La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese"

Transcript

1 Modulo 6B La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese Coordinatore Scientifico: Prof. Rocco Giordano

2

3 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 437 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comitato Centrale per l Albo degli Autotrasportatori Progetto Formazione di esperti tecnico-logistici Modulo 6B La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese Coordinatore Scientifico: Prof. Rocco Giordano 1 SOGGETTO ATTUATORE Il Comitato centrale è l'organo di direzione dell'albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto di terzi. Al Comitato sono affidate funzioni che si possono suddividere in tre grandi aree: area amministrativa e di gestione nella formazione, tenuta e pubblicazione dell'albo nazionale nonché di indirizzo e coordinamento in merito alla formazione; area di collaborazione e di supporto alle scelte dell'autorità di Governo per la definizione degli obiettivi e delle priorità dell'azione amministrativa e dei contenuti delle singole misure che interessano il settore; area della ideazione e fornitura di strumenti finalizzati allo sviluppo ed al miglioramento dell'autotrasporto. 2

4 438 Modulo 6B OBIETTIVI 1. Offrire una gamma di servizi diversi nel tempo; 2. servizi per la riduzione della incidentalità ed il miglioramento della produttività del settore autotrasporto; 3. aumento dei livelli di sicurezza, tramite l applicazione di soluzioni di telematica e la realizzazione di un sistema integrato di comunicazione e localizzazione; 4. coinvolgimento dell autotrasportatore quale soggetto attivo ; 5. compatibilità con il programma italiano Artist del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. 3 BENEFICI 1 Miglioramento della qualità delle informazioni in termini di affidabilità, tempestività e capillarità; offerta integrata di servizi; salvaguardia degli investimenti; disponibilità di servizi informativi addizionali rispetto alla viabilità (sicurezza, gestione ed ottimizzazione delle flotte); multicanalità e facilità di accesso ai servizi; disponibilità di una sala operativa. 4

5 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 439 BENEFICI 2 Centralità del Comitato quale ente di riferimento a livello nazionale per l erogazione dei servizi di infomobilità agli autotrasportatori; creazione di una rete di sensori mobili e di fonti integrative, diretta a migliorare la qualità e la capillarità delle informazioni sulla mobilità; creazione e disponibilità di una banca dati aggiornata in tempo reale sullo stato della viabilità, sull incidentalità, etc.; sviluppo di una più ampia offerta di servizi a terzi in qualità di content/service provider (es. PAL, altri soggetti); massima flessibilità nella evoluzione dell offerta di servizi, grazie alle caratteristiche di integrabilità e di estendibilità della piattaforma. 5 LINEE GUIDA STRATEGICHE L adozione della piattaforma telematica consente di disporre di un Sistema di Trasporto Intelligente per attuare le linee d azione fondamentali e strategiche previste dalla Commissione Europea per gli ITS (Intelligent Transport Systems), come primarie per la politica dei trasporti degli stati componenti la UE. Nello specifico: permettere l utilizzo ottimale delle potenzialità dei sistemi di trasporto e delle infrastrutture attraverso l utilizzo di sistemi avanzati di gestione e controllo; facilitare l adozione di nuove tecnologie per garantire la sicurezza stradale sia sul veicolo che sulle infrastrutture; impegnarsi a ridurre i livelli di inquinamento da emissioni nocive mediante l impiego di tecnologie innovative di gestione della mobilità. 6

6 440 Modulo 6B MACRO PROCESSI 7 8 ACHITETTURA GENERALE

7 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 441 UTENTI ESTERNI 1 I Trasportatori accedono a servizi evoluti quali: lo scambio di informazioni e documenti con gli operatori logistici; la pianificazione e ripianificazione dell itinerario; l infomobilità geolocalizzata; la segnalazione delle emergenze; la ricerca delle Aree di Sosta. In particolare: prima del viaggio, mediante un qualsiasi posto di lavoro connesso ad internet, o un telefono con il quale contattare il Call Center; durante il viaggio, mediante un apparato di bordo o palmare connesso via rete mobile alla Piattaforma Telematica, o attraverso un telefono cellulare con il quale contattare il Call Center o ricevere/inviare SMS; dopo il viaggio, mediante un qualsiasi posto di lavoro connesso ad internet, o un telefono con il quale contattare il Call Center. 9 UTENTI ESTERNI 2 Gli Operatori dei Centri Logistici usufruiscono di servizi evoluti di Fleet Management della loro flotta quali : - marketplace di incontro domanda-offerta; - sistema di workflow documentale per dematerializzare i flussi documentali legati alla logistica. Gli Operatori delle Aree di Sosta possono rendere disponibili in formato georiferito le informazioni relative alle Closest Facilities offerte e possono fornire i loro servizi alla comunità dei Trasportatori attraverso l utilizzo della Piattaforma Telematica del Comitato Centrale; le Istituzioni (es Polizia Stradale, VVFF, Protezione Civile, Ministero dei Trasporti,...) che, mediante l utilizzo di strumenti di interoperabilità possono interagire con le informazioni e con i sistemi della Piattaforma Telematica, ad es. per inviare un messaggio a un subset di trasportatori nell intorno di un de-terminato evento, oppure utilizzare i dati raccolti dal sistema per le loro elaborazioni statistiche e previsionali. 10

8 442 Modulo 6B UTENTI ESTERNI 3 I Content Provider esterni sono sia produttori che consumatori dei dati pre-senti nella Piattaforma abilitando così la possibilità di modelli di business legati alla vendita delle informazioni sugli spostamenti e sul traffico (i trasportatori sono sonde che si muovono continuamente sulla rete stradale ed autostradale). I Controllori dei CMR che, oltre ad alimentare la Piattaforma con i dati rilevati durante i controlli possono ottenere indicazioni importanti per programmare la loro strategia di attuazione dei controlli al fine di ridurre l incidentalità in quelle aree che dalle elaborazioni risultano essere a rischio. 11 UTENTI INTERNI Gli Operatori del Call Center (front end) e della Piattaforma Telematica (Back End) ricevono e forniscono informazioni georeferenziate ai trasportatori e agli altri attori del sistema attraverso il sistema di Contact Management multicanale. Gli Operatori di back end della Piattaforma Telematica che operano sulla stessa nelle varie attività di parametrizzazione, aggiornamento dei contenuti, generazione di report e cruscotti, definizione di nuove strategie per il sistema di Supervisione avendo a disposizione una Sala Situazioni nella quale far confluire tutti i dati del sistema condividendo gli scenari con i decisori. I Decisori, che, mediante le informazioni contenute nel sistema e con il sistema di supporto alle decisioni hanno il compito di garantire il monitoraggio, l efficienza e la sicurezza del trasporto. 12

9 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 443 ENTERPRISE SERVICE BUS 13 ARCHITETTURA FUNZIONALE 14

10 444 Modulo 6B SOTTO SISTEMA DI GESTIONE DELLE INFORMAZIONI Consente la gestione e lo scambio integrato e multicanale delle informazioni su viabilità, strutture e servizi per la mobilità degli autotrasportatori. Moduli: piattaforme veicolari gestiscono il servizio di infomobilità tra la piattaforma centrale e i dispositivi PDA in dotazione agli autotrasportatori; gateway terze parti realizza la condivisione delle informazioni attraverso la cooperazione e lo scambio su protocolli definiti con i Content Provider; integrazione e validazione dati è il componente di controllo e correlazione dei dati informativi provenienti dai componenti di piattaforma; portale dei Servizi è la presentazione della piattaforma dell Albo sul canale. 15 WEB e PDA per le informazioni su: traffico e viabilità; strutture e servizi esistenti georeferenziati (aree di sosta, valichi, officine, etc.); orari (scambi intermodali, strutture di servizi, etc.). SOTTO SISTEMA DI INTERSCAMBIO DATI Popolamento della base dati è il modulo di gestione ed amministrazione dei servizi della piattaforma quali: - l inserimento di un nuovo servizio secondo regole definite; - l inserimento dei dati delle imprese aderenti; - la profilazione e la classificazione delle imprese; - le credenziali di accesso degli utenti autorizzati; - le segnalazioni sulla qualità del servizio riscontrate dagli utenti. Accesso ai servizi della piattaforma multicanale attraverso: - postazioni utente; - postazione mobile cellulare; - postazione mobile palmare. 16 Dispatching delle informazioni multicanale: - Web; Call Center; SMS/MMS; PDA.

11 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 445 SOTTO SISTEMA GIS Gestione dei tematismi i dati presenti nella banca dati Geografica e nelle altre banche dati e presenti sulla piattaforma sono Geocodificati e rappresentati sulle mappe. Gestione di un grafo stradale e del grafo pesato formano la banca dati Geografica di riferimento per tutte le funzioni di ricerca topologie, calcolo di percorso, Geocoding di dati e Reverse Geocoding. Navigazione Cartografica. Funzioni di Ricerca. Funzioni di Selezione. 17 SOTTO SISTEMA DI SUPER VISIONE DEL TRAFFICO Il Traffic Management System nel progetto consente di calcolare le variabili di stato per ciascun arco stradale presente sulla banca dati georeferenziata tenendo conto del peso e della protezione degli archi (dati provenienti dal Grafo Pesato) nonchè delle matrici Origine/Destinazione derivanti dallo studio sulla praticabilità dei Valichi Alpini. In tale modo genera ad intervalli predefiniti (ogni 5 ) una fotografia aggiornata della situazione del traffico e dei trasporti sulla rete stradale. Il supervisore accedendo a questi dati e utilizzando opportuni algoritmi è in grado di generare automaticamente per ciascun PMV i messaggi di avviso e di reinstradamento. 18

12 446 Modulo 6B SOTTO SISTEMA ACCESSIBILITÀ VALICHI ALPINI La crescita dei traffici ai valichi, connessa con la limitazione alla circolazione imposta pone vincoli di capacità alla movimentazione delle merci da e per l Italia, per conoscere la situazione sono accessibili i dati di monitoraggio e gestione del traffico al fine di: ottimizzare l uso delle risorse (capacità) esistenti; gestire al meglio le emergenze ai fini della sicurezza. Il monitoraggio con gli studi realizzati fornisce dati su: i flussi giornalieri nel corso della settimana; la matrice origine-destinazione della settimana di riferimento e le principali caratteristiche della domanda. 19 ARCHITETTURA APPLICATIVA 20

13 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 447 LA STRATEGIA ED IL RUOLO CENTRALE DEI CONTROLLI SULL AUTOTRASPORTO Ministero dei Trasporti; Dipartimento per i Trasporti Terrestri; Direzione Generale per il Trasporto Stradale; Unità Operativa APC4 Ufficio Controlli sull autotrasporto. 21 IL PROGETTO PER LO SVILUPPO DEI CONTROLLI INTEGRATI SUL TERRITORIO OBIETTIVI Sicurezza della circolazione stradale Equilibrio del mercato 22

14 448 Modulo 6B GLI STRUMENTI DEL PROGETTO PER I CONTROLLI Studio della materia Esigenza di conoscere una materia complessa. Vastità e pluralità delle fonti. Obiettivo Mettere a disposizione degli operatori strumenti concreti per svolgere l attività di controllo. 23 Analisi dei flussi di traffico Obiettivo Individuazione delle aree sensibili del territorio nazionale. Razionalizzare ed ottimizzare le risorse a disposizione. Focalizzare la funzione di controllo. IL CONTROLLO INTEGRATO Efficienza tecnica del veicolo (sicurezza della circolazione stradale). Regolarità amministrativa (rispetto delle regole della concorrenza). Posizione del conducente (verifica del rapporto di lavoro). LE PATTUGLIE MISTE Personale del Dipartimento per i Trasporti Terrestri. Personale della Polizia Stradale. Centri Mobili di revisione. 24

15 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 449 IL CONTROLLO INTEGRATO IL CONTROLLO DELL EFFICIENZA TECNICA DEL VEICOLO Misura dell efficienza dell impianto frenante; controllo della funzionalità del sistema di sterzo; misura della funzionalità dei dispositivi di illuminazione e segnalazione; controllo dello stato dei pneumatici e loro congruenza; controllo dello stato del telaio; verifica del montaggio e funzionalità del limitatore di velocità e del tachigrafo; verifica di perdite olio e carburante; misurazione dei livelli sonori ed inquinanti. CENTRO MOBILE DI REVISIONE Frenometro a rulli; fonometro; opacimetro; spessimetro (per la prova del telaio); decelegrafo; prova giochi per lo sterzo. 25 IL CONTROLLO INTEGRATO IL CONTROLLO SUL CONDUCENTE Verifica del tasso alcolemico; verifica dell uso di sostanze stupefacenti; verifica dei tempi di guida e di riposo; verifica della regolarità del rapporto di lavoro. I CONTROLLI SUL REGIME AUTORIZZATIVO Regolarità delle autorizzazioni; analisi dell autenticità dei documenti; regime delle merci trasportate; regolarità della circolazione del veicolo. 26

16 450 Modulo 6B L OPERATIVITÁ NELL ATTIVITÁ DI CONTROLLO DUTTILITÁ: facilità di intervento nelle aree sensibili ; rapidità di presenza nel territorio; valutazione immediata delle esigenze. 27 VALUTAZIONE DEI RISULTATI: strumenti informatici di rilevazione; continuo contatto con gli Uffici centrali; analisi costante degli esiti dei controlli. MIGLIORARE LA PROFESSIONALITÁ: scambio di informazioni e dati; efficienza nel coordinamento; affiatamento delle pattuglie miste. La visione integrata dell attività di controllo e la stretta relazione con il territorio hanno consentito di focalizzare l attenzione sui fatti e comportamenti che più rappresentano fenomeni di elusione o di alterazione della concorrenza Falsificazione delle autorizzazioni. Abuso nell utilizzazione delle autorizzazioni. Conducenti non in regola con la legislazione in materia di lavoro. Attività di autotrasporto svolta da imprese ombra costituite in altri Paesi. Simulazione di autotrasporto internazionale per realizzare il trasporto interno. 28

17 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 451 IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Prima fase: SVILUPPO DEL MODELLO Studio e progettazione del sistema informativo e di trasmissione dei dati; individuazione delle aree del territorio più sensibili e programmazione delle fasi di controllo (punti programmati di controllo); formazione del personale addetto ai controlli; interventi di controllo mediante la partecipazione di tutti gli organismi interessati (pattuglie miste), associando nel medesimo contesto le varie tipologie di controlli; monitoraggio dei risultati dei controlli; analisi dei dati per l individuazione di strategie più efficaci e per l elaborazione di studi di settore. 29 IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE SVILUPPO DEL MODELLO Caratteristiche Principali Razionalizzare e semplificare le operazioni di controllo: - tecnico: destinati a verificare lo stato e l efficienza del veicolo, soprattutto per garantire la sicurezza della circolazione stradale. Tali controlli sono effettuati principalmente dai competenti Uffici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; - amministrativo sul veicolo: destinati in via principale a verificare la legittimità dell uso del veicolo e dell attività di autotrasporto e, quindi, a garantire il rispetto delle regole della concorrenza; - sul conducente: mirati ad accertare, oltre l idoneità alla guida e la tutela della sicurezza della circolazione stradale, la regolarità del rapporto di lavoro che lega il conducente all impresa di autotrasporto. 30

18 452 Modulo 6B IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE SVILUPPO DEL MODELLO Benefici 31 Il Sistema applicativo per la gestione del CMR consente di ottenere la: creazione di un apposito centro di raccolta ed elaborazione dati presso il competente Ufficio del Ministero dei Trasporti (database generale); dotazione dei veicoli addetti ai controlli (Centri mobili di revisione) di PC con collegamento telematico alla suddetta banca dati; condivisione in interrogazione delle informazioni del database generale anche ai veicoli in servizio del Dipartimento Trasporti Terrestri, di pattuglie delle Forze dell Ordine, di sedi di controllo degli altri soggetti; analisi ed Elaborazione dei dati sistema informativo e di trasmissione dei dati; formazione del personale. IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Seconda fase : NORMALIZZAZIONE DEI DATI DATI AD INPUT AUTOMATICO (Provenienti dalle rilevazioni dei computer di bordo del CMR sull efficienza dei dispositivi). 32 DATI AD INPUT MANUALE: rilevazione visiva di normale efficienza dei dispositivi; esito dei controlli sul conducente; esito del controllo amministrativo.

19 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 453 IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Terza fase: ELABORAZIONE DI UN FORMULARIO STANDARDIZZATO I dati normalizzati confluiscono in un unico formulario a schede; l operatore provvede ad esaminare le varie schermate, verificando l assenza di segnali di errore; l operatore provvede, se necessario, alla digitalizzazione dei documenti del veicolo. 33 IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Quarta fase: TRASMISSIONE DEI DATI Realizzazione di un sistema di comunicazione dedicato su protocolli UMTS per la trasmissione dei dati; verifica della presenza in banca dati del veicolo e della impresa; ricezione dell eventuale feed-back; trasmissione della scheda di controllo al server centrale; inserimento automatico dei dati nel data base centrale. 34

20 454 Modulo 6B IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Quinta fase: CHIUSURA DELL OPERAZIONE Stampa del report del controllo e dei documenti contenenti eventuali prescri-zioni da consegnare all autista; eventuale redazione del verbale di contestazione dell infrazione ed applicazione delle sanzioni. 35 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI INTEROPERABILITÁ DEI SISTEMI IL SISTEMA DEI REGISTRI INFORMATICI DOVRÁ ESSERE COMPATIBILE: con le banche dati del Ministero dell interno per quanto riguarda i controlli su strada; con le banche dati del Ministero del lavoro per quanto riguarda i controlli presso la sede delle imprese; con le banche dati di Carabinieri e Guardia di finanza; con le banche dati delle polizie locali; con le banche dati del Ministero dei trasporti per quanto riguarda i dati di immatricolazione dei veicoli; con le banche dati dell Albo degli autotrasportatori per quanto riguarda l anagrafica delle imprese; con le banche dati del sistema CMR. 36

21 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 455 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato: Architettura Logica 37 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato: Interfaccia 38

22 456 Modulo 6B GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato: Interfaccia 39 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato: Interfaccia 40

23 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 457 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Specifiche funzionali Apertura e Controlli Le attività (funzioni) che si identificano sono le seguenti: acquisizione dati; verifica dati acquisiti per accertare l idoneità del trasporto e identificare i recidivi. Queste funzionalità sono espletate in due modalità: attraverso il terminale mobile a disposizione dei CMR; attraverso il PC del CMR comunque in comunicazione con il server centrale del CED per la verifica dei dati pregressi relativamente ai mezzi, ai tra-sportatori e ai documenti presentati in fase di verifica. 41 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Acquisizione Dati Acquisizione dati La funzione di acquisizione dati, in conformità a quanto specificato nella Direttiva 2000/30/CE, si realizza attraverso le seguenti funzionalità: registrazione dati identificativi del controllo; codice identificativo del controllo; identificativo dell ufficio Motorizzazione di competenza; identificativo del CMR; luogo del controllo (questo campo potrebbe essere arricchito con la posizione assoluta rilevata attraverso GPS); data e ora del controllo; identificativo dei controllori responsabili. 42

24 458 Modulo 6B GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Acquisizione Dati 43 Acquisizione informazioni che identificano il veicolo: paese di immatricolazione del veicolo; numero di immatricolazione del veicolo; paese di immatricolazione del rimorchio/semirimorchio; numero di immatricolazione del rimorchio/semirimorchio; targa; classe del veicolo. Acquisizione informazioni che identificano il trasporto: tipo di trasporto (viaggiatori o merci); tipo di servizio (conto terzi, conto proprio); impresa di trasporto; documentazione e autorizzazioni al trasporto. Acquisizione informazioni che identificano il conducente: nazionalità; Generalità. GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Controlli Tecnici Controlli Tecnici Si tratta dell'insieme di controlli che riguardano il veicolo e che vengono effettuati per verificare l idoneità alla circolazione in termini di stato ed efficienza del veicolo stesso, al fine soprattutto di garantire la sicurezza della circolazione stradale. Nell ambito dei controlli tecnici, sempre in conformità a quanto specificato dalla Direttiva 2000/30/CE, si possono pertanto individuare le seguenti funzioni: esame visivo delle condizioni di manutenzione del veicolo; verifica documenti attestanti la conformità alla normativa tecnica applicabile per i veicoli; ispezione intesa a rilevare i difetti di manutenzione. 44

25 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 459 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Controlli Amministrativi Controlli Amministrativi Si tratta dell'insieme di controlli destinati a verificare la legittimità dell uso del veicolo e dell attività di autotrasporto, e quindi a garantire il rispetto delle regole della concorrenza. I controlli amministrativi, sia nel caso dei viaggiatori che delle merci, variano in base a due fattori: tipo di servizio effettuato: per conto terzi o per conto proprio; ambito del trasporto: Italia, paesi UE, paesi non UE, ecc. La funzione si scompone nelle seguenti attività: verifica amministrativa trasporto viaggiatori; verifica amministrativa autotrasporto merci. 45 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Controlli sui Conducenti Controlli sui Conducenti È l insieme dei controlli rivolti al conducente del veicolo che mirano ad accertare, oltre l idoneità alla guida e la tutela della sicurezza della circolazione stradale, la regolarità del rapporto di lavoro che lega il conducente all'impresa di autotrasporto. Le funzioni individuate sono le seguenti: controllo idoneità alla guida; controllo condizioni di sicurezza per il conducente; controllo regolarità del rapporto di lavoro; controllo rispetto normativa sulle condizioni di lavoro. 46

26 460 Modulo 6B GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Chiusura Controlli Chiusura Controlli Si tratta dell insieme di attività da svolgere a chiusura delle operazioni di controllo. In particolare questa fase si compone delle seguenti funzioni: registrazione esito dei controlli; applicazione prescrizioni/sanzioni; rilascio al conducente del certificato con esito del controllo; segnalazione non conformità alle Autorità competenti; aggiornamento Banca Dati CED. 47 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Predisposizione Report Predisposizione report Si tratta dell insieme di attività da svolgere a chiusura delle operazioni della giornata di controllo. In particolare questa fase si compone delle seguenti funzioni: Redazione modulo di rilevazione giornaliera; Redazione modulo di rilevazione mensile; Creazione dei moduli di avvenuto controllo (Allegato 1) che va poi stampato in triplice copia per essere fornito agli agenti della stradale e all autotrasportatore controfirmata dal personale del ministero dei trasporti e dalla stradale; trasmissione moduli alla centrale. 48

27 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 461 NOTE A COMMENTO: SCENARIO E POLITICHE DI INTERVENTO PER UN GOVERNO DI SISTEMA 49 CONTESTO E POLITICHE DI INTERVENTO La Consulta Generale per l Autotrasporto e la Logistica recependo la Direttiva Comunitaria 2010/40 UE ha inserito all interno del Piano Nazionale della Logistica la linea strategica n 8 così definita: Sistemi intelligenti di trasporto: Piattaforma telematica nazionale e Progetto Galileo. Il piano Nazionale della Logistica del dicembre 2010 dichiara negli obiettivi la collaborazione tra Albo, UIRNet e SISTRI auspicabile per focalizzare gli sforzi nella realizzazione del Sistema Logistico efficiente e sicuro attraverso l integrazione operativa delle tre Piattaforme realizzando sinergie con grande valore aggiunto. Per la realizzazione sono state previste azioni di raccordo tra: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Ministero dell Ambiente; con il coinvolgimento del Ministero dell Interno e Ministero Economia e Finanze. 50

28 462 Modulo 6B OBIETTIVI STRATEGICI Il futuro del trasporto merci italiano è strettamente legato alla capacità degli operatori del settore, del Governo e della Pubblica Amministrazione di formulare un progetto comune, complessivo ed integrato per la competitività e l efficienza del sistema dei trasporti. 51 Obiettivi devono essere: l affermazione delle regole dell efficienza; l affermazione delle regole del mercato e della concorrenza; l ammodernamento dell assetto istituzionale; lo sviluppo delle reti infrastrutturali; lo sviluppo del sistema di tracciabilità e controllo. I PUNTI QUALIFICANTI PER LA COMPETITIVITÀ DEL TRASPORTO MERCI ITALIANO 52 Coordinamento delle politiche pubbliche e rafforzamento dei poteri centrali di indirizzo e di vigilanza; progressiva liberalizzazione dei mercati del trasporto e del traffico (servizi di trasporto e gestione delle infrastrutture); sviluppo dell integrazione modale e valorizzazione della complementarietà fra i modi di trasporto, nell ambito di un obiettivo di efficienza globale; sviluppo dell integrazione del trasporto con le altre attività logistiche e innovazione organizzativa e tecnologica dei canali di distribuzione; sviluppo di una politica fiscale equilibrata e coerente con gli obiettivi di efficienza e di competitività del sistema industriale e distributivo; sviluppo di un piano delle infrastrutture per il trasporto del 2020, concentrando gli interventi sulle criticità effettive della rete stradale e ferroviaria nonché dei principali nodi di trasporto.

29 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 463 RUOLO DEI SISTEMI TRASPORTO INTELLIGENTE Il valore aggiunto degli ITS: accompagnare il cambiamento investendo in tecnologie, innovazione, specializzazione, qualità e co-modalità; dotare i mercati di infrastrutture ICT di rete armonizzate, integrando i lavori in corso nel prossimo Piano nazionale; modulare le misure nazionali in funzione di obiettivi di medio e di lungo periodo. 53

30

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese.

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2012 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers Servizi che vi portano molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers L innovazione al servizio dell autotrasporto: AS 24 apre la strada 1 a rete europea di stazioni dedicate ai mezzi pesanti,

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli