Sistemi Trifase. 1 Sistemi trifase : definizioni e proprietà fondamentali 2. 2 Schema di alimentazione di un sistema trifase 5

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Trifase. 1 Sistemi trifase : definizioni e proprietà fondamentali 2. 2 Schema di alimentazione di un sistema trifase 5"

Transcript

1 Sistemi Trifase Sistemi trifase : definiioni e proprietà fondamentali Schema di alimentaione di un sistema trifase 5 Utiliatori trifase 7 4 antaggi dei sistemi trifase 6 5 Teorema di equivalena 7

2 Sistemi trifase : definiioni e proprietà fondamentali Il trasporto e la distribuione dell'energia elettrica dai luoghi di produione (ossia dalle centrali) ai luoghi di utiliaione avviene in massima parte per meo di linee elettriche a tre fili: tali linee, i generatori che le alimentano e gli utiliatori ad esse collegati formano, nel loro complesso, i cosiddetti sistemi trifase Nella figura è mostrato lo schema di principio di una linea trifase che collega un complesso di generaione G ad un utiliatore indicato con U: Fig Le correnti i (t),i (t) e i (t) sono dette correnti di linea e sono tali da soddisfare, in un generico istante t, la seguente relaione ottenuta applicando la LKC alla superficie gaussiana che circondi l utiliatore U: i (t)i (t)i (t)0 () Se si considera, ora, una generica seione S della linea intesa come interseione fra un piano perpendicolare alla linea e la linea stessa, si può definire una terna di tensioni dette tensioni concatenate come: v (t) v (t) v (t) v (t) v (t) v (t) v (t) v (t) v (t) () ossia, ciascuna tensione concatenata rappresenta la tensione fra due conduttori di linea in corrispondena di una seione considerata Naturalmente variando la seione in esame, la terna delle tensioni concatenate cambia e ciò a causa delle cadute di tensione sulla linea, tuttavia nel seguito, si supporrà di considerare nulle tali cadute di tensione in modo da poter ritenere costante la terna di tensioni concatenate su tutta la linea indipendentemente dalla seione in esame Sommando membro a membro le relaioni () si ottiene: v (t)v (t)v (t)0 () La () e la () sono equaioni nel tempo valide istante per istante, nelle quali compaiono grandee sinusoidali isofrequeniali e come tali, ad esse si può applicare il procedimento di trasformaione del metodo simbolico (metodo dei fasori) giungendo così alle seguenti relaioni in termini fasoriali: I I I 0 0 (4) Tale rappresentaione fasoriale è suscettibile della seguente interpretaione geometrica nel

3 piano complesso 0 Fig a Fig b Facendo riferimento alla terna di tensioni concatenate, il fatto che la somma dei fasori a esse corrispondenti sia nulla comporta che i vettori rappresentativi di tali fasori, disegnati nel piano complesso, si dispongano a triangolo, come mostrato in fig a Si parla, allora, di triangolo delle tensioni concatenate ' possibile anche, mantenendo fisso uno dei tre vettori e traslando parallelamente a se stessi gli altri due, ottenere la cosiddetta stella delle tensioni concatenate (che è mostrata in scala ridotta in fig b) ' di particolare interesse il caso in cui i valori efficaci delle tre tensioni concatenate siano uguali fra loro, cioè: videntemente, ne segue che il triangolo delle tensioni concatenate sarà un triangolo equilatero e, con riferimento alla rappresentaione a stella, si avrà che ciascun vettore sarà sfasato l'uno rispetto all'altro di 0, come mostrato in figura: Fig a Fig b In questo caso, considerando come riferimento, i tre vettori che compongono la terna delle tensioni concatenate è espressa dalle seguenti relaioni: spesso tale sequena di tensioni è anche indicata come:,,, α, α (*) dove α è un operatore complesso che produce una rotaione di 0 se applicato a una generico fasore, ossia α 0 Quando si verifica questa condiione, cioè quando i valori efficaci delle tensioni concatenate sono uguali fra loro, si dice che la terna di tensioni concatenate è simmetrica; nel caso appena

4 esaminato si dice anche che è una terna di tensioni concatenate di sequena diretta, questo perché se si considera un qualsiasi vettore della terna nella stessa sequena della relaione (*), tale vettore per sovrapporsi a quello che lo precede deve ruotare di 0 in senso positivo (cioè antiorario) In modo del tutto analogo, si può definire una terna di tensioni concatenate simmetrica di sequena inversa che dal punto di vista grafico è riportata nella figura 4: Fig 4a Fig 4b Si può scrivere allora: da cui segue che la terna di tensioni concatenate può essere scritta come:,,, α, α (**) Si osserva che, in questo caso, se si considera un qualsiasi vettore della terna nella stessa sequena con cui è scritta nella relaione (**), tale vettore per sovrapporsi a quello che lo precede deve ruotare di 0 in senso negativo (cioè orario) Le stesse consideraioni fatte per la terna di tensioni concatenate si possono anche estendere alla terna delle correnti di linea per cui si può parlare di terna simmetrica delle correnti di linea in sequena diretta e terna simmetrica delle correnti di linea in sequena inversa In particolare, detto I il valore efficace comune alle tre correnti ossia I I I I, e scelta la corrente del primo conduttore I come riferimento per le correnti, si può scrivere: I, α I, α I per una terna di sequena diretta della correnti e I, α I, α I per una terna di sequena inversa della correnti Come fatto per le tensioni è possibile rappresentare nel piano complesso tali vettori sia secondo un triangolo sia secondo una stella, nelle figure 5 e 6 di seguito sono riportate tali rappresentaioni sia per la sequena diretta sia per quella inversa 4

5 I I I I I Fig 5a I Fig 5b Sequena inversa I I 0 I 0 I I I 0 Fig 6a Fig 6b Schema di alimentaione di un sistema trifase Da un punto di vista circuitale, il complesso di generaione G mostrato nello schema generale di un sistema trifase in fig può essere rappresentato, equivalentemente, da tre generatori monofase distinti le cui forme d'onda, sinusoidali ed isofrequeniali, hanno lo stesso valore efficace e sono sfasate l'una rispetto all'altra di 0 Si possono, quindi, avere due rappresentaioni equivalenti del complesso di generaione G, la prima in cui i tre generatori monofase sono disposti a stella, la seconda in cui i tre generatori sono disposti a triangolo In ogni caso, i fasori associati alle forme d'onda di tali generatori formano una terna simmetrica in sequena diretta Si consideri per primo il caso in cui i tre generatori siano collegati 'a stella' come mostrato in figura: g 0 g Fig 7 5

6 Se si assume il fasore seguenti espressioni: come riferimento le tensioni fornite dai generatori sono date dalle g 0 g α g α dove g è il valore efficace comune alle tre tensioni Se si applica la LKT ai percorsi chiusi di nodi che comprendono le tre coppie di nodi -, -, - e il nodo 0 a cui sono collegati i generatori rispettivamente, si ottiene: v v v g g g g α α α α ( α ) ( α α ) ( α ) Tenendo presente queste relaioni e tenendo conto del fatto che, g, g formano una terna simmetrica in sequena diretta, è facile verificare che anche le tensioni concatenate formano una terna simmetrica in sequena diretta: infatti, se si disegna il triangolo delle tensioni concatenate questo sarà sicuramente equilatero, come mostrato nella figura seguente: g g Fig 8a Fig 8b Dalla figura considerata è facile vedere che l angolo compreso tra i fasori e è un angolo di 0 altrettanto facile notare che corrispondono ancora a 0 anche l altro angolo al vertice del triangolo (quello compreso tra i fasori e ) ed entrambi gli angoli in cui sono divisi gli angoli ai vertici e del triangolo A questo punto se si assume e g g g, diventa immediato calcolare il modulo dei fasori delle tensioni concatenate, esso è dato da: gcos0 g g (5) In precedena si è già osservato che le tensioni concatenate sono sfasate rispetto a quelle dei generatori di 0, in particolare esse risultano in anticipo di 0 sulle tensioni dei tre generatori e, quindi scegliendo come fasore di riferimento, cioè ponendo: 0 le tensioni concatenate possono essere espresse come segue: 6 g

7 0 0 g α 70 g α 50 g (6) sufficiente, perciò conoscere il valore di g per determinare la terna delle tensioni concatenate Si consideri ora il caso in cui i tre generatori monofase distinti siano collegati a triangolo come mostrato in figura: g g Fig 9 videntemente, si può scrivere: g g da cui si deduce, ricordando che,g, g formano una terna simmetrica in sequena diretta, che anche le tensioni concatenate costituiscono una terna simmetrica in sequena diretta In entrambi i casi considerati, quindi, si è visto come ad una terna simmetrica di tensioni del generatore trifase corrisponda (a meno delle cadute interne) una terna simmetrica di tensioni concatenate ai morsetti del generatore stesso e, quindi (a meno delle cadute sulla linea), una terna simmetrica di tensioni concatenate in qualsiasi altra seione di linea Si conclude che la simmetria e la sequena delle tensioni concatenate dipende essenialmente dalla simmetria e dalla sequena delle forme d'onda del generatore trifase (essendo di solito modesta l'influena delle cadute di tensione) e, poiché quest'ultima è di norma realiata, d'ora in poi si considererà l'ipotesi che i sistemi trifase siano alimentati, salvo precisaione contraria, con tensioni concatenate simmetriche di sequena diretta Utiliatori trifase Gli utiliatori o 'carichi' di una linea trifase possono essere costituiti da porioni di circuito comunque complesse; in relaione a ciò il calcolo delle correnti relative ad essi si può effettuare, note che siano le tensioni concatenate di alimentaione, con i metodi generali inerenti 7

8 allo studio dei circuiti in regime sinusoidale ', tuttavia, opportuno soffermarsi su due particolari utiliatori di uso frequente, costituiti entrambi da tre impedene Triangolo di impedene Il primo di essi è rappresentato in figura 0 e corrisponde al cosiddetto triangolo di impedene: I I I I I I Fig 0 Il calcolo delle correnti nelle impedene che rappresentano il carico della linea trifase, si può effettuare come di seguito supponendo note la terna di tensioni concatenate (simmetrica ed in sequena diretta) che alimenta il carico e le impedene del triangolo: o 0 (riferimento), ϕ 0, ϕ o ϕ 40 o videntemente risulta: I ϕ o I 0 ϕ o I 40 ϕ (7) Note le correnti interne al triangolo, quelle assorbite dalla linea si determinano facilmente facendo ricorso alla LKC applicata ai nodi del triangolo: I I I I I I I I I (8) 8

9 Si noti che mentre: I I I 0 questo, in generale, non è vero per le correnti nei lati del triangolo ' di particolare interesse il caso in cui le impedene che costituiscono il triangolo siano tra loro uguali, in questo caso si ha: ϕ A tal caso ci si riferisce come al caso di carico equilibrato In particolare, ricordando che le tensioni concatenate formano una terna simmetrica in sequena diretta, si deduce, dalle relaioni (7), che anche le correnti interne al triangolo formano una terna simmetrica in sequena diretta il cui valore efficace è pari a: I I I Δ I (9) In figura è indicata, nel piano complesso, la terna delle correnti interne al triangolo, dove per comodità si è supposto ϕ>0 I I I I I I I ϕ I Fig a Fig b Dalla figura b è facile vedere che l angolo compreso tra i fasori I e I è un angolo di 0 (dal punto di vista geometrico si ha la stessa costruione già incontrata per le tensioni concatenate e quelle dei generatori monofase) altrettanto facile notare che la stessa cosa accade per gli angoli tra i fasori I e I e I e I A questo punto se si assume I I I I il modulo dei fasori delle correnti di linea è dato da: I IΔcos0 I ossia da: Δ I IΔ (0) Dalla figura a si nota che le correnti interne al triangolo sono sfasate di ϕ in ritardo (avendo supposto ϕ > 0) rispetto alle tensioni concatenate mentre le correnti di linea sono sfasate di 0 in ritardo rispetto alle correnti interne al triangolo delle impedene A seguito di questa osservaione se si sceglie la tensione come riferimento si ha: 9

10 0 e di conseguena le correnti di linea sono date da: I IΔ ( ϕ 0 ) ( ϕ 0 ), I α I I αi () Calcolo delle potene Per quanto riguarda la valutaione energetica, la potena complessa assorbita dal carico nel caso generale in cui esso sia squilibrato, cioè le impedene che costituiscono il triangolo non sono tutte uguali fra loro, può essere ricavata come somma delle potene complesse assorbite da ciascuna impedena del triangolo: N N N N I I I * * * Supponendo di assumere come riferimento: 0 N 0 I ϕ ( 0 )I (0 ϕ ) ( 40 )I (40 ϕ ) da cui segue immediatamente che: N I ϕ I ϕ I ϕ P I cosϕ I cosϕ I cosϕ Q I senϕ I senϕ I senϕ () Nel caso particolare in cui il carico sia equilibrato si ha: ϕ ϕ ϕ ϕ e I I I I Δ da cui è immediato ricavare che la potena attiva e reattiva hanno le seguenti espressioni: P IΔcosϕ e Q IΔsenϕ considerando i valori dei moduli delle correnti del triangolo Se invece si considerano direttamente i valori delle correnti di linea si ha: P Icosϕ e Q Isenϕ ricordando che la relaione tra i moduli delle correnti di linea e quelli delle correnti del I triangolo è data da: I Δ (Nota: si tenga presente che ϕ è sempre l'angolo di sfasamento tra la terna delle tensioni concatenate e quella delle correnti interne al triangolo delle impedene; in altri termini, ϕ è l'argomento comune delle tre impedene che formano il triangolo in esame) 0

11 Stella di impedene Lo schema dell utiliatore modellato come impedene collegate a stella è mostrato nella figura I I I Fig Se si vuole valutare in modo semplice questo schema, si può considerare la figura seguente e fare riferimento alle tensioni dei generatori piuttosto che a quelle concatenate I g g I I Fig In particolare lo studio può essere condotto partendo dal caso di un sistema trifase con neutro anche detto sistema a quattro fili In questo caso il circuito in esame è quello riportato in basso, mentre il ruolo del collegamento aggiuntivo che prende il nome di neutro sarà più chiaro nel seguito della trattaione

12 I g 0 g 0' I I n I Fig 4 Nel caso in esame è immediato verificare come le correnti di linea siano coincidenti con le correnti nei carichi Pertanto per conoscere queste correnti è possibile utiliare semplicemente le seguenti formule: I I I g g Infatti, il collegamento dovuto al neutro impone che ciascuna delle tensioni del generatore trifase sia proprio ai capi di ciascuna delle impedene che costituiscono il carico Infine, il valore della corrente nel neutro è immediatamente ottenuta dalla LKC ad una generica gaussiana che taglia i quattro conduttori: II n I I Mentre la potena assorbita da tale carico può essere ottenuta semplicemente sommando le potene assorbite da ciascuna delle impedene che lo compongono In definitiva si ha: [ ] [ ] [ ] P P P P Re I Re I Re I e allo stesso modo si può calcolare la potena reattiva del carico [ ] [ ] [ ] Q Q Q Q Im I Im I Im I Un caso particolarmente interessante è quello di carico equilibrato In questo caso si ha: ϕ

13 per cui, ricordando che le relaioni delle tre tensioni dei generatori sono date da: 0 α α ossia: g g g g 0 g g 0 g 40 g g 0 g 40 dalle equaioni che descrivono le correnti si ha: g 0 g I ϕ ϕ g g 0 g I 0 ϕ ϕ 40 g g g I 40 ϕ ϕ immediato quindi riscontrare che le tre correnti costituiscono una tera simmetrica di sequena diretta Utiliando queste relaioni per il calcolo della corrente del neutro si ha: II I I n ( ) g g g g infatti, la somma delle tensioni dei generatori è una terna simmetrica di sequena diretta Pertanto il neutro consente in generale la chiusura delle correnti di linea, ma è attraversato da una corrente nulla nel caso si abbia un carico equilibrato Dal punto di vista energetico si possono usare ancora le relaioni considerate in precedena, che risultano però semplificate: g P P P P Re[ ] I Re[ ] I Re[ ] I Re[ ] I Re[ ] e allo stesso modo si può calcolare la potena reattiva del carico Q Q Q Q Im I Im I Im I Im I Im Se poi si fa riferimento direttamente alla potena complessa si ha: g [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] 0 N N N N I I I * * * g g g g g g 0 ϕ g 0 0 ϕ g ϕ g g g g ϕ ϕ ϕ ϕ da cui si ottiene che: g P cos( ϕ) e g Q sin( ϕ) Se poi si vuole esprimere questa potena in funione delle tensioni concatenate è sufficiente ricordare la relaione esistente tra le tensioni dei generatori e quelle concatenate, già date nella (6) e qui riportate per comodità:

14 0 0 g α 70 g α 50 g da cui si ha: ( / ) g P cosϕ cosϕ cosϕ ( / ) g Q sin( ϕ) sinϕ sinϕ In modo del tutto analogo è possibile vedere che se si considerano direttamente i moduli delle correnti come I I I I, allora si ottiene: N N N N I I I * * * g g 0 I ϕ 0 I 0 ϕ 40 I 40 ϕ g g g I ϕ I ϕ I ϕ I ϕ g g g g e considerando ancora una volta la relaione tra il modulo di g e quello delle tensioni concatenate si ha: N I ϕ Nel caso in cui non è presente il neutro, i punti 0 e 0 non sono più allo stesso poteniale e le singole impedene del carico sono sottoposte a tensioni che vengono dette tensioni di fase e definite tra i nodi, e e il nodo 0 rispettivamente Tali tensioni non sono più coincidenti con le tensioni dei generatori e devono essere calcolate considerando la differena di tensione esistente tra il punto 0 e il punto 0 assunto come riferimento Assumendo questa tensione indicata dalla variabile 0' è facile verificare che le tensioni di fase a cui sono sottoposte le impedene di carico sono date da: 0' g 0' g 0' mentre le tre correnti di linea sono date da: I I I Se si considerano le espressioni precedenti e il fatto che la somma delle tre correnti di linea deve 4

15 essere nulla si ha: 0' g 0' g 0' I I I 0 da cui si ha: ( ) ( ) ( ) y y y 0 0' g 0' g 0' ( ) y y y y y y y y g y g 0' y y y g g 0' Nota questa tensione è possibile utiliare le precedenti formule per valutare tutte le correnti e quindi le potene relative al carico considerato Un caso di particolare interesse è, ancora una volta, quello in cui tutte le impedene del carico risultano essere uguali, ossia il caso di carico equilibrato In questa situaione si nota che la precedente relaione può essere messa nella forma: ( g g ) y 0' 0 y infatti, le tre tensioni dei generatori sono una terna simmetrica Questo vuol dire che nel caso specifico di carico equilibrato non c è alcuna caduta di tensione tra i punti 0 e 0 ed il sistema nel suo complesso si comporta esattamente come un sistema a quattro fili, il che chiaramente semplifica notevolmente l analisi di questi sistemi In modo particolare è possibile notare che in un circuito trifase equilibrato di questo tipo l informaione da ricavare è quella relativa alla corrente di linea I, nota questa è poi possibile ricavare tutte le altre correnti di linea immediatamente Poiché questa corrente può essere ricavata dalla relaione I è facile comprendere come per studiare un sistema del tipo appena analiato sia sufficiente fare riferimento al seguente circuito equivalente monofase I Fig 5 Infatti i nodi 0 e 0 è stato già detto che si trovano allo stesso poteniale Questa semplificaione risulta di particolare interesse quando si considerano sulla linea le impedene che ne descrivono il comportamento in termini di caduta di tensione e potena assorbita dalla stessa A questo caso fa riferimento il circuito descritto di seguito nel quale si suppongono verificate le condiioni: 5

16 ϕ e L L L L L ϕl ossia che il carico sia equilibrato e che le impedene delle tre linee siano tutte uguali L I g 0 g 0' L I I n I L Fig 6 In questo caso il circuito equivalente monofase è quello riportato in basso e si nota come possa essere semplice ed immediato valutare le cadute di tensione sulla linea nonché la potena assorbita dalla singola linea o dalla singola impedena di carico L I Fig 7 4 antaggi dei sistemi trifase L utilio dei sistemi trifase per la trasmissione dell energia elettrica è legato ad alcune consideraioni che li rendono preferibili ai sistemi sinusoidali di tipo monofase Il primo risiede nel fatto che i motori elettrici che producono potene anche sino a MW, i cosiddetti motori asincroni, sono funionalmente legati a una alimentaione trifase Inoltre, i motori trifase si avviano più facilmente dei motori monofase Il secondo vantaggio è legato al risparmio di energia dissipata sulle linee di trasmissione Si è visto che considerato un generico carico equilibrato in un sistema di alimentaione trifase questo assorbe una potena attiva pari a PT TITcosϕ, essendo T il modulo delle tensioni concatenate e I T il modulo delle correnti di fase, mentre il pedice T indica il riferimento a grandee del sistema trifase Se, invece, si suppone di avere uno stesso carico sottoposto ad una alimentaione monofase la potena attiva è data da PM MIMcosϕ dove il pedice M indica 6

17 il riferimento a grandee del sistema monofase Ora, poiché il carico è lo stesso esso deve funionare sempre allo stesso modo, quindi deve assorbire la stessa potena Pertanto, uguagliando le due potene e supponendo che la tensione concatenata sia proprio la tensione dell alimentaione monofase si ha che tra le correnti dei due casi considerati si ha la seguente relaione: IM IT Questo implica che il sistema di alimentaione monofase è attraversato da una corrente volte più grande di quello trifase L ultimo vantaggio è costituito dal fatto che in un sistema bilanciato, ossia con carico equilibrato, la potena sul carico è indipendente dal tempo Questo si può facilmente dimostrare considerando le espressioni nel tempo delle tensioni concatenate e delle correnti di fase, utili per calcolare la potena istantanea assorbita da un sistema trifase Le tensioni sono date da: π v (t) cosωt, v (t) cos ωt-, 4π v (t) cos ωt- mentre le correnti sono date da: π i (t) Icos ( ωt-ϕ ), i(t) Icos ωt- ϕ, 4π i (t) Icos ωt- ϕ dove φ rappresenta lo sfasamento introdotto dalle impedene di carico tutte uguali Allora la potena nel tempo è data da: v v v p(t) i i i I π π 4π 4π [cosωt cos( ωt- ϕ) cos( ωt- ) cos( ωt- - ϕ) cos( ωt- ) cos( ωt- - ϕ)] ricordando che : cosα cosβ [ cos( α- β)cos( α β) ] si ha: I 4π 8π p(t) [cosϕ cos(ωt- ϕ)cosϕ cos(ωt- ϕ) cosϕ cos(ωt- - ϕ)] I 4π 8π Icos ϕ [cos(ωt- ϕ) cos(ωt- - ϕ) cos(ωt- - ϕ)] Icosϕ infatti il termine nella parentesi quadra può essere sviluppato come segue 4π 8π cos(ωt- ϕ) cos(ωt- - ϕ) cos(ωt- - ϕ) 4π 4π 8π 8π cos(ωt- ϕ) cos(ωt- ϕ)cos(- )-sin(ωt- ϕ)sin(- ) cos(ωt- ϕ)cos(- )-sin(ωt- ϕ)sin(- ) cos(ωt- ϕ)- cos(ωt- ϕ)- sin(ωt- ϕ)- cos(ωt- ϕ) sin(ωt- ϕ) 0 In definitiva, si può affermare che la potena istantanea di un sistema trifase simmetrico ed equilibrato è costante 5 Teorema di equivalena Sia assegnato un utiliatore U qualsiasi (vedi fig 8a) tale che, alimentato da una data terna di tensioni concatenate,,, assorba dalla linea le correnti I,I,I 7

18 I I I I I I Fig 8a Fig 8b Una stella di impedene si dirà equivalente all'utiliatore U nella condiione di funionamento assegnata quando, alimentata con lo stesso sistema di tensioni concatenate del carico U, richiami dalla linea le medesime correnti del carico stesso Si noti che l'equivalena dipende dalla situaione di funionamento considerata (caratteriata dalle tensioni concatenate e dalle correnti di linea) cosicché una stella che sia equivalente ad U per un dato funionamento, in genere non lo è più al variare di esso Per definiione, le impedene di una stella equivalente devono, quindi, soddisfare il seguente sistema: I I I I I I D'altra parte l'ultima equaione di tale sistema si ottiene come combinaione delle prime due e, quindi, non va considerata ssendo le incognite in numero superiore alle equaioni, il sistema ammette infinite soluioni, una generica delle quali può essere ricavata fissando arbitrariamente un'incognita, ad esempio, e ricavando le altre due in funione di essa Si osservi che, essendo l'incognita che si sceglie arbitraria nel modulo e nell'argomento, vi sono due gradi di libertà nella scelta iniiale e pertanto le stelle di impedene equivalenti ad U, nel senso sopra precisato, costituiscono una duplice infinità La provata esistena di una duplice infinità di stelle di impedene equivalenti ad U, per una data situaione di funionamento, è il contenuto del cosiddetto teorema di equivalena per i sistemi trifase Si osservi che una stella di impedene che sia equivalente ad un carico U nel senso appena chiarito, lo è certamente anche sotto il profilo energetico, vale a dire essa assorbe dalla linea trifase le stesse potene di U In conseguena di ciò è possibile esprimere la potena complessa richiesta da U come somma delle potene complesse assorbite dalle singole impedene che formano una qualunque tra le infinite stelle equivalenti ad U Si ha quindi: N I * * I * I dove,, sono le tensioni ai capi di una generica stella equivalente e, per quanto detto precedentemente, si può concludere che: la potena complessa assorbita da un utiliatore U in una data condiione di funionamento è invariante rispetto alla scelta della stella di impedene equivalente ad U 8

Corso di elettrotecnica Materiale didattico. Cenni sui sistemi trifase

Corso di elettrotecnica Materiale didattico. Cenni sui sistemi trifase Corso di elettrotecnica Materiale didattico. Cenni sui sistemi trifase A. Laudani 19 gennaio 2007 Le reti trifase sono reti elettriche in regime sinusoidale (tutte le variabili di rete hanno andamento

Dettagli

ELETTROTECNICA Ingegneria Industriale

ELETTROTECNICA Ingegneria Industriale LTTROTCNCA ngegneria ndustriale SSTM TRFAS Stefano astore Dipartimento di ngegneria e Architettura Corso di lettrotecnica (04N) a.a. 0-4 Generatore trifase Un generatore trifase equilibrato è composto

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

Potenze nei sistemi trifase

Potenze nei sistemi trifase 58 L espressione generale della potenza istantanea per un sistema trifase a quattro fili è immediatamente deducibile da quella del quadripolo: p(t) = v 1 (t) i 1 (t) + v 2 (t) i 2 (t) + v 3 (t) i 3 (t)

Dettagli

Se si osserva un traliccio dell alta tensione si contano tre conduttori.

Se si osserva un traliccio dell alta tensione si contano tre conduttori. SSTEM TRASE Se si osserva un traliccio dell alta tensione si contano tre conduttori. Un elettrodotto (su cui si possono osservare quattro terne di fili ed una cabina elettrica SSTEM TRASE Anche le prese

Dettagli

Corso di Elettrotecnica

Corso di Elettrotecnica Università degli Studi di Pavia Facoltà di Ingegneria Corso di Corso di Elettrotecnica Teoria dei Circuiti Circuiti trifasi Nelle applicazioni di potenza è frequente trovare, in regime P.A.S., dispositivi

Dettagli

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso.

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso. Sistemi Trifase Un insieme di m generatori che producono f.e.m. sinusoidali di eguale valore massimo e sfasate tra di loro dello stesso angolo (2π/m) è un sistema polifase simmetrico ad m fasi. Se lo sfasamento

Dettagli

Sistemi trifase. = E M E 2 = E M e j 2. E 3 = E M e j4 3 = E M e j2 3. Si definisce tensione di fase la f.e.m. fornita da ogni generatore sincrono:

Sistemi trifase. = E M E 2 = E M e j 2. E 3 = E M e j4 3 = E M e j2 3. Si definisce tensione di fase la f.e.m. fornita da ogni generatore sincrono: Sistemi trifase I sistemi trifase sono utilizzati per generazione trasmissione distribuzione dell energia elettrica perché i generatori trifase sono meno ingombranti ed hanno un peso minore rispetto agli

Dettagli

Ingegneria dei Sistemi Elettrici_3d

Ingegneria dei Sistemi Elettrici_3d Ingegneria dei Sistemi Elettrici_3d Soluioni di problemi elettrostatici I problemi elettrostatici riguardano lo studio degli effetti delle cariche elettriche fisse. I principi dei campi elettrostatici

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

I SISTEMI TRIFASI B B A N B B

I SISTEMI TRIFASI B B A N B B I SISTEMI TRIFSI ITRODUZIOE Un sistema polifase consiste in due o più tensioni identiche, fra le quali esiste uno sfasamento fisso, che alimentano, attraverso delle linee di collegamento, dei carichi.

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

X = Z sinj Q = VI sinj

X = Z sinj Q = VI sinj bbiamo già parlato dei triangoli dell impedenza e delle potenze. Notiamo la similitudine dei due triangoli rettangoli. Perciò possiamo indifferentemente calcolare: (fattore di potenza) Il fattore di potenza

Dettagli

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Attilio Piana, Andrea Ziggioto 1 egime variabile in un circuito elettrico. Circuito C. 1.1 Carica del condensatore

Dettagli

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD Introduzione alla distribuzione di energia elettrica e ai sistemi trifase Gianluca Susi, PhD Richiami preliminari Alternatore: macchina elettrica rotante basata sul fenomeno dell'induzione elettromagnetica,

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013 Complementi di Analisi per nformatica *** Capitolo 2 Numeri Complessi e Circuiti Elettrici a Corrente Alternata Sergio Benenti 7 settembre 2013? ndice 2 Circuiti elettrici a corrente alternata 1 21 Circuito

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

MODELLIZZAZIONE DI UNA LINEA ELETTRICA

MODELLIZZAZIONE DI UNA LINEA ELETTRICA MODEIZZAZIONE DI UNA INEA EETTRICA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 005/006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale Per gli Istituti Tecnici Industriali e Professionali Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale A cura del Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org 2010/2011 POTENZA ELETTRICA NEI CIRCUITI

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi corrente alternata trifase ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE ALTERNATA TRIFASE A cura del Prof. M ZIMOTTI DEFINIZIONI 1 2 esercizi corrente alternata trifase STS: sistema trifase simmetrico

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007 CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 6-7 APPUNTI LEIONI GPS PARTE II Documento didattico ad uso interno - www.rilevamento.it 1 1 Inserimento di un rilievo GPS in cartografia. Problemi di trasformaione di coordinate

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

LINEE AEREE PARALLELE

LINEE AEREE PARALLELE LINEE AEREE PARALLELE Coefficiente di autoinduzione di una linea bifilare Sia data la linea riportata in fig. 1 Fig. 1 Linea bifilare a conduttori paralleli essa è costituita da due conduttori aerei paralleli

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

MODULO: Circuiti elettrici in corrente alternata

MODULO: Circuiti elettrici in corrente alternata Università di Modena e Reggio E. Scuola di Specializzazione per l nsegnamento Secondario cl. A03 ciclo MODULO: Circuiti elettrici in corrente alternata Unità d apprendimento 3: Rappresentazione di grandezze

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

MACCHINE SINCRONE: POTENZA COMPLESSA, COPPIA ED ANGOLO DI CARICO 1

MACCHINE SINCRONE: POTENZA COMPLESSA, COPPIA ED ANGOLO DI CARICO 1 Zeno Martini (admin) MACCHINE SINCRONE: POTENZA COMPLESSA, COPPIA ED ANGOLO DI CARICO 9 May 2014 Abstract La macchina sincrona è completamente reversibile e può funzionare sia come generatore che come

Dettagli

TEORIA dei CIRCUITI Ingegneria dell Informazione

TEORIA dei CIRCUITI Ingegneria dell Informazione TORA dei CRCUT ngegneria dell nformaione SSTM TRFAS Stefano astore Dipartimento di ngegneria e Architettura Corso di Teoria dei Circuiti (05N) a.a. 0-4 Generatore trifase Un generatore trifase equilibrato

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE MACCHINA ASINCRONA TRIFASE E una macchina elettrica rotante. Si chiama asincrona perché il rotore ruota ad una velocità diversa dal campo rotante. STRUTTURA. La struttura è la stessa di quella analizzata

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Parte b Bipoli elettrici - potenza entrante Tensione e corrente su di un bipolo si possono misurare secondo la convenzione

Dettagli

Capitolo 7 Istruzioni

Capitolo 7 Istruzioni Capitolo 7 Istruzioni Il Capitolo 7 affronta tutti gli aspetti importanti della potenza elettrica. Lo studio del capitolo 7 può seguire immediatamente quello del capitolo 4 o come parte di un successivo

Dettagli

Esercizi svolti di Elettrotecnica

Esercizi svolti di Elettrotecnica Marco Gilli Dipartimento di Elettronica Politecnico di Torino Esercizi svolti di Elettrotecnica Politecnico di Torino TOINO Maggio 2003 Indice Leggi di Kirchhoff 5 2 Legge di Ohm e partitori 5 3 esistenze

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

METODO PER LA DESCRIZIONE DEL CAMPO MAGNETICO ROTANTE

METODO PER LA DESCRIZIONE DEL CAMPO MAGNETICO ROTANTE Ing. ENRICO BIAGI Docente di Tecnologie elettrice, Disegno, Progettazione ITIS A. Volta - Perugia ETODO PER LA DESCRIZIONE DEL CAPO AGNETICO ROTANTE Viene illustrato un metodo analitico-grafico per descrivere

Dettagli

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente I Capitoli 3 e 4 sono stati dedicati, ad eccezione del paragrafo sugli induttori accoppiati, esclusivamente all analisi

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD Introduzione alla distribuzione di energia elettrica e ai sistemi trifase Gianluca Susi, PhD Richiami preliminari Alternatore: macchina elettrica rotante basata sul fenomeno dell'induzione elettromagnetica,

Dettagli

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione Generatori di tensione e di corrente 1. La tensione ideale e generatori di corrente Un generatore ideale è quel dispositivo (bipolo) che fornisce una quantità di energia praticamente infinita (generatore

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Nome docente DAGHERO LUIGI Materia insegnata Classe Testo in adozione TECNICA PROFESSIONALE ELETTROTECNICA 4G TECNOLOGIE ELETTRICO ELETTRONICHE E APPLICAZIONI/1-2 ED. Mondadori 1 PIANO di LAVORO Punti

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Il trasformatore è una macchina elettrica statica, il cui

Dettagli

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti.

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti. Premessa Il fattore di potenza, che viene indicato come coseno dell angolo ϕ, viene determinato dalle caratteristiche del carico che si comporta come un assorbitore di energia reattiva, in quadratura con

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Zeno Martini (admin)

Zeno Martini (admin) Zeno Martini (admin) TRE CORTOCIRCUITI IN BASSA TENSIONE 18 October 2009 Generalità L'argomento è un classico degli impianti. Conoscere la corrente di cortocircuito è di fondamentale importanza per il

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

1. Determinare il numero di elettroni necessari per avere le seguenti cariche:

1. Determinare il numero di elettroni necessari per avere le seguenti cariche: 56 1 Modello circuitale Esercizi 1. Determinare il numero di elettroni necessari per avere le seguenti cariche: a) Q = 1.6 µc. b) Q = 4.8 x 10 15 C. c) Q = 10 pc. 2. Se un filo conduttore è attraversato

Dettagli

Modulo N.4 di recupero relativo al sistema trifase N.4

Modulo N.4 di recupero relativo al sistema trifase N.4 I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA COMPT PE LE VCNZE ESTVE D TEE CLSSE 4P.S. 2014-15 Per tutta la classe: l rientro verranno controllati e valutati i quaderni, saranno considerati sufficienti i lavori con almeno 15 esercizi svolti. Per

Dettagli

stabilità BIBO La stabilità di tipo BIBO di un sistema LTI impone che la risposta all impulso h(n) sia sommabile in modulo, vale a dire:

stabilità BIBO La stabilità di tipo BIBO di un sistema LTI impone che la risposta all impulso h(n) sia sommabile in modulo, vale a dire: ELABORAZIONE NUMERICA DEI SEGNALI AA. 2007-2008 sistemi LTI e trasformata eta Francesca Gasparini http://www.ivl.disco.unimib.it/teaching.html errore nelle slide della settimana scorsa!!!! R ( )... ( M

Dettagli

Esercizio no.2 Un carico trifase, costituito da tre resistenza collegate a stella di valore ciascuna 4Ω viene alimentato da un sistema trifase

Esercizio no.2 Un carico trifase, costituito da tre resistenza collegate a stella di valore ciascuna 4Ω viene alimentato da un sistema trifase Sistemi trifase: Esercizio no.1 Un carico trifase, costituito da tre resistenza collegate a triangolo di valore ciascuna 8Ω è alimentato con tensioni concatenate di valore VL=220V. Trovare le correnti

Dettagli

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare Cap.4 giroscopio, magnetismo e forza di Lorentz teoria del giroscopio Abbiamo finora preso in considerazione le condizionidi equilibrio

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI CLASSE 3 A sez. 3CI MATERIA: Elettrotecnica, laboratorio 1. Contenuti del corso DOCENTI: SILVANO Stefano FERRARO Silvano Unità didattica 1: Gli strumenti di misura Il concetto di misura, errori di misura

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI 1) Determinare il dominio delle seguenti funzioni di variabile reale: (a) f(x) = x 4 (c) f(x) = 4 x x + (b) f(x) = log( x + x) (d) f(x) = 1 4 x 5 x + 6 ) Data la funzione

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Collegamento a terra degli impianti elettrici

Collegamento a terra degli impianti elettrici Collegamento a terra degli impianti elettrici E noto che il passaggio di corrente nel corpo umano provoca dei danni che possono essere irreversibili se il contatto dura troppo a lungo. Studi medici approfonditi

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA LIBRETTO DELLE LEZIONI DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

One-Way Quantum Computer

One-Way Quantum Computer One-Way Quantum Computer June 6, 009 Esistono vari modelli di computaione quantistica che risultano equivalenti dal punto di vista formale, cioè in grado di implementare gli stessi algoritmi quantistici,

Dettagli

Equazioni fondamentali (nel dominio dei tempi)

Equazioni fondamentali (nel dominio dei tempi) Equazioni fondamentali (nel dominio dei tempi) Equazioni di Maxwell: b e = - t d h = j + t d = ρ b = 0 j = j + j c Eq. di continuità: Legge del trasporto: ρ j+ = 0 jc = σ e t i Relazioni i costitutive

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Segnali e Sistemi. Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici. Gianni Borghesan e Giovanni Marro

Segnali e Sistemi. Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici. Gianni Borghesan e Giovanni Marro Segnali e Sistemi Dispensa integrativa per l insegnamento di Elementi di Controlli Automatici Gianni Borghesan e Giovanni Marro Indice Introduzione 2. Notazione............................. 2 2 Classificazione

Dettagli

DINAMICA DEGLI INQUINANTI A.A. 2012 2013 TRASPORTO DEI CONTAMINANTI NEL MEZZO INSATURO PROF. RENATO BACIOCCHI

DINAMICA DEGLI INQUINANTI A.A. 2012 2013 TRASPORTO DEI CONTAMINANTI NEL MEZZO INSATURO PROF. RENATO BACIOCCHI DINAMICA DEGLI INQUINANTI A.A. 2012 2013 TRASPORTO DEI CONTAMINANTI NEL MEZZO INSATURO PROF. RENATO BACIOCCHI SUOLO (Zona Satura e Insatura) Energia e moti di filtraione I moti di filtraione si verificano

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Dettagli

Esercitazione n 1: Circuiti di polarizzazione (1/2)

Esercitazione n 1: Circuiti di polarizzazione (1/2) Esercitazione n 1: Circuiti di polarizzazione (1/2) 1) Per il circuito in Fig. 1 determinare il valore delle resistenze R B ed R C affinché: = 3 ma - V CE = 7 V. Siano noti: = 15 V; β = 120; V BE = 0,7

Dettagli

LEZIONE DI ELETTRONICA per la classe 5 TIM/TSE

LEZIONE DI ELETTRONICA per la classe 5 TIM/TSE LEZIONE DI ELETTRONICA per la classe 5 TIM/TSE MODULO : Analisi dei circuiti lineari in regime sinusoidale PREMESSA L analisi dei sistemi elettrici lineari, in regime sinusoidale, consente di determinare

Dettagli

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE F. e. m. indotte dal campo rotante negli avvolgimenti di statore e rotore. Scorrimento. Le linee di induzione del campo rotante che attraversano

Dettagli

Calcolo del rifasamento

Calcolo del rifasamento Rifasamento Dato un sistema (mono/trifase) avente potenza attiva P, con un certo f.d.p. e alimentato con una tensione concatenata V, si può osservare che: fissata la potenza attiva P, la potenza apparente

Dettagli

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi

Dettagli