IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE"

Transcript

1 IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE

2 LA RIVELAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE Lo scopo che si prefigge la rivelazione automatica degli incendi è quello di segnalare, il più precocemente possibile, lo svilupparsi di un incendio. La metodologia da applicare, unitamente alle scelte progettuali, sono strettamente connesse alle aspettative fisiche del fenomeno combustivo e alle caratteristiche ambientali delle aree da proteggere ; entrambe costituiscono elementi determinanti per il conseguimento del migliore risultato.

3 PROGRESSIONE STANDARD DI UN INCENDIO PRODOTTI NON VISIBILI DI COMBUSTIONE FUMO VISIBILE FUMO VISIBILE FIAMMA CALORE TEMPO

4 COSTI = K (t. intervento) (t.. di rivelazione) TEMPO

5 RIVELATORI DI INCENDIO: RIVELATORI DI FUMO RIVELATORI DI CALORE RIVELATORI DI FIAMMA

6 RIVELATORI DI FUMO RIV. FOTOELETTRONICI (ottici) : RIFLESSIONE DI LUCE (effetto Tyndal) OSCURAMENTO (rivelatori Lineari o a Barriera) RIV.IONICI (camera di ionizzazione)

7 RIVELATORI A RIFLESSIONE DI LUCE La riflessione/diffusione della luce (effetto Tyndall) è generalmente utilizzata nei rivelatori puntiformi. trappola ottica fonte luminosa infrarossa campo di visibilità del fotodiodo fotodiodo 0 volts

8 Riflessione/diffusione della Luce Attraversando la camera, il fumo provoca la diffusione della luce. Parte di questa andrà a colpire il fotodiodo generando un segnale. fonte luminosa infrarossa particelle di fumo fotodiodo 6 volts

9 RIVELATORI AD OSCURAMENTO (rivelatori lineari o a barriera) Se il fumo intercetta anche parzialmente il fascio ottico, il segnale elettrico generato da un sensore fotosensibile si modifica generando un segnale di allarme. Fascio di Luce 3v Fonte Luminosa Fotocellula

10 RIVELATORE LINEARE Fino a 100mt di distanza tra trasmettitore e ricevitore Fino a 12mt di distanza tra due barriere attigue Trasmettitore Ricevitore Segnale alla centrale

11 IMPIEGHI E PRESTAZIONI RIVELATORI OTTICI DI FUMO A RIFLESSIONE BASSI COSTI DI GESTIONE E MANUTENZIONE OTTIME SENSIBILITA CON LE TECNOLOGIE ANALOGICHE A MICRO SCARSA SENS. AI FUMI TOTALMENTE NERI NON SENSIBILI AI PRODOTTI NON VISIBILI DI COMBUSTIONE NON IDONEI IN AMBIENTI POLVEROSI

12 RIVELATORI DI FUMO SPECIALI RIVELATORI PER CONDOTTE DI VENTILAZIONE RIVELATORI AD ASPIRAZIONE RIVELATORI PER AMBIENTI POLVEROSI A CAMPIONAMENTO D ARIA FILTRATI(FILTREX) RIVELATORI FOTOOTTICI LASER AD ALTA SENSIBILITA RIVELATORI AD ASPIRAZIONE CON CAMERA DI ANALISI

13 RIVELATORI PER CONDOTTE DI VENTILAZIONE Il rivelatore per condotte è un normale rivelatore fotoelettronico o a ionizzazione alloggiato in uno speciale contenitore atto al montaggio in una condotta per l aria condizionata. I tubi annessi al contenitore permettono il passaggio dell aria dalla condotta all interno del rivelatore, che, in questo modo, può analizzarla. FLUSSO D ARIA CONDOTTA RIVELATORE

14 RIV. OTTICO DI FUMO LASER zona utile di diffusione della luce Coperchio di protezione raggio di luce laser Schermo RF diodo laser trappola per la luce Rete anti-insetti specchio foto-ricevitore

15 RIVELATORI DI TEMPERATURA: RIVELATORI DI MAX TEMPERATURA RIVELATORI TERMOVELOCIMETRICI

16 RIVELATORI TERMICI I rivelatori termici sono i rivelatori più semplici. Reagiscono al calore prodotto dall incendio. 57 o 57 o Allarme! 21 o 21 o

17 RIVELATORI TERMICI A TERMISTORE I termistori sono resistenze a coefficiente termico negativo. La resistenza, o abilità dell elettricità di scorrere attraverso di essi, dipende dalla temperatura. Misurando il flusso di corrente attraverso il termistore, è possibile ottenere l esatta temperatura.

18 Rivelatore termovelocimetrico e di massima temperatura. STRUTTURA DEL RIVELATORE Elemento termistore di riferimento Elemento termistore sensibile direttamente al calore dell ambiente. Schermo di protezione Allarme al raggiungimento della massima temperatura. Allarme per variazioni repentine della temperatura dell ambiente sorvegliato.

19 CAVO TERMOSENSIBILE LINEARE Il termosensore lineare è un cavo a doppio conduttore dotato di un isolamento sensibile alla temperatura, protetto da una speciale treccia esterna o da una guaina in PVC. I cavi con protezione a treccia sono idonei per il maneggiamento e per la loro resistenza ai danni meccanici nelle installazioni normali, mentre i cavi protetti da una guaina in PVC si prestano alle condizioni più pesanti di installazione, specialmente all aperto. Conduttore Acciaio stagnato rivestito in rame Isolamento Termoplastico sensibile alla temperatura Guaina PVC nero o colorato o treccia termoplastica

20 IMPIEGHI E PRESTAZIONI: RIVELATORI TERMICI DI MAX TEMPERATURA INSENSIBILI A POLVERE, VENTO, UMIDITA TEMPI DI RISPOSTA DIPENDENTI DALLA Q.TA DI CALORE NON IDONEI IN AMBIENTI ALTI BASSA SUPERFICIE COPERTA RIVELATORI TERMOVELOCIMETRICI RISPOSTA PIU VELOCE IN PRESENZA DI FIAMMA INSENSIBILI A POLVERE, VENTO, UMIDITA NON IDONEI IN AMBIENTI ALTI INSTABILI IN AMBIENTI CON NATURALI ESCURSIONI TERMICHE(centrali termiche,sottotetti con cupolini plexiglas..) BASSA SUPERFICIE COPERTA

21 RIVELATORI COMBINATI OTTICO - TERMICO DUE Rivelatori in UNO (ottico, & termico) Microprocessore integrato per elaborazione segnale e capacità decisionale I vantaggi di 2 rivelatori in uno. Può essere installato insieme ad altri rivelatori analogici

22 RIVELATORI DI FIAMMA: RIVELATORI DI FIAMMA SENSIBILI AGLI INFRAROSSI (IR) RIVELATORI DI FIAMMA SENSIBILI AGLI ULTRAVIOLETTI (UV) RIVELATORI DI FIAMMA COMBINATI (UV-IR) RIVELATORI DI SCINTILLA

23 RIVELATORE DI FIAMMA 90 Componenti della fiamma: Radiazione IR Radiazione UV Frequenza di oscillazione Campo di Visione

24 RIVELATORE DI SCINTILLA CONDOTTE DI ASPIRAZIONE E DI TRASPORTO DEL PRODOTTO(Cotone, Segatura,fibra ecc.) SILOS Rivelatori di scintilla AREE DI LAVORAZIONE LAVORANO SOLO IN ASSENZA DI LUMINOSITA AMBIENTALE

25 Scelta del rivelatore Se prevediamo, in funzione dei materiali presenti, uno sviluppo LENTO del principio di incendio (fumo, poca convezione, poco calore), il rivelatore più adatto sarà quello di FUMO. Se invece si prevede che il principio di incendio sia RAPIDO (irraggiamento di I.R., U.V., calore, ecc.), ilrivelatore più adatto sarà di tipo TERMICO o di FIAMMA

26 SCELTA DEI RIVELATORI RIV.FUMO FOTOELETTRONICI LASER RIV.FUMO FOTOELETTRONICI RIV. AD ASPIRAZIONE CON CAMERA DI ANALISI RIV.TEMPERATURA RIV.FIAMMA RIV.COMBINATI

27 RILEVAZIONE DELL EVENTO FISICO FUMO vapori e/o gas CALORE avvistamento diretto FIAMMA ottico termovel. termostat. ultra- violetto infra- rosso diffusione combinati pulsante emergenza combinati assorbimento riv.. gas combinati

28 LA SCELTA DEI RIVELATORI DIPENDE DA: CLASSE DI PROTEZIONE O TIPOLOGIA DEGLI OBBIETTIVI ALTEZZA DEGLI AMBIENTI INFLUENZE AMBIENTALI

29 Fuoco Aperto h1 Fuoco Covante h2 5 m FUOCHI APERTI FUOCHI COVANTI

30 Altezza del locale (mt) Riv.termi co Rivelatore di fumo ottico Rivelatore di fumo lineare Rivelatore di fiamma <6 Fuoco aperto Fuoco covante 6-12 Fuoco aperto Fuoco covante ο ο ο ο ο ο ο > 12 Fuoco aperto Fuoco covante ο ο ο ο raccomandato ο di impiego da valutare anche in combinazione con altri rivelatori sconsigliato

31 ELEMENTI CHE INFLUENZANO E CONDIZIONANO LA SCELTA DEL RIVELATORE E LA SUA EFFICACIA polverosità ambientale (industrie del legno, cavedi, ) presenza di fumi di lavorazioni, aerosol artificiali o vapori temperatura ambiente e sue escursioni umidità vento presenza di vapori o gas corrosivi grado di protezione IP richiesto vibrazioni, urti ( pavimenti flottanti ) disturbi elettromagneti, campi elettrici( sale trasformatori..) classificazione dell area (eexd.) accesso per la manutenzione(controsoffitti inaccessibili..)

32 LA CENTRALE ANTINCENDIO

33 LA CENTRALE ANTINCENDIO Allarme Incendio Tot.All.:1 di 1 Zona Archivio 3 piano Stanza 23 per dettagli premere: \ Allarmi / Guasti / Guasti sistema / Test /

34 VIDEO GRAFICO

35 CENTRALE DI SUPERVISIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 Aggiornamenti sulla normativa e casi pratici

Dettagli

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione)

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti: La protezione contro i contatti diretti ed indiretti degli apparecchi elettrici ed elettronici presenti nell impianto e dei rispettivi

Dettagli

Progettare impianti di rivelazione incendi

Progettare impianti di rivelazione incendi Progettare impianti di rivelazione incendi 1 Agenda Criteri di scelta dei rilevatori in base all ambiente Tecnologie disponibili La norma UNI9795 Quesiti e dibattito 2 Criteri di scelta dei rilevatori

Dettagli

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI franco zecchini (iosolo35) UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI 17 February 2015 In questo articolo tratterò un tema molto importante e tante volte preso, da parte di progettisti ed installatori un po sottogamba,

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE ED ALLARME INCENDIO

IMPIANTI DI RIVELAZIONE ED ALLARME INCENDIO Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento IMPIANTI DI RIVELAZIONE ED ALLARME INCENDIO Docente n.marotta@ing.unipi.it Esigenza 2 Rilevazione

Dettagli

Corso di aggiornamento Sulla domotica

Corso di aggiornamento Sulla domotica Corso di aggiornamento Sulla domotica 2) SENSORI marcello.ferri@tiscalinet.it GLI ARGOMENTI DI OGGI Commenti sulla lezione precedente Panoramica su Sensori, Rivelatori e Attuatori Caratteristiche generali

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o.

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o. L.16 IMPIANTO DI RILEVAZIONE INCENDI L.16.10 IMPIANTI A ZONE L.16.10.10 Centrale convenzionale di segnalazione automatica di incendio, per impianti a zone, centrale a microprocessore, tastiera di programmazione

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI 9795

LA NUOVA NORMA UNI 9795 Le modifiche Le novità Inserimento di nuovi riferimenti normativi Inserimento della UNI 7546-16 per segnalazione dei pulsanti (cartelli indicatori) Inserimento ISO 6790 per simbologia da utilizzare nei

Dettagli

SGL-Ex NOTIFIER ITALIA. Rilevatore ottico di fumo a sicurezza intrinseca. Manuale di istallazione e uso. a Pittway Company. Documento: M-670.

SGL-Ex NOTIFIER ITALIA. Rilevatore ottico di fumo a sicurezza intrinseca. Manuale di istallazione e uso. a Pittway Company. Documento: M-670. Documento: M70.1SGLITA Edizione: 10/1998 Rev. : B.1 Rilevatore ottico di fumo a sicurezza intrinseca SGLEx Manuale di istallazione e uso NOTIFIER ITALIA a Pittway Company INDICE Scopo 1 Costruzione 1 Funzionamento

Dettagli

Ing. Lorenzo Rossi 1

Ing. Lorenzo Rossi 1 Ing. Lorenzo Rossi 1 Un impianto di rilevazione incendio ha la funzione di rilevare precocemente l innesco di un incendio per permettere alla squadra di emergenza o ai vigili del fuoco di intervenire in

Dettagli

Rivelazione Antincendio in applicazioni critiche

Rivelazione Antincendio in applicazioni critiche Strutture edilizie soggette a dilatazione e movimenti Rivelazione di fumo ad aspirazione equivalente puntiforme Rivelazione di temperatura lineare Tecnologie e casistiche applicate La rivelazione in presenza

Dettagli

Rivelazione fumo ad aspirazione ASD 535

Rivelazione fumo ad aspirazione ASD 535 Rivelazione fumo ad aspirazione ASD 535 Presentazione Caratteristiche di rivelazione Sensibilità dei vari rivelatori di incendio SecuriSens SecuriSens Rivelatore termico lineare e a termosensori Rivelatore

Dettagli

01 - CENTRALI ANTINCENDIO

01 - CENTRALI ANTINCENDIO 01 - CENTRALI ANTINCENDIO CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE 2 LOOP Centrale antincendio a microprocessore 2 zone non espandibile. Uscite programmabili: 2 uscite supervisionate per sirene, 2 uscite relè

Dettagli

Descrizione generale del prodotto

Descrizione generale del prodotto Descrizione generale del prodotto Tipologia : sistema antincendio filare Descrizione generale: I nuovi rilevatori lineari di fumo sono particolarmente idonei a soddisfare le applicazioni nel campo delle

Dettagli

Guida rapida alla selezione Periferiche LSN per sistemi di rivelazione incendio

Guida rapida alla selezione Periferiche LSN per sistemi di rivelazione incendio Local SecurityNetwork Cablaggio semplice di autoconfigurazione (modalità di apprendimento automatico) Programmazione di tutte le configurazioni del dispositivo dalla centrale Struttura di rete flessibile

Dettagli

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di CONVEGNO ZENITAL FORUM ANTINCENDIO 2011 Milano, 26 ottobre 2011 Ing. Maurizio D Addato Si riportano le principali: Norme EN54 PUBBLICATE ED ARMONIZZATE UNI EN 54 1 Sistemi di rivelazione e di segnalazione

Dettagli

CONVENZIONALE >ANTINCENDIO SISTEMA C400 ANTINCENDIO

CONVENZIONALE >ANTINCENDIO SISTEMA C400 ANTINCENDIO ANTINCENDIO >ANTINCENDIO CONVENZIONALE SISTEMA C400 ANTINCENDIO EFFICACE E MODULARE L antincendio Elkron protegge la tua azienda e cresce insieme a lei La gamma antincendio convenzionale Elkron è flessibile

Dettagli

Sistemi convenzionali

Sistemi convenzionali Centrali Serie Firedex Semplicità di installazione e di utilizzo Versioni da 2, 4 e 8 zone Funzione walk test per il collaudo del sistema Relè allarme/guasto programmabili EN54-2 EN54-4 I sistemi convenzionali

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

UNI 9795 GENNAIO 2010

UNI 9795 GENNAIO 2010 UNI 9795 GENNAIO 2010 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2) RIFERIMENTI NORMATIVI 3) TERMINI E DEFINIZIONI 4) CARATTERISTICHE DEI SISTEMI 5) PROGETTAZIONE E INSTALLAZIONE SISTEMI AUTOMATICI 6) PROGETTAZIONE

Dettagli

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello SEMINARIO TECNICO Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14 Ing. Sergio Sanfratello Scopo e campo di applicazione La presente Norma descrive

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo La Norma Tecnica impiantistica UNI 9795: 2010 per realizzare un Impianto secondo la Regola dell Arte M. Damoli 1 Norma UNI 9795 NORMA ITALIANA Gennaio 2010 TITOLO: Sistemi Fissi Automatici di Rivelazione

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Elettronica 3B. Antincendio. Listino 2102 PRODOTTI AZIENDE TRATTATE CENTRALI ANTINCENDIO SENSORI ANTINCENDIO SEGNALATORI INCENDIO

Elettronica 3B. Antincendio. Listino 2102 PRODOTTI AZIENDE TRATTATE CENTRALI ANTINCENDIO SENSORI ANTINCENDIO SEGNALATORI INCENDIO Elettronica 3B Antincendio AZIENDE TRATTATE INTERNATIONAL ARGUS VENITEM ITC BELDEN PRODOTTI CENTRALI ANTINCENDIO SENSORI ANTINCENDIO SEGNALATORI INCENDIO Listino 2102 CENTRALI ANTINCENDIO CENTRALE ANTINCENDIO

Dettagli

CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI (EN 54)

CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI (EN 54) CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI (EN 54) BEN J408-2 Centrale segnalazione incendio a 2 linee bilanciate ed escludibili. Possibilità di collegare fino a 21 dispositivi ad ogni zona: rivelatori

Dettagli

Rivelazione Incendio. Le nuove espressioni della tecnologia avanzata nella rivelazione automatica di incendio. Alfonso Nociti esperto antincendio

Rivelazione Incendio. Le nuove espressioni della tecnologia avanzata nella rivelazione automatica di incendio. Alfonso Nociti esperto antincendio Rivelazione Incendio Le nuove espressioni della tecnologia avanzata nella rivelazione automatica di incendio Alfonso Nociti esperto antincendio Tipologie di Sistema Sistema di tipo: - Convenzionale - Convenzionale

Dettagli

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio -

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - 18 Novembre 2014 1 Seminario Criteri di scelta tecnico dei Rivelazione rilevatori Incendio - Spunto di riflessione nella

Dettagli

ASD 535 Rivelazione fumi ad aspirazione. Presentazione

ASD 535 Rivelazione fumi ad aspirazione. Presentazione ASD 535 Rivelazione fumi ad aspirazione Caratteristiche di rivelazione Condotte di aspirazione Fori di aspirazione Fori di aspirazione Caratteristiche di rivelazione Sensibilità dei vari rivelatori di

Dettagli

OOH740, OOHC740. Rivelatori automatici d'incendio

OOH740, OOHC740. Rivelatori automatici d'incendio OOH740, OOHC740 Cerberus PRO Rivelatori automatici d'incendio ASAtechnology TM Per il bus di rivelazione CNET indirizzabile automaticamente Elaborazione del segnale con ASAtechnology TM Comportamento alla

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Andrea Natale Roma, 16 giugno 2010 0 Il contesto normativo internazionale CEI (Italia) UNI (Italia) CENELEC

Dettagli

GUARD, Centralina 2 Zone Rivelazione, 1 Zona Spegnimento

GUARD, Centralina 2 Zone Rivelazione, 1 Zona Spegnimento GUARD, Centralina 2 Zone Rivelazione, 1 Zona Spegnimento 701 Convenzionale a 2 Zone non espandibile, in grado di comandare un canale di spegnimento a gas (optional 701_1). Ciascuna linea permette il collegamento

Dettagli

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici Cavi bassa tensione Cavo FG7R / FG7OR 0,6/1kV Cavi per energia e segnalazioni flessibili per posa fissa, isolati in HEPR di qualità G7, non propaganti l incendio

Dettagli

PROTEZIONE DELLA VISTA E DEL CAPO

PROTEZIONE DELLA VISTA E DEL CAPO NORME EUROPEE PER LA PROTEZIONE DELLA VISTA Norme principali Norme per tipologia di filtro (lenti) Saldatura EN116 Requisiti di base EN169 Filtri per saldatura EN175 Dispositivi per la protezione degli

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari FORUM di PREVENZIONE INCENDI - Milano, 19 ottobre 2010 - Andrea Natale 0 Il contesto normativo internazionale

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio Attiva Passiva PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità delle strutture portanti per

Dettagli

Introduzione. [Antifurto WIRELESS per cantiere] Edilsecurity

Introduzione. [Antifurto WIRELESS per cantiere] Edilsecurity [Antifurto WIRELESS per cantiere] Introduzione Edilsecurity L antifurto EDILSECURITY è progettato e costruito specificatamente per la protezione in ambiente pesante, trovando applicazione nei ponteggi

Dettagli

CODICI COrSa 300 mm COrSa 500 mm COrSa 700 mm COrSa 1000 mm 40083L 40085N 40087P 40090K

CODICI COrSa 300 mm COrSa 500 mm COrSa 700 mm COrSa 1000 mm 40083L 40085N 40087P 40090K CIlINDrI PNeuMatICI Sistemi pneumatici per evacuazione fumo e calore Costruiti con materiali resistenti alla corrosione e caratterizzati da un elevato rendimento ottenuto grazie al minimo attrito generato

Dettagli

RIVELATORI OTTICI LINEARI DI FUMO SERIE RK GUIDA ALL'INSTALLAZIONE

RIVELATORI OTTICI LINEARI DI FUMO SERIE RK GUIDA ALL'INSTALLAZIONE RIVELATORI OTTICI LINEARI DI FUMO SERIE R GUIDA ALL'INSTALLAZIONE EDS srl - ELECTRONIC DETECTION SYSTEMS Via Cà Nova Zampieri 6 37057 - S. G. Lupatoto - Verona tel. +39 045 547529 - fax. +39 045 8750065

Dettagli

Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling

Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling CAVI CMANDI E SEGNALAMENT F-300/500V CAVI PE CMANDI E SEGNALAMENT ISLATI E GUAINATI IN PVC NPI 2x0,50 5,8 2x1,00 6,6 3x0,50 6 3x1,00

Dettagli

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Migliora il tuo ambiente di lavoro! Un ambiente di lavoro libero da fumi, polveri e particelle nocive è un bene sotto molti aspetti. Le condizioni

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

CATALISTINO SETTEMBRE 2015 BARRIERE IR PER ESTERNO

CATALISTINO SETTEMBRE 2015 BARRIERE IR PER ESTERNO CATALISTINO SETTEMBRE 2015 BARRIERE IR PER ESTERNO I loghi e i marchi presenti, sono utilizzati a puro scopo dimostrativo ed appartengono ai legittimi proprietari. BARRIERE PER LA PROTEZIONE DI PORTE

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI (SpCat 1) ZONA MUSEO PIANO SECONDO (Cat 1) PIANO SECONDO SERRANDE TAGLIAFUOCO (SbCat 1)

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI (SpCat 1) ZONA MUSEO PIANO SECONDO (Cat 1) PIANO SECONDO SERRANDE TAGLIAFUOCO (SbCat 1) pag. 2 Num.Ord. unità di Quantità misura unitario LAVORI A CORPO IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI (SpCat 1) ZONA MUSEO PIANO SECONDO (Cat 1) PIANO SECONDO SERRANDE TAGLIAFUOCO (SbCat 1) 1 / 1 Modulo di comando

Dettagli

Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop)

Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop) Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop) In questi impianti la linea bifilare che parte dalla centrale di controllo non termina con la resistenza di fine linea, ma si richiude sulla

Dettagli

Sistemi Rilevazione Incendio

Sistemi Rilevazione Incendio stemi Rilevazione Incendio stemi antincendio convenzionali - pag. 32 stemi antincendio analogici indirizzati - pag. 36 Organi di segnalazione - pag. 41 Rilevatore termico lineare - pag. 43 stemi ad aspirazione

Dettagli

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44 s 7 682.1 INTELLIGAS Sistema di rivelazione fughe gas per centrali termiche QA..13/A QA..13/A Sistema elettronico per la rivelazione di fughe gas per una o più sonde per il comando di una elettrovalvola

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Sistemi ad aspirazione Inim

Sistemi ad aspirazione Inim I sistemi ad aspirazione Stratos sono grado di controllare tratte di tubo di campionamento con metrature variabili da 50 mt. A 100 mt a seconda del modello e delle sensibilità che si vogliono ottenere

Dettagli

DaiGate R I C E V I T O R E I N T E R F A C C I A R A D I O P E R S I S T E M I F I L A R I

DaiGate R I C E V I T O R E I N T E R F A C C I A R A D I O P E R S I S T E M I F I L A R I R I C E V I T O R E I N T E R F A C C I A R A D I O P E R S I S T E M I F I L A R I Versione 1 - In vigore da APRILE 2010 RICEVITORE INTERFACCIA RADIO PER SISTEMI FILARI comandare comandare Tastiere di

Dettagli

Sistemi di Rivelazione Incendio La norma UNI 9795:2013

Sistemi di Rivelazione Incendio La norma UNI 9795:2013 Sistemi di Rivelazione Incendio La norma UNI 9795:2013 Novembre 2013 2012 Eaton Corporation. All rights reserved. LA NORMA UNI 9795 NORME DI RIFERIMENTO COMPONENTI DEL SISTEMA SORVEGLIANZA POSIZIONAMENTO

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

TERMOGRAFIA. FLIR Systems

TERMOGRAFIA. FLIR Systems TERMOGRAFIA Un controllo ad infrarossi dedicato all impianto elettrico consente di identificare le anomalie causate dall azione tra corrente e resistenza. La presenza di un punto caldo all interno di un

Dettagli

Tedesco per la Tecnica delle Costruzioni. TROX Italia S.p.A. Telefono 02-98 29 741 Telefax 02-98 29 74 60

Tedesco per la Tecnica delle Costruzioni. TROX Italia S.p.A. Telefono 02-98 29 741 Telefax 02-98 29 74 60 /./I/ Rivelatore di fumo Typo RM-O-VS-D con sensore di portata per il controllo delle serrande tagliafuoco e tagliafumo Omologato dall Istituto Tedesco per la Tecnica delle Costruzioni Z-78.-7 TROX Italia

Dettagli

TIPOLOGIA PAGINA AUTOMAZIONE

TIPOLOGIA PAGINA AUTOMAZIONE TIPOLOGIA AUTOMAZIONE Presa intelligente GSM Sensori automazione porte CONTROLLO ACCESSI Controllo accessi Controllo accessi con memoria eventi ANTINTRUSIONE Centrali via cavo Ricevitori e periferiche

Dettagli

Rivelatore d'incendio automatico serie 420 Rivelazione intelligente. Protezione di altissimo livello.

Rivelatore d'incendio automatico serie 420 Rivelazione intelligente. Protezione di altissimo livello. Precisione imbattibile con tecnologia a doppio raggio Rivelatore d'incendio automatico serie 420 Rivelazione intelligente. Protezione di altissimo livello. 2 Rivelatore d'incendio automatico serie 420

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari

Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari Sistemi di Rivelazione Incendio Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari Area di monitoraggio estesa Trasmettitore, ricevitore e unità di valutazione integrati

Dettagli

Linea antincendio wireless Dispositivi via radio per la rivelazione incendio

Linea antincendio wireless Dispositivi via radio per la rivelazione incendio Linea antincendio wireless Dispositivi via radio per la rivelazione incendio elmospa.com Global security solutions Rivelazione incendio via radio C on la nuova linea di dispositivi wireless, EL.MO. offre

Dettagli

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA Spettro elettromagnetico Radiazioni termiche: microonde infrarossi Radiazioni ionizzanti: ultravioletti raggi X raggi gamma pag.1 Spettro elettromagnetico (fermi)

Dettagli

AREA LAVORI PUBBLICI Servizio Edilizia Pubblica 22/12/2014 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO

AREA LAVORI PUBBLICI Servizio Edilizia Pubblica 22/12/2014 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO Q.01.01.01 Edile Impianti 1 a lotto assistenza impianti Totale 1 457,00 457,00 Q.02.010.05 CANALE PLASTICO 2 b oltre 500 fino a 1500 mm.q Calate all'interno dei mobili 6*5+3+3+3+3+15 57,00 Calate pannelli

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER CENTRALI A BIOMASSA CON RETI DI TELERISCALDAMENTO. Loris Meneghini perito industriale in Vicenza

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER CENTRALI A BIOMASSA CON RETI DI TELERISCALDAMENTO. Loris Meneghini perito industriale in Vicenza CRITERI DI PROGETTAZIONE PER CENTRALI A BIOMASSA CON RETI DI TELERISCALDAMENTO Loris Meneghini perito industriale in Vicenza ENERGIA CHIMICA COMBUSTIONE CAMBIAMENTO DI STATO ENERGIA TERMICA FORME (COMBUSTIBILI)

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Sonde di rilevazione gas serie UR20S

Sonde di rilevazione gas serie UR20S Sonde di rilevazione gas serie UR20S Caratteristiche principali - Tre modelli per Metano, Gpl e Monossido di Carbonio. - Logica proporzionale o a soglie. - Uscita analogica 4 20 ma - Protezione IP55 -

Dettagli

UNI 9795-2013 COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI. Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli

UNI 9795-2013 COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI. Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 Le normative nei sistemi di rivelazione incendi Progettazione secondo la norma

Dettagli

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014 24807470/12-11-2014 Manuale di posa e installazione 1. CARATTERISTICHE Ogni singolo fascio è formato da due raggi paralleli distanti 4 cm, questo sistema consente di eliminare tutti i falsi allarmi dovuti

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

Dettagli

L incendio Incendio a bordo 1 La normativa nel campo marittimo cura, in particolar modo, tutto quanto può essere connesso con il sinistro marittimo più frequente: l incendio a bordo. Sono previsti, nella

Dettagli

LISTINO UNITEK ITALIA

LISTINO UNITEK ITALIA LISTINO UNITEK ITALIA Ed. 01/2011 CODICE ANTIFURTO CONTATTI MAGNETICI DA INCASSO UTKCI01 Contatto magnetico da incasso plastico - IMQ 1 Livello 10 3,90 UTKCI01C1 Contatto magnetico da incasso plastico

Dettagli

Installare senza inibizioni

Installare senza inibizioni Installare senza inibizioni Caratteristiche Comuni Tecnologia XD Logica a tripla rilevazione La rilevazione della presenza umana è basata sull analisi avanzata della sequenza di attivazione del sensore

Dettagli

Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO

Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO La norma UNI 9795 regola i criteri per la realizzazione di impianti fissi automatici di rilevazione e segnalazione di incendio

Dettagli

E-WALL. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 1.

E-WALL. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 1. E-WALL SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO Manuale di installazione ed uso Versione 1.0 Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI 1 ALLA A.S.P. DI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Per il tramite del SUAP del Comune di SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Ditta

Dettagli

Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione di allarme antincendio secondo UNI 9795:2010

Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione di allarme antincendio secondo UNI 9795:2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione di allarme antincendio secondo UNI 9795:2010 EDIFICIO INDIRIZZO DESCRIZIONE COMMITTENTE INDIRIZZO Istituto Mario Rossi via Verdi, 3 - Milano Centro

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

IL MICROCLIMA DEL MUSEO E IL MONITORAGGIO DELL AMBIENTE

IL MICROCLIMA DEL MUSEO E IL MONITORAGGIO DELL AMBIENTE IL MICROCLIMA DEL MUSEO E IL MONITORAGGIO DELL AMBIENTE A cura di: Paolo Mandrioli Paola De Nuntiis Chiara Guaraldi ISAC, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna La conservazione preventiva nei musei:

Dettagli

BARRIERA PERIMETRALE AD INFRAROSSI DOPPIA OTTICA

BARRIERA PERIMETRALE AD INFRAROSSI DOPPIA OTTICA BARRIERA PERIMETRALE AD INFRAROSSI DOPPIA OTTICA Indice 1 ELENCO COMPONENTI PRINCIPALI Pag. 3 2 CONSIGLI INSTALLATIVI Pag. 5 3 INSTALLAZIONE Pag. 6 MONTAGGIO A MURO Pag. 6 MONSTAGGIO A PALO Pag. 6 4 CONNESSIONI

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

RIVELATORE PER ESTERNI A DOPPIA TECNOLOGIA

RIVELATORE PER ESTERNI A DOPPIA TECNOLOGIA RIVELATORE PER ESTERNI A DOPPIA TECNOLOGIA RIVELATORE PER ESTERNI A DOPPIA TECNOLOGIA Duplex, il nuovo rivelatore a doppia tecnologia rappresenta la soluzione ideale per la protezione degli ambienti esterni,

Dettagli

ISTITUTO DI SICUREZZA

ISTITUTO DI SICUREZZA ISTITUTO DI SICUREZZA Impianti automatici di rivelazione d incendio Documento sulla sicurezza 1806-00.i precedentemente Foglio SPI AE 8 Pagina Introduzione 2 1 Considerazioni generali 1.1 Terminologia

Dettagli

ISTITUTO DI SICUREZZA

ISTITUTO DI SICUREZZA ISTITUTO DI SICUREZZA Dispositivi per l interruzione della corrente di sovraintensità Documento sulla sicurezza 1416-00.i precedentemente Foglio SPI EL Pagina Introduzione 1 Generalità 1.1 Compito dei

Dettagli

Serie HX. Doppi rivelatori passivi d infrarossi da esterno per fissaggio alto

Serie HX. Doppi rivelatori passivi d infrarossi da esterno per fissaggio alto Doppi rivelatori passivi d infrarossi da esterno per fissaggio alto Serie HX HX-40 HX-80N HX-40: Doppio rivelatore PIR da esterno, m12, ampio angolo 85, 94 zone HX-40AM: versione antimascheramento HX-40DAM:

Dettagli

OPAL OPAL Plus innovativo rilevatore di movimento doppia tecnologia da esterno

OPAL OPAL Plus innovativo rilevatore di movimento doppia tecnologia da esterno OPAL innovativo rilevatore di movimento doppia tecnologia da esterno www.satel-italia.it OPAL OPAL/ massima rilevazione facile da installare e configurare affidabile anti-mascheramento sulla microonda

Dettagli

Rilevatore volumetrico ad infrarossi senza fili

Rilevatore volumetrico ad infrarossi senza fili Rilevatore volumetrico ad infrarossi senza fili EVW / RFW8 / RFI / EVNT 9 0 V 6 7 8.0 m max.. m nom..8 m min. Figura +V Lithium J J J BI STD J 6 MTR 0 MTR Figura SENS RANGE Figura 00 Interlogix B.V. Tutti

Dettagli

Parametri di dimensionamento SENFC

Parametri di dimensionamento SENFC Parametri di dimensionamento SENFC Determinato il gruppo di dimensionamento, è possibile calcolare la Superficie Utile Efficace (SUT), cioè la somma delle superfici utili di apertura degli evacuatori naturali

Dettagli

Termometro ad infrarossi Foglio illustrativo

Termometro ad infrarossi Foglio illustrativo Termometro ad infrarossi Foglio illustrativo INTRODUZIONE Questo termometro permette la misura della temperatura senza contatto, utilizzando la tecnologia ad infrarossi. Potete utilizzarlo per misurare

Dettagli

FIRE Detection System. Sistemi automatici per l avvistamento incendi basati su telecamere a raggi infrarossi

FIRE Detection System. Sistemi automatici per l avvistamento incendi basati su telecamere a raggi infrarossi FIRE Detection System Sistemi automatici per l avvistamento incendi basati su telecamere a raggi infrarossi Il FIRE Detection System Un sistema automatico per l avvistamento di incendi pronto per essere

Dettagli

AE/IRMW RILEVATORE TRIPLA TECNOLOGIA MENU GUIDATO VOCALMENTE GUIDA ALLA INSTALLAZIONE. Marchiatura CE in accordo alla direttiva 99/5/CE

AE/IRMW RILEVATORE TRIPLA TECNOLOGIA MENU GUIDATO VOCALMENTE GUIDA ALLA INSTALLAZIONE. Marchiatura CE in accordo alla direttiva 99/5/CE AE/IRMW RILEVATORE TRIPLA TECNOLOGIA COMBINATORE Prima TELEFONICO edizione GSM/GPRS MENU GUIDATO VOCALMENTE GUIDA ALLA INSTALLAZIONE Marchiatura CE in accordo alla direttiva 99/5/CE S.p.A. RILEVATORE TRIPLA

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

BARRIERA A INFRAROSSO DOPPIA OTTICA PER PROTEZIONE PERIMETRALE A LUNGA PORTATA. Art. 30008561

BARRIERA A INFRAROSSO DOPPIA OTTICA PER PROTEZIONE PERIMETRALE A LUNGA PORTATA. Art. 30008561 BARRIERA A INFRAROSSO DOPPIA OTTICA PER PROTEZIONE PERIMETRALE A LUNGA PORTATA Art. 30008561 Leggere attentamente il presente manuale prima di utilizzare l'apparecchio e conservarlo per riferimento futuro

Dettagli

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte.

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Indice: 1. Corrente elettrica 2. Radiazione ottica 3. Sostanze pericolose per la salute 4. Protezioni individuali 5. Gestione

Dettagli

CONTROLLO DI FUMO E CALORE : IMPIANTI ENFC - naturali. Ordine degli Ingegneri di Piacenza PARTE PRIMA 15 GIUGNO 2012

CONTROLLO DI FUMO E CALORE : IMPIANTI ENFC - naturali. Ordine degli Ingegneri di Piacenza PARTE PRIMA 15 GIUGNO 2012 Ordine degli Ingegneri di Piacenza CONTROLLO DI FUMO E CALORE : IMPIANTI ENFC - naturali PARTE PRIMA 15 GIUGNO 2012 - - PROGETTAZIONE E INSTALLAZIONE SECONDO LA NORMA 9494-1 Relatore: Ing. LUCIANO SUTTORA

Dettagli

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza...

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... PIRAMID SERIE XL Passive InfraRed And Microwave Intruder Detector L unico rivelatore di movimento progettato e realizzato per

Dettagli