Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività."

Transcript

1 BANDO TIPO E CAPITOLATO TIPO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA RICETTIVITA NELLE STRUTTURE DEL PARCO XXX A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. NOTA TECNICA Il Capitolato Tipo Speciale d Appalto per il Servizio di Gestione della Ricettività nelle struttura del Parco XXX che l Ente Gestore potrebbe esternalizzare, è stato elaborato al fine di evidenziare come e dove inserire in un Capitolato le prescrizioni ambientali minime obbligatorie (evidenziate in verde nel Capitolato tipo) in modo che l appalto proposto possa qualificarsi come APPALTO VERDE secondo le indicazioni del GPP. Pertanto il Capitolato Tipo Speciale d Appalto per il Servizio di Gestione della Ricettività qui proposto è solo un modello esemplificativo per alcuni possibili servizi di gestione, non certo del tutto esaustivo sulle casistiche che si possono avere all interno delle Aree Naturali Protette (in rosso sono riportate le note ai vari articoli) In questa nota tecnica sono state evidenziate, come esempio, alcune delle attività per le quali è possibile individuare taluni prodotti che vengono utilizzati per svolgere il servizio di gestione della ricettività e che possiedono dei requisiti specifici per essere qualificati a impatto ambientale ridotto. Detti requisiti vengono riportati come criteri di minima (a pena di esclusione del candidato) nel Capitolato Speciale d Appalto come caratteristiche ambientali obbligatorie. Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività. Le prescrizioni ambientali comuni a tutte le attività necessarie a svolgere il servizio oggetto dell appalto, sono riportate negli artt. 1, 2, 4 e 5 del Capitolato Tipo Speciale d Appalto e riguardano: l adozione di adeguate misure ambientali nella gestione del servizio (da comprovare o con l attestazione di un sistema di gestione ambientale certificato ISO14001 o registrato EMAS o con un progetto dettagliato delle misure da intraprendere); la formazione del personale impiegato per l esecuzione dell appalto; alcuni criteri generali per la riduzione dell uso delle risorse naturali e dei consumi in fase di realizzazione del servizio. Le prescrizioni ambientali che riguardano nello specifico le singole attività oggetto dell appalto e i prodotti vanno rintracciati nella seguente tabella e inserite nell art. 3 del capitolato d appalto Caratteristiche minime del servizio. A seconda dei casi tali prescrizioni possono riguardare, per esempio, le attività di: reception e attività correnti d ufficio; promozione, informazione e pubblicità; 1

2 gestione delle camere; pulizia ordinaria e lavanderia; servizio agli ospiti; preparazione e composizione pasti; smaltimento rifiuti. Alle offerte migliorative, rispetto ai criteri di minima stabiliti dall Ente in sede di Capitolato, in fase di aggiudicazione dell offerta verrà assegnato un punteggio superiore per le caratteristiche ambientali del servizio per un totale al max di 30 punti. Nel Bando di Gara i criteri ecologici sono rintracciabili nella definizione dell oggetto (Sezione II punto 1.1) e nei criteri di aggiudicazione (Sezione IV.2). Di seguito sono elencate: alcune delle diverse attività, che possono essere incluse nel servizio di gestione della ricettività e quindi date in affidamento a una ditta esterna tramite gara pubblica; le caratteristiche minime ambientali, da inserire nel Capitolato di gara, dei prodotti che intervengono nello svolgimento delle attività; l assegnazione di maggior punteggio per caratteristiche ambientali migliorative, offerte nel progetto di gestione, rispetto a quelle minime obbligatorie. Attività Caratteristiche minime ambientali Assegnazione punteggi in più Promozione e pubblicità X punti per materiale promozionale e pubblicitario costituito al 100% da materiale riciclato e/o con certificazione FSC, PEFC o equivalenti. Servizio di reception, attività correnti d ufficio Attività di promozione, informazione e pubblicità Per la produzione di depliant, volantini e brochure di promozione del servizio, è richiesto l uso di carta costituita a partire da almeno il 75% di fibre riciclate, di cui almeno il 65% proveniente da post-consumo e sbiancata senza l utilizzo di gas di cloro, e/o carta con fibre provenienti da foreste gestite in modo sostenibile. In questo caso, almeno il 10% delle fibre vergini di legno di provenienza forestale, devono provenire da foreste per le quali esiste una certificazione che attesti che vengono applicati principi e misure atti a garantire una gestione sostenibile delle foreste. X punti per distribuzione ai visitatori di un questionario che consenta loro di esprimere un parere sugli aspetti ambientali del servizio. 2

3 Attività di gestione delle camere Evidenza del tipo di carta utilizzata Su tutto il materiale dovrà essere evidente l indicazione del tipo di carta utilizzata; deve cioè apparire l eventuale marchio ecologico ricevuto o indicazione attestante le prestazioni ambientali del prodotto, come, ad esempio, carta prodotta a partire dal 75% di fibre riciclate e sbiancate senza utilizzo di gas di cloro. Spegnimento delle luci Devono essere disponibili informazioni facilmente accessibili che invitino gli ospiti a spegnere le luci quando escono dalla stanza. X punti per il 60% della carta da ufficio che rispetti i requisiti ambientali del marchio comunitario di qualità ecologica o di altro marchio ecologico ISO tipo I nazionale o regionale X+1 punti per l 80% X+2 punti per il 100% X punti per la sostituzione del 60% delle lampadine installate nella struttura ricettiva con quelle a basso consumo energetico, ai sensi della direttiva 98/11/CE della Commissione, del 27 gennaio 1998, che stabilisce le modalità d'applicazione della direttiva 92/75/CEE del Consiglio per quanto riguarda l'etichettatura indicante l'efficienza energetica delle lampade per uso domestico. X+1 punti per la sostituzione dell 80% Risparmio di acqua nei bagni e nelle toilette Nei bagni e nelle toilette devono essere presenti informazioni adeguate che illustrino come contribuire al risparmio idrico. X punti per il 60 % di carta igienica/tessuto carta munito di marchio comunitario di qualità ecologica o di altro marchio ecologico ISO tipo I nazionale o regionale X+1 punti per l 80% X+2 punti per il 100% Cambio di asciugamani e lenzuola Gli ospiti devono essere informati sulla politica ambientale della struttura ricettiva, che prevede il cambio di asciugamani e lenzuola 3

4 su richiesta degli ospiti o automaticamente una volta alla settimana per le strutture di categorie più basse e due volte la settimana per le strutture di categorie superiori. Prodotti usa e getta Se non richiesto dalla legge, nelle stanze non devono essere utilizzati i seguenti prodotti usa e getta : prodotti per l'igiene del corpo monodose o monouso (quali shampoo, saponi, cuffie per la doccia, ecc.). Servizio di pulizia ordinaria Servizio di lavanderia Materiali d uso e prodotti Tutti i prodotti chimici utilizzati dall impresa dovranno essere normalmente in commercio, rispondenti alla normativa vigente per quanto riguarda etichettatura, dosaggi, pericolosità, biodegradabilità e modalità d uso. Disinfettanti I disinfettanti devono essere utilizzati solo dove necessario per conformarsi alle disposizioni di legge in materia di igiene. Formazione del personale riguardo all'uso di detersivi e disinfettanti Il personale deve essere istruito a non utilizzare quantità di detersivi e disinfettanti superiori alle dosi indicate sull'imballaggio dei prodotti. Il Committente si riserva la facoltà di far analizzare i prodotti utilizzati a cura e spese dell Appaltatore, per accertare la loro corrispondenza con i requisiti minimi richiesti Capitolato, e con quanto eventualmente dichiarato nel progetto di gestione. X punti per uso di prodotti chimici che rispettano i requisiti ambientali del marchio comunitario di qualità ecologica o di altri marchi ecologici nazionali o regionali Attività di servizio agli ospiti Prodotti usa e getta Se non richiesto dalla legge, nei ristoranti non devono essere X punti per l uso di bottiglie riutilizzabili per 4

5 utilizzati i seguenti prodotti usa e getta : tazze, bicchieri, piatti e posate. la somministrazione delle seguenti bevande: bevande non alcoliche, acqua e birra. X punti se le confezioni monoporzione per la prima colazione non sono utilizzate nella struttura. Attività di preparazione e composizione pasti Acquisto prodotti alimentari Almeno il 50% dei prodotti destinati alla preparazione dei pasti deve essere di produzione locale. X punti per 60% prodotti di produzione locale X+1 punti per 80% prodotti di produzione locale Almeno il 50% degli stessi deve essere prodotto biologico, a tal fine sulle etichette che accompagnano la merce devono essere riportate le seguenti diciture (oltre a quelle richieste per legge per tutti i prodotti): Agricoltura biologica regime di controllo CEE Nome dell Organismo di controllo ed estremi dell autorizzazione ministeriale Il paese d origine e l azienda sono indicati da una sigla e da un codice. X punti per 60% prodotti biologici X+1 punti per 80% prodotti biologici X+2 punti per 100% prodotti biologici Imballaggi Gli imballaggi dei prodotti devono essere costituiti da materiali omogenei e facilmente separabili. I materiali dell imballaggio devono essere identificati in base allo standard DIN 6120 o metodi corrispondenti. Gli imballaggi in carta devono contenere almeno 80% di materiale riciclati. Gli imballaggi in plastica non devono contenere cloro. Smaltimento rifiuti È obbligo dell Appaltatore 5

6 effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti, derivanti dalle attività oggetto dell appalto, secondo le disposizioni del gestore RSU. L Appaltatore deve istruire il proprio personale circa i criteri corretti della raccolta differenziata RSU e lo smaltimento dei rifiuti speciali. Il personale deve separare i rifiuti in base alle categorie che possono essere trattate separatamente dagli impianti locali o nazionali di gestione dei rifiuti. L impresa dovrà provvedere con propri sacchi in idoneo materiale plastico impermeabile per rifiuti alla raccolta dell immondizia. Il Committente informa, che i rifiuti solidi urbani non differenziati derivanti dalla pulizia delle aree oggetto dell appalto, potranno essere conferiti presso i punti di raccolta del gestore RSU, individuato dall Ente Parco e successivamente dalla Comunità di Ambito Territoriale, presenti sul territorio. 6

CRITERI FACOLTATIVI: VERSO L ECOLABEL EUROPEO

CRITERI FACOLTATIVI: VERSO L ECOLABEL EUROPEO CRITERI FACOLTATIVI: VERSO L ECOLABEL EUROPEO Il Progetto SeA Sostenibilità e Accoglienza nel Parco nazionale del Circeo prevede l identificazione concordata e partecipata con gli aderenti al progetto

Dettagli

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Il Divulgatore n 6/2006 Aziende agricole in Eco-gestione pagg.26-39 Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Una margherita per identificare un prodotto o un servizio che lungo tutto il suo ciclo di vita

Dettagli

Confrontiamoci con l Ecolabel: i criteri ecologici in sintesi

Confrontiamoci con l Ecolabel: i criteri ecologici in sintesi Confrontiamoci con l Ecolabel: i criteri ecologici in sintesi Invitiamo gli albergatori a confrontarsi con questa tabella per valutare l impegno e il grado di difficoltà richiesto dall applicazione dei

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI NIDO D INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V02 APRILE 2015

SERVIZI EDUCATIVI NIDO D INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V02 APRILE 2015 SERVIZI EDUCATIVI NIDO D INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V02 APRILE 2015 PRODOTTI PER L IGIENE I prodotti per l igiene quali i detergenti multiuso destinati alla pulizia

Dettagli

Marchio di qualità "Ospitalità ecosostenibile Frignano"

Marchio di qualità Ospitalità ecosostenibile Frignano Marchi di certificazione dei fornitori di qualità ambientale del Parco Regionale dell'alto Appennino Modenese Marchio di qualità "Ospitalità ecosostenibile Frignano" Esercizi a cui è rivolta l'iniziativa

Dettagli

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p.

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. SCHEDA FESTA Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. IVA riguardo la seguente iniziativa organizzata sul territorio

Dettagli

Nuova economia locale per le aree ad alto valore ambientale

Nuova economia locale per le aree ad alto valore ambientale Unione europea Fondo sociale europeo Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione iniziativa comunitaria Equal Nuova economia locale per le aree ad alto valore ambientale Disciplinare

Dettagli

GREEN KEY REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE INTERNAZIONALE AMBIENTALE DELLE STRUTTURE TURISTICHE ITALIANE

GREEN KEY REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE INTERNAZIONALE AMBIENTALE DELLE STRUTTURE TURISTICHE ITALIANE GREEN KEY REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE INTERNAZIONALE AMBIENTALE DELLE STRUTTURE TURISTICHE ITALIANE - HOTEL 2013 I criteri menzionati qui sotto sono i criteri internazionali di The Green Key, essi

Dettagli

COMMISSIONE. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2009/578/CE)

COMMISSIONE. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2009/578/CE) 30.7.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 198/57 COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 luglio 2009 che stabilisce i criteri ecologici per l assegnazione del marchio comunitario di qualità

Dettagli

Informazioni generali sull Ecolabel europeo per il Servizio di ricettività turistica. 1. Chi può richiedere l Ecolabel?

Informazioni generali sull Ecolabel europeo per il Servizio di ricettività turistica. 1. Chi può richiedere l Ecolabel? Informazioni generali sull Ecolabel europeo per il Servizio di ricettività turistica Istituito nel 99, il marchio comunitario di qualità ecologica o Ecolabel (regolamento europeo n. 980 del 7 luglio 000),

Dettagli

Marchio regionale Ecofesta Criteri per l attribuzione

Marchio regionale Ecofesta Criteri per l attribuzione ALLEGATO 1 Marchio regionale Ecofesta Criteri per l attribuzione In ogni anno si svolgono centinaia di iniziative come sagre, feste patronali, manifestazioni culturali e di valorizzazione del territorio,

Dettagli

La raccolta dati viene effettuata attraverso tre fasi:

La raccolta dati viene effettuata attraverso tre fasi: Il marchio Ecolabel è applicabile a tutte le strutture turistiche che prevedono, come attività principale, l erogazione a pagamento del servizio di pernottamento. La richiesta deve essere effettuata dal

Dettagli

SERVIZIO PULIZIA LOCALI CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V01 MAGGIO 2015

SERVIZIO PULIZIA LOCALI CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V01 MAGGIO 2015 SERVIZIO PULIZIA LOCALI CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V01 MAGGIO 2015 PREMESSA Guida alla lettura del documento: I criteri ambientali di seguito suggeriti sono estratti dal DM 24 maggio 2012 (G.U. n.

Dettagli

Istruzione Operativa 4.4.6/4 Gestione fornitori

Istruzione Operativa 4.4.6/4 Gestione fornitori pag. 1 di 7 Istruzione Operativa 4.4.6/4 (UNI EN ISO 14001:04 - Regolamento CE n. 761/2001 EMAS) 1. Scopo... 2 2. Campo Di Applicazione... 2 3. Modalità Di Gestione... 2 4. Linee guida per l approvvigionamento

Dettagli

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92)

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) (sostituito dal Regolamento 1980/2000) Art. 1.1 Il marchio ha l obiettivo di promuovere prodotti

Dettagli

ALLEGATO 1 GREEN PUBLIC PROCUREMENT ACQUISTI PUBBLICI VERDI STRUMENTI DI SUPPORTO - BOÎTE À OUTILS

ALLEGATO 1 GREEN PUBLIC PROCUREMENT ACQUISTI PUBBLICI VERDI STRUMENTI DI SUPPORTO - BOÎTE À OUTILS GREEN PUBLIC PROCUREMENT ACQUISTI PUBBLICI VERDI Programma triennale per la riduzione e prevenzione dei rifiuti STRUMENTI DI SUPPORTO - BOÎTE À OUTILS ALLEGATO 1 CARTA IN RISME DA FIBRE VERGINI CARTA IN

Dettagli

Gestione e riduzione dei rifiuti, con un focus sulle stoviglie e sugli imballaggi. Clelia Lombardi Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

Gestione e riduzione dei rifiuti, con un focus sulle stoviglie e sugli imballaggi. Clelia Lombardi Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Gestione e riduzione dei rifiuti, con un focus sulle stoviglie e sugli imballaggi Clelia Lombardi Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Obiettivo Possibili soluzioni eco-innovative Ridurre la

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT:

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT: La carta utilizzata per stampare elenchi proviene tra il 30% ed il 40% di fibre riciclate e la restante parte è carta ecologica certificata FSC; La materia prima è acquistata presso Cartiere che adottano

Dettagli

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Schede delle azioni 1 Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi a quelli facoltativi,

Dettagli

ECOFESTE 2012 ECOFESTE

ECOFESTE 2012 ECOFESTE REGIONE LIGURIA - DIPARTIMENTO AMBIENTE PROVINCIA DI SAVONA SETTORE TUTELA DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE ECOFESTE 2012 ECOFESTE ITER QUALIFICAZIONE QUALIFICAZIONE ECOFESTE ECOFESTA è un modo ecologico

Dettagli

preferire le comunicazioni via mail a quelle cartacee o via fax con fornitori, partecipanti e partners;

preferire le comunicazioni via mail a quelle cartacee o via fax con fornitori, partecipanti e partners; Azioni Segreteria organizzativa L organizzazione risulta essere una delle attività più impattanti a causa dell intensa produzione dei materiali e dei documenti che effettivamente costituiranno il nucleo

Dettagli

Ecosportello GPP per gli acquisti verdi

Ecosportello GPP per gli acquisti verdi Progetto cofinanziato dall Unione Europea P.O. FESR Sardegna 2007-2013 Asse IV, Linea di Attività 4.1.2.d La Sardegna cresce con l Europa Ecosportello GPP per gli acquisti verdi Provincia di Cagliari Vania

Dettagli

PRESENTAZIONE Caso di studio

PRESENTAZIONE Caso di studio Allegato 1d ATTIVITA DI ANIMAZIONE RIVOLTE AGLI OPERATORI DELLA RICETTIVITA POR CAMPANIA 2000-2006 MISURA 1.9-PROGETTI MONOSETTORIALI REGIONE CAMPANIA MISURA 1.9 PROGETTI MONOSETTORIALI Recupero, valorizzazione

Dettagli

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI CARTA IN RISME

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI CARTA IN RISME Direzione Salvaguardia Ambientale CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI CARTA IN RISME Indice 1 PREMESSA... 2 2 OGGETTO DEL DOCUMENTO... 2 3 INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE RELATIVE ALL APPALTO...

Dettagli

GPP (Green Public Procurement)

GPP (Green Public Procurement) GPP (Green Public Procurement) INDICE DEFINIZIONE OBIETTIVI CRONOLOGIA EUROPA CRONOLOGIA ITALIA NORMATIVA EUROPEA NORMATIVA NAZIONALE CRITERI AMBIENTALI MINIMI CARTA ARREDI PER UFFICIO, ARREDO URBANO,

Dettagli

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Progetto LIFE+ Promise Action B1: Awareness level survey Sezione Anagrafica Comune/Ente pubblico Popolazione residente (se trattasi di Comune/Provincia) Referente

Dettagli

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE DOMANDA N. 1 Disciplinare di gara pag 43 paragrafo 5.2 punto 4: copie debitamente sottoscritte, della certificazione ambientale ECF e/o TCF, attestante che

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED ACQUISTI VERDI L Agenzia nello svolgimento delle proprie attività istituzionali concorre

Dettagli

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna Bologna, 30 Aprile 2015 Ortensina Guidi Intercent-ER 1 Intercent-ER: ruolo e obiettivi L Agenzia Intercent-ER è la centrale di committenza delle Pubbliche

Dettagli

Green Public Procurement

Green Public Procurement Andrea Monsignori, Servizio Qualità dell Ambiente gestione rifiuti e attività estrattive Workshop: Procedure e opportunità del comprare verde Perugia, 24 Febbraio 2010 Green Public Procurement (Acquisti

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

DISCIPLINARE TEMPO LIBERO Operatori: musei, parchi, negozi, maneggi, strutture e associazioni sportive

DISCIPLINARE TEMPO LIBERO Operatori: musei, parchi, negozi, maneggi, strutture e associazioni sportive DISCIPLINARE TEMPO LIBERO Operatori: musei, parchi, negozi, maneggi, strutture e associazioni sportive ASPETTI VALUTATI 1. Architettura, materiali edili e arredo 2. Aree Verdi 3. Personale 4. Realtà territoriali

Dettagli

RETE AGENDE 21 LOCALI TOSCANA: PROGRAMMIAMOCI

RETE AGENDE 21 LOCALI TOSCANA: PROGRAMMIAMOCI COMUNE DI MASSA RETE AGENDE 21 LOCALI TOSCANA: PROGRAMMIAMOCI IL GRUPPO DI LAVORO GREEN PUBLIC PROCUREMENT RELATORE: DOTT.SSA GIORGI MARIA COMUNE DI MASSA Firenze, 14 ottobre 2008 ore 9,30 Direzione Ambiente

Dettagli

Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi

Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi REGOLAMENTO PER I COMUNI/ORGANIZZATORI ADERENTI ALL INIZIATIVA 1. Principi e Finalità generali Il Consorzio per lo Sviluppo

Dettagli

ARPAER e il GPP. Stazione appaltante, naturalmente sensibile agli aspetti di prevenzione ambientale

ARPAER e il GPP. Stazione appaltante, naturalmente sensibile agli aspetti di prevenzione ambientale ARPAER e il GPP Stazione appaltante, naturalmente sensibile agli aspetti di prevenzione ambientale Politica per gli acquisti verdi di ARPA Emilia-Romagna Promozione diffusione supporto tecnico-scientifico

Dettagli

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane I riferimenti ai sistemi di etichettatura ecologica negli appalti pubblici (DPT

Dettagli

Milano 16 ottobre 2015. Direzione generale Clima ed energia 1

Milano 16 ottobre 2015. Direzione generale Clima ed energia 1 Milano 16 ottobre 2015 energia 1 Consumo e produzione sostenibile Migliori prodotti Una produzione più pulita e intelligente Un consumo più intelligente Uso efficiente delle risorse Energia materia Economia

Dettagli

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Fase 1: Analisi iniziale L analisi iniziale prevede uno studio dello stato attuale della gestione interna dell Ente. Metodo: si prevede l individuazione dei referenti

Dettagli

COMMISSIONE. 29.4.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/67

COMMISSIONE. 29.4.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/67 29.4.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/67 COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 14 aprile 2005 che stabilisce i criteri per l assegnazione di un marchio comunitario di qualità ecologica

Dettagli

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE. Approvato con delibera n

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE. Approvato con delibera n COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE Approvato con delibera n del REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE INDICE ART 1 - PRINCIPI E FINALITA GENERALI Principi fondativi e valori etici

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE AMBIENTALE DELLE INIZIATIVE DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA E DELLE SAGRE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE AMBIENTALE DELLE INIZIATIVE DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA E DELLE SAGRE 0 SETTORE PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELL IMPRESA U.O. S.U.A.P. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE AMBIENTALE DELLE INIZIATIVE DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA E DELLE SAGRE Approvato con delibera Consiglio Comunale

Dettagli

C A P I T O L A T O ALLEGATO 1 TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DEL SERVIZIO. Articolo 1 Oggetto della gara d appalto

C A P I T O L A T O ALLEGATO 1 TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DEL SERVIZIO. Articolo 1 Oggetto della gara d appalto C A P I T O L A T O ALLEGATO 1 TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DEL SERVIZIO Articolo 1 Oggetto della gara d appalto L oggetto dell appalto è la gestione del servizio di distributori automatici per l erogazione

Dettagli

La riduzione dei rifiuti all acquisto

La riduzione dei rifiuti all acquisto Provincia di Varese La riduzione dei rifiuti all acquisto Provincia di Varese Ciclo di Serate di Ecologia Domestica I rifiuti in Italia Una persona produce ogni giorno più di 1,5 kg di rifiuti urbani (media

Dettagli

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità Servizi di pulizia ed altri servizi per le - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro

Dettagli

Acquisti verdi e sostenibili in Emilia-Romagna: l esperienza della centrale Intercent-ER

Acquisti verdi e sostenibili in Emilia-Romagna: l esperienza della centrale Intercent-ER ASSE E: Capacità istituzionale -Obiettivo specifico 5.5: Rafforzare ed integrare il sistema di governance ambientale Workshop L uso strategico degli acquisti pubblici verdi per un economia sostenibile

Dettagli

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di SDI GROUP e del destinatario. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate, e possono essere

Dettagli

Linee guida per la realizzazione di eventi a basso impatto ambientale

Linee guida per la realizzazione di eventi a basso impatto ambientale Linee guida per la realizzazione di eventi a basso impatto ambientale 1 Premessa Il presente documento, redatto nell ambito dell esecuzione del servizio di accompagnamento all attuazione della politica

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Arredi per ufficio 6 - Criteri di sostenibilità

Arredi per ufficio 6 - Criteri di sostenibilità Arredi per ufficio 6 - Criteri di 1. Oggetto dell iniziativa La presente iniziativa è finalizzata ad offrire alle ubbliche Amministrazioni sia la fornitura di arredi e complementi a ridotto impatto, sia

Dettagli

PROGETTO CARTA QUALITA PNDB

PROGETTO CARTA QUALITA PNDB Pag. 1 di 7 PROGETTO CARTA QUALITA PNDB Richiesta della concessione d uso del marchio Settore RISTORAZIONE Menù del Parco Richiedente:. Riservato all Ufficio Codice: Pag. 2 di 7 1. REQUISITI PER LA CONCESSIONE

Dettagli

CARTA DEL TURISMO CONGRESSUALE ECO-SOSTENIBILE

CARTA DEL TURISMO CONGRESSUALE ECO-SOSTENIBILE ALLEGATO 1 PROPRIETARI E GESTORI DI LOCATION PER EVENTI CONGRESS E POST-CONGRESS (ANCHE STRUTTURE ALBERGHIERE ED EXTRA-ALBERGHIERE) Il presente Allegato 1 deve essere compilato dall azienda che gestisce

Dettagli

L USO STRATEGICO DEGLI APPALTI

L USO STRATEGICO DEGLI APPALTI L USO STRATEGICO DEGLI APPALTI PUBBLICI PER UN ECONOMIA SOSTENIBILE 1 LE INDICAZIONI EUROPEE PER UNA ECONOMIA SOSTENIBILE Il piano d'azione "Produzione e consumo sostenibili" e "Politica industriale sostenibile

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future MILANO EXPO - 11 LUGLIO 2015 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale e Sistemi Informativi

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011 Il mercato degli acquisti verdi della pubblica amministrazione nell ambito dei manufatti in legno I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO Bologna, 30 Novembre 2011 Patrizia Bianconi I progetti regionali

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ECONOMICO/FINANZIARIO e di SUPPORTO. N. 20008 del 26-03-2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ECONOMICO/FINANZIARIO e di SUPPORTO. N. 20008 del 26-03-2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ECONOMICO/FINANZIARIO e di SUPPORTO N. 20008 del 26-03-2014 OGGETTO: Gara carta 2014 CIG ZA40E292A7 IL

Dettagli

Il turismo sostenibile per le aree protette e la Carta del Turismo Sostenibile

Il turismo sostenibile per le aree protette e la Carta del Turismo Sostenibile Il turismo sostenibile per le aree protette e la Carta del Turismo Sostenibile Regolamento europeo Ecolabel: adesione al sistema e opportunità competitive; Criteri di adesione per le strutture ricettive

Dettagli

Acquisti pubblici e qualificazione ambientale nella forniture di mense e alimenti. Bologna, 23 gennaio 2012

Acquisti pubblici e qualificazione ambientale nella forniture di mense e alimenti. Bologna, 23 gennaio 2012 Acquisti pubblici e qualificazione ambientale nella forniture di mense e alimenti Bologna, 23 gennaio 2012 FORNITURA DERRATE E PRODOTTI NON FOOD 2 Nel primo semestre del 2011 Intercent-ER ha bandito una

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Lazio Legge Regionale n. 26 del 2 settembre 2003 Modifica alla legge regionale 9 luglio 1998, n. 27 (Disciplina regionale della gestione dei rifiuti) e successive modifiche Il Consiglio Regionale

Dettagli

Riccardo Rifici - Ministero dell'ambiente della tutela del territorio e del mare 1 ACQUISTI VERDI TRA PRODUZIONE E CONSUMO

Riccardo Rifici - Ministero dell'ambiente della tutela del territorio e del mare 1 ACQUISTI VERDI TRA PRODUZIONE E CONSUMO 1 ACQUISTI VERDI TRA PRODUZIONE E CONSUMO SOSTENIBILI Le potenzialità del GPP 2 favorisce la diffusione di modelli di consumo e di acquisto sostenibili favorisce la razionalizzazione della spesa pubblica,

Dettagli

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Copia assegnata a: NOTA: Il presente disciplinare è di proprietà dell Ente Parco Regionale della Maremma ed è assegnato agli aderenti al progetto

Dettagli

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI DOSSIER PL n. 514/9 di iniziativa del Consigliere A. NICOLÒ recante: "Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 7 marzo 1995, n. 4 (Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri)"

Dettagli

L Ecolabel Europeo per i servizi turistici

L Ecolabel Europeo per i servizi turistici LA DELLE GESTIONE STRUTTURE AMBIENTALE TURISTICHE DELLE OPPORTUNITA STRUTTURE E CONFORMITA TURISTICHE NORMATIVA L Ecolabel Europeo per i servizi turistici Il disciplinare e le buone pratiche per l efficienza

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli Riferimenti normativi in essere sugli acquisti Verdi pubblici. Contributo del Dr. Giuseppe Torelli D.Lgs 22/97: il 40% del totale dei consumi di carta riciclata D.M. 27.03.98: il 50% di veicoli a carburanti

Dettagli

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it Comune di Vinchio Provincia di Asti - Italia www.comune.vinchio.at.it La certificazione ambientale come opportunità di sviluppo: l esempio del Comune di Vinchio Vinchio, 1 dicembre 07 - Andrea Laiolo,

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture

I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:241236-2011:text:it:html I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Forniture SEZIONE

Dettagli

Spending review: opportunità o ostacolo allo sviluppo del Green Public Procurement (GPP)?

Spending review: opportunità o ostacolo allo sviluppo del Green Public Procurement (GPP)? Spending review: opportunità o ostacolo allo sviluppo del Green Public Procurement (GPP)? Piani degli acquisti verdi: dalla teoria alla pratica La promozione del GPP in Liguria il modello regionale per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1223 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GALLINELLA, ZACCAGNINI, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, L ABBATE, LUPO, PARENTELA

Dettagli

LE INNOVAZIONI AMBIENTALI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA. Dr. Filippo Valfré CITTA DI TORINO

LE INNOVAZIONI AMBIENTALI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA. Dr. Filippo Valfré CITTA DI TORINO LE INNOVAZIONI AMBIENTALI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Dr. Filippo Valfré CITTA DI TORINO Torino -19 novembre 2014 FOCUS sul SERVIZIO di RISTORAZIONE SCOLASTICA a TORINO 360 plessi scolastici (asili nido,

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI GROSSETO DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI GROSSETO PUBBLICO INCANTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REFE- ZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO, DEL COMUNE DI GROSSETO DISCIPLINARE DI GARA

Dettagli

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente + Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente Annalisa Corrado - Coordinatrice Gruppo di Lavoro Multietichetta

Dettagli

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GREEN PUBLIC PROCUREMENT Il Green Public Procurement (GPP) o Acquisti Verdi è una modalità di acquisto, da parte delle pubbliche amministrazioni locali e nazionali,

Dettagli

Comune di Cortazzone

Comune di Cortazzone Comune di Cortazzone REGOLAMENTO del MERCATO RISERVATO ALL ESERCIZIO DELLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Articolo 1 (Finalità ed impegni di carattere generale) 1) Il presente Regolamento

Dettagli

Innovazione e qualità

Innovazione e qualità Innovazione e qualità La filosofia dell azienda si basa fin dagli anni 70 sulla ricerca della qualità per garantire al consumatore finale un prodotto fresco e sano TEDALDI L azienda Tedaldi, con sede principale

Dettagli

MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLA FORNITURA E DELLA GESTIONE DIRETTA DEL MAGAZZINO DETERSIVI/PRODOTTI

MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLA FORNITURA E DELLA GESTIONE DIRETTA DEL MAGAZZINO DETERSIVI/PRODOTTI ALLEGATO alla lettera di invito n. 2 TRATTATIVA PRIVATA PER L'AGGIUDICAZIOEN DELLA FORNITURA DI DETERSIVI E MATERIALI PER LA PULIZIA DEI LOCALI DELL'ENTE E DEI DETERSIVI PER LAVANDERIA, COMPRESA LA GESTIONE

Dettagli

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SAGRE FESTE ED ECOFESTE

REGOLAMENTO COMUNALE SAGRE FESTE ED ECOFESTE REGOLAMENTO COMUNALE SAGRE FESTE ED ECOFESTE INDICE 1. PRINCIPI E FINALITA GENERALI a. Principi fondativi e valori etici e culturali 2. OGGETTO DEL REGOLAMENTO ED AMBITO D APPLICAZIONE 3. DISPOSIZIONI

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Servizio Appalti e Contenzioso U.O. APPALTI, CONTRATTI E PROVVEDITORATO ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA La

Dettagli

Ristorazione Scolastica Dalla Normativa Nazionale e Comunitaria alle Linee Guida Regionali del Veneto. Dott. Saverio Chilese UON - SIAN ULSS 4

Ristorazione Scolastica Dalla Normativa Nazionale e Comunitaria alle Linee Guida Regionali del Veneto. Dott. Saverio Chilese UON - SIAN ULSS 4 Ristorazione Scolastica Dalla Normativa Nazionale e Comunitaria alle Linee Guida Regionali del Veneto Dott. Saverio Chilese UON - SIAN ULSS 4 1 In Italia, così come nella maggior parte dei Paesi occidentali

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO. Prov. LE. Approvato con delibera di C.C. n. 63 del 28.10.2009.

COMUNE DI LEVERANO. Prov. LE. Approvato con delibera di C.C. n. 63 del 28.10.2009. COMUNE DI LEVERANO Prov. LE REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE Approvato con delibera di C.C. n. 63 del 28.10.2009. 1 REGOLAMENTO COMUNALE ECOFESTE INDICE ART 1 - PRINCIPI E FINALITA GENERALI Pag. 3 a. Principi

Dettagli

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI AGGIORNAMENTI NORMATIVI Marino Lamperti Federazione Gomma Plastica Area Tecnico Scientifica MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL AGGIORNAMENTI NORMATIVI > Stato attuativo del Regolamento (CE) N. relativo

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

BANDO di GARA per pubblico incanto

BANDO di GARA per pubblico incanto BANDO di GARA per pubblico incanto Per l affidamento del servizio di Ristorazione Scolastica presso le Scuole Materne del Comune di MONTE SANT ANGELO 1. OGGETTO: SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Il Comune

Dettagli

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Febbraio 2006 Premessa Il seguente Piano di Azioni scaturisce da un articolato processo

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI IN USO AL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PRESSO LA SEDE DI VIA VITTORIO VENETO N.

Dettagli

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI GPP-definizione 2 Adottare una politica di Green Public Procurement o GPP, Acquisti

Dettagli

Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde. Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde

Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde. Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde Green meeting e CSR: Elementi ambientali negli appalti pubblici un futuro verde o al verde secondo la normativa contrattuale Stefano Manetti Hotel NH Touring

Dettagli

Pubblicati i criteri ambientali nazionali per la ristorazione collettiva e i serramenti

Pubblicati i criteri ambientali nazionali per la ristorazione collettiva e i serramenti Page 1 of 6 n. 191 - Giovedì 06 Ottobre 2011 Pubblicati i criteri ambientali nazionali per la ristorazione collettiva e i serramenti Sulla Gazzetta Ufficiale del 21 settembre sono stati pubblicati i "criteri

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento. Il bio è servito! Dott. Federico Bigaran Ufficio per le produzioni biologiche

Provincia Autonoma di Trento. Il bio è servito! Dott. Federico Bigaran Ufficio per le produzioni biologiche Provincia Autonoma di Trento Il bio è servito! Dott. Federico Bigaran Ufficio per le produzioni biologiche Ecoristorazione e alimenti biologici Un marchio di qualità ecologica che premia il servizio di

Dettagli

Introduzione 2. Validità dei criteri Ecolabel 3. Ammendanti 4. Substrati di coltivazione 5. Apparecchiature per la riproduzione di immagini 6

Introduzione 2. Validità dei criteri Ecolabel 3. Ammendanti 4. Substrati di coltivazione 5. Apparecchiature per la riproduzione di immagini 6 Lugl i o2014 ECOLABEL Criteri per l assegnazione - LINEE GUIDA A CURA DI COMIECO 1 GRUPPI DI PRODOTTI Introduzione 2 Validità dei criteri Ecolabel 3 Ammendanti 4 Substrati di coltivazione 5 Apparecchiature

Dettagli

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI?

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI? COMUNE DI REGGIO EMILIA Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Assessorato gli Affari Istituzionali Assessorato Decentramento e Partecipazione IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO RELATIVO ALL APPALTO SPECIFICO INDETTO DALLA REGIONE LAZIO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI FARMACEUTICI (GARA FARMACI 2014)

CAPITOLATO TECNICO RELATIVO ALL APPALTO SPECIFICO INDETTO DALLA REGIONE LAZIO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI FARMACEUTICI (GARA FARMACI 2014) CAPITOLATO TECNICO RELATIVO ALL APPALTO SPECIFICO INDETTO DALLA REGIONE LAZIO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI FARMACEUTICI (GARA FARMACI 2014) 1. PREMESSA Il presente capitolato disciplina: - la fornitura

Dettagli

CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE

CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE Nella valutazione dei criteri di qualità per la merce posta in vendita nella Festa della Befana in Piazza Navona, i punteggi, genericamente indicati nell avviso

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE Renata Caselli, Regione Toscana in collaborazione con ARRR - Agenzia Regionale Recupero Risorse spa L economia circolare in pillole La transizione verso

Dettagli

Linee guida per la realizzazione di eventi a basso impatto ambientale

Linee guida per la realizzazione di eventi a basso impatto ambientale UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTOMA DELLA SARDEGNA Servizio di Accompagnamento all attuazione della politica di acquisti pubblici ecologici nella Regione Sardegna POR FESR Sardegna 27-213

Dettagli