Agenzia per l'italia Digitale Gestione ex-digitpa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agenzia per l'italia Digitale Gestione ex-digitpa"

Transcript

1 Area Organizzazione, risorse umane e funzionamento Agenzia per l'italia Digitale Gestione ex-digitpa Capitolato tecnico per l'appalto del "servizio di pulizia e sanificazione dei locali di viale Marx 31-49, sede dell' Agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA)" 1 dicembre 2012/31 gennaio

2 Area Organizzazione, risorse umane e funzionamento Indice: 1. Generalità 2. Modalità di intervento 3. Prestazioni 4. Campi di intervento pag.3 pag.6 pag.8 pag.9 Allegati: 1. Suddivisione degli ambienti 2. Attività per le diverse aree 3. Analitico edificio 4. Piante 5. DUVRI pag.10 pag.11 pag.13 2

3 Area Organizzazione, risorse umane e funzionamento 1. Generalità Il presente capitolato stabilisce le condizioni generali per l'erogazione di un servizio di "pulizia e sanificazione", dell'edificio sede dell' Agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA) sito in Viale Marx no in Roma, necessario a mantenere il complesso degli ambienti (ali. 1), e quindi l'edificio, nelle corrette condizioni di igiene. Il Prestatore dovrà espletare il servizio secondo le attività previste per le diverse aree, con le frequenze minime stabilite in allegato (ali. 2), la cui descrizione analitica e grafica è riportata in allegati (ali. 3 e 4). Ai sensi dell'art. 5 della legge , n. 82 questa Agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitP A) provvederà al pagamento del corrispettivo dovuto all'appaltatore previa esibizione da parte di quest'ultimo della documentazione ufficiale attestante il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali e dei premi assicurativi obbligatori contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali in favore del personale dipendente, compresi i soci-lavoratori, qualora trattasi di cooperativa, impiegati nei servizi oggetto dell' appalto e previa attestazione da parte dell'appaltatore di aver corrisposto al personale quanto dovuto a titolo di retribuzione, indennità ed emolumenti accessori. Il servizio dovrà essere svolto dall'impresa con i propri capitali, con propri mezzi tecnici e materiali di consumo occorrenti, con proprio personale, attrezzi e macchine mediante l'organizzazione dell' appaltatore ed a suo rischio. Nel materiale occorrente per l'esecuzione del servizio sono compresi, a titolo esemplificativo e non esaustivo, scale, secchi, aspirapolveri, spruzzatori, scopettoni, strofinacci, pennelli, piumini, detergenti e disinfettanti, sacchi per la raccolta dei rifiuti (compresi i sacchetti per i cestini presenti negli uffici) impalcature, ponteggi, ecc.. Le operazioni di pulizia, condotte da personale specializzato e dotato delle migliori attrezzature disponibili e dei materiali più idonei a risolvere, di volta in volta, le diverse necessità di intervento, devono essere fmalizzate ad assicurare il massimo confort e le migliori condizioni di igiene per garantire un sano e confortevole svolgimento delle attività nel pieno rispetto dell'immagine dell' Amministrazione aggiudicatrice. Tutti i materiali di pulizia impiegati dovranno essere di ottima qualità e prodotti da aziende altamente specializzate. Per la sanificazione dei sanitari è richiesto l'utilizzo di Presidi Medico Chirurgici. Tutti i prodotti chimici impiegati devono essere non nocivi e rispondere alle normative vigenti in Italia e nell'd.e. relativamente a "biodegradabilità", "dosaggi", "avvertenze di pericolosità". E' vietato l'uso di prodotti tossici e/o corrosivi e in particolare di acido cloridrico ed ammoniaca. Sono altresì vietati i prodotti spray con propellenti a base di clorofluorocarburi (CF/C). I detergenti ed i disinfettanti devono essere utilizzati alle concentrazioni appropriate indicate dai fabbricanti. L'impresa dovrà utilizzare nell'espletamento del servizio macchine ed attrezzature per le quali dovrà presentare, prima dell'inizio del servizio, copia del certificato di conformità e scheda tecnica 3

4 Area Organizzazione, risorse umane e funzionamento dettagliata. L'impiego degli attrezzi e delle macchine, la loro scelta e le loro caratteristiche tecniche dovranno essere perfettamente compatibili con l'uso dei locali, dovranno essere tecnicamente efficienti e mantenuti in perfetto stato di manutenzione e dovranno essere dotati di tutti quegli accorgimenti ed accessori atti a proteggere e salvaguardare l'operatore ed i terzi da eventuali infortuni. L'impresa sarà responsabile della custodia delle macchine, delle attrezzature e di tutti i prodotti utilizzati. L'impresa deve offrire un servizio che consiste neli,erogazione di tutte le prestazioni e le somministrazioni occorrenti al soddisfacimento del servizio in oggetto in conformità alle prescrizioni della legge 25 gennaio 1994, no 82 e successive modifiche ed integrazioni. Per tutte le operazioni aventi frequenza trimestrale, l'impresa dovrà comunicare tempestivamente e per iscritto all' Agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA) l'inizio e la fine delle operazioni medesime, affinché sia possibile l'accertamento delle prestazioni indicate nel presente Capitolato e suoi allegati. Tutti gli interventi dovranno essere effettuati accuratamente ed a regola d'arte con l'impiego di mezzi e materiali idonei in modo da non danneggiare i pavimenti, le vernici, gli arredi e quant' altro presente negli ambienti oggetto degli interventi. L'impresa appaltatrice dovrà farsi carico: dei turni di lavoro dei propri dipendenti o soci; del controllo e della garanzia del servizio effettuato; della continuità del servizio provvedendo entro e non oltre due ore alla sostituzione del personale assente dal servizio. Lo svuotamento dei cestini consiste, oltre che nello svuotamento dei cestini per i rifiuti e degli appositi contenitori per la raccolta carta presenti negli uffici e corridoi, anche nel conferimento dei materiali di rifiuto all'interno degli appositi contenitori AMA per la raccolta differenziata, posti all' esterno dell' edificio. La scopatura dei pavimenti dovrà essere effettuata ad umido, utilizzando scope elettrostatiche con garze monouso oppure garze di cotone inumidite. La detersione dei pavimenti dovrà essere eseguita con prodotti a triplice azione: detergente, disinfettante, incerante (solo in presenza di pavimenti che richiedono un trattamento incerante) in ogni caso salvaguardando le caratteristiche antiscivolo dei pavimenti stessi. La pulizia dei servizi igienici dovrà comprendere la spazzatura e la detersione dei pavimenti, detersione sanitari e pareti circostanti, degli arredi. La lavatura e la disinfezione di tutti gli apparecchi igienico sanitari deve essere effettuata con specifico prodotto germicida e deodorante. La spolveratura ad umido esterna e la detersione a fondo di tutti gli arredi accessibili senza uso di scale deve essere effettuata su mobili, scrivanie, sedute, scaffalature, librerie, armadi, soprammobili, quadri, mobiletti, condizionatori, termosifoni, ringhiere, scale, corrimano, inferriate interne, piani di appoggio, porte, porte a vetri, bacheche, sportellerie, prese corrente, interruttori, canalette, telefoni, lampade da tavolo, personal computer e relative tastiere e stampanti, fotocopiatrici, con particolare attenzione ai davanzali delle finestre. Gli apparecchi telefonici, tastiere, personal computer e similari dovranno essere mensilmente puliti con sistema adeguato alle tecnologie esistenti.» La pulizia a fondo e la lucidatura degli elementi metallici, maniglie, zoccoli, targhe, comici, piastre deve essere effettuata con prodotti idonei al tipo di elemento da pulire. 4 ~

5 Area Organizzazione, risorse umane e funzionamento La lavatura a fondo di tutti i rivestimenti in piastrelle dei servizi igienico-sanitari deve essere effettuata con prodotti igienizzanti e deodoranti. Al fine di assicurarsi il puntuale succedersi dei cicli di lavori, il Prestatore dovrà assicurare le opportune scorte di materiali ed apparecchiature.

6 Area OrganiZ'l.azione, risorse umane e funzionamento 2. Modalità di intervento 2.1 Norme di sicurezza L'impresa risponde integralmente, ai sensi della vigente legislazione, della valutazione, eliminazione o riduzione al minimo dei rischi specifici della propria attività. In particolare, l'impresa è tenuta a dare in dotazione al proprio personale attrezzature di lavoro, sostanze e preparati, dispositivi di protezione individuale adeguati all'uso e conformi alle prescrizioni applicabili, con particolare riferimento al D.Lgs e s.m.i., fornendo inoltre al personale formazione ed informazione adeguate. Con riferimento ai rischi da interferenza, l'impresa dovrà: assicurare la propria cooperazione all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull' attività lavorativa oggetto dell' appalto~ partecipare al coordinamento degli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, dando le necessarie informazioni al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze. deve munire il proprio personale di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l'indicazione del datore di lavoro, imponendo al personale stesso di esporre tale tessera durante tutta la permanenza presso la sede dell' Agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA). L'Agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA), in qualità di datore di lavoro committente, promuoverà la cooperazione ed il coordinamento con l'impresa e gli altri appaltatori o lavoratori autonomi eventualmente operanti presso la sede, nel rispetto di quanto previsto dall'art. 26 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., anche elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze (DUVRI).Tale documento, allegato al presente Capitolato (ali. 5), verrà allegato anche al contratto di appalto e verrà adeguato in funzione dell' evoluzione dei servizi di pulizia di che trattasi. Inoltre, al DUVRI è allegata la tabella relativa agli oneri annuali per la sicurezza per rischi da interferenze non soggetti a ribasso. 2.2 Descrizione delle modalità di intervento Il servizio di pulizia e sanificazione del presente appalto dovrà essere organizzato, in base alle indicazioni riportate negli allegati al presente Capitolato, secondo gli orari e le disposizioni precisati dall'agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA)e, di norma, al di fuori dell'orario d'ufficio, prima delle ore 8:00, oltre ad un servizio di ripasso pomeridiano da svolgersi di norma dalle ore 13 alle ore 15; dovranno inoltre essere previsti tre addetti a disposizione dell' Agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitP A), nelle sole giornate lavorative e con orario di lavoro dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 17.00, comprensivo della pausa pranzo (1 ora), che costituiranno un servizio di presidio per provvedere ed eseguire con tempestività tutti gli interventi che si rendono necessari nel corso della giornata e secondo le disposizioni dettate dal Direttore dell' esecuzione di dell' Agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA). Il Prestatore dovrà procedere alla individuazione di un Responsabile con il quale il Direttore dell'esecuzione dell'agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA) dovrà anche concordare le modalità, per i relativi controlli, di tutte le prestazioni previste dal presente Capitolato, effettuare le annotazioni delle prestazioni sul registro ogni giorno e che dovrà essere sempre reperibile in sede ~ durante l'orario di servizio. Il Responsabile del Prestatore dovrà, inoltre, essere costantemente 6

7 Area Organizzazione, risorse umane efunzionamento reperibile per via telefonica anche oltre l'orario di servizio. Il Prestatore dovrà altresì indicare un Vice Responsabile che sostituisca il Responsabile in caso di assenze dello stesso. In nessun caso sarà tollerato più di un Responsabile. Per garantire un livello minimo di qualità del servizio di pulizia e sanificazione in appalto, viene considerato quale minimo standard operativo accettabile, un monte ore medio di 112,5 ore settimanali, corrispondenti a (923+28) 951 ore per un periodo di 41 gg. Inoltre, come sopra esposto, è previsto anche un servizio di presidio, che dovrà essere comunque pari a tre addetti fissi per 8 ore per ogni giorno lavorativo per un monte ore medio di 120 ore settimanali, corrispondenti a 984 ore per un periodo di 41 gg. In totale sono richieste 1935 ore. Nel caso di convegni, seminari, manifestazioni di varia natura, traslochi o comunque, in relazione a qualsiasi evento non periodico e/o non prevedibile, l'agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitP A) può richiedere le pulizie e prestazioni straordinarie delle aree interessate in un'unica soluzione o con un ampliamento temporaneo dell'appalto. Tale richiesta dovrà avvenire tramite ordine di servizio scritto del Consegnatario. Nell'ordine di servizio saranno precisate le aree, i tempi, le risorse necessarie e le modalità dell'intervento. Il relativo costo orario delle prestazioni straordinarie sarà determinato dividendo l'importo annuo complessivo a corpo offerto (quello di aggiudicazione) per le ore di prestazioni complessive annue offerte dal Prestatore. Il servizio di pulizia oggetto del presente capitolato comprende, per tutto il periodo di durata del contratto, il posizionamento del materiale accessorio ai servizi igienici (a titolo indicativo e non esaustivo: asciugamani tipo a "C", saponi, carta igienica, copriwater, ricarica dispenser, igienizzanti) fornito dal Prestatore a sue spese. Prima dell'inizio dell'appalto, l'impresa dovrà fornire a dell' Agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA) l'elenco dei dipendenti addetti al servizio appaltato (compresi i nominativi delle persone impiegate nelle sostituzioni), con le relative generalità, qualifica e livello professionale, il numero di iscrizione sul libro matricola ed il numero delle ore giornaliere (distinte per struttura) che ciascuno deve espletare nel servizio in oggetto, n posizione assicurativa INPS ed INAIL; tale elenco, con la relativa documentazione, dovrà essere aggiornato con i nuovi inserimenti di personale, anche per sostituzione temporanea di altro personale per servizio militare, malattia, infortunio, ferie e maternità, entro lo giorni da ciascuna variazione entro il 5 del mese successivo a quello in cui le variazioni si sono verificate. L'allontanamento dal servizio di personale per trasferimento o per cessazione dal lavoro dovrà essere comunicato all'ente entro 5 giorni. In caso di sciopero del personale dell'impresa o in presenza di altre cause di forza maggiore, l'impresa si impegna a darne comunicazione all'agenzia per l'italia Digitale (Gestione ex DigitPA) con un anticipo, se possibile, di almeno 2 (due) giorni; dovrà comunque essere in ogni caso assicurato un servizio di emergenza. Il personale in servizio deve mantenere un contegno corretto e riguardoso, osservando scrupolosamente il segreto d'ufficio in merito a documenti o notizie di cui venisse a conoscenza durante l'espletamento del servizio stesso; dovrà indossare un camice (di colore uguale per tutti i dipendenti) e dovrà essere munito di tesserino di riconoscimento contenente nome, cognome e fotografia. L'impresa si impegna a richiamare e, se del caso, a sostituire i dipendenti che non dovessero osservare una condotta irreprensibile o le cui prestazioni non risultano soddisfacenti. Nell'esecuzione del servizio il personale addetto deve prestare la massima attenzione al fine di evitare di mettere in disordine carte, documenti, disegni e quanto altro eventualmente rinvenuto M /' 7 '-' x.'

8 Area Organizzazione, risorse umane ejunzionamento sulle scrivanie e sui tavoli. Il personale deve altresì esimersi dall'aprire armadi e cassetti e dal consentire l'accesso a persone estranee al servizio. 3. Prestazioni Si riporta la tabella riferita al contratto di appalto per il servizio di pulizia e sanificazione locali attualmente in essere. Personale Presidio Livello Ore settimanali Ore complessive I (dal 01112/2012 al 31/0l/2013). Operaio Operaio 3 40 I 328 Operaio Personale Pulizie Operaio 2 15 i 123 Operaio i Operaio Operaio 2 82 i 82! Operaio 2 82 i Operaio 2 lo 82 Operaio 2 lo 82 Operaio 2 82 Operaio * Prestazioni extra 28 Totale 13 operai 1935 Operaio 2 ffi * ripasso pomeridiano

9 Area Organizzazione, risorse umane e funzionamento 4. Campi di intervento L'appalto riguarda lo stabile di Viale Marx no 31-49, sito in Roma, costituito da cinque piani di cui uno interrato (v. ali. 3 e 4). Data la diversità degli ambienti che costituiscono l'edificio, per tipologia e destinazione d'uso, risulta opportuno individuare aree omogenee in base alle quali organizzare le prestazioni e le relative tempificazioni. Le aree individuate sono le seguenti (v. ali. 1): 1. aree uffici 2. aree comuni 3. aree servizi 4. aree interrate 5. aree scoperte 6. aree tecniche ogni area sarà soggetta ad un trattamento di prestazioni differenziate (v. ali. 2). 9

10 Area Organizzazione, risorse umane e funzionamento ALLEGATO 1 Suddivisione degli ambienti Aree uffici: Appartengono a questa tipologia gli ambienti destinati agli uffici, sale riunioni, ivi compreso la portineria. Aree comuni: Corridoi, scale, ascensori e atri. Aree Servizi: Bagni, zona ristoro. Aree interrate: Scantinati, autorimessa, locali lo interrato, intercapedini, ecc. Aree scoperte: Parcheggi, villli e piazzali. Aree tecniche Locali adibiti ad alloggiare impianti e magazzini. lo

11 Area Organizzazione, risorse umane e funzionamento ALLEGATO 2 Attività per le diverse, aree ELENCO DELLE ATTIVITA' RIPARTITE PER AREA E PERIODICITA' AREA UFFICI Attività i GIORNALIERA SETTIMANALE MENSILE TRIMESTRALE Svuotamento dei cestini* Pulizia pavimenti Spolveratura tende Cambio sacchetto (lava22io) Spolveratura arredi orizzontali o di appoggio Spolveratura davanzali interni Pulizia finestre I porte finestre apribili (int. est.) Spolveratura corpi illuminanti (scrivanie, dattilo, sedie, allungw, divani ecc.) Spolveratura telefono I terminali Aspirazione davanzali esterni infissi apribili Pulizia infissi non apribili (int.) davanzali, infissi, Paratie di vetro di tutto il piano terra Spazzatura pavimenti Pulizia terminali** Spolvera tura Eliminazione maccwe da arredi e pavimenti Spolveratura arredi verticali (librerie/armadi, porte) caloriferi - fancoil * attività da effettuare, ove necessario e nelle aree occupate da personale dirigente, due volte al giorno, prima delle ore 8.00 e nel ripasso pomeridiano. ** per pulizia dei videoterminali e/o personal computer deve essere eseguita con prodotti specifici non corrosivi AREE COMUNI Attività GIORNALIERA Svuotamento dei cestini* Cambio sacchetto Spolveratura arredi orizzontali o di appoggio ( sedie, tavoli, divani ecc.) Spazzatura pavimenti Eliminazione macchie da arredi e pavimenti SETTIMANALE Pulizia pavimenti Jlavaggio) MENSILE Pulizia finestre / porte finestre apribili (int.-est.) Aspirazione davanzali esterni ÌInlSsi apribili Pulizia infissi non apribili (int.) davanzali, irulssi, Paratie di vetro di tutto il piano terra Spolveratura arredi verticali (librerie/armadi) TRIMESTRALE Spolveratura tende Spolveratura corpi illuminanti Spolveratura caloriferl- fancoil * attività da effettuare, ove necessario e nella piccola zona ristoro, due volte al giorno, prima delle ore 8.00 e nel ripasso pomeridiano. 11

12 Area Organizzazione, risorse umane e funzwlulmento AREE SERVIZI Attività GIORNALIERA SETTIMANALE MENSILE TRIMESTRALE I Spazzatura., e lavaggio pavimenti * Pulizia maioliche Pulizia infissi ove I presenti Spolveratura corpi I illuminanti Disinfettazione e lavaggio sanitari I specchi Rifornimento carta/salviette/sapone Pulizia vetri Aspirazione davanzali esterni ove presenti Pulizia porte Spolveratura tende I ove presenti Spolveratura caloriferi I fancoil I Svuotamento dei contenitori rifiuti Pulizia contenitori rifiuti *attività da effettuare due volte al giorno, prima delle ore 8.00 e durante il ripasso pomeridiano AREEINTERRATE Attività Spazzatura pavimento SETTIMANALE MENSILE Pulizia pavimento AREE SCOPERTE Attività GIORNALIERA SETTIMANALE MENSILE Spazzatura e raccolta rifiuti Innaffiare piante estate Pulizia pavimento AREE TECNICHE Attività SETTIMANALE TRIMESTRALE S azzatura e lava io avimenti Pulizie vetri, infissi, orte 12

13 Area Organizzazione, risorse umane e funzionamento ALLEGATO 3 Analitico edificio Finestre: esterne apribili e fisse - porte finestre: Piano 3 n. 28 Piano 2 n.114 Piano ]O n. 117 Piano terra n. 89 interne apribili e fisse: Piano 3 n. 54 Piano 2 n. 120 Piano]O n. 124 Superficie piani: piano -1 (autorimessa, magazzini, locali tecnici)...circa m.q; piano terra (reception, uffici, sale riunioni ecc)...circa m.q; piano ]O ( uffici )... circa m.q; piano 2 ( uffici )... circa m.q; piano 3 ( uffici )...,... circa 700 m.q; piano 3 ( terrazzo) circa m.q; porticati... circa 350 m.q; piazzali circa m.q. Servizi: b41~lli

14 0 0 0 C AREA ORGANIzzAzI0NE, RISORSE UMANE E FUNZICNAMENTO

15 0 CD N 0 AREA ORGANIzzAzI0NE, RISORSE UMANE E FUNZIONAMENTO

16 C D 0 -w (J (D 0 -w z C AREA ORGANIZZAZIONE, RISORSE UMANE E FUNZIONAMENTO

17 -o D -o 0 -o D 0 AREA ORGANIzzAzI0NE, RISORSE UMANE E FUNZIONAMENTO

18 -o r) -o 0 AREA ORGANIzz.4zIoNE, RISORSE UMANE E FUNZIONAMENTO

19 ij 0 0 AREA ORGANIZZAZIONE, RISORSE UMANE E FUNZIONAMENTO

20 DigitPA Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Elaborato ai sensi dell'articolo 26 del D.Lp. ~ 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i. revisione 3.0 in vigore dal 14 aprile 2010 O.etto e ICOpo 11 presente documento è stato elaborato da DigitPA, nella sua qualità di committente di lavori., servizi CI forniture all'interno della propria sede, in adempimento agli obblighi inttodotti dall'articolo 26 del D.Lp. n.. 81/08; come modificato e integrato dal D.Lp Il presente documento viene allegato al contratto di appalto o d'opera. a cura della competente Unità Orgaoizzativa. Ca..,.di appllcazioae Ai semi dell'art. 26 del D.Lp. 81/08 e s.m.i il presento documento si applica "In CQ.JO di affldj:rmnto di lavori, servm e fomitlln ad imprtlstl appaililirld o a lat1t1l"tltljrl mdonoml oll'intemo della propria azienda, o di una singola unità produntva della ste.u4, nonchs nell'ambito dell'intero ciclo produtttvo dell'azienda mede.jima, sempre che abbia hl disponibilità giuridica cui luoghi In cui si svolge l'appalto o la prestazio,. di lavoro autonomo", Il presente dooumento., elaborato a cura del committente in quanto promotore del coordidam.ento con le imprese appaltatrici ed i lavoratori autonomi, nel caso sopra precisato comporta obblighi sia per il committente che per l'appaltatore e pertanto deve essae sottoscritto da enu:ambi. Il presente documento DOn si applica ai rischi specifici propri dell'attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi. Attività del COlllllÙtteDte e natara delle opere elo HI"rid conferiti id appalto DigitPA è un Ente le cui funzioni vengono svolte attraverso l'espletamento di attività di natura teenico-amministrativa, da parte di penooale che., pur nelia diversità dei. livelli di inquadramento e delle mansio~ svolge di m_ma lavoro di ufficio con l'utilizzo di videotenninali. DigitP A ha sede in un edificio con destinazione ad ufficl. recentemente sottoposto ad un completo intervento di ristrutturazione edilizi.a., sito in Roma, Viale Carlo Marx L'edificio si connota per una rilevante complessità impiantistica da cui deriva l'esigenza di attuare una stretta vigilanza sugli aceessi, anche in relazione all'importanza delle attività svolte c dei dati custoditi nei sistemi informativi ed al frequente svolgimento di riunioni e convegni con la partecipazione di esponenti di rilievo del mondo dene aziende, della ricen:a e della politica. L~~ \\ DUVRI R!v "",2610 A; / ~

21 [n particolare. l'appaltatore: deve isojare et segnalare adeguatamente le zone dei luoghi di lavoro (incluse lo vie di circolazione e di uscita) ano quali debba essere impedito l'accesso alle altre persone presenti, al fine di eliminare eventuali rischi connessi ano svolgimento deue attività conferite in appalto; deve transennare o segnalare adeguatamente le zone dei luoghi di lavoro (incluse le vie di circolazione et di uscita) eventualmente rese sdrucciolevoli da attività di pulizia, spandimento di sostanze. ecc.; deve astenersi nel modo più assoluto dau' ostrono ingombrare, anche temporaneamente, le vie e le uscite di emergenza; deve astenersi dall'utilizzo di sostanze chimiche che possano risultare pericolose o nocive per le persone presenti sui luoghi di lavoro; nel caso che le attività appaltate richiedano l'utilizzo di agenti pericolosi o nocivi ad effetto persistente, deve notificare per iscritto all'area Organizzazione. Risorse Umane e Funzionamento le date e gli orari di esecuzione delle attività, precisando l'orario a partirei dal quale dovrà essere interdetto l'accesso ai locali interessati ai non addetti ai lavori, e comunicando sw:cessivamc:nte in forma scritta la disponibilità dei loeaji. dopo averne accertato con mezzi adeguati la salubrità. o: Approvazione del documento... :i Q ~ ~ ~ Elaborato da Hanno contribuito all'elaborazione, per quanto di competedza Datore di lavoro (Direttore Generale) Responsabile dell'area Organizzazione, risorse umane e funzionamento Responsabile del servizio di prevenzione e protezione Medico Competente (G. Feigusch) l'agina6 di 6

22 Oneri e respeuabru.. del co...ittente e ded'appaltatore < i, Q.... Il committente si impegna a cooperare all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull'attività lavorativa oggetto dell'appalto. A tal fine, sarà cura dell'appaltatore far pervenire in fonna scritta all' Area QrganiZ7JJzione, Risorse Umanc: e Funzionamento eventuali richieste relativo ad apprestamenti. messa a disposizione di locali di servizio o quant'auro ritenuto necessario per la eliminazione o riduzione dei rischi incidenti sul!' attività conferita in appalto Il committente c l'appaltatore si impegnano a coordinare gli intervemi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori deue diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opera complessiva o nell' erogazione dci servizi appaltati ( vedi allegato ). A tal.fino, l'appaltatore si impegna a far pervenire tempestivamente in fonna scritta all'area Organizzazione, RiSOl'SCl UlJJ8I1O e Funzionamento oglli segnalazione cirea la possibile insorgenza di rischi (e le conseguenti misuro di prevenzione e protezione ritenute necessarie) cui potrebbero essere esposti i lavoratori operanti per il committente o anche lavoratori autenomi o dipendenti. da altri appaltatori, presenti sui luoghi di lavoro del committente o operanti nell'ambito dell'intero ciclo produttivo del committente stesso. L'obbligo di cui sopra si applica anche ad eventuali situazioni transitorie elo di nonna non Previste nei lavori conferiti in appalto; l'appaltatore DOn'potrà dare inizio alle attività di cui trattasi senm il preventivo consenso. apposto a cura. den'area Organizzazione, Risorse Umane e Funzionamento in calce alla segnalazione di cui al capoverso precedente. Questo obbligo non si applica ad. eventuali attività necessarie per far fronte a situazioni di emergenza, per Je quali comunque dovranno essere seguite da parte den'appaltatore le apposite procedure definite dal committente contestualmente alla firma del contratto. E' di nonna vietato l'utilizzo da parte dell'appaltatore di attrezzature di lavoro del committente, salvo che questo sia esplicitamente previsto da apposite clausole contrattuali. Oneri e responsabilità deu'appaltatore A nonna dell'art, 26, comma 8 del D.Lga. 81/08, il datdre di lavoro deve munire il proprio personale che opererà presso DigitPA dell'apposita tessera di riconoscimento, istruendo il personale circa l'obbligo di esporre detta tessera durante la loro presenza presso DigitPA. Questo obbligo riguarda anche i lavoratori autonomi, salvo che la loro presenza presso la sede di DigitP A sia del tutto saltuaria. L'appaltatore è tenuto a non alterare. neanche temporanea:ment le condizioni di sic'1.1j:ez7.3. dei luoghi di lavoro, impianti e attrez:zature sui quali andrà ad. operare, fatte salve le esigenze operative ili cui al paragrafo precedente. PaginaS dì6

23 Operano inoltre presso DigiiP A alcuni lavoratori autonomi, in qualità di consulenti, che ne utilizzano i locali e le attrezzature., con particolare riferimento a posti di lavoro con PC et relative periferiche. Detti lavoratori autonomi hanno a disposizione posti di lavoro, attrezzature ed impianti pienamente adeguati alle esigenze et conformi alle normative vigenti. RIschio di Interferenze tra le atdvitllavondvt dei diveni soaetd Si premette che, giusto quanto stabilito dal comma 3 bis del citato articolo 26, il presente documento "non.ri applica ai servizi di natuttj intellettuale. alle mete fomùu1'. di materiali o attre%zatu.re nonchil al lavori o 9ervizi la cui dw'ata non aia supd10re ai due giorni. sempre eh. essi non comportino rischi derivanti. dalla pre.stmza di agenti cancerogeni, biologici. atmoafere esplosive o dalla preserl%a det rischi particolari di cui all'allegato Xl". Pertanto, il presente documento non si applica in particolare ai lavoratori autonomi operanti in qualità di consulenti. A prescindere dai casi di cui sopra., in relazione a quanto evideuziato nella descrizione delle attività usualmente svolte presso DigitPA ed alla natura dei servizi conferiti in appalto, si è valutato che siano poco probabili interferenze tra gli appaltatori. lavoratori autonomi e personale dipendente da DigitPA. Infatti, le possibili interferenze sono ridotte sia dai differenti orari lavorativi (in generale il personale addetto alla pulizia dei locali opcn al di fuori degli usuali orari di lavoro del personale DigitP A), sia dal fatto che il personale degli appaltatori opera usualmente in locali specifici. Ad esempio, il personale della manutenzione opera per la maggior parto del tempo nei locali ove sono installati gli impianti tecnologici. Sono invece possibili interferenze spazio-temporali in alcuni casi, come ad esempio l'effettuazione di attività manutentive sui cablaggi periferici e più in generale sulle linee di distribuzione degli impianti, come ad. esempio operazioni di verifica e sostituzione di tratti di condutture presenti sopra i controsoffitti 9 con esigenze di smontaggio di elementi degli stessi. I rischi relativi allo svolgimento di tali attività (rischi essenzialmente riconducibili alla caduta dall'alto di elementi non ben assicurati, ovvero a cadute su attrezzature di lavoro utilizzate dai manutentorl, ecc.) sono adeguatamente eliminati o ridotti mediante adeguato isolamento delle zone interessate ai lavori 9 impiego di segnaleti~ e quant' altro necessario. Per eventuali attività di manutenzione straordinaria che richiedano tempi piuttosto prolungati elo presentino rischi da interferenze non compresi nel presente documento, prima dell'inizio delle attività, l'appaltatore dovrà elaborare uno specifico POS (Piano Operativo di Sicurezza), che dovrà t:ssere consegnato all' Area Organizzazione. Risorse Umane CI Funzionamento, che acquisirà il p~ere del Servizio di prevenzione e protezione. Per effetto di quanto deteritto, e eleoe misure di prevenzione adottate, si valuta ehel rilehl per i dlpendead dexii appaltatori, per l lavontori autonomi e per il pengnai. di DlgitPA, derivand da pouibui Interferenze tra le attività svolte dai diveni soaettl, siano sud adepatamente euminad o ridotti. SI applicano Inoltre le pretcriztonl dei para...ft cbe seguono. PagiDa4di 6

Agenzia per l'italia Digitale Gestione ex-digitpa

Agenzia per l'italia Digitale Gestione ex-digitpa Area OrganiZ'lJJzione, risorse umane e funzionamento Agenzia per l'italia Digitale Gestione ex-digitpa Capitolato tecnico per l'appalto del "servizio di pulizia e sanificazione dei locali di viale Marx

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui)

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Area Servizi alla Persona Settore Servizi alla Persona, Istruzione, Formazione Servizio Salute e Politiche Socio Sanitarie AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 (ALL B) Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE Consiglio

Dettagli

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO CIG 4230168D0D Capitolato servizi foresteria Pagina 1 di 8 Timbro e firma del partecipante

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

ALLEGATO A "ELENCO LAVORI RICHIESTI" a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio

ALLEGATO A ELENCO LAVORI RICHIESTI a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio ALLEGATO A "ELENCO LAVORI RICHIESTI" a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio 22) e BIBLIOTECA COMUNALE (Via Matteotti 75 77):----------- I lavori oggetto del servizio dovranno essere

Dettagli

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone)

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) N. ORARIO D UFFICIO LUNEDÌ, MERCOLEDI, VENERDI 8:00 14:00 MARTEDI: 8:00 13:00 14:00 18:30 GIOVEDÌ: 8.00-13.00; 14.00-17.30 SABATO: 8.00-13.00 SUPERFICI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164 DISCIPLINARE TECNICO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, STRADE E CORTILI DELLO STABILIMENTO MILITARE DEL MUNIZIONAMENTO TERRESTRE, BAIANO DI SPOLETO. ARTICOLO 1 Il servizio sarà atto

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI PULIZIA DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Legge 3 agosto 2007, n. 123 : Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO ALLEATO 2 lotto 1 Modugno (BA) DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OETTO DELL APPALTO Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio PIANO TERRA Tipologia di aree Descrizione

Dettagli

Art. 26. Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione

Art. 26. Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione Sicurezza: semplificazioni del Decreto Del Fare Art. 26 Dlgs. 81/2008 - Schema a cura di Studio Legale Ambiente Cinzia Silvestri Si propone schema dell art. 26 come modificato dal DL 69/2013 art. 32. Art.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali COMUNE di BUCCINASCO Provincia di Milano Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali Periodo 01.01.2008/31.12.2011 SOMMARIO Art. 1 - RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI E SMALTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO (PROVINCIA DI LECCE) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI TAURISANO (PROVINCIA DI LECCE) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO 1 COMUNE DI TAURISANO (PROVINCIA DI LECCE) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PER MESI SEI (01.01.2014 30.06.2014) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Tutte le previsioni del presente

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo Allegato A1 PALAZZO RESIDENZA MUNICIPALE Piazza V. Veneto n 1 Pulizie giornaliere di tutti i locali (tutti i giorni dal lunedì al venerdì compreso): a) pulizia,

Dettagli

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA nei Locali siti in Viale Causa 13 e Via Opera Pia 13 16145 GENOVA

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (art. 26, D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (art. 26, D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (art. 26, D.Lgs. 81/08) Appalto: AFFIDAMENTO DELL APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE, NONCHÉ DI PULIZIA E GIARDINAGGIO DELLA SEDE DELL ENPAPI,

Dettagli

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA Oggetto Il presente Allegato è strettamente connesso e strumentale all appalto per la fruizione di strutture immobiliari da adibire a

Dettagli

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

1. Oggetto dell affidamento

1. Oggetto dell affidamento CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA RISTRETTA PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DEI SERVIZI DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI UTILIZZATI DA TURIMO TORINO E PROVINCIA: LOTTO 2 1. Oggetto dell affidamento Il presente Capitolato

Dettagli

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia e sanificazione da effettuarsi mediante prestazione d opera, di materiali, di mezzi ed attrezzature per la

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO (DUVRI) E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.)

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO UFFICIO VIII ex DGPOB GARA EUROPEA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA - MINISTERO DELLA SALUTE. LOTTO 2 COMANDO CARABINIERI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) (Art. 26 comma 3, 5 D lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) APPALTO PULIZIA UFFICI COMUNALI, UFFICI GIUDIZIARI, R.S.A. L. ACCORSI

Dettagli

COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni

COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni Allegato A COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni SEDE MUNICIPALE Uffici n. int. Giornaliero generale; 5 Servizi igienici n. intervento settimanale di pulizia e Atri lavaggio davanzali,

Dettagli

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 Obblighi Datore di Lavoro - Misure generali di tutela (D.Lgs. 81/08, art. 15)...1 Obblighi Datore di Lavoro - Delega di funzioni (D.Lgs. 81/08, art. 16)...1 Obblighi

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROGETTO TECNICO e INSERIMENTO SOCIO - LAVORATIVO LOTTO 2 SOGGETTO PARTECIPANTE. Progetto Tecnico -

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI IN USO AL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PRESSO LA SEDE DI VIA VITTORIO VENETO N.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali C.d.G. 591 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE SEDI DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Via Flavia n. 6 - Via Fornovo n. 8 - Via C. De Lollis

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi:

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi: CAPITOLATO D APPALTO C.I.G. [04292471D4] SERVIZI DI PULIZIA LOCALI DEL CNR Istituto di Scienze dell Alimentazione Via Roma, 64 Avellino Si definiscono, nell ambito della superficie totale dell ISA, 3 aree

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (PROVINCIA DI NAPOLI)

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (PROVINCIA DI NAPOLI) COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (PROVINCIA DI NAPOLI) SETTORE SERVIZI SOCIALI ISTRUZIONE SPORT CULTURA SERVIZIO SOSTEGNO ALLA PERSONA Ufficio Assistenza Scolastica Via A. Palumbo, 2 (2 Piano) Tel/Fax 081/3302058

Dettagli

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010 Procedura aperta per l'affidamento del servizio di Pulizia del Museo Nazionale dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli, Corso Unità d Italia 40, 10126 Torino Entità complessiva dell appalto 390.000,00 oltre

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

ISTITUTI RIUNITI DI ASSISTENZA SOCIALE ROMA CAPITALE Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza DGR 2 novembre 2012 n. 527

ISTITUTI RIUNITI DI ASSISTENZA SOCIALE ROMA CAPITALE Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza DGR 2 novembre 2012 n. 527 ISTITUTI RIUNITI DI ASSISTENZA SOCIALE ROMA CAPITALE Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza DGR 2 novembre 2012 n. 527 PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIE ORDINARIE E STRAORDINARIE

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato COUNE DI LECCO ettore finanziario, società partecipate gare e contratti ervizio economato e provveditorato ALLEATO C CHEDE DI PULIZIA ED IIENE ABIENTALE LEENDA. = Tutti i giorni (da lunedì a venerdì più

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE L esecuzione delle pulizie dovrà avvenire con il supporto di mezzi, tecniche e personale, in grado di garantire un elevato standard di igiene. Le

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI COMUNE DI CAROSINO AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (art. 26, comma 3,

Dettagli

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo Pre -Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenze Servizio di Prevenzione e Protezione Servizio di assistenza infermieristica, tecnica di supporto e dei servizi alberghieri c/o le comunità riabilitative

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) CAPITOLATO SPECIALE D APPLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) CAPITOLATO SPECIALE D APPLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) CAPITOLATO SPECIALE D APPLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI ARTICOLO 1. - OGGETTO DEL SERVIZIO Oggetto del servizio è la pulizia, alle condizioni

Dettagli

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Pagina 1 di 9 CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Organizzazione del lavoro Contratti d appalto e contratti d opera Analisi, pianificazione e controllo Formazione ed informazione Partecipazione Documentazione

Dettagli

Comune di Roccafranca

Comune di Roccafranca Comune di Roccafranca PROVINCIA DI BRESCIA 25030 Roccafranca (BS) C.F. 00729210179 P.IVA 00576090989 Tel.: 030 7092005-53 Fax: 030 7090235 Sito internet: www.comune.roccafranca.bs.it e-mail: protocollo@pec.comune.roccafranca.bs.it

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81)

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) Direzione Regionale del Veneto Settore Gestione Risorse Ufficio Risorse Materiali Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Codice CIG: 34069808D4 Pagina 1 di 16 SOMMARIO PREMESSE Art. 1 OGGETTO DELLA PROCEDURA Art. 2

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze.

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze. SERVIZIO LAVORI PUBBLICI SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA SUL TERRITORIO COMUNALE 2013-2018 D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione

Dettagli

ENTE PARCO DELL'ETNA Via del Convento 45 Nicolosi (CT)

ENTE PARCO DELL'ETNA Via del Convento 45 Nicolosi (CT) ENTE PARCO DELL'ETNA Via del Convento 45 Nicolosi (CT) Capitolato speciale di appalto per l'affidamento del servizio di pulizia dei locali adibiti a sede ed uffici dell'ente Parco. Art. 1 L'appalto ha

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO ALLEGATO B Comune di Verdellino (Provincia di Bergamo) Piazza don Martinelli, 1-24040 Verdellino cod.fisc./p.iva 00321950164 - tel. 0354182811 fax. 0354182899 E-Mail: info@comune.verdellino.bg.it PEC:

Dettagli

VIA GHEDINI 6 Div. Servizi Sociali Casa di Ospitalità. LOCALI CASA DI OSPITALITA MODALITA E FREQUENZA DEGLI INTERVENTI (da lunedì a domenica)

VIA GHEDINI 6 Div. Servizi Sociali Casa di Ospitalità. LOCALI CASA DI OSPITALITA MODALITA E FREQUENZA DEGLI INTERVENTI (da lunedì a domenica) LOTTO II ALLEGATO A VIA GHEDINI 6 Div. Servizi Sociali Casa di Ospitalità LOCALI CASA DI OSPITALITA MODALITA E FREQUENZA DEGLI INTERVENTI (da lunedì a domenica) Spazzatura e lavatura con idonei detergenti

Dettagli

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19)

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19) ANNESSO 1.B SCHEDE CONTENENTI, PER CIASCUNA TIPOLGIA DI LOCALI, LE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE SVOLTE, LE RELATIVE PERIODICITA ED I GIORNI IN CUI I SERVIZI DEVONO ESSERE SVOLTI. (APPLICABILI PER GLI

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE 00185 ROMA - Viale Castro Pretorio, 105 - Tel. 06/49891 Fax 06/4457635 e-mail: bnc-rm@beniculturali.it CAPITOLATO TECNICO GARA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA: Allegato F, schema di DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:. OGGETTO APPALTO: FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE D ARTE PER IL PALAZZO RICERCA E CONOSCENZA DELLA FONDAZIONE

Dettagli

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione Allegato 4 Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione La metodologia utilizzata dovrà garantire la pulizia e la disinfezione degli ambienti utilizzando attrezzi e materiali per

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N.

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CIG Z7C0D7B416 1 Premessa Il presente documento unico di valutazione

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA A) PULIZIA GIORNALIERA ANALISI PREZZO N A1 - Spazzatura dei pavimenti di tutti gli ambienti, comprese le scale, i servizi igienici con esclusione dei pavimenti dei locali cantinati e archivi. Costo mano

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

RICHIESTA D OFFERTA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI PULIZIE DELLA PALAZZINA CSPMI/API.

RICHIESTA D OFFERTA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI PULIZIE DELLA PALAZZINA CSPMI/API. Alle aziende Pulizie e Servizi Associate API Oggetto: Premessa RICHIESTA D OFFERTA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI PULIZIE DELLA PALAZZINA CSPMI/API. CSPMI Srl ha esigenza di acquisire un servizio consistente

Dettagli

Per i suddetti locali la pulizia dovrà essere effettuata durante l orario di ufficio (07:30 19:30) e come segue:

Per i suddetti locali la pulizia dovrà essere effettuata durante l orario di ufficio (07:30 19:30) e come segue: ALLEGATO A1 DISCIPLINARE TECNICO DEL SERVIZIO DI PULIZIA LUOGO DI ESECUZIONE: I.N.A.F. Osservatorio Astronomico di Roma, Via Frascati n. 33 Monte Porzio Catone (RM) e Stazione Osservativa di Campo Imperatore,

Dettagli

Comune di ORUNE Piazza Remigio Gattu 14 08020 ORUNE (NU)

Comune di ORUNE Piazza Remigio Gattu 14 08020 ORUNE (NU) Comune di ORUNE Piazza Remigio Gattu 14 08020 ORUNE (NU) Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26 comma 3-ter., decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Servizio

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete CAV S.p.A. Sede Legale: Dorsoduro 3901-30123 Venezia Uffici Amministrativi: Santa Croce 729-30135 Venezia - Tel. 0415242314- Fax. 0415242531 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

APPALTO PULIZIA STABILI DI ERP DI PROPRIETA ATC PERIODO ( )

APPALTO PULIZIA STABILI DI ERP DI PROPRIETA ATC PERIODO ( ) AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO EX IACP Allegato D _ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) (Art. 26 comma 3, 5 D lgs. 9 Aprile 2008,

Dettagli

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI A1 - UFFICI SALE RIUNIONI AULE INFORMATIZZATE ARCHIVI CORRENTI DI PIANO BIBLIOTECHE UFFICIO CASSA SALA MEDICA* UFFICIO INFORMAZIONE E PASSI BOX VIGILANZA - SPOGLIATOI

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ( art. 26, comma3, D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.e ii.)

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ( art. 26, comma3, D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.e ii.) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ( art. 26, comma3, D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.e ii.) APPALTO DEL SERVIZIO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE DI MONTE DI EBOLI PER MESI 18 PREMESSE ll presente

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti ALLEGATO J) Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti Pavimenti piastrelle, linoleum, di tutti gli ambienti materiale versato sul pavimento. Lavaggio manuale con prodotti detergenti

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

La Delega di funzioni (Art. 16)

La Delega di funzioni (Art. 16) La Delega di funzioni (Art. 16) Delega di di funzioni - (Art. 16) 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, é ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a)

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (Art26, comma 3 del DLgs n81/2008) OGGETTO DELL'APPALTO Servizio di Assistenza Educativa Specialistica agli alunni diversamente abili in età evolutiva

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRIENNALE DI PULIZIA CIG 6199086F95

CAPITOLATO SPECIALE DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRIENNALE DI PULIZIA CIG 6199086F95 CAPITOLATO SPECIALE DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRIENNALE DI PULIZIA CIG 6199086F95 SOMMARIO 1. Oggetto... 2 2. Descrizione degli ambienti di via Malcontenti 6... 2 3. Frequenza delle prestazioni Sede

Dettagli

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE ALLEATO 1 A ELENCO DELLE PRETAZIONI DA EEUIRE 1 ERVIZIO DI PULIZIA A RIDOTTO IPATTO ABIENTALE PER LE EDI DELI UFFICI DI ÆUA ROA.P.A. Il servizio di pulizia proposto si riferisce ad unità tipologiche differenziate

Dettagli

APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DI PROPRIETÀ DELLA FONDAZIONE ENPAM SITI IN MILANO E PROVINCIA COMMITTENTE DATI RELATIVI

APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DI PROPRIETÀ DELLA FONDAZIONE ENPAM SITI IN MILANO E PROVINCIA COMMITTENTE DATI RELATIVI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 del d.lgs. 9 aprile 2008 n. 81 APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA DEI COMPLESSI

Dettagli

UFFICIO TECNICO COMUNALE

UFFICIO TECNICO COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TRIGGIANO P.IVA: 00865250724 - Tel. 0804628.206 - Fax: 0804628.203 e-mail: llpp@comune.triggiano.bari.it SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI, CUSTODIA E MANUTENZIONE

Dettagli

Avv. Antonio Cannata. www.antoniocannata.net. Terziario avanzato, formazione professionale e sicurezza sul lavoro

Avv. Antonio Cannata. www.antoniocannata.net. Terziario avanzato, formazione professionale e sicurezza sul lavoro Avv. Antonio Cannata www.antoniocannata.net Terziario avanzato, formazione professionale e sicurezza sul lavoro Dal 15 maggio 2008, è in vigore il D. Lgs. n. 81/2008, recante il Testo Unico sulla Sicurezza

Dettagli

manutenzione per l infrastruttura del Sistema Informativo del Casellario Giudiziale (SIC)

manutenzione per l infrastruttura del Sistema Informativo del Casellario Giudiziale (SIC) manutenzione per l infrastruttura del Sistema Informativo del Casellario Giudiziale (SIC) ALLEGATO 9 DOCUMENTO RICOGNITIVO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI STANDARD DA INTERFERENZE EX Art. 26 COMMA 3-TER D.Lgs.

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca UTC D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE (art. 26 comma 3 del

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli