PROFILI INFORMATICO-GIURIDICI DEL FILE-SHARING * Dott. Gianluigi Fioriglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILI INFORMATICO-GIURIDICI DEL FILE-SHARING * Dott. Gianluigi Fioriglio"

Transcript

1 PROFILI INFORMATICO-GIURIDICI DEL FILE-SHARING * Dott. Gianluigi Fioriglio 1. Premessa: brevi cenni sul diritto d autore Le nuove tecnologie informatiche, com è noto, hanno profondamente inciso sulla concezione stessa di proprietà intellettuale, oggi da più parti ritenuta inidonea a tutelare efficacemente le esigenze dei titolari dei diritti d autore nonché a dare concreta realizzazione al principio di bilanciamento degli interessi confliggenti in simili ipotesi: da un lato c è l esigenza di tutelare non solo i profili morali degli autori e dei loro aventi causa, dall altro quella di favorire la crescita culturale, in senso lato, delle varie cittadinanze e, più in generale, dell umanità. Negli ultimi anni numerose tipologie di opere dell ingegno sono state tradotte in formato binario e la loro circolazione diviene progressivamente più celere ed economica man mano che le tecnologie informatiche e le infrastrutture di rete progrediscono. Dinanzi ad un tale quadro fattuale, risulta assai difficile rispondere all interrogativo circa l efficacia e la validità delle legislazioni vigenti in tale ambito. Sul punto, la dottrina si divide fra apocalittici e integralisti : fra i primi si possono far rientrare quelli che ritengono che il diritto d autore non sia più in grado di assicurare il controllo dell utilizzazione delle opere, e che ritengono, per ragioni che possono corrispondere a obiettivi di politica legislativa antitetici, che il diritto d autore debba essere profondamente ripensato nella sua giustificazione e nel suo contenuto ; fra i secondi si possono collocare coloro che ritengono che la nuova realtà incida solo sugli aspetti meramente quantitativi dell utilizzazione delle opere e non su quelli qualitativi e che il diritto d autore sia ancora in grado di assolvere la sua funzione tradizionale con gli adattamenti necessari per regolare nuove forme di utilizzazione 1. Nel sistema italiano, il nucleo fondamentale della normativa in materia di diritto d autore è costituito dalla legge 22 aprile 1941, n. 633 (la c.d. legge sul diritto d autore 2, d ora in poi l. aut.), emanata al fine di tutelare le opere dell'ingegno che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all'architettura, al teatro ed alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione, purché abbiano carattere creativo, ossia presentino un minimo di originalità oggettiva rispetto a preesistenti opere dello stesso genere 3. Il diritto d autore viene acquistato a titolo originario al momento della creazione dell opera, senza la necessità di dover compiere atti ulteriori rispetto a quello creativo, che rappresenta dunque, al contempo, condizione necessaria e sufficiente per l acquisto del diritto d autore. È comunque indispensabile che l attività creativa si estrinsechi in una forma percepibile, dunque che non rimanga al livello di mero pensiero nella mente del suo autore. Non è necessaria la divulgazione pubblica dell opera o la fissazione su un supporto fisico, essendo all uopo sufficiente una qualsiasi * In appendice sono riportate le norme giuridiche citate nel corso della lezione. 1 Così P. AUTERI, Internet ed il contenuto del diritto d autore, in AIDA Annali italiani del diritto d autore, della cultura e dello spettacolo, 1996, pp Sugli aspetti generali del diritto d autore v.: L. C. UBERTAZZI, Diritto d autore internazionale e comunitario (voce), in Digesto delle discipline privatistiche sezione commerciale, IV, Utet, Torino, 1989, pp ; L. C. UBERTAZZI, Diritto d autore: introduzione (voce), in Digesto delle discipline privatistiche sezione commerciale, IV, Utet, Torino, 1989, pp Così G. F. CAMPOBASSO, Diritto commerciale, 1, Diritto dell impresa, Utet, Torino, 1997, p. 191; invece M. AMMENDOLA, Diritto d autore: diritto materiale (voce), in Digesto delle discipline privatistiche sezione commerciale, IV, Utet, Torino, 1989, p. 378, ritiene che l atto creativo, come condizione acquisitiva del diritto necessaria e sufficiente, si identifica con l apporto individuale, personale dell autore; sì che, osservato sotto il profilo del o ricercato nel risultato (opera dell ingegno), induce a ritenere quest ultimo tutelabile non appena presenta il requisito della novità in senso soggettivo. 1

2 forma di estrinsecazione, come la comunicazione orale per un opera letteraria o l esecuzione per un opera musicale 4. L opera può essere collettiva, ossia il frutto del lavoro di più persone (come una rivista od un enciclopedia): essa è considerata opera originale, mentre il suo autore è, ex art. 7 l. aut., il direttore od il coordinatore. Se i singoli contributi sono distinguibili e separabili, ai loro autori è riconosciuto il diritto d autore ciascuno sulla propria parte, che, salvo patto contrario, può essere utilizzata separatamente dall opera collettiva. Se, invece, l opera è stata creata con il contributo indistinguibile ed inscindibile di più persone, il diritto d autore appartiene in comune a tutti i coautori e le parti indivise si presumono di valore uguale, salvo prova scritta di diverso accordo (c.d. opera in comunione). Al riguardo si applicano le norme in tema di comunione e la difesa del diritto morale può essere esercitata individualmente da ciascun coautore, mentre è necessario l accordo di tutti i coautori per la pubblicazione dell opera, se inedita, o per la sua modifica od utilizzazione in forma diversa da quella della prima pubblicazione, fatta salva la possibilità di ricorrere all autorità giudiziaria al fine di autorizzarne la pubblicazione o la modifica in caso di ingiustificato rifiuto di uno o più coautori. Il comma 1 dell art. 38 l. aut. dispone, infine, che i diritti di utilizzazione economica spettano all editore, salvo patto contrario 5. La legge offre una duplice tutela, morale e patrimoniale, all autore. Il diritto morale è inalienabile ed imprescrittibile, e consiste nel diritto di rivendicare la paternità dell opera e di opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione od altra modificazione, ed a ogni atto a danno dell opera stessa, che possano essere di pregiudizio al suo onore o alla sua reputazione (art. 20 l. aut.); inoltre, l autore di un opera anonima o pseudonima ha sempre il diritto di rivelarsi e di far riconoscere in giudizio la sua qualità di autore (art. 21 l. aut.). Questi diritti non vengono meno anche nel caso di cessione dei diritti patrimoniali, per i quali è previsto un diverso regime. L autore ha infatti il diritto esclusivo di utilizzare economicamente l opera in ogni forma e modo, originale o derivato, e tale diritto dura per tutta la sua vita e si estingue settanta anni dopo la sua morte; inoltre, i relativi diritti aventi carattere patrimoniale possono essere acquistati, alienati o trasmessi in tutti i modi e le forme consentiti dalla legge, dunque sia a titolo definitivo che temporaneo, mentre la cessione di uno o più esemplari dell opera non comporta, salvo patto contrario, la trasmissione dei diritti di utilizzazione economica (art. 109 l. aut.). La l. aut. prevede inoltre sanzioni civili, penali ed amministrative a tutela del diritto d autore, sia con riferimento ai diritti di utilizzazione economica che ai diritti morali. Oggi, però, la progressiva diffusione di Internet e la digitalizzazione di informazioni di ogni tipo hanno messo in crisi un diritto d autore modellato sulla imprescindibilità del supporto 6. Ciò è dovuto al fatto che, se sino a pochi anni fa, la fruizione di alcune tipologie di opere dell ingegno (si pensi all ascolto di un brano musicale od alla visione di un lungometraggio) non poteva prescindere dal possesso, anche temporaneo (come nelle ipotesi del noleggio di videocassette), del supporto che le conteneva, oggi l immaterialità che connota le nuove tecnologie, anche grazie all interconnessione globale consentita dalla rete Internet, comporta la cessazione della necessarietà del supporto medesimo, sostituito da computer sempre più idonei ad essere essi stessi supporti multiformi, pienamente adattabili a molteplici esigenze. Questa intrinseca differenza rende palese la necessità di abbandonare le tradizionali metodologie regolamentative sinora adottate nell ambito della regolamentazione del diritto d autore, in modo da adeguare realmente il diritto alle mutate esigenze della Società dell informazione. 4 M. AMMENDOLA, op. cit., p Un'altra tipologia di opere è formata da quelle c.d. composte, cioè costituite da più contributi eterogenei e distinti e tuttavia elementi essenziali di un insieme organico ed indivisibile, come nel caso delle opere drammatico-musicali, delle composizioni musicali con parole e delle opere coreografiche e pantomimiche, disciplinati dagli artt l. aut., ai sensi dei quali esse cadono in comunione, ma il diritto di utilizzazione economica dell opera spetta di norma all autore della musica. 6 Sul punto cfr., fra gli altri, B. PIOLA CASELLI, Internet ed il diritto d autore (voce), in Digesto delle discipline privatistiche sezione civile, Utet, Torino, 2003, Agg., pp

3 Purtroppo il legislatore italiano, lungi dal considerare e valutare rettamente i suddetti mutamenti, ha tenuto fermo l originario impianto della l. aut., che ha subito così tanti interventi riformatori alcuni dei quali sovrapposti anche a breve distanza di tempo da somigliare alla tela di Penelope o al vestito di Arlecchino Digital Rights Management (DRM) Con la dizione Digital Rights Management (DRM) si indica, in linea generale, una tecnologia che consente ai proprietari di contenuti digitali di qualsiasi tipo di distribuirli in maniera sicura attraverso tecnologie informatiche, anch esse di qualsiasi tipo, al fine di impedirne eventuali utilizzi illeciti. L importanza di questa tematica è strettamente connessa alla progressiva diffusione delle tecnologie informatiche, che hanno permesso di digitalizzare un vasto numero di opere dell ingegno, portando a numerosi benefici ma facilitando, altresì, eventuali attività illecite (come la duplicazione abusiva di tali opere). Difatti, quando queste opere assumono una forma analogica, i problemi sono meno gravi, poiché lo svolgimento di attività illecite (come la duplicazione abusiva di un lungometraggio posto su videocassetta oppure di brani musicali posti su audiocassetta) può addirittura risultare controproducente, sia per il tempo necessario per porre in essere l atto concreto di duplicazione e sia per il decadimento qualitativo insito in simili processi. Ciò nonostante, le potenze del settore hanno sempre osteggiato la disponibilità al grande pubblico di strumenti che consentissero di porre in essere attività potenzialmente lesive. Ovviamente, ciò non accade quando le opere dell ingegno sono state digitalizzate, non solo poiché nessun decadimento viene posto in essere (tanto che la copia è indinstiguibile dall originale), ma anche perché la stessa attività di duplicazione diviene semplice, oltre che celere. Soprattutto la diffusione di Internet e dei programmi di peer to peer hanno ulteriormente agevolato la possibilità di acquisire illecitamente opere protette da diritto d autore. Pertanto, l interesse verso le misure tecniche di protezione delle suddette opere è in continua crescita. Se prima l obiettivo era solamente tutelare i programmi per elaboratore, oggi tali tecniche vengono utilizzate anche per proteggere altre categorie di opere dell ingegno, come brani musicali e lungometraggi. Il problema principale è dovuto al fatto che, nonostante le norme sulla protezione della proprietà intellettuale già pongano notevoli limitazioni al legittimo utilizzatore di un opera dell ingegno, i titolari dei diritti d autore spingono affinché ulteriori limitazioni vengano poste in essere, anche per espressa previsione legislativa, per mezzo di tecniche di DRM. A mero titolo esemplificativo, si possono qui ricordare alcuni sistemi di DRM che però, a tutt oggi, non hanno raggiunto gli obiettivi sperati: - sistemi di protezione hardware. In linea generale, essi consistono in tutti quei dispositivi da utilizzare per poter fruire di un determinato prodotto. Ad esempio, l utilizzo di determinati software professionali (come alcuni programmi per la computergrafica tridimensionale) è subordinato all inserimento dei c.d. dongles, che possono consistere in chiavi hardware da connettere ad una porta USB (alcuni anni or sono si utilizzava la porta seriale RS232). I problemi che si pongono in queste ipotesi sono di varia tipologia: compatibilità, costi, scomodità nell utilizzo. Inoltre, difficilmente tali protezioni sono realmente non aggirabili. - CSS: è un sistema di crittazione anti-copia per i file contenuti all interno di un DVD, che non risultano leggibili senza un opportuno decodificatore (hardware o software) che possa decifrarli. I DVD contengono alcune informazioni che identificano univocamente la regione (ossia l area geografica) nell ambito della quale gli stessi devono essere venduti. 7 M. S. SPOLIDORO, Una nuova riforma per il diritto d autore nella società dell informazione, in Il corriere giuridico, 2003, 7, p

4 Tale meccanismo di controllo è altresì presenti nei lettori DVD, che sono in grado di leggere i soli DVD aventi il medesimo codice regionale 8. Esso è stato facilmente aggirato ed oggi è assai semplice non solo duplicare un film, ma anche bypassare le limitazioni dovute al codice regionale. Le limitazioni di tali sistemi, dunque, vanno a tutto scapito dei legittimi utilizzatori. - Attivazione del prodotto. Consiste nell impedire o nel limitare l utilizzo di un software sino a quando non viene svolta un attività ulteriore all installazione del programma, ossia una sorta di registrazione, svolta per via telematica o telefonica. Tale metodo ha suscitato notevoli discussioni, perché limita il godimento di un prodotto: difatti, usualmente il codice dell attivazione è relativo alla configurazione hardware del sistema, per cui, se la configurazione subisce un certo numero di variazioni, è necessario attivare nuovamente il prodotto. Questa metodologia è stata seguita per prima da Microsoft con l introduzione del sistema operativo Windows XP ed è stata poi adottata anche da altre case di software. Oggi esistono numerose tecnologie di DRM, anche ben note e sovente utilizzate (a titolo esemplificativo, in Steam 9 e itunes 10 ). Da un lato, tali tecnologie possono consentire, in astratto, una efficace tutela delle posizioni giuridiche soggettive dei titolari dei diritti d autore. Dall altro lato, però, le problematiche che possono derivare dall implementazione di tecnologie di DRM sono numerose e di diverso ordine. In linea generale, costituiscono limitazioni al libero mercato e paiono sempre più anacronistiche nell odierna società globalizzata. Ad esempio, se un opera dell ingegno viene protetta con tecnologie di DRM, al termine del periodo in cui tutti i diritti d autore spettano in via esclusiva ai legittimi titolari, di fatto essa non potrà mai diventare di pubblico dominio se non forzando le misure di DRM, che, allo stato attuale, sono permanenti. Tale argomentazione è strettamente correlata ad una problematica ulteriore, di carattere ancor più generale. La protezione ad oltranza delle opere dell ingegno, oltre a costituire un freno per la crescita culturale attuale, può essere una limitazione insuperabile nella più ampia prospettiva della storia dell umanità, posto che anche opere assai importanti un giorno potrebbero non essere mai più accessibili. Si consideri, altresì, che nessuna legge vieta e se lo facesse di dovrebbe dubitare della sua legittimità di rivendere, anche da privato a privato, un opera dell ingegno legittimamente acquistata. L implementazione di tecnologie di DRM potrebbe limitare notevolmente, se non impedire del tutto, simili (e legittime) attività. Del resto, che tali misure limitino il godimento di un opera dell ingegno anche nei confronti del legittimo utilizzatore è fuor di dubbio: basti citare esempi banali, come l impossibilità di evitare la visualizzazione delle informazioni sul copyright prima di poter fruire di un DVD video legalmente acquistato, oppure l estensione del codice regionale addirittura alle cartucce d inchiostro da utilizzare nelle comuni stampanti (oggettivamente non giustificabile), o, ancora, pubblicizzare eventuali falle di sicurezza presenti nei sistemi anti-copia. 2. Il file sharing Con la dizione file sharing si indica la condivisione di file all interno di una rete comune. Tale rete può avere una struttura del tipo client-server 11 oppure peer-to-peer (P2P) 12. Proprio la nascita 8 A detta della DVD Copy Control Association la ratio di questa codifica regionale consiste nell impedire che qualcuno possa, ad esempio, comprare un DVD negli U.S.A. tramite Internet e poi vederlo in Italia prima che questo sia uscito nelle sale cinematografiche (insieme all ulteriore pericolo di una distribuzione illegale addirittura anticipata). 9 Una delle più popolari piattaforme per la vendita on line di videogiochi. 10 itunes è un software della Apple nonch 11 Un applicazione client-server è un tipo di applicazione di rete nel cui ambito un computer client istanzia l interfaccia utente di un applicazione connettendosi ad una server application o ad un sistema di database. 12 Generalmente per peer-to-peer (o P2P) si intende una rete di computer o qualsiasi rete che non possiede client o server fissi, 4

5 di diverse reti di P2P ha fortemente inciso sulla moderna concezione della proprietà intellettuale, perché ha consentito la trasmissione di file fra utenti interconnessi in tutto il mondo (soprattutto file in formato mp3 e DivX). Fra le reti di peer-to-peer si possono ricordare Napster (oggi non più tale), Gnutella, WinMX, edonkey, BitTorrent. In ciascuna delle anzidette reti, ogni file è individuato in maniera univoca per mezzo di hash 13 criptografici, per cui è possibile individuare le diverse copie di un singolo file eventualmente presenti nella rete. Oggi, i programmi di file sharing consentono uno scambio diretto fra i file ospitati sulle macchine di ciascun utente e stanno diventando sempre più evoluti, grazie all apporto di vere e proprie comunità di utenti che portano avanti l idea della condivisione delle risorse. Il grande successo ottenuto da tali software ha portato ad una loro formidabile evoluzione: Napster, il primo grande programma di P2P di massa, appare assai primitivo se confrontato con i programmi oggi maggiormente utilizzati. Esso era un servizio centralizzato, che consentiva unicamente lo scambio di file in formato mp3, ed era basato su più server che, di fatto, facevano da intermediari fra i diversi utenti connessi alla rete. All opposto di Napster si colloca, invece, BitTorrent, una rete decentralizzata. Essa consente il trasferimento di qualsiasi tipo di file. Una rete decentralizzata non può essere legalmente attaccata, poiché non fa riferimento ad un singolo individuo o soggetto (al contrario di Napster). Proprio per questo, molte azioni giudiziarie vengono tutt oggi poste in essere contro chi fornisce meri collegamenti ai file presenti in queste reti oppure contro i singoli utenti (più che altro per scopo dissuasivo ). Bisogna precisare che nei moderni programmi di P2P l attività di scaricamento dei file non può essere scissa da quella di condivisione e di trasferimento verso altri utenti che lo richiedano, poiché i vari segmenti che costituiscono il file stesso vengono automaticamente messi in condivisione da ciascun programma. In tal modo trovano applicazione le normative, come quella italiana, che prevedono e puniscono penalmente le attività di condivisione anche parziale di contenuti protetti dal diritto d autore: in tal senso è infatti l art. 171-ter della l. aut.. 3. Il caso Peppermint Il c.d. caso Peppermint trova origine nei ricorsi della Peppermint Jam Records GMBH al Tribunale di Roma, con i quali si richiedeva di identificare, inizialmente, intestatari di linee telefoniche che si sarebbero connessi ad Internet ed avrebbero scaricato e/o posto in condivisione file musicali contenti brani di artisti sotto contratto con la suddetta società. Sul presupposto della violazione del diritto d autore era stata invocata l applicazione dell art. 156-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, ai sensi del quale il titolare di un diritto d autore può chiedere e ottenere, anche da soggetti terzi rispetto agli autori della violazione, la comunicazione delle informazioni necessarie all individuazione degli autori della violazione. Da un punto di vista tecnico, il reperimento degli indirizzi IP è stato reso possibile da un software, sviluppato ed utilizzato da una società svizzera (la Logistep AG ), che ha dunque svolto delle vere e proprie «indagini» al pari dell autorità giudiziaria, acquisendo gli indirizzi IP degli utenti che avrebbero scaricato illegalmente i brani musicali. Il Tribunale di Roma ha poi ordinato al provider resistente di fornire tali nominativi. È doveroso precisare che, anche ammesso che un opera dell ingegno sia stata illecitamente scaricata e condivisa mediante una linea identificabile grazie al raffronto fra l indirizzo IP dell elaboratore mediante il quale è stata posta in essere la condotta illecita e fra la singola linea che corrisponde a quell indirizzo IP in base a quanto risulta dai registri informatici (i c.d. log) ma un numero di nodi equivalenti (peer) che fungono sia da client che da server verso altri nodi della rete. 13 Il termine hash, nella sua accezione più comune, identifica una funzione univoca operante in un solo senso (ossia, che non può essere invertita) atta alla trasformazione di un testo in chiaro e di lunghezza arbitraria in una stringa di lunghezza relativamente limitata. Tale stringa rappresenta una sorta di impronta digitale del testo in chiaro, e viene detta valore di hash o checksum crittografico. 5

6 dell Internet provider, non è detto che l intestatario della linea stessa abbia materialmente posto in essere la violazione contestata, dal momento che ad una singola linea possono essere connessi in rete più elaboratori, addirittura contro la volontà dell intestatario della linea stessa: la diffusione di periferiche come i router wireless porta, in alcuni casi, ad accessi non desiderati a reti private, poiché molto spesso la connessione non viene protetta mediante le apposite tecniche supportate dagli stessi apparecchi, con la conseguenza che chiunque si trova nel raggio d azione della medesima periferica può sfruttare la connessione ad Internet dell intestatario della linea. Tanto premesso, è d uopo rilevare che il caso ha suscitato notevoli proteste e di esso si è poi interessato anche il Garante per la protezione dei dati personali, costituendosi nei successivi giudizi instaurati dalla società svizzera ed emettendo, successivamente, un provvedimento in materia. Già nel primo giudizio la situazione è stata ribaltata e il Tribunale di Roma, con ordinanza del 16 luglio 2007, ha rigettato le domande della Peppermint, ritenendo l inapplicabilità, al caso di specie, degli artt. 156 e 156-bis l. aut.: secondo il giudice romano, infatti, la compressione del diritto alla riservatezza può avvenire solo per la tutela di valori di rango superiore e che attengono alla difesa della collettività ovvero alla protezione dei sistemi informatici. Nelle more, però, i intestatari delle linee telefoniche di cui si è detto erano stati già individuati e raggiunti da altrettante richieste di risarcimento del presunto danno subito dalla società tedesca. L intera situazione si è poi risolta anche grazie all intervento del Garante per la protezione dei dati personali, che con provvedimento del 28 febbraio 2008 ha disposto il divieto dell'ulteriore trattamento dei dati personali relativo a soggetti ritenuti responsabili di aver scambiato file protetti dal diritto d'autore tramite reti peer-to-peer e ne dispone la cancellazione entro il termine del 31 marzo Modifica delle console: è reato? * La modifica delle console, hardware e/o software, consente l'avvio di software homebrew e copie di backup, oltre che di videogiochi pirata. Oggi è possibile modificare tutte le console presenti sul mercato: PS3, Wii, Xbox 360, Nintendo DS. Le case produttrici, però, continuano la loro lotta sotto due profili: uno è squisitamente informatico, l'altro è, invece, legale. Analizzeremo l'impatto della sentenza n /2010 della Corte di Cassazione sulla legittimità delle modifiche hardware delle console. Nel caso di specie, prima di soffermarci sulla sentenza n /2010 della Suprema Corte, è doveroso citare i seguenti articoli della legge sul diritto d'autore (l. 633/41): 1) art. 171, comma 1: "È punito, se il fatto è commesso per uso non personale, con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro a euro , chiunque a fini di lucro: [...] f-bis) fabbrica, importa, distribuisce, vende, noleggia, cede a qualsiasi titolo, pubblicizza per la vendita o il noleggio, o detiene per scopi commerciali, attrezzature, prodotti o componenti ovvero presta servizi che abbiano la prevalente finalità o l'uso commerciale di eludere efficaci misure tecnologiche di cui all'art. 102-quater ovvero siano principalmente progettati, prodotti, adattati o realizzati con la finalità di rendere possibile o facilitare l'elusione di predette misure. Fra le misure tecnologiche sono comprese quelle applicate, o che residuano, a seguito della rimozione delle misure medesime conseguentemente a iniziativa volontaria dei titolari dei diritti o ad accordi tra questi ultimi e i beneficiari di eccezioni, ovvero a seguito di esecuzione di provvedimenti dell'autorità amministrativa o giurisdizionale"; 2) art. 102-quater: "1. I titolari di diritti d'autore e di diritti connessi nonché del diritto di cui all'art. 102-bis, comma 3, possono apporre sulle opere o sui materiali protetti misure tecnologiche di protezione efficaci che comprendono tutte le tecnologie, i dispositivi o i componenti che, nel * Tratto da dirittodellinformatica.it (rivista telematica), 6

7 normale corso del loro funzionamento, sono destinati a impedire o limitare atti non autorizzati dai titolari dei diritti. 2. Le misure tecnologiche di protezione sono considerate efficaci nel caso in cui l'uso dell'opera o del materiale protetto sia controllato dai titolari tramite l'applicazione di un dispositivo di accesso o dì un procedimento di protezione, quale la cifratura, la distorsione o qualsiasi altra trasformazione dell'opera o del materiale protetto, ovvero sia limitato mediante un meccanismo di controllo delle copie che realizzi l'obiettivo di protezione. [...]". Nel caso di specie, la Suprema Corte è stata chiamata a pronunciarsi su una decisione del Tribunale penale di Firenze, in sede di riesame, che aveva annullato un sequestro disposto nei confronti di un'azienda informatica accusata di aver commesso il reato di cui alla l. n. 633 del 1941, art. 171 ter, comma 1, lett. f bis), poiché essa avrebbe commercializzato dispositivi attraverso i quali è possibile utilizzare su consolle videoludiche di diverse marche, tra cui Nintendo Wii, Nintendo DS, Xbox Microsoft, PlayStation, videogiochi non originali frutto di illecita attività di duplicazione o comunque illegittimamente scaricati da Internet, offrendo in ogni caso i servizi tecnologici necessari a modificare le medesime apparecchiature ai fini sopra precisati. Il tribunale del riesame aveva ritenuto insussistente il fumus del reato in caso di vendita di prodotti per la modifica delle console citate (Wii, DS, Xbox 360, PS3), ritenendo che: - il meccanismo inserito dal produttore sulla console, per limitarne la funzionalità, non sembra costituire una misura tecnologica di protezione tutelata dall'art. 102-quater della legge 633/41. Tale norma, infatti, farebbe riferimento alle sole tecnologie apposte direttamente sulle opere o su materiali protetti dal diritto di autore mentre ciò che l'indagato disattivava era posto al di fuori del supporto contenente l'opera oggetto di tutela; - il meccanismo in esame non era finalizzato ad impedire in modo diretto e immediato la creazione di copie abusive; - non si poteva affermare con certezza che la rimozione della limitazione della consolle avesse come fine principale quello di violare il diritto di autore in quanto lo scopo della modifica "pareva essere di più generale portata" consentendo la possibilità di utilizzo della consolle come un vero computer. Il pubblico ministero, di diverso avviso, ha proposto ricorso per cassazione, rilevando che: - l'art. 102-quater l. 633/41 non richiede che i dispositivi di protezione debbano essere apposti direttamente sulle opere o su materiali protetti dal diritto d'autore; - la PlayStation 2 "e i videogiochi originali contengono al loro interno parti complementari di un sistema di protezione la cui interazione costituisce la misura tecnologica di protezione adottata per impedire utilizzi non autorizzati, rappresentando un insieme che può essere inteso come abbinamento chiave-serratura"; - "sulle consolle modificate non è comunque possibile utilizzare, secondo il responsabile antipirateria, videogiochi, sia pure originali, di altri produttori"; - in realtà, la finalità principale della modifica è proprio quella di aggirare le limitazioni apposte dalle case produttrici dei giochi. L'indagato ha poi effettuato alcune eccezioni formali e, nel merito, ha altresì rilevato: - la violazione dell'art. 102-quater che, in conformità alla direttiva 2001/29CE, contempla misure tecnologiche di protezione solo sulle opere o su materiali protetti; - questione di legittimità costituzionale dell'art. 102 quater e art. 171 ter, lettera f bis) per contrasto con l'art. 25 Cost., per violazione dei principi di tassatività e di determinatezza della norma e per il divieto di analogia in malam partem. A.E.S.V.I. e Sony Computer Europe Entertainment Ltd hanno presentato memorie difensive, esponendo che: - non possono essere ricomprese nella previsione dell'art. 102-quater solo le misure tecnologiche apposte direttamente sulle opere di cui si vuol tutelare il diritto di autore e, cioè, sui supporti; 7

8 - l'art. 171 ter, comma 1, lett. f bis), l. 633/41 sanziona sia l'elusione dell'art. 102-quater sia l'utilizzo di dispositivi principalmente progettati, prodotti, o comunque realizzati con la finalità di rendere possibile o facilitare l'elusione delle predette misure; - la consolle costituisce il supporto necessario per far girare software originali impedendo il funzionamento di copie abusive di supporti originali. Tanto premesso, è d uopo rilevare che la Suprema Corte, con sentenza n /2007, aveva già affermato che le "misure tecnologiche di protezione" (o MTP) si sono aggiornate ed evolute seguendo le possibilità, ed i rischi, conseguenti allo sviluppo della tecnologia di comunicazione, ed in particolare della tecnologia che opera sulla rete e che una parte significativa degli strumenti di difesa del diritto d'autore sono stati orientati ad operare in modo coordinato sulla copia del prodotto d'autore e sull'apparato destinato ad utilizzare quel supporto". Appare utile citare un altro passo di tale sentenza, in cui la Corte afferma che è "oramai evidente che i "videogiochi" rappresentano qualcosa di diverso e di più articolato rispetto ai programmi per elaboratore comunemente in commercio, così come non sono riconducibili per intero al concetto di supporto contenente "sequenze d'immagini in movimento". Essi, infatti, si "appoggiano" ad un programma per elaboratore, che parzialmente comprendono, ma ciò avviene al solo fine di dare corso alla componente principale e dotata di propria autonoma concettuale, che è rappresentata da sequenze di immagini e suoni che, pur in presenza di molteplici opzioni a disposizione dell'utente (secondo una interattività, peraltro, mai del tutto libere perché "guidata" e predefinita dagli autori), compongono una storia ed un percorso ideati e incanalati dagli autori del gioco. Ma anche qualora lo sviluppo di una storia possa assumere direzioni guidate dall'utente, è indubitabile che tale sviluppo si avvalga della base narrativa e tecnologica voluta da coloro che hanno ideato e sviluppato il gioco, così come nessuno dubita che costituiscano opera d'ingegno riconducibili ai loro autori i racconti a soluzione plurima o "aperti" che caratterizzano alcuni libri. In altri termini, i videogiochi impiegano un software e non possono essere confusi con esso". Il Tribunale di Firenze, in sede di riesame, ha, fra l'altro, affermato che: - l'art. 102-quater l. 633/41 farebbe riferimento soltanto alle tecnologie apposte direttamente su opere o su materiali protetti dal diritto d'autore e, cioè, sui supporti; - il sistema di riconoscimento del videogioco che si trova sulla consolle non sarebbe un meccanismo che impedisce in modo diretto ed immediato la fruizione di copie abusive e perseguirebbe la finalità di tutelare il diritto di esclusiva del titolare dei diritti d'autore solo in modo indiretto ed eventuale; - il divieto di analogia in materia penale impedirebbe comunque di dilatare l'ambito di operatività della fattispecie incriminatrice; - non sarebbe possibile affermare con certezza che la rimozione della limitazione della consolle abbia come fine principale quello di violare il diritto d'autore potendo la modifica avere lo scopo più generale di ampliare la possibilità di utilizzo della consolle da parte del proprietario come se si trattasse di un computer e, cioè, per fini leciti. La Suprema Corte ha condiviso l'affermazione del p.m. ricorrente secondo cui una parte della protezione sta nelle informazioni inserite nel supporto (videogioco originale) mentre l'altra parte è inglobata nella consolle, evocando così il meccanismo "chiave - serratura". Ne consegue che mediante l'introduzione di sistemi che superano l'ostacolo al dialogo tra console e software non originale si ottiene "il risultato oggettivo di aggirare i meccanismi di protezione apposti sull'opera protetta". Inoltre, il Tribunale avrebbe concluso "in maniera assolutamente apodittica ed immotivata che non sia possibile affermare con certezza che la rimozione della protezione della consolle abbia come fine principale quello di violare il diritto di autore consentendo la lettura di videogiochi abusivamente copiati". Secondo la Corte, che riprende la precedente decisione del 2007, alle modifiche deve essere riconosciuta "necessariamente la prevalente finalità di eludere le misure di protezione indicate dall'art. 102 quater in considerazione di una serie di elementi quali il modo in cui la consolle è 8

9 importata, venduta e presentata al pubblico; la maniera in cui la stessa è configurata; la destinazione essenzialmente individuabile nell'esecuzione di videogiochi come confermata dai documenti che accompagnano il prodotto; il fatto che alcune unità, quali tastiera, mouse e video, non sono fornite originariamente e debbono eventualmente essere acquistate a parte". Di qui l'applicabilità dell'art. 171, comma 1, lett. f bis), l. 633/41, perché relativa indistintamente a tutti i congegni principalmente finalizzati a rendere possibile l'elusione delle misure di protezione di cui all'art. 102 quater". La Corte ha quindi annullato il provvedimento del riesame e il Tribunale di Firenze dovrà decidere nuovamente la vicenda, tenendo però conto dei principi affermati dalla Corte medesima. Ad avviso della scrivente, la decisione della Suprema Corte non appare condivisibile, perché di fatto porterebbe a bloccare la stessa possibilità di utilizzare qualsiasi software non preventivamente approvato dalla casa produttrice di ciascuna console, ma non per questo illecito. Inoltre, indipendentemente da ogni valutazione in ordine alla "bontà" dell'art. 102-quater della l. 633/41, bisogna comunque considerare che, seppur sia vero che i modchip sono utilizzati anche per eseguire giochi copiati o scaricati illegalmente, è altresì vero che le console modificate (di proprietà degli utenti) possono eseguire pregevoli software homebrew e acquisire numerose altre funzioni. Basti pensare al noto software "XBMC", media center sviluppato per Microsoft Xbox (e disponibile anche per Windows, OS X e Linux), oppure alla possibilità di far diventare la medesima console un vero e proprio NAS. Bisognerebbe pertanto provare che un determinato modchip sia prevalentemente finalizzato alla violazione delle misure tecnologiche di protezione; ma, nel caso di specie, pare che ciò sia stato dato per acquisito, senza particolari prove a sostegno di ciò. Nel caso di specie, poi, la Suprema Corte ha poi tenuto presente, unicamente, i diritti dei titolari dei diritti d'autore sui videogiochi, dimenticandosi dei diritti degli acquirenti delle console, i quali verrebbero privati, di fatto, della possibilità di modificarle, e dunque di sfruttare anche altre potenzialità dell'hardware che hanno legittimamente comprato. Ancora, sembra potersi condividere l'interpretazione del Tribunale di Firenze che, in sede di riesame, ha affermato che il meccanismo inserito dal produttore sulla consolle, per limitarne la funzionalità, non sembra costituire una misura tecnologica di protezione tutelata dall'art. 102-quater della legge 633/41. Tale articolo fa infatti riferimento alle sole tecnologie apposte direttamente sulle opere o su materiali protetti dal diritto di autore, mentre i modchip sono posti al di fuori del supporto contenente l'opera oggetto di tutela (essendo installati su ciascuna console!). Infine, sorgono alcuni dubbi sulla seguente affermazione riportata in sentenza e attribuita al p.m.: "sulle consolle modificate non è comunque possibile utilizzare, secondo il responsabile antipirateria, videogiochi, sia pure originali, di altri produttori": cosa significa? È ben noto, infatti, che le console modificate permettono di eseguire anche software originale. Conclusioni su modifica console e configurabilità di reato Alla luce della sentenza n /2010 della Corte di Cassazione, potrebbe forse ritenersi che in Italia la vendita di modchip per modificare le console da gioco (PS3, Wii, DS, PSP, Xbox 360 e altre) debba essere considerata illegale e che costituisca reato. Fortunatamente, nel nostro ordinamento i precedenti giurisprudenziali, seppur importanti, non hanno forza di legge (nel caso di specie, però, la Suprema Corte ha enunciato il principio di diritto cui il Tribunale di Firenze dovrà attenersi) e non vincolano i giudici (anche se possono orientare la loro attività di interpretazione giuridica). Ne consegue che, in futuro, la stessa Corte potrebbe mutare il proprio orientamento (circostanza tutt'altro che rara!), magari alla luce di nuove argomentazioni dedotte in altri procedimenti aventi il medesimo oggetto. 5. Appendice di approfondimento: estratti dalla l. 633/41 TITOLO I, Disposizioni sul diritto di autore. CAPO III, Contenuto e durata del diritto di autore. SEZIONE VI, Programmi per elaboratore. 9

10 Art. 64-bis Fatte salve le disposizioni dei successivi articoli 64-ter e 64-quater, i diritti esclusivi conferiti dalla presente legge sui programmi per elaboratore comprendono il diritto di effettuare o autorizzare: a) la riproduzione, permanente o temporanea, totale o parziale, del programma per elaboratore con qualsiasi mezzo o in qualsiasi forma. Nella misura in cui operazioni quali il caricamento, la visualizzazione, l'esecuzione, la trasmissione o la memorizzazione del programma per elaboratore richiedano una riproduzione, anche tali operazioni sono soggette all'autorizzazione del titolare dei diritti; b) la traduzione, l'adattamento, la trasformazione e ogni altra modificazione del programma per elaboratore, nonché la riproduzione dell'opera che ne risulti, senza pregiudizio dei diritti di chi modifica il programma; c) qualsiasi forma di distribuzione al pubblico, compresa la locazione, del programma per elaboratore originale o di copie dello stesso. La prima vendita di una copia del programma nella comunità economica europea da parte del titolare dei diritti, o con il suo consenso, esaurisce il diritto di distribuzione di detta copia all'interno della comunità, ad eccezione del diritto di controllare l'ulteriore locazione del programma o di una copia dello stesso. Art. 64-ter 1. Salvo patto contrario, non sono soggette all'autorizzazione del titolare dei diritti le attività indicate nell'art. 64-bis, lettere a) e b), allorché tali attività sono necessarie per l'uso del programma per elaboratore conformemente alla sua destinazione da parte del legittimo acquirente, inclusa la correzione degli errori. 2. Non può essere impedito per contratto, a chi ha il diritto di usare una copia del programma per elaboratore di effettuare una copia di riserva del programma, qualora tale copia sia necessaria per l'uso. 3. Chi ha il diritto di usare una copia del programma per elaboratore può, senza l'autorizzazione del titolare dei diritti, osservare, studiare o sottoporre a prova il funzionamento del programma, allo scopo di determinare le idee ed i principi su cui è basato ogni elemento del programma stesso, qualora egli compia tali atti durante operazioni di caricamento, visualizzazione, esecuzione, trasmissione o memorizzazione del programma che egli ha il diritto di eseguire. Le clausole contrattuali pattuite in violazione del presente comma e del comma 2 sono nulle. Art. 64-quater 1. L'autorizzazione del titolare dei diritti non è richiesta qualora la riproduzione del codice del programma di elaboratore e la traduzione della sua forma ai sensi dell'art. 64-bis, lettere a) e b), compiute al fine di modificare la forma del codice, siano indispensabili per ottenere le informazioni necessarie per conseguire l'interoperabilità, con altri programmi, di un programma per elaboratore creato autonomamente purché siano soddisfatte le seguenti condizioni: a) le predette attività siano eseguite dal licenziatario o da altri che abbia il diritto di usare una copia del programma oppure, per loro conto, da chi è autorizzato a tal fine; b) le informazioni necessarie per conseguire l'interoperabilità non siano già facilmente e rapidamente accessibili ai soggetti indicati alla lettera a); c) le predette attività siano limitate alle parti del programma originale necessarie per conseguire l'interoperabilità. 2. Le disposizioni di cui al comma 1 non consentono che le informazioni ottenute in virtù della loro applicazione: a) siano utilizzate a fini diversi dal conseguimento dell'interoperabilità del programma creato autonomamente; b) siano comunicate a terzi, fatta salva la necessità di consentire l'interoperabilità del programma creato autonomamente; c) siano utilizzate per lo sviluppo, la produzione o la commercializzazione di un programma per elaboratore sostanzialmente simile nella sua forma espressiva, o per ogni altra attività che violi il diritto di autore. 3. Le clausole contrattuali pattuite in violazione dei commi 1 e 2 sono nulle. 4. Conformemente alla convenzione di Berna sulla tutela delle opere letterarie ed artistiche ratificata e resa esecutiva con legge 20 giugno 1978, n. 399, le disposizioni del presente articolo non possono essere interpretate in modo da consentire che la loro applicazione arrechi indebitamente pregiudizio agli interessi legittimi del titolare dei diritti o sia in conflitto con il normale sfruttamento del programma. 10

11 Titolo II-ter, Misure tecnologiche di protezione. Informazioni sul regime dei diritti Art. 102-quater 1. I titolari di diritti d'autore e di diritti connessi nonché del diritto di cui all'art. 102-bis, comma 3, possono apporre sulle opere o sui materiali protetti misure tecnologiche di protezione efficaci che comprendono tutte le tecnologie, i dispositivi o i componenti che, nel normale corso del loro funzionamento, sono destinati a impedire o limitare atti non autorizzati dai titolari dei diritti. 2. Le misure tecnologiche di protezione sono considerate efficaci nel caso in cui l'uso dell'opera o del materiale protetto sia controllato dai titolari tramite l'applicazione di un dispositivo di accesso o dì un procedimento di protezione, quale la cifratura, la distorsione o qualsiasi altra trasformazione dell'opera o del materiale protetto, ovvero sia limitato mediante un meccanismo di controllo delle copie che realizzi l'obiettivo di protezione. 3. Resta salva l'applicazione delle disposizioni relative ai programmi per elaboratore di cui al capo IV sezione VI del titolo I. Art. 102-quinquies 1. Informazioni elettroniche sul regime dei diritti possono essere inserite dai titolari di diritti d'autore e di diritti connessi nonché del diritto di cui all'art. 102-bis, camma 3, sulle opere o sui materiali protetti o possono essere fatte apparire nella comunicazione al pubblico degli stessi. 2. Le informazioni elettroniche sul regime dei diritti identificano l'opera o il materiale protetto, nonché l'autore o qualsiasi altro titolare dei diritti. Tali informazioni possono altresì contenere indicazioni circa i termini o le condizioni d'uso dell'opera o dei materiali, nonché qualunque numero o codice che rappresenti le informazioni stesse o altri elementi di identificazione. Titolo III, Disposizioni comuni. Capo III, Difese e sanzioni giudiziarie. Sezione II, Difese e sanzioni penali. Art. 171-bis 1. Chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla Società italiana degli autori ed editori (SIAE), è soggetto alla pena della reclusione da sei mesi a tre anni e della multa da euro a euro La stessa pena si applica se il fatto concerne qualsiasi mezzo inteso unicamente a consentire o facilitare la rimozione arbitraria o l'elusione funzionale di dispositivi applicati a protezione di un programma per elaboratori. La pena non è inferiore nel minimo a due anni di reclusione e la multa a euro se il fatto è di rilevante gravità. 2. Chiunque, al fine di trarne profitto, su supporti non contrassegnati SIAE riproduce, trasferisce su altro supporto, distribuisce, comunica, presenta o dimostra in pubblico il contenuto di una banca di dati in violazione delle disposizioni di cui agli articoli 64-quinquies e 64-sexies, ovvero esegue l'estrazione o il reimpiego della banca di dati in violazione delle disposizioni di cui agli articoli 102-bis e 102-ter, ovvero distribuisce, vende o concede in locazione una banca di dati, è soggetto alla pena della reclusione da sei mesi a tre anni e della multa da euro a euro La pena non è inferiore nel minimo a due anni di reclusione e la multa a euro se il fatto è di rilevante gravità. Art. 171-ter 1. È punito, se il fatto è commesso per uso non personale, con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro a euro chiunque a fini di lucro: a) abusivamente duplica, riproduce, trasmette o diffonde in pubblico con qualsiasi procedimento, in tutto o in parte, un'opera dell'ingegno destinata al circuito televisivo, cinematografico, della vendita o del noleggio, dischi, nastri o supporti analoghi ovvero ogni altro supporto contenente fonogrammi o videogrammi di opere musicali, cinematografiche o audiovisive assimilate o sequenze di immagini in movimento; [ ] f-bis) fabbrica, importa, distribuisce, vende, noleggia, cede a qualsiasi titolo, pubblicizza per la vendita o il noleggio, o detiene per scopi commerciali, attrezzature, prodotti o componenti ovvero presta servizi che abbiano la prevalente finalità o l'uso commerciale di eludere efficaci misure tecnologiche di cui all'art quater ovvero siano principalmente progettati, prodotti, adattati o realizzati con la finalità di rendere possibile o facilitare l'elusione di predette misure. Fra le misure tecnologiche sono comprese quelle applicate, o che residuano, a seguito della rimozione delle misure medesime conseguentemente a iniziativa volontaria dei titolari dei diritti o ad accordi tra questi ultimi e i beneficiari di eccezioni, ovvero a seguito di esecuzione di provvedimenti dell'autorità amministrativa o giurisdizionale; 11

12 h) abusivamente rimuove o altera le informazioni elettroniche di cui all'articolo 102- quinquies, ovvero distribuisce, importa a fini di distribuzione, diffonde per radio o per televisione, comunica o mette a disposizione del pubblico opere o altri materiali protetti dai quali siano state rimosse o alterate le informazioni elettroniche stesse. 2. È punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da da euro a euro chiunque: a) riproduce, duplica, trasmette o diffonde abusivamente, vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi; a-bis) in violazione dell'art. 16, a fini di lucro, comunica al pubblico immettendola in un sistema di reti telematiche, mediante connessioni di qualsiasi genere, un'opera dell'ingegno protetta dal diritto d'autore, o parte di essa; b) esercitando in forma imprenditoriale attività di riproduzione, distribuzione, vendita o commercializzazione, importazione di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi, si rende colpevole dei fatti previsti dal comma 1; c) promuove o organizza le attività illecite di cui al comma La pena è diminuita se il fatto è di particolare tenuità. 4. La condanna per uno dei reati previsti nel comma 1 comporta: a) l'applicazione delle pene accessorie di cui agli articoli 30 e 32-bis del codice penale; b) la pubblicazione della sentenza in uno o più quotidiani, di cui almeno uno a diffusione nazionale, e in uno o più periodici specializzati; c) la sospensione per un periodo di un anno della concessione o autorizzazione di diffusione radiotelevisiva per l'esercizio dell'attività produttiva o commerciale. 5. Gli importi derivanti dall'applicazione delle sanzioni pecuniarie previste dai precedenti commi sono versati all'ente nazionale di previdenza ed assistenza per i pittori e scultori, musicisti, scrittori ed autori drammatici. Art. 174-bis 1. Ferme le sanzioni penali applicabili, la violazione delle disposizioni previste nella presente sezione è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria pari al doppio del prezzo di mercato dell'opera o del supporto oggetto della violazione, in misura comunque non inferiore a euro 103,00. Se il prezzo non è facilmente determinabile, la violazione è punita con la sanzione amministrativa da euro 103,00 a euro 1032,00. La sanzione amministrativa si applica nella misura stabilita per ogni violazione e per ogni esemplare abusivamente duplicato o riprodotto. 12

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO.

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. Testo consolidato al 10 novembre 2014, non ufficiale TITOLO I Disposizioni sul diritto d'autore

Dettagli

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO.

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. Testo consolidato al 28 gennaio 2008, non ufficiale TITOLO I Disposizioni sul diritto d'autore

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione CONDIZIONI D'USO 1. Accesso al sito L'accesso al sito www.stilema-ecm.it è soggetto alla normativa vigente, con riferimento al diritto d'autore ed alle condizioni di seguito indicate quali patti contrattuali.

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP PREVENZIONE Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP Cosimo Nicola Pagliarone* Lelio Palazzo** In ambito di mercato i marchi di tutela hanno la funzione di preservare

Dettagli

Legge tedesca sul diritto d'autore e sui diritti connessi

Legge tedesca sul diritto d'autore e sui diritti connessi Legenda * il testo nero è il diritto d'autore non modificato, come era valido già prima della legge derogatoria. * Il testo barrato è il testo non più in vigore a partire dalla legge derogatoria. Il testo

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Regolamento per l'accesso alla rete Indice

Regolamento per l'accesso alla rete Indice Regolamento per l'accesso alla rete Indice 1 Accesso...2 2 Applicazione...2 3 Responsabilità...2 4 Dati personali...2 5 Attività commerciali...2 6 Regole di comportamento...3 7 Sicurezza del sistema...3

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI CONDIZIONI PARTICOLARI DI WEB HOSTING ARTICOLO 1: OGGETTO Le presenti condizioni generali hanno per oggetto la definizione delle condizioni tecniche e finanziarie secondo cui HOSTING2000 si impegna a fornire

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici Altri atti o documenti - 13 maggio 2004 Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici sottoscritto da: Conferenza dei Rettori delle Università

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

GIORGIO SPEDICATO IL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO

GIORGIO SPEDICATO IL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO GIORGIO SPEDICATO IL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO Edito da Simplicissimus Book Farm la presente versione è stata impaginata con Simplicissimus BookMaker by T-Page ed è disponibile on demand

Dettagli