Ministero della Difesa. Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero della Difesa. Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R."

Transcript

1 Allegato D Ministero della Difesa Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R. Condizioni Unificate e Sistemi Tariffari Orientati alle MEteo-Risorse 7^ Edizione GENNAIO 2011 LISTINO DEL SERVIZIO METEOROLOGICO DELL AERONAUTICA MILITARE Parte 1 a : Condizioni e onerosità generali applicate ai dati e prodotti forniti e ai servizi prestati Parte 2 a : Catalogo dei dati/prodotti/servizi

2 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Pag. 1 Contenuti INTRODUZIONE a. Premessa. b. Quadro normativo di riferimento. c. Struttura logico-funzionale di C.U.S.T.O.ME.R. Parte prima: Condizioni e onerosità generali applicate ai dati e prodotti forniti e ai servizi prestati : 1. CONCETTI BASE E CONDIZIONI GENERALI 2. CRITERI E COSTI BASE a. Costo Uomo. b. Costo del trasporto. c. Costo annuo e per unità di tempo del Sistema di Elaborazione. 3. SERVIZI DI BASE DETERMINAZIONE DELL ONEROSITA PROPRIA DEI DATI E DEI PRODOTTI FORNITI DAL SERVIZIO METEO A.M.. a. Premessa. b. Onerosità propria dell osservazione e del prodotto base. (1) Onerosità propria dell osservazione meteo su base SYNOP (Ps). (2) Onerosità propria dei prodotti meteo su base EPU (Pe). c. Onerosità propria di singoli elementi del SYNOP e delle altre osservazioni. (1) Metodo. (2) Applicazione descrittiva del metodo ad alcuni dati di osservazione. d. Onerosità propria dei prodotti. (1) Metodo. (2) Applicazione. e. Meccanismi di sconto. (1) Dati di osservazione. (2) Prodotti del Servizio Meteo A.M.. (3) Prodotti del ECMWF. f. Onerosità propria dei dati e dei prodotti meteorologici d archivio. g. Onerosità propria delle Architetture Tecnologiche-Informatiche (Sistema PROMETEO). 4. SERVIZI DI BASE DETERMINAZIONE DEI COSTI DI RILASCIO DEI DATI E DEI PRODOTTI FORNITI DAL SERVIZIO METEO A.M.. a. Premessa. b. Rilascio Telematico Descrizione della metodologia e relazioni per il calcolo de costo carattere. (1) Stima del costo macchina. (2) Acquisizione dei dati. (3) Gestione del trasferimento dei dati all Utente. (4) Operazioni di controllo durante il rilascio dei dati. (5) Operazioni di monitoraggio statistiche, interventi correttivi di eventuali anomalie, definizione dell ambiente di lavoro, scrittura programmi per la fornitura dei dati, aggiornamento programmi e procedure. (6) Gestione dei rapporti con gli Utenti e delle Convenzioni. c. Condizioni tecniche particolari per i collegamenti telematici. d. Attribuzione del Numero di Caratteri di ciascun dato/prodotto meteorologico. (1) Dati e prodotti del Servizio Meteo A.M., in formato testo e grafico. (2) Dati e prodotti di base originati sia dal Servizio Meteo A.M. sia dal ECMWF, in formato originale GRIB o BUFR. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Pag. 1

3 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Pag. 2 e. Condizioni particolari per l attribuzione del costo di rilascio a forniture per via telematica (1) Criterio di Incentivazione per la diffusione dei Modelli ad Alta Risoluzione. (2) Meccanismo di Compensazione del costo di rilascio per Integrazione dati/prodotti ad Alta Valenza Meteorologica Operativa. f. Rilascio via satellite (Sistema NUBIS). g. Rilascio non telematico Descrizione della metodologia e relazioni per il calcolo del costo pagina. h. Costo di rilascio legato ai dati/prodotti meteo d archivio, ceduti nei vari formati disponibili. i. Costo di rilascio delle Architetture Tecnologiche-Informatiche (Sistema PROMETEO). 5. SERVIZI SPECIALIZZATI 6. SERVIZI INTERNAZIONALI a. ECMWF - Accesso alle risorse b. EUMETSAT Prodotti dei satelliti geostazionari e polari. 7. BREVE CENNO SUL SOFTWARE PER IL COMPUTO DELLE ONEROSITA Elenco degli Annessi: Annesso 1: Riferimenti normativi; Annesso 2: Principali definizioni; Annesso 3: Tipologia di articolati contrattuali; Annesso 4: Costo orario del personale e costo/km delle autovetture; Annesso 5: Costo SYNOP ed onerosità propria delle osservazioni del Servizio Meteo A.M.; Annesso 6: Costo EPU ed onerosità propria dei prodotti del Servizio Meteo A.M.; Annesso 7: Onerosità propria per prodotti in formato binario (GRIB) e meccanismi di sconto; Annesso 8: Condizioni particolari associate ai dati e prodotti d archivio; Annesso 9: Costo di rilascio associato a forniture dati/prodotti per via telematica e via satellite; Annesso 10: Criteri particolari per i collegamenti telematici; Annesso 11: Attribuzione n di caratteri associati ai prodotti in formato testo e grafico; Annesso 12: Condizioni incentivanti; Annesso 13: Costo di rilascio associato a forniture dati/prodotti per via non telematica; Annesso 14: Procedure per richiedere servizi internazionali; Annesso 15: Costo di rilascio e onerosità propria associati alle Architetture Tecnologiche- Informatiche (ATI). Annesso 16: Interfacce tecnico-amministartive del software applicativo. Parte seconda: Catalogo dei dati e prodotti forniti (Allegato al Documento): 1. PREMESSA E CONCETTI GENERALI 2. LISTA DEI DATI E DEI PRODOTTI DISPONIBILI C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Pag. 2

4 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Pag. 3 INTRODUZIONE a. Premessa La 7^ Edizione delle Condizioni Unificate e Sistemi Tariffari Orientati alle MEteo- Risorse (C.U.S.T.O.ME.R.) aggiorna l analogo documento approvato dalla Direzione Generale delle Telecomunicazioni dell Informatica e delle Tecnologie Avanzate della Difesa (TELEDIFE) 6^ Edizione gennaio Come nella passata Edizione, i principi ispiratori, che sono alla base della stesura del documento, sono i seguenti: - garantire la continuità con le metodologie adottate nel precedente documento; - adeguare le procedure alla luce di eventuali mutate condizioni tecnico-operative; - perfezionare le metodologie in corrispondenza dell eventuale ampliamento dei prodotti/servizi sviluppati e resi disponibili dal Servizio Meteo dell A.M.; - estendere la trattazione a tutti i dati disponibili; - unificare la gestione delle differenti tipologie di servizio, quali le prestazioni professionali svolte da personale meteo nonché la disponibilità di risorse conseguenti la partecipazione del Servizio Meteo A.M. ai consessi internazionali; - comprendere, tra i meccanismi di incentivazione, l integrazione di dati dell utente potenzialmente utili, per il requisito di alta valenza operativa, all Amministrazione Difesa. Le principali novità introdotte nella presente Edizione riguardano: - l adeguamento del Costo di Rilascio agli standard internazionali (Parte 1^, Annesso 9, pag. 7); - l eliminazione dei prodotti del modello EUROHRM dal Catalogo (Parte 2^, Catalogo, pag. 4). I criteri alla base della metodologia di calcolo dei costi associati ai dati/prodotti meteo sono sostanzialmente invariati rispetto alla precedente Edizione, salvo l allineamento alle direttive europee in vigore di cui alla alinea precedente. Il presente documento sarà soggetto a riedizioni, su base annuale, che terranno conto, tra l altro, degli aggiornamenti dei parametri che sono alla base della determinazione del costo dei dati/prodotti/servizi meteo (in particolare il costo unitario del personale e dei mezzi impiegati dalla Forza Armata per la generazione e/o il rilascio dei dati/prodotti/servizi). Su base semestrale, SEGREDIFESA VI Reparto (già TELEDIFE) congiuntamente con il Reparto Meteorologia dello SMA-USAM ed il CNMCA valuteranno le eventuali revisioni straordinarie dovute, ad esempio, alla necessità di applicare le normative originate delle Organizzazioni internazionali per le quali il Servizio Meteorologico dell A.M. svolge il ruolo di Agente Nazionale. b. Quadro normativo di riferimento In virtù dei compiti operativi della Forza Armata e del DPR n. 556 del 25/10/1999, che attribuisce al Capo di Stato Maggiore dell Aeronautica l alta direzione tecnica, operativa e di controllo dell intero Servizio Meteorologico, l Aeronautica Militare gestisce una rete di osservatori meteorologici e di stazioni di telerilevamento sull intero territorio nazionale. Per l assolvimento dei propri Compiti di Istituto, inoltre, il Servizio Meteorologico dell A.M. gestisce una serie di modelli e sistemi di previsioni meteorologiche con i quali vengono forniti i necessari supporti alle attività delle FF.AA. italiane nonché i previsti concorsi esterni. Il Decreto legislativo n. 39 del 24/02/1997, stabilisce che le Amministrazioni Pubbliche rendano accessibili al pubblico i dati ambientali in loro possesso. Tali provvedimenti legislativi costituiscono la motivazione di fondo C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Pag. 3

5 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Pag. 4. alla base dell emanazione del presente documento, che ha come scopo quello di regolare in maniera chiara e trasparente il pubblico accesso ai dati ambientali originati e/o gestiti dal Servizio Meteorologico dell A.M.. Al Servizio Meteorologico dell A.M. è inoltre assegnata la rappresentanza nazionale in diverse organizzazioni internazionali: l Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM Agenzia dell O.N.U.); l Agenzia Europea per la gestione operativa dei satelliti meteorologici (EUMETSAT); il Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Termine (CEPMMT ECMWF). Per conto di tali Agenzie il Servizio Meteorologico dell A.M. svolge quindi il ruolo di unico agente nazionale per la distribuzione dei dati/prodotti generati dalle specifiche attività di cooperazione internazionale. Il presente documento recepisce le regole emanate dalle citate Agenzie per la distribuzione dei dati/prodotti da Esse generati, dandone piena attuazione a livello Nazionale. Il Servizio Meteorologico dell A.M. aderisce al Gruppo di Interesse Economico, riconosciuto dalla Comunità Europea, denominato ECOMET. Tale Gruppo, costituito dai Servizi Meteorologici Nazionali dei Paesi dell Area di Interesse Economico della Comunità Europea, elabora i criteri comuni alla base della determinazione dei costi associati alla generazione dei dati/prodotti meteorologici e gestisce un catalogo europeo di tali dati/prodotti. Ciò al fine di garantire la trasparenza e la libera concorrenza in Europa. Il presente documento recepisce ed attua a livello nazionale i criteri generati da ECOMET. I principali riferimenti normativi che trovano applicazione nel presente documento sono riportati nell Annesso 1. c. Struttura logico-funzionale di C.U.S.T.O.ME.R. Il sistema per la gestione tecnico-amministrativa è costituito dalle seguenti componenti fondamentali: una componente master articolata in : - un documento principale che descrive in linea generale le metodologie e i criteri applicati. Tale documento ha carattere puramente descrittivo ed illustrativo. Gli elementi base per il calcolo degli oneri delle forniture dei servizi sono mostrati senza entrare nei procedimenti per la loro determinazione; - 16 annessi al documento principale, di cui al punto precedente, per l approfondimento di dettaglio in relazione alle metodologie in esso descritte. Vengono esplicitati i procedimenti di stima quantitativa degli elementi di base, dettagliando le unità di misura sia in termini di valori stimati che di attribuzione dei valori finali eletti a riferimento. - un catalogo dei servizi, che riporta l elenco aggiornato dei vari dati/prodotti/servizi disponibili; una componente slave, costituita da un software applicativo, per la gestione unificata degli aspetti tecnico-amministrativi relativi a ciascun tipo di servizio richiesto. La struttura modulare dianzi evidenziata ha lo scopo sia di favorire la comprensione che di facilitare l aggiornamento di tutte le componenti. Inoltre consente di gestire agevolmente la riservatezza relativamente a taluni annessi che sono considerati di uso esclusivo di ufficio. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Pag. 4

6 Ministero della Difesa Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti VI Reparto (già TELEDIFE) C.U.S.T.O.ME.R. parte 1 a : 7^ Edizione GENNAIO 2011 CONDIZIONI E ONEROSITÀ GENERALI APPLICATE AI DATI E PRODOTTI FORNITI E AI SERVIZI PRESTATI DAL SERVIZIO METEOROLOGICO DELL AERONAUTICA MILITARE

7 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag CONCETTI BASE E CONDIZIONI GENERALI Le attività svolte dal Servizio Meteo A.M., espressamente a favore di Enti esterni alla Forza Armata, possono essere suddivise in: - servizi di base, relativi alla fornitura di dati e prodotti meteo, di origine sia nazionale che internazionale, già disponibili presso il Servizio nonché la messa a disposizione di Architetture Tecnologiche-Informatiche (ATI) sviluppate dal Servizio Meteo A.M. per la gestione integrata di alcune tipologie di dati/prodotti meteorologici; - servizi specializzati, relativi ad attività professionali di supporto svolte direttamente dal personale meteo; - servizi internazionali, relativi alla gestione delle autorizzazioni e/o delle licenze, per l accesso e/o la fruizione di sistemi/risorse/ prodotti/servizi a contenuto meteorologico di vari Organismi europei nel settore. Nel caso in cui siano previste, le onerosità dovute vengono calcolate, in linea di principio, sommando i costi del personale impegnato nello svolgimento di uno specifico servizio a quelli calcolati quale Sostegno Tecnico Logistico. Ai predetti vengono aggiunti i costi relativi al Sistema di Elaborazione del Servizio Meteo A.M., nel caso dei servizi di base, e quelli relativi al trasporto per prestazioni del personale meteo fuori dalla sede di lavoro, nel caso dei servizi specializzati. Inoltre, i singoli dati e prodotti meteorologici sono soggetti, in taluni casi, all attribuzione di una onerosità propria legata ai costi di produzione. I servizi internazionali richiedono, ad eccezione di alcuni specifici servizi gratuiti, il pagamento di oneri stabiliti direttamente dagli Enti internazionali a cui fanno riferimento. Al computo delle onerosità spettanti, indipendentemente dal servizio richiesto, va applicata l I.V.A., eccezion fatta per i pagamenti dovuti ed effettuati direttamente ad un Ente internazionale. Il valore attribuito alle varie onerosità, nonché l applicazione totale o parziale delle stesse, è funzione della categoria d utenza assegnata, in genere attraverso auto dichiarazione, al soggetto destinatario dei dati/prodotti/servizi del Servizio Meteo A.M.. A tale proposito, alla stregua dei principali Servizi Meteorologici europei ed Organizzazioni internazionali del settore, il Servizio Meteo A.M. adotta le principali categorie d utenza stabilite e definite a livello internazionale, il cui significato è di seguito sintetizzato (vedi Annesso 2 per le definizioni originali in lingua inglese): - Official Duty: soggetto che utilizza dati/prodotti meteo per attività istituzionali, non a fini di lucro, derivanti da responsabilità/attribuzioni legislative, governative ed intergovernative (Enti Pubblici e della Difesa); - End User: soggetto che utilizza dati/prodotti meteo per i propri scopi commerciali, industriali o personali (per finalità non meteo) e non cede tali prodotti ad alcuna Terza Parte, né li usa per generare servizi meteo a valore aggiunto; - Broadcaster e/o Publisher: soggetto che utilizza dati/prodotti meteo per fornire servizi (a finalità meteo), rivolte a Terze Parti non chiaramente conosciute ed identificate, mediante trasmissioni radiotelevisive o tramite pubblicazioni di ogni tipo (Emittenti radio-televisive ed Editori); - Service Provider: soggetto che utilizza dati/prodotti meteo per fornire servizi a valore aggiunto (a carattere meteo) ad una Terza Parte chiaramente identificata e conosciuta. Il Servizio Meteo A.M. adotta, inoltre, anche le definizioni/classificazioni relative ai dati e prodotti meteorologici, oramai pienamente riconosciute nell ambiente meteorologico, il cui contenuto è di seguito sintetizzato (vedi Annesso 2 per le definizioni originali in lingua inglese): C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 1

8 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 2 - Dati e/o prodotti di tipo A : qualunque osservazione e/o informazione meteorologica, idrologica e ambientale ottenuta e/o realizzata da un Servizio Meteorologico Nazionale (NMS); - Servizi a valore aggiunto (VAS, Value Added Service): qualunque servizio a finalità meteorologica specificamente concepito, per soddisfare le necessità di Terze Parti, e reso disponibile sotto precise condizioni; - VAS di tipo B : VAS derivati da dati e/o prodotti di tipo A attraverso procedure nonmeteorologiche che, oltre a quelle del puro rilascio, consentano colorazioni, formattazioni, trasformazioni geometriche, ecc. dei dati e/o prodotti di tipo A originali e che permettano una facile estrazione ed una non ambigua identificazione degli stessi dati e/o prodotti tipo A ; - VAS di tipo C : VAS generati tramite processi attraverso i quali i dati e/o prodotti di tipo A o VAS di tipo B originali non possono essere estratti facilmente nè identificati senza ambiguità. I dati e i prodotti meteorologici di origine sia nazionale sia internazionale, appartenenti a qualunque delle tipologie appena citate, rilasciati dal Servizio Meteo A.M. ad Utenti appartenenti a qualsivoglia categoria, non potranno in alcun caso essere ceduti a Terze Parti. Ne consegue che un Service Provider, ad esempio, potrà cedere a Terze Parti esclusivamente prodotti meteo a valore aggiunto appositamente realizzati/generati dal provider stesso, sulla base di quelli originalmente rilasciati dal Servizio Meteo A.M.; un Broadcaster o Publisher, potrà diffondere sia prodotti meteo appositamente realizzati/generati dall Utente stesso sulla base di quelli originalmente rilasciati dal Servizio Meteo A.M. sia prodotti meteo appositamente concepiti, elaborati ed esclusivamente autorizzati dal Servizio Meteo A.M. per tale scopo. I dati e i prodotti meteorologici disponibili presso il Servizio Meteo A.M. vengono forniti, da un punto di vista del sistema di comunicazione utilizzato, attraverso le seguenti tecniche: - per via telematica, con collegamento al Centro Elaborazione Dati (CElD) del Servizio Meteo A.M., sia tramite linea trasmissiva e sistemi dedicati messi a disposizione dall Utente sia tramite linea trasmissiva non dedicata ed accesso diretto a sistemi del Centro stesso, di tipo pubblico o privato. In questa modalità di rilascio vanno anche annoverate talune Architetture Tecnologiche-Informatiche (ATI) realizzate dal Servizio Meteo A.M. per la gestione integrata di alcune tipologie di dati/prodotti meteorologici (Sistema PROMETEO); - per via satellite, utilizzando il sistema di diffusione di tipo digital broadcast del Servizio Meteo A.M., denominato NUBIS, tramite il rilascio di apposita autorizzazione (licenza d uso) e dotandosi, l Utente, di sistemi di ricezione ad hoc; - per via non telematica, utilizzando sistemi trasmessivi convenzionali quali telefono, fax, posta ordinaria, ecc.. I dati/prodotti rilasciati dal Servizio Meteo A.M. si suddividono in due tipi: dati/prodotti in tempo reale e dati/prodotti d archivio 1. A queste due tipologie, che fanno riferimento alle caratteristiche intrinseche nonché allo status tecnico del dato/prodotto meteo, sono associabili, in genere, le seguenti modalità temporali di rilascio: - in tempo reale, per rilascio e/o messa a disposizione del dato/prodotto meteo non appena esso è presente presso il CElD; - in differita, per rilascio e/o messa a disposizione in tempi successivi alle 24 ore dopo l emissione/validità del dato/prodotto. La formalizzazione contrattuale dei vari servizi, siano essi di base, specializzati o internazionali, è, di norma, compito del Segretariato Generale della Difesa e Direzione Generale degli Armamenti (SEGREDIFESA VI Reparto, già TELEDIFE) del Ministero della Difesa; in taluni casi, su apposita richiesta, SEGREDIFESA VI Reparto (già TELEDIFE) può delegare a tale compito il Servizio Meteorologico dell Aeronautica Militare. Gli aspetti tecnico/organizzativi generali relativi ai vari servizi prestati vengono trattati direttamente dall Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia (USAM) che, per gli aspetti tecnico/specialistici 1 Le metodologie, i calcoli e le descrizioni che seguiranno saranno genericamente riferite ai dati e prodotti da rilasciare in tempo reale a meno che sia esplicitamente segnalato che trattasi di dati d archivio. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 2

9 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 3 di dettaglio, può coinvolgere il Centro Nazionale di Meteorologia e Climatologia Aeronautica (CNMCA) in qualità di Ente operativo del Servizio Meteo A.M.. La formalizzazione contrattuale prevede la sottoscrizione di uno specifico articolato, da rinnovare di volta in volta, che, attribuendo l appropriata categoria di utenza ed i conseguenti oneri, riporta l insieme delle condizioni a cui deve attenersi il destinatario del servizio nonché le modalità tecniche e la descrizione del servizio prestato. L articolato di cui sopra può assumere la forma di una vera e propria Convenzione o di un Protocollo di Intesa, con la sottoscrizione di ambedue le parti, o, in altri casi, può essere rappresentato da un documento più snello, ma non meno impegnativo, detto Nota di Richiesta. L Annesso 3 contiene gli esempi degli articolati citati e gli indirizzi dei vari Enti di riferimento. 2. CRITERI E COSTI BASE a. Costo Uomo. Il calcolo del costo di uno specifico servizio prestato o di una determinata attività svolta dal Servizio Meteo A.M. viene effettuato, in linea generale, tenendo conto del tempo di impiego del personale direttamente impegnato in dette funzioni. Al riguardo si prende in considerazione un Costo Orario (CO), composto dal Costo Orario Base (COB) del personale effettivamente impiegato nella specifica funzione (diretto) e dal costo del relativo Sostegno Tecnico Logistico (STL): CO = COB + STL Il COB fa riferimento alle tabelle emesse in proposito dallo Stato Maggiore Aeronautica relative alle spese sostenute dall A.D. per stipendi, straordinari, oneri accessori e trattamento fine servizio. Il costo del Sostegno Tecnico Logistico è comprensivo di una Incidenza di costo del personale di supporto, ovvero indiretto, (Iin) e da una Incidenza di costo delle spese di funzionamento e spese generali, ammortamenti e spese centralizzate incluse (Isf): STL = Iin + Isf L Iin, porta in conto i costi del personale indiretto. Al riguardo il COB viene incrementato di una percentuale rapportabile al minimo Indice di Merito Produttivo, applicato in aderenza a quanto stabilito dalla Metodologia Interforze e identificabile in un valore pari al 66% del COB medio. L Isf porta in conto le spese di funzionamento e generali, ovvero, secondo quanto previsto dalla Metodologia Interforze, gli oneri sostenuti per: manutenzione, consumi, materiale di consumo, ammortamenti, trasporti, servizi postali/telefonici/telegrafici, cancelleria, assistenza al personale, affitti, canone leasing (quando applicabili), strutture centralizzate, pulizia, formazione e addestramento. Per il recupero di tali costi il COB viene aumentato di un valore pari al 100% del COB medio. In Annesso 4, sono riportati i COB e i CO per ciascun grado rivestito dal personale A.M., il COB medio, l Iin e l Isf in vigore. b. Costo del trasporto Ove le prestazioni del Servizio Meteo A.M. implichino l impiego di personale fuori della sede di lavoro, il raggiungimento della sede esterna potrà avvenire, se effettuato con mezzi dell A.M., recuperando i relativi costi automobilistici. A tale scopo, verrà considerato: - il valore medio per chilometro percorso con autovetture di media cilindrata ( cc), fornito dalla Direzione Generale degli Armamenti Terrestri nel 2003 e debitamente aggiornato con indici ISTAT (vedi Annesso 4); - il numero medio di chilometri percorsi per il trasporto da e per la Sede di lavoro del personale tipicamente impiegato per prestazioni in favore di Terzi. c. Costo annuo e per unità di tempo del Sistema di Elaborazione. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 3

10 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 4 Nelle attività in cui viene impiegato il CElD del Servizio Meteo A.M., al costo del personale si aggiunge una quota relativa al costo del Sistema di Elaborazione. Il metodo adottato per il calcolo del costo annuo e per unità di tempo dei Sistemi di Elaborazione si basa sui contratti di acquisizione di sistemi e di apparecchiature per il Servizio Meteo A.M. nonché sull uso che viene fatto degli stessi, attraverso la stima dei seguenti elementi: - costo Hardware + Software dei sistemi del CElD con funzioni di Front End e di disseminazione verso le Utenze esterne; - costo medio annuo per assistenza sistemistica e manutenzione dei sistemi di cui sopra; - numero medio di anni di ammortamento; - viene quindi calcolato il costo annuo del sistema che, suddiviso per i minuti che costituiscono un anno, permette di calcolare il costo/minuto dell intero sistema. 3. SERVIZI DI BASE DETERMINAZIONE DELL ONEROSITÀ PROPRIA DEI DATI E DEI PRODOTTI FORNITI DAL SERVIZIO METEO A.M.. a. Premessa. Una certa onerosità, detta onerosità propria (information cost), è attribuita ai dati e ai prodotti meteorologici allo scopo di coprire una percentuale minima dei costi di produzione, dovuti alla rete di osservazione, alle telecomunicazioni, allo sviluppo e alla applicazione di modelli numerici e ai costi del Sistema di Elaborazione e del personale, direttamente associabili a dette attività. L onerosità propria viene attribuita alle seguenti categorie di Utenti: - End User; - Broadcaster; - Publisher; - Service Provider. Ai Service Provider, vista la spiccata valenza commerciale e seguendo le indicazioni e regole ECOMET, viene attribuita, solamente nel caso dei dati di osservazione, un onerosità quattro volte maggiore di quella attribuita all End User (regola ECOMET). Agli Official Duties, quindi Enti Pubblici a valenza Nazionale e della Difesa, non viene attribuita alcuna onerosità propria; ne consegue che la fornitura di dati/prodotti meteo sotto tale categoria viene universalmente considerata/definita without charge (vedi Annesso 2). Ai Servizi Meteorologici delle Regioni, pur non rientrando pienamente nella definizione, viene attribuita la categoria di Official Duty, riconoscendo in tal modo il compito istituzionale che ricoprono a livello regionale. Detti Servizi Regionali, se in grado di soddisfare esigenze di Enti vari e/o soggetti privati, utilizzando l informazione di base del Servizio Meteo A.M., al di fuori quindi dei propri compiti istituzionali, dovranno: - nel fornire servizi a valore aggiunto a Terze Parti ubicate nella Regione e per attività interne alla Regione stessa, richiedere, oltre al costo di rilascio dei servizi forniti, anche una onerosità propria con i criteri di calcolo seguiti nelle normative europee e versare all A.D., quale rimborso degli oneri da questa sostenuti e in coerenza con gli indirizzi seguiti in Europa, una quota parte dell onerosità propria attribuita, pari al 15%. - nel fornire servizi a valore aggiunto a Terze Parti, di dichiarato carattere non nazionale, ubicate fuori della Regione (a seguito, in ogni caso, di comunicazione preventiva al Servizio Meteo A.M. e di apposito accordo con la Regione [o Regioni] sul cui territorio l informazione è richiesta) versare all A.D., per gli stessi motivi di cui sopra, una quota parte pari al 30% dell onerosità propria attribuita. Gran parte dei criteri e delle modalità per la cessione di dati e di prodotti meteorologici che saranno di seguito descritti, sono similmente adottati da molti paesi europei, in considerazione della mutua appartenenza al gruppo di interesse economico denominato ECOMET. I paesi membri ECOMET, allo scopo di agevolare e diffondere il flusso delle proprie produzioni meteorologiche, editano un apposito Catalogo congiunto che permette a qualunque membro di rappresentare a livello nazionale qualsivoglia delle nazioni appartenenti al gruppo stesso. Al fine di adempiere a tale presupposto, il Servizio Meteo A.M. recepisce le normative ECOMET, di cui in particolare il ECOMET Catalogue, la Guide to Catalogue e le Internal Rules of Operation, che sono da ritenersi parte integrante di questo documento. Analogamente, per ciò che attiene i C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 4

11 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 5 prodotti del ECMWF, dei quali il Servizio Meteo A.M. ha la responsabilità diretta della distribuzione a livello nazionale, vengono pienamente recepite le normative del Centro in proposito, di cui in particolare The Catalogue of ECMWF Real-Time Products e la Guide to the Catalogue of ECMWF Products, che sono da ritenersi, anche in questo caso, parte integrante di questo documento. b. Onerosità propria dell osservazione e del prodotto base. L onerosità propria, concettualmente attribuita al valore dell informazione, viene calcolata sulla base della stima dei costi sostenuti per la produzione del dato/prodotto stesso. Detta onerosità propria viene calcolata per tutti i dati/prodotti meteorologici, a seconda si tratti di dati osservativi o prodotti di previsione, sulla base, rispettivamente, del costo attribuito a due unità di misura dell informazione meteo, generalmente riconosciute: - SYNOP equivalente; - EPU (ECOMET Product Unit) equivalente. Di seguito, vengono sinteticamente descritti i metodi utilizzati dal Servizio Meteo A.M. per il computo del valore, in termini di costo, da attribuire alle unità di misura appena indicate, rimandando, di volta in volta, agli specifici Annessi che contengono i calcoli eseguiti ed i valori ottenuti. In particolare, in accordo alla prassi consolidata a livello internazionale, il valore economico associato a dette unità di misura va fissato in modo da garantire una certa stabilità al variare continuo dei fattori tecnico-economici che lo condizionano. L attribuzione dei valori di riferimento è stata dunque effettuata sulla base di una valutazione realistica, al momento attuale, dei vari fattori incidenti; come criterio di stabilità si è adottato quello di mantenere tale attribuzione all interno di uno scostamento positivo o negativo non superiore al 15% dal valore calcolato. Un breve cenno verrà anche dato per ciò che attiene l onerosità propria da attribuire ai prodotti originati dal ECMWF e distribuiti dal Servizio Meteo A.M., lasciando la completa trattazione ai Cataloghi emessi ed aggiornati da detto Centro internazionale (vedi Annesso 1). (1) Onerosità propria dell osservazione meteo su base SYNOP (Ps). Si premette che, come suggerito da normative ECOMET, il computo del costo da attribuire ad un singolo messaggio SYNOP dovrebbe scaturire dalla stima dei costi sostenuti da un generico Servizio Meteorologico in diversi settori quali, ad esempio, apparecchiature impiegate, manutenzioni varie, stipendi del personale, telecomunicazioni, gestione del dato in tempo reale, controllo di qualità, costi di sviluppo e costi di amministrazione delle infrastrutture. D altra parte, in considerazione del fatto che il Servizio Meteo A.M. è inserito all interno di una struttura molto più estesa, quale l Aeronautica Militare di cui sfrutta molte strutture comuni, con dipendenze amministrative e di bilancio molto ramificate, risulta difficile l attribuzione di molti di tali costi. Il Servizio Meteo A.M. ha scelto quindi, nel calcolo del costo di un singolo messaggio di osservazione SYNOP (da usare quale unità di misura base), di prendere in esame il tempo complessivo impiegato dall osservatore per effettuare il rilevamento e la registrazione dei dati, secondo il seguente elenco di singole operazioni svolte: - spostamento dall infrastruttura della stazione alla capannina meteo e operazioni per la lettura delle temperature in capannina; - stima del cielo, della visibilità e dei fenomeni (tipo, intensità e caratteristiche); - ritorno nell infrastruttura della stazione, trascrizione dell osservazione su apposito modello e calcolo della temperatura di rugiada; - lettura barometrica, correzioni strumentali, calcolo della pressione al livello del mare e trascrizione su modello; - lettura anemografo e trascrizione sul modello; - lettura pluviografo e trascrizione sul modello; - calcolo della tendenza barometrica; - codifica dell osservazione e trasmissione; - trascrizione dell osservazione sul brogliaccio di stazione; - manutenzione di primo livello; - controllo in tempo reale del dato al CElD. Determinati i minuti complessivi per l intera realizzazione del messaggio, conoscendo i costi minuto del personale impiegato, si ricava il costo originale dell osservazione SYNOP. Tenuto conto (come suggerito da ECOMET) una filosofia di recupero dei costi limitatamente ad una percentuale dei costi originali, considerando inoltre la re-distribuzione dei costi sostenuti sul numero stimato dei potenziali Utenti commerciali secondo le varie categorie d utenza, si ottiene, seguendo il criterio generale adottato e descritto C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 5

12 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 6 inizialmente, il valore finale del costo da attribuire ad un singolo messaggio SYNOP e quindi all unità di costo elementare dei dati osservati (Ps) del Servizio Meteo A.M.. Nell Annesso 5 vengono riportati i calcoli ed il valore finale ottenuto. (2) Onerosità propria dei prodotti meteo su base EPU (Pe). La potenziale produzione di informazioni elementari (i.e.) meteorologiche è stimabile considerando l output del modello di previsione operativo presso un generico Servizio Meteo. Si calcola quindi il numero di i.e. prodotte moltiplicando il numero di parametri (n.p) per il numero di scadenze temporali (n.s), relativamente a ciascun livello (n.l) e a ciascun punto di griglia (n.p.d.g.) dell area geografica coperta dal modello. ECOMET definisce EPU (Ecomet Product Unit) un numero K prefissato di tali informazioni che, nel caso di modelli con risoluzione spaziale intorno a 1 o 1,5, risulta essere pari a 5000 informazioni elementari. E stato possibile effettuare un analisi per determinare l onerosità propria dell EPU del Servizio Meteo A.M. considerando inizialmente il costo totale annuo C, necessario per produrre campi meteo, e dividendolo per il numero di EPU prodotti annualmente N. Il costo C può essere stimato considerando una percentuale del costo di gestione derivante da alcune attività effettuate dal Servizio Meteo A.M., imputabili in parte alla realizzazione di prodotti meteorologici. Il numero N di EPU prodotti in un anno si ricava sulla base delle caratteristiche del principale modello operativo in uso presso il Servizio Meteo A.M., attraverso il rapporto dato da (totale numero i.e.)/5000. Considerando, come già visto per il computo del valore SYNOP, una filosofia ECOMET di recupero dei costi limitatamente ad una percentuale dei costi originali, considerando altresì la re-distribuzione dei costi sostenuti sul numero stimato dei potenziali Utenti commerciali secondo le varie categorie d utenza, applicando inoltre una modesta maggiorazione percentuale per tenere conto dell utilizzo della rete osservativa, si ottiene, seguendo il criterio generale adottato e descritto inizialmente, il valore finale del costo da attribuire ad un singolo EPU e quindi all unità elementare di costo (Pe) dei prodotti del Servizio Meteo A.M.. Nell Annesso 6 sono riportati i calcoli ed il valore finale ottenuto. Criteri analoghi sono alla base delle valutazioni eseguite anche dal ECMWF per la determinazione del valore da attribuire al proprio EPU - Pc (vedi valore attuale dell EPU ECMWF nell Annesso 7). Si evidenzia che il risultato acquisito per l EPU (Pe), ottenuto come perfezionamento della procedura precedentemente in vigore, mostra un trend identico a quello dell EPU (Pc), indipendentemente attribuito. c. Onerosità propria di singoli elementi del SYNOP e delle altre osservazioni. Viene determinata sulla base del contenuto informativo posseduto rispetto a quello del SYNOP, come segue: (1) Metodo. Si basa sui seguenti criteri: - per singoli elementi del SYNOP, viene determinata secondo regole di base ECOMET; - per altre osservazioni, viene determinata attraverso la valutazione del contenuto informativo posseduto in relazione a quello contenuto dal SYNOP; - per tabelle costruite con parti dell informazione SYNOP, viene determinata tramite la relazione = P s * numero di SYNOP utilizzati * percentuale di informazione tratta da un SYNOP. (2) Applicazione descrittiva del metodo ad alcuni dati di osservazione. - SINGOLE PARTI SYNOP (costo = 20% del SYNOP con un minimo di 40%, regola base ECOMET):. 1 parte onerosità propria attribuita = (Ps * 1 * 0,40). 2 parti onerosità propria attribuita = (Ps * 2 * 0,20). 3 parti onerosità propria attribuita = (Ps * 3 * 0,20). 4 parti onerosità propria attribuita = (Ps * 4 * 0,20) - SYREP: onerosità propria attribuita = Ps - SHIP: onerosità propria attribuita = Ps C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 6

13 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 7 - TEMP (parti A,B,C e D):. completo, onerosità propria attribuita = 15 * Ps (regola base ECOMET). 1 parte onerosità propria attribuita = (15 * Ps * 1/4). 2 parti onerosità propria attribuita = (15 * Ps * 2/4). 3 parti onerosità propria attribuita = (15 * Ps * 3/4) - TABELLA TEMPERATURE (elaborato ricavato dalle osservazioni SYNOP):. minime notturne onerosità propria attribuita = (Ps * stzie * 1 * 1/10). min. nott. + ore 12 onerosità propria attribuita = (Ps * stzie * 2 * 1/10). tabella completa onerosità propria attribuita = [(Ps * stzi * 4 + Ps * stze * 3) * 1/10] dove: stzie = n tot. stazioni italiane ed estere, stzi = n stazioni italiane, stze = n stazioni estere; 1, 2, 3 e 4 = n temper. osservate per ogni stazione; 1/10 contenuto informativo utilizzato rispetto al SYNOP. L acquisizione della tabella completa non comporta ulteriori costi ove vengano anche chieste separatamente, durante una giornata, parti della tabella stessa (in quanto quest ultime non aggiungono informazione nuova). - TABELLA PRECIPITAZIONI (elaborato ricavato dalle osservazioni SYNOP): dove: stzu = n tot. stazioni utilizzate. onerosità propria attribuita = (Ps * stzu * 1 * 1/10) In Annesso 5 vengono riportati i calcoli ed i valori finali ottenuti. d. Onerosità propria dei prodotti. Viene determinata valutando il contenuto di informazione meteorologica coinvolta, attraverso il computo del numero di EPU da assegnare a ciascun prodotto, secondo le modalità di seguito descritte: (1) Metodo. La formula, di validità generale, è del tipo: onerosità propria attribuita = P * [N + (N*VAd+ N*VAg +N*VAp+ N*VAs)] ove: sup n.s n.p n.l ris N.r ris.r sup.r N P VAd VAg VAp VAs con N = [ (sup * n.s * n.p * n.l * N.r* ris.r) / (sup.r * ris) ] = superficie dell area geografica; = n di scadenze; = n di parametri; = n di livelli; = risoluzione; = n di EPU di riferimento (fissato a priori dall originatore del prodotto); = risoluzione di riferimento (fissato a priori dall originatore del prodotto); = superficie dell area geografica di riferimento (fissato a priori dall originatore del prodotto); = n di EPU (Ne per il Servizio Meteo A.M. e Nc per il ECMWF); = costo attribuito all EPU (Pe per il Servizio Meteo A.M. e Pc per il ECMWF); = event. fattore percentuale di maggiorazione per valore aggiunto decodifica/codifica ; = event. fattore percentuale di maggiorazione per valore aggiunto grafica ; = event. fattore percentuale di maggiorazione per valore aggiunto previsore ; = event. fattore percentuale di maggiorazione per valore aggiunto statistica. (2) Applicazione. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 7

14 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 8 La relazione generale sopra esposta può essere applicata sia a prodotti di base (ad esempio i risultati diretti dei modelli numerici di previsione) sia a prodotti di rielaborazione (ad esempio quelli ottenuti sulla base dei precedenti). In particolare, per ciò che attiene i prodotti di base, valgono le seguenti considerazioni: - i valori di N.r e ris.r e quindi di conseguenza di sup.r sono tutti valori di riferimento che vengono stabiliti/fissati dall ente originatore del prodotto meteorologico considerato, in funzione, ad esempio, delle caratteristiche intrinseche di un dato modello numerico nonché dall area geografica di copertura dallo stesso. L Annesso 7 riporta i valori stabiliti, per i vari modelli sia del Servizio Meteo A.M. sia del ECMWF. - per ragioni tecniche, in taluni casi e a seconda dei modelli, possono essere definite a priori un numero limitato di aree fisse, a determinata risoluzione, imponendo di fatto i valori di sup e ris selezionabili. Nel caso dei modelli del ECMWF, non esistono particolari limitazioni in quanto tali modelli si estendono sull intero globo; - gli elementi di valore aggiunto VAd, VAg, VAp e VAs (tipici delle rielaborazioni) assumono valore zero. Per ciò che attiene invece i prodotti rielaborati, al fine dell applicazione della relazione generale, vengono definite: - alcune aree geografiche caratteristiche della produzione del Servizio Meteo A.M.; - le scadenze temporali, attribuite a ciascun prodotto meteorologico; - il numero di livelli, generalmente adottato pari ad 1, in quanto generalmente riguardanti informazioni al suolo; - le percentuali corrispondenti a VAd, VAg, VAp e VAs e la loro applicazione a seconda di ciascun prodotto. L onerosità propria di più prodotti di previsione dello stesso tipo con diverse emissioni si ottiene, in genere, applicando all onerosità propria del prodotto di base un incremento proporzionale alla nuova informazione utilizzata per il prodotto successivo e/o alla validità ulteriore della previsione. L Annesso 6 riporta complessivamente l applicazione del metodo, i calcoli ed i valori finali ottenuti. e. Meccanismi di sconto. Per consistenti forniture di dati e di prodotti meteo sono previsti meccanismi di sconto che risultano più favorevoli al crescere delle informazioni richieste. Vengono applicati meccanismi di sconto diversi, a seconda che i dati meteo siano di osservazione o di previsione. (1) Dati di osservazione. Il meccanismo di sconto fa riferimento al numero Ns di osservazioni tipo SYNOP (SYNOP Equivalenti) rilasciate in un anno. Per determinare Ns si divide l onerosità dell intera fornitura annua di dati di osservazione per il costo unitario Ps del SYNOP, tenuto conto delle varie categorie d utenza. Il meccanismo di sconto viene applicato proporzionalmente anche per periodi inferiori all anno. L Annesso 7 riporta lo schema e le relazioni applicate. (2) Prodotti del Servizio Meteo A.M.. Il meccanismo di sconto fa riferimento al numero Ne di EPU Equivalenti in un anno. Per determinare Ne si divide l onerosità dell intera fornitura annua dei prodotti per il costo unitario Pe dell EPU Servizio Meteo A.M., tenuto conto delle varie categorie d utenza. Il meccanismo di sconto viene applicato proporzionalmente anche per periodi inferiori all anno. L Annesso 7 riporta lo schema e le relazioni applicate. (3) Prodotti del ECMWF. Il meccanismo di sconto fa riferimento al numero Nc di EPU Equivalenti in un anno. Per determinare Nc si divide l onerosità dell intera fornitura annua dei prodotti per il costo unitario Pc dell EPU ECMWF, tenuto conto delle varie categorie d utenza. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 8

15 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 9 Il meccanismo di sconto viene applicato proporzionalmente anche per periodi inferiori all anno. L Annesso 7 riporta lo schema e le relazioni applicate. f. Onerosità propria dei dati e dei prodotti meteorologici d archivio. I dati ed i prodotti meteorologici vengono, generalmente, archiviati sotto forma di data base allo scopo di permettere la loro estrazione e consultazione successiva. Le informazioni meteorologiche così archiviate assumono valenza ambientale e climatologica. Le condizioni applicate a tale categoria di dati/prodotti del Servizio Meteo A.M. vengono riportate nell Annesso 8. g. Onerosità propria delle Architetture Tecnologiche-Informatiche (Sistema PROMETEO). Il Sistema PROMETEO messo a punto dal Servizio Meteo A.M. (o analoghi Sistemi) permette di selezionare, ricercare, visualizzare e, in parte, archiviare i dati e prodotti disponibili presso la banca dati del CElD del CNMCA nei formati sia ASCII sia grafico. Il sistema garantisce una gestione complessiva dell informazione meteorologica senza richiedere alcun ulteriore intervento tecnico/informatico da parte, ad esempio, di un generico Utente abilitato all utilizzo del Sistema. Essendo il Sistema PROMETEO (o analoghi Sistemi del Servizio Meteo A.M.) concepito per permettere la navigazione tra le varie informazioni disponibili (potenzialmente tutte) nel data base del CElD del CNMCA, si è dovuto stabilire, sulla base di un numero medio di dati/prodotti meteo accessibili, una onerosità propria media complessiva legata non più al singolo dato/prodotto bensì all intero Sistema. I dettagli sul metodo adottato sono riportati nell Annesso 15. N.B. (relativa all onerosità propria): - Al set di Dati e Prodotti Globali di Base, indispensabili per sostenere i programmi dell Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM), non è attribuita alcuna onerosità propria, in linea con quanto decretato dall OMM con la Risoluzione Per una completa trattazione dell onerosità propria, delle condizioni applicate, nonché dei prodotti disponibili in ambito ECOMET, si rimanda direttamente ai relativi documenti e Catalogo, recepiti e quindi considerati parte integrante di questo documento. - Per una completa trattazione dell onerosità propria, delle condizioni applicate, nonché dei prodotti disponibili del ECMWF, si rimanda direttamente ai Cataloghi del Centro, recepiti e quindi considerati parte integrante di questo documento. 4. SERVIZI DI BASE DETERMINAZIONE DEI COSTI DI RILASCIO DEI DATI E DEI PRODOTTI FORNITI DAL SERVIZIO METEO A.M.. a. Premessa. Un certo costo, detto costo di rilascio (delivery/handling cost), viene attribuito alla specifica operazione di rilascio del dato/prodotto meteorologico, calcolato sulla base delle spese generate dalle diverse attività connesse alla cessione di detto dato/prodotto. In linea con quanto indicato da normative internazionali quali ECOMET e ECMWF, il costo di rilascio dei dati/prodotti meteo è costituito: - dalla somma dei costi di impiego del Sistema di Elaborazione e di quelli del personale impiegato nelle operazioni di rilascio, negli interventi correttivi, nella scrittura di appositi programmi e nella gestione dei rapporti con gli Utenti, nel caso di rilascio telematico/satellite; - dalla somma dei costi relativi all impegno tempo uomo necessario al personale addetto, per inviare le informazioni via fax, nel caso di rilascio per via telefono, telefax, ecc.. Le onerosità sono valutate in funzione dei tempi necessari per ogni singola fase del processo e dei costi unitari per l impiego della macchina e del personale. Con riferimento a quanto esposto nel punto 3.a. e in linea con le Direttive a riferimento, il costo di rilascio, nella parte dovuta all impiego del personale, è differenziato secondo che l Utente sia un Privato, un Ente Pubblico, o un altra Forza Armata, come segue: Enti Privati: costo di rilascio (parte personale) = CO = COB + STL C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 9

16 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 10 Enti Pubblici: costo di rilascio (parte personale) = CO = STL Forze Armate: costo di rilascio (parte personale) = CO = Isf b. Rilascio Telematico Descrizione della metodologia e relazioni per il calcolo del costo carattere. I dati meteo originati sia all interno della nazione che in campo internazionale, vengono acquisiti presso il CNMCA da un sistema di Front End che alimenta gli archivi del CElD e le unità preposte alla disseminazione verso le Utenze esterne. Il flusso dei dati viene gestito con procedure automatiche, con la supervisione del personale del CNMCA per il controllo, le statistiche e gli interventi correttivi di eventuali anomalie. Di seguito vengono brevemente descritte le suddette fasi: (1) Stima del costo macchina La stima dei costi sistema/centro informatico del Servizio Meteo A.M. che permette di acquisire/gestire/rilasciare i diversi dati/prodotti meteorologici, di qualunque origine essi siano, può essere fatta sulla base dei costi riportati sui contratti di acquisto/manutenzione relativi all aggiornamento/ammodernamento/sostituzione dei sistemi stessi. Sulla base di tale spesa e considerando un certo numero di anni di ammortamento, si ottiene il costo annuo e quindi il costo minuto del sistema (Cms). (2) Acquisizione dei dati. I dati vengono acquisiti tramite linee collegate, in particolare, al Global Telecomunication System (GTS) e al ECMWF. I dati ECMWF vengono acquisiti all origine per le specifiche Utenze, mentre i dati GTS vengono ricevuti in unica soluzione e selezionati per le diverse Utenze con elaborazione successiva. Ciò premesso, considerando le diverse velocità di acquisizione e valutando un impiego percentuale delle due linee di comunicazione, è possibile stimare un flusso medio in MB/unità di tempo. Ne consegue la stima dei minuti necessari per la ricezione di 1 MB (tr). (3) Gestione del trasferimento dei dati all Utente. E legata alle velocità di trasferimento delle linee. Considerando una velocità media delle linee verso gli Utenti è possibile, come per il caso precedente, stimare i minuti necessari per il trasferimento/rilascio di 1 MB di dati/prodotti all Utente (tt). A questo punto è possibile calcolare il costo base (solo macchina) legato al rilascio di un 1 KCarattere 2 base (KCb). Infatti, esso è dato da [(tt+tr)*cms]/ A tali impegni specifici, vanno aggiunti impegni gestionali di carattere generale: (4) Operazioni di controllo durante il rilascio dei dati. Le varie operazioni sin qui descritte sono accompagnate da un impegno uomo, durante una certa percentuale del tempo complessivo di impiego del Sistema di Elaborazione, valutabile in un tempo controllo dato da tc=%(tr+tt) minuti. A tali impegni specifici, vanno aggiunti impegni gestionali di carattere generale: (5) Operazioni di monitoraggio statistiche, interventi correttivi di eventuali anomalie, definizione dell ambiente di lavoro, scrittura programmi per la fornitura dei dati, aggiornamento programmi e procedure. Valutabile quale specifica percentuale di impegno uomo/anno (ps) in minuti. (6) Gestione dei rapporti con gli Utenti e delle Convenzioni; Valutabile quale specifica percentuale di impegno uomo/anno (pc) in minuti. 2 In linea con il precedente Listino, viene usato il Carattere quale unità di misura del dato/prodotto rilasciato per via telematica ma, per ragioni ovvie legate al cambio lira/euro, viene valutato/assegnato il costo del KC e non più del C. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 10

17 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 11 Conteggiando le spese derivanti da quanto appena esposto, tenendo in considerazione le ore uomo che costituiscono un anno lavorativo, decretate dallo Stato Maggiore A.M., nonché il flusso medio annuale stimato (Fb) di dati/prodotti in uscita verso Utenti esterni alla Forza Armata (al fine di ripartire le spese proporzionalmente al traffico totale verso gli Utenti), è possibile calcolare il costo di 1 KCarattere (KC) a seconda delle tipologie d utenza indicate nel punto a. precedente. In definitiva, la relazione generale per il computo del costo di 1 KCarattere, è data da: KC = 10 3 * [KCb + (tc*c s + (ps*c u + pc*c u )/Fb)] / 10 6 con KC KCb tc c s ps pc c u Fb costo di 1 KiloCarattere trasmesso; costo base (solo macchina) di 1 KCarattere trasmesso; tempo per operazioni di controllo, in minuti; costo minuto personale Sottufficiale (funzione della tipologia d utenza); percentuale di impegno uomo/anno, in minuti, impegni gestione sw; percentuale di impegno uomo/anno, in minuti, impegni gestione convenzioni; costo minuto personale Ufficiale (funzione della tipologia d utenza); stima flusso medio in MB/anno verso gli Utenti. Per il calcolo di c s e c u, va applicato quanto indicato nel punto a. circa la diversa valutazione del CO a seconda se trattasi di Enti Privati, Enti Pubblici o altre Forze Armate. L Annesso 9 riporta complessivamente i dettagli, i calcoli ed valori finali ottenuti. c. Condizioni tecniche particolari per i collegamenti telematici. La forniture di dati/prodotti meteorologici per via telematica, attraverso collegamento al Centro Elaborazione Dati (CElD) del Servizio Meteo A.M., può avvenire, in linea di principio, attraverso due modalità tecniche diverse: - utilizzando linea trasmissiva e sistemi Hardware/Software di comunicazione dedicati, messi a disposizione dall Utente, con apparecchiature in parte dislocati presso il CElD stesso (mod.1); - utilizzando linea trasmissiva non dedicata 3 e sistemi del CElD, appositamente predisposti a tale scopo (mod.2). Allo scopo di evitare che forniture di entità limitata, in termini di volume caratteri forniti, possano saturate la disponibilità di porti di accesso (dedicati) di cui mod.1 precedente, e viceversa, che forniture onerose, sempre in termine di volume caratteri forniti, limitino eccessivamente le prestazioni dei sistemi CElD di cui mod.2, si impone la necessità di regolare il rilascio di tipo telematico. Nella mod.2 di rilascio devono anche essere incluse le Architetture Tecnologiche-Informatiche realizzate dal Servizio Meteo A.M. per la gestione integrata di alcune tipologie di dati/prodotti meteorologici. Tra questi, il Sistema PROMETEO, messo a punto dal Servizio Meteo A.M., permette di selezionare, ricercare, visualizzare e, in parte, archiviare i dati e prodotti disponibili presso la banca dati del CElD del CNMCA, in formato sia ASCII sia grafico, garantendo una gestione complessiva dell informazione meteorologica senza richiedere di alcun ulteriore intervento tecnico/informatico, da parte ad esempio di un generico Utente abilitato all utilizzo del Sistema. Nell Annesso 10 vengono riportati le regole e condizioni attuate. d. Attribuzione del Numero di Caratteri di ciascun dato/prodotto meteorologico. (1) Dati e prodotti del Servizio Meteo A.M., in formato testo e grafico. 3 Le linee trasmissive non dedicate includono: - sia i collegamenti in modalità commutata con accesso a server privato del CElD (modalità dial up o switched, tramite numero telefonico su area locale di Roma); - sia i collegamenti in modalità internet e, quindi, con accesso a server pubblico del CElD. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 11

18 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 12 Ai fini del calcolo del costo di rilascio per via telematica, per ogni dato e prodotto è stabilito un valore medio (forfetario) di caratteri, come riportato nell Annesso 11. (2) Dati e prodotti di base originati sia dal Servizio Meteo A.M. sia dal ECMWF, in formato originale GRIB o BUFR. Ai fini del calcolo del costo di rilascio per via telematica, tenendo in considerazione l area geografica, i parametri meteorologici, i livelli e le scadenze coinvolte, si determinano le informazioni elementari giornaliere: ie./g = n.p.d.g. * n.p * n.l * n.s ove: n.p.d.g. = n punti di griglia; n.s = n di scadenze; n.p = n di parametri; n.l = n di livelli. Sommando tutte le ie di ogni area interessata, si ha il totale IE dell intera fornitura. Per ottenere il numero di caratteri (C), relativamente ai prodotti ci cui il computo delle IE, si utilizza una relazione funzionale del seguente tipo: C = f (IE) L Annesso 10 riportata la relazione attualmente impiegata per passare da IE a C. e. Condizioni particolari per l attribuzione del costo di rilascio a forniture per via telematica. (1) Criterio di Incentivazione per la diffusione dei Modelli ad Alta Risoluzione. Il Servizio Meteo A.M., alla stregua della maggior parte dei Servizi Meteorologici Nazionali europei, dispone di Modelli Numerici per le Previsioni ad area geografica limitata e ad alta risoluzione spaziale. I campi prodotti in uscita da detti modelli ad alta risoluzione, siano essi di origine nazionale o internazionale, possiedono caratteristiche innovative che li rendono una potenziale risorsa da sfruttare nei diversi settori legati alla meteorologia. Al fine di agevolare la loro diffusione, dal punto di vista dei soli costi di rilascio attribuiti, si adotta il criterio riportato nell Annesso 12, valido per tutti i Modelli Numerici ad Alta Risoluzione. (2) Meccanismo di Compensazione del costo di rilascio per Integrazione dati/prodotti ad Alta Valenza Meteorologica Operativa. In considerazione dell attuale situazione nazionale che vede affiancare al Servizio Meteo A.M. importanti realtà meteorologiche regionali con capacità/risorse/dati/prodotti sempre più consistenti, prestanti e di elevata valenza meteorologica, tenuto conto altresì dei compiti istituzionali in ambito Protezione Civile attribuiti (indipendentemente) sia al Servizio Meteo A.M. sia ai Servizi Meteorologici Regionali che impongono de facto la necessità potenziale di impegnare non trascurabili risorse, considerato inoltre che, nella quasi totalità dei casi, detti Servizi Regionali dispongono di un collegamento telematico del tipo mod.1 con il Servizio Meteo A.M. per servizi di base, è stato messo a punto una metodologia che consente di compensare i costi di rilascio sostenuti attraverso l integrazione, a favore del Servizio Meteo A.M., di dati/prodotti riconosciuti ad Alta Valenza Meteorologica Operativa (AVMO). La logica di base che permette l applicazione di un meccanismo di compensazione scaturisce dalle seguenti alinea: C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 12

19 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag Il CElD del Servizio Meteo A.M. ha, tra le proprie finalità, quella di accentrare dati e prodotti meteorologici utili ai compiti del Servizio, indipendentemente dalle necessità e problematiche legate a forniture per Enti esterni alla Forza Armata; - i Servizi Meteorologici Regionali, in qualità di Official Duty, dispongono di forniture without charge, intendendo con ciò che il dato/prodotto è di fatto gratuito e i costi attribuiti sono legati esclusivamente al risarcimento delle spese vive sostenute dal Servizio Meteo A.M. nella fase di rilascio dei dati/prodotti; - le spese vive (il costo di rilascio) sono date, in sintesi, dalla somma di due componenti legate una all attività uomo (costo personale) e l altra all attività sistemi CElD (costo macchina) in relazione con il volume di dati/prodotti rilasciati; - l attività uomo effettuata come conseguenza di rilascio dati/prodotti a Enti esterni, in quanto motivata da esigenze esterne, non può non essere attribuita in toto; - l attività sistemi CElD effettuata come conseguenza di rilascio dati/prodotti a Enti esterni, in considerazione di quanto espresso nella prima alinea, può essere compensata in concomitanza di una integrazione dati/prodotti, ritenuti ad AVMO, a favore del Servizio Meteo A.M.. Nota Bene: il presente meccanismo di compensazione non trova applicazione nel caso di dati/prodotti che, pur essendo originati da Enti esterni alla Forza Armata, vengono acquisiti dal Servizio Meteo A.M. per l assolvimento di compiti di istituto, quale l accentramento ed il rilancio delle informazioni meteorologiche, tramite i sistemi di telecomunicazione meteo, a livello nazionale ed internazionale. L Annesso 12 contiene le regole e gli elementi esplicativi per l applicazione del presente meccanismo di compensazione. f. Rilascio via satellite (Sistema NUBIS). Il rilascio per via satellite attraverso il Sistema NUBIS (National Unified Broadcasting Informative Service) del Servizio Meteo A.M., con trasmissione DVB-S (Digital Video Broadcast), prevede modalità analoghe a quelle telematiche per ciò che attiene l attribuzione o computo del numero di caratteri per ciascun dato/prodotto meteorologico, relativamente ai vari formati possibili. Il Sistema NUBIS è stato studiato per consentire un rilascio ad elevate prestazioni e a costi contenuti (quando attribuiti). Nell Annesso 9 vengono riportati i criteri ed i costi attualmente applicati. g. Rilascio non telematico Descrizione della metodologia e relazioni per il calcolo del costo pagina. Il costo di rilascio dei dati e dei prodotti trasmessi per via diversa da quella telematica o satellitare, quale quella via fax, viene stabilito sulla base del tempo impiegato, da parte di un operatore del Servizio Meteo A.M., per inviare le informazioni. Viene quindi stabilito a priori, al fine di determinare il costo da attribuire a ciascun dat/prodotto inviato, quanto segue: - tempo medio, in minuti, attribuito per l invio di un singolo foglio; - numero massimo di elementi (dati/prodotti) che possono essere contenuti all interno un singolo foglio; - numero minimo di fogli per dato/prodotto richiesto. L Annesso 13 contiene i valori a priori stabiliti e l esempio dei costi attribuiti. h. Costo di rilascio legato ai dati/prodotti meteo d archivio, ceduti nei vari formati disponibili. Il costo di rilascio attribuito alle varie operazioni eseguite per la cessione dei dati e dei prodotti presenti nell archivio del Servizio Meteo A.M. si basa, come già visto in precedenza per i rilasci in tempo reale, sui tempi uomo e, in taluni casi, sui tempi macchina, ovviamente considerando le specifiche caratteristiche dell attività di estrazione dei dati dagli archivi. La metodologia applicata è riportata nell Annesso 8. i. Costo di rilascio delle Architetture Tecnologiche-Informatiche (Sistema PROMETEO). Nel caso specifico dei dati/prodotti rilasciati tramite il Sistema PROMETEO (o analoghi Sistemi del Servizio Meteo A.M.), sistemi concepiti per permettere la navigazione tra le varie informazioni disponibili (potenzialmente tutte) nel data base del CElD del CNMCA, si è dovuto stabilire, sulla base di un numero medio di dati/prodotti meteo accessibili, un costo complessivo di rilascio non più legato al singolo dato/prodotto bensì all intero Sistema. I dettagli sul metodo adottato sono riportati nell Annesso 15. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 13

20 C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag SERVIZI SPECIALIZZATI Si identificano generalmente con l intervento diretto del personale del Servizio Meteo A.M. in sede o fuori di essa, per attività per conto terzi quali, ad esempio, interviste rese in audio o in video, sviluppo di prodotti ad hoc per particolari esigenze, nonché consulenze specifiche in ambito meteorologico. L onerosità del servizio specializzato viene calcolata caso per caso sulla base dell effettivo impiego del personale al quale viene aggiunta, eventualmente, la spesa attribuita al suo trasporto/trasferimento presso la sede in cui avverrà la prestazione. Si procede quindi attraverso il computo totale del tempo uomo da attribuire all attività richiesta e, seguendo i criteri esposti nel punto 3.a. ed utilizzando quali costi di riferimento (CO) quelli annualmente aggiornati dallo Stato Maggiore Aeronautica, si calcola il costo uomo legato al servizio. A tali costi, ove venga impiegato un mezzo di trasporto dell Amministrazione, vengono aggiunti quelli automobilistici comunicati dalla Direzione Generale degli Armamenti Terrestri (vedi Annesso 4). In sintesi, il computo dei costi da attribuire ad un servizio specializzato viene eseguito sulla base: - della durata temporale effettiva di ciascuna attività; - del numero effettivo di chilometri eventualmente percorsi nei giorni nei quali si effettua l attività. Va messo in evidenza che la fornitura dei Servizi Specializzati, risultando potenzialmente onerosa in termini di risorse umane da impiegare, verrà valutata di volta in volta dal Servizio Meteo A.M. che si riserva il diritto di accettare o meno l impegno richiesto. 6. SERVIZI INTERNAZIONALI Il Servizio Meteorologico dell A.M., tenuto conto della sempre più crescente domanda di dati/prodotti/servizi/sistemi/risorse a carattere meteorologico dell intera collettività nazionale, considerata la propria valenza di Ente meteorologico di riferimento a livello sia nazionale sia internazionale, ha assunto l onere e la responsabilità di agire quale intermediario tra le varie strutture nazionali e quelle internazionali. In questo quadro di attività si inseriscono i Servizi Internazionali; in sostanza il Servizio Meteo A.M., recependo ed applicando quanto previsto/indicato dalle normative delle principali istituzioni meteorologiche europee, quali ECMWF ed EUMETSAT, gestisce le autorizzazioni e/o le licenze per l accesso e/o la fruizione di dati/prodotti/servizi/sistemi/risorse che dette organizzazioni mettono a disposizione dei vari Stati membri. a. ECMWF - Accesso alle risorse Il Centro Europeo per le Previsioni a Medio Termine dispone di un sofisticato sistema di archiviazione e gestione di dati/prodotti di carattere meteo-oceanografici, detto MARS (Meteorological Archive and Retrieval System). Il sistema consente di reperire in modo semplice e veloce, nei formati standard del Centro (versione di formati OMM), i dati ed i prodotti che fruiscono e/o vengono generati quotidianamente. L accesso al sistema, e comunque alle risorse di calcolo del Centro, è possibile attraverso il rilascio di un dispositivo elettronico di sicurezza informatica denominato SecurID. Tenuto conto della crescente domanda nazionale e nel tentativo di soddisfare il massimo numero possibile di richieste per l accesso alle risorse del Centro, in considerazione sia dei mezzi a disposizione sia dei costi dei sistemi informatici e dei dispositivi SecurID, il Servizio Meteorologico A.M. ha messo a punto la procedura di massima per il rilascio delle autorizzazioni in parola, riportata nell Annesso 14. b. EUMETSAT Prodotti dei satelliti geostazionari e polari. C.U.S.T.O.ME.R. 7^ Ed. Parte 1 a Pag. 14

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche A f f i n c h é l a t t o c r e a t i v o o t t e n g a i l g i u s t o r i c o n o s c i m e n t o ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa Note

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 AREA:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli