La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese"

Transcript

1 Modulo 6B La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese Coordinatore Scientifico: Prof. Rocco Giordano

2

3 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 437 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comitato Centrale per l Albo degli Autotrasportatori Progetto Formazione di esperti tecnico-logistici Modulo 6B La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese Coordinatore Scientifico: Prof. Rocco Giordano 1 SOGGETTO ATTUATORE Il Comitato centrale è l'organo di direzione dell'albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto di terzi. Al Comitato sono affidate funzioni che si possono suddividere in tre grandi aree: area amministrativa e di gestione nella formazione, tenuta e pubblicazione dell'albo nazionale nonché di indirizzo e coordinamento in merito alla formazione; area di collaborazione e di supporto alle scelte dell'autorità di Governo per la definizione degli obiettivi e delle priorità dell'azione amministrativa e dei contenuti delle singole misure che interessano il settore; area della ideazione e fornitura di strumenti finalizzati allo sviluppo ed al miglioramento dell'autotrasporto. 2

4 438 Modulo 6B OBIETTIVI 1. Offrire una gamma di servizi diversi nel tempo; 2. servizi per la riduzione della incidentalità ed il miglioramento della produttività del settore autotrasporto; 3. aumento dei livelli di sicurezza, tramite l applicazione di soluzioni di telematica e la realizzazione di un sistema integrato di comunicazione e localizzazione; 4. coinvolgimento dell autotrasportatore quale soggetto attivo ; 5. compatibilità con il programma italiano Artist del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. 3 BENEFICI 1 Miglioramento della qualità delle informazioni in termini di affidabilità, tempestività e capillarità; offerta integrata di servizi; salvaguardia degli investimenti; disponibilità di servizi informativi addizionali rispetto alla viabilità (sicurezza, gestione ed ottimizzazione delle flotte); multicanalità e facilità di accesso ai servizi; disponibilità di una sala operativa. 4

5 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 439 BENEFICI 2 Centralità del Comitato quale ente di riferimento a livello nazionale per l erogazione dei servizi di infomobilità agli autotrasportatori; creazione di una rete di sensori mobili e di fonti integrative, diretta a migliorare la qualità e la capillarità delle informazioni sulla mobilità; creazione e disponibilità di una banca dati aggiornata in tempo reale sullo stato della viabilità, sull incidentalità, etc.; sviluppo di una più ampia offerta di servizi a terzi in qualità di content/service provider (es. PAL, altri soggetti); massima flessibilità nella evoluzione dell offerta di servizi, grazie alle caratteristiche di integrabilità e di estendibilità della piattaforma. 5 LINEE GUIDA STRATEGICHE L adozione della piattaforma telematica consente di disporre di un Sistema di Trasporto Intelligente per attuare le linee d azione fondamentali e strategiche previste dalla Commissione Europea per gli ITS (Intelligent Transport Systems), come primarie per la politica dei trasporti degli stati componenti la UE. Nello specifico: permettere l utilizzo ottimale delle potenzialità dei sistemi di trasporto e delle infrastrutture attraverso l utilizzo di sistemi avanzati di gestione e controllo; facilitare l adozione di nuove tecnologie per garantire la sicurezza stradale sia sul veicolo che sulle infrastrutture; impegnarsi a ridurre i livelli di inquinamento da emissioni nocive mediante l impiego di tecnologie innovative di gestione della mobilità. 6

6 440 Modulo 6B MACRO PROCESSI 7 8 ACHITETTURA GENERALE

7 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 441 UTENTI ESTERNI 1 I Trasportatori accedono a servizi evoluti quali: lo scambio di informazioni e documenti con gli operatori logistici; la pianificazione e ripianificazione dell itinerario; l infomobilità geolocalizzata; la segnalazione delle emergenze; la ricerca delle Aree di Sosta. In particolare: prima del viaggio, mediante un qualsiasi posto di lavoro connesso ad internet, o un telefono con il quale contattare il Call Center; durante il viaggio, mediante un apparato di bordo o palmare connesso via rete mobile alla Piattaforma Telematica, o attraverso un telefono cellulare con il quale contattare il Call Center o ricevere/inviare SMS; dopo il viaggio, mediante un qualsiasi posto di lavoro connesso ad internet, o un telefono con il quale contattare il Call Center. 9 UTENTI ESTERNI 2 Gli Operatori dei Centri Logistici usufruiscono di servizi evoluti di Fleet Management della loro flotta quali : - marketplace di incontro domanda-offerta; - sistema di workflow documentale per dematerializzare i flussi documentali legati alla logistica. Gli Operatori delle Aree di Sosta possono rendere disponibili in formato georiferito le informazioni relative alle Closest Facilities offerte e possono fornire i loro servizi alla comunità dei Trasportatori attraverso l utilizzo della Piattaforma Telematica del Comitato Centrale; le Istituzioni (es Polizia Stradale, VVFF, Protezione Civile, Ministero dei Trasporti,...) che, mediante l utilizzo di strumenti di interoperabilità possono interagire con le informazioni e con i sistemi della Piattaforma Telematica, ad es. per inviare un messaggio a un subset di trasportatori nell intorno di un de-terminato evento, oppure utilizzare i dati raccolti dal sistema per le loro elaborazioni statistiche e previsionali. 10

8 442 Modulo 6B UTENTI ESTERNI 3 I Content Provider esterni sono sia produttori che consumatori dei dati pre-senti nella Piattaforma abilitando così la possibilità di modelli di business legati alla vendita delle informazioni sugli spostamenti e sul traffico (i trasportatori sono sonde che si muovono continuamente sulla rete stradale ed autostradale). I Controllori dei CMR che, oltre ad alimentare la Piattaforma con i dati rilevati durante i controlli possono ottenere indicazioni importanti per programmare la loro strategia di attuazione dei controlli al fine di ridurre l incidentalità in quelle aree che dalle elaborazioni risultano essere a rischio. 11 UTENTI INTERNI Gli Operatori del Call Center (front end) e della Piattaforma Telematica (Back End) ricevono e forniscono informazioni georeferenziate ai trasportatori e agli altri attori del sistema attraverso il sistema di Contact Management multicanale. Gli Operatori di back end della Piattaforma Telematica che operano sulla stessa nelle varie attività di parametrizzazione, aggiornamento dei contenuti, generazione di report e cruscotti, definizione di nuove strategie per il sistema di Supervisione avendo a disposizione una Sala Situazioni nella quale far confluire tutti i dati del sistema condividendo gli scenari con i decisori. I Decisori, che, mediante le informazioni contenute nel sistema e con il sistema di supporto alle decisioni hanno il compito di garantire il monitoraggio, l efficienza e la sicurezza del trasporto. 12

9 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 443 ENTERPRISE SERVICE BUS 13 ARCHITETTURA FUNZIONALE 14

10 444 Modulo 6B SOTTO SISTEMA DI GESTIONE DELLE INFORMAZIONI Consente la gestione e lo scambio integrato e multicanale delle informazioni su viabilità, strutture e servizi per la mobilità degli autotrasportatori. Moduli: piattaforme veicolari gestiscono il servizio di infomobilità tra la piattaforma centrale e i dispositivi PDA in dotazione agli autotrasportatori; gateway terze parti realizza la condivisione delle informazioni attraverso la cooperazione e lo scambio su protocolli definiti con i Content Provider; integrazione e validazione dati è il componente di controllo e correlazione dei dati informativi provenienti dai componenti di piattaforma; portale dei Servizi è la presentazione della piattaforma dell Albo sul canale. 15 WEB e PDA per le informazioni su: traffico e viabilità; strutture e servizi esistenti georeferenziati (aree di sosta, valichi, officine, etc.); orari (scambi intermodali, strutture di servizi, etc.). SOTTO SISTEMA DI INTERSCAMBIO DATI Popolamento della base dati è il modulo di gestione ed amministrazione dei servizi della piattaforma quali: - l inserimento di un nuovo servizio secondo regole definite; - l inserimento dei dati delle imprese aderenti; - la profilazione e la classificazione delle imprese; - le credenziali di accesso degli utenti autorizzati; - le segnalazioni sulla qualità del servizio riscontrate dagli utenti. Accesso ai servizi della piattaforma multicanale attraverso: - postazioni utente; - postazione mobile cellulare; - postazione mobile palmare. 16 Dispatching delle informazioni multicanale: - Web; Call Center; SMS/MMS; PDA.

11 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 445 SOTTO SISTEMA GIS Gestione dei tematismi i dati presenti nella banca dati Geografica e nelle altre banche dati e presenti sulla piattaforma sono Geocodificati e rappresentati sulle mappe. Gestione di un grafo stradale e del grafo pesato formano la banca dati Geografica di riferimento per tutte le funzioni di ricerca topologie, calcolo di percorso, Geocoding di dati e Reverse Geocoding. Navigazione Cartografica. Funzioni di Ricerca. Funzioni di Selezione. 17 SOTTO SISTEMA DI SUPER VISIONE DEL TRAFFICO Il Traffic Management System nel progetto consente di calcolare le variabili di stato per ciascun arco stradale presente sulla banca dati georeferenziata tenendo conto del peso e della protezione degli archi (dati provenienti dal Grafo Pesato) nonchè delle matrici Origine/Destinazione derivanti dallo studio sulla praticabilità dei Valichi Alpini. In tale modo genera ad intervalli predefiniti (ogni 5 ) una fotografia aggiornata della situazione del traffico e dei trasporti sulla rete stradale. Il supervisore accedendo a questi dati e utilizzando opportuni algoritmi è in grado di generare automaticamente per ciascun PMV i messaggi di avviso e di reinstradamento. 18

12 446 Modulo 6B SOTTO SISTEMA ACCESSIBILITÀ VALICHI ALPINI La crescita dei traffici ai valichi, connessa con la limitazione alla circolazione imposta pone vincoli di capacità alla movimentazione delle merci da e per l Italia, per conoscere la situazione sono accessibili i dati di monitoraggio e gestione del traffico al fine di: ottimizzare l uso delle risorse (capacità) esistenti; gestire al meglio le emergenze ai fini della sicurezza. Il monitoraggio con gli studi realizzati fornisce dati su: i flussi giornalieri nel corso della settimana; la matrice origine-destinazione della settimana di riferimento e le principali caratteristiche della domanda. 19 ARCHITETTURA APPLICATIVA 20

13 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 447 LA STRATEGIA ED IL RUOLO CENTRALE DEI CONTROLLI SULL AUTOTRASPORTO Ministero dei Trasporti; Dipartimento per i Trasporti Terrestri; Direzione Generale per il Trasporto Stradale; Unità Operativa APC4 Ufficio Controlli sull autotrasporto. 21 IL PROGETTO PER LO SVILUPPO DEI CONTROLLI INTEGRATI SUL TERRITORIO OBIETTIVI Sicurezza della circolazione stradale Equilibrio del mercato 22

14 448 Modulo 6B GLI STRUMENTI DEL PROGETTO PER I CONTROLLI Studio della materia Esigenza di conoscere una materia complessa. Vastità e pluralità delle fonti. Obiettivo Mettere a disposizione degli operatori strumenti concreti per svolgere l attività di controllo. 23 Analisi dei flussi di traffico Obiettivo Individuazione delle aree sensibili del territorio nazionale. Razionalizzare ed ottimizzare le risorse a disposizione. Focalizzare la funzione di controllo. IL CONTROLLO INTEGRATO Efficienza tecnica del veicolo (sicurezza della circolazione stradale). Regolarità amministrativa (rispetto delle regole della concorrenza). Posizione del conducente (verifica del rapporto di lavoro). LE PATTUGLIE MISTE Personale del Dipartimento per i Trasporti Terrestri. Personale della Polizia Stradale. Centri Mobili di revisione. 24

15 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 449 IL CONTROLLO INTEGRATO IL CONTROLLO DELL EFFICIENZA TECNICA DEL VEICOLO Misura dell efficienza dell impianto frenante; controllo della funzionalità del sistema di sterzo; misura della funzionalità dei dispositivi di illuminazione e segnalazione; controllo dello stato dei pneumatici e loro congruenza; controllo dello stato del telaio; verifica del montaggio e funzionalità del limitatore di velocità e del tachigrafo; verifica di perdite olio e carburante; misurazione dei livelli sonori ed inquinanti. CENTRO MOBILE DI REVISIONE Frenometro a rulli; fonometro; opacimetro; spessimetro (per la prova del telaio); decelegrafo; prova giochi per lo sterzo. 25 IL CONTROLLO INTEGRATO IL CONTROLLO SUL CONDUCENTE Verifica del tasso alcolemico; verifica dell uso di sostanze stupefacenti; verifica dei tempi di guida e di riposo; verifica della regolarità del rapporto di lavoro. I CONTROLLI SUL REGIME AUTORIZZATIVO Regolarità delle autorizzazioni; analisi dell autenticità dei documenti; regime delle merci trasportate; regolarità della circolazione del veicolo. 26

16 450 Modulo 6B L OPERATIVITÁ NELL ATTIVITÁ DI CONTROLLO DUTTILITÁ: facilità di intervento nelle aree sensibili ; rapidità di presenza nel territorio; valutazione immediata delle esigenze. 27 VALUTAZIONE DEI RISULTATI: strumenti informatici di rilevazione; continuo contatto con gli Uffici centrali; analisi costante degli esiti dei controlli. MIGLIORARE LA PROFESSIONALITÁ: scambio di informazioni e dati; efficienza nel coordinamento; affiatamento delle pattuglie miste. La visione integrata dell attività di controllo e la stretta relazione con il territorio hanno consentito di focalizzare l attenzione sui fatti e comportamenti che più rappresentano fenomeni di elusione o di alterazione della concorrenza Falsificazione delle autorizzazioni. Abuso nell utilizzazione delle autorizzazioni. Conducenti non in regola con la legislazione in materia di lavoro. Attività di autotrasporto svolta da imprese ombra costituite in altri Paesi. Simulazione di autotrasporto internazionale per realizzare il trasporto interno. 28

17 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 451 IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Prima fase: SVILUPPO DEL MODELLO Studio e progettazione del sistema informativo e di trasmissione dei dati; individuazione delle aree del territorio più sensibili e programmazione delle fasi di controllo (punti programmati di controllo); formazione del personale addetto ai controlli; interventi di controllo mediante la partecipazione di tutti gli organismi interessati (pattuglie miste), associando nel medesimo contesto le varie tipologie di controlli; monitoraggio dei risultati dei controlli; analisi dei dati per l individuazione di strategie più efficaci e per l elaborazione di studi di settore. 29 IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE SVILUPPO DEL MODELLO Caratteristiche Principali Razionalizzare e semplificare le operazioni di controllo: - tecnico: destinati a verificare lo stato e l efficienza del veicolo, soprattutto per garantire la sicurezza della circolazione stradale. Tali controlli sono effettuati principalmente dai competenti Uffici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; - amministrativo sul veicolo: destinati in via principale a verificare la legittimità dell uso del veicolo e dell attività di autotrasporto e, quindi, a garantire il rispetto delle regole della concorrenza; - sul conducente: mirati ad accertare, oltre l idoneità alla guida e la tutela della sicurezza della circolazione stradale, la regolarità del rapporto di lavoro che lega il conducente all impresa di autotrasporto. 30

18 452 Modulo 6B IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE SVILUPPO DEL MODELLO Benefici 31 Il Sistema applicativo per la gestione del CMR consente di ottenere la: creazione di un apposito centro di raccolta ed elaborazione dati presso il competente Ufficio del Ministero dei Trasporti (database generale); dotazione dei veicoli addetti ai controlli (Centri mobili di revisione) di PC con collegamento telematico alla suddetta banca dati; condivisione in interrogazione delle informazioni del database generale anche ai veicoli in servizio del Dipartimento Trasporti Terrestri, di pattuglie delle Forze dell Ordine, di sedi di controllo degli altri soggetti; analisi ed Elaborazione dei dati sistema informativo e di trasmissione dei dati; formazione del personale. IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Seconda fase : NORMALIZZAZIONE DEI DATI DATI AD INPUT AUTOMATICO (Provenienti dalle rilevazioni dei computer di bordo del CMR sull efficienza dei dispositivi). 32 DATI AD INPUT MANUALE: rilevazione visiva di normale efficienza dei dispositivi; esito dei controlli sul conducente; esito del controllo amministrativo.

19 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 453 IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Terza fase: ELABORAZIONE DI UN FORMULARIO STANDARDIZZATO I dati normalizzati confluiscono in un unico formulario a schede; l operatore provvede ad esaminare le varie schermate, verificando l assenza di segnali di errore; l operatore provvede, se necessario, alla digitalizzazione dei documenti del veicolo. 33 IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Quarta fase: TRASMISSIONE DEI DATI Realizzazione di un sistema di comunicazione dedicato su protocolli UMTS per la trasmissione dei dati; verifica della presenza in banca dati del veicolo e della impresa; ricezione dell eventuale feed-back; trasmissione della scheda di controllo al server centrale; inserimento automatico dei dati nel data base centrale. 34

20 454 Modulo 6B IL PROGETTO TELEMATICO PER I CONTROLLI CON I CENTRI MOBILI DI REVISIONE Quinta fase: CHIUSURA DELL OPERAZIONE Stampa del report del controllo e dei documenti contenenti eventuali prescri-zioni da consegnare all autista; eventuale redazione del verbale di contestazione dell infrazione ed applicazione delle sanzioni. 35 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI INTEROPERABILITÁ DEI SISTEMI IL SISTEMA DEI REGISTRI INFORMATICI DOVRÁ ESSERE COMPATIBILE: con le banche dati del Ministero dell interno per quanto riguarda i controlli su strada; con le banche dati del Ministero del lavoro per quanto riguarda i controlli presso la sede delle imprese; con le banche dati di Carabinieri e Guardia di finanza; con le banche dati delle polizie locali; con le banche dati del Ministero dei trasporti per quanto riguarda i dati di immatricolazione dei veicoli; con le banche dati dell Albo degli autotrasportatori per quanto riguarda l anagrafica delle imprese; con le banche dati del sistema CMR. 36

21 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 455 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato: Architettura Logica 37 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato: Interfaccia 38

22 456 Modulo 6B GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato: Interfaccia 39 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato: Interfaccia 40

23 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 457 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Specifiche funzionali Apertura e Controlli Le attività (funzioni) che si identificano sono le seguenti: acquisizione dati; verifica dati acquisiti per accertare l idoneità del trasporto e identificare i recidivi. Queste funzionalità sono espletate in due modalità: attraverso il terminale mobile a disposizione dei CMR; attraverso il PC del CMR comunque in comunicazione con il server centrale del CED per la verifica dei dati pregressi relativamente ai mezzi, ai tra-sportatori e ai documenti presentati in fase di verifica. 41 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Acquisizione Dati Acquisizione dati La funzione di acquisizione dati, in conformità a quanto specificato nella Direttiva 2000/30/CE, si realizza attraverso le seguenti funzionalità: registrazione dati identificativi del controllo; codice identificativo del controllo; identificativo dell ufficio Motorizzazione di competenza; identificativo del CMR; luogo del controllo (questo campo potrebbe essere arricchito con la posizione assoluta rilevata attraverso GPS); data e ora del controllo; identificativo dei controllori responsabili. 42

24 458 Modulo 6B GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Acquisizione Dati 43 Acquisizione informazioni che identificano il veicolo: paese di immatricolazione del veicolo; numero di immatricolazione del veicolo; paese di immatricolazione del rimorchio/semirimorchio; numero di immatricolazione del rimorchio/semirimorchio; targa; classe del veicolo. Acquisizione informazioni che identificano il trasporto: tipo di trasporto (viaggiatori o merci); tipo di servizio (conto terzi, conto proprio); impresa di trasporto; documentazione e autorizzazioni al trasporto. Acquisizione informazioni che identificano il conducente: nazionalità; Generalità. GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Controlli Tecnici Controlli Tecnici Si tratta dell'insieme di controlli che riguardano il veicolo e che vengono effettuati per verificare l idoneità alla circolazione in termini di stato ed efficienza del veicolo stesso, al fine soprattutto di garantire la sicurezza della circolazione stradale. Nell ambito dei controlli tecnici, sempre in conformità a quanto specificato dalla Direttiva 2000/30/CE, si possono pertanto individuare le seguenti funzioni: esame visivo delle condizioni di manutenzione del veicolo; verifica documenti attestanti la conformità alla normativa tecnica applicabile per i veicoli; ispezione intesa a rilevare i difetti di manutenzione. 44

25 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 459 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Controlli Amministrativi Controlli Amministrativi Si tratta dell'insieme di controlli destinati a verificare la legittimità dell uso del veicolo e dell attività di autotrasporto, e quindi a garantire il rispetto delle regole della concorrenza. I controlli amministrativi, sia nel caso dei viaggiatori che delle merci, variano in base a due fattori: tipo di servizio effettuato: per conto terzi o per conto proprio; ambito del trasporto: Italia, paesi UE, paesi non UE, ecc. La funzione si scompone nelle seguenti attività: verifica amministrativa trasporto viaggiatori; verifica amministrativa autotrasporto merci. 45 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Controlli sui Conducenti Controlli sui Conducenti È l insieme dei controlli rivolti al conducente del veicolo che mirano ad accertare, oltre l idoneità alla guida e la tutela della sicurezza della circolazione stradale, la regolarità del rapporto di lavoro che lega il conducente all'impresa di autotrasporto. Le funzioni individuate sono le seguenti: controllo idoneità alla guida; controllo condizioni di sicurezza per il conducente; controllo regolarità del rapporto di lavoro; controllo rispetto normativa sulle condizioni di lavoro. 46

26 460 Modulo 6B GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Chiusura Controlli Chiusura Controlli Si tratta dell insieme di attività da svolgere a chiusura delle operazioni di controllo. In particolare questa fase si compone delle seguenti funzioni: registrazione esito dei controlli; applicazione prescrizioni/sanzioni; rilascio al conducente del certificato con esito del controllo; segnalazione non conformità alle Autorità competenti; aggiornamento Banca Dati CED. 47 GLI SCENARI EVOLUTIVI NELLA TELEMATICA APPLICATA AI CONTROLLI Il sistema realizzato Predisposizione Report Predisposizione report Si tratta dell insieme di attività da svolgere a chiusura delle operazioni della giornata di controllo. In particolare questa fase si compone delle seguenti funzioni: Redazione modulo di rilevazione giornaliera; Redazione modulo di rilevazione mensile; Creazione dei moduli di avvenuto controllo (Allegato 1) che va poi stampato in triplice copia per essere fornito agli agenti della stradale e all autotrasportatore controfirmata dal personale del ministero dei trasporti e dalla stradale; trasmissione moduli alla centrale. 48

27 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 461 NOTE A COMMENTO: SCENARIO E POLITICHE DI INTERVENTO PER UN GOVERNO DI SISTEMA 49 CONTESTO E POLITICHE DI INTERVENTO La Consulta Generale per l Autotrasporto e la Logistica recependo la Direttiva Comunitaria 2010/40 UE ha inserito all interno del Piano Nazionale della Logistica la linea strategica n 8 così definita: Sistemi intelligenti di trasporto: Piattaforma telematica nazionale e Progetto Galileo. Il piano Nazionale della Logistica del dicembre 2010 dichiara negli obiettivi la collaborazione tra Albo, UIRNet e SISTRI auspicabile per focalizzare gli sforzi nella realizzazione del Sistema Logistico efficiente e sicuro attraverso l integrazione operativa delle tre Piattaforme realizzando sinergie con grande valore aggiunto. Per la realizzazione sono state previste azioni di raccordo tra: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Ministero dell Ambiente; con il coinvolgimento del Ministero dell Interno e Ministero Economia e Finanze. 50

28 462 Modulo 6B OBIETTIVI STRATEGICI Il futuro del trasporto merci italiano è strettamente legato alla capacità degli operatori del settore, del Governo e della Pubblica Amministrazione di formulare un progetto comune, complessivo ed integrato per la competitività e l efficienza del sistema dei trasporti. 51 Obiettivi devono essere: l affermazione delle regole dell efficienza; l affermazione delle regole del mercato e della concorrenza; l ammodernamento dell assetto istituzionale; lo sviluppo delle reti infrastrutturali; lo sviluppo del sistema di tracciabilità e controllo. I PUNTI QUALIFICANTI PER LA COMPETITIVITÀ DEL TRASPORTO MERCI ITALIANO 52 Coordinamento delle politiche pubbliche e rafforzamento dei poteri centrali di indirizzo e di vigilanza; progressiva liberalizzazione dei mercati del trasporto e del traffico (servizi di trasporto e gestione delle infrastrutture); sviluppo dell integrazione modale e valorizzazione della complementarietà fra i modi di trasporto, nell ambito di un obiettivo di efficienza globale; sviluppo dell integrazione del trasporto con le altre attività logistiche e innovazione organizzativa e tecnologica dei canali di distribuzione; sviluppo di una politica fiscale equilibrata e coerente con gli obiettivi di efficienza e di competitività del sistema industriale e distributivo; sviluppo di un piano delle infrastrutture per il trasporto del 2020, concentrando gli interventi sulle criticità effettive della rete stradale e ferroviaria nonché dei principali nodi di trasporto.

29 La piattaforma telematica del Comitato Centrale per le imprese 463 RUOLO DEI SISTEMI TRASPORTO INTELLIGENTE Il valore aggiunto degli ITS: accompagnare il cambiamento investendo in tecnologie, innovazione, specializzazione, qualità e co-modalità; dotare i mercati di infrastrutture ICT di rete armonizzate, integrando i lavori in corso nel prossimo Piano nazionale; modulare le misure nazionali in funzione di obiettivi di medio e di lungo periodo. 53

30

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino 5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Piero Boccardo Presidente Chi siamo 5T è una società a responsabilità limitata a totale partecipazione pubblica che progetta, realizza

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011 La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech Torino 16/11/2011 Agenda Presentazione Autostrade // Tech Autostrade // Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici e la mobilità urbana Prospettive a livello nazionale

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ Lo sviluppo del sistema Telepass nell ambito dei servizi urbani di mobilità Ing. Mirco Galvan Responsabile Marketing e Vendite Sistemi

Dettagli

La soluzione professionale per la Gestione Flotte via Web

La soluzione professionale per la Gestione Flotte via Web La soluzione professionale per la Gestione Flotte via Web Marzo 2010 Cefin Systems Italia S.r.l La soluzione professionale per la Gestione Flotte via Web La soluzione per ogni settore della mobilità Architettura

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future

La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future 0 UIRNet vuole migliorare il sistema logistico perseguendo l integrazione info-telematica

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d appalto, a procedura ristretta accelerata, per l affidamento di un servizio di

Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d appalto, a procedura ristretta accelerata, per l affidamento di un servizio di Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d

Dettagli

MANUALE Freight Taxi

MANUALE Freight Taxi MANUALE Freight Taxi UIRNet_USG_FT_REV_B Codice Revisione Data UEJ4DDS10007_LJ4A686DDS11 1 21-02-2013 UIRNet S.p.A. Via F. Crispi 115, 00187 - Roma (IT) contactcenter@uirnet.it www.uirnet.it INDICE 1 Introduzione...

Dettagli

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI Esigenza Numerose aziende che operano nel settore della logistica e dei trasporti in conto terzi, nonché le aziende di produzione, che hanno la necessità di

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

L ITS Action Plan e la proposta di. Europea. Olga Landolfi 29 Gennaio 2009

L ITS Action Plan e la proposta di. Europea. Olga Landolfi 29 Gennaio 2009 L ITS Action Plan e la proposta di Direttiva della Commissione Europea Olga Landolfi 29 Gennaio 2009 L ITS Action Plan: contesto e riferimenti -1 COM(2008) 886 Piano d azione per la diffusione di sistemi

Dettagli

EagleMobility: sistema di monitoraggio del traffico privato tramite cellulare

EagleMobility: sistema di monitoraggio del traffico privato tramite cellulare Monitoraggio della mobilità attraverso la telefonia mobile EagleMobility: sistema di monitoraggio del traffico privato tramite cellulare in partnership con e le sue sei aree: Mobilità: pianificazione e

Dettagli

Applicazioni ITS nel TRASPORTO

Applicazioni ITS nel TRASPORTO Applicazioni ITS nel TRASPORTO Comune di Genova Ing. Daniele Villani Direzione Mobilità Uff. Progetti Speciali - Territorio 240 km 2 ; 630.000 abitanti - Area centrale 276.000 abitanti e 28 km 2 di area

Dettagli

ARTIST: stato dell arte e sviluppi futuri

ARTIST: stato dell arte e sviluppi futuri DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, PER IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Direzione Generale per la Programmazione e i Programmi Europei Divisione 3 :

Dettagli

Il fleet management per i gestori di servizi di igiene urbana e ambientale: un indispensabile strumento di certificazione del servizio e di gestione

Il fleet management per i gestori di servizi di igiene urbana e ambientale: un indispensabile strumento di certificazione del servizio e di gestione Il fleet management per i gestori di servizi di igiene urbana e ambientale: un indispensabile strumento di certificazione del servizio e di gestione della produttività. LA PIATTAFORMA TELEMATICA Progettata

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 MANUALE www.logisticity.it Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 INDICE Presentazione... pag. 02 Applicativo... pag. 03 Amministrazione...pag. 06 Licenza...pag.

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione Torino, 28 marzo 2012 0 UIRNet, come soggetto attuatore del MIT, sta realizzando l ITS nazionale di riferimento per il trasporto

Dettagli

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK P r o v i d i n g S o l u t i o n s Forum Internazionale sull innovazione e la cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK 2015 Mercoledì 16,

Dettagli

Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A.

Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A. Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A. Inquadramento Territoriale PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o POPOLAZIONE RESIDENTE(ab.): 1.021.700 AREA URBANA

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Osservatorio ITS School of Politecnico di Milano Alessandro Perego 14 Novembre 2007 L Osservatorio Intelligent

Dettagli

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora 2 Workshop Nazionale - Osservatori per gli incidenti stradali: dai dati alle azioni Strumenti per le politiche di sicurezza Settore Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale La prevenzione degli

Dettagli

La nostra proposta per il trasporto internazionale.

La nostra proposta per il trasporto internazionale. pagina 1 di 6 La nostra proposta per il trasporto internazionale. Movendo Srl. Movendo Srl è specificamente orientata all'erogazione di servizi per la gestione delle risorse mobili (Mobile Resources Management).

Dettagli

MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY. Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia.

MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY. Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia. MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia. MerloMobility l infomobilità del Gruppo Merlo. MerloMobility controllo totale. MerloMobility offre vantaggi in esclusiva

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA L azienda pag. 1 Gli asset strategici pag. 2 L offerta pag. 3 Il management Pradac Informatica pag. 5 Scheda di sintesi pag. 6 Contact: Pradac Informatica Via delle

Dettagli

Forum PA - Roma, 17/20 Maggio 2010. Direzione Generale dei Trasporti. Servizio delle infrastrutture e della logistica di trasporto

Forum PA - Roma, 17/20 Maggio 2010. Direzione Generale dei Trasporti. Servizio delle infrastrutture e della logistica di trasporto Progetto di Integrazione e Sviluppo Tecnologico dei sistemi di controllo della mobilità nell Area Vasta di Cagliari POR Sardegna 2000-2003 Asse VI Reti e Nodi di Servizio Misura 6.2 Accessibilità e governo

Dettagli

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale INNOVAZIONE IN BUSINESS CLASS Dealer Truck e LCV: l impronta digitale Antonio Cernicchiaro Vice Direttore Generale UNRAE @nicknametwitter www.dealerday.it IMMATRICOLAZIONI TRUCKS: TREND ULTIMI 7 ANNI E

Dettagli

Sistema sperimentale di monitoraggio e comunicazione per il miglioramento della sicurezza stradale in contesto montano

Sistema sperimentale di monitoraggio e comunicazione per il miglioramento della sicurezza stradale in contesto montano Sistema sperimentale di monitoraggio e comunicazione per il miglioramento della sicurezza stradale in contesto montano Seconda versione 3 dicembre 2012 Partner del progetto Fondazione per l Università

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

INFOMAR. Port&ShippingTech. Michele Vitiello INFOMOBILITÀ INTERMODALE NEL TRAFFICO MARITTIMO PASSEGGERI. Genova, 5 novembre 2009.

INFOMAR. Port&ShippingTech. Michele Vitiello INFOMOBILITÀ INTERMODALE NEL TRAFFICO MARITTIMO PASSEGGERI. Genova, 5 novembre 2009. INFOMAR INFOMOBILITÀ INTERMODALE NEL TRAFFICO MARITTIMO PASSEGGERI TSF S.p.A. 00155 Roma Via V. G. Galati 71 Tel. +39 06 43621 Port&ShippingTech Genova, 5 novembre 2009 Michele Vitiello Area Manager www.tsf.it

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli

TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION

TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION Monitoraggio dei veicoli ADR: architettura e funzionamento delle On Board Unit Fabio Borghetti Stefano Gatti

Dettagli

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati Affidabilità nel servizio precisione negli strumenti Chanda LPR Chanda LPR è una piattaforma

Dettagli

FLEET MANAGEMENT / GESTIONE FLOTTE

FLEET MANAGEMENT / GESTIONE FLOTTE FLEET MANAGEMENT / GESTIONE FLOTTE Il sistema proposto consente di erogare un insieme di servizi di logistica basati sulla capacità di stabilire comunicazioni bidirezionali tra una Centrale Operativa ed

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Sistemi di trasporti 132 132 132 Tecnologie informatiche, dell automazione e della comunicazione 66

Dettagli

COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA

COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA Esigenza Con riferimento al Decreto Ministeriale 290 dell 1 dicembre 2010, fanno parte dei servizi svolti dagli Istituti di Vigilanza le seguenti attività: servizio

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

La protezione intelligente.

La protezione intelligente. cantiani.com La protezione intelligente. Dal privato alla grande azienda. Italia srl Via XXV Aprile 9 20875 Burago di Molgora (MB) tel. 039 625161 Fax 039 62516323 info@guardoneitalia.it www.guardoneitalia.it

Dettagli

Project Automation S.p.a.

Project Automation S.p.a. PROJECT AUTOMATION S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ è la denominazione assunta nel 1999 da Philips Automation S.p.a., a sua volta costituita nel 1987 rilevando dalla Divisione Industrial & ElectroAcustic

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE )

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) MOBILITY CONFERENCE 2014 LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) Maria Berrini AU di AMAT, Agenzia Mobilità Ambiente Territorio, Comune di Milano Accessibilità EXPO Domanda e Ripartizione

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Progetto per l acquisizione ed integrazione di nuovi servizi informatici (Rimodulazione approvata con deliberazione Giunta comunale n. 81 del 12/12/2012) È

Dettagli

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PARTNER DEL PROGETTO Provincia di Lucca Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Genova Ufficio

Dettagli

ROUTEMATE Pianificazione Ottimale delle Spedizioni e dei Carichi. Nemsys Srl Copyright 2009 - Pagina 1

ROUTEMATE Pianificazione Ottimale delle Spedizioni e dei Carichi. Nemsys Srl Copyright 2009 - Pagina 1 ROUTEMATE Pianificazione Ottimale delle Spedizioni e dei Carichi Nemsys Srl Copyright 2009 - Pagina 1 FASI del PROCESSO Pianificazione Definizione dei Carichi Pianificazione dei Viaggi Esecuzione Carico

Dettagli

Torino, 11 luglio 2011. Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino

Torino, 11 luglio 2011. Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Torino, 11 luglio 2011 5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Missione 5T progetta, realizza e gestisce sistemi ITS e di infomobilità, nel campo della mobilità pubblica e privata

Dettagli

Dichiarazione congiunta concernente il miglioramento della sicurezza stradale in particolare nelle gallerie nella regione alpina (30 novembre 2001)

Dichiarazione congiunta concernente il miglioramento della sicurezza stradale in particolare nelle gallerie nella regione alpina (30 novembre 2001) Pagina 1 Ministri dei trasporti Repubblica federale di Germania Repubblica d Austria Repubblica francese Repubblica italiana Confederazione svizzera Dichiarazione congiunta concernente il miglioramento

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana Nuove soluzioni per la mobilitàurbana I-BUS : Piattaforma di gestione flotte BUS Turistici Firenze 20/04/2012 Agenda Presentazione Autostrade Tech Autostrade Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

GES.net La Suite integrata dedicata alla POLIZIA LOCALE

GES.net La Suite integrata dedicata alla POLIZIA LOCALE GES.net La Suite integrata dedicata alla POLIZIA LOCALE Comune di None C.I.G. 5377451CEF Offerta Tecnica Pag. 1 Richiesta di credenziali di accesso al sistema La procedura prevede la possibilità di allegare

Dettagli

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Dott.ssa Maria Pia Giovannini Responsabile dell Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse umane e finanziarie e

Dettagli

E un ambiente integrato che fornisce le principali funzionalità per collaborare e condividere informazioni

E un ambiente integrato che fornisce le principali funzionalità per collaborare e condividere informazioni Varese li 30.11.2012 Relatore: Galanti Lamberto MyDesk E la base tecnologica applicativa dei prodotti della suite PROXIMA E un ambiente integrato che fornisce le principali funzionalità per collaborare

Dettagli

Assistenza e manutenzione di impianti

Assistenza e manutenzione di impianti Assistenza e manutenzione di impianti Scenario Con l espressione assistenza e manutenzione di impianti intendiamo l insieme delle attività rivolte al controllo costante degli impianti e ai lavori di riparazione

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 Chi è TTS Italia TTS Italia è l Associazione Nazionale per

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Sistemi di monitoraggio e localizzazione

Sistemi di monitoraggio e localizzazione PTA-DESTINATION Workshop Il rischio da trasporto di merci pericolose su strada Strumenti per conoscerlo e gestirlo Torino, 23 novembre 2015 Sistemi di monitoraggio e localizzazione Cruscotto di reportistica

Dettagli

L anno 2009, il giorno 14 del mese di luglio, in Roma, nella sede del Presidenza del Consiglio dei Ministri sono presenti:

L anno 2009, il giorno 14 del mese di luglio, in Roma, nella sede del Presidenza del Consiglio dei Ministri sono presenti: PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA, E IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

CENTRALE UNICA DI SOCCORSO

CENTRALE UNICA DI SOCCORSO CENTRALE UNICA DI SOCCORSO Un sistema informatico per la gestione delle situazioni di emergenza e il coordinamento dei servizi di soccorso. Centrale Unica di Soccorso Un sistema informatico per la gestione

Dettagli

Ing. Fabio Nussio STA

Ing. Fabio Nussio STA Il progetto HEAVEN, suoi risultati e sviluppi della catena Traffico-Ambiente a Roma Ing. Fabio Nussio STA La S.T.A. S.p.A. ha partecipato in qualità di co-ordinatore e in collaborazione con il Dip. X del

Dettagli

AVVISO AVVISO A PRESENTARE NUOVE CANDIDATURE DOCENTI

AVVISO AVVISO A PRESENTARE NUOVE CANDIDATURE DOCENTI AVVISO AVVISO A PRESENTARE NUOVE CANDIDATURE DOCENTI Il Comitato Centrale per l Albo Nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto di terzi, riapre le procedure

Dettagli

AVM: Automatic Vehicle Monitoring, indicato anche come telelocalizzazione, è un sistema che consente di tracciare in tempo reale il movimento dei

AVM: Automatic Vehicle Monitoring, indicato anche come telelocalizzazione, è un sistema che consente di tracciare in tempo reale il movimento dei AVM: Automatic Vehicle Monitoring, indicato anche come telelocalizzazione, è un sistema che consente di tracciare in tempo reale il movimento dei mezzi del trasporto pubblico seguendo una rotta predefinita.

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa Application Monitoring Broadband Report Analysis Le necessità tipiche del servizio di telefonia Maggiore sicurezza

Dettagli

Comando Generale dell Arma dei Carabinieri III Reparto SM Ufficio Sistemi Telematici. Unico di Emergenza

Comando Generale dell Arma dei Carabinieri III Reparto SM Ufficio Sistemi Telematici. Unico di Emergenza Comando Generale dell Arma dei Carabinieri III Reparto SM Ufficio Sistemi Telematici Il112 Numero Unico di Emergenza e le nuove tecnologie per la sicurezza dei cittadini e delle infrastrutture critiche

Dettagli

Poste Italiane e i Comuni Lombardi. Semplicemente dalla parte dei cittadini

Poste Italiane e i Comuni Lombardi. Semplicemente dalla parte dei cittadini Poste Italiane e i Comuni Lombardi Semplicemente dalla parte dei cittadini 2 Poste Italiane al servizio dei cittadini e delle PAL Scenario complessivo Servizi di Gestione Elettronica Documentale Sportello

Dettagli

Il Centro di controllo del traffico. Fabio Cartolano Comune di Bologna

Il Centro di controllo del traffico. Fabio Cartolano Comune di Bologna Il Centro di controllo del traffico di Bologna Fabio Cartolano Comune di Bologna Veicoli equipaggiati con GPS/GPRS Centro di controllo flotta autobus Telecamere ITS a Bologna Insieme di strumenti per la

Dettagli

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City SMART CITY- VISIONE DI UN SISTEMA DI SISTEMI Ing. Massimo Povia L importanza della Logistica e della Manutenzione nel contesto

Dettagli

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO NEL TRASPORTO MERCI

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO NEL TRASPORTO MERCI LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO NEL TRASPORTO MERCI Esigenza Le aziende che operano nel settore della logistica e dei trasporti per conto terzi, nonché le aziende di produzione, che provvedono all approvvigionamento

Dettagli

GEOBusiness Geoma Geom rketing rketing e Geolo calizz lizz zione: qua qu ndo l ndo l a cartogr rtogr fi a a fi digit digit le

GEOBusiness Geoma Geom rketing rketing e Geolo calizz lizz zione: qua qu ndo l ndo l a cartogr rtogr fi a a fi digit digit le Geomarketing e Geolocalizzazione: quando la cartografia digitale entra in Azienda L AZIENDA 13 anni di esperienza al servizio delle Aziende Private e Pubbliche Nata nel 1997, TELLUS opera nel settore dei

Dettagli

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari BARI, 28 Maggio 2014 project partners IL PROTOTIPO DI NATIONAL MARITIME

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari

Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari Giugno 2013 Rifiuti Urbani: il contesto 1993 1997 2000 2003 2006 2009 2011 2013 AUMENTO DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI 550 kg/ab* 536 kg/ab* 452 kg/ab*

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità La Centrale della Mobilità Sistemi Tecnologici La Centrale della Mobilità - evoluzione Centrale del Traffico Centrale della Mobilità 2000 STA spa mobilità

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione Livorno, 2 marzo 2012 0 UIRNet, come soggetto attuatore del MIT, sta realizzando l ITS nazionale di riferimento per la logistica

Dettagli

Gestione Globale delle Risorse Mobili

Gestione Globale delle Risorse Mobili Gestione Globale delle Risorse Mobili Localizza e Controlla con un unica Soluzione La Tecnologia Qastrack è la soluzione Qascom per la localizzazione ed il monitoraggio remoto delle risorse mobili, siano

Dettagli

La Trasparenza nei procedimenti amministrativi Il punto di vista di INPS

La Trasparenza nei procedimenti amministrativi Il punto di vista di INPS La Trasparenza nei procedimenti amministrativi Il punto di vista di INPS Dionigi Spadaccia : Roma 29 Ottobre 2002 Il contesto La P.A. sta vivendo un momento di forte evoluzione, supportato dagli interventi

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Progetto DESTINATION

Progetto DESTINATION CONFERENZA FINALE Progetto DESTINATION TORINO 5 FEBBRAIO 2014 UNA RETE PER IL MONITORAGGIO DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA Fabio Borghetti Politecnico di Milano Luca Bonura 5T S.r.l. I collaboratori

Dettagli

ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT

ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT Azione A.5 Planning of the WEEE Management Model for collection services ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT FUNCTIONAL REQUIREMENTS FOR ICT APPLICATIONS RELEASE 2 GENOVA, 20 MARZO 2015 INDICE DEL

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-08-Logistica

Dettagli

WP2. del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni. TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento

WP2. del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni. TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento WP2 Continuità dei servizi ITS per la gestione del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento Indice Stato dei lavori Metodologia Contenuti

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO PER IL RILIEVO DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE, DELL ARREDO STRADALE E DELLO STATO DI AMMALORAMENTO DELLA VIABILITA COMUNALE.

SISTEMA INTEGRATO PER IL RILIEVO DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE, DELL ARREDO STRADALE E DELLO STATO DI AMMALORAMENTO DELLA VIABILITA COMUNALE. SISTEMA INTEGRATO PER IL RILIEVO DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE, DELL ARREDO STRADALE E DELLO STATO DI AMMALORAMENTO DELLA VIABILITA COMUNALE. 5 febbraio 2010 1 Esigenze del cliente Per la gestione

Dettagli

1. Introduzione. 2. Il Progetto

1. Introduzione. 2. Il Progetto 1. Introduzione Con l espressione trasporto pubblico locale intelligente si intende l uso di tecnologie a supporto della mobilità e degli spostamenti di persone. Grazie allo sviluppo di dispositivi e strumenti

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L L O D E L T E R R I T O R I O I N D I C E 5 S O

Dettagli