BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 11 ottobre 2018 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 11 ottobre 2018 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI"

Transcript

1 Anno XLVIII 258 Iscritto nel registro Stmp del Tribunle di Milno (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietrio: Giunt Regionle dell Lombrdi Direzione e red: p.zz Città di Lombrdi, Milno Direttore resp.: Fbrizio De Vecchi Web Hosting: Lombrdi Informtic S.p.. - Red: tel. 02/6765 int ; e-mil: 41 Serie Ordinri - Giovedì 11 ottobre 2018 BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Deliber Giunt regionle 1 ottobre n. XI/574 Vrizioni l bilncio di previsione Prelievo dl fondo rischi contenzioso legle (rt. 1, c. 4, l.r. 23/2013) 4 provvedimento Deliber Giunt regionle 8 ottobre n. XI/616 Assegn di un contributo strordinrio nell mbito dell denomint «Form insegnnti gener web Lombrdi per gli nni scolstici 2017/2018 e 2018/2019» Deliber Giunt regionle 8 ottobre n. XI/618 Deliber di Giunt regionle 28 luglio 2000, n. 7/601 «Approv del pino territorile di coordinmento del Prco dell Vlle del Lmbro». Modific del perimetro in comune di Besn Brinz, in esecuzione ll sentenz del tribunle mministrt regionle per l Lombrdi di Milno Sez. I n del 12 novembre D) ATTI DIRIGENZIALI Giunt regionle D.G. Sviluppo economico Decreto dirigente unità orgnizztiv 4 ottobre n IT16RFOP012. Concessione gevolzioni bndo AL VIA - gevolzioni lombrde per l vlorizz degli investimenti ziendli (d.d.u.o del 31 mggio 2017) POR FESR , sse prioritrio III - III.3.C provvedimento Decreto dirigente unità orgnizztiv 4 ottobre n IT16RFOP012 - Concessione controgrnzie i destintri finli (i del decreto n del 21 giugno 2016) reltivmente l flusso informt dei mesi di gosto e settembre 2018 del terzo periodo di riferimento e revoc dell concessione ll A.C.Crem 1908 A.S.D., mmess con decreto n del 9 mrzo E) PROVVEDIMENTI DELLO STATO Struttur Commissrile per gli interventi urgenti in fvore delle popolzioni colpite dgli eventi sismici che hnno interessto il territori province di Mntov e Cremon il 20 e il 29 mggio 2012( decreto legge 6 giugno 2012, n. 74, come convertito in legge 1 gosto 2012, n. 122) - Decreto n. 177 Del 8 ottobre 2018 Contributi per interventi di migliormento sismico, nche con rimozione delle crenze strutturli, finlizzti ll prosecuzione delle delle imprese insedite nei territori colpiti dgli eventi sismici del 20 e 29 mggio 2012 terzo provvedimento ordinnze commissrili nn.227 e 280 erog del contributo sldo di complessivi ,21 in fvore dell società sn Mrco s.r.l. di Quistello (MN) Commissrio Delegto per gli interventi urgenti in fvore delle popolzioni colpite dgli eventi sismici che hnno interessto il territori province di Mntov e Cremon il 20 e il 29 mggio (decreto legge 6 giugno 2012, n. 74, come convertito in legge 1 gosto 2012 n. 122) - Ordinnz n. 425 del 9 ottobre 2018 Ordinnz del presidente dell Regione Lombrdi in qulità di commissrio delegto per l emergenz sism del 20 e 29 mggio 2012 (decreto legge 6 giugno 2012 n. 74 convertito in legge n. 122 del 1 gosto 2012) n. 13 del 20 febbrio 2013 e s.m.i. Rettific przile per mero errore mterile dell llegto A ll ordinnz n. 423 del 28 settembre 2018 e pres d tto di economie sul finmento già concesso del settore gricoltur e groindustri, provvedimento n Commissrio Delegto per gli interventi urgenti in fvore delle popolzioni colpite dgli eventi sismici che hnno interessto il territori province di Mntov e Cremon il 20 e il 29 mggio (decreto legge 6 giugno 2012, n. 74, come convertito in legge 1 gosto 2012 n. 122) - Ordinnz n. 426 del 9 ottobre 2018 Ordinnz del presidente dell Regione Lombrdi in qulità di commissrio delegto per l emergenz sism del 20 e 29 mggio 2012 (decreto legge 6 giugno 2012 n. 74 convertito in legge n. 122 del 1 gosto 2012) n. 13 del 20 febbrio 2013 e s.m.i. Ridetermin del contributo d un (rif. istnz id ) del settore gricoltur e groindustri per riconoscimento dell IVA non recuperbile, provvedimento n Commissrio Delegto per gli interventi urgenti in fvore delle popolzioni colpite dgli eventi sismici che hnno interessto il territori province di Mntov e Cremon il 20 e il 29 mggio (decreto legge 6 giugno 2012, n. 74, come convertito in legge 1 gosto n. 122) - Ordinnz n. 427 del 9 ottobre 2018 Disposizioni ttutive urgenti completment erogzioni su conti correnti vincolti di contributi finlizzti ll ricostruzione privt ssoggettti lle notifiche iuti di stto settore gricoltur e groindustri terzo provvedimento 247

