TIROCINI E APPRENDISTATO LINEE GUIDA E ULTIME NOVITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TIROCINI E APPRENDISTATO LINEE GUIDA E ULTIME NOVITA"

Transcript

1 TIROCINI E APPRENDISTATO LINEE GUIDA E ULTIME NOVITA 1

2 L apprendistato e i tirocini formativi hanno in comune l obiettivo di facilitare l inserimento dei giovani nel mondo del lavoro mediante un esperienza di formazione in un contesto lavorativo. Mentre l apprendistato è un contratto di lavoro a tutti gli effetti, con vincolo di subordinazione, il tirocinio non costituisce rapporto di lavoro ma solo un esperienza di formazione. 2

3 Negli ultimi anni, nel quadro della riforma del mercato del lavoro, del rinnovamento della formazione e del rilancio dell occupazione giovanile, entrambi gli istituti sono stati profondamente rinnovati, con lo scopo di combattere gli abusi nell utilizzazione dei tirocini e sostenere il ricorso all apprendistato come canale preferenziale di ingresso dei giovani nel mercato del lavoro. 3

4 I I TIROCINI 4

5 PREMESSA A seconda delle finalità e dei destinatari i tirocini possono essere suddivisi in tre tipologie: Tirocini curriculari, promossi da soggetti e istituzioni formative, a favore dei propri studenti e allievi, per realizzare momenti di alternanza studio/lavoro Tirocini extracurriculari, finalizzati a favorire l inserimento o il reinserimento nel mondo del lavoro tramite l acquisizione di competenze professionali; Tirocini per l accesso alle professioni regolamentate, consistenti cioè nei periodi di praticantato richiesti dai diversi ordini professionali. 5

6 L art. 11 del D.L. n. 138/2011 aveva circoscritto l istituto dei tirocini formativi e di orientamento, limitandone l applicazione a neodiplomati e neolaureati (entro 12 mesi) e alle categorie più ai margini del mondo del lavoro, ovvero disabili e soggetti svantaggiati ai sensi della L. 381/1991. Per i tirocini c.d. di reinserimento/inserimento in favore di disoccupati, inoccupati e lavoratori in mobilità si rimandava alla regolamentazione regionale. 6

7 La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 287 del 19 dicembre 2012, ha dichiarato illegittimo l art.11, in quanto viola l art.117 della Costituizone sull attribuzione delle competenze a Stato e Regioni. La legge statale ha invaso un territorio di competenza normativa regionale: quello dell istruzione e formazione professionale Di conseguenza le novità introdotte dall art. 11 sono state cancellate. 7

8 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEI TIROCINI NELLA REGIONE ABRUZZO La regione Abruzzo,nel rispetto dei principi e degli indirizzi stabiliti dalla legislazione nazionale, nell ottica di promuovere un corretto utilizzo dello strumento, ha approvato le linee guida per l attuazione dei tirocini extracurriculari,, con D.G.R. n. 154 del 12 marzo

9 Vengono individuate tre diverse tipologie di tirocini extracurriculari: a) tirocini formativi e di orientamento, destinato a diplomati e laureati entro e non oltre 12 mesi dal conseguimento del relativo titolo di studio; b) tirocini di inserimento/reinserimento al lavoro, destinato a soggetti inoccupati, disoccupati, anche in mobilità e cassintegrati; c)tirocini di inserimento/reinserimento, destinati a disabili ex art.11 c.2 L. 68/99 e a soggetti in trattamento psichiatrico, tossicodipendenti, alcolisti e condannati ammessi a misure alternative di detenzione. 9

10 SOGGETTI PROMOTORI I tirocini sono promossi da un soggetto estraneo all azienda e al tirocinante. Possono promuovere tirocini i seguenti soggetti: a)università e istituti di istruzione universitaria statali e non, istituzioni scolastiche statali e non, istituzioni di alta formazione; b)province; c)comunità terapeutiche, enti ausiliari e cooperative sociali iscritti nell albo regionale; d) le associazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori; 10

11 e) gli enti bilaterali; f) i soggetti non aventi scopo di lucro iscritti nell elenco regionale dei soggetti accreditati per lo svolgimento di servizi al lavoro; g) le associazioni iscritte nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato. 11

12 SOGGETTI OSPITANTI E NUMERO MASSIMO DI TIROCINANTI Possono ospitare tirocinanti i datori di lavoro pubblici e privati con almeno un dipendente a tempo indeterminato. Ogni soggetto ospitante può avere contemporaneamente, non più di: 1 tirocinante, se trattasi di datore di lavoro privato con meno di 6 dipendenti; 2 tirocinanti, se trattasi di datore di lavoro privato con un numero di dipendenti a t. indeterminato compreso tra 7 e 19; Un numero di tirocinanti pari al 10% dei lavoratori assunti, se trattasi di datore di lavoro privato con 12 più di 20 dipendenti a t. indeterminato.

13 N.B. I soci lavoratori sono considerati dipendenti a tempo indeterminato. N.B. Ogni datore di lavoro pubblico può avere un numero minimo di 1 tirocinante e un numero massimo di tirocinanti pari al 2% dei lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato, reclutati tramite avviso pubblico. 13

14 DURATA La durata minima dei tirocini non può essere inferiore a 2 mesi, ad accezione di quelli estivi, attivati nel periodo 21 giugno-23 settembre. La durata massima dei tirocini non può superare i 6 mesi. ECCEZIONI Per i disabili ex L. 68/99, la durata massima è di 12 mesi prorogabili per altri 12 Per i soggetti in trattamento psichiatrico, i tossicodipendenti, gli alcolisti e i condannati a misure alternative alla detenzione, la durata massima è di 12 mesi 14

15 OBBLIGHI ASSICURATIVI E RIMBORSO SPESE Il tirocinante deve essere coperto da apposita polizza antinfortunistica comprensiva del tragitto casa-lavoro, oltre che per la responsabilità civile verso terzi. Il soggetto ospitante deve garantire al tirocinante un rimborso spese non inferiore a 600 euro mensili, indipendentemente dall orario effettuato. 15

16 CONVENZIONE E PROGETTO FORMATIVO Il soggetto promotore può attivare il tirocinio solo a seguito della stipula di una Convenzione con il soggetto ospitante. Alla convenzione va allegato il progetto formativo, definito in modo congiunto dal soggetto promotore e dal soggetto ospitante, contenente durata, modalità di svolgimento del tirocinio e obiettivi di apprendimento. Convenzione e progetto formativo devono essere redatti secondo gli schemi approvati dalla D.G.R. n. 154/

17 TUTORAGGIO Il soggetto promotore deve nominare un tutor didattico per ogni tirocinante, con il ruolo di responsabile didatticoorganizzativo delle attività. Il tutor aziendale è invece nominato dal soggetto ospitante, con il compito di affiancare il tirocinante ed è responsabile del piano formativo. 17

18 DIRITTI E DOVERI DELLE PARTI Il tirocinante: - non può sostituire il personale dipendente, assente a vario titolo, o essere utilizzato in presenza di picchi di produzione; - non può svolgere il tirocinio in orario notturno, festivo o in turnazioni; - deve svolgere il tirocinio con diligenza e in osservanza dei principi di correttezza e buona fede; - deve frequentare un corso di formazione della durata di 12 ore, di cui 4 sulla normativa del tirocinio e 8 sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; 18

19 - è tenuto a dare tempestiva comunicazione al tutor aziendale, in caso di malattia; - può usufruire di periodi di riposo psico-fisico per almeno due giorni al mese, con conseguente sospensione e prolungamento del tirocinio; - ha diritto alla sospensione del tirocinio in caso di maternità, con possibilità di proroga, all orario di ridotto per allattamento e ai permessi riconosciuti dalla L. 104/92. 19

20 ADEMPIMENTI VARI I soggetti ospitanti: sono tenuti a effettuare le comunicazioni obbligatorie previste dalla normativa nazionale e regionale in materia di rapporti di lavoro e assimilati; devono inviare una copia della convenzione, con allegato il progetto formativo, alla DTL competente, alla rappresentanza sindacale unitaria o, in sua assenza, alle organizzazioni sindacali territoriali più rappresentative; devono inviare al soggetto promotore una relazione sintetica sull esito del tirocinio, entro 30 giorni dalla conclusione dell iter formativo e rilasciare al tirocinante la Dichiarazione di 20 competenze.

21 LE LINEE-GUIDA NAZIONALI SUI TIROCINI La Legge n. 92 del 2012 ha previsto la revisione della normativa sui tirocini con l approvazione di un accordo tra Stato e Regioni per la definizione di linee guida condivise in materia di tirocini formativi e di orientamento. Il 24 gennaio 2013 è stato siglato l Accordo tra Governo, Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano, che adotta le linee-guida in materia di tirocini, contenenti gli standard minimi di carattere disciplinare, con l impegno da parte di Regioni e Province autonome di recepirle entro 6 mesi, anche fissando disposizioni di maggior tutela. 21

22 Di conseguenza, nelle Regioni che hanno già legiferato sulla normativa dei tirocini, compresa l Abruzzo, si continua ad applicare quella normativa, laddove non sia peggiorativa per i tirocinanti; nelle Regioni che non hanno legiferato tornerà ad essere applicata la normativa contenuta nella L. n. 196/97 e nel DI n. 142/98, così come chiarito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nel Forum Lavoro dell aprile

23 Sono configurabili, in base alle Linee-guida nazionali, le seguenti tipologie di tirocini: Tirocini formativi e di orientamento, destinati ai soggetti che hanno conseguito un titolo di studio entro e non oltre 12 mesi Tirocini di inserimento/reinserimento al lavoro rivolti a disoccupati (anche in mobilità) e inoccupati e titolari di ammortizzatori sociali Tirocini di orientamento e formazione o di inserimento/reinserimento in favore di disabili ex L. 68/99, persone svantaggiate ai sensi della L. 381/91, nonché richiedenti asilo politico o titolari di protezione internazionale 23

24 A differenza di quanto previsto nelle linee guida della Regione Abruzzo, la durata massima dei tirocini di inserimento/reinserimento in favore di disoccupati, inoccupati, lavoratori in mobilità e cassintegrati è di 12 mesi. E prevista la possibilità di attivare un tirocinio anche per i datori di lavoro privi di dipendenti a tempo indeterminato. L indennità di partecipazione che deve essere corrisposta obbligatoriamente al tirocinante non può essere inferiore ai 300 euro lordi e non va erogata in caso il tirocinante sia percettore di forme di sostegno al reddito. 24

25 ULTIME NOVITA Le ultime novità in materia di tirocinio sono state introdotte dal DL n. 76/2013 (conv. in L. n. 99/2013) : I datori di lavoro pubblici o privati con sedi in più regioni possono far riferimento alla normativa della Regione in cui è ubicata la sede legale e possono altresì accentrare le comunicazioni (mera facoltà). A tal proposito si ricorda che le comunicazioni obbligatorie di cui all art.1 c L. n. 296/2006 non sono dovute nei casi in cui trattasi di tirocini curriculari e professionali 25

26 APPRENDISTATO L APPRENDISTATO 26

27 Parallelamente a quello dei tirocini, dopo un lungo periodo di confronto tra le parti sociali, è stato emanato il D. Lgs n. 167/2011, entrato definitivamente in vigore dal 26 aprile 2012,, contenente il nuovo testo unico dell apprendistato, con lo scopo di raccogliere, semplificare e in parte innovare la disciplina di questo istituto. 27

28 L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato a causa mista, finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Il datore di lavoro, a fronte di sgravi contributivi e fiscali, è tenuto ad erogare all apprendista, come corrispettivo della prestazione lavorativa, non solo la retribuzione, ma anche una specifica formazione professionale. 28

29 Con il Testo unico, le 3 tipologie di contratto introdotte dal d.lgs. n. 276/2003 sono state ridefinite: Contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, per i giovani tra i 15 e i 25 anni compiuti, che intendono conseguire un titolo di studio di livello secondario superiore (e anche per l assolvimento dell obbligo di istruzione) Contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere, per i soggetti tra i 18 (17 se in possesso di qualifica professionale) e i 29 anni compiuti, che vogliono conseguire una qualifica contrattuale Contratto di apprendistato di alta formazione e ricerca, per i soggetti tra i 18 (o 17) e i 29 anni compiuti, finalizzato al conseguimento di un diploma di istruzione secondaria superiore, di titoli di studio universitari o di alta formazione 29

30 PRINCIPALI ELEMENTI DEL TESTO UNICO definizione dell apprendistato come contratto di lavoro a tempo indeterminato abbassamento della durata massima (3 anni), con l eccezione delle figure professionali dell artigianato (5 anni) possibilità di prevedere nei contratti collettivi specifiche modalità di svolgimento dell apprendistato, comprese le durate minime, per le attività stagionali la regolamentazione dei profili formativi dell apprendistato per la qualifica e il diploma è rimessa alle Regioni o Province autonome 30

31 rinvio alla contrattazione collettiva per la regolamentazione e la gestione dell apprendistato professionalizzante, anche in relazione alla durata e alle modalità di erogazione della formazione per le competenze tecnico-professionali e specialistiche nell apprendistato professionalizzante l offerta formativa pubblica, interna o esterna all azienda, per l acquisizione delle competenze di base o trasversali, non può superare le 120 ore nel triennio possibilità di utilizzare l apprendistato di alta formazione come praticantato per l accesso alle professioni ordinistiche; divieto di retribuzione a cottimo; possibilità di inquadrare il lavoratore fino a due livelli inferiori rispetto alla categoria spettante; 31

32 la regolamentazione dell apprendistato per il conseguimento di un diploma o per percorsi di alta formazione è rimessa alle Regioni e alle Province Autonome sulla base di accordi con le associazioni datoriali e dei lavoratori, le Università ed altri Enti ed istituzioni di studio e ricerca, o, in mancanza di questo, ad apposite convenzioni tra datori di lavoro e istituzioni scolastiche, formative o di ricerca; presenza di un tutor o referente aziendale; possibilità di utilizzare l apprendistato per i lavoratori in mobilità, senza vincoli di età. 32

33 L APPRENDISTATO IN ABRUZZO La Giunta Regionale con D.G.R. del , n 235, pubblicata sul BURA Speciale n 32 del , ha approvato i documenti attuativi del "Testo unico dell'apprendistato" - D.lgs 167/

34 Vengono approvati i documenti che costituiscono una prima attuazione delle previsioni normative in materia di: Schema di Accordo per la disciplina e la durata dell apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale Disposizioni regionali in materia di offerta formativa pubblica nell ambito del contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere, finalizzata al conseguimento delle competenze di base e trasversali Schema di Accordo per la disciplina e la durata dell apprendistato di alta e formazione e ricerca 34

35 SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE Vengono definiti, nel rispetto di quanto contenuto negli Accordi in Conferenza Stato Regioni del 27 luglio 2011 e del 25 marzo 2012, gli standard minimi formativi (700 ore annue per gli apprendisti minorenni e 400 per i maggiorenni) e vengono recepite tutte le figure nazionali di riferimento per le qualifiche e i diplomi professionali conseguibili attraverso tale apprendistato. I percorsi formativi, rivolti ai soggetti che abbiano conseguito la licenza media, hanno una durata di 3 anni, ridotti a 2 o a 1 in caso di frequenza di 1 o 2 anni di scuola secondaria superiore. 35

36 DISPOSIZIONI REGIONALI IN MATERIA DI OFFERTA FORMATIVA PUBBLICA NELL AMBITO DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O DI MESTIERE PER L ACQUISIZIONE DI COMPETENZE DI BASE E TRASVERSALI Si stabilisce che l offerta formativa regionale per l acquisizione delle competenze di base e trasversali nell apprendistato professionalizzante è articolata in moduli con una durata complessiva di 120 ore nel triennio. La formazione può essere svolta esternamente o internamente. 36

37 Il percorso di formazione dell apprendista è illustrato nel Piano Formativo Individuale, predisposto dal datore di lavoro in relazione al profilo professionale di riferimento, definito dai contratti collettivi e definisce gi obiettivi formativi in termini di competenze di base/trasversali e competenze tecnicoprofessionali/specialistiche. Il P.F.I., sottoscritto dal datore di lavoro e dall apprendista, costituisce parte integrante del contratto di apprendistato e deve essere definito entro 30 giorni dalla stipula del contratto stesso. 37

38 SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO DI ALTA E FORMAZIONE E DI RICERCA I percorsi di apprendistato di alta formazione e ricerca per giovani fino a 29 anni permettono il conseguimento di Laurea triennale, Laurea magistrale, Master di I e II livello, Dottorati di Ricerca e hanno una durata che oscilla dai 24 ai 48 mesi. L articolazione e le modalità di erogazione del percorso formativo devono essere definite nei Piani Formativi Individuali, in condivisione con le singole Università abruzzesi. 38

39 I BENEFICI CONTRIBUTIVI (art 7 c. 9 T.U.) (art. 22 c. 1 L. 183/2011) Per i contratti di apprendistato stipulati a partire dal 1 gennaio 2012 ed entro il 31 dicembre 2016 è riconosciuto uno sgravio contributivo del 100% ai datori di lavoro, con un organico pari od inferiore alle 9 unità al momento dell assunzione, per i primi 3 anni di contratto. Resta fermo il contributo a carico dell apprendista pari al 5,84%. 39

40 Per i periodi contributivi maturati negli anni di contratto successivi al terzo è confermata l aliquota del 10%. Tale regime agevolativo non si applica ai lavoratori in mobilità. 40

41 ULTIME NOVITA SULL APPRENDISTATO 41

42 LA RIFORMA FORNERO La legge 92/2012, nota come riforma Fornero, è intervenuta anche sulla disciplina del contratto di apprendistato incidendo su alcuni aspetti. I. La durata minima del contratto di apprendistato è stabilita in 6 mesi, ad esclusione delle attività lavorative prestate in cicli stagionali (lett. a-bis art. 2 d.lgs 167/2011) II. Durante il periodo di preavviso successivo al recesso datoriale intimato al termine del periodo formativo, continua a trovare applicazione la disciplina del contratto di apprendistato (lett.m art.2 c.1 Tu) 42

43 III. Dal 1/1/2013 il rapporto tra apprendisti e maestranze specializzate e qualificate in servizio non può superare la quota di 3 a 2. Restano fermi il rapporto del 100% per i datori di lavoro con meno di 10 lavoratori, il limite di 3 apprendisti per i datori che hanno da 0 a 3 dipendenti qualificati e i limiti numerici per le imprese artigiane (art. 4 L. 443/1985) IV. Per i datori di lavoro con almeno 10 unità, l assunzione di apprendisti è subordinata alla condizione che, nei 36 mesi precedenti la nuova assunzione, almeno il 50% degli apprendisti abbia proseguito il rapporto di lavoro al termine del periodo formativo. Per i primi 36 mesi dall entrata in vigore della l. 92/2012 (e quindi fino al 17 luglio 2015), la percentuale è determinata in misura pari al 30% (c. 3 bis art. 2 TU clausola di stabilizzazione) 43

44 V. I contributi a carico del datore di lavoro per l apprendistato sono incrementati del contributo ordinario per l Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) pari all 1,31% della retribuzione imponibile, maggiorato del contributo dello 0,30% per il Finanziamento dei Fondi interprofessionali per la formazione continua ex art. 118 l. 338/2000. VI. Divieto di assumere apprendisti in somministrazione con contratto a tempo determinato. 44

45 DECRETO LAVORO L art. 2 c. 2 del D.L. n. 76/2013 ha demandato alla Conferenza permanente Stato-Regioni-Province autonome, l adozione, entro il 30 settembre 2013, di linee guida per disciplinare il contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere, in vista anche di una maggior uniformità dell offerta formativa pubblica di cui all art. 4. del Testo Unico. Le linee guida prevedono che: il piano formativo individuale sia obbligatorio solo in relazione alle competenze tecnicoprofessionali e specialistiche 45

46 la registrazione della formazione e della qualifica acquisita sia effettuata in un documento avente i contenuti minimi del modello di libretto formativo del cittadino di cui al D.M. 10 ottobre 2005, con riferimento alla tabella delle competenze acquisite in percorsi di apprendimento in caso di imprese multi localizzate, la formazione avvenga nel rispetto della disciplina della Regione ove l impresa ha la sede legale N.B. A partire dal 1 ottobre 2013, nelle Regioni prive di linee guida, gli elementi illustrati sono direttamente applicati nelle assunzioni con contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere 46

47 ART. 1 D.L. 76/2013 Questo articolo ha previsto, un incentivo economico della durata di 18 mesi e pari a un terzo della retribuzione lorda ai fini previdenziali, nella misura massima mensile di 650 euro, per l assunzione a tempo indeterminato di giovani under30, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi o privi di diploma di scuola media superiore o professionale. Tale incentivo spetta anche per l assunzione degli apprendisti, poichè l art. 1 c. 1 del D.Lgs. 14 settembre 2011 n. 167 definisce l apprendistato come un contratto a t. indeterminato, ma nella misura massima della contribuzione dovuta dal datore di lavoro per il medesimo apprendista (c. INPS 131/2013) 47

48 ART. 9 C. 3 D.L. 76/2013 Successivamente al conseguimento della qualifica o diploma professionale ai sensi del d.lgs. 17 ottobre 2005 n. 226, allo scopo di conseguire la qualifica professionale ai fini contrattuali, è possibile la trasformazione del contratto in apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere; in tal caso la durata massima complessiva dei due periodi di apprendistato non può eccedere quella individuata dalla contrattazione collettiva di cui al presente decreto legislativo. 48

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CALABRIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CALABRIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA Delibera n. 268 del 29/07/2013 Recepimento delle Linee guida in materia di tirocini, approvate in Accordo

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Scheda di lettura del Capo V Apprendistato del decreto legislativo n. 81/15 recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni Premessa La parte relativa

Dettagli

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tappe delle novità introdotte in materia di tirocini Sul tema dei tirocini sono intervenuti recentemente, sia a livello nazionale che regionale, alcuni provvedimenti

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI 00179 Roma P.IVA 05009061002 Via Latina, 110 Fax. 06 78 08 383 Tel. 06 78 34 66 50 06 78 34 65 73 06 78 34 61

Dettagli

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di apprendistato: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore uno dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015, di seguito Decreto

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.65 del 30 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Contratto di apprendistato: con l approvazione del Jobs Act si applica anche ai disoccupati Gentile cliente, con la

Dettagli

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO:

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO: 1 Guida ALL APPRENDISTATO 2012 Il Testo Unico approvato dal Governo italiano con il Decreto Legislativo n. 167 del 14 settembre 2011 ed entrato effettivamente in vigore a partire dal 25 ottobre dello stesso

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini www.bollettinoadapt.it, 24 giugno 2013 Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 49 del 17 novembre 2011 Il nuovo Testo unico

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie Piemonte di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 25/2013 la deliberazione della Giunta regionale n. 74 5911 del 3 giugno

Dettagli

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Apprendistato: opportunità da non sottovalutare

Apprendistato: opportunità da non sottovalutare A cura del dottor Erminio Di Nora Apprendistato: opportunità da non sottovalutare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, dal 1 gennaio 2012 è stata modificata la misura dei contributi

Dettagli

L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi

L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi Decreto Poletti e Jobs Act Lucca, 11 luglio 2014 Cos è? Canale privilegiato di ingresso dei giovani nel mercato del lavoro finalizzato a formare

Dettagli

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI ARTT. 41 47 D.LGS 81/2015 L È UN CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALLA OCCUPAZIONE DEI GIOVANI. TRE TIPOLOGIE: A) PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE, IL

Dettagli

Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione

Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione Incontro informativo Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione Milano, 2 dicembre 2010 1 Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione

Dettagli

Capo V. Apprendistato. 1. L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani.

Capo V. Apprendistato. 1. L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. Art. 40. Sanzioni 1. La violazione degli obblighi e dei divieti di cui agli articoli 33, comma 1, nonché, per il solo utilizzatore, di cui agli articoli 31 e 32 e, per il solo somministratore, di cui all'articolo

Dettagli

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro INCENTIVI OCCUPAZIONALI - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro JOBS ACT Nuove assunzioni a tempo indeterminato con CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI: - sgravio contributivo

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO TRA. CAP Comune. Provincia.. Rappresentato da: nato/a il.

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO TRA. CAP Comune. Provincia.. Rappresentato da: nato/a il. Allegato C Convenzione stipulata in data..con protocollo CONVENZIONE DI TIROCINIO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO TRA SOGGETTO PROMOTORE. Indirizzo.. CAP Comune. Provincia.. Codice fiscale:. Partita

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato di alta formazione e ricerca è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011 1 Cos è l apprendistato? E un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE LIGURIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE LIGURIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA DGR n. 1052 DEL 05/08/2013 Disciplina regionale dei tirocini formativi e di orientamento, dei tirocini

Dettagli

L Apprendistato in Piemonte

L Apprendistato in Piemonte L Apprendistato in Piemonte Roberto Rinaldi Unione Industriale Torino Seminario formativo LA TRANSIZIONE SCUOLA-LAVORO Confindustria, 17 luglio 2012 1 APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE L APPRENDISTATO

Dettagli

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato L Apprendistato Breve guida sull apprendistato Aggiornata ai D.L. n. 69/2013 del 21.6.2013 e n. 76/2013 del 28.6.2013 Definizione Che cos è il contratto di apprendistato L apprendistato è un contratto

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI Informativa su DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi, in attuazione dell art. 35 della L.R. 30/2008

Dettagli

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche.

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. 1 CRISI LA NORMATIVA CONTRATTUALE NON CREA LAVORO MA LO PUÒ DISTRUGGERE

Dettagli

Il nuovo apprendistato nel Testo Unico 2011

Il nuovo apprendistato nel Testo Unico 2011 1/2 Il nuovo apprendistato nel Testo Unico 2011 Il nuovo apprendistato contenuto nel d.lgs. n. 167/2011, noto come Testo Unico dell'apprendistato, si articola su tre livelli: - l apprendistato per la qualifica

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 57 24.03.2014 Tirocini: chiarimenti sull obbligo assicurativo Dal 4 marzo 2014 bisogna tener conto del tasso di tariffa della

Dettagli

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Aggiornamenti Professionali Tirocini formativi: approvate le linee guida a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Cambiano le regole dei tirocini

Dettagli

GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015

GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015 GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015 Il contratto di apprendistato è un contratto che prevede un periodo di formazione iniziale al

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

1 di 10 25/06/2015 09:08

1 di 10 25/06/2015 09:08 1 di 10 25/06/2015 09:08 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

f)tirocini formativi e di orientamento

f)tirocini formativi e di orientamento Tirocini Formativi f)tirocini formativi e di orientamento DEFINIZIONE è una misura di politica attiva finalizzata al contatto diretto tra azienda e tirocinante, con lo scopo di acquisire conoscenze e competenze

Dettagli

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione.

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 109 suppl. del 07-08-2013 9 LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e all inserimento nel mercato

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle norme

Dettagli

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 In appendice al Convegno: Jobs Act del 4 marzo 2015 Gli incentivi alle assunzioni» INCENTIVO: Esonero Triennale

Dettagli

yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti

yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti 2013 yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti Forma.Lab, società di consulenza e formazione, specializzata in materia di apprendistato, organizza i corsi per l acquisizione di competenze di base e trasversali

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA L Università di Siena, con sede legale in Siena, Via Banchi di Sotto,55, codice fiscale n. 80002070524,

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Prospetto approvato dal Tavolo Tecnico Sicurezza (ASL DTL INAIL - OOSS) nella seduta del 23 gennaio 2014

Prospetto approvato dal Tavolo Tecnico Sicurezza (ASL DTL INAIL - OOSS) nella seduta del 23 gennaio 2014 Prospetto approvato dal Tavolo Tecnico Sicurezza (ASL DTL INAIL - OOSS) nella seduta del 23 gennaio 2014 Legge regionale 315320 marzo 2012 INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI (all. delibera) L istituto

Dettagli

Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015. di Regione Lombardia

Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015. di Regione Lombardia Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015 di Regione Lombardia CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE 2012/2013 AVVISO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO ALL INTERNO DI STRUTTURE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO ALL INTERNO DI STRUTTURE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO ALL INTERNO DI STRUTTURE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Per favorire lo svolgimento di attività professionalizzanti

Dettagli

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !"! # #$ % &! * +"!#,!! -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! *!,!0-!

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6  (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !! # #$ % &! * +!#,!! -!-!*!% -,!,!,! !.!&/#!#++ ! *!,!0-! !"! # #$ % %$ %%&& # ' #&$&$'* &$& &! * +"!#,!! $ &% #' $ ( %)% ## (%( # # $ &'$ -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#!!( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! *!,!0-! 2-",3-"

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012 L apprendistato Prof. Avv. Angelo Pandolfo Milano, ottobre 2012 Definizione Natura del contratto contratto di lavoro a tempo indeterminato contratto con contenuto formativo e di apprendimento volto all

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 DEL 21/01/10 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2009, n. 100-12934 LR 34/08 artt.38-41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di

Dettagli

ADOTTA UN APPRENDISTA!

ADOTTA UN APPRENDISTA! ADOTTA UN APPRENDISTA! Una guida sull Apprendistato, le tipologie e gli attori Regione Lombardia è da sempre attenta alle sfide che le giovani generazioni devono affrontare nei loro percorsi di vita professionale.

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 SEZIONE LAVORO 1) INCENTIVO GIOVANI 18-29 ANNI Incentivo per i datori di lavoro che assumono tramite contratto a tempo indeterminato, lavoratori

Dettagli

Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali. UST CISL Torino e Canavese

Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali. UST CISL Torino e Canavese Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali 1 Dove si cerca lavoro? Centri per l Impiego Agenzie per il Lavoro Sportelli per il Lavoro Conoscenza (l 80% degli avviamenti al lavoro avvengono tramite

Dettagli

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013 Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013 1. Oggetto, ambito di applicazione e definizioni 2. Soggetti 2.1 Soggetti Promotori 2.2 Soggetti Ospitanti 2.3

Dettagli

10 Umberto Buratti, Francesca Fazio, Michele Tiraboschi. Inserimento/reinserimento al lavoro: inoccupati, disoccupati o in mobilità

10 Umberto Buratti, Francesca Fazio, Michele Tiraboschi. Inserimento/reinserimento al lavoro: inoccupati, disoccupati o in mobilità 10 Umberto Buratti, Francesca Fazio, Michele Tiraboschi Tabella 1 Tipologie e durate Regioni/Provin ce autonome Tipologie regolate Durata massima (proroghe comprese) Durata minima Abruzzo Formativi e di

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Regione Autonoma Valle d Aosta

Regione Autonoma Valle d Aosta Allegato alla deliberazione della Giunta regionale Regione Autonoma Valle d Aosta Disciplina in materia di tirocini 1 SEZIONE A Art. 1 Finalità, tipologie e destinatari 1. Con il presente provvedimento,

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I TIROCINI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I TIROCINI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I TIROCINI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 TIPOLOGIE E REQUISITI DI ACCESSO... 4 LA DURATA... 5 SOGGETTI

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI. - università e istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici;

TIROCINI FORMATIVI. - università e istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici; TIROCINI FORMATIVI 1. Nozione I tirocini formativi, anche detti stages, costituiscono una forma d'inserimento temporaneo dei giovani all'interno dell'azienda, al fine di realizzare momenti di alternanza

Dettagli

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Profilo Amministrativo: L attivazione di un percorso di tirocinio prevede la presenza fondamentale di tre soggetti: 1) Tirocinante; 2) Soggetto Promotore (soggetto terzo

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 13 marzo 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO

IL NUOVO APPRENDISTATO IL NUOVO APPRENDISTATO 1 MODULO 4 Disciplina del rapporto di lavoro APPRENDISTATO: Formazione di base e trasversale COME FUNZIONA http://www.nuovoapprendistato.gov.it/opencms/opencms/isfol-it/ 2 COME FUNZIONA

Dettagli

L assessore alle attività produttive, energia e politiche del lavoro, Pierluigi Marquis, richiama:

L assessore alle attività produttive, energia e politiche del lavoro, Pierluigi Marquis, richiama: L assessore alle attività produttive, energia e politiche del lavoro, Pierluigi Marquis, richiama: la legge 28 giugno 2012, n. 92 (Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva

Dettagli

Camera dei deputati. Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori

Camera dei deputati. Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori Servizio studi Dipartimenti Lavoro e Finanze 17 Giugno 2014 1 AGEVOLAZIONI

Dettagli

La regolamentazione dell'apprendistato nella Regione Marche

La regolamentazione dell'apprendistato nella Regione Marche www.fareapprendistato.it, 19 settembre 2014 La regolamentazione dell'apprendistato nella Regione Marche Tag: #apprendistato #RegioneMarche #Giovani A seguito dell'entrata in vigore delle nuove disposizioni

Dettagli

Risposta al foglio del. Oggetto: L.R. n.3/12 e relativo regolamento di attuazione. Tirocini non curriculari. Aspetti operativi.

Risposta al foglio del. Oggetto: L.R. n.3/12 e relativo regolamento di attuazione. Tirocini non curriculari. Aspetti operativi. DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE SETTORE FORMAZIONE E ORIENTAMENTO Prot. n. da citare nella risposta Allegati Data Risposta al foglio del numero Oggetto:

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CAMPANIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CAMPANIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA DGR n. 243 del 22/07/2013 - Modifiche al regolamento regionale 2 aprile 2010, n. 9 -regolamento di attuazione

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani, pertanto la formazione

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO FAQ

TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO FAQ TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO FAQ 1. È possibile attivare tirocini formativi in favore di disoccupati/inoccupati stranieri richiedenti asilo o titolari di protezione internazionale (sussidiaria,

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani Palermo lì 1 LE RAGIONI DEL PIANO I numeri ² la Sicilia è oggi la regione

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca

Apprendistato di alta formazione e ricerca Apprendistato di alta formazione e ricerca Irene Crimaldi IMT Istituto Alti Studi Lucca Irene Crimaldi (IMT Lucca) Apprendistato di alta formazione e ricerca 24/01/2014 1 / 17 Finalità - Promuovere la

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Il Dottorato industriale

Il Dottorato industriale Il Dottorato industriale Milano, 16 aprile 2014 Il quadro normativo Decreto ministeriale 8 febbraio 2013, n. 45, che disciplina: a) le modalità di accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato b)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento disciplinante la procedura di attivazione dei tirocini e stage (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 14 marzo 2007) (Approvato dal Consiglio di

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2011, n. 167. Testo unico dell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n.

DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2011, n. 167. Testo unico dell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2011, n. 167 Testo unico dell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. 247 con le modifiche apportate: Legge 28 giugno 2012 n.

Dettagli

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte.

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte. Nota informativa Negri-Clementi Studio Legale Associato Milano, 20 settembre 2013 LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO LAVORO Il D.L. 28 giugno 2013 n. 76 (c.d. Decreto lavoro ) recante Primi interventi urgenti

Dettagli

TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA

TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA TIROCINIO: informazioni locali Sommario 1. CHE COS'É 2. TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA 3. SOGGETTI AMMISSIBILI ALLO SVOLGIMENTO DI TIROCINI NON CURRICOLARI 4. SOGGETTI PROMOTORI 5. SOGGETTI OSPITANTI

Dettagli

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL Visto il D.Lgs.14 settembre 2011, n. 167 Testo unico ell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. 247 le parti concordano che la normativa presente nel ccnl firmato

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO EXTRACURRICULARI IN REGIONE CAMPANIA TRA

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO EXTRACURRICULARI IN REGIONE CAMPANIA TRA CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO EXTRACURRICULARI IN REGIONE CAMPANIA TRA il Prof. Filippo de Rossi nato a Napoli il 11/07/1955, il quale interviene al presente atto

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO NUOVA DISCIPLINA DEI TIROCINI DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto 25 Settembre 2013 La nuova disciplina dei

Dettagli

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Roma, Dicembre 2006 CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Premessa. Le parti stipulanti si danno reciprocamente atto che la seguente

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167 PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167 Tra LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO e LE ASSOCIAZIONI DEI

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA PROGRAMMA SPERIMENTALE PER L ACQUISIZIONE DELLA LAUREA TRIENNALE E MAGISTRALE IN APPRENDISTATO Milano, 15 dicembre 2011 ACCORDO DI COLLABORAZIONE FRA REGIONE

Dettagli