ALIMENTAZIONE PERSONE DISFAGICHE E TRAMITE P.E.G.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALIMENTAZIONE PERSONE DISFAGICHE E TRAMITE P.E.G."

Transcript

1 INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di OBIETTIVO PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ FREQUENZA DOCUMENTI A SUPPORTO MODALITA OPERATIVA IN SOGGETTO CON DISFAGIA Fase di attenzione Interventi assistenziali MODALITÀ OPERATIVE NUTRIZIONE ENTERAL GESTIONE GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA (PEG) CONTROLLO NUOVA PEG GESTIONE DELLA NUTRIZIONE ATTRAVERSO PEG MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE GESTIONE DELLA SOMMINISTRAZIONE GESTIONE DELLA PEG COMPLICANZE DURANTE L IMPIEGO DELLA PEG RIMOZIONE ACCIDENTALE DELLA SONDA P.E.G MONITORAGGIO NUTRIZIONE ENTERALE VERIFICHE Motivo revisione Verifica RSQ Approvazione Dirigente La responsabilità dell eliminazione delle copie obsolete è a carico dei destinatari di questa documentazione.

2 Data 01/01/2014 Pagina 2 di OBIETTIVO Obiettivo del presente protocollo è definire quali sono i segni e i sintomi che distinguono l ospite con problemi di disfagia e quali sono le tecniche di alimentazione per esso più indicate. 2. PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ medico infermiere operatore di assistenza logopedista psicologa ospitefamiliare Segnalare segni-sintomi di R R C disfagia Valutazione grado di disfagia R R Applicazione tecniche di somministrazione R R R/C (postura, consistenza cibo) Informazione all Utente- R R R familiare Approvvigionamento materiale R (farmacia) Preparazione dell ambiente e materiale R R R occorrente Esecuzione dell attività R C R/C Valutazione nutrienti, R R R velocità, ecc. Rilevazione effetti R C C collaterali PEG Riordino del materiale R C Controllo stomia R R/C Supporto psicologico C C C R

3 Data 01/01/2014 Pagina 3 di FREQUENZA Quando è presente disfagia o nutrizione enterale tramite PEG 4. DOCUMENTI A SUPPORTO Test rilevazione presenza disfagia; Scheda controllo programmato; Scheda rilevazione complicanze; Piano Assistenziale individualizzato Diario ospite cartella Web 5. MODALITA OPERATIVA IN SOGGETTO CON DISFAGIA 5.1 FASE DI ATTENZIONE Il personale di assistenza deve prestare attenzione ai segni e sintomi per l identificazione dei pazienti con disfagia silente e a rischio di aspirazione-inalazione nelle vie aeree o di malnutrizione, per eventualmente indirizzare verso analisi più approfondite. Sintomi di tipo generale che possono essere osservati in qualsiasi momento della giornata sono: tosse non episodica; senso di corpo estraneo in gola; progressivo cambiamento nelle abitudini alimentari; affaticabilità e/o malnutrizione (perdita di peso, disidratazione). Durante la somministrazione del pasto possono, inoltre, comparire sintomi indicativi di difficoltà deglutitoria, quali: variazione del timbro vocale; anomala tosse volontaria; basso livello di coscienza; fastidio o dolore associato alla deglutizione; allungamento del tempo impiegato a mangiare; aspirazione e/o inalazione nelle vie aeree. 5.2 INTERVENTI ASSISTENZIALI Una volta che un soggetto è stato identificato come disfagico o a rischio di disfagia deve essere sottoposto all esame del logopedista per una valutazione supplementare; il personale di assistenza deve assicurarsi, al momento della somministrazione del pasto, che la struttura, la consistenza e il tipo di cibi, solidi e liquidi, assunti dal paziente disfagico corrispondano alle indicazioni date dal logopedista;

4 Data 01/01/2014 Pagina 4 di 13 il personale di assistenza deve effettuare la somministrazione del pasto secondo quanto previsto nel Piano di Assistenza Individualizzato e tramite tecniche di alimentazione sicure; il personale di assistenza deve monitorare la quantità di cibo assunta per assicurare un adeguata nutrizione ed idratazione. Un esempio per analizzare la disfagia ai liquidi è il Three-oz Water Swallow test: Attuazione del test Gravità Alimentazione consigliata Offrire al paziente, seduto e con la testa in asse, 5 ml di acqua liscia a temperatura ambiente con un cucchiaio per 3 volte; ad ogni cucchiaio verificare l avvenuta deglutizione, attendere qualche secondo: se il paziente presenta tosse severa e voce gorgogliante si sospende il test se la persona non tossisce si offre acqua direttamente dal bicchiere, si attende qualche secondo, si fa parlare il paziente per valutare la qualità della voce: in caso di voce rauca e/o gorgogliante e tosse se presenta solo voce rauca e/o gorgogliante se precedentemente il test e negativo si procede con 50ml di acqua dal bicchiere. Grado 4 Disfagia grave Grado 3 Disfagia moderata Grado 2 Disfagia lieve; Grado 1 Disfagia assente Nutrizione enterale Addensare i liquidi (gelatina, marmellata) rendere omogenei i cibi Addensare i liquidi (omogeneizzato, frutta frullata, yogurt) Dieta Libera 6. MODALITÀ OPERATIVE NUTRIZIONE ENTERALE TRAMITE P.E.G. La Nutrizione Enterale può rappresentare la tappa di un percorso che inizia con l uso di diete modificate (es. addensante), che passa attraverso l uso di integratori alimentari e che termina, in situazioni ben definite, proprio con il posizionamento di

5 Data 01/01/2014 Pagina 5 di 13 una PEG. Nel paziente cronico, specie se anziano, l uso delle diete modificate, in senso iper-calorico, iper-proteico o adatte al soggetto disfagico, dovrebbe basarsi sempre su scale di valutazione oggettiva, di facile impiego e attuabile anche da personale non specializzato. Un modo semplificato per comprendere se un paziente presenta un rischio di disfagia e quello di sottoporlo periodicamente ad una valutazione strutturata. Qualora l Unità Operativa Interna concordi nell applicazione del dispositivo PEG, segue un incontro con i parenti al fine di spiegare le motivazioni di tale scelta, dirimere eventuali dubbi, concordare la strada da intraprendere. In questa fase è opportuno l intervento della psicologa nei confronti del cliente, ma soprattutto nei confronti dei familiari. 6.1 GESTIONE GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA (PEG) L inserimento della PEG richiede: Programmazione intervento con il servizio ospedaliero preposto; comunicazione all ospite e/o al familiare del giorno dell inserimento della PEG; digiuno da almeno 6-12 ore; analisi della capacità coagulativa (emocromo; INR < 1,30; questi esami devono essere recentissimi e consegnati al momento del posizionamento); somministrazione di antibiotico ad ampio spettro. Appena posizionata la PEG si deve collegare la sonda ad una sacca per raccolta liquidi, utile nelle prime 24 ore per evidenziare sanguinamenti e drenare il liquido gastrico, se la quantità di quest ultimo è superiore a 200 cc è preferibile non iniziare l alimentazione e comunque non utilizzare la P.E.G. per le prime 24 h. Ancorare la sonda alla cute con cerotto (evita trazioni, rimozioni etc.). 6.2 CONTROLLO NUOVA PEG Sostanzialmente il controllo della PEG si articola in due punti: A) Controllare la cute attorno alla stomia per valutare l assenza di arrossamento, gonfiore, presenza di pus o perdita di succo gastrico. B) Controllare la corretta posizione della sonda, poiché si possono verificare tre possibilità: -PEG troppo tesa: si osserva un infossamento del controdado sulla cute con pericolo di decubito, il tubo deve potersi muovere su e giù per circa 1 cm. -PEG troppo molle (lassa?): il dispositivo intragastrico può slittare all interno dello stomaco (fino a portarsi al di là del piloro!). -PEG migrata nella parete (buried bumper syndrome) è da sospettare quando vi è una maggior resistenza nell introduzione degli alimenti, la pompa va spesso in allarme e si verifica una certa resistenza nella manovra di rotazione della sonda. 6.3 GESTIONE DELLA NUTRIZIONE ATTRAVERSO PEG Nella nutrizione enterale sono da tenere presenti sostanzialmente tre punti fondamentali:

6 Data 01/01/2014 Pagina 6 di 13 1) FABBISOGNO CALORICO GIORNALIERO: 25 Kcal/Kg peso 2) DIETA EQUILIBRATA: 10% di proteine, 30% di grassi e 60% di carboidrati 3) METABOLISMO BASALE: uso di formule che stabiliscono il metabolismo basale ed il fabbisogno calorico quotidiano. L alimentazione può iniziare dopo 24 h, ma già dopo poche ore si può cominciare a somministrare piccoli quantitativi di acqua, fatto salvo diverse indicazioni mediche. Esistono sostanzialmente tre tipi di miscele nutritive per Nutrizione Enterale (N..E.) a. Diete naturali la cui preparazione può essere artigianale ed industriale (già disponibili in commercio), quest ultime rispetto a quelle naturali hanno una composizione nota ed equilibrata, garantiscono un apporto completo dei vari elementi nutritivi e sono più sicure per quanto riguarda possibili contaminazioni. b. Diete chimicamente definite: Monomeriche o elementari, cioè già pronte per essere assimilate; Polimeriche o semi-elementari che richiedono processi digestivi parziali. c. Diete modulari o specifiche: utilizzate per soddisfare esigenze nutrizionali legate a particolari esigenze e patologie. 6.4 MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Esistono varie tecniche di somministrazione, la cui scelta è determinata da due aspetti fondamentali: le condizioni cliniche del paziente e le possibilità anatomiche e funzionali dell intestino. A) Intermittente: è la cosiddetta tecnica a gavage ossia la somministrazione in pochi minuti di bolo unico ( cc), mediante siringa con cono catetere, ripetuta ad intervalli di 4-6 ore nelle 24 h. E sconsigliata per l elevato numero di effetti collaterali (distensione gastro-intestinale, nausea, reflusso gastroesofageo, ab ingestis, diarrea da contaminazione) B) Continua: somministrazione in tempi molto lunghi (e lentamente) con l ausilio di una pompa o a caduta. 6.5 GESTIONE DELLA SOMMINISTRAZIONE A) Velocità di somministrazione In 1 giornata: è necessario monitorare eventuali complicanze nel post impianto: - la canalizzazione del paziente, la peristalsi presente e la sonda correttamente posizionata - sanguinamento (rischio emorragico) - persistenza di dolore locale - in assenza di complicanze, dopo 6-12 ore si può iniziare con la somministrazione di piccoli quantitativi di acqua ed iniziare l infusione di nutrienti ad una velocità di infusione di 25 ml/h fatto salvo diverse indicazioni mediche: In 2 giornata incrementare a 50 ml/h; Giornate successive, se il paziente tollera la N.E., si incrementa gradualmente la velocità di infusione sino a raggiungere il regime di cal/24h stabilito;

7 Data 01/01/2014 Pagina 7 di 13 Nei primi giorni la medicazione dovrà essere sostituita ogni 24 ore; E anche bene ricordare che le miscele nutrizionali, nel rispetto del DPR n. 57 del 20 marzo 2002, hanno caratteristiche ben definite e, in quanto sterili, dovrebbero essere infuse senza essere diluite (con acqua, farmaci o con altre sostanze). B) Posizione del paziente: Posizione seduta o semiseduta: sollevando la testiera del letto di (consigliato 45 ); tale posizione va mantenuta per tutto il tempo della nutrizione e per almeno 1h dal termine del pasto (riduce il rischio di rigurgiti e quindi di ab ingestis). C) Controllo della quantità di residuo gastrico: Si aspira con un siringone il contenuto gastrico, se il residuo è superiore a 100 cc: nella N.E. a bolo rimandare la somministrazione di 1-2 h; nella N.E. continua rallentare la velocità di infusione e se la velocità è già < 100 cc/h sospendere la N.E. per 2h e poi riprendere ad una velocità inferiore. Il controllo della quantità di residuo gastrico dovrebbe avvenire: - Prima di ogni pasto nella N.E. a bolo - Ogni 3-5 h nella N.E. continua. D) Infusione dell acqua In corso di NE, oltre al fabbisogno calorico del paziente, va garantita un adeguata idratazione, in quanto l acqua contenuta nelle miscele non è sufficiente a coprire il fabbisogno. L acqua va somministrata in modo intermittente utilizzando siringhe conocatetere, frazionando la quantità nell arco della giornata. In questo modo si realizza da un lato la completa idratazione del paziente e dall altro il lavaggio della sonda attraverso la pressione esercitata dalla siringa. E) Somministrazione di farmaci: Gli studi sulla biodisponibilità delle forme farmaceutiche orali non considerano la somministrazione attraverso le sonde artificiali. I farmaci non devono essere mai mescolati alla miscela nutritiva, ma somministrati da soli, è preferibile usare farmaci in forma liquida o solubili, se questo non fosse possibile si consiglia di polverizzare le compresse e somministrarle una alla volta con acqua, irrigando la sonda con 5 cc di acqua tra un farmaco e l altro e al termine della somministrazione lavare la sonda con 50 ml di acqua. F) Prevenzione dell ostruzione della sonda Se la nutrizione enterale è del tipo intermittente si consiglia di lavare la sonda prima e dopo la somministrazione degli alimenti. In caso di alimentazione continua (24h) si consiglia di eseguire almeno 4 lavaggi al giorno. Importante è inoltre

8 Data 01/01/2014 Pagina 8 di 13 eseguire un lavaggio ogni volta che si ferma la pompa, indipendentemente dal motivo, lavando la sonda con 50 ml di acqua. G) Ostruzione della sonda In caso di ostruzione della sonda si consiglia di spingere, con modesta pressione e per 2 minuti, acqua tiepida nella sonda con siringone da 60 cc in modo da dilatare il calibro della sonda così da spingere il tappo nello stomaco. Se questo tentativo non sortisce nessun effetto è utile forzare con acqua gassata e chiudere la sonda per minuti in modo che si crei una pressione a causa della presenza di CO 2. Se la sonda resta ostruita ripetere la procedura, se la sonda non si libera non insistere e contattare il servizio di endoscopia per controllo e/o sostituzione (in bibliografia si trovano anche metodi di disostruzione della sonda con Coca Cola). 6.6 GESTIONE DELLA PEG Nei primi 10 giorni la stomia va trattata come una normale ferita chirurgica. 1 Osservare come si presenta la cute peristomale: arrossamenti o macerazione della cute, odore e/o presenza di pus, ipergranulazione della mucosa sul bordo dello stoma; 2 Controllare le tacche di gradazione esterne della sonda per il corretto posizionamento; 3 Effettuare accurata detersione: uso di detergenti (lozioni indicate per l igiene della cute peristomale), uso di pomate o creme che facciano da barriera protettiva nel caso di arrossamenti; 4 Non utilizzare i disinfettanti (iodati) per un periodo prolungato, dato che possono alterare la flora cutanea; 5 Spostando la flangia, far scivolare in cavità gastrica la sonda per circa 2-3 cm; quindi riportare la sonda alla sede originale; 6 Controllare, pervietà e mobilizzazione della sonda (quest ultima almeno una volta alla settimana con la rotazione a 360 ); 7 Eseguire una medicazione a piatto che lasci traspirare la cute; 8 Valutare eventuali perdite stomali (assenza, presenza, entità, tipologia); 9 Posizionare una garza sopra la flangia della PEG, sostituendola al bisogno. Dopo i primi 10 giorni, quando la stomia si è consolidata. 1 In assenza di problematiche della cute peristomale (la cute attorno allo stoma deve essere rosea, asciutta e pulita) è sufficiente detergere con sapone neutro e lasciare scoperto; posizionare solo una garza sopra la flangia della PEG; 2 Controllare le tacche di gradazione esterne della sonda per il corretto posizionamento in sede; 3 Mantenere pulita la sonda anche esternamente, lavandola con sola acqua;

9 Data 01/01/2014 Pagina 9 di 13 4 Continuare con la mobilizzazione della sonda (come descritto nei punti 5 e 6 dei primi 10 gg). Gestione del dispositivo nel tempo 1 Evitare brusche trazioni e movimenti scorretti durante l utilizzo. 2 Monitorare variazioni nel tempo della forma e/o della grandezza dello stoma. 3 Mantenere pervia la sonda con lavaggi con acqua a seconda del tipo di somministrazione della N.E. come descritto al punto F del capitolo 6.5; 4 Ogni 7 giorni mobilizzare la sonda (come descritto nei punti 5 e 6 dei primi 10 gg); 5 In caso di ostruzione, provare a forzare e/o aspirare lentamente con una siringa di acqua tiepida da 50 cc; 6 Pulire la cute circostante con acqua e sapone neutro tutti i giorni; 7 La rimozione accidentale della gastrostomia non è una complicanza grave, tuttavia è fondamentale mantenere pervia la fistola inserendo un catetere vescicale tipo Foley; in caso di impossibilità, inviare il paziente al pronto soccorso nel più breve tempo possibile, comunque non oltre le 2 ore; 8 Lavare bene la sonda dopo la somministrazione dei nutrienti o dei farmaci al fine di evitarne l ostruzione. 6.7 COMPLICANZE DURANTE L IMPIEGO DELLA PEG Si distinguono due ordini di complicanze: Precoci Tardive emorragia - infezioni peristomali - segni di flogosi - erosione cutanea da fuoriuscita di succo gastrico - cellulite necrotizzante - crescita di mucosa gastrica al di fuori dalla fistola gastro-cutanea - peritonite - migrazione della sonda - pneumoperitoneo - Buried Bumper Syndrome - Ostruzione Le complicanze che si possono osservare più comunemente durante l impiego della PEG sono: Complicanze Misure preventive Azioni Correttive MECCANICHE OSTRUZIONE ULCERAZIONE MUCOSA Lavaggi frequenti con acqua - Utilizzo di sondini di piccolo calibro - Sostituzioni periodiche delle sonde Disostruzione della sonda con acqua gassata o coca cola o sostituzione Rimozione della sonda

10 Data 01/01/2014 Pagina 10 di 13 BURIED BUMPER SYNDROME (incarceramento della sonda) MIGRAZIONE DELLA SONDA FUORIUSCITA MATERIALE GASTRICO Mobilizzazione della sonda con movimenti di rotazione giornalmente (fino a consolidamento della fistola) e traslazione settimanalmente - Controllo del dischetto esterno e delle tacche di gradazione sulla sonda - Controllo del palloncino Evitare brusche trazioni Rimozione chirurgica Intervento chirurgico Sostituzione di sonda con una di calibro maggiore Complicanze GASTRO-ENTERICHE Misure preventive Azioni Correttive DISTENSIONE ADDOMINALE DIARREA STIPSI REFLUSSO GASTROESOFAGEO VOMITO RIGURGITO/ AB INGESTIS - Raggiungere le velocità di infusione in modo graduale - Utilizzare le miscele meglio tollerate: iniziare con le miscele meno iperosmolari - Evitare la somministrazione a boli - Iniziare con miscele isosmolari - Utilizzare con razionalità le miscele con fibre - Controllare la velocità di somministrazione - Valutare le terapie associate (antibiotici) - Utilizzo di miscele con fibra - Aumento dell idratazione - Corretta posizione durante la somministrazione: semiseduta - Valutazione della funzionalità intestinale - Moderare la velocità di somministrazione - Adottare corretta posizione durante la somministrazione - Valutare il ristagno gastrico - Valutare funzionalità gastrointestinale - Valutare la presenza di tosse persistente - Ridurre la velocità di infusione - Sostituire il nutriente - Assumere periodicamente probiotici - Ridurre velocità (non sospendere) - Sostituire il nutriente (eliminare fibre o sostituirle con quelle idrosolubili) - Assumere periodicamente probiotici - Variazione della miscela - Uso periodico di probiotici - Curage rettale - Correzione della postura - Riduzione della velocità di somministrazione - Uso di farmaci specifici - Correggere postura - Ridurre la velocità di infusione

11 Data 01/01/2014 Pagina 11 di 13 Complicanze METABOLICHE IPO/IPERGLICEMIE IPOSODIEMIA ALLERGIE (frequenza molto bassa) Complicanze SETTICHE INFEZIONE PERISTOMALE CONTAMINAZIONE DELLA MISCELA E DEI DISPOSITIVI Misure preventive Prestare attenzione alla terapia e somministrazione di NE nei pazienti diabetici Valutare le integrazioni su NE a lungo termine Prestare attenzione a specifici sintomi e segni: eruzioni cutanee, diarrea persistente Misure preventive - Igiene della cute peristomale - Monitoraggio dello stoma: colore/odore/secrezioni - Controllo posizione della sonda - Lavaggio delle mani - Corretta formazione degli operatori (igiene) - Utilizzo delle miscele industriali - Riduzione delle manipolazioni durante la somministrazione (evitare travasi in sacche o diluizioni) Azioni Correttive Concordare terapia insulinica e NE Aggiunta di Na Cl nell acqua Sostituzione del nutriente Azioni Correttive - Utilizzo di pomate protettive - Terapia antibiotica dopo tampone colturale e antibiogramma - Rimozione e sostituzione - Prevenzione con aggiunta periodica di integratori ad elevato contenuto in zinco - Sostituzione miscele (24 h dall apertura) - Sostituzioni dei dispositivi ogni 24 ore 6.8 RIMOZIONE ACCIDENTALE DELLA SONDA P.E.G. In caso di rimozione prematura (2 sett. o 3-4 sett.) non tentare nessuna manovra ed inviare il paziente in P.S. o al Servizio di Endoscopia. Rimozione tardiva in caso di P.E.G. stabilizzata non vi sono conseguenze pericolose. Utile introdurre nella fistola un catetere tipo Foley così si mantiene pervia la fistola (tende a chiudersi con sorprendente velocità 24-48h) e, quel che è molto importante, il paziente può essere inviato senza urgenza ad un Servizio di Endoscopia per la sostituzione. RIMOZIONE PROGRAMMATA DELLA P.E.G. La PEG necessita di sostituzione nei casi di: usura della stessa, ostruzione, rimozione accidentale, rottura del palloncino.

12 Data h inizio h fine Velocità infusione Acqua ml Ristagno Gastrico ml PA/FC TC C Glicemia mg/dl Peso kg Diuresi ml Alvo Osservazi oni Firma ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 12 di MONITORAGGIO NUTRIZIONE ENTERALE Permette di identificare precocemente l insorgere delle complicanze al fine di poter mettere in atto, nel più breve tempo possibile, una serie di interventi correttivi e di garantire una adeguata nutrizione. In Letteratura è difficile reperire informazioni inerenti la formulazione di questo tipo di schede in quanto sono soprattutto rivolte ad evidenziare ed a prevenire la malnutrizione e pertanto si scostano molto dall obbiettivo di determinare la corretta applicazione della NE. Di seguito vengono riportati gli esami ematochimici che dovrebbero essere richiesti all inizio e ogni 6-12 mesi e due schede: una di rilevazioni parametri metabolici ed infusionali, l altra di rilevazioni delle complicanze. Esami ematochimici: Emocromo + formula leucocitaria Creatininemia Azotemia Glicemia Na, K Proteinemia totale Albuminemia Colesterolemia tot + HDL AST, ALT Bilirubina PCR Trigliceridemia TSH PT PTT Oligoelementi Ac. Urico Sideremia Vit. B12 e Ac. Es. completo Folico urine CONTROLLO PARAMETRI IN CORSO TRATTAMENTO NE COGNOME NOME...DATA DI NASCITA

13 Data 01/01/2014 Pagina 13 di 13 SCHEDA DI SEGNALAZIONE DELLE COMPLICANZE IN CORSO DI NUTRIZIONE ENTERALE COGNOME NOME NUCLEO DATA POSIZIONAMENTO PEG (barrare la voce corrispondente e descrivere il problema) meccanica gastroenterica metabolica settica Data Firma del compilatore 7. VERIFICHE Il grado di aggiornamento del presente protocollo è verificato con cadenza annuale dal logopedista.

PROCEDURA GESTIONE NED

PROCEDURA GESTIONE NED PAG. 1/5 PROCEDURA GESTIONE NED STATO DATA FIRMA Redatto Approvato Ultima rev. Applicato 01/10/2008 01/10/2008 06/07/2011 25/06/2012 1 PAG. 2/5 PREMESSA L alimentazione artificiale si rende necessaria

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

GESTIONE GASTROSTOMIA

GESTIONE GASTROSTOMIA GESTIONE GASTROSTOMIA UN PO DI SIGLE N.A.: Nutrizione Artificiale N.E.: Nutrizione Enterale S.N.G.: Sondino Naso Gastrico P.E.G.: Gastrostomia Endoscopica Percutanea P.E.Y: Digiunostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE

FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA (PEG) PREMESSA L alimentazione artificiale si rende necessaria per il trattamento di molte condizioni patologiche.

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica.

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica. Gestione della PEG Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire, gli esercizi

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

La PEG: Indicazioni e gestione.

La PEG: Indicazioni e gestione. Nutrizione nel paziente anziano e la gestione delle stomie Fondazione Madre Cabrini ONLUS Sant Angelo Lodigiano (LO) 30 ottobre 2009 La PEG: Indicazioni e gestione. M. Lovera Servizio di Endoscopia Digestiva

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG Obiettivo: mediante l uso del PEG/SNG all ospite verrà somministrato un apporto dietetico per soddisfare le richieste corporee e promuovere la salute.

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE E SUE COMPLICANZE Valeria De Carli Deluca Colugnat VANTAGGI DELLA NET Minori complicanze Minori costi è necessaria l integrità del tratto gastrointestinale TIPI DI

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente Team Nutrizionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare Struttura Complessa. Clinica Medica e Servizio di Dietetica Ospedale di Cattinara - 2

Dettagli

INTRODUZIONE. La nutrizione artificiale entrerale

INTRODUZIONE. La nutrizione artificiale entrerale INTRODUZIONE La nutrizione enterale domiciliare (NED) è una tecnica nutrizionale praticata e consolidata da diversi anni in medicina. Questo tipo di nutrizione è iniziata negli ospedali italiani dalla

Dettagli

Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO

Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO NUTRIZIONE ARTIFICIALE E una procedura terapeutica mediante la quale è possibile soddisfare i bisogni

Dettagli

La Nutrizione Enterale:

La Nutrizione Enterale: 06.05.2014 La Nutrizione Enterale: dal sondino naso-gastrico alla PEG Paolo Orsi Unità Operativa di Endoscopia Digestiva e Gastroenterologia Ospedale di Fidenza, Azienda USL d Parma Speranza di vita: attualmente

Dettagli

Nutrizione enterale del bambino critico

Nutrizione enterale del bambino critico Nutrizione enterale del bambino critico U.O.C. di neonatologia e T.I.N. A.O. G.Rummo Benevento Gaetano di Manso Università degli Studi di Roma La Sapienza Master di II livello in Terapia Intensiva Neonatale

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli

La Nutrizione Artificiale del bambino con Patologia cronica

La Nutrizione Artificiale del bambino con Patologia cronica La Nutrizione Artificiale del bambino con Patologia cronica Il ruolo del Pediatra di Famiglia Anna Maria Davoli - Pediatra di Famiglia - Reggio E. 1 Copyright 1996-99 Dale Carnegie & Associates, Inc. La

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

Graziella Brambilla Nutrizione Clinica Ospedale A. Manzoni Lecco

Graziella Brambilla Nutrizione Clinica Ospedale A. Manzoni Lecco Gestione e Monitoraggio del paziente in Nutrizione Enterale Graziella Brambilla Nutrizione Clinica Ospedale A. Manzoni Lecco Obiettivo Acquisire le conoscenze teoriche di base e le tecniche di gestione

Dettagli

Il sondaggio Gastrico

Il sondaggio Gastrico SONDAGGIO GASTRICO/DUODENALE LE VARICI ESOFAGEE Il sondaggio Gastrico Definizione: Introduzione di un sondino (Levin-SNG) nello stomaco attraverso le prime vie dell apparato digerente; Scopi: Diagnostico:Valutare

Dettagli

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi Ospedale Niguarda CàGranda Milano Ester Pileio INFERMIERA Silvia Zigiotto INFERMIERA Una delle attivitàvitali

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

L importanza importanza mportanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una g uida guida per per ilil p aziente paziente

L importanza importanza mportanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una g uida guida per per ilil p aziente paziente L importanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una guida per il paziente 1 Che cos è la Sclerosi Laterale Amiotrofica? La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) è una malattia neurodegenerativa

Dettagli

Il pediatra e il nutrizionista

Il pediatra e il nutrizionista Milano, 17 Ottobre 2015 Il pediatra e il nutrizionista Dott. ssa Sophie Guez UOSD Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano Bisogni energetici

Dettagli

a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale

a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale g u i d a p r a t i c a a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale A cura di: Dott.ssa Laura EBBLI Dietista Dott. Giancarlo GOBBI Medico Dott.ssa Gianna NEGRO Farmacista Dott.ssa Valentina SGUERSO

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

FAC-SIMILE DI OFFERTA ECONOMICA

FAC-SIMILE DI OFFERTA ECONOMICA ALLEGATO 7 FAC-SIMILE DI OFFERTA ECONOMICA SPETT.LE AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA VIA TORRACA, 2 85100 POTENZA OGGETTO: GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI PRODOTTI DIETETICI

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS LOTTO A ALLEGATO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS Lotto 1/A Dieta Polimerica Standard Dieta enterale pronta all'uso, per sonda, polimerica standard, liquida, completa,

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

BILANCIO IDRICO E DIETA EQUILIBRATA : LA NOSTRA ESPERIENZA

BILANCIO IDRICO E DIETA EQUILIBRATA : LA NOSTRA ESPERIENZA BILANCIO IDRICO E DIETA EQUILIBRATA : LA NOSTRA ESPERIENZA Per rilevare precocemente i segni di scompenso Informare il paziente Informare il care giver CALCOLARE RIGOROSAMENTE TUTTE LE ENTRATE E TUTTE

Dettagli

Allegato 1a DIMISSIONE PROTETTA E CONTINUITÀ DELLE CURE PER MINORI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI IL COORDINATORE DI PERCORSO OSPEDALIERO RICEVE LA SEGNALAZIONE DALL'U.O. DI DEGENZA IL COORDINATORE

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Il PAZIENTE ANZIANO DISFAGICO. Dott. Roberto Adussi A.S.P. S.Chiara Lodi

Il PAZIENTE ANZIANO DISFAGICO. Dott. Roberto Adussi A.S.P. S.Chiara Lodi Corso accreditato al Programma Regionale Lombardo di Educazione Continua Alimentazione nell anziano Fondazione Madre Cabrini ONLUS Sant Angelo Lodigiano (LO) 23 maggio 2007 3 crediti per ASA-OSS-OTA Il

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione Dr. Paolo Bodoni Medico di Medicina Generale ASL TO4 PREVENZIONE LdD 1) Individuare i soggetti a rischio (IPOMOBILITA ) valutare

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 03 Rev. 00 IGIENE ORALE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 03 Rev. 00 IGIENE ORALE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5 INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5 1. OBIETTIVO... 2 2. PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 3. FREQUENZA... 2 4. DOCUMENTI A SUPPORTO... 2 5. MATERIALE E MODALITÀ OPERATIVE...

Dettagli

Nutrire e alimentare nella fragilità: difficoltà e strategie d aiuto

Nutrire e alimentare nella fragilità: difficoltà e strategie d aiuto Nutrire e alimentare nella fragilità: difficoltà e strategie d aiuto Filippo Ghelma Responsabile UD DAMA Ospedale S. Paolo Milano Vicepresidente Fondazione Mantovani Castorina onlus Riflessioni nutrizionali

Dettagli

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Le vie di accesso per la nutrizione enterale dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Indicazioni Garantire corretto apporto nutrizionale, o somministrazione di farmaci, o di acqua, a pazienti con apparato

Dettagli

Diretto tramite il servizio 118

Diretto tramite il servizio 118 ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE GRANDE USTIONATO (in regime di ricovero e ambulatoriale) Angela Giovanelli «I martedì dell Ordine» Parma, 15 ottobre 2013 Servizio attivo 24h su 24h Accesso: Dal

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente.

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente. Endoscopia Esplorazione di organi cavi attraverso gli orifizi naturali, o di cavità corporee virtuali accedendo da piccole incisioni chirurgiche, per mezzo di appositi apparecchi ottici detti endoscopi.

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA, NORMOCALORICA, PRIVA DI FIBRE, GUSTI VARI 250 ML CA 1 381 200 100 681 DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA,

Dettagli

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS LOTTO A ALLEGATO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS Lotto 1/A CIG 628875901A Dieta Polimerica Standard Dieta enterale pronta all'uso, per sonda, polimerica standard, liquida,

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA

VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA Azienda USL Pescara U.O.S. Assistenza Intermedia Dirigente Responsabile: Dott. ssa Mirella Scimia P.C.A. Nutrizione Artificiale a Domicilio Nutrizione Enterale VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

LA NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE. Guida per il paziente, i parenti e gli operatori sanitari

LA NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE. Guida per il paziente, i parenti e gli operatori sanitari LA NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Guida per il paziente, i parenti e gli operatori sanitari Prefazione Nel paziente affetto da neoplasia non sono infrequenti problematiche alimentari che possono seriamente

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

TIPI DI DISFAGIA 02.10.2013. Isabella Antonini Fisioterapista diplomata, coordinatrice deglutizione 1 DEFINIZIONE DI DISFAGIA

TIPI DI DISFAGIA 02.10.2013. Isabella Antonini Fisioterapista diplomata, coordinatrice deglutizione 1 DEFINIZIONE DI DISFAGIA DEFINIZIONE DI DISFAGIA Dis - funzione di un meccanismo SICURO di transito degli alimenti o dei liquidi dalla cavità orale allo stomaco. TIPI DI DISFAGIA Nutrizione orale normale Livello di indipendenza

Dettagli

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO?

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? TORINO 27-29 Marzo 2014 Martina Ronzoni Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA 3 SEGNI CLINICI DI IPOSSIA Ipossia Segni Respiratori

Dettagli

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

Sclerosi Laterale Amiotrofica e NUTRIZIONE

Sclerosi Laterale Amiotrofica e NUTRIZIONE Sclerosi Laterale Amiotrofica e NUTRIZIONE Dott.ssa ITALIA ODIERNA UOC ANESTESIA E RIANIMAZIONE CENTRO NAD II LIVELLO OSPEDALE UMBERTO I NOCERA INFERIORE SALERNO 4 1 i bisogni nutrizionali dei malati di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 5 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico, Dott., per proseguire

Dettagli

ALLEGATO B) TABELLA DI AGGIUDICAZIONE DITTA. 36.100 ABBOTT S.r.l. 11.650 ABBOTT S.r.l. M525 GLUCERNA 500 ML 6,80 5730405FC9

ALLEGATO B) TABELLA DI AGGIUDICAZIONE DITTA. 36.100 ABBOTT S.r.l. 11.650 ABBOTT S.r.l. M525 GLUCERNA 500 ML 6,80 5730405FC9 ALLEGATO B) TABELLA DI AGGIUDICAZIONE 1 DIETA LIQUIDA PER SUPPLEMENTAZIONE ORALE, A BASSO RESIDUO, COMPLETA, PRONTA PER L USO, PER PAZIENTI CON FUNZIONALITA GASTROINTESTINALE INTEGRA E FABBISOGNI PROTEICO

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE Infusione di liquidi Infusione rapidacontrollata Infusione controllata nelle 24h I sistemi di Infusione meccanica in uso sono: Pompa volumetrica Pompa elastomerica Pompa

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento LESINI DA DECUBIT Prevenzione e trattamento Modulo1 Lezione 3 LE SCALE DI VALUTAZINE DEL RISCHI Lo scopo di uno strumento di valutazione del rischio è quello di identificare gli individui a rischio di

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale Di Ragusa

Azienda Sanitaria Provinciale Di Ragusa REGIONE SICILIANA Azienda Sanitaria Provinciale Di Ragusa TIMBRO DI REPARTO CARTELLA INFERMIERISTICA Cartella n. Cognome... Nome... Sesso: M F Nato il / / a.. Cittadinanza Residenza / Domicilio.. Via...

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

La nutrizione artificiale al domicilio. Dietista Anna Rita SABBATINI Coordinatore Unità Tecnica Dietisti

La nutrizione artificiale al domicilio. Dietista Anna Rita SABBATINI Coordinatore Unità Tecnica Dietisti La nutrizione artificiale al domicilio Dietista Anna Rita SABBATINI Coordinatore Unità Tecnica Dietisti Tecniche di Nutrizione Artificiale (NA) - definizioni Nutrizione Parenterale (NP): modalità di NA

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

ASSISTENZA AL MEDICO

ASSISTENZA AL MEDICO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ASSISTENZA AL MEDICO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

La Sicurezza in Sala Operatoria: l utilizzo delle check list

La Sicurezza in Sala Operatoria: l utilizzo delle check list La Sicurezza in Sala Operatoria: l utilizzo delle check list Dott.ssa Maria Maddalena Sanna ACO San Filippo Neri Responsabile Infermieristico Area Ricerca e Qualità Servizio Assistenza Infermieristica

Dettagli

Allegato -> C) SCHEDE TECNICHE

Allegato -> C) SCHEDE TECNICHE Allegato -> C) SCHEDE TECNICHE lotto A1 A2 A3 A4 Gruppo A Soluzione per nutrizione enterale da somministrare per sonda quantità prezzo descrizione prodotti annua unitario (l/kg) prezzi totali presunta

Dettagli

Guida alla gestione della ILEOSTOMIA

Guida alla gestione della ILEOSTOMIA Guida alla gestione della ILEOSTOMIA GUIIDA ALLLLA GESTTIIONE DELLLL UROSTTOMIIA All.5 1 Gentile signore/a In questo opuscolo troverà indicazioni utili per la gestione della stomia che le è stata creata.

Dettagli

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts INDICATORI 1 2 3 4 indice Condizioni generali: livelli di assistenza richiesti per le ADL( fare il bagno, di vestirsi, di usare i servizi igienici, mobilità,

Dettagli

Problematiche nutrizionali nel post-ictus

Problematiche nutrizionali nel post-ictus LA SALUTE DEL CITTADINO AL CENTRO DELLA GOVERNANCE LE RETI INTEGRATE Problematiche nutrizionali nel post-ictus Giancarlo Sandri Stesura 14 marzo 2012 L ictus cerebrale rappresenta la seconda causa di

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

Gestione domiciliare del paziente respiratorio critico. Relatore: Salvatore Matarrese Infermiere presso la Rianimazione del P.O.

Gestione domiciliare del paziente respiratorio critico. Relatore: Salvatore Matarrese Infermiere presso la Rianimazione del P.O. Gestione domiciliare del paziente respiratorio critico Relatore: Salvatore Matarrese Infermiere presso la Rianimazione del P.O. di Andria Perché nasce questo servizio? Per l umanizzazione dell assistenza;

Dettagli

LA DEGLUTIZIONE NELL ANZIANO

LA DEGLUTIZIONE NELL ANZIANO LA DEGLUTIZIONE NELL ANZIANO a cura delle logopediste dell ASL TO 4 Dott.ssa R. Andreo- Dott.ssa G.Bonoroch- Dott.ssa P.Rampone Dott.ssa S.Valcasser S.C. R.R.F. A-B Ciriè Chivasso S.C. R.R.F. C Ivrea DEGLUTIZIONE

Dettagli

NUTRIZIONE ARTIFICIALE

NUTRIZIONE ARTIFICIALE Prontuario Ospedaliero NUTRIZIONE ARTIFICIALE AslCN2 Maggio 2014 Indice Prodotti nutrizionali per sonda.pag. 3 Standard: NUTRISON 500 ml flacone Proteica: ISOSOURCE PROTEIN 500 ml smartflex Energetica:

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno Università di Pisa Corso di Laurea in Infermieristica Presidente Francesco Giunta Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno 1 semestre Prestazioni Atti tecnici Obiettivi 1 Presa visione della -lettura degli

Dettagli

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE Informazioni anagrafiche me Cognome Nato a il / / Residente a via/piazza n Anamnesi patologica remota oltre

Dettagli

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova NUTRIZIONE ENTERALE NEL BAMBINO CRITICO 13 novembre 2014 Dietista Anna Battistin LA REALTA PEDIATRICA I pazienti pediatrici rappresentano una popolazione particolarmente vulnerabile, con specifiche necessità

Dettagli

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA OPUSCOLO INFORMATIVO LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA Questa guida è stata pensata per aiutarla a

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

IDRATAZIONE. Indicazioni operative e sensibilizzazione di chi assiste quotidianamente

IDRATAZIONE. Indicazioni operative e sensibilizzazione di chi assiste quotidianamente IDRATAZIONE Indicazioni operative e sensibilizzazione di chi assiste quotidianamente 1 Obiettivo idratazione importante che la persona assuma almeno 1,5-2 litri di acqua/liquidi al dì Nei periodi di caldo

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

GUIDA per il CAREGIVER

GUIDA per il CAREGIVER GUIDA per il CAREGIVER Gentile Utente, questo opuscolo intende fornirle alcune informazioni e consigli sulla possibilità di collaborazione con il personale del Reparto per quanto riguarda l assistenza

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Quando come e perché è necessario intervenire con l alimentazione forzata

Quando come e perché è necessario intervenire con l alimentazione forzata Mestre, 25 settembre 2011 Quando come e perché è necessario intervenire con l alimentazione forzata Veronica Marchetti Ospedale Didattico Veterinario Mario Modenato Università di Pisa v.marche)@vet.unipi.it

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

RILEVAZIONE SETTIMANALE TIROCINIO A.S.A.

RILEVAZIONE SETTIMANALE TIROCINIO A.S.A. RILEVAZIONE SETTIMANALE A.S.A. SCHEDA DI RILEVAZIONE SETTIMANALE ATTIVITA' DI STAGE C.F.P. ID Progetto Nominativo corsista Azienda ospitante Reparto Periodo dal al Denom. AUSILARIO/A SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli