IPv6 1. Il protocollo IPv6. /XFD&DUGRQH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPv6 1. Il protocollo IPv6. /XFD&DUGRQHe-mail: luca.cardone@tilab.com"

Transcript

1 IPv6 1 /XFD&DUGRQH

2 (VDXULPHQWRGHJOLLQGLUL]]L,3 IPv6 2 ½raggiungimento del massimo numero di nodi indirizzabili con IPv4 previsto tra l anno 2005 e l anno 2011 con il ritmo attuale di assegnazione degli indirizzi, ma la nascita di nuove applicazioni basate su IP potrebbe incrementare pesantemente la domanda di nuovi indirizzi ½IPv6 propone uno spazio di indirizzamento su ELW contro i 32 bit di IPv4 ½una soluzione alternativa mirata a conservare IPv4 è: l utilizzo di LQGLUL]]LSULYDWL nelle intranet comunicazione con l esterno attraverso 1$71HWZRUN$GGUHVV 7UDQVODWRU, che però: KDQQRJURVVLOLPLWLSUHVWD]LRQDOL LPSHGLVFRQR LO IXQ]LRQDPHQWR GHL PHFFDQLVPL GL VXSSRUWR D PRELOLWj VLFXUH]]DHJDUDQ]LDGLVHUYL]LRDWWXDOPHQWHLQIDVHGLGHILQL]LRQHSHU,3Y HGLUHWWDPHQWHDSSOLFDELOLDQFKHDG,3Y

3 IPv6 3,QJHVWLELOLWj GHOOH WDEHOOH GL LQVWUDGDPHQWR GHL URXWHUGHOEDFNERQHGL,QWHUQHW ½IPv6 consente un aumentata capacità di aggregazione delle informazioni di instradamento (YROX]LRQHGHOOHHVLJHQ]H ½IPv6 nella sua versione definitiva offrirà un supporto nativo a: VHUYL]LDTXDOLWjGLIIHUHQ]LDWD DXWRFRQILJXUD]LRQH VHPSOLFLWjQHOFRQILJXUDUHHGDPPLQLVWUDUHXQD UHWH VHUYL]LPXOWLFDVW VLFXUH]]D DXWHQWLFD]LRQHHULVHUYDWH]]D PRELOLWj 2SSRUWXQLWj ½Snellire IP eliminando tutte le funzioni inutili

4 IPv HUVLRQ &ODVV )ORZ/DEHO 3D\ORDG/HQJWK 1H[W+HDGHU +RS/LPLW 6RXUFH$GGUHVV 'HVWLQDWLRQ$GGUHVV

5 IPv HUVLRQ,+/ 7\SHRI6HUYLFH 7RWDO/HQJWK,GHQWLILFDWLRQ )ODJV )UDJPHQW2IIVHW 7LPH7R/LYH 3URWRFRO +HDGHUFKHFNVXP 6RXUFH$GGUHVV 'HVWLQDWLRQ$GGUHVV 2SWLRQV 3DGGLQJ

6 / KHDGHU,3YFRQIURQWRFRQ,3Y IPv6 6 6HPSOLILFD]LRQL ½l header IPv6 ha OXQJKH]]DILVVD (40 byte) le opzioni non sono più trasportate all interno dell header IP TXHVWDIXQ]LRQHYLHQHVYROWDGDJOLH[WHQVLRQKHDGHU GL,3Y ½è stato rimosso il campo,3+hdghu/hqjwk (,+/) non più necessario in quanto l header IPv6 ha lunghezza fissa ½è stato rimosso il campo +HDGHU&KHFNVXP quasi tutti i protocolli di livello data link comprendono già il calcolo e la verifica di un checksum ½non esiste più la procedura di segmentazione hop-by-hop di conseguenza sono stati rimossi i campi,ghqwlilfdwlrq, )ODJV e )UDJPHQW2IIVHW ½è stato rimosso il campo 7\SH2I6HUYLFH (726)

7 / KHDGHU,3YFRQIURQWRFRQ,3Y IPv6 7,O VLJQLILFDWR GL DOFXQL FDPSL GHOO KHDGHU,3Y q VWDWRULYLVWRLQ,3Y,3Y 7RWDO/HQJWK,3Y 3D\ORDG/HQJWK 3URWRFROW\SH 1H[W+HDGHUW\SH 7LPH7R/LYH +RS/LPLW 1XRYLFDPSL ½)ORZ/DEHO e &ODVV supporto nativo per servizi a qualità differenziata

8 IPv6 8,QGLUL]]LOXQJKLELW DQ]LFKp ½ LQGLUL]]L ½FLUFD LQGLUL]]L 3LSUHFLVDPHQWH ½ LQGLUL]]L $OFXQHVWLPH ½VXSHUILFLHGHOODWHUUDPT ½ LQGLUL]]L,3YSHU PT

9 IPv6 9 7UHWLSLGLLQGLUL]]L ½XQLFDVW LQGLUL]]LGHOOHVWD]LRQL ½DQ\FDVW LQGLUL]]LGL³VHUYL]L ½PXOWLFDVW LQGLUL]]LGLJUXSSLGLVWD]LRQL QRQYLHQHSLXWLOL]]DWRLOEURDGFDVW *OLLQGLUL]]LVRQRDVVRFLDWLDOOHLQWHUIDFFH ½QRUPDOPHQWHDGRJQLLQWHUIDFFLDVRQRDVVRFLDWLSLLQGLUL]]L,3Y HVLQGLUL]]ROLQNORFDOLQGLUL]]RVLWHORFDO HLQGLUL]]RJOREDOH )LQRDGRUDqVWDWRULVHUYDWRFLUFDLOGHOOR VSD]LRGLLQGLUL]]DPHQWR,3Y

10 IPv6 10 / LQGLUL]]RYLHQHVXGGLYLVRLQEORFFKLGLELW FLDVFXQR,EORFFKLVRQRVHSDUDWLGD³ H YHQJRQRUDSSUHVHQWDWLLQQRWD]LRQHHVDGHFLPDOH ½IIHDIIIH ½IIH (VLVWRQRGHOOHVHPSOLILFD]LRQL ½VLSRVVRQRRPHWWHUHJOL]HULLQL]LDOL IIHDIIIH ½VLSRVVRQRVRVWLWXLUHJUXSSLGL]HULFRQ³ IIH *OLLQGLUL]]L,3YFRPSDWLELOL,3YVLVFULYRQR ½

11 IPv6 11 /,QN 3URYLGHU 5 5 /,QN 6LWH 3URYLGHU 5 :$1 5 5 :$ /,QN /,QN 5 5 /,QN 6LWH 6LWH

12 1RQSRVVRQRHVVHUHLQVWUDGDWLLQ,QWHUQHW ½LQGLUL]]LVLWHORFDO solo per comunicazioni interne al sito (intra-site) bit IPv /$,',QWHUIDFH,' esempio: IHFDIIIH ½LQGLUL]]LOLQNORFDO solo per comunicazioni all interno del link bit 0 0,QWHUIDFH,' esempio: IHDIIIH

13 IPv6 13,3YH,3YVRQR GXH SURWRFROOL GLYHUVL FKH QRQ SRVVRQRLQWHURSHUDUH 6RQRQHFHVVDULPHFFDQLVPLGLWUDQVL]LRQH ½'RWDUHLQRGLVLDGL,3YFKH,3YGXDOVWDFN ½,QFDSVXODUHLSDFFKHWWL,3YDOO LQWHUQRGLTXHOOL,3YWXQQHOLQJ Il tunneling si classifica in base al meccanismo mediante il quale il nodo che effettua l incapsulamento determina l indirizzo del nodo all altra estremità del tunnel WXQQHOLQJPDQXDOH WXQQHOLQJDXWRPDWLFR ½,QWURGXUUHDLFRQILQLGHOOHLVROH,3YURXWHUGRWDWLGHOOD IXQ]LRQDOLWjGL1$71HWZRUN$GGUHVV7UDQVODWRU traduzione di pacchetti IPv6 in pacchetti IPv4 e viceversa

14 IPv6 14 5HWH,3Y 6,3Y 5 5RXWHU,3Y,3Y 5,3Y 5HWH,3Y HV,QWHUQHW 7XQQHO 5,3Y 5 5RXWHU,3Y,3Y 5HWH,3Y ',3Y 8VHU'DWD 8VHU'DWD 7&3+HDGHU 8VHU'DWD 7&3+HDGHU,3Y+HDGHU 6UF6,3Y 'VW',3Y 7&3+HDGHU,3Y+HDGHU 5,3Y+HDGHU 6UF5,3Y 'VW5,3Y 5,3Y+HDGHU 6,QFDSVXOD 'HFDSVXOD '

15 IPv6 15 5HWH,3Y 5HWH,3Y,3Y,3Y +RVW 5RXWHU,3Y,QWHUQHW 7XQQHO 5RXWHU,3Y,3Y,3Y +RVW 8VHU'DWD 7&3+HDGHU,3Y+HDGHU,3Y+HDGHU 6UF 'VW 6UF 'VW 'HULYD]LRQH $XWRPDWLFD 8VHU'DWD 7&3+HDGHU,3Y+HDGHU 6 ',QFDSVXOD 'HFDSVXOD

16 + 5RXWHU +,3Y,3Y 1$7 +,3Y 5HWH,3Y es. 3ffe:1001:1:f::/64 3RRO,3Y es /28 3RRO,3Y 5HWH,3Y +,3Y IPv6 16 (VLVWRQRGLYHUVHPRGDOLWjGLXWLOL]]RGHL1$7 QHOODWUDQVL]LRQHYHUVR,3Y (VHPSLRSURSRVWDFLVFR 7DEHOODGLPDSSLQJ +,3Y!3RRO,3YDGGU 3RRO,3YDGGU +,3Y

17 IPv6 17 %DFNERQHGL,QWHUQHW Long-Haul Provider Long-Haul Provider Internet Exchange Long-Haul Provider Long-Haul Provider 7/$V Internet Exchange 3URYLGHU 3URYLGHU 1/$V 3URYLGHU 6XEVFULEHU 6XEVFULEHU 6XEVFULEHU 6XEVFULEHU 6XEVFULEHU 6XEVFULEHU

18 IPv6 18 / DUFKLWHWWXUDGLLQGLUL]]DPHQWRULVSHFFKLDOD WRSRORJLDGLUHWH ½Lo spazio di indirizzamento non viene organizzato in classi, ma secondo una JHUDUFKLDEDVDWDVXOSURYLGHU ½L assegnazione degli indirizzi rispetta tale gerarchia 7/$7RS/HYHO$JJUHJDWRU RUJDQL]]D]LRQL GLVSRVWH DG RIIULUH XQ VHUYL]LR GL WUDQVLWR SXEEOLFR SHU LO WUDIILFR,3Y DG RJQL 7/$ YLHQH DVVHJQDWR XQ SUHILVVR GL UHWH 7/$ SUHIL[ R 7/$,' FRUULVSRQGHQWHDLELWGLRUGLQHSLHOHYDWRGHOO LQGLUL]]R,3Y Un TLA può utilizzare i 32 bit successivi per assegnare blocchi di indirizzi ai cosidetti 1H[W/HYHO$JJUHJDWRU1/$ che possono essere SURYLGHURSSXUHJUDQGLRUJDQL]]D]LRQLSXEEOLFKHRSULYDWH Ogni NLA può assegnare porzioni del suo spazio di indirizzamento ad altri provider o direttamente agli utenti (subscriber)

19 ,QGLUL]]DPHQWRJHUDUFKLFRYDQWDJJL IPv6 19 $JJUHJD]LRQH GHOOHLQIRUPD]LRQLGL UDJJLXQJLELOLWj ½contenimento della dimensione delle tabelle di instradamento )OHVVLELOLWj ½ogni livello gerarchico può strutturare a suo piacimento lo spazio di indirizzamento a lui assegnato (IILFLHQ]D ½riduzione del numero di indirizzi inutilizzati

20 ,QGLUL]]DPHQWRJHUDUFKLFRVYDQWDJJL IPv6 20 / LQGLUL]]RQRQDSSDUWLHQHSLDOO XWHQWHPDDO SURYLGHU 4XDQGR FDPELD OD WRSRORJLD GL UHWH HV FDPELR GLSURYLGHUFKLqFRLQYROWRQHOFDPELDPHQWR GHYHSURYYHGHUHDXQDVHULHGLULFRQILJXUD]LRQL ½Rinumerazione degli host ½Rinumerazione dei router ½Aggiornamento dei DNS e di tutti i database dove è memorizzata la corrispondenza tra nomi ed indirizzi 3UREOHPDFRQODJHVWLRQHGHOPXOWLKRPLQJ ½molti siti sono connessi ad Internet attraverso più di un Internet Service Provider (ISP)

21 ,QGLUL]]DPHQWRJHUDUFKLFROHULVSRVWHGL,3Y IPv6 21 'LIILFROWjGLXQVLWRDULQXPHUDUH ½,3YULVSRQGHDTXHVWRSUREOHPDLQGXHPRGL GLIIHUHQWL LQWURGXFHQGRSRWHQWLPHFFDQLVPLGLDXWRFRQILJXUD]LRQH ILQDOL]]DWLDUHQGHUHTXDVLDXWRPDWLFDODULQXPHUD]LRQHGLXQ VLWR riconfigurazione dei router riconfigurazione degli host riconfigurazione del DNS ecc. ULGXFHQGRODSUREDELOLWjFKHXQVLWRGHEEDULQXPHUDUH DWWUDYHUVRO HVWHQVLRQHGHOOHIXQ]LRQDOLWjGHJOL([FKDQJH l idea è che anche gli Exchange possano allocare indirizzi

22 ,QGLUL]]DPHQWRJHUDUFKLFROHULVSRVWHGL,3Y *HVWLRQHGHOPXOWLKRPLQJ IPv6 22 ½IPv6 prevederà meccanismi espliciti per supportare la presenza di siti multihomed senza degradare significativamente l efficacia dell aggregazione su base provider O LGHDqFKHVHXQVLWRqFRQQHVVRD1,63RJQLLQWHUIDFFLDGLUHWH GHEEDHVVHUHFRQILJXUDWDFRQ1LQGLUL]]LXQRSHURJQL,63 approccio non possibile con IPv4 (esaurimento indirizzi) problemi aperti: VRXUFHDGGUHVVVHOHFWLRQ FRPHIDUVRSUDYYLYHUHXQDVHVVLRQH7&3DVHJXLWRGLXQJXDVWRLQ UHWH IIH,63$,63% IIH 5 5 IIH 5 5 IIH IIH IIH

23 IPv6 23,3YqVWDWRSURJHWWDWRSHUHVVHUHXQSURWRFROOR ³3OXJDQG3OD\ ½evitare configurazioni manuali $XWRFRQILJXUD]LRQHGHJOLKRVW ½è stata definita la versione IPv6 del protocollo DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) autoconfigurazione assistita da un server centralizzato ½la novità rispetto ad IPv4 è il protocollo di 1HLJKERU'LVFRYHU\1' consente agli host di autoconfigurarsi FRPSOHWDPHQWH sulla base delle informazioni pubblicizzate dai router vicini non richiede la configurazione ed il mantenumento di un server centralizzato semplifica enormemente l amministrazione della rete

24 ,OSURWRFROORGL1HLJKERU'LVFRYHU\ IPv6 24 )DSDUWHGL,&03Y 8WLOL]]DPHVVDJJLPXOWLFDVW ½quindi presuppone che ogni interfaccia di rete sia in grado di supportare trasmissioni multicast 'HILQLVFHLPHFFDQLVPLSHUVYROJHUHXQLQVLHPH GL VHUYL]L FKH UDSSUHVHQWDQR XQD VRVWDQ]LDOH QRYLWjULVSHWWRD,3Y ½$GGUHVV$XWRFRQILJXUDWLRQ ½$GGUHVV5HVROXWLRQ ½'XSOLFDWH$GGUHVV'HWHFWLRQ ½5RXWHU'LVFRYHU\ ½3UHIL['LVFRYHU\ ½5HGLUHFW

25 IPv6 25 2JQL QRGR,3Y KRVW R URXWHU SXz FRVWUXLUH DXWRQRPDPHQWH JOL LQGLUL]]L OLQNORFDO GHOOH VXH LQWHUIDFFH 3UHILVVR IH /LQNORFDOSUHIL[,QGLUL]]R(WK,QGLUL]]ROLQNORFDO IHDIIIH +RVW,QTXHVWRPRGRODVWD]LRQHqLQJUDGRGL FRPXQLFDUHGDVXELWR DOO LQWHUQRGHOOLQN

26 'XHSRVVLELOLPRGDOLWjGLFRQILJXUD]LRQH DXWRPDWLFDGHJOLLQGLUL]]L ½6WDWHIXO$XWRFRQILJXUDWLRQ IPv6 26 la configurazione viene assistita da un server centralizzato (server DHCP) ½6WDWHOHVV$XWRFRQILJXUDWLRQ attraverso il protocollo di 1HLJKERU'LVFRYHU\ 3UHILVVR IIH 5RXWHU,3Y,QGLUL]]R(WK,QGLUL]]R,3Y IIHDIIIH +RVW 5RXWHU$GYHUWLVHPHQW 5RXWHU6ROLFLWDWLRQ

27 &RPHFDPELDO DUFKLWHWWXUDGL,QWHUQHW IPv6 27,Q,3YVRWWRUHWL,3GLYHUVHSRVVRQRFRPXQLFDUH VRORDWWUDYHUVRURXWHU ½questo anche se sono configurate sulla stessa rete fisica (link),q,3ylqyhfhvrwwruhwl,3frqiljxudwhvxoor VWHVVROLQNFRPXQLFDQRVHPSUHGLUHWWDPHQWH ½ODVXGGLYLVLRQHORJLFDLQVRWWRUHWL,3QRQFRQWD +,3Y 5RXWHU,3Y + 6RWWRUHWH,3 6RWWRUHWH,3

28 IPv6 28,OSURWRFROORGLURXWLQJGLQDPLFR5,3YqVWDWRLO SULPR DG HVVHUH VSHFLILFDWR 5)& HG LPSOHPHQWDWR /DVWDQGDUGL]]D]LRQHGHOODYHUVLRQH,3YGHO SURWRFROOR263)263)YqWXWWRUDLQFRUVR 6LD5,3YVLD263)YVRQRSRFRDGDWWLDO URXWLQJLQWHUGRPDLQWUD$XWRQRPRXV6\VWHP ½non sono scalabili a reti IP di grandi dimensioni ½non offrono strumenti adeguati per il controllo amministrativo dell instradamento

29 IPv6 29 6RQR GLVSRQLELOL GXH SURSRVWH SHU HVWHQGHUH %*3 LQ PRGR FKH SRVVD VXSSRUWDUH,3Y ROWUH DG,3Y ½%*3 soluzione proposta da CISCO sono disponibili numerose implementazioni prototipali (cisco, Telebit, Digital, Merit, ecc.) utilizzato all interno di 6Bone ½%*3 soluzione proposta da Bay Networks introduce ulteriori estensioni a BGP4 volte a migliorarne la scalabilità a reti IP di grandi dimensioni è nota solo un implementazione da parte di Bay Networks

30 IPv6 30 0XOWLFDVW 6LFXUH]]D ½autenticazione ½riservatezza ½integrità 0RELOLWjGHLWHUPLQDOL 6XSSRUWRQDWLYRSHUVHUYL]L DTXDOLWjGLIIHUHQ]LDWD

31 IPv6 31 7UDVPLVVLRQH GL GDWDJUDP,3 DG XQ LQVLHPH GL XQRRSLKRVWGHWWRJUXSSRPXOWLFDVW ½ogni gruppo è identificato da un LQGLUL]]RPXOWLFDVW,3Y JOL LQGLUL]]L PXOWLFDVW VRQR LQGLUL]]L GL FODVVH ' FLRq DSSDUWHQHQWL DOO QHVVXQDLQGLFD]LRQHHVSOLFLWDVXOORVFRSHGHOJUXSSRXWLOL]]RGHOFDPSR 77/GHOO KHDGHU,3DWDOHVFRSR,3Y ))JURXS,'!LQGLUL]]RPXOWLFDVWOLQNORFDO ))JURXS,'!LQGLUL]]RPXOWLFDVWVLWHORFDO ))(JURXS,'!LQGLUL]]RPXOWLFDVWJOREDOH ½l appartenenza ad un gruppo è GLQDPLFD: ad ogni host è consentito entrare o uscire da un gruppo multicast in qualsiasi momento ½paradigma PXOWLSXQWRPXOWLSXQWR ½si può trasmettere senza preavviso ma si riceve solo se registrati quali appartenenti al gruppo multicast

32 3RVVLELOLVHUYL]L IPv6 32 ½$XWHQWLFD]LRQH: verifica dell identità del corrispondente ½5LVHUYDWH]]D: criptazione dei dati ½,QWHJULWj: garanzia che il contenuto informativo di un messaggio non sia stato modificato lungo il percorso di instradamento,q,3yvrqrvhuyl]lvyrowldoglixrulgl,3 ½dai ILUHZDOO mediante un controllo degli indirizzi IP ½dalle applicazioni stesse,q,3yglyhqwdqrvhuyl]lvyrowlgd,3 ½prima di iniziare la comunicazione mittente e destinatario devono accordarsi sull algoritmo di autenticazione e criptazione e sulla chiave segreta che questi algoritmi devono usare ½vengono utilizzati: $XWKHQWLFDWLRQ+HDGHU (QFU\SWHG6HFXULW\3D\ORDG+HDGHU(63+HDGHU

33 &RVDYXROGLUHPRELOLWjLQ,QWHUQHW" IPv6 33 ½nell accezione più generale il problema che si presenta è quello di consentire l accesso ai servizi Internet da terminali mobili dotati di interfaccia wireless mantenendo la FRQWLQXLWjGHOVHUYL]LR cioè senza che si renda necessario interrompere le sessioni di comunicazione a seguito di uno spostamento da un area di copertura ad un altra ½un caso particolare è la possibilità per un utente dotato di un terminale portatile con un interfaccia di rete tradizionale (es. 10BaseT Ethernet) di FDPELDUHLQPRGRWUDVSDUHQWHLOSURSULRSXQWRGLDFFHVVRDOOD UHWH Internet $IILQFKpOHVHVVLRQL7&3DWWLYHQRQYHQJDQR DEEDWWXWHDGRJQLVSRVWDPHQWR ½il terminale mobile deve essere in grado di FRPXQLFDUHXWLOL]]DQGR VHPSUHORVWHVVRLQGLUL]]R,3 indipendentemente dal suo punto di accesso alla rete Internet

34 IPv6 34 $GRJQLWHUPLQDOHPRELOHGHYRQRHVVHUH DVVHJQDWLGXHLQGLUL]]L,3Y ½KRPHDGGUHVV è un indrizzo appartenente alla sottorete di origine del terminale mobile ed è ad esso permanentemente assegnato ½FDUHRIDGGUHVV è un indirizzo appartenente alla sottorete visitata cambia ad ogni spostamento viene acquisito mediante un meccanismo di autoconfigurazione (es. Stateless Autoconfiguration) LGHQWLILFDODSRVL]LRQHLVWDQWDQHDGHOPRELOH,QROWUH XQ URXWHU GHOOD VRWWRUHWH GL RULJLQH GHYH IXQ]LRQDUHGDKRPHDJHQW SHULOPRELOH ½l home agent gestisce il forwarding del traffico verso il terminale mobile mentre questo si trova lontano dalla sottorete di origine

35 IPv6 35 'XH QXRYL FDPSL QHOO KHDGHU,3Y SHQVDWL SHU IRUQLUH XQ VXSSRUWR QDWLYR D VHUYL]L D TXDOLWj GLIIHUHQ]LDWD ½IORZODEHO ½FODVV HUVLRQ &ODVV )ORZ/DEHO 3D\ORDG/HQJWK 1H[W+HDGHU +RS/LPLW 6RXUFH$GGUHVV 'HVWLQDWLRQ$GGUHVV

36 IPv6 36 3XzHVVHUHXVDWRGDOODVRUJHQWHSHULGHQWLILFDUH XQ IOXVVR GL GDWL SHU FXL VL ULFKLHGH XQ WUDWWDPHQWRVSHFLDOHGDSDUWHGHLURXWHU ½ad esempio una TXDOLWjGHOVHUYL]LRJDUDQWLWD per il trasferimento dei datagram generati da un DSSOLFD]LRQHUHDOWLPH 3HQVDWR SHU HVVHUH XWLOL]]DWR FRQ XQ SURWRFROOR GLULVHUYD]LRQHGHOOHULVRUVHFRPH5693 ½con,3Y RSVP identifica un flusso mediante gli indirizzi IP di sorgente e destinazione ed il numero di porta TCP/UDP LQHIILFLHQWH in quanto i router attraversati per classificare i flussi entranti devono analizzare, oltre all header IP, anche l header del protocollo di trasporto utilizzato ½con,3Y un flusso può essere identificato semplicemente combinando all'indirizzo della sorgente un flow label non nullo HIILFLHQWH in quanto il flow label è collocato nell header IPv6 in una posizione fissa

37 IPv6 37 Ê IUXWWR GL XQD UHFHQWH UHYLVLRQH GHOOD VWUXWWXUD GHOO KHDGHU,3Y ½RULJLQDULDPHQWH O DWWXDOH FDPSR ³FODVV HUD GHQRPLQDWR ³SULRULW\ HG HUD VWDWR SHQVDWR SHU FRQVHQWLUH DOOD VRUJHQWH GL DVVHJQDUHXQDSULRULWjHQGWRHQG DLSDFFKHWWLWUDVPHVVL utile qualora non tutti i pacchetti trasmessi abbiano la stessa valenza dal punto di vista della qualità percepita dall utente finale DGHVHPSLRWUDVPLVVLRQHGLIOXVVLDXGLRYLGHRFRQFRGLILFDDOLYHOOL ½VXFFHVVLYDPHQWHTXHVWDLGHDqVWDWDDEEDQGRQDWD la presenza di un meccanismo di priorità incentiva la sorgente a trasmettere sempre tutto il traffico disponibile LO FRPSLWR GL VFDUWDUH L SDFFKHWWL D EDVVD SULRULWj LQ FDVR GL FRQJHVWLRQH YLHQHODVFLDWRDOODUHWH PHJOLR SUHYHGHUH XQ PHFFDQLVPR GL IHHGEDFN che porti la stessa sorgente a ridurre il bit-rate trasmesso in caso di congestione

38 $WWXDOPHQWHVRQRGLVSRQLELOLQXPHURVH LPSOHPHQWD]LRQLGL,3YSHUKRVWHURXWHU IPv6 38 ½http://playground.sun.com/pub/ipng/html/ipng-implementations.2.html $OFXQHGHOOHSLLQWHUHVVDQWLLPSOHPHQWD]LRQLGL KRVW,3YVRQROHVHJXHQWL.DPHSHU)UHH%6' 681SHU6RODULV,15,$SHU)UHH%6'H1HW%6' 15/SHU1HW%6'H2SHQ%6' /LQX[ 'LJLWDO(TXLSPHQW&RUSRUDWLRQSHU$OSKD',*,7$/81,;,%0SHU$,;YHUVLRQ $SSOH&RPSXWHU 6,&66ZHGLVK,QVWLWXWHRI&RPSXWHU6FLHQFHSHU+38;VX+3VHULH 0LFURVRIWSHU:LQGRV;3 'DVVDXOW(OHFWURQLTXH*URXSSHU:LQGRZV17)UHH%6'

39 IPv6 39 7XWWL L SULQFLSDOL FRVWUXWWRUL GL URXWHU VWDQQR LQWHJUDQGRLOVXSSRUWRDG,3YQHLORURDSSDUDWLH VRQRJLjGLVSRQLELOLQXPHURVHLPSOHPHQWD]LRQL ½Bay Networks ½cisco systems ½3Com ½Digital Equipment Corporation (router della famiglia DEC RouteAbout) ½INRIA ha incluso all interno della sua implementazione di IPv6 il supporto per i protocolli RIPv6 e BGP4+ ½Merit Network Inc. ha sviluppato un demone (MRT - Multi Threaded Routing Toolkit -) che implementa RIPv6 e BGP4+ su stazioni con sistema operativo unix (FreeBSD, Linux, ecc.) ½Sumitomo Electric (router della famiglia Suminet 3700) ½Telebit Communications (router TBC2000) ½Nokia

40 IPv6 40 6RQRJLjGLVSRQLELOLSHUWXWWHOHLPSOHPHQWD]LRQL GL,3YHVLVWHQWL ½DSSOLFDWLYLGLPRQLWRULQJHWHVWLQJ SLQJWUDFHURXWH ½DSSOLFDWLYL³WUDGL]LRQDOL IWSWHOQHW 6RQRGLVSRQLELOLOHSULPHLPSOHPHQWD]LRQLGL ½VHUYHUHEURZVHU::: 0RVDLFP0RVDLF$SDFKH ½DSSOLFDWLYL0%RQH VGUYDW

41 IPv6 41,YDQWDJJLGL,3Y ½,3YULVROYHLOSUREOHPDGHOO HVDXULPHQWRGHOORVSD]LRGL LQGLUL]]DPHQWR,3 ½,3YSHUPHWWHGLFRQWHQHUHOHGLPHQVLRQLGHOOHWDEHOOHGL LQVWUDGDPHQWRGHLURXWHUGLEDFNERQH aggregazione su base provider VDUjSUDWLFDELOHSHUFKqVDUjIDFLOHSHUXQVLWRULQXPHUDUH gestione del multihoming LQWHUIDFFHFRQLQGLUL]]LPXOWLSOLXQRSHURJQLSURYLGHU ½,3YQDVFHFRPHXQDUD]LRQDOL]]D]LRQHGL,3Y sono state mantenute le funzionalità di base del protocollo eliminando quelle inutili ½,3YVDUjXQSURWRFROOR³3OXJDQG3OD\ questo amplierà significativamente il campo di applicazione di IP ½*OLH[WHQVLRQKHDGHUIDQQRGL,3YXQSURWRFROORHIILFLHQWHH IDFLOPHQWHHVSDQGLELOH

42 IPv6 42,YDQWDJJLGL,3YFRQW ½)XQ]LRQDOLWjHYROXWH 0XOWLFDVW FRQ,3YVDUjVXSSRUWDWRGDVXELWR VXWXWWHOHLPSOHPHQWD]LRQL LQYHFH GRSR DQQL GDOOD SXEEOLFD]LRQH GL 5)& H DQQL GRSR OD QDVFLWD GL 0%RQH LO PXOWLFDVW QRQ q DQFRUD VXSSRUWDWR GD WXWWH OH LPSOHPHQWD]LRQLGL,3Y 6LFXUH]]D PHFFDQLVPLGLVLFXUH]]DDQDORJKLDTXHOOLGL,3YVRQRGHILQLWLDQFKHSHU,3Y PD LQWURGXUOL YRUUHEEH GLUH DJJLRUQDUH WXWWL L QRGL GL,QWHUQHW RSHUD]LRQHGLXQDFRPSOHVVLWjDQDORJDDOODPLJUD]LRQHDG,3Y 0RELOLWj O LQWURGX]LRQH GL XQ VXSSRUWR HIILFLHQWH DOOD PRELOLWj LQ,3Y ULFKLHGH O DJJLRUQDPHQWRGLWXWWLLQRGLGL,QWHUQHW 6HUYL]LDTXDOLWjGLIIHUHQ]LDWD,3YqLQJUDGRGLVXSSRUWDUHLQPRGRHIILFLHQWHDSSOLFD]LRQLUHDOWLPH

43 IPv6 43 4XDQGRODWUDQVL]LRQH" ½HVDXULPHQWRGHJOLLQGLUL]]LSUHYLVWRWUDLOHLO ½PDGHYRQRHVVHUHFRQVLGHUDWLDQFKHDOWULIDWWRUL PROWHJUDQGLFRPSDJQLHSRWUHEEHURWUDUUHJUDQGHEHQHILFLRGDOOD GLVSRQLELOLWjGLXQDVSD]LRGLLQGLUL]]DPHQWRSLDPSLR FRQ,3YXQVLWRSRWUjULQXPHUDUHIDFLOPHQWHDVHJXLWRGLXQFDPELR GLSURYLGHU questo renderà più dinamico il mercato degli ISP senza compromettere l efficacia del meccanismo di aggregazione su base provider / LQWURGX]LRQHGL,3YGRYUHEEHDFFHOHUDUH LOSURFHVVRGLFUHVFLWDGHOODUHWH,QWHUQHW

IP versione 6 Mobilità nelle reti IP

IP versione 6 Mobilità nelle reti IP IP versione 6 Mobilità nelle reti IP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

352%/(0,&21/()5$=,21,

352%/(0,&21/()5$=,21, %/(0,&1/()$=,1, UREOHPLGLUHWWL,&(&$'(//$$7()$=,1$,$',81180(,OQRQQRGL/XLVDKDLQFDQWLQDWUD ELDQFR H URVVR OLWUL GL YLQR, VRQRGLYLQRURVVR4XDQWLOLWUL GL YLQR URVVR KD LO QRQQR" 4XDQWL VRQRLOLWULGLYLQRELDQFR",O

Dettagli

Art. 24. Gare informatiche e supporto ai programmi informatici delle pubbliche amministrazioni.

Art. 24. Gare informatiche e supporto ai programmi informatici delle pubbliche amministrazioni. /Q Disposizioni per la delegificazione di norme e per la semplificazione di procedimenti amministrativi - Legge di semplificazione 1999. Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 novembre 2000, n. 275. Art. 24. Gare

Dettagli

3URFXUHPHQW7UDLQLQJ3URJUDP $QDOLVL(FRQRPLFDGHL0HUFDWL $UHDHFRQRPLFD

3URFXUHPHQW7UDLQLQJ3URJUDP $QDOLVL(FRQRPLFDGHL0HUFDWL $UHDHFRQRPLFD 3URFXUHPHQW7UDLQLQJ3URJUDP $QDOLVL(FRQRPLFDGHL0HUFDWL $UHDHFRQRPLFD 3HUFKp IRUPDUVLVXO3URFXUHPHQW", VLVWHPL GL 3URFXUHPHQW VWDQQR VXEHQGR SURIRQGH PRGLILFD]LRQL QHOOD 3XEEOLFD $PPLQLVWUD]LRQH DOOD OXFH

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

/DSURGX]LRQHFRPSOHVVLYDGLULILXWLVROLGLXUEDQL

/DSURGX]LRQHFRPSOHVVLYDGLULILXWLVROLGLXUEDQL */,2%,(77,9,,&217(187,(/()$6,',/$9252 6L ULDVVXPRQR TXL GL VHJXLWR OH IDVL VHJXLWH SHU OR VYLOXSSR GHO VXSSRUWR WHFQLFR VFLHQWLILFRSHUODUHGD]LRQHGHO3LDQR3URYLQFLDOHSHUOHUDFFROWHGLIIHUHQ]LDWHGHLULILXWL,OODYRURVLqDUWLFRODWRSULQFLSDOPHQWHLQWUHIDVLHSUHFLVDPHQWH

Dettagli

Capitolo 4 Livello di rete

Capitolo 4 Livello di rete Capitolo 4 Livello di rete Nota per l utilizzo: Abbiamo preparato queste slide con l intenzione di renderle disponibili a tutti (professori, studenti, lettori). Sono in formato PowerPoint in modo che voi

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO Pirelli & C. - Società per Azioni - Sede legale in Milano - Via Gaetano Negri n. 10 Capitale Sociale Euro 339.422.773,56 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice fiscale n. 00860340157

Dettagli

VTWIN. Manuale software 5HOGHO9DOLGRSHU97:,19HU[[

VTWIN. Manuale software 5HOGHO9DOLGRSHU97:,19HU[[ VTWIN Manuale software /HLQIRUPD]LRQLFRQWHQXWHLQTXHVWRGRFXPHQWRVRQR VRJJHWWH D PRGLILFD VHQ]D SUHDYYLVR H QRQ UDSSUH VHQWDQRXQREEOLJRSHUOD(6$HOHWWURQLFD63$ 7XWWL L SURGRWWL VRQR PDUFKL FRPPHUFLDOL R UHJLVWUDWL

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Coordinamento per l Educazione Motoria, Fisica e Sportiva

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Coordinamento per l Educazione Motoria, Fisica e Sportiva Bari, 05.12.2006 Prot. 5090/MP/ CONI Progetto Barilla Coordinatore regionale Prof. Marino Pellic E.mail: marino.pellico.ba@istruzione.it Al Presidente C.O.N.I. Ing. Raffaele Sannicandro Ai Dirigenti Scuola

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

Indice generale. Ringraziamenti...xiii. Introduzione...xv. Capitolo 1 IPv6: i fattori trainanti...1. Capitolo 2 Panoramica su IPv6...

Indice generale. Ringraziamenti...xiii. Introduzione...xv. Capitolo 1 IPv6: i fattori trainanti...1. Capitolo 2 Panoramica su IPv6... Ringraziamenti...xiii Introduzione...xv Capitolo 1 IPv6: i fattori trainanti...1 Internet: una storia di successo...1 Aspetti notevoli dal punto di vista dell offerta...4 I crocevia di Internet...7 Su

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

SETTIMA LEGISLATURA ',6326,=,21,68//(7(5$3,(&203/(0(17$5,7(5$3,$'(/6255,62( 3(77+(5$3<

SETTIMA LEGISLATURA ',6326,=,21,68//(7(5$3,(&203/(0(17$5,7(5$3,$'(/6255,62( 3(77+(5$3< &216,*/,25(*,21$/('(/9(1(72 SETTIMA LEGISLATURA 7(67281,),&$72'(,352*(77,',/(**(11± ',6326,=,21,68//(7(5$3,(&203/(0(17$5,7(5$3,$'(/6255,62( 3(77+(5$3< 7(672/,&(1=,$72'$//$9 &200,66,21(1(//$6('87$'(// 8/11/2004

Dettagli

,FKLDULPHQWLGHOODJDUDVRQRYLVLELOLDQFKHVXOVLWRZZZPHIJRYLWVRWWRODGLFLWXUD&RQFRUVLH%DQGL *DUHLQ&RUVRHVXOVLWRZZZ&RQVLSLW

,FKLDULPHQWLGHOODJDUDVRQRYLVLELOLDQFKHVXOVLWRZZZPHIJRYLWVRWWRODGLFLWXUD&RQFRUVLH%DQGL *DUHLQ&RUVRHVXOVLWRZZZ&RQVLSLW 2JJHWWR JDUD D SURFHGXUD DSHUWD LQGHWWD DL VHQVL GHO 'OJV Q H VXFFHVVLYH PRGLILFKH SHU O DFTXLVL]LRQHGLXQVLVWHPDGLVLFXUH]]DSHULOFHQWURFRPXQLFDWLYRGHOPLQLVWHURGHOO HFRQRPLDHGHOOH ILQDQ]H DLFKLDULPHQWL,FKLDULPHQWLGHOODJDUDVRQRYLVLELOLDQFKHVXOVLWRZZZPHIJRYLWVRWWRODGLFLWXUD&RQFRUVLH%DQGL

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

5(*,21($872120$ )5,8/,9(1(=,$*,8/,$ /HJJHUHJLRQDOHIHEEUDLRQ 5,)250$'(// 85%$1,67,&$(',6&,3/,1$ '(// $77,9,7 (',/,=,$('(/3$(6$**,2 %85IHEEUDLRQ

5(*,21($872120$ )5,8/,9(1(=,$*,8/,$ /HJJHUHJLRQDOHIHEEUDLRQ 5,)250$'(// 85%$1,67,&$(',6&,3/,1$ '(// $77,9,7 (',/,=,$('(/3$(6$**,2 %85IHEEUDLRQ 5(*,21($872120$ )5,8/,9(1(=,$*,8/,$ /HJJHUHJLRQDOHIHEEUDLRQ 5,)250$'(// 85%$1,67,&$(',6&,3/,1$ '(// $77,9,7 (',/,=,$('(/3$(6$**,2 %85IHEEUDLRQ 7(672&225',1$72 0RGLILFKHHLQWHJUD]LRQLDLVHQVLGHOOD /5DJRVWR1%85DJRVWRƒVXSSORUGQDOQ

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

SETTIMA LEGISLATURA. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Braghetto e Scaravelli

SETTIMA LEGISLATURA. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Braghetto e Scaravelli &216,*/,25(*,21$/('(/9(1(72 SETTIMA LEGISLATURA 352*(772',/(**(1 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Braghetto e Scaravelli 1250( 5(*,21$/,,1 0$7(5,$ ', ³3(7 7+(5$3< 2 7(5$3,$ $66,67,7$'$*/,$1,0$/,

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

software cartografico per la pianificazione di emergenza e la gestione della Sala Operativa

software cartografico per la pianificazione di emergenza e la gestione della Sala Operativa =(52JLV$8*86786 software cartografico per la pianificazione di emergenza e la gestione della Sala Operativa Zerobyte Sistemi Srl Via Chimenti, 1 50142 Firenze www.zerobyte.it Tel. 055 707451 / 055 708161

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

/DERUDWRULRGL 'LGDWWLFDGHOOD0DWHPDWLFD

/DERUDWRULRGL 'LGDWWLFDGHOOD0DWHPDWLFD 6SHFLDOL]]DQGL *UXSSR $QWRQLHWWL6WHIDQR %HWWDOH$QQD 'DOOD9HFFKLD)DELR 'D9LOOD0DGGDOHQD /D]]DULV*LXOLDQD 7HVLQD GL /DERUDWRULRGL 'LGDWWLFDGHOOD0DWHPDWLFD 3URIVVD/RUHGDQDOHWWD 9LVRQRWUHWLSLGLPHQ]RJQH OHPHQ]RJQH

Dettagli

VPN: connessioni sicure di LAN geograficamente distanti. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

VPN: connessioni sicure di LAN geograficamente distanti. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it VPN: connessioni sicure di LAN geograficamente distanti IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Virtual Private Network, cosa sono? Le Virtual Private Networks utilizzano una parte di

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori

Corso di Reti di Calcolatori Corso di Reti di Calcolatori IP switch uplink FDDI backbone global server porta Fddi Prof. Orazio Mirabella HUB SWITCH Ethernet SWITCH Ethernet Eth. 10Base-T SWITCH Ethernet TCP/IP Cenni Storici Internet

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

&RQ OD SURQXQFLD LQ HVDPH LO 7ULEXQDOH GL %RORJQD GLVDWWHQGHQGR OD ULFKLHVWD DYDQ]DWD GD SDUWH GL HQWUDPEL L JHQLWRUL GL

&RQ OD SURQXQFLD LQ HVDPH LO 7ULEXQDOH GL %RORJQD GLVDWWHQGHQGR OD ULFKLHVWD DYDQ]DWD GD SDUWH GL HQWUDPEL L JHQLWRUL GL &RQ OD SURQXQFLD LQ HVDPH LO 7ULEXQDOH GL %RORJQD GLVDWWHQGHQGR OD ULFKLHVWD DYDQ]DWD GD SDUWH GL HQWUDPEL L JHQLWRUL GL DIILGDUH LO ILJOLR TXLQGLFHQQH HVFOXVLYDPHQWH DOOD PDGUH KD GLVSRVWR O DIILGDPHQWR

Dettagli

FRQWUDHQWH LO SRWHUH GL FRQFOXGHUH FRQWUDWWL LQ QRPH GHOO LPSUHVD VL SXz FRQVLGHUDUH

FRQWUDHQWH LO SRWHUH GL FRQFOXGHUH FRQWUDWWL LQ QRPH GHOO LPSUHVD VL SXz FRQVLGHUDUH 3,$1,),&$=,21(),6&$/(352%/(0$7,&+(&21&(51(17,/,62/$ ',0$/7$ 6&(/7$'(/3$(6( In relazione alle problematiche per l implementazione della sua attività estera con specifico riferimento al traffico con la Cina

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Immagini dei prodotti Beghelli nelle loro diverse applicazioni: illuminazione d emergenza e linea commerciale (Salvalavista Computer).

Immagini dei prodotti Beghelli nelle loro diverse applicazioni: illuminazione d emergenza e linea commerciale (Salvalavista Computer). %(*(//, ),/0$72,67,78=,21$/(3(5/$4827$=,21(,1%256$ $8',2 9,'(2 5LFHUFD LQQRYD]LRQH FRPXQLFD]LRQHLSULQFLSDOL Formazione marchio Beghelli in grafica 3D. IDWWRUL GHO VXFFHVVR GHO *UXSSR %HJKHOOL OHDGHU LWDOLDQRQHOVHWWRUHGHOO

Dettagli

Concetti base di Trasmissione Dati. Universita di Pavia

Concetti base di Trasmissione Dati. Universita di Pavia Concetti base di Trasmissione Dati Commutazione di circuito Fase di connessione e di sconnessione Canale dedicato e riservato ad ogni comunicazione Risorsa impegnata anche quando inutilizzata (se non rilasciata)

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Introduzione a Internet Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris e dal Prof. Vittorio Trecordi 1 INTERNET Traffico Internet

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Architetture software per la QoS

Architetture software per la QoS Corso di architetture multimediali Università di Milano Corso di laurea specialistica in Informatica per la Comunicazione A.A. 2012-2013 Architetture software per la QoS Perché software? Le soluzioni hardware

Dettagli

Argomenti della lezione

Argomenti della lezione Multicast IP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e dei protocolli applicativi

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

*OLRUJDQLVPLSHUO $OERGHJOLDXWRWUDVSRUWDWRULGLFRVHSHUFRQWRGLWHU]LVRQRDUWLFRODWL LQ

*OLRUJDQLVPLSHUO $OERGHJOLDXWRWUDVSRUWDWRULGLFRVHSHUFRQWRGLWHU]LVRQRDUWLFRODWL LQ %75$6325720(5&, / $OERGHJOLDXWRWUDVSRUWDWRULGLFRVHSHUFRQWRGLWHU]Lq a) l elenco dei veicoli adibiti al trasporto di cose per conto di terzi b) l Albo dove vengono iscritti coloro che hanno superato l esame

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO

3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO 3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO 81,1'8675,$± 5RDGVKRZ³1RYLWjILVFDOL 5RPDJHQQDLR 'RWWVVD0RQLFD9DOHQWLQR ZZZSLURODSHQQXWR]HLLW ZZZSLURODSHQQXWR]HLLW 3ULQFLSDOL

Dettagli

> I l partner per la distribuzione. Present azione SelfCard

> I l partner per la distribuzione. Present azione SelfCard > I l partner per la distribuzione Present azione SelfCard Gli obiettivi.. SelfCard q XQ SURJHWWR QDWR SHU OH D]LHQGH HR HQWL HR DPPLQLVWUD]LRQL SXEEOLFKH FKH JHVWLVFRQR XQD FDUWD D SDJDPHQWR ILQDOL]]DWD

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Introduzione (parte I)

Introduzione (parte I) Introduzione (parte I) Argomenti della lezione Argomenti trattati in questo corso Libri di testo e materiale didattico Ripasso degli argomenti del primo corso: reti locali Contenuti del corso La progettazione

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4 Esercizio Data la rete in figura, si assuma che i terminali T1-T12 e T13-T24 siano connessi tramite collegamenti di tipo UTP a due switch Fast Ethernet. Si assuma che le tabelle ARP di tutti i dispositivi

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

IP Mobility. Host mobili

IP Mobility. Host mobili IP Mobility Reti II IP Mobility -1 Host mobili! Dispositivi wireless o wired mobili! Connessione alla rete attraverso: " Wireless LAN " Reti cellulari " Reti Satellitari " LAN " Etc.! Una rete di riferimento

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

7 Evoluzione del livello rete: IPv6

7 Evoluzione del livello rete: IPv6 Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici 7 Evoluzione del livello rete: IPv6 Architetture e Protocolli per Internet IPv6 (Internet Protocol version 6) IPv6

Dettagli

/H]LRQH,OFRQIURQWRGHOOHVXSHUILFL,O SUREOHPD GHO FRQIURQWR GL VXSHUILFL H OD WUDVIRUPD]LRQH GL SROLJRQLHTXLYDOHQWL

/H]LRQH,OFRQIURQWRGHOOHVXSHUILFL,O SUREOHPD GHO FRQIURQWR GL VXSHUILFL H OD WUDVIRUPD]LRQH GL SROLJRQLHTXLYDOHQWL /H]LRQH,OFRQIURQWRGHOOHVXSHUILFL,O SUREOHPD GHO FRQIURQWR GL VXSHUILFL H OD WUDVIRUPD]LRQH GL SROLJRQLHTXLYDOHQWL Il confronto della lunghezza tra due segmenti è un problema molto semplice. Infatti tutti

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Davide Cerri Sommario L esigenza di proteggere l informazione che viene trasmessa in rete porta all utilizzo di diversi protocolli crittografici.

Dettagli

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5.1. Introduzione Due macchine si parlano solo se conoscono l'indirizzo fisico di sottorete Due applicazioni si parlano solo se conoscono

Dettagli

'LVFRUVRGHO3UHVLGHQWH

'LVFRUVRGHO3UHVLGHQWH 5266(//$=$'52$66(6625($// $0%,(17('(/&2081(',)(55$5$ Ê/$1829$35(6,'(17('(/&225',1$0(172'(//($*(1'(/2&$/,,7$/,$1(,OQXRYRFRQVLJOLRGLUHWWLYRVDUjFRPSRVWRGDO3DVW3UHVLGHQWH(PDQXHOH%XUJLQGDOOD'LUHWWULFH'DQLHOD

Dettagli

CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6

CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6 Guida all attivazione di una CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6 Emanuele Goldoni Università degli studi di Pavia Sede di Mantova Laboratorio di Reti di Calcolatori 2006 1 Introduzione A distanza

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Le domande devono riguardare esclusivamente aspetti della rendicontazione delle spese, non della gestione finanziaria del progetto.

Le domande devono riguardare esclusivamente aspetti della rendicontazione delle spese, non della gestione finanziaria del progetto. 3,&,QWHUUHJ,,,%³$OSLQH6SDFH 5HQGLFRQWD]LRQHGHOOHVSHVH )UHTXHQWO\$VNHG4XHVWLRQV $JJLRUQDWHDGLFHPEUH 3UHPHVVD Nel presente documento sono riportati i quesiti più frequenti sulle modalità di rendicontazione

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Che cosa sono gli IS e gli ES?

RETI DI CALCOLATORI. Che cosa sono gli IS e gli ES? RETI DI CALCOLATORI Domande di riepilogo Quinta Esercitazione Che cosa sono gli IS e gli ES? Il termine Intermediate System (IS) è un termine OSI che indica un nodo (tipicamente un router) che ha capacità

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

7LSRORJLHGLLGUDQWLDQWLQFHQGLR. Idrante a muro Idrante a colonna soprasuolo Idrante sottosuolo Naspo

7LSRORJLHGLLGUDQWLDQWLQFHQGLR. Idrante a muro Idrante a colonna soprasuolo Idrante sottosuolo Naspo 7LSRORJLHGLLGUDQWLDQWLQFHQGLR Idrante a muro Idrante a colonna soprasuolo Idrante sottosuolo Naspo 7LSRORJLHGLLGUDQWLDQWLQFHQGLR,GUDQWHDPXUR Ê FRVWLWXLWR GD XQ VHPSOLFH UXELQHWWRGLWLSRXQLILFDWR Ê QRUPDOPHQWH

Dettagli

8. IP: Instradamento dei datagrammi

8. IP: Instradamento dei datagrammi 8. IP: Instradamento dei datagrammi 8.1. Introduzione L'instradamento è la terza funzione fondamentale di un servizio di comunicazione di livello rete 8.2. L'instradamento in una internet Instradamento

Dettagli

DI SPENSA PER STUDENTI CLASSI PRI ME

DI SPENSA PER STUDENTI CLASSI PRI ME DI SPENSA PER STUDENTI CLASSI PRI ME ',5,772 (&2120,$ ,1',&( NORME SOCIALI E NORME GIURIDICHE... p.1 La società. Perché le norme.. Le norme sociali.. Le norme giuridiche e lo Stato.. p.2 Differenze tra

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

ARP e instradamento IP

ARP e instradamento IP ARP e instradamento IP A.A. 2003/2004 Walter Cerroni Relazione Indirizzi Fisici Indirizzi IP Software di basso livello nasconde gli indirizzi fisici e consente ai livelli superiori di lavorare solo con

Dettagli

Indirizzi IP. Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento

Indirizzi IP. Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento Indirizzi IP Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento Lo schema di indirizzamento IP svolge più o meno la stessa funzione svolta dall indirizzo

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: indirizzamento e routing. Aspetti di indirizzamento, forwarding e routing del protocollo IPv4

Internet Protocol Versione 4: indirizzamento e routing. Aspetti di indirizzamento, forwarding e routing del protocollo IPv4 Internet Protocol Versione 4: indirizzamento e routing Aspetti di indirizzamento, forwarding e routing del protocollo IPv4 1 Architettura di base delle reti IP Idee di base: Rete Reti distinte ed indipendenti

Dettagli

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta Il Routing In un sistema packets switching quale il TCP/IP, il routing rappresenta il processo di scelta del percorso su cui inoltrare i pacchetti ed il router è un computer che effettua tale instradamento.

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

Il Presidente della Giunta Regionale

Il Presidente della Giunta Regionale 'HFUHWR1 'HO $VVHVVRUDWR 6$1 'LUH]LRQH 6HWWRUH 2JJHWWR 3ULPHLQGLFD]LRQLWHFQLFRVDQLWDULHSHUOHVHFX]LRQHGHOODWWLYLWjGLWDWXDJJLRHGLSLHUFLQJ Il Presidente della Giunta Regionale Considerato che le pratiche

Dettagli