GREEN PROCUREMENT. OBIETTIVI, CRITERI E PRINCIPALI ESPERIENZE IN ATTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GREEN PROCUREMENT. OBIETTIVI, CRITERI E PRINCIPALI ESPERIENZE IN ATTO"

Transcript

1

2 ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE Serie Ambiente GREEN PROCUREMENT. OBIETTIVI, CRITERI E PRINCIPALI ESPERIENZE IN ATTO LUCA ANDRIOLA MARIA DI SAVERIO PIERLUIGI MANZIONE MARIA PEZONE ENEA Centro Ricerche Casaccia, Roma RT/PROT/2003/2 1

3 Luca Andriola Viale Gorizia 52, Roma Telefono 06/ Telefax 06/ I contenuti tecnico-scientifici dei rapporti tecnici dell ENEA Rispecchiano l opinione degli autori e non necessariamente quelli dell Ente. 2

4 GREEN PROCUREMENT OBIETTIVI, CRITERI E PRINCIPALI ESPERIENZE IN ATTO Riassunto Il volume d affari degli appalti pubblici ha assunto, da diversi anni, dimensioni sempre più consistenti, muovendo ingenti risorse economiche e interessando ampi segmenti di mercato. Si è pertanto sviluppata un attenzione particolare per tale settore, in quanto si è capito che una scelta consapevole degli acquisti può avere ricadute dirette e indirette sull ambiente. Una pubblica amministrazione che acquista prodotti ambientalmente preferibili, cioè con caratteristiche di sostenibilità ambientale, contribuisce in maniera incisiva allo sviluppo sostenibile. Le amministrazioni pubbliche e gli altri soggetti cui si applicano le direttive sugli appalti pubblici costituiscono un'importante categoria di consumatori. Con le loro spese, che ammontano ad oltre 1000 miliardi di euro, possono contribuire in modo sostanziale ad uno sviluppo "sostenibile". Consapevoli di tale responsabilità, alcuni Stati membri hanno già adottato iniziative per introdurre la dimensione ambientale negli appalti pubblici a livello nazionale e locale, il cosiddetto Green Public procurement. Il presente rapporto, pertanto, analizza in via preliminare alcuni indicatori di criteri ambientali che le Pubbliche Amministrazioni possono adottare nelle fasi di acquisto dei prodotti. Presenta inoltre casi di Enti locali, italiani ed europei, che hanno introdotto, con successo, nei loro acquisti criteri ambientali. GREEN PROCUREMENT OBJECTIVES, PRINCIPLES AND MAIN EXPERIENCES Abstract The volume of business of public contracts in recent years has acquired grown increasingly, moving huge economic resources and affecting large segments of the market. Special attention has been devoted to that sector, as it is now clear that an aware choice in purchasing can have direct and indirect consequences on environment. A Public Administration that purchases environmentally preferable products, i.e., with characteristics of environmental sustainability, highly contributes to sustainable development. Public Administrations and other actors to whom directives on public contracts are applied represent an important category of consumers. With their expenses, that amount to 1000 billiard Euros, they can greatly contribute to sustainable development. Aware of such responsibility, some Member States have already adopted initiatives to introduce an environmental dimension in the public contracts, at a national and local level, the so called Green Public procurement. This report analyses, first of all, some indicators of environmental criteria that Public Administrations can adopt in the phases of products purchasing. It also presents some cases of Italian and European Local Authorities, that have successfully introduced environmental criteria in their purchases. Keyword: Green Public Procurement, Environment Management System, Life Cycle Assessment, Ecolabel, Integrated Policy Product, Agenda XXI. 3

5 INDICE 1. IL GREEN PUBLIC PROCUREMENT Analisi degli acquisti verdi nella Pubblica Amministrazione 2. Il BIG NET : LA RETE DI COMUNI CHE ACQUISTANO VERDE Strumenti utili all individuazione di prodotti ambientalmente preferibili 3. IL GREEN PUBLIC PROCUREMENT: LE PRINCIPALI ESPERIENZE NELL UNIONE EUROPEA L esperienza di Dunkerque in Francia L esperienza di Kolding in Danimarca L'esperienza di Pori in Finlandia L'esperienza di Gòteborg in Svezia 4. IL GREEN PUBLIC PROCUREMENT: PRINCIPALI ESPERIENZE IN ITALIA L'esperienza di Ferrara 4.2 Le prime esperienze di Torino, Reggio Emilia e Trento 5. LA PROCEDURA CONSIP IN ITALIA 6. CONCLUSIONI 7. BIBLIOGRAFIA 4

6 1. IL GREEN PUBLIC PROCUREMENT Da alcuni anni in tutto il mondo si stanno moltiplicando le esperienze maturate da enti pubblici che, per i propri approvvigionamenti, esigono prodotti "ambientalmente preferibili", cioè con caratteristiche di sostenibilità ambientale superiore a quelle dei concorrenti. Il fenomeno, denominato green public procurement, rappresenta un importante strumento di applicazione dei programmi di sviluppo sostenibile, e risulta particolarmente interessante sia da un punto di vista economico che sul piano dell impatto sociale. Sul fronte economico gli "acquisti verdi", in ambito pubblico, investono un consistente segmento di mercato: quello degli appalti e delle commesse degli enti locali, in grado di muovere risorse economiche nel nostro paese, secondo stime del 1998, pari ad almeno mille miliardi di euro l'anno, cioè il 17% del P.I.L. (in Europa siamo al 14%, ma si arriva al 18% se si comprendono anche Svezia e Danimarca, che contribuiscono ad innalzare la media rispettivamente con il 24 e il 25%). Basti ricordare la quantità e la varietà dei prodotti utilizzati dalle strutture della pubblica amministrazione, sia centrali sia periferiche: dagli autoveicoli ai detergenti, dai generi alimentari ai farmaci, dagli altri beni di largo consumo ai servizi di pubblica utilità (energia, acqua, ecc.). Tale mercato, le cui rilevanti dimensioni sono dimostrabili dalle cifre, appare addirittura sottostimato se si considera che gli appalti, pur interessando prevalentemente il prodotto finale, possono avere ricadute dirette o indirette sulla progettazione e sull esecuzione dei lavori. L ente appaltante, infatti, ha l opportunità di tener conto delle esigenze ambientali nell'intero ciclo di vita del bene, cioè dalla fase della progettazione al prodotto finale. Si può affermare, pertanto, che rendere "più verdi" gli appalti pubblici costituisce un passaggio obbligato per rendere più incisivo lo sviluppo sostenibile. Adottare pratiche di green public procurement assicura non solo processi di riorganizzazione del settore acquisti, con la conseguente e immediata riduzione dei costi, ma, più in generale, contribuisce a razionalizzare le fasi di uso, smaltimento e riciclo dei prodotti, con ricadute positive per l intera filiera economica. L'esempio più comune è quello della lampadina ad alta efficienza energetica: in tale caso ad una maggior spesa iniziale segue una migliore "performance" del prodotto e del servizio, con la conseguenza di un notevole beneficio economico. In altri casi ad una spesa iniziale più alta fa seguito un costo di gestione più basso. Infine l'acquisto di un prodotto ambientalmente preferibile può contribuire a ridurre la quantità di rifiuti e le emissioni nocive per l'uomo, portando ad un maggior controllo dei costi sociali che ricadono sull'intera comunità. Forte di questa consapevolezza, la Commissione europea, negli ultimi anni, ha rivolto il suo impegno anche a chiarire le possibilità di tener conto delle considerazioni ambientali negli appalti pubblici offerte dalla legislazione vigente. Lo ha fatto, con la Comunicazione interpretativa del 4 luglio , nella quale viene fornito un primo supporto interpretativo del diritto comunitario su tali temi. La comunicazione, che si occupa degli appalti di lavori, dei servizi e delle forniture, mette in luce le possibilità che la legislazione comunitaria vigente offre alle pubbliche autorità di integrare le considerazioni di carattere ambientale nella loro politica degli appalti e di contribuire in tal modo ad uno sviluppo sostenibile. Inoltre, richiamando la Strategia europea per lo sviluppo sostenibile presentata a Goteborg nel giugno 2001, gli Stati membri vengono sollecitati a valutare come possono essere utilizzati gli appalti pubblici per favorire quanto più possibile la diffusione di prodotti e servizi compatibili con l ambiente. 1 Documento COM (2001) 274 Definitivo 5

7 La Comunicazione interpretativa è il risultato di una attenta analisi della legislazione comunitaria vigente in materia di appalti pubblici, finalizzata ad estrarne ogni possibile considerazione ambientale. Infatti se da un lato è vero che le direttive europee sugli appalti pubblici non contengono alcun riferimento esplicito alla tutela dell ambiente, dall altro lato il diritto comunitario può offrire numerose possibilità ai committenti pubblici desiderosi di tener conto delle considerazioni ambientali nelle procedure di appalto. Ad ogni modo qualsiasi interpretazione a direttive sugli appalti pubblici e ogni considerazione integrativa ad esse (cosa possibile specie nelle fasi di definizione delle prescrizioni tecniche e dei criteri di selezione e di aggiudicazione di un appalto, che di seguito verranno esaminate), devono essere date tenendo ben presenti quelli che sono i principi fondamentali del trattato istitutivo della Comunità Europea in tema di mercato interno, in particolar modo: la libera circolazione delle merci e libera prestazione dei servizi; la non discriminazione e, quindi, il riconoscimento reciproco; la proporzionalità (in una gara d appalto i criteri di selezione devono essere adeguati ovvero "proporzionati" rispetto all obiettivo generale che si vuole raggiungere). Anche nel caso in cui uno Stato membro decida di disciplinare gli appalti pubblici non applicando le direttive comunitarie, ma norme nazionali offrendo possibilità, agli enti aggiudicatori, di tener conto di esigenze di tutela ambientale, è comunque tenuto a rispettare i principi del trattato su menzionato. 1.1 Analisi degli acquisti verdi nella Pubblica Amministrazione La prima situazione che prevede di tener conto di considerazioni ambientali in relazione ad un appalto pubblico è il momento della scelta dell oggetto dell appalto, in quanto le Direttive non contengono nessuna prescrizione in merito, cioè sono neutrali rispetto all oggetto dell appalto. La Comunicazione interpretativa sottolinea come gli appalti di lavori non riguardino unicamente il prodotto finale (l'opera), ma anche la loro progettazione e la loro esecuzione e come sia proprio la fase della progettazione ad offrire agli enti appaltanti le migliori opportunità per tener conto delle esigenze ambientali. Per cui gli appalti di lavori, oltre al rilevante peso quantitativo, finiscono per incidere notevolmente anche nella "qualità" delle scelte. Ad esempio, nella costruzione di edifici per la Pubblica Amministrazione si possono richiedere, sin dalla progettazione, consumi particolarmente ridotti di energia; si può prevedere l'orientamento dello stabile in maniera da ridurre l'illuminazione artificiale; la collocazione degli ascensori in modo da disincentivarne l'uso; il consistente utilizzo di materiali isolanti e l'installazione di pannelli solari. Inoltre l ente appaltante può imporre obblighi, in prossimità del luogo di costruzione o in fase di esecuzione, per quanto riguarda il consumo di energia e di acqua o la gestione dei rifiuti. Per determinate categorie di appalti di lavori, la normativa comunitaria impone l'obbligo di effettuare, prima di decidere l'esecuzione dei lavori, una Valutazione dell'impatto Ambientale. Tale obbligo, imposto dalla legislazione ambientale e non dalle direttive sugli appalti pubblici, influenza la scelta degli enti appaltanti. Le autorità competenti dovranno poi tener conto dei risultati della V.I.A. "Valutazione Impatto Ambientale" nel decidere se concedere o no l autorizzazione alla realizzazione di un opera. Gli appalti di servizi, come per quelli di lavori, implicano la possibilità di prescrivere determinate modalità di esecuzione. Ad esempio, in un appalto di servizi per le pulizie o per l'alimentazione dei mezzi di trasporto pubblico si può unicamente esigere l uso di prodotti a basso impatto ambientale. Viceversa, per gli appalti di forniture, cioè per l'acquisto di prodotti finali, le possibilità di tener conto dei criteri ambientali non sono così ampie come per gli appalti di lavori e servizi. 6

8 Secondo il principio della trasparenza, le Amministrazioni Pubbliche aggiudicatrici hanno l obbligo di precisare, nei documenti relativi ad ogni appalto, tutte le caratteristiche tecniche (cosiddette "specifiche") dell oggetto del contratto in modo tale che esso risponda, in maniera obiettiva e misurabile, all uso cui è destinato. Le P.A. possono quindi prescrivere le caratteristiche dei materiali di base da utilizzare; possono prescrivere l uso di un particolare procedimento di produzione se questo contribuisce a precisare le caratteristiche del prodotto o del servizio; possono definire, nel capitolato d oneri, le condizioni minime che devono essere rispettate dalle "varianti" proposte dagli offerenti, per verificare quale opzione è più compatibile con l obiettivo qualità/prezzo, visto che i prodotti e i servizi meno dannosi per l ambiente possono essere più costosi rispetto agli altri; possono ispirarsi ai criteri per l assegnazione del marchio ecologico se non esistono norme vincolanti nel definire le specifiche. Tale marchio, introdotto nel 1992 con il Regolamento n e recentemente modificato con il Regolamento n 1980/2000 3, segnala ai consumatori "i prodotti potenzialmente in grado di ridurre alcuni impatti ambientali negativi rispetto ad altri prodotti dello stesso gruppo". L assegnazione del marchio viene effettuata tramite una valutazione da parte di un Organismo Competente - in Italia il Comitato Ecolabel-Ecoaudit - basata su criteri ecologici definiti attraverso l analisi del ciclo di vita del prodotto stesso. Per ogni tipologia di prodotto vengono individuati tutti gli impatti ambientali generati nelle varie fasi: dall estrazione delle materie prime alla produzione, dal consumo/erogazione allo smaltimento. Le categorie di prodotti già etichettabili sono: lavatrici, frigoriferi, lavastoviglie, personal computer, lampadine elettriche, carta per fotocopie, igienica, da cucina, fazzoletti, vernici, ammendanti organici, detersivi per lavatrici e lavastoviglie, calzature, prodotti tessili, televisori, coperture per pavimenti, materassi. Sono in via di definizione i criteri di etichettatura per: aspirapolveri, detersivi per la casa e per piatti. In Europa, al maggio 2001, erano circa 300 i prodotti che potevano fregiarsi dell Ecolabel europeo. Il nuovo Regolamento n 1980/2000 prevede l ampliamento del campo di applicazione dell Ecolabel europeo ai servizi: il primo settore per il quale saranno sviluppati i criteri è quello turistico. In tema di selezione dei candidati all appalto pubblico è possibile estrapolare, dalla normativa comunitaria, considerazioni di tipo ambientale. Infatti gli enti aggiudicatori hanno la possibilità di escludere un candidato dalla partecipazione all appalto qualora sia stato condannato, con sentenza passata in giudicato, per aver commesso un "reato ecologico" (se l inosservanza di norme in materia ambientale sia qualificata dalla legge come tale: esempio art. 325 del Codice Penale spagnolo). L ente aggiudicatore può altresì operare una selezione per individuare la capacità tecnica dei candidati: richiedendo, ad esempio, una determinata esperienza specifica in campo ambientale (si pensi ad un appalto per la costruzione di un impianto di smaltimento dei rifiuti), o richiedendo l adesione ad un Sistema di Gestione Ambientale (ISO 14001, EMAS) quale mezzo di prova delle capacità tecniche (esplicitamente menzionato nel bando). Quanto alla fase di aggiudicazione dell appalto, se essa viene fatta in base a "l offerta economicamente più vantaggiosa", va da sé che, in assenza di considerazioni ambientali esplicitamente menzionate, se venisse dimostrato che un prodotto o un servizio fosse il risultato di un procedimento o di una prestazione a basso consumo energetico, un vantaggio economico per l ente aggiudicatore sarebbe palese, tanto che questi vedrebbe in quel prodotto o quel servizio l offerta più vantaggiosa. Si tratta cioè di considerare i cosiddetti vantaggi economici indiretti facenti parte di esigenze di carattere ambientale esplicitamente menzionate attraverso il ricorso a varianti. 2 Pubblicata in GUCE L 099 del 11/04/ Pubblicata in GUCE L 237/2000 7

9 Un offerta economicamente vantaggiosa è anche quella orientata verso prodotti o servizi per i quali i costi sostenuti dall ente aggiudicatore siano minimizzati considerando il corso dell intera esistenza del prodotto. Tutti i costi che intervengono dopo l acquisto del prodotto sono sostenuti dall ente aggiudicatore ed incidono direttamente sugli aspetti economici del prodotto: si pensi ai costi di trattamento dei rifiuti o di riciclaggio. Una corretta politica di green public procurement, basata sulla valutazione del ciclo di vita del prodotto, consente di scegliere beni con un minor carico inquinante e di intervenire contemporaneamente su più problemi ambientali, considerando tutti gli effetti che i prodotti hanno sull'ambiente durante il ciclo di vita. L ultima fase di esecuzione dell appalto prevede la dettagliata definizione di clausole contrattuali da parte dell ente aggiudicatore. L aggiudicatario dell appalto è tenuto all osservanza di tali clausole, che, per ragioni di trasparenza, devono essere comunicate preventivamente ai candidati. Gli enti aggiudicatori dispongono di un ampia gamma di possibilità per definire clausole contrattuali aventi per oggetto la protezione dell ambiente. Ad esempio: consegna merci in contenitori riutilizzabili; recupero o riutilizzo dei materiali d imballaggio, o dei rifiuti prodotti, da parte del fornitore; trasporto e consegna di prodotti chimici concentrati e loro diluizione sul luogo d impiego; imballaggio all ingrosso anziché per singola unità, ecc. Certamente, anche per la definizione delle clausole, vale il discorso del "rispetto dei principi del diritto comunitario e della conformità alle direttive", come già si è avuto modo di affermare in precedenza. 8

10 2. IL BIG NET : LA RETE DEI COMUNI CHE ACQUISTANO VERDE L'Iclei, Agenzia internazionale ambientale per le Autorità Locali, per sostenere le attività degli enti locali nel campo degli acquisti verdi e per favorire l'interscambio di esperienze tra i responsabili comunali degli acquisti, ha dato vita alla BIG-Net (Buy It Green Network), rete dei Comuni che acquistano prodotti ecosostenibili. Tale network, fondato nel 1996 e ribattezzato nel 2000, è impegnato primariamente nell'assistere le autorità locali interessate ad integrare gli ecoapprovvigionamenti nell Agenda XXI locale, nell'individuare strumenti per l'approvvigionamento verde, nell'assistere l'inclusione di strumenti per l'eco-approvvigionamento e nel discutere il loro utilizzo nelle gare d appalto e all interno dei processi di selezione nonchè nell'indurre una discussione sulle condizioni generali legali per l'approvvigionamento verde con particolare riguardo all uso dei criteri ecologici nella realizzazione delle tecniche d'appalto. BIG-Net organizza ogni anno una o più riunioni plenari e gratuite per i partecipanti al network, finalizzate allo scambio di esperienze, alla preparazione di progetti comuni, alle decisioni sullo sviluppo della rete e alla raccolta delle informazioni più recenti riguardanti argomenti di interesse comune. Oltre a tali riunioni, l'iclei organizza i congressi "EcoProcura" ed esposizioni che si traducono in nuove opportunità per i partecipanti. Di tale network fanno parte 35 enti locali di 19 paesi europei; attualmente la città danese di Kolding presiede BIG-Net, eletta per due anni nel dicembre 2000; mentre per l'italia, aderiscono al network le città di Torino, Ferrara e Firenze. Nell'ambito delle sue variegate azioni di supporto al green public procurement, l'iclei si è segnalata anche per la realizzazione di una guida pratica per gli acquisti verdi. Al primo punto del manuale sono state inserite le scelte dei criteri per individuare i prodotti eco-compatibili che possono vantare un minimo impatto ambientale, anche per evitare che la pubblica amministrazione, nell'individuazione di tali prodotti, si lasci trarre in errore da diciture più di immagine che di contenuto. 2.1 Strumenti utili all individuazione di prodotti ambientalmente preferibili Un primo importante strumento che può essere utilizzato nella fase di scelta di prodotti ecocompatibili è il Life Cycle Assessment (LCA). Tale strumento consiste nella valutazione del ciclo di vita di un prodotto e ne analizza l'impatto ambientale "dalla progettazione alla vendita", tenendo conto dell estrazione di materie prime, della lavorazione, dell imballaggio, del trasporto, dell immagazzinamento e dell'uso finale. Pertanto un prodotto "ambientalmente preferibile" è quello che ha il minimo impatto ambientale lungo la sua intera esistenza. In Italia, basandosi sulla LCA, l'apat (Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici), seguendo un esperienza avviata in Svezia, ha elaborato le linee guida per la "Dichiarazione ambientale di prodotto", documento finalizzato ad informare (ma "non a valutare o giudicare") i potenziali acquirenti sulle prestazione ambientale dei prodotti. Tale dichiarazione viene verificata e convalidata da un Organismo accreditato indipendente. 9

11 Le fasi dell analisi del ciclo di vita del prodotto Definizione degli obiettivi e dei confini dello studio Fase preliminare nella quale vengono definiti le finalità dello studio, i confini e la funzione del sistema, il fabbisogno di dati, le assunzioni ed i limiti. E di fondamentale importanza per chiarire la struttura dello studio, garantirne la ripetibilità e definirne l eventuale possibilità di confronto con uno analogo. L inventario Scopo principale è quello di ricostruire la via attraverso la quale il fluire delle risorse naturali permette il funzionamento del sistema produttivo in analisi, attraverso tutti i processi di trasformazione e di trasporto. L acquisizione delle informazioni relativa ai processi unitari, includendo le componenti di impatto sull ambiente (emissioni liquide, solide e gassose), rappresenta la parte più onerosa e dispendiosa dello studio. L analisi degli impatti In questa fase vengono studiati gli effetti diretti ed indiretti sull ambiente provocati da processi, attività o prodotti, con lo scopo di evidenziare l entità delle modifiche generate a seguito dei rilasci nell ambiente e dei consumi di energia e risorse, rilevati nella fase di inventario. Gli effetti ambientali possono essere suddivisi, a seconda del livello di scala (globale, regionale o locale) Fonte: ABB Interpretazione e Miglioramento E la fase in cui i risultati sia dell analisi di inventario, sia della valutazione di impatto sono sintetizzati, analizzati, controllati e discussi in accordo con l obiettivo dello studio, per giungere a conclusioni ed indicazioni per migliorare le prestazioni ambientali dell oggetto dello studio. Questa fase ha lo scopo di produrre i cambiamenti necessari a ridurre l impatto ambientale dei processi industriali considerati, valutandoli con un processo ciclico (iterativo) che si inquadra in un ottica di miglioramento continuo. Per questo motivo gli obiettivi stabiliti, la natura e la qualità della raccolta dati devono essere continuamente riesaminati, controllando la completezza delle informazioni iniziali, eseguendo analisi di sensibilità e valutando la coerenza dei risultati ottenuti e delle metodologie usate per raggiungerli. Il secondo metodo d'identificazione del "prodotto verde" è l'ecolabel, marchio che qualifica un prodotto come "ambientalmente preferibile" rispetto agli altri concorrenti della sua categoria. Introdotto nel 1992, ha lo scopo di segnalare ai consumatori "i prodotti potenzialmente in grado di ridurre alcuni impatti ambientali negativi rispetto ad altri prodotti dello stesso gruppo". L'Ecolabel è uno strumento volontario al quale possono aderire i produttori di beni, i prestatori di servizi ed i venditori all ingrosso ed al dettaglio. L assegnazione del marchio è effettuata tramite una valutazione da parte di un organismo competente, in Italia il Comitato Ecolabel-Ecoaudit, basata su criteri ecologici definiti attraverso l analisi del ciclo di vita del prodotto stesso. Per ogni tipologia di prodotto vengono individuati tutti gli impatti ambientali generati nelle varie fasi: dall estrazione delle materie prime alla produzione al consumo/erogazione allo smaltimento. Tuttavia l'efficacia del metodo è limitata dal basso numero di prodotti dotati di Ecolabel e dalla presenza sul mercato di molte sedicenti "etichette verdi" che nulla hanno a che fare con gli 10

12 Ecolabel ufficiali: infatti in Europa, al maggio 2001, erano circa 300 i prodotti che potevano fregiarsi dell'ecolabel Europeo. Tra questi: lavatrici, frigoriferi, lavastoviglie, Personal Computer, lampadine elettriche, carta per fotocopie, igienica, da cucina, fazzoletti, vernici, ammendanti organici, detersivi per lavatrici e lavastoviglie, calzature, prodotti tessili, materassi. Alcuni studi effettuati in ambito nazionale 4 consentono di valutare le categorie di beni e servizi che possono essere incluse o inserite tra le forniture o tra gli approvvigionamenti a minore impatto ambientale. Le indicazioni fornite da tali studi possono essere applicate soprattutto in aste pubbliche, licitazioni e trattative private, e prendono in considerazione 14 prodotti (sedie, tavoli, computer, stampanti, fotocopiatrici, carta per fotocopiatrici e stampanti, gasolio, gpl, lubrificanti, pneumatici, autovetture, autocarri, cassonetti e campane per la raccolta differenziata, calzature) nonchè la fornitura di alcuni servizi di cui vengono analizzate le problematiche ambientali per l acquisto dei prodotti che, a parità di prestazioni, nuocciono meno all'ambiente. Tale elenco di prodotti potrebbe essere allargato in quanto non comprende categorie (ad esempio: lampadine, vernici, carta tessuto, prodotti tessili, ammendanti) che già possono essere etichettate con l'ecolabel europeo, offrendo una possibilità di scelta compatibile facilmente identificabile. Tali studi partono dalla considerazione che dall analisi delle leggi e delle procedure che regolano gli acquisti della pubblica amministrazione, gli aspetti ambientali possono essere integrati nei processi di acquisto; tuttavia la loro introduzione non deve alterare in alcun modo i principi fondamentali degli appalti pubblici della trasparenza e delle pari opportunità tra le imprese. Nella determinazione dei criteri di preferibilità ambientale dei prodotti, il manuale considera più parametri. In particolare: la legislazione, i regolamenti ambientali (ECOLABEL e gestione ambientale: EMAS ed ISO 14001), stato dell'arte su tecnologie e processi. Inoltre particolare attenzione viene dedicata alle politiche ambientali che tengono conto dei cambiamenti climatici, della tutela delle acque, della riduzione dei rifiuti e della tossicità. Nel dettaglio, i problemi ambientali di cui si tiene conto nella definizione della preferibilità dei prodotti sono i seguenti: - il consumo di materie prime - il consumo di risorse idriche - il consumo di risorse energetiche - l inquinamento atmosferico - l inquinamento idrico - l inquinamento del suolo - l inquinamento acustico - l inquinamento olfattivo - l inquinamento elettromagnetico - la produzione di rifiuti. 4 Ad esempio il "Manuale delle caratteristiche dei prodotti ambientalmente preferibili da utilizzare nelle procedure di acquisto della pubblica amministrazione", a cura dell'apat-unità per la qualità ecologica dei prodotti, attualmente non disponibile per la consultazione. 11

13 Le Amministrazioni Pubbliche già ora possono richiedere la certificazione del Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma ISO 14001/96 con particolare riferimento, ad esempio, a forniture di beni e/o servizi critici da un punto di vista ambientale o prevedere la certificazione ISO 14001/96 come una delle specifiche tecniche del bando di gara. Essendo ormai uno standard riconosciuto a livello mondiale, la richiesta della certificazione ISO da parte della Pubblica Amministrazione non costituisce violazione del principio delle pari opportunità tra imprese. A conforto di questa tesi, si riscontra la diffusa richiesta della certificazione del sistema di qualità ISO 9000, in numerosi bandi di gara della pubblica amministrazione, come pre-requisito per l ammissibilità del fornitore. Tra i requisiti ambientali del prodotto introducibili nei capitolati dei bandi di gara, è già possibile richiedere che: 1) non siano presenti sostanze pericolose (o in percentuali limitate) nei prodotti acquistati (ad esempio: metalli pesanti); 2) siano considerati criteri ambientali per gli imballaggi dei prodotti acquistabili dalle Pubbliche Amministrazioni; 3) siano considerati criteri di efficienza energetica e chimica dei prodotti (lo studio dell'apat ipotizza che possa richiedersi ai fornitori ammessi alle sollecitazioni di vendita l adozione di programmi per la riduzione dei consumi energetici e/o idrici); 4) siano considerati criteri ambientali per i mezzi di trasporto acquistati e utilizzati dalle Pubbliche Amministrazioni (ad esempio: è possibile richiedere limiti sui consumi di carburante per chilometro e prestazioni coerenti con le normative europee sulle emissioni in aria); 5) nei casi in cui esista per la categoria di appartenenza, il prodotto abbia l'etichetta ecologica promossa dall'unione Europea (Ecolabel Europeo) che, essendo uno standard europeo riconosciuto da tutte le associazioni di imprese degli Stati membri, non costituisce elemento discriminante nelle logiche di competizione; 6) sia escluso da una gara pubblica, quel fornitore che non utilizzi processi produttivi e/o tecnologie di prodotto conformi con le prescrizioni della normativa ambientale del suo paese di origine. 12

14 3. GREEN PUBLIC PROCUREMENT: LE PRINCIPALI ESPERIENZE IN EUROPA Il giro di affari legato agli acquisti della Pubblica Amministrazione rappresenta il 14% del prodotto interno lordo dell Unione Europea, per un valore stimato di oltre 1000 miliardi di euro. Una spesa di tale livello, diffusa praticamente in ogni categoria merceologica dalle matite agli impianti elettrici è in grado di produrre una notevole ricaduta in termini di impatto sul mercato e sui consumi sostenibili, tanto più forte quanto più le amministrazioni locali sono in grado di promuovere azioni in questa direzione. Far diventare gli acquisti della Pubblica Amministrazione acquisti verdi significa introdurre la compatibilità ambientale nei criteri di scelta dei prodotti, modificando progressivamente gli attuali modelli di consumo. In particolare, uno dei punti di forza della diffusione degli acquisti verdi è proprio quello di creare un mercato più ampio per i prodotti ambientalmente compatibili, generando un indotto e influenzando il comportamento anche di altre categorie di consumatori, quali possono essere i privati, le aziende, le famiglie. Le autorità pubbliche della Comunità Europea possono realisticamente far diventare verde gran parte della spesa in prodotti e servizi, purché superino gli ostacoli che si frappongono all inserimento dei requisiti ambientali nei criteri di spesa e contribuiscano a far comprendere i vantaggi che ne derivano, dalla tutela dell ambiente e della salute dei cittadini, al risparmio nei costi di gestione e manutenzione dei prodotti. Una ricerca condotta nel 1996 da Iclei (International Council for Local Environment Initiatives), sulla base di 275 risposte a questionari inviati a numerosi comuni dell Europa Occidentale, ha rilevato che una delle principali barriere che si frappongono alla diffusione dei prodotti verdi nelle amministrazioni pubbliche, è proprio la mancanza di informazioni sui vantaggi che ne derivano, nonché sulla difficoltà di superare gli ostacoli per l inserimento dei criteri ambientali nei criteri di scelta dei prodotti. In generale si può affermare che le legislazioni nazionali consentono l inserimento della variabile ambientale nei criteri di scelta dei prodotti, a patto però che non si cada in fenomeni di discriminazione o di discrezionalità, e sia sempre garantita la massima trasparenza. Vi sono in tal senso, in località più o meno grandi dell Unione Europea, alcuni esempi illuminanti di buone pratiche di gestione. 13

15 3.1 L'esperienza di Dunkerque In Francia Dunkerque è una cittadina della Francia di circa settantamila abitanti, ma che arriva ad oltre duecentomila se si considerano i sobborghi e i distretti circostanti il centro abitato. Alla fine degli anni Ottanta una serie di difficoltà economiche mise in difficoltà i grandi impianti di metallurgia e di industria navale della città, causando rapidamente un elevato livello di disoccupazione, nonché un forte impatto sulla situazione economico-sociale della città. Il distretto e la regione di appartenenza decisero di reagire di comune accordo a questa situazione, combinando a un progetto di sviluppo economico e sociale, un progetto di tutela dell ambiente urbano. Il comune istituì un dipartimento per l ambiente e la città iniziò a seguire un percorso di Agenda XXI Locale, giungendo, alla fine del 1996, ad ottenere il premio europeo per la sostenibilità urbana. Questo importante risultato può essere ricondotto alla scelta di indirizzare gli acquisti della Pubblica Amministrazione verso prodotti che presentassero contemporaneamente qualità sociali e qualità ambientali. Le prime categorie merceologiche ad essere interessate da questi principi furono la carta, le vernici e i prodotti per l igiene e, al fine di introdurre l uso di tali prodotti all interno dell Amministrazione, il Dipartimento per l Ambiente individuò un procedimento standard suddiviso in sei punti, da applicarsi a ciascun prodotto che sarebbe entrato a far parte della catena di acquisti verdi: contattare i fornitori chiedendo prodotti ecologici, informare gli impiegati e far sì che essi stessi contribuissero alla diffusione, testare per un breve periodo gli eco prodotti per verificarne l efficienza e confrontarli con quelli usati fino ad allora, elaborare uno studio in base ai risultati prodotti, introdurre definitivamente questi prodotti nelle procedure di acquisto, informare la cittadinanza tramite brochure e newsletter. Il Dipartimento per l Ambiente venne designato responsabile dell avvio del procedimento, dell effettuazione dei test di verifica e dell intero procedimento amministrativo, in sintonia con altri organismi quali l Agenzia francese per l energia e l ambiente, il Ministero dell Ambiente, l Agenzia di collocamento, diverse Autorità Locali e Società di Consulenza. I test si sono rivelati essenziali per poter scegliere, tra la gamma di eco prodotti disponibili, quelli con la migliore qualità ed efficienza, simile o addirittura superiore ai prodotti convenzionali usati in precedenza. In questo modo, per esempio, si è potuto dimostrare che la carta riciclata non danneggia le macchine fotocopiatrici, come si credeva inizialmente, e che il suo costo è addirittura inferiore (di circa il 16%) a quello della carta vergine. La fornitura di carta riciclata all interno dell Amministrazione Pubblica sfiora oggi il 70% e si stima possa crescere in breve tempo fino al 90%. L Amministrazione ha inteso divulgare i risultati raggiunti, non solo al fine di informare la cittadinanza del lavoro compiuto, ma anche per dimostrare che i prodotti ecologici possono dimostrarsi migliori di quelli convenzionali, più economici e soprattutto assai meno dannosi per l ambiente. 14

16 3.2 L esperienza di Kolding in Danimarca Uno dei problemi da affrontare per gli amministratori locali è il reperimento di informazioni sufficienti per l individuazione dei criteri da adottare nella procedura di scelta dei prodotti verdi. La città di Kolding, in Danimarca, ha superato questo ostacolo, tramite la predisposizione di specifici questionari. Kolding è una cittadina di circa sessantamila abitanti, che sin dal 1994 ha adottato la Carta di Aalborg, intraprendendo attivamente la strada della sostenibilità locale. Nel documento programmatico della città (approvato nel 1998) e a valore decennale, infatti, alla componente ambientale viene assegnato un ruolo centrale. Il documento individua una politica ambientale molto netta e pragmatica, nella quale vengono esplicitamente descritti gli strumenti da adottare per intraprendere questo nuovo corso. Uno di questi strumenti è proprio la diffusione di prodotti verdi all interno della pubblica amministrazione. A tale scopo, sin dal 1998, uno staff di esperti è stato incaricato di predisporre una serie di questionari, da inviare alle società candidate per la fornitura di beni e servizi alla Pubblica Amministrazione, che potessero contenere le indicazioni sufficienti per indirizzare gli amministratori nella scelta dei prodotti verdi. Pur nella diversità dei questionari, distinti a seconda delle numerose categorie di prodotti individuati (dagli articoli per ufficio a quelli per l igiene, dai tessuti agli alimenti), elemento comune a tutti è la serie di domande riguardanti la compatibilità del prodotto con i parametri ambientali in sede comunitaria e/o con marchi tipo Ecolabel. In caso di risposta negativa, infatti, al potenziale committente si chiede di rispondere ad una serie di domande aggiuntive sulla politica ambientale dell azienda, sull impatto ambientale dei beni e degli imballaggi prodotti, e sull importanza attribuita a ciascun aspetto preso in esame. Nelle domande preliminari si chiede l origine della materia prima, il tipo di fonti di energia utilizzate per la produzione, la compatibilità del prodotto in questione con i requisiti ambientali fissati dal marchio Ecolabel. I quesiti successivi, a cui è necessario rispondere solo in caso di mancata compatibilità del prodotto con i requisiti ambientali europei, sono volti a conoscere la sensibilità ambientale del fornitore e dell azienda nel complesso: in particolare si chiede se l azienda ha intrapreso un percorso di certificazione ambientale, se redige un rapporto ambientale di impresa, se adotta una politica di gestione dei rifiuti, se utilizza energie rinnovabili e/o carburanti alternativi al fine di ridurre le emissioni inquinanti. Un ultima serie di domande, infine, è rivolta più direttamente alla conoscenza dell impatto ambientale del bene o servizio offerto, concentrando l attenzione sul tipo di energia e sui materiali utilizzati nel processo produttivo, sulla riciclabilità e sulla biodegradabilità del prodotto. Tutte le domande sono strutturate in modo tale che una risposta positiva indichi un comportamento ambientale positivo; inoltre, per ogni gruppo di prodotti vi è una serie di domande per le quali, in caso di risposta negativa, il fornitore viene automaticamente escluso dalla procedura per l assegnazione dell appalto; tutte le domande, pur nella diversità dei questionari, sono comunque strutturate per facilitare il confronto tra le diverse categorie merceologiche. Il metodo dei questionari si è dimostrato particolarmente efficace. Nell arco di soli due anni, l amministrazione è stata in grado di inserire la variabile ambientale nel 40% delle gare di appalto (attraverso l utilizzo di 19 questionari, quattro dei quali tradotti anche in inglese) ed entro breve tempo si stima che si possa arrivare a coprire il 100% delle gare, come prospettato anche dal documento programmatico della città di Kolding. Ciò, comunque, non significa che non vi siano state difficoltà: a volte, per esempio, non è stato possibile ottenere tutte le informazioni riguardanti la natura e la composizione del prodotto in esame, né quali tecnologie siano state adottate in fase di realizzazione; altre volte non si è potuto constatare la coerenza con i criteri ambientali fissati dall Unione Europea. Inoltre, in fase di gara di appalto, in rispetto della legislazione comunitaria, si è dovuto vietare agli amministratori di imporre alle società concorrenti la certificazione ambientale 15

17 (sia ai processi che ai prodotti), nonché di utilizzare le modalità di trasporto dei prodotti quale criterio discriminante. Nonostante queste difficoltà, comunque, l esperienza della città di Kolding può ritenersi assolutamente positiva, specie sotto due punti di vista: in primo luogo, infatti, i fornitori hanno accettato di buon grado di migliorare l aspetto ambientale delle loro aziende e dei loro prodotti, e in secondo luogo si è potuto dimostrare pubblicamente che i cosiddetti prodotti verdi non sono né di qualità inferiore agli altri, né più costosi. Anzi, a quest ultimo proposito, le nuove procedure di acquisto adottate dalla Pubblica Amministrazione, si sono rivelate più convenienti rispetto a quelle utilizzate sino ad allora. L esperienza di Kolding si può considerare senza dubbio replicabile in altre realtà dell Unione Europea. La predisposizione di specifici questionari può probabilmente adattarsi meglio a città medio-grandi, ma non è detto che non possa non funzionare anche in ambiti più ristretti. In quest ultime realtà, la poca dimestichezza con problemi di natura ambientale e la scarsità di diffusione di prodotti certificati potrebbe costituire un ulteriore ostacolo, ma gradualmente, con il supporto delle istituzioni nazionali e i contatti con altre amministrazioni, si potrebbe facilmente diffondere un nuovo processo e un nuovo modo di acquistare i beni e i servizi di pubblica utilità. 16

18 3.3 L'esperienza di Pori in Finlandia Talvolta gli acquisti verdi, benché sostenuti da una strategia condivisa a livello comunale e/o da un documento programmatico, non sono diffusi in tutti i dipartimenti esistenti, né sono estesi a tutte le possibili categorie merceologiche. L amministrazione della città di Pori, in Finlandia, ha invece volutamente, fatto in modo che gli acquisti verdi coprissero tutte le forniture di beni e servizi. Pori è una cittadina di circa ottantamila abitanti che si affaccia sul Mar Baltico. Sin dal 1992 il Dipartimento degli Affari Generali, in collaborazione con il Dipartimento Ambiente, ha avviato un percorso per la sostenibilità ambientale della città, ponendosi come obiettivo di mettere al primo posto la diffusione degli acquisti verdi nella pubblica amministrazione. A seguito di ciò, è stato predisposto un opuscolo informativo nel 1996 di Principi per la scelta dei beni e servizi, contenente informazioni aggiornate a carattere ambientale di oltre cinquanta differenti tipologie di prodotti. Il giro di affari legato agli acquisti pubblici della città di Pori è di oltre 25 milioni di Euro e comprende circa duemila gare di appalto. I criteri di scelta sono basati sul prezzo, sulla qualità, sulla logistica, ma in particolare sul rispetto delle norme ambientali. Ciascun dipartimento comunale, autonomo rispetto all autorità centrale nella procedura di acquisto dei prodotti, è stato incaricato di nominare un proprio rappresentante per il gruppo di lavoro sullo sviluppo sostenibile. Questo gruppo, diretto dal capo del dipartimento ambiente e dal responsabile delle forniture pubbliche, ha il compito di assicurarsi che vengano rispettati i principi adottati per la diffusione degli acquisti verdi e di creare un legame tra le iniziative intraprese dai vari dipartimenti. Una figura importante all interno del gruppo di lavoro è quella dell Eco-consulente. La persona designata per questo ruolo ha il compito di valutare le caratteristiche ambientali delle imprese che partecipano alle gare di appalto. Ad esse, infatti, si chiedono informazioni sia sulle scelte di politica ambientale interna, che sulle caratteristiche ambientali dei beni prodotti, quali il ciclo di vita, la resistenza e affidabilità, la riciclabilità. L eco-consulente deve anche relazionarsi con ciascun dipartimento per dare e ricevere informazioni sui prodotti verdi, e più in generale sulle questioni ambientali. Per ottimizzare quanto più possibile il funzionamento del sistema, è stata creata una rete di contatti (prevalentemente per via elettronica) che ruotasse intorno all eco-consulente. Ciò soprattutto al fine di favorire la cosiddetta politica del riutilizzo : adottare il green public procurement, infatti, non significa solo fare acquisti verdi e chiedere ai fornitori prodotti eco compatibili, ma anche risparmiare sulla spesa, riciclando i beni ancora utilizzabili. A tale scopo gli impiegati, a qualunque dipartimento appartengano, sono chiamati a comunicare il mancato utilizzo di qualche prodotto, di cui invece si potrebbe avere necessità in altro settore dell amministrazione. Il ruolo dell ecoconsulente, in questo caso, è di verificare il funzionamento degli scambi e di fare da tramite in caso di necessità. La strategia per gli acquisti verdi, nella città di Pori, ha prodotto numerosi risultati positivi. Sicuramente uno dei più rilevanti è stato il cambiamento di mentalità degli impiegati e il superamento della loro diffidenza verso i prodotti verdi. Gli impiegati sono oggi entusiasti delle novità introdotte e sono divenuti essi stessi fautori dell iniziativa. Il risultato non è casuale, sia perché le resistenze iniziali sono state superate con un attenta opera di informazione sia perché l amministrazione comunale ha reso sin dall inizio sistematiche tutte le procedure legate agli acquisti verdi, creando una efficiente rete di contatti e coinvolgendo ogni singolo dipartimento lasciando al tempo stesso ampia libertà di manovra. 17

19 3.4 L esperienza di Gòteborg, in Svezia L iniziativa di diffondere gli acquisti verdi nella pubblica amministrazione il più delle volte trae origine da un ristretto numero di persone; i beni e servizi che vengono acquistati, però, coinvolgono migliaia di persone. Una corretta diffusione del Green Public Procurement, pertanto, non può prescindere da una ampia fase di divulgazione e di vero e proprio insegnamento di regole per l uso a tutti coloro che sono chiamati in causa. La città di Göteborg, in Svezia, ha inteso seguire questa linea di azione, sviluppando un intenso programma di formazione per i dipendenti pubblici, i fornitori e gli acquirenti, divenendo, nel tempo, un importante punto di riferimento internazionale nel campo degli acquisti verdi. L esperienza ha avuto inizio intorno alla fine degli anni ottanta, nel momento in cui l ufficio comunale incaricato delle forniture, di concerto con l ufficio ambiente, predispose un modello che consentisse di ottenere forniture di beni e servizi a minor impatto ambientale. Il modello era stato strutturato con una serie di azioni che permettessero unicamente di valutare in modo sistematico la capacità delle ditte fornitrici di offrire prodotti eco compatibili (a parità di altri requisiti); su sollecito diretto degli stessi dipendenti comunali, il modello fu predisposto per contemplare al suo interno anche una fase di informazione e formazione. In teoria, la formazione dovrebbe essere parte integrante della strategia finalizzata ad acquistare verde e dovrebbe avere inizio quasi contemporaneamente all avvio delle prime fasi. A volte, però, viene relegata a ruoli più marginali, o viene eseguita tardivamente, causando il mancato raggiungimento degli obiettivi inizialmente fissati. Per la sua riuscita, inoltre, è importante che i formatori siano selezionati in modo adeguato e provengano da diversi settori di competenza. Nel caso particolare di Göteborg, oltre l ottanta per cento dei docenti proveniva dal settore interno al comune, il resto da strutture interne, coordinate dall Autorità di Göteborg per gli approvvigionamenti. Il programma formativo messo a punto nella città di Göteborg è studiato per rivolgersi (separatamente) a tutti i possibili soggetti coinvolti, inclusi gli amministratori, i politici, gli impiegati, gli utenti finali, i fornitori. Un primo modulo di lezioni, generalmente non più lungo di due giorni, è destinato ad affrontare le problematiche ambientali a carattere generale, con un taglio e una impostazione differenti a seconda della tipologia di soggetti a cui è rivolto. È prevista inoltre una seconda serie di lezioni, più specifiche, in cui vengono approfondite le tematiche correlate all attività svolta dai partecipanti. In queste lezioni non vi sono solo momenti di teoria, ma anche possibilità di dibattiti, confronti e scambi di esperienze. Sono previsti, infine, corsi specifici, seminari, workshop, conferenze, aperti a tutte le categorie di soggetti coinvolti, in cui affrontare argomenti di interesse generale. Tutte le iniziative sono adeguatamente pubblicizzate: gli inviti vengono inviati sia per posta ordinaria che elettronica a tutti i nominativi inseriti in una apposito elenco; l Autorità di Göteborg per gli Approvvigionamenti informa regolarmente i lettori del suo bollettino (Fördelen, ossia vantaggi, disponibile anche su internet) sulle iniziative prese nel campo degli acquisti verdi; la rete di contatti che si è formata tra tutti i soggetti coinvolti, inoltre, aiuta ulteriormente la diffusione delle informazioni. 18

20 Il sistema realizzato nella città di Goteborg si è dimostrato negli anni particolarmente efficace. L iniziale diffidenza mostrata dai politici, non solo è svanita, ma si è trasformata in entusiasmo, e oggi quasi tutto il personale dell amministrazione è sensibile ai problemi ambientali, oltre che essere istruito sulle pratiche connesse al green public procurement. Gli ottimi risultati raggiunti non devono far celare comunque due tipi di difficoltà riscontrate nell attuazione del procedimento: le domande per partecipare ai corsi non riescono ad essere gestite adeguatamente, e sono così numerose che gli organizzatori sono costretti a non accettare una parte delle richieste di partecipazione; un programma che possa soddisfare tutte le domande, quindi, richiede risorse e strutture più ampie; il carattere di continuità che è stato dato ai corsi impegna moltissimo i docenti, soprattutto per via del fatto che il comune vanta quasi 45 mila dipendenti; i formatori, quindi, devono essere sempre motivati e coinvolti anche emotivamente in un progetto che per raggiungere grandi risultati ha bisogno di tempo e sacrificio. 19

Dossier GREEN PUBLIC PROCUREMENT: QUANDO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA IL BUON ESEMPIO E COMPRA VERDE

Dossier GREEN PUBLIC PROCUREMENT: QUANDO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA IL BUON ESEMPIO E COMPRA VERDE Dossier GREEN PUBLIC PROCUREMENT: QUANDO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA IL BUON ESEMPIO E COMPRA VERDE di Paolo Colli è permessa la riproduzione con citazione della fonte. La Pubblica Amministrazione (gli

Dettagli

Calabria 4 e 5 novembre 2009

Calabria 4 e 5 novembre 2009 SEMINARIO FORMATIVO: IL GREEN PUBLIC PROCUREMENT Calabria 4 e 5 novembre 2009 Dr.ssa Monica Giusto Consulente Ambientale SOMMARIO Definizione GPP Obiettivi GPP Normativa europea Normativa italiana PAN

Dettagli

GPP (Green Public Procurement)

GPP (Green Public Procurement) GPP (Green Public Procurement) INDICE DEFINIZIONE OBIETTIVI CRONOLOGIA EUROPA CRONOLOGIA ITALIA NORMATIVA EUROPEA NORMATIVA NAZIONALE CRITERI AMBIENTALI MINIMI CARTA ARREDI PER UFFICIO, ARREDO URBANO,

Dettagli

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Alla scoperta degli ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Lugano 9 marzo 2006 Ing. Andrea Rigato Sviluppo sostenibile Vari significati, attribuiti in ambiti diversi Definizione più comune (e accettata) Uno sviluppo

Dettagli

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna Bologna, 30 Aprile 2015 Ortensina Guidi Intercent-ER 1 Intercent-ER: ruolo e obiettivi L Agenzia Intercent-ER è la centrale di committenza delle Pubbliche

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GLI ACQUISTI PUBBLICI VERDI

CORSO DI FORMAZIONE GLI ACQUISTI PUBBLICI VERDI CORSO DI FORMAZIONE GLI ACQUISTI PUBBLICI VERDI Pontedera 2007 INIZIAMO CON UN CONCETTO CARDINE: IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO INPUT Materiali Energia Acqua PRODUZIONE / ESTRAZIONE MATERIE PRIME REALIZZAZIONE

Dettagli

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP DEFINIZIONE DEI CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP DEFINIZIONE DEI CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP DEFINIZIONE DEI CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI Cosa significa GPP? 2 Adottare una politica di Green Public Procurement

Dettagli

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 8 della GIUNTA del COMUNE DI LEDRO OGGETTO: Recepimento dei criteri di acquisti verdi pubblici (Green Public Procurement) nelle

Dettagli

Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative. Bologna, 5 maggio 2009

Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative. Bologna, 5 maggio 2009 Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative Bologna, 5 maggio 2009 SOMMARIO L impegno di Intercent-ER per il GPP Alcuni risultati: meno CO2, più alberi Iniziative in corso

Dettagli

STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014

STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Sessione tematica di approfondimento e consultazione DALLA CARBON FOOTPRINT ALL ENVIRONMENTAL FOOTPRINT : stato dell arte, indirizzi europei e prospettive future

Dettagli

COMUNE DI PESCARA IL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI PESCARA IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Uditi gli interventi, riportati nell allegato Considerato che l ICLEI (Agenzia Internazionale ambientale per le autorita locali) ha dato vita alla rete dei Comuni che acquistano prodotti

Dettagli

GREEN PUBLIC PROCUREMENT QUALE STRUMENTO DI PROMOZIONE DEL MERCATO DEI PRODOTTI DA RECUPERO E RICICLO Silvano Falocco

GREEN PUBLIC PROCUREMENT QUALE STRUMENTO DI PROMOZIONE DEL MERCATO DEI PRODOTTI DA RECUPERO E RICICLO Silvano Falocco GREEN PUBLIC PROCUREMENT QUALE STRUMENTO DI PROMOZIONE DEL MERCATO DEI PRODOTTI DA RECUPERO E RICICLO Silvano Falocco Il GPP (Green Public Procurement o Acquisti verdi della Pubblica Amministrazione),

Dettagli

Come si misura la #greenicità

Come si misura la #greenicità Come si misura la #greenicità Le norme europee ed italiane sulla qualità ambientale dei prodotti e sull efficienza ambientale delle imprese Tullio Berlenghi Un po di storia La consapevolezza Il Club di

Dettagli

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Progetto LIFE+ Promise Action B1: Awareness level survey Sezione Anagrafica Comune/Ente pubblico Popolazione residente (se trattasi di Comune/Provincia) Referente

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP PREMESSO CHE: L art. 6 della versione consolidata del Trattato

Dettagli

REGIONE LAZIO Parco Regionale dei Castelli Romani Deliberazione del Consiglio Direttivo

REGIONE LAZIO Parco Regionale dei Castelli Romani Deliberazione del Consiglio Direttivo Prot. n.... del... REGIONE LAZIO Parco Regionale dei Castelli Romani Deliberazione del Consiglio Direttivo Originale Anno 2007 Oggetto: Adozione Green Public Procurement (GPP) Atto n. 27 del 7.08.2007

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli Riferimenti normativi in essere sugli acquisti Verdi pubblici. Contributo del Dr. Giuseppe Torelli D.Lgs 22/97: il 40% del totale dei consumi di carta riciclata D.M. 27.03.98: il 50% di veicoli a carburanti

Dettagli

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane I riferimenti ai sistemi di etichettatura ecologica negli appalti pubblici (DPT

Dettagli

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente Roberta Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde PROGETTO GREEN PUBLIC PROCUREMENT E CONSUMO RESPONSABILE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA WORKSHOP

Dettagli

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI CARTA IN RISME

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI CARTA IN RISME Direzione Salvaguardia Ambientale CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI CARTA IN RISME Indice 1 PREMESSA... 2 2 OGGETTO DEL DOCUMENTO... 2 3 INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE RELATIVE ALL APPALTO...

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Direzione Generale dell Ambiente Servizio della Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi Informativi (SAVI) AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL

Dettagli

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI GPP-definizione 2 Adottare una politica di Green Public Procurement o GPP, Acquisti

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Aalborg Commitments e Turismo Sostenibile: idee progetti iniziative delle destinazioni turistiche italiane Venerdì 6 giugno 2008 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Direzione Salvaguardia Ambientale

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Conoscere l etichetta energetica per risparmiare energia

Conoscere l etichetta energetica per risparmiare energia Formazione & informazione Conoscere l etichetta energetica per risparmiare energia Milena Presutto/Patrizia Pistochini per informazioni: eventienea_ispra@enea.it ENEA Ispra, 13-14 maggio 2014 Contenuto

Dettagli

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Servizio Appalti e Contenzioso U.O. APPALTI, CONTRATTI E PROVVEDITORATO ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA La

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

Comunità Montana Valtiberina Toscana Sansepolcro,16 giugno 2005 Acquisti Verdi

Comunità Montana Valtiberina Toscana Sansepolcro,16 giugno 2005 Acquisti Verdi Comunità Montana Valtiberina Toscana Sansepolcro,16 giugno 2005 Acquisti Verdi Via B.Ubaldi Centro Dir. Prato 06024 Gubbio PG Tel. +39 0759222693 Fax. +39 0759272282 ecoazioni@ecoazioni.it www.ecoazioni.it

Dettagli

Acquisti verdi e sostenibili in Emilia-Romagna: l esperienza della centrale Intercent-ER

Acquisti verdi e sostenibili in Emilia-Romagna: l esperienza della centrale Intercent-ER ASSE E: Capacità istituzionale -Obiettivo specifico 5.5: Rafforzare ed integrare il sistema di governance ambientale Workshop L uso strategico degli acquisti pubblici verdi per un economia sostenibile

Dettagli

OPEN GROUP TANDEM. Sistemi di gestione e qualificazione ambientale dei fornitori di beni/servizi. Bologna, 31 gennaio 2008

OPEN GROUP TANDEM. Sistemi di gestione e qualificazione ambientale dei fornitori di beni/servizi. Bologna, 31 gennaio 2008 OPEN GROUP TANDEM Sistemi di gestione e qualificazione ambientale dei fornitori di beni/servizi Lorenza Bitelli ERVET, Camillo Franco Sogesca 1 Il quadro di riferimento Il Dlgs n. 163/2006 si applica agli

Dettagli

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI?

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI? COMUNE DI REGGIO EMILIA Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Assessorato gli Affari Istituzionali Assessorato Decentramento e Partecipazione IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE

Dettagli

LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA L.221/2015 SULLA GREEN ECONOMY E GLI APPALTI VERDI.

LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA L.221/2015 SULLA GREEN ECONOMY E GLI APPALTI VERDI. LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA L.221/2015 SULLA GREEN ECONOMY E GLI APPALTI VERDI. di Alessandro Massari La Legge 28 dicembre 2015, n. 221, recante Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure

Dettagli

Spending review: opportunità o ostacolo allo sviluppo del Green Public Procurement (GPP)?

Spending review: opportunità o ostacolo allo sviluppo del Green Public Procurement (GPP)? Spending review: opportunità o ostacolo allo sviluppo del Green Public Procurement (GPP)? Piani degli acquisti verdi: dalla teoria alla pratica La promozione del GPP in Liguria il modello regionale per

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Milano, 24 settembre 2008 I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Anna Bernardi, U.O. Industria, Artigianato e Servizi Elisa Rossi, U.O. Sviluppo Sostenibile e Agenda 21

Dettagli

Bologna, 5 febbraio 2013 Sala Bianca CCC via Marco Emilio Lepido 182/2

Bologna, 5 febbraio 2013 Sala Bianca CCC via Marco Emilio Lepido 182/2 BRC project 1 Bologna, 5 febbraio 2013 Sala Bianca CCC via Marco Emilio Lepido 182/2 Workshop del progetto di ricerca e formazione Aspetti Sociali negli Appalti Pubblici nel Settore Edile Daniele Ganapini

Dettagli

Il Piano di Azione sul GPP della Provincia di Modena

Il Piano di Azione sul GPP della Provincia di Modena Acquisti verdi tra consapevolezza dei consumi, sostegno alle produzioni e corretta informazione Ravenna 30/9/2011 Il Piano di Azione sul GPP della Provincia di Modena Dott. Zacchi Giovanna Ufficio Sviluppo

Dettagli

QUALITÀ AMBIENTALE DEI PRODOTTI E SUA

QUALITÀ AMBIENTALE DEI PRODOTTI E SUA QUALITÀ AMBIENTALE DEI PRODOTTI E SUA CERTIFICAZIONE IL SISTEMA EPD Massimo Marino Life Cycle Engineering Torino; www.life-cycle-engineering.it PREMESSA Il crescente interesse nei confronti della protezione

Dettagli

Il Green Public Procurement in Puglia: l esempio dei comuni di Terlizzi e di Mola di Bari

Il Green Public Procurement in Puglia: l esempio dei comuni di Terlizzi e di Mola di Bari Il Green Public Procurement in Puglia: l esempio dei comuni di Terlizzi e di Mola di Bari Antonella Lomoro alomoro@eco-logicasrl.it, Patrizia Milano, Massimo Guido, Claudia Attanasio ECO-logica S.r.l.

Dettagli

COMUNE DI FRATTAMINORE PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI FRATTAMINORE PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI FRATTAMINORE PROVINCIA DI NAPOLI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 78 DEL 08.05.2008 SETTORE: ECOLOGIA, AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE. OGGETTO: ADOZIONE GPP (GREEN PUBLIC PROCUREMENT) - ATTO

Dettagli

Servizi per l ambiente

Servizi per l ambiente F Servizi per l ambiente Sono diversi i servizi che si stanno sviluppando a supporto di un cambiamento organizzativo delle aziende e del modo di produrre, anche in questo caso nel segno di un minore impatto

Dettagli

Il progetto GPP della PAT

Il progetto GPP della PAT Il progetto GPP della PAT La Delibera di Giunta Provinciale n 885/2010 Sommario cosa sono gli acquisti verdi acquisti verdi dell Ente Pubblico: il contesto normativo la situazione in Trentino: la D.G.P.

Dettagli

GREENWASHING. Irrilevante Falso Senza prove. Etichette simili

GREENWASHING. Irrilevante Falso Senza prove. Etichette simili GREENWASHING Trade-off Irrilevante Falso Senza prove Vago Etichette simili Minor male Su 2.219 prodotti in USA e Canada con richiami ambientali solo 25 non presentavano false dichiarazioni www.sinsofgreenwashing.com

Dettagli

SERVIZIO PULIZIA LOCALI CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V01 MAGGIO 2015

SERVIZIO PULIZIA LOCALI CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V01 MAGGIO 2015 SERVIZIO PULIZIA LOCALI CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V01 MAGGIO 2015 PREMESSA Guida alla lettura del documento: I criteri ambientali di seguito suggeriti sono estratti dal DM 24 maggio 2012 (G.U. n.

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di SDI GROUP e del destinatario. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate, e possono essere

Dettagli

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Modelli di Consumo Sostenibile

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Modelli di Consumo Sostenibile Inquadramento del tema Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Spesso noi tutti consideriamo le problematiche ambientali come qualcosa su cui non abbiamo responsabilità dirette

Dettagli

La metodologia LCA e le fonti rinnovabili di energia

La metodologia LCA e le fonti rinnovabili di energia La metodologia LCA e le fonti rinnovabili di energia Università di Palermo Dipartimento di Ricerche Energetiche ed Ambientali Perché LCA applicata alle rinnovabili? Riconducibile principalmente ad obiettivi:

Dettagli

ARPAER e il GPP. Stazione appaltante, naturalmente sensibile agli aspetti di prevenzione ambientale

ARPAER e il GPP. Stazione appaltante, naturalmente sensibile agli aspetti di prevenzione ambientale ARPAER e il GPP Stazione appaltante, naturalmente sensibile agli aspetti di prevenzione ambientale Politica per gli acquisti verdi di ARPA Emilia-Romagna Promozione diffusione supporto tecnico-scientifico

Dettagli

Il Green Public Procurement ed il progetto del Comune di Pisa

Il Green Public Procurement ed il progetto del Comune di Pisa Il Green Public Procurement ed il progetto del Comune di Pisa Che cos è il GPP Il green public procurement è lo strumento che serve a rendere verdi gli acquisti pubblici adottando criteri ambientali nelle

Dettagli

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM Il presente concorso offre a 30 imprese l opportunità di partecipare gratuitamente al Forum CompraVerde BuyGreen di Milano ed è rivolto a tutte le micro,

Dettagli

Gli acquisti verdi a Reggio Emilia

Gli acquisti verdi a Reggio Emilia COMUNE DI REGGIO EMILIA Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Assessorato gli Affari Istituzionali Assessorato Decentramento e Partecipazione Gli acquisti verdi a Reggio Emilia Cremona 9 ottobre 2008

Dettagli

Particolare attenzione all'ambiente. Piani Pluriennali

Particolare attenzione all'ambiente. Piani Pluriennali Inizi anni 70: Vertice di Parigi (luglio 1972) I capi di Stato e di governo riconoscono, nel contesto dell'espansione economica e del miglioramento della qualità di vita Particolare attenzione all'ambiente

Dettagli

L esperienza di ARPAT nella strategia degli acquisti pubblici sostenibili

L esperienza di ARPAT nella strategia degli acquisti pubblici sostenibili Acquisti verdi nella scuola secondaria superiore per una strategia eco sostenibile Firenze, 8 marzo 2011 L esperienza di ARPAT nella strategia degli acquisti pubblici sostenibili Simone Ricotta ARPAT La

Dettagli

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Premi EMAS 2014 Informazioni di base Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Introduzione Il Premio Europeo EMAS è il riconoscimento più prestigioso

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione APAT Ing. Rocco Ielasi Responsabile Servizio Interdip. Certificazioni Ambientali Le motivazioni del cambiamento L esigenza di introdurre

Dettagli

Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde. Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde

Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde. Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde Green meeting e CSR: Elementi ambientali negli appalti pubblici un futuro verde o al verde secondo la normativa contrattuale Stefano Manetti Hotel NH Touring

Dettagli

Politica regionale di promozione della sostenibilità ambientale

Politica regionale di promozione della sostenibilità ambientale Politica regionale di promozione della sostenibilità ambientale attraverso gli acquisti pubblici Luisa Mulas Servizio Sostenibilità Ambientale, Assessorato della Difesa dell Ambiente, Regione Sardegna

Dettagli

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GREEN PUBLIC PROCUREMENT Il Green Public Procurement (GPP) o Acquisti Verdi è una modalità di acquisto, da parte delle pubbliche amministrazioni locali e nazionali,

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Pubblicati i criteri ambientali nazionali per la ristorazione collettiva e i serramenti

Pubblicati i criteri ambientali nazionali per la ristorazione collettiva e i serramenti Page 1 of 6 n. 191 - Giovedì 06 Ottobre 2011 Pubblicati i criteri ambientali nazionali per la ristorazione collettiva e i serramenti Sulla Gazzetta Ufficiale del 21 settembre sono stati pubblicati i "criteri

Dettagli

L impegno di Consip per lo Sviluppo Sostenibile e l efficienza energetica

L impegno di Consip per lo Sviluppo Sostenibile e l efficienza energetica L impegno di Consip per lo Sviluppo Sostenibile e l efficienza energetica Roma 09/05/2011 Il D.LGS 163/2006 Art. 2: Principi 1. L affidamento e l esecuzione di opere e lavori pubblici, servizi e forniture,

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER L ATTUAZIONE DEL GPP

PIANO OPERATIVO PER L ATTUAZIONE DEL GPP PIANO OPERATIVO PER L ATTUAZIONE DEL GPP Assessorato Ambiente, Beni ambientali, gestione rifiuti, Educazione ambientale, Inquinamento acque, suolo ed atmosfera, Servizi pubblici locali, Reti informatiche

Dettagli

CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI

CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI Autori: Antonio Notaro, Salvatore Caldara, Salvatore Giarratana, Giuseppina Pizzo. L impatto delle attività produttive dell uomo sull ambiente sono sempre più evidenti e disastrose,

Dettagli

Forum Internazionale degli Acquisti Verdi Milano, Palazzo delle Stelline 30/31 ottobre 2013 VII edizione

Forum Internazionale degli Acquisti Verdi Milano, Palazzo delle Stelline 30/31 ottobre 2013 VII edizione Forum Internazionale degli Acquisti Verdi Milano, Palazzo delle Stelline 30/31 ottobre 2013 VII edizione SEMINARI E APPROFONDIMENTI A CURA DEL GDL ACQUISTI VERDI con il contributo di: Alcuni dati 25.000.000

Dettagli

COMPRAVERDE-BUYGREEN 30-31 OTTOBRE 2013 PALAZZO DELLE STELLINE - MILANO

COMPRAVERDE-BUYGREEN 30-31 OTTOBRE 2013 PALAZZO DELLE STELLINE - MILANO COMPRAVERDE-BUYGREEN PALAZZO DELLE STELLINE - MILANO Il Progetto CEC5 rientra nel Programma CENTRAL EUROPE cofinanziato dal fondo FERS COMUNE DI UDINE Dipartimento Gestione del Territorio, Infrastrutture

Dettagli

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività.

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività. BANDO TIPO E CAPITOLATO TIPO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA RICETTIVITA NELLE STRUTTURE DEL PARCO XXX A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. NOTA TECNICA Il Capitolato Tipo Speciale d Appalto

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Cuneo, 25 Gennaio 2013

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Cuneo, 25 Gennaio 2013 Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Cuneo, 25 Gennaio 2013 consip profilo aziendale e attività Consip è una società per azioni creata nel 1997 dal

Dettagli

L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba)

L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba) L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba) Antonella Lomoro alomoro@eco-logicasrl.it, Patrizia Milano, Massimo Guido; Claudia

Dettagli

GREEN ECONOMY SILVIA ZAMBONI LABORATORIO URBANO SEMINARIO BOLOGNA, 13 DICEMBRE 2010 SPUNTI PER LA RIFLESSIONE DI

GREEN ECONOMY SILVIA ZAMBONI LABORATORIO URBANO SEMINARIO BOLOGNA, 13 DICEMBRE 2010 SPUNTI PER LA RIFLESSIONE DI GREEN ECONOMY LABORATORIO URBANO SEMINARIO BOLOGNA, 13 DICEMBRE 2010 SPUNTI PER LA RIFLESSIONE DI SILVIA ZAMBONI Green economy, perché? Ragioni ambientali (cambiamenti climatici/decarbonizzare l economia)

Dettagli

Indagine Ristorazione 2012. Stato di applicazione dei Criteri Ambientali Minimi negli appalti pubblici di ristorazione collettiva

Indagine Ristorazione 2012. Stato di applicazione dei Criteri Ambientali Minimi negli appalti pubblici di ristorazione collettiva Indagine Ristorazione 2012 Stato di applicazione dei Criteri Ambientali Minimi negli appalti pubblici di ristorazione collettiva Ecosistemi ha svolto un indagine con il fine di rilevare le modalità di

Dettagli

Green Public Procurement

Green Public Procurement Andrea Monsignori, Servizio Qualità dell Ambiente gestione rifiuti e attività estrattive Workshop: Procedure e opportunità del comprare verde Perugia, 24 Febbraio 2010 Green Public Procurement (Acquisti

Dettagli

Certificazione di Qualità e requisiti cogenti

Certificazione di Qualità e requisiti cogenti Certificazione di Qualità e requisiti cogenti Emanuele Montemarano 1 Emanuele Riva 2 1. Premessa La certificazione di qualità è il riconoscimento ufficiale rilasciato alle organizza-zioni che applicano

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

La certificazione Remade in Italy di prodotti derivanti da riciclo e riuso. Progetto Lowaste Ferrara, 23 maggio 2013

La certificazione Remade in Italy di prodotti derivanti da riciclo e riuso. Progetto Lowaste Ferrara, 23 maggio 2013 La certificazione Remade in Italy di prodotti derivanti da riciclo e riuso Progetto Lowaste Ferrara, 23 maggio 2013 Struttura del Seminario Certificazioni ambientali: tipologie e caratteristiche Il Progetto

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI Istituto Comprensivo Zona Est "Aldo Moro" Fabriano (AN) Via Aldo Moro, n. 4-60044 Fabriano (AN) tel. +39 0732 779005 fax +39 073 2709353 e-mail: anic84500p@istruzione.it p.e.c: anic84500p@pec.it; sito

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI NIDO D INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V02 APRILE 2015

SERVIZI EDUCATIVI NIDO D INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V02 APRILE 2015 SERVIZI EDUCATIVI NIDO D INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V02 APRILE 2015 PRODOTTI PER L IGIENE I prodotti per l igiene quali i detergenti multiuso destinati alla pulizia

Dettagli

La certificazione di sistema (ISO 14001 ed EMAS): quali garanzie sulle prestazioni ambientali dell azienda in gara per un appalto?

La certificazione di sistema (ISO 14001 ed EMAS): quali garanzie sulle prestazioni ambientali dell azienda in gara per un appalto? La certificazione di sistema (ISO 14001 ed EMAS): quali garanzie sulle prestazioni ambientali dell azienda in gara per un appalto? Fabio Iraldo e Francesco Testa Scuola Superiore Sant Anna di Pisa e CESISP

Dettagli

Introduzione alla Certificazione LEED per i solai prefabbricati e doppie lastre in calcestruzzo

Introduzione alla Certificazione LEED per i solai prefabbricati e doppie lastre in calcestruzzo 56 Introduzione alla Certificazione LEED per i solai prefabbricati e doppie lastre in calcestruzzo Michele Locatelli, Consulente ASSOBETON Sezione Solai e Doppia Lastra Gianpiero Montalti, Segretario Sezione

Dettagli

ACQUISTI PUBBLICI SOSTENIBILI. Consumi a basso impatto ambientale nella PA: buone pratiche nell acquisto e nell utilizzo di beni e servizi

ACQUISTI PUBBLICI SOSTENIBILI. Consumi a basso impatto ambientale nella PA: buone pratiche nell acquisto e nell utilizzo di beni e servizi Assessorato Ambiente, Parchi, Agricoltura, Caccia e Pesca Assessorato Bilancio, Economato, Personale e Ced ACQUISTI PUBBLICI SOSTENIBILI Consumi a basso impatto ambientale nella PA: buone pratiche nell

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Forum Internazionale degli Acquisti Verdi VIII edizione - Acquario Romano- Casa dell Architettura, Roma 1-2 Ottobre 2014 www.forumcompraverde.

Forum Internazionale degli Acquisti Verdi VIII edizione - Acquario Romano- Casa dell Architettura, Roma 1-2 Ottobre 2014 www.forumcompraverde. Forum Internazionale degli Acquisti Verdi VIII edizione - Acquario Romano- Casa dell Architettura, Roma 1-2 Ottobre 2014 www.forumcompraverde.it SEMINARI E APPROFONDIMENTI A CURA DEL GDL ACQUISTI VERDI

Dettagli

Istruzione Operativa 4.4.6/4 Gestione fornitori

Istruzione Operativa 4.4.6/4 Gestione fornitori pag. 1 di 7 Istruzione Operativa 4.4.6/4 (UNI EN ISO 14001:04 - Regolamento CE n. 761/2001 EMAS) 1. Scopo... 2 2. Campo Di Applicazione... 2 3. Modalità Di Gestione... 2 4. Linee guida per l approvvigionamento

Dettagli

DOCUMENTO SULLA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE

DOCUMENTO SULLA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE DOCUMENTO SULLA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE CODICE DI COMPORTAMENTO ANGEM PER LA PARTECIPAZIONE DELLE IMPRESE ASSOCIATE ALLE GARE DI APPALTO ED AI CONTRATTI PREMESSA L ANGEM L ANGEM ha sempre

Dettagli

Quadro normativo per il Green Public Procurement: cose da fare e da non fare

Quadro normativo per il Green Public Procurement: cose da fare e da non fare Quadro normativo per il Green Public Procurement: cose da fare e da non fare Aure Adell ICLEI - Local Governments for Sustainability Bologna, 29 Novembre 2006 Quadro normativo Nuove Direttive: Direttiva

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale (SGA): ISO14001 ed EMAS III

Sistema di Gestione Ambientale (SGA): ISO14001 ed EMAS III Sistema di Gestione Ambientale (SGA): ISO14001 ed EMAS III Luana Scaccianoce, Marco Glisoni EMAS vs ISO14001 L EMAS (Environmental Management and Audit Scheme) è uno STANDARD EUROPEO definto con Regolamento

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

RETE AGENDE 21 LOCALI TOSCANA: PROGRAMMIAMOCI

RETE AGENDE 21 LOCALI TOSCANA: PROGRAMMIAMOCI COMUNE DI MASSA RETE AGENDE 21 LOCALI TOSCANA: PROGRAMMIAMOCI IL GRUPPO DI LAVORO GREEN PUBLIC PROCUREMENT RELATORE: DOTT.SSA GIORGI MARIA COMUNE DI MASSA Firenze, 14 ottobre 2008 ore 9,30 Direzione Ambiente

Dettagli

LE NORME CEN SUI REQUISITI ESSENZIALI DEGLI IMBALLAGGI

LE NORME CEN SUI REQUISITI ESSENZIALI DEGLI IMBALLAGGI Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica LE NORME CEN SUI REQUISITI ESSENZIALI DEGLI IMBALLAGGI SCOPO DI QUESTA PUBBLICAZIONE è quello di illustrare le caratteristiche

Dettagli

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va.

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va. CARTA PER GLI ACQUISTI VERDI E CONSUMI RESPONSABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE: impegni, regolamento, modulo di adesione 1. IMPEGNI Premesse Gli acquisti verdi e consumi responsabili rappresentano lo strumento

Dettagli

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI QUALITA DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI OBIETTIVI INDICATORI Descrivere l evoluzione della sensibilità ambientale delle organizzazioni e delle imprese e la trasparenza nella comunicazione con il

Dettagli

Tracciabilità dei Rifiuti L Esperienza nel Settore dei Rifiuti Sanitari Pierpaolo Gori Responsabile Commerciale Mengozzi Spa www.mengozzirifiutisanitari.it 1 TRACCIABILITÀ: DA ONERE A OPPORTUNITÀ La normativa

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE Distretto XV - Via V. Olcese, 16-00155 ROMA - Tel. (06) 2301748-23296321

Dettagli