P.G.T. PdS 06 RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Comune di Sartirana Lomellina (PV) FASE: Adozione. Autorità procedente: Sindaco - Dott. Ernesto Prevedoni Gorone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.G.T. PdS 06 RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Comune di Sartirana Lomellina (PV) FASE: Adozione. Autorità procedente: Sindaco - Dott. Ernesto Prevedoni Gorone"

Transcript

1 P.G.T. Comune di Sartirana Lomellina (PV) PdS 06 RELAZIONE ILLUSTRATIVA FASE: Adozione Ing. Riccardo Tacconi Revisione: Maggio 2012 STUDIO D INGEGNERIA ASSOCIATO ING. F. LAVEZZI & ING. A. GRANDI Via Monte Nero 10/C Tromello (PV) Tel ; Fax Autorità procedente: Sindaco - Dott. Ernesto Prevedoni Gorone Autorità competente: Arch. Maura Lenti Progettista responsabile: Ing. Antonio Grandi Collaboratori: Ing. Flavio Lavezzi Ing. Silvia Garavaglia Ing. Riccardo Tacconi

2 INDICE 1.INTRODUZIONE IL PIANO DEI SERVIZI NEL PGT DEL COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA Caratteri e peculiarità del Piano dei Servizi Metodologia di lavoro Rilievo dell offerta dei servizi esistenti sul territorio comunale e sovra-comunale Rilievo della domanda Aree per Servizi: inventario dei servizi esistenti nel territorio comunale o nei comuni di riferimento Il sistema della mobilità La domanda dei servizi Confronto tra la domanda e l offerta DOTAZIONI TERRITORIALI OBIETTIVI DEL PIANO DEI SERVIZI E MODALITA D INTERVENTO Obiettivi puntuali Rete Ecologica Comunale Pagina 2

3 1.INTRODUZIONE Il Piano dei Servizi concorre assieme al Piano delle Regole e al Documento di Piano alla definizione dell assetto del territorio comunale occupandosi in particolare di assicurare un adeguata dotazione di servizi ed attrezzature pubbliche e di interesse pubblico o generale. Il piano assicura altresì una adeguata distribuzione ed integrazione degli stessi nel contesto urbano al fine di assicurarne un adeguata fruibilità e al contempo contribuire ad un processo più ampio di rivitalizzazione urbana e di creazione di nuove polarizzazioni all interno del paese. Tra gli elementi da sottolineare che sottendono a questo nuovo modo di intendere i servizi vi sono inoltre: - attenzione sempre maggiore alla coerenza delle previsioni di piano con le reali capacità di realizzazione ed attuazione delle stesse; - attenzione sempre maggiore all impatto che la realizzazione di un intervento può avere in termini di sostenibilità ambientale ed urbanistica. - attenzione sempre maggiore alle condizioni di reale fruibilità e di inserimento del servizio nell insieme delle relazioni ambientali, di verde e paesaggio, di comunicazione, di mobilità ed accessibilità ciclopedonale e di trasporto. Art. 10-bis, comma 5, L.R. 11 marzo 2005, n. 12 Il Piano dei Servizi è redatto al fine di individuare e assicurare un adeguata dotazione di aree per attrezzature pubbliche e di interesse pubblico e generale nonché i servizi necessari alla popolazione del comune ed a supporto delle funzioni insediate e previste, anche con riferimento alla preservazione e al mantenimento di corridoi ecologici e alla progettazione del verde di connessione tra territorio rurale e territorio edificato. Il piano dei servizi può essere redatto congiuntamente tra più comuni e condiviso a livello operativo e gestionale. In tal caso, in sede di prima approvazione del PGT, il piano dei servizi può fare riferimento ai soli aspetti prettamente comunali, rinviando a eventuale successiva variante gli adeguamenti derivanti dal piano sovracomunale. Il Piano dei Servizi, sulla base dello stato dei bisogni e della domanda di servizi prevista, individua le necessità e le aree di sviluppo ed integrazione dei servizi esistenti, in relazione alle nuove previsioni insediative quantificate e localizzate nel PGT, ne valuta i costi e precisa le modalità di intervento, anche in forme opportunamente integrate a scala intercomunale. In base alle necessità della popolazione il Piano dei Servizi determina la dotazione per abitante che il PGT assicura in termini di aree per attrezzature pubbliche e di interesse pubblico o generale. Pagina 3

4 2. IL PIANO DEI SERVIZI NEL PGT DEL COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA 2.1. Caratteri e peculiarità del Piano dei Servizi La nuova nozione di servizio rappresenta un superamento del concetto di standard e della rilevanza che assume il processo di programmazione nella realizzazione dei servizi, rispetto al quale il dato dimensionale si configura non solo come un limite inderogabile, ma anche come obiettivo da conseguire, in base al quale definire delle priorità ed orientare le risorse pubbliche e quelle private attivabili, in parallelo alla qualità dei servizi offerti. Ne discende una principale considerazione in merito al ruolo dello standard: non più inteso solo come livello quantitativo da raggiungere ma affiancato alla possibilità di valutare anche i caratteri prestazionali di un servizio. Nell ambito della proposta più generale del Piano di Governo del Territorio il Piano dei Servizi: - integra il rapporto tra servizi pubblici e privati sia a scala locale (servizi di urbanizzazione primaria e secondaria ) sia a quella generale (servizi pubblici o di interesse generale); - ricerca la realizzazione a rete dei servizi locali, in particolare nelle connessioni principali di mobilità (compresa la ciclopedonalità), di servizi di quartiere, al fine di una miglior fruibilità qualitativa da parte della popolazione; - definisce gli aspetti di compatibilità ambientale e paesaggistica (sia già presenti nel Piano o da verificare nelle procedure, come bilancio ambientale generale, che come dato puntuale degli interventi), come dato fondamentale e partecipe della qualità e fruizione dei servizi stessi Metodologia di lavoro Rilievo dell offerta dei servizi esistenti sul territorio comunale e sovra-comunale Per la redazione del Piano dei Servizi si è proceduto a: - analizzare i servizi presenti nei comuni limitrofi, che risultano ricadere nel bacino d utenza del territorio di Sartirana Lomellina, o che, comunque lo interessino; - redigere la schedatura e le analisi dei servizi esistenti e del patrimonio comunale pubblico o di uso pubblico o, comunque, connesso agli standard urbanistici; La fase di avvio del rilievo del Piano dei Servizi ha comportato alcune scelte fondamentali: - rilevare e censire i servizi esistenti sul territorio comunale in funzione della natura del servizio erogato; in tal senso sono stati considerati tutti i servizi pubblici (sia su aree pubbliche che private) e quelli privati di uso e di interesse pubblico, in particolare se su aree pubbliche e/o convenzionati o accreditati; Pagina 4

5 - organizzare e sistematizzare i servizi stessi per funzioni, partendo dalle tipologie di aree per servizi residenziali in esso individuate. Si è quindi provveduto a rilevare e censire i seguenti sistemi di servizi e ad individuare le aree in cui si localizzano nel territorio comunale, se presenti, altrimenti indicando il comune di riferimento: - Attrezzature per l istruzione (IS): sistema di attrezzature scolastiche: materna, elementare, media, secondaria, università; -Strutture per la cultura: sistema di attrezzature per la cultura quali la biblioteca, centri culturali, musei e gallerie d arte; -Strutture per lo spettacolo: sistema di attrezzature comprendenti i cinema, teatri, impianti per lo sport spettacolo; - Attrezzature sanitarie (SA): sistema di servizi sanitari (medico di base, centro socio-sanitario, poliambulatori e laboratori di analisi, diagnostica e prevenzione, farmacie, servizi veterinari, ospedali); -Strutture assistenziali: sistema di strutture comprendenti l asilo nido, servizi per anziani, case di riposo, centro medico e di assistenza geriatria; -Strutture per il culto: sistema di servizi a carattere religiosi (edifici di culto, oratori, cimitero); -Sicurezza ed emergenza: vigili del fuoco, polizia municipale, polizia stradale, carabinieri, corpo forestale dello stato, guardia di finanza; -Strutture per altri servizi: strutture comprendenti municipio e uffici comunali, sede provinciale, sede regionale, tribunale, carcere, posta; -Verde e strutture per la pratica sportiva: verde pubblico urbano, grandi parchi, campi gioco, strutture per la pratica sportiva, parchi extraurbani, parchi e riserve naturali; - Parcheggi (PP): sistema dei parcheggi di superficie; - Mobilità e trasporti (MT): sistema delle linee pubbliche; - Impianti tecnologici (IT): sistema dei servizi acquedottistici, pozzi; Questa suddivisione ha permesso di prendere in considerazione funzioni e servizi presenti sul territorio comunale anche quando compresenti sulla stessa area (operazione che la suddivisione per categorie di standard non consente). Risulta inoltre fondamentale, al fine di definire e migliorare la qualità urbana l analisi legata al sistema della mobilità. Il rilievo dei Servizi esistenti è stato quindi avviato secondo le seguenti modalità: -verifica ed aggiornamento dei rilievi effettuati per il PGT; -raccolta di informazioni presso altri settori della Pubblica Amministrazione. Pagina 5

6 Rilievo della domanda Il Piano dei Servizi è il documento deputato all incontro tra domanda e offerta di servizi. Trattandosi di un comune con popolazione inferiore ai abitanti il concetto di standard viene superato, al fine di favorire l aspetto qualitativo dei servizi a quello quantitativo e non viene richiesta una dotazione quantitativa minima da rispettare, nonostante la necessità di uno studio approfondito per garantire comunque la dotazione di servizi necessaria. In termini operativi la definizione del numero degli utenti dei servizi risulta quantificabile almeno per quanto attiene la quota di popolazione insediabile, in aggiunta a quella residente. Trattandosi di un comune di ridotte dimensioni e non offrendo servizi tali da attirare un elevato numero di persone, si è potuto affermare che la popolazione gravitante, praticamente assente, sul territorio comunale stesso non incide sulla necessità di servizi. L unico servizio che interessa anche popolazione esterna risulta essere la Residenza Sanitaria Assistenziale Istituto Adelina Nigra, verso cui pervengono domande di ricovero pazienti ed il cimitero comunale, in quanto sono presenti richieste di sepoltura anche da parte di non residenti. Per quanto concerne la popolazione gravitante si può comunque affermare che il numero di occupati proveniente da altri comuni è minimo, così come i flussi turistici e gli utenti di servizi di rilievo sovracomunale. Al fine del rilievo della domanda i numeri degli utenti dei servizi dell intero territorio sono determinati seguendo i seguenti criteri: - popolazione stabilmente residente nel comune gravitante sulle diverse tipologie di servizi anche in base alla distribuzione territoriale; - popolazione da insediare secondo le previsioni del Documento di Piano e del Piano delle Regole (aree di completamento), articolata per tipologie di servizi anche in base alla distribuzione territoriale; - popolazione gravitante nel territorio, stimata in base agli occupati nel comune, agli studenti, agli utenti di servizi di rilievo sovracomunale, nonché in base ai flussi turistici. Pertanto si può riassumere quanto segue: Popolazione residente: ab Popolazione da insediare: 261 ab Popolazione gravitante: 0 ab La popolazione da insediare andrebbe ad utilizzare tutte le tipologie di servizi offerti dal comune. Pertanto considerando i dati sopra riportati il calcolo delle aree da destinare a servizi è basato su un numero di utenti pari a: unità. Pagina 6

7 Non essendo prescritta una dotazione minima, per verificare l idoneità dei servizi presenti si considererà: - grado di fruibilità, accessibilità, conservazione; - carenze riscontrate; - necessarie integrazioni Aree per Servizi: inventario dei servizi esistenti nel territorio comunale o nei comuni di riferimento Il rilievo dei Servizi esistenti sul territorio comunale e l individuazione, ove possibile, delle relative aree di pertinenza, ha fornito i seguenti risultati: ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Tipologia servizio Attrezzature l istruzione (IS) di per Servizio Localizzazione Qualità Accessibilità Scuola materna Sartirana Lomellina, Via Roma 28 Scuola Sartirana Lomellina, elementare Via Roma 28 Scuola secondaria Sartirana Lomellina, di primo grado Via Roma 28 Scuola secondaria Voghera - Mortara - di secondo grado Vigevano - Pavia Alessandria - Casale Monferrato - Valenza Università Pavia - Alessandria Strutture per la Biblioteca Sartirana Lomellina cultura Civica Biblioteca Francesco Moro, via Castello 10 Pagina 7

8 Musei Vigevano Voghera - Alessandria Strutture per lo spettacolo Cinema Valenza; Casale Monferrato; Montebello Battaglia; della Parona Sala polivalente Sartirana Lomellina ex cinema via Cavour Teatro Mede; Valenza; Casale Monferrato; Alessandria; Vigevano Impianti per lo sport spettacolo Alessandria; Valenza Pagina 8

9 Tipologia servizio di Servizio Localizzazione Qualità Accessibilità Strutture sanitarie Medico di base Sartirana Lomellina Ambulatorio assistente sociale Sartirana Lomellina, via A. D Aosta 34 socio- Centro sanitario Mede Poliambulatorio e laboratori di analisi Farmacia Servizi veterinari Mede Sartirana Lomellina, (via Roma), Mede, Valle Lomellina, Breme, Torre Beretti e Castellaro, Frascarolo, Semiana Mede Ospedali Mede - Mortara - Vigevano - Pavia - Voghera - Casale Monferrato - Valenza - Alessandria Strutture assistenziali Casa di riposo Sartirana Lomellina Istituto Adelina Negri Casa per anziani, Piazza Risorgimento 1; Fondazione Buzzoni Nigra, Casa per Anziani, Piazza Risorgimento 2 Strutture per il culto Chiesa parrocchiale Parrocchia Beata V. Assunta, vicolo Prepositura; Parrocchia S. Pietro Pagina 9

10 apostolo, Parrocchia via Altre chiese e templi Attrezzature oratoriali Centro Islamico: via Mulini 16, Vigevano. Centro Islamico: vicolo Vespucci Mortara Casale Monferrato Piazza D Armi 8 Sartirana Lomellina Cimitero Sartirana Lomellina Strada comunale cimitero Pagina 10

11 Tipologia servizio di Servizio Localizzazione Qualità Accessibilità Sicurezza emergenza ed Vigili del fuoco Mede Alessandria- Valenza Polizia stradale Sartirana Lomellina Carabinieri Sartirana Lomellina, via Raité 10 Corpo Forestale dello Stato Mortara, Alessandria, Casale Monferrato Guardia Finanza di Vigevano - Voghera - Valenza Strutture di interesse comune Municipio e uffici comunali Piazza XXVI Aprile V Sede provinciale Pavia Sede Regionale Pavia - Milano Tribunale Vigevano Voghera - Alessandria Casale Monferrato Carcere Vigevano - Voghera - Valenza Posta Sartirana Lomellina, via Cavour 251 Verde e strutture per la pratica sportiva Verde pubblico Sartirana Lomellina Strutture per la pratica sportiva Sartirana Lomellina, campo sportivo Discreta Piscina Mede Pagina 11

12 Tipologia servizio di Servizio Localizzazione Qualità Accessibilità Parcheggi pubblici Parcheggi pubblici Cimitero comunale Via Monte Rosa Ottima Via Alessandria Pessima Sufficiente Piazza Risorgimento Ottima Ottima Via Mede Discreta Mobilità e trasporti Linee pubbliche Mede Mortara; Mede Casale Monferrato; Tutte le fermate sono nel comune di Sartirana Lomellina Impianti tecnologici Servizio Acquedotto CBL Mede Pagina 12

13 F1 F2 ZONE PER ATTREZZATURE PUBBLCIHE O DI USO PUBBLICO ESISTENTE (mq) PREVISIONI (mq) DOTAZIONE FUTURA (mq) Attrezzature per l'istruzone Scuola elementare e media Scuola materna Attrezzature amministrative e di interesse comune Municipio Magazzini comunali Biblioteca-Ufficio Lago-EEP Caserma Deposito comunale via Trinità Ex cinema Peso pubblico EEP via Orti EEP via Cavour EEP via Marconi EEP via Raité EEP via P. Moro - via Patrioti F2 Attrezzature assistenziali RSA Centro diurno F3 F7 Attrezzature religiose e di culto Chiesa Piazza Trinità Chiesa Parrocchiale ed abitazione parroco Chiesetta Attrezzature oratoriali vicolo chiuso Attrezzature oratoriali vicolo Prepositura Cimitero comunale Attrezzature per la mobilità Stazione TOTALE Pagina 13

14 ZONE PER ATTREZZATURE TECNOLOGICHE ESISTENTE (mq) PREVISIONI (mq) DOTAZIONE FUTURA (mq) Cabina Telecom - via Orti Acquedotto Casa dell'acqua 5 5 TOTALE VERDE PUBBLICO ESISTENTE (mq) PREVISIONI (mq) DOTAZIONE FUTURA (mq) Verde Pubblico via Roma Verde Pubblico via Cavour Campo sportivo - via Rosmini Verde Pubblico via Garibaldi TOTALE PARCHEGGI PUBBLICI ESISTENTE (mq) PREVISIONI (mq) DOTAZIONE FUTURA(mq) PP via Monte Rosa PP via Alessandria PP Piazza Risorgimento PP via Mede - parcheggio autocarri PP cimitero comunale e viabilità TOTALE Pagina 14

15 Esistente: Nel complesso il comune è dotato di mq di aree per attrezzature di interesse generale ed attrezzature tecnologiche, vale a dire una dotazione di: mq/ ab: 38,8 mq/ab Previsione: Dotazione per abitante di aree per attrezzature pubbliche o di uso pubblico: mq/ ab : 41 mq/ab Sistema del verde: Il comune di Sartirana Lomellina presenta nel PRG una dotazione di aree a verde pubblico pari a mq, vale a dire una dotazione di: Esistente: mq/1.781 ab: 10 mq/ab Previsione: Dotazione per abitante di verde pubblico e verde sportivo attrezzato: mq / ab ab : 74 : 11,5 mq/ab mq/ab Sistema dei parcheggi pubblici: Il comune di Sartirana Lomellina presenta nel PRG una dotazione di aree a parcheggi pubblici pari a mq, vale a dire una dotazione di: Esistente: mq/1.781 ab: 5,7 mq/ab Sono sempre esclusi i parcheggi localizzati lungo le strade. Pagina 15

16 Previsione: Dotazione per abitante di parcheggi pubblici: mq / ab : 7 mq/ab ALTRI SERVIZI: - Posta, banca, farmacia, ambulatorio medico, ristoranti, bar, negozi di vicinato etc.. - Negozio di alimentari. Edilizia residenziale pubblica All interno del territorio comunale di Sartirana Lomellina sono presenti numerose aree destinate all Edilizia Residenziale Pubblica. Alcune abitazioni sono di antica costruzione, mentre sono presenti anche costruzioni di recente edificazione. Vista la vasta offerta presente sul territorio e la recente conclusione di un Piano per l Edilizia economica Popolare, non si è ritenuto opportuno individuare nuove aree per lo sviluppo di Edilizia Residenziale Pubblica nel nuovo Piano Il sistema della mobilità Da un analisi mirata della viabilità esistente in particolare delle sezioni stradali, dei flussi di traffico, della connessione tra i rami viabilistici, del traffico negli orari di punta, è emersa un buon sistema esistente, trattandosi essenzialmente di un comune di ridotte dimensioni, interessato esclusivamente dal traffico locale e completamente tagliato fuori dal traffico esterno. La maggior parte del traffico infatti non interessa il tessuto urbano in quanto transita lungo la SP 194 esterna al paese. Vengono inseriti solo due nuovi particolari tratti viabilistici necessari al completamento della viabilità esistente; uno in corrispondenza di via Torniella, al fine di risolvere la problematicità di un vicolo a senso unico; il secondo in corrispondenza di via Garibaldi, al fine di connettersi con la viabilità prevista all interno di un Piano di lottizzazione già convenzionato ed in corso di attuazione. L Amministrazione prevede, per l attuazione dell opera, risorse adeguate nell ambito del redigendo Bilancio per l anno Pagina 16

17 Infine sono previsti nuovi tratti all interno degli ambiti di trasformazione ATR2-RE e AT3-RE ed un adeguamento degli accessi a questi ultimi La domanda dei servizi Non sono pervenute all Amministrazione Comunale richieste o segnalazioni da parte della cittadinanza in merito all incremento di aree per servizi pubblici. L unica istanza pervenuta al fine di individuare un nuovo servizio riguarda la richiesta di ampliamento della Residenza Sanitaria Assistenziale, al fine di istituire un nuovo Centro Diurno Integrato. Le previsioni di piano prevedono un notevole incremento della popolazione, pertanto risulta essere di notevole importanza verificare la nuova domanda. Analizzando i servizi distinti per tipologia, appare evidente che l aumento di popolazione comporta solo parzialmente un aumento della domanda di aree per attrezzature collettive, in quanto la dotazione attuale risulta soddisfacente, trattandosi di una realtà locale di ridotte dimensioni, ma al tempo stesso con un ampia gamma di servizi Confronto tra la domanda e l offerta Al fine di definire la diagnosi dello stato dei servizi ed individuare eventuali carenze occorre confrontare l offerta e la domanda dei servizi. Come enunciato precedentemente l offerta dei servizi risulta buona, sia per qualità che per quantità. L attenzione va posta sulle tipologie di servizi mancanti o ridotti che potrebbero offrire una qualità di vita migliore ai cittadini residenti, come ad es. aree gioco per i bambini. In sintesi lo stato attuale di offerta risulta coprire la domanda di servizi pubblici, in quanto si tratta di una realtà locale dall impronta agricola, nata e cresciuta con la mentalità di dover far riferimento ad un centro maggiore per certe tipologie di servizi. Diverse considerazioni invece valgono nel caso di un incremento della popolazione; è vero che, come già accennato, la scelta di vivere in questa realtà implica l accettazione di determinati limiti, ma al tempo stesso occorrerebbe valutare la possibilità concreta di migliorarne la qualità di vita, senza stravolgerla, vale a dire, inserendo esclusivamente quei servizi utili alla cittadinanza, senza la necessità di spostarsi nel comuni più vicini. L amministrazione comunale ha deciso di inserire come servizi in previsione quattro tipi di interventi che si riferiscono a quattro tipologie differenti di servizi: Pagina 17

18 - Ampliamento del cimitero comunale, con annesso tempio crematorio; - Centro Diurno Integrato; - Inserimento di un area verde adiacente alla nuova viabilità di via Garibaldi; - Ampliamento campo sportivo comunale. Con l attuazione degli ambiti di trasformazione residenziali inoltre si andrebbero a ricavare aree verdi per il gioco dei bambini, parcheggi pubblici a servizio delle nuove aree, nuovi punti per la raccolta dei rifiuti. Di notevole importanza risulta essere la previsione relativa alla possibilità di insediare un nuovo Tempio Crematorio, che avrebbe sicuramente notevoli ricadute a livello sovracomunale. Come evidenziato infatti negli elaborati del Piano Cimiteriale, il comune di Sartirana Lomellina risulta essere in posizione quasi baricentrica rispetto ad un ipotetico bacino d utenza analizzato, come evidenziato nell immagine seguente. Pagina 18

19 Figura 1: Bacino d utenza tempio crematorio Pagina 19

20 3. DOTAZIONI TERRITORIALI Il Comune risulta dotato delle seguenti dotazioni territoriali: - rete fognaria; - rete idrica; - rete elettrica; - rete del gas metano; - rete telefonica; - linea dell illuminazione pubblica; - due acquedotti -oleodotto SARPOM ed ESSO ITALIANA Il sistema fognario a servizio del Comune di Sartirana Lomellina è costituito da una rete di fognatura mista che in gran parte è stata realizzata fra il 1950 ed il Il sistema fognario è strutturato in modo che, in tempo asciutto, tutti i liquami sono addotti ad una stazione di pompaggio localizzata lungo via Alessandria (bollino blu) che provvede, tramite un collettore in pressione, a conferirli all impianto di depurazione di Mede. Dal punto di vista delle acque di origine meteorica, invece, la rete fognaria può essere considerata suddivisa in due sistemi indipendenti: - Il primo sistema, che serve quasi tutto il capoluogo, recapita le acque di origine meteorica nel Cavo di Castellaro (bollino azzurro più in alto); - Il secondo sistema fognario, di dimensioni molto più piccole, serve un area urbanizzata di circa 3 ettari localizzata nella zona più a sud dell abitato e recapita le acque di origine meteorica nel Cavo Cagnolo (bollino azzurro più in basso). Pagina 20

21 Figura 2: Sistema fognario Secondo quanto riportato nella Relazione generale della ristrutturazione della fognatura comunale del marzo del 2000, entrambi i sistemi presentano problemi di funzionamento in corrispondenza di eventi meteorici particolarmente intensi. Il medesimo studio inoltre mette in evidenza le seguenti criticità: - Esiguità del dislivello disponibile fra le zone altimetricamente più basse dell abitato e il punto di recapito (Cavo di Castellaro); - Inadeguatezza della rete fognaria a trasportare i liquami fognari in tempo asciutto, dovuta a bassissime pendenze generalizzate, molti tratti in contropendenza, notevole presenza di sezioni rettangolari molto larghe senza canaletta di fondo. Ciò comporta la formazione e l accumulo, in tempo asciutto, di depositi costituiti dal materiale sedimentabile contenuto nei liquami fognari. L accumulo di questi materiali dà luogo, soprattutto a seguito di lunghi periodi senza precipitazioni, a depositi che possono assumere spessori significativi rispetto alle già ridotte altezze delle sezioni. - Presenza di numerosi punti critici che potenzialmente possono determinare, pericolose parzializzazioni delle sezioni disponibili con conseguenti rigurgiti verso monte. (sifoni mediante cui la fognatura sottopassa cavi irrigui, l ex vasca Imhoff, il manufatto per la derivazione delle acque nere posto allo sbocco della fognatura, le contropendenze rilevate, intersezione tra tronchi fognari con assenza di pozzetti d ispezione); - Insufficienza dimensionale delle canalizzazioni principali e di molti tronchi secondari che causano criticità in occasione di eventi meteorici. Pagina 21

22 Lo studio aveva pertanto individuato una serie di adeguamenti dell intera rete fognaria finalizzati alla risoluzione dei problemi sopra elencati, costituenti in: - Costruzione di un nuovo collettore fognario che con inizio in via Matteotti (incrocio con via Rubera), scende lungo la via Matteotti, percorre tutta la via Roma e si collega, in via della Stazione, con l esistente manufatto di attraversamento della ferrovia; - Costruzione di un nuovo collettore fognario in via Nigra che con inizio in via Cavour, percorre tutta via Nigra e si immette nel nuovo collettore di via Roma; - Costruzione di un nuovo collettore in via Duca Amedeo d Aosta che, con inizio in corrispondenza dell incrocio con via Castellazzi, scende lungo la via e si immette nel nuovo collettore di via Nigra; - Ricostruzione di tutta la fognatura di via Raité; - Ricostruzione della fognatura d via Cairoli; - Ricostruzione della fognatura di via Buzzoni Nigra; - Ricostruzione della fognatura di via alla Roggetta. Nell aprile 2001 è stato presentato un progetto esecutivo di ristrutturazione della fognatura comunale che prevedeva le seguenti opere: - ricostruzione con adeguamento dimensionale del manufatto n.3 del Cavo di Castellaro; - ricostruzione dell intersezione dei collettori in corrispondenza dell incrocio fra via Nigra e via Cavour. Il primo intervento ha previsto la demolizione e la ricostruzione del ponticello esistente in corrispondenza della strada campestre proveniente dalla Cascina Pero, aumentando la sezione idraulica esistente, compatibile con un regolare deflusso delle portate di piena. Il secondo intervento prevede la demolizione e la ricostruzione della intersezione esistente fra due collettori fognari in corrispondenza dell incrocio fra le vie Nigra e Cavour. Si ricorda che l art. 146 del D.Lgs. 152/2006 prevede che nei nuovi insediamenti siano realizzati, quando economicamente e tecnicamente convenienti, anche in relazione ai recapiti finali, sistemi di colletta mento differenziati per le acque piovane e per le acque reflue e di prima pioggia. Inoltre, l appendice G del programma di Tutela e Uso delle Acque (DGR 8/2244 del 29/03/2006) sottolinea che nelle aree di ampliamento e di espansione occorre privilegiare soluzioni atte a ridurre le portate meteoriche non suscettibili di essere contaminate e il loro smaltimento sul suolo o negli strati superficiali del suolo e, in via subordinata, in corpi idrici superficiali. Pagina 22

23 In conclusione, si ricorda che l elaborato grafico PdS 02-Infrastrutture (rete fognaria) è utile ai fini della definizione sella situazione attuale del sistema di servizio fognario; si tratta di una rappresentazione essenziale della rete fognaria, con individuato esclusivamente il tracciato e la sezione delle tubature, al fine di verificare o meno la necessità di realizzare nuovi tratti di fognatura in corrispondenza degli Ambiti di Trasformazione o di Recupero. Per uno studio molto più approfondito, vale a dire, pozzetti d ispezione, sezioni specifiche delle tubature per singoli tratti, si rimanda alle tavole grafiche in possesso dell Amministrazione Comunale e ad una futura documentazione componente il Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo. E comunque possibile affermare che ai fini della realizzazione dei due nuovi ambiti di trasformazione a carattere residenziale sarà necessario completare la rete fognaria per i tratti necessari e questo dovrà avvenire con spese a carico del lottizzante; per quanto riguarda invece i piani di recupero occorrerà verificare le dotazioni esistenti e dove necessario integrare i sistemi con i criteri indicati all interno delle Norme Tecniche di Attuazione. Il sistema di approvvigionamento idrico interessa l intero centro abitato, a partire dai due acquedotti comunali (bollini rosa); la rete idrica di adduzione è localizzata, come la maggior parte delle altre reti, lungo le vie principali. I nuclei rurali sono serviti da pozzi privati in loco. L elaborato grafico PdS 03 Infrastrutture (rete idrica) è stato predisposto con l intenzione di mettere in evidenza, attraverso una rappresentazione essenziale, il tracciato della rete esistente, al fine di verificare o meno la necessità di realizzare nuovi tratti di fognatura in corrispondenza degli Ambiti di Trasformazione e di Recupero. Per quanto riguarda gli ambiti interessati dal Recupero, ovvero C.na San Giorgio e C.na Mora, queste sono dotate di pozzo privato; occorrerà comunque valutarne l adeguatezza in fase attuativa. Pagina 23

COMUNE DI SEMIANA. PIANO DEI SERVIZI Relazione tecnico - illustrativa

COMUNE DI SEMIANA. PIANO DEI SERVIZI Relazione tecnico - illustrativa COMUNE DI SEMIANA PIANO DEI SERVIZI Relazione tecnico - illustrativa 1. INTRODUZIONE...... 4 2. IL PIANO DEI SERVIZI NEL PGT DEL COMUNE DI SEMIANA.....5 2.1. Caratteri e peculiarità del Piano dei Servizi........5

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto PROGETTISTI: gruppo argo architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto Vicolo cilea 11 27029 vigevano pv tel - fax 0381 903221

Dettagli

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO RECEPIMENTO DELLE PRESCRIZIONI PREVALENTI DELLA PROVINCIA IN MERITO ALLA VERIFICA DI COMPATIBILITA CON IL P.T.C.P. ART.13 commi

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

Comune di Basiglio. 04.07.12 Piano di Governo del Territorio Presentazione per l adozione

Comune di Basiglio. 04.07.12 Piano di Governo del Territorio Presentazione per l adozione 04.07.12 Presentazione per l adozione Gruppo di lavoro International Arch. Marco Facchinetti Arch. Marco Dellavalle FDA international partner Arch. Roberto Pozzoli STID Dott. Geol. Efrem Ghezzi Dott. Geol.

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

P.G.T. PS 06 SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO. Comune di. Villa Biscossi (PV) FASE: Adozione. Sindaco: Rag. Giuseppe Fassardi

P.G.T. PS 06 SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO. Comune di. Villa Biscossi (PV) FASE: Adozione. Sindaco: Rag. Giuseppe Fassardi P.G.T. Comune di PS 06 Villa SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO FASE: Adozione Ing. Riccardo Tacconi Sindaco: Rag. Giuseppe Fassardi Autorità procedente: Rag. Giuseppe Fassardi Autorità competente: Viganò Rino

Dettagli

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione Disposizioni di attuazione Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione settembre 2008 maggio 2009 aggiornato giugno 2009 Versione 19.05.2009

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) Prot. n. 5915 Imbersago, 4 ottobre 2012 Cat. 6 Classe 1 Fasc. 1 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) l autorità competente per la VAS d intesa con l autorità procedente

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Adeguamento del contributo di costruzione

Adeguamento del contributo di costruzione Adeguamento del contributo di costruzione previsto dall art.43 della LR 12/05 e s.m.i. 8 Gennaio 2016 PRINCIPI DELLA VARIANTE AL PGT riduzione del consumo di suolo e delle potenzialità edificatorie creazione

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 COMUNE DI BASTIDA PANCARANA PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

ART. 29 - ZONA S (servizi ed attrezzature collettive)

ART. 29 - ZONA S (servizi ed attrezzature collettive) ART. 29 - ZONA S (servizi ed attrezzature collettive) A - STATO DI FATTO La zona comprende le parti del territorio comunale destinate ai servizi ed alle attrezzature pubbliche o di uso pubblico. B - OBIETTIVI

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane Giornata di Studio GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Milano - Palazzo Lombardia - Auditorium 21 novembre 2012 Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI PALESTRO (PROVINCIA DI PAVIA) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE N. rev. Data: Redatto Controllato Approvato Data 1 12.04.10 SG FL

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE Regolamento urbanistico Appendice 4 Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche 16 maggio 2008 1. Premessa

Dettagli

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:...,

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:..., Riservato ad AMSC S.p.A. Marca da Bollo 14,62 Al Presidente del CONSORZIO PROVINCIALE PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DELLE ACQUE DEL LAGO DI VARESE E LAGO DI COMABBIO Piazza Libertà n 1 21100 VARESE Tramite

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE C O M U N E D I E M P O L I SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE S E R V I Z I O U R B A N I S T I C A SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E ATTIVITA PRODUTTIVE S E R V I Z I O A M B I E N T E, S I C U R E Z Z

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Piano urbanistico attuattivo ambito territoriale denominato Altanea Brian. Ditte AGRICOLA ED IMMOBILIARE STRETTI s.s., SOCIETA AGRICOLA NOGARA s.s., SOCIETA AGRICOLA LAGUNA VERDE s.a.s. ADOZIONE.

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

COMUNE DI MERCALLO PROVINCIA DI VARESE. Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104

COMUNE DI MERCALLO PROVINCIA DI VARESE. Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104 COMUNE DI MERCALLO No bollo PROVINCIA DI VARESE Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104 Cod.fisc.: 83003793570 - E-mail: ed.pubblica@comune.mercallo.va.it Spettabile COMUNE DI MERCALLO Via

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI

Dettagli

Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013

Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013 Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013 Al Comune di Azzano San Paolo Piazza IV Novembre Alla Autorità procedente Alla Autorità competente Cap. 24052 comuneazzanosanpaolo@pec.it Al Comune di Zanica Via Roma, 35

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA Territorio Monza è il capoluogo della neo provincia di Monza e Brianza ed ha una popolazione residente al 2004 di 122.263 abitanti (120.104 ab. al censimento 2001). Il territorio comunale è di Kmq 32,9

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UFFICIO PROGETTAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UFFICIO PROGETTAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UFFICIO PROGETTAZIONE OGGETTO: PIANO URBANISTICO ATTUATIVO P.U.A.- CAMPUS DI FISCIANO RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE (ART. 13 D.lgs 16.01.2008 n 4) R E L A Z I O N E

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO IN RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE (La domanda dovrà essere compilata

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni

Dettagli

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015 1 Proponente: Centro Culturale Islamico Via Tasso 37 Sesto San Giovanni Realizzazione del nuovo Centro Culturale Islamico di Sesto San Giovanni risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza

Dettagli

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n.

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n. MARCA DA BOLLO DA 14,62 SPETT. LE COMUNE DI CALUSCO D ADDA (BG) - Settore Tecnico OGGETTO: Richiesta di Autorizzazione all allacciamento alla fognatura pubblica D.Lgs n. 152 del 03.04.2006 e s.m.i. Regolamenti

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

P.L.U. PS1.2 Piano di Lottizzazione d Ufficio Ambito di Trasformazione Produttivo e Servizi PS1.2

P.L.U. PS1.2 Piano di Lottizzazione d Ufficio Ambito di Trasformazione Produttivo e Servizi PS1.2 COMUNE DI GADESCO PIEVE DELMONA PROVINCIA DI CREMONA P.L.U. PS1.2 Piano di Lottizzazione d Ufficio Ambito di Trasformazione Produttivo e Servizi PS1.2 RELAZIONE TECNICA Arch. Flavio Tomasoni marzo 2014

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore Territorio e Sviluppo Economico Allegato A STUDI DI FATTIBILITA - PROGRAMMA MANUTENZIONI INTERVENTI PIANO OPERE PUBBLICHE ANNO 2014 0. PREMESSE Il programma

Dettagli

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale

Classi di I.C.S. (% di A.U. rispetto S.T.) Ambito territoriale 1. I limiti di consumo di suolo I Piani di governo del territorio (Pgt) sono sottoposti alla verifica di compatibilità rispetto al Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp), in attuazione

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli