UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO ED ECONOMIA DELL IMPRESA, DISCIPLINE INTERNE ED INTERNAZIONALI CICLO XXIII TITOLO DELLA TESI DI DOTTORATO LA RESPONSABILITÀ PENALE DEI PROVIDERS S.S.D. IUS 17 Coordinatore: Prof. LORENZO PICOTTI Tutor: Prof. LORENZO PICOTTI Dottorando: Dott. MILLER JESÚS SOTO SOLANO 1

2 INDICE Introduzione Capitolo I. INFORMATICA E DIRITTO 1. L origine dell informatica giuridica L informatica del diritto ed il diritto dell informatica Cyberlaw Cyberspace.. 20 Capitolo II. INTERNET E DIRITTO PENALE 1. Prospettiva internazionale La legislazione italiana in materia di reati informatici La criminalità On-Line Internet e la normativa penale Estensibilità della disciplina della stampa periodica e dell editoria Reati di Azione e Reati di Omissione.. 49 Capitolo III. LA RESPONSABILITÁ PENALE DELLE PERSONE GIURIDICHE 1. La Responsabilità Penale delle Persone Giuridiche Capitolo IV. LA RESPONSABILITÁ PENALE DEI PROVIDERS 1. Decreto Legislativo n.70 del 9 aprile Ipotesi di Responsabilità del Internet Service Provider Giurisprudenza in materia di Responsabilità del Internet Service Provider Altre problematiche legate alla Responsabilità del Internet Service Provider Altre Pronunce Giurisprudenziali Responsabilità Penale del Provider in prospettiva comparata I minori e la rete Conclusioni

3 Dediche e Ringraziamenti A mia moglie, Rosana, perché mi ha dato tutto ciò di cui ho bisogno A mio figlio, José, per essere tutto ciò che mi rende felice Un particolare ringraziamento al Professore Lorenzo Picotti per la sua disponibilità e generosità. 3

4 Introduzione Il genere umano ha sviluppato un modo per esprimere non solo la realtà ma, anche, le proprie idee e le proprie emozioni. Questo modo attraverso il quale riesce ad uscire da sé per socializzare, si denomina linguaggio, che è quindi, uno strumento essenziale per la vita dell uomo in società. Il linguaggio costituisce una realtà legata, oltre al convenzionalismo linguistico, allo stato dell anima. Non c è un sistema giuridico al mondo che impedisca l uso del linguaggio come strumento di comunicazione, cioè, di manifestazione del pensiero. Ci sono, però, sistemi che riconoscono la necessità di limitare lo svilupparsi di queste manifestazioni. La giurisprudenza ha affermato l indole unitaria dei diritti della personalità, tutti radicati nel principio della sua autonomia, protetta dagli articoli 2 e 3 della Costituzione Italiana. 4

5 La giurisprudenza fa riferimento a tre necessari limiti alla tutela della persona umana: il limite dell onore, il limite della riservatezza e quello dell identità personale. Accanto a questi è il limite della reputazione, che differisce dall onore per il suo particolare carattere collegato alla personalità effettiva del soggetto passivo, mentre l onore si relaziona con il valore della dignità sociale uguale per tutti. La reputazione si approssima allora all identità personale, ma pare essere il riflesso di questa identità nell opinione altrui, piuttosto che risolversi nella pura storia di una persona. E presente, in giurisprudenza, anche la fattispecie del diritto all immagine, che talvolta si riconduce al diritto alla riservatezza in ordine alle proprie sembianze fisiche, mentre altre volte si riferisce all immagine morale e, allora, coincide con il riflesso dell identità personale nell opinione altrui. Con l avvento di Internet ed i conseguenti sviluppi che si sono determinati in questo nuovo mondo virtuale, l uomo ha trovato uno spazio cibernetico che ha originato la riflessione dottrinale e giurisprudenziale in materia di limiti all esercizio della libera manifestazione della personalità. Inoltre, la rapidità con la quale è avvenuta l espansione delle tecnologie informatiche, è la ragione principale per cui il diritto si è trovato nella urgenza di sviluppare 5