2 2 Bollettino Ufficile C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI D.g.r. 1 ottobre n. XI/574 Vrizioni l bilncio di previsione Prelievo dl fondo rischi contenzioso legle (rt. 1, c. 4, l.r. 23/2013) 4 provvedimento LA GIUNTA REGIONALE Visto l rticolo 57 dello Sttuto; Visto il d.lgs 118/2011 come integrto e corretto dl d.lgs 10 gosto 2014, n. 126 «Disposizioni integrtive e correttive del d.lgs118/2011 recnte disposizioni in mteri di rmonizz dei sistemi contbili e degli schemi di bilnci Regioni, degli enti locli e dei loro orgnismi, norm degli rticoli 1 e 2 dell l. 42/2009»; Visti l rt. 2 dell legge regionle 17 dicembre 2012, n. 18 (finri 2013), che h istituito il collegio dei revisori e il regolmento regionle 10 giugno 2013 n. 1 di ttu 2, comm 5 dell legge regionle; Richimto il punto 5.2, lett. h) del principio contbile pplicto concernente l contbilità finri, llegto l D.lgs. 118/2011, che disciplin il cso in cui un ente, seguito di contenzioso nel qule h significtive probbilità di soccombere o di sentenz non definitiv e non esecutiv, si in ttes degli esiti del giudizio, prevedendo l obbligo di: ccntonre le risorse necessrie pgmento degli oneri previsti dll sentenz, trmite istituzione di pposito fondo rischi; determinre, in fse di prim pplic del principio, l ccntonmento del fondo rischi spese legli sull bse di un ricognizione del contenzioso esistente crico dell ente formtosi negli esercizi precedenti, riprtibile tr gli esercizi del bilncio di previsione; ggiornre il fondo nel primo esercizio considerto nel bilncio di previsione per tener conto del nuovo contenzioso formtosi nel corso dell esercizio precedente; Considerto che l rt. 1, c. 4 dell legge regionle 24 dicembre 2013, n. 23 «Bilncio di previsione per l esercizio finrio 2014 e bilncio pluriennle 2014/2016 legisl vigente», in pplic del principio 5.2, lett. h) h istituito ll missione 20 «Fondi e ccntonmenti» - progrmm «Altri fondi» il Fondo Rischi Contenzioso legle - Prte corrente» e il «Fondo Rischi Contenzioso legle - Prte cpitle» per l ccntonment risorse necessrie ll copertur del rischio di mggiori spese legte l contenzioso in ttes degli esiti del giudizio; Vist l not prot. A del 10/9/18 con l qule l Are Orgnizz, Personle, Ptrimonio e Sistem informt chiede di procedere l prelievo dl fondo rischi contenzioso legle quot corrente, come d llegto A, prte integrnte e sostle del presente provvedimento, di ,00 l fine di poter procedere ll liquid sul cpitolo Oneri derivnti d procedure di concili nelle controversie di lvoro di qunto dovuto dipendenti regionli seguito dell sentenz dell Corte d Appello di Bresci- Sez. Lvoro n. 25 del 5 febbrio 2009 e dell sentenz del Tribunle di Bresci- Sez. Lvoro n. 320 del 27 mrzo 2009 su cuse civili promosse contro l Amministr; Preso tto che con not prot. A del 14/9/18 l UO Avvoctur, Affri europei e Supporto giuridico h utorizzto il prelievo dell somm richiest, in qunto ccntont l fondo rischi contenzioso; Vlutto, inoltre, opportuno integrre l descrizione del cpitolo l fine di ricomprendere nche gli oneri derivnti dll soccombenz dell Amministr nei giudizi del lvoro e nei giudizi mministrtivi, come d llegto B, prte integrnte e sostle de presente provvedimento; Vist l legge regionle del 28 dicembre 2017, n. 43 «Bilncio di previsione »; Vist l legge regionle del 10 gosto 2018, n. 12 «Assestmento l bilncio 2018/2020 con modifiche di leggi regionli «; Vist l d.g.r. 486 del 2/8/18 «Integr documento tecnico di ccompgnmento l bilncio di previsione pprovto con d.g.r. n. x/7650 del 28 dicembre 2017 e ggiornmento del pino studi e ricerche , dei progrmmi pluriennli delle degli enti e delle società in house e dei prospetti consolidmento dei conti del bilncio regionle e degli enti dipendenti - seguito dell l.c.r. n. 4 del 31 luglio 2018 Assestmento l bilncio con modifiche di leggi regionli»; Visto il decreto del Segretrio generle n del 6/8/18 «Integr l bilncio finrio gestionle seguito dell pprov dell l.c.r. n. 4 del 31 luglio 2018 Assestmento l bilncio con modifiche di leggi regionli»; Richimt l legge regionle 10 gosto 2018, n. 11 «Rendiconto generle dell gestione 2017»; Preso tto che l rt. 5 dell l.r. 19/14, in un ottic di semplific, h previsto, ove possibile, l rrotondmento degli importi dovuti dll Regione; Visti ltresì gli stti di previsione delle entrte e delle spese del bilncio regionle per l esercizio finrio 2018 e successivi; Verificto d prte del Dirigente dell Struttur Bilncio l regolrità dell istruttori e dell propost di deliber si sotto il profilo tecnico che di legittimità; Vglite ed ssunte come proprie le predette vlutzioni e considerzioni; Ad unnimità dei voti espressi nelle forme di legge; DELIBERA 1. di pportre l bilncio per gli esercizi finri e l documento tecnico di ccompgnmento le vrizioni indicte gli llegti A e B dell presente deliber di cui costituiscono prte integrnte e sostle; 2. di trsmettere l presente deliber l Collegio dei revisori dei conti i e nei termini previsti dll rt. 3, comm 7 del regolmento 10 giugno 2013 n. 1 di ttu dell rticolo 2, comm 5 dell lr 17 dicembre 2012 n. 18 (finri 2013); 3. di trsmettere l presente deliber l Consiglio Regionle i e nei termini stbiliti dll ordinmento contbile regionle; 4. di disporre l pubblic dell presente deliber sul Bollettino Ufficile dell Regione Lombrdi, i dll ordinmento contbile regionle. II segretrio: Fbrizio De Vecchi

3 Bollettino Ufficile 3 ALLEGATO A Stto di previsione delle spese: Altri fondi 110 Altre spese correnti FONDO RISCHI CONTENZIOSO LEGALE - PARTE RENTE Competenz Css Competenz Competenz ,00 0,00 0,00 0, Risorse umni 110 Altre spese correnti 4965 ONERI DERIVANTI DA PROCEDURE DI CONCILIAZIONE NELLE CONTROVERSIE DI LAVORO Competenz Css Competenz Competenz , ,00 0,00 0,00 VARIAZIONI DEL FONDO CASSA Fondo di riserv 110 Altre spese correnti 736 FONDO DI RISERVA DEL BILANCIO DI CASSA Competenz Css Competenz Competenz 0, ,00 0,00 0,00

4 4 Bollettino Ufficile ALLEGATO B CAPITOLI DI SPESA PRECEDENTE DESCRIZIONE ONERI DERIVANTI DA PROCEDURE DI CONCILIAZIONE NELLE CONTROVERSIE DI LAVORO NUOVA DESCRIZIONE ONERI DERIVANTI DA PROCEDURE DI CONCILIAZIONE E DA PROVVEDIMENTI GIUDIZIALI NELLE CONTROVERSIE DI LAVORO

5 Bollettino Ufficile 5 D.g.r. 8 ottobre n. XI/616 Assegn di un contributo strordinrio nell mbito dell denomint «Form insegnnti gener web Lombrdi per gli nni scolstici 2017/2018 e 2018/2019» LA GIUNTA REGIONALE Visto il decreto legislt 7 mrzo 2005, n. 82, denominto «dell mministr digitle» e successive modifiche e integrzioni; Viste: l legge 13 luglio 2015, n. 107 «Riform del sistem nzionle di istruzione e form e deleg riordino delle disposizioni legisltive vigenti» (L Buon Scuol) che individu tr le priorità di intervento il migliormento dell offert formtiv ttrverso l innov digitle; il Pino Nzionle Scuol Digitle (di seguito PNSD), previsto i commi dell legge 107 del 13 luglio 2015, dottto con d.m 851 del 27 ottobre 2015; Vist l l.r. 6 gosto 2007, n. 19 «Norme sul sistem educt di istruzione e form dell Regione Lombrdi», modifict e integrt dll l.r. 5 ottobre 2015, n. 30 «Qulità, innov ed internzionlizz nei sistemi di istruzione, form e lvoro in Lombrdi» e, in prticolre: l rt. 11, comm 1, lett. ), il qule dispone che il sistem di istruzione e form professionle si rticol, tr l ltro, in percorsi di secondo ciclo, per l ssolvimento del diritto-dovere e dell obbligo di istruzione, di durt triennle, cui consegue un qulific di II livello europeo; l rt. 14, commi 1 e 2, i quli prevedono che il diritto-dovere ll istruzione e ll form è ssicurto nche medinte l frequenz di percorsi di istruzione e form professionle di secondo ciclo e che l obbligo di istruzione, nel rispett norme e delle leggi nzionli, è ssolto nche ttrverso l frequenz dei primi due nni dei percorsi di istruzione e form professionle di secondo ciclo; l rt. 25 che individu, quli soggetti bilitti ll erog dei percorsi di istruzione e form professionle di secondo ciclo, le istituzioni formtive, tr cui sono inclusi gli opertori ccreditti, iscritti ll Sezione «A» dell Albo regionle per l erog dei servizi generli di istruzione e form professionle; l rt. 29, il qule prevede che l Regione vlorizzi l innov didttic e tecnologic per l qulific del sistem di istruzione e form, nonché l promozione e l vlorizz di progetti di ricerc didttic e di innov pedgogic; Richimti gli tti di progrmm strtegic regionle e, in prticolre, il Progrmm Regionle di Sviluppo (PRS) dell XI legisltur, di cui ll d.c.r. n. XI/64 del 10 luglio 2018, che prevede l promozione dell innov didttic ttrverso l form ll utilizz nuove tecnologie digitli, oltre che medinte zioni che fvoriscno l crescit delle competenze digitli tr gli studenti, l relizz di infrstrutture digitli e l cquisizione di strumenti digitli nelle istituzioni scolstiche e formtive lombrde; Dto tto che prtire dll.s. 2012/2013 è stto vvito dll Regione un percorso comune con il Ministero dell Istruzione, dell Università e dell Ricerc per l ttu e l implement nel territorio lombrdo del «Pino Nzionle Scuol Digitle,» medinte l relizz di zioni volte ll innov tecnologic e digitle negli mbienti scolstici; Richimti l Accordo negozile tr Regione Lombrdi e Ministero dell Istruzione, dell Università e dell Ricerc - pprovto in schem con d.g.r. n. IX/3296 del 18 prile e l successiv Intes siglt in sede di Conferenz Stto-Regioni in dt 25 luglio 2012, in virtù dei quli è stt promoss negli nni scolstici 2012/2013 e 2013/2014 l denomint «Gener Web Lombrdi», volt ll diffusione nelle istituzioni scolstiche e formtive di zioni di innov tecnologic nell didttic; Evidenzito che l sopr richimt inizitiv h grntito 689 istituzioni scolstiche e formtive un sostegno finrio per l cquisto di strument informtic e dispositivi digitli destinti l lvoro e di gruppo degli studenti, nonché riservto ulteriori contributi titolo di premilità fvore delle migliori inizitive progettuli relizzte; Richimte le d.g.r. n. 558/2013, n. 25/2014, n. 3116/2015, n. 5415/2016 medinte le quli è stt promoss con successo l «Form insegnnti Gener Web Lombrdi», finlizzt d implementre le competenze del personle docente delle istituzioni scolstiche e formtive per stimolre un utilizzo sempre più efficce e diffus strumentzioni e delle tecnologie digitli nell quotidin didttic; Richimt l d.g.r. n. 6643/2017 con l qule sono stte pprovte le linee guid per l denomint «Form insegnnti Gener Web Lombrdi per gli nni scolstici 2017/2018 e 2018/2019» sostegn politiche integrte di innov tecnologic nell didttic; Dto tto che: con d.d.s. n del 15 novembre 2017 è stt pprovt l grdutori dei progetti presentti vlere sull vviso pubblico per l «Form insegnnti Gener Web Lombrdi per l nno scolstico 2017/2018», con il qule sono stti mmessi finmento 29 progetti formtivi presentti d reti di istituzioni scolstiche e formtive; con d.d.s. n del 13 settembre 2018 è stt pprovt l grdutori dei progetti presentti vlere sull vviso pubblico per l «Form insegnnti Gener Web Lombrdi per l nno scolstico 2018/2019», con il qule sono stti mmessi finmento 26 progetti formtivi presentti d reti di istituzioni scolstiche e formtive; Considerto che l innov digitle e le competenze digitli sono d considerrsi elementi prioritri migliormento dell offert formtiv destint gli insegnnti, m che occorre nche relizzre mbienti di pprendimento nuovi ed innovtivi, in cui il concetto trdizionle di clsse e di gestione degli spzi e dei modi di insegnmento risulti rricchito d nuove dotzioni tecnologiche e dll uso di contenuti digitli innovtivi; Ritenuto opportuno: vlorizzre i risultti ottenuti con le formtive erogte fvore dei docenti del sistem educt lombrdo nell mbit inizitive poco sopr richimte, sostenendo un concret speriment delle novità metodologiche e l utilizz tecnologie più vnzte dell didttic; tl fine, ssegnre lle reti di istituzioni scolstiche e formtive precedentemente selezionte un contributo strordinrio che consent loro l cquisto di strumenti e tecnologie digitli d impiegre per lo svolgiment didttiche nell mbito del sistem di istruzione e form; Ritenuto, pertnto, di: mettere disposizione per l relizz di tle inizitiv risorse complessive pri euro ,00, vlere sui cpitoli del bilncio regionle esercizio finrio 2018; ssegnre i soggetti cpofil delle reti di istituzioni scolstiche e formtive selezionte nell mbito dell «Form insegnnti Gener Web Lombrdi sostegn politiche integrte di innov tecnologic nell didttic» reltiv gli nni scolstici 2017/2018 e 2018/2019, un contributo strordinrio del vlore nominle di euro 3.975,00, secondo qunto previsto dll llegto «A», prte integrnte e sostle dell presente deliber; Rilevto che i beneficiri finli dell misur sono gli studenti lombrdi e che i fondi sono trsferiti l sistem scolstico regionle rppresentto d istituzioni scolstiche e formtive per l relizz di didttiche in line con le finlità dell l.r. 6 gosto 2007, n. 19 e ss.mm.ii. e in continuità con precedenti zioni mministrtive di cui lle d.g.r. n. 558/2013, n. 25/2014, n. 3116/2015, n. 5415/2016 e n. 6643/2017; Vist l Comunic n. 2016/C 262/01 dell Commissione sull nozione di iuti di stto di cui ll rticolo 107, prgrfo 1, del trttto sul funzionmento dell Unione Europe; Stbilito che l inizitiv in rgomento, reltiv ll innlzmento del livello di innov e digitlizz delle didttiche erogte fvore degli studenti lombrdi, non rilev i fini dell disciplin iuti in qunto si trtt del finmento e del o di specifiche di form, come stbilito e definito nell richimt l.r. 19/2007 e ss.mm.ii., e che tli non presentno crttere economico, ll luce dei principi esposti nel prgrfo 2.5 «Istruzione e di ricerc», punti 28 e 29 dell richimt Comunic n. 2016/C 262/01; Ritenuto ltresì di demndre successivi provvedimenti del competente dirigente dell Direzione Generle Istruzione, For-

6 6 Bollettino Ufficile m e Lvoro lo svolgimento di tutte le necessrie per l ttu dell presente deliber; A voti unnimi espressi nelle forme di legge; DELIBERA 1. di ssegnre lle reti di istituzioni scolstiche e formtive selezionte nell mbito dell «Form insegnnti Gener Web Lombrdi sostegn politiche integrte di innov tecnologic nell didttic» reltiv gli nni scolstici 2017/2018 e 2018/2019, un contributo strordinrio del vlore unitrio di euro 3.975,00, secondo qunto previsto dll llegto «A», prte integrnte e sostle dell presente deliber; 2. di stbilire che tli risorse potrnno essere utilizzte dlle reti per l cquisto di strumenti e tecnologie digitli d impiegre per lo svolgiment didttiche nell mbito del sistem di istruzione e form; 3. di mettere disposizione per l relizz di tle inizitiv risorse complessive pri euro ,00, vlere sui cpitoli del bilncio regionle esercizio finrio 2018; 4. di demndre successivi provvedimenti del competente dirigente dell Direzione Generle Istruzione, Form e Lvoro lo svolgimento di tutte le necessrie per l ttu dell presente deliber; 5. di disporre l pubblic del presente tto sul BURL di Regione Lombrdi e portle web di Regione Lombrdi l seguente indirizzo: 6. di demndre ll Direzione Generle Istruzione, Form e Lvoro l pubblic dell presente deliber, i degli rtt. 26 e 27 del d.lgs. n. 33/2013. II segretrio: Fbrizio De Vecchi

7 Bollettino Ufficile 7 Allegto A Obiettivi Nel solco dei risultti fino d or ottenuti con le sviluppte dl 2013 l 2017 e in ttu dell DGR n. X/6643 del 29/05/2017 Approv delle Linee Guid per l denomint Form Insegnnti Gener Web Lombrdi per gli nni scolstici 2017/2018 e 2018/2019 sostegn politiche integrte di innov tecnologic nell didttic, con l presente inizitiv Regione Lombrdi intende stimolre ulteriormente le istituzioni scolstiche e formtive del sistem educt lombrdo innovre il proprio pproccio e l metodologi didttic bitulmente impiegt. L obiett è sostenere concretmente l introduzione nelle scuole primrie e secondrie di quelle metodologie di pprendimento e di utilizz tecnologie più vnzte che il personle docente h sino d or potuto pprofondire grzie i momenti formtivi relizzti vlere sugli vvisi pubblici Form Insegnnti Gener Web Lombrdi.s. 2017/2018 e 2018/2019. Risorse ssegnte cpofil dell rete di prtenrito AGENZIA METROPOLITANA PER LA FORMAZIONE, L'ORIENTAMENTO E IL LAVORO 3.975,00 AGENZIA PER LA FORMAZIONE L'ORIENTAMENTO ED IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA 3.975,00 ASLAM COOPERATIVA SOCIALE 3.975,00 CALAM CENTRO ARTISTICO LODIGIANO ACCONCIATORI MISTI ED ESTETICA 3.975,00 CENTRO FORMATIVO PROVINCIALE GIUSEPPE ZANARDELLI 3.975,00 CENTRO PROVINCIALE ISTRUZIONE ADULTA "FABRIZIO DE ANDRÈ" 3.975,00 COMETA FORMAZIONE SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE IN SIGLA COMETA FORMAZIONE S.C.S ,00 ENGIM 3.975,00 FONDAZIONE AMBROSIANA PER LA CULTURA E L'EDUCAZIONE CATTOLICA - F A C E C 3.975,00 FONDAZIONE ET LABORA 3.975,00 FONDAZIONE FES ET RATIO 3.975,00 FONDAZIONE IKAROS 3.975,00 FONDAZIONE LE VELE 3.975,00 FONDAZIONE LUIGI CLERICI 3.975,00 FONDAZIONE MADDALENA DI CANOSSA 3.975,00 I.T.S.T. "A. GENTILESCHI" 3.975,00 IC. VARESE ,00 IKRISALE 3.975,00 IMIBERG - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE A R.L ,00

8 8 Bollettino Ufficile ISIS ANDREA PONTI 3.975,00 ISISS DAVERIO-CASULA 3.975,00 ISTITUTI EDMONDO DE AMICIS S.R.L ,00 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA ANNA BOTTO ISTITUTO COMPRENSIVO GIUSEPPE UNGARETTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CUNARDO 3.975, , ,00 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. BEVILACQUA - CAZZAGO SAN MARTINO (BS) 3.975,00 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "G. TORNO" 3.975,00 ISTITUTO EUROPEO MARCELLO CANDIA SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE PER AZIONI 3.975,00 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO - LICEO LINGUISTICO "GADDA - ROSSELLI" 3.975,00 ITI L. DA VINCI 3.975,00 ITIS P. PALEOCAPA 3.975,00 LICEO ARTISTICO STATALE AMEDEO MODIGLIANI LICEO SCIENTIFICO STATALE ANTONIO BANFI 3.975, ,00 LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS 3.975,00 MIIC IC CARDARELLI MASSAUA 3.975,00 O.D.P.F. OPERA DIOCESANA PRESERVAZIONE DELLA FEDE 3.975,00 SCUOLA BOTTEGA ARTIGIANI - IMPRESA SOCIALE S.R.L ,00 Condizioni di utilizzo Il contributo strordinrio ssegnto lle reti sopr indicte, trmite del soggetto cpofil, potrà essere destinto ll cquisto di strumenti e tecnologie digitli d impiegre esclusivmente per lo svolgiment didttiche nell mbito del sistem di istruzione e form. L erog del contributo vverrà fronte dell present di idonee ftture quietnzte, sino concorrenz dell importo ssegnto. Le ftture dovrnno essere reltive spese sostenute nel periodo tr l dt di pubblic del presente provvedimento e il 31 mggio Con successivi tti dell Direzione Generle Istruzione, Form e Lvoro verrnno fornite i soggetti cpofil delle reti le indiczioni per l present delle spese sostenute.

9 Bollettino Ufficile 9 D.g.r. 8 ottobre n. XI/618 Deliber di Giunt regionle 28 luglio 2000, n. 7/601 «Approv del pino territorile di coordinmento del Prco dell Vlle del Lmbro». Modific del perimetro in comune di Besn Brinz, in esecuzione ll sentenz del tribunle mministrt regionle per l Lombrdi di Milno Sez. I n del 12 novembre 2004 Viste: LA GIUNTA REGIONALE l l.r. 30 novembre 1983, n. 86 «Pino generle delle ree protette regionli. Norme per l istituzione e l gestione delle riserve, dei prchi e dei monumenti nturli, nonché delle ree di prticolre rilevnz nturle e mbientle»; l l.r. 16 settembre 1983, n. 82 «Istituzione del Prco regionle dell Vlle del Lmbro», confluit nell legge regionle 16 luglio 2007, n. 16 «Testo unic leggi regionli in mteri di istituzione di prchi»; l d.g.r. n. 07/601 del 28 luglio 2000 «Approv del Pino Territorile di Coordinmento del Prco Regionle dell Vlle del Lmbro»; Viste: l sentenz n del 2004 del Tribunle Amministrt Regionle per l Lombrdi - Milno, Sezione prim, che ccoglie il ricorso n. 4479/2000, proposto di Sigg.ri Domenico Tolott e Cterin Brbuto, e dispone il przile nnullmento dell deliber dell Giunt Regionle dell Lombrdi n. 07/601 del 28 luglio 2000 «Approv del Pino Territorile di Coordinmento del Prco Regionle dell Vlle del Lmbro» reltivmente lle proprietà dei ricorrenti, in Comune di Besn Brinz», nell prte in cui prevede l integrle inserimento dell re di proprietà dei ricorrenti fr quelle gricole e non edificbili, disciplint dll rt.11delle T.A.; l not del 26 mrzo 2018 prot. n con l qule il Prco Regionle dell Vlle del Lmbro trsmette ll Regione Lombrdi l deliber dell Comunità del Prco n.3 del 8 mrzo 2018 vente oggetto: «Vrinte l Vigente Pino Territorile di Coordinmento del Prco regionle dell Vlle del Lmbro in ottempernz ll sentenz del TAR Lombrdi n. 5803/2004 reltiv ll ccoglimento del ricorso presentto di Signori Tolott Domenico e Brbuto Cterin»; Preso tto che il Prco Vlle del Lmbro, con not del 24 febbrio 2006 prot. 821, si er ssunto l impegno con i ricorrenti di recepire l sentenz nell mbito dell revisione del Pino Territorile di Coordinmento ffidt l Politecnico di Milno; Considerto che l revisione del Pino Territorile di Coordinmento, citt nell not del 24 febbrio 2006, prot n. 821, non si è conclus in qunto l propost di vrinte non è stt trsmess in Regione Lombrdi per l su pprov; Considerto che l rt. 17, comm 3, dell l.r. 86/83 stbilisce che il pino territorile può disporre modifiche ed integrzioni ll delimit territorile indict nell legge istitutiv conseguiment finlità ivi previste; Visto il risultto tteso dl PRS 212 ter 9.5 «Pinific, tutel e vlorizz delle ree protette istituzione nzionle e regionle»; Ritenuto di rettificre, in esecuzione dell sentenz n del 2004, l deliber n. 07/601 del 28 luglio 2000, limittmente l perimetro del Prco Regionle Vlle del Lmbro in Comune di Besn Brinz, escludendo dl prco le ree individute nell llegto n. 1; A voti unnimi, espressi nelle forme di legge; DELIBERA 1. di rettificre, in esecuzione dell sentenz n del 2004 del Tribunle Amministrt Regionle per l Lombrdi - Milno, Sezione prim, l deliber n. 07/601 del 28 luglio 2000, limittmente l perimetro del Prco Regionle Vlle del Lmbro in Comune di Besn Brinz escludendo dl prco le ree individute nell llegto n. 1, prte integrnte e sostle dell presente deliber; 2. di riconfermre, per le restnti ree, qunto definito nell d.g.r. 07/601 del 28 luglio 2000; 3. di pubblicre l presente deliber sul Bollettino Ufficile dell Regione Lombrdi. II segretrio: Fbrizio De Vecchi

10 10 Bollettino Ufficile

11 Bollettino Ufficile 11 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunt regionle D.G. Sviluppo economico D.d.u.o. 4 ottobre n IT16RFOP012. Concessione gevolzioni bndo AL VIA - gevolzioni lombrde per l vlorizz degli investimenti ziendli (d.d.u.o del 31 mggio 2017) POR FESR , sse prioritrio III - III.3.C provvedimento IL DIRIGENTE DELLA UNITA ORGANIZZATIVA INCENTIVI, ACCESSO AL CREDITO E SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE Richimti: il Progrmm Opert Regionle (POR) vlere sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionle (FESR) dottto con Decisione di Esecuzione dell Commissione Europe del 12 febbrio 2015 C(2015) 923 finl; l d.g.r. n. X/3251 del 06 mrzo 2015 vente d oggetto: «Approv del Progrmm Opert Regionle (POR) vlere sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionle di Regione Lombrdi»; l Decisione di Esecuzione dell Commissione Europe del 20 giugno 2017 C(2017) 4222 finle che modific l decisione di esecuzione C(2015) 923 e che pprov determinti elementi del progrmm opert «Lombrdi» sostegno del Fondo europeo di sviluppo regionle «Investimenti fvore dell crescit e dell occup» per l Regione Lombrdi in Itli; l d.g.r. n. X/6983 del 31 luglio 2017 vente d oggetto: «Pres d tto dell 1 riprogrmm del Progrmm Opert Regionle (POR) vlere sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionle di Regione Lombrdi come d Decisione CE C(2017) 4222 del 20 giugno 2017»; Atteso che l strtegi del Progrmm Opert Regionle intende, con l Asse III, promuovere l competitività delle piccole e medie imprese, nche ttrverso il migliormento e l fcilit dell ccesso l credito d prte delle imprese lombrde e che, nell mbito dell Asse III, l obiett specifico 3.c.1 «Rilncio ll propensione degli investimenti», comprende l III.3.c.1.1 (3.1.1 dell AP) «Aiuti per investimenti in mcchinri, impinti e beni intngibili, e ccompgnmento dei processi di riorgnizz e ristruttur ziendle»; Richimti, inoltre: il Regolmento del Prlmento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recnte disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionle, sul Fondo socile europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo gricolo per lo sviluppo rurle e sul Fondo europeo per gli ffri mrittimi e l pesc compresi nel Qudro Strtegico Comune (QSC) e disposizioni generli sul Fondo europeo di sviluppo regionle, sul Fondo socile europeo e sul Fondo di coesione, e che brog il Regolmento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio; il Regolmento 1407/2013 dell Commissione del 18 dicembre 2013 (pubblicto sull G.U. dell Unione Europe L 352 del 24 dicembre 2013) relt ll pplic degli rticoli 107 e 108 del trttto sul funzionmento dell Unione Europe gli iuti de minimis, con prticolre riferimento gli rtt. 1 (cmpo di pplic), 2 (definizioni, con riferimento in prticolre ll nozione di «unic»), 3 (iuti de minimis), 4 (clcolo dell ), 5 (cumulo) e 6 (controllo) ; il Regolmento delegto 480/2014 dell Commissione del 3 mrzo 2014 che integr il Regolmento (UE) n. del Prlmento europeo e del Consiglio recnte disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionle, sul Fondo socile europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo gricolo per lo sviluppo rurle e sul Fondo europeo per gli ffri mrittimi e l pesc e disposizioni generli sul Fondo europeo di sviluppo regionle, sul Fondo socile europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli ffri mrittimi e l pesc; il Regolmento 651/2014 dell Commissione del 17 giugno 2014 che dichir lcune ctegorie di iuti comptibili con il mercto interno in pplic degli rticoli 107 e 108 del trttto (regolmento generle di esenzione per ctegori), con prticolre riferimento i principi generli (rtt.1, 2, 3, 4, 5, 7, 8, 9, 10, 12) ed ll sezione dedict ll ctegori in esenzione di cui ll rt. 17 «Aiuti gli investimenti fvore delle PMI» (in prticolre, rt. 17 comm 2 letter ) e commi 3,4 e 6); Visti, inoltre, in mteri di Aiuti di Stto: l legge 57/2001 e il Decreto Ministerile del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 dicembre 2016, pubblicto in Gzzett Ufficile il 31 dicembre 2016, recnte «Nuove modlità di trsmissione delle informzioni reltive gli iuti pubblici concessi lle imprese», i dell rticolo 14, comm 2, dell legge 5 mrzo 2001, n. 57 stess; l legge n. 234 del 24 dicembre 2012 ed in prticolre il CAPO VII in mteri di Aiuti di Stto; legge 29 luglio 2015, n. 115 che, in prticolre ll rt. 14, istituisce e disciplin l utilizzo l ccesso, l implement e l utilizzo del «Registro nzionle degli iuti di Stto» (RNA); il Regolmento, pprovto con decreto ministerile n. 115 del 31 mggio 2017, che disciplin il funzionmento del RNA i 52 comm 6 dell legge n. 234/2012 e successive modifiche e integrzioni; Richimt l d.g.r. n. X/5892 del 28 novembre 2016 che istituisce l misur «AL VIA» - Agevolzioni Lombrde per l Vlorizz degli Investimenti Aziendli ASSE III Azione III.3.c.1.1, ne pprov i criteri pplictivi e costituisce il Fondo di Gr previsto dll misur stess; Richimt l d.g.r. n. X/7446 del 28 novembre 2017 che increment l dot finri dell misur «AL VIA» per l prte di contributo in conto cpitle, vlere su risorse POR FESR III.3.c.1.1, ttut con d.d.u.o del 1 dicembre 2017; Richimt l d.g.r. n. XI/233 del 28 novembre 2018 che increment il Fondo di gr «AL VIA», vlere su risorse POR FESR III.3.c.1.1, ttut con d.d.u.o del 27 giugno 2018; Dto tto che in bse ll Accordo di Finmento, stipulto in dt 22 dicembre 2016 (registrto l n /RCC) Finlombrd Sp è incrict dell gestione del Fondo di Gr AL VIA; Dto tto che con decreto n del 27 dicembre 2016, przilmente modificto dl decreto n. 498 del 20 gennio 2017, è stt dispost l liquid fvore di Finlombrd s.p.. delle somme destinte ll costituzione del «Fondo di gr AL VIA», secondo le modlità previste dll d.g.r. X/5892 del 28 novembre 2016; Richimto il d.d.u.o. n del 31 mggio 2017 ed il relt Allegto che pprov l Avviso «AL VIA - Agevolzioni lombrde per l vlorizz degli investimenti ziendli» (di seguito Avviso) in ttu dell suddett d.g.r. n. X/5892; Visto il decreto n del 31 luglio 2018 con il qule l Autorità di Gestione nomin il dott. Cesre Giovnni Meletti, Direttore vicrio e Dirigente dell Unità Orgnizztiv «Incentivi, ccesso l credito e sostegno ll innov delle imprese», qule Responsbile dell Asse III per l Azione III.3.d.1.1, competente per l dozione del presente tto; Ricordto che, indipendentemente dll Line di intervento (Sviluppo ziendle o Rilncio ree produttive) l gevol è concess in lterntiv, scelt del Soggetto Destintrio: in Regime de minimis: nel rispetto del Regolmento (UE) n. 1407/2013 dell Commissione del 18 dicembre 2013 (G.U. Unione Europe L 352 del 24 dicembre 2013) relt ll pplic degli rtt. 107 e 108 del trttto sul funzionmento dell Unione Europe gli iuti «de minimis» lle imprese; in Regime in esenzione ex rt. 17: nel rispetto del Regolmento 651/2014 dell Commissione del 17 giugno 2014 che dichir lcune ctegorie di iuti comptibili con il mercto interno in pplic degli rticoli 107 e 108 del trttto ed in prticolre l rticolo 17 comm 2 letter ), commi 3, 4 e 6; Precisto che il Finmento non costituisce iuto, in qunto deliberto condizioni di mercto di Soggetti Fintori: Finlombrd Sp e Intermediri finri convenzionti; Dto tto che, indipendentemente dll scelt dell Line di intervento e dl regime di iuto prescelto, l gevol previst dll Inizitiv AL VIA si compone necessrimente del Contributo in conto cpitle, espresso in percentule sul totle delle Spese mmissibili, e dell iuto, espresso in, pri l vlore ttulizzto del costo teorico di mercto dell Gr regionle

12 12 Bollettino Ufficile grtuit rilscit d ssistere il Finmento (rt. 5 prgrfo 5 dell Avviso); Precisto che l iuto dell Gr, espresso in, è determinto medinte il metodo di cui ll decisione n 182/2010 del MISE, notificto dl Ministero dello Sviluppo economico ed pprovto dll Commissione europe con decisione 4505 del 6 luglio 2010; Precisto, inoltre, che l intensità di iuto mssim è clcolt nel rispetto dei limiti previsti dl suddetto Regolmento (UE) n. 1407/2013 beneficirio che opti Regime de minimis o srà pri l mssimo l 20% delle spese mmissibili per le imprese e l 10% delle spese mmissibili per le Medie, beneficirio che opti Regime in esenzione ex rt. 17 comm 2 letter ) del Regolmento 651/2014; Precisto che, nel rispett regole previste dl regime di iuto prescelto e 65 c.11 UE 1303/2014, è consentito il cumulo dell gevol previst dll Inizitiv AL VIA concess con ltre gevolzioni; Dto tto che, come stbilito dll d.g.r. X/5892 l concessione delle gevolzioni finrie dell presente misur non è rlt: i settori esclusi di cui ll rt. 1 pr. 1 e 2 UE 1407/2013 o ll rt. 2 punto 18 UE n. 651/2014, second del regime di iuto scelto di beneficiri; lle imprese in difficoltà secondo l definizione di cui ll rt. 2 punto 18 UE 651/20114, per qulunque regime di iuto scelto di beneficiri; Dto tto che, come stbilito dll d.g.r. X/5892 le gevolzioni non srnno erogte: d imprese che sono destintrie di ingiunzioni di recupero pendente per effetto di un decisione di recupero dottt dll Commissione europe i del Reg. 2015/1589 in qunto hnno ricevuto e successivmente non rimborsto o non depositto in un conto bloccto iuti che lo Stto è tenuto recuperre in esecuzione di un decisione di recupero dottt dll Commissione Europe i del Regolmento (UE) n. 2015/1589; d imprese che non rispettno, in sede di pgmento, il requisito dell sede legle o unità opertiv sul territorio regionle; Dto tto che i Soggetti Destintri devono sottoscrivere, in fse di present dell domnd di gevol, un dichir i del d.p.r. 445/2000 che: ttesti di non rientrre nelle specifiche esclusioni di cui ll rt. 1 pr. 1 e 2 UE 1407/2013 o ll rt. 2 punto 18 UE n. 651/2014, second del regime di iuto scelto di beneficiri; solo nel cso di scelt del Regime de minimis, informi su eventuli iuti de minimis, ricevuti nell rco degli ultimi tre esercizi finri in rel ll propri rientrnte nell nozione di unic, con relt cumulo compless degli iuti de minimis ricevuti; ttesti di non rientrre tr imprese che sono destintrie di ingiunzioni di recupero pendente per effetto di un decisione di recupero dottt dll Commissione europe i 2015/1589 in qunto hnno ricevuto e successivmente non rimborsto o non depositto in un conto bloccto iuti che lo Stto è tenuto recuperre in esecuzione di un decisione di recupero dottt dll Commissione Europe i del Regolmento 2015/1589; ttesti di non essere in difficoltà secondo l definizione di cui ll rt. 2 punto 18 UE 651/20114; solo nel cso di scelt del Regime de minimis, i 4.6. UE 1407/2013 ttesti di non essere oggetto di procedur concorsule per insolvenz o di non soddisfre le condizioni previste dl diritto nzionle per l pertur nei suoi confronti di un tle procedur su richiest dei suoi creditori; Verificto l esito positiv istruttorie formle, tecnic ed economico-finri, previste rispettivmente gli rtt. 21, 22 e 23 dell Avviso, nonché l esit verifiche in tem di regolrità contributiv e, lddove previste, le verifiche ttestnti l ssenz di cuse di decdenz, sospensione o divieto di cui ll rt. 67 del d. lgs. n. 159 del 6 settembre 2011 e/o di eventuli tenttivi di infiltr mfios tendenti condizionre le scelte e gli indirizzi del soggetto beneficirio, previsti dll rt. 84 c. 3 del d.lgs. 159/2011 stesso; Ritenuto, pertnto, di pprovre Allegto A «Elenco gevolzioni concesse - Avviso AL VIA», prte integrnte e sostle del presente provvedimento; Dto tto, che il beneficio si ritiene ccettto di Soggetti destintri dell misur, elencti nell Allegto A «Elenco gevolzioni concesse - Avviso AL VIA», con l sottoscrizione del contrtto di Finmento; Dto tto che, in cso di intervenut decdenz e/o revoc dell gevol concess con provvedimento regionle, il Soggetto Destintrio è tenuto restituire l importo corrispondente ll iuto complessivmente ricevuto, pri ll importo dell, indicto nell tto di concessione fronte del rilscio dell Gr grtuit, sommto l contributo fondo perduto, se già erogto l Soggetto Destintrio; Dto tto che nche qulor interveng un provvedimento di decdenz e/o di revoc, è confermt l efficci dell Gr rilscit fvore dei Soggetti Fintori (rt. 29 dell Avviso); Dto tto che il presente provvedimento è ssunto nei termini, secondo le previsioni 24 prgrfo 1 dell Avviso; Dto tto che gli obblighi di trsmissione l Registro nzionle iuti delle informzioni e dei dti individuti dl suddetto Regolmento, pprovto con decreto ministerile n. 115 del 31 mggio 2017, sono in crico l Dirigente pro tempore dell UO «Incentivi, ccesso l credito e sostegno ll innov delle imprese»; Dto tto che, i 9 del decreto MISE n. 115 del 31mggio 2017, si è provveduto ll ttribuzione di uno specifico codice identifict «Concessione RNA -» gli iuti individuli reltivi i benefici concessi con il presente provvedimento e che i codici ttribuiti sono indicti nell Allegto A «Elenco gevolzioni concesse - Avviso AL VIA», unitmente ll elenc imprese beneficirie e l beneficio d ognun concesso; Attestto che, si provvederà ll pubblic del presente tto i e per gli effetti 26 e 27 del D.lgs. 14 mrzo 2013, n. 33; Preso tt disposizioni contenute nel decreto legislt 126 del 10 gosto 2014, corrett del decreto legislt 118 del 23 giugno 2011, ed in prticolre del principio contbile pplicto concernente l contbilità finri che prescrive: ) il criterio di registr delle operzioni di ccertmento e di impegno con le quli vengono imputte gli esercizi finri le entrte e le spese derivnti d obbligzioni giuridicmente perfezionte (ttive e pssive); b) il criterio di registr degli incssi e dei pgmenti, che devono essere imputti gli esercizi in cui il tesoriere h effettuto l oper. Riscontrto che tli disposizioni si esuriscono nell definizione del principio dell competenz finri potenzito secondo il qule, le obbligzioni giuridiche perfezionte sono registrte nelle scritture contbili l momento dell nscit dell obblig, imputndole ll esercizio in cui l obblig viene scdenz. L scdenz dell obblig è il momento in cui l obblig divent esigibile. L consolidt giurisprudenz dell Corte di Css definisce come esigibile un credito qule non vi sino ostcoli ll su riscossione ed è consentito, quindi, pretendere l dempimento. Non si dubit, quindi, dell coincidenz tr esigibilità e possibilità di esercitre il diritto di credito. Attestt, d prte del dirigente che sottoscrive il presente tto, l perfett rispondenz lle indiczioni contenute nel richimto principio dell competenz finri potenzito, delle obbligzioni giuridiche ssunte con il presente tto, l cui esigibilità è ccertt negli esercizi finri 2018, 2019 e 2020 sull bse dei cronoprogrmmi dei Progetti di investimento presentti di beneficiri e conservti gli tti. Verificto che l spes oggetto del presente tto non rientr, secondo l interpret dt dll ANAC nelle «Linee guid sull trccibilità dei flussi finri» pprovte con determin n. 4 del 7 luglio 2011, modificte con determin n. 556 del 31 mggio 2017, nell mbito di pplic 3 dell L. 136/2010, m che in ottempernz lle previsioni 14 dell legge 18 giugno 2009 n. 69 con seprto provvedimento srnno definite le modlità e le procedure volte grntire l effettiv trccibilità dei flussi finri reltivi ll utilizzo, d prte dei soggetti beneficiri dell gevol, delle risorse pubbli-

13 Bollettino Ufficile 13 che e privte impiegte per l relizz degli interventi oggetto dell intervento gevolt; Vist l l.r. 34/1978 e successive modifiche e integrzioni, nonché il regolmento di contbilità e l legge di pprov del bilncio di previsione dell nno in corso; Vist l l.r. 7 luglio 2008, n. 20 e i Provvedimenti Orgnizztivi dell X e dell XI legisltur; DECRETA 1. di pprovre l Allegto A «Elenco gevolzioni concesse - Avviso AL VIA», prte integrnte e sostle del presente provvedimento; 2. di considerre il beneficio ccettto di Soggetti destintri dell misur, elencti nell Allegto A «Elenco gevolzioni concesse - Avviso AL VIA», con l sottoscrizione del contrtto di Finmento; 3. di ssumere impegni fvore dei beneficiri indicti nell tbell seguente con imput i cpitoli e gli esercizi ivi indicti, ttestndo l reltiv esigibilità dell obblig nei reltivi esercizi di imput: Beneficirio/ Ruolo POR FESR CAP AL VIA FONDO PRINCIPALE POR FESR CAP AL VIA FONDO PRINCIPALE Cpitolo Anno 2018 Anno 2019 Anno , 0,00 0, , ,44 0,00 ZINCOMETAL SPA ,00 0, ,00 POR FESR CAP AL VIA FONDO PRINCIPALE POR FESR CAP AL VIA FONDO PRINCIPALE POR FESR CAP AL VIA FONDO PRINCIPALE , ,10 0, ,06 0,00 0, ,32 0,00 0,00 ZINCOMETAL SPA ,00 0, ,00 POR FESR CAP AL VIA FONDO PRINCIPALE , ,68 0,00 ZINCOMETAL SPA ,00 0, ,00 4. di ttestre che l spes oggetto del presente provvedimento rientr nell mbito di pplic degli rtt. 26 e 27 del d.lgs. n. 33/2013; 5. di disporre l pubblic del presente provvedimento sul BURL e sul sito istituzionle di Regione Lombrdi, nonché sul sito regionle dedicto ll Progrmm Comunitri ( Il dirigente Cesre Giovnni Meletti

14 14 Bollettino Ufficile Allegto A "Elenco gevolzioni concesse - Avviso AL VIA" -12^ provvedimento di concessione Totle spese mmissibili Finmento grntito (70% Finmento) Accntonmento l Fondo di Gr AL VIA (22,5% Finmento) Regime di iuto Agevol concess iuto in Contributo in conto corrispondente cpitle rilscio Gr Altre risorse del Beneficirio CUP BRESCIAPAN MEINI S.R.L Bresci , , ,00.867,50 De minimis 7.608, ,00 0, E32B MARTINOROSSI SPA Cremon , , , ,13 Regolmento di esenzione ex rt , ,00 0, E22B NEW OLEF S.R.L Bresci , , , ,18 De minimis , , , E52B CISAPLAST S.P.A Mntov , , , ,00 De minimis , ,00 0, E52B TERMICS SRL Cremon , , , ,38 De minimis 8.989,00.725,00 0, E92B Regolmento di TECNOWELD ITALIA S.R.L Bergmo , , , ,00 esenzione ex rt , , , E12B SELENIA METALLI DI PEGURRI , , , , Bresci , ,85 De minimis 1,80 E42B EMILIO & C. S.A.S ICC S.R.L Lodi , , , ,25 De minimis , ,00 0, E92B CO.P.IND. S.R.L Bergmo , , , ,00 Regolmento di esenzione ex rt , , , E72B MAK S.P.A Bresci , , , ,78 De minimis , ,75 0, E62B O.M.C. 2 DIESEL S.P.A Bresci , , , ,38 De minimis , ,00 0, E72B INTERSEALS S.R.L Bresci , , , , De minimis , ,90 0, E82B CAPSOL S.P.A Monz e dell Brinz , , , ,50 De minimis , ,00 0, E92B C.M.G. DI GALANTE RAFFAELLA & C. S.C Como , , , ,75 De minimis 4.056, ,00 0, E62B ALLGRAF DI ALLEGRIS AGOSTINO & Bergmo , , , ,75 De minimis 4.815, ,00 0, E72B C. S.C. Regolmento di ASSISI RAFFINERIA METALLI S.P.A Bresci , , , ,00 esenzione ex rt , ,00 0, E92B PENNACCHIO DI PENNACCHIO GIAN Bresci , , , ,00 De minimis 2.350, ,10 493, E42B PAOLO & C. S.C. Regolmento di ZACCHI PLAST S.R.L Bresci , , , ,50 esenzione ex rt , ,00 0, E12B KNOW MEDICAL - SOCIETA' , , , , COMMERCIALE INTERNAZIONALE Mntov 3.062, ,55 De minimis ,00 E62B IMPORT-EXPORT S.R.L ZINCOMETAL S.P.A Milno , , , ,50 De minimis , ,00 0, E72B OFFICINA MECCANICA OMALL SRL Milno , , , , CTP S.R.L Bergmo , , , ,00 Regolmento di esenzione ex rt. 17 Regolmento di esenzione ex rt , ,00 0, E22B , ,00 0, E72B O.M.A.R. SRL Bergmo , , , ,00 De minimis , ,00 0, E52B C.A.T.E.T. SRL Bergmo , , , ,50 De minimis , ,00 0, E92B AS SALA STAMPI S.R.L Bresci , , , ,50 De minimis , ,00 0, E32B

15 Bollettino Ufficile 15 D.d.u.o. 4 ottobre n IT16RFOP012 - Concessione controgrnzie i destintri finli (i del decreto n del 21 giugno 2016) reltivmente l flusso informt dei mesi di gosto e settembre 2018 del terzo periodo di riferimento e revoc dell concessione ll A.C.Crem 1908 A.S.D., mmess con decreto n del 9 mrzo 2017 IL DIRIGENTE DELLA UNITA ORGANIZZATIVA INCENTIVI, ACCESSO AL CREDITO E SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE Richimti: il Progrmm Opert Regionle (POR) vlere sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionle (FESR) dottto con Decisione di Esecuzione dell Commissione Europe del 10 settembre 2015 C(2015) 923 finl; l d.g.r. n. X/3251 del 06 mrzo 2015 vente d oggetto: «Approv del Progrmm Opert Regionle (POR) vlere sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionle di Regione Lombrdi»; l Decisione di Esecuzione dell Commissione Europe del 20 giugno 2017 C(2017) 4222 finle che modific l decisione di esecuzione C(2015) 923 e che pprov determinti elementi del progrmm opert «Lombrdi» sostegno del Fondo europeo di sviluppo regionle «Investimenti fvore dell crescit e dell occup» per l Regione Lombrdi in Itli; l d.g.r. n. X/6983 del 31 luglio 2017 vente d oggetto: «Pres d tto dell 1 riprogrmm del Progrmm Opert Regionle (POR) vlere sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionle di Regione Lombrdi come d Decisione CE C(2017) 4222 del 20 giugno 2017» Atteso che ll interno dell Asse III del Progrmm Opert Regionle, con l Azione III.3.d.1.1 (Azione dell Accordo di Progrmm) si intende promuovere il potenzimento del sistem delle grnzie pubbliche per l espnsione del credito e si individuno i quli soggetti primri sui quli gire per grntire un degut copertur del territorio, nonché quli intermediri cpci di crere un effetto moltiplictore delle risorse pubbliche; Richimti, inoltre: il Regolmento del Prlmento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recnte disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionle, sul Fondo socile europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo gricolo per lo sviluppo rurle e sul Fondo europeo per gli ffri mrittimi e l pesc compresi nel Qudro Strtegico Comune (QSC) e disposizioni generli sul Fondo europeo di sviluppo regionle, sul Fondo socile europeo e sul Fondo di coesione, e che brog il Regolmento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio; il Regolmento 1407/2013 dell CE del 18 dicembre 2013 relt ll pplic degli rticoli 107 e 108 del trttto sul funzionmento dell Unione europe gli iuti «de minimis», in prticolre gli rtt. 1 (Cmpo di pplic), 3 (de minimis), l rt. 5 (cumulo) e l rt. 6 (Controlli); Visti, inoltre, in mteri di Aiuti di Stto: l legge 57/2001 e il Decreto Ministerile del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 dicembre 2016, pubblicto in Gzzett Ufficile il 31 dicembre 2016, recnte «Nuove modlità di trsmissione delle informzioni reltive gli iuti pubblici concessi lle imprese», i dell rticolo 14, comm 2, dell legge 5 mrzo 2001, n. 57 stess; l legge n. 234 del 24 dicembre 2012 ed in prticolre il CAPO VII in mteri di Aiuti di Stto; legge 29 luglio 2015, n. 115 che, in prticolre ll rt. 14, istituisce e disciplin l utilizzo l ccesso, l implement e l utilizzo del «Registro nzionle degli iuti di Stto» (RNA); il Regolmento n. 115, pprovto con decreto ministerile del 31 mggio 2017, che disciplin il funzionmento del RNA i 52 comm 6 dell legge n. 234/2012 e successive modifiche e integrzioni; Visto il decreto n del 31 luglio 2018 con il qule l Autorità di Gestione nomin il dott. Cesre Giovnni Meletti, Direttore vicrio e Dirigente dell Unità Orgnizztiv «Incentivi, ccesso l credito e sostegno ll innov delle imprese», qule Responsbile dell Asse III per l Azione III.3.d.1.1, competente per l dozione del presente provvedimento; Precisto che il beneficio fvore di PMI, liberi professionisti e società tr professionisti è concesso in regime de minimis, Reg. (UE) 1407/2013, fronte di operzioni finrie che dovrnno rispondere d un delle seguenti finlità (ex rt pr 4 del Regolmento UE ) : i) cre di nuove imprese, ii) mess disposizione di cpitle di costituzione e/o vvimento, iii) mess disposizione di cpitle di espnsione, iv) mess disposizione di cpitle generli dell, v) relizz nuovi progetti, vi) penetr nuovi mercti vii) sviluppo di nuovi brevetti o nuovi prodotti; Precisto che: gli iuti non srnno erogti d imprese/professionisti/ società tr professionisti destintri di ingiunzioni di recupero pendente per effetto di un decisione di recupero dottt dll Commissione europe i del Regolmento (UE) 1589/2015 in qunto hnno ricevuto e successivmente non rimborsto o non depositto in un conto bloccto iuti che lo Stto è tenuto recuperre in esecuzione di un decisione di recupero dottt dll Commissione Europe i del Regolmento (UE) n. 1589/2015; gli iuti non srnno concessi d imprese/professionisti/ società tr professionisti che si trovino in un delle situzioni di insolvenz di cui ll rt. 4.6 dei Regolmenti (UE) n. 1407/2013; le gevolzioni previste dl Bndo non sono cumulbili con ltre gevolzioni concesse per le medesime spese, e qulificbili come iuti di Stto i degli rticoli 107 e 108 del TFUE, ivi incluse quelle concesse titolo «de minimis», secondo qunto previsto dl regolmento UE n. 1407/2013 dell Commissione del 18 dicembre 2013; Richimte: l d.g.r. n. X/3961 del 31 luglio 2015 vente d oggetto «Istituzione dell Line e del relt fondo vlere sull sse III POR FESR »; l d.g.r. n. X/4989 del 30 mrzo 2016 vente d oggetto «Line modific dell d.g.r. n. X/3961 del 31 luglio 2015 ed ulteriori determinzioni POR FESR : Asse III, Azione III.3.D.1.1 ( dell Accordi di Prtenrito)»; Richimto il disposit dell Allegto 1 l decreto n del 21 giugno 2016 di pprov dell Line di intervento controgrnzie (di seguito Avviso), in prticolre, qundo definisce: Finlombrd s.p.. gestore del Fondo nzie; i requisiti e gli obblighi dei Destintri finli dell misur (rt. 4), quli: PMI (come definite nell Allegto 1 del Regolmento 651/2014 dell Commissione del 17 giugno 2014, iscritte e ttive l Registro ) liberi professionisti e società tr professionisti (Stp, i 10 c.3 dell legge 183/2011 e del decreto interministerile n. 34/2013) con sede dell propri sul territorio lombrdo; le crtteristiche dell Oper finri controgrntibile (rt. 5); le modlità di costruzione e trsmissione del Portfoglio di grnzie d prte dei (rt.6); Dto tto che con decreto n del 29 dicembre 2017 e relt llegto, si è provveduto ll Assegn i convenzionti dei Plfond grntiti terzo Periodo di riferimento, i dell rt 15 dell Avviso; Dto tto che con decreto n dell 8 gosto 2018 è fissto il termine del 10 settembre 2018, entro il qule i convenzionti sono tenuti ll trsmissione dei Portfogli di grnzie rilscite e d rilscirsi di reltive l flusso mensile di gosto 2018, ttrverso l invio di un unico flusso informt (unico file.csv), insieme lle grnzie previste flusso del mese di settembre 2018; Visti i flussi di Portfogli di grnzie che i convenzionti hnno proceduto trsmettere entro il termine del 10 settembre 2018; Recepiti gli esiti istruttori derivnti dll nlisi dei suddetti flussi informtivi inviti di convenzionti, costruiti secondo i principi espressi gli rtt. 5 e 6 dell Avviso; Precisto che l rt. 6 c. 3 dell Avviso prevede che, l termine dei controlli sui flussi informtivi trsmessi di, il Respon-