NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORMATIVA e APPROFONDIMENTI"

Transcript

1 NORMATIVA e APPROFONDIMENTI GUIDA PRATICA LA DICHIARAZIONE ANNUALE DELL I.V.A. PER L ANNO 2008 Febbraio DICHIARAZIONE MODELLO IVA La presente guida pratica ha lo scopo di approfondirne la conoscenza, mediante nozioni schematiche ed organiche sui termini di scadenza, sulle novità del provvedimento, la sua applicazione, i casi di esclusione, ed i riferimenti legislativi di merito. SCADENZARIO ADEMPIMENTO / MODELLO SCADENZA PRESENTAZIONE Versamento Iva Entro 16/03/2009 ( 1 ) Versamento tassa vidimazione libri Entro 16/03/2009 ( 2 ) sociali Mod. VR/2009 rimborso ( 3 ) Dal 02/02 al 31/07/2009 al Concessionario Mod. IVA 2009 autonomo (senza dichiarazione unificata) Mod. IVA 2009 unificato (con Unico2009) Mod. IVA 74-bis da parte dei Curatori o commissari liquidatori Mod. IVA LP/2009 (capogruppo) Mod. IVA 26PR/2009 Dal 02/02 al 30/09/2009 Esclusivamente telematica ( 4 ) Entro il 30/09/2009 Esclusivamente telematica ( 4 ) Entro 4 mesi dalla nomina Telematica o cartacea Entro il 31/07/2009 Solo cartacea ( 1 ) il versamento deve essere effettuato se supera i 10,33 euro ( 10,00 per effetto di arrotondamenti), quindi a partire da 11,00; oltre al versamento in unica soluzione è ammesso il pagamento rateale, con un massimo di 9 rate mensili di pari importo scadenti il giorno 16 di ciascun mese e fino al 16/11/09, aumentate dello 0,5% mensile dal 16/04 al 16/11; se il soggetto è tenuto alla presentazione del modello Unico2009, può differire il versamento dell Iva alla scadenza del pagamento delle imposte, con la maggiorazione delle somme da versare dello 0,4% a titolo di interessi per ogni mese o frazione di mese fino al 16/06 (o 16/07) e quindi aumentando dello 0,50% mensile ogni rata successiva, fino al 16/11/09. ( 2 ) è dovuta dalle società di capitali (Srl e Spa), anche se in liquidazione ordinaria, per la vidimazione dei libri sociali. ( 3 ) il modello VR, da presentare in duplice copia al Concessionario per la riscossione, non è sostitutivo della dichiarazione annuale, ma serve solo per richiedere il rimborso. ( 4 ) non è più ammessa la presentazione cartacea in banca o in posta per le persone fisiche con un volume di affari inferiore a ,00. Per le dichiarazioni presentate in altre forme, si rende applicabile la sanzione da 258,00 e 2065,00 euro. Il rimborso del credito annuale Iva modello VR/2009 Deve essere presentato in duplice copia direttamente all agente della riscossione competente per territorio. Viene confermata la nuova casella per i rimborsi prioritari, da erogarsi entro tre mesi dalla richiesta; sono interessati i soggetti che si trovano in situazioni di credito strutturale che: - effettuano prestazioni di subappalto in edilizia rientranti nel regime di reverse charge (cod. 1); - svolgono attività di recupero e preparazione per il riciclaggio di cascami e sottoprodotti di rottami metallici, corrispondente al codice attività , ex (cod. 2); - producono zinco, piombo e stagno, nonché i semilavorati degli stessi metalli di base non ferrosi, corrispondente al codice attività , ex (cod. 3); - producono alluminio e semilavorati degli stessi metalli, corrispondente al codice attività , ex (cod. 4). Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

2 Per poter chiedere il rimborso dell eccedenza del credito Iva risultante dalla dichiarazione annuale è necessario che il rigo VR3 del modello non sia inferiore a 2.582,28 e che ricorrano almeno una delle seguenti condizioni: 1) Cessazione di attività (art. 30, co.2). In questo caso spetta sempre e senza limite di importo; 2) Effettuare abitualmente operazioni attive soggette ad aliquota inferiore a quella degli acquisti e delle importazioni (art. 30, co.3 let.a). Il rimborso spetta a condizione che l aliquota media degli acquisti superi l aliquota media delle operazioni attive effettuate, maggiorata del 10%. Nel calcolo vanno esclusi gli acquisti e le cessioni di beni ammortizzabili; 3) Effettuare esportazioni e cessioni intracomunitarie per un importo superiore al 25% dell ammontare complessivo di tutte le operazioni effettuate (art. 30, co.3 let.b). Tra le operazioni effettuate vanno ricomprese anche le cessioni di beni ammortizzabili; 4) Acquisto o importazione di beni ammortizzabili, nonché beni e servizi per studi e ricerche (art. 30, co. 3 let.c). Limitatamente all imposta relativa; per acquisto si intende anche la realizzazione mediante contratto di appalto. Il rimborso non spetta con riferimento all imposta pagata in relazione ad un preliminare di acquisto ed alla realizzazione di spese incrementative su beni di terzi (R.M. 179/E/05) o in leasing; 5) Effettuare prevalentemente operazioni non soggette all imposta per effetto dell art. 7 (art. 30, co.3 let.d). Si tratta delle operazioni non soggette alla territorialità nazionale, effettuate all estero da operatori nazionali che non hanno ivi istituito una stabile organizzazione. Per stabilire la prevalenza occorre sommare le esportazioni e le operazioni assimilate; 6) Soggetto non residente in Italia. Identificato direttamente ovvero che ha nominato un proprio rappresentante fiscale nello Stato, ricorrendo le condizioni di cui all art. 17 secondo comma; 7) Esportazioni e altre operazioni non imponibili effettuate da produttori agricoli (art. 34, co.9). Il rimborso compete al produttore agricolo limitatamente all importo corrispondente alla cosiddetta Iva teorica relativa ad operazioni non imponibili effettuate, calcolata mediante l applicazione delle percentuali di compensazione; 8) Minor eccedenza del triennio (art. 30, co.4). Compete quando dalle dichiarazioni relative agli ultimi 3 anni ( ) risulti una eccedenza di imposta, anche se inferiore a 2.582,28 limitatamente al minore delle predette eccedenze, al netto delle compensazioni col modello F24. La modulistica è disponibile sul sito dell Agenzia delle Entrate: Il rimborso del credito infrannuale (trimestrale) Iva modello TR E anche consentito ai contribuenti che hanno maturato nel trimestre solare un eccedenza di Iva detraibile di importo superiore a 2.582,28 di richiederne il rimborso o l utilizzo in compensazione del credito trimestrale, senza attendere la compilazione della dichiarazione annuale. La presentazione dell istanza di rimborso può essere presentata entro le seguenti scadenze: entro il 30 aprile per il 1 trimestre; entro il 31 luglio per il 2 trimestre; entro il 31 ottobre per il 3 trimestre; il credito relativo al 4 trimestre deve essere chiesto a rimborso in sede di dichiarazione Iva annuale (VR). I requisiti per poter richiedere il rimborso (o la compensazione) sono i seguenti: a) Contribuenti che hanno effettuato esclusivamente o prevalentemente operazioni attive soggette ad aliquote inferiori a quelle sugli acquisti e sulle importazioni. Il requisito sussiste se l aliquota mediamente applicata alle operazioni attive, maggiorata del 10%, risulta inferiore a quella mediamente applicata sugli acquisti e sulle importazioni. Nel calcolo, non si tiene conto dei beni ammortizzabili. L aliquota media si assume fino alla seconda cifra decimale (rigo TD1); b) Contribuenti che hanno effettuato operazioni non imponibili (artt.8, 8-bis, 9 del D.P.R. n. 633/72 e operazioni equiparate; artt. 40, co.9, e 58 del D.L. n. 331/93) per ammontare superiore al 25% di tutte le operazioni effettuate. La percentuale va arrotondata all unità superiore (rigo TD2); c) Contribuenti che hanno effettuato acquisti o importazioni di beni ammortizzabili per ammontare superiore a due terzi del totale degli acquisti imponibili. In questo caso è rimborsabile (o compensabile) soltanto l imposta relativa agli acquisti e importazioni di beni ammortizzabili (rigo TD3); d) Soggetti non residenti che si sono identificati in Italia direttamente o mediante rappresentante fiscale (rigo TD4). La modulistica è disponibile sul sito dell Agenzia delle Entrate: Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

3 PREMESSA Il modello di dichiarazione annuale IVA/2009 relativo all anno di imposta 2008 deve essere predisposto da tutti i contribuenti esercenti attività d impresa ovvero attività artistiche o professionali, siano essi tenuti alla presentazione di tale dichiarazione in via autonoma, sia dai contribuenti obbligati a comprendere la dichiarazione annuale IVA nel modello Unico NOVITA Nel quadro VA è stato inserito un nuovo rigo VA8 per indicare l acquisto l uso di telefoni cellulari con detrazione superiore al 50%; Nella sezione 4 quadro VA è stata inserita una casella al rigo VA46 per identificare le società non operative e consentire le limitazioni del credito Iva annuale; Il rigo VF16 cambia nome ed è riservato alle indicazioni degli acquisti che il contribuente ha effettuato da soggetti che applicano il regime dei minimi; Nel quadro VH, in corrispondenza dei campi a debito è stata inserita la casella per indicare il ravvedimento per i versamenti periodici; Nuova casella anche al rigo VH13 per segnalare il metodo adottato ai fini del versamento dell acconto Iva (1. storico; 2. previsionale; 3. analitico-effettivo; 4. soggetti che erogano utenze); La sezione 2 del quadro VH è stata integrata prevedendo i righi da VH20 a VH31, corrispondenti ai 12 mesi dell anno; Al quadro VK sezione 1 è stata aggiunta una casella (VK2) per indicare il codice corrispondente alla situazione del soggetto che ha partecipato alla liquidazione Iva di gruppo; Nella sezione 2 del quadro VL (credito anno precedente) è consentito ai contribuenti che nell anno precedente hanno evidenziato un credito annuale non chiesto a rimborso, di indicare il predetto credito al rigo VL8 ed il relativo utilizzo al rigo al rigo VL9, che sostituisce l ex rigo VL22; Nella sezione 3 del quadro VL è stato eliminato il rigo VL22 (credito compensato col modello F24) con conseguente rinumerazione dei righi successivi; E stato previsto il nuovo rigo VL25 (in sostituzione agli interessi da ravvedimento operoso), riservato alle società che nel 2007 partecipavano alla liquidazione Iva di gruppo e che per lo stesso anno rientravano nella disciplina delle società non operative; E stato previsto il nuovo rigo VL26 da compilare indicando l eventuale differenza positiva tra gli importi di cui ai righi VL8 e VL9 contenuti nella sezione 2; Nel rigo VL29 è stato introdotto il nuovo campo 2 riservato all indicazione dei versamenti effettuati, utilizzando l F24 auto, in anni precedenti ma relativi a cessioni effettuate nell anno oggetto della dichiarazione; E stato eliminato il rigo VO15 riguardante il regime di franchigia di cui all articolo 32-bis del D.P.R. 633/1972, abrogato a decorrere dall anno d imposta 2008; Sono stati inseriti i righi VO24 e VO25 riservati rispettivamente ai soggetti di cui all articolo 1, comma 1094 della L. 296/2006 (società costituite da imprenditori agricoli) ed ai soggetti che intendono determinare il reddito nei modi ordinari per le attività agricole connesse, come previsto dall articolo 1, comma 423 della L. 266/2005; E stato introdotto il rigo VO33 per i soggetti che non si sono avvalsi del regime per i contribuenti minimi di cui alla L. 244/2007; Nel quadro VV, in corrispondenza dei campi a debito, è stata inserita la casella per l indicazione del ravvedimento per versamenti periodici; nel rigo VV13 è stata introdotta la casella per l indicazione del metodo adottato ai fini del calcolo dell acconto Iva. CONFERME Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

4 Nel frontespizio confermata la casella per esprimere la volontà di recapitare all intermediario le comunicazioni di irregolarità dagli esiti del controllo automatizzato della dichiarazione (36-bis), qualora emerga una maggiore imposta da versare o un minor rimborso; Il codice attività al rigo VA2 viene portato a sei cifre, per consentire l indicazione della nuova classificazione Ateco 2007; I contribuenti che dal 2008 intendono avvalersi del regime dei minimi (L. 244/2007) devono compilare il rigo VA45, casella 1 per comunicare che sarà l ultima dichiarazione presentata e nel campo 2 la rettifica dell Iva detratta ai sensi dell art. 19-bis2; Le operazioni soggette al regime del reverse charge, che lo scorso anno erano in parte indicate nel rigo VE34 e nel rigo VE35, sono state unificate nel rigo VE34, con la separata indicazione delle varie tipologie di cessione e prestazione, relative a: cessione di rottami, altri materiali di recupero, cessioni di oro e argento puro, subappalto nel settore edile, cessione di fabbricati strumentali imponibili per opzione effettuate dal 1 ottobre Per quest ultimo caso imponibile e imposta devono essere indicate dai cessionari nel nuovo rigo VJ14; Il regime agricolo è interessato dal quadro delle opzioni, con due revoche. Si tratta della revoca dall opzione per l applicazione dall imposta nei modi ordinari per le attività agricole connesse (VO3, casella 6) e della revoca dalla determinazione del reddito nei modi ordinari per tutte le attività agricole (VO22, casella 2). E stato poi introdotto il rigo VO23 per le società agricole che intendono rideterminare il reddito sulla base delle rendite dei terreni; Integrazione al quadro VH per i versamenti dell Iva sulle auto di provenienza comunitaria, effettuati dal 3 dicembre 2007 con lo speciale modello F24. REGIME DEI MINIMI La L. Finanziaria 2008 ha previsto un nuovo regime contabile e fiscale per le persone fisiche a partire dal 1 gennaio 2008, con ricavi o compensi nel limite dei ,00 euro annui. I contribuenti minimi che ricadono nel regime non applicano l Iva, né conseguentemente hanno diritto alla detrazione dell imposta per gli acquisti effettuati. Non sono soggetti all Irap e applicano una imposta sostitutiva dell imposta sui redditi e delle addizionali del 20%. Sono inoltre esonerati dall invio degli elenchi clienti e fornitori e dall applicazione degli studi di settore o dei parametri. Chi applicherà il nuovo regime dovrà operare la rettifica della detrazione Iva prevista dall art. 19-bis2 del D.P.R. 633/72 che comporta il versamento dell Iva sull acquisto dei beni strumentali effettuato nell ultimo quinquennio (10 anni per gli immobili) e sulle rimanenze di magazzino. La rettifica non dovrà essere effettuata per i beni ammortizzabili di costo unitario non superiore a 516,46 euro e per i beni il cui coefficiente di ammortamento è superiore al 25% (co.5 art. 19-bis2). Chi ha deciso di applicare dal 2009 il regime dei minimi dovrà comunicare tale volontà barrando la casella VA45, comunicando che la presente sarà l ultima dichiarazione Iva presentata e dovrà anche rettificare l Iva sugli acquisti precedenti. Se invece, benché ne sussistano i requisiti, il contribuente decida di continuare ad applicare il regime Iva ordinario, lo adotterà con il comportamento concludente per l anno 2009, mentre comunicherà l opzione nella prossima D.Iva (07/2010). PRESENTANO IL MODELLO IVA/2009 IN FORMA AUTONOMA (NON UNIFICATA) La presentazione in via autonoma (cioè in forma non unificata) è prevista soltanto per alcune categorie di contribuenti quali: le società di capitali e altri soggetti Ires con periodo di imposta non coincidente con l anno solare e le società di persone con periodo di imposta chiuso in data anteriore (cessate prima del 31/12/2008) o con esercizio superiore ai 12 mesi; le società controllanti e controllate che partecipano alla liquidazione Iva di gruppo ai sensi dell art. 73 anche per periodi inferiori all anno; i soggetti risultanti da operazioni straordinarie o da altre trasformazioni sostanziali soggettive, tenuti a comprendere nella propria dichiarazione annuale il modulo relativo alle operazioni di altri soggetti; Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

5 i curatori fallimentari e i commissari liquidatori, per le dichiarazioni da questi presentate per conto dei soggetti falliti o sottoposti a procedura di liquidazione; i soggetti non residenti che si avvalgono di un rappresentante fiscale tenuto a presentare la dichiarazione per conto loro; o quelli identificati direttamente ai sensi dell art. 35-ter; particolari soggetti (es. venditori porta a porta ) qualora non tenuti alla presentazione della dichiarazione unificata, in quanto titolari di reddito per i quali non sussiste l obbligo di presentazione dei redditi e dell Irap; i soggetti risultanti da operazioni straordinarie o da altre trasformazioni sostanziali soggettive avvenute nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2009 e la data di presentazione della dichiarazione (30/09/09), tenuti a presentare la dichiarazione annuale per conto dei soggetti estinti. Il frontespizio e il quadro VX devono essere utilizzati esclusivamente se la dichiarazione Iva viene presentata in via autonoma. Invece, in caso di presentazione della dichiarazione unificata deve essere utilizzato il frontespizio del modello Unico 2009 ed il quadro RX. MODALITA DI PRESENTAZIONE La presentazione della dichiarazione annuale Iva da parte dei soggetti tenuti a tale adempimento deve essere effettuata esclusivamente per via telematica. Pertanto, le dichiarazioni presentate tramite una banca o un ufficio postale sono da ritenersi redatte su modello non conforme a quello approvato e conseguentemente si rende applicabile la sanzione da 258,00 a 2.065,00euro ai sensi dell art. 8, co.1, del D.Lgs. n. 471/97 (circolare n. 54/E del 19/06/02). PRESENTAZIONE TRAMITE IL SERVIZIO TELEMATICO La dichiarazione può essere trasmessa: a) direttamente dal contribuente avvalendosi: - del servizio telematico Entratel qualora sussista l obbligo di presentare la dichiarazione dei sostituti d imposta, in relazione ad un numero di soggetti superiore a venti; - del servizio telematico Internet (Fisconline). b) per il tramite di intermediari abilitati (o altri soggetti incaricati). Gli intermediari abilitati sono obbligati alla presentazione telematica avvalendosi del servizio Entratel per le dichiarazioni da loro predisposte. SOGGETTI OBBLIGATI ED ESONERATI DALLA PRESENTAZIONE Sono obbligati in linea generale alla presentazione della dichiarazione annuale IVA tutti i contribuenti esercenti attività d impresa ovvero artistiche o professionali titolari di partita Iva, con le eccezioni di seguito indicate. Sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione IVA, in particolare: i soggetti che nell anno di imposta hanno registrato esclusivamente operazioni esenti di cui all art. 10, nonché coloro che essendosi avvalsi della dispensa dagli obblighi di fatturazione e di registrazione ai sensi dell art. 36-bis abbiano effettuato soltanto operazioni esenti. L esonero non si applica qualora il contribuente abbia effettuato operazioni imponibili (anche se gestite con la contabilità separata), operazioni intracomunitarie, eseguito rettifiche ai sensi dell art. 19-bis2 o acquisto di oro, argento e rottami col metodo del reverse-charge; i contribuenti minimi che si sono avvalsi della L. 24/12/2007 n. 244; i produttori agricoli esonerati ai sensi dell art. 34 co.6 1 e 2 periodo, che hanno realizzato un volume di affari non superiore a 7.000,00; gli esercenti attività di organizzazione di giochi ed intrattenimenti, esonerati ai sensi dell art. 74, co.6, che non abbiano optato per l applicazione dell Iva nei modi ordinari; le imprese individuali che abbiano dato in affitto l unica azienda e non esercitino altra attività rilevante agli effetti dell Iva; Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

6 i soggetti passivi d imposta residenti in altri stati membri dell Unione Europea, qualora abbiano effettuato nell anno di imposta solo operazioni non imponibili, esenti, non soggette o comunque senza obbligo di pagamento dell imposta; le associazioni sportive dilettantistiche, quelle senza fini di lucro e le associazioni pro-loco che avendo esercitato l opzione per l applicazione alla L. 398/1991 sono esonerate dagli adempimenti Iva per tutti i proventi conseguiti nell esercizio di attività commerciali connesse agli scopi istituzionali; i soggetti domiciliati o residenti fuori dalla U.E. non identificati in ambito comunitario, identificati in Italia ai fini Iva, che compiono servizi connessi al commercio elettronico a privati consumatori (art. 74-quinquies); i soggetti che hanno cessato l attività entro il 31 dicembre CASI PARTICOLARI A - Fallimento e liquidazione coatta amministrativa: Se la procedura concorsuale ha avuto inizio nel corso del 2008, si deve presentare la dichiarazione annuale IVA relativamente a tutto l anno di imposta, comprensiva di due moduli: il primo per le operazioni registrate nella parte di anno solare anteriore alla dichiarazione di fallimento o di liquidazione (barrando VA5) e il secondo per le operazioni registrate successivamente a tale data. La dichiarazione deve essere presentata in via autonoma mediante trasmissione telematica. Nella particolare ipotesi in cui la procedura concorsuale abbia avuto inizio nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2009 e il termine di scadenza previsto dalla legge per la presentazione della dichiarazione annuale (30/09/2009), e quest ultima non risulti presentata dal contribuente fallito, tale dichiarazione deve essere presentata dai curatori o liquidatori nel termini ordinari ovvero entro quattro mesi dalla nomina, comprensivo del modulo IVA 74-bis. B - Cessazione di attività sono tenuti a presentare l ultima dichiarazione annuale nell anno successivo a quello in cui l attività è cessata, entro i normali termini. Nella particolare ipotesi in cui il contribuente nel corso del 2008 abbia cessato l attività e poi nel corso dello stesso anno abbia ripreso la stessa o altra attività, con apertura di una nuova partita Iva, si dovrà presentare un unica dichiarazione annuale contenente due distinti moduli, uno per ciascuna attività. C - Soggetti non residenti devono assolvere agli obblighi ed esercitare i diritti che derivano da operazioni rilevanti agli effetti Iva in Italia, distinguendo se: soggetto non residente che opera mediante stabile organizzazione, identificandosi direttamente ai sensi dell art. 35-ter o in alternativa nominando un rappresentante fiscale. Contribuenti con contabilità separata che hanno esercitato più attività per le quali hanno tenuto, per obbligo o per opzione, la contabilità separata ai sensi dell art. 36, devono compilare, oltre al frontespizio, tanti moduli quante sono le attività esercitate. Si pone in evidenza che i contribuenti obbligati per legge (art. 36, commi 2 e 4) alla tenuta di contabilità separate per le attività esercitate devono far riferimento, per stabilire la periodicità mensile o trimestrale (mediante opzione) delle liquidazioni dell IVA, ai rispettivi volumi di affari. Invece i contribuenti che adottano contabilità separate in seguito ad opzione volontaria, devono far riferimento, ai detti fini, al volume d affari complessivo di tutte le attività esercitate. OPERAZIONI STRAORDINARIE In linea generale si verifica una situazione di continuità tra i soggetti partecipanti alla trasformazione. A - Trasformazione avvenuta durante l anno Qualora durante l anno d imposta cui si riferisce la dichiarazione sono state effettuate operazioni straordinarie ovvero trasformazioni sostanziali soggettive che abbiano comportato l estinzione del soggetto dante causa (incorporato, scisso, conferente, cedente o donante), la dichiarazione deve essere presentata unicamente dal soggetto avente causa (incorporante, conferitario, cessionario o donatario) contenente due moduli: uno per il soggetto avente causa (modulo 01), contenente i dati Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

7 inerenti la propria attività, compresa la frazione di mese o trimestre nel corso del quale è avvenuta la trasformazione sostanziale; l altro per il soggetto estinto (dante causa), contenente i dati relativi alle operazioni effettuate nella prima frazione dell anno e fino all ultima liquidazione eseguita prima dell operazione straordinaria di trasformazione, indicando nel rigo VA1 campo 1, la partita Iva; 2. Qualora l operazione straordinaria non abbia comportato l estinzione del soggetto dante causa (scissione parziale, conferimento, cessione o donazione di ramo di azienda) la dichiarazione deve essere presentata: - dal soggetto avente causa, se l operazione ha comportato la cessione del debito o del credito Iva. Tale soggetto presenterà la dichiarazione secondo le modalità illustrate al precedente punto 1), barrando anche la casella 2 del rigo VA1. Il soggetto dante causa deve presentare la propria dichiarazione esclusivamente con riferimento alle operazioni effettuate nel 2008 relative alle attività non trasferite, avendo cura di barrare la casella 3 del rigo VA1; - da ciascuno dei soggetti coinvolti nell operazione se non c è stata cessione del debito o del credito Iva, indicando ognuno i dati relativi alle operazioni effettuate nell intero anno di imposta. B - Trasformazione avvenuta nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2009 e la data di presentazione della dichiarazione annuale IVA relativa al 2008 (30/09/2009): In tale caso, poiché l attività per l intero anno 2008 è stata svolta dal soggetto dante causa (incorporato, scisso, conferente, cedente o donante), si possono distinguere i seguenti casi: - nel caso di estinzione del soggetto dante causa a seguito di trasformazione, il soggetto risultante (incorporante, beneficiario, conferitario, cessionario o donatario) deve presentare per l anno 2008 oltre alla propria, anche la dichiarazione per conto del soggetto dante causa, sempre che l adempimento dichiarativo non sia stato già assolto direttamente da quest ultimo soggetto. - nell ipotesi invece di trasformazione non comportante estinzione del soggetto dante causa, ciascuno dei soggetti coinvolti deve presentare la propria dichiarazione Iva relativa alle operazioni effettuate nell intero anno di imposta 2008 cui si riferisce la dichiarazione. TIPI DI DICHIARAZIONE Dichiarazione correttiva nei termini Nell ipotesi in cui il contribuente intenda, prima della scadenza del termine di presentazione, rettificare o integrare una dichiarazione già presentata mediante la barratura della casella Correttiva nei termini. Dichiarazione integrativa Scaduti i termini di presentazione della dichiarazione, il contribuente può rettificare o integrare la dichiarazione originaria presentando una nuova dichiarazione completa in ogni sua parte. Presupposto per poter presentare la dichiarazione integrativa è che sia stata validamente presentata la dichiarazione originaria. Entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d imposta successivo, il contribuente può correggere errori od omissioni che abbiano determinato l indicazione di un maggior debito d imposta o di un minor credito, presentando Dichiarazione integrativa a favore utilizzando l eventuale credito risultante da tale dichiarazione in compensazione ai sensi del D.Lgs. n. 241 del 1997, ovvero richiesto a rimborso. Altri casi di presentazione di Dichiarazione integrativa: nelle ipotesi di ravvedimento previste dall art. 13 del D.Lgs. n. 472 del 1997, entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo, sempreché non siano iniziati accessi, ispezioni o verifiche e consente l applicazione delle sanzioni in misura ridotta, oltre agli interessi; nell ipotesi prevista dall art. 2, comma 8, del DPR n. 322 del 1998, entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, per correggere errori od omissioni che abbiano determinato l indicazione di un minor debito d imposta o di un maggior credito e fatta salva l applicazione delle sanzioni. SANZIONI Le sanzioni Amministrative sono previste dal D.Lgs. 471/97: Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

8 VIOLAZIONE SANZIONE Omessa presentazione della dichiarazione annuale o sanzione dal 120% al 240% dell imposta presentazione con ritardo superiore a 90 giorni, in dovuta con un minimo di euro 258 presenza di debito di imposta Omessa presentazione della dichiarazione annuale o sanzione da euro 258 a euro presentazione con ritardo superiore a 90 giorni, in assenza di debito di imposta Presentazione della dichiarazione con ritardo non sanzione da euro 258 a euro superiore a 90 giorni Dichiarazione infedele sanzione dal 100% al 200% della maggiore imposta Richiesta di rimborso per importo superiore a quello sanzione dal 100% al 200% della somma non risultante dalla dichiarazione spettante Dichiarazione non redatta in conformità al modello sanzione da euro 258 a euro approvato Omesso, tardivo o insufficiente versamento dell Iva sanzione del 30% dell importo non versato RAVVEDIMENTO OPEROSO L istituto del ravvedimento operoso è stato introdotto dall art. 13 del D.Lgs. 472/1997 e consente di regolarizzare le violazioni di natura tributaria con applicazione di sanzione ridotte: a) ad 1/8 del minimo (3,75%) in caso di mancato pagamento del tributo, se la regolarizzazione avviene entro il termine di 30 giorni dalla scadenza; b) ad 1/5 del minimo (6%) se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni o sul pagamento del tributo avviene entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione; c) ad 1/8 del minimo di quella prevista per l omissione della presentazione della dichiarazione, se questa viene presentata con ritardo non superiore a 90 giorni. Il decreto governativo anti-crisi del 29 novembre 2008 ha ridotto la sanzione da ravvedimento operoso, stabilendo le seguenti nuove misure: 2,5% (1/12 del 30%) se il versamento viene eseguito entro i 30 gg. dalla scadenza, oltre gli interessi legali del 3% su base annua; 3% (1/10 del 30%) se il versamento viene eseguito oltre i 30 gg. dalla scadenza, ma entro la dichiarazione relativa all anno nel corso del quale la violazione è stata commessa, (entro il 30/09/2010), oltre gli interessi legali del 3% su base annua; 21,00 (1/12 del minimo) per la presentazione tardiva della dichiarazione, se presentata con ritardo non superiore a 90 giorni. Il codice tributo per pagare la sanzione è l 8904, mentre quello per gli interessi è il 1991 (la separata indicazione degli interessi nel modello F24 rappresenta una delle novità introdotte dalla A.E. con risoluzione n. 109/E del 22/05/2007). Condizione affinchè si possa applicare il ravvedimento operoso è la contestuale regolarizzazione del tributo nonché delle sanzioni ridotte e degli interessi moratori calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera; che non siano già state contestate le violazioni o non siano iniziate ispezioni, accessi o verifiche delle quali l autore della violazione o i soggetti solidalmente obbligati abbiano avuto formale conoscenza. SANZIONI PER UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DI CREDITI INESISTENTI Il decreto anti-crisi (D.L. 185/2008 art. 27) ha introdotto una specifica sanzione dal 100% al 200% per l utilizzo di crediti inesistenti, nonché l allungamento dei termini entro i quali l Ufficio può emettere l atto di recupero. La nuova norma esplica i suoi effetti per le violazioni commesse dal 29 novembre 2008, con una sanzione che passa dal 30% ad una nuova misura variabile dal 100% al 200%, per chi utilizza crediti annuali o periodici inesistenti. Rimane impregiudicata la possibilità di ricorrere all istituto del ravvedimento operoso nei termini e nelle modalità previsti dall art. 13 del D.Lgs. 472/1997. Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

9 REATI PENALI Il D.L. 223/2006 ha introdotto una nuova fattispecie di reato fiscale, introdotto nell art. 10-ter della L. 74/2000 che prevede la reclusione da 6 mesi a due anni per chi si è reso responsabile della violazione dell omesso versamento del saldo Iva annuale per un ammontare superiore a ,00. Il reato non si concretizza laddove l ammontare dell Iva sia versata entro il termine di pagamento dell acconto, riferito all anno di presentazione della dichiarazione annuale, ossia nello specifico, entro il 28/12/2009 (termine così slittato al lunedì successivo dato che il 27/12 cade di domenica); non comporta quindi una fattispecie delittuosa la circostanza che il versamento, sia pure oltre i termini di legge, avvenga entro tale data. CREDITO IVA NELLE SOCIETA DI COMODO Il co.15 dell art. 35 del D.L. 223/2006 prevede che l eccedenza del credito Iva annuale per le società di comodo non è ammessa al rimborso, né può essere compensata con altri debiti e neppure essere oggetto di cessione, ma è ammessa la sola detrazione interna (o verticale) Iva da Iva in sede di liquidazione, a condizione che lo stato di non operatività perduri per un periodo fino a tre periodi di imposta consecutivi. In concomitanza delle seguenti due condizioni: la società sia risultata non operativa per tre periodi di imposta consecutivi ed anche non abbia effettuato, nel stesso triennio, operazioni rilevanti ai fini Iva per un importo almeno pari a quello risultante dalla applicazione delle percentuali per i ricavi minimi, è prevista la perdita definitiva del credito Iva annuale. RIFERIMENTI LEGISLATIVI E MODULISTICA D.P.R. 633 del 26/10/72; circolare 44/E del 15/11/2004. La modulistica è disponibile sul sito dell Agenzia delle Entrate: Studio Ansaldi srl corso piave 4, Alba (CN) La riproduzione con qualsiasi mezzo è vietata. Tutti i diritti sono riservati. Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI NORMATIVA e APPROFONDIMENTI GUIDA PRATICA LA DICHIARAZIONE ANNUALE DELL I.V.A. PER L ANNO 2009 Febbraio 2010 - DICHIARAZIONE MODELLO IVA 2010 - La presente guida pratica ha lo scopo di approfondirne la

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

COMUNICAZIONE E DICHIARAZIONE ANNUALE IVA 2012 Periodo d imposta 2011

COMUNICAZIONE E DICHIARAZIONE ANNUALE IVA 2012 Periodo d imposta 2011 STUDI DI AVVOCATI E COMMERCIALISTI COMUNICAZIONE E DICHIARAZIONE ANNUALE IVA 2012 Periodo d imposta 2011 1. PREMESSA A decorrere dal periodo di imposta 2010 la compensazione mediante mod. F24 relativa

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA 2010

DICHIARAZIONE IVA 2010 SOMMARIO FILMATO VideoFisco 20.01.2010 Info al n. 0376-775130 SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI CASI PARTICOLARI NOVITÀ NELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO DICHIARAZIONE IVA 2010 Provv. Ag. Entrate 15.01.2010 - D.P.R.

Dettagli

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 52 17.02.2014 IVA: rimborso credito 2013 Normativa e procedure operative Categoria: Iva Sottocategoria: Rimborso Per i soggetti che si trovano

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. DICHIARAZIONE IVA Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 11 del 27 gennaio 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: COMUNICAZIONA ANNUALE DATI IVA Scade il prossimo 28 febbraio il termine per trasmettere telematicamente la Comunicazione annuale

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL MOD. IVA 2016 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL MOD. IVA 2016 PAG. 2 CIRCOLARE N. 03 DEL 20/01/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL MOD. IVA 2016 PAG. 2 IN SINTESI: L Agenzia delle Entrate ha recentemente emanato il Provvedimento di

Dettagli

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Ai Gentili Clienti IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Di seguito si illustrano per sommi capi gli aspetti principali dei suddetti adempimenti. Scadenze Comunicazione Iva Presentazione 28/02/2013 Dichiarazione

Dettagli

Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88

Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88 Pb-(mod_09_I_Ed_02_Rev_01 / g:segreteria 2005\CIRCOLARI\AM SERVIZI\gest rimb iva.doc / 14/02/05) Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88 AGLI ENTI ASSOCIATI FR/ FISCO ENTI PUBBLICI ECONOMICI

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA 2013 e COMUNICAZIONE ANNUALE DATI NOVITÀ

DICHIARAZIONE IVA 2013 e COMUNICAZIONE ANNUALE DATI NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 4/2013 del 7 febbraio 2013 DICHIARAZIONE IVA 2013 e COMUNICAZIONE ANNUALE DATI NOVITÀ In questa Circolare 1. Dichiarazione Iva 2013 Principali novità 2. Modello

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

CIRCOLARE n. 27 del 18/12/2014 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2014

CIRCOLARE n. 27 del 18/12/2014 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2014 CIRCOLARE n. 27 del 18/12/2014 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2014 INDICE 1. PREMESSA 2. METODO STORICO 3. METODO PREVISIONALE 4. METODO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE 5. SOGGETTI ESONERATI DAL VERSAMENTO

Dettagli

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S G P P N D R P L S MODELLO IVA 0 Periodo d imposta 0 QUADRO VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELLA IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI Sez. - Conferimenti di prodotti agricoli e cessioni

Dettagli

Acconto Iva al 27 dicembre 2013

Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero 237/2013 Pagina 1 di 10 Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero : 237/2013 Gruppo : IVA Oggetto : ACCONTO IVA Norme e prassi : ART. 6, LEGGE N. 405/90; RISOLUZIONE AGENZIA ENTRATE N. 157/2004. Sintesi

Dettagli

IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Circolare N. 24 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 29 marzo 2011 IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE In presenza dei necessari requisiti il credito IVA maturato in periodi

Dettagli

CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013

CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013 \ CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013 INDICE 1. COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA RELATIVA AL 2013 1.1 SOGGETTI OBBLIGATI 1.2 SOGGETTI ESCLUSI

Dettagli

Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi

Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi Il Punto sull Iva Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi Premessa Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate di data 15 gennaio 2010

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA Dott. Renato Portale per DICHIARAZIONE ANNUALE IVA La dichiarazione annuale consente la liquidazione definitiva del debito o del credito del contribuente consiste nella comunicazione della somma algebrica

Dettagli

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA posta@.com Altavilla Vicentina, 9 gennaio 2008 associati tirocinanti viviana gentile gaia peloso collaboratori giovanna guerra Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Ai gentili Clienti Loro sedi Scade

Dettagli

Fiscal News N. 37. Adempimenti IVA e operazioni straordinarie. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014

Fiscal News N. 37. Adempimenti IVA e operazioni straordinarie. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 37 03.02.2014 Adempimenti IVA e operazioni straordinarie Le modalità di presentazione della dichiarazione IVA nel caso di trasformazioni sostanziali

Dettagli

4.2.11 QUADRO VX DETERMINAZIONE DELL IVA DA VERSARE O DEL CREDITO D IMPOSTA

4.2.11 QUADRO VX DETERMINAZIONE DELL IVA DA VERSARE O DEL CREDITO D IMPOSTA 4.2.11 QUADRO VX DETERMINAZIONE DELL IVA DA VERSARE O DEL CREDITO D IMPOSTA Il quadro VX contiene i dati relativi all IVA da versare o all IVA a credito e deve essere compilato esclusivamente dai contribuenti

Dettagli

ADEMPIMENTI DEL CONTRIBUENTE. La dichiarazione annuale 2016 anno d imposta 2015

ADEMPIMENTI DEL CONTRIBUENTE. La dichiarazione annuale 2016 anno d imposta 2015 ADEMPIMENTI DEL CONTRIBUENTE La dichiarazione annuale 2016 anno d imposta 2015 pagina 1 di 16 La dichiarazione annuale IVA Consente la liquidazione definitiva del debito o del credito del contribuente

Dettagli

Modello IVA TR. Modalità di compilazione per la richiesta di rimborso (o utilizzo in compensazione) del credito IVA Trimestrale.

Modello IVA TR. Modalità di compilazione per la richiesta di rimborso (o utilizzo in compensazione) del credito IVA Trimestrale. Modello IVA TR Modalità di compilazione per la richiesta di rimborso (o utilizzo in compensazione) del credito IVA Trimestrale scadenze & more Ai sensi dell articolo 38-bis del DPR 633/1972, la richiesta

Dettagli

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso Con un apposito provvedimento il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha approvato un nuovo modello di garanzia per la richiesta di rimborso dell

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI L aliquota IVA al % e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L ALIQUOTA IVA AL % E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOVITÀ: L art., comma -bis, D.L. n. 8/0, c.d. Manovra di Ferragosto ha aumentato

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

Circolare n. 2 del 5 febbraio 2014

Circolare n. 2 del 5 febbraio 2014 Circolare n. 2 del 5 febbraio 2014 Comunicazione dati Iva relativa al 2013 1. Premessa 2. Soggetti obbligati alla presentazione 3. Soggetti esonerati dalla presentazione 4. Casi particolari di presentazione

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico.

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. INFORMATIVA N. 3 / 2014 Ai gentili Clienti dello Studio COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ; Verifica e predisposizione

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Scade il prossimo 28 febbraio 2013 il termine per trasmettere esclusivamente in via telematica la Comunicazione annuale dei dati Iva

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

Utilizzo del credito infrannuale

Utilizzo del credito infrannuale Rimborsi Utilizzo del credito infrannuale di Ciro D Ardìa L adempimento Oggetto Presentazione del modello per la richiesta di rimborso/compensazione del credito IVA infrannuale. Soggetti interessati Contribuenti

Dettagli

Circolare per il professionista

Circolare per il professionista Circolare per il professionista Circolare n. 1 del 29 gennaio 2014 Comunicazione dati IVA relativa al 2013 - Modalità e termine di presentazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti obbligati alla presentazione...

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

Il Punto sull Iva. Le novità della dichiarazione Iva 2008 a cura di Francesco Facchini

Il Punto sull Iva. Le novità della dichiarazione Iva 2008 a cura di Francesco Facchini Il Punto sull Iva Le novità della dichiarazione Iva 2008 a cura di Francesco Facchini Premessa Nel presente intervento verranno esaminate le novità della dichiarazione Iva 2008 da inviare esclusivamente

Dettagli

INDICE GUIDA OPERATIVA

INDICE GUIDA OPERATIVA GUIDA OPERATIVA MODELLI DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA 1 Premessa 1 Novità 1 Soggetti che presentano la dichiarazione IVA in via autonoma 3 Struttura dei modelli 3 Modalità e termini di presentazione della

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Con Provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15.1.2016 sono state aggiornate le istruzioni

Dettagli

Credito IVA: rimborsi e compensazione

Credito IVA: rimborsi e compensazione Sandra Migliaccio Agenzia delle Entrate - DR Piemonte, Ufficio Fiscalità Generale Credito IVA: rimborsi e compensazione 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del credito IVA annuale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011

RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 Con la presente informativa, si ricordano ai clienti le regole generali per chiedere il rimborso del credito IVA 2011. Dallo scorso anno a seguito

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI Circolare nr.03/2015 Ai sig.ri Clienti E loro sedi ULTIME NOVITÀ FISCALI Diritto CCIAA 2015 Decreto Ministero Sviluppo economico 8.1.2015 Tremonti-quater Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E È stato

Dettagli

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 U.O. Contrattualistica e Fiscalità - Dr.ssa Raffaella Scurati DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA modello 770 semplificato modello 770

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 Normativa comunitaria e normativa nazionale L imposta sul valore aggiunto è disciplinata da leggi nazionali che sono subordinate alle direttive comunitarie. Queste

Dettagli

Le principali novità della dichiarazione IVA 2013 - Esame dei casi particolari

Le principali novità della dichiarazione IVA 2013 - Esame dei casi particolari Le principali novità della dichiarazione IVA 2013 - Esame dei casi particolari Con il Provvedimento datato 15 gennaio 2013, provvedimento emanato in base a quanto viene previsto dall articolo 8 del D.P.R.

Dettagli

INDICE GUIDA OPERATIVA

INDICE GUIDA OPERATIVA INDICE GUIDA OPERATIVA MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA RELATIVI ALL ANNO 2012 1 Premessa 1 Novità 1 Soggetti che presentano la dichiarazione IVA in via autonoma 2 Struttura dei modelli 3 Modalità e termini

Dettagli

Dichiarazione Iva 2012: focus sulle novità

Dichiarazione Iva 2012: focus sulle novità Numero 22/2012 Pagina 1 di 7 Dichiarazione Iva 2012: focus sulle novità Numero : 22/2012 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE PROTOCOLLO N. 2012/5810

Dettagli

1. MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA RELATIVI ALL ANNO 2015 ISTRUZIONI GENERALI

1. MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA RELATIVI ALL ANNO 2015 ISTRUZIONI GENERALI genzia ntrate IVA Dichiarazione IVA 2016 Periodo d imposta 2015 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 1. MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA RELATIVI ALL ANNO 2015 ISTRUZIONI GENERALI Premessa Principali modifiche ai

Dettagli

INDICE. 5.2.1 Documentazione che l intermediario deve rilasciare al dichiarante... 8 5.2.2 Attestazione di ricevimento della comunicazione...

INDICE. 5.2.1 Documentazione che l intermediario deve rilasciare al dichiarante... 8 5.2.2 Attestazione di ricevimento della comunicazione... Informativa - ONB Comunicazione dati IVA relativa al 2013 - Modalità e termine di presentazione INDICE 1 Premessa... 3 2 Soggetti obbligati alla presentazione... 3 3 Soggetti esonerati dalla presentazione...

Dettagli

MODELLO IVA 2010 Periodo d imposta 2009

MODELLO IVA 2010 Periodo d imposta 2009 CODICE FISCALE MODELLO IVA 2010 Periodo d imposta 2009 MODELLO VR/2010 RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO AL 2009 CONTRIBUENTE Cognome, denominazione o ragione sociale Nome Data di nascita

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011 Informativa n. 22 del 16 giugno 2011 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

Comunicazione dati IVA relativa al 2013

Comunicazione dati IVA relativa al 2013 Circolare n. 4 del 06 febbraio 2014 Comunicazione dati IVA relativa al 2013 INDICE 1 Premessa... 3 2 Soggetti obbligati alla presentazione... 3 3 Soggetti esonerati dalla presentazione... 3 3.1 Contribuenti

Dettagli

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 3 del decreto legislativo 30 giugno 003 n.

Dettagli

Raccolta dati per compilazione Dichiarazione IVA 2014

Raccolta dati per compilazione Dichiarazione IVA 2014 Periodico informativo n. 25/2014 Raccolta dati per compilazione Dichiarazione IVA 2014 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che Lo Studio è a disposizione per la compilazione e l invio telematico

Dettagli

IVA 2014 Dichiarazione annuale relativa al periodo d imposta 2013

IVA 2014 Dichiarazione annuale relativa al periodo d imposta 2013 n 07 del 14 febbraio 2014 circolare n 149 del 13 febbraio 2014 referente BERENZI/mr IVA 2014 Dichiarazione annuale relativa al periodo d imposta 2013 Con il provvedimento del direttore dell'agenzia delle

Dettagli

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015.

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. 15 Martedì IVA Fatturazione differita: scade il termine per l emissione

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

LA DICHIARAZIONE IVA NELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. a cura di Federica Furlani

LA DICHIARAZIONE IVA NELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. a cura di Federica Furlani LA DICHIARAZIONE IVA NELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE a cura di Federica Furlani Nel caso di operazioni straordinarie o altre trasformazioni sostanziali soggettive, quali: - fusione, - scissione, - conferimento,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO A cura di Sabrina Arcangeli Ufficio Controlli Fiscali e Tiziana Sabattini Area di Staff Relazioni Esterne. Riff.

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA E COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA NOVITÀ

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA E COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n.4 del 05 febbraio 2015 DICHIARAZIONE ANNUALE IVA E COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA NOVITÀ In questa Circolare 1. Modelli Iva 2015 Approvazione 2. Dichiarazione annuale

Dettagli

CHIARIMENTI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA

CHIARIMENTI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA Dottori commercialisti revisori contabili dott. Roberto Bozzo dott. Giovanni Beniscelli In collaborazione con: dott. Giovanni Battista Raggi dott. Luca Leone Avvocati In collaborazione con: avv. Dante

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Dott. M A U R O R O V I D A 16128 GENOVA - Via Corsica 2/18 Dott. F R A N C E S C A R A P E T T I Telef.: +39 010 876.641 Fax: +39 010 874.399 Dott. L U C A

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 28 Ottobre 2013 Oggetto: Circolare n. 35/2013 del 28 Ottobre

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

Abolita la Comunicazione annuale dati IVA

Abolita la Comunicazione annuale dati IVA Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 307 29.10.2014 D.D.L. di Stabilità 2015: Dichiarazione IVA entro Febbraio Abolita la Comunicazione annuale dati IVA Categoria: IVA Sottocategoria:

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 8 del 26 gennaio 2011 Novità in materia di rimborsi, dichiarazioni e comunicazioni dati IVA INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuove modalità di presentazione delle richieste

Dettagli

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 3 del decreto legislativo 30 giugno 003 n.

Dettagli

1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012

1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 Circolare n. 3/2013 Pagina 1 di 10 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 3/2013 del 25 gennaio 2013 1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO

Dettagli

CIRCOLARE PERIODICA SULLE PROBLEMATICHE FISCALI E TRIBUTARIE

CIRCOLARE PERIODICA SULLE PROBLEMATICHE FISCALI E TRIBUTARIE CIRCOLARE PERIODICA SULLE PROBLEMATICHE FISCALI E TRIBUTARIE SOMMARIO I modelli per la dichiarazione IVA 2008 - Premessa - Presentazione - Regime di reverse charge - Rimborso dei crediti - Classificazione

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

Rimborso IVA secondo trimestre: istanza entro martedì 31 luglio 2012

Rimborso IVA secondo trimestre: istanza entro martedì 31 luglio 2012 N. 308 del 25.07.2012 La Memory A cura di Mauro Muraca Rimborso IVA secondo trimestre: istanza entro martedì 31 luglio 2012 Entro il prossimo 31 luglio 2012, i contribuenti interessati ad ottenere il rimborso

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015)

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015) Circolare n. 1/2015 Pagina 1 di 9 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2015 del 23 gennaio 2015 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento Comunicazione del 27/03/2014 SPESOMETRO 2014 Gentili Clienti, il 10 aprile 2014, per i soggetti che effettuano la liquidazione IVA mensile e il 22 aprile 2014, per gli altri soggetti, scade il termine

Dettagli

Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione

Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione Informazioni e dati preliminari - frontespizio Contribuente I dati anagrafici sono aggiornati? Verificare (soggetti diversi dalle persone fisiche):

Dettagli

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 17 20.01.2014 Credito Iva 2013 Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione L utilizzo in compensazione orizzontale del credito IVA

Dettagli

Bozza del 21/12/2011. genzia. ntrate IVA BASE. Dichiarazione IVA BASE 2012 Periodo d imposta 2011 MODULISTICA

Bozza del 21/12/2011. genzia. ntrate IVA BASE. Dichiarazione IVA BASE 2012 Periodo d imposta 2011 MODULISTICA Bozza del //0 genzia ntrate IVA BASE Dichiarazione IVA BASE 0 Periodo d imposta 0 MODULISTICA Bozza del //0 MODELLO IVA BASE 0 Periodo d imposta 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 17 Dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI Il Decreto Legislativo 21 novembre 2014 nr. 175, cosiddetto Semplificazione fiscale e dichiarazione dei

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

ADEMPIMENTI DI INIZIO ANNO

ADEMPIMENTI DI INIZIO ANNO Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

STRUMENTI DI LAVORO. Comunicazione annuale IVA

STRUMENTI DI LAVORO. Comunicazione annuale IVA STRUMENTI DI LAVORO Comunicazione annuale IVA 1. SINTESI DELL ARGOMENTO Entro il 28.02.2015 va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione annuale dati IVA relativa al 2014. Nella Comunicazione

Dettagli