Capitolo 3. Impianti del sistema pubblico di gestione dei rifiuti e le discariche di rifiuti speciali. 3.1 Le discariche degli RU e degli RS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 3. Impianti del sistema pubblico di gestione dei rifiuti e le discariche di rifiuti speciali. 3.1 Le discariche degli RU e degli RS"

Transcript

1 209 Parte2

2 La localizzazione delle discariche e delle stazioni di trasferimento Il flusso dei rifiuti urbani (RU) Le schede tecniche di ogni discarica I comuni conferitori nelle singole discariche La scheda tecnica delle stazioni di trasferimento Capitolo 3 Impianti del sistema pubblico di gestione dei rifiuti e le discariche di rifiuti speciali Premessa N el presente capitolo sono stati analizzati i dati relativi al sistema pubblico della gestione dei rifiuti urbani (RU). Attualmente il sistema impiantistico pubblico esistente sul territorio provinciale è costituito da discariche di rifiuti tal quali, da stazioni di trasferimento e da un unico impianto di selezione e trattamento meccanico/biologico. Inoltre, sono stati riportati i dati relativi alle discariche di rifiuti speciali (RS). Alla fase preliminare di raccolta e acquisizione dati è seguita una fase di analisi, di elaborazione, di sintesi e presentazione degli stessi. Per ogni discarica attiva e stazione di trasferimento sono stati riportati i dati tecnici, la localizzazione su cartografia ed i rispettivi comuni conferitori. 3.1 Le discariche degli RU e degli RS 3.2 Le stazioni di trasferimento 3.3 Impianto di trattamento meccanicobiologico-aerobico e compostaggio 210

3 3.1 Le discariche di rifiuti urbani e rifiuti speciali Il quadro normativo di riferimento è rappresentato dal D.Lgs. 36/2003, attuativo della direttiva 1999/31/CE, modificato con il Decreto Ministeriale del 3 agosto Il Decreto Legislativo stabilisce, per le discariche, oltre all obbligo della postgestione per una durata trentennale dopo la chiusura, una drastica riduzione dei rifiuti biodegradabili da smaltire, così come di seguito riportato: 173 Kg/( ab*anno) entro il 2008; 115 Kg/( ab*anno) entro il 2011; 81 Kg/( ab*anno) entro il Lo stesso Decreto Legislativo all art. 4 classifica gli impianti di discarica in: discarica per rifiuti inerti; discarica per rifiuti non ; discarica per rifiuti. Il comma 3 dell art. 7, inoltre, specifica che nelle discariche per i rifiuti non sono ammessi: i rifiuti urbani; i rifiuti non di qualsiasi altra origine che soddisfano i criteri di ammissione dei rifiuti previsti dalla normativa vigente; i rifiuti stabili e non reattivi che soddisfano i criteri di ammissione previsti al comma 5. In attesa di adeguamento degli impianti di smaltimento al D.Lgs. 36/2003, la classificazione sottoindicata (Deliberazione del Comitato Interministeriale del 27 luglio 1984), suddivide le discariche in: discariche di prima categoria (per rifiuti urbani ed assimilati); discariche di seconda categoria, che a loro volta si dividono in base alla tipologia di tà dei rifiuti in: discarica di seconda categoria di Tipo A (per rifiuti inerti), discarica di seconda categoria di Tipo B (per rifiuti non tossici e non nocivi) e discariche di seconda categoria di Tipo C (per rifiuti tossici e nocivi); discariche di terza categoria. I dati riportati di seguito, dedotti dalle schede (modello Apat e allegato OPR) inviate ai titolari e gestori degli impianti di smaltimento (comuni e società pubblico - private) evidenziano che nell anno 2006 sono state attive sul territorio provinciale n. 10 discariche di rifiuti urbani (RU) compresa la discarica a servizio dell impianto di trattamento TM.T S.p.A. di Rossano e n. 2 discariche di rifiuti speciali non (RS) (Figura 3.1.1). Nella Figura si riportano le discariche degli RU con i relativi comuni conferitori. I dati tecnici relativi alle discariche degli RU e degli RS sono stati riportati rispettivamente nella Tabella e nella Tabella Nei paragrafi che seguono (da a ) ciascuna discarica è stata localizzata (in coordinate UTM) su cartografia IGM e su ortofoto, per evidenziare il contesto paesaggistico in cui ricade l impianto. Inoltre, sono stati schematizzati in forma tabellare i dati tecnici ed evidenziati su carte tematiche i relativi comuni conferitori. Infine, per ogni discarica sono stati evidenziati i quantitativi di rifiuti smaltiti negli anni

4 Terranova da Sibari Scigliano San Giovanni in Fiore Rossano Lungro Castrolibero Cassano allo Ionio Campana Bocchigliero Acri Comune Ragione sociale Indirizzo Volume autorizzato (m 3 ) Capacità residua al 31/12/2006 (m 3 ) TOTALE SMALTITO (t/a) R.U. smaltiti (t/a) Fanghi urbani smaltiti (t/a) CER (t/a) Altri RS smaltiti (t/a) Comune di Acri Loc. Manzi 3.000, , ,11 242, Comune di Bocchigliero Costa dell'orso , ,24 108, Comune di Campana Loc. Montagna non disponibile ,00 226, Femotet Ecoross C.da La Silva ,00 0(*) 9868, , Unione dei Comuni "Pandosia" Loc. Destre Spizzirri , , , Comune di Lungro Loc. Pettinaro , , , TM.T. SpA Loc. Bucita , , ,34 - Vallecrati s.p.a. Loc. Vetrano ,00 0 (**) 12440, , ,14 27,96 Consorzio Valle Bisirico Loc. Foresta , , , Comune di Terranova da Sibari Loc. Fossa dello Zingaro , , , (1) Stato dell impianto: o = operativo, i = inattivo, c = cessata attività, n = in costruzione. (Tabella 3.1.1) (*) Chiusura seconda buca in data 02/10/2006 e autorizzazione per la terza buca in data 01/12/2006 (volume di abbanco di mc). 212

5 Stato oper. (1) Certificaz. (EMAS, ISO) Presentazione piano di adeguamento Approvazione piano di adeguamento Classificazione ai sensi del D.Lgs 36/2003 Prod. Biogas (Nm 3 /a) Recup. Energ. (MW/a) Regime autorizzatorio Data Autorizz. Scad. Autorizz. SI (17/06/2003) discarica per rifiuti non NO NO O NO 19/10/2004 NO discarica per rifiuti non NO NO O NO 13/10/1998 SI (22/11/2004) discarica per rifiuti non NO NO O NO 30/05/1987 NO discarica per rifiuti non NO NO O NO 24/10/ /10/2006 discarica per rifiuti non NO NO O NO 08/11/2000 discarica per rifiuti non NO NO C NO O.C. n.1538 del 25/07/01 25/07/2006 Ordinanza Commissariale n del 14/07/2007 discarica per rifiuti non NO NO i (***) NO 10/12/2003 SI Ordinanza Commissariale n del 20/01/2006 discarica per rifiuti non NO NO O NO O.C. n. 858 del 23/12/1999 SI discarica per rifiuti non NO NO C NO O.C. n del 18/07/2003 O.C. n del 11/08/2006 NO discarica per rifiuti non NO NO C NO 28/11/ /07/2006 (**) Coltivazione collinare in attesa dell apertura della nuova vasca autorizzata con Ordinanza Commissariale n 3981del 20/01/2006. (***) Discarica operativa solo nel periodo Luglio Agosto

6 Rossano Bieco s.r.l. Loc. Bucita ,01 Rossano Bieco s.r.l. Loc. Bucita ,07 Comune Ragione sociale Indirizzo Volume autorizzato (m 3 ) TOTALE Quantità smaltita (t/a) Capacità residua al 31/12/2005 (m 3 ) Rifiuti speciali non CER Altri RS non Rifiuti speciali CER altri RS DISCARICA II categoria di tipo A 39893,93-106,07 - DISCARICA II categoria di tipo B 33755, ,15 13,86 - DISCARICA II categoria di tipo C Nel Grafico si evidenzia la produzione degli RU su base provinciale per gli anni PRODUZIONE DEGLI RU [ton/a] in ambito provinciale negli anni Anno 2004 Anno 2005 Anno 2006 (Grafico 3.1.1) 214

7 01/10/ /10/2011 Presentazione piano di adeguamento Produzione Biogas (Nm 3 /a) Stato operativo Attività Certificazioni (EMAS, ISO) Approvazione piano di adeguamento: data e numero Classificazione ai sensi del D.Lgs 36/2003 Recupero energetico (MW/a) Regime autorizzatorio Data Autorizz. Scad. Autorizz. SI O.C. n.3253 del 15/12/2004 discarica rifiuti inerti NO NO O CT NO 02/10/2006 SI O.C. n.3253 del 15/12/2004 discarica rifiuti speciali non NO NO O CT NO 02/10/2006 (Tabella CT: conto terzi, O: operativo) Nel Grafico si riporta il quantitativo degli RU smaltiti nelle discariche del territorio provinciale QUANTITA' DEGLI RU [ton/a] SMALTITI NELLE DISCARCHE PROVINCIALI negli annii Anno 2004 Anno 2005 Anno 2006 (Grafico 3.1.2) 215

8 Acri Bocchigliero Campana Cassano allo Ionio Castrolibero Lungro Rossano San Giovanni in Fiore Scigliano Terranova da Sibari Dal confronto tra il Grafico e si evince che, nel triennio , a fronte di un aumento della produzione totale di rifiuti, è diminuita, a causa di una non adeguata impiantistica provinciale, la capacità di smaltimento all interno del suddetto ambito territoriale. Tra il 2005 e il 2006 si è registrata una diminuzione del numero delle discariche di rifiuti non passando da n. 14 a n. 10. Inoltre, nel corso dell anno 2006, altre 3 discariche hanno cessato l attività. Gli impianti di smaltimento, operativi per l intero anno 2006, sono stati quelli realizzati nei comuni di Acri, Bocchigliero, Campana, Cassano allo Ionio, Castrolibero, Rossano (discarica di servizio della T.M.T. S.p.A. di Rossano) e San Giovanni in Fiore, mentre quelli attivi solo per una frazione di anno (perchè hanno cessato l attività per esaurimento), sono stati quelli di Lungro, Scigliano e Terranova da Sibari. Le discariche elencate rientrano tra quelle previste dal Piano Regionale dei Rifiuti al solo fine di consentire la gestione dei rifiuti nel periodo di transizione. In queste discariche, ad eccezione di quella di Rossano, nella quale i rifiuti smaltiti provengono dall impianto di selezionamento, i rifiuti urbani vengono conferiti tal quali. La progressiva chiusura delle discariche è conseguente all esaurimento della capacità di abbancamento delle stesse. Le discariche che hanno cessato l attività, in molti casi, sono prive dei piani di postgestione previsti dal D.Lgs. n. 36/2003 (Tabella 3.1.1). Le discariche in esercizio nel 2006 sono di piccola e media capacità, tranne la discarica a servizio della TM.T. S. p.a. di Rossano che ha una capacità significativa (volume autorizzato di circa mc). A fronte di un quantitativo di rifiuti raccolti in modo indifferenziato pari a ton/anno, solo ton/anno sono state smaltite nelle discariche di RU attive sul territorio provinciale , , ,00 RIFIUTI URBANI SMALTITI IN DISCARICA IN AMBITO PROVINCIALE [t/a] 9.868, , , , , , , , ,00 0,00 108,24 226, , , ,29 Comune Discarica (Grafico 3.1.3) 216

9 Nella Figura è riportata la localizzazione delle discariche di RU e RS attive nell anno 2006 e i relativi sottoambiti, mentre nella Figura sono indicate le discariche degli RU con i relativi comuni conferitori. (Figura Discariche di RU e RS nei sottoambiti) 217

10 (Figura Discariche degli RU con i relativi comuni conferitori) 218

11 I comuni che nel 2006 hanno conferito i rifiuti urbani nelle discariche (RU) attive in provincia sono stati n. 38, mentre quelli che hanno trasportato i rifiuti urbani presso le stazioni di trasferimento o di travaso gomma su gomma, sono stati n. 98. Infine i comuni che hanno conferito presso l impianto di trattamento meccanico/biologico della TM.T. S.p.A. di Rossano sono stati n. 19. Per l anno 2006 la capacità residua è pari a mc. Per quanto riguarda i rifiuti speciali nel 2006 è stata operativa una sola discarica di rifiuti inerti e una discarica per rifiuti non, entrambe site nel Comune di Rossano, la cui titolarità e gestione sono private. Si riportano di seguito (Tabella 3.1.3) i quantitativi degli RS smaltiti presso le discariche di rifiuti speciali presenti nella provincia. DISCARICA RIFIUTI SPECIALI Quantità smaltito [t/a] Discarica Bieco Srl - Rifiuti Inerti (ex II Cat. Tipo "A") 106 Discarica Bieco Srl - Rifiuti non (ex II Cat. Tipo "B") (Tabella 3.1.3) 219

12 3.1.1 Discarica di Acri (Figura ) Identificazione discarica Ragione sociale Indirizzo Coordinate UTM Comune di Acri Località Manzi Long E - Lat N Caratteristiche dell'impianto Data autorizzazione 19/10/2004 Scadenza autorizzazione - Presentazione piano di adeguamento 17/06/2003 Approvazione piano di adeguamento - Certificazione EMAS ISO - Volume autorizzato [mc] 3.000,00 Presenza impianto di selezione NO Modalità gestione percolato Trattamento in loco Modalità gestione biogas - Sistema di controllo - Dati tecnici anno 2006 Stato operativo Operativo Capacità residua [mc] 1300,00 Totale smaltito [ton/a] 6389,11 RU smaltiti [ton/a] 6147,11 Fanghi urbani smaltiti [ton/a] 242,00 Altri RS smaltiti [ton/a] - Produzione biogas [mc/a] - Recupero energetico [MW/a) - (Figura ) 220

13 Comuni Conferitori Acri (Figura ) totale rifiuti smaltiti (espressi in ton.) 8.000, , , , , , , ,00 0, , , ,

14 3.1.2 Discarica di Bocchigliero (Figura ) Identificazione discarica Ragione sociale Indirizzo Coordinate UTM Comune di Bocchigliero Località Costa dell'orso Long E - Lat N Caratteristiche dell'impianto Data autorizzazione 13/10/1998 Scadenza autorizzazione - Presentazione piano di adeguamento - Approvazione piano di adeguamento - Certificazione EMAS ISO - Volume autorizzato [mc] Presenza impianto di selezione SI Modalità gestione percolato Trattamento in loco Modalità gestione biogas - Sistema di controllo - Dati tecnici anno 2006 Stato operativo Operativo Capacità residua [mc] 3000,00 Totale smaltito [ton/a] 108,24 RU smaltiti [ton/a] 108,24 Fanghi urbani smaltiti [ton/a] - Altri RS smaltiti [ton/a] - Produzione biogas [mc/a] - Recupero energetico [MW/a) - (Figura ) 222

15 Comuni Conferitori Bocchigliero (Figura ) totale rifiuti smaltiti (espressi in ton.) 160,00 140,00 120,00 100,00 80,00 60,00 40,00 20,00 0,00 145,00 99,00 108,

16 3.1.3 Discarica di Campana (Figura ) Identificazione discarica Ragione sociale Indirizzo Coordinate UTM Comune di Campana Località Montagna Long E - Lat N Caratteristiche dell'impianto Data autorizzazione 30/05/1987 Scadenza autorizzazione - Presentazione piano di adeguamento 22/11/2004 Approvazione piano di adeguamento - Certificazione EMAS ISO - Volume autorizzato [mc] - Presenza impianto di selezione - Modalità gestione percolato Trattamento in loco Modalità gestione biogas - Sistema di controllo Pozzi di monitoraggio Dati tecnici anno 2006 Stato operativo Operativo Capacità residua [mc] 150,00 Totale smaltito [ton/a] 226,00 RU smaltiti [ton/a] 226,00 Fanghi urbani smaltiti [ton/a] - Altri RS smaltiti [ton/a] - Produzione biogas [mc/a] - Recupero energetico [MW/a) - (Figura ) 224

17 Comuni Conferitori Campana (Figura ) totale rifiuti smaltiti (espressi in ton.) 232,00 230,00 228,00 226,00 224,00 222,00 220,00 218,00 223,30 231,30 226,

18 3.1.4 Discarica di Castrolibero (Figura ) Identificazione discarica Ragione sociale Indirizzo Coordinate UTM Unione dei Comuni "Pandosia" Località Destre Spizzirri [Castrolibero] Long E - Lat N Caratteristiche dell'impianto Data autorizzazione 08/11/2000 Scadenza autorizzazione - Presentazione piano di adeguamento - Approvazione piano di adeguamento - Certificazione EMAS ISO - Volume autorizzato [mc] - Presenza impianto di selezione NO Modalità gestione percolato Trattamento in impianto autorizzato Modalità gestione biogas - Sistema di controllo - Dati tecnici anno 2006 Stato operativo Operativo Capacità residua [mc] - Totale smaltito [ton/a] 4229,87 RU smaltiti [ton/a] 4229,87 Fanghi urbani smaltiti [ton/a] - Altri RS smaltiti [ton/a] - Produzione biogas [mc/a] - Recupero energetico [MW/a) - (Figura ) 226

19 Comuni Conferitori Castrolibero, Marano Marchesato, Marano Principato (Figura ) totale rifiuti smaltiti (espressi in ton.) 4.240, , , , , , , , , , , ,

20 3.1.5 Discarica di Cassano allo Ionio (Figura ) Identificazione discarica Ragione sociale Indirizzo Coordinate UTM Femotet - Ecoross Località C.da La Silva [Cassano allo Ionio] Long E - Lat N Caratteristiche dell'impianto Data autorizzazione 24/10/2000 Scadenza autorizzazione 02/10/2006 Presentazione piano di adeguamento - Approvazione piano di adeguamento - Certificazione EMAS ISO - Volume autorizzato [mc] - Presenza impianto di selezione NO Modalità gestione percolato Trattamento in impianto autorizzzato Modalità gestione biogas - Sistema di controllo - Dati tecnici anno 2006 Stato operativo Cessata Capacità residua [mc] 0 Totale smaltito [ton/a] 9868,47 RU smaltiti [ton/a] 9868,47 Fanghi urbani smaltiti [ton/a] - Altri RS smaltiti [ton/a] - Produzione biogas [mc/a] - Recupero energetico [MW/a) - (Figura ) 228

21 Comuni Conferitori Cassano allo Ionio, Regione Campania (Figura ) totale rifiuti smaltiti (espressi in ton.) , , , ,00 0, , , ,

Redazione a cura di: Osservatorio Provinciale sui Rifiuti della Provincia di Cosenza

Redazione a cura di: Osservatorio Provinciale sui Rifiuti della Provincia di Cosenza Redazione a cura di: Osservatorio Provinciale sui Rifiuti della Provincia di Cosenza Progetto grafico: Osservatorio Provinciale sui Rifiuti della Provincia di Cosenza Immagine di copertina: opera di Mario

Dettagli

UTS PROT Progetto LIFE02 ENV/IT/000111 New Tuscia. (Mario Montini - ENEA) I rifiuti urbani

UTS PROT Progetto LIFE02 ENV/IT/000111 New Tuscia. (Mario Montini - ENEA) I rifiuti urbani III.5 Rifiuti (Mario Montini - ENEA) I rifiuti urbani Le quantità dei rifiuti urbani prodotti nel comprensorio della Tuscia Romana sono state ricavate dai dati forniti dai Comuni, attraverso la compilazione

Dettagli

DISCARICA DI CA LUCIO DI URBINO. Relatore: Ing. UGOLINI DANIELA

DISCARICA DI CA LUCIO DI URBINO. Relatore: Ing. UGOLINI DANIELA DISCARICA E IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO DI CA LUCIO DI URBINO Relatore: Ing. UGOLINI DANIELA 01/07/2009: CESSIONE RAMO D AZIENDA FILIERA DISCARICA E FILIERA COMPOSTAGGIO A MARCHE MULTISERVIZI S.p.a.: C.M.

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 1 ANALISI DEI DATI PREGRESSI Serie storica delle produzioni del periodo 2002-2008 (t/anno)

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU23 09/06/2011

REGIONE PIEMONTE BU23 09/06/2011 REGIONE PIEMONTE BU23 09/06/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 17 maggio 2011, n. 69-2068 Adeguamento ai nuovi limiti previsti dall'articolo 5 del D.Lgs 13 gennaio 2003 n. 36 relativi al collocamento

Dettagli

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE PERCORSO DEL PIANO FASI Elaborazione Schema di Piano e RP Scoping PROCEDURA PIANO Elaborazione Schema di Piano PROCEDURA VAS L Autorità

Dettagli

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI INERTI

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI INERTI SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI INERTI Le informazioni di cui al presente modulo sono resa ai fini delle procedure di ammissione dei rifiuti alla discarica denominata Santa Lucia sita in

Dettagli

Piano Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani 3.1. LA PRODUZIONE DI RIFIUTI E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Piano Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani 3.1. LA PRODUZIONE DI RIFIUTI E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA 3. LA SITUAZIONE ATTUALE Una ricognizione aggiornata sullo stato delle raccolte differenziate e degli impianti ha portato ad individuare la seguente situazione. 3.1. LA PRODUZIONE DI RIFIUTI E LA RACCOLTA

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 ANALISI DEI COSTI... 3. 2.2.1 Personale... 3. 2.2.2 Mezzi e attrezzature... 3. 2.2.3 Manutenzione... 3

1 PREMESSA... 2 2 ANALISI DEI COSTI... 3. 2.2.1 Personale... 3. 2.2.2 Mezzi e attrezzature... 3. 2.2.3 Manutenzione... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI DEI COSTI... 3 2.1 COSTI DI AMMORTAMENTO DEGLI INVESTIMENTI... 3 2.2 COSTI ANNUI DI GESTIONE... 3 2.2.1 Personale... 3 2.2.2 Mezzi e attrezzature... 3 2.2.3 Manutenzione...

Dettagli

COMUNE DI VILLENEUVE

COMUNE DI VILLENEUVE COMUNE DI VILLENEUVE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. CHAMPLONG DESSUS NEL COMUNE DI VILLENEUVE DI 2^ CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI. Approvato

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

Autorità per il Servizio di Gestione Integrata dei Rifiuti Urbani ATO TOSCANA SUD. Report Tecnico. Sistema Impianti

Autorità per il Servizio di Gestione Integrata dei Rifiuti Urbani ATO TOSCANA SUD. Report Tecnico. Sistema Impianti Autorità per il Servizio di Gestione Integrata dei Rifiuti Urbani ATO TOSCANA SUD Report Tecnico 1 Previsione Flussi a Regime Ai fini della definizione dei quantitativi di rifiuti prodotti nello stato

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007

RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007 Provincia di Torino Osservatorio Rifiuti RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007 Organizzazione a cura dell Osservatorio Rifiuti Provinciale con la collaborazione dei Servizi

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XL REPUBBLICA ITALIANA N. 27 Speciale Ambiente BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE ABRUZZO LíAQUILA, 17 LUGLIO 2009 Pag. 66 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XL - N. 27 Speciale (17.07.2009)

Dettagli

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI 1.IDENTIFICAZIONE RICHIEDENTE Richiedente.... Indirizzo.. Referente...n tel...e-mail Tipologia richiedente (barrare una casella) titolare dell'autorizzazione lavori per conto del titolare dell'autorizzazione

Dettagli

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI Allegato a) - SCHEDE TECNICHE DEI SERVIZI RESI SCHEDA a.3 SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI DEFINIZIONE Oggetto del servizio è la gestione dei rifiuti urbani provenienti dalla raccolta per

Dettagli

COMUNITA MONTANA BASSO SINNI

COMUNITA MONTANA BASSO SINNI RISPOSTE AI QUESITI Oggetto: Bando di gara APPALTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELL IMPIANTO TECNOLOGICO DI PRESELEZIONE E BIOSTABILIZZAZIONE DELLA FRAZIONE UMIDA

Dettagli

- Com'è fatta - Sicurezza e tutela - La trasformazione del biogas - Cronologia dell'impianto. Com è fatta

- Com'è fatta - Sicurezza e tutela - La trasformazione del biogas - Cronologia dell'impianto. Com è fatta - Com'è fatta - Sicurezza e tutela - La trasformazione del biogas - Cronologia dell'impianto Com è fatta Discarica controllata ed autorizzata, con cinque lotti e due valli esauriti e un lotto attualmente

Dettagli

Direttiva relativa alla mobilità dei rifiuti nella e fuori regione

Direttiva relativa alla mobilità dei rifiuti nella e fuori regione Direttiva relativa alla mobilità dei rifiuti nella e fuori regione Con la delibera n.1089 del 4 novembre 2005 la giunta regionale ha approvato gli indirizzi regionali per l esercizio delle funzioni attribuite

Dettagli

SETTORE ECOLOGIA N 330/04 PROGRESSIVO GENERALE DETERMINAZIONI DATA: 21/01/2004

SETTORE ECOLOGIA N 330/04 PROGRESSIVO GENERALE DETERMINAZIONI DATA: 21/01/2004 SETTORE ECOLOGIA OGGETTO: Servizio Gestione Rifiuti Approvazione dei primi indirizzi tecnici operativi provinciali per la corretta applicazione della nuova disciplina sulle discariche. (decreto legislativo

Dettagli

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA 4.1 IL PIANO DEGLI INTERVENTI PRIORITARI L Ordinanza n. 2983/99, all art. 1, nominava il Presidente della Regione siciliana commissario delegato per la predisposizione

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

MELEGNANO ENERGIA AMBIENTE S.p.A.

MELEGNANO ENERGIA AMBIENTE S.p.A. MELEGNANO ENERGIA AMBIENTE S.p.A. BANDO DI GARA I.1) Amministrazione Aggiudicatrice: Melegnano Energia Ambiente S.p.A. - Codice Fiscale/P. IVA: 11744720159 Indirizzo:Via della Repubblica, n. 1-20077 Melegnano

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

Gli imballaggi compostabili e il loro recupero nel ciclo della frazione organica L esperienza di HERAmbiente S.p.A.

Gli imballaggi compostabili e il loro recupero nel ciclo della frazione organica L esperienza di HERAmbiente S.p.A. Gli imballaggi compostabili e il loro recupero nel ciclo della frazione organica L esperienza di HERAmbiente S.p.A. 04 novembre 2010 Giuseppe Lazazzara Gestione frazione organica e potature da RD Produzione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 39/ 23 del 15.7.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 39/ 23 del 15.7.2008 Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 39/ 23 del 15.7.2008 Criteri e modalità di presentazione e di utilizzo delle garanzie finanziarie per l esercizio delle attività di recupero e/o smaltimento dei rifiuti autorizzate

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

Provincia di Roma. Dipartimento 04 Servizio 00UD. Promozione della qualita' ambientale e sviluppo sostenibile - Gestione Rifiuti

Provincia di Roma. Dipartimento 04 Servizio 00UD. Promozione della qualita' ambientale e sviluppo sostenibile - Gestione Rifiuti Provincia di Roma Dipartimento 04 Servizio 00UD Promozione della qualita' ambientale e sviluppo sostenibile - Gestione Rifiuti e-mail: c.vesselli@provincia.roma.it Proposta n. 3185 del 06/06/2014 RIFERIMENTI

Dettagli

La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative

La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative Sandro Teruggi Università degli Studi di Parma - Facoltà di Ingegneria Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO COMUNE DI CASALE CORTE CERRO (Provincia del Verbano Cusio Ossola) REGOLAMENTO COMUNALE PER CONFERIMENTO RIFIUTI INGOMBRANTI NELL ISOLA ECOLOGICA Approvato con deliberazione C.C. n. 18 del 23/04/2012 I

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITÀ VALLE DI NON

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITÀ VALLE DI NON All. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITÀ VALLE DI NON DISCIPLINARE DI SERVIZO PER LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VIGILANZA DELLA DISCARICA PER RIFIUTI URBANI IN LOC. "ISCLE" DI TAIO E DISCIPLINA DELL UTILIZZO

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE Allegato deliberazione Consiglio comunale n. 17 / 2015 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO ANAGRAFE PUBBLICA DEI RIFIUTI Approvato con deliberazione Consiglio comunale n. 17 del 9 marzo 2015 1 Art.

Dettagli

Inquadramento normativo

Inquadramento normativo Provincia di Vercelli Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Inquadramento normativo Con il recepimento della Direttiva 98/2008 sui rifiuti, è stata introdotta nell ordimento interno

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 1B PER IL RECUPERO ENERGETICO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO

ALLEGATO TECNICO 1B PER IL RECUPERO ENERGETICO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO ALLEGATO TECNICO 1B PER IL RECUPERO ENERGETICO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO Milano, 23 luglio 2001 1) DETERMINAZIONE QUANTITA' E CORRISPETTIVO. a) Il materiale oggetto del presente allegato viene inteso

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. PLANET DI 2a CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. PLANET DI 2a CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. PLANET DI 2a CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 24 del 14.04.2011

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali.

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Preso atto delle continue modifiche normative del settore e delle richieste di chiarimenti

Dettagli

RELAZIONE DI VARIANTE

RELAZIONE DI VARIANTE 4 VARIANTE PUNTUALE ALLE PREVISIONI DEL PIANO DI RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RELAZIONE DI VARIANTE Febbraio 2015 REDATTO: SERVIZIO TECNICO E DