qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq"

Transcript

1 qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq Reading and Learning : Our English class - Modulo di esperienza didattica wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui avanzata Maria Sabrina Funaro opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg A.A hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc Tutor Nicolò Firriolo vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmrtyuiopasdfghjklzxcvbn mqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopas

2 Il progetto Reading and Learning prende il nome da una delle tre sezioni che compongono il sito di classe Our English Class, creato per questa esperienza didattica : https://sites.google.com/site/proffunarosclass/. Il sito nasce dall idea di rendere disponibili dei testi in lingua inglese per avviare gli studenti all attività dell extensive reading. Inizialmente il progetto prevedeva una serie di testi semplici con supporto audio per gli alunni del primo anno. Si rendeva quindi necessario uno spazio digitale che accogliesse i testi ed eventuali podcasts in merito ai contenuti e alla pronuncia. Vista l impossibilità di usufruire del sito della scuola per motivi pratici, mi sono data alla ricerca di una soluzione su internet che mi ha condotto alla scoperta di un sito che propone un mini corso di 5 moduli su come diventare un e-teacher: https://sites.google.com/site/becominganeteacher/. Il corso si basa sull uso di Google Site per creare siti personalizzati del tutto gratuiti. La prima fase ha richiesto due settimane di lavoro intenso per la costruzione del sito e le sue sezioni; altre due settimane sono servite per la selezione dei contenuti.infatti, essendomi resa conto delle grandi possibilità che il sito di classe mi offriva, non mi sono limitata alla sezione dell extensive reading, ma ho creato una sezione di grammatica e una di civiltà dove ho pubblicato gli argomenti studiati. Una volta completata la costruzione del sito, verso la metà di novembre ho presentato il sito Our English Class alle due classi terze della Scuola Superiore di primo grado Manzoni Augruso di Lamezia Terme, per un numero di 37 studenti ai quali ho chiesto di inviare una mail alla mia casella di posta elettronica per ricevere il link del sito di classe. A questo punto si sono presentate le prime difficoltà. Contrariamente a quanto mi aspettassi, non tutti gli alunni hanno accolto favorevolmente la possibilità di avere a loro disposizione i contenuti delle lezioni trattate in 2

3 classe. Infatti, dei 37 alunni coinvolti, meno della metà ha immediatamente avanzato la richiesta di accesso al sito. Ho portato avanti una sorta di sondaggio per comprendere le ragioni di tale comportamento e mi sono resa conto che buona parte degli studenti possiede un indirizzo e- mail solo per accedere ai social network, ma ne ignora il funzionamento e lo scopo; altri, invece, hanno lasciato cadere l invito con indifferenza, salvo ritornare sulle proprie posizioni quando ho richiesto lo svolgimento degli esercizi pubblicati sul sito nella sezione di grammatica. Solo 3 studenti non possiedono un pc o non hanno una connessione internet. E tuttavia opportuno sottolineare che ho avuto la possibilità di lavorare con l ausilio del sito di classe solo per breve tempo, ovvero 4 settimane durante le quali gli studenti hanno iniziato lentamente a capire l importanza di poter avere a disposizione materiale utile per lo studio a casa. Ciò è accaduto particolarmente per gli argomenti di civiltà per i quali ho richiesto agli studenti un po più bravi un aiuto con i riassunti e con la registrazione audio. In questo senso la collaborazione è stata entusiasta e la risposta immediata con grande vantaggio della didattica visto che, in poco meno di tre settimane, abbiamo completato lo studio di 4 personaggi della storia inglese mettendo a punto la tecnica della reading comprehension,del summary e dell esposizione orale. Gli studenti della 3 A hanno mostrato di apprezzare il lavoro chiedendomi più volte di poter ripetere gli argomenti trattati e controllare la pronuncia. Anche la sezione Reading and Learning ha riscosso successo. Ho pubblicato ogni settimana il primo capitolo di un classico della letteratura per ragazzi anglo-americana grazie al sito ho voluto forzare gli studenti alla lettura di queste pagine perché lo scopo dell extensive reading è lasciare gli alunni liberi di leggere come e quando lo desiderano. Ho solo chiesto a chi si fosse dedicato alla lettura in primo luogo di non tradurre in nessun modo il testo, secondo di rispondere a una semplice domanda inviando la risposta alla mia mail. Il risultato inaspettato 3

4 è arrivato da un alunno con difficoltà di lettura e di pronuncia che ha gradito il primo capitolo del romanzo A Little Princess e ha risposto correttamente alla domanda sul brano. E un lavoro silenzioso quello proposto nella sezione Reading and Learning che spero darà i suoi frutti nel tempo. Avere un luogo di condivisione dei contenuti facilita la condivisione di idee tra docente e studenti. Credo che tutto sarebbe ancora più semplice se potessi lavorare quotidianamente con le risorse del sito direttamente in classe, ma ciò non è possibile a causa dell assenza di un computer in un aula e di un collegamento ad internet non sempre affidabile nell altra. Gli alunni che hanno usufruito del sito in queste quattro settimane hanno mostrato una maggiore sicurezza e preparazione facendo sempre più affidamento sulle informazione disponibili. Sono stati particolarmente apprezzati i video proposti sui i personaggi storici e la possibilità di prendere i compiti e i verbi della settimana da una fonte affidabile. Tuttavia alcuni studenti mi hanno detto chiaramente che avere un sito con tutte le informazioni li priva di scuse per non essere preparati e ciò è vissuto quasi come un intromissione nella loro vita privata. L uso di un sito di classe indubbiamente permette di rendere i contenuti delle proprie lezioni sempre disponibili, affiancando gli studenti nello studio a casa. Naturalmente richiede lavoro ulteriore per la preparazione dei documenti e la creazione di esercizi ad hoc. In merito alla fruibilità del sito ritengo che la prima soluzione adottata, rendere il sito disponibile solo su richiesta, non sia stata la più efficace. Per tale ragione nei prossimi giorni il link sarà pubblicato sulla home page del sito della scuola in modo da bypassare la richiesta via mail e, con essa, tutte le possibili scuse. Infatti non intendo terminare quest esperienza con le vacanze di Natale. A breve arricchirò le sezione con ulteriori links e la pubblicazione di 4

5 video creati da me. Inoltre,una volta acquisita padronanza nella gestione del sito, vorrei aprire altre due sezioni dedicate alle classi prime e seconde, coinvolgendo un maggiore numero di studenti e dando così un supporto adeguato soprattutto a quelli in difficoltà. Di elementi negativi nell esperienza appena descritta c è stato sicuramente il fattore tempo, visto che sono state poche le settimane di osservazione degli effetti sulla didattica e sull apprendimento. Inoltre la struttura del sito non mi ha consentito di creare un forum, per cui è venuta meno l attrattiva della comunicazione e dello scambio d idee tra gli studenti. Infine, non mi è stato possibile inserire learning objects creati con il software EXE Learning. Credo che tutto ciò sia prerogativa di un buon LMS il cui uso rappresenta una sfida nel mio prossimo futuro professionale. L esperienza del sito Our English Class, realizzata in poco meno di 8 settimane, non sarebbe stata tuttavia possibile se non avessi avuto due anni di pratica e conoscenze accumulate grazie al DOL. Mi riferisco alla velocità con cui mi muovo sui motori di ricerca, soprattutto grazie a uno degli ultimi moduli trattati quest anno Strumenti di ricerca del web. Inoltre non sarei in grado di gestire file video, ritagliare le immagini a mio piacimento o pensare di creare un podcast di classe se non avessi seguito con grande interesse i moduli relativi a questi argomenti. L esperienza didattica finale mi ha permesso di mettere a frutto tutto ciò che ho imparato in questi due anni, non sempre facili, ma comunque avvincenti. Ciò che è realmente cambiato nella mia didattica è il modo di vedere i contenuti delle mie lezioni, il modo di pensarli e di porgerli ai miei studenti. Non c è argomento che non possa essere affrontato con una presentazione in PowerPoint, con un video o magari supportato da un file audio o da immagini.sempre più spesso mi ritrovo a pensare di dover 5

6 sistemare la classe in modo diverso, di creare gruppi intorno ad un progetto che coinvolga tutti, ognuno secondo le proprie capacità. In conclusione,mi rendo conto che si fa sempre più urgente la necessità di abbandonare la lezione frontale e di sperimentare nuove forme di insegnamento, dove il mio ruolo di docente non è più quello di dispensatore di conoscenze, ma è più simile a quella di un saggio maestro che indica ai suoi allievi la strada da seguire per acquisire nuove conoscenze grazie all uso delle nuove tecnologie. 6

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009

Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009 Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto English Podcast è stato finalizzato alla registrazione di file audio o video di lezioni in

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

Guida all uso. Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet).

Guida all uso. Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet). Guida all uso Guida all uso Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet). La Guida è sempre disponibile all interno della tua

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva

Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva Vincenzo Pancucci Insegnante di Scienze Naturali a Milano vincenzo.pancucci@gmail.com L informatizzazione degli ambienti di apprendimento è uno dei punti

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE Curriculum: Esperto di formazione a distanza DISSERTAZIONE FINALE Raccontami :

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq ISTITUTO COMPRENSIVO V. FEDERICO BORROMEO ROMA wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

Griglia riassuntiva dell'intervento formativo

Griglia riassuntiva dell'intervento formativo Griglia riassuntiva dell'intervento formativo Allegato 3 Titolo del progetto MULTIMEDIA LEARNING AND INTERNET ACTIVITY Scuola Liceo Scientifico Statale Galileo Ferraris Via Sorrisole 6 21100 Varese Tel.:

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx Prove di cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq Italiano L2 per studenti della scuola primaria wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

Moamba sul satellite vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq. Installazione collegamento internet satellitare. Anno 2009-2010

Moamba sul satellite vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq. Installazione collegamento internet satellitare. Anno 2009-2010 qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

Dettagli

Innovazione e Design educativo per la buona scuola

Innovazione e Design educativo per la buona scuola Innovazione e Design educativo per la buona scuola Convegno nazionale ANP e Fondazione Telecom Italia 6 maggio 2015, Biblioteca Nazionale Centrale, Roma L innovazione come scelta strategica. Il monitoraggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE EUROPA 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2 telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 http://www.iceuropa.it - e-mail: raic809002@istruzione.it PEC: raic809002@pec.istruzione.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO <> BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO <<ANNA FRANK>> BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO TITOLO: TELEGIORNALE 2@0 Competenze chiave: competenza digitale (utilizzo del mezzo

Dettagli

La macchina fantastica: il libro dentro un computer Percorsi di esplorazione tecnologica nella scuola dell infanzia

La macchina fantastica: il libro dentro un computer Percorsi di esplorazione tecnologica nella scuola dell infanzia 1 Difficile raccontare un esperienza vissuta in modo così coinvolgente lavorando fianco a fianco con un piccolo gruppo di bambini di cinque anni. Difficile essere credibili in una relazione tecnica che

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq ENCICLOPEDIA DEGLI ANIMALI wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui Una raccolta

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli

Istituto Comprensivo Scandicci I

Istituto Comprensivo Scandicci I Istituto Comprensivo Scandicci I Esperienza sull uso del computer in due classi quinte della Scuola Primaria Gabbrielli dotata di postazione Internet in tutte le aule. Anno Scolastico 2007-08 Insegnante:

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Introduzione Surfing time,navigare nel tempo, è stato il filo conduttore che il consiglio di classe si è dato per sviluppare il progetto, come illustrato nella mappa inserita nel documento di progettazione.

Dettagli

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù Bollettino Itals Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù di Francesca Tammaccaro Gaia Chiuchiù si è laureata in linguistica applicata con una tesi sperimentale. È attualmente responsabile

Dettagli

La classe capovolta. Liceo Linguistico Statale N. Cassarà E. Modica 18 Dicembre 2015

La classe capovolta. Liceo Linguistico Statale N. Cassarà E. Modica 18 Dicembre 2015 La classe capovolta Liceo Linguistico Statale N. Cassarà E. Modica 18 Dicembre 2015 Cos è la classe capovolta Aaron Sams & Jonathan Bergmann (2007) Una pratica che prevede di capovolgere (to flip) i due

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

CALENDARIO CORSI vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

CALENDARIO CORSI vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq PROTOCOLLO D INTESA wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Unità di apprendimento n. 3 Il mio amico Paint, un software per disegnare Prima parte

Unità di apprendimento n. 3 Il mio amico Paint, un software per disegnare Prima parte INFORMATICA PER LA SCUOLA PRIMARIA di Manlio Monetta Mi presento : io sono PC Unità di apprendimento n. 3 Il mio amico Paint, un software per disegnare Prima parte Il primo approccio degli alunni con il

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di:

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di: Compito I settimana del II modulo Fagnani Lorena classe E13 1. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono

Dettagli

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe?

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe? FLIPPED CLASSROOM Come e perché capovolgo la classe? Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it La Classe Capovolta 2 Come funziona? Faccio studiare prima della lezione: I ragazzi arrivano a lezione con delle

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A CL@SSI 2.0 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O N. 9 B O L O G N A S c u o l a s e c o n d a r i a d i I g r a d o I l G u e r c i n o a. s. 2009-2 0 1 0 I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A F e b b

Dettagli

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle proteste dei docenti contro le ultime disposizioni del governo, avevamo deciso di non offrire nessuna attività extra-

Dettagli

Sondaggio Lettura, Testi Testi scolastici, libri libri digitali e uso uso dell'e book reader

Sondaggio Lettura, Testi Testi scolastici, libri libri digitali e uso uso dell'e book reader Scuola media Foscolo Bolzano Sondaggio Lettura, Testi Testi scolastici, libri libri digitali e uso uso dell'e book reader 1 Descrizione Il presente sondaggio Lettura, Testi scolastici, libri digitali e

Dettagli

RELAZIONE FINALE CORSO DI RECUPERO / APPROFONDIMENTO ON LINE

RELAZIONE FINALE CORSO DI RECUPERO / APPROFONDIMENTO ON LINE ISTITUTO SPERIMENTALE RINASCITA - A. LIVI - MILANO SCUOLA MEDIA STATALE A ORIENTAMENTO MUSICALE RELAZIONE FINALE CORSO DI RECUPERO / APPROFONDIMENTO ON LINE docente: BRUNO GIUSY PREMESSA Moodle è una piattaforma

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

COOPERATIVE LEARNING

COOPERATIVE LEARNING COOPERATIVE LEARNING RELAZIONE ANNO SCOLASTICO 2003-2004 LICEO SCIENTIFICO VILLA SORA INSEGNANTE: LOVAGLIO MARY MATERIA: INGLESE CLASSI: 3 LICEO SCIENTIFICO A/B, 5 LICEO SCIENTIFICO A/B MOTIVAZIONI L apprendimento

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h 88 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o A10 LA LUCE Tempi In aula: 9 h A casa: 4 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore 1 PC per lavori individuali Per alcune

Dettagli

LORO SEDI. Nel ringraziare per la collaborazione porgo i migliori saluti.

LORO SEDI. Nel ringraziare per la collaborazione porgo i migliori saluti. Assessorat de l Education et de la Culture Assessorato Istruzione e Cultura TRASMISSIONE*VIA*PEC* Réf. n - Prot. n. 46145/SS Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della Regione

Dettagli

Guida rapida per i corsisti

Guida rapida per i corsisti Guida rapida per i corsisti Premessa La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello studente, si presenta come un sito

Dettagli

ME book è integrato nella nuvola di Libro+Web

ME book è integrato nella nuvola di Libro+Web ME book è integrato nella nuvola di Libro+Web il libro digitale multidevice Il ME book è il libro di testo digitale di Mondadori Education ricco di contenuti, video, audio, tanti esercizi e moltissimi

Dettagli

CORSI DI INGLESE 2015. Dott.ssa Natalia Bertelli 0425/1660215 349/5943047 info@traduzionibertelli.it

CORSI DI INGLESE 2015. Dott.ssa Natalia Bertelli 0425/1660215 349/5943047 info@traduzionibertelli.it CORSI DI INGLESE 2015 VANTAGGI 1. I corsi sono totalmente personalizzabili, in base alle vostre esigenze di tempo e contenuto 2. Potete proporli come progetti formativi per interventi di formazione finanziata

Dettagli

Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting

Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting Area:.,.Grade Project plan summary: dopo aver illustrato agli alunni gli strumenti webquest e podcasting, mediante la LIM e alcune presentazioni

Dettagli

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo.

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. PAOLA LIPAROTO Classe F3 - Anno scolastico 2008 2009 MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. Relazione finale Titolo del progetto: Piccoli Narratori Contenuti:

Dettagli

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione Finale 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto nasce dall idea di studiare una ricetta coinvolgendo la maggior parte di materie oggetto

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative. Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA cinzia.ferranti@unipd.

Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative. Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA cinzia.ferranti@unipd. Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA cinzia.ferranti@unipd.it 10 settembre 2015 Information Literacy L'economia basata

Dettagli

Percorso Apprendisti MODULO BASE ORE: 40

Percorso Apprendisti MODULO BASE ORE: 40 ACCOGLIENZA Percorso Apprendisti MODULO BASE ORE: 40 Presentazione del percorso formativo, comunicazione del programma e dell organizzazione del percorso. Valutazione del livello d ingresso e definizione

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 204-205 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Syllabus a.a. 204-205 versione.0 BREVE INTRODUZIONE AL MODULO Il Syllabus indica

Dettagli

E-learning Guida pratica all utilizzo

E-learning Guida pratica all utilizzo E-learning Guida pratica all utilizzo Riccardo Picen 2014-2015 Sommario Cos è MOODLE?... 2 Come collegarsi alla pagina dei servizi... 2 PIATTAFORMA E-LEARNING... 3 1. Effettuare la registrazione (valida

Dettagli

My name is... (Nome) I study at... (Nome della scuola) I m in class... (Classe) I am starting this English Language Biography on...

My name is... (Nome) I study at... (Nome della scuola) I m in class... (Classe) I am starting this English Language Biography on... La tua English Language Biography è il documento dove puoi dare prova di ciò che sei in grado di fare in inglese, tenere traccia dei tuoi progressi, mostrare ad altri ciò che hai imparato e riflettere

Dettagli

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola La scuola inizia alle 7.50. Noi bambini ci ritroviamo nel cortile

Dettagli

PROGETTO ARGG! A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI

PROGETTO ARGG! A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI PROGETTO ARGG! ISC GABICCE MARE E GRADARA A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI I SOGGETTI COINVOLTI Istituto Scolastico Comprensivo di Gabicce Mare e Gradara Comune di Gradara Comune di Gabicce Mare Università

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona Guida didattica Programma di. Epatente 1. Presentazione del programma 2. Struttura del programma 3. Metodologia didattica e contenuti 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona 5. Raccomandazioni

Dettagli

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Un corso di Marco De Veglia Brand Positioning: la chiave segreta del marketing Mi occupo di Brand Positioning

Dettagli

I.C. POIRINO TECNICHE PER MIGLIORARE L APPRENDIMENTO

I.C. POIRINO TECNICHE PER MIGLIORARE L APPRENDIMENTO I.C. POIRINO TECNICHE PER MIGLIORARE L APPRENDIMENTO e LAVORO COOPERATIVO Osservazioni attività didattiche in aula classi 2.a e 3.a, Ins. Alberto Arato, docente di lettere Conduzione e report a cura di:

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

INFORMATICA E DSA L'USO PRATICO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI. Dr. Enrico Rialti

INFORMATICA E DSA L'USO PRATICO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI. Dr. Enrico Rialti INFORMATICA E DSA L'USO PRATICO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI Dr. Enrico Rialti INFORMATICA NEI DSA COME MAI COMPITI COGNITIVI COMPITI ASSOCIATIVI STRUMENTO COMPENSATIVO PER LA LETTURA LA SCRITTURA IL RAGIONAMENTO

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione L'esperienza del Politecnico di Torino nella gestione dell'integrazione nell'università e dell'accessibilità alle risorse didattiche da parte di studenti audiolesi I sordi in università Negli ultimi anni

Dettagli

Promuovere Volontassociate attraverso internet

Promuovere Volontassociate attraverso internet Promuovere Volontassociate attraverso internet In occasione della sua edizione, Volontassociate ha pensato a nuove modalità di comunicazione per una promozione ecologica e sostenibile delle feste. Questo

Dettagli

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning.

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Manuale sintetico Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Moodle fornisce un supporto all attività didattica attraverso una serie di strumenti molto ampia

Dettagli

Comunicare la scuola sul web

Comunicare la scuola sul web AIART UCIIM 18 marzo 2009 comunicare rendere partecipi, entrare in relazione con gli altri scuola come istituzione, luogo di lavoro, attività di insegnamento, educazione e trasmissione dell insegnamento

Dettagli

SINTESI ANALISI DEI BISOGNI DI FORMAZIONE LINGUISTICA E DEI LIVELLI IN INGRESSO presso AZIENDA GENERICA S.p.A

SINTESI ANALISI DEI BISOGNI DI FORMAZIONE LINGUISTICA E DEI LIVELLI IN INGRESSO presso AZIENDA GENERICA S.p.A SINTESI ANALISI DEI BISOGNI DI FORMAZIONE LINGUISTICA E DEI LIVELLI IN INGRESSO presso AZIENDA GENERICA S.p.A DATA INTERVISTE: 30/09/2011 DATA ASSESSMENT: 14/10/2011 1 I bisogni di formazione linguistica

Dettagli

Marco Ballesio. secondo me. Le mie regole per le aziende che vogliono avere successo su Internet

Marco Ballesio. secondo me. Le mie regole per le aziende che vogliono avere successo su Internet Marco Ballesio Il Web Marketing secondo me Le mie regole per le aziende che vogliono avere successo su Internet Marco Ballesio, Il Web Marketing secondo me Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale

Dettagli

Insegnare con il blog. Materiale tratto da:

Insegnare con il blog. Materiale tratto da: Insegnare con il blog Materiale tratto da: Weblog La parola "blog" nasce dalla contrazione del termine anglosassone "weblog" che, letteralmente, significa "traccia nella rete". Il blog infatti rappresenta

Dettagli

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD)

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Sezione 1 di 10 Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Facciamo il punto della nostra situazione nell'ambito

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Corso di formazione per docenti Nuovi scenari formativi in una scuola inclusiva LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Prof. Maurizio Molendini 1 La lavagna

Dettagli

CLASSE 2.0 Progetto APPLE

CLASSE 2.0 Progetto APPLE CLASSE 2.0 Progetto APPLE L A MIGLIORE CLASSE 2.0 DEL MONDO! La classe ideale si basa sulle migliori tradizioni pedagogiche che insistono sul principio della partecipazione attiva dello studente. Partecipare

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano

La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano Semplice Efficace Gratuita Molto più di una piattaforma! i-d-e-e.it è in realtà una multipiattaforma didattica, la prima appositamente dedicata

Dettagli

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi Clio 92. Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Corso di formazione per formatori La progettazione dei corsi di formazione Clio 92 sulla storia Bellaria, 13-14 ottobre 2007

Dettagli

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?)

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) Tavola Rotonda E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) L'idea è quella di confrontare, nelle nostre diverse esperienze, come e quanto l'uso di Moodle è cambiato ed ha cambiato

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

Circolare n. 327 R DOCENTI. E p.c. ATA

Circolare n. 327 R DOCENTI. E p.c. ATA Circolare n. 327 R Verona, 0 8 / 0 4 / 2 0 1 5 All'attenzione E p.c. DOCENTI ATA Oggetto: MARTEDÌ 28 APRILE - INCONTRO DI AGGIORNAMENTO SUL CORRETTO UTILIZZO DEL REGISTRO ELETTRONICO RIVOLTO AI DOCENTI

Dettagli