6 nuove regole, in modo tale da soddisfare le necessità di tutela dei diritti che sorgono o si esercitano nella nuova realtà. Già il solo richiamo al ruolo dei Provider inevitabilmente propone tutta una serie di questioni, che ben prima del loro contenuto giuridico, è essenziale comprendere sul piano tecnico per esaminare gli aspetti problematici che, in questa materia, si presentano al diritto. Il superamento dei limiti posti alla tutela della persona umana può significare la rilevanza penale condotte che vulnerano diritti e, quindi, la possibilità di attribuire responsabilità penale non solo a chi manifesta il suo pensiero senza osservare i predetti limiti stabiliti dal sistema giuridico, ma eventualmente anche a chi ha compiti di sorveglianza e di impedimento. Il mio lavoro dottorale non esaminerà il rapporto esistente fra la condotta illecita, la vittima ed il soggetto attivo. Realizzerò un analisi che tiene conto del modo e lo spazio intorno ai quali si configura il reato commesso in Internet e, per conto del rapporto che c è fra il soggetto attivo e colui che proporziona lo spazio in cui o attraverso il quale si commette il reato, della responsabilità o meno attribuibile al Internet Service Provider (ISP). 6

7 Nella sfera penale, i problemi compaiono intorno alla responsabilità attribuibile al Provider per fatti criminosi compiuti da utenti degli Internet Service Provider (ISP). La dottrina predominante considera l esclusione di tale responsabilità in ragione del carattere personale della responsabilità in materia penale, della legalità di condotte non proibite dalla legislazione penale ed il divieto di analogia In Malam Partem, salvo i casi nei quali il Provider abbia intenzionalmente facilitato il terzo nel commettere la condotta delittuosa. C è anche una linea dottrinale che fa riferimento al comportamento del Provider che non svolge un controllo strumentale del materiale inviato grazie al proprio server, la quale suppone un agevolazione colposa della condotta illecita similare a quella editoriale. Questo rapporto fra lentezza del diritto e rapido sviluppo della tecnologia fa sì che emergano complicazioni rispetto le condizioni che dovrebbe avere la giustizia penale e la giurisprudenza in materia, per essere di particolare aiuto alla qualificazione giuridica del Provider e la successiva identificazione delle condizioni per la responsabilità che ha. Per questa ragione, ci sono precedenti che vanno da provvedimenti che pongono sotto sequestro preventivo il server 7

8 utilizzato per diffondere contenuto diffamatorio in internet, ad altri che assicurano che non esiste responsabilità di chi si limita ad offrire lo spazio virtuale utilizzato per diffamare. D altra parte, ci sono aspetti relativi la differenziazione tra un messaggio inviato da un privato cittadino e l esercizio del Diritto di Cronaca. Questa distinzione, porta a dedurre che la normativa operante in materia di stampa e pubblicazioni dovrebbe applicarsi solamente al contenuto telematico avente tali caratteristiche, senza comprendere tutte le espressioni sparse in rete. Mediante questo lavoro dottorale, pretendo inquadrare ed analizzare le diverse forme di Responsabilità del Provider alla luce del Diritto Penale, esaminare gli interventi normativi nazionali ed internazionali, e in fine, analizzerò la giurisprudenza rilevante in materia. 8

9 CAPITOLO I INFORMATICA E DIRITTO 1. L origine dell informatica giuridica Quando ero ragazzo, trams e autobus non avevano ancora gli sportelli: accadeva così non soltanto che, per il loro affollamento, si formassero grappoli umani viaggianti sul predellino della vettura, ma anche che i più abili riuscissero a prenderlo in corsa. Metaforicamente parlando, può dirsi che anche il tram dell informatica giuridica è stato preso in corsa da non pochi, giovani e anziani, sicuri che chi non fosse salito prima degli altri su quella magica vettura, sia pure restandovi appeso precariamente sul predellino, sarebbe rimasto tagliato fuori dal progresso e dal successo 1. 1 R. BORRUSO, Riflessioni sull Informatica Giuridica, in R. Borruso, R. Di Giorgi, L. Mattioli e M. Ragona, L Informatica del Diritto, Giuffrè Editore, 2004, pag

10 Questa è l immagine con cui il Professore Renato Borruso descrive la nascita dell informatica giuridica in Italia agli inizi degli anni settanta, quando neppure la terminologia era certa. A Losano che proponeva il termine Giuscibernetica 2, alludendo alla cibernetica 3, la scienza fondata alla fine degli anni quaranta da Norbert Wiener 4, fece eco nel 1975 Frosini con la Giuritecnica, contrazione di tecnologia giuridica, quale nuovo modello di procedimento logico-operativo giuridico derivante dal trattamento automatico dei dati giuridici. In quegli anni, grazie all iniziativa di alcuni illuminati membri della magistratura, prese forma il Centro Elettronico di Documentazione giuridica (CED) della Corte di Cassazione a Roma, in connessione telematica con tutte le Corti d Appello d Italia, che consentiva a magistrati e avvocati un accesso diretto alle leggi, alla giurisprudenza, alla dottrina. Questo Istituto venne costituito nel 1968 per iniziativa del Professore Pietro Fiorelli con lo scopo di 2 M.G. Losano, Giuriscibernetica. Macchine e modelli cibernetici del diritto, Einaudi, La cibernetica (cybernetic) è la scienza che studia i fenomeni di autoregolazione e comunicazione, sia negli organismi naturali quanto nei sistemi artificiali. La cibernetica si pone dunque come un campo di studi interdisciplinare tra le scienze e l ingegneria. (fonte: Wikipedia. 4 N. Wiener, La Cibernetica. Controllo e comunicazione nell animale e nella macchina, trad. it. di G.P. Barosso, Il Saggiatore,

11 proseguire l opera del Vocabolario Giuridico Italiano, un progetto promosso dal Comitato per le scienze giuridiche e politiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), con il supporto amministrativo e tecnico dell Accademia della Crusca. A partire dalla metà degli anni settanta la sua attività fu ampliata alla documentazione della dottrina giuridica italiana, estendendo progressivamente le sue competenze nel campo della documentazione automatica della legislazione e della giurisprudenza italiane 5. C era, quindi, nei giuristi di allora, la certezza che la professione giuridica nelle sue varie branche avrebbe trovato giovamento dall applicazione delle nuove tecnologie, così come stava avvenendo in tutte le altre discipline scientifiche 6. Questo, a causa dell assoluta novità del rapporto informatica e diritto, in certo modo paragonabile solo a quello scrittura e diritto. 5 M. SCIALDONE, Il rapporto tra informatica e diritto: passato, presente e futuro, in Ciberspazio e diritto 2010, Vol. 11, n. 4, pag R. BORRUSO, R. DI GIORGI, L. MATTIOLI e M. RAGONA, op. cit., pag

12 Alla fine degli anni settanta, con l adozione della locuzione informatica giuridica, si conclude il dibattito terminologico che, comunque, non era considerato un mero dibattito formale, poiché ogni diversa definizione sottendeva un concetto sostanziale in parte diverso 7. Per esempio, Frosini, che proponeva il termine giuritecnica, considerava che l espressione informatica giuridica non sarebbe stata in grado di designare un nuovo modello di procedimento operativo giuridico, consistente in un trattamento tecnicizzato dei dati giuridici come metodologia operativa 8. Ma la preoccupazione si rivelò infondata. L informatica giuridica è una disciplina bifronte nella quale si intrecciano una metodologia tecnologica con il suo oggetto giuridico, che a sua volta condiziona le stesse possibilità o modalità di applicazione 9. 7 G. FIORIGLIO, Temi di Informatica Giuridica, Aracne Editrice, Roma, V. FROSINI, La giuritecnica: problemi e risposte, in Informatica e diritto e Società, Milano 1988, pp A. E. PÉREZ-LUNO, Saggi di informatica giuridica, pag

13 2. L informatica del diritto ed il diritto dell informatica Essere giurista implica sempre la conoscenza prima ancora che della norma del fenomeno, inteso come fatto di vita e di esperienza che la norma vuole regolamentare: altrimenti non si è veri giuristi, ma soltanto legulei 10. Dunque, approfondendo nello specifico, si possono identificare cinque argomenti necessari per giustificare il carattere scientifico della informatica giuridica intesa nella sua accezione più ampia. Essi sono sintetizzati così 11 : 1) La ricercabilità automatica della documentazione giuridica; 2) L applicabilità automatica della legge; 3) L utilizzazione delle tecnologie informatiche nella redazione dei testi normativi; 4) L utilizzazione delle tecnologie informatiche per il miglioramento delle dinamiche processuali e della Pubblica Amministrazione; 10 Cfr. R. Borruso, Riflessioni sull informatica giuridica, cit., pag Cfr. R. Borruso, Riflessioni sull informatica giuridica, cit., pag

14 5) La necessità di apposite disposizioni di legge per la regolamentazione delle nuove tecnologie. Le prime quattro questioni sono da ricondurre all informatica del diritto, dato che è il diritto a farsi oggetto dell elaborazione elettronica. Il quinto aspetto, invece, riguarda il diritto dell informatica, per cui l informatica diventa oggetto del diritto. La ricerca intorno alla quale si è centrato il mio lavoro, riguarda l ultimo dei cinque temi prima menzionati, quello in cui l informatica è oggetto del diritto: Il Diritto dell Informatica. Il Diritto dell Informatica costituisce una specializzazione del diritto che si occupa dell ordinamento giuridico creato per regolamentare l uso del computer o le condotte generate dal suo impiego. Inoltre, è necessario differenziare fra il Diritto Privato dell Informatica, che affronta le tematiche relative al documento informatico, al commercio elettronico, alla tutela dei beni informatici, alla tutela della privacy e del diritto d autore in rete, e un 14

15 diritto pubblico dell informatica che si occupa dei crimini informatici, dell egovernment, dell e-procurement, della tutela delle libertà fondamentali in ambienti digitali 12. Se fino ad oggi i rapporti tra informatica e diritto si sono incentrati sul modo in cui la prima è stata in grado di aiutare gli operatori del diritto nello svolgimento della propria opera o, per converso, sulle nuove fattispecie che l informatica è stata in grado di produrre in termini di condotte umane giuridicamente rilevanti, è ragionevole pensare che in un futuro prossimo la predetta relazione si arricchirà di un ulteriore tassello: la regolamentazione giuridica di condotte non umane All'interno di questo labirinto di termini relativi al rapporto fra Diritto e Tecnologia, viene fuori un vocabolo comunemente usato nei Paesi 12 Marco Scialdone, Il rapporto tra informatica e diritto: passato, presente e futuro. Ciberspazio e diritto 2010, Vol. 11, n. 4, pag ivi, pag A tal riguardo Borruso (R. Borruso - C. Tiberi, L informatica per il giurista, dal bit ad Internet, II ed., Giuffrè Editore, 2001, pag. 387) utilizza l espressione cibernetica del diritto per indicare l ipotesi in cui il computer sia programmato per l applicazione automatica della legge (più in particolare, per la formazione di provvedimenti amministrativi o giurisdizionali) o per la stipulazione di contratti senza l intervento dell uomo. 15

16 anglosassoni e non facilmente traducibile in italiano che si costituisce come un settore del diritto relativamente nuovo: La Cyberlaw. 3. Cyberlaw Una locuzione utilizzabile per tradurre questo termine potrebbe essere Diritto di Internet, ma c è un piccolo particolare che si oppone a questa soluzione, Internet Law e Cyberlaw non sono del tutto coincidenti. Ancora più difficile è stabilire se con il vocabolo Cyberlaw sia possibile identificare un campo del diritto, non nuovo, ma ancora in via di elaborazione, o se invece con questo termine si tratti soltanto di una mera descrizione. Anche negli Stati Uniti di America si è sviluppato un dibattito di questo tipo, di carattere meramente teorico. In specie, non è chiaro quale sia lo spazio che il diritto pubblico, ed in particolare il diritto amministrativo, possano occupare in un settore che ancora sta cercando di sistemarsi. 16

17 La Cyberlaw costituisce un diritto per il quale non sempre possono essere impiegati criteri giuridici già esistenti. Si tratta di un diritto complesso che interagisce con gli altri rami tradizionali del diritto, provocando il riesame di principi giuridici, di cui si deve verificare la capacità di adattamento di fronte a nuovi fenomeni. Cyberlaw si costituisce come un diritto in via di sviluppo continuo, successivo che a volte precede quello della tecnologia, in cui prevale più che in altri settori, un dinamismo creativo di carattere normativo e giurisprudenziale. L oggetto della Cyberlaw è, se non totalmente, almeno difficilmente compatibile con costruzioni dogmatiche e classificazioni astratte, sia per la velocità con cui nascono i problemi (rapporti interprivati, rapporti tra cittadini e pubblici poteri, profili internazionali), e conseguentemente devono essere ricercate le soluzioni giuridiche (in sede normativa o giurisprudenziale, ma anche in sede di autoregolamentazione), sia in rapporto all evoluzione dei riferimenti tecnologici (hardware, software, architettura della Rete). Anche se, rispetto ad altre branche, si può dire che si tratti di differenze quantitative, più che qualitative (i cambiamenti di contesto, e 17

18 normativi, sono comuni a tutto il diritto vivente), ciò non toglie che la velocità del cambiamento costituisca un elemento sostanziale di valutazione. D altra parte, anche qualora non si volesse riconoscere alla Cyberlaw una sua autonomia ontologica, il dibattito teorico su di essa non è aprioristicamente destinato ad un insuccesso. Se nel dibattito teorico non si perde il contatto con le problematiche giuridiche reali, tenendo conto della funzionalità degli aspetti teorici rispetto alla ricerca di soluzioni giuridiche idonee a migliorare la situazione di fatto, ecco allora che le energie impiegate nello sforzo non saranno da ritenersi sprecate. La considerazione dei profili teorici può aggiungere, e non togliere, un valore alla migliore comprensione dei nuovi fenomeni giuridici che l interrelazione con Internet quotidianamente comporta. Diritto pubblico e diritto amministrativo non possono rimanere estranei a tale processo 15. La Cyberlaw è uno strumento in costante evoluzione che avvert tre possibili alternative: conquista un certo livello di autonomia, in virtù delle sue 15 N. Lugaresi - Diritto pubblico di Internet e Cyberlaw. Regole, diritti ed interessi in Rete: il diritto pubblico di Internet, in Giustizia Amministrativa online, 2006, n

19 caratteristiche reali, si divide in sottodiscipline, anche per motivi pratici legati alla formazione degli operatori del diritto e viene progressivamente smembrata fino a scomparire. L analisi della Cyberlaw può essere svolta da due prospettive: quella interna, che fa riferimento all utilizzatore di Internet che opera nella nuova concezione di luogo o spazio ben conosciuta come Cyberspace, caratterizzato da dinamiche spesso diverse da quelle proprie del mondo reale ; e poi c è la prospettiva esterna attinente alle applicazioni tecnologiche che si trovano alla base della materializzazione del Cyberspace (come i sistemi di connessione e il trasferimento di dati) ed ai rapporti di queste applicazioni con le dinamiche umane di rilevanza giuridica. Qualunque sia la prospettiva (interna od esterna) con la quale si pretenda analizzare la Cyberlaw, è necessaria la costruzione di categorie giuridiche flessibili, disposte a far fronte ad una sistemazione ricorrente e continua della disciplina. 19

20 La regolamentazione del Cyberspace necessita di principi, di criteri, di riferimenti di carattere generale, ma anche speciali. Ed è qui, in questo spazio giuridico, che il Diritto Penale, assieme ad altre discipline, deve intervenire per garantire la sicurezza e la convivenza tra cittadini, attraverso, ad esempio, l incriminazione di condotte commesse utilizzando -come obiettivo o come mezzo- la rete. 4. Cyberspace Il termine Cyberspace fu creato da William Gibson, uno scrittore canadese esponente di punta del filone Cyberpunk, nel suo romanzo breve Burning Chrome pubblicato nel 1982 sulla rivista Omni e fu in seguito reso noto dal suo romanzo Neuromancer. Esso viene descritto così: Cyberspace: un'allucinazione vissuta consensualmente ogni giorno da miliardi di operatori legali, in ogni nazione, da bambini a cui vengono insegnati i concetti matematici... Una rappresentazione grafica di dati ricavati dai banchi di ogni computer del sistema umano. Impensabile complessità. 20

21 Linee di luce allineate nel non-spazio della mente, ammassi e costellazioni di dati. Come le luci di una città, che si allontanano 16. Il Cyberspace è il dominio delineato dall'uso dell'elettronica e dello spettro elettromagnetico per immagazzinare, modificare e scambiare informazioni attraverso le reti informatiche e le loro infrastrutture fisiche. È visto come la dimensione immateriale che mette in comunicazione i computer di tutto il mondo in un'unica rete che permette agli utenti di interagire tra loro. È oggi comunemente utilizzato per riferirsi al mondo di Internet. Il termine Cyberspace diventa sinonimo di Internet durante gli anni novanta, specialmente nei circoli accademici e nelle comunità di attivisti. Lo scrittore Bruce Sterling, che rese popolare questo significato, accreditò John Perry Barlow per essere stato il primo ad usare questo termine per riferirsi al "nesso attuale tra il computer e i network delle telecomunicazioni." Barlow lo descrive così per annunciare la formazione del Electronic Frontier Foundation (EFF) nel giugno del 1990: 16 W. Gibson. Neuromancer and Post-Modern Science Fiction. Stati Uniti, Ace Books,

22 In questo mondo silenzioso, tutta la comunicazione è digitata. Per entrare in esso, ci si deve liberare sia del corpo che dell ambiente circostante e si diviene solo una cosa fatta di parole. Si può vedere quello che i nostri interlocutori stanno dicendo (o che hanno detto di recente), ma non come sono loro fisicamente, né il luogo dove si trovano. Gli incontri in questa città virtuale sono continui e le discussioni variano dagli ambiti sessuali ai programmi di deprezzamento. Se sia un singolo trillo telefonico o milioni, essi sono tutti connessi fra di loro. Collettivamente, formano ciò che gli abitanti della città virtuale chiamano la Rete. Essa si estende attraverso l immensa regione dello stato di elettroni, microonde, campi magnetici, luci intermittenti che lo scrittore di fantascienza William Gibson battezzò Cyberspazio J. P. Barlow. Crime and Puzzlement,

23 CAPITOLO II INTERNET E DIRITTO PENALE 1. Prospettiva internazionale Sebbene l emanazione delle norme penali che riguardano i reati informatici si sia realizzata nei diversi Paesi in tempi e con modalità talvolta differenti, ciononostante è possibile tracciare per vie generali il percorso che ha condotto verso una legislazione penale in materia. Quando le tecnologie dell informazione erano utilizzate solo in particolari contesti, quali ad es. i grandi complessi aziendali o i settori pubblici di interesse strategico (militare, ricerca, ecc.) e ancora se ne ignoravano le 23

24 reali potenzialità, alcuni lungimiranti studiosi iniziarono a porsi il problema della regolamentazione giuridica delle nuove tecnologie 18. E abbastanza peculiare, benché vi sia una ragione logica, che in questa fase un apporto fondamentale venga dai filosofi del diritto, e non piuttosto dai penalisti, direttamente interessati dai nuovi fenomeni. La ragione è ravvisabile nel fatto che in assenza di una casistica degna di rilievo e di norme, e dovendosi di conseguenza muovere su un piano prevalentemente astratto, coloro che provenivano da studi filosofici avevano un approccio più adatto a comprendere la situazione. In questo periodo le questioni di maggiore interesse erano quelle della tutela della riservatezza da intromissioni via computer e quelle dell individuazione di nuovi beni giuridici direttamente prodotti dall informatica. Ben presto l introduzione dei personal computers, e la conseguente crescente alfabetizzazione informatica, allargarono la cerchia dei soggetti in 18 P. GALDIERI, Il Diritto Penale dell Informatica, Fonte: 24

25 grado di utilizzare il computer ed al contempo favorirono il sorgere di un certo tipo di criminalità informatica. La situazione veniva avvertita anche dai cultori del diritto positivo che nel sollecitare l intervento legislativo proponevano due soluzioni alternative. Secondo un orientamento assai diffuso in Europa 19, i nuovi delitti non riguardavano nuovi interessi meritevoli di tutela, bensì definivano soltanto nuove modalità di aggressione di beni giuridici preesistenti. Quest orientamento portava a sostenere il cosiddetto metodo evolutivo e cioè la necessità di introdurre singole disposizioni specificatamente riferite all informatica all interno delle normative penali previgenti. Nei Paesi anglosassoni, le nuove tecnologie determinavano invece il sorgere di nuovi interessi suscettibili di protezione e quindi era auspicabile un intervento specifico ed autonomo del legislatore in grado di disciplinare le normative previgenti l intero fenomeno dei computer. (metodo della c.d. legge organica). 19 P. GALDIERI, Il Diritto Penale dell Informatica, Fonte: 25

26 Anche gli organismi sovranazionali si posero il problema di indirizzare i singoli Paesi attraverso iniziative di vario genere. Ad esempio, attraverso un comitato ristretto di esperti, creato all interno del Comitato per i problemi criminali, formulò una lista dettagliata di reati informatici. La lista, che si tradusse nella raccomandazione n.89/9, distingueva tra interventi normativi a tutela di ipotesi particolarmente diffuse, e che quindi dovevano essere attuati da tutti gli Stati aderenti, ed interventi rimessi alla discrezionalità di ciascun Paese. Gli interventi urgenti, costituenti la cosiddetta lista minima, riguardavano i seguenti fatti: frode informatica, falso informatico, danneggiamento dei dati e dei programmi informatici, sabotaggio informatico, accesso non autorizzato, riproduzione non autorizzata di un programma informatico protetto, riproduzione non autorizzata di una topografia informatica. Veniva rimessa alla discrezionalità di ciascuno Stato, invece, con la c.d. lista facoltativa, la previsione di norme relative all alterazione dei dati o dei programmi informatici, allo spionaggio informatico, all utilizzazione non autorizzata di un programma informatico protetto. 26

27 Oltre alla scelta di fondo già citata, legge organica o metodo evolutivo, si riscontrarono differenze dovute sia al livello di automazione raggiunto nel singolo Paese e sia in rapporto al tipo di regime giuridico esistente, a secondo cioè che fosse di Civil Law or common Law. Negli Usa, dove si è adottato il metodo della legge organica, attraverso il Counterfeit Access Device and Computer Fraud and Abuse Act del 1984, modificato successivamente dal Computer Fraud and Abuse Act del 1986, furono formulate ipotesi di reato ben precise ed adatte ad arginare i fenomeni esistenti in quella realtà. In Australia (legge del 1989 che modifica il Crimes Act del 1914) l inserimento delle infrazioni relative agli elaboratori ha riguardato il solo ambito federale. Sono state previste e punite le ipotesi di accesso illegale ai dati contenuti negli elaboratori dei servizi federali e l alterazione dei dati contenuti negli elaboratori dei servizi federali effettuato mediante attrezzature in possesso del Commonwealth. 27

28 Tra i Paesi asiatici quello che per ovvi motivi si è per primo attivamente interessato al problema della repressione della criminalità informatica è stato il Giappone che attraverso la l. n. 52 del 1987 ha previsto e punito le ipotesi di danneggiamento ed sabotaggio di elaboratori commerciali altrui e le interferenze in un computer per il perseguimento di fini fraudolenti. In Europa, ancor prima che fossero promulgate leggi da parte del Lussemburgo, Svizzera, Portogallo ed Italia, la legislazione penale dell informatica aveva già preso piede. La Danimarca, con la l. n. 229 del 6 giugno 1985, aveva modificato gli artt. 193, 263 e 279a del suo codice penale, prevedendo le ipotesi dell impedimento del buon funzionamento degli elaboratori, dell accesso illegale ad informazioni o a programmi informatici altrui e della truffa informatica. Verso la medesima direzione si erano mosse nel 1986 la Germania, che aveva adottato una normativa, contenuta in una sezione della seconda legge per la lotta alla criminalità economica 20, e la Svezia, che aveva introdotto alcune modifiche del sistema penale allo scopo di assicurare una protezione contro 20 L. PICOTTI, Studi di diritto penale dell informatica,

29 atti rientranti nell ambito della criminalità informatica. Nuove norme vennero emanate anche in Norvegia, attraverso l Act n. 54 del 12 luglio 1987, ed in Austria, con la l. n. 695 del Inoltre, la legge francese n del 5 maggio 1988 (che ha introdotto il nuovo capo intitolato Alcune infrazioni in materia informatica ), la legge greca n del 1988 e la legge Finlandese del Oltre alla legge Israeliana, deve infine ricordarsi la legge inglese, Computer Misure Act del 1990, che prevede l accesso non autorizzato puro e semplice al materiale informatico e quello finalizzato alla commissione, o agevolazione, di un ulteriore reato, nonché la modifica non autorizzata del contenuto di un elaboratore U. SIEBER, Responsabilità penali per la circolazione di dati nelle reti internazionali di computer, in Le nuove sfide di internet, trad. it. a cura di Sforzi, cit. 29

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING UN RECENTE STUDIO COMUNITARIO TRA EVOLUZIONE NORMATIVA E PROSPETTIVE Luca Di Majo La Direzione Generale sulle politiche interne in seno al Parlamento Europeo ha recentemente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Rubrica legale - ICT Security Giugno 2004 Autore: Daniela Rocca (SG&A) SEPARAZIONE E CRIPTAZIONE DEI DATI IN AMBITO SANITARIO

Rubrica legale - ICT Security Giugno 2004 Autore: Daniela Rocca (SG&A) SEPARAZIONE E CRIPTAZIONE DEI DATI IN AMBITO SANITARIO SOMMARIO La criptazione e la separazione dei dati sensibili da quelli personali Va criptata la trasmissione dei dati tra client e server? Gli enti pubblici sono soggetti alla disposizione prescritta dall

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Seconda Lezione Le problematiche legali relative al sito web Premessa Quali sono le implicazioni legali

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli PREMESSE cenni sulla privacy Il crescente e diffuso impiego di internet e dei nuovi mezzi di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia Introduzione, sviluppo e prospettive evolutive in ambito nazionale di Luana Veronese* e Mario Chiodi** 1. Le tendenze innovative

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI Premessa E possibile per l azienda controllare il corretto uso da parte dei propri dipendenti del personal

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica. RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Roma, 30 settembre 2003 Normativa e Contenzioso Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Dettagli

CODICE PRIVACY & CAD:

CODICE PRIVACY & CAD: DR. ERIC FALZONE PADOVA 04 Dicembre 2006 CODICE PRIVACY & CAD: La Privacy nel Codice dell Amministrazione Digitale INDICE INTRODUZIONE I IL RUOLO DELLA DISCIPLINA PRIVACY NEL CAD II RICHIAMI E RIFERIMENTI

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

Il ruolo della sicurezza delle informazioni nella Sanità elettronica

Il ruolo della sicurezza delle informazioni nella Sanità elettronica Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Il ruolo della sicurezza delle informazioni nella Sanità elettronica Corrado Giustozzi Security Evangelist Capgemini Italia Responsabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy Michele Iaselli In materia di rapporti fra privacy e videosorveglianza, al di là dei principi generali fissati dal codice in materia di protezione

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI DIRITTO PENALE Parte generale e speciale Volume quinto SOMMARIO PARTE II IL REATO CAPITOLO VI LE CIRCOSTANZE DEL REATO 751 1. Le circostanze

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 Libertà di informazione in Rete

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 Libertà di informazione in Rete Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 Libertà di informazione in Rete Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 DIRITTO DI CRONACA: CRITERI Autenticità e veridicità della notizia Interesse

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE IX IL DOCUMENTO ELETTRONICO E LA FIRMA DIGITALE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Il Documento Elettronico e La Firma Digitale ----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Dr. ROBERTO FLOR. http://www.robertoflor.net. Università di Verona

Dr. ROBERTO FLOR. http://www.robertoflor.net. Università di Verona Fondamenti e limiti delle posizioni di garanzia degli Internet Service Providers: responsabilità penali e responsabilità da reato delle persone giuridiche per l immissione e diffusione in Internet di opere

Dettagli

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione di Silvia Spattini 1. Le novità normative su l anagrafe dei lavoratori e lo stato di disoccupazione L art. 3 del d.l. n.

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA marzo 08 Rev. 1.0 1 marzo 08 Rev. 1.0 2 SOMMARIO 1.OBIETTIVO...4 2.REGOLE GENERALI 4 2.1. REGOLE GENERALI. 4 2.2. REGOLE GENERALI DI SICUREZZA PER L USO

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196.

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Ai sensi dell articolo 13 del decreto legislativo 30 maggio 203 n.196:

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L.

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L. TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO EX ART. 73 D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98, e ss.mm.) DECRETO N. 118/14 IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 13-19 maggio 2002. Stop del Garante allo spamming. Condannata società. Privacy e informazione. Convegno ad Imperia

Newsletter. Notiziario settimanale 13-19 maggio 2002. Stop del Garante allo spamming. Condannata società. Privacy e informazione. Convegno ad Imperia Newsletter Notiziario settimanale Stop del Garante allo spamming. Condannata società Privacy e informazione. Convegno ad Imperia Privacy e imprese: sondaggi mostrano un crescente bisogno di regole 1 Newsletter

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.2008 e successive modiche e integrazioni TRATTAMENTO DEI DATI NELLE ISTITUZIONI

Dettagli

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy Sommario Introduzione La situazione italiana Il quadro europeo

Dettagli

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI Art. 77 TFUE 1. L'Unione sviluppa una politica volta a: b) garantire il controllo delle persone e la sorveglianza efficace dell'attraversamento delle

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 AAMS Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 SOMMARIO 3 LA REALTÀ VIRTUALE 4 IL QUADRO NORMATIVO 5 IL PANORAMA INTERNAZIONALE 7 LE AZIONI DI AAMS 11 RISULTATI OTTENUTI

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 65/2009 Roma, 31 luglio 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013 MODULO DIDATTICO 1 Evoluzione del concetto di Trasparenza 1 of 20 In questo modulo sarà illustrato il concetto

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato.

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. CONSIGLIO DI STATO CONCORSO (scad. 13 giugno 2011) Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. IL PRESIDENTE Visto il regio decreto 26 giugno 1924, n. 1054, che approva il Testo

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / /

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / INDICE CAPO I FINALITA - AMBITO DI APPLICAZIONE - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione Avvocato Gianluca Lo Bianco Direttore Analisi Giuridiche e Contenzioso ENAC Il Reg. (CE) n. 261/2004 Il reg. (CE) n. 261/2004 dell 11 febbraio

Dettagli

CURRICULUM DELL AVV. ENRICO MARIA GIARDA

CURRICULUM DELL AVV. ENRICO MARIA GIARDA CURRICULUM DELL AVV. ENRICO MARIA GIARDA Sono nato a Milano, il 6.3.1975. Buona conoscenza parlata e scritta della lingua inglese e delle principali applicazioni informatiche. Mi sono laureato presso l

Dettagli

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Testo adottato con delibera del Consiglio

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Roma, 3 giugno 2004 Prot. N. 22457 Consiglio nazionale forense Via del Governo

Dettagli