TUBI MULTI-CALOR ISOLINE PE-X/Al/PE-X - PN C in rotoli (Ø da 14 a 32) - RIVESTITI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUBI MULTI-CALOR ISOLINE PE-X/Al/PE-X - PN 10-95 C in rotoli (Ø da 14 a 32) - RIVESTITI"

Transcript

1 (Ø d 14 32) - RIVESTITI DESCRIZIONE I tubi multi-clor dei dimetri compresi tr i 14 e i 32 mm vengono forniti nche due versioni pre-isolte l cui denomzione è tubi multi-clor isole: - con gu di colore verde dict per impti di riscldmento ed impti idrico-snitri d lt tempertur (contenimento energetico); - con gu colore zzurro (d esclusione del dim. 18) dict per impti di riscldmento, condizionmento ed impti idrico-snitri (contenimento energetico e nti-condens). Il mterile isolnte, che costituisce il rivestimento dei tubi, è entrmbe le versioni relizzto polietilene espnso celle chiuse sul qule viene estrus un pellicol di colore verde o zzurr polietilene bss densità. I tubi ll'terno delle gue isolnti sono dell serie multi-clor, hnno un coefficiente di conduttività termic di 0,43 W/mK 20 C e si stllno con le stesse procedure che si utilizzno nei cntieri edili o nelle pose libere, si con rccorderie sfety che con ltre tipologie. In questi ultimi nni, con l progettzione e relizzzione delle rccorderie sfety, qutechnik h contribuito modo consistente l migliormento dell tecnologi multistrto. Il perfezionmento h rigurdto tutte le fsi costruttive prtire dll'ppliczione di nuovi desivi mggiormente resistenti lle forzture meccniche, lle lme leg di llumio con prestzioni più elevte e più fcilmente sldbili, fo ll scronizzzione dell'tero processo per grntire il mssimo degli stndrd qulittivi, tnto che i tubi multi-clor possono essere bicchierti per ccogliere i rccordi di ccoppimento, divenendo uno dei sistemi più novtivi livello europeo. Tutt l gmm è relizzt conformità l D.P.R. n. 412 del /08/1993 ( ttuzione rt. 4 comm 4 dell Legge n 10 del 09/01/1991), gli spessori delle gue isolnti (vedi tbell) sono conformi qunto prescritto per tubzioni correnti entro strutture non ffccite né ll'esterno, né su locli non riscldti come dicto tbell 1 dll'llegto B del citto decreto. SPECIFICHE PRODOTTO MISURE Ø nom. Descrizione Articolo multi-clor multi-clor multi-clor multi-clor multi-clor multi-clor multi-clor multi-clor multi-clor multi-clor multi-clor isole isole isole isole isole isole isole isole isole isole isole Ø Ø terno esterno mm. mm. mm ,0 12,0 14,0 16,0 20,0,0 10,0 12,0 16,0 20,0,0,0 28,0 30,0 32,0 46,0 52,0 34,0 36,0 40,0 52,0 58,0 Spessore isolm. Confe- Peso l Peso zioni metro confez. mm 13 ± 13 ± m Kg Kg 0,120 0,140 0,160 0,190 0,340 0,480 0,120 0,146 0,194 0,352 0,472 6,0 7,0 8,0 9,5 8,5 12,0 6,0 7,3 9,7 8,8 11,8 CARATTERISTICHE TECNICHE Denomzione: tubo multi-clor isole PE-X + Al + PE-X (polietilene reticolto + llumio + polietilene reticolto) RIVESTITO 1) 3) LDPE ISOLINE Mterile: - 1) tubo multi-clor - 2) PE, polietilene espnso cellule chiuse - 3) LDPE, polietilene bss densità estruso Pg 1 di 5 2) PE espnso Sched tecnic

2 (Ø d 14 32) - RIVESTITI Colore: - verde (tubo espnso colore grigio): versione con spessori mimi, - zzurro (tubo espnso colore bco): versione con spessori mggiorti, (tubo multi-clor colore bco) Permebilità l vpore: (secondo norm DIN 515) 30 µ (solo tubo PE espnso) Tempertur di impiego: d -45 C 100 C Conduttività termic +40 C: W/mK 0,040 Gocciolmento: ASSENTE Resistenz ll ozono: OTTIMA Resistenz lle muffe ed gli setti: OTTIMA Resistenz lle deformzioni: OTTIMA Resistenz gli genti chimici: BUONA Tossicità: il prodotto h conseguito le certificzioni ll tossicità e ll opcità dei fumi: - N.100/CF/T/97 16/01/98 - N.101/CF/T/97 16/01/98 Comportmento l fuoco: utoestguente, clsse 1 (omologzione del 20/03/06 n. DCPST/A5/2209/3807/1157) In conformità ll legge n. 549 del 28/12/93 non contiene CFC (FREON) NORME DI RIFERIMENTO (CONFORMITA ) I tubi multi-clor corrispondono tutti i requisiti richiesti dll Norm UNI EN (clsse 1) per il trsporto di fluidi potbili cldi e freddi, per consumo umno, per riscldmento rditori, condizionmento bsse temperture, pnnelli rdti pvimento e ltri impti comptibili con il mterile bse. L'Aziend costruttrice è certifict, e produce nell'osservnz del sistem di gestione per l qulità, UNI EN ISO 9001:2000 (certificto IIP n IQNET IT-16323) ed oper, sotto l supervisione del Responsbile Lbortori e Prove, con sistem di controllo medte lbortorio prove terno. CAMPO DI IMPIEGO L uso dei tubi multi-clor isole rppresent l soluzione più vnzt nei seguenti cmpi di ppliczione: idrotermosnitrio, riscldmento pvimento, condizionmento, irrigzione, impti per il trsporto di fluidi potbili e limentri e di ri compress, per edilizi civile ed dustrile. In prticolre l utlizzo è prciplmente orientto i seguenti settori: - civile bittivo: reti di distribuzione, servizi igienico-snitri, reti di riscldmento, condizionmento e rffrescmento, irrigzione di girdi; - dustrile: impti idrosnitri, di riscldmento e condizionmento, ri compress, limentzione circuiti idrulici i mcchri, llevmenti nimli, serre di coltivzione e di ltro genere comptibile con il mterile di bse; - terzirio: negozi, lbortori, studi medici, scuole, plestre, ristornti, locli di pubblico utilizzo, luoghi di culto, serre, llevmenti, etc. PERDITE DI CARICO L speculrità dell sezione tern dei tubi multi-clor fvorisce lo scorrimento dei fluidi con vlori di perdit di crico molto contenuti. Per il dettglio delle perdite di crico dei tubi multi-clor si rimnd lle tbelle esplictive, contenenti i dti nlitici, riportte su ctloghi e guide tecniche e, consultbili e scricbili, sul sito ternet Pg 2 di 5 Sched tecnic

3 (Ø d 14 32) - RIVESTITI POSA/INSTALLAZIONE Nell'stllzione dei tubi multi-clor isole si consigli di prestre ttenzione i seguenti fttori: - dimensionmento e conformità delle reti coibentte: i prodotti forniti d qutechnik sono idonei e rispondono i requisiti normtivi previsti dl DPR 412/93 - llegto B (di seguito riportto), per qunto concerne: tubi con gu di colore verde: tubzioni correnti entro strutture non ffccite né ll'esterno né su locli non riscldti ; tubi con gu di colore zzurro: montnti verticli delle tubzioni... posti l di qu dell'isolmento termico dell'volucro edilizio, verso l'terno del fbbricto (d eccezzione degli rticoli e 74072). Si ricord che l verific degli spessori idonei è cur dell stlltore e del progettist; - effetto condens: per gli impti di condizionmento (fn-coils, deumidifictori, ecc.) si consigli di verificre l'idoneità degli spessori dell gu isolnte, nel rispetto delle condizioni di esercizio e funzionmento dell'impto (% umidità reltiv, posizionmento, ecc.). Le gue isolnti qutechnik grntiscono l'ssenz di formzione di condens i seguenti vlori: tempertur del fluido vettore ³ +7 C; umidità reltiv 80%. V oltre considerto che gli spessori di isolnte prescritti dl DPR 412/93 non f distzione tr il tipo di tubo coibentto, nche se le tubzioni metlliche sono crtterizzte d conduttività termiche molto elevte, crtteristic che fvorisce l formzione di condens. L'utilizzo di tubzioni multistrto, come l serie multi-clor, venti un vlore di conduttività molto bsso, riduce notevolmente tle rischio. Fcendo d esempio un confronto fr un tubo di rme vente un conduttività pri λ=390 W/mK, ed un tubo multi-clor con conduttività pri λ=0.43 W/mK, è fcile cpire che quest'ultimo riduce i rischi di condens grzie d un conduttività termic circ 900 volte feriore rispetto l rme; - lee cqu fredd: per le tubzioni veicolnti cqu fredd che seguono i medesimi percorsi o che sono nelle immedite vicnze delle lee di cqu cld, si consigli un deguto isolmento di entrmbe le lee; - stoccggio, trsporto e stesur: evitre che il tubo subisc colpi ed urti violenti, modo prticolre con bsse temperture mbientli (d +5 C dimuire) e che veng genere dnneggito (d esempi dll'uso di tglieri); evitre irregolrità e tensioni nei posizionmenti; non riscldre i tubi con fimme libere; ncorre con stffe protette (o murtur) prossimità di termli e filettture; - tglio delle testte dei tubi: ssicurrsi che le cesoie utilizzte per il tglio dei tubi bbo lme sufficientemente ffilte e che non presento evidenti imperfezioni; - rggi UVA: proteggere tutte le tubzioni esposte d irrggimento diretto utlizzndo eventulmente pposite vernici bse d'cqu; - colludo idrulico: l fe di evitre cidenti non verificbili tubi vuoti, si consigli di effetture l murtur defitiv con le tubzioni ncor pressione. NOTE - Lo stoccggio dei tubi multi-clor deve essere effettuto mbienti coperti e protetti d irrggimento solre diretto. Esposizioni prolungte provocno un effetto degenertivo dei prodotti. - I mterili termoplstici sono prticolrmente sensibili lle bsse temperture cui si oper (d +5 C dimuire): ciò può comportre un mggiore tensione e vulnerbilità dei prodotti. Urti violenti provocti d oggetti o ltre csistiche di cntiere possono provocre dnneggimenti e rotture non imputbili ll cs produttrice. Nelle stgioni vernli e nelle ree con periodo di congelmento dei fluidi, occorre provvedere llo svuotmento totle delle tubzioni o ll'utilizzo di liquidi nti-ghiccimento. Pg 3 di 5 Sched tecnic

4 (Ø d 14 32) - RIVESTITI - Ogni impto relizzto (idrico, snitrio, riscldmento o di ltro genere) deve essere colludto Norm di Legge (cfr. DIN 1988) prim dell murtur defitiv. L mnct o przile esecuzione del colludo rende vlid l grnzi. - Si consigli di colludre trtte di tubzioni l cui lunghezz totle non superi 100 m; per reti che hnno lunghezze superiori, si proced per settori. - Non stllre tubi dnneggiti, cisi o rovti d curi. Per mggiori e più dettglite formzioni, si rimnd i ctloghi e lle guide tecniche, nche consultbili e scricbili, sul sito ternet VOCE DI CAPITOLATO composto d cque strti, coibentto con un tubo polietilene espnso ricoperto d un pellicol di poletilene bss densità estrus. L prticolre conformzione dei tubi multi-clor (nudi e rivestiti) rende possibile l'llrgmento dell testt del tubo (bicchiertur) per l connessione lle rccorderie sfety, grntendone l tenut idrulic. Prodotto conformità i requisiti richiesti dll Norm Itl UNI (Clsse 1) e di quell Europe UNI EN per il trsporto di fluidi potbili, cldi e freddi, per consumo umno, per riscldmento rditori, condizionmento bsse temperture, pnnelli rdti pvimento e certificto di più importnti Enti di certificzione itl ed esteri. Per pprofondimenti rigurdo l voce di cpitolto contttre l ufficio tecnico. Sistem X PE- ptented by qutechnik Un rccordo e un ttrezztur per tutti i tipi di tubo* A / X - PE X E P l/ *NB: l'utilizzo dei tubi PE-X e PE-RT con l rccorderi sfety è consentito solmente con spessori uguli quelli dei tubi multi-clor. Per mggiori formzioni consultre il servizio tecnico qutechnik. Pg 4 di 5 PE- RT Sched tecnic

5 (Ø d 14 32) - RIVESTITI TESTO COORDINATO DPR 412/ ALLEGATO B ISOLAMENTO DELLE RETI DI DISTRIBUZIONE DEL CALORE NEGLI IMPIANTI TERMICI Le tubzioni delle reti di distribuzione dei fluidi cldi fse liquid o vpore degli impti termici devono essere coibentte con mterile isolnte il cui spessore mimo è fissto dll seguente tbell 1 funzione del dimetro dell tubzione espresso mm e dell conduttività termic utile del mterile isolnte espress W/m C ll tempertur di 40 C. TABELLA 1 Conduttività termic utile dell isolnte (W/m C) <20 D D D D >100 0, , , , , , , , , , , Dimetro esterno dell tubzione (mm) - Per vlori di conduttività termic utile dell'isolnte differenti d quelli dicti tbell 1, i vlori mimi dello spessore del mterile isolnte sono ricvti per terpolzione lere dei dti riportti nell tbell 1 stess. - I montnti verticli delle tubzioni devono essere posti l di qu dell'isolmento termico dell'volucro edilizio, verso l'terno del fbbricto ed i reltivi spessori mimi dell'isolmento che risultno dll tbell 1, vnno moltiplicti per 0,5. - Per tubzioni correnti entro strutture non ffccite nè ll'esterno nè su locli non riscldti gli spessori di cui ll tbell 1, vnno moltiplicti per 0,3. - Nel cso di tubzioni preisolte con mterili o sistemi isolnti eterogenei o qundo non si misurbile direttmente l conduttività termic del sistem, le modlità di stllzione e i limiti di coibentzione sono fissti d norme tecniche UNI che verrnno pubblicte entro il 31 ottobre 1993 e recepite dl Mistero dell'dustri, del commercio e dell'rtigto entro i successivi trent giorni. I cnli dell'ri cld per l climtizzzione vernle posti mbienti non riscldti devono essere coibentti con uno spessore di isolnte non feriore gli spessori dicti nell tbell 1 per tubzioni di dimetro esterno d mm. SEDE AMMINISTRATIVA, PRODUZIONE, MAGAZZINI Mgngo (MI) - Vi P.F. Clvi, 40 Tel Fx E-mil: Pg 5 di 5 Sched tecnic

6

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

DUOSTEEL GD. Canne Fumarie Doppia Parete Grandi Diametri Coibentazione 50 mm. Canne fumarie in acciaio Inox

DUOSTEEL GD. Canne Fumarie Doppia Parete Grandi Diametri Coibentazione 50 mm. Canne fumarie in acciaio Inox Cnne Fumrie Doppi Prete Grndi Dimetri Coientzione 50 mm Cnne fumrie in cciio Inox Cnne fumrie Doppi Prete Grndi Dimetri INDICE 1 Elemento diritto mm 500... pg. 3 2 Elemento diritto mm 1000... pg. 3 3 Elemento

Dettagli

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65%

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% IN COSA CONSISTE? L gevolzione consiste nel riconoscimento di detrzioni dll impost IRPEF / IRES,

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE UNITÀ DI GUIDA E SLITTE TIPOLOGIE L gmm di unità di guid e di slitte proposte è molto mpi. Rggruppimo le guide in fmiglie: Unità di guid d ccoppire cilindri stndrd Si trtt di unità indipendenti, cui viene

Dettagli

tubi corrugati in polietilene

tubi corrugati in polietilene tubi corrugti in polietilene Sistemi integrli per trsporto ed il trttmento dei fluidi tubi corrugti in polietilene istino cvidotti e drenggi PERETE INTERNA PRODOTTA CON PE ADDITIVATO PER FACIITARE O SCORRIMENTO

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI COME FACCIO A RISPARMIARE ENERGIA? COME FACCIO AD AVERE AGEVOLAZIONI? COME UTILIZZARE LE ENERGIE ALTERNATIVE? INSERTO A CURA DI CONFCONSUMATORI DELL EMILIA ROMAGNA Decreto

Dettagli

FG7R-0,6/1 kv FG7OR-0,6/1 kv

FG7R-0,6/1 kv FG7OR-0,6/1 kv Bss tensione - Energi, segnlmento e comndo FG7R-0,6/1 kv FG7OR-0,6/1 kv Costruzione e requisiti: CEI 20-13 IEC 60502-1 CEI UNEL 35375 CEI UNEL 35377 Non propgzione dell incendio: CEI 20-22 II Non propgzione

Dettagli

Attuatori pneumatici 1400, 2800 e 2 x 2800 cm² Tipo 3271 Comando manuale Tipo 3273

Attuatori pneumatici 1400, 2800 e 2 x 2800 cm² Tipo 3271 Comando manuale Tipo 3273 Attutori pneumtici 00, 00 e x 00 cm² Tipo Comndo mnule Tipo Appliczione Attutore linere per il montggio su vlvole di regolzione Serie 0, 0 e 0 Dimensione: 00 e 00 cm² Cors: fino 0 mm Gli ttutori pneumtici

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Decreto del Ministero dello sviluppo economico 11 mrzo 2008 Attuzione dell'rt. 1, comm 24, letter ), dell Legge 24/12/2007, n 244, per l definizione dei vlori limite di fbbisogno di energi primri nnuo

Dettagli

ANCORANTI CHIMICI EV II TASSELLO CHIMICO STRUTTURALE. Scheda tecnica rev. 1

ANCORANTI CHIMICI EV II TASSELLO CHIMICO STRUTTURALE. Scheda tecnica rev. 1 Sched tecnic rev. 1 EV II TASSELLO CHIMICO STRUTTURALE ncornte chimico d iniezione in resin epossicrilto/vinilestere bicomponente d ltissim resistenz Che cos'è È un ncornte chimico d iniezione composto

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

DUOSTEEL 25. Canne Fumarie Doppia Parete Coibentazione 25 mm. Canne fumarie in acciaio Inox

DUOSTEEL 25. Canne Fumarie Doppia Parete Coibentazione 25 mm. Canne fumarie in acciaio Inox Cnne Fumrie Doppi Prete Coibentzione 25 mm Cnne fumrie in cciio Inox CERTIFICAZIONI Cnne fumrie Doppi Prete INDICE 1 Elemento diritto mm 250... pg. 4 2 Elemento diritto mm 500... pg. 4 3 Elemento dritto

Dettagli

Impiantistica TUBI DOCUMENTAZIONE TECNICA. Scheda Prodotto: ST85.000.00 Data ultimo agg.: 6 novembre 2014. Classificazione

Impiantistica TUBI DOCUMENTAZIONE TECNICA. Scheda Prodotto: ST85.000.00 Data ultimo agg.: 6 novembre 2014. Classificazione Scheda Prodotto: ST85.000.00 Data ultimo agg.: 6 novembre 2014 Impiantistica TUBI Classificazione 85 Impiantistica 85.000 Programma AQUATECHNIK 85.000.00 Tubi Indice scheda 1.0 Descrizione pagina 2 2.0

Dettagli

Fisica Tecnica Ambientale

Fisica Tecnica Ambientale Università degli Studi di Perugi Sezione di Fisic Tecnic Fisic Tecnic Ambientle Lezione del 11 mrzo 2015 Ing. Frncesco D Alessndro dlessndro.unipg@cirif.it Corso di Lure in Ingegneri Edile e Architettur

Dettagli

Catalogo Tecnico R PANEL PIASTRE RADIANTI A BASSA TEMPERATURA CLASSE A R PANEL. Modello Scaldasalviette da ST2 a ST9 R PANEL. Modello Orizzontale

Catalogo Tecnico R PANEL PIASTRE RADIANTI A BASSA TEMPERATURA CLASSE A R PANEL. Modello Scaldasalviette da ST2 a ST9 R PANEL. Modello Orizzontale R PANEL PIASTRE RADIANTI A BASSA TEMPERATURA CLASSE A R PANEL Modello Scldslviette d ST2 ST9 R PANEL Modello Orizzontle R PANEL Modello Sottofinestr verticle d ST2 d ST9 R PANEL è intermente costruit in

Dettagli

Gioco Interno Tipologie e Norme

Gioco Interno Tipologie e Norme Gioco Interno Tipologie e Norme Per gioco interno si intende l misur complessiv di cui un nello si può spostre rispetto ll ltro in direzione oppost. E necessrio distinguere fr gioco rdile e gioco ssile.

Dettagli

A Ftn,aEtE. PQArcQA architettura ecologica e risparmio energetico www. prooere, it info@prooere,it pag. I. Coso unifomigliare a Givoletto (TO)

A Ftn,aEtE. PQArcQA architettura ecologica e risparmio energetico www. prooere, it info@prooere,it pag. I. Coso unifomigliare a Givoletto (TO) A Ftn,EtE Edif izio ecologico ed o bosso consumo energetico Coso unifomiglire Givoletto (TO) P r ogett zione b iocf imotico ed orch ítettonico, direzíone lovori: Tng. Clemente Rebor - ProAere - Avigliono

Dettagli

Workbook 2-35. Statica 36-49. Resistenza al fuoco 50-53. Estetica 54-55. Ecologia 56-73. Isolamento acustico 74-89. Acustica del locale 90-101

Workbook 2-35. Statica 36-49. Resistenza al fuoco 50-53. Estetica 54-55. Ecologia 56-73. Isolamento acustico 74-89. Acustica del locale 90-101 2-35 Sttic 36-49 Resistenz l fuoco 50-53 Estetic 54-55 Ecologi 56-73 Isolmento custico 74-89 Acustic del locle 90-101 Isolmento termico 102-113 Progettzione esecutiv Workook 114-121 122-127 Montggio Multifunzionle

Dettagli

PORTE PROGET MULTIUSO REI 30 REI 60 - REI 120

PORTE PROGET MULTIUSO REI 30 REI 60 - REI 120 PORTE PROGET MULTIUSO REI 30 REI 60 - REI 120 14 15 INDICE PORTE PROGET PAGINA INDICE PORTE PROGET 16 ILLUSTRAZIONI PORTE PROGET 17 18 TIPOLOGIE/CERTIFICATI PORTE PROGET REI 30 E REI 60 AD UNA ANTA 19

Dettagli

LEGENDA DEI COLORI CONTENUTI NEL TESTO

LEGENDA DEI COLORI CONTENUTI NEL TESTO LEGENDA DEI COLORI CONTENUTI NEL TESTO NERO : testo del Decreto 19.02.2007 BLU : testo del Decreto 26.10.2007 VERDE : testo del Decreto 11.03.2008 ROSSO : testo del Decreto 07.04.2008 Copyright EDILCLIMA

Dettagli

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore Attutori pneumtici fino cm Tipo e Tipo per montggio integrto del posiziontore Appliczione Attutore linere per il montggio su vlvole di regolzione, soprttutto per l Serie,, e vlvol microflusso Tipo dimensione

Dettagli

Industria agroalimentare Proteggete la vostra produzione con i lubrificanti NEVASTANE

Industria agroalimentare Proteggete la vostra produzione con i lubrificanti NEVASTANE Industri grolimentre Proteggete l vostr produzione con i lubrificnti Prodotto e distribuito in Itli d Servizi: il mssimo dl vostro prodotto! Sempre più produttori sono convinti dell necessità di utilizzre

Dettagli

Distributori per serie R2 - WR2

Distributori per serie R2 - WR2 Distributori per serie - Il distributore BC, il cuore dell serie / Il distributore BC dell serie CMB-P-V-G colleg sino d un mssimo di 16 unità e con l unità estern e distribuisce efficcemente il refrigernte

Dettagli

2a Conferenza Nazionale Poliuretano espanso rigido

2a Conferenza Nazionale Poliuretano espanso rigido 2 Conferenz Nzionle Poliuretno espnso rigido TESI DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CHIMICA E DEI PROCESSI INDUSTRIALI UTILIZZO DI MATERIE PRIME SOSTENIBILI PER LA PREPARAZIONE DI ESPANSI POLIISOCIANURICI

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Gruppo Imr ISTRUZIONI DI MONTAGGIO collettori sul tetto Figur 1 - I collettori DB possono essere montti fcilmente con il sistem di montggio per l sovrpposizione ll fld d due persone, senz necessità di

Dettagli

REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI. 1. Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI. 1. Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale Allegto C REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI 1. Indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle 1.1 Edifici residenzili dell Clsse E1, esclusi collegi, conventi, cse di pen e cserme Tbell 1.1

Dettagli

Linea di mobili in metallo per la realizzazione di postazioni di lavoro complete

Linea di mobili in metallo per la realizzazione di postazioni di lavoro complete Line di mobili in metllo per l relizzzione di postzioni di lvoro complete NEW Nuovi cssetti Cssetti con mniglie in lluminio. Nuovo sistem di guide Guide telescopiche con ortizzmento in fse di chiusur.

Dettagli

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008 Attività di di FORMAZIONE tecnici comunli Disposizioni inerenti ll efficienz energetic in edilizi Regione Lombrdi DGR 8745 del 22 dic 2008 BANDO CARIPLO Audit Energetico degli edifici comunli AUDIT AUDITEECERTIFICAZIONE

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE ECONDA 1 I ponti termici Il ponte termico può essere definito come: un elemento di elevt conduttività inserito in un prete o elemento di prete di minore conduttività. I ponti

Dettagli

Ventilazione residenziale. VMC con recupero di calore. I benefici. Valore aggiunto all edificio

Ventilazione residenziale. VMC con recupero di calore. I benefici. Valore aggiunto all edificio I benefici L VMC (Ventilzione Meccnic Controllt) doppio flusso con recupero di clore è un soluzione semplice d instllre, ltmente efficce per grntire il ricmbio d ri continuo, 24 ore su 24, in tutt l cs

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

Lavorazioni delle materie plastiche

Lavorazioni delle materie plastiche Lvorzioni delle mterie plstiche CONTENUTI Lvorzione delle mterie plstiche con prticolre rigurdo llo stmpggio iniezione PREREQUISITI Conoscenz delle proprietà dei mterili Conoscenz degli elementi costituenti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "FERMI"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE STATALE "EMI" TEVISO GAA NAZIONALE DI MECCANICA 212 ropost di soluzione rim rov cur di Benetton rncesco (vincitore edizione 211 unzionmento: L gru bndier girevole sopr riportt

Dettagli

3 Geberit Mepla. 3.1 Sistema... 125 3.1.1 Descrizione del sistema... 125 3.1.2 Dati tecnici... 127 3.1.3 Dati chimici... 128 3.1.4 Omologazioni...

3 Geberit Mepla. 3.1 Sistema... 125 3.1.1 Descrizione del sistema... 125 3.1.2 Dati tecnici... 127 3.1.3 Dati chimici... 128 3.1.4 Omologazioni... 3.1 Sistem........................................... 125 3.1.1 Descrizione del sistem.............................. 125 3.1.2 Dti tecnici........................................... 127 3.1.3 Dti chimici...........................................

Dettagli

Copertura a falde all estradosso dell ultima soletta

Copertura a falde all estradosso dell ultima soletta Copertur flde ll estrdosso dell ultim solett L isolmento termico dell ultim solett effettuto ll estrdosso costituisce uno dei sistemi di isolmento più dottti nei fbbricti coperti con tetti flde inclinte,

Dettagli

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director.

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director. «ECOFILLER» Iniezione dirett di criche minerli o di poliuretno riciclto Erldo Greco Commercil Director Guido Podrecc R&D Mnger ANPE - 2 2 Conferenz Conferenz Nzionle Nzionle Premess Nei vri processi produttivi

Dettagli

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche.

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche. Prestzioni PONTI TERMICI Normlmente il clcolo delle dispersioni termiche di un edificio viene svolto considerndo che le temperture interne ed esterne sino costnti (Regime Termico tzionrio). Questo signific

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI E SOSTENIBILITÀ ENERGETICA

AGEVOLAZIONI FISCALI E SOSTENIBILITÀ ENERGETICA Mrco Codzzi AGEVOLAZIONI FISCALI E SOSTENIBILITÀ ENERGETICA NUOVE COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE Gli interventi per l riqulificzione energetic degli edifici Procedure prtiche per le detrzioni

Dettagli

. Rxt-90 smaltata nera

. Rxt-90 smaltata nera TERMOCUCINE SERIE Rxt/Rxtd Rxt-60 Rxt-80 Rxt-90 Bse (mm) 600 800 900 Altezz (mm) 850/860 850/860 850/860 Profondità (mm) 600 600 600 Altezz zoccolo di serie (mm) 100 100 100 Peso (Kg) 179 218 229 Pistr

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economi e delle Finnze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l rticolo 1 dell legge 27 dicembre 2006, n. 296, recnte legge finnziri per il 2007 (di seguito: legge

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2012

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2012 TABELLA DEGLI ANNO 0 criteri di ppliczione. Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo le norme degli strumenti urbnistici vigenti (rt. 7 c. 0 L.R./05).

Dettagli

Istruzioni per l installazione e la manutenzione. Spaziozero Solar System 4

Istruzioni per l installazione e la manutenzione. Spaziozero Solar System 4 Istruzioni per l instllzione e l mnutenzione Spziozero Solr System 4 IT INDICE AVVERTENZE SULLA DOCUMENTAZIONE 1 Avvertenze per l sicurezz e prescrizioni... 4 1.1 Consevzione dell documentzione... 4 1.2

Dettagli

Serie 240 Valvola pneumatica Tipo e Tipo Valvola a via diritta Tipo 3241

Serie 240 Valvola pneumatica Tipo e Tipo Valvola a via diritta Tipo 3241 Serie 240 Vlvol pneumtic Tipo 3241-1 e Tipo 3241-7 Vlvol vi diritt Tipo 3241 Appliczione Vlvol di regolzione per l impintistic Dimetri DN 15 DN 300 Pressioni PN 10 PN 40 Temperture 196 450 C Vlvol vi diritt

Dettagli

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA Fcoltà di Architettur Ing. Luc Srto Le regole per l efficienz l energetic livello nzionle e l più recente disciplin dell Regione Lombrdi. L certificzione energetic degli edifici: stto dell rte e prospettive

Dettagli

Corso di Fisica tecnica ambientale e Impianti tecnici a.a. 2008/2009

Corso di Fisica tecnica ambientale e Impianti tecnici a.a. 2008/2009 Corso di Fisic tecnic mbientle e Impinti tecnici.. 008/009 CAPITOLO. Generlità Come si ricorderà, per condizionmento dell ri si intende un intervento volto relizzre il controllo dell tempertur e del contenuto

Dettagli

Più in alto voli, più lontano vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA

Più in alto voli, più lontano vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA Più in lto voli, più lontno vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA Certi ctions for high performnce Presentzione Aziendle / Compny Profile GCERTI ITALY è un ente di certificzione

Dettagli

Copyright by Allestimenti Palladio snc

Copyright by Allestimenti Palladio snc I principli tipi d interventi mmessi ll detrzione Irpef del 36% Ecco un elenco esemplifictivo d interventi mmissibili fruire dell detrzione Irpef. In ogni cso, deve essere verifict l conformità lle normtive

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

Movimentazioni lineari

Movimentazioni lineari Sistemi lineri I sistemi lineri ACK sono costituiti d 2 brre d cciio sezione circolre temprte e rettificte in tollernz h e nche cromte nei dimetri. A richiest in ccioi inox. Sono montte rigide e prllele

Dettagli

PARTE SECONDA Adempimenti D.Lgs. 311/06

PARTE SECONDA Adempimenti D.Lgs. 311/06 COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 PARTE SECONDA Adempimenti D.Lgs.

Dettagli

CONDIZIONAMENTO DELL ARIA

CONDIZIONAMENTO DELL ARIA Corso di Impinti Tecnici.. 009/00 Docente: Prof. C. Isetti CAPITOLO 7 7. Generlità Come si ricorderà, per condizionmento dell ri si intende un intervento volto relizzre il controllo dell tempertur e del

Dettagli

Oggetto dell'attestato

Oggetto dell'attestato DATI GENERALI Destinzione d'uso Nuov costruzione Oggetto dell'ttestto Residenzile Intero edificio Pssggio di proprietà Non residenzile Unità immobilire Loczione Gruppo di unità immobiliri Ristrutturzione

Dettagli

Accoppiamento pompa e sistema

Accoppiamento pompa e sistema Accoppimento pomp e sistem 1/9 Considerimo il sistem idrulico dell Fig. 1 costituito d due bcini, mbedue soggetti ll pressione tmosferic e collegti tr loro d un tubzione: si vuole portre l cqu dl bcino

Dettagli

Larghezza 910 mm. Grafi9 ARMADI A 3 VANI

Larghezza 910 mm. Grafi9 ARMADI A 3 VANI 9 103 Grfi 9 Lrghezz 910 L serie è crtterizzt d un lrghezz estern di 910 (892 utile interno). 6 ltezze di ingomro disponiili d 490 1840. Tutte le esecuzioni sono disponiili in due profondità: 330 e 460.

Dettagli

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere Anlisi del ciclo di vit del sistem di gestione rifiuti in Lombrdi Milno 8 Mggio 212 LCA e prevenzione dei rifiuti: cso di studio sull cqu d bere S. Nessi Politecnico di Milno DIIAR Sezione mbientle Obiettivo

Dettagli

Sistemi di riscaldamento a pavimento FLOORTEC

Sistemi di riscaldamento a pavimento FLOORTEC Sistemi di riscldmento pvimento FLOORTEC Indice 53 Aspetti generli Informzioni prodotto 54 Dti tecnici e istruzioni di montggio Impinti, componenti e ccessori 58 Progettzione 70 1 ULOW-E2 Rditori profilti

Dettagli

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO D restituire 60 giorni prim dell inizio dell evento PREVENZIONE INCENDI REZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI DATI DA COMPILARE OBBLIGATORIAMENTE A CURA DEL PARTECIPANTE:

Dettagli

LINEA Aquera Soluzioni modulari di griglie di drenaggio e ventilazione.

LINEA Aquera Soluzioni modulari di griglie di drenaggio e ventilazione. Aquer LINEA Aquer Soluzioni modulri di griglie di drenggio e ventilzione. L'mbiente urbno è prte integrnte dell nostr società modern. Questo h portto d un incremento delle zone edificte crtterizzte d superfici

Dettagli

Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte prima Evoluzione normativa energetica e opportunità di incentivazione per gli interventi in

Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte prima Evoluzione normativa energetica e opportunità di incentivazione per gli interventi in 1 Efficienz energetic nell edilizi Allegto, prte prim Evoluzione normtiv energetic e opportunità di incentivzione per gli interventi in edilizi 2 1Efficienz energetic nell edilizi Allegto, prte prim Evoluzione

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento settembre 2010 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm INDICE INTRODUZIONE 5 1. L AGEVOLAZIONE PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA 6 In cos consiste

Dettagli

CONDENSA E MUFFE: COLPA DEI SERRAMENTI?

CONDENSA E MUFFE: COLPA DEI SERRAMENTI? CONDENSA E MUFFE: COLPA DEI SERRAMENTI? di Giovnni Tisi * Il problem dell formzione di condens e dell crescit di muffe ll interno dei locli bitti è d sempre uno degli spetti più critici delle costruzioni:

Dettagli

Sistemi modulari a condensazione MODULO NOVAKOND

Sistemi modulari a condensazione MODULO NOVAKOND M A D E I N I TA LY Sistemi modulri condenszione MODULO NOVAKOND SoluzioniIntegrte per il riscldmento GENERATORI SISTEMI MODULARI DI ARIA A CONDENSAZIONE CALDA A PAVIMENTO Combinndo i genertori NOVAKOND

Dettagli

Scheda tecnica. art. 92150-92155 TESTINA ELETTRICA DESCRIZIONE. SPECIFICHE PRODOTTO MISURE (in mm.) 47,0 54,0 4,0

Scheda tecnica. art. 92150-92155 TESTINA ELETTRICA DESCRIZIONE. SPECIFICHE PRODOTTO MISURE (in mm.) 47,0 54,0 4,0 rt. 92150-92155 DESCRIZIONE L'utilizzo delle stine elettriche quchnik instll sui singoli circuiti di collettori perettono, con l'usilio degli ppositi condi elettronici, l gestione di ogni singol zon/nello.

Dettagli

Potenza assorbita In funzione Mantenimento Dimensionamento. Contatto ausiliario. l'alimentazione!) Dati funzionali

Potenza assorbita In funzione Mantenimento Dimensionamento. Contatto ausiliario. l'alimentazione!) Dati funzionali Sched ecnic RFD23A-3-S2(-O) Attutore rottivo 3-punti con funzione di emergenz per vlvole sfer di regolzione 2 e 3 vie Coppi oppi 5 m ensione nominle AC 23 V Comndo: omndo 3-punti Due conttti usiliri integrti

Dettagli

Il Database Topografico Regionale

Il Database Topografico Regionale Il Dtbse Topogrfico Regionle Stefno Olivucci Stefno Bonretti Servizio Sttistic ed Informzione Geogrfic Il Dtbse Topogrfico Regionle Rppresent il nucleo portnte dell infrstruttur regionle reltiv i dti territorili

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

RUBINETTI D ARRESTO DA INCASSO PER IMPIANTI IDRICI

RUBINETTI D ARRESTO DA INCASSO PER IMPIANTI IDRICI RUBINETTI D ARRESTO DA INCASSO PER IMPIANTI IDRICI PRODOTTI E SISTEMI PER L IDROTERMICA WELCO-Idro Rubinetti d rresto d incsso per impinti idrici I rubinetto d'rresto è un importnte orgno d'intercettzione

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

COMUNE DI MARINA DI GIOIOSA JONICA (Provincia di Reggio Calabria)

COMUNE DI MARINA DI GIOIOSA JONICA (Provincia di Reggio Calabria) COMUNE DI MARINA DI GIOIOSA JONICA (Provinci di Reggio Clbri) Ristrutturzione locli comunli di vi Frtelli Rosselli, rchivio, per l relizzzione di un centro giovnile "You & Me" Progetto Giovni, leglità,

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO aggiornamento l genzi ggiornmento 2009 in f orm LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento 2009 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE 5 1. L AGEVOLAZIONE

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI Pgin di 7 Rel. ermic soli Fscicolo tecnico per il clcolo delle prestzioni energetiche di soli lstre trliccite ( predlles ) IN ACCORDO ALLA NORMA UNI EN ISO 6946:008 0 07.0.00 Rev. Dt Descrizione Redtto

Dettagli

riqualificazione energetica degli edifici

riqualificazione energetica degli edifici riqulificzione energetic degli edifici Riqulificzione energetic degli edifici ostenibilità L impiego di risorse non rinnovbili e l produzione di inquinnti hnno superto l sogli dei limiti sostenibili dll

Dettagli

kyla collaudata gamma Mixproof

kyla collaudata gamma Mixproof . kyl colludt gmm Mixproof Vlvol Mixproof SMP-BC Concetto SMP-BC è un vlvol sede pneumtic per ppliczioni snitrie progettt per grntire sicurezz e rilevmento di eventuli perdite qundo due prodotti diversi

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 2014 COME OTTENERE GLI INCENTIVI SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

DETRAZIONI FISCALI 2014 COME OTTENERE GLI INCENTIVI SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI 2014 COME OTTENERE GLI INCENTIVI SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 2 INTRODUZIONE Le detrzioni fiscli previste dll Legge di Stbilità 2014 L Legge di Stbilità

Dettagli

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE Mnule di supporto ll utilizzo di Sintel per stzione ppltnte FORMULE DI AGGIUDICAZIONE gin 1 di 18 Indice AZIENDA REGIONALE CENTRALE ACQUISTI - ARCA S.p.A. 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Mtrice modlità offert/modlità

Dettagli

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di Marcianise Provincia di Caserta. Lavori di Manutenzione Straordinaria -Parco Mazziotti Edificio B OGGETTO:

COMPUTO METRICO. Comune di Marcianise Provincia di Caserta. Lavori di Manutenzione Straordinaria -Parco Mazziotti Edificio B OGGETTO: Comune di Mrcinise Provinci di Csert pg. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Lvori di Mnutenzione Strordinri -Prco Mzziotti Edificio B COMMITTENTE: I.A.C.P. di Csert Dt, 01/04/2008 IL TECNICO PriMus by Guido Cinciulli

Dettagli

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica Vi Lmrmor, 35 00010 Villnov di, Rom, 1. Tipologi progetto : Didttic curriculre Didttic extr-curriculre Accoglienz, orientmento, stge Formzione del personle Altro.. 2. Denominzione progetto Indicre Codice

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO

TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO R999 R999I SOMMARIO R999 1. IMPIEGO 2. CARATTERISTICHE TECNICHE 2. DATI TECNICI 4. CARATTERISTICHE

Dettagli

Dalla condensazione del vapore acqueo si ricava tanto calore in più. Geminox a condensazione Dal ad oggi un evoluzione continua

Dalla condensazione del vapore acqueo si ricava tanto calore in più. Geminox a condensazione Dal ad oggi un evoluzione continua Geminox condenszione Dl d oggi un evoluzione continu 1974 Dll condenszione del vpore cqueo si ricv tnto clore in più Gli studi di Geminox sullo sfruttmento dell condenszione pplict lle cldie gs per Le

Dettagli

AVVISO LEGALE. Testo coordinato vigente al 06 settembre 2011. D.M. 19 febbraio 2007.

AVVISO LEGALE. Testo coordinato vigente al 06 settembre 2011. D.M. 19 febbraio 2007. AVVISO LEGALE Il presente testo non h crttere di ufficilità. L unico testo ufficile definitivo che prevle in cso di discordnz è quello pubblicto sull Gzzett Ufficile dell Repubblic Itlin mezzo stmp. Testo

Dettagli

Guida alle agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica. - Luglio 2009 -

Guida alle agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica. - Luglio 2009 - Guid lle gevolzioni fiscli per gli interventi di riqulificzione energetic - Appendice Guid lle gevolzioni fiscli per gli interventi di riqulificzione energetic - Luglio 2009 - APPENDICE Normtiv di legge,

Dettagli

NORME APPLICABILI ALLE ARMATURE 9

NORME APPLICABILI ALLE ARMATURE 9 QUADERNO III Strutture in clcestruzzo rmto e legno CALCESTRUZZO ARMATO Sched N : NORME APPLICABILI ALLE ARMATURE 9 Not generle: le indiczioni nel seguito riportte sono trtte dlle norme frncesi BAEL 91

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO luglio aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO luglio aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento luglio 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento luglio 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014 TABELLA DEGLI ANNO 04 criteri di ppliczione (estrtto rt. 5ter, lett. "" del Regolmento Edilizio vigente) Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo

Dettagli

Tubazioni multistrato

Tubazioni multistrato TUBAZIONI Tubazioni multistrato Polietilene ad alta densità PE-HD Strato di collante Alluminio PRINCIPALI CARATTERISTICHE TECNICHE ALPEX-DUO XS (ROTOLI) Diametro del tubo e spessore (mm) 16 x 2 18 x 2

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

Infissi esterni. on line. il percorso ELEMENTI DELLA COSTRUZIONE

Infissi esterni. on line. il percorso ELEMENTI DELLA COSTRUZIONE 10 il percorso Tipi di serrmenti e di schermi Prti costituenti i serrmenti e gli schermi Crtteristiche tecniche e tecniche di montggio degli infissi esterni Le fccite continue Prestzioni dei serrmenti

Dettagli

COMFORT ABITATIVO NEL SUD ITALIA. Seal Group srl building solutions. Manuale pratico di costruzione per edifici ad alta efficienza termica.

COMFORT ABITATIVO NEL SUD ITALIA. Seal Group srl building solutions. Manuale pratico di costruzione per edifici ad alta efficienza termica. ALESSIO BERTINO COMFORT ABITATIVO NEL SUD ITALIA Mnule prtico di costruzione per edifici d lt efficienz termic. Sel Group srl building solutions Sel Group srl building solutions Selgroup srl h commissionto

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi ggiornmento 2009 in f orm LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AIORNATA CON IL D.L. N. 185/2008 E DECRETO DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DEL 6 AGOSTO 2009 l genzi in

Dettagli

N. CODICE DESCRIZIONE U.M. Quantità Prezzo Unitario IMPORTO E.P.U. in Euro in Euro

N. CODICE DESCRIZIONE U.M. Quantità Prezzo Unitario IMPORTO E.P.U. in Euro in Euro Pg. 1 SICUREZZA Apprestmenti 99. 1.AH 2.07 1 99. 1.AH 2.07.B 2 01. 1.AA 2.02.B 3 01. 1.AA 2.04 4 99. 1.AN 6.03 RECINZIONE PREFABBRICATA Esecuzione di recinzione prefbbrict di cntiere costituit d pnnelli

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI C.DA CUTURA - RENDE (CS)- DISCARICA IN LOCALITA' VETRANO COMUNE DI SAN GIOVANNI IN FIORE (CS) RECUPERO VOLUMETRICO DISCARICA IN ESERCIZIO LOTTO 2 PLUS ELABORATO N. OGGETTO Scl R.08

Dettagli

CA SA A NZIA NI C A S L A NO - 2

CA SA A NZIA NI C A S L A NO - 2 S NZI NI S L NO - 2 LEGEND :. NUOV S NZINI. INGRESSO PRINIPLE. INGRESSO ENTRO DIURNO E NOTTURNO D. PRHEGGI E. INGRESSO VEIOLRE UTORIMESS F. ORTE G. GIRDINO OMUNE H. GIRDINO PROTETTO D + 0.00 H + 6.50 G

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Vile dell Repubblic, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fx 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli