CORSO PROFESSIONALIZZANTE DI 240 ORE PER COORDINATORI DI EMERGENZA - EMERGENCY MANAGEMENT - 20 crediti formativi universitari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO PROFESSIONALIZZANTE DI 240 ORE PER COORDINATORI DI EMERGENZA - EMERGENCY MANAGEMENT - 20 crediti formativi universitari"

Transcript

1 CORSO PROFESSIONALIZZANTE DI 240 ORE PER COORDINATORI DI EMERGENZA - EMERGENCY MANAGEMENT - 20 crediti formativi universitari Nel corso degli ultimi anni il sistema italiano della Protezione Civile si è profondamente accresciuto e modificato. Il processo di riforma della pubblica amministrazione ha messo in atto una serie di deleghe che riguardano anche la protezione civile e che ne spostano le competenze dallo Stato alle Regioni, alle Province e agli Enti locali. In più, l'assetto della protezione civile sta cambiando a livello internazionale con nuove sfide e nuovi tipi di emergenza da affrontare, compresa la minaccia del terrorismo, il rischio di grandi epidemie e la periodica necessità di partecipazione a interventi umanitari all'estero. Il quadro prevede che alle Regioni spettino i compiti di coordinamento e di monitoraggio complessivo delle attività di protezione civile, mentre agli Enti locali con rapporto progressivamente più diretto sul territorio (Provincie, Comunità montane, Comuni) sono delegate le azioni concrete di prevenzione e di gestione operativa delle fasi di emergenza. Così, emerge la figura dell'emergency Manager, un nuovo professionista che deve essere capace di coordinare le varie attività di protezione, prevenzione e intervento attraverso una larga gamma di discipline accademiche e professionali, unificando queste con l'impiego di un linguaggio comune e lo sviluppo di una cultura di gestione del rischio che è condiviso da tutti i partecipanti. Il corso fa ampio riferimento al cosiddetto 'ciclo del disastro', ovvero le fasi di monitoraggio e prevenzione, preparazione per gli eventi futuri, intervento di emergenza, e ripristino e ricostruzione dopo i disastri. La protezione civile ha un ruolo in ciascuno di queste fasi, e l'emergency manager funge da figura di riferimento nonchè animatore e coordinatore delle iniziative di gestione dei rischi latenti e in atto. Pertanto, la formazione deve servire a dotarlo di una larga cultura e una profonda dimestichezza con le varie problematiche del campo della protezione civile. 1

2 Gli obiettivi Il corso si pone alcuni obiettivi fondamentali: fornire conoscenze approfondite sui diversi aspetti della gestione delle emergenze; sviluppare un attitudine manageriale nell affrontare le tematiche della Protezione Civile; conoscere e capire in senso pratico i modi di gestire situazioni di rischio e di emergenza sul campo; sviluppare la capacità di comunicare e coordinare le forze (manodopera, materiali, mezzi, attrezzi, rifornimenti) in situazioni di emergenza, di alto stress e di forte bisogno di organizzazione razionale. La metodologia Il corso,, si articolerà in tre percorsi complementari: una serie di moduli su temi appartenenti alla protezione civile; seminari sugli strumenti manageriali e di pianificazione; progetti da svolgere sul campo I moduli specialistici saranno focalizzati sull'approfondimento di vari aspetti della protezione civile. Ciascuno di essi sarà diviso in due blocchi: utilizzando casi, documentazioni audiovisive e testimonianze, le lezioni ed i lavori in aula forniranno un elevato livello di conoscenze sui temi specifici, mentre i lavori in sottogruppo e in plenaria si concentreranno sui punti salienti di ciascun tema trattato, con l'obiettivo di usare esercitazioni per rafforzare e approfondire le conoscenze acquisite. I seminari saranno dedicati allo sviluppo dei comportamenti organizzativi connessi al tema della protezione civile, con l'obiettivo di implementare le competenze manageriali. I progetti richiederanno lavori in piccoli gruppi per eseguire perizie, conoscere al fondo situazioni, esaminare casi esemplari, risolvere problemi nel campo e compiere ricerche. L'indirizzo, il tema, lo scopo, gli obiettivi e l'area geografica di questi studi verranno determinati tramite consultazione tra i vari sottogruppi di corsisti, i docenti ed il tutor del corso. Così, il percorso formativo offrirà una definizione della figura di emergency manager ottenuta tramite la conoscenza delle varie problematiche di protezione civile ed i strumenti di pianificazione e di gestione dei grandi eventi. Il corso verrà concluso con la presentazione dei risultati dei progetti eseguiti dai corsisti. 2

3 CORSO PER COORDINATORI DI EMERGENZA Modulo 1: Concetti di base e legislazione in materia Temi affrontati: introduzione alla protezione civile; organizzazione e aspetti legislativi della protezione civile italiana; aspetti teorici dei disastri; il valore della ricerca in materia di protezione civile; valutazione della vulnerabilità al disastro e degli appositi rischi. Modulo 2: Scenari di rischio naturale, tecnologico, sociale e terroristico Temi affrontati: calamità di origine naturale calamità di origine industriale e tecnologica; disastri dovuti al comportamento della folla, moti popolari, il terrorismo convenzionale e NBRC; studio del rischio di disastro; metodi di sviluppo degli scenari di vulnerabilità, rischio e impatto. Modulo 3: La pianificazione del disastro e la riduzione dei rischi Temi affrontati: la pianificazione e il piano di emergenza; metodologia di costruzione di un piano di emergenza; pianificazione di emergenza medica; pianificazione di emergenza specialistica (industriale, per i beni culturali, ecc.); collaudo, rodaggio e difusione del piano di emergenza; progettazione di un'esercitazione di piano di protezione civile. Modulo 4: La gestione dell emergenza Temi affrontati: gestione delle risorse umane di protezione civile; lavorare in gruppo e stili di leadership; dinamiche relazionali; problem solving e presa di decisioni; gestione dello stress in situazioni di emergenza; la comunicazione di fronte all emergenza; le strutture funzionali degli interventi di emergenza; le fasi di preallarme, emergenza a corto termine e emergenza a medio termine; l'informazione al pubblico; pianificare la ripresa e la ricostruzione dopo un disastro; Sessioni finali di conclusione e valutazione Temi: esame di fine corso e relazione conclusiva presentazioni e discussioni degli elaborati conclusivi dei progetti 3

4 IL CORSO SI AVVALE DELL INTEGRAZIONE DI LEZIONI ON LINE FRUITE DALLO STUDENTE ATTRAVERSO UNA PIATTAFORMA E LEARNING DEDICATA ( AD ACCESSO RISERVATO. IL SOMMARIO DELLE LEZIONI VIDEOREGISTRATE PUO ESSERE VISIONATO ALLA PAGINA Il programma dettagliato Modulo 1: Concetti di base e legislazione in materia 4

5 - Introduzione alla protezione civile: definizione operativa e teorica di protezione civile ; origine, evoluzione e attività del settore; i soggetti titolati alle attività di protezione civile. - Organizzazione della protezione civile italiana: struttura organizzativa della protezione civile in Italia; ruolo del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, dei Ministeri competenti (Interno, Opere Pubbliche, Ambiente, ecc.); ruolo delle Regioni, Province, Prefetture, Comunità montane, Comuni. - Aspetti legislativi della protezione civile italiana: le principali disposizioni di legge nazionali e regionali; altre leggi, decreti e direttive; la dichiarazione di emergenza e le ordinanze; aspetti normativi e giuridici del ruolo del volontariato. - Ruoli delle principali figure di riferimento: a livello nazionale (DPC); a livello regionale e provinciale; il prefetto nell'epoca post-bassanini; il sindaco e il livello locale. - Aspetti teorici dei disastri - introduzione: calamità, catastrofi, rischio e scenari di rischio - definizioni; la natura dell'emergenza e del disastro; eventi di tipo A, B e C (grandi disastri, disastri locali, incidenti); il ciclo del disastro: mitigazione, preparazione a un disastro imminente, intervento di emergenza, ripristino e ricostruzione. - i servizi tecnici regionali e nazionale e la previsione dei grandi eventi; il sistema informativo di protezione civile; finanziamento della pianificazione e della gestione delle emergenze; - Aspetti teorici dei disastri - i rischi che cambiano: superstorm e effetto locale del cambiamento del clima; onde di calore, di freddo e di siccità. - Aspetti teorici dei disastri - i rischi emergenti: terrorismo convenzionale e NBCR; epidemie e pandemie. 5

6 - Aspetti di ricerca pratica in materia di protezione civile: studio della vulnerabilità delle popolazioni e delle strutture a rischio; stima e valutazione del rischio. - Aspetti di ricerca pratica in materia di protezione civile: conoscere e capire pericolosità, vulnerabilità, rischio, impatto e risposta; l'uso dell'informazione scientifica nella pianificazione di emergenza. - Aspetti metodologici della ricerca in materia di protezione civile: ricerca documentale; ricerca in linea ed uso di Internet; tecniche di indagine sul campo. - Aspetti metodologici della ricerca sulla protezione civile: metodi cartografici; l uso delle immagini satellitari e delle riprese aeree. - Le dinamiche di relazione - La comunicazione e lo stato di emergenza: discussione sui problemi di comunicazione nella protezione civile; formazione di sottogruppi, assegnazione di piccoli progetti e preparazioni per la prima giornata di esercizio pratico. - Valutazione della vulnerabilità al disastro: lavori in sottogruppi presso aree selezionate Alcuni esempi di temi da affrontare potrebbero essere: la vulnerabilità del tessuto architettonico e dei sistemi urbani al rischio sismico; la vulnerabilità di aree urbane o industriali e di infrastrutture alle alluvioni; la vulnerabilità delle persone e delle cose all'instabilità dei versanti; la vulnerabilità di insediamenti e viabilità nelle aree montuose; la vulnerabilità dei beni culturali ai disastri; la vulnerabilità di popolazioni ai rischi del terrorismo. - Calamità di origine naturale: terremoti, eruzioni vulcaniche, frane, valanghe - aspetti fisici e dinamici dei fenomeni: magnitudo e frequenza degli eventi estremi: scale di intensità, distribuzione geografica e temporale degli impatti, prevedibilità, possibilità di controllo. 6

7 - Calamità di origine naturale: terremoti, eruzioni vulcaniche, frane, valanghe - aspetti fisici e dinamici dei fenomeni: aspetti tecnologici: sistemi di monitoraggio e preallarme, metodi di mitigazione del danno, interventi strutturali di riduzione del pericolo. - Calamità di origine naturale: terremoti, eruzioni vulcaniche, frane, valanghe - aspetti fisici e dinamici dei fenomeni: aspetti socio-economici: cenni sulla vulnerabilità umana e sul rischio, natura degli impatti umani, sociali ed economici e sulla salute, procedure di intervento nel disastro, possibilità di preallarme e di evacuazione. - Calamità di origine naturale: terremoti, eruzioni vulcaniche, frane, valanghe - aspetti fisici e dinamici dei fenomeni: effetti traumatici sulla salute ed epidemiologia del disastro. - Calamità di origine naturale: tempeste e alluvioni: aspetti fisici, dinamici, tecnologici, sociali ed epidemiologici dei fenomeni. - Calamità di origine naturale: incendi boschivi, ondate di caldo e di freddo: aspetti fisici, dinamici, tecnologici, sociali ed epidemiologici dei fenomeni. - Calamità di origine tecnologica: disastri industriali (esplosioni, incendi), rilasci tossici ed episodi di inquinamento catastrofico (nubi tossiche, rovesciamenti, rilasci in mare, ecc.), episodi di inquinamento radioattivo: casistica, meccanismi fisici del fenomeno, cause del disastro, prevenzione del disastro, tecnologie e modalità di intervento e miglioramento del fenomeno, effetti traumatici sulla salute ed epidemiologia del disastro. - Calamità di origine tecnologica: incidenti da trasporto (stradale, ferroviario, aereo, marittimo), grandi incendi urbani, perdite di servizi essenziali (elettricità, ecc.): casistica, meccanismi fisici, cause, prevenzione, tecniche di intervento, epidemiologia. - Disastri dovuti al comportamento della folla (negli stadi, ecc.), moti popolari, terrorismo di tipo tradizionale (bombe, sparatorie, dirottamenti): casistica, scenari, cause di disastro, effetti e epidemiologia, procedure e modalità di intervento, misure di previsione e prevenzione. - Il terrorismo nucleare, biologico, radioattivo, chimico (NBRC): casistica, scenari, cause di disastro, effetti e epidemiologia, procedure e modalità di intervento, misure di previsione e prevenzione. - Tecniche di ricerca sul rischio per la costruzione di scenari operativi e di pianificazione dell'emergenza: 7

8 rischi naturali, industriali, tecnologici, sociali e terroristici. - Tecniche di ricerca sul rischio per la costruzione di scenari operativi di pianificazione dell'emergenza: esaminazione di esempi di rischio a scala regionale e locale. - La gestione delle risorse umane: emergenza e motivazione: aspetti gestionali; formazione di sottogruppi, assegnazione di piccoli progetti e preparazioni per la giornata di esercizio pratico. - Lavoro in sottogruppi presso aree selezionate per lo studio del rischio di disastro. Alcuni esempi di temi da affrontare: la stima del rischio di disastro idrogeologico in una sezione di bacino imbrifero in montagna; la stima dei rischi principali e secondari in un'area industriale caratterizzato da produzione di materiali tossici; i rischi associati ad una maxi-emergenza in autostrada o ferrovia; la valutazione oggettiva del rischio terrorismo in una parte di un'area metropolitana. Modulo 3: La pianificazione del disastro e la riduzione dei rischi - La pianificazione di emergenza: la pianificazione di emergenza: assetto istituzionale; i programmi di previsione e prevenzione; i programmi di riduzione dei rischi; criteri per le pianificazioni nazionali, provinciali e comunali; - Anatomia di un piano di emergenza: definizione e componenti fondamentali di un piano d emergenza; la struttura degli organi di coordinamento dell emergenza; disposizioni di previsione, allarme, intervento e evacuazione della popolazione i partecipanti nei piani d emergenza e le strutture di comando; gli accordi di assistenza reciproca. - Cenni di pianificazione dell'emergenza medica: la pianificazione di emergenza nei centri medici; la pianificazione di emergenza per i sistemi sanitari. - Cenni di pianificazione dell'emergenza medica: l allestimento di un osservatorio epidemiologico; 8

9 la pianificazione per incidenti di mortalità di massa: gestione delle salme e assistenza ai famigliari. - Cenni di pianificazione d emergenza specialistica (1): la pianificazione del rischio industriale. - Cenni di pianificazione d emergenza specialistica (2): la pianificazione per i rilasci tossici e l'inquinamento cronico. - Cenni di pianificazione d emergenza specialistica (3): piani per impianti a rischio particolare (dighe, centrali termonucleari, ecc.). - Cenni di pianificazione d emergenza specialistica (4): la pianificazione di emergenza per gli impianti critici: aeroporti, autostrade e ferrovie. - Cenni di pianificazione d emergenza specialistica (5): la pianificazione d emergenza nelle aree caratterizzate da forte presenza turistica. - Cenni di pianificazione d emergenza specialistica (6): pianificare per salvare le opere d arte e di architettura e i siti archeologici. - Il collaudo del piano di emergenza: revisionare il piano; comunicarlo il piano agli utenti; la progettazione di un'esercitazione per verificare il funzionamento del piano. - studio degli esempi di piani di emergenza a livello nazionale, regionale, provinciale e comunale. - Lavorare in gruppo: stili di leadership: dinamica dei rapporti e psicologia delle relazioni. - Progettazione di un'esercitazione di piano in materia di protezione civile. I corsisti elaboreranno uno scenario di disastro, progetteranno un'esercitazione e creeranno disposizioni per verificare la sua funzionalità. Essi lavoreranno in sottogruppi per stendere i vari aspetti del progetto e presenteranno i risultati alla fine della giornata. Modulo 4: La gestione dell emergenza 9

10 - La struttura funzionale degli interventi di emergenza: i centri polifunzionali di protezione civile: struttura organizzativa, compiti e funzioni; sale operative e funzioni di supporto; l Unità di crisi; predisposizione preventiva dei centri operativi. - Lezione pratica nel centro operativo e illustrazione delle metodologie impiegate. - La fase di preallarme: procedure tecnologiche e sociali di preavviso e preallarme; collegamento tra sistemi di monitoraggio e sistemi tecnico-sociali di avviso alla popolazione; procedure di allarme: il caso delle condizioni meteo avverse. - La fase di reale emergenza (1): l attivazione delle funzioni d emergenza; il coordinamento delle attività d emergenza; le comunicazioni in emergenza, con particolare riguardo a quelle alternative; - La fase di reale emergenza (2): logistica del trasporto; la gestione dei centri per lo smistamento di materiali e mezzi. - La fase di reale emergenza (3): l'operatore logistico e il suo ruolo; procedure di evacuazione: l evacuazione precauzionale della popolazione e dei gruppi particolari (handicappati, anziani, bambini, ecc.); l assistenza alla popolazione. - La fase di reale emergenza (4): l intervento medico e sanitario; l impiego del Volontariato in situazioni d emergenza. - L'informazione al pubblico: i mass-media e come si comportano nei disastri; la gestione del rapporto tra Autorità di protezione civile e i mass-media; il ruolo e la funzione del portavoce; l'allestimento di un centro di informazione al pubblico dopo un disastro. - La fase di emergenza a medio termine (1). Cenni su: l avvio delle fasi per il superamento dell emergenza; ingegneria in emergenza (perizie sulle strutture danneggiate, ponti, puntellazioni, ecc.); 10

11 la stima dei danni e dei loro costi. - La fase di emergenza a medio termine (2). Cenni su: i programmi di alimentazione di massa (gestione delle mense); la tutela dei beni culturali: tecniche di primo intervento e tecniche di manutenzione e conservazione; allestimento di un primo alloggio con tende, roulottes, ecc. - La fase di emergenza a medio termine (3). Cenni su: la cura e la gestione di gruppi di persone particolari (handicappati, anziani, bambini, ecc.); l aiuto psichiatrico e psicologico dopo il disastro; l intervento veterinario e le misure speciali per il settore agricolo. - Pianificare la ricostruzione dopo un disastro: mantenimento della sicurezza pubblica nelle aree colpite; ripristino dei servizi di base (acqua, elettricità, gas, telefono, servizi sanitari); ricostruzione permanente delle strutture danneggiate; stesura, sviluppo e attuazione di un piano particolareggiato di ricostruzione; modalità di integrazione tra ricostruzione e misure per mitigare il disastro. - Preparazione di un'esercitazione in aula - cenni metodologici e briefing: elaborazione di uno scenario di disastro a scopo di simularlo; assegnazione dei ruoli ai corsisti da svolgere in base alle esigenze dell'emergenza; briefing dell'esercitazione. - Esercitazione in aula di gestione di un disastro (durata - 2 ore): svolgimento dello scenario di intervento di emergenza; debriefing di conclusione. - Problem solving e presa di decisioni. la dimensione del coordinamento. coordinamento e istruzioni per i progetti del quinto modulo. Modulo 5: Progetti di ricerca I progetti verranno eseguiti da sottogruppi di corsisti. Il tema, lo scopo, gli obiettivi e l'area geografica di studio di ciascun progetto verranno determinati tramite la 11

12 consultazione tra i membri dei sottogruppi e i docenti del corso. Segue alcuni esempi di possibili progetti: rilievi di microzonizzazione dei rischi che interessano un'area particolare con lo scopo di pianificare gli interventi di protezione civile in tale zona; valutazione della vulnerabilità e pianificazione degli interventi per ridurla in una particolare zona a rischio; elaborazione di un piano di preavviso e evacuazione della popolazione di una determinata area a rischio; piano particolareggiato di emergenza per un dato rischio in una determinata area; elaborazione di scenari di impatto e intervento per determinati problemi ed aree a rischio. Sessioni finali di conclusione e valutazione - Presentazioni e discussioni degli elaborati conclusivi dei progetti eseguiti sotto modulo 5. - Esame di fine corso e relazione conclusiva. 12

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE 2^ SESSIONE Settore Gestione Viabilità e Protezione Civile Servizio Protezione Civile ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE Programma-calendario del corso di base per volontari di Associazioni e Gruppi

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Si chiede di iniziare dal punto 3 dell ordine del giorno. I Consiglieri sono d accordo. Illustra l Assessore Diegoli. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: - rientra tra gli obiettivi dell Amministrazione

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

L esperienza dell Università di Bologna

L esperienza dell Università di Bologna PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico 5.1 Performance PA Linea 2 WEBINAR Ciclo delle Performance nelle Università: La programmazione della formazione e il

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza Corso per aspiranti volontari C.R.I. CROCE ROSSA ITALIANA AREA 3 Attività Emergenza a cura del VOLONTARIO Sandrino Guidarelli

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014 Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015 Perugia, 23 ottobre 2014 Cultura di Protezione Civile Cultura di protezione civile è cultura della sicurezza, della solidarietà, del rispetto, della

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

CIB Comunità dell Isola Bergamasca

CIB Comunità dell Isola Bergamasca CIB Comunità dell Isola Bergamasca 2 Corso base per volontari di Protezione Civile Livello Base Madone 10 aprile 30 maggio 2012 Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile come conforme

Dettagli

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti WINTER Template D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE Adempimenti PROGRAMMA 1. Normativa 2. Scenari di Protezione Civile WINTER Template 3. Formazione, informazione e addestramento 4. DPI dotazione e formazione,

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

Rischio Territoriale, Gestione delle Emergenze e Sicurezza Partecipata

Rischio Territoriale, Gestione delle Emergenze e Sicurezza Partecipata OSDIFE UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA Osservatorio Sicurezza e Difesa CBRNe Dipartimento di Ingegneria Elettronica Rischio Territoriale, Gestione delle Emergenze e Sicurezza Partecipata Prof. Dott. Ing.

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza FORMULARIO per istituzione e attivazione master di I e II livello ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO SEZIONE II SCENARI DI RISCHIO DOC 2.1 LIVELLI DI ALLERTA MODELLO DI INTERVENTO, SCENARI DI RISCHIO E INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Sommario Scenari di rischio...2 Metodologia utilizzata...2 Gli scenari

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

ANALISTA DEL RISCHIO SISMICO

ANALISTA DEL RISCHIO SISMICO MASTER di I Livello ANALISTA DEL RISCHIO SISMICO 1500 ore 60 CFU richiesto accreditamento al CNI per il riconoscimento di n.120 CFP Anno Accademico 2015/2016 Titolo Area Categoria Livello ANALISTA DEL

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Master in Private Banking

Master in Private Banking Master in Private Banking 2 Premessa Di fronte ai cambiamenti e alle evoluzioni del mercato che si susseguono con sempre maggiore forza, il private banker riveste un ruolo insostituibile fondato su una

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CLASSE DI APPARTENENZA Il Corso di Studio appartiene alla Classe n. 28/S, lauree specialistiche in INGEGNERIA CIVILE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 153 in data 29.05.2012, modificato con deliberazione G.P.

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Contenuti Il ruolo del SSUEm 118 nel sistema di protezione civile La Funzione 2 Sanità Interazione dell'intervento sanitario con gli altri

Dettagli

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Corsi di specializzazione

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

di PROTEZIONE CIVILE

di PROTEZIONE CIVILE PIANO SOVRACOMUNALE di PROTEZIONE CIVILE Fra i Comuni di Candiolo Via Foscolo, 4 Tel. 011.9934800 fax 011.9625926 e-mail comandopm@comune.candiolo.torino.it Castagnole Piemonte Via Roma, 2 Tel. 011.9862811,

Dettagli

Formulazione, attuazione, monitoraggio e valutazione di piani e progetti finanziati dai fondi strutturali europei

Formulazione, attuazione, monitoraggio e valutazione di piani e progetti finanziati dai fondi strutturali europei Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Formulazione, attuazione, monitoraggio

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

Security Manager. Professionista della Security Aziendale

Security Manager. Professionista della Security Aziendale OBIETTIVI e finalità Il programma del corso è progettato per soddisfare le attuali esigenze del mercato e le più recenti normative che richiedono nuove generazioni di manager e professionisti della Security

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE in Emergency Management

CORSO DI FORMAZIONE in Emergency Management CORSO DI FORMAZIONE in Emergency Management Oristano, 19-22 e 26-29 marzo 2012 Obiettivi Il corso ha come obiettivo principale la formazione del personale delle pubbliche amministrazioni della Regione

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti Nuove regole per la formazione lavoratori preposti dirigenti 1 Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile Assessorato alla Protezione Civile La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Provincia di Alessandria La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Sempre

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MASTER DI PRIMO LIVELLO IN: SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN. - VARESE Anno accademico 2010-2011 Varese, settembre 2010 PREMESSA Il progresso civile, sociale

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master 84 1 Titolo MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

Dettagli

MASTER per il Coordinamento

MASTER per il Coordinamento MASTER per il Coordinamento L. Briziarelli con M. Dellai, M. Giontella, A. Mastrillo e il contributo straordinario di L. Saiani Aggiornamento 2006-07 38 Corsi di Master 23 a Roma (7 Sapienza,16 Torvergata)

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo SCIENZE GEOLOGICHE 13-1414 Febbraio 2014 Legnaro-Agripolis SCIENZE GEOLOGICHE LAUREA DI 1 LIVELLO LAUREA MAGISTRALE Geologia e Geologia Tecnica (2 anni) DOTTORATO DI RICERCA Scienze della Terra (3 anni)

Dettagli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI SUI LUOGHI DI LAVORO RSPP - ASPP

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI SUI LUOGHI DI LAVORO RSPP - ASPP CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI SUI LUOGHI DI LAVORO RSPP - ASPP www.gruppomidi.it Sede di svolgimento Ge.Ma Via S. Sonnino 21/A 43126 PARMA

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

Salute, sicurezza e antirapina

Salute, sicurezza e antirapina PIANO FORMATIVO OGGETTO DI RICHIESTA DI FINANZIAMENTO Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/09 Piani aziendali e Piani individuali in materia di Salute, Sicurezza e Antirapina Salute, sicurezza e antirapina

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SCUOLA DI PREPARAZIONE PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO

CORSO DI FORMAZIONE SCUOLA DI PREPARAZIONE PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO CORSO DI FORMAZIONE SCUOLA DI PREPARAZIONE PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO 1ª EDIZIONE 300 ore 12 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM102 Pagina 1/6 Titolo SCUOLA DI PREPARAZIONE PER L'ABILITAZIONE

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza 1 CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza 1 Indice dei corsi 2 1. La gestione delle emergenze, BLS-D/PBLS-D e disostruzione delle vie aeree. Dedicato

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA Master Universitario annuale di II livello in IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO E PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO D INTESA L anno 2011, il giorno del mese di, il Servizio per la Protezione Civile della Provincia Autonoma

Dettagli

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Dipartimento della Protezione Civile - DPC Centro di Competenza Nazionale di Prevenzione degli Effetti del Caldo

Dettagli

Energy Management DI PRIMO LIVELLO

Energy Management DI PRIMO LIVELLO Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO A PORDENONE Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO Il Master si propone nel territorio in risposta alla

Dettagli

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA 19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA D294 Corso teorico-pratico addetti ai lavori elettrici CEI 11-27:2014... pag. 2 D291 Corso di aggiornamento CEI 11-27-2014 per addetti ai

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

AVVISO 3/12 OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SUPERIORE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO, DEI SERVIZI E DELLE PROFESSIONI

AVVISO 3/12 OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SUPERIORE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO, DEI SERVIZI E DELLE PROFESSIONI FOR.TE. Invito a partecipare alla costruzione di un catalogo nazionale di iniziative di Formazione Continua AVVISO 3/12 OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SUPERIORE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO, DEI SERVIZI E DELLE

Dettagli

Procedure di lavoro in ambienti confinati Livello specialistico

Procedure di lavoro in ambienti confinati Livello specialistico Procedure di lavoro in ambienti confinati Livello specialistico La formazione riferita a questo modulo formativo intende far acquisire le nozioni relative alla normativa e ai processi operativi che governano

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza 1 Indice dei corsi 1. La gestione delle emergenze, BLS-D/PBLS-D e disostruzione delle vie aeree. Dedicato

Dettagli

Project Manager 2020

Project Manager 2020 Project Manager 2020 2a edizione Leadership & team-building Sede: da definire Milano, 29 settembre e 5 ottobre, 2015 Presentazione e finalità del Corso L industria farmaceutica mondiale sta attraversando

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

Il vento: energia per le idee

Il vento: energia per le idee Il vento: energia per le idee Essere manager delle energie rinnovabili: l energia eolica CORSO DI FORMAZIONE ROMA 19-22 MAGGIO 2009 Introduzione Diverse sono le problematiche che devono affrontare coloro

Dettagli

P.IVA 0242905 069 9 n. R.E.A. CH - 178338 Via A. Barrella,63,61 66034 LANCIANO (CH) Tel. 0872/470057 info@humanfactorysrl.com www.humanfactorysrl.

P.IVA 0242905 069 9 n. R.E.A. CH - 178338 Via A. Barrella,63,61 66034 LANCIANO (CH) Tel. 0872/470057 info@humanfactorysrl.com www.humanfactorysrl. 1 2 ELENCO CORSI Abilità Personali Sviluppo delle competenze trasversali Leggere la Busta Paga Gestione e Amministrazione del personale base Gestione e Amministrazione del personale avanzato Formazione

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

PROGETTO SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1

PROGETTO SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1 PROGETTO SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1 BRESCIA Unità didattica n. 1 LA PROVA D EVACUAZIONE Percorsi d apprendimento A 1A.1 Il percorso d evacuazione 1A.2 I comportamenti corretti 1A.3 La segnaletica

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

Il vento: energia per le idee

Il vento: energia per le idee Il vento: energia per le idee Essere manager delle energie rinnovabili: l energia eolica Introduzione Diverse sono le problematiche che devono affrontare coloro che desiderano occuparsi di Energia rinnovabile:

Dettagli

PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SSPA. PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ

PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SSPA. PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SSPA PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ Roma, 21 maggio 2013 Sala Polifunzionale PCM FINALITÀ DEL PROGETTO

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza 1 Indice dei corsi 1. La gestione delle emergenze, BLS-D/PBLS-D e disostruzione delle vie aeree. Dedicato

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Utenti destinatari Restituzione dell esperienza di stage Studenti classi quinte Servizi Commerciali Discipline

Dettagli

Verificare la presenza di procedure e strumenti per il soccorso e l allertamento delle persone con disabilità presenti nei Piani di Emergenza.

Verificare la presenza di procedure e strumenti per il soccorso e l allertamento delle persone con disabilità presenti nei Piani di Emergenza. Monitoraggio dei sistemi di allertamento e soccorso in emergenza per le Persone con disabilità Risultati dell indagine per le Protezioni Civili Provinciali, le Associazioni di Volontariato, le Persone

Dettagli

I3A LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE

I3A LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE I3A LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: L-7 Ingegneria civile e ambientale NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Corso di nuova istituzione secondo DM 270 DIPARTIMENTO

Dettagli

LE PROPOSTE. SUMMER SCHOOL estate 2014. LEAN GAME ottobre 2014. TEAM BUILDING novembre 2014. CRM (Crew Resource Management) dicembre 2014

LE PROPOSTE. SUMMER SCHOOL estate 2014. LEAN GAME ottobre 2014. TEAM BUILDING novembre 2014. CRM (Crew Resource Management) dicembre 2014 L Api di Lecco propone alle Aziende associate alcuni percorsi di formazione manageriale con l obiettivo di valorizzare la capacità di chi in azienda svolge ruoli di responsabilità ed è quindi chiamato

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli