SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO"

Transcript

1 SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO D. Lgs. 368/2001 aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013, alla L. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014) e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/ A Presupposti Il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune di rapporto di lavoro. Al datore di lavoro, però, è consentita l apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro subordinato, concluso con un lavoratore per lo svolgimento di qualunque tipo di mansione, che non potrà essere superiore a 36 mesi, comprensiva di eventuali proroghe (vedi moduli 1.D, 1.G). I contratti di lavoro a tempo determinato che abbiano ad oggetto in via esclusiva lo svolgimento di attività di ricerca scientifica possono avere durata pari a quella del progetto di ricerca al quale si riferiscono. N.B.: dal 21 marzo 2014, data di entrata in vigore del D.L. 34/2014, non è più obbligatorio indicare le ragioni giustificatrici (di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo) per concludere contratti a termine al di fuori delle ipotesi di acausalità previste dalla disciplina previgente e dai CCNL, pertanto, tutti i contratti stipulati non saranno più distinti in contratti causali ed acausali, ma saranno semplicemente chiamati contratti a tempo determinato. Fatti salvi eventuali diversi limiti quantitativi previsti dalla CCNL, il D.L. 34/2014, convertito nella L. 78/2014, ha previsto che il numero complessivo di contratti a tempo determinato stipulati dai datori di lavoro che occupano almeno 6 dipendenti non può eccedere il limite del 20% del numero dei lavoratori a tempo indeterminato in forza al 1 gennaio dell'anno di assunzione (vedi modulo 1.L) (vedi Circ. MLPS n. 18/2014 per i criteri di computo). Per i datori di lavoro che occupano fino a 5 dipendenti è sempre possibile stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato. 1.B Forma del contratto Il contratto a tempo determinato per esistere richiede un atto scritto in cui risulti, direttamente o indirettamente, il termine. La mancanza dell atto scritto determina la nullità del contratto con la conseguenza che il rapporto di lavoro si considera a tempo indeterminato. Copia dell'atto scritto deve essere consegnata dal datore di lavoro al lavoratore entro cinque giorni lavorativi dall'inizio della prestazione. La forma scritta non è necessaria quando la durata del rapporto di lavoro non è superiore a 12 giorni. 1.C Scadenza del contratto e ipotesi di recesso Il rapporto di lavoro con contratto a tempo determinato si interrompe automaticamente alla scadenza. Il recesso dal rapporto ante tempus, cioè prima della scadenza del termine fissato, è possibile per entrambe le parti soltanto per una giusta causa, ossia quando si verifica un fatto particolarmente grave che non permette di proseguire il rapporto, nemmeno provvisoriamente. In questo caso, quindi, il rapporto si interrompe immediatamente o per cd. dimissioni in tronco del lavoratore, o per licenziamento in tronco da parte del datore di lavoro. Le ipotesi di giusta causa sono di regola individuate dai contratti collettivi, anche se non costituiscono un vincolo per il giudice: per quanto riguarda il lavoratore possono essere, ad esempio, esigenze di salute o familiari, ma anche mobbing o mancato pagamento della retribuzione. In mancanza di una giusta causa: - se recede il datore di lavoro, il lavoratore ha diritto di ricevere le retribuzioni che avrebbe percepito se il contratto si fosse concluso alla scadenza prefissata; - se recede il lavoratore, il datore di lavoro ha diritto ad essere risarcito del danno che ha subìto (la misura può essere concordata nel contratto di assunzione). 1.D Proroga del contratto Il contratto a tempo determinato stipulato tra un datore di lavoro e un lavoratore può essere prorogato anche più volte fino a un massimo complessivo di 5 proroghe, indipendentemente dal numero di rinnovi e nel rispetto della durata massima (modulo 1.G). Ciò vuol dire che le 5 proroghe possono riguardare un solo contratto oppure più contratti a tempo determinato stipulati nell arco di durata massima di 36 mesi, che è, ovviamente, comprensiva delle durate delle stesse proroghe. Occorre, però, il consenso del lavoratore (non necessariamente scritto) e il riferimento alla stessa attività lavorativa, (intendendo con tale formulazione le stesse mansioni, le mansioni equivalenti o comunque quelle svolte in applicazione della disciplina di cui all art c.c. Circ. MLPS n. 18/2014). Fermo l obbligo della comunicazione obbligatoria al Centro per l Impiego territorialmente competente, anche per la proroga non si richiede più l indicazione delle ragioni giustificatrici.

2 1.E Prosecuzione temporanea del contratto oltre la scadenza In considerazione del fatto che alla scadenza del contratto può esserci una ragionevole ed oggettiva necessità di ultimare l attività lavorativa in corso, la legge prevede la possibilità di proseguire il rapporto di lavoro oltre la scadenza del termine, inizialmente fissato o successivamente prorogato, entro i seguenti brevi periodi: fino al 30 giorno successivo alla scadenza se il contratto è di durata inferiore a 6 mesi; fino al 50 giorno successivo alla scadenza se il contratto è di durata pari o superiore a 6 mesi; fino al 30 giorno successivo al raggiungimento della durata massima di 36 mesi. Il datore di lavoro, in questi casi, ha l obbligo di corrispondere al lavoratore una maggiorazione della retribuzione: - del 20% fino al 10 giorno successivo; - del 40% per ogni giorno ulteriore al 10 e fino al limite del 30 o 50 giorno a seconda della durata del contratto. Superati tali periodi, cd. cuscinetto, il rapporto di lavoro deve interrompersi, in caso contrario è prevista una sanzione, ossia, il contratto di lavoro si considera a tempo indeterminato dal 31 o 51 giorno. 1.F Successione di contratti a termine (rinnovo) La legge permette di riassumere lo stesso lavoratore, alla scadenza del contratto, con uno o più contratti a tempo determinato, sempre entro il limiti di durata massima. È necessario però rispettare i seguenti intervalli di tempo: 10 giorni se il contratto precedente ha una durata fino a 6 mesi; 20 giorni se il contratto precedente ha una durata superiore a 6 mesi. Questi intervalli non si applicano: - nei confronti dei lavoratori impiegati nelle attività stagionali definite dal D.P.R. n. 1525/1963, nonché di quelle che saranno individuate dagli avvisi comuni e dai contratti collettivi nazionali; - in relazione alle ipotesi, legate anche ad attività non stagionali, individuate dai contratti collettivi, anche aziendali; - se uno dei due contratti a tempo determinato è un contratto intermittente oppure un contratto di somministrazione; quest ultimo però, se ha ad oggetto mansioni equivalenti, viene conteggiato ai fini del raggiungimento della durata massima prevista per il contratto a tempo determinato (vedi modulo 1.G) Se questi intervalli di tempo tra un contratto e l altro non vengono rispettati è previsto come sanzione che il contratto stipulato in violazione di tali limiti venga considerato a tempo indeterminato. La stessa sanzione si ha nel caso vengano effettuate due assunzioni successive, cioè senza soluzione di continuità. Anche tale divieto non si applica nei casi sopra indicati (Circ. MLPS 35/2013) 1.G Durata massima del contratto La legge stabilisce una durata massima complessiva di 36 mesi per il rapporto di lavoro con contratto a tempo determinato tra uno stesso lavoratore e datore di lavoro per lo svolgimento di mansioni equivalenti; sono fatte salve diverse disposizioni previste dai contratti collettivi stipulati a livello nazionale, territoriale o aziendale. Ai fini del calcolo dei 36 mesi, oltre il contratto iniziale, si contano: - le proroghe; - i rinnovi del contratto; - eventuali contratti di somministrazione a tempo determinato (cioè se l azienda, con lo stesso lavoratore e per mansioni equivalenti, alterna i contratti a tempo determinato con contratti di somministrazione a tempo determinato). Invece, non si contano: - gli intervalli di tempo che si devono rispettare tra un contratto e l altro; - i contratti di inserimento o i contratti intermittenti a tempo determinato che si sono eventualmente alternati con il contratto a tempo determinato. Il superamento del periodo massimo determina la conversione automatica del contratto in contratto a tempo indeterminato. DEROGA E possibile superare, per una sola volta, il limite massimo con un ulteriore successivo contratto a termine fra gli stessi soggetti, a condizione che la stipula avvenga presso la direzione provinciale del lavoro competente per territorio e con l assistenza di un rappresentante di una delle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale cui il lavoratore sia iscritto o conferisca mandato (cd. deroga assistita). Le oo.ss. dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale stabiliscono con avvisi comuni la durata del predetto ulteriore contratto. In caso di mancato rispetto della procedura, nonché nel caso di superamento del termine stabilito, il nuovo contratto si considera a tempo indeterminato. ESCLUSIONI Il limite massimo di durata del contratto non trova applicazione nei confronti dei: - rapporti di lavoro dei dirigenti; - rapporti di lavoro a termine tra Agenzia di somministrazione e lavoratore; - rapporti di lavoro riferiti ad attività stagionali individuate dal D.P.R. 1525/1963 nonché di quelle individuate dagli avvisi comuni e dai contratti collettivi nazionali stipulati dalle organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative.

3 1.H Diritto di precedenza nelle assunzioni Per questo diritto bisogna distinguere tra lavoro non stagionale e lavoro stagionale. In entrambi i casi sono fatte salve le diverse disposizioni dei contratti collettivi stipulati a livello nazionale, territoriale o aziendale. LAVORO NON STAGIONALE: Il dipendente con contratto a tempo determinato ha diritto di precedenza in eventuali assunzioni a tempo indeterminato che il datore di lavoro intende effettuare nei 12 mesi successivi alla scadenza alla del contratto a termine. Condizioni: - le assunzioni devono riferirsi a mansioni già espletate dal lavoratore con il contratto a tempo determinato; - il lavoratore deve aver prestato attività lavorativa per un periodo superiore a 6 mesi (raggiunto in esecuzione di uno o più contratti a tempo determinato); - il lavoratore deve manifestare la volontà di avvalersi di tale diritto (preferibilmente in forma scritta) entro 6 mesi dalla cessazione del rapporto. N.B.: con la L. 78/2014, per le lavoratrici, il congedo di maternità obbligatorio di cui all'art. 16, co. 1, del T.U. di cui al D. Lgs. n. 151/2001, e successive modificazioni, intervenuto nell'esecuzione di un contratto a termine presso la stessa azienda, concorre a determinare il periodo di attività lavorativa utile a conseguire il diritto di precedenza, nei casi e alle condizioni sopra esposte: sia nelle assunzioni a tempo indeterminato, sia nelle assunzioni a tempo determinato. LAVORO STAGIONALE: il lavoratore assunto a termine per lo svolgimento di attività stagionali ha diritto di precedenza rispetto a nuove assunzioni a tempo determinato da parte dello stesso datore di lavoro per le medesime attività stagionali. Condizioni: - le assunzioni devono essere a termine; - le assunzioni devono riguardare le medesime attività stagionali; - il lavoratore deve manifestare la volontà di avvalersi di tale diritto entro 3 mesi dalla cessazione del rapporto. In entrambi i casi, il diritto di precedenza è riconosciuto per un anno a decorrere dalla cessazione del rapporto a termine, quindi, trascorso tale periodo, il datore di lavoro è nelle condizioni di assumere chi preferisce. ATTENZIONE: dal 20 maggio 2014, data di entrata in vigore della L. 78/2014, il datore di lavoro deve informare il lavoratore del diritto di precedenza per iscritto nel contratto, quindi, all atto dell assunzione, sia nel caso di attività stagionali che non stagionali. 1.I Divieti Non è ammessa l apposizione di un termine al contratto di lavoro per la sostituzione di lavoratori che esercitano il diritto di sciopero; salva diversa disposizione degli accordi sindacali, presso unità produttive nelle quali si sia proceduto, entro i sei mesi precedenti, a licenziamenti collettivi ai sensi della legge 223/1991 (il divieto non è assoluto perché i licenziamenti devono aver riguardato lavoratori adibiti alle stesse mansioni cui si riferisce il contratto di lavoro a tempo determinato, salvo che tale contratto sia concluso per provvedere a sostituzione di lavoratori assenti, ovvero sia concluso con lavoratori in mobilità ai sensi dell'articolo 8, comma 2, della legge 23 luglio 1991, n. 223, ovvero abbia una durata iniziale non superiore a tre mesi); presso unità produttive nelle quali sia operante una sospensione dei rapporti o una riduzione dell'orario, con diritto al trattamento di integrazione salariale, che interessino lavoratori adibiti alle mansioni cui si riferisce il contratto a termine (tale limitazione non si applica alle imprese che stipulano contratti di solidarietà al fine di evitare o ridurre le eccedenze di personale); da parte delle imprese che non abbiano effettuato la valutazione dei rischi per la sicurezza sul lavoro.

4 1.L Limitazioni quantitative e sanzioni La contrattazione collettiva nazionale può individuare limiti quantitativi nell utilizzo dell istituto del contratto a tempo determinato. In caso contrario, si applica il limite quantitativo del 20% previsto dalla legge. Sono in ogni caso esenti da limitazioni quantitative i contratti a tempo determinato conclusi: a) nella fase di avvio di nuove attività per i periodi che saranno definiti dai contratti collettivi nazionali di lavoro anche in misura non uniforme con riferimento ad aree geografiche e/o comparti merceologici; b) per ragioni di carattere sostitutivo, o di stagionalità, ivi comprese le attività già previste nell'elenco allegato al decreto del Presidente della Repubblica 7 ottobre 1963, n. 1525, e successive modificazioni; c) per specifici spettacoli ovvero specifici programmi radiofonici o televisivi; d) con lavoratori di età superiore a 55 anni. Inoltre, sono altresì esenti i contratti a termine stipulati: tra istituti pubblici di ricerca ovvero enti privati di ricerca e lavoratori chiamati a svolgere in via esclusiva attività di ricerca scientifica o tecnologica, di assistenza tecnica alla stessa o di coordinamento e direzione della stessa; da parte di una start up innovativa; ai sensi dell art. 8, co. 2, L. 223/91 con lavoratori in mobilità; ai sensi dell art. 11 della L. 68/99 con lavoratori disabili. Altre esclusioni sono previste dall art.10 del D. Lgs. 368/2001. SANZIONI (per i criteri di applicazione si rinvia alla Circolare del MLPS n. 18/2014) La L. 78/2014, nel convertire il D.L. 34/2014, ha previsto che in caso di violazione del limite quantitativo del 20% viene applicata una sanzione amministrativa per ciascun lavoratore che la determina e per ciascun mese o frazione di mese superiore a 15 gg. di durata del rapporto di lavoro: pari al 20% della retribuzione (lorda mensile) se un lavoratore è assunto in violazione del limite percentuale, pari al 50% della retribuzione (lorda mensile) se più di un lavoratore è assunto in violazione del limite percentuale. La sanzione amministrativa non si applica ai rapporti di lavoro instaurati precedentemente alla data di entrata in vigore del D.L. 34/2014 (21 marzo 2014) che comportino il superamento del limite del 20%. PERIODO TRANSITORIO (per i criteri di applicazione si rinvia alla Circolare del MLPS n. 18/2014) Settori in cui la CCNL ha già previsto limiti quantitativi: in sede di prima applicazione del limite quantitativo del 20% conservano efficacia, ove diversi, tali limiti percentuali. Rimane ferma la possibilità di prevedere nuovi e diversi limiti. Settori in cui la CCNL non ha previsto limiti quantitativi: il datore di lavoro che alla data di entrata in vigore del decreto abbia in corso rapporti di lavoro a termine che comportino il superamento del limite quantitativo del 20%, è tenuto a rientrare nel predetto limite entro il 31 dicembre 2014, salvo che un contratto collettivo applicabile nell'azienda intervenga e disponga un limite percentuale o un termine più favorevole. In caso contrario, il datore di lavoro, successivamente a tale data, non può stipulare nuovi contratti di lavoro a tempo determinato fino a quando non rientri nel limite percentuale. 1.M Contribuzione Assicurazione sociale per l impiego - ASPI Per finanziare l Aspi, a partire dal 1 gennaio 2013, ai rapporti di lavoro con contratto a tempo determinato si applica un contributo addizionale, a carico del datore di lavoro, pari all 1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali. Tale contributo addizionale non si applica: a) ai lavoratori assunti a temine in sostituzione di lavoratori assenti; b) ai lavoratori assunti a termine per lo svolgimento delle attività stagionali di cui al D.P.R. 7 ottobre 1963, n. 1525; c) ai lavoratori assunti da una Pubblica Amministrazione. È prevista una restituzione del contributo: versato per tutta la durata del contratto in caso di trasformazione del contratto a termine in contratto a tempo indeterminato, decorso il periodo di prova; nei limiti di 6 mensilità (decurtati i mesi che intercorrono tra la scadenza e la stabilizzazione) in caso di assunzione con contratto a tempo indeterminato entro 6 mesi dalla scadenza del contratto a termine. Secondo l INPS, con messaggio n del (vedi anche modulo 1.O), la restituzione del contributo addizionale è applicabile anche nell ipotesi in cui l assunzione avvenga con contratto di apprendistato. In merito alla possibilità di instaurare legittimamente contratti di apprendistato con soggetti che abbiano precedentemente prestato la loro attività lavorativa presso il medesimo datore di lavoro, l Inps rinvia alle indicazioni fornite dal Ministero del Lavoro con la risposta a interpello n. 8/2007 e con la circolare n. 5/2013.

5 1.N Criteri di computo La legge n. 97/2013 (Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'italia all'unione europea - Legge europea 2013) ha modificato i criteri di computo disciplinati dal D. Lgs. 368/2001. Ora, ai fini dell applicazione del Titolo III della legge 20 maggio 1970, n. 300 (Statuto dei Lavoratori), relativo all attività sindacale, i limiti prescritti dal primo e dal secondo comma dell'articolo 35 per il computo dei dipendenti si basano sul numero medio mensile di lavoratori a tempo determinato impiegati negli ultimi due anni, sulla base dell'effettiva durata dei loro rapporti di lavoro. In sede di prima applicazione della disposizione, il computo dei dipendenti a tempo determinato è effettuato alla data del 31 dicembre 2013, con riferimento al biennio antecedente a tale data. 1.O Indicare la causale: quali vantaggi? Mess. INPS n del L Inps nel fornire le prime indicazioni in materia contributiva a seguito dell entrata in vigore del D.L. n. 34/2014 (Jobs Act) chiarisce che: Contributo addizionale ASPI (1,40%). I contratti a termine per sostituzione di lavoratori assenti potranno usufruire dell esclusione dalla applicazione del contributo addizionale, pertanto, dovranno contenere l indicazione della causale (pur non essendo citati nel messaggio si ritiene che la stessa esclusione si applichi ai contratti a tempo determinato conclusi per lo svolgimento di attività stagionali così come quelli conclusi da una P.A.). Sgravio contributivo in favore delle assunzioni di dipendenti in sostituzione di lavoratori in congedo. Nelle aziende con meno di 20 dipendenti la concessione dello sgravio contributivo del 50%, in caso di assunzione di dipendenti a tempo determinato in sostituzione di lavoratrici e lavoratori in congedo continuerà ad operare qualora indicata la casuale. Si ritiene, allo stesso modo, siano applicabili talune esenzioni, previste dalla legge, dalla applicazione di particolari istituti alla presenza di specifiche motivazioni o situazioni indicate nei moduli precedenti (vedi ad esempio il modulo 1.L e le altre esclusioni previste per i contratti riferiti alle attività stagionali.) CpI di Sondrio Via Trieste, CpI di Tirano Piazza Cavour, CpI di Morbegno Via Morelli, CpI di Bormio Via De Simoni, CpI di Chiavenna Piazzetta Persenico, Ufficio lavoro disabili Corso XVV Aprile,22 - Sondrio / Per consultare le offerte di lavoro dei CPI: - Aree Tematiche Lavoro: Politiche del lavoro-portale Sintesi - Promolavoro: Offerte di lavoro aggiornate al

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti 3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti La normativa sul contratto di lavoro a tempo determinato è contenuta nel Decreto Legislativo n. 368 del 2001, decreto attuativo della Direttiva Comunitaria

Dettagli

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Jobs act e lavoro a termine: il mancato rispetto dei limiti non comporta l obbligo di assunzione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il terzo

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n.

Dettagli

LAVORO A TEMPO DETERMINATO

LAVORO A TEMPO DETERMINATO ARTT. 19 29 D.LGS 81/2015 FORMA E CONTENUTI DEL CONTRATTO DI LAVORO Al contratto di lavoro subordinato può essere apposto un termine di durata non superiore a trentasei mesi. Fatte salve le diverse disposizioni

Dettagli

La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due

La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due anni dopo la Riforma Fornero. a cura di Stefano Petri E stata pubblicata in G. U., n. 114 del 19 maggio 2014, la Legge

Dettagli

IL CONTRATTO A TERMINE. Cosa cambia per le imprese con la Legge 16 maggio 2014 n 78 (di conversione del Decreto Legge n 34/2014)

IL CONTRATTO A TERMINE. Cosa cambia per le imprese con la Legge 16 maggio 2014 n 78 (di conversione del Decreto Legge n 34/2014) IL CONTRATTO A TERMINE Cosa cambia per le imprese con la Legge 16 maggio 2014 n 78 (di conversione del Decreto Legge n 34/2014) 1 CONSIDERATA LA PERDURANTE CRISI OCCUPAZIONALE SI E E VOLUTA SEMPLIFICARE

Dettagli

Il contratto di lavoro a tempo determinato dopo il Jobs Act.

Il contratto di lavoro a tempo determinato dopo il Jobs Act. A tutti i clienti Luglio 2015 Il contratto di lavoro a tempo determinato dopo il Jobs Act. Con l entrata in vigore, il 25.6.2015, del D.Lgs. 81/2015, il cd. codice dei contratti viene per l ennesima volta

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO DOPO LE ULTIME MODIFICHE NORMATIVE (aggiornata a luglio 2015)

I RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO DOPO LE ULTIME MODIFICHE NORMATIVE (aggiornata a luglio 2015) I RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO DOPO LE ULTIME MODIFICHE NORMATIVE (aggiornata a luglio 2015) La legge n. 78/2014, di conversione del D.L. 34/14, ha apportato le ultime modifiche al D.Lgs 368/2001,

Dettagli

Circolare N.57 del 16 Aprile 2014

Circolare N.57 del 16 Aprile 2014 Circolare N.57 del 16 Aprile 2014 Contratti a termine e assunzioni agevolate per sostituzione maternità. Rimane la causale. Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il DL n. 34 del

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

LE INTERPRETAZIONI DEL MINISTERO DEL LAVORO ALLE MODIFICHE SUL CONTRATTO A TERMINE APPORTATE DAL JOBS ACT

LE INTERPRETAZIONI DEL MINISTERO DEL LAVORO ALLE MODIFICHE SUL CONTRATTO A TERMINE APPORTATE DAL JOBS ACT LE INTERPRETAZIONI DEL MINISTERO DEL LAVORO ALLE MODIFICHE SUL CONTRATTO A TERMINE APPORTATE DAL JOBS ACT Roberto Camera Funzionario del Ministero del Lavoro e relatore in corsi di formazione e aggiornamento

Dettagli

IL CONTRATTO A TERMINE

IL CONTRATTO A TERMINE LA CAUSALE L art. 1 co. 1 del DLgs. 368/2001, stabilisce che è consentita l apposizione dei un termine alla durata del contratto di lavoro subordinato a fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo,

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

D.L. 34/2014 JOBS ACT ON THE ROAD

D.L. 34/2014 JOBS ACT ON THE ROAD D.L. 34/2014 JOBS ACT ON THE ROAD LE MODIFICHE DOPO LA CONVERSIONE IN LEGGE N. 78/2014 (G.U. N. 114 DEL 19/05/2014) Belluno 2014 Studio Dott. Braghin Massimo - Adria (RO) 1 D.L. 34/2014 del 20 marzo 2014

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli

QUESTION TIME LAVORO: sviluppi ed approfondimenti sulle recenti novità

QUESTION TIME LAVORO: sviluppi ed approfondimenti sulle recenti novità QUESTION TIME LAVORO: sviluppi ed approfondimenti sulle recenti novità Brescia, 22 luglio 2014 Studio Dott. Braghin Massimo - Adria (RO) 1 D.L. 34/2014 del 20 marzo 2014 JOBS ACT MODIFICHE ALLA DISCIPLINA

Dettagli

Corso su : Jobs Act. Ovvero le Riforme del Lavoro

Corso su : Jobs Act. Ovvero le Riforme del Lavoro Corso su : Jobs Act Ovvero le Riforme del Lavoro 1 Introduzione al Corso Jobs Act 2 Presentazione del Corso Il termine Jobs Act e' stato preso in prestito da una proposta di legge del 2011 formulata dal

Dettagli

CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO JOBS ACT TRA LIMITI E LIBERALIZZAZIONI LE MODIFICHE DEL D.L. 34/2014

CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO JOBS ACT TRA LIMITI E LIBERALIZZAZIONI LE MODIFICHE DEL D.L. 34/2014 MAP CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO JOBS ACT TRA LIMITI E LIBERALIZZAZIONI LE MODIFICHE DEL D.L. 34/2014 Il Jobs Act vuole essere un piano articolato di riforma del mercato del lavoro, alla luce delle conversione

Dettagli

Forum Lavoro 24/09/15 CdL Giovanni Marcantonio DECRETO LEGISLATIVO 81/2015 TEMPO DETERMINATO

Forum Lavoro 24/09/15 CdL Giovanni Marcantonio DECRETO LEGISLATIVO 81/2015 TEMPO DETERMINATO Forum Lavoro 24/09/15 CdL Giovanni Marcantonio DECRETO LEGISLATIVO 81/2015 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni,

Dettagli

24/06/2014 INCONTRI CON JOBITZ DI PEOPLE MANAGEMENT

24/06/2014 INCONTRI CON JOBITZ DI PEOPLE MANAGEMENT 24/06/2014 INCONTRI CON JOBITZ DI PEOPLE MANAGEMENT 1 JOBS ACT ON Il nuovo contratto a termine: 1. durata e proroga del contratto senza causale 2. limiti numerici Bartolomeo La Porta Cote del lavoro e

Dettagli

Diritto del Lavoro. Il contratto di lavoro a termine

Diritto del Lavoro. Il contratto di lavoro a termine Diritto del Lavoro Mario GALLO Professore a contratto di Diritto del Lavoro nell Università degli Studi di Cassino Cassino, 12 novembre 2015 1 Il contratto di lavoro a termine 2 Nozione Si definisce contratto

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA Circolare n. 5/09 del 26 giugno 2009* CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO La Corte di Cassazione con la sentenza del 10 febbraio 2009, n. 3276 è recentemente intervenuta in materia di risoluzione anticipata

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

L accordo16 giugno 2014

L accordo16 giugno 2014 I contratti a termine nel settore turismo dopo il jobs act L accordo del 16 giugno 2014 il nuovo testo del decreto n. 368 I contratti a termine L accordo16 giugno 2014 La legge 16 maggio 2014, n. 78 ha

Dettagli

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro.

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro. Roma, 5.6.2014 Ufficio: DIR/MRT Protocollo: 201400003143/AG Oggetto: Legge 16 maggio 2014, n. 78 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 20 marzo 2014, n. 34, recante disposizioni urgenti

Dettagli

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte.

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte. Nota informativa Negri-Clementi Studio Legale Associato Milano, 20 settembre 2013 LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO LAVORO Il D.L. 28 giugno 2013 n. 76 (c.d. Decreto lavoro ) recante Primi interventi urgenti

Dettagli

Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde!

Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde! Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde! DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Art. 19 comma 1 Apposizione del termine e durata massima

Dettagli

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato Focus on...jobs Act: : il primo passo La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato dott. Elisa Eracli Consulente del Lavoro Studio Integra Commercialisti Avvocati Consulenti

Dettagli

2014 CONTRATTI A TERMINE E APPRENDISTATO

2014 CONTRATTI A TERMINE E APPRENDISTATO Giornata di Studio 2014 CONTRATTI Contrattualistica e flessibilità del lavoro con la Jobs Act e le istruzioni del Ministero del lavoro : Messina, 2 1 IL A TERMINE Dopo la Riforma Fornero, il D.L. 76/2013,

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Dalla Fornero ai decreti del governo Letta Avv. Pasquale Staropoli PIESSE@LIBERO.IT 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Art. 1 d.lgs. 368/2001: Co. 01 Il contratto di lavoro

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

LAVORO A TEMPO DETERMINATO

LAVORO A TEMPO DETERMINATO LAVORO A TEMPO DETERMINATO Sommario 1. Premessa 2. Apposizione del termine 3. Divieti di apposizione del termine 4. Limiti quantitativi 5. Esclusioni e discipline specifiche 6. Proroga del termine 7. Prosecuzione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento

Dettagli

BONUS DI 80 MENSILI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE - IL RECUPERO DELLE SOMME ANTICIPATE DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO

BONUS DI 80 MENSILI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE - IL RECUPERO DELLE SOMME ANTICIPATE DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO BONUS DI 80 MENSILI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE - IL RECUPERO DELLE SOMME ANTICIPATE DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO Nell'ambito del recente provvedimento, D.L. n.34/14, convertito in L. n.78/14, pubblicata

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato di alta formazione e ricerca è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Contratto a tempo determinato. Le novità del Codice dei contratti

Contratto a tempo determinato. Le novità del Codice dei contratti Contratto a tempo determinato Le novità del Codice dei contratti La legge delega Il Governo è delegato (art. 1, comma 7, legge 10 dicembre 2014, n. 183) ad adottare uno o più decreti legislativi, di cui

Dettagli

Contratto dilavoro atempodeterminato

Contratto dilavoro atempodeterminato Contratto dilavoro atempodeterminato La vecchia disciplina dei rapporti di lavoro a tempo determinato contenuta nella legge n. 230/1962 è stata superata dal Dlgs n. 368/2001 che introduceva la possibilità

Dettagli

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE A cura di Avv. Prof. Gabriele Fava Presidente Studio Legale FAVA&ASSOCIATI www.favalex.it 1 Introduzione L apprendistato è stato oggetto di numerose modifiche

Dettagli

Job acts: Innovazioni e Opportunità per le imprese

Job acts: Innovazioni e Opportunità per le imprese Job acts: Innovazioni e Opportunità per le imprese 25 Novembre 2014 In collaborazione con Dott. Leonardo Fabretti Dati occupazionali di riforma in riforma 2 La mappa delle recenti riforme: un cantiere

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

SCHEDA N. 7 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SCHEDA N. 7 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO SCHEDA N. 7 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO D. Lgs. 276/2003, artt. 20-28, aggiornato al D. Lgs. 24/2012 (attuativo della direttiva comunitaria 2008/104/CE), alla L. 92/2012 (riforma Fornero),

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

IL LAVORO NEL TURISMO

IL LAVORO NEL TURISMO IL LAVORO NEL TURISMO Recenti interventi normativi e prospettive per il settore Castelfranco Veneto, 20 febbraio 2012 Area Relazioni Sindacali, Previdenziali e Formazione Tempo Determinato Maggiore costo

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

JOBS ACT Legge n. 183 del 10 dicembre 2014

JOBS ACT Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 JOBS ACT Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 SINTESI DELLA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO nel DECRETO RECANTE LA DISCIPLINA ORGANICA DEI CONTRATTI DI LAVORO Decreto Legislativo n. 81 del 15 giugno 2015 Con riferimento

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO PRINCIPALI NOVITÀ DECRETO LAVORO 03 Luglio 2013 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI Tra gli obiettivi prefissati dal decreto legge

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale Dopo la Riforma del Lavoro del Governo Monti (elaborata dal Ministro Fornero) e le successive modifiche

Dettagli

WROCLAW 1/3 Giugno 2015 XIX INCONTRO RIIFT

WROCLAW 1/3 Giugno 2015 XIX INCONTRO RIIFT WROCLAW 1/3 Giugno 2015 XIX INCONTRO RIIFT Stralcio della relazione presentata, in nome dell Associazione Tela (Territorio Europa Lavoro), da Paolo Vettori versione italiana. Testo aggiornato a seguito

Dettagli

Jobs act. Fisascat Cisl Milano Metropoli

Jobs act. Fisascat Cisl Milano Metropoli Jobs act Fisascat Cisl Milano Metropoli Licenziamenti illegittimi Prima della Fornero Fornero Si applica agli assunti prima del 7 marzo 2015 Tutele crescenti Licenziamento discriminatorio Tutela reale

Dettagli

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante JOBS ACT Norme in materia di lavoro Milano, 24 marzo 2015 Relatore: Pierluigi Brigante Finalità Jobs Act Incremento occupazionale Riduzione tipologie contrattuali Eliminazione precariato Regole di entrata

Dettagli

Il finanziamento dell ASpI

Il finanziamento dell ASpI Articoli 2, comma 25-39 Contribuzione di finanziamento Il finanziamento dell ASpI di Josef Tschöll L art. 2, del d.d.l. 3249-A, ai commi dal 25 al 39, disciplina la contribuzione diretta a finanziare la

Dettagli

Riforma Mercato del Lavoro. Legge 92/2012

Riforma Mercato del Lavoro. Legge 92/2012 Riforma Mercato del Lavoro Legge 92/2012 Caerano di San Marco 6 dicembre 2012 Premessa. La riforma del mercato del lavoro è stata definitivamente convertita nella legge 92 del 28 giugno 2012. Pubblicata

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO QUESITI (posti in data 3 aprile 2014) Sono stato assunto quale dirigente medico a tempo determinato presso un azienda ospedaliera del SSN, per la sostituzione

Dettagli

Contratto di lavoro intermittente

Contratto di lavoro intermittente Contratto di lavoro intermittente Chistoni Paola Il contratto di lavoro intermittente è stato introdotto dal decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 (e successive modificazioni). L articolo 33 lo

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 104 21.05.2014 Jobs act: tutte le novità Illustrate, punto per punto, tutte le novità del Jobs act Categoria: Previdenza e

Dettagli

IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO NEL D.GLS.N. 81-2015 LE NOVITÀ

IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO NEL D.GLS.N. 81-2015 LE NOVITÀ IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO NEL D.GLS.N. 81-2015 LE NOVITÀ Avv. Prof. Giuseppe Pellacani Presidente CesLaR 1 ENTRATA IN VIGORE Pur in mancanza di una previsione analoga a quella dell art. 2-bis della

Dettagli

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing Modello di contratto Somministrazione o staff leasing MODELLO DI CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE O STAFF LEASING... [Somministratore], con sede legale in..., via..., n...., C.F...., partita IVA..., autorizzazione

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

CIRCOLARE n. 3/2013 Roma, 10 gennaio 2012 Prot. n. 55 AS/bf

CIRCOLARE n. 3/2013 Roma, 10 gennaio 2012 Prot. n. 55 AS/bf CIRCOLARE n. 3/2013 Roma, 10 gennaio 2012 Prot. n. 55 AS/bf ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI PUBBLICI ESERCIZI ADERENTI ALLA CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL COMMERCIO TURISMO E SERVIZI E p.c.: AI SIGG.

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE 92/2012 LA RIFORMA DEL LAVORO

SINTESI DELLE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE 92/2012 LA RIFORMA DEL LAVORO SINTESI DELLE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE 92/2012 LA RIFORMA DEL LAVORO IN VIGORE DAL 18 LUGLIO 2012 1 MERCATO DEL LAVORO L articolo 1 della riforma del mercato del lavoro si fonda principalmente

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n.

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. La riforma del mercato del lavoro Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. 3249/S Disciplina in tema di licenziamenti individuali Tipologia di licenziamento

Dettagli

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione Indice La somministrazione di lavoro - I contratti di somministrazione - Cosa sono - Facciamo un po d ordine - La somministrazione di lavoro a tempo determinato - Il contratto - I rapporti tra somministratore

Dettagli

Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro

Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro www.bollettinoadapt.it, 11 gennaio 2013 Interpelli in sintesi: lavoratori svantaggiati, fondi di solidarietà bilaterale, successione somministrazione e contratto a termine, contributo addizionale Inps

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

Circolare N.144 del 17 Ottobre 2012. Assegno ASPI e TICKET licenziamento. Novità dal 1 gennaio 2013

Circolare N.144 del 17 Ottobre 2012. Assegno ASPI e TICKET licenziamento. Novità dal 1 gennaio 2013 Circolare N.144 del 17 Ottobre 2012 Assegno ASPI e TICKET licenziamento. Novità dal 1 gennaio 2013 Assegno ASPI e TICKET licenziamento: novità dal 1 gennaio 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO ZINNO CIRCOLARE DI STUDIO

STUDIO ASSOCIATO ZINNO CIRCOLARE DI STUDIO STUDIO ASSOCIATO ZINNO CIRCOLARE DI STUDIO 14/12/2012 Il Finanziamento dell Aspi e la tassa sui licenziamenti dal 01/01/2013 Sommario Circolare LAVORO Sommario...2 NEWS...3 1.1 La nuova disoccupazione

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

TEMPO DETERMINATO NUMERO MASSIMO ART.1

TEMPO DETERMINATO NUMERO MASSIMO ART.1 TEMPO DETERMINATO NUMERO MASSIMO ART.1 Fatto salvo quanto disposto dall'articolo 10, comma 7, il numero complessivo di contratti a tempo determinato stipulati da ciascun datore di lavoro ai sensi del presente

Dettagli

LE REGOLE PER LA SOMMINISTRAZIONE

LE REGOLE PER LA SOMMINISTRAZIONE LE REGOLE PER LA SOMMINISTRAZIONE Avv. Francesco Rotondi Founding Partner LABLAW Studio Legale 1 I DATI 1,30% Quota dell'occupazione interinale sul totale 1,25% 1,20% 1,15% 1,10% 1,05% 1,00% 0,95% Nel

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18 del 30

Dettagli

JOBS ACT OTTOBRE 2015. STUDIO LEGALE FERRIERI Davide Ferrieri Greta Ramella

JOBS ACT OTTOBRE 2015. STUDIO LEGALE FERRIERI Davide Ferrieri Greta Ramella JOBS ACT OTTOBRE 2015 STUDIO LEGALE FERRIERI Davide Ferrieri Greta Ramella D. LGS. 81/2015 (entrato in vigore il 25 giugno 2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE Il questionario deve essere compilato con i dati relativi all intera impresa indicata nella Sezione

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 06 2014

NEWSLETTER LAVORO 06 2014 AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 06 2014 Normativa lavoro 1. Legge di Stabilità 2. Jobs Act 3. Reminder: tempi determinati 4. Lavoro intermittente: verifica e nuova applicazione

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

Jobs Act : Atto II Dallo sgravio contributivo alle tutele crescenti

Jobs Act : Atto II Dallo sgravio contributivo alle tutele crescenti www.consulentelavoropaghe.com Jobs Act : Atto II Dallo sgravio contributivo alle tutele crescenti DL. 34/2014 I ATTO del JOBS ACT con la modifica dei contratti a tempo determinato e modifiche al contratto

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

CASI A CONFRONTO. sponsor of: www.gigroup.com

CASI A CONFRONTO. sponsor of: www.gigroup.com CASI A CONFRONTO sponsor of: www.gigroup.com ART. 19 D.LGS 81/2015 CTD+STD LIMITI TEMPORALI DISCIPLINA DI LEGGE 1. AL CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO PUO' ESSERE APPOSTO UN TERMINE DI DURATA NON SUPERIORE

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Il contratto di appalto

Il contratto di appalto I contratti di lavoro dopo il Jobs Act Il contratto di appalto Milano 8 luglio 2015 Avv. Guido Callegari & Avv. Gaspare Roma De Berti Jacchia Franchini Forlani 1 D. Lgs. 4 marzo 2015, n 22 NASpI Decreti

Dettagli

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione Notizie Lavoro Flash SOMMARIO 1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione L INPS, con la circolare n. 150 del 25 ottobre 2013, torna su un tema delicato quale le agevolazioni

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 SEZIONE LAVORO 1) INCENTIVO GIOVANI 18-29 ANNI Incentivo per i datori di lavoro che assumono tramite contratto a tempo indeterminato, lavoratori

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani, pertanto la formazione

Dettagli

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA Suggerimento n. 202/29 del 19 aprile 2013 AZ/GA INPS - MINIMALI DI RETRIBUZIONE E ALTRI ELEMENTI UTILI PER CALCOLO DEI CONTRIBUTI PER L ANNO 2013 - NUOVA CONTRIBUZIONE

Dettagli

Circolare N.29 del 14 Febbraio 2013. Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti?

Circolare N.29 del 14 Febbraio 2013. Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? Circolare N.29 del 14 Febbraio 2013 Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che le

Dettagli

Circolare Informativa n 3/2013. Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine

Circolare Informativa n 3/2013. Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine Circolare Informativa n 3/2013 Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) CCNL Turismo: Accordi

Dettagli

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Circolare N.161 del 16 Novembre 2012 Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Start up innovative: la disciplina del lavoro nel nuovo modello societario Gentile cliente,

Dettagli

Il contratto di apprendistato in Somministrazione

Il contratto di apprendistato in Somministrazione Il contratto di apprendistato in Somministrazione Indice Contesto legale Definizione Le Fonti normative e principali caratteristiche Il rapporto Agenzia-Lavoratore-Azienda Apprendistato in somministrazione

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 Legge 247 del 24 dicembre 2007 Sommario LAVORO E AMMORTIZZATORI SOCIALI 1. Indennità di disoccupazione ordinaria e con requisiti ridotti. 2. Lavoro

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI ASpI 1) COS E? 2) A CHI SI APPLICA? 3) QUANDO SI PUO RICHIEDERE? 4) QUAL È LA RETRIBUZIONE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione Incentivi all occupazione a cura di Michelino De Carlo [*] Organizzato dalla Consigliera Regionale di Parità del Friuli-Venezia Giulia, si è tenuto a Udine il 7 aprile 2014 un seminario formativo dal titolo

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli