La politica aziendale per la prevenzione e il contrasto delle dipendenze nei luoghi di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La politica aziendale per la prevenzione e il contrasto delle dipendenze nei luoghi di lavoro"

Transcript

1 SEMINARI TECNICI SCUOLA EDILE BRESCIANA 27 Marzo 2010 La politica aziendale per la prevenzione e il contrasto delle dipendenze nei luoghi di lavoro Paola Paglierini Laura Benedetti Servizio PSAL

2 POLITICA: definizione l insieme degli obiettivi e degli indirizzi generali di una organizzazione espressi in modo formale dalla Direzione Obiettivo per sostanze e lavoro : Luoghi di lavoro Drug and Alcohol Free ovvero quando si lavora non si deve essere sotto l effetto di sostanze stupefacenti e alcol

3 Uso/abuso/dipendenza sostanze stupefacenti e alcol nei luoghi lavoro Consumi occasionali/moderati Abuso Dipendenza

4 Paradosso della prevenzione Secondo l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) E più probabile che siano i forti bevitori, piuttosto che i bevitori moderati, ad andare incontro a problemi gravi legati al consumo di alcol, ma i problemi che i bevitori moderati affrontano sono più numerosi, perché ci sono molti più bevitori moderati che forti bevitori. Quindi, per ridurre i problemi connessi al consumo di alcol, ci si deve porre l obiettivo di raggiungere sia i forti bevitori che quelli moderati

5 Rapporto Osservasalute 2010 consumi di alcol sono la nota dolente degli italiani consumatori a rischio sono il 16,8% della popolazione di eta' > 11 anni 26,4% uomini 7,8% donne

6 Alcol: il necessario cambiamento culturale E proprio ai consumatori moderati che si devono rivolgere i programmi di prevenzione se ci si pone l obiettivo di ridurre gli incidenti. Molte ricerche infatti dimostrano che una evidente alterazione delle performance individuali consegue anche a bassi consumi di alcol

7 Caratteristiche del lavoro che condizionano i consumi di bevande alcoliche: - settori lavorativi caratterizzati da rischi fisici, quali ad esempio l edilizia, e nei quali sono occupati principalmente uomini; - condizioni lavorative caratterizzate da: lavoro noioso, stressante, in isolamento, bassa autonomia, mancanza di complessità, mancanza di controllo sulle condizioni di lavoro e sulla produzione, conflittualità, aggressioni fisiche e verbali; - accettazione del bere e disponibilità di alcol sul luogo di lavoro, assenza di politiche aziendali legate al consumo di bevande alcoliche. (dati National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism)

8 Principali riferimenti per un approccio globale: Codice ILO (International Labour Office) sulla gestione dei problemi di dipendenza da alcol e da stupefacenti nei luoghi di lavoro Linee guida dei programmi preventivi statunitensi Affrontare in maniera integrata prevenzione, individuazione, assistenza e successivo reinserimento dei lavoratori con problemi legati all uso di sostanze

9 Stati Uniti Per lavoratori pubblici normativa obbligatoria per contrasto dipendenze del 1986 Nel privato la pratica degli accertamenti è ancora precedente (oltre l 80% delle aziende di grosse dimensioni effettua da molti anni indagini tossicologiche sui lavoratori) Filosofia alla base è drasticamente mutata negli anni: - anni 80: test per identificare lavoratori positivi e licenziarli - attualmente: consentire al lavoratore opportunità di trattamento e possibilità di recupero del lavoro.

10

11

12 Il programma aziendale dovrebbe pertanto essere articolato in almeno 4 fasi: 1. Politica aziendale scritta e condivisa con RLS/RLST, con esplicito divieto di assunzione di sostanze durante l attività lavorativa e al di fuori dell orario qualora gli effetti possano persistere sul lavoro; 2. Informazione, formazione e promozione della salute che coinvolga dirigenti, preposti, lavoratori e personale sanitario; 3. Test (stupefacenti e alcol), dettagliata nei diversi aspetti sensibili (consenso informato, riservatezza, ecc.) e nei requisiti tecnici dei test che devono essere effettuati solo dove previsto dalla norma; 4. Programma di assistenza e reinserimento dei lavoratori con problemi. Tutti questi interventi devono essere fatti nel rispetto della libertà dell individuo nella sua sfera privata.

13 1) Politica chiara, scritta e condivisa: PUNTI PRINCIPALI 1. motivazioni per intraprendere il programma di prevenzione (norme, obiettivi aziendali, responsabilità sociale ect.); 2. comportamenti correlati all uso di sostanze non ammessi in ambito lavorativo (assunzione di quali sostanze, da parte di chi, dove e quando); 3. programmi di prevenzione (informazione, formazione, promozione della salute) e assistenza offerti (counselling, intervento breve, risorse territoriali etc.); 4. conseguenze della non adesione del lavoratore ai divieti di assunzione (procedura aziendale per gestione casi di assunzione acuta, idoneità lavorativa etc.).

14 Il Codice ILO 1) La politica aziendale raccomanda di: dare priorità alla prevenzione piuttosto che all identificazione di singoli lavoratori problematici; affrontare i problemi relativi alle dipendenze come ogni altro problema di salute nei luoghi di lavoro; non distinguere tra personale direttivo, quadri, impiegati, operai nell applicazione di norme restrittive in materia di sostanze, in modo che la linea aziendale risulti chiara; stabilire procedure che garantiscano la riservatezza delle informazioni personali; preferire iniziative di sostegno, terapia, riabilitazione alle azioni disciplinari attenzione alle questioni morali, etiche e legali connesse alla somministrazione di test collettivi.

15 2) Informazione, formazione e promozione della salute - coinvolgere l intera organizzazione (datori di lavoro, dirigenti, preposti e lavoratori) su politica aziendale e obiettivi del programma; - sviluppare motivazioni, consapevolezza e responsabilizzazione, non solo divulgare informazioni; - inserire all interno di più ampi programmi formativi in materia di igiene e sicurezza del lavoro e, per la dirigenza, anche di gestione delle risorse umane. E stato dimostrato che i lavoratori coinvolti in piani educativi specifici riportano percentuali inferiori di consumo di sostanze illegali e di abuso di alcolici.

16 2) Informazione, formazione, promozione salute Contenuti minimi: pericoli connessi all uso di sostanze ed effetti negativi sull individuo, sulla sua famiglia e sulla comunità; modalità di auto identificazione consumatori a rischio ; effetti dell uso di sostanze sulla salute e sicurezza nel lavoro e sulla produttività; contenuti principali del programma e della politica aziendale (comportamenti non consentiti e conseguenze degli stessi; responsabilità di ogni figura aziendale); interventi di aiuto, di presa in carico e modalità di accesso ai servizi disponibili nella comunità.

17 2) Informazione, formazione, promozione salute LA SALUTE E DETERMINATA DA:

18 2) Informazione, formazione, promozione salute La Promozione della salute Definizione: processo che consente alle persone di esercitare un maggior controllo sui fattori determinanti della salute e, di conseguenza, di migliorare la propria salute. Rafforza l abilità e le capacità: degli individui di adottare comportamenti salubri dei gruppi o comunità di agire collettivamente per esercitare un controllo sui determinanti della salute.

19 2) Informazione, formazione, promozione salute La Promozione della salute nel D.Lgs 81/08: Fra i compiti del medico competente definiti dall art. 25 del D.Lgs 81/2008, è prevista per la prima volta la collaborazione alla attuazione e valorizzazione di programmi volontari di promozione della salute, secondo i principi della responsabilità sociale.

20 2) Informazione, formazione, promozione salute La Promozione della salute Le comunità di lavoratori rappresentano popolazioni ideali sulle quali intervenire in quanto: si instaura un rapporto duraturo; si raggiunge circa il 60% della popolazione adulta che non si reca spesso da un medico nell arco di un anno; gli interventi condotti sul luogo di lavoro influenzano significativamente anche i comportamenti extra-lavorativi

21 3) I test: quali test ammessi dalla normativa sono effettuati in azienda (screening per quali sostanze stupefacenti); per quali mansioni; quando (a seguito di infortunio, in fase di assunzione in azienda, test periodico, su segnalazione dei supervisori etc.); per post-infortunio è utile identificare a priori per quali tipologie; modalità di esecuzione;

22 3) I test moduli e documenti necessari (convocazione lavoratore, verbale prelievo, comunicazione GdI etc). modalità per invio all accertamento periodico con garanzia di non prevedibilità della data e individuazione casuale del lavoratore misure in caso di rifiuto o di positività ai test (inidoneità temporanea alla mansione, invio a servizi territoriali competenti, etc.) mansioni alternative in caso di positività ai test procedure adottate per la tutela dei diritti, della dignità e della privacy dei lavoratori.

23 GARANTE DELLA PRIVACY Parere del 15 dicembre ) I test

24 3) I test Per tutela privacy è opportuno - coinvolgere il minor numero possibile di persone; - richiedere estrema attenzione alla riservatezza in particolar modo nelle piccole aziende (sottoscrizione impegno formale); - il materiale cartaceo e informatico relativo a tali procedure gestito sotto la diretta responsabilità del datore di lavoro e/o suo delegato e del medico competente.

25 4) Programma di assistenza e reinserimento lavorativo Individuare a quali figure aziendali e come i lavoratori con problemi legati a sostanze possono rivolgersi Il medico competente dovrà essere la principale figura di riferimento Divulgazione informazioni su risorse territoriali disponibili quali SERT, NOA e gruppi del privato sociale (CAT, AA )

26 4) Programma di assistenza e reinserimento Il ruolo centrale del medico competente In particolare per l ALCOLl ALCOL, è acquisisca competenze per: necessario che il MC individuare il livello di rischio dei consumatori, anche attraverso la somministrazione di specifici questionari validati (AUDIT, CAGE, MAST, MALT 1 e 2) fare un primo intervento breve di educazione alla salute (colloquio di minuti); individuare i casi da indirizzate ad interventi specialistici presso gli appositi servizi territoriali.

27 4) Programma di assistenza e reinserimento BS: bicchieri standard

28 4) Programma di assistenza e reinserimento

29 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI ASSUNZIONE ACUTA DI SOSTANZE definita a priori e concordata con RLS e RLST; prevede quando e con quali modalità il lavoratore debba essere immediatamente allontanato dalla mansione a rischio e quali provvedimenti devono essere assunti; - Se e la lavorazione è compresa nell allegato 1 dell accordo Stato Regioni del 2006, il MC potrà effettuare il controllo alcolimetrico; - Se e la lavorazione è compresa nelle mansioni individuate dall Intesa del 30 ottobre 2007, potrà effettuare i test di screening per stupefacenti; -Negli Negli altri casi il DL, sentito il MC, potrà ricorrere al percorso previsto dall art. 5 della L. 300/70 per la valutazione dell idoneità del lavoratore.

30 Circolare regionale del 22 gennaio FAQ in considerazione del contenuto della misura generale di tutela di cui all art. 15, comma 1, lett. m): allontanamento del lavoratore dall esposizione al rischio per motivi sanitari inerenti la sua persona e adibizione, ove possibile, ad altra mansione, oltre all impiego da parte del datore di lavoro dell art. 5 della L. 300/70, si ritiene altrettanto possibile l espletamento di accertamenti specifici, prescritti dal Medico Competente, quali ad esempio le valutazioni inerenti la sfera relazionale e comportamentale e la determinazione della CDT; si insiste, tale possibilità è da riferire solamente a quelle specifiche situazioni in cui a seguito di visita medica (dati anamnestici, ematochimici ecc.) si evincano concreti sospetti di assunzione cronica di alcol da parte di un lavoratore addetto allo svolgimento di una mansione in cui il consumo di alcol rappresenti un rischio aggiuntivo rilevante per la sua salute e sicurezza..

31 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI - oggetto della valutazione dei rischi devono essere anche gli effetti acuti e/o cronici dell alcol e degli stupefacenti poiché causa di incidenti e infortuni sul lavoro; - due aspetti connotano il rapporto tra sostanze e lavoro: 1) effetto sul sistema nervoso centrale dovuto al consumo anche di modeste quantità di sostanze, 2) condizioni lavorative fonte di stress per le quali molti soggetti modificano i loro stili di vita Valutazione dei rischi psico-sociali comma 1 dell art. 28 D.Lgs 81/08

32 CONCLUSIONI:

33 Grazie per l attenzione e BUON LAVORO!!

ALCOL E LUOGHI DI LAVORO

ALCOL E LUOGHI DI LAVORO ALCOLOGIA MODERNA. ATTUALI TREND DI CONSUMO E PERCORSI TERAPEUTICO-RIABILITATIVI Brescia 22 novembre 2013 ALCOL E LUOGHI DI LAVORO Domenica Sottini domenica.sottini@aslbrescia.it ASL Brescia- Unità Operativa

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO SCOPO E OBIETTIVI L obiettivo aziendale di realizzare e mantenere per i dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, sano

Dettagli

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE ATTIVITA LAVORATIVA ABUSO DI BEVANDE ALCOLICHE USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE PUNTO DI PARTENZA Decreto legislativo 81 del 2008: Articolo 41: Nei casi ed alle condizioni previste dall ordinamento

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P.

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. VV La promozione della salute nei luoghi di lavoro si attua attraverso

Dettagli

Contributo del gruppo tecnico di lavoro del coordinamento delle Regioni di prossima pubblicazione

Contributo del gruppo tecnico di lavoro del coordinamento delle Regioni di prossima pubblicazione Azienda Sanitaria Firenze Alcol e lavoro: stato dell arte, indicazioni operative e prospettive Dr. Giuseppe Petrioli, Direttore Dipartimento di Prevenzione ARGOMENTI AFFRONTATI Considerazioni generali

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE IN TEMA DI ALCOL

REGOLAMENTO AZIENDALE IN TEMA DI ALCOL COORDINAMENTO MEDICI COMPETENTI GRUPPO HERA REGOLAMENTO AZIENDALE IN TEMA DI ALCOL DOTT. SANTE TABANELLI MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN MEDICINA DEL LAVORO COORDINATORE MEDICI COMPETENTI GRUPPO HERA BREVE

Dettagli

ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO

ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO Dott.ssa Loredana Guidi 1 LEGGE QUADRO IN MATERIA DI ALCOL E DI PROBLEMI ALCOLCORRELATI N. 125 / 30 MARZO 2001 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI

Dettagli

Alcol e lavoro. Dott. Luca Vannuccini U.O.S. Medico Competente USL 8 Arezzo 17/10/2012

Alcol e lavoro. Dott. Luca Vannuccini U.O.S. Medico Competente USL 8 Arezzo 17/10/2012 Alcol e lavoro Dott. Luca Vannuccini U.O.S. Medico Competente USL 8 Arezzo 17/10/2012 Metabolismo alcol Assorbimento gastrico Massima concentrazione dopo 20 minuti-6 ore (cibo, altre bevande, velocità

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze Titolo: Aggiornamenti in tema di alcol e lavoro

Azienda Sanitaria Firenze Titolo: Aggiornamenti in tema di alcol e lavoro Azienda Sanitaria Firenze Titolo: Aggiornamenti in tema di alcol e lavoro Dr. Giuseppe Petrioli, Dr.ssa Elena Carucci Dipartimento di Prevenzione Perugia, 28 Gennaio 2011 Rapporto Nazionale Annuale 2009

Dettagli

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei

Dettagli

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014 Misure relative alla prevenzione dei rischi derivanti in ambito lavorativo dall assunzione di bevande alcoliche e sostanze psicotrope e stupefacenti (Art. 41 c. 4 bis D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i.)

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA IN MATERIA DI ALCOL E TOSSICODIPENDENZA: GLI OBBLIGHI IN VIGORE 1 Di Anna Guardavilla

SORVEGLIANZA SANITARIA IN MATERIA DI ALCOL E TOSSICODIPENDENZA: GLI OBBLIGHI IN VIGORE 1 Di Anna Guardavilla SORVEGLIANZA SANITARIA IN MATERIA DI ALCOL E TOSSICODIPENDENZA: GLI OBBLIGHI IN VIGORE 1 Di Anna Guardavilla Premessa: la vigenza e l ampiezza dell obbligo Ai sensi dell art. 41 comma 4 del D.Lgs. 81/08,

Dettagli

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Fonti normative Accertamento assenza tossicodipendenza in lavoratori addetti a mansioni comportanti rischi per la sicurezza, la incolumità e la salute dei

Dettagli

Alcol e lavoro: la nuova delibera regionale

Alcol e lavoro: la nuova delibera regionale Alcol e lavoro: la nuova delibera regionale S E M I N A R I O : L A S A L U T E E S I C U R E Z Z A S U L L A V O R O N E L L A G R A N D E D I S T R I B U Z I O N E E N E L L E R S A C A P A N N O R I

Dettagli

Orientamenti regionali per i Medici Competenti in tema di prevenzione, diagnosi e cura dell alcol dipendenza

Orientamenti regionali per i Medici Competenti in tema di prevenzione, diagnosi e cura dell alcol dipendenza Orientamenti regionali per i Medici Competenti in tema di prevenzione, diagnosi e cura dell alcol dipendenza Elementi ricorrenti negli indirizzi per la prevenzione delle problematiche legate a alcol e

Dettagli

INCONTRO SPISAL MEDICI COMPETENTI Vicenza 20 dicembre 2011. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA

INCONTRO SPISAL MEDICI COMPETENTI Vicenza 20 dicembre 2011. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA Consumo di alcool e attività lavorativa: azioni del MC per le categorie individuate dal Provvedimento 16 marzo 2006 e giudizio di idoneità per i lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria. INCONTRO

Dettagli

TOSSICODIPENDENZA: RIFERIMENTI NORMATIVI

TOSSICODIPENDENZA: RIFERIMENTI NORMATIVI ACCERTAMENTO DELL ASSENZA DI TOSSICODIPENDENZA E DIVIETO DI ASSUNZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI BEVANDE ALCOLICHE SUI LUOGHI DI LAVORO Aspetti normativi campo di applicazione - sanzioni ACCERTAMENTO DELL

Dettagli

ESPERIENZA DI CONTROLLO ALCOLIMETRICO SUL CAMPO DI UN CAMPIONE DI LAVORATORI EDILI

ESPERIENZA DI CONTROLLO ALCOLIMETRICO SUL CAMPO DI UN CAMPIONE DI LAVORATORI EDILI ESPERIENZA DI CONTROLLO ALCOLIMETRICO SUL CAMPO DI UN CAMPIONE DI LAVORATORI EDILI G.Miscetti, P.Bodo, E.P. Abbritti, A.Lumare, P. Garofani, R.Ceppitelli Unità Operativa Complessa Prevenzione e Sicurezza

Dettagli

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA Il Servizio Igiene degli Alimenti si prefigge la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, delle bevende e dell'acqua

Dettagli

Mansioni a rischio nel settore del TPL:

Mansioni a rischio nel settore del TPL: Mansioni a rischio nel settore del TPL: A. Conducenti di veicoli stradali per i quali è richiesto il possesso della patente di guida delle categorie C-D-E. B. Personale direttamente addetto alla circolazione

Dettagli

Sorveglianza sanitaria: alcol e tossicodipendenza. Dott. Andrea Verga Servizio Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati

Sorveglianza sanitaria: alcol e tossicodipendenza. Dott. Andrea Verga Servizio Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Sorveglianza sanitaria: alcol e tossicodipendenza Dott. Andrea Verga Servizio Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Bevande alcoliche: a) lecite b) vietate solo in alcuni casi in determinate situazioni

Dettagli

Dott. G.Miscetti Dott.ssa P.Bodo Dott. E.P.Abbritti

Dott. G.Miscetti Dott.ssa P.Bodo Dott. E.P.Abbritti ALCOOL E SOSTANZE PSICOTROPE E STUPEFACENTI Dott. G.Miscetti Dott.ssa P.Bodo Dott. E.P.Abbritti U.O.C. PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ASL2 - PERUGIA ALCOOL, SOSTANZE PS e Servizi di Prevenzione

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il Codice della Strada; VISTO il D.Lgs. 267/00;

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il Codice della Strada; VISTO il D.Lgs. 267/00; 021-13 dell 08.04.2013 OGGETTO: Approvazione Regolamento sul divieto di assunzione e somministrazione di bevande alcoliche durante attività lavorative riguardante tutte le categorie di lavoratori.- LA

Dettagli

Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool.

Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool. Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool. Linee di indirizzo regionali e legittimità procedurali STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS: A CHE PUNTO SIAMO

Dettagli

D. Lgs. n 81 del 9 aprile 2008

D. Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 D. Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 nei casi previsti dalla normativa la sorveglianza sanitaria è altresì finalizzata alla verifica di assenza di assunzione di sostanze stupefacenti e di condizioni di alcol

Dettagli

D. LGS. 81/2008 NORME SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

D. LGS. 81/2008 NORME SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D. LGS. 81/2008 NORME SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SORVEGLIANZA SANITARIA OBBLIGATORIA DEI LAVORATORI IN AZIENDA: CORRETTA GESTIONE E SANZIONI Apindustria Verona, 26 gennaio 2012 Dott.

Dettagli

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro ISTITUTO COMPRENSIVO N 17 Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro [L. 125/01 e D.Lgs 81/08] Il lavoratore, oltre a proteggere la propria salute e sicurezza, deve tutelare quella altrui come

Dettagli

La gestione del lavoratore con problemi alcool correlati all interno di una grande azienda

La gestione del lavoratore con problemi alcool correlati all interno di una grande azienda La gestione del lavoratore con problemi alcool correlati all interno di una grande azienda Dott.ssa Francesca Basta Medico Competente ULSS n.6 Vicenza Il medico competente, nell espletamento della sorveglianza

Dettagli

COMUNICAZIONE CIRCOLARE 08/13 Prot. 1302.033L Roma, 27/03/2013

COMUNICAZIONE CIRCOLARE 08/13 Prot. 1302.033L Roma, 27/03/2013 COMUNICAZIONE CIRCOLARE 08/13 Prot. 1302.033L Roma, 27/03/2013 OGGETTO: aggiornamento DVR circa l abuso di alcol e problemi alcol correlati. All attenzione del Dirigente di codesto istituto scolastico

Dettagli

dott.ssa Valeria Pozzato Venerdì 17 dicembre 2010

dott.ssa Valeria Pozzato Venerdì 17 dicembre 2010 dott.ssa Valeria Pozzato Venerdì 17 dicembre 2010 Giudizio di idoneità MC - OBBIETTIVI Lo scopo dell'accertamento di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope nei

Dettagli

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA ALCOL E LAVORO PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA Marco Chiaravalli, Laura Guzzetti, Mario Tavani PIANO D AZIONE EUROPEO

Dettagli

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente 25 ottobre 2013 Dall obbligo normativo alla promozione della salute negli ambienti di lavoro Relatore: dr.ssa Roberta

Dettagli

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO Dott. Rino Donghi Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Dott. Terenzio Cassina Pasol titolo Il

Dettagli

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione 1 2 Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione protezione,rls e lavoratori, consistente nello svolgimento

Dettagli

Gestione dei casi acuti di abuso di alcol - idoneità del lavoratore con pregressa diagnosi di alcoldipendenza Graziano Frigeri Presidente Assoprev

Gestione dei casi acuti di abuso di alcol - idoneità del lavoratore con pregressa diagnosi di alcoldipendenza Graziano Frigeri Presidente Assoprev Gestione dei casi acuti di abuso di alcol - idoneità del lavoratore con pregressa diagnosi di alcoldipendenza Graziano Frigeri Presidente Assoprev La salute e l incolumità di terzi Art. 20 D. Lgs.vo 81/08

Dettagli

Alcol nei luoghi di lavoro: il ruolo degli attori della prevenzione aziendale e delle istituzioni

Alcol nei luoghi di lavoro: il ruolo degli attori della prevenzione aziendale e delle istituzioni Alcol nei luoghi di lavoro: il ruolo degli attori della prevenzione aziendale e delle istituzioni Seminario Rischio Alcol correlato nei contesti lavorativi: misure di prevenzione e strategie per la sua

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Consumo di bevande alcoliche

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

FINALITA ADEMPIMENTI A CARICO DELLE A.S.L. ADEMPIMENTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO

FINALITA ADEMPIMENTI A CARICO DELLE A.S.L. ADEMPIMENTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO Indicazioni operative sulle procedure per gli accertamenti sanitari di assenza di alcoldipendenza in lavoratori addetti a mansioni che comportano particolari rischi per la sicurezza. (D.Lgs 81/2008 L.

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA

SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA Per «sorveglianza sanitaria» si intende l «insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all ambiente

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

La Sorveglianza Sanitaria

La Sorveglianza Sanitaria La Sorveglianza Sanitaria (medico competente e testo unico) D.P.R. 19 Marzo 1956 n. 303 Art. 33 Visite Mediche. Nelle lavorazioni industriali che espongano all azione di sostanze tossiche o infettanti

Dettagli

Dipendenze e lavoro. Claudio Arlati 1

Dipendenze e lavoro. Claudio Arlati 1 Dipendenze e lavoro Claudio Arlati 1 Dipendenze e lavoro Alcool e tossicodipendenze L accertamento delle tossicodipendenze nelle mansioni a rischio La posizione del sindacato confederale Il nostro ruolo

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

Problematiche e criticità del medico competente. Pistoia, 13 ottobre 2012 Mauro Baldeschi Medico del Lavoro U.F.C. Medicina del Lavoro ASL 3 Pistoia

Problematiche e criticità del medico competente. Pistoia, 13 ottobre 2012 Mauro Baldeschi Medico del Lavoro U.F.C. Medicina del Lavoro ASL 3 Pistoia Problematiche e criticità del medico competente Pistoia, 13 ottobre 2012 Mauro Baldeschi Medico del Lavoro U.F.C. Medicina del Lavoro ASL 3 Pistoia Il Medico Competente ed il Codice Etico ICOH (Commissione

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 La tutela della salute negli ambienti di lavoro La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 D.Lgs. 81/2008 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Art. 18. Obblighi del datore di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI Approvato con D.C.C. n. 2 in data 12-02-2015 Art.1 Il Comune di Roncaro volendo garantire nell ambito del proprio territorio attività

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA IL MEDICO COMPETENTE NEL TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO TITOLO I ART.2 - DEFINIZIONI

SORVEGLIANZA SANITARIA IL MEDICO COMPETENTE NEL TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO TITOLO I ART.2 - DEFINIZIONI IL MEDICO COMPETENTE NEL TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SORVEGLIANZA SANITARIA Insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione

Dettagli

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO N. 2/2010 - SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO FINALIZZATA ALL ASSUNZIONE DI UN ESPERTO RICERCATORE CON

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

Datore di lavoro e il dirigente

Datore di lavoro e il dirigente Datore di lavoro e il dirigente Mancata effettuazione della Valutazione dei rischi (VDR) e adozione del documento in collaborazione con l RSPP e il MC Mancata nomina del RSPP (anche se svolto direttamente)

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori.

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori. Guardie Giurate Art. 2 Statuto dei lavoratori. Il datore di lavoro può impiegare le guardie giurate, soltanto per scopi di tutela del patrimonio aziendale e non possono essere adibite alla vigilanza sull'attività

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA Definizione e obiettivi Negli anni '80, nel corso di una riunione della Comunità Economica Europea, la sorveglianza sanitaria è stata definita come "la valutazione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA GENERALE

FUNZIONIGRAMMA GENERALE DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO San Giuseppe SASSARI FUNZIONIGRAMMA GENERALE 2015-2016 Lo scopo del presente funzionigramma aziendale è quello di delineare gli ambiti di competenza di ciascuna responsabilità

Dettagli

Vigilanza sull applicazione della Legge 125/2001

Vigilanza sull applicazione della Legge 125/2001 Vigilanza sull applicazione della Legge 125/2001 Dr.ssa Nicoletta Cornaggia, Dr. Gianni Saretto - Regione Lombardia U.O. Prevezione Dr. Crescenzo Tiso - ASL Varese SPSAL Dr. Massimo Caironi - ASL Bergamo

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO NEWS

AGGIORNAMENTO NORMATIVO NEWS AGGIORNAMENTO NORMATIVO NEWS NOTA: LA PRESENTE RELAZIONE, RISPETTO A QUELLA FORNITA, ILLUSTRA ALCUNI ELEMENTI INTRODOTTI DALLA RECENTE PUBBLICAZIONE DEL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA (30/04/2008) VERRA INVIATA

Dettagli

ALCOL E SOSTANZE STUPEFACENTI

ALCOL E SOSTANZE STUPEFACENTI ALCOL E SOSTANZE STUPEFACENTI INTRODUZIONE LA NORMATIVA ALCOL E LAVORO LE MANSIONI A RISCHIO GLI ACCERTAMENTI programma... .introduzione L alcol è una sostanza tossica e potenzialmente cancerogena in grado

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 Ricordiamo che tra le finalità della BS OHSAS 18001 richiede di dimostrare che: il sistema di gestione della salute e sicurezza

Dettagli

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Indirizzi generali per la valutazione e la gestione del rischio stress lavorativo alla luce dell Accordo Europeo 8.10.2004 Valutazione del rischio da stress

Dettagli

SELEZIONE POSIZIONE C SCADENZA: 29 LUGLIO 2011

SELEZIONE POSIZIONE C SCADENZA: 29 LUGLIO 2011 SELEZIONE POSIZIONE C SCADENZA: 29 LUGLIO 2011 AVVISO DI SELEZIONE, PER ESAMI, PER ASSUNZIONE CON CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DI N 04 OPERAI DISTRIBUZIONE (LIVELLO 2 CCNL GAS ACQUA)

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA SPAZIO DI LEGALITA 1 La Prefettura, le Forze dell Ordine, la Polizia Municipale di Cremona, l ASL di Cremona - Dipartimento Dipendenze, i Dirigenti Scolastici e i Direttori dei

Dettagli

ASSUNZIONE DI ALCOOLICI E ALCOLDIPENDENZA

ASSUNZIONE DI ALCOOLICI E ALCOLDIPENDENZA ASSUNZIONE DI ALCOOLICI E ALCOLDIPENDENZA ASSUNZIONE DI ALCOOLICI E ALCOLDIPENDENZA LEGGE 125/2001 LEGGE QUADRO IN MATERIA DI ALCOL E DI PROBLEMI ALCOL CORRELATI. PROVVEDIMENTO 16 MARZO 2006 Conferenza

Dettagli

INFORMAZIONE FORMAZIONE - ASSISTENZA CONSULENZA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI LA RIUNIONE PERIODICA. ex art.11 D.Lgs.

INFORMAZIONE FORMAZIONE - ASSISTENZA CONSULENZA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI LA RIUNIONE PERIODICA. ex art.11 D.Lgs. INFORMAZIONE FORMAZIONE - ASSISTENZA CONSULENZA PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI La Scheda Gennaio 2007 1. Premessa LA RIUNIONE PERIODICA ex art.11 D.Lgs.626/94 Fra le misure previste dal D.Lgs.626/94

Dettagli

Roma, 19 novembre 2008. Circ. n. 359/SI/Ig.Pa

Roma, 19 novembre 2008. Circ. n. 359/SI/Ig.Pa Circ. n. 359/SI/Ig.Pa Roma, 19 novembre 2008 Ai Sigg. Presidenti e Ai Sigg. Amministratori Delegati e Ai Sigg. Direttori delle Aziende e degli Enti Associati Loro Sedi OGGETTO: Procedure per gli accertamenti

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA ALCOL SE LAVORO NON BEVO

PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA ALCOL SE LAVORO NON BEVO PROGETTO LUOGHI DI LAVORO SENZA ALCOL SE LAVORO NON BEVO Guglielmo Nicola Bauleo 1, Roberta Anulli 2, Paola Scatolini 1 1 U. F. PISLL - Zona Valtiberina Az. USL 8 di Arezzo 2 U. F. PISLL Zona Aretina,

Dettagli

ANISAP Lombardia Sottogruppo Medicina del Lavoro

ANISAP Lombardia Sottogruppo Medicina del Lavoro ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza Osservazioni in merito al provvedimento 178 del 19.10.08 accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento

Dettagli

Valutazione dello Stress Lavoro Correlato: cosa fare se

Valutazione dello Stress Lavoro Correlato: cosa fare se Valutazione dello Stress Lavoro Correlato: cosa fare se I suggerimenti che seguono fanno riferimento al documento regionale Decreto Direzione Generale Sanità Regione Lombardia n 10611 del.15/11/2011 -

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

ASL NO - NOVARA ALCOL E LAVORO ESPERIENZA NEL COMPARTO EDILE DEL TERRITORIO DELL ASL NO - NOVARA

ASL NO - NOVARA ALCOL E LAVORO ESPERIENZA NEL COMPARTO EDILE DEL TERRITORIO DELL ASL NO - NOVARA ASL NO - NOVARA Dipartimento di Prevenzione S.Pre.S.A.L. ALCOL E LAVORO ESPERIENZA NEL COMPARTO EDILE DEL TERRITORIO DELL ASL NO - NOVARA Novara, 26 Novembre 2010 Dott.ssa Anna Adriana Centonze 1 PREMESSA

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

INDICAZIONI relative a

INDICAZIONI relative a INDICAZIONI relative a Applicazione delle procedure per gli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope in lavoratori addetti a mansioni

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE Per informazioni, contattare Novaconsult Via Gaggia n 1/a - 20139 MILANO Tel. +39 02.57408940 - Fax +39 02.57407100 e-mail: info@novaconsult.it www.novaconsult.it INDICE

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Valutazione del rischio Alcol dipendenza Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM)- info@euservice.it 81@euservice.it www.euservice.it

Dettagli

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale I risultati dello Studio PASSI 2005 in Provincia di Savona Maria Paola Briata Savona 7 Maggio 2007 Consumo ed abuso di bevande alcoliche l alcol insieme

Dettagli

CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLO STRESS LAVORO-CORRELATO

CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLO STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Via Padova, 11-25125 BRESCIA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Corso Matteotti, 21 25122 BRESCIA CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA

Dettagli

Assessorato alla Sanità LINEE GUIDA PER L EFFETTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

Assessorato alla Sanità LINEE GUIDA PER L EFFETTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER L EFFETTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO REDATTE DAL GRUPPO DI LAVORO REGIONALE DEGLI SPSAL LA SORVEGLIANZA SANITARIA Il D. Lgs. 626/94 in materia di igiene

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Disposizione Operativa Generale N 1 SORVEGLIANZA SANITARIA VERSIONE DATA DI PREPARATA DA APPROVATA DA EMISSIONE 00 3 MARZO 2009 SPP DG INDICE 1. Scopo 2. Applicabilità 3. Riferimenti

Dettagli

ALCOL, SOSTANZE STUPEFACENTI E LAVORO www.snop.it

ALCOL, SOSTANZE STUPEFACENTI E LAVORO www.snop.it ALCOL, SOSTANZE STUPEFACENTI E LAVORO www.snop.it 20/01/2010 Un problema di sanità pubblica Evidenze epidemiologiche di importanti studi nazionali e internazionali confermano la correlazione tra consumo

Dettagli

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Principi 4. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 5. Stili di lavoro 6. Possesso dei requisiti: standard gestionali,

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO

IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO AVVISO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA EX ART. 30 COMMA 2 BIS DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 165/2001, PER LA COPERTURA DEL POSTO DI PROFESSIONISTA TECNICO, CATEGORIA GIURIDICA D3, A TEMPO INDETERMINATO E PARZIALE

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Titolo progetto: Ente: ALDEBRA SPA Indirizzo: VIA LINZ, 13 38121 TRENTO Recapito telefonico: 0461/302400 Indirizzo e-mail: info@aldebra.com Indirizzo

Dettagli

CITTA DI PORTO TORRES Provincia di Sassari

CITTA DI PORTO TORRES Provincia di Sassari CITTA DI PORTO TORRES Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEI CIRCOLI PRIVATI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N 52 DEL 17/07/2007 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli