NOVEMBRE GNO/LUGLIO/AGOSTO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOVEMBRE 2013 2013GNO/LUGLIO/AGOSTO 2013"

Transcript

1 . Azienda certificata in Sistema di Qualità n ISO 9001 NOVEMBRE GNO/LUGLIO/AGOSTO 2013 Diritto d'autore: accordo tra SCF e ITSRIGHT sui diritti connessi Dopo la liberalizzazione della gestione dei diritti connessi al diritto d'autore (Legge n. 27/2012), il mercato della gestione dei diritti connessi (dovuti per la diffusione in pubblico di musica registrata) è aperto ed accessibile a tutte le imprese private. Ciò significa che, le due autorità incaricate della riscossione dei diritti connessi, cioè la Società Italiana Autori e Editori (SIAE) e la Società Consortile dei Fonografici (SCF), possono firmare contratti di gestione dei diritti connessi con qualsiasi impresa che ne dimostri le capacità. Recentemente (fine novembre 2013) SCF ha firmato un accordo per la gestione dei diritti connessi da lei riscossi (per distribuire 19 milioni di euro ai titolari dei diritti connessi) con ITSRIGHT, una società di servizi indipendente nata nel 2010 per gestire in Italia e all'estero i proventi per i diritti connessi. A questo punto è intervenuto un terzo attore, l'istituto per la Tutela dei Diritti degli artisti Interpreti ed Esecutori (IMAIE) che è ricorso all'autorità giudiziaria per bloccare i pagamenti delle somme riscosse da SCF. La liberalizzazione della gestione dei diritti connessi ha fatto entrare attivamente nel mercato gestionale dei diritti d'autore, anche le imprese private che, nel bene o nel male, dovrebbero dare una sferzata ad un mercato comunque chiuso e asfittico. Seguiremo le evoluzioni giudiziarie... Indicazioni operative: Diritto d'autore: accordo tra SCF e ITSRIGHT sui diritti connessi Con la liberalizzazione del mercato dei diritti connessi, promossa dal Governo Monti (Legge 24 marzo 2012, nr. 27), gli artisti possono scegliere liberamente a quale struttura affidare la gestione dei propri compensi, in linea con le modalità già adottate dal resto dell UE. Sostanzialmente la gestione monopolistica dei diritti connessi ha Modena - Via Malavolti, 5 tel fax cap. soc euro int. vers. cod. fisc. e p.iva reg. imp. di Modena /97 REA Sede di Bruxelles - ISB in Europe 36-38, Rue Joseph II, B-1000 Bruxelles - Belgio Tel Fax

2 portato ad una stagnazione del mercato, e la liberalizzazione risulta spesso una iniezione di energia vitale. Ciò perché, quest'ottica di liberalizzazione del mercato favorisce lo sviluppo di un contesto dinamico, in cui la concorrenza tra più soggetti stimola lo sviluppo del mercato. Vediamo cosa sono i diritti connessi, a chi spettano, chi li deve pagare e chi li riscuote. Cosa sono i Diritti Connessi La legge sul diritto d autore (articoli 72 e 73 bis Legge n. 633/1941) riconosce ai produttori fonografici il diritto a percepire un compenso ogni qualvolta un brano musicale inciso su un supporto fonografico venga eseguito, direttamente o indirettamente, in pubblico, o duplicato per fini non personali. Il compenso è dovuto anche nel caso in cui l utilizzo del fonogramma avvenga senza fine di lucro. Sono fatti salvi comunque i diritti spettanti agli autori della musica, che come è noto sono riscossi dalla SIAE. I diritti dei produttori fonografici, e degli artisti interpreti ed esecutori, sono detti diritti connessi al diritto d autore, e sono dovuti in caso di pubblica diffusione della loro opera. I produttori di fonogrammi sono coloro che assumono l iniziativa e la responsabilità della prima fissazione dei suoni provenienti da una interpretazione o esecuzione. I diritti connessi compensano quindi il lavoro dei produttori discografici, che impegnano risorse umane ed economiche per incidere il prodotto musicale, e degli artisti interpreti ed esecutori, che prestano la propria voce all incisione. Chi diffonde in pubblico musica registrata e video è tenuto, a corrispondere un compenso agli artisti e ai produttori discografici, come previsto dalla legge italiana sul diritto d autore e dalle direttive dell'unione Europea. Il compenso per i diritti connessi è dovuto per le seguenti forme di utilizzazione di musica: - Radio e TV - Diffusione in luoghi aperti al pubblico e ad opera di Music Service Provider - Nuove tecnologie (internet, mobile) - Diritto di copia privata Chi è tenuto al pagamento dei diritti connessi Il compenso per i diritti connessi di cui all art. 73 bis della legge sul diritto d autore (L. 633/1941), è dovuto da chi utilizza in pubblico i fonogrammi per la diffusione occasionale e gratuita di musica (musica d ambiente), nonché in occasione di trattenimenti e manifestazioni musicali gratuiti organizzati all'interno delle strutture ricettive. Si definisce fonogramma qualsiasi fissazione o registrazione originale di un opera musicale o di una sequenza di suoni e/o voci su qualsiasi supporto, come ad esempio compact disc, Mp3 ed altri supporti per la registrazione del suono. Il compenso è dovuto anche per l uso indiretto di fonogrammi, attraverso radio, tv o altri mezzi. Nel caso di duplicazione di fonogrammi è inoltre dovuto anche il compenso per il diritto di copia, di cui all art. 72 della legge sul diritto di autore. A chi spettano i diritti connessi: - artisti interpreti ed esecutori musicali

3 - direttori d'orchestra e di coro - musicisti e orchestrali - produttori artistici - produttori discografici Chi riscuote i diritti connessi Con la convenzione e gli accordi tra SCF, la SIAE e le principali associazioni di categoria, la riscossione dei diritti connessi viene eseguita direttamente da SCF per gli importi corrisposti dagli esercizi commerciali; viene invece eseguita dalla SIAE la riscossione dei diritti corrisposti da parte di acconciatori, estetica e pubblici esercizi. Le riscossioni avverranno come segue: Esercizi Commerciali e Artigiani con accesso del pubblico (ad eccezione di acconciatori ed estetica): il compenso sarà determinato tenuto conto delle specifiche modalità di fruizione del Repertorio e sarà versato direttamente ad SCF. Il pagamento dei compensi dovrà avvenire entro e non oltre il 31 marzo di ciascun anno (possibili eventuali proroghe annuali come è avvenuto per il 2012 e il 2013) ovvero entro 30 giorni dall'apertura del nuovo Esercizio. I termini indicati si applicano anche alle attività stagionali. Acconciatori, Estetica, Pubblici esercizi, Strutture ricettive, Stabilimenti balneari: il compenso sarà determinato tenuto conto delle specifiche modalità di fruizione del Repertorio e sarà versato alla SIAE con addebito dei relativi diritti amministrativi di procedura. Il pagamento dei compensi dovrà avvenire entro e non oltre il 31 maggio di ciascun anno (possibili eventuali proroghe annuali come è avvenuto per il 2012 e il 2013) ovvero entro 30 giorni dall'apertura del nuovo Esercizio. I termini indicati si applicano anche alle attività stagionali. Internet Service Provider "censori" della rete "Un Provider può essere obbligato a bloccare l'accesso dei suoi clienti a un sito web che viola il diritto d'autore": questa, in sintesi, la conclusione dell'avvocato generale della Corte di Giustizia UE, interpellato dalla Suprema Corte di Vienna, in merito ad una causa tra un provider e due società produttrici di film. In pratica l'autorità giudiziaria può obbligare un Provider a bloccare, ai suoi clienti, l'accesso a un sito che viola il diritto d'autore. Le norme del Diritto comunitario stabiliscono che i titolari dei diritti d'autore, possono chiedere un «provvedimento inibitorio» verso gli intermediari i cui servizi vengano usati per infrangere il copyright. La richiesta dei Giudici di Vienna verteva proprio su quest'ultimo punto: anche il provider che si limita a procurare agli utenti l'accesso a un sito illegale, è da considerare un intermediario, e quindi passibile di un provvedimento inibitorio? La risposta affermativa individua il Provider esattamente come un "intermediario" tra gli utenti della rete e i contenuti protetti dal diritto d'autore. Questa sentenza è una posizione nuova dei giudici comunitari: l'ultima sentenza UE del 2011 aveva ribadito che "i giudici nazionali non possono imporre ai Provider di applicare filtri per prevenire il download di contenuti illegali" (sentenza del 24/11/2011 nella causa C-70/10 Scarlet Extended SA / Société belge des auteurs,

4 compositeurs et éditeurs SCRL (SABAM). Ora invece, viene stabilito che l'autorità giudiziaria può obbligare un Provider a impedire l'accesso ad un sito web che viola il diritto d'autore, e se il Provider non esegue l'imposizione, potrebbe essere perseguito. Per ora, trattandosi solo di una sentenza, cioè una pronuncia su di un caso ben preciso, è importante solo sottolineare il cambio di direzione preso dai giudici comunitari. Interpretazione Normativa: Internet Service Provider "censori" della rete "Un Provider può essere obbligato a bloccare l'accesso dei suoi clienti a un sito web che viola il diritto d'autore": questa, in sintesi, la conclusione dell'avvocato generale della Corte di Giustizia UE, interpellato dalla Suprema Corte di Vienna, in merito ad una causa tra un provider e due società produttrici di film. Vediamo come si concilia la possibilità di obbligare un Provider a impedire l'accesso ad un sito web che viola il diritto d'autore, con le norme nazionali e comunitarie. Il vero problema è capire in che modo sia possibile attribuire una responsabilità civile agli Internet Service Provider nel momento in cui vengono compiute violazioni sulla rete direttamente dal gestore e, nella maggior parte dei casi, indirettamente dai fruitori dei loro servizi. A tal fine, è necessario prima di tutto delineare la figura dell Internet Service Provider e successivamente stabilire la disciplina normativa applicabile alla sua attività di prestatore di servizi della società dell informazione, attività che si concretizza sia nella semplice fornitura di accesso alla rete, ma anche nella memorizzazione o redazione di contenuti. Questa disciplina comprende innanzitutto le norme generali previste dal codice civile in tema di responsabilità civile, ma anche norme speciali come il Dlgs 70/2003 (attuazione della Direttiva 2000/31/CE). I soggetti normalmente coinvolti nella gestione di un sito web sono: 1) il content provider che ne predispone il contenuto; 2) il maintainer che gestisce la registrazione del nome di dominio; 3) l host service provider che consente al content provider di pubblicare su internet le pagine del proprio sito mediante l utilizzo di spazio web offerto sul proprio server. Tre possibili responsabilità da Codice Civile I) Se il Provider ha prodotto il contenuto illecito, ai sensi dell'articolo 2043 del Codice Civile, è la responsabilità che grava su chiunque abbia commesso un fatto illecito, ed il fornitore di contenuti è responsabile delle informazioni che mette a disposizione del pubblico (potrebbe essere il caso dei Content Provider). II) Il Provider potrebbe avere una responsabilità di tipo concorsuale (art 2055 del Codice Civile), solo nel caso in cui lo stesso Provider sia a conoscenza di fatti illeciti realizzati attraverso la propria infrastruttura tecnologica ed abbia consapevolmente fornito l accesso a dati illeciti immessi da altri. Questo tipo di responsabilità solidale, per l illecito commesso materialmente dall utente aiutato o non adeguatamente controllato dal Provider, è sostenibile solo se si dimostra che il Provider "sapeva e non ha informato le autorità".

5 III) Infine, possiamo avere la responsabilità esclusiva dell utente, con conseguente esenzione del Provider, qualora il Provider abbia svolto diligentemente i propri compiti ma l utente sia ugualmente riuscito a commettere l illecito. Assenza di obbligo generale di sorveglianza L art. 17 del Dlgs 70/2003 chiarisce dettagliatamente l assenza dell'obbligo generale di sorveglianza. Nell'ambito della sua prestazione di servizi il provider non e' assoggettato ad un obbligo generale di sorveglianza sulle informazioni che trasmette o memorizza, ne' ad un obbligo generale di ricercare attivamente fatti o circostanze che indichino la presenza di attività illecite. Il provider e' tenuto esclusivamente: a) ad informare senza indugio l'autorita' giudiziaria o quella amministrativa avente funzioni di vigilanza, qualora sia a conoscenza di presunte attivita' o informazioni illecite riguardanti un suo destinatario del servizio offerto; b) a fornire senza indugio, a richiesta delle autorita' competenti, le informazioni in suo possesso che consentano l'identificazione del destinatario dei suoi servizi con cui ha accordi di memorizzazione dei dati, al fine di individuare e prevenire attivita' illecite. Il provider è civilmente responsabile del contenuto di tali servizi nel caso in cui, richiesto dall'autorità giudiziaria o amministrativa avente funzioni di vigilanza, non ha agito prontamente per impedire l'accesso a detto contenuto, ovvero se, avendo avuto conoscenza del carattere illecito o pregiudizievole per un terzo del contenuto di un servizio al quale assicura l'accesso, non ha provveduto ad informarne l'autorità competente. Pagamenti elettronici per le imprese: POS obbligatorio dall'1/1/2014 ma manca il regolamento attuativo Nell'ambito della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione (PA), delle Imprese e dei Cittadini, gli strumenti di pagamento elettronici sono uno degli scogli da superare per dare slancio alle transazioni internazionali e all'e-commerce. All'inizio il Decreto Salva Italia (DL n. 201/2011), ha vietato i pagamenti in denaro contante tra soggetti diversi in un'unica soluzione di importo superiore o uguale a mille euro. Poi, il Decreto Crescita 2.0 (DL n. 179/2012), ha dato una accelerazione alla diffusione dell'utilizzo degli strumenti elettronici di pagamento, prevedendo per la PA l'obbligo di utilizzo di carte di credito, prepagate e altri strumenti di pagamento elettronico, nonché l'obbligo per i soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti (pubblici esercizi, esercizi commerciali, autoriparatori, acconciatori, saloni di bellezza, società di servizi, ecc.) e gli studi professionali (geometri, ingegneri, avvocati, consulenti del lavoro, dottori commercialisti, ecc.) di dotarsi di POS (Point of sale-pos, dispositivo che consente di effettuare il pagamento con moneta elettronica). Si evidenzia che la disposizione riguarda le sole carte di debito (bancomat) mentre non riguarda le carte di credito e le altre tipologie di pagamenti elettronici.

6 In teoria Quindi, a partire dal 1 gennaio 2014 tutti i soggetti esercenti l'attività di vendita di prodotti e/o di prestazioni di servizi, anche professionali, saranno obbligati ad accettare pagamenti tramite carte di debito (come i bancomat). In pratica Il vincolo scatterà solo dopo l'emanazione di apposito decreto attuativo, che al momento non è ancora stato diffuso: oltre ad essere disciplinate le modalità ed i termini di attuazione della misura, potrebbe essere introdotto un tetto alle fatture sotto il quale non viga l'obbligo di accettare pagamenti via POS, oppure potrebbe venire esteso l'obbligo ad altri strumenti di pagamento elettronici, anche con tecnologie mobili. Rimaniamo in attesa del Decreto attuativo interministeriale tra Ministero dello Sviluppo economico e Ministero dell'economia e delle Finanze. Diritto d'autore: la durata dei diritti connessi diventa di 70 anni Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema di recepimento della Direttiva 2011/77/UE che estende da 50 a 70 anni la durata dei diritti connessi degli artisti, interpreti ed esecutori sulle interpretazioni musicali fissate in un fonogramma e dei produttori di fonogrammi. La nuova scadenza della protezione si calcolerà a partire dalla pubblicazione o dalla comunicazione al pubblico del video/cd, a seconda di quale atto di sfruttamento economico sia avvenuto prima. Con l'adozione del provvedimento legislativo si raggiunge l'obiettivo fissato dall'eu di elevare il livello di protezione degli artisti dell'industria musicale, garantendo lo sfruttamento (economico ed artistico) delle proprie interpretazioni per un periodo di tempo più lungo degli attuali 50 anni, ritenuti non sempre sufficienti a coprire la durata dell'intera vita degli artisti stessi. Nell'estendere i termini di protezione, la norma prevede, una serie di misure dirette a riequilibrare il contenuto dei contratti di cessione dei diritti connessi stipulati con i produttori di fonogrammi ed attualmente in vigore, a favore degli artisti. In tal senso: nel caso in cui allo spirare dei 50 anni il produttore discografico non metta in vendita, o comunque a disposizione del pubblico, una quantità sufficiente di copie del cd, gli artisti possono risolvere unilateralmente il contratto di cessione dei diritti connessi. Viene stabilito, inoltre, l'obbligo per i produttori di accantonare in un fondo il 20% dei guadagni annuali ottenuti a partire dal cinquantesimo anno di sfruttamento economico dei fonogrammi. Tale somma supplementare dovrà essere devoluta attraverso le società di gestione collettiva agli artisti, in cui i contratti discografici prevedono forme di compenso forfetario, e non secondo percentuali annuali sulle vendite. Per maggiori dettagli attendiamo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

7 Repressione della pirateria online: nuovo Regolamento sul Copyright Internet diventa sempre più importante per l'informazione e la comunicazione pubblica, e come conseguenza, si riaccende la contrapposizione tra chi vuole una rete libera, e chi invece richiede a gran voce una regolamentazione normativa. In questi giorni l'agcom sta definendo il Regolamento sul Copyright per poi sottoporlo a consultazione pubblica. Ma fino a che punto l'agenzia per le garanzie nelle comunicazioni può disciplinare la rete? Quando la libertà di espressione viene limitata, viene leso un diritto costituzionale? La discussione è stata affrontata in Parlamento, sui blog, sui giornali, e come spesso accade quando si contrappongono interessi e filosofie diverse, è molto difficile raggiungere un accordo "temperato". Anche dalla sezione delle Nazioni Unite che si occupa di proteggere la libertà d'informazione e di espressione, è arrivata una osservazione: potrebbe non essere legittimo l'intervento dell'authority sulla libertà d'espressione, la quale, in quanto diritto costituzionale, richiede una pronuncia parlamentare. Il Regolamento prevede, in caso di violazione della proprietà intellettuale, l'inibizione dell'accesso ai siti e la rimozione selettiva dei contenuti, riconoscendo di fatto un forte potere di azione nei confronti degli Internet service provider (ISP), ma non sui fornitori di contenuti. In base a tale prospettiva, il timore è che la libertà di espressione venga limitata in quanto non si colpisce chi realizza "concretamente" l'illecito, ma chi "traghetta" le comunicazioni nella rete (ISP). Tali considerazioni sono state fatte su bozze del regolamento che circolano nella rete, per osservazioni più dettagliate, rimaniamo in attesa del documento definitivo che verrà pubblicato a breve sul sito dell'agcom. Interpretazione Normativa: Repressione della pirateria online: nuovo Regolamento sul Copyright Tutela dei contenuti digitali: le procedure di rimozione selettiva imposte ai Provider Su Internet, la diffusione viene assicurata dai prestatori di servizi della società dell'informazione - intermediari di servizi, cioè Internet Service Provider (ISP) - che a vario titolo concorrono al funzionamento della rete (Direttiva 2000/31/CE e D.lgs. 70/2003). Analizziamo una sentenza della Corte di Giustizia Europea che ribadisce la neutralità dei Provider. La corte di Giustizia europea è stata chiara: anche la lotta alla pirateria informatica deve arrestarsi di fronte al rischio di limitare la libertà di informazione e di comunicazione "Un Giudice non può imporre ad un Internet Service Provider di installare filtri anti download nelle trasmissioni dei suoi clienti": questo il principio espresso dalla Corte di Giustizia europea con la sentenza del 24/11/2011 nella causa C-70/10 Scarlet Extended SA / Société belge des auteurs, compositeurs et éditeurs SCRL (SABAM). La sentenza si basa sul principio che la tutela del diritto d autore non può limitare altri diritti fondamentali come la tutela dei dati personali, la libertà di comunicazione e la libertà di impresa.

8 La causa Il fatto ha avuto origine da un ingiunzione di un giudice nazionale che ha imposto ad un provider di installare un sistema di filtri per le comunicazioni che trasmetteva su Internet al fine di prevenire il download illegale di file protetti dal diritto d'autore. Attori del fatto due società, una che gestisce un portafoglio di opere musicali e una che fornisce accesso a Internet: la prima, dopo aver scoperto che tanti navigatori della rete, trasportati dalla suddetta società fornitrice di servizi internet, scaricavano illegalmente le sue opere, si è rivolta al Tribunale di prima istanza. La sentenza ottenuta aveva imposto al provider in questione di far cessare tali violazioni, bloccando qualsiasi trasmissione di file contenenti le opere musicali. Il provider, da parte sua si è rivolto alla Cour d'appel de Bruxelles che a sua volta ha chiesto alla Corte di giustizia se un tale obbligo fosse lecito e compatibile con la normativa comunitaria. Le basi normative della sentenza La normativa comunitaria, Direttive 2000/31/CE "Aspetti giuridici dei servizi della società dell informazione, in particolare il commercio elettronico, nel mercato interno" e 2001/29/CE "Armonizzazione di taluni aspetti del diritto d autore e dei diritti connessi nella società dell informazione", e quella nazionale D.lgs 70/2003 contengono chiare disposizioni in merito alle responsabilità in capo ai provider sulle comunicazioni dei loro clienti. Assenza di obbligo di sorveglianza Nell'ambito della sua prestazione di servizi (art. 17 Dlgs 70/2003), il provider non e' assoggettato ad un obbligo generale di sorveglianza sulle informazioni che trasmette o memorizza, ne' ad un obbligo generale di ricercare attivamente fatti o circostanze che indichino la presenza di attività illecite. Il provider e' tenuto esclusivamente: a) ad informare senza indugio l'autorita' giudiziaria o quella amministrativa avente funzioni di vigilanza, qualora sia a conoscenza di presunte attivita' o informazioni illecite riguardanti un suo destinatario del servizio offerto; b) a fornire senza indugio, a richiesta delle autorita' competenti, le informazioni in suo possesso che consentano l'identificazione del destinatario dei suoi servizi con cui ha accordi di memorizzazione dei dati, al fine di individuare e prevenire attivita' illecite. La giurisprudenza Negli ultimi anni, soprattutto dopo l entrata in vigore del D.lgs 70/2003 ci sono state diverse sentenze sulla responsabilità dei provider di cui vi abbiamo dato notizia. Di particolare importanza per la svolta apportata nell inquadramento della responsabilità, è stata la sentenza 2286 del 29 giugno 2004 del Tribunale di Catania che ha sostenuto che la responsabilità dell hosting/caching provider è configurabile quale responsabilità soggettiva: - colposa, allorché il fornitore del servizio, consapevole della presenza sul sito di materiale sospetto, si astenga dall accertarne l illiceità e, al tempo stesso, dal rimuoverlo; - dolosa, quando egli sia consapevole anche della antigiuridicità della condotta dell utente e, ancora una volta, ometta di intervenire.

9 In particolare, il Tribunale ha per la prima volta compiuto una chiara distinzione della responsabilità del provider a seconda della concreta attività che svolge, stabilendo che: a) l access provider non può essere considerato responsabile in quanto la sua attività si esplica esclusivamente e limitatamente nel fornire la connessione alla rete; b) i provider che erogano servizi aggiuntivi alla semplice connessione (memorizzazione temporanea o prolungata) possono essere passibili di responsabilità qualora si dimostri che erano a conoscenza che l attività o l informazione trasmessa o svolta tramite loro fosse illecita, con l espressa limitazione derivante dalla circostanza che non si possa imporre al prestatore di servizi un obbligo generale di sorveglianza sulle informazioni trasmesse e memorizzate né, tanto meno, un obbligo generale di ricercare attivamente fatti o circostanze che indichino la presenza di attività illecite. Le riflessioni e le conclusioni della Corte di giustizia UE In via generale le norme nazionali devono rispettare il divieto sancito dalla Direttive 2000/31/CE e 2001/29/CE di adottare misure che impongano ad un provider una sorveglianza generalizzata sulle informazioni che trasmette sulla propria rete. Il sistema di filtraggio imposto dal Giudice di prima istanza potrebbe avere conseguenze non trascurabili sulla libertà di comunicazione dei clienti. Tale obbligo implicherebbe, infatti, un analisi sistematica di tutti i contenuti, nonché la raccolta e l identificazione degli indirizzi IP degli utenti che effettuano l invio dei contenuti illeciti sulla rete, indirizzi che costituiscono dati personali. Dall altro, rischierebbe di limitare la libertà di informazione, siccome il sistema potrebbe avere difficoltà nel distinguere un contenuto illecito da un contenuto lecito. Le nostre riflessioni La Corte ha dichiarato che, con un ingiunzione che costringe un provider a installare un sistema di filtraggio, il giudice nazionale non rispetterebbe l obbligo di garantire un giusto equilibrio tra il diritto di proprietà intellettuale, da un lato, e la libertà di impresa, il diritto alla tutela dei dati personali e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni, dall altro. Quindi il provider non è obbligato ad installare i filtri anti download e soprattutto i giudici non possono imporre tale obbligo con proprie ingiunzioni. La portata di tale pronuncia dovrebbe scoraggiare i giudici dei tribunali ordinari ad accogliere le richieste di tutela dei diritti degli autori, qualora la loro difesa rischia di limitare la libertà di comunicazione e la libertà d impresa. In conclusione, sulla base della normativa vigente e della recente giurisprudenza, in linea generale, il provider può considerarsi un soggetto neutrale rispetto ai contenuti veicolati in Rete. Le aste online: dalla normativa alle piattaforme tecnologiche Nell'ordinamento italiano sul commercio è contenuto uno specifico divieto (art.18 del D.lgs. 114/1998) riferito alle aste online: è vietato lo svolgimento di vendite all'asta on line in cui il venditore si rivolge al consumatore finale (business to consumer). Di conseguenza, come ha avuto modo di chiarire il Ministero Attività Produttive (Circolare n. 3547/c del 17 giugno 2002) il divieto non sussiste per le aste on line che

10 riguardano il commercio all'ingrosso, le vendite effettuate da soggetti non rientranti nel campo di applicazione del D.lgs. 114/1998, quali: industriali, artigiani, produttori agricoli che vendono i propri prodotti e sempre che, nel caso di vendita al dettaglio, il contratto si concluda nel luogo di produzione dei medesimi beni (in caso contrario, si ricade nella disciplina del commercio e conseguentemente nel divieto ex art. 18 del D.lgs. 114/1998). Nelle vendite tramite aste online, quale tipo di contratto si applica? Si applica la normativa relativa ai "Contratti negoziati fuori dei locali commerciali" (artt D.Lgs n. 206/2005) che prevede l'obbligo per il venditore di fornire una serie di informazioni in modo ben visibile sul sito o all'interno del contratto di vendita: il tipo di asta, le regole di aggiudicazione, modalità di consegna e pagamento, il diritto di recesso e le modalità di esercizio del recesso, il limite temporale dell'offerta e alla fine, il suo esito. L'Agenda digitale procede a passo veloce L'Agenda Digitale Italiana procede verso l'obiettivo di digitalizzare il paese, partendo dalla Pubblica Amministrazione (PA), passando attraverso le imprese per poi estendersi a tutti i cittadini. Nell'ambito dell'incontro che si è svolto durante OMAT 2013 (13-14 novembre Roma), il Commissario di Governo per l'attuazione dell'agenda digitale ha ribadito le priorità da attuare entro breve tempo: - l'identità digitale: la realizzazione del Servizio pubblico di identità digitale (SPID) è già stata disciplinata (DL 69/2013), rimaniamo in attesa dei regolamenti attuativi; - la fatturazione elettronica: sulla base delle disposizioni fiscali sulla PA, dal 6 giugno 2014 (DM Economia e Finanza n. 55/2013, articolo 6, comma 2, in vigore dal 6/6/2013) scatterà l'obbligo di scambio di fatture elettroniche tra ministeri/enti previdenziali/agenzie fiscali e i relativi fornitori; - l'anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR): i tempi di integrazione tra le diverse banche dati dovrebbero protrarsi non oltre il Inoltre, lo stesso Commissario ha sottolineato i due obiettivi "digitali" all'attenzione della presidenza italiana della Commissione UE che avrà inizio dal 1 luglio 2014: - interoperabilità: occorre un piano di azioni condivise affinchè i 28 paesi membri possano dialogare e interscambiarsi i dati digitali; - risorse economiche: ovviamente per digitalizzare l'ue entro il 2020 (UE Lisbon Strategy 2020) servono risorse economiche anche da investimenti privati, pertanto serve un programma di investimenti pubblici così come una strategia di marketing che stimoli e attiri investimenti anche stranieri nelle ICT.

Le violazioni del diritto d'autore online alla luce delle sentenze della Corte Ue (Guida al Diritto)

Le violazioni del diritto d'autore online alla luce delle sentenze della Corte Ue (Guida al Diritto) Le violazioni del diritto d'autore online alla luce delle sentenze della Corte Ue (Guida al Diritto) Andrea Sirotti Gaudenzi La Corte di giustizia del Lussemburgo è stata frequentemente chiamata a esaminare

Dettagli

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI Dott.ssa Stefania Ercolani Società Italiana degli Autori ed Editori WEB TV, WEB RADIO E VIDEO ON DEMAND: UN REBUS NORMATIVO? LE FONTI Direttiva

Dettagli

Com è noto, gli articoli da 14 a 16 del D.L.vo 70/2003, nel disciplinare la responsabilità dei prestatori intermediari, distinguono tra:

Com è noto, gli articoli da 14 a 16 del D.L.vo 70/2003, nel disciplinare la responsabilità dei prestatori intermediari, distinguono tra: Responsabilità del provider per violazione del diritto d autore. Nota a Tribunale di Catania, Sezione Quarta Civile, sentenza 29 giugno 2004, n. 2286/2004 di Giuseppe Briganti avv.briganti@iusreporter.it

Dettagli

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15. Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15. Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 La responsabilità dell Internet Intermediary Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 SERVIZI E PRESTATORI Internet service providers (ISP) e Internet

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli

LE OPINIONI. 1 Per ulteriori approfondimenti sul tema delle responsabilità per fatto illecito in Internet si

LE OPINIONI. 1 Per ulteriori approfondimenti sul tema delle responsabilità per fatto illecito in Internet si LE OPINIONI PRESTATORI DI SERVIZI DELLA SOCIETÀ DELL'INFORMAZIONE IL NUOVO REGIME DI RESPONSABILITÀ CIVILE ALLA LUCE DEL D.LGS. 70/2003 SUL COMMERCIO ELETTRONICO Come noto il 15 maggio 2003 è entrata in

Dettagli

Diritto della Rete. Avv. Marilù Capparelli, Direttore Affari Legali Google Italy Avv. Marco Berliri, Partner Hogan Lovells Studio Legale

Diritto della Rete. Avv. Marilù Capparelli, Direttore Affari Legali Google Italy Avv. Marco Berliri, Partner Hogan Lovells Studio Legale Diritto della Rete La società dell informazione: prestatori di servizi online, quadro normativo di riferimento e l esenzione di responsabilità per gli Internet Service Provider Avv. Marilù Capparelli,

Dettagli

INTERNET. STRUMENTI LEGALI PER LO SVILUPPO DI NUOVE OPPORTUNITÀ

INTERNET. STRUMENTI LEGALI PER LO SVILUPPO DI NUOVE OPPORTUNITÀ INTERNET. STRUMENTI LEGALI PER LO SVILUPPO DI NUOVE OPPORTUNITÀ Giangiacomo Olivi Hotel dei Cavalieri, Milano 24 ottobre 2011 Social Networks Web 2.0 Tratto da Harpsocial.com Social Networks Web 2.0 Tratto

Dettagli

IL DIRITTO DELL INFORMAZIONE E DELL INFORMATICA

IL DIRITTO DELL INFORMAZIONE E DELL INFORMATICA IL DIRITTO DELL INFORMAZIONE E DELL INFORMATICA Anno XXVIII Fasc. 2-2012 Pieremilio Sammarco ALLA RICERCA DEL GIUSTO EQUILIBRIO DA PARTE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA UE NEL CONFRONTO TRA DIRITTI FONDAMENTALI

Dettagli

L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico.

L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico. L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico. I prestatori dei servizi della societa dell informazione / 1 Il prestatore di servizi della società dell

Dettagli

CONTRATTI SCRITTI NELLA FILIERA AGROALIMENTARE

CONTRATTI SCRITTI NELLA FILIERA AGROALIMENTARE . Azienda certificata in Sistema di Qualità n 50 100 7754 ISO 9001 LINEE GUIDA CONTRATTI SCRITTI NELLA FILIERA AGROALIMENTARE Applicazione della Legge 24 marzo 2012, n. 27 art. 62 Disciplina delle relazioni

Dettagli

È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare..

È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare.. Il File sharing È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare.. Il file sharing nasce come mezzo per favorire

Dettagli

La normativa italiana in materia di commercio elettronico. Avv. Ivan Rigatti

La normativa italiana in materia di commercio elettronico. Avv. Ivan Rigatti La normativa italiana in materia di commercio elettronico Avv. Ivan Rigatti Il commercio elettronico Nella sua accezione più ristretta, il commercio elettronico (più noto come e-commerce contrazione di

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI

OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI Sentenza della Corte di Giustizia dell Unione Europea nella causa C-204/09 Flachglas

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA SUL COMMERCIO ELETTRONICO E SUI SERVIZI DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA SUL COMMERCIO ELETTRONICO E SUI SERVIZI DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA SUL COMMERCIO ELETTRONICO E SUI SERVIZI DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE 1) I principi fondamentali e l ambito di applicazione del Decreto Legislativo n 70 del 2003

Dettagli

FPM Federazione contro la Pirateria Musicale

FPM Federazione contro la Pirateria Musicale FPM Federazione contro la Pirateria Musicale Cosa dice la legge? La Legge sul Diritto d Autore 633/41, aggiornata dalla Legge 248/00, prevede dure sanzioni penali per coloro che violano le disposizioni

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc

Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc LA RATIO DELLA DISCIPLINA LEGISLATIVA SULLA COPIA PRIVATA La copia privata consiste nella

Dettagli

CAUSA C 131/12 Google Spain

CAUSA C 131/12 Google Spain CAUSA C 131/12 Google Spain Le questioni oggetto di rinvio pregiudiziale da parte della Audiencia Nacional (chiamata a giudicare in appello la sentenza del Tribunale di prima istanza) erano le seguenti:

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 57 del 20 dicembre 2011 La manovra Monti (DL

Dettagli

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica. RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Roma, 30 settembre 2003 Normativa e Contenzioso Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Dettagli

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica digitale quello che bisogna sapere Ci sono molti modi per avere accesso in maniera sicura e legale a musica, film e TV sul web. Questa

Dettagli

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità Autore: Luca PRATI e Francesco Maria SALERNO Data: 09.09.2014 Pubblicato su: www.lexambiente.it I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia

Dettagli

I sistemi di gestione dei diritti digitali. DRM, un modello di gestione delle licenze in rete

I sistemi di gestione dei diritti digitali. DRM, un modello di gestione delle licenze in rete I sistemi di gestione dei diritti digitali. DRM, un modello di gestione delle licenze in rete Sotto l etichetta di sistemi di DRM sono compresi sia i sistemi di protezione tecnologica delle opere, sia

Dettagli

CONTRATTI WEB BASED GUIDA INTRODUTTIVA PAOLO LOTTI TAR PIEMONTE

CONTRATTI WEB BASED GUIDA INTRODUTTIVA PAOLO LOTTI TAR PIEMONTE CONTRATTI WEB BASED GUIDA INTRODUTTIVA PAOLO LOTTI TAR PIEMONTE CONTRATTO DI HOUSING Il Provider è il soggetto che fornisce all'utente-cliente la connessione alla rete mondiale Internet (World Wide Web

Dettagli

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce Oggetto: Al commercio elettronico vengono applicate delle norme specifiche che in parte si discostano dai criteri generali di territorialità previsti dal D.P.R. 633/1972. Per commercio elettronico si intendono

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING

DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING Audizione del 23.09.2015 Commissioni riunite Giustizia e Lavoro Camera dei Deputati PREMESSA Transparency International Italia è la sede italiana dell organizzazione

Dettagli

Condizioni di Utilizzo del Sito

Condizioni di Utilizzo del Sito Condizioni di Utilizzo del Sito 1 - Premessa: Le presenti condizioni di utilizzo sono stipulate tra l utente del sito (qui di seguito denominato Utente ) e Decathlon Italia S.r.l. società Unipersonale,

Dettagli

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023 Pagina 1 di 6 Avis juridique important 31997L0055 Direttiva 97/55/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 ottobre 1997 che modifica la direttiva 84/450/CEE relativa alla pubblicità ingannevole

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

Responsabilità dei prestatori intermediari. Corso di Informatica Giuridica Facoltà di Giurisprudenza Sede di Bologna

Responsabilità dei prestatori intermediari. Corso di Informatica Giuridica Facoltà di Giurisprudenza Sede di Bologna Responsabilità dei prestatori intermediari Corso di Informatica Giuridica Facoltà di Giurisprudenza Sede di Bologna 1 Internet Service Provider Direttiva 2000/31/CE D.lgs. 70/2003 Tre tipi di ISP: Mere

Dettagli

Circolare N.35 del 7 Marzo 2014

Circolare N.35 del 7 Marzo 2014 Circolare N.35 del 7 Marzo 2014 POS per i professionisti. Con la conversione del DL Milleproroghe slitta al 30.06.2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è stata approvata definitivamente

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.2.2013 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 142/2009, presentata da R.A.J., cittadino italiano, corredata di due firme, sull'intervento

Dettagli

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Il ciclo di vita del documento informatico e le comunicazioni

Dettagli

IL DIRITTO D'AUTORE IN BIBLIOTECA

IL DIRITTO D'AUTORE IN BIBLIOTECA IL DIRITTO D'AUTORE IN BIBLIOTECA Rho 3 MARZO 2010 INTRODUZIONE AL DIRITTO D'AUTORE CentRho Piazza San Vittore OPERE PROTETTE (Art. 1, LDA) - Sono protette ai sensi di questa legge le opere dell'ingegno

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Pos obbligatorio dal 30 giugno per imprese e lavoratori autonomi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 30 giugno 2014

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Prot. n. 1034/CGV Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Rimozione dei casi di offerta in assenza di autorizzazione, attraverso rete telematica, di giochi,

Dettagli

Legge 22 aprile 1941, nr. 633 Protezione del diritto d autore e di altri diritti connessi al suo esercizio

Legge 22 aprile 1941, nr. 633 Protezione del diritto d autore e di altri diritti connessi al suo esercizio Legge 22 aprile 1941, nr. 633 Protezione del diritto d autore e di altri diritti connessi al suo esercizio (testo aggiornato con le modifiche successivamente apportate alla data del 30 settembre 2011).

Dettagli

Conseil constitutionnel [Francia] 10.6.2009

Conseil constitutionnel [Francia] 10.6.2009 1 Tutela penale del diritto d'autore (segue) 2 Conseil constitutionnel [Francia] 10.6.2009 è incostituzionale: 1. l'attribuzione ad un organo amministrativo del potere di irrogare sanzioni che producano

Dettagli

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 086 28 MARZO 2013 IVA LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 41, DL n. 331/93 Risoluzioni Agenzia Entrate 28.11.2007, n.

Dettagli

Il D.lgs 231/07 contro il riciclaggio. Impatti sulle persone giuridiche

Il D.lgs 231/07 contro il riciclaggio. Impatti sulle persone giuridiche Il D.lgs 231/07 contro il riciclaggio Impatti sulle persone giuridiche 1. INTRODUZIONE AL D.LGS 231/07 Il decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 ha attuato la direttiva 2005/60/CE per la prevenzione

Dettagli

Contratti di servizi telematici a distanza sulla via della sharing economy

Contratti di servizi telematici a distanza sulla via della sharing economy Contratti di servizi telematici a distanza sulla via della sharing economy UBER & BlaBlaCAR di Paola Vitaletti UBER e BlaBlaCAR come occasione per descrivere le caratteristiche di uno dei contratti più

Dettagli

Il nuovo regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica

Il nuovo regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica DIRITTO INDUSTRIALE TMT MEDIA Il nuovo regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica Contenuti 1. L iter dei procedimenti amministrativi: tratti comuni

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE 1 di 9 13/11/2014 18:26 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 Regolamento di attuazione dell'articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252,

Dettagli

Carta dei Servizi e delle Garanzie VAS Intermatica S.p.A.

Carta dei Servizi e delle Garanzie VAS Intermatica S.p.A. Carta dei Servizi e delle Garanzie VAS Intermatica S.p.A. 1. PREMESSA La presente Carta dei Servizi e delle Garanzie VAS ha lo scopo di assicurare che l'offerta dei servizi di comunicazione elettronica

Dettagli

Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI

Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione (in seguito denominata RSI) 1. Oggetto e definizioni

Dettagli

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 Sezione quarta La retribuzione del professionista Questionario n. 4 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 2. Possono essere derogati i minimi tariffari?...» 31 3. Quali sono le azioni

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento dell Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Alle Amministrazioni centrali e periferiche

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROVIDER E DEL FORNITORE DI SERVIZI TELEMATICI DOPO IL D. Lgs. 70/2003

LA RESPONSABILITA DEL PROVIDER E DEL FORNITORE DI SERVIZI TELEMATICI DOPO IL D. Lgs. 70/2003 LA RESPONSABILITA DEL PROVIDER E DEL FORNITORE DI SERVIZI TELEMATICI DOPO IL D. Lgs. 70/2003 SOMMARIO: 1. Introduzione; 2. La responsabilità del provider in Italia prima del decreto; 3. Il D. Lgs. 70/2003

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

Utilizzazione di fonogrammi in studi dentistici. Avv. Alberto Pojaghi

Utilizzazione di fonogrammi in studi dentistici. Avv. Alberto Pojaghi LUGLIO 2010 Utilizzazione di fonogrammi in studi dentistici Avv. Alberto Pojaghi Corte d Appello di Torino Ordinanza 10 febbraio 2010 1 1. Il contesto normativo nazionale sulle utilizzazioni secondarie

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2015 Dr. Antonio Piva 1 IL CONCETTO DEL CLICKSTREAM Tramite la navigazione in internet e i servizi utilizzati, resi disponibili

Dettagli

IT-1 "Contratto" e "illecito": la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea

IT-1 Contratto e illecito: la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea IT-1 "Contratto" e "illecito": la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea Sono trascorsi alcuni anni dall adozione, da parte delle istituzioni europee,

Dettagli

Informativa n. 3/2014

Informativa n. 3/2014 Informativa n. 3/2014 Sommario Premessa 2 Sospesa la ritenuta del 20% sui redditi esteri 2 Studi di settore ridotti se la professione è part-time 2 Al via il nuovo reclamo 3 San Marino esce dalla Black

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Fatturazione elettronica

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Fatturazione elettronica COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Fatturazione elettronica Roma, 3 dicembre 2014 (ore 20:30) Palazzo San Macuto, via del

Dettagli

GUCE n. L 376/28 del 27 dicembre 2006

GUCE n. L 376/28 del 27 dicembre 2006 NOTA: questa Direttiva sostituisce la direttiva 92/100 con l'obiettivo di offrire una migliore chiarezza interpretativa e l'armonizzazione delle legislazioni nazionali in tema. La precedente Direttiva

Dettagli

E-commerce & e-fattura

E-commerce & e-fattura E-commerce & e-fattura A cura di: Paola Zambon Dottore Commercialista - Pubblicista Presidente Associazione ICT Dott.Com Paola Zambon - Dottore Commercialista 22 novembre 2013 Commercio elettronico Il

Dettagli

Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013

Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013 Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013 Artigiani e agricoli. Quali sono gli adempimenti per vendere online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha fornito

Dettagli

Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti Culturali ed il Diritto D Autore. Servizio III Diritto D Autore e Vigilanza sulla S.I.A.E.

Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti Culturali ed il Diritto D Autore. Servizio III Diritto D Autore e Vigilanza sulla S.I.A.E. Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti Culturali ed il Diritto D Autore Servizio III Diritto D Autore e Vigilanza sulla S.I.A.E. Direttiva 92/100/CEE del Consiglio, del 19 novembre 1992, concernente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati N. 6910-A CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LO PRESTI, CONTENTO, ARMAROLI, ASCIERTO, BUONTEMPO, BURANI PROCACCINI, CARLESI, NUCCIO

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Domenica,16.02.2014

RASSEGNA STAMPA Domenica,16.02.2014 RASSEGNA STAMPA Domenica,16.02.2014 Il Sole 24 Ore 1 Più semplice la strada per l'agenda digitale 2 Farmaci senza ricetta cedibili online Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Spese riabilitative e disabili: SEL

Dettagli

Condizioni di Utilizzo del Sito web www.ambrogiovoice.com

Condizioni di Utilizzo del Sito web www.ambrogiovoice.com Condizioni di Utilizzo del Sito web www.ambrogiovoice.com Termini e condizioni di utilizzo Il Sito visionato è un Sito di carattere informativo generale, avente per oggetto l identificazione dei servizi

Dettagli

IL DISTACCO DEI LAVORATORI TRA IMPRESE

IL DISTACCO DEI LAVORATORI TRA IMPRESE IL DISTACCO DEI LAVORATORI TRA IMPRESE A cura di Federica Federici L art. 30 del d.lgs. 276/2003, di attuazione della legge delega n. 30/2003 (c.d. legge Biagi ) disciplina il fenomeno del distacco di

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie GIUSEPPE MANTESE 14 gennaio 2009 Milano Argomenti trattati nell intervento: Utilizzo degli strumenti

Dettagli

PUBBLICITA TELEVISIVA DEI TRATTAMENTI MEDICO-CHIRURGICI UNA PRONUNCIA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA CE Fiammetta Malagoli

PUBBLICITA TELEVISIVA DEI TRATTAMENTI MEDICO-CHIRURGICI UNA PRONUNCIA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA CE Fiammetta Malagoli PUBBLICITA TELEVISIVA DEI TRATTAMENTI MEDICO-CHIRURGICI UNA PRONUNCIA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA CE Fiammetta Malagoli La Corte di Giustizia europea si è pronunciata in relazione alla controversia insorta

Dettagli

CONDIZIONI PARTICOLARE per SOLUZIONI CLOUD. Ultima versione alla data del 16/05/2012

CONDIZIONI PARTICOLARE per SOLUZIONI CLOUD. Ultima versione alla data del 16/05/2012 CONDIZIONI PARTICOLARE per SOLUZIONI CLOUD VERSIONE GAMMA Ultima versione alla data del 16/05/2012 Definizioni: Cloud: Tecnologia che permette di memorizzare, archiviare ed elaborare dati mediante l utilizzo

Dettagli

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi

Dettagli

La PEC come domicilio digitale del cittadino e dell impresa tra rischi e opportunità

La PEC come domicilio digitale del cittadino e dell impresa tra rischi e opportunità La PEC come domicilio digitale del cittadino e dell impresa tra rischi e opportunità Avv. Nicola Gargano www.amadir.it Un po di norme D.P.R. 11.2.2005 n. 68 regolamenta in Italia la c.d. PEC (Posta Elettronica

Dettagli

Cessioni e acquisti via WEB

Cessioni e acquisti via WEB Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 115 16.04.2014 Cessioni e acquisti via WEB Commercio elettronico indiretto e Commercio elettronico diretto Novità dal 1 Gennaio 2015 - Categoria:

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A DISTANZA (PER POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVENDITE) DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185 DEL 1999

LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A DISTANZA (PER POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVENDITE) DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185 DEL 1999 LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A DISTANZA (PER POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVENDITE) DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185 DEL 1999 Di Gianfranco Visconti 1) I contratti a distanza : definizione ed evoluzione

Dettagli

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense Egregio Collega, il tuo quesito, in buona sostanza, è il seguente: In base alla normativa vigente, sono ripetibili dal soccombente le spese generali e/o forfettarie non liquidate dal Giudice nella sentenza?

Dettagli

La normativa tecnica ETS 300-328-2 impone di non irradiare con una potenza E.I.R.P. superiore ai 100 mw (equivalente a 20 dbm).

La normativa tecnica ETS 300-328-2 impone di non irradiare con una potenza E.I.R.P. superiore ai 100 mw (equivalente a 20 dbm). Viene definito come Radio Local Area Network (di seguito denominate Radio LAN" o R-LAN ) un sistema di comunicazioni in rete locale mediante radiofrequenze che utilizza apparati a corto raggio secondo

Dettagli

ARTICOLO 29 - Gruppo di lavoro per la tutela dei dati personali

ARTICOLO 29 - Gruppo di lavoro per la tutela dei dati personali ARTICOLO 29 - Gruppo di lavoro per la tutela dei dati personali 11601/IT WP 90 Parere 5/2004 relativo alle comunicazioni indesiderate a fini di commercializzazione diretta ai sensi dell'articolo 13 della

Dettagli

CODE OF CONDUCT HOSTING (CCH) Notice and Takedown

CODE OF CONDUCT HOSTING (CCH) Notice and Takedown CODE OF CONDUCT HOSTING (CCH) Notice and Takedown PREAMBOLO La simsa swiss internet industry association ha stabilito il presente Code of Conduct Hosting (di seguito «CCH») al fine di illustrare i principi

Dettagli

Allegato A alla Delibera n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013

Allegato A alla Delibera n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013 Allegato A alla Delibera n. del 12 dicembre 2013 REGOLAMENTO IN MATERIA DI TUTELA DEL DIRITTO D AUTORE SULLE RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA E PROCEDURE ATTUATIVE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE

Dettagli

Riforma della Pubblica Amministrazione

Riforma della Pubblica Amministrazione Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio agosto 2015 Riforma della Pubblica Amministrazione I processi di cambiamento, avvenuti sul piano economico e sociale, hanno modificato lo

Dettagli

Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva - novità della Finanziaria 2008 * Alessandro Mastromatteo ** e Benedetto Santacroce ***

Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva - novità della Finanziaria 2008 * Alessandro Mastromatteo ** e Benedetto Santacroce *** Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva - novità della Finanziaria 2008 * Alessandro Mastromatteo ** e Benedetto Santacroce *** L articolo esamina le novità introdotte dalla Finanziaria 2008

Dettagli

INTERESSI LEGALI (art. 1284 codice civile e successive modificazioni) dal al Interesse legale disposizione normativa

INTERESSI LEGALI (art. 1284 codice civile e successive modificazioni) dal al Interesse legale disposizione normativa IN BREVE n. 48/2007 a cura di Marco Perelli Ercolini INTERESSI LEGALI A partire dal prossimo gennaio varia il saggio degli interessi legali di cui all'art. 1284 del codice civile in base Decreto del 12.12.2007

Dettagli

Le tecniche di tutela dei diritti nei contenuti digitali:

Le tecniche di tutela dei diritti nei contenuti digitali: Le tecniche di tutela dei diritti nei contenuti digitali: un freno o un impulso allo sviluppo della società dell'informazione? Paolo Talone Giuseppe Russo Fondazione Ugo Bordoni Roma, 30 gennaio 2008 Declinazione

Dettagli

LICENZA PER LA UTILIZZAZIONE DI FONOGRAMMI E VIDEOMUSICALI IN ESERCIZI COMMERCIALI

LICENZA PER LA UTILIZZAZIONE DI FONOGRAMMI E VIDEOMUSICALI IN ESERCIZI COMMERCIALI LICENZA PER LA UTILIZZAZIONE DI FONOGRAMMI E VIDEOMUSICALI IN ESERCIZI COMMERCIALI n. A Ragione sociale: COMPILARE OBBLIGATORIAMENTE TUTTI I CAMPI DATI DEL LICENZIATARIO E ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI E TASSAZIONE DEI DIVIDENDI ESTERI Sommario: 1. Premessa - 2. Il regime di tassazione dei dividendi nell ordinamento belga e la Convenzione contro le doppie imposizioni

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO 1. Premessa alle condizioni generali di utilizzo del sito www.joinbooking.com Nel presente documento sono riportate le Condizioni Generali di utilizzo del sito

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DEL SERVIZIO

TERMINI E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TERMINI E CONDIZIONI DEL SERVIZIO Free Rumble è una pubblicazione costante di contenuti testuali, software, script, elementi grafici, foto, contenuti sonori, musicali video, combinazioni audiovisive, funzionalità

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 36/2014 del 30/06/2014 ARGOMENTO: OBBLIGO DEL POS DAL 30/6/2014 PER TUTTI Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che dal 30 giugno 2014 è in vigore l obbligo

Dettagli

Lo stato di applicazione del Regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore

Lo stato di applicazione del Regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore Lo stato di applicazione del Regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore Saverio Ligi Roma, 5 maggio 2015 Osservatorio Integrazione e convergenza di servizi e piattaforme multimediali tra

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

RIFORMA DELL EDITORIA

RIFORMA DELL EDITORIA RIFORMA DELL EDITORIA Il sistema normativo che regola l intervento dello Stato nel settore dell editoria e dei prodotti editoriali è caratterizzato da una serie di provvedimenti legislativi che traggono

Dettagli

Aspetti legali connessi alle applicazioni del Web 2.0

Aspetti legali connessi alle applicazioni del Web 2.0 Aspetti legali connessi alle applicazioni del Web 2.0 Come è noto Internet non è un entità fisica o tangibile, ma piuttosto una gigantesca rete che interconnette un numero infinito di gruppi più ristretti

Dettagli

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06-12-2002 C(2002) 4851 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 Signor Ministro,

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

Normativa comunitaria. La direttiva 75/442

Normativa comunitaria. La direttiva 75/442 Corte di Giustizia UE Ordinanza 28 settembre 2004, causa C-115/03 - Gestione dei rifiuti - Rifiuti pericolosi - Obbligo di tenere un registro di rifiuti pericolosi - Per gli studi medico-dentistici Sussiste.

Dettagli

CIRCOLARE NR. 5/2012 OGGETTO: DECRETO "SEMPLIFICAZIONI" E ALTRE NOVITA CONTENUTO. Di seguito l'indice degli argomenti trattati:

CIRCOLARE NR. 5/2012 OGGETTO: DECRETO SEMPLIFICAZIONI E ALTRE NOVITA CONTENUTO. Di seguito l'indice degli argomenti trattati: CIRCOLARE NR. 5/2012 OGGETTO: DECRETO "SEMPLIFICAZIONI" E ALTRE NOVITA CONTENUTO Rate con Equitalia più facili e veloci: Ecco le principali novità a favore dei contribuenti. Più tempo per pagare a rate

Dettagli

LA NORMATIVA SUL DIRITTO DI PRESTITO PUBBLICO:APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA 92/100

LA NORMATIVA SUL DIRITTO DI PRESTITO PUBBLICO:APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA 92/100 LA NORMATIVA SUL DIRITTO DI PRESTITO PUBBLICO:APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA 92/100 Anna Maria Mandillo Giornata di Studio ILL SBN nella prospettiva di un Servizio nazionale di prestito interbibliotecario

Dettagli

E-learning e diritti di autore.

E-learning e diritti di autore. E-learning e diritti di autore. Premessa La fondamentale funzione di insegnamento, obiettivo primario delle università, può svolgersi sia in maniera tradizionale, con la presenza contemporanea di discenti

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto

Condizioni Generali di Contratto Condizioni Generali di Contratto 1) Condizioni 1.1 Le presenti condizioni riguardano il servizio di hosting offerto da Network 2000 tramite internet. L'invio del modulo online a Network 2000 per la richiesta

Dettagli