Nell A.A. 2009/10 verrà attivato soltanto il II anno del Corso di Laurea Specialistica in Matematica (Classe 45/S - D.M. 509/99).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nell A.A. 2009/10 verrà attivato soltanto il II anno del Corso di Laurea Specialistica in Matematica (Classe 45/S - D.M. 509/99)."

Transcript

1 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MATEMATICA Classe 45/S delle Laurea Specialistiche in Matematica D.M. 509/99 MANIFESTO DEGLI STUDI PER L ANNO ACCADEMICO 2009/10 1. ASPETTI GENERALI Il Corso di Laurea Specialistica in Matematica mira a fornire una solida formazione in Matematica pura ed applicata che consenta al laureato di esercitare funzioni di elevata responsabilità nella costruzione e nello sviluppo computazionale di modelli matematici di varia natura, in diversi ambiti applicativi scientifici, ambientali, sanitari, industriali, finanziari, nei servizi e nella pubblica amministrazione; nei settori della comunicazione della matematica e della scienza. La durata normale del corso di laurea è di due anni. Uno studente può conseguire la Laurea Specialistica in Matematica dopo aver acquisito 300 crediti in totale. Il credito formativo universitario (CFU) è l unità di misura convenzionale del lavoro di apprendimento necessario allo studente per l espletamento delle attività formative prescritte per il conseguimento del titolo di studio. A un credito corrispondono 25 ore di lavoro di apprendimento, comprensivo di ore di lezione, di esercitazione, di laboratorio, di seminario e di altre attività formative, ivi comprese le ore di studio individuale. Di norma l attività dello studente corrisponde a 60 Crediti Formativi Universitari (CFU) all anno. I 300 CFU necessari per il conseguimento della Laurea Specialistica in Matematica devono essere ottenuti rispettando le tipologie elencate nella successiva Tabella 1LS. Nell A.A. 2009/10 verrà attivato soltanto il II anno del Corso di Laurea Specialistica in Matematica (Classe 45/S - D.M. 509/99). Nell A.A. 2010/11 il Corso di Laurea Specialistica in Matematica (Classe 45/S - D.M. 509/99) verrà disattivato. 2. OBIETTIVO FORMATIVO Il Corso di Laurea Specialistica in Matematica ha come fine quello di preparare laureati che: possiedono una solida e ampia preparazione culturale nell area della matematica; padroneggiano con sicurezza i metodi propri della disciplina; conoscono approfonditamente il metodo scientifico; possiedono avanzate competenze computazionali e informatiche; hanno conoscenze matematiche specialistiche in alcuni settori specifici; sono abituati a ragionare autonomamente e correttamente, e sono in grado di analizzare e risolvere problemi complessi; hanno specifiche capacità per la comunicazione dei problemi e dei metodi della matematica; sono in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell Unione Europea oltre l italiano, con riferimento soprattutto ai lessici tipici della disciplina; hanno capacità relazionali e decisionali, e sono capaci di lavorare con ampia autonomia, anche assumendo responsabilità scientifiche e organizzative. Al fine di perseguire con maggiore profondità alcuni degli obiettivi indicati oppure di ampliare particolarmente la conoscenza di alcuni settori disciplinari, o attività professionalizzanti, si suggeriscono allo studente i seguenti quattro percorsi, ipotizzando la provenienza dello studente interessato dall analogo indirizzo delle due lauree triennali attivate presso l Università degli Studi di Perugia: Generale: è un percorso di tipo teorico, che ha lo scopo di permettere allo studente di acquisire conoscenze avanzate nell ambito della matematica e di iniziare già un progetto di ricerca durante la preparazione della tesi, con sbocco naturale verso un dottorato di ricerca od un impegno di ricerca presso enti o istituti. Didattico: è un percorso che ha lo scopo di preparare i futuri insegnanti della scuola secondaria. Informatico-Computazionale e Modellistico Matematico. 47

2 Questi ultimi due percorsi sono di tipo applicativo e si prefiggono un duplice scopo: sia lo scopo scientifico di preparare studiosi competenti in codifica dell informazione, analisi numerica, crittografia, calcolo delle probabilità e delle loro applicazioni a scienze informatiche, fisiche, biologiche o economico-sociali, sia lo scopo di preparare figure professionali qualificate per industrie, pubblica amministrazione, banche, società di consulenza finanziaria, economica o gestionale, uffici statistici o attuariali. Attività formative Di base (a) Caratterizzanti (b) Tabella 1LS ATTIVITÀ FORMATIVE INDISPENSABILI Ambiti Settori scientifico-disciplinari CFU Totale disciplinari CFU Formazione matematica (a1) Formazione fisica e informatica (a2) Formazione logica e fondazionale (b1) Formazione algebrico-geometrica (b2) Formazione analitica (b3) Formazione modellisticoapplicativa (b4) MAT/01 Logica matematica MAT/02 Algebra MAT/03 Geometria MAT/04 Matematiche complementari MAT/05 matematica MAT/06 Probabilità e statistica matematica MAT/07 Fisica matematica MAT/08 numerica MAT/09 Ricerca operativa FIS/01 Fisica sperimentale FIS/02 Fisica teorica, modelli e metodi matematici FIS/03 Fisica della materia FIS/05 Astronomia e astrofisica FIS/08 Didattica e storia della fisica INF/01 Informatica ING-INF/05 Sistemi di elaborazione delle informazioni MAT/01 Logica matematica 2 MAT/02 Algebra MAT/03 Geometria 30 MAT/05 matematica MAT/06 Probabilità e statistica matematica 30 MAT/07 Fisica matematica MAT/08 numerica MAT/09 Ricerca operativa 15 MAT/01 Logica matematica MAT/02 Algebra 95 MAT/03 Geometria Ambito aggregato MAT/04 Matematiche complementari per crediti di sede MAT/05 matematica 18 (b5) MAT/06 Probabilità e statistica matematica MAT/07 Fisica matematica MAT/08 numerica MAT/09 Ricerca operativa FIS/01 Fisica sperimentale FIS/02 Fisica teorica, modelli e metodi matematici FIS/03 Fisica della materia FIS/04 Fisica nucleare e subnucleare FIS/05 Astronomia e astrofisica FIS/06 Fisica per il sistema terra e per il mezzo circumterrestre FIS/07 Fisica applicata (a beni culturali, ambientali, biologia e medicina) FIS/08 Didattica e storia della fisica ICAR/01 - Idraulica INF/01 Informatica ING-INF/01 Elettronica ING-INF/03 - Telecomunicazioni ING-INF/05 Sistemi di elaborazione delle informazioni Affini o Formazione interdisciplinare ING-INF/06 Ingegneria elettronica e informatica integrative e applicata M-FIL/02 Logica e filosofia della scienza (c) M-PED/03 Didattica e pedagogia speciale 32 M-STO/05 Storia della scienza e delle tecniche MED/01 Statistica medica SECS-P/01 Economia politica SECS-P/03 Scienza delle finanze SECS-P/05 Econometria SECS-S/01 Statistica SECS-S/02 Statistica per la ricerca sperimentale e tecnologica SECS-S/03 Statistica economica SECS-S/04 Demografia SECS-S/05 Statistica sociale SECS-S/06 Metodi matematici dell economia e delle scienze attuariali e finanziarie A scelta dello studente (d) 15 Per la prova finale (e) 39 Altre (f) Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, tirocini, etc TOTALE

3 3. REQUISITI PER L ACCESSO Per accedere al corso di Laurea Specialistica in Matematica è necessario essere in possesso di una Laurea Triennale nella Classe 32 delle Scienze Matematiche di un qualunque Ateneo italiano. In questo caso, di massima, non vi sono debiti formativi da colmare. Possono inoltre iscriversi studenti che possiedono una laurea triennale in classe diversa dalla 32 (ad esempio in classi di discipline fisiche, ingegneristiche, economiche od informatiche); tali studenti dovranno colmare gli eventuali debiti formativi che si presenteranno nei vari casi. In ogni caso lo studente deve avere acquisito almeno 120 CFU riconosciuti validi per l iscrizione al Corso di Laurea Specialistica in Matematica dal Consiglio Intercorso in Matematica. 4. PIANO DIDATTICO Per ottenere la Laurea Specialistica in Matematica lo studente dovrà conseguire 300 CFU, 30 dei quali sono acquisiti con la prova finale, 15 sono a scelta, 15 CFU sono acquisiti con ulteriori conoscenze linguistiche, nonché abilità informatiche e telematiche, relazionali, o comunque utili per l inserimento nel mondo del lavoro, nonché attività formative volte ad agevolare le scelte professionali, mediante la conoscenza diretta del settore lavorativo cui il titolo di studio può dare accesso, tra cui, in particolare, i tirocini formativi e di orientamento, ecc. I crediti sono acquisiti al momento della verifica dell attività didattica svolta, di norma mediante superamento di un esame di profitto. Il periodo ordinario delle lezioni inizia il giorno 1 Ottobre 2009 e si articola in due periodi (o semestri): 1 Ottobre Gennaio 2010 e 1 Marzo giugno 2010, intervallati da periodi riservati (escluso il mese di agosto) alle sessioni delle prove di valutazione. Le sessioni di valutazione del profitto, in numero di almeno sei per ciascun corso, si svolgono nei periodi di sospensione dell attività didattica. Eventuali ulteriori sessioni riservate a particolari categorie di studenti possono essere autorizzate dai Consigli delle strutture didattiche interessate durante i periodi delle lezioni per giustificati motivi. Le sessioni per le prove finali di conseguimento del titolo sono svolte in almeno quattro sessioni annuali opportunamente distanziate e secondo le modalità previste dal regolamento di ciascun corso di studio. Entro il 1 ottobre di ciascun anno tutti gli studenti devono risultare regolarmente iscritti per poter frequentare esercitazioni e laboratori. Le lezioni si svolgeranno presso il Dipartimento di Matematica e Informatica dell Università degli Studi di Perugia. All atto dell iscrizione al primo anno, ogni studente deve presentare un apposito modulo ove richiede l iscrizione ai corsi con l indicazione del percorso prescelto e degli eventuali insegnamenti opzionali prescelti. Percorsi Suggeriti per l A.A. 2009/10 Si suggeriscono quattro distinti percorsi (cfr. le seguenti Tabelle 1S, 2S, 3S, 4S), ipotizzando la provenienza dello studente interessato dall analogo indirizzo delle due lauree triennali attivate presso l Università degli Studi di Perugia, nel rispetto dei seguenti vincoli: 1) Per tutti i percorsi sono obbligatori i seguenti 16 insegnamenti: Elementi di Logica 1 Matematica 1 Geometria 1 Lista 1S Fisica Mat. con Lab. 1 o Razionale 1 Algebra 1 Matematica 2 Geometria 2 Numerica 1 Algebra 2 Matematica 3 Geometria 3 Probabilità e Statistica 1 Matematica 4 Geometria 4 o altri insegnamenti ritenuti comunque equivalenti dal Consiglio Intercorso in Matematica. Informatica con Lab. 1 Un insegnamento di almeno 6 CFU in FIS/01 49

4 2) Ogni Piano degli Studi dovrà contenere almeno 45 CFU relativi ai seguenti insegnamenti di II livello (o specialistici): Elementi di Logica 2 Algebra 3 Geometria 6 Geometria Combinatoria 2 Matematica 5 Matematica 6 Lista 2S Probabilità 2 Fisica Matematica con Laboratorio 2 Geometria 5 Topologia 2 Superiore 1 Superiore 1 o altri insegnamenti ritenuti comunque equivalenti dal Consiglio Intercorso in Matematica. Numerica 3 Elementi di Intelligenza Artificiale 3) Settori Scientifico Disciplinari all interno dei quali è possibile scegliere insegnamenti di tipo (c): Attività affini e integrative Lista 3S Gli insegnamenti elencati in grassetto sono quelli appositamente attivati per i Corsi di Laurea in Matematica. Gli altri insegnamenti sono elencati a puro titolo indicativo, talvolta sulla base delle scelte fatte dagli studenti negli anni precedenti. Per ognuno di tali insegnamenti si raccomanda di controllare con attenzione le informazioni aggiornate sul nome e sui relativi CFU nei siti web dei corsi di laurea dai quali sono mutuati e che i relativi contenuti non siano già presenti, anche solo in parte, in qualcuno degli altri insegnamenti inseriti nel piano degli studi. Gli insegnamenti scelti non devono appartenere ad alcuno dei Settori S.D. MAT/** Dal Corso di Laurea in Matematica per le Applicazioni Lab. di Programmazione e Calcolo 1 4,5 CFU Laboratorio di Programmazione e Calcolo 2 3 CFU Dal Corso di Laurea Magistrale in Matematica Teoria dell Informazione 2 6 CFU Informatica 3 6 CFU Epistemologia 3 CFU Dal Corso di Laurea in Informatica (consultare il sito web per maggiori dettagli) Tutti gli insegnamenti presenti nell offerta didattica dei Corsi di laurea in Informatica. Dalla Facoltà di Economia (consultare il sito web per maggiori dettagli) Tutti gli insegnamenti presenti nell offerta didattica dei Corsi di laurea dell Economia. In particolare si segnalano Macroeconomia - SECS-P/01 Microeconomia - SECS-P/01 Econometria - SECS-P/05 Statistica economica SECS-S/03 Matematica Finanziaria SECS-S/06 Modelli per i Mercati Finanziari SECS-S/06 Teoria Matematica del Portafoglio SECS-S/06 Dal Corso di Laurea in Fisica (consultare il sito web per maggiori dettagli) Tutti gli insegnamenti presenti nell offerta didattica dei Corsi di laurea della Fisica. In particolare si segnalano Laboratorio di Elettromagnetismo ed Ottica Fisica Moderna Quantistica Struttura della Materia Prerequisiti: Fisica Moderna e/o quantistica Fisica Nucleare e Subnucleare Prerequisiti: Fisica Moderna e/o quantistica Laboratorio di Elettronica Prerequisiti: Laboratorio di Elettromagnetismo Fondamenti di Astronomia Prerequisiti: Fisica Moderna e/o quantistica celeste II Prerequisiti: Fisica Moderna e/o quantistica Biofisica Introduzione alla Fisica delle Particelle Elementari Prerequisiti: Fisica Moderna e/o quantistica Radioattività (con Laboratorio) Prerequisiti: Fisica Moderna e/o Dalla Facoltà di Ingegneria (consultare il sito web per maggiori dettagli) Tutti gli insegnamenti presenti nell offerta didattica dei Corsi di laurea dell Ingegneria. Dalle Facoltà Umanistiche (consultare il sito web per maggiori dettagli) Didattica generale Logica e Filosofia della Scienza Storia del pensiero scientifico 50

5 In tali percorsi, la distribuzione, nei vari semestri, delle attività formative a scelta (libera o vincolata) è solo indicativa. Lo studente può riorganizzarla, rispettando comunque il numero e la tipologia dei crediti indicati, in base alla scelta delle stesse attività. I piani di studi che coincidano con uno di quelli proposti saranno considerati automaticamente approvati; gli altri saranno vagliati dal Consiglio Intercorso in Matematica. Nel caso in cui lo studente acquisisca, o abbia acquisito, in qualche attività formativa, un numero di crediti superiore al minimo richiesto, può chiedere alla competente struttura didattica di utilizzare la parte eccedente in attività di tipo (d) e/o di tipo (f). In ogni caso, i CFU eccedenti, non utilizzabili per il conseguimento della Laurea, saranno comunque riportati nel curriculum degli studi dello studente per ogni eventuale utilizzo futuro. L acquisizione dei 15 CFU di tipo (f) può anche risultare da attività di tirocinio e/o da un insieme di attività alternative. Il tirocinio può essere effettuato presso enti pubblici o privati, con i quali sono stipulate apposite convenzioni; le attività alternative possono essere effettuate presso strutture interne all Università. Se tali attività comprendono l iscrizione a insegnamenti, il superamento dei relativi esami comporta l acquisizione dei crediti corrispondenti. Per l eventuale attività di tirocinio è richiesto l obbligo della frequenza, che deve essere certificata dal Tutore. Per ulteriori informazioni confronta il Regolamento Stage all apposita pagina web del C. I. di Matematica (http://www.dmi.unipg.it). La conoscenza della lingua Inglese al livello B2 o superiore, è valutata 6 CFU ed è utilizzabile fra le attività a libera scelta, purché non sia stata già utilizzata per acquisire crediti nella laurea di I livello. 51

6 TABELLA 1S CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MATEMATICA (classe N. 45/S) - Percorso GENERALE In grassetto sono già inseriti tutti gli insegnamenti obbligatori per il presente Percorso. Ogni insegnamento vale 7,5 CFU, a meno che tale valore non sia esplicitamente indicato. Lo studente deve completare il presente percorso inserendo, in ogni ambito disciplinare e fino a raggiungere il numero di CFU indicato per l ambito stesso, insegnamenti scelti nei Settori Scientifico-Disciplinari (o SSD) specificati accanto al nome dello stesso Ambito (cfr. Tabella 1). Ogni Piano degli Studi dovrà contenere, complessivamente, almeno 45 CFU relativi agli insegnamenti di II livello (o specialistici) di cui alla Lista 2S. Attività formative BASE (a) Totale CFU: 104 CARATTERIZZANTI (b) Totale CFU: 95 Ambiti disciplinari a1 - Formazione Matematica (SSD: da MAT/01 a MAT/09) CFU: 89 Algebra 1 Algebra 2 Geometria 1 Geometria 2 Geometria 3 Geometria 4 Matematica 1 Matematica 2 Matematica 3 Matematica 4 Probabilità e Statistica 1 Numerica 1 Fisica Matematica con Laboratorio 1-8 CFU a2 - Formazione Fisica e Informatica (SSD: da FIS/01 a FIS/08, INF/01, ING-INF/05) Fisica 1 (*) Fisica Generale 1 6 CFU - (*) Informatica con Lab. 1 b1 - Formazione Logica e Fondazionale (SSD: MAT/01 e MAT/04) CFU: 2 Elementi di Logica 1 2 CFU b2 - Formazione Algebrico-Geometrica (SSD: MAT/02, MAT/03) Geometria 5 Geometria 6 b3 - Formazione Analitica (SSD: MAT/05, MAT/06) Matematica 5 Matematica 6 b4 - Formazione Modellistico-Applicativa (SSD: MAT/07, MAT/08, MAT/09) Fisica Matematica con Laboratorio 2 (^) Razionale 1 (^) Superiore 1 (^) b5 Ambito Aggregato - Insegnamenti dei SSD: da MAT/01 a MAT/09 CFU: 18 AFFINI O INTEGRATIVE (c) Totale CFU: 32 (d) - Totale (e) - Totale CFU: 39 ALTRE (f) Totale c - Insegnamenti a scelta nei SSD di cui alla Lista 3S CFU: 32 d - Insegnamenti a scelta libera e -Tesi di Laurea CFU: 39 f - Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, tirocini, etc. (*) Almeno uno dei due insegnamenti (^) Almeno uno dei quattro insegnamenti Algebra 1 è di 8 CFU nell A. A. 2001/2002, di 7,5 CFU nell A. A. 2002/2003, nell A.A. 2003/04 e di 6 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. Matematica 1 è di 7,5 CFU nell A. A. 2001/2002 e nell A. A. 2002/2003, di 8 CFU nell A.A. 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi.. Geometria 1 è di 7,5 CFU nell A. A. 2001/2002, di 8 CFU nell A. A. 2002/2003, di 7,5 CFU nell A. A. 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. Algebra 2 è di 5,5 CFU negli A. A. 2001/02, 2002/03, 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. 52

7 TABELLA 2S CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MATEMATICA (classe N. 45/S) - Percorso DIDATTICO In grassetto sono già inseriti tutti gli insegnamenti obbligatori per il presente Percorso. Ogni insegnamento vale 7,5 CFU, a meno che tale valore non sia esplicitamente indicato. Lo studente deve completare il presente percorso inserendo, in ogni ambito disciplinare e fino a raggiungere il numero di CFU indicato per l ambito stesso, insegnamenti scelti nei Settori Scientifico-Disciplinari (o SSD) specificati accanto al nome dello stesso Ambito (cfr. Tabella 1). Ogni Piano degli Studi dovrà contenere, complessivamente, almeno 45 CFU relativi agli insegnamenti di II livello (o specialistici) di cui alla Lista 2S. Attività formative BASE (a) Totale CFU: 104 Ambiti disciplinari a1 - Formazione Matematica (SSD: da MAT/01 a MAT/09) CFU: 89 Algebra 1 Algebra 2 Geometria 1 Geometria 2 Geometria 3 Geometria 4 Matematica 1 Matematica 2 Matematica 3 Matematica 4 Probabilità e Statistica 1 Numerica 1 Fisica Matematica con Laboratorio 1-8 CFU a2 - Formazione Fisica e Informatica (SSD: da FIS/01 a FIS/08, INF/01, ING-INF/05) Fisica 1 (*) Fisica Generale 1 6 CFU - (*) Informatica con Lab. 1 b1 - Formazione Logica e Fondazionale (SSD: MAT/01 e MAT/04) CFU: 2 Elementi di Logica 1 2 CFU b2 - Formazione Algebrico-Geometrica (SSD: MAT/02, MAT/03) Geometria 5 CARATTERIZZANTI (b) Totale CFU: 95 AFFINI O INTEGRATIVE (c) Totale CFU: 32 (d) - Totale (e) - Totale CFU: 39 ALTRE (f) Totale b3 - Formazione Analitica (SSD: MAT/05, MAT/06) Matematica 5 Matematica 6 b4 - Formazione Modellistico-Applicativa (SSD: MAT/07, MAT/08, MAT/09) Fisica Matematica con Laboratorio 2 (^) (^) Superiore 1 (^) b5 Ambito Aggregato - Insegnamenti dei SSD: da MAT/01 a MAT/09 CFU: 18 Razionale 1 Matematiche Compl. 1 (+) Matematiche Elem. PVS 1(+) Didattica della Mat. 1 (+) c - Insegnamenti a scelta nei SSD di cui alla Lista 3S CFU: 32 d - Insegnamenti a scelta libera Storia delle Mat. 1 (+) e -Tesi di Laurea CFU: 39 f - Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, tirocini, etc. (*) Almeno uno dei due insegnamenti (^) Almeno uno dei 4 insegnamenti - (+) Almeno uno dei 4 insegnamenti Algebra 1 è di 8 CFU nell A. A. 2001/2002, di 7,5 CFU nell A. A. 2002/2003, nell A.A. 2003/04 e di 6 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. Matematica 1 è di 7,5 CFU nell A. A. 2001/2002 e nell A. A. 2002/2003, di 8 CFU nell A.A. 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi.. Geometria 1 è di 7,5 CFU nell A. A. 2001/2002, di 8 CFU nell A. A. 2002/2003, di 7,5 CFU nell A. A. 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. Algebra 2 è di 5,5 CFU negli A. A. 2001/02, 2002/03, 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. 53

8 TABELLA 3S CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MATEMATICA (classe N. 45/S) Percorso INFORMATICO-COMPUTAZIONALE In grassetto sono già inseriti tutti gli insegnamenti obbligatori per il presente Percorso. Ogni insegnamento vale 7,5 CFU, a meno che tale valore non sia esplicitamente indicato. Lo studente deve completare il presente percorso inserendo, in ogni ambito disciplinare e fino a raggiungere il numero di CFU indicato per l ambito stesso, insegnamenti scelti nei Settori Scientifico-Disciplinari (o SSD) specificati accanto al nome dello stesso Ambito (cfr. Tabella 1). Ogni Piano degli Studi dovrà contenere, complessivamente, almeno 45 CFU relativi agli insegnamenti di II livello (o specialistici) di cui alla Lista 2S. Attività formative BASE (a) Totale CFU: 104 Ambiti disciplinari a1 - Formazione Matematica (SSD: da MAT/01 a MAT/09) CFU: 89 Algebra 1 Algebra 2 Geometria 1 Geometria 2 Geometria 3 Geometria 4 Matematica 1 Matematica 2 Matematica 3 Matematica 4 Probabilità e Statistica 1 Numerica 1 Fisica Matematica con Laboratorio 1-8 CFU a2 - Formazione Fisica e Informatica (SSD: da FIS/01 a FIS/08, INF/01, ING-INF/05) Fisica 1 (*) Fisica Generale 1 6 CFU - (*) Informatica con Lab. 1 b1 - Formazione Logica e Fondazionale (SSD: MAT/01 e MAT/04) CFU: 2 Elementi di Logica 1 2 CFU b2 - Formazione Algebrico-Geometrica (SSD: MAT/02, MAT/03) Geometria 5 Algebra 3 Geometria Combinatoria 2 CARATTERIZZANTI (b) Totale CFU: 95 b3 - Formazione Analitica (SSD: MAT/05, MAT/06) Matematica 5 Matematica 6 b4 - Formazione Modellistico-Applicativa (SSD: MAT/07, MAT/08, MAT/09) Razionale 1 (^) Superiore 1 (^) Fisica Matematica con Laboratorio 2 (^) Numerica 2 (+) Numerica 3 (+) b5 Ambito Aggregato - Insegnamenti dei SSD: da MAT/01 a MAT/09 CFU: 18 AFFINI O INTEGRATIVE (c) Totale CFU: 32 (d) - Totale (e) - Totale CFU: 39 ALTRE (f) Totale c - Insegnamenti a scelta nei SSD di cui alla Lista 3S CFU: 32 d - Insegnamenti a scelta libera e -Tesi di Laurea CFU: 39 f - Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, tirocini, etc. (*) Almeno uno dei due insegnamenti (^) Almeno uno dei 4 insegnamenti - (+) Almeno uno dei 2 insegnamenti Algebra 1 è di 8 CFU nell A. A. 2001/2002, di 7,5 CFU nell A. A. 2002/2003, nell A.A. 2003/04 e di 6 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. Matematica 1 è di 7,5 CFU nell A. A. 2001/2002 e nell A. A. 2002/2003, di 8 CFU nell A.A. 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi.. Geometria 1 è di 7,5 CFU nell A. A. 2001/2002, di 8 CFU nell A. A. 2002/2003, di 7,5 CFU nell A. A. 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. Algebra 2 è di 5,5 CFU negli A. A. 2001/02, 2002/03, 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. 54

9 TABELLA 4S CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MATEMATICA (classe N. 45/S) Percorso MODELLISTICO-MATEMATICO In grassetto sono già inseriti tutti gli insegnamenti obbligatori per il presente Percorso. Ogni insegnamento vale 7,5 CFU, a meno che tale valore non sia esplicitamente indicato. Lo studente deve completare il presente percorso inserendo, in ogni ambito disciplinare e fino a raggiungere il numero di CFU indicato per l ambito stesso, insegnamenti scelti nei Settori Scientifico-Disciplinari (o SSD) specificati accanto al nome dello stesso Ambito (cfr. Tabella 1). Ogni Piano degli Studi dovrà contenere, complessivamente, almeno 45 CFU relativi agli insegnamenti di II livello (o specialistici) di cui alla Lista 2S. Attività formative BASE (a) Totale CFU: 104 Ambiti disciplinari a1 - Formazione Matematica (SSD: da MAT/01 a MAT/09) CFU: 89 Algebra 1 Algebra 2 Geometria 1 Geometria 2 Geometria 3 Geometria 4 Probabilità e Matematica 1 Matematica 2 Matematica 3 Matematica 4 Statistica 1 Numerica 1 Fisica Matematica con Laboratorio 1-8 CFU a2 - Formazione Fisica e Informatica (SSD: da FIS/01 a FIS/08, INF/01, ING-INF/05) Fisica 1 (*) Fisica Generale 1 6 CFU - (*) Informatica con Lab. 1 b1 - Formazione Logica e Fondazionale (SSD: MAT/01 e MAT/04) CFU: 2 Elementi di Logica 1 2 CFU b2 - Formazione Algebrico-Geometrica (SSD: MAT/02, MAT/03) Geometria 6 CARATTERIZZANTI (b) Totale CFU: 95 AFFINI O INTEGRATIVE (c) Totale CFU: 32 (d) - Totale (e) - Totale CFU: 39 ALTRE (f) Totale b3 - Formazione Analitica (SSD: MAT/05, MAT/06) Matematica 5 Matematica 6 Probabilità 2 b4 - Formazione Modellistico-Applicativa (SSD: MAT/07, MAT/08, MAT/09) Razionale 1 (^) Superiore 1 (^) Fisica Matematica con Laboratorio 2 (^) Numerica 3 b5 Ambito Aggregato - Insegnamenti dei SSD: da MAT/01 a MAT/09 CFU: 18 Sup. 1 (+) Probabilità 1 (+) Statistica Mat. 1 (+) c - Insegnamenti a scelta nei SSD di cui alla Lista 3S CFU: 32 d - Insegnamenti a scelta libera Teoria delle Decisa. 1 (+) e -Tesi di Laurea CFU: 39 f - Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, tirocini, etc. (*) Almeno 1 dei 2 insegnamenti (^) Almeno 1 dei 4 insegnamenti (+) Almeno 1 dei 4 insegnamenti Algebra 1 è di 8 CFU nell A. A. 2001/2002, di 7,5 CFU nell A. A. 2002/2003, nell A.A. 2003/04 e di 6 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. Matematica 1 è di 7,5 CFU nell A. A. 2001/2002 e nell A. A. 2002/2003, di 8 CFU nell A.A. 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi.. Geometria 1 è di 7,5 CFU nell A. A. 2001/2002, di 8 CFU nell A. A. 2002/2003, di 7,5 CFU nell A. A. 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. Algebra 2 è di 5,5 CFU negli A. A. 2001/02, 2002/03, 2003/04 e di 7,5 CFU dall A. A. 2004/2005 in poi. 55

10 Nel caso in cui lo studente voglia seguire un ordine di studi diverso da quelli indicati nel presente manifesto dovrà presentare, entro il 31 Ottobre 2008, un Piano di Studi personale da sottoporre all approvazione del Consiglio Intercorso in Matematica. Per adeguarsi alle disposizioni statutarie il piano di studio deve soddisfare i requisiti descritti nel paragrafo 1. Aspetti generali. 5. PROPEDEUTICITÀ A partire dall A.A. 2004/05, non sono fissate in modo formale propedeuticità tra i vari insegnamenti. Tuttavia, è fortemente consigliato di frequentare i corsi nell'ordine indicato nei piani di studio canonici e rispettare le indicazioni, riportate dal Notiziario, sui prerequisiti necessari per seguire con profitto ogni insegnamento. 6. ESAMI DI PROFITTO: si veda l omonimo articolo del Notiziario relativo alla Laurea triennale in Matematica (D.M. 509/99). 7. PROVA FINALE: Regolamento dell esame di Laurea Specialistica Per essere ammessi alla prova finale occorre avere conseguito tutti i crediti nelle attività formative previste dal piano di studi tranne quelli relativi alla prova finale stessa. La prova finale consiste nella elaborazione di una tesi originale su argomento concordato con almeno un docente, che assume le funzioni di supervisore e relatore, e presentato al Consiglio Intercorso in Matematica. La stessa prova finale, comprendente la realizzazione di un documento scritto, viene valutata da un apposita Commissione di Laurea Specialistica, su discussione orale. La redazione della tesi può eventualmente avvenire anche all interno di un tirocinio formativo (stage) presso aziende, laboratori esterni, enti pubblici o privati, oppure durante soggiorni di studio presso altre università italiane ed estere, anche nel quadro di accordi internazionali. La discussione della prova finale per il conferimento del titolo di studio è pubblica. 1. Subito dopo aver concordato con il Relatore prescelto l'argomento della prova finale, e comunque almeno sei (6) mesi prima della data prevista per la prova finale stessa, lo studente dovrà comunicare al Presidente del Consiglio Intercorso in Matematica, mediante la presentazione del modulo "inizio elaborato finale" disponibile presso la segreteria didattica del Dipartimento di Matematica e Informatica, il nome del Relatore o dei Relatori, l'argomento della prova, la struttura presso cui il lavoro sarà svolto. Il Consiglio Intercorso in Matematica al momento dell accettazione dell argomento di tesi, assegna un Correlatore appartenente al Consiglio stesso con il compito di accertare in itinere lo svolgimento della tesi. Almeno quindici giorni prima della discussione orale della tesi, il Relatore (e/o Relatori) e il Correlatore presentano al Presidente del Consiglio Intercorso in Matematica due relazioni scritte distinte nelle quali valutano il lavoro svolto dal Tesista richiedendo un eventuale aumento sulla media di base, come calcolata al successivo punto La prova finale ha il valore complessivo di 39 CFU, ivi compresi i CFU conseguiti con la laurea di cui lo studente usufruisce per iscriversi alla laurea specialistica in questione Nel caso di attività non svolte presso il Dipartimento di Matematica e Informatica o con un Relatore di un ente convenzionato con esso, la scelta del Relatore dovrà essere soggetta al nulla-osta del Consiglio Intercorso In Matematica Dal momento della presentazione del modulo "inizio elaborato finale", ovvero dalla data in cui è concesso il nulla-osta nel caso di attività fuori sede, lo studente figurerà ufficialmente quale Laureando e potrà avere accesso alla Biblioteca ed alle altre strutture del Dipartimento di Matematica e Informatica secondo le modalità vigenti. 2. Almeno 45 giorni prima dell'inizio dell'appello di Laurea Specialistica, lo studente dovrà presentare: (2.a) Domanda di laurea specialistica in Segreteria Studenti dell Ateneo (foglio giallo); (2.b) Notifica della domanda di cui sopra alla Segreteria Didattica del Consiglio Intercorso in Matematica, riempita secondo un modello fornito dalla Segreteria stessa o reperibile sul sito WEB del Consiglio Intercorso in Matematica, alle voci relative alle "Lauree Specialistiche". La notifica dovrà contenere: (i) Nome, Cognome e recapito (con telefono e indirizzo di posta elettronica) dello studente; (ii) Titolo della Tesi, accompagnato da un breve riassunto; (iii) Nome e Cognome del Relatore; (iv) istituzione di appartenenza e recapito (con telefono e indirizzo di posta elettronica) del Relatore (qualora questo non faccia parte del Dipartimento di Matematica e Informatica). 3. La domanda di laurea specialistica si intende automaticamente confermata per tutti gli appelli di laurea specialistica successivi, purché dello stesso anno accademico. 4. Lo Studente dovrà consegnare alla Segreteria Didattica del Consiglio Intercorso in Matematica, entro sette (7) giorni dall'inizio dell'appello di laurea specialistica, l'attestato della Biblioteca di essere in regola con la restituzione dei libri avuti in prestito e l'attestato del Laboratorio di Informatica di essere in regola con la restituzione delle chiavi e dei manuali avuti in prestito e con l annullamento delle password di accesso ai servizi offerti dallo stesso Laboratorio. 5. Due copie della Tesi, la cui prima pagina deve riportare il nome dello Studente, il titolo del lavoro, il nome del 56

11 Relatore (o dei Relatori) ed essere firmata dallo Studente e dal Relatore (o dai Relatori), devono essere depositate, una alla Segreteria Didattica del Consiglio Intercorso in Matematica ed una alla Segreteria Studenti dell Ateneo, entro 20 giorni lavorativi dall'inizio dell'appello di laurea specialistica. 6. Il frontespizio della Tesi non dovrà riportare altri nomi all'infuori di quelli dello studente e del Relatore (o dei Relatori) e dovrà essere compilato secondo lo standard fornito dalla Segreteria Didattica del Consiglio Intercorso in Matematica. Sarà cura dello Studente fornire una copia dell'elaborato al Relatore (o ai Relatori). 7. All'esame di Laurea Specialistica è ammesso lo studente che improrogabilmente 15 giorni prima dell'esame abbia superato tutti gli esami previsti dal proprio piano di studi. 8. L'esame di Laurea Specialistica consiste nella discussione dell'elaborato scritto, avallato dal Relatore, alla presenza di una commissione ufficiale composta da 11 membri. 9. Tra i membri della Commissione di Laurea devono esserci: (9.a) Il Presidente del Consiglio Intercorso in Matematica, o altro Docente da lui delegato, che la presiede; (9.b) uno dei Relatori, o altro Docente da lui delegato; (9.c) cinque (5) membri fissi (compreso il Presidente del Consiglio Intercorso in Matematica, o altro Docente da lui delegato, a presiedere la Commissione stessa) nominati dal Consiglio Intercorso in Matematica; 10. Il Presidente del Consiglio Intercorso in Matematica provvederà a nominare, di volta in volta, i componenti della Commissione di Laurea Specialistica, tra i quali un numero di membri fissi pari a quello specificato nell'articolo (9.c). Ciascun membro fisso rimarrà in carica per un anno accademico. Potranno essere nominati membri fissi della Commissione di Laurea solo docenti del Consiglio Intercorso in Matematica. 11. Per l'attribuzione della lode occorre il voto unanime della commissione. 12. Per la formazione del voto di laurea la commissione adotta la procedura seguente: La Commissione di Laurea Specialistica calcola la media M dei voti ottenuti negli esami relativi ai corsi formalmente inclusi negli ultimi due anni del curriculum di Laurea Specialistica del laureando, pesati con i relativi crediti Trasformato il voto M in centodecimi, a tale voto aggiunge: I - un quarto (1/4) di punto per ogni lode relativa ad insegnamenti semestrali di 7.5 CFU di cui al punto 12.1, in ogni caso in proporzione ai CFU attribuiti agli insegnamenti interessati; II - un (1) punto se la laurea triennale è stata ottenuta con la lode. III - su richiesta scritta del relatore e del correlatore, presentata come al precedente punto 1, la Commissione si riserva di aggiungere ancora da 1 a 5 punti per la valutazione dei curricula nel loro complesso, decidendo ciò a maggioranza se non c è unanimità. 13. La votazione finale F è quella che si ottiene arrotondando all intero più vicino, il risultato x ricavato al termine della procedura appena descritta (esempio: se 101 x 101,5 allora F = 101, mentre se 101,5 < x < 102 allora F = 102). 8. TUTORATO; 9. CRITERI DI RICONOSCIMENTO DEI CREDITI ACQUISITI IN ALTRI CORSI DI STUDIO; 10. RICONOSCIMENTO DEI PERIODI DI STUDIO EFFETTUATI ALL ESTERO: si vedano gli omonimi articoli del Manifesto degli Studi della Laurea triennale in Matematica (D.M. 509/99). 11. NORME TRANSITORIE 1. Per gli studenti già iscritti alla laurea Specialistica in Matematica della Classe 45-S dell ordinamento ex D.M. 509/1999 una tabella deliberata dal CILMAT e pubblicata sui siti internet del CILMAT e della Facoltà rende esplicite le regole di conversione delle attività formative seguite dagli studenti se completate da un accertamento conclusivo individuale. 2. La Commissione Paritetica per la Didattica del CILMAT prenderà in esame ogni caso singolo non previsto dalla tabella di cui al comma 1 e fornirà ogni possibile suggerimento per le eventuali integrazioni necessarie. 3. Non sono previsti piani di studio ad approvazione automatica per gli studenti provenienti dall ordinamento ex D.M. 509/ Per gli studenti che, già iscritti alla laurea specialistica in MATEMATICA della Classe 45-S dell ordinamento ex D.M. 509/1999, intendano permanere nello stesso ordinamento, viene assicurata la prosecuzione degli studi e la possibilità di seguire in tutto o in parte insegnamenti o moduli attivati nel vigente ordinamento e corrispondenti a quelli previsti nell ordinamento ex D.M. 509/ La Commissione Didattica del CILMAT fornirà tutti i suggerimenti necessari agli studenti e si farà carico di proporre possibili alternative nei casi per i quali non sia presente nel vigente ordinamento un insegnamento o modulo corrispondente a quello previsto nell ordinamento ex D.M. 509/1999 e nel piano di studio dello studente. Piani di studio in deroga al regolamento potranno essere presentati dagli studenti titolari di laurea triennale ex-d.m. 509/99 finalizzati ad armonizzare il curriculum della triennale con quello della nuova magistrale. 57

CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (triennale)

CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (triennale) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (triennale) Classe 32 - Classe delle Lauree in Scienze Matematiche - D.M. 509/99 MANIFESTO

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA Manifesto degli Studi Il Corso di Studi per il conseguimento della Laurea triennale in Fisica richiede l acquisizione di 180 crediti formativi

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32 REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Classe 32 Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di Torino il Corso di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica dell Atmosfera e Meteorologia Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Specialistica in Statistica e Informatica per l Economia e la Finanza Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 Alla Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative afferiscono i seguenti corsi di laurea di specialistica: a) corso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATCA E COMUNICAZIONE DIGITALE Art. 1 Finalità (art.2 c.6 art.15

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FISICA SPERIMENTALE - CLASSE 20/S FISICA

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FISICA SPERIMENTALE - CLASSE 20/S FISICA REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FISICA SPERIMENTALE - CLASSE 20/S FISICA Art. 1 Denominazione del Corso di Laurea e Classe d appartenenza 1. E istituito, presso l Università degli Studi

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali ART. 1 Istituzione del corso di laurea in Management (MGT) Presso

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale Interclasse in e delle Telecomunicazioni Classi di Laurea LM-27 e LM-29 a.a.201-2014 TITOLO I Dati generali ARTICOLO

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia)

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) 1 Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) Art 1. Denominazione È istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA IN Informatica REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea di primo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2007/2008

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di laurea Specialistica

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del C.d.F. del 07.05.03, modificato con delibera del CdF del 8.10.03, del 12.05.04, del 01.06.2005, 21.12.2005) Regolamento

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica

Corso di Laurea in Fisica OBIETTIVI FORMATIVI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra M. Melloni Corso di Laurea in Fisica Laurea di I livello nella Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche

Dettagli

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea di I livello in OTTICA e OPTOMETRIA Il Regolamento Didattico specifica gli aspetti

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in

Corso di Laurea Triennale in UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Triennale in Discipline Economiche e Sociali per la cooperazione, lo Sviluppo e la Pace Classe di laurea n.35 Scienze Sociali per la Cooperazione,

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I, II e III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE, ECONOMIA E FINANZA. (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione Il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (Classe 9 delle lauree in Ingegneria dell Informazione) Regolamento didattico

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (Classe 9 delle lauree in Ingegneria dell Informazione) Regolamento didattico 1 Art. 1. Attivazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (Classe 9 delle lauree in Ingegneria dell Informazione) Regolamento didattico 1. Presso la Facoltà di Ingegneria dell Università

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN.

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM- FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. 1.ASPETTI GENERALI Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia Cellulare

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE CLASSE DELLE LAUREE TRIENNALI IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 9) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza - Prerequisiti

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Logistica e trasporti (Adeguamento di corso

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Risorse turistiche e beni culturali (Adeguamento

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Art. 8. Obblighi di frequenza. La frequenza ai corsi è di norma obbligatoria.

Art. 8. Obblighi di frequenza. La frequenza ai corsi è di norma obbligatoria. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di

Dettagli

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI (CLASSE N. 30/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza 1. E istituito presso la Facoltà

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA (FIRST LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) Denominazione e classe di appartenenza È

Dettagli

Compilazione Modulo Riconoscimento Crediti Formativi Universitari

Compilazione Modulo Riconoscimento Crediti Formativi Universitari Compilazione Modulo Riconoscimento Crediti Formativi Universitari Guida alla Compilazione della Richiesta di RCFU Redatto dalla Segreteria Studenti Pag. 1 a 9 1. INTRODUZIONE Il servizio di richiesta Riconoscimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI 0BII I FACOLTA DI ECONOMIA 1BREGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe L33, D.M. 270/2004) 2BArt. 1 Finalità Il presente Regolamento didattico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso di Laurea in Chimica,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Economia e finanza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

Psicologia sociale e delle organizzazioni

Psicologia sociale e delle organizzazioni Psicologia sociale e delle organizzazioni Università Università degli Studi di FIRENZE Classe 58/S - Classe delle lauree specialistiche in psicologia Nome del corso Psicologia sociale e delle organizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (FIRST LEVEL DEGREE IN INDUSTRIAL AND MANAGEMENT ENGINEERING) Denominazione e classe di

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale)

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea nelle sedute

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA (LAUREA DI PRIMO LIVELLO) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007-2008

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA (LAUREA DI PRIMO LIVELLO) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007-2008 UNIVERSITA DEL SALENTO FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA (LAUREA DI PRIMO LIVELLO) MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007-2008 Nel seguito saranno

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Economia Aziendale (Adeguamento di corso

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

1. Obiettivi Formativi

1. Obiettivi Formativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro Manifesto degli studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA E COMUNICAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

1. Titolo di primo livello nella classe 10 (Ingegneria Industriale - D.M. 509/99) o nella classe

1. Titolo di primo livello nella classe 10 (Ingegneria Industriale - D.M. 509/99) o nella classe REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: LM-33 - Ingegneria meccanica Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI. Corso di Laurea Magistrale in MATEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI. Corso di Laurea Magistrale in MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in MATEMATICA Classe LM-40 Lauree Magistrali in Matematica (DM 270/04) MANIFESTO DEGLI STUDI

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Indice: Premessa, Borse di studio, Internazionalizzazione 1) Titoli accademici 2) Requisiti di ammissione 3) Periodo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione La Facoltà di Economia attiva il Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

2. I laureati primo livello:

2. I laureati primo livello: REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Laurea Magistrale in Ingegneria dell'energia elettrica Classe: LM-28 Ingegneria elettrica Art. 1 Requisiti

Dettagli

35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria informatica Nome del corso. Ingegneria Informatica

35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria informatica Nome del corso. Ingegneria Informatica Università Università degli studi di Genova Classe 35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria Nome del corso Informatica Modifica di Informatica (codice=45798) Data del DM di approvazione dell'ordinamento

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli