Fra le peculiarità di Tanexpo, lo UNO DEI TEMI TRATTATI A TANEXPO sponsored by

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fra le peculiarità di Tanexpo, lo UNO DEI TEMI TRATTATI A TANEXPO 2008. sponsored by"

Transcript

1

2 fiere UNO DEI TEMI TRATTATI A TANEXPO 2008 La cremazione sponsored by Fra le peculiarità di Tanexpo, lo sappiamo da sempre, vi è quella di focalizzare l attenzione su argomenti di strettissima attualità, offrendo agli Operatori spunti di riflessione e strumenti concreti in grado di favorirne lo sviluppo professionale ed economico. L edizione 2008 dedicherà ampio spazio alla cremazione analizzandone in un convegno, in programma per venerdì 28 marzo, tutti gli aspetti ad essa correlati (legislativi, tecnici e tecnologici, psicologici, etico comportamentali, liturgici, cerimoniali, ) per identificare le principali problematiche dei diversi attori del sistema e per proporre loro, in maniera semplice ed efficace, risposte specifiche, suggerimenti e indicazioni di carattere pratico.

3 in Italia

4 fiere L interesse crescente per la cremazione è testimoniato anche dal proliferare di legislazioni regionali cresciute sulla spinta delle istanze cremazioniste per la dispersione e per l affidamento familiare o personale delle ceneri. L avvio è stato dato dalla Regione Lombardia con la legge regionale 18 novembre 2003, n. 22 Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. Poi la Regione Piemonte, con la legge regionale 9 dicembre 2003, n. 33 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri, abrogata dalla recente legge regionale 31 ottobre 2007, n. 20 Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. Di seguito sono intervenute: la Regione Toscana con la legge regionale 31 maggio 2004, n. 29 Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti ; la Regione Umbria con la legge regionale 21 luglio 2004, n. 12 Norme in materia di cremazione, dispersione delle ceneri e servizi cimiteriali ; la Regione Emilia-Romagna con la legge regionale 29 luglio 2004, n. 19 Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria ; la Regione Valle d Aosta con la legge regionale 23 dicembre 2004, n. 37 Disposizioni in materia di destinazione delle ceneri da cremazione ; la Regione Marche con la legge regionale 1 febbraio 2005, n. 3 Norme in materia di attività e di servizi necroscopici, funebri e cimiteriali ; la Regione Lazio con l articolo 162 Norme in materia di dispersione e affidamento delle ceneri della legge regionale 28 aprile 2006, n. 4 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2006 ; la Regione Campania con la disposizione 9 ottobre 2006, n. 20 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e di loro resti, affidamento, conservazione e di- 8 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE OLTRE magazine gennaio 2008

5 spersione derivanti dalla cremazione ; la Regione Liguria con legge regionale 4 luglio 2007, n. 24 Disposizioni in materia di cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. Disegni di legge sono stati presentati anche nelle Regioni Friuli Venezia Giulia, Puglia, Veneto e Sardegna. È evidente anche dall epigrafe delle leggi che spesso l interesse si è concentrato esclusivamente sulle tematiche della cremazione, mentre in pochi casi si è trattato di un intervento normativo di più ampio spettro sul settore funerario nel suo complesso, come è accaduto in Lombardia, Emilia-Romagna, Marche e Umbria. La differenziazione regionale è comunque interessante anche restringendo il confronto tra le disposizioni specifiche sulla cremazione che possiamo sintetizzare individuando i seguenti raggruppamenti. Solo attuazione della Legge 130/2001 per affidamento e dispersione ceneri: Liguria, Lazio; anche dimensione etica (strutture per il commiato, senso comunitario della morte, informazione ai cittadini): Piemonte, Toscana, Valle d Aosta, Campania, Emilia- Romagna; anche pianificazione territoriale dei crematori: Piemonte, Lombardia, Emilia- Romagna, Toscana; attenzione all impatto ambientale (emissioni): Lombardia. Mi preme mettere in evidenza il passaggio culturale, che le norme in parte colgono, di trattare i crematori non solo sotto l aspetto della dotazione tecnica quanto piuttosto per una loro funzione globale al servizio della cremazione. Gabriele Righi, componente dell Esecutivo Sefit, ha illustrato nell ambito dell annuale incontro di Roma le principali linee guida per l installazione di crematori in Italia ponendo l accento sul punto di vista di coloro che gestiscono il servizio in tema di etica, sensibilità culturale e religiosa, tecnologia, ambiente ed economia. In Italia nel 2006 sono state effettuate cremazioni, che corrispondono al 9,5% dei decessi ( nello stesso anno), poco più di un quarto rispetto alla percentuale media dell Unione Europea (36%). Attualmente sono in funzione 45 crematori OLTRE magazine gennaio 2008 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE 9

6 fiere (31 al nord, 9 al centro e solo 5 al sud) e nei prossimi dodici mesi ne dovrebbero essere attivati altri cinque. Rapportando questo dato al numero complessivo di cremazioni rispetto ai decessi, otterremo percentuali del 15,7% nel nord, del 9,6% nel centro e di solo lo 0,35% nel sud Italia. Quattordici impianti hanno effettuato meno di 500 cremazioni; tredici hanno raggiunto una quota compresa fra 500 e servizi; altri tredici ne hanno svolti un numero intermedio fra e 2.000; solo cinque, infine, hanno superato quota L interesse sta crescendo, e possiamo stimare che aumenterà velocemente anche il numero complessivo. È ragionevole ipotizzare, nell arco dei prossimi trent anni, una percentuale nazionale compresa fra il 25% e il 35%, cioè fra le e le cremazioni. Una crescita considerevole. Esistono però alcuni fattori in grado di rallentarla: la lontananza dal crematorio (e questo spiega anche una maggiore diffusione nei grandi centri piuttosto che nelle periferie); la frammentazione temporale della cerimonia, dovuta alla serialità degli interventi; la percezione da parte della popolazione dell assenza di una posizione chiara della Chiesa e soprattutto la mancanza di una liturgia apposita per chi sceglie la cremazione; la carenza di sistemi di memorializzazione propri alla sepoltura di urne cinerarie (i cimiteri sono orientati al seppellimento di feretri, non di urne); una normativa incompleta e poco chiara per l applicazione, frutto di stop and go, di interventi dapprima statali, poi regionali e ora comunali: una situazione applicativa a macchia di leopardo sul territorio; la difficoltà nella installazione di nuovi impianti, per il timore (inconscio, ma non reale) di inquinamento. In realtà il senso di repulsione della cittadinanza a nuove installazioni di crematori è identico a 10 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE OLTRE magazine gennaio 2008

7 quello che si prova per qualunque nuova struttura di servizio pubblico (ospedale, discarica, gassificatore, fermata dell autobus, cimitero, piazzola di cassonetto,...), quando i diritti di una comunità si scontrano con quelli dei singoli, vicini al luogo di insediamento. È nota come la sindrome nimby (not in my back-yard, non nel mio giardino). Nel caso specifico è più un problema psicologico, legato alla percezione che dalla ciminiera esca un distillato di morte e non, come succede nella stragrande maggioranza dei casi, fumi controllati con livelli di emissione entro i range ammessi. Sono tutti temi che hanno a che fare con una offerta da cui emerge una domanda latente, non ancora soddisfatta. Alla cremazione sono anche legati aspetti etici e tecnologici. Le spoglie umane non devono essere trattate come rifiuti. In passato, a causa di una scarsa conoscenza di molti fattori, le Autorità di controllo erano orientate a considerare gli impianti di cremazione, ai fini delle normative cui assimilarli, analoghi a quelli per l incenerimento dei rifiuti organici. L impianto di cremazione, in quanto tale, non può essere paragonato in alcun modo ad un sistema di incenerimento rifiuti per ragioni non tanto e non solo tecniche, ma soprattutto etiche. L esame dell impiantistica specifica e delle modalità portano a definire la cremazione come un processo che si caratterizza per un utilizzo discontinuo con funzionamento dell impianto a ciclo. La cremazione di resti umani non deve assolutamente essere combinata con quella degli animali da compagnia e deve essere condotta in modo da minimizzare l impatto ambientale, avendo particolare riguardo agli ultimi sviluppi tecnici legati ai processi di combustione. Le condizioni operative e le performance dei crematori devono essere aderenti alla miglior tecnologia disponibile ed economicamente sostenibile (in inglese Best Available Technology Economically Achievable), in relazione alla sicurezza dei lavoratori (che devono essere adeguatamente formati) e all impatto ambientale esterno soprattutto OLTRE magazine gennaio 2008 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE 11

8 fiere per quanto concerne i valori delle emissioni in atmosfera. Vengono distinte due situazioni, a seconda che l impianto svolga mediamente più o meno di servizi l anno: nel primo caso lo European Crematoria Network e il Cemetery and Cremation Working Committee della European Federation of Funeral Services propongono limiti più restrittivi, ritenuti raggiungibili dalle moderne tecnologie a costi accettabili; nel secondo si ipotizzano limiti meno restrittivi, prevedendo però nel tempo il raggiungimento di quelli precedenti. In questo modo si vuole evitare che i nuovi impianti, in zone in cui la pratica della cremazione è ancora agli inizi, siano gravati da costi eccessivi per l installazione di stazioni di filtraggio. A livello europeo c è molta attenzione alle emissioni in atmosfera, in particolare per il mercurio. Gli Enti sopra citati stanno promuovendo l emanazione di una apposita direttiva per i crematori al fine di superare la forte differenziazione esistente tra i diversi Paesi, favorendo in questo modo una standardizzazione delle tecnologie. Sarebbero fondamentali anche per l Italia, poiché qui non è mai stato emanato il provvedimento interministeriale che avrebbe dovuto regolare la materia secondo le previsioni della legge 130/2001. Tant è che oggi Regioni o Province, in base al dpr 203/88, stabiliscono limiti specifici in relazione alla localizzazione dell impianto e alla tecnologia adottata. Proprio sull impatto ambientale, anche per l informazione fuorviante fornita spesso da molti soggetti che imputano alla combustione del cofano funebre, soprattutto se verniciato, chissà quali danni in termini ecologici, abbiamo chiesto una precisazione ad Enrico Stragliotto, vice Presidente di Assocofani, l Associazione Italiana Produttori Cofani Funebri. Il problema non è certamente legato al cofano, o alle relative vernici, se il prodotto è realizzato in sintonia con le corrette regole costruttive che, per altro, auspichiamo siano a breve oggetto di una specifica Norma Uni alla quale la nostra Associazione sta 12 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE OLTRE magazine gennaio 2008

9 concretamente e tempestivamente lavorando. Il problema è semmai legato all utilizzo di filtri idonei a limitare i fumi a camino, riducendo così di molto l emissione in atmosfera di prodotti nocivi. Ricordo che alcuni anni fa, su sollecitazione degli abitanti della zona, il Comune di Milano eseguì alcuni test in collaborazione con la nostra azienda: furono bruciati cofani verniciati con prodotti diversi e con diverse quantità di vernice. Ne fu bruciato anche uno totalmente grezzo. Ebbene, i valori di elementi nocivi furono tutti assolutamente bassi, indipendentemente dal tipo di cassa. Ciò che provoca gravi danni è l assenza dei necessari filtri, una loro non corretta installazione o altri fattori (ad esempio gli abiti utilizzati per la vestizione del defunto) che nulla hanno a che vedere con il cofano. Gabriele Righi ha prima accennato alla mancanza di una liturgia apposita per chi sceglie la cremazione, anche a causa di una posizione poco chiara della Chiesa sulla materia. In realtà fin dal 1963 l allora Sant Uffizio concesse il funerale cristiano anche a chi sceglie di far cremare il proprio cadavere purché sia chiaro che tale scelta non venga fatta in antitesi alla fede cristiana. È però notizia resa pubblica solo a inizio gennaio che la Commissione Episcopale per la Liturgia ha pubblicato un sussidio pastorale per accompagnare il Rito delle Esequie: Proclamiamo la tua risurrezione, proposte di preghiera subito dopo la morte, per la veglia, per la chiusura della bara e per il momento della sepoltura al cimitero. Il volume offre anche orientamenti pastorali e testi adatti per i funerali in caso di cremazione. Fra le novità emerge la possibilità di celebrare le esequie anche in presenza dell urna cineraria: ciò avviene eccezionalmente quando per ragioni pratiche i riti esequiali non possono aver luogo prima. Il gruppo di lavoro incaricato di redigere il sussidio si è trovato di fronte alla diffusione di una prassi del tutto conforme alla legge civile, ma che va oltre la semplice cremazione: la dispersione delle ceneri. Una scelta che potrebbe sottintendere motivazioni o mentalità panteistiche o natu- OLTRE magazine gennaio 2008 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE 13

10 fiere ralistiche, ma che soprattutto sembra essere l ultimo atto di quella diffusa tendenza ad occultare la morte fino ad abolirne anche la memoria. Il cristiano, per il quale deve essere familiare e sereno il pensiero della morte, non deve aderire interiormente al fenomeno dell intolleranza verso i defunti. La preoccupazione di perdere il luogo comune della memoria è all origine dell orientamento espresso. Avvalersi della facoltà di spargere le ceneri, di conservare l urna cineraria in un luogo diverso dal cimitero o prassi simili, è comunemente considerato segno di una scelta compiuta per ragioni contrarie alla fede cristiana e pertanto comporta la privazione delle esequie ecclesiastiche. Il testo contenuto in un semplice sussidio non costituisce una norma nel senso pieno del termine, ma piuttosto una indicazione pedagogica che cerca di dissuadere da certe scelte. Scelte che se comunemente, cioè in generale, possono far supporre ragioni contrarie alla fede cristiana, nei singoli casi devono essere verificate per non arrivare ad assumere posizioni che vanno ben oltre la norma e le intenzioni della persona defunta. Monsignor Felice di Molfetta, presidente della Commissione Episcopale per la Liturgia, sottolinea che il libro nasce dalla consapevolezza di alcune concrete situazioni pastorali e dalla segnalazione di un forte disagio culturale nei confronti della morte, da più parti avvertito e vissuto. Una trentina di pagine sono dedicate ai funerali in caso di cremazione. Una lunga introduzione offre una panoramica sulla situazione attuale, i riferimenti alla dottrina e alla prassi cristiana e le indicazioni pastorali. Il capitolo riporta le preghiere sul luogo della cremazione, gli orientamenti pastorali per la celebrazione esequiale in presenza dell urna cineraria e le preghiere per la deposizione dell urna. Uno strumento nuovo, quindi, per chi è chiamato a svolgere il prezioso servizio di accompagnamento e di sostegno, nelle fasi del lutto, a tutti coloro che si trovano nel dolore. carmelo PeZZino 14 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE OLTRE magazine gennaio 2008

11 Tema Grafico - Esposizione Internazionale di Articoli Funerari e Cimiteriali Bologna BolognaFiere Ingresso Piazza Costituzione - Ingresso Nord ore 9.30 / Organized by: Conference Service Srl - Via de Buttieri, 5/a Bologna (Italy) - Tel Fax

12 fiere I COnVEgnI VEnERDÌ 28 marzo 2008 ore 11,00 Incontro sindacale Commissione Funeraria Sefit Gli eventi collaterali ore 14,30 Incontro Dibattito Le trasformazioni in atto nella società contemporanea e l evoluzione della funeraria in Italia lo stato dell arte aspetti normativi nazionali e locali rapporto e interazione fra le diverse componenti del comparto nuovi concetti sulla organizzazione e sulla gestione delle Imprese Funebri e dei servizi nuovi concetti sulla organizzazione e sulla gestione di cimiteri e di crematori formazione specialistica e nuove figure professionali ore 16,30 Convegno La cremazione sponsored by aspetti legislativi aspetti tecnici e tecnologici aspetti psicologici, etico-comportamentali e rituali nuove tipologie di approccio dell impresario e del dolente aspettative del cittadino rispetto all affido e alla dispersione delle ceneri la scelta dei prodotti (cofani funebri, urne, ) aspetti liturgici e cerimoniali IL COnCORSO Vieni a Tanexpo e vinci! Estrazione, fra tutti i visitatori professionali, di un allestimento per il punto vendita con elementi di arredo arricchiti da una dotazione di cofani funebri accessoriati, di urne cinerarie e di bronzi e da una consulenza progettuale globale. SaBaTO 29 marzo 2008 ore 9,30 Convegno L organizzazione del servizio funebre. Verso un modello europeo l organizzazione e la gestione del servizio e della cerimonia il rapporto con la comunità sociale aspetti comportamentali, etici, formativi la cura e la scelta dei prodotti: cofani funebri, bronzi, strutturazione dell arredo, autofunebre, ore 15,00 Incontro sindacale Congresso Nazionale Federcofit ore 15,00 Workshop Primo Forum Internazionale fra gli Organizzatori Europei di manifestazioni specializzate La mostra DI DESIgn Il corredo tombale progetti di affermati designer e prototipi realizzati da prestigiose aziende italiane L urna cineraria nel tempo rendering elaborati da Scuole di Design specializzate 16 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE OLTRE magazine gennaio 2008

13 Tema Grafico marzo 2008

14 fiere UN PROGETTO SPECIALE DI TANEXPO 2008 L ornamento floreale dei La presenza a Tanexpo dei Maestri dell Ufficio Olandese dei Fiori ha sempre portato alla rassegna una nota di eleganza e di vivacità, destando l interesse degli Operatori che, proprio da quanto osservato direttamente, hanno tratto idee, informazioni e spunti tecnici in grado di arricchire le proprie conoscenze professionali.

15 monumenti funerari

16 FIERE I fiori ci accompagnano in qualsiasi momento della nostra vita e possono regalare colore e speranza anche in una giornata triste come quella dell estremo saluto. Ecco, quindi, che diventa importante il ruolo di chi cura questo aspetto particolare della cerimonia. Le decorazioni floreali non si esauriscono certamente al momento del funerale, anzi assumono un ruolo preponderante anche nell ornamento dei luoghi di sepoltura, loculi, tombe o cappelle gentilizie che siano. Ricorderete che nel 2006 l Ufficio Olandese dei Fiori ha presentato a Tanexpo un libro fotografico, Il giardino dell anima, realizzato a Staglieno, il cimitero monumentale di Genova. Marc Mignon, floral designer francese, ci ha dimostrato come i fiori possano essere usati per decorare statue e monumenti in modo più originale rispetto a quello suggerito dalla tradizione: una visione romantica, densa di forti emozioni legate alle valenze comunicative degli elementi floreali abbinate alla silenziosa presenza di sculture dall indescrivibile bellezza. Sono immagini che inducono a vivere le decorazioni in modo più individuale e personale, slegato da concetti storici predefiniti, in armonia con lo spirito moderno dei nostri tempi. L Autore e il fotografo Yann hanno dato voce ad una profonda passione per i fiori. Il loro approccio merita certamente di essere visto ed imitato, poiché non è semplicemente fonte d ispirazione ori- 20 PERIODICO di informazione DELL IMPRENDITORIA FUNERARIA E CIMITERIALE OLTRE magazine gennaio 2008

17 ginale, ma anche nuova prospettiva d impiego, fresca e coinvolgente. Proprio su queste considerazioni si basa la partecipazione dei Maestri Olandesi a Tanexpo L interesse sarà prevalentemente concentrato sull ornamento dei monumenti funerari: informazioni teoriche e dimostrazioni pratiche forniranno elementi utili a dare voce nel tempo, grazie ai fiori, a sentimenti e a stati d animo che sarebbe difficile, se non impossibile, esprimere con le parole. In aggiunta a quanto sarà possibile vedere presso lo stand, Tanexpo e l Ufficio Olandese dei Fiori, in collaborazione con Asce e con Hera Bologna, offrono l opportunità di osservare da vicino performance artistiche appositamente realizzate per l occasione all interno della Certosa. Ai tanti percorsi di visite guidate abitualmente programmati all interno del cimitero bolognese se ne aggiungerà, nei giorni della manifestazione, uno specificatamente dedicato a fiori e piante integrati nel patrimonio artistico e monumentale. Una chiave di lettura che porterà a Tanexpo 2008 molti fioristi, ampliando così il target di riferimento ad un settore contiguo a quello strettamente funerario e cimiteriale e attribuendo alla rassegna il ruolo di punto di riferimento anche per una categoria professionale capillarmente presente nel Paese. Paola Bardi OLTRE magazine gennaio 2008 PERIODICO di informazione DELL IMPRENDITORIA FUNERARIA E CIMITERIALE 21

18 fiere Il Cimitero Monumentale della Certosa di Bologna è appena fuori dal cerchio delle mura della città, ai piedi del Colle della Guardia dove si trova il santuario della Madonna di San Luca. Fu istituito nel 1801 riutilizzando le preesistenti strutture della Certosa di San Girolamo di Casara, fondata a metà del 300 e soppressa nel 1797 da Napoleone. La forte passione della nobiltà e della borghesia per la costruzione dei sepolcri familiari trasformò la Certosa in un vero e proprio museo a cielo aperto caratterizzato da sculture neoclassiche, dalle tombe del periodo realista (anni 70 dell 800) e da monumenti funebri dipinti ad affresco o a tempera unici al mondo. Per questo motivo, soprattutto nel XIX secolo, la Certosa di Bologna divenne così famosa che alcuni viaggiatori europei come Byron, Dickens, Mommsen e Stendhal, visitando l Italia durante il loro grand tour, la inclusero nel proprio itinerario. Questi gli abituali percorsi di visite guidate: La Certosa di Bologna. Arte e Memoria. Cimiteri nel cimitero: l ebraico e l evangelico. Certosa antica: la Chiesa di San Gerolamo, il Chiostro delle Madonne e il Corridoio dipinto. Alla conquista del mondo: viaggiatori, esploratori e soldati nella Certosa di Bologna. Un mondo di affetti nei monumenti della Certosa. Il Chiostro delle Madonne. Immagini mariane tra memoria e devozione popolare. Il Chiostro Terzo. Il linguaggio neoclassico bolognese. Il marmo si fa morbido: la preziosità dei tessuti. Le Belle Arti in Certosa. Opere e Artisti dell Accademia nella prima metà dell Ottocento. Il serpente e la farfalla: iconografia e simbolismo nei monumenti della Certosa. Massimiliano Putti scultore: un figlio d arte fra tradizione e innovazione. 22 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE OLTRE magazine gennaio 2008

19 OLTRE magazine gennaio 2008 PERIODICO di informazione DELL IMPRENDITORIA FUNERARIA E CIMITERIALE 23

20 fiere Sentire Dedicato alla migliore organizzazione del punto vendita il premio del Concorso abbinato alla rassegna bolognese. Il comparto italiano delle Onoranze Funebri si interroga spesso su quali strumenti e quali procedure adottare per rispondere adeguatamente ad un mercato che richiede con sempre maggiore convinzione prestazioni incentrate sulla professionalità e sulla qualità dei servizi erogati. Una concorrenza spietata, legata ad una polverizzazione dell offerta che non ha eguali in alcun Paese occidentale, ha portato ad un livellamento degli standard professionali spesso basato quasi esclusivamente sugli aspetti economici legati allo svolgimento del servizio funebre.

21 l atmosfera Rendering computerizzato elaborato dallo studio progettazione TG Italiarreda

22 fiere Le Imprese più strutturate, e quelle più attente a cogliere le spinte alla modernizzazione provenienti da una società sempre più esigente, hanno già intrapreso una strada che si affida non solo ad elevati livelli prestazionali, ma anche al marketing, alla comunicazione, alla capacità di trasmettere messaggi rassicuranti. I fattori ambientali giocano un ruolo davvero rilevante. L organizzazione, la strutturazione e la disposizione degli spazi, così come la funzionalità e l armonia cromatica, aiutano a sentire l atmosfera, facendo percepire ai dolenti l efficienza degli Operatori e positive sensazioni di aiuto in un momento particolarmente difficile. L ambiente migliore è un giusto mix fra atmosfera professionale, personale e umana. La prima è caratterizzata da praticità ed eleganza, la seconda prevalentemente da calore umano; la terza è sostanzialmente una sintesi equilibrata fra le prime due all insegna del saper fare, saper essere se stessi, saper essere con gli altri. Tanexpo 2008, tenendo fede alla propria vocazione di proporre agli Operatori Funerari italiani strumenti utili, intende sollecitare la riflessione sulla importanza di utilizzare, anche nel settore funebre, virtuosi elementi di marketing. L attenzione sarà focalizzata sull allestimento del punto vendita, proponendo soluzioni inedite per uno show room di 64 metri quadri che, corredate da una ricca dotazione di cofani funebri accessoriati, di urne cinerarie e di bronzi, costituiranno il premio dell ormai tradizionale Concorso Vieni a Tanexpo e vinci!. L iniziativa, realizzata in collaborazione con TG Italiarreda e con il sostegno delle aziende associate al Consorzio Tanexport, consentirà a tutti di trarre da quanto presentato spunti e ispirazioni e al più fortunato fra i visitatori professionali di poter disporre di eleganti elementi di arredo e di una consulenza globale per la riprogettazione dello spazio realmente disponibile presso il proprio punto vendita. Un motivo in più quindi per non mancare, dal 28 al 30 marzo a Bologna, l appuntamento con Tanexpo 2008! daniela argiropulos 26 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE OLTRE magazine gennaio 2008

23 OLTRE magazine gennaio 2008 PERIODICO DI InfORmazIOnE DELL ImPREnDITORIa funeraria E CImITERIaLE 27

SEFIT. La pianificazione cimiteriale: come e perché Daniele Fogli

SEFIT. La pianificazione cimiteriale: come e perché Daniele Fogli La pianificazione cimiteriale: come e perché Daniele Fogli L incidenza della cremazione in Italia Incidenza attuale e passata della cremazione in Italia In Italia la cremazione, nel corso del 2005, ha

Dettagli

Da anni, ormai, Tanexpo ci. La mostra EvEnTO DI TanExPO 2008

Da anni, ormai, Tanexpo ci. La mostra EvEnTO DI TanExPO 2008 ' /.. FIERE Proposte e arredi La mostra EvEnTO DI TanExPO 2008 di design tombali Da anni, ormai, Tanexpo ci ha abituati a cogliere, in occasione della rassegna, significative anticipazioni di quelle che

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6156 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Disposizioni in materia di cremazione e

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 240 Presentata dai Consiglieri Ciani, Ciriani, Di Natale,

Dettagli

PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI VENERDI 20 MAGGIO 2011 HOTEL MEDITERRANEO

PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI VENERDI 20 MAGGIO 2011 HOTEL MEDITERRANEO PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI VENERDI 20 MAGGIO 2011 HOTEL MEDITERRANEO Nella città medievale o rinascimentale i luoghi della sepoltura sono ricompresi all'interno delle

Dettagli

- all art. 14 definisce gli elementi fondamentali per la formazione del cerimoniere delle strutture per il commiato;

- all art. 14 definisce gli elementi fondamentali per la formazione del cerimoniere delle strutture per il commiato; REGIONE PIEMONTE BU39S3 25/09/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 22 settembre 2014, n. 22-343 Disciplina regionale dei corsi di formazione professionale relativi ai servizi funebri e cimiteriali

Dettagli

proposta di legge n. 256

proposta di legge n. 256 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 256 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 16 settembre 2004 NORME IN MATERIA DI ATTIVITA E SERVIZI NECROSCOPICI FUNEBRI

Dettagli

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI CIMITERI Gli uffici amministrativi si trovano presso il Cimitero S. Michele, in Piazza dei Castellani. Orari di apertura al pubblico uffici amministrativi: Mattino: dal lunedì al venerdì: 08:00-11:30 Pomeriggio:

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

PILLA A TANEXPO 2010. Qualità ed eleganza per uno strepitoso successo

PILLA A TANEXPO 2010. Qualità ed eleganza per uno strepitoso successo n E w s a z I E n D E PILLA A TANEXPO 2010 Qualità ed eleganza per uno strepitoso successo Se mai doveste chiedere ai visitatori di Tanexpo 2010 quale, fra i tanti oggetti visti in esposizione, è rimasto

Dettagli

Disposizioni per le esequie

Disposizioni per le esequie Disposizioni per le esequie Steso da Nome: Cognome: Data di nascita: Luogo di residenza: Avvertenza: Vi preghiamo di consegnare le disposizioni per le esequie a una persona di fiducia o di depositarle

Dettagli

"Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali".

Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. LEGGE REGIONALE 18 novembre 2003, N. 22 "Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali". (BURL n. 47, 1º suppl. ord. del 21 Novembre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-11-18;22

Dettagli

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE MODULO DI ISCRIZIONE da spedire a Euro.Act s.r.l. via fax al numero 0532-1911222 entro il VENERDÌ della settimana precedente alla data di effettuazione del corso COMPILARE TUTTI I CAMPI ED INVIARE UN MODULO

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

euro.act s.r.l., Via Valle Zavelea 22, 44124 Ferrara, C.F./P.I./R.I. Ferrara 01317570388

euro.act s.r.l., Via Valle Zavelea 22, 44124 Ferrara, C.F./P.I./R.I. Ferrara 01317570388 5 maggio 2010 (Ferrara) Titolo: La cremazione. Conservazione, affidamento e dispersione ceneri SERENO SCOLARO (Libero professionista e Responsabile SEFIT) FINALITÀ DEL CORSO: Lo sviluppo della cremazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GRINZANE CAVOUR Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 504 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore TOMASSINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 26 MAGGIO 2006 Disciplina delle attività nel settore funerario TIPOGRAFIA

Dettagli

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE MODULO DI ISCRIZIONE da spedire a Euro.Act s.r.l. via fax al numero 0532-1911222 entro il GIOVEDì della settimana precedente alla data di effettuazione del corso COMPILARE TUTTI I CAMPI ED INVIARE UN MODULO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

LEGGE REGIONALE (n. 4)

LEGGE REGIONALE (n. 4) LEGGE REGIONALE (n. 4) approvata dal Consiglio regionale nella seduta antimeridiana del 30 settembre 2008 ----- ----- - 1 - Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente legge disciplina l affidamento delle

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino)

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) DOCUMENTO SPECIFICAZIONE DEL SERVIZIO E DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO CREMATORIO Contratto di concessione per la progettazione, realizzazione e gestione

Dettagli

REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO

REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO Regione Lazio Provincia di Rieti COMUNE di BORGOROSE REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO Realizzazione con il sistema del promotore art. 153 e seguenti del

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE TRA IL COMUNE E L IMPRESA DI ONORANZE FUNEBRI PER PRESTAZIONI DI SERVIZI FUNEBRI ANNO 2012 Approvato con determinazione n. 427 del 20/12/2011

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

Legge Regionale 28 aprile 2009, n. 14

Legge Regionale 28 aprile 2009, n. 14 Legge Regionale 28 aprile 2009, n. 14 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e dei loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione ( B.U. REGIONE BASILICATA

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Nuove

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE C O M U N E DI G E N O L A Provincia di Cuneo REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 18/2009 (Atti del Consiglio) Modifiche alla legge regionale 4 aprile 2007, n. 18 (Disciplina del trasporto di salme e di cadaveri). ***************

Dettagli

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Lo stato dell arte in Regione Toscana Emanuela Balocchini Servizi di Prevenzione in sanità Pubblica e veterinaria Regione Toscana 1 Quali ambiti

Dettagli

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE MODULO DI ISCRIZIONE da spedire a Euro.Act s.r.l. via fax al numero 0532-19.11.222 entro il VENERDÌ della settimana precedente alla data di effettuazione del corso COMPILARE TUTTI I CAMPI ED INVIARE UN

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI ISOLA D ASTI Provincia di Asti REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con delibera di C.C. n. 35 del 27.11.2008. REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

Comune di LOMBRIASCO

Comune di LOMBRIASCO Comune di LOMBRIASCO Provincia di TORINO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

INTRODUZIONE CENNI STORICI

INTRODUZIONE CENNI STORICI INTRODUZIONE CENNI STORICI UN RITO ANTICO E MODERNO La cremazione è un rito adottato in ogni epoca da più popoli in varie parti del mondo, tra cui le antiche civiltà mediterranee: Greci, Etruschi e Romani

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BUSCA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE

Dettagli

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 VADEMECUM PER IL SOCIO SOMMARIO SO. CREM Associazione senza scopo di

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale Proposta di legge di modifica della legge regionale 31 maggio 2004, n. 29 (Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti) Sommario Preambolo Art. 1 Sostituzione

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Comune di Quinto di Treviso CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI La Carta dei servizi è lo strumento che permette agli utenti il controllo sull erogazione dei servizi anche in termini

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE L AFFIDAMENTO - - LA CONSERVAZIONE LA DISPERSIONE - DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Delib. CC n. 13/8.5.08 Esecutivo dal 28/5/08

Dettagli

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere autorizzata dal Comune (2) ove è avvenuto il decesso,

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri GIROLAMINI, FASOLO E FINAMONTI

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri GIROLAMINI, FASOLO E FINAMONTI REGIONE DELL'UMIBRIA Consiglio ~~&~~~ Regionale Atti C onsiliarl VII LEGISLATURA ATTO N. 1770 P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri GIROLAMINI, FASOLO E FINAMONTI Attuazione della legge 30/3/2001,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata;

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata; Determinazione del Responsabile del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna 6 ottobre 2004, n. 13871 DISCIPLINA DELLE MODALITÀ TECNICHE DELLE PROCEDURE PER IL TRASPORTO DELLE SALME, DEI CADAVERI

Dettagli

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004)

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) (titolo XV regolamento comunale Polizia Mortuaria) Approvato con deliberazione di

Dettagli

Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione

Art. 1 Oggetto  Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione PROVINCIA DI CUNEO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione Art. 5 Insufficienza sepolture. Cremazioni Art. 6 Caratteristiche

Dettagli

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA 21, 22, 23 Giugno 2013 FIERA DEL LIBRO E DEL TURISMO ENOGASTRONOMICO L editoria enogastronomica da alcuni anni registra una crescita notevole. I media hanno dato e continuano

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento sala del commiato

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento sala del commiato CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento sala del commiato Approvato con D.C.C. n. 82 del 29/12/2011 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto il complesso delle norme

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di MOMBELLO MONFERRATO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI I N D I C E Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE 1 CAPO I - NORME GENERALI

Dettagli

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE

DATI PER LA FATTURAZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL CODICE FISCALE MODULO DI ISCRIZIONE da spedire a Euro.Act s.r.l. via fax al numero 0532-1911222 entro il GIOVEDì della settimana precedente alla data di effettuazione del corso COMPILARE TUTTI I CAMPI ED INVIARE UN MODULO

Dettagli

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Legge comunale sulla costruzione di abitazioni a scopo sociale Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CERESETO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 130 DEL 20 DICEMBRE 2011 ART. 1 DEFINIZIONI Ai fini della Legge Regionale 3 agosto 2011 n. 15 costituisce trasporto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1159 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ALFONZI, EMPRIN GILARDINI, VALPIANA, RUSSO SPENA e TURIGLIATTO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 NOVEMBRE 2006 Nuove

Dettagli

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE 1 PREMESSA Nella elaborazione del presente piano Cimiteriale, redatto ai sensi dell articolo 6 del Regolamento Regionale n.6 in data 09.11.2004

Dettagli

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA U.O. SERVIZI CIMITERIALI E POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, LA CONSERVAZIONE, L AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE

Dettagli

In caso di lutto in famiglia

In caso di lutto in famiglia Ingresso Cimitero Monumentale di Lecco In caso di lutto in famiglia Norme e indicazioni utili Servizi di Stato civile - Servizi cimiteriali Quando accade un evento luttuoso, ci troviamo spesso impreparati.

Dettagli

Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. (B.U. 02 Novembre 2007, n. 44)

Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. (B.U. 02 Novembre 2007, n. 44) Legge regionale n. 20 del 31 ottobre 2007 Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. (B.U. 02 Novembre 2007, n. 44) Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi Carta dei Servizi L Azienda Principi fondamentali Standard qualitativi PERCHÉ UNA CARTA DEI SERVIZI AMSEF s.r.l. onoranze funebri è Azienda multiservizi leader a livello nazionale nel settore con una

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO LR(8) 19_04 Pag: 1 LEGGE REGIONALE EMILIA- ROMAGNA 29 luglio 2004, n. 19 Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria. in B.U.R.E. n. 105 del 29-7-2004 sommario Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O CAPO I - NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO II

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA

GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA Libretto Servizi Funebri 21-03-2007 11:26 Pagina 1 1955 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE LOMBARDO E PROVINCIALE DI MILANO GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA Programma generale di intervento

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234407 - Fax 011 9234422 E-mail: ragioneria@comune.robassomero.to.it -

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234407 - Fax 011 9234422 E-mail: ragioneria@comune.robassomero.to.it - COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234407 - Fax 011 9234422 E-mail: ragioneria@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli