Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = = 1000/1.08 VA B = = 1000/(1.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1."

Transcript

1 Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi futuri. In realtà, i tassi variano nel tempo. Ciò accade principalmente perché i tassi di inflazione tendono a modificarsi nel tempo. Per fare un esempio illustrativo, consideriamo due bond zero coupon. Il bond A è annuale e il bond B è biennale. Hanno entrambi un valore nominale di Il tasso di interesse, r, è l 8%. Il tasso di interesse a due anni, r 2, è il 10%. Questi due tassi di interesse sono tassi spot. Forse questa diseguaglianza dei tassi si determina perché l inflazione si prevede superiore nel secondo anno rispetto al primo. I due bond vengono rappresentati graficamente nel seguente diagramma temporale: 0 Anno 1 1 Anno 2 2 Bond A 8% 1000 Bond B 10% 1000 Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = = 1000/1.08 VA B = = 1000/(1.10) 2 Naturalmente, se VA A e VA B fossero osservabili e i tassi spot non lo fossero, potremmo determinare i tassi spot con la formula del valore attuale, perché VA A = = 1000/1 + r 1 r 1 = 8% e VA B = = 1000/(1 + r 2 ) 2 r 2 = 10% Possiamo vedere ora come si determinano i prezzi di bond più complicati. Cercate di risolvere il prossimo esempio, che illustra la differenza tra tassi spot e rendimenti alla scadenza. Esempio 5A1. On the spot. Se il tasso spot r 1 è uguale all 8% e il tasso spot r 2 è uguale al 10%, quanto dovrebbe costare un bond a due anni che dà una cedola dell 8%? I cash flow C 1 e C 2 sono illustrati in questo diagramma temporale: 0 Anno 1 1 Anno 2 8% 50 Il bond si può assimilare a portafoglio di bond zero coupon in scadenza, rispettivamente, tra un anno e due anni. Perciò: VA = 50/ /( ) 2 = (A.1) Adesso vogliamo calcolare un tasso singolo per il bond. Lo facciamo risolvendo per y nella seguente equazione: = 50/1 + y /(1 + y) 2 (A.2) nell Equazione (A.2) y è uguale al 9.95%. Come abbiamo detto nel capitolo, definiamo y rendimento alla scadenza del bond. Risolvere per y nel caso di un bond poliennale significa generalmente andare per tentativi. 1 Anche se può richiedere molto tempo quando si usano carta e penna, questo esercizio diventa praticamente istantaneo se si usa una calcolatrice portatile. 1 La formula quadratica si potrebbe usare per risolvere per y nel caso di un bond biennale. Ma in genere le formule non si applicano ai bond che hanno più di quattro date di pagamento.

2 Vale la pena di mettere a confronto le Equazioni (A.1) e (A.2). In (A.1) usiamo i tassi spot applicati sul mercato in generale per stabilire il prezzo del bond. Una volta ottenuto il prezzo del bond, usiamo (A.2) per calcolarne il rendimento alla scadenza. Poiché l Equazione (A.1) impiega due tassi spot mentre in (A.2) ne appare uno solo, possiamo considerare il rendimento alla scadenza una sorta di media tra i due tassi spot. 2 Utilizzando questi due tassi spot, il rendimento alla scadenza di bond biennale con cedola il cui tasso-cedola è il 12% mentre il VA è uguale a si può calcolare così: = 120/1 + r /(1 + r) 2 r = 9.89% Come dimostrano questi calcoli, due bond con la stessa scadenza hanno di solito rendimenti dissimili alla scadenza, se le cedole differiscono. FIGURA 5A1 Rappresentare graficamente la struttura temporale. La struttura temporale descrive la relazione tra tassi spot che hanno scadenze diverse. La Figura 5A1 visualizza una struttura temporale specifica. Nella Figura 5A1 i tassi spot aumentano con scadenze più lunghe vale a dire che r 3 > r 2 > r 1. Rappresentare graficamente la struttura temporale è facile se possiamo osservare dei tassi spot. Sfortunatamente lo si può fare solo se ci sono abbastanza bon governativi zero coupon. Una determinata struttura temporale, come quella della Figura 5A1, esiste solo per un momento mettiamo, le 10 del mattino del 29 aprile I tassi di interesse tendono a variare da un minuto all altro, perciò alle esisterebbe già una struttura temporale diversa (benché molto simile). FIGURA 5A2 Spiegazioni della struttura temporale Nella Figura 5A1 abbiamo rappresentato una delle tante possibili relazioni tra il tasso spot e la scadenza. Adesso vogliamo analizzarla più in dettaglio. Partiamo dalla definizione di un nuovo termine, il tasso anticipato. Poi lo mettiamo in relazione ai tassi di interesse futuri. Infine consideriamo alcune teorie alternative della struttura temporale. Definizione di tasso anticipato. Abbiamo descritto in precedenza un esempio biennale in cui i tasso spot del primo anno è l 8% e il tasso spot del secondo anno è il 10%. Qui, un individuo che investe in bond biennale zero coupon che rende il 10% avrebbe 1 x (1.10) 2 dopo due anni. Per portare avanti la nostra analisi, conviene riscriverla: 3 1 x (1.10) 2 = 1 x 1.08 x (A.3) L Equazione A.3 ci dice qualcosa d importante sulla relazione tra tassi a un anno e tassi a due anni. Quando un individuo investe in un bond biennale che rende il 10%, la sua ricchezza alla fine del biennio è la stessa che avrebbe se ricevesse un rendimento dell 8% nel primo anno e un rendimento del 12.04% nel secondo anno. Questa tasso ipotetico del secondo anno, 12.04%, si chiama tasso anticipato. Possiamo supporre perciò che l acquirente di un bond biennale zero coupon riceva nel primo anno il tasso spot dell 8% e abbia garantito un tasso del 12.04% nel secondo anno. Questa relazione è visualizzata nella Figura 5A2. Più generalmente, se abbiamo i tassi spot r 1 e r 2, possiamo sempre determinare il tasso anticipato, f 2, in modo che: 2 Il rendimento alla scadenza non è una semplice media tra r 1 ed r 2. Gli economisti finanziari parlano invece di media ponderata temporale tra r 1 ed r % è uguale a: (1.10) 2 /1.08 = 1 quando si effettua l arrotondamento alla quarta cifra.

3 (1 + r 2 ) 2 = ( 1 + r 1 ) x (1 + f 2 ) (A.4) Risolviamo per f 2, ottenendo: f 2 = (1 + r 2 ) 2 /1 + r 1 1 (A.5) Esempio 5A2 Guardare avanti Se il tasso spot a un anno è il 7% e il tasso spot a due anni è il 12%, quant è f 2? Inseriamo il dato nell Equazione (A.5), ottenendo: f 2 = (1.12) 2 / = 17.23% Considerate un individuo che investe in un bond biennale zero coupon al 12%. Diciamo che è come se ricevesse il 7% nel primo anno e avesse simultaneamente garantito il 17.23% nel secondo anno. Notate che sia il tasso spot a un anno sia il tasso spot a due anni sono noti alla data 0. Poiché il tasso anticipato si ricava dai tassi spot a un anno e due anni, possiamo calcolare anch esso alla data 0. I tassi prefissati si possono calcolare anche per gli anni successivi. La formula generale è: f n = (1 + r n ) n /(1 + r n-1 ) n-1-1 (A.6) dove f n è il tasso anticipato dell ennesimo anno, r n è il tasso spot dell ennesimo anno e r n-1 è il tasso spot per gli anni n 1. Esempio 5A3. Tassi prefissati Assumete questa serie di tassi: Anno Tassi spot Quali sono i tassi prefissati per ognuno dei quattro anni? Il tasso anticipato del primo anno è uguale per definizione al tasso spot a un anno. Perciò non parliamo quasi mai di tasso anticipato per il primo anno. I tassi prefissati degli anni successivi sono: f 2 = (1.06) 2 / = 7.01% f 3 = (1.07) 3 /(1.06) 2 1 = 9.03% f 4 = (1.06) 4 /(1.07) 3-1= 3.06% Un individuo che investe 1 nel bond biennale zero coupon riceve [ 1 x (1.06) 2 ] alla data 2. È come se ricevesse il tasso spot a un anno del 5% nel primo anno e il tasso anticipato del 7.01% nel secondo. Un individuo che investe 1 in un bond triennale zero coupon riceve [ 1 x (1.07) 3 ] alla data 3. È come se ricevesse il tasso spot a due anni del 6% per i primi due anni e il tasso anticipato del 9.03% nel terzo. Un individuo che investe 1 in un bond quadriennale zero coupon riceve [ 1 x (1.06) 4 ] alla data 4. È come se ricevesse al tasso spot a tre anni del 7% per i primi tre anni e il tasso anticipato del 3.06% nel quarto anno. Osservate che tutti e quattro i tassi spot sono noti alla data zero. Poiché i tassi prefissati vengono ricavati dai tassi spot, si possono determinare anch essi alla data 0. Il materiale illustrato in quest appendice sarà di difficile comprensione per lo studente che non ha familiarità con la struttura temporale. Aiuta a stabilire che cosa dovrebbe sapere a questo punto. In base alle Equazioni (A.5) e (A.6), lo studente dovrebbe essere in grado di calcolare una serie di tassi prefissati partendo da una serie di tassi spot. Può apparire un conteggio meccanico. Ma oltre a

4 effettuare i calcoli, lo studente dovrebbe anche comprendere l intuizione che sta alla base della Figura 5A2. Esaminiamo ora la relazione tra il tasso anticipato e i tassi spot attesi per il futuro. Stimare il prezzo di un bond a una data futura. Nell esempio riportato nel testo, abbiamo considerato dei bond zero coupon che pagano 1000 alla scadenza e si vendono a sconto prima della scadenza. Modifichiamo lievemente l esempio. Ora i bond si vendono inizialmente al nominale, perciò il pagamento alla scadenza è superiore a Mantenendo i tassi spot all 8% e al 10%, abbiamo questo quadro: Data 0 Anno 1 Data 1 Anno 2 Data 2 Bond A % Prezzo d acquisto Pagamento iniziale alla scadenza Bond B % Prezzo d acquisto Pagamento iniziale alla scadenza Il tasso spot a un anno tra la data ? e la data 2 è ignoto alla data 0 I pagamenti alla scadenza sono rispettivamente 1080 e 1210 per i bond zero coupon a un anno e a due anni. Il prezzo annuale di acquisto, 1000 per ciascun bond, si determina così: 1000 = 1080/ = 1210/(1.10) 2 Chiameremo bond A il bond a un anno e bond B il bond a due anni. Alla data 1 ci sarà un tasso spot diverso. Sarà il tasso spot dalla data 1 alla data 2. Possiamo anche chiamarlo tasso spot dell anno 2. Questo tasso spot non è noto alla data 1. Per esempio, se il tasso di inflazione dovesse aumentare tra la data 0 e la data 1, probabilmente il tasso spot dell anno 2 sarebbe basso. Adesso che abbiamo determinato il prezzo di ciascun bond alla data 0, vogliamo stabilire quale sarà il prezzo rispettivo alla data 1. Il prezzo del bond a un anno (bond A) dev essere 1080 alla data 1 perché il pagamento alla scadenza avviene allora. Il difficile è stabilire quale sarà alla data 1 il prezzo del bond a due anni (bond B). Supponete di scoprire che alla data 1 il tasso spot a un anno dalla data 1 alla data 2 è il 6%. Noi affermiamo che è il tasso spot a un anno per l anno 2. Significa che potete investire 1000 alla data 1 e ricevere 1060 ( 1000 x 1.06) alla data 2. Poiché è già passato un anno per il bond B, gli rimane solo un anno di vita residua. Poiché il bond B paga 1210 alla data 2, il suo valore alla data 1 è: = 1210/1.06 (A.7) Notate che nessuno sapeva prima a che prezzo si sarebbe venduto il bond B alla data 1, perché nessuno sapeva che il tasso spot a un anno per l anno 2 sarebbe stato il 6%. Supponete che a partire dalla data 1 il tasso spot a un anno si riveli non il 6%, ma il 7%. Significa che potete investire 1000 alla data 1 e ricevere 1070 ( 1000 x 1.07) alla data 2. In questo caso, il valore del bond B alla data 1 sarebbe: = 1210/1.07 (A.8) Supponete infine che il tasso spot a un anno alla data 1 non sia né il 6% né il 7%, ma il 14%. Significa che potete investire 1000 alla data 1 e ricevere e1140 ( 1000 x 1.14) alla data 2. In questo caso, il valore del bond B alla data 1 sarebbe: = 1210/ La modifica delle assumptions semplifica la presentazione ma non altera le nostre conclusioni.

5 Il prezzo a cui si venderà il bond B alla data 1 non è noto prima della data 1, perché il tasso spot a un anno che prevarrà nell anno 2 non è noto fino alla data 1. È importante ribadire che mentre il tasso anticipato è noto alla data 0, il tasso spot a un anno a partire dalla data 1 è ignoto fino ad allora. Dunque il prezzo del bond B alla data 1 resta sconosciuto fino a quella data. Prima della data 1, possiamo parlare solo della cifra a cui il bond B si dovrebbe vendere alla data 1. Lo scriviamo come segue: 5 Prezzo a cui si dovrebbe vendere il bond B alla data 1: 1210/1 + Tasso spot atteso per l anno 2 (A.9) Ci sono due osservazioni da fare a questo punto. Primo, poiché ognuno è un individuo a sé, il valore atteso del bond B differisce da una persona all altra. Parleremo più avanti di un valore atteso condiviso dagli investitori. Secondo, l equazione (A.9) rappresenta la previsione individuale di quello che dovrebbe essere il prezzo del bond alla data 1. La previsione viene fatta in anticipo, ossia alla data 0. La relazione tra tasso anticipato del secondo anno e tasso spot atteso per il secondo anno. In presenza di una previsione di prezzo per il bond B, un investitore può scegliere tra due strategie alla data 0: 1 Acquistare un bond a un anno. I proventi alla data 1 sarebbero: 1080 = 1000 x 1.08 (A.10) 2 Acquistare un bond a due anni ma venderlo alla data 1. I proventi attesi sarebbero: 1000 x (1.10) 2 /1 + Tasso spot atteso nell anno 2 (A.11) Tenuto conto di quanto abbiamo detto sui tassi prefissati, possiamo riscrivere così (A.11): 1000 x 1.08 x /1 + Tasso spot atteso nell anno 2 (A.12) (Ricordatevi che 12.04% era il tasso anticipato per l anno 2: ossia f 2 = 12.04%). A quali condizioni il rendimento derivante dalla strategia 1 sarà uguale al rendimento atteso dalla strategia 2? In altre parole, a quali condizioni (A.10) sarà uguale a (A.12)? Le due strategie daranno lo stesso rendimento atteso solo quando: 12.04%= Tasso spot atteso nell anno 2 (A.13) In altre parole, se il tasso anticipato è uguale al tasso spot atteso, l investitore si aspetterebbe lo stesso rendimento nel primo anno se (a) investisse in un bond a un anno; (b) investisse in un bond a due anni ma lo rivendesse dopo un anno. L ipotesi dell aspettativa. L Equazione (A.13) sembra alquanto ragionevole. È ragionevole cioè che gli investitori fissino i tassi di interesse in maniera tale che il tasso anticipato eguagli il tasso spot atteso dal mercato tra un anno. 6 Immaginate per esempio che gli individui presenti sul mercato non si preoccupino del rischio. Se il tasso anticipato, f 2, è inferiore a al tasso spot atteso per l anno 5 Tecnicamente, l Equazione (A9) è solo un approssimazione, a causa della ineguaglianza di Jensen. In altre parole, i valori attesi sono: 1210/1 + Tasso spot > 1210/ 1 + Tasso spot atteso per l anno 2 Ignoriamo tuttavia questo aspetto secondario nel prosieguo dell analisi. 6 Naturalmente, ogni individuo avrà aspettative diverse, perciò l Equazione (A.13) non può valere per tutti. Tuttavia, gli economisti finanziari parlano generalmente di un aspettativa consensuale. È l aspettativa del mercato nel suo complesso.

6 2, coloro che desiderano investire per un anno acquisterebbero sempre un bond annuale. Il nostro lavoro dimostra cioè che un individuo che investe in un bond biennale ma pensa di venderlo alla fine del primo anno si aspetterebbe di guadagnare meno di quanto guadagnerebbe se acquistasse un bond annuale. L Equazione (A.13) è stata formulata per il caso specifico in cui il tasso anticipato era il 12.04%. Possiamo generalizzarla come segue: Ipotesi dell aspettativa: f 2 = Tasso spot atteso per l anno 2 (A.14) L Equazione (A.14) dice che il tasso anticipato per il secondo anno coincide con il tasso spot che a giudizio del mercato dovrebbe prevalere nel secondo anno. È la cosiddetta ipotesi dell aspettativa. Afferma che gli investitori fisseranno dei tassi di interesse in base ai quali il tasso anticipato per il secondo anno è uguale al tasso spot a un anno atteso per il secondo anno. Ipotesi della preferenza per la liquidità. A questo punto, molti studenti pensano che l Equazione (A.14) debba valere universalmente. Notate tuttavia che abbiamo sviluppato l Equazione (A.14) assumendo che gli investitori fossero indifferenti al rischio. Supponete invece che gli investitori siano avversi al rischio. Quale strategia apparirebbe più rischiosa a un individuo che vuole investire per un anno? 1. Investire in un bond annuale. 2. Investire in un bond biennale ma venderlo alla fine del primo anno. La strategia 1 non presenta rischi di sorta perché l investitore sa che il tasso di interesse dev essere r 1. La strategia 2, per contro, comporta un rischio più elevato: il rendimento finale dipende da ciò che accade ai tassi di interesse. Poiché la strategia 2 è più rischiosa della strategia 1, nessun investitore avverso al rischio la sceglierà se entrambe le strategie hanno lo stesso rendimento atteso. Gli investitori avversi al rischio possono non avere preferenze tra le due strategie solo quando il rendimento della strategia 2 è nettamente superiore al rendimento della strategia 1. Poiché le due strategie hanno lo stesso rendimento atteso quando f 2 è uguale al tasso spot atteso per l anno 2, la strategia 2 può avere un rendimento percentuale più elevato solo quando si verifica la seguente condizione: Ipotesi della preferenza per la liquidità: f 2 > Tasso spot atteso per l anno 2 (A.15) Vale a dire che per indurre gli investitori a detenere i più rischiosi bond a due anni, il mercato fissa il tasso garantito per il secondo anno al disopra del tasso spot atteso per il secondo anno. L Equazione (A.15) è detta ipotesi della preferenza per la liquidità. Abbiamo sviluppato tutto il discorso in base all assunto che gli individui intendano investire a un anno. Abbiamo osservato che per questo tipo di investitori un bond biennale non comporta rischi aggiuntivi perché dev essere venduto prima della scadenza. Cosa possono fare gli individui che vogliono investire per due anni? (Diciamo che questi investitori hanno un orizzonte temporale di due anni). Potrebbero scegliere una delle seguenti strategie: 3. Acquistare un bond biennale zero coupon. 4. Acquistare un bond annuale, e acquistarne immediatamente un altro quando il primo viene a scadenza. La strategia 3 non presenta nessun rischio per un investitore che ha un orizzonte temporale di due anni, perché i proventi da incassare alla data 2 sono già noti alla data 0. Ma la strategia 4 è a rischio perché il tasso spot dell anno 2 è ignoto alla data 0. Si può dimostrare che gli investitori avversi al rischio saranno indifferenti tra le strategie 3 e 4 quando: f 2 < Tasso spot atteso per l anno 2 (A.16)

7 Notate che l assunto dell avversione al rischio genera previsioni di segno contrario. La relazione (A.15) vale per un mercato dominato da investitori con un orizzonte temporale di un anno. La relazione (A.16) vale per un mercato dominato da investitori con un orizzonte temporale di due anni. Gli economisti finanziari hanno concordemente affermato che l orizzonte temporale del tipico investitore è generalmente molto più breve rispetto alla scadenza dei bond offerti dal mercato. Dunque per gli economisti (A.15) è la relazione che meglio fotografa la situazione di equilibrio in un mercato dei bond dominato da investitori avversi al rischio. Ma abbiamo veramente un mercato di investitori indifferenti o avversi al rischio? In altre parole, si può dare credito all ipotesi delle aspettative dell Equazione (A.14) o all ipotesi della preferenza per la liquidità dell Equazione (A.15)? Come vedremo più avanti, gli economisti ritengono gli investitori in massima parte avversi al rischio. Ma gli economisti non si accontentano mai di un esame superficiale delle assumptions su cui si fonda una teoria. Per loro, il giudice definitivo dev essere l evidenza empirica delle previsioni che discendono da una teoria. Ci sono ormai molte evidenze empiriche sulla struttura temporale dei tassi di interesse. Sfortunatamente (ma fortunatamente per alcuni studenti), non abbiamo la possibilità di illustrarle in tutti i dettagli. Ci limitiamo a dire che, a nostro avviso, i dati di fatto corroborano più l ipotesi della preferenza per la liquidità che l ipotesi delle aspettative. Basterebbe un risultato per dare agli studenti una percezione adeguata delle nostre ricerche- Considerate un individuo che deve scegliere tra uni di queste due strategie: 1. Investire in un bond annuale. 2. Investire in un bond ventennale ma venderlo alla fine del primo anno. (La strategia 2 è identica alla strategia 2, con la sola differenza che si tratta di un bond ventennale anziché biennale). L ipotesi delle aspettative afferma che i rendimenti attesi delle due strategie sono identici. L ipotesi della preferenza per la liquidità afferma che il rendimento atteso della strategia 2 dovrebbe essere superiore al rendimento atteso della strategia 1. Benché nessuno sappia quali ritorni siano attesi effettivamente su un determinato periodo di tempo, i rendimenti effettivi del passato potrebbero consentirci di sviluppare delle aspettative. I risultati relativi agli Stati Uniti per il periodo gennaio 1926 dicembre 1999 sono illuminanti. Su questo arco temporale, il rendimento medio annuo della strategia 1 è il 3.8% e il rendimento medio annuo della strategia 2 è il 5.5%. 7,8 Questo dato si considera generalmente coerente con l ipotesi della preferenza per la liquidità e incoerente con l ipotesi delle aspettative. Problemi 1. Pricing dei bond. Il tasso di interesse spot a un anno è l 8% e il tasso spot a due anni è il 10%. (a) Qual è il prezzo di un bond biennale che paga una cedola annua del 6%. (b) Qual è il rendimento alla scadenza di questo bond? 2. Pricing dei bond. Il tasso spot a un anno è l 11% e il tasso spot a due anni è l 8%. Qual è il prezzo di un bond biennale che paga una cedola annua del 5%? 3. Tassi anticipati. Se il tasso spot un anno è il 7% e il tasso spot a due anni è l 8.5%, qual è il tasso anticipato a un anno nel secondo anno? 4. Tassi anticipati. Assumete i seguenti tassi spot 7 Tratto da Stocks, Bonds,, Bills and Inflation 2000 Yearbook (Ibbotson Associates, inc., Chicago). Ibbotson Asociates aggiorna ogni anno il lavoro di Roger G. Ibbotson e Rex A. Sinquefield. 8 È importante rilevare che la strategia 2 non comporta l acquisto di un bond ventennale e la sua detenzione fino alla scadenza. Consiste nell acquistare un bond ventennale e nel venderlo un anno dopo ossia quando è diventato un bond a 19 anni. Questa transazione ripetitiva si verifica 74 volte nel campione di 74 anni che va da gennaio 1926 a dicembre 1999.

8 Anno Tasso spot (%) (a) Calcolate il tasso anticipato a un anno per il secondo anno. (b) Calcolate il tasso anticipato a un anno per il terzo anno. 5. Struttura temporale. Assumete i seguenti tassi anticipati: Scadenza Tasso anticipato (%) Calcolate i tassi spot per gli anni 1 e Struttura temporale. Di fronte a questi due scenari, per quale range di tassi spot attesi nell anno 2 vi converrebbe adottare la strategia 1? Spiegate. Strategia 1: acquistare un bond biennale e poi venderlo nell anno 1. Strategia 2. acquistare un bond annuale.

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Per esempio, se il tasso di interesse è il 10%, il punto A sarebbe: A = 60 000 + [ 50 000 x (1 + 0.1)] = 60 000 + 55 000 = 115 000

Per esempio, se il tasso di interesse è il 10%, il punto A sarebbe: A = 60 000 + [ 50 000 x (1 + 0.1)] = 60 000 + 55 000 = 115 000 Appendice 4A Valore attuale netto: principi-base di finanza In questa appendice illustriamo i fondamenti teorici del valore attuale netto. Prima spieghiamo come vengono effettuate le scelte individuali

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il concetto di tempo Il valore finanziario del tempo Le determinanti del tasso di interesse La formula di Fisher I flussi di cassa

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC)

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Prontuario Intervista per l Investitore 2 Titolo Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Autore www.proiezionidiborsa.com

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007 Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 5 maggio 2 a. Assumendo che il colore dei capelli negli esseri umani sia determinato da una coppia di alleli, diciamo (B, S), presi a caso con probabilità

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 9 Contenuti della lezione Operazioni finanziarie, criterio

Dettagli

PERCORSI ABILITANTI SPECIALI 2014 DIDATTICA DELL ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

PERCORSI ABILITANTI SPECIALI 2014 DIDATTICA DELL ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI 014 DIDATTICA DELL ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI A cura Dott.ssa Federica Miglietta ESERCITAZIONE CALCOLO FINANZIARIO: Nel caso degli investimenti si parla genericamente

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI I TASSI DI INTERESSE TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO ALLA SCADENZA (TRES) O YIELD-TO- MATURITY (YTM) Lezione 3 1 I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE o o Misurazione dei tassi di interesse

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Finanza matematica - Lezione 01

Finanza matematica - Lezione 01 Finanza matematica - Lezione 01 Contratto d opzione Un opzione è un contratto finanziario stipulato al tempo, che permette di eseguire una certa transazione, d acquisto call o di vendita put, ad un tempo

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 3

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 3 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi 3 Piani di ammortamento Esercizio 1. Un prestito di 12000e viene rimborsato in 10 anni con rate

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7 FINANZA AZIENDALE Lezione n. 7 Valutare i titoli obbligazionari 1 SCOPO DELLA LEZIONE L obbligazione è il titolo più semplice che si possa trovare sul mercato. Il suo valore dipende da due elementi: i

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1

Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1 Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1 Introduzione Il leveraged buyout (LBO) è l acquisizione, da parte di un piccolo gruppo di investitori, di un azienda

Dettagli

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY LA PUT-CALL PARITY Questa relazione chiarisce se sia possibile effettuare degli arbitraggi e, quindi, guadagnare senza rischi. La put call parity è una relazione che lega tra loro: il prezzo del call,

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Capitolo 2. Operazione di limite

Capitolo 2. Operazione di limite Capitolo 2 Operazione di ite In questo capitolo vogliamo occuparci dell operazione di ite, strumento indispensabile per scoprire molte proprietà delle funzioni. D ora in avanti riguarderemo i domini A

Dettagli

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica CAPITOLO I. - PROGRAMMAZIONE DINAMICA La programmazione dinamica è una parte della programmazione matematica che si occupa della soluzione di problemi di ottimizzazione di tipo particolare, mediante una

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Misure finanziarie del rendimento: il Van

Misure finanziarie del rendimento: il Van Misure finanziarie del rendimento: il Van 6.XI.2013 Il valore attuale netto Il valore attuale netto di un progetto si calcola per mezzo di un modello finanziario basato su stime circa i ricavi i costi

Dettagli

Matematica Finanziaria Soluzione della prova scritta del 15/05/09

Matematica Finanziaria Soluzione della prova scritta del 15/05/09 Matematica Finanziaria Soluzione della prova scritta del 15/05/09 ESERCIZIO 1 Il valore in t = 60 semestri dei versamenti effettuati dall individuo è W (m) = R(1 + i 2 ) m + R(1 + i 2 ) m 1 +... R(1 +

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1 Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre. Calcolare il montante che si ottiene dopo anni con un investimento di e in regime nominale al tasso annuale del % pagabile due

Dettagli

Misure finanziarie del rendimento: il Van

Misure finanziarie del rendimento: il Van Misure finanziarie del rendimento: il Van 12.XI.2014 Il valore attuale netto Il valore attuale netto di un progetto si calcola l per mezzo di un modello finanziario basato su stime circa i ricavi i costi

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

studi e analisi finanziarie La Duration

studi e analisi finanziarie La Duration La Duration Cerchiamo di capire perchè le obbligazioni a tasso fisso possono oscillare di prezzo e, quindi, anche il valore di un fondo di investimento obbligazionario possa diminuire. Spesso si crede

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Esercizio 1 Ci sono 2000 individui ciascuno con funzione di utilità Von Neumann-Morgestern

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 10 ANALISI DEGLI INVESTIMENTI In questa

Dettagli

Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari. ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari

Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari. ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Marco Fumagalli A.A. 2011-2012 Contents 1. LA RELAZIONE PREZZO-RENDIMENTO... 2 1.1. L obbligazione

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 10 Contenuti della lezione Valutazione di titoli obbligazionari

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Le Scelte Finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08

Le Scelte Finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 Le Scelte Finanziarie 1 Tasso Interno di Rendimento Consideriamo un operazione finanziaria (t 0 =0): 0 x 0 t 1 t 2 t m...... x 1 x 2 x m Posto: x = x0, x1,, xm { } si definisce tasso interno di rendimento

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A 1. Un tizio ha bisogno di 600 euro che può chiedere, in alternativa, a due banche: A e B. La banca A propone un rimborso a quote capitale costanti mediante tre

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Molti aderenti ci hanno posto alcuni quesiti sul tema pensionistico/liquidativo:

Molti aderenti ci hanno posto alcuni quesiti sul tema pensionistico/liquidativo: Nonostante la riforma Fornero qualcuno riesce ancora ad andare in pensione. Come si inserisce il Fondo Pensione in questa eventualità, quali sono le scelte che è possibile ed è meglio fare. Molti aderenti

Dettagli

Assicurazione e contratto assicurativo

Assicurazione e contratto assicurativo Teoria dei giochi, A.A. 2002/03 c Fioravante Patrone 1 Assicurazione e contratto assicurativo Consideriamo il problema di assicurarsi contro un sinistro. Vediamo le ragioni per cui può verificarsi il fatto

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO?

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? Versione preliminare: 1 Agosto 28 Nicola Zanella E-mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT I seguenti grafici riguardano il rischio di investire

Dettagli

3. Determinare il numero di mesi m > 0 tale che i montanti generati dai due impieghi coincidano. M = 1000 1 + 0.1 9 ) = 1075 12

3. Determinare il numero di mesi m > 0 tale che i montanti generati dai due impieghi coincidano. M = 1000 1 + 0.1 9 ) = 1075 12 Esercizi di matematica finanziaria 1 Leggi finanziarie in una variabile Esercizio 1.1. Un soggetto può impiegare C o a interessi semplici con tasso annuo i oppure a interessi semplici anticipati con tasso

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni CAPITOLO 2 Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni Semplici PROBLEMI 1. a. Negativo; b. VA = C 1 /(1 + r); c. VAN = C 0 + [C 1 /(1 + r)]; d. r è la remunerazione a cui si

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Introduzione Livelli di significatività Verifica di ipotesi sulla media di una popolazione normale Verifica di ipotesi sulla varianza di una popolazione normale Verifica di ipotesi

Dettagli

Il metodo reddituale esprime il valore dell impresa come funzione esclusiva della sua capacità di reddito

Il metodo reddituale esprime il valore dell impresa come funzione esclusiva della sua capacità di reddito Il metodo reddituale Il metodo reddituale esprime il valore dell impresa come funzione esclusiva della sua capacità di reddito W = f (R) W cioè il valore del capitale economico è funzione del reddito 11

Dettagli

La Teoria Moderna del Consumo

La Teoria Moderna del Consumo La Teoria Moderna del Consumo Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it Spesa per consumi Il consumo è la componente predominante della

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 26 I mercati finanziari Prof. Gianmaria Martini Moneta e titoli Nei paesi industrializzati esistono varie tipologie di

Dettagli

= 1, = w 2 x σ 2 x + (1 w x ) 2 σ 2 x 2 w x (1 w x ) σ x σ y, = 0.12 0.6 w x 0.2. = 0,

= 1, = w 2 x σ 2 x + (1 w x ) 2 σ 2 x 2 w x (1 w x ) σ x σ y, = 0.12 0.6 w x 0.2. = 0, Corso di Laurea: Numero di Matricola: Esame del 6 febbraio 2014 Tempo consentito: 120 minuti Professor Paolo Vitale Anno Accademico 2012-3 UDA, Facoltà d Economia Domanda 1 [9 punti, 270 & 509]. 1. Se

Dettagli

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari:

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri L investimento in strumenti finanziari

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

Esercizio 1.1. Il mercato offre oggi al prezzo P = 995 un BOT con valore nominale 1000 e scadenza a 6 mesi.

Esercizio 1.1. Il mercato offre oggi al prezzo P = 995 un BOT con valore nominale 1000 e scadenza a 6 mesi. Esercizi di matematica finanziaria 1 Titoli senza cedola Esercizio 1.1. Il mercato offre oggi al prezzo P = 995 un BOT con valore nominale e scadenza a 6 mesi. 1. Calcolare il rendimento semplice lordo

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 6

Economia Monetaria - Slide 6 Economia Monetaria - Slide 6 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA FINANZIARIA

APPUNTI DI MATEMATICA FINANZIARIA APPUNTI DI MATEMATICA FINANZIARIA 15 gennaio 2015 Sommario Introduzione per lo studente: Questa dispensa è stata creata appositamente per tutti gli studenti che per fortuna o sfortuna si sono imbattuti

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti 1 MODULO 1 1.1 Principali grandezze finanziarie 1. Si consideri una operazione finanziaria di provvista che prevede di ottenere

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica (Gli esercizi sono suddivisi in base ai capitoli del testo di De Vincenti) CAPITOLO 3. IL MERCATO DEI BENI NEL MODELLO REDDITO-SPESA Esercizio.

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA ATTIVITÀ DI ANALISI QUESITI INVALSI GRUPPO DI LAVORO DI PARMA Coordinamento prof. P. VIGHI ANALISI QUESITI RELATIVI A: FASCICOLO somministrato nella 2^ classe PRIMARIA a.s. 2013-2014 FASCICOLO somministrato

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 19 e 20 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 1. dal Cap. 19 del Libro di Testo) Nei paesi di Richland

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Equivalenza economica

Equivalenza economica Equivalenza economica Calcolo dell equivalenza economica [Thuesen, Economia per ingegneri, capitolo 4] Negli studi tecnico-economici molti calcoli richiedono che le entrate e le uscite previste per due

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli