazioni varie. Tel Fax FEDERAZIONE ITALIANA LAVORATORI COSTRUZIONI & AFFINI Tutti i nostri servizi sono gratuiti o scontati per gli iscritti Via Altipiano d Asiago, Brescia

15 Sarà una protesta caratterizzata dal turnover delle associazioni e dei comuni spiega il direttore di Coldiretti Brescia, Mauro Donda -. Protesta pacifica a Roma, di fronte alla sede del ministero, per sostenere la nostra lotta a tutela del Made in Italy. Scende così in piazza l alleanza per il Made in Italy promossa dalla Coldiretti e dalle associazioni dei consumatori e degli ambientalisti, insieme ai cittadini e ai rappresentanti delle istituzioni a livello nazionale, regionale e locale, a partire dai Sindaci con i loro gonfaloni provenienti dalle diverse Regioni. Perché questa mobilitazione generale, direttore? E il punto di partenza d una vicenda lunga che ci vede impegnati come sempre nella tutela del marchio Italia e che, a livello politico e associazionistico trova tantissime adesioni, ma si scontra spesso con un vero e proprio muro di gomma. Ad oggi hanno aderito 12 Consigli regionali, 26 Province, 41 Camere di Commercio, 2214 amministrazioni comunali. Il marchio Italia è il principale patrimonio del Paese che non viene adeguatamente tutelato e rispettato ed è invece spesso banalizzato, usurpato, contraffatto e sfruttato. Siamo preoccupati, ad esempio, da un cosiddetto Made in Italy rappresentato dal Pecorino che verrebbe prodotto completamente in Romania anche con i soldi dello Stato italiano, che sarà portato per la prima volta in piazza in bella vista a disposizione delle Autorità e dei cittadini. Un esempio, a nostro avviso, in cui si rischia di favorire la delocalizzazione e la concorrenza agli italiani sfruttando proprio il valore evocativo del Made in Italy. Il primo appuntamento di protesta di Coldiretti si è svolto lo scorso 15 marzo in piazza Montecitorio a Roma con migliaia di manifestanti che hanno presidiato anche il Ministero dello Sviluppo Economico in via Veneto 33 e la sede Simest in Largo Ottavio Tassoni. L appuntamento è stato l occasione continua il direttore di Coldiretti Brescia -, per affermare la centralità del settore agroalimentare come una delle poche leve competitive di cui il Paese dispone per ricominciare a crescere, ma anche un modo per denunciare gli ormai troppi casi di disattenzione e sottovalutazione nei confronti di un settore che è patrimonio del Paese. Dal mancato divieto per legge del finanziamento di prodotti realizzati all estero che imitano il vero Made in Italy alle sperequazioni determinate dall Imu in agricoltura che aumenta in maniera maggiore per chi la terra la usa per vivere rispetto a chi la dispone per divertirsi o speculare, fino ai ritardi accumulati sull applicazione della legge nazionale sull etichettatura per fare sapere agli italiani quello che mangiano. COLDIRETTI BRESCIA Coldiretti risolve... - Tutela sindacale e legale per le aziende associate - Progetti di sviluppo aziendale - Servizi tecnici CAF COLDIRETTI - CAA Modello 730 (precompilato gratuito) - Anagrafe Modelli zootecnica Unico - Ambiente RED e territorio - Servizi ISEE - fiscali ISEU - CAF ICI Fondo sostegno affitti - Dichiarazione Contributo prima redditi casa - RED Bonus energia/gas - ISEE Successionision i - Bonus fiscale - Servizio paghe per le imprese agricole BRESCIA S.R.L. - Contrattualistica di lavoro SEDE PROVINCIALE - Via San Zeno Brescia Tel Fax Patronato Epaca - - Servizi alla persona Sede Provinciale Via San Zeno n Brescia - Tel fax Ufficio zona Brescia Ufficio zona Breno - Edolo Via G. Sora sede di Edolo tel Via Tassara sede di Breno tel Ufficio zona Chiari Vicolo Pace Chiari tel Ufficio zona Iseo - Gardone V. T. Via Matteotti, sede di Gardone V.T. tel Via Gorzoni, sede di Iseo tel Ufficio zona Lonato Via M. Cerutti tel Uffico zona Orzinuovi Via Colombo, tel Ufficio zona Salò Via Golgi, Cunettone di Salo tel Ufficio zona Vestone Via IV Novembre, 11/b tel Ufficio zona Leno Via Albarotto, tel Ufficio zona Gottolengo Via Castelfidardo tel Ufficio zona Montichiari Piazza Paolo VI tel Ufficio zona Rovato Via Macina, tel Ufficio zona Verolanuova Via Semenza, tel

16 16 Sito: Medicina. Donne sopra i cinquant'anni: alla ricerca dell'equilibrio per vivere meglio il passaggio del tempo La routine quotidiana di bellezza A cura della redazione Quando abbiamo proposto l'argomento Beauty routine, donne non giovani alla dott.ssa Anna Maria Veronesi, esperta nell ambito della medicina estetica e con un Master in Medicina Estetica e del Benessere presso l Università degli Studi di Pavia, è stata subito entusiasta: Ho 52 anni, sono un esperta di medicina estetica e mi voglio bene, per cui mi ritengo adeguata a dare consigli in merito. Il termine donne non giovani mi ha portata a riflettere. Quando definirsi così? Se tempo fa erano i quarantanni la soglia per definire una donna agé, ora si è passati ai 50. Certo che occorre impegno e rispetto per se stessi, perché, per essere al meglio sia nel corpo sia nell anima bisogna adottare uno stile di vita adeguato. Ecco qual è, secondo me, la beauty routine ideale per chi ha una pelle matura. Una corretta beauty routine inizia al mattino, con l uso del latte detergente per eliminare dal viso le impurità del sebo in eccesso formatosi durante la notte. La detersione del viso con latte detergente andrà fatta anche la sera per rimuovere il trucco. A seguire si utilizzerà una buona crema idratante per pelli mature senza dimenticarsi di stenderla anche sul collo. Le creme adatte per la vostra pelle dovrebbero contenere: acido ialuronico come idratante, isoflavoni come antirughe, La dottoressa Anna Maria Veronesi, specialista di medicina estetica ceramidi come ristrutturanti e oli vegetali come nutrienti. Mi raccomando: non dimenticatevi del corpo. Dopo la doccia stendete una crema idratante sulla pelle umida in modo da favorirne l assorbimento. Per rallentare l invecchiamento cutaneo ottima cosa sarebbe assumere integratori alimentari come l acido alfalipoico (ottimo antiaging) associato a complessi vitaminici e aminoacidi specifici per migliorare il tono della pelle. Per dare un nutrimento profondo alla pelle consiglio delle rivitalizzazioni cutanee con Nctf, una sostanza che iniettata con un aghetto molto sottile dona turgore e idratazione alla pelle del viso in quanto contiene ben 54 ingredienti quali: acido ialuronico, vitamine, aminoacidi, sali minerali e coenzimi. Se oltre alla so- lita routine siete interessate a un vero e proprio ringiovanimento del viso, la dottoressa Veronesi propone la metodica 'Bagni di luce per il viso'. È di un trattamento per il ringiovanimento dei tessuti, ed è a metà strada tra una cura medica e una tecnica chirurgica superficiale. È efficace per contrastare rughe, macchie d invecchiamento e di assottigliamento della pelle. Il risultato sarà quello di una pelle più liscia, spessa ed elastica. Ma come funziona esattamente la procedura? Si distribuisce sulla pelle una crema ricca di acido 5 aminolevulinico con l ausilio di un derma roller che ne favorisce la penetrazione. Dopo l applicazione, utilizzando una lampada al plasma, il viso viene sottoposto al bagno di luce con lunghezze d onda specifiche: Queste onde sono simili ai raggi del sole, spiega Anna Maria Veronesi, ma sono epurate della loro componente dannosa, cioè Uva e Uvb. In seguito a questo irraggiamento, l epidermide rovinata viene eliminata e sostituita con una nuova pelle più giovane e sana. Il tutto in una seduta che dura circa un ora (posa della crema) e 20 minuti (irradiazione). Dopo il trattamento si sviluppa un rossore che permane per 48 ore e, per 3-4 giorni, la pelle continuerà ad esfoliarsi. Se si volesse ottenere anche un effetto lifting, è possibile aggiungere la luce pulsata. Per mantenere un corpo tonico rimane sempre importante fare attività fisica, possibilmente che piaccia e che non venga vissuta come un momento di sacrificio. Un altro problema fastidioso legato all età è la menopausa, che si manifesta spesso con vampate di calore e sudorazione, andando ad influire sulla vita quotidiana. Per attenuare in modo significativo questi disturbi, in alternativa a terapie ormonali sostitutive, si possono prescrivere compresse contenenti sostanze protettive estratte dai semi di lino ed estratti di luppolo con effetti benefici sui sintomi vasomotori. Insomma, tutto sommato la routine per le donne mature non è così diversa da quella di quando si è 30enni, anche se forse Sarebbe meglio parlare di Beauty routine delle diversamente giovani perché il non giovane dà l idea di qualcosa di spento, di passato, quando in realtà le donne 50enni di oggi sono più che mai vive e creative. I Poliambulatori W.&B. (Wellness and Body) sono una struttura ambulatoriale privata autorizzata. Nella nostra struttura le diverse èquipe sanitarie specialistiche si integrano per rispondere ad una esigenza di salute e benessere della persona

17 100% in onda su BRESCIA da lunedì al venerdì dalle 14 alle 15 Serie B. Quota salvezza (50 punti) quasi raggiunta. Ora si può guardare avanti Brescia: vamos a bailar sul cubo dei play off IL PUNTO di Roberto Baronio Ritrovato entusiasmo in città. La sconfitta con il Padova sùbito riscattata dal pari di Pescara ha confermato quello che ormai stava diventando una certezza: questo Brescia è da play off. Altro che tranquilla salvezza! Ai fatidici 50 punti (diventati prima 51, poi 52) manca davvero poco. Quindi se vogliamo dirla tutta, l obiettivo è stato centrato. Ora bisogna completare l opera con la classifica ciliegina sulla torta. C è ancora un ultimo scoglio da affrontare dopo il Grossetto: Reggina in trasferta, il derby di Verona e la sfida contro la Sampdoria degli ex Iachini, Juan Antonio e Berardi. Poi il calendario sarà quasi tutto in discesa, fatto apposta per innescare la marcia numero 5 e il relativo turbo. Oltre a Jonathas, il campo ha confermato che Piovaccari è pronto dare ben più di una mano là davanti. Il pifferaio matto si è svegliato, ha tolto lo zero dalla casellina dei gol realizzati e si candida a dimostrare tutta la sua classe e la sua esperienza. Quella che lo scorso anno, a Cittadella, gli ha consegnato lo scettro di bomber più prolifero della cadetteria. A centrocampo le assenze di Budel e Mandorlini (quest ultimo vicino al rientro, per il milanese ci vorrà ancora un mese abbondante) si sono fatte sentire ma attenzione perché Fausto Rossi scalpita fuori dai box. Arrivato col mercato di riparazione, il nazionale Under 21 è pronto per dare il suo apporto. Gettato nella mischia nel finale di Pescara, ha già dato prova delle sue qualità e di quanto sia calcisticamente interessante. Complimenti, dunque, al direttore sportivo Iaconi che a gennaio ci ha visto giusto operando, con parsimonia e qualità, e fissando per la prossima stagione il tetto massimo salariare a 150 mila euro. L unico neo, a fare i pignoli, è il rinnovo di contratto ancora in standby per El Kaddouri, giovane destinato a fare le valigie a giugno per finire in serie A o all estero. La Primavera è alle porte, questo Brescia deve solo sbocciare. E allora, come Jonathas ci ha insegnato, Vamos a bailar a ritmo di samba e possibilmente senza giramenti di testa. (mario ricci) Altro che semplice e tranquilla salvezza. Questo Brescia deve giocare per andare a prendersi i play off promozione. Dal momento negativo ne è uscito alla grande ed ha ulteriori margini di crescita. Le potenzialità le ha tutte, ce la può fare e spero riesca a centrare questo importante obiettivo. Se lo merita il gruppo, se lo meritano questi incredibili tifosi. Inutile dire che la rosa è ben assortita e costituita da giocatori interessanti: dai giovani Salamon ed El Kaddouri, fino alla vecchia guardia rappresentata da capitan Zambelli e Michele Arcari. A quest ultimo ho fatto personalmente i complimenti: non è da tutti centrare un record. I play off se li merita anche e soprattutto il presidente Corioni. Ho avuto modo di incontralo e salutarlo nella mia recente visita da Roma al San Filippo; si sta riprendendo alla grande. Tiene troppo a questa squadra e non intende mollarla facilmente. Auguri Gino e lunga vita, sempre a braccetto del tuo Brescia.

18 18 marzo2012 Sito: Il personaggio. Da gennaio è in prestito al Frosinone Antonio Magli: vado e torno Da Roccafranca a Frosinone: in tutto 638 km di distanza. Partito a gennaio per farsi le ossa in Lega Pro, il cuore di Antonio Magli pulsa sempre per il suo Brescia. Sono andato via dopo la vittoria in casa contro il Crotone - confessa il difensore bassaiolo - quindi ho vissuto i primi giorni del nuovo corso. Continuo a seguire la squadra e sono contento; anche prima meritavamo di raccogliere i risultati che invece non arrivavano, ora finalmente i punti sono proporzionati. Con Calori, se fossi rimasto, me la sarei potuta giocare. La difesa a tre mi avrebbe concesso qualche possibilità, ma non era facile anche per via dei nuovi acquisti. Potevo restare, ma ho preferito andare in prestito per fare esperienza. Per Magli a Frosinone si respira aria di casa visto che l allenatore è Eugenio Corini, nativo di Bagnolo Mella, e nello staff tecnico c è anche Salvatore Giunta. Il mister è serio e preparato aggiunge Magli vista la carriera da giocatore ad alti livelli. Con me a volte parla in dialetto. Anche con Giunta, che pur non essendo bresciano di nascita a Brescia ormai è di casa, ogni tanto scappa qualche battuta. C è aria di casa, anche se in una città nuova e diversa. Per il futuro quali sono le tue aspettative? Ci tengo a finire bene la stagione a Frosinone. Sono in prestito e, anche se c è la possibilità del riscatto, credo che a fine stagione tornerò a Brescia. Farò il ritiro e da lì in poi si vedrà. (ma.ric.)

19 brescia vocemedia.it 19 L'agenda del Brescia 11 a giornata di ritorno BRESCIA GROSSETO 10 a giornata di ritorno sabato 24 marzo ore 15 Così in serie B: Partite giocate: 7. Vittorie Brescia: 3. Pareggi: 0. Vittorie Grosseto: 4. Gol Brescia: 10. Gol Grosseto: 10. L ultima sfida al Rigamonti risale al 7 marzo 2010: sconfitta per 3-2 mentre il primo confronto alla stagione 2007/2008 con un roboante 4-1 (doppietta di Tacchinardi). L annata successiva fini 1-0 con rete di Caracciolo. In questa stagione, invece, successo nella gara d andata per 2-0 dei toscani padroni di casa in gol con Sforzini (21 pt) e Caridi (14 st). REGGINA - BRESCIA lunedì 2 aprile ore 20,45 12 a giornata di ritorno BRESCIA - VERONA venerdì 6 aprile ore a giornata di ritorno SAMPDORIA - BRESCIA sabato 14 aprile ore 15 La foto di questo mese arriva direttamente dalla Curva Nord con un chiaro messaggio rivolto all amministrazione comunale in merito allo stadio. Il Sindaco, sotto la pressione dei tifosi, ultimamente sembra aver fatto "retromarcia" meditando una possibile ristrutturazione del Rigamonti in attesa del nuovo impianto nella futura Cittadella dello Sport. Invia la tua foto all indirizzo mail mettendo nome e cognome e una breve didascalia. La pubblicheremo nel prossimo numero di aprile. Palazzo Gambara Bedizzole (BS) - S. Vito - Tel info casarocca.it GENERAL FOOD s.p.a. - Via Cavour, Calcinato (BS) - Tel Fax:

20 20 febbraio 2012 Sito: Speciale tifosi. A Fidenza, nel parmense, c è un cuore che pulsa per le rondinelle dal chilometri di passione e amore La passione e il tifo per il Brescia va al di fuori dagli abituali confini di città e provincia sconfinando nel piccolo comune parmense di Fidenza. Dove dal 1993 in seguito alla retrocessione nello spareggio di Bologna perso 3-1 con l Udinese esiste un cuore che pulsa sangue biancoazzurro fra le 26 mila anime residenti. A dargli vita è Adriano Bertinelli che oltre ad essere socio fondatore è il presidente e il titolare del bar che ospita la sede. Anche se sono di Fidenza, ho sempre tifato per le rondinelle sin da piccolino ai tempi di Astutillo Malgioglio confessa Adriano in più quelle rare volte che riesco a venire a Brescia mi sento come a casa e considero i bresciani dei fratelli. Altro che Parma, città della quale mi sento lontano anni luce. Nonostante la retrocessione di Bologna, l allora Brescia Club Rondinelle Biancoazzurre (da poco rinominato Brescia Club Fidenza) nel corso degli anni ha accolto tifosi anche dalle zone di Parma e Cremona. Ma dopo la spinta iniziale ha subìto un netto calo in simbiosi con la squadra. Dalla nuova retrocessione in B nel 94 alla rinascita dal 2005 al Quel periodo ricorda Bertinelli abbiamo raggiunto il picco di tesserati sulla spinta dei grandi campioni come Roberto Baggio, Guardiola e la conduzione tecnica affidata a Mazzone. Abbiamo ripreso a organizzare alcune trasferte partecipando a quella storica di Parigi in Intertoto. Ma l ennesima retrocessione ha smorzato gli animi vista anche la lunga militanza nel campionato cadetto nelle successive cinque stagioni. Si faceva fatica, ma ci siamo sempre stati. L anno scorso il ritorno in serie A durato una sola stagione e culminato con la ricaduta agli inferi addirittura nell anno del Centenario. E stata una botta tremenda aggiunge Bertinelli eravamo tentati a sciogliere il gruppo. Ci sentivamo presi in giro da Corioni e dalla società. La notizia è arrivata fino a Brescia e, contattati dal Coordinamento, ci siamo convinti a proseguire nonostante le mille difficoltà. Perché Brescia e i bresciani li porto sempre nel cuore. RITAGLIA E VINCI LA MAGLIA DEL CENTENARIO La "MASS POINT" mette in palio due maglie OMAGGIO. Chi desidera partecipare all'estrazione deve ritagliare, compilare e spedire entro il 19 febbraio il seguente tagliando presso la nostra redazione:, via Callegari 6, Brescia. NOME:... LOCALITÀ:... COGNOME:... TELEFONO:... via Trento, Brescia - Tel.:

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

bilancio partecipato del Comune di Monte Porzio Catone

bilancio partecipato del Comune di Monte Porzio Catone bilancio partecipato del Comune di Monte Porzio Catone BP 2009 non solo parole Sbilanciamoci è un invito a partecipare alla scelta su come investire soldi pubblici, tramite il Bilancio Partecipato. Il

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL CONVENZIONE CGIL - UNIPOL IL SALTO DI QUALITÀ CHE MIGLIORA LA VITA! Proteggere le persone amate, tutelare le cose importanti, fare il salto di qualità e migliorare la vita? È quello che ogni Iscritto

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO)

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) Campagna di informazione rivolta al mondo scolastico sul tema della sicurezza nei

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA.

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. 2014 www.scuolafilmfest.it COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. PREMESSA Il concorso, giunto alla IV edizione, è promosso dall Associazione Lab CINECITTA Sicilia

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

ALLA FINE DEL MESE Storie di persone, difficoltà e vie d uscita. www.ambulatorioantiusura.it

ALLA FINE DEL MESE Storie di persone, difficoltà e vie d uscita. www.ambulatorioantiusura.it ALLA FINE DEL MESE Storie di persone, difficoltà e vie d uscita www.ambulatorioantiusura.it Perché leggere questo opuscolo? Tre storie diverse, lo stesso problema Negli ultimi anni la fascia di soggetti

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza La Festa dell Albero Festa dell Albero è la campagna di Legambiente per la tutela del verde e del territorio che quest anno si realizza nell ambito della Giornata Nazionale degli Alberi, finalmente istituita

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Federica Danesi federica.danesi@unife.it Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Com è cominciata Ho due bimbe, una di 6 e l altra di 2 anni, mio marito spesso lavora fuori città e da febbraio 2013 IO

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7

FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 bfruvc_` _*, FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 Un progetto Fa.Ce. - Famiglie Cerebrolesi Associazione Provinciale di Reggio Emilia bfruvc_` _*, FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 Fotografie

Dettagli

CONVENZIONE UIL - UNIPOL. Il salto di qualità con UIL!

CONVENZIONE UIL - UNIPOL. Il salto di qualità con UIL! CONVENZIONE UIL - UNIPOL Il salto di qualità con UIL! IL SALTO DI QUALITÀ CHE MIGLIORA LA VITA! Proteggere le persone amate, tutelare le cose importanti, fare il salto di qualità e migliorare la vita?

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 IL PROJECT PLAN NOME GRUPPO RECAPITO PER CONTATTO: Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 L IDEA E LE PERSONE Caratteristiche progetto: Descrivere brevemente il progetto e com è nata l idea. Valorizzazione

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati,

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati, EDITORIALE FRANCESCO CATERINI Gentili Associati, si è appena concluso un altro anno denso di avvenimenti per l Associazione e in particolar modo per me che festeggio il primo anno in qualità di Presidente.

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

<>

<<Era tormentato da un gruppo di bulli>> Minorenni online e bullismo. Una denuncia ogni cento casi Gazzetta di Mantova, 10 febbraio 2014 Suicida perchè gay, l'amica del cuore: Il Messaggero ed. Roma, 13/08/2013

Dettagli

Fai un lascito. all Unione dei Ciechi e degli Ipovedenti di Firenze Illumina la vita di chi non vede. ILLUMINA Campagna Lasciti Testamentari

Fai un lascito. all Unione dei Ciechi e degli Ipovedenti di Firenze Illumina la vita di chi non vede. ILLUMINA Campagna Lasciti Testamentari Fai un lascito all Unione dei Ciechi e degli Ipovedenti di Firenze Illumina la vita di chi non vede ILLUMINA Campagna Lasciti Testamentari SEZIONE PROVINCIALE FIRENZE SEZIONE PROVINCIALE DI FIRENZE DI

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE L associazione Fabbrica dei Sogni si può definire come il punto di arrivo di un percorso iniziato nell anno 2000 all interno della Comunità del Centro giovanile S. Giorgio di Bergamo,

Dettagli

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2015-16 prezzi e modalità di vendita

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2015-16 prezzi e modalità di vendita CAMPAGNA ABBONAMENTI 2015-16 prezzi e modalità di vendita Inizio Campagna Abbonamenti Dalle ore 17:00 di Lunedì 13 Luglio fino alle 13:00 di Sabato 25 Luglio gli abbonati alla stagione calcistica 2014/15

Dettagli

NOTIZIE DA ADOTTANDO N. 16 25 GENNAIO 2014

NOTIZIE DA ADOTTANDO N. 16 25 GENNAIO 2014 Adozioni a Distanza e Progetti di Solidarietà NOTIZIE DA ADOTTANDO N. 16 25 GENNAIO 2014 Progetti Un successo in più. Il progetto di recupero scolastico e socializzazione riservato agli ospiti del Dom

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Prot.n.142/12-na Circ.n.35/12

Prot.n.142/12-na Circ.n.35/12 Prot.n.142/12-na Circ.n.35/12 Roma, 12 settembre 2012 Ai Presidenti provinciali Ai Presidenti regionali Ai Consiglieri nazionali Ai Referenti regionali per il settore pedagogico Alle Segreterie provinciali

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO

PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO Progetto di ricerca La sicurezza costruiamola insieme Ricerca sull opinione dei cittadini della Provincia di Padova -Rapporto di ricerca - Gennaio 2012 Indice

Dettagli

CONCORSO PER GIOVANI ARTISTI

CONCORSO PER GIOVANI ARTISTI CONCORSO PER GIOVANI ARTISTI Tema: Africa e Daniele Comboni: appassionante avventura Gli enti promotori, MUSEO DIOCESANO SAN FERMO VERONA MISSIONARI COMBONIANI - CASA MADRE IN VERONA, offrono ai giovani

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Campagna: Il credito. Se lo conosci lo ottieni. 14 Maggio 2012. A cura dell Ufficio Comunicazione Relazioni esterne e Immagine

RASSEGNA STAMPA. Campagna: Il credito. Se lo conosci lo ottieni. 14 Maggio 2012. A cura dell Ufficio Comunicazione Relazioni esterne e Immagine RASSEGNA STAMPA Campagna: Il credito. Se lo conosci lo ottieni 14 Maggio 2012 A cura dell Ufficio Comunicazione Relazioni esterne e Immagine di CNA Forlì Cesena febbraio 2012 CNA Associazione Provinciale

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR

FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR DA LEGGERE CON MOLTA ATTENZIONE!!!! Il ruolo del Tutor è cruciale per come abbiamo progettato il FONDO STRAORDINARIO

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti Questa che andrete a leggere è una simulazione di un bellissimo progetto realizzato a Canegrate, 12000 abitanti, nel milanese. Abbiamo sostituito date, nomi, cifre e progetti per renderlo aderente alla

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Bando di concorso UISP. Gioco per gioco. UISP aderisce a Mettiamoci in gioco campagna nazionale contro i rischi del gioco d azzardo.

Bando di concorso UISP. Gioco per gioco. UISP aderisce a Mettiamoci in gioco campagna nazionale contro i rischi del gioco d azzardo. Bando di concorso UISP 1. Premessa UISP aderisce a Mettiamoci in gioco campagna nazionale contro i rischi del gioco d azzardo. Campagna nata nel 2012 per sensibilizzare l opinione pubblica e le istituzioni

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI Il progetto si propone l obiettivo di avvicinare con maggiore consapevolezza il mondo della scuola

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Premio Artistico Letterario don Peppe Diana XII edizione Anno 2015

Premio Artistico Letterario don Peppe Diana XII edizione Anno 2015 Premio Artistico Letterario don Peppe Diana XII edizione Anno 2015 Questa mattina per fortuna c è un aria diversa Il sole coi suo raggi penetra dalla finestra Quant è bella la mia terra c è un aria diversa..

Dettagli