Glossario Accanimento terapeutico Infine Onlus Alzheimer e demenze senili Infine Onlus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Glossario Accanimento terapeutico Infine Onlus Alzheimer e demenze senili Infine Onlus"

Transcript

1 Glossario Accanimento terapeutico Si riferisce a tutti quei trattamenti medici (operazioni chirurgiche, tentativi di rianimazione, esami invasivi) sproporzionati rispetto al caso clinico e quindi futili : o perché privi di efficacia dimostrata, o perché non adatti al quadro generale del paziente (età, aspettativa di vita, condizioni di salute generali). Perché si pratica l accanimento terapeutico? Si tende a pensare che le straordinarie capacità tecniche della medicina debbano essere sempre usate: ciò che si può fare tecnicamente, deve anche essere fatto dal punto di vista morale. E per via di questo atteggiamento che si finisce per tenere in vita alcuni pazienti ad ogni costo, senza curarsi dell appropriatezza della cura nella loro situazione clinica ed esistenziale. Nei casi, ancora troppo frequenti, di accanimento terapeutico, la paura della morte ha un ruolo decisivo. I medici la vivono come sconfitta della scienza, mentre i pazienti e i familiari non riescono ad accettarne l inesorabile sopraggiungere. Il lavoro di Infine Onlus è volto a smussare queste paure. Alzheimer e demenze senili La malattia di Alzheimer prende il nome dal neurologo tedesco Alois Alzheimer ( ) che nel 1907 ne descrisse per primo le caratteristiche. Coglie il 5% dei sessantenni, il 10% degli over sessantacinquenni, il 20% degli ottantenni, e quasi metà dei vecchi oltre gli ottantaquattro anni. In Italia sono presenti oggi oltre ammalati di demenza, e questi numeri sono destinati ad aumentare. La demenza è una malattia lunga e invalidante, e la sopravvivenza si attesta tra i tre e i nove anni. Per via di questo decorso, benché si tratti di una malattia terminale, non viene considerata come tale. Per gradi, il paziente passa dalla normale autosufficienza all incapacità di svolgere da solo i più comuni compiti della quotidianità, fino a non essere più in grado di alzarsi, nutrirsi e lavarsi: dalla piena coscienza alla completa assenza di competenza cognitiva. Che si fa quando viene diagnosticata la demenza a un anziano? Per anni, in generale, l assistenza è a carico della famiglia, in particolare è affidata alle donne (figlie, mogli, nuore, badanti). E un assistenza frustrante e ardua, per via dell ostilità spesso presente nei malati, e della loro frequente incapacità di riconoscere chi presta loro cure. Per i familiari non esiste un supporto che li metta in grado di far fronte al dolore provato e all impegno profuso. A casa la vita diventa impossibile, e si spera che una struttura sanitaria per persone non autosufficienti sia il posto giusto. Tuttavia, la mancanza di una cultura di tipo palliativo nell assistenza a questi malati (anche nelle strutture dedicate prevalentemente a loro, le Residenze Sanitarie Assistenziali) desta preoccupazione. La sofferenza di questi pazienti è infatti spesso sottostimata e quindi insufficientemente trattata. Una delle priorità di Infine Onlus è attivare un sostegno per i familiari e i care giver di pazienti con Alzheimer. Inoltre, l associazione si propone di collaborare con i medici palliativisti che si stanno spendendo per introdurre le cure palliative nelle RSA, specializzandosi nel trattamento dei pazienti con demenza.

2 Auto Mutuo Aiuto (AMA) sul lutto I gruppi di Auto Mutuo Aiuto sul lutto sono incontri tra pari, che mirano a favorire la libera espressione dei sentimenti, a indurre i membri del gruppo a riflettere sulle proprie modalità di comportamento, ad aumentare le capacità individuali nel far fronte ai problemi, a incrementare la stima di sé, e al contempo a favorire la nascita di nuove relazioni, promuovendo uno stile di vita a sostegno della salute individuale, familiare e sociale. I singoli partecipanti offrono e ricevono aiuto valorizzando la conoscenza che scaturisce dall aver vissuto in prima persona la difficoltà. Aiutare gli altri accresce, infatti, la propria competenza interpersonale e il sentimento della propria adeguatezza, ci si sente meno dipendenti e meno soli. I gruppi (ciascuno composto da un massimo di 12 membri) sono attivati da uno psicologo esperto di elaborazione del lutto. Suo compito è anche trasmettere ai partecipanti la conoscenza delle regole che fanno funzionare al meglio le dinamiche del gruppo. Dopo questo primo periodo di attivazione, si procede autonomamente con la presenza di un facilitatore: si tratta in genere di un partecipante senior del gruppo, che ha elaborato il proprio dolore e resta a guidare gli altri. Infine Onlus crede che si tratti di una metodologia efficace per superare le difficoltà relative alla perdita di una persona cara, e la offre come modalità per superare il lutto. Bioetica È una disciplina che nasce negli ultimi decenni come riflessione sulle conseguenze non sempre auspicabili dell avanzamento tecnico e scientifico in medicina. Infine Onlus si occupa prevalentemente dei temi bioetici che hanno a che fare con la fine della vita. Nel nostro paese si ragiona sovente in modo ideologico e astratto, non privo di strumentalizzazioni politiche, sia in ambito cattolico che laico. La bioetica avrebbe dovuto costituire un ponte tra scienza e saggezza, ma ha finora fallito, trasformando la riflessione in adesione a uno dei due schieramenti avversi. Riteniamo invece che la bioetica possa avere una funzione fondamentale ragionando su casi concreti, non studiati a tavolino, con l attenzione rivolta alla relazione tra pazienti, familiari e curanti (facendosi etica della cura, e cura dell etica). Infatti Infine Onlus propone un progetto di etica della cura in ospedale, con la presenza, a disposizione dei curanti, di un bioeticista clinico. In virtù di questa prospettiva riteniamo che le risposte alle grandi domande che ruotano intorno alla fine della vita (testamento biologico, eutanasia attiva, suicidio assistito) non siano riassumibili in un sì o un no. Tuttavia, proviamo a riassumere le posizioni condivise all interno dell associazione: Testamento biologico: è uno strumento essenziale di gestione della salute e di rispetto delle volontà dei cittadini. D altra parte constatiamo che in Italia manca: 1) l educazione della popolazione a operare scelte sulla propria salute (da iniziare già nelle scuole), 2) la preparazione della classe medica a collaborare coi propri pazienti in vista di una stesura consapevole del testamento, 3) la costruzione di un diritto gentile, duttile, capace di modularsi sul caso concreto. Pertanto è corretto che sia legittimo testare, ma occorrono anni di impegno culturale affinché tale possibilità astratta si trasformi in una pratica concreta. Infine Onlus si propone di lavorare per la costruzione di questa consapevolezza.

3 Eutanasia: intendiamo per eutanasia solo l eutanasia attiva, tutte le altre forme si configurano come rinuncia alle cure, già difesa dalla Costituzione Italiana. La complessità di molti casi deriva anche da una mentalità diffusa, l aspettativa che la medicina possa fare miracoli. Dal canto suo, la scienza medica tende a promettere più di quanto possa mantenere, e quindi a creare una pericolosa saldatura tra la capacità tecnica della biomedicina e il dovere morale di fare tutto il possibile, senza poter sempre prevedere le conseguenze di questo tutto sul paziente. Contrariamente a quello che viene spesso detto e scritto, l eutanasia non è a nostro parere, se non in rari casi, una soluzione necessaria nel tempo della fine della vita, quando le cure palliative e la sedazione terminale sono in genere in grado di controllare il dolore e lenire la sofferenza. Occorre però in primo luogo potenziare le cure palliative (cfr. voce). Infine Onlus si adopererà per promuovere l allargamento delle cure palliative a tutte le patologie, in accordo con la legge 38 del L opportunità dell atto eutanasico va valutata piuttosto in quei casi in cui la vita diventa insopportabile e la morte è ancora lontana, la persona è lucida e in grado di decidere, ma non di passare all atto suicida, per via di patologie completamente invalidanti. Suicidio assistito: è per noi una modalità di eutanasia per chi non ha la possibilità fisica di passare all atto suicida. D altronde, ci stanno strette le definizioni tradizionali della bioetica, e crediamo che contribuiscano all irrigidimento del dibattito, a scapito di quella riflessione etica e giuridica che auspichiamo, più duttile e aderente alla realtà. Infine Onlus su tutti questi temi si impegna a costruire un dibattito aperto. Luoghi dei morti Vista la spesso degradata situazione dei cimiteri contemporanei, occorre domandarsi quale destino avranno nella società futura. Potranno tornare a essere spazi importanti per la memoria collettiva, o la loro funzione tramonterà definitivamente? Oggi sono tre, nella nostra cultura, le principali modalità di sepoltura: l inumazione (in terra), la tumulazione (nella pietra) e la cremazione (riduzione in cenere, seguita da conservazione o dispersione delle ceneri). L inumazione è una delle più antiche forme di sepoltura, consistente nel seppellimento del cadavere in una fossa scavata dentro la terra (in latino humus). Attualmente in Italia prevale l uso di seppellire i cadaveri in loculi di cemento o di marmo, per l idea diffusa che la pietra sia più nobile e capace di proteggere il corpo del defunto, mentre la terra è sentita come una soluzione povera. Ma la mentalità sta lentamente cambiando. Trascorso un certo periodo di tempo, è prevista l esumazione per chi era stato inumato, e l estumulazione dal loculo in concessione, e i resti vengono deposti negli ossari. I tempi di permanenza nella tomba, però, si abbreviano sempre più per via della carenza di spazio delle municipalità, con notevole disagio dei cittadini: le salme sono spesso indecomposte tanto che occorre ricorrere, comunque, alla cremazione dei resti. Questa è una delle cause, insieme ad altre (economicità, secolarizzazione) che inducono un numero crescente di italiani (soprattutto nel Centro Nord del paese) a optare per la cremazione. Quest ultima ha antiche origini, è il rito degli eroi omerici, praticato in Grecia e a Roma. Fu riproposta nella seconda metà dell Ottocento, proprio in Italia, con l invenzione dei forni crematori, ma rimase una pratica minoritaria. Oggi circa il 16% degli italiani opta per la cremazione, una percentuale in costante aumento. Infine Onlus non è interessata a promuovere alcuna forma di sepoltura: la scelta, su questo argomento è individuale e indiscutibile. Viceversa, ci sta a cuore che i luoghi dei morti siano più accoglienti, più curati, capaci di garantire la memoria individuale, collettiva e storica al contempo. A questo fine occorre un profondo ripensamento degli spazi dedicati alla memoria, che devono essere reinventati in modo da poter rispecchiare la sensibilità contemporanea.

4 Cure palliative Tutti desideriamo, per noi e per i nostri cari morire in una dimensione umana, sopportabile per chi va e per chi resta. Le cure palliative si prendono cura dei malati terminali come persone sofferenti, e li accompagnano controllando il dolore fisico e aiutandoli a gestire la sofferenza mentale, psicologica e spirituale. La prima importante cesura culturale che hanno determinato con la loro nascita (negli anni Sessanta del Novecento in Inghilterra) è stata riprendere la riflessione sulla morte: recuperare la volontà di «addomesticarla» e renderla più accettabile. Lo slogan delle cure palliative è: c è vita fino alla morte. La speranza non finisce con quella della guarigione: ogni paziente è incoraggiato a coltivare e nutrire speranze e relazioni fino all ultimo. Infine Onlus intende sostenere e promuovere la cultura delle cure palliative, anche con eventi di informazione ai cittadini (il 50% degli italiani ignora cosa siano). Occorre infatti potenziarle, affinché raggiungano tutti i morenti qualunque sia la loro patologia (e non solo, come oggi, parte dei malati oncologici). Non va infatti dimenticato che in Italia il diritto di accesso alle cure palliative è sancito dalla legge n. 38 del 15 marzo 2010, ma la scarsità di strutture e personale adeguatamente formato rende tale legge ampiamente inapplicata. Lutto Con la parola lutto (dal latino luctus, pianto) si intende sia la reazione emozionale che comporta la perdita di una persona significativa per la propria esistenza, sia l insieme di pratiche e riti, di natura culturale, sociale e religiosa che l accompagnano. La nostra civiltà, a partire da inizio Novecento (in particolare con la psicoanalisi), ha assimilato il lutto alla depressione, e ne ha dato un interpretazione psicologica, che lo ha relegato nell interiorità dell individuo. Minore importanza ha assunto invece la dimensione sociale e rituale del lutto. Infine Onlus crede che il lutto (salvo alcuni casi particolari di cronicizzazione) non sia una patologia, né una nevrosi, ma un esperienza della vita. Non sempre sono dunque appropriati gli strumenti della medicina e della psicologia. I gruppi di Auto Mutuo Aiuto (cfr. voce), basandosi sullo scambio di esperienze dei partecipanti, appaiono oggi una modalità particolarmente efficace per superare il lutto, momento inevitabile e doloroso, ma parte integrante della vita. Rito del Commiato E uno spazio/tempo che permette di commemorare i propri morti in modo personale, ricordandoli per ciò che hanno rappresentato per i loro cari, attribuendo così, simbolicamente, un significato condiviso alla sua vita. E in primo luogo l alternativa offerta a chi non desidera un funerale religioso, e tuttavia sente il bisogno di dare l addio in modo rituale a un congiunto. Esistono esempi di rito del commiato anche in Italia, sulla falsariga di quelli diffusi nell Europa del nord e negli Stati Uniti. Queste cerimonie si svolgono come se dovessero idealmente rispondere all interrogativo: chi era colui che non c è più, e di cui si vuole conservare la memoria? Cosa vogliamo ricordare di lui? I partecipanti al rito laico del Commiato scelgono in genere una musica amata dal defunto, leggono la sua poesia preferita, raccontano alcuni aspetti del suo carattere e alcuni episodi della sua vita, ricordano quali sono i suoi lasciti etici ed affettivi.

5 Tali cerimonie si svolgono nelle sale del Commiato, che per lo più sono sale di nuova costruzione, semplicemente arredate, dotate di sedie e prive di simboli religiosi, per poter essere polifunzionali, adibite a riti funebri laici ma anche di svariate confessioni religiose. I simboli presenti, invece, richiamano spesso gli elementi della natura, lo scorrere dell acqua, gli alberi, il volgere delle stagioni e dunque anche della vita umana. Infine Onlus ritiene opportuno fare pressioni presso le amministrazioni cittadine affinché spazi del genere siano creati e messi a disposizione di tutti. Vecchiaia Termine con cui si indica la condizione delle persone che hanno superato i 65 anni, a fronte del considerevole allungamento della vita media rispetto ai secoli precedenti. Nel linguaggio comune i termini vecchiaia e vecchio assumono una connotazione negativa e sono sostituiti da anzianità e anziano, considerati più gentili e socialmente accettabili: l utilizzo di eufemismi è una spia indicativa della tendenza della nostra società a rifiutare la natura mortale e vulnerabile dell uomo, in favore di modelli di perfezione che considerano la morte come accidentale e eternamente rinviabile e la vecchiaia come un deprecabile decadimento fisico da nascondere a ogni costo. Infine Onlus ritiene che ogni età dell uomo offra opportunità di vita piena e consapevole. A tal fine attiviamo laboratori sulla paura di invecchiare, dove lavoriamo in gruppo per comprendere i condizionamenti culturali che ci impediscono di avere un immagine serena della nostra vecchiaia.

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

Dichiarazioni. Anticipate di Trattamento. nella attualità del dibattito bioetico italiano

Dichiarazioni. Anticipate di Trattamento. nella attualità del dibattito bioetico italiano Prof. M. Calipari Dichiarazioni Anticipate di Trattamento nella attualità del dibattito bioetico italiano L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011- Introduzione

Dettagli

La terapia del dolore oncologico dal farmaco alla gestione globale www.oncologialatina.it

La terapia del dolore oncologico dal farmaco alla gestione globale www.oncologialatina.it Azienda USL Latina U.O.C. di Oncologia Medica Direttore Dott. Modesto D Aprile La terapia del dolore oncologico dal farmaco alla gestione globale www.oncologialatina.it comunicare Ti sto imparando, uomo,

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

Come persone. Come professionisti

Come persone. Come professionisti Come persone Come professionisti PER PROMUOVERE LA QUALITA DELLA VITA PER FRONTEGGIARE SITUAZIONI DI DIFFICOLTA E DISAGIO -AUTODETERMINAZIONE DELLA PERSONA IL SERVIZIO SOCIALE, LA BIOETICA E LA RELAZIONE

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

Centro di riferimento regionale SLA. La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate.

Centro di riferimento regionale SLA. La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate. Centro di riferimento regionale SLA La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate. Sono in PS dell ospedale, l ambulanza mi ha portato qui, mio padre non vuole fare la tracheostomia,

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO

DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO INTRODUZIONE attualità del problema in campo sociale (con una forte componente culturale) in campo medico in campo bioetico in campo legislativo in Italia, documento

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO PROFILI INTRODUTTIVI Elenco delle principali abbreviazioni... XV CAPITOLO PRIMO PROFILI INTRODUTTIVI Guida bibliografica... 3 1. Attualità deltema... 11 1.1. Episodi recenti... 13 1.2. L atteggiamento dei mass media... 16

Dettagli

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa Dott.ssa Amanda Panebianco Psicologa psicoterapeuta Servizio di psicologia ospedaliera ASL TO4 L inizio della relazione d

Dettagli

COMMISSIONE IGIENE E SANITA

COMMISSIONE IGIENE E SANITA Alla COMMISSIONE IGIENE E SANITA del Senato della Repubblica 14 marzo 2007 Associazione Italiana Malattia di Alzheimer A.I.M.A. Patrizia Spadin - presidente I numeri della demenza (quasi 900.000 dementi

Dettagli

Margine d azione d malato ed il suo bisogno di cure

Margine d azione d malato ed il suo bisogno di cure Margine d azione d tra l autonomia l del malato ed il suo bisogno di cure Le dichiarazioni anticipate di trattamento nelle cure palliative: problema o risorsa? Vipiteno-Sterzing 29 ottobre 2005 Giovanni

Dettagli

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO ALLEGATO O PROGETTO Piano Regolatore Cimiteriale Settembre 2012 COMMITTENTE: Comune di Castano Primo presso Villa Rusconi Corso Roma 20022

Dettagli

ACCOMPAGNAMENTO ETICO E CONOSCENZA

ACCOMPAGNAMENTO ETICO E CONOSCENZA La cura del malato morente è un argomento strettamente legato all evento più importante della vita: la morte. Evento che riguarda tutti gli uomini indistintamente e ne investe tutti gli aspetti dell esistenza:

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 Etica delle cure palliative in oncologia S Miniato 19/10/13 La morte affronto clinico? Per l uomo l delle culture passate, la morte aveva la forma di

Dettagli

L OPERATORE TRA PREVENZIONE E FALLIMENTI

L OPERATORE TRA PREVENZIONE E FALLIMENTI IL SUICIDIO NELL'ANZIANO: CARICO DI DOLORE ANGOSCIA E FRAGILITA' Sala Madrid 29 Novembre 2013 L OPERATORE TRA PREVENZIONE E FALLIMENTI eve Itala Orlando italaorlando@libero.it Gruppo di Studio SIGG La

Dettagli

LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE

LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE LA PERCEZIONE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Dott.Antonio Verginelli MMG DOVRESTI GUARDARE IL CANCRO COME L INIZIO DI UNA NUOVA VITA: DAL MOMENTO DELLA SUA SCOPERTA NULLA SARA,

Dettagli

La medicina degli ultimi giorni

La medicina degli ultimi giorni La medicina degli ultimi giorni aspetti di forza e fragilità Dr. Franco Tanzi Centro di Geriatria Clinica Luganese Moncucco ACFE - Berna 31 gennaio 2010 Indice Distribuzione dell età in Svizzera Sviluppo

Dettagli

Alberto Bondolfi Università di Ginevra

Alberto Bondolfi Università di Ginevra Invecchiare ieri, oggi e domani: la condizione anziana di fronte alle sfide della medicina e della biologia contemporanee. Alcune considerazioni etiche Alberto Bondolfi Università di Ginevra Oggi si parla

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE 1 2 PROPORZIONALITÀ DELLE CURE Principio della proporzionalità delle cure: si deve intervenire sul paziente tanto quanto serve alla sua salute, né più né meno. Ciò si valuta nella totalità della persona

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6156 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Disposizioni in materia di cremazione e

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6055 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ALTEA Norme in materia di cremazione dei defunti Presentata il 20 maggio 1999 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione LE CURE PALLIATIVE - 2013 Non è sufficiente aggiungere giorni di vita, bisogna aggiungere vita ai giorni che rimangono Life before death : l importanza di cura della Sintomatologia Palliativa VEN-FOR54048

Dettagli

CATTOLICA UNIVERSITÀ CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE. I Edizione Master Universitario di I livello ANNO ACCADEMICO 2012 2013

CATTOLICA UNIVERSITÀ CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE. I Edizione Master Universitario di I livello ANNO ACCADEMICO 2012 2013 CALENDARIO DELLE LEZIONI Settimane intensive DATE SEDE 1 Settimana 15-20 aprile 2013 2 Settimana 8-13 luglio 2013 Direttore del master: Roberto Bernabei Weekend DATE SEDE 13-14-15 dicembre 2012 10-11-12

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli

Progetti. Gruppi di Auto Mutuo Aiuto per il lutto

Progetti. Gruppi di Auto Mutuo Aiuto per il lutto Progetti Gruppi di Auto Mutuo Aiuto per il lutto Analisi del bisogno Una ricerca, svolta in Torino e provincia nel 2011/12 da Marina Sozzi sull esperienza del lutto, ha messo in luce che chi ha subito

Dettagli

Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico. Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova

Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico. Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVA Gestione delle fasi avanzate e terminali QdV QdM FASI DI AGGRAVAMENTO

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute.

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. Frequentemente siamo costretti ad affidare i nostri cari

Dettagli

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Il Counselling nella fase avanzata di malattia Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Spunti di riflessione 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 2 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 3 La partenza è nel Codice Deontologico

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

dichiarazione anticipata di trattamento Testamento biologico Contesto giuridico in Italia

dichiarazione anticipata di trattamento Testamento biologico Contesto giuridico in Italia La dichiarazione anticipata di trattamento (alias Testamento biologico, o più variamente testamento di vita, direttive anticipate, volontà previe di trattamento) è l espressione della volontà da parte

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

L accompagnamento del morente in RSA

L accompagnamento del morente in RSA Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita L accompagnamento del morente Massimo Petrini Centro di Promozione e Sviluppo dell Assistenza Geriatrica Facoltà di Medicina e Chirurgia A.Gemelli

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA

DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA COMITATO DI BIOETICA ACCOMPAGNAMENTO DEL BAMBINO TERMINALE E DEI SUOI FAMILIARI La realtà quotidiana conferma che anche i minori possono avere una malattia inguaribile e che,

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giulia Fabiano Indirizzo Via Miglioli 75, Soresina, Cr Telefono 3394508370 E-mail giuliafabiano@virgilio.it

Dettagli

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 24 Gennaio 2015 L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Dr.

Dettagli

Malattia inguaribile e adesso?

Malattia inguaribile e adesso? Malattia inguaribile e adesso? Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande difficili e importanti: > Quanto tempo mi rimane?

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE

ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE : CURE INTENSIVE E/O CURE PALLIATIVE? Aula Magna Nuovo Arcispedale S. Anna Cona, Ferrara - Sabato 4 Ottobre 2014 ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative?

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Evelina Bianchi Geriatria di Vicenza SEDAZIONE TERMINALE (ST) le mie convinzioni e la premessa

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

ASPETTI ETICI E LEGALI

ASPETTI ETICI E LEGALI GRUPPO DI STUDIO S.I.G.G. LE CURE NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA ASPETTI ETICI E LEGALI RENZO PEGORARO Fondazione Lanza Padova Rovereto, 16.10.2009 CONDIZIONE DELL ANZIANO (NON AUTOSUFFICIENTE) Fragilità

Dettagli

CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE i CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE II Edizione Master Universitario di I livello ANNO ACCADEMICO 2014 2015 Facoltà di Medicina e Chirurgia Agostino Gemelli Dipartimento di Geriatria

Dettagli

COMUNE DI LADISPOLI Provincia di Roma

COMUNE DI LADISPOLI Provincia di Roma COMUNE DI LADISPOLI Provincia di Roma Regolamento di Polizia Mortuaria. (Approvato con delibera di C.C. n. 69 del 20.09.1999) (Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 12.12.2001) INDICE GENERALE TITOLO

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

funerali ZAZIONE ORGANIZZAZIONE FUNEBRE funerali Cosa fare in caso di decesso Municipi appartenenza cimiteri Destinazione salma

funerali ZAZIONE ORGANIZZAZIONE FUNEBRE funerali Cosa fare in caso di decesso Municipi appartenenza cimiteri Destinazione salma ZAZIONE ORGANIZZAZIONE FUNEBRE Cosa fare in caso di decesso Destinazione salma Municipi appartenenza cimiteri Prospetto servizio riservato al personale militare e civile del Ministero della Difesa CATTOLICA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE DISEGNO DI LEGGE Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari al fine di evitare l'accanimento terapeutico d'iniziativa dei senatori:

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. riferimento per il cittadino

CARTA DEI SERVIZI. riferimento per il cittadino IL RUOLO DEI FAMIGLIARI IN MEDICINA INTERNA PER QUALE RAGIONE UNA PERSONA RICOVERATA DEVE VIVERE FUORI DALLA REALTÀ, COME IN UNA SORTA DI "GRANDE FRATELLO"? COME SI SPIEGA CHE I SUOI FAMILIARI NON POSSONO

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale.

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Comune di Bracciano Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Tariffe relative ai diritti sui servizi a domanda individuale e sulle operazioni da effettuare nei cimiteri comunali;

Dettagli

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Incontri Uni-ATENeO dr.ssa Anna Galeotti Cambiamenti familiari Le reazioni emotive nei caregiver di pazienti dementi hanno espressioni diverse a seconda: della

Dettagli

L attuale situazione normativa in Italia

L attuale situazione normativa in Italia L attuale situazione normativa in Italia Eutanasia e suicidio assistito Rifiuto dei trattamenti sanitari Testamento biologico Cure palliative Avv. Nicola Menardo Grande Stevens Studio Legale Associato

Dettagli

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA Sofia Tavella DIVERSAMENTE SANI ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA I IF Press Copyright 2012 by IF Press srl IF Press srl Ctr. La Murata, 49-03017 Morolo (FR) info@if-press.com - www.if-press.com ISBN 978-88-95565-81-1

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente regolamento approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

FORUM ETICO ANNO 2004

FORUM ETICO ANNO 2004 GRUPPO MINISTERIALE CENTRO CRISTIANO IL BUON SAMARITANO FORUM ETICO ANNO 2004 L Eutanasia 1. Cenni Storici 2. Definizione 3. Legislazione italiana 4. Situazione nei vari Paesi 5. Stato del Dibattito: le

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO Mariangela Piacentini Casa Madonna dell Uliveto Albinea - Reggio Emilia In quel tempo che viene definito dai

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE FABIO SASSI O N L U S DIGNITA ALLA FINE DELLA VITA UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE FABIO SASSI ABBIAMO ANCORA BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO PER FARE DI PIÙ E SEMPRE MEGLIO Cara amica, caro

Dettagli

Maria Anna Conte Hospice Il gabbiano San Vito al Tagliamento Rete cure palliative provincia di Pordenone

Maria Anna Conte Hospice Il gabbiano San Vito al Tagliamento Rete cure palliative provincia di Pordenone Maria Anna Conte Hospice Il gabbiano San Vito al Tagliamento Rete cure palliative provincia di Pordenone Cos è un hospice Si definiscono centri residenziali di cure palliative (hospice) le strutture, facenti

Dettagli

Etica di fine vita: Esperienza infermieristica in cure palliative nella Asl11 San Miniato,19/10/2013. Etica delle cure palliative in oncologia

Etica di fine vita: Esperienza infermieristica in cure palliative nella Asl11 San Miniato,19/10/2013. Etica delle cure palliative in oncologia Etica di fine vita: Esperienza infermieristica in cure palliative nella Asl11 San Miniato,19/10/2013 Etica di fine vita:esperienza infermieristica in cure palliative nella Asl11 chi siamo La nostra organizzazione

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

"Le Cure Palliative. Attualità e sviluppo di un bisogno sanitario

Le Cure Palliative. Attualità e sviluppo di un bisogno sanitario SEMINARIO "Le Cure Palliative. Attualità e sviluppo di un bisogno sanitario 25 26 Gennaio 2007 Istituto Rosmini Via Rosmini 4/a Torino Premessa "L'obbligo di rispettare e di proteggere la dignità di un

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO La Dichiarazione Congiunta è stata approvata a Oslo il 29 giugno 2002 nel corso dell Assemblea dell ECL (European Cancer Leagues) I diritti fondamentali

Dettagli

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson Funerali senza dio - capitolo 6 Richard Brown & Jane Wynne Willson Edizioni Omnilog 2010 6. Stesura della cerimonia Questo capitolo presenta un modello per preparare il testo di un funerale laico, e spiega

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

Perché l eutanasia è inaccettabile?

Perché l eutanasia è inaccettabile? Perché l eutanasia è inaccettabile? Che cosa significa eutanasia? È una parola con notevole variabilità storica, con significati diversi a seconda dell uso che se ne fa. Può significare: - morte buona

Dettagli

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria Comune di Prazzo Provincia di Cuneo Regolamento comunale di polizia mortuaria Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 31/05/2012 1 Il presente Regolamento di polizia mortuaria sostituisce

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Dott.ssa Simona Di Giovanni Psicologa Psicoterapeuta familiare Convegno 9 giugno 2012 Tivoli Indice argomenti Reazioni e vissuti alla diagnosi di tumore

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE Prefazione...................................... v Introduzione..................................... 1 Parte prima BIOETICA GENERALE Capitolo I CHE COSA È LA BIOETICA 1. Definizione di bioetica e suo statuto

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

IRCCS AOU San Martino IST Genova. Non più soli nel dolore Cure Palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica.

IRCCS AOU San Martino IST Genova. Non più soli nel dolore Cure Palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. IRCCS AOU San Martino IST Genova Non più soli nel dolore Cure Palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. Valtournenche, Aosta Il ricovero in hospice può essere permanente e si attua

Dettagli