R E GOL AME NT O DI POLIZIA U RB ANA DE LLA CIT TA DI SUSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R E GOL AME NT O DI POLIZIA U RB ANA DE LLA CIT TA DI SUSA"

Transcript

1 R E GOL AME NT O DI POLIZIA U RB ANA DE LLA CIT TA DI SUSA TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 FINALITÀ Il Regolamento di Polizia Urbana della Città di Susa disciplina comportamenti ed attività influenti sulla vita della comunità cittadina, al fine di tutelare la qualità della vita e dell'ambiente, la sicurezza dei cittadini, la convivenza civile. Il Regolamento è predisposto in conformità ai principi generali dell'ordinamento giuridico dello Stato, ed in armonia con le norme speciali e le finalità previste dallo Statuto della Città di Susa. Qualora nel testo ricorra il termine Regolamento senza alcuna qualificazione, si deve intendere il Regolamento di Polizia Urbana. Il Regolamento avverte l esigenza di attuare regole che promuovano il turismo ritenuto sostanziale per la Città di Susa. E individuato il parco archeologico corrispondente alla zona nella quale sono ubicati i monumenti d epoca romana ed il castello di Maria Adelaide: θ θ θ Arco d Augusto. Acquedotto romano. Anfiteatro romano. Articolo 2 OGGETTO E APPLICAZIONE Il Regolamento di Polizia Urbana della Città di Susa detta norme, autonome o integrative, di disposizioni generali o speciali, in materia di: Titolo I Titolo II Titolo III Titolo IV Titolo V Titolo VI Principi generali Igiene e qualità dell ambiente urbano Della quiete pubblica e privata Delle aree e degli spazi pubblici Cautele contro gli incendi Sgombero neve 1

2 Titolo VII Funerali Articolo 3 OBBLIGO DI CESSARE IL FATTO E RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI 1. L'accertamento di viol azione del presente Regolamento comporta per il trasgressore l'obbligo di cessare immediatamente il fatto abusivo, nonché di ripristinare, ove possibile, lo stato di fatto anteriore alla commessa violazione. 2. Qualora l'atto abusivo produca ingombro sul suolo pubblico, o potenziale nocumento per persone o cose, e il trasgressore non provveda all immediata rimozione dell'ostacolo o del pericolo, si provvederà all eliminazione d'ufficio, addebitando le spese allo stesso trasgressore, fatta salva la sanzione pecuniaria relativa alla commessa violazione. 3. Qualora l atto illecito è causato dalla presenza di veicoli che impediscono, od ostruiscono, il passaggio di pedoni, carrozzelle e passeggini, secondo le norme previste nel Regolamento, gli agenti di polizia possono rimuovere il veicolo addebitando le spese al trasgressore, fatta salva la sanzione amministrativa pecuniaria relativa alla commessa violazione. 4. Qualora alla violazione di norme del Regolamento, o all inosservanza di prescrizioni specifiche contenute nell'atto di concessione o d autorizzazione, conseguano danni a beni comuni, il responsabile, ferma restando l irrogazione della sanzione amministrativa pecuniaria, è tenuto al rimborso di tutte le spese occorrenti per il loro ripristino. Articolo 4 SOSPENSIONE DELL ATTIVITA E REVOCA DELL AUTORIZZAZIONE In qualsiasi momento l Amministrazione Comunale, può, tramite atto scritto, sospendere un attività o revocare l autorizzazione d occupazione d area o suolo pubblico, sia per inosservanza alle disposizioni del Regolamento e delle condizioni poste in essere, sia per ragioni d opportunità ed interesse pubblico conducibili a motivi di viabilità e sicurezza. Oltre alle norme qui contenute, debbono osservarsi le disposizioni impartite anche verbalmente dagli appartenenti delle forze di Polizia, nel rispetto dei limiti e poteri loro attribuiti dalla legge. Fatte salve le norme penali, in casi urgenti le forze di Polizia possono ordinare verbalmente la sospensione dell autorizzazione e dell attività. Seguirà il provvedimento scritto. Articolo 5 2

3 VIOLAZIONE COMMESSA DAL MINORE In caso di violazione al Regolamento commessa dal soggetto minore d'età, della violazione rispondono i genitori esercenti la potestà o coloro che erano tenuti alla sorveglianza dello stesso. Articolo 6 DEFINIZIONI 1. Ai fini della disciplina regolamentare è considerato bene comune in generale lo spazio urbano tutto, ed in particolare: a) Il suolo di dominio pubblico, o di dominio privato, ma gravato da servitù d uso pubblico costituita nei modi e nei termini di legge, nonché le vie e gli spazi privati aperti al pubblico passaggio, le aree di proprietà privata non recintate in conformità al Regolamento Edilizio ed al Codice della Strada; b) I parchi, i giardini pubblici e il verde pubblico in genere; c) Le acque che attraversano la Città di Susa d) I monumenti ed il parco archeologico; e) Le facciate degli edifici e ogni altro manufatto la cui stabilità ed il cui decoro debbano essere salvaguardati; f) Gli impianti e le strutture d uso comune, collocati sui beni comuni indicati nelle lettere precedenti. 2. Per fruizione di beni comuni s intende il libero e generalizzato uso dei medesimi da parte di tutti i cittadini, senza limitazioni o preclusioni, nel rispetto delle norme di cui al Regolamento ed alle leggi dello Stato. 3. Per utilizzazione di beni comuni s intende l'uso particolare che ne viene fatto per l'esercizio, di norma temporaneo, d attività lecite, anche di carattere privato. L'utilizzazione dei beni comuni è sempre subordinata a preventiva concessione o autorizzazione. 3

4 Articolo 7 CONCESSIONI ED AUTORIZZAZIONI Quando, a norma del Regolamento, occorra conseguire preventiva specifica concessione od autorizzazione, questa deve essere richiesta, con istanza in regola con la legge sul bollo indirizzata al Sindaco o ai Responsabili di Servizio, secondo le rispettive competenze. L'istanza deve essere corredata della documentazione che, compatibilmente con la normativa vigente in termini di celerità del procedimento, in relazione al bene che s intende utilizzare ed al modo d utilizzazione, o in relazione all'attività che s intende esercitare, sia ritenuta necessaria ai fini dell'istruttoria del procedimento. Vanno salvaguardati i diritti pubblici e generali. L'eventuale diniego della concessione o autorizzazione deve avvenire con provvedimento motivato ed in forma scritta. Quando la richiesta riguarda le occupazioni di suolo pubblico, di qualsiasi genere, all atto della presentazione della domanda va presentata ricevuta dell avvenuto pagamento del suolo pubblico e, nel caso, anche dell affissione pubblicitaria. Articolo 8 VIGILANZA Il compito di far osservare le disposizioni del Regolamento è attribuito, in via generale, alla Polizia Municipale ed alle altre forze di polizia, e nel limite delle materie di competenza, ad altri funzionari comunali ed addetti di pubblico servizio o d Enti ed Aziende erogatori di pubblici servizi, a funzionari delle Unità Sanitarie Locali, alle guardie ecologiche volontarie previste dalla legge e, ove consentito dalla legge e previsto da specifica convenzione con la Città, personale d altri enti, preposti alla vigilanza. La Polizia Municipale, le altre forze di polizia e i funzionari indicati al comma 1, possono, nell'esercizio delle funzioni di vigilanza, e nel rispetto di quanto disposto dalla legge, assumere informazioni, procedere ad ispezioni di cose e luoghi diversi dalla privata dimora, a rilievi segnaletici descrittivi, ad ogni altra operazione tecnica utile al fine dell'accertamento di violazioni a disposizioni del Regolamento e all individuazione dei responsabili delle violazioni medesime. Gli amministratori di stabili sono ritenuti responsabili della gestione dello stabile, della sicurezza degli edifici e degli impianti, del decoro, del comportamento degli inquilini e del rispetto delle norme contenute nel Regolamento. Nell'atrio degli stabili deve essere affisso il nominativo e l'indirizzo de ll'amministratore. 4

5 TITOLO II IGIENE E QUALITA DELL AMBIENTE URBANO (Sanzione amm.va , Euro 103,29) Articolo 9 NETTEZZA DEL SUOLO E DELL'ABITATO 1. Fatta salva l applicabilità di norme speciali, è vietato gettare, spandere, lasciare cadere o deporre qualsiasi materia liquida o solida sugli spazi od aree pubbliche a qualunque scopo destinate, sulle aree private soggette a pubblico passaggio o in ogni modo d uso pubblico, nei corsi o specchi d'acqua o sulle sponde o ripe dei medesimi, nonché in cortili, vicoli chiusi o altri luoghi, anche recintati, comuni a più persone. 2. E' fatto obbligo a chiunque eserciti attività di qualsiasi specie mediante l'utilizzazione di strutture collocate, anche temporaneamente, su aree o spazi pubblici, o d uso pubblico, di provvedere alla costante pulizia del suolo occupato e dello spazio circostante, sino ad una distanza non inferiore a due metri. 3. Quando l'attività di cui al comma 2, si protrae nel tempo ed è esercitata in chioschi, edicole o altre simili strutture fisse, o con banchi mobili, o con dehors, gli esercenti devono collocare, in posizione conveniente, all'interno dello spazio occupato, un contenitore di capacità non inferiore a 50 litri per il deposito dei rifiuti minuti. Gli stessi accorgimenti devono essere garantiti anche in occasione di manifestazioni da parte degli organizzatori. 4. L'obbligo della pulizia del suolo pubblico sussiste per chiunque lo imbratti per lo svolgimento di una propria attività, anche temporanea. 5. E' fatto obbligo a chiunque eserciti attività di qualsiasi specie in locali prospettanti sulla pubblica via, o ai quali si accede dalla pubblica via, di provvedere alla costante pulizia del tratto di marciapiede sul quale l'esercizio prospetta o dal quale si accede e, laddove non vi sia il marciapiede, per uno spazio di almeno metri 1,50 di profondità, fatta salva la possibilità per il Comune di intervenire per il ripristino della pulizia. 6. I proprietari o amministratori o conduttori d immobili collaborano con il Comune nel mantenimento della pulizia del tratto di marciapiede prospiciente l'immobile stesso. 7. I titolari degli esercizi davanti ai quali sono frequenti le dispersioni di rifiuti minuti, quali ad esempio gli esercizi per la somministrazione al pubblico d alimenti e bevande, devono collocare sulla soglia dell'esercizio cestelli d adeguata capacità facendo in modo che non siano mai pieni. I cestelli muniti di sacchetto, devono essere opportunamente assicurati affinché sia impedito il rovesciamento, e possono essere collocati, se necessario, sui marciapiedi. La posizione la foggia e la misura dei cestelli vanno concordate con L Ufficio Tecnico comunale. 5

6 8. I contenitori per la raccolta dei rifiuti solidi, i cestelli di cui sopra, i contenitori per la raccolta di medicinali scaduti e delle pile esauste, quando siano collocati all'esterno degli esercizi commerciali specializzati, non sono soggetti al le norme sull'occupazione del suolo pubblico. 9. I proprietari o amministratori o conduttori di stabili o edifici, a qualunque scopo destinati, hanno l'obbligo di provvedere, secondo le rispettive competenze, alla pulizia costante dei portici, per il tratto di rispettiva pertinenza, fatta salva la possibilità per il Comune di intervenire per il ripristino della pulizia. 10. I proprietari d aree private confinanti con pubbliche vie non recintate in conformità del Regolamento edilizio, hanno l'obbligo di provvedere alla costante pulizia delle medesime ed allo sgombero dei rifiuti che vi sono stati depositati. 11. Nell esecuzione delle operazioni di pulizia del suolo di pertinenza, è vietato trasferire i rifiuti sulla pubblica via. Tutti i rifiuti devono essere raccolti in sacchi conformi alle prescrizioni da depositare chiusi nei contenitori per la raccolta dei rifiuti solidi urbani. Articolo 10 RIFIUTI 1. A garanzia dell'igiene ed a tutela del decoro, i rifiuti domestici devono essere depositati all'interno dei contenitori all'uopo collocati dall'azienda prep osta, solo in appositi sacchetti a perdere ben chiusi, richiudendo il contenitore dopo l'uso. 2. Qualora i contenitori di cui al comma 1. siano colmi, non è consentito collocare sacchi che ne impediscano la corretta chiusura, né depositare sacchi all'esterno dei contenitori stessi. 3. I contenitori dei rifiuti non devono in alcun modo essere spostati, danneggiati, insudiciati. 4. In considerazione dell elevata valenza sociale, economica ed ecologica, i rifiuti per i quali è prevista la raccolta differenziata, devono essere conferiti negli appositi contenitori. Tali contenitori non devono, in alcun modo, essere utilizzati per il conferimento di materiali diversi da quelli per i quali sono stati predisposti. I rifiuti sottoposti a regime di raccolta differenziata sono i seguenti: imballaggi e contenitori di plastica; vetro, lattine e scatolette; carta e cartoni, libri, giornali e riviste; indumenti; pile esauste; farmaci scaduti. 5. Gli utenti nel conferire i rifiuti negli appositi contenitori devono provvedere a ridurne il volume, frazionando i cartoni, comprimendo le bottiglie di plastica e così via. 6

7 6. Nella raccolta differenziata vanno conferiti altresì gli imballaggi primari (esempio singola confezione di caffè) e secondari (esempio cartone che contiene più confezioni di caffè). 7. I beni durevoli per uso domestico usati (frigoriferi, surgelatori, congelatori, televisori, computer, lavatrici, lavastoviglie, condizionatori d aria), vanno conferiti direttamente al rivenditore o all impresa che gestisce il servizio pubblico di raccolta dei rifiuti. 8. All impresa vanno inoltre conferiti: mobili, cucine, armadi, ferro, poltrone, piccoli elettrodomestici, ecc.; verde e potature; 9. Per tale tipo di raccolta domiciliare, l utente è tenuto a rispettare le disposizioni degli addetti al servizio, relative all orario d esposizione e al luogo di conferimento. 10. E inoltre vietato: immettere rifiuti di qualsiasi genere nelle acque superficiali e sotterranee; immettere nei cassonetti materiali accesi e non completamente spenti; rovistare e recuperare i rifiuti già collocati nei cassonetti; conferire rifiuti da utenze domestiche nei cestini stradali; imbrattare il suolo pubblico con piccoli rifiuti ( bucce, lattine, barattoli, olio, escrementi, ecc.); depositare nel normale circuito di raccolta dei rifiuti urbani gli imballaggi terziari (pallet, naylon). 11. E' vietato depositare all'interno dei contenitori per la raccolta dei rifiuti olidi s urbani macerie provenienti da lavori edili. Le macerie devono essere conferite direttamente alle discariche autorizzate utilizzando idonei mezzi di trasporto che evitino la caduta e la dispersione. 12. Per qualsiasi lavoro di ristrutturazione, fatte salve le norme generali, coloro che richiedono il titolo abilitativo dovranno all atto della domanda o della comunicazione, indicare il luogo dove intendono smaltire le macerie. Devono altresì essere in grado di produrre idonea documentazione attestante il regolare smaltimento delle macerie. 13. Gli operatori su area pubblica e coloro che partecipano a fiere e manifestazioni varie, devono mantenere il suolo occupato pulito e sgombero da rifiuti di qualsiasi tipo provenienti dalla propria attività e conseguenti all attività stessa. I rifiuti organici devono essere raccolti e collocati negli appositi sacchetti e lasciati: per gli operatori su area pubblica (mercato e fiere) sul posto da loro occupato; per gli operatori delle altre manifestazioni conferiti negli appositi contenitori; le cassette ed i contenitori di plastica sono oggetto di raccolta differenziata. 7

8 14. Fatte salve le norme del Codice della Strada, è vietato creare ingombro o impedimento con qualsiasi mezzo ed ostacolo allo svuotamento dei cassonetti dei rifiuti. Articolo 11 DECORO DELLA CITTA 1. Fatte salve le norme penali, a decoro della sicurezza e del patrimonio della Città di Susa è vietato: a) manomettere o in qualsiasi modo danneggiare il suolo pubblico o d uso pubblico, le attrezzature o gli impianti, salvo che per interventi di manutenzione eseguiti, nel rispetto delle norme in proposito dettate da speciali regolamenti, da soggetti a tale scopo autorizzati; b) imbrattare o danneggiare monumenti, edifici pubblici o facciate; c) rimuovere, manomettere, imbrattare sedili, panchine, fontanelle, attrezzi per giochi, barriere, segnaletica stradale, cartelli recanti indicazioni di pubblico interesse, dissuasori di traffico e sosta e altri elementi d'arredo o manufatti destinati a pubblici servizi o in ogni caso a pubblica utilità; d) arrampicarsi su monumenti, pali, arredi, panchine, segnaletica, alberi, inferriate ed altri beni pubblici o privati, compresi i segnali stradali; e) collocare, affiggere o appendere alcunché su beni pubblici e, ove non si sia autorizzati, sulle altrui proprietà; f) praticare qualsiasi genere di gioco sulle strade pubbliche o aperte al pubblico transito, compresi i marciapiedi e i portici, quando possono arrecare intralcio o disturbo, o costituire pericolo per sé o per gli altri o procurare danni; il divieto vale anche per il gioco del pallone; g) utilizzare gli impianti o le attrezzature destinate al gioco dei bambini da parte di coloro che hanno superato il limite di anni 12; h) lanciare e collocare sui veicoli in sosta sul suolo pubblico volantini o simili; i) compiere presso fontane pubbliche o in ogni modo sul suolo pubblico operazioni di lavaggio di qualsiasi genere, anche dei veicoli; j) immergersi nelle fontane e nelle vasche pubbliche, farne uso improprio o abluzioni; k) gettare nelle fontane oggetti e sostanze solide o liquide; l) recare intralcio e disturbo, ostruire le soglie degli ingressi sdraiandosi per terra nelle strade, nelle piazze, sui marciapiedi e sotto i portici; 8

9 m) compiere, in luogo pubblico o in vista del pubblico, atti o esporre cose contrari alla nettezza o al pubblico decoro, o che possano recare molestia, disguido, raccapriccio o incomodo alle persone, o in ogni modo essere causa di pericoli od inconvenienti, nonché soddisfare alle esigenze corporali fuori dei luoghi a ciò destinati; n) accendere fuochi o gettare oggetti accesi nelle strade e nei luoghi di passaggio pubblico; il divieto si estende anche agli operatori su area pubblica; o) sparare mortaretti, petardi o altri simili oggetti; p) gli oggetti tinti o verniciati di fresco dovranno essere tenuti coperti verso i luoghi di pubblico passaggio, fino a quando non siano ben asciutti, ponendo in evidenza un cartello d avviso; q) è vietato scuotere o battere dalle finestre e balconi sulla pubblica via tappeti, stuoie e ogni altro oggetto domestico e personale in genere. Tali operazioni, quando sono eseguite da finestre o balconi verso cortili interni, dovranno effettuarsi nel rispetto dei regolamenti condominiali e comunque non prima delle ore 9 e non dopo le ore 22; r) è vietato accendere fuochi sui balconi per barbecue e simili. Articolo 12 COMPORTAMENTI VIETATI A tutela dell incolumità e dell igiene pubblica è vietato: a) ammassare ai lati delle case o innanzi alle medesime, oggetti qualsiasi, salvo che in conseguenza di situazioni eccezionali ed a condizione che siano rimossi nel più breve tempo possibile. Tale ipotesi non deve comportare situazione di pericolo, né per il genere, né per la collocazione dell ammasso; b) l'ammasso comportante occupazione di suolo pubblico è invece subordinato all autorizzazione; c) utilizzare balconi o terrazzi come luogo di deposito di relitti, rifiuti o altri simili materiali, salvo che in conseguenza di situazioni eccezionali ed a condizione che siano rimossi nel più breve tempo possibile; d) collocare su finestre, balconi, terrazzi, su qualunque sporto, o nei vani delle aperture, verso la via pubblica o aperta al pubblico o verso i cortili, o comunque verso l'esterno, qualsiasi oggetto mobile che non sia convenientemente assicurato contro ogni pericolo di caduta; 9

10 e) procedere all annaffiatura di vasi di fiori o piante collocati all'esterno delle abitazioni, innaffiare orti o campi coltivati procurando stillicidio sulla strada o sulle parti sottostanti del fabbricato; f) esporre falci, ferri taglienti od oggetti che per forma o materia possano recare nocumento ai passanti; g) transitare con utensili e arnesi da taglio senza che siano stati adottati gli accorgimenti necessari ad evitare danni all'incolumità dei passanti; h) circolare con trampoli, skate-board, pattini e simili; i) lanciare pietre, palle di neve o far uso di qualsiasi oggetto che possa cagionare danno o molestia alle persone; j) i pozzi, le cisterne e simili dovranno essere muniti di un parapetto dell'altezza non inferiore a cm. 100 se situati in luogo ove è libero accesso al pubblico e dovranno avere le aperture difese da sportelli regolarmente chiusi; k) le insegne, le tende, i serramenti e simili debbono essere conservati puliti e decenti. Il Sindaco potrà ordinare le necessarie riparazioni e, se il caso, l'eventuale sostituzione; l) gli stabili devono nelle ore notturne e di scarsa visibilità tenere la luce accesa negli androni e negli ingressi. Il Sindaco, con propria ordinanza, può stabilire per determinate vie o zone della Città il divieto di stendere panni all'esterno delle abitazioni sui lati verso la pubblica via, nelle ore diurne o per l'intera giornata. Articolo 13 OMESSO CARTELLO SUL LUOGO DEI LAVORI EDILIZI Il possessore del titolo deve collocare sul luogo dei lavori, in modo ben visibile, il cartello recante il nome del direttore dei lavori, del progettista, del committente, dell'impresa esecutrice delle opere, nonché gli estremi del titolo amministrativo in forza del quale le stesse sono eseguite e ogni altra indicazione richiesta dal Regolamento Edilizio Articolo 14 MANUTENZIONE DELLE FACCIATE DEGLI EDIFICI 1. A salvaguardia del decoro e dell'immagine urbana i proprietari degli edifici, o i possessori del titolo, le cui facciate prospettano su vie, corsi, piazze, o comunque visibili dallo spazio pubblico, devono mantenere le stesse in buono stato di 10

11 conservazione e hanno l'obbligo di procedere almeno ogni venti anni alla loro manutenzione ed al ripristino del colore, ed almeno ogni dieci anni a quelle degli ambienti porticati e delle gallerie. In subordine, qualora le facciate siano ancora in buono stato, i proprietari sono obbligati alla coloritura degli elementi accessori e complementari. 2. Qualora sia necessario, per il grave stato d abbandono e/o degrado delle facciate degli edifici di cui al comma 1, il Sindaco, con proprio provvedimento, con proposta motivata del competente Ufficio Tecnico comunale, ordina ai proprietari di procedere al ripristino delle facciate, in conformità ai criteri dettati dagli stessi uffici. Articolo 15 TENDE SULLE FACCIATE DEGLI EDIFICI 1. E' consentito l'us o di tende s ulle acciate f degli edifici posti sul piano terra, che pr os pettano s u vie, corsi, piazze, o comunque s pazi ad us o pubblico, a fronte di proposta pr ogettuale unitar ia inter essante l'inter a facciata pr eventivamente autor izzata. 2. L'autorizzazione è r ilasciata, per richiesta dei proprietari o dell'amministratore dello s tabile, sentiti gli uffici tecnici comunali. 3. Le tende devono essere collocate ad almeno metri 2 dal suolo. Stesso criterio è applicato anche alle capotte ed alle tende parasole degli esercizi commerciali. Articolo 16 ATTIVITÀ INTERDETTE IN ZONE DI PARTICOLARE INTERESSE STORICO E AMBIENTALE 1. Sono interdette al commercio su aree pubbliche le zone cittadine di particolare interesse storico, artistico e ambientale ed il parco archeologico. 2. Sono esclusi dall'interdizione di cui al comma precedente i chioschi e i dehors autorizzati ed altri specifici titoli autorizzativi provvisori legati a manifestazioni di carattere storico e culturale. Articolo 17 DISPOSIZIONI PARTICOLARI A SALVAGUARDIA DEL VERDE 1. Nei parchi e nei giardini pubblici, aperti o recintati, nonché nelle aiuole e nei viali alberati, anche in assenza di cartelli, è vietato: danneggiare la vegetazione; 11

12 procurare pericolo o molestie alla fauna eventualmente ospitata, sia stanziale sia migrante; circolare con qualsiasi tipo di veicolo al suo interno, tranne che per velocipedi e veicoli a braccia. A questi ultimi è vietato circolare su aiuole, vialetti, siti erbosi ed altre aree non destinate alla circolazione; calpestare le aiuole e i siti erbosi. 1. Le disposizioni di cui sopra, si applicano altresì alle zone boschive, nelle aree protette e nelle altre aree verdi. 2. I divieti di cui sopra s intendono operanti tranne che non siano diversamente segnalati. Articolo 18 ATTIVITÀ PARTICOLARI CONSENTITE IN PARCHI PUBBLICI 1. Nei parchi pubblici sono consentite le passeggiate a cavallo solamente nei percorsi opportunamente individuati e segnalati. Articolo 19 PROTEZIONE E TUTELA DEGLI ANIMALI 1. A rispetto e a tutela degli animali, è fatto divieto, in tutto il territorio comunale, di offrire animali di qualsiasi specie quale premio di vincite in gare e giochi o quale omaggio a scopo pubblicitario. 2. Fatte salve le norme penali, è vietato utilizzare animali in spettacoli, gare e rappresentazioni pubbliche e private che comportino maltrattamenti e sevizie. 3. In ogni luogo e circostanza è fatto divieto di molestare gli animali domestici, anche randagi, e di provocare loro danno o sofferenza. 4. Fatte salve le norme penali è vietato abbandonare animali domestici. 5. E' vietato condurre cani o altri animali al guinzaglio dalla bicicletta o da qualsiasi altro veicolo. 6. Fatte salve le norme del Codice della Strada, il trasporto degli animali domestici sulle autovetture deve avvenire in modo che non rechino intralcio al conducente. Articolo 20 ANIMALI MOLESTI 12

13 1. In abitazioni private, stabilimenti, negozi, magazzini, cortili e giardini è vietata la detenzione d animali che disturbino, specialmente durante la notte, la pubblica o privata quiete. 2. Gli organi di polizia, oltre a contestare la violazione della disposizione del comma 1. al proprietario o al detentore, diffidano formalmente il medesimo a porre l'animale in condizione di non disturbare la quiete pubblica e privata. 3. Ove la diffida non sia rispettata, il caso sarà segnalato al Servizio Veterinario affinché ponga l'animale sotto custodia. Articolo 21 MANTENIMENTO DEI CANI 1. E fatto obbligo a coloro che detengono un cane di garantire le condizioni igieniche previste dalla legge e le cure sanitarie necessarie. 2. In base alla normativa vigente è fatto obbligo ai proprietari dei cani di far tatuare gli stessi e di iscriverli all anagrafe canina. 3. Lo smarrimento di un cane deve essere denunciato entro tre giorni agli organi preposti. 4. Ferme restando le disposizioni del Regolamento Veterinario per la profilassi della rabbia, a tutela dell incolumità pubblica e privata, i cani devono sempre essere accompagnati e condotti, salvo nei luoghi loro espressamente destinati, al guinzaglio e, se di taglia grossa o media o d indole mordace, devono anche essere muniti di museruola. Il guinzaglio non deve essere di lunghezza superiore ai due metri. 5. Nei luoghi e nei locali privati aperti, o nei quali non sia impedito l'accesso di terzi, la presenza di un cane deve essere segnalata all'esterno; gli animali devono altresì essere custoditi in modo da non recare danno alle persone. 6. La detenzione di cani in luoghi pubblici e privati, deve prevedere uno spazio di almeno 8 metri quadrati per animale adulto, fatte salve particolari esigenze di razza, osservando tutte le necessarie norme d igiene, illuminazione e benessere. Quando sono tenuti legati, ai cani deve essere assicurata una catena o fune di scorrimento di almeno 5 metri di lunghezza ai sensi delle vigenti leggi in materia. 7. A garanzia dell'igiene ed a tutela del decoro, è fatto obbligo ai proprietari di cani e a chiunque li accompagni, di essere muniti d idonea attrezzatura per la raccolta delle deiezioni e di depositare le medesime nei contenitori dei rifiuti. I proprietari di cani o le persone incaricate della loro custodia, devono in ogni modo evitare che sporchino con deiezioni i portici, i marciapiedi ed ogni spazio pedonale d uso pubblico. Gli uffici comunali sono a disposizione per la distribuzione di palette e sacchetti. 13

14 8. E vietato affidare ai minori la conduzione di cani di grossa taglia e di razza aggressiva, anche se condotti al guinzaglio, nel caso ne rispondono i genitori del minore. 9. E vietato, in assenza degli abitanti, lasciare i cani nei balconi delle case, sia liberi sia legati. In caso di presenza degli abitanti, con adeguati mezzi occorre impedire che i rifiuti e le urine degli animali caschino nei piani sottostanti. 10. Il trasporto d animali su mezzi di servizio pubblico è disciplinato da apposito regolamento adottato dal concessionario del servizio. Articolo 22 PROTEZIONE DELLA FAUNA SELVATICA 1. Il divieto di procurare pericolo o molestie alla fauna, sia stanziale sia migrante, deve intendersi esteso a tutto il territorio comunale. 2. E' fatto divieto di detenere in strutture private specie selvatiche proibite dalla normativa internazionale a tutela delle stesse. 3. Chi detiene specie selvatiche consentite deve curarne la tenuta e il trasporto, in modo da evitare situazioni di pericolo o di raccapriccio per terzi. Articolo 23 ANIMALI LIBERI 1. Il Sindaco, per motivi d igiene e sanità pubblica, con propria ordinanza può disporre misure di cattura e monitoraggio sanitario, o di trasferimento di colonie o di controllo numerico mediante sterilizzazione degli animali liberi presenti sul territorio cittadino. 2. Per motivi d igiene è vietato depositare alimenti destinati ai gatti randagi all interno d aree di pertinenza d ospedali, ospizi, case di riposo. Analogo divieto va posto per altre categorie d animali, compresi piccioni, colombi e cani randagi. 3. Non è permesso lasciar vagare animali bovini, ovini, equini e suini nelle aree pubbliche. Il pollame deve essere tenuto in luoghi chiusi o recintati. Articolo 24 DISPOSIZIONI SUL VERDE PRIVATO 1. In conformità a quanto stabilito dal Codice della Strada, quando nei fondi o nelle proprietà private, compresi condomini, situati in fregio od in prossimità di strade aperte al pubblico transito veicolare o pedonale, sono presenti alberi e siepi i cui rami si protendono sulla sede stradale, gli amministratori, i conduttori di stabili o i 14

15 proprietari, hanno l'obbligo di provvedere alla costante regolarizzazione di fronde e rami, in modo che siano sempre evitate situazioni d intralcio e pericolo per la circolazione dei veicoli e dei pedoni. 2. Quando la presenza d alberi e/o siepi su fondi e proprietà private compromette la visibilità della strada e della segnaletica, i proprietari, gli amministratori, i conduttori di stabili, hanno l'obbligo di mantenere alberature e siepi in condizioni tali da non costituire pericolo od intralcio alla circolazione. In particolare devono opportunamente regolare le siepi e recidere i rami degli alberi che si protendono sulla carreggiata stradale. 3. E' fatto obbligo ai proprietari, agli amministratori, ai conduttori di stabili, di rimuovere tempestivamente le ramaglie o quant'altro sia caduto sulla sede stradale. 4. Gli amministratori, i conduttori di stabili o i proprietari di case e d aree verdi confinanti e su luoghi pubblici o da essi visibili, hanno l'obbl igo di mantenerle in condizioni decorose. La disposizione vale anche per il verde condominiale, comprese le aiuole e le fioriere. 15

16 TITOLO III DELLA QUIETE PUBBLICA E PRIVATA (Sanzione amm.va , Euro 103,29) Articolo 25 DIFESA DAI RUMORI 1. Chiunque eserciti un'arte, un mestiere o un industria, deve usare ogni accorgimento per evitare molestie o incomodo ai vicini. 2. I Servizi comunali, le Aziende Sanitarie Locali, l ARPA, accertano la natura dei rumori e promuovono i più idonei provvedimenti affinché chiunque eserciti arte, mestiere o industria proceda all eliminazione delle cause dei rumori eccedenti i limiti di tollerabilità previsti. 3. Nei casi d incompatibilità dell attività esercitata con il rispetto della quiete delle civili abitazioni, il Sindaco, su motivata proposta dei servizi di cui al comma 1, può vietare l'esercizio dell'arte, del mestiere o dell'industria responsabile delle molestie o dell'i ncomodo. 4. Fermo restando quanto previsto da normativa specifica in materia di livelli delle emissioni sonore, senza specifica autorizzazione comunale, non possono esercitarsi, anche temporaneamente o saltuariamente, attività lavorative di qualunque forma che siano fonti d inquinamento acustico dalle 13 alle 15 e dalle 19 alle 8. Qualora i lavori con emissione di rumore dovessero effettuarsi in giornate festive, l orario da osservarsi sarà dalle ore 9 alle ore Quando, per la natura delle attività, o per le caratteristiche del luogo o dell'ambiente in cui è esercitata, sia ritenuto necessario dai Servizi Tecnici Comunali o dalle Aziende Sanitarie Locali, il divieto di esercitare può con un provvedimento del Sindaco, essere esteso ad un periodo diverso da quello indicato nel comma 4. Articolo 26 ABITAZIONI PRIVATE Nelle abitazioni private non è consentito far funzionare apparecchiature fonte di molestia e disturbo, fatte salve le eccezioni di cui ai commi seguenti. 1. Le apparecchiature ad esclusivo uso non professionale, ovvero ad uso domestico, che producono rumore o vibrazioni (trapano, martelletti pneumatici, ecc.) possono farsi funzionare dalle ore 8 alle ore 13 e dalle ore15 alle ore 19, dalle ore 9 alle ore 12 nei giorni festivi. 16

17 2. Analogo divieto si applica in occasione dell esecuzione di lavori di ristrutturazione di locali, a qualunque scopo destinati, situati in fabbricati di civile abitazione, con l adozione di tutti gli accorgimenti e tutte le cautele per contenere il disturbo. Non saranno comunque effettuati prima delle ore 8 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 19 nei giorni feriali, dalle ore 9 alle ore 12 nei giorni festivi. Identici accorgimenti, cautele e rispetto dei limiti d orario devono osservarsi nella ristrutturazione d esercizi pubblici di somministrazione d alimenti e bevande e d esercizi commerciali, nonché d uffici, ambulatori e simili, ubicati in fabbricati destinati a civile abitazione confinanti o vicini ad essi. 3. Gli apparecchi radiofonici e televisivi, nonché gli apparecchi di qualsiasi specie per la riproduzione della musica, devono essere utilizzati contenendo sempre il volume delle emissioni sonore, entro limiti tali da non recare in alcun modo molestie o disturbo ai vicini. La disposizione vale anche per gli analoghi apparecchi installati in esercizi pubblici di somministrazione, specie se ubicati in fabbricati destinati a civile abitazione. Articolo 27 STRUMENTI MUSICALI 1. Chi, nella propria abitazione, usa strumenti musicali è tenuto a adottare tutti gli accorgimenti e tutte le cautele al fine di evitare disturbo ai vicini. 2. E consentito l'uso di strumenti musical i dalle ore 8 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 19, salvo la totale insonorizzazione del locale in cui lo strumento musicale è usato. Articolo 28 DISPOSITIVI ACUSTICI ANTIFURTO 1. Fermo restando quanto in proposito prescritto dal Codice della Strada e dalle norme di carattere penale, i proprietari dei veicoli sui quali sia stato installato un dispositivo acustico antifurto, devono tarare il medesimo affinché il segnale acustico non superi i limiti fissati dalle disposizioni vigenti. 2. Il segnale inteso come forma di disturbo, anche se non quantificabile, non deve superare la durata complessiva di tre minuti primi, ancorché sia intermittente. 3. La disposizione dei commi precedenti valgono anche per i dispositivi acustici antifurto installati in abitazioni, uffici, negozi, stabilimenti, salvo che per la durata del segnale che non può, in alcun caso, superare i quindici minuti primi. 17

18 Articolo 29 RUMORE PRODOTTO DAI VEICOLI 1. Fatte salve le norme del Codice della Strada, i conducenti di veicoli sono tenuti ad evitare ogni forma di rumore molesto, in qualsiasi modo causato. 2. E' vietato l'uso di dispositivi acustici in caso di cortei nuziali ed in occasione di manifestazioni sportive e simili. 3. E' altresì vietato accentuare il rumore prodotto dal motore dei veicoli con accelerazioni non necessarie. 4. I proprietari e conducenti di veicoli a bordo dei quali siano installati autoradio o apparecchi idonei a riprodurre suoni, sono tenuti a regolare il volume degli stessi in modo tale da evitare propagazioni del suono all'esterno. 5. Le manifestazioni sportive, le prove a queste finalizzate, le gare d ogni genere, debbono essere debitamente autorizzate dalle competenti autorità, e debbono svolgersi nel pieno rispetto delle norme che le disciplinano. 6. Nel caso di manifestazioni sportive aeree e acrobatiche, nonché durante lo svolgimento di prove ad esse preordinate, deve essere evitato il sorvolo d ospedali e case di cura, per evitare pregiudizio alla quiete e al riposo dei degenti. 7. Le gare e le prove tecniche finalizzate a manifestazioni sportive debbono essere interrotte, salva diversa autorizzazione del Sindaco, dalle ore 13 alle ore 15 e dalle ore 19 alle ore Concorrono alle violazioni anche i responsabili e gli organizzatori della manifestazione, salvo provino di non aver potuto impedire il fatto. Articolo 30 COMMERCIO SU AREA PUBBLICA 1. Nei mercati e nelle manifestazioni fieristiche è fatto divieto di utilizzare gruppi elettrogeni per creare elettricità, ad esclusione dei mezzi appositamente attrezzati. Gli operatori dovranno fare richiesta al Comune per allacciarsi ai contatori appositamente installati. 2. E fatto altresì divieto di utilizzare qualsiasi forma di richiamo della clientela, sia a voce sia con strumenti come megafoni e altoparlanti, salvo specifiche autorizzazioni. 3. Qualora gli operatori facessero uso di strumenti musicali, il suono deve essere basso, tale da non arrecare disturbo alle abitazioni ad al banco vicino, in ogni caso non deve essere utilizzato prima delle ore 8. 18

19 Articolo 31 SPETTACOLI E TRATTENIMENTI 1. Fatte salve le norme, anche di carattere penale, i titolari delle licenze prescritte dalle leggi di pubblica sicurezza per l'esercizio delle attività di pubblico spettacolo o di pubblico trattenimento, i titolari degli esercizi pubblici di somministrazione, i titolari delle licenze d esercizio per spettacoli o trattenimenti pubblici ed i titolari di sale pubbliche per biliardi od altri giochi leciti, devono assicurare che i locali nei quali si svolge l'attività, siano strutturati in modo tale danon consentire a suoni e rumori di essere uditi dall esterno. 2. Ai titolari è fatto obbligo di vigilare affinché anche all'uscita dai locali, i frequentatori del locale evitino comportamenti dai quali possa derivare disturbo alla quiete pubblica e privata. 3. Le autorizzazioni per lo svolgimento di spettacoli o trattenimenti in luoghi aperti, devono indicare prescrizioni ed orari volti ad evitare disturbo alla quiete pubblica e privata. Articolo 32 CIRCOLI PRIVATI Ai responsabili dei circoli privati è fatto obbligo di osservare le prescrizioni di cui agli articoli precedenti 19

20 TITOLO IV DELLE AREE E DEGLI SPAZI PUBBLICI (Sanzione amm.va , Euro 103,29) Articolo 33 DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il Comune per adempire il suo obbligo di collocazione della segnaletica stradale verticale, può per esigenze di carattere tecnico istallare la segnaletica sui muri delle abitazioni private. In questo caso nulla è dovuto ai proprietari degli immobili. Sarà sua cura non arrecare danno alle pareti ed agli intonaci. Analoga possibilità deve essere garantita anche per i punti luce ed i tabelloni per le affissioni. 2. Sulle aree pubbliche è vietata qualsiasi forma di campeggio, anche per una sola notte. Il divieto si estende a camper e roulottes. Articolo 34 NATURA DELLE PRESCRIZIONI 1. A tutela della sicurezza pubblica e dell'ambiente urbano, è vietato occupare in qualsiasi modo il suolo, nonché gli spazi sottostanti, o soprastanti, senza preventiva autorizzazione comunale. 2. Sono soggetti all'obbligo della preventiva e specifica autorizzazione comunale per l'occupazione: le aree e gli spazi di dominio pubblico; le aree e gli spazi di dominio privato gravati da servitù d uso pubblico, compresi le gallerie, i portici ed i relativi interpilastri; i canali, i rii ed i fossi fiancheggianti le strade aperte al pubblico transito; le aree di proprietà privata confinanti con pubbliche vie, non recintate in conformità alle disposizioni del Regolamento Edilizio ed al Codice della Strada. 3. Fermo restando quanto in proposito previsto dal Codice della Strada, le autorizzazioni per l'occupazione d aree e spazi pubblici, nonché degli altri spazi ed aree indicati nel comma 2, sono subordinate a preventivo parere degli organi tecnici comunali sulla compatibilità dell occupazione con le esigenze di carattere generale in materia d igiene, viabilità, sicurezza e quiete pubblica. 20

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO V MANTENIMENTO, PROTEZIONE E TUTELA DEGLI ANIMALI Regolamento di Polizia Urbana 1 Art. 54 Tutela degli animali domestici 1. In ogni luogo e circostanza

Dettagli

PRONTUARIO VIOLAZIONI AL REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA AGGIORN ATO CON LA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N.230 DEL 24/09/2008

PRONTUARIO VIOLAZIONI AL REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA AGGIORN ATO CON LA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N.230 DEL 24/09/2008 PRONTUARIO VIOLAZIONI AL REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA AGGIORN ATO CON LA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N.230 DEL 24/09/2008 Art. ART.7 COMPORTAMENTI VIETATI REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA PAGAMENTO IN

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI MALEGNO Provincia di Brescia Unione degli Antichi Borghi di Vallecamonica REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con delibera C.C. n. 36 del 27/09/2012 Via Donatori di Sangue n 1 - c.a.p. 25053

Dettagli

Comune di Roure Provincia di Torino. Regolamento di Polizia Urbana

Comune di Roure Provincia di Torino. Regolamento di Polizia Urbana Comune di Roure Provincia di Torino Regolamento di Polizia Urbana 1 INDICE TITOLO I Disposizioni generali Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Finalità Oggetto e applicazione

Dettagli

NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ROVERETO

NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ROVERETO Comune di Rovereto Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ROVERETO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale 20.07.1992, n. 290 Allegato n. 7 del Regolamento

Dettagli

INDICE. TITOLO I Disposizioni generali. TITOLO II Sicurezza e qualità dell ambiente urbano

INDICE. TITOLO I Disposizioni generali. TITOLO II Sicurezza e qualità dell ambiente urbano INDICE TITOLO I Disposizioni generali Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Finalità Oggetto e applicazione Definizioni Concessioni e autorizzazioni Vigilanza Sanzioni TITOLO

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNE DI BARDONECCHIA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 FINALITÀ Il Regolamento di Polizia Urbana disciplina comportamenti ed attività influenti sulla comunità, al fine

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO POLIZIA URBANA

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO POLIZIA URBANA COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 2 del 29.1.2002 1 di 18 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO

REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO COMUNE DI CASTENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 38 del 30.10.2012 1 TITOLO I NORMATIVA GENERALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI SAN VITO DEI NORMANNI

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI SAN VITO DEI NORMANNI REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI SAN VITO DEI NORMANNI I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Art. 1 - Finalità... 2 Art. 2 - Oggetto e applicazione...2 Art. 3 - Definizioni... 2 Art.

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE Approvato con delibera del C.C. n 30 del 05/05/2010 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2

Dettagli

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 dd. 24.05.1996

Dettagli

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER IL DECORO ESTETICO AMBIENTALE, L ARREDO URBANO, LA SICUREZZA. Approvato con delibera consiliare n. 4 del 11/05/2012 ARTICOLO 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO 1 FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO GIARDINI AREE VERDI ATTREZZATE E GIOCHI

REGOLAMENTO GIARDINI AREE VERDI ATTREZZATE E GIOCHI COMUNE DI TRASACCO Provincia dell Aquila Area di Vigilanza Attività Produttive Servizi Informatici REGOLAMENTO GIARDINI AREE VERDI ATTREZZATE E GIOCHI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 8

Dettagli

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE Allegato alla deliberazione consigliare n.29 del 10.05.2001 PARTE PRIMA - NORME GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

Comune di Coreglia Antelminelli. Presentazione proposta di Regolamento di Polizia Urbana Incontro con i cittadini 25 settembre 2015

Comune di Coreglia Antelminelli. Presentazione proposta di Regolamento di Polizia Urbana Incontro con i cittadini 25 settembre 2015 Comune di Coreglia Antelminelli Presentazione proposta di Regolamento di Polizia Urbana Incontro con i cittadini 25 settembre 2015 La condivisione delle idee Il Comune di Coreglia Antelminelli ha ritenuto

Dettagli

Comune di Sondrio Regolamento di Polizia Urbana

Comune di Sondrio Regolamento di Polizia Urbana Comune di Sondrio Regolamento di Polizia Urbana Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 118 del 22.12.2006. Modificato con delibera di Consiglio comunale n. 74 del 31.10.2008, entrata in vigore

Dettagli

COMUNE DI CASTEGNATO Provincia di Brescia

COMUNE DI CASTEGNATO Provincia di Brescia COMUNE DI CASTEGNATO Provincia di Brescia Via Pietro Trebeschi, 8 25045 CASTEGNATO (BS) Tel. 030/2146811 Fax: 030/2140319 www.comunecastegnato.org municipio@comunecastegnato.org Approvato con deliberazione

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O

C O M U N E D I B R U I N O C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.29 in data 26 aprile 1999 Modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana COMUNE di TRIUGGIO Regolamento Comunale di Polizia Urbana Approvato con Delibera di C.C. n 41 del 29/11/2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO V CUSTODIA E CIRCOLAZIONE DEGLI ANIMALI Art. 36 Diritti

Dettagli

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA Regolamento Comunale per l utilizzo dei parchi e delle aree verdi comunali Approvato con delibera del Consiglio Comunale del 27/4/2012 Art. 1 FINALITA Il presente

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO DEL DECORO URBANO

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO DEL DECORO URBANO COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO DEL DECORO URBANO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 119/26 in data 07/12/2010 TITOLO I PRINCIPI E DEFINIZIONI Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento Art.

Dettagli

COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO

COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO All. A) COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO TITOLO I NORMATIVA GENERALE Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina lo svolgimento dell attività all

Dettagli

COMUNE DI MARINO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI MARINO PROVINCIA DI ROMA Testo coordinato con l emendamento (lett.a) COMUNE DI MARINO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA QUIETE PUBBLICA E PRIVATA Indice Art. 1 OGGETTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 ATTIVITA

Dettagli

Regolamento di Polizia Urbana. COMUNE DI VALFURVA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Regolamento di Polizia Urbana. COMUNE DI VALFURVA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI VALFURVA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 32 del 13 agosto 2010 1 Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI 3 Art. 1 Finalità.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ URBANA

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ URBANA Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ URBANA Approvazione con Deliberazione Consiliare n. 044 del 7 maggio 2008 SOMMARIO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Articolo 1 - Finalità...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI MORI

REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI MORI COMUNE DI MORI Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI MORI AGGIORNATO ALL' 8 GIUGNO 2014 (delib. Cons. n. 15 dd. 21.05.2014, divenuta esecutiva in data

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DI ANIMALI DOMESTICI COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine Piazza Rinaldo Olivotto n. 1 33050 MARANO LAGUNARE www.comune.maranolagunare.ud.it P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione di C.C. n. 7 del 7/2/2003 Modificato con deliberazione di C.C. n. 45 del 12/5/2003 Articolo 4 abrogato con deliberazione

Dettagli

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente Città di Benevento Ufficio Ambiente REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente INDICE ARTICOLO 1 Campo di applicazione ARTICOLO 2 Finalità ARTICOLO 3 informazioni e comunicazioni all utente ARTICOLO

Dettagli

Comune di Nuoro Corpo Polizia Municipale

Comune di Nuoro Corpo Polizia Municipale Comune di Nuoro Corpo Polizia Municipale REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Finalita' Oggetto e applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE di POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO COMUNALE di POLIZIA URBANA REGOLAMENTO COMUNALE di POLIZIA URBANA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1. Finalità Articolo 2. Oggetto e applicazione Articolo 3. Definizioni Articolo 4. Organi preposti al servizio di polizia

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Allegato A alla deliberazione del consiglio comunale n. 24 del 22 aprile 2009 COMUNE DI BEINASCO Provincia di Torino CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA La Vice Comandante P.M. M.

Dettagli

TITOLO II NETTEZZA E DECORO DEGLI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

TITOLO II NETTEZZA E DECORO DEGLI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI S. MARGHERITA LIGURE Provincia di Genova REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 70 del 27.11.2007 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione nuovo regolamento polizia locale- urbana. IL CONSIGLIO COMUNALE Richiamato il Regolamento di Polizia Urbana approvato con deliberazione consiliare n. 246 del 06.04.1952;

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA URBANA Comune di Pinzano al Tagliamento Provincia di Pordenone REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 42 del 28/11/2003 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1

Dettagli

COMUNE DI CAMAGNA MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI CAMAGNA MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI CAMAGNA MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA Approvato con deliberazione del C.C. n. 21 del 09/12/2005 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL VERDE

REGOLAMENTO D USO DEL VERDE REGOLAMENTO D USO DEL VERDE TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 1 Il presente Regolamento disciplina l uso e la fruizione degli spazi verdi nel territorio della Città di San Giuliano Milanese, di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI 1. Finalità 1- Il Regolamento di Polizia Urbana disciplina, in conformità ai principi generali dell'ordinamento giuridico ed in armonia con

Dettagli

COMUNE DI BARLASSINA (Milano) SETTORE SOCIO CULTURALE REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI

COMUNE DI BARLASSINA (Milano) SETTORE SOCIO CULTURALE REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI COMUNE DI BARLASSINA (Milano) SETTORE SOCIO CULTURALE REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 52 del 28/9/1999 COMUNE DI BARLASSINA REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI ART.

Dettagli

C O M U N E DI MANSUÈ REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

C O M U N E DI MANSUÈ REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA C O M U N E DI MANSUÈ PROVINCIA DI TREVISO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. _34 del _30_ /_11_ / 2004_. Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO COMUNE DI SCISCIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Indice FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE - Art. 1 DISPOSIZIONI GENERALI - Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE di GAVARDO Allegato A REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del C.C. n. 128 del 15 dicembre 2009 Pubblicato all Albo Pretorio Comunale dal 1 marzo 2010 al 16 marzo 2010 PROPOSTA

Dettagli

Regolamento di Polizia Urbana

Regolamento di Polizia Urbana RO/004 CITTA DI SANTENA Regolamento di Polizia Urbana NORMAZIONE Edizione 1 Revisione 1 EDIZIONE ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE DATA ESECUTIVITA Rev.0 C.C. N. 3 IN DATA 12 FEBBRAIO 1998 19.03.1998 1 Rev.1

Dettagli

Comune di MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO DI POLIZIA LOCALE

Comune di MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO DI POLIZIA LOCALE Comune di MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO DI POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione n. 25 del Consiglio Comunale in data 12.5.2003 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

COMUNE DI CARVICO. (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

COMUNE DI CARVICO. (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale in data, esecutiva dal.., esecutivo dal Articolo 1 Finalità Articolo 2 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNITÀ COLLINARE AREE PREGIATE DEL NEBBIOLO E DEL PORCINO CORSO VALSESIA N 112 13045 GATTINARA (VC) e-mail sportellounico@comunitacollinare.it Tel 0163.826697 Fax 0163.825925 REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE

COMUNE DI POGGIBONSI REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE COMUNE DI POGGIBONSI REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE approvato con Delibera C.C. n. 77 del 15/12/2006 integrato con Delibera C.C. n. 81 del 5/10/2015 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Comune di VILLA CARCINA. REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione di C.C. n. 41 dell 1.12.2008

Comune di VILLA CARCINA. REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione di C.C. n. 41 dell 1.12.2008 Comune di VILLA CARCINA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione di C.C. n. 41 dell 1.12.2008 INDICE indice Pag. 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 2 Art. 1 Finalità Pag. 2 Art. 2 Oggetto

Dettagli

Regolamento di Polizia Urbana

Regolamento di Polizia Urbana CITTA DI SACILE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Regolamento di Polizia Urbana I TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Finalità Oggetto e applicazione

Dettagli

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova ------------------- REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione di C.C. n. I N D I C E COMUNE DI TERRASSA PADOVANA...1 PROVINCIA DI PADOVA...1

Dettagli

Comune di MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 17/05/2001

Comune di MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 17/05/2001 Comune di MONTOPOLI IN VAL D'ARNO REGOLAMENTO DI POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 17/05/2001 Modificato con deliberazione C.C. n. 37 del 15/05/2008 deliberazione

Dettagli

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano COMUNE DI GHILARZA Provincia di Oristano Regolamento Comunale per la tutela del benessere della popolazione canina domestica e la disciplina della convivenza tra l uomo e l animale Approvato con deliberazione

Dettagli

CITTA DI NICOTERA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA. (Modificato con Verbale di Deliberazione della Commissione Straordinaria n. 10 del 24.03.

CITTA DI NICOTERA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA. (Modificato con Verbale di Deliberazione della Commissione Straordinaria n. 10 del 24.03. CITTA DI NICOTERA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA (Modificato con Verbale di Deliberazione della Commissione Straordinaria n. 10 del 24.03.2011) 1 Indice generale TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI DI SALVAGUARDIA DELLA SICUREZZA E DELL'IGIENE AMBIENTALE

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI DI SALVAGUARDIA DELLA SICUREZZA E DELL'IGIENE AMBIENTALE REGIONE TOSCANA Comune di MONTECATINI VAL DI CECINA REGOLAMENTO DI POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale con Deliberazione n.29 in data 28/06/2000 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI (Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 12.11.2013) Art. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 92 del 20/12/2008 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

Le aree adibite a verde pubblico del Comune di Modena si distinguono in: Art. 196 - CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE REGOLANENTO -

Le aree adibite a verde pubblico del Comune di Modena si distinguono in: Art. 196 - CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE REGOLANENTO - - REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA - - TITOLO 11 - "REGOLAMENTO PER L'USO E LA SALVAGUARDIA DEI PARCHI E DEI GIARDINI PUBBLICI E LA CONSERVAZIONE DEL VERDE PUBBLICO ART. 195 Le aree adibite a verde pubblico

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO. REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con delibera C.C.n.71 del 26/07/2002

COMUNE DI MONTEROTONDO. REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con delibera C.C.n.71 del 26/07/2002 COMUNE DI MONTEROTONDO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con delibera C.C.n.71 del 26/07/2002 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità.. p. 4 Articolo 2 Oggetto e applicazione..

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE Art. 1 Finalità Fatta salva la legislazione vigente in materia, il presente regolamento ha come scopo di disciplinare,

Dettagli

COMUNE DI AZZANO DECIMO

COMUNE DI AZZANO DECIMO COMUNE DI AZZANO DECIMO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 34 del 24 luglio 2003. Articolo 1. In vigore dall 11 settembre 2003 Pag.1/20 TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI SCANZOROSCIATE REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

COMUNE DI SCANZOROSCIATE REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI SCANZOROSCIATE REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità p. 4 Articolo 2 Oggetto e applicazione p. 4 Articolo 3 Definizioni p. 4 Articolo 4 Concessioni

Dettagli

COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino) REGOLAMENTO

COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino) REGOLAMENTO COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino) C.C. nr. 59 del 30/09/1997 REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA URBANA Approvato con Deliberazione del C.C. n. 59 del 30/09/1997 Modificato con Deliberazioni n.. 69 del

Dettagli

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI PARCHI COMUNALI

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI PARCHI COMUNALI COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI PARCHI COMUNALI Art. 1 Oggetto 1. Le rme del presente regolamento han lo scopo di promuovere la funzione sociale, ricreativa e didattica

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE DI USO DEL VERDE pubblico TITOLO I Ambito di Applicazione - Disposizioni Generali ART.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.12 del 22.02.05 1 Regolamento Comunale di Polizia Urbana TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

CITTA DI MONREALE REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

CITTA DI MONREALE REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA CITTA DI MONREALE REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Indice generale TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità Art. 2 Oggetto e applicazione Art. 3 Definizioni Art. 4 Concessioni e autorizzazioni Art.

Dettagli

Approvato con Deliberazione di C.C. n. 20 del 15.3.04 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I LA POLIZIA COMUNALE

Approvato con Deliberazione di C.C. n. 20 del 15.3.04 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I LA POLIZIA COMUNALE 1 di 49 Approvato con Deliberazione di C.C. n. 20 del 15.3.04 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I LA POLIZIA COMUNALE Art. 1 (Disciplina della polizia comunale) 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

C O M U N E D I G A R D A PROVINCIA DI VERONA Lungolago Regina Adelaide, 15 37016 Garda Tel. 045.7256566 Fax 045. 6208426

C O M U N E D I G A R D A PROVINCIA DI VERONA Lungolago Regina Adelaide, 15 37016 Garda Tel. 045.7256566 Fax 045. 6208426 C O M U N E D I G A R D A PROVINCIA DI VERONA Lungolago Regina Adelaide, 15 37016 Garda Tel. 045.7256566 Fax 045. 6208426 1 REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CITTA DI SALO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA. Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 02/03/2009 INDICE

CITTA DI SALO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA. Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 02/03/2009 INDICE CITTA DI SALO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 02/03/2009 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato dal C.C. con del. n.88 del 28/11/2008 I N D I C E TITOLO I - Disposizioni generali Art. 1 Finalità Art. 2 Oggetto e applicazione

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato in Consiglio Comunale il 30 novembre 2011 1 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità Articolo 2 Oggetto e applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA C O M U N E COMUNE DI CHIANOCCO PROVINCIA DI TORINO CAP 10050 Fr Roccaforte 1, codice fiscale 01271840017, tel 0122-49734, Fax 0122-643807 E-mail: chianocco@reteunitaria.piemonte.it. Allegato A) deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI

COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI PIEVE LIGURE PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE E LA CIRCOLAZIONE DEI CANI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. 21 DEL 31 MAGGIO 2005 1 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalita' Articolo 2 Oggetto e applicazione Articolo 3 Definizioni Articolo 4 Concessioni e autorizzazioni Articolo 5 Vigilanza

Dettagli

Regolamento Comunale. Polizia Urbana

Regolamento Comunale. Polizia Urbana Comune di TREVI NEL LAZIO Provincia di Frosinone Regolamento Comunale Di Polizia Urbana TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 FINALITA 1) Il presente Regolamento disciplina in conformità ai principi generali

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA REGOLAMENTO DEI MERCATI Approvato con delibera CC n. 204 del 19/11/2003 INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA Art. 1 Finalità... 3 Art. 2 Definizioni... 3 Art. 3 Ambito di applicazione... 4 Art. 4 Recepimento,

Dettagli

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI U NIONE DEI COMUNI L O M B ARDA DELLA VALLETTA P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione dell Assemblea n. 14 del 29/07/2014 INDICE

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. COMUNE DI FARA GERA D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA PRESENZA DEI CANI SUL TERRITORIO COMUNALE. - Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 05/06/06 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Comune di Vazzola Provincia di Treviso REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 01 Art. 02 Art. 03 Finalità Definizioni Disciplina del sistema sanzionatorio TITOLO II

Dettagli

COMUNE DI ZOAGLI (PROVINCIA DI GENOVA) REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA LOCALE

COMUNE DI ZOAGLI (PROVINCIA DI GENOVA) REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA LOCALE COMUNE DI ZOAGLI (PROVINCIA DI GENOVA) REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA LOCALE Approvato con Deliberazioni del Consiglio Comunale n. 8 del 22 gennaio 2003, modificato con delibera C.C. n. 31 del 29 giugno

Dettagli

CITTA' DI TROPEA (Provincia di Vibo Valentia) REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

CITTA' DI TROPEA (Provincia di Vibo Valentia) REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA CITTA' DI TROPEA (Provincia di Vibo Valentia) REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Finalità Oggetto e

Dettagli

COMUNE DI PAGNACCO Provincia di Udine. REGOLAMENTO COMUNALE di POLIZIA URBANA

COMUNE DI PAGNACCO Provincia di Udine. REGOLAMENTO COMUNALE di POLIZIA URBANA COMUNE DI PAGNACCO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE di POLIZIA URBANA 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1. Finalità Articolo 2. Oggetto ed applicazione Articolo 3. Definizioni Articolo 4.

Dettagli

Attenzione: Cominci il quarto compito solo quando lo dirà l esaminatore.

Attenzione: Cominci il quarto compito solo quando lo dirà l esaminatore. Escuelas Oficiales de Idiomas CONSEJERÍA DE EDUCACIÓN Comunidad de Madrid CERTIFICADO DE NIVEL AVANZADO ITALIANO COMPRENSIÓN DE LECTURA TAREA 4 QUARTO COMPITO (6 ITEM X 1 PUNTO = 6 PUNTI) Questo compito

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA C O M U N E D I T R A B I A PROVINCIA DI PALERMO ************ REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con delibera di C.C. n. 26 del 07/07/2006 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI CARLOFORTE REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale del 4 maggio 2010 I N D I C E TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità Art. 2 Territorialità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Allegato B a Delibera C.C. n.36 del 27/9/2010 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con delibera di C.C. n. 36 del 27/09/2010 Pubblicato all albo Pretorio dal 5/10/2010

Dettagli

COMUNE DI BARANZATE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

COMUNE DI BARANZATE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA COMUNE DI BARANZATE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 FINALITÀ Il Regolamento di Polizia Urbana disciplina comportamenti ed attività influenti sulla

Dettagli

Regolamento del Parco di Villa Sorra Approvato con deliberazione Consiliare n. 103 del 30/06/2008

Regolamento del Parco di Villa Sorra Approvato con deliberazione Consiliare n. 103 del 30/06/2008 Città di Castelfranco Emilia Provincia di Modena Regolamento del Parco di Villa Sorra Approvato con deliberazione Consiliare n. 103 del 30/06/2008 Art.1 - Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE

COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MORDANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO POPOLAZIONE CANINA SU AREE PUBBLICHE Approvato con D.C.C. n.71 del 22.10.2004 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art.

Dettagli

COMUNE DI CAFASSE Provincia di Torino

COMUNE DI CAFASSE Provincia di Torino COMUNE DI CAFASSE Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FRUIZIONE DELLE AREE GIOCO PUBBLICHE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 del 29/05/2015 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli