Regolamento dei Servizi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento dei Servizi"

Transcript

1 Medicina del Territorio Società Cooperativa Via Eucario Silber, Fiumicino Torrimpietra (RM) Autorizzazione del Tribunale di Roma n del 19/07/1997 Iscrizione C.C.I.A.A. di Roma n Codice Fiscale / Partita IVA: MEDICINA DEL TERRITORIO Regolamento dei servizi pag. 1 di 6 Regolamento dei Servizi Approvato e ratificato dall'organo Amministrativo in data 15 luglio 2011 (Allegato 1 a Verbale n.134 del )

2 MEDICINA DEL TERRITORIO Regolamento dei servizi pag. 2 di 6 Parte Generale. La Cooperativa Medicina del Territorio a fine di organizzare e fornire servizi per i propri soci si dota del presente regolamento dei servizi, di seguito definito Regolamento, i cui scopi sono: a) Qualificare l attività professionale dei soci attraverso l utilizzo di servizi; b) Accrescere la consapevolezza ed il senso di appartenenza alla cooperativa; c) Facilitare l utilizzazione dei servizi da parte dei soci attraverso il superamento delle difficoltà organizzative tipiche della gestione individuale, il contenimento dei costi, la garanzia delle responsabilità derivanti da norme e leggi; d) Facilitare la corretta imputazione dei costi della Coop Medici 2000 alle varie attività ed ai servizi di cui fruiscono i soci. Il presente Regolamento deve essere considerato sperimentale e comunque è modificabile dall Assemblea ordinaria, su proposta del Consiglio di Amministrazione, tutte le volte che sarà opportuno e/o necessario per il buon funzionamento dei servizi e nell interessi sia della Cooperativa Medicina del Territorio che dei suoi soci. La proposta di modifica potrà anche aver origine da una richiesta di almeno 1/3 dei soci. Il regolamento si distingue nelle seguenti sezioni: 1. Gestione di Centri Polifunzionali; 2. Servizi in rete compresa la gestione del personale di supporto agli studi professionali periferici; 3. Gestione di progetti. Ogni socio potrà scegliere i servizi di cui intende avvalersi e quando previsto dalla specifica sezione del regolamento dovrà sottoscrivere apposito contratto. In caso di fruizione di più servizi gli stessi saranno preferibilmente previsti nello stesso contratto. Gli schemi di contratto sono approvati dal Consiglio di Amministrazione. Il Consiglio di Amministrazione, per ognuno dei servizi oggetto del presente Regolamento e per le singole componenti di ogni servizio, come dettagliatamente descritto nelle singole parti, ogni anno (nel mese di dicembre per l'anno successivo) ne determina il costo, stabilisce la tariffa che viene applicata ai soci fruitori (anche con le eventuali riduzioni) e ne fornisce adeguata comunicazione ai soci stessi. Con le modalità indicate dal Consiglio di Amministrazione ogni medico socio indica i servizi di cui intende avvalersi e sottoscrive i relativi contratti. La conferma di utilizzazione del servizio è automatica, salvo disdetta, totale o parziale, da parte del socio con almeno 60 (sessanta) giorni di preavviso, salva diversa e specifica disposizione indicata nel presente regolamento per ogni specifico servizio.

3 MEDICINA DEL TERRITORIO Regolamento dei servizi pag. 3 di 6 Durante l'anno ogni medico socio può richiedere di usufruire di altri servizi avanzando domanda al Cooperativa Medicina del Territorio e sottoscrivendo i relativi contratti integrativi. Nell interesse generale dei soci e per la qualificazione di attività sanitarie, in specifiche situazioni, la Cooperativa Medicina del Territorio può effettuare servizi anche verso medici non soci. Per tale circostanza il Consiglio di Amministrazione, congiuntamente alla valutazione sulla opportunità di erogazione del servizio, determina preventivamente le condizioni economiche e logistiche di erogazione dello stesso, avendo cura che siano coperti integralmente i costi, compresi quelli generali. Sezione 1 - Gestione Centri Polifunzionali. Relativamente al presente servizio il Regolamento ha lo scopo di ripartire correttamente fra i medici di famiglia operanti all interno di un Centro Polifunzionale i benefici e gli oneri con adeguato equilibrio che tenga conto delle due seguenti eventualità: responsabilizzare i medici-soci nella buona gestione del Centro Polifunzionale, al fine di perseguire la migliore erogazione dei servizi ed il migliore risultato economico, riconoscendone l impegno professionale per tale funzione; valorizzare l aspetto solidaristico della Cooperativa, garantendole una parte dell eventuale risultato economico attivo del Centro Polifunzionale, derivante dalle attività diverse praticate nel Centro medesimo (specialistica, formazione e altro), in modo progressivamente crescente. Per ogni Centro polifunzionale attivato viene stabilito l elenco dei medici soci utilizzatori. Le disposizioni riguardanti il centro polifunzionale si applicano ai medici utilizzatori. L elenco dei medici utilizzatori è modificabile in base a deliberazione del Consiglio di Amministrazione e con la stessa si determinano le nuove modalità di ripartizione di costi/ricavi. Il Centro Polifunzionale viene gestito come un centro costi/ricavi con costi totalmente a carico dei medici soci utilizzatori. Il costo complessivo del Centro Polifunzionale è interamente imputato ai medici soci utilizzatori in ogni sua parte, compresi: gli adeguamenti sia in funzione delle modificazioni dei fattori produttivi, sia della variazione dei prezzi, la quota parte degli oneri di amministrazione, gestione e generali della Cooperativa, ogni ulteriore onere di prestazioni particolari non previste nei costi generali, gli oneri derivanti da un eventuale passivo di gestione del centro polifunzionale.

4 MEDICINA DEL TERRITORIO Regolamento dei servizi pag. 4 di 6 La Cooperativa garantisce la compatibilità economica delle attività, il rispetto delle norme di legge e dello scopo sociale dello statuto e favorisce lo sviluppo di nuove opportunità di servizi sanitari. Ai medici soci operanti nel Centro Polifunzionale, se esplicitamente deliberato dal Consiglio di Amministrazione, potrà essere riconosciuto un compenso per l attività di coordinamento dello stesso, commisurato ai risultai economici perseguiti. All inizio dell attività il Consiglio di Amministrazione della Cooperativa Medicina del Territorio, previa intesa con i medici utilizzatori, approverà il progetto di funzionamento dove saranno previste: Le attività svolte e le modalità di incremento di ulteriori attività, Il preventivo costi/ricavi, La ripartizione dei costi da imputare ai singoli medici soci;, La eventuale validità pluriennale del contratto di servizio, soprattutto in presenza di oneri derivanti da investimenti. Nel progetto annuale di funzionamento, predisposto nei tempi e nei modo indicati nella parte generale i costi verranno ripartiti in base ad accordi interni tra i singoli medici utilizzatori. Si precisa che, nel caso di medici soci operanti in Centro Polifunzionale, le tariffe per i servizi di rete che abbiano richiesto sono ricomprese all interno del centro di costo del Centro Polifunzionale. Sulla base di tale preventivo i medici pagheranno un importo mensile anticipato. Ogni anno il Consiglio di Amministrazione redigerà il consuntivo annuale ed aggiornerà il Business Plan costi/ricavi per l anno di esercizio successivo, sulla base del quale, se necessario, saranno applicati aggiornamenti degli importi mensili da versare da parte dei medici utilizzatori in favore della stessa Cooperativa Medicina del Territorio. In sede di consuntivo del Centro Polifunzionale sarà determinato in via definitiva il valore del riconoscimento economico del singolo medico e se necessario effettuato il relativo conguaglio Qualora un medico operante in un Centro Polifunzionale avesse nella sua personale disponibilità apparecchiature da usare nella propria professione (es. Elettrocardiografo, Ecocolordoppler e altro), è consentito l uso delle predette apparecchiature nella struttura, previo accordo sulle modalità organizzativogestionali riguardanti la specifica attività svolta dal socio e la utilizzazione dei servizi del centro polifunzionale. fatto salvo l accordo degli altri medici e fatte salve le eventuali compatibilità economiche in funzione dell utilizzo dello spazio e delle utenze (luce, acqua, etc.).

5 MEDICINA DEL TERRITORIO Regolamento dei servizi pag. 5 di 6 Sezione 2 - Servizi in rete e di supporto agli studi professionali. La Cooperativa Medicina del Territorio organizza in favore dei soci i seguenti servizi. Ogni medico socio singolarmente e congiuntamente ad altri medici facenti parte di una forma associativa o di un raggruppamento che segue un progetto può richiedere i servizi previsti dalla presente sezione. L'assemblea, con propria determinazione può aggiungere altri servizi alla presente sezione. A) Gestione attività di supporto e collaborazione negli studi medici E' previsto che personale in disponibilità della Cooperativa Medicina del Territorio, sia dipendente che con altre forme contrattuali e convenzionali, con vari profili professionali (collaboratore di studio, infermiere, operatore sociosanitario, ecc.) eserciti attività in favore di medici soci al fine di migliorare l'offerta ai propri pazienti ed accrescere il contenuto della attività professionale. La Cooperativa Medicina del Territorio reperisce il personale, garantisce la corretta gestione dello stesso, fornisce gli strumenti di lavoro necessari, effettua corsi ed aggiornamento, organizza lo stesso per rispondere alle esigenze degli studi medici sia di ordine puntuale (segreteria, front-office, medicazioni, ecc.), sia complessivamente intesi (acquisto e distribuzioni di materiali e presidi sanitari, gestione magazzino, gestione strumentazioni, amministrativi,ecc.), sia organizzati in maniera centralizzata (parte di segreteria, acquisti, magazzino, ecc.) La Cooperativa Medicina del Territorio determina il costo orario di ogni figura professionale. Contribuiscono alla determinazione del costo gli oneri diretti di ogni singolo contratto e singola figura professionale (compensi, TFR, rimborsi, malattie, ferie, ecc.) ed indiretti (sicurezza sul lavoro, gestione amministrativo-contabile, aggiornamento). Fanno parte del servizio anche le attività di gestione ed acquisto di piccoli beni strumentali e presidi sanitari, gestione del magazzino, gestione della stampa e della diffusione di materiale informativo ai pazienti, nonché di quello elaborato per conto della Cooperativa e rivolto ai medici soci. Al costo del servizio, come sopra determinato, il Consiglio di Amministrazione può decidere di applicare una riduzione percentuale, sulla base della stima di bilancio della Cooperativa Medicina del Territorio ed al fine di favorire l'attivazione ed il consolidamento di nuovo servizi in favore dei pazienti. Ogni medico socio singolarmente e congiuntamente ad altri medici facenti parte di una forma associativa o di un raggruppamento che segue un progetto richiede le prestazioni di servizio di ogni figura professionale di cui intende usufruire e sottoscrive apposito contratto. La Cooperativa Medicina del Territorio può sottoscrivere contratti con l'azienda USL o con altri soggetti terzi che comportano l'utilizzo di personale

6 MEDICINA DEL TERRITORIO Regolamento dei servizi pag. 6 di 6 appositamente dedicato, anche in presenza dell'impegno diretto di medici soci e del supporto di tale personale ai medici stessi. Per questi servizi le modalità di fatturazione totale o parziale degli stessi ai medici e/o la fatturazione dei servizi comprensivi di tutti i costi (personale compreso) al committente, sarà determinata sulla base del contratto stesso. B) Telefonia La Cooperativa Medicina del Territorio può organizzare un servizio di propria rete telefonica con utenze dislocate sia presso gli studi dei medici soci, sia con utenze centralizzate, realizzando economie per effetto di una contrattualistica collettiva che somma le utenze, sia per ottimizzazione della gestione. Il servizio telefonico può essere messo a disposizione di accordi con l'azienda USL o per altri servizi rivolti all'utenza, anche periodica. Il Costo del servizio puntuale (utenze presso gli studi dei medici soci) deve essere ripartito il base all'effettivo consumo. Il costo del servizio centralizzato, ridotto di eventuali ricavi derivanti da contratti con soggetti terzi, è ripartito tra i medici soci per fasce di contribuzione (stabilite sulla base dei pazienti in carico). Sezione 3 - Gestione di progetti. Riguardano specifiche attività che la Cooperativa Medicina del Territorio contrattualizza con l'azienda USL o con soggetti terzi che prevedono l'erogazione di un servizio che in parte è garantito dal medico socio in parte è supportato dalla Cooperativa stessa. Il Medico socio si avvale dei servizi necessari organizzati dalla Cooperativa per erogare le prestazioni concordate e notula direttamente al committente le sue competenze. Se la notulazione del medico verso il committente è per l'intero servizio, la Cooperativa Medicina del Territorio provvederà ad emettere fatturazione verso il medico socio per le proprie competenze. Se il medico socio emetterà fatturazione al committente solo per le proprie competenze la Cooperativa Medicina del Territorio emetterà la propria fatturazione complessiva verso il committente. Il contratto di servizi che il medico socio sottoscrive con la Coop Cooperativa Medicina del Territorio prevede che con la richiesta di partecipazione al progetto il medico accetta anche le condizioni economiche del progetto stesso, come definite dal Consiglio di Amministrazione. La richiesta, approvata dal Consiglio di Amministrazione, costituisce a tutti gli effetti integrazione del contratto di servizio sottoscritto tra Cooperativa Medicina del Territorio e singolo medico socio. Torrimpietra, 15 luglio 2011

Regolamento dei Servizi

Regolamento dei Servizi Medicina del Territorio Società Cooperativa Regolamento dei servizi pag. 1 di 5 Via Eucario Silber, 20 00050 Fiumicino Torrimpietra (RM) Autorizzazione del Tribunale di Roma n 010648 del 19/07/1997 Iscrizione

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l.

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale,12 - Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa via Venezia, 26-48121 RAVENNA RA Tel./fax 0544219377 e-mail: info@villaggioglobale.ra.it - web: www.villaggioglobale.ra.it REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010 Premessa

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO. tra:

CONTRATTO DI SERVIZIO. tra: In data. 2011 è stipulato il seguente: CONTRATTO DI SERVIZIO tra: l Azienda Unità Sanitaria 11, (successivamente denominata AUSL), Codice Fiscale e Partita IVA 04616830487, con sede legale in Empoli, Via

Dettagli

Contratto di servizio per utenze raggruppate

Contratto di servizio per utenze raggruppate PGQ -7-02-70 Contratto di servizio per utenze raggruppate Art. 1 Oggetto e finalità Il presente contratto disciplina, in attuazione dell art. 50 del Regolamento del Servizio Idrico Integrato e della Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) Federazione Logopedisti Italiani F.L.I.

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) Federazione Logopedisti Italiani F.L.I. 2015 REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) www.fli.it info@fli.it visto l art. 5 comma e) dello Statuto F.L.I. che definisce tra gli scopi della federazione.. promuovere la formazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

CONSORZIO ASSINDUSTRIA ENERGIA TRENTO ASSOENERGIA

CONSORZIO ASSINDUSTRIA ENERGIA TRENTO ASSOENERGIA CONSORZIO ASSINDUSTRIA ENERGIA TRENTO ASSOENERGIA REGOLAMENTO CONSORTILE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Il funzionamento tecnico-amministrativo del Consorzio è retto, oltre che dalle disposizioni

Dettagli

la Fondazione Alzaia, con sede Legale in Gaeta (LT) in Via Annunziata n. 21, codice fiscale 90051360593 rappresentata dal Presidente Marco Anaclerio.

la Fondazione Alzaia, con sede Legale in Gaeta (LT) in Via Annunziata n. 21, codice fiscale 90051360593 rappresentata dal Presidente Marco Anaclerio. Fondazione ALZAIA Cooperativa arl LA PERGOLA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI UNA CASA DI ACCOGLIENZA PRESSO LA STRUTTURA DI VIA AMALFI GAETA (LT) L anno 2014, il 02 del mese di settembre, nella sede della

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato.

Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato. Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato. PREMESSA Con riferimento all art.4, contenuto nella Deliberazione n.204/99

Dettagli

ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ABRUZZO, LAZIO, MARCHE, MOLISE, TOSCANA, UMBRIA

ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ABRUZZO, LAZIO, MARCHE, MOLISE, TOSCANA, UMBRIA ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ABRUZZO, LAZIO, MARCHE, MOLISE, TOSCANA, UMBRIA S T A T U T O ISTITUZIONE, SEDE E SCOPI Articolo 1 Fra le Camere

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVA BRACCIANTI RIMINESE soc. coop. a r.l.

SOCIETA COOPERATIVA BRACCIANTI RIMINESE soc. coop. a r.l. SOCIETA COOPERATIVA BRACCIANTI RIMINESE soc. coop. a r.l. Via Emilia 113 Rimini registro Imprese Rimini/c.f. 00126420405 Cooperativa a Mutualità Prevalente A101608 REGOLAMENTO REDATTO AI SENSI DELLA LEGGE

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Allegato C) REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Art. 1 Scopo ed oggetto del Regolamento Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare talune norme di funzionamento e di organizzare

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014 finanziamento di idee progettuali nel settore rilevante c) salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa * * * ART.1 PREMESSE La Fondazione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVINCIA DI CREMONA, IAL LOMBARDIA, FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA, CENTRI DI

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVINCIA DI CREMONA, IAL LOMBARDIA, FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA, CENTRI DI Prot. n. 43367 PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVINCIA DI CREMONA, IAL LOMBARDIA, FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA, CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PROVINCIALI DI CREMONA E CREMA, SCUOLA EDILE CREMONESE, CONSORZIO

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 PREMESSA 2bite adotta questa Carta dei Servizi in osservanza dei principi stabiliti dalla direttiva sulla qualità e carta dei servizi di telecomunicazione stabiliti

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310 CHI È SALVA SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Le mutue sono state istituite e sono regolamentate dalla Legge 3818 del 15 aprile 1886 recentemente rivista dall art 23 della Legge 17 Dicembre 2012, n.221, Conversione

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

La cooperativa di utenza per la fornitura di energia È un progetto di Confcooperative

La cooperativa di utenza per la fornitura di energia È un progetto di Confcooperative La cooperativa di utenza per la fornitura di energia È un progetto di Confcooperative www.powerenergia.eu - info@powerenergia.eu CHI SIAMO Società che opera per la fornitura di energia elettrica e gas

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO E PRESENZA DELLE ASSOCIAZIONI. nell Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S.

REGOLAMENTO ACCESSO E PRESENZA DELLE ASSOCIAZIONI. nell Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. REGOLAMENTO ACCESSO E PRESENZA DELLE ASSOCIAZIONI nell Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi Giugno 2014 1 INDICE Articolo 1 - Finalità Articolo 2 - Riferimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI DI CUI ALL ART. 27 DELLO STATUTO DEL FOPEN 1. BENEFICIARI Come previsto dal D.Lgs 124/93 e successive modifiche hanno titolo a richiedere l anticipazione

Dettagli

REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA

REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA 1) PROCEDURA PER LE RICHIESTE DI ALLACCIAMENTO DI NUOVI PUNTI DI CONSEGNA/RICONSEGNA...2 1.1) PREMESSA...2 1.1.1) La richiesta...2 1.1.2) La

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

SERVIZIO GESTIONE INFORMAZIONI TERRITORIALI AMBIENTALI E CARTOGRAFICHE. REGOLAMENTO del Servizio Cartografico

SERVIZIO GESTIONE INFORMAZIONI TERRITORIALI AMBIENTALI E CARTOGRAFICHE. REGOLAMENTO del Servizio Cartografico SERVIZIO GESTIONE INFORMAZIONI TERRITORIALI AMBIENTALI E CARTOGRAFICHE REGOLAMENTO del Servizio Cartografico Approvazione del Regolamento: Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 970-170649/1994 del

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012)

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012) REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012) Visto il comma 1 dell art. 22 di cui al CAPO IV G.I.S. GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BASCHI PROVINCIA DI TERNI REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA (Approvato con delibera consiliare n. 50 del 30.09.2010) TITOLO I Norme Generali TITOLO II Trasporto

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI) Sommario 1. Canone per attività manutentive e gestionali:...3 1.1. Canone per quota assistenza, gestione e manutenzione impianti di climatizzazione e FER...3 1.2. Canone per quota assistenza, gestione

Dettagli

CONTRATTO DI CONSULENZA PROFESSIONALE

CONTRATTO DI CONSULENZA PROFESSIONALE CONTRATTO DI CONSULENZA PROFESSIONALE Il/La nato a il.., residente in alla via.., C.F.., (se società) nella qualità di..della., con sede in via.. n., part. I.V.A. n., PEC. (committente) E Il Dott./Dott.ssa..,

Dettagli

REGOLAMENTO. (a completamento di quanto indicato nello statuto associativo) ITALA Motore di Impresa 1 - FINALITA DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO. (a completamento di quanto indicato nello statuto associativo) ITALA Motore di Impresa 1 - FINALITA DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO (a completamento di quanto indicato nello statuto associativo) 1 - FINALITA DEL REGOLAMENTO 1.1 Il presente regolamento si propone di organizzare l operatività di ITALA MOTORE D IMPRESA nell

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE. Art.1. Il Ministero, richiede la stipula di apposita convenzione al fine di poter ricevere

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE. Art.1. Il Ministero, richiede la stipula di apposita convenzione al fine di poter ricevere CONVENZIONE per lo svolgimento delle attività professionali da parte di un professionista dell'asl RM C presso la sede del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare", finalizzate

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi),

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), E.T.R.A. S.P.A. CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA.- Tra: La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), Largo Parolini n.82/b, C.F. n.03278040245, che interviene

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013 REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS Giugno 2013 1 DISPOSIZIONI GENERALI 1. Poste Italiane S.p.A. (d ora innanzi indicata come POSTE ITALIANE) definisce la procedura di Conciliazione Business secondo

Dettagli

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO Premessa Il Comune di Casalgrande proprietario dell immobile, sito nella frazione di Casalgrande Alto, all incrocio tra Via Statutaria

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani STATUTO del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani ART. 1 E costituito il Coordinamento Nazionale degli Enti locali per la Pace e i Diritti Umani (di seguito denominato

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE Clausola tipo 1 Definizioni L Assistenza telefonica e/o online ha ad oggetto un servizio di call center di helpline via telefonica e/o telematica (via email o web

Dettagli

Regolamento Banca del Tempo

Regolamento Banca del Tempo Associazione Donne contro la Discriminazione Casa delle Donne Via Dora Baltea, 1-10015 Ivrea Tel. 0125/49514 www.casadonneivrea.it E-mail bancadeltempo.ivrea@gmail.com Regolamento Banca del Tempo Ass.

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INTERNO PER PROGETTAZIONE O ATTI DI PIANIFICAZIONE (Art.18, commi 1 e 2, Legge 11 febbraio 1994

Dettagli

Appendice al CONTRATTO DI FRANCHISING

Appendice al CONTRATTO DI FRANCHISING Appendice al CONTRATTO DI FRANCHISING TRA la società ACI Informatica S.p.A.- Divisione ACI Rete, con sede in Roma, Via Fiume delle Perle n.24, cap.soc..2.064.000, C.F. 00405030586 e P.I. 00883311003, iscritta

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri. Art. 1

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri. Art. 1 STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri Art. 1 È costituita una associazione denominata Marta per gli altri, organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus). L'associazione assume nella

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI 1 Degli Associati (approvato con delibera n. 1 del 29/03/2013) 1.1 Domanda di iscrizione del nuovo associato. L'aspirante

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro ARTICOLO 1. E costituita l Associazione "ROMANDANDO Associazione senza scopo di lucro", in forma abbreviata: "ROMANDANDO". La durata

Dettagli

Manuale della Qualità INTRODUZIONE. Società/Funzione REVISIONE. Firma. Firma

Manuale della Qualità INTRODUZIONE. Società/Funzione REVISIONE. Firma. Firma Pag. 1 di 8 Operatori Sanitari Associati soc. coop. sociale a.r.l. onlus Sede Legale e Amministrativa: Via Lucio Volumnio, 1-00178 Roma tel. 06 724801 - fax 06 72480440 Sede Operativa Produzione e Attività

Dettagli

Consorzio Sviluppo Italia

Consorzio Sviluppo Italia RAGIONE SOCIALE: INDIRIZZO: CITTA : PROVINCIA: CAP: TELEFONO: FAX: EMAIL: WEB SITE: CODICE FISCALE: P. IVA: SETTORE MERCEOLOGICO: ATTIVITA PRINCIPALE RESPONSABILE RAPPORTI CON IL CSI: PRODUTTORE: COMMERCIANTE:

Dettagli

COMUNE DI BORGIO VEREZZI. Provincia di SAVONA REGOLAMENTO

COMUNE DI BORGIO VEREZZI. Provincia di SAVONA REGOLAMENTO Allegato A alla deliberazione C.C. n. 39 del 27.07.2015 COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di SAVONA REGOLAMENTO CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E VANTAGGI ECONOMICI A PERSONE ED

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO FAQ. Come si compila la scheda finanziaria e come si calcola la percentuale del contributo regionale?

AVVISO PUBBLICO FAQ. Come si compila la scheda finanziaria e come si calcola la percentuale del contributo regionale? AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DI PROGETTI DA ATTUARE NELLE SCUOLE DEL LAZIO. PRESENTAZIONE ON DEMAND DELLE PROPOSTE PROGETTUALI FAQ Come si compila la scheda finanziaria

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento Comunale per la promozione e la valorizzazione delle Libere Forme Associative Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 24 del 27.06.2007 1/5

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta REGOLAMENTO INTERNO ARTICOLO 1 Scopo ed oggetto del regolamento Il presente regolamento ha lo scopo - ai sensi dell articolo 6 della legge 3 aprile 2001, n. 142, e dell articolo 39 dello statuto - di disciplinare

Dettagli

PIANO DI INCENTIVAZIONE PER IL PERSONALE PER L ANNO 2015 Approvato dall Organo di Amministrazione con Delibera n. 4/15 del 9 marzo 2015

PIANO DI INCENTIVAZIONE PER IL PERSONALE PER L ANNO 2015 Approvato dall Organo di Amministrazione con Delibera n. 4/15 del 9 marzo 2015 PIANO DI INCENTIVAZIONE PER IL PERSONALE PER L ANNO 2015 Approvato dall Organo di Amministrazione con Delibera n. 4/15 del 9 marzo 2015 Il piano di incentivazione ha lo scopo di: - aumentare la coesione

Dettagli

WT SRLS. www.icarointernet.it CARTA DEI SERVIZI

WT SRLS. www.icarointernet.it CARTA DEI SERVIZI WT SRLS www.icarointernet.it CARTA DEI SERVIZI Sommario PREMESSA... 3 PRINCIPI FONDAMENTALI... 3 Eguaglianza... 3 Continuità... 3 Diritto di Informazione... 3 Partecipazione... 3 Efficienza ed Efficacia...

Dettagli

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Associazione Universitaria Studentesca DISMI_cREw COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Reggio Emilia, via Amendola

Dettagli

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:..

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:.. CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO Descrizione Amministrazione:.... Anno:.. Mese:.. Dati quantitativi del prodotto (1) CdR (2) prodotto (3) Prodotto (4) Volume nell anno (5) Tempo

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI FALCADE (Provincia di Belluno) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA (TESTO DEFINITIVO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 17.02.2005) ART. 1 - FINALITA... 2 ART. 2 -

Dettagli

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA FASIFIAT è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti

Dettagli

Gentile iscritto, La struttura del sito prevede due aree d accesso:

Gentile iscritto, La struttura del sito prevede due aree d accesso: Gentile iscritto, in relazione alla tua adesione a Previp Fondo Pensione in qualità di Socio Beneficiario, ti forniamo le modalità operative indispensabili per poter comunicare con il Fondo. A tal proposito

Dettagli

Gentile Cliente, Sinergica 3 s.r.l. Pag. 1 di 5

Gentile Cliente, Sinergica 3 s.r.l. Pag. 1 di 5 Gentile Cliente, la presente comunicazione ha lo scopo di illustrare i servizi compresi nel contratto che prevede la fornitura di aggiornamenti e assistenza sui prodotti software distribuiti da Sinergica

Dettagli

Quesito n. 1 Chiarimento n. 1 Chiarimento n. 1 RETTIFICA del 5/11/2013 - Art. 35.2 Variazione del prezzo unitario per la Quota Energia

Quesito n. 1 Chiarimento n. 1 Chiarimento n. 1 RETTIFICA del 5/11/2013 - Art. 35.2 Variazione del prezzo unitario per la Quota Energia Quesito n. 1 Con riferimento all art. 35.2 del Capitolato Speciale (Variazione del prezzo unitario per quota energia), si chiede di confermare che le variazioni del costo dell energia dovute alle componenti

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA COMUNE DI MISSAGLIA Approvata con deliberazione della G.C. n. 136 del 29/11/2012 Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA PERIODO

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l.

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio, qualificabile come

Dettagli

proposta di legge n. 78

proposta di legge n. 78 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 78 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 26 luglio 2001 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 5 MAGGIO 1997, N. 27 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI

Dettagli

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri ART. l - COSTITUZIONE È costituita un'associazione non riconosciuta, ai sensi e per gli effetti degli artt.

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA (ONLUS) Approvato dai Soci nell Assemblea Straordinaria tenutasi a Firenze il 4 settembre 2014

STATUTO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA (ONLUS) Approvato dai Soci nell Assemblea Straordinaria tenutasi a Firenze il 4 settembre 2014 STATUTO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA (ONLUS) Approvato dai Soci nell Assemblea Straordinaria tenutasi a Firenze il 4 settembre 2014 Art. 1 - DENOMINAZIONE La Società Botanica Italiana (SBI), fondata

Dettagli

CONVENZIONE CON AUSER SAVONA PER LA GESTIONE DEL. Il giorno del mese del anno T R A. il Signor... nato a... il... Responsabile dei Servizi Sociali

CONVENZIONE CON AUSER SAVONA PER LA GESTIONE DEL. Il giorno del mese del anno T R A. il Signor... nato a... il... Responsabile dei Servizi Sociali CONVENZIONE CON AUSER SAVONA PER LA GESTIONE DEL PROGETTO FILO D ARGENTO QUILIANO Il giorno del mese del anno, nella sede del Comune di Quiliano T R A il Signor... nato a... il... Responsabile dei Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 741 del 22/07/2015

Delibera del Direttore Generale n. 741 del 22/07/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO DI ASSISTENZA IN COOPERAZIONE

NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO DI ASSISTENZA IN COOPERAZIONE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO DI ASSISTENZA IN COOPERAZIONE PER I SOCI DELLE COOPERATIVE DI CONSUMO E RELATIVO NUCLEO FAMILIARE PER IL NUCLEO FAMILIARE DEI DIPENDENTI DI COOPERATIVE TRENTINE GIA ISCRITTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA COMUNE DI VILLA GUARDIA Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA FASIFIAT è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE MUTUA BASIS ASSISTANCE SOCIETÀ GENERALE DI MUTUO SOCCORSO La MBA è un associazione no profit, ovvero che opera senza scopo di lucro a favore dei propri associati e loro familiari

Dettagli

Deliberazione del Direttore Generale N. 159. Del 22/09/2015

Deliberazione del Direttore Generale N. 159. Del 22/09/2015 Deliberazione del Direttore Generale N. 159 Del 22/09/2015 Il giorno 22/09/2015 alle ore 10.00 nella sede Aziendale di via San Giovanni del Cantone 23, il sottoscritto Massimo Annicchiarico, Direttore

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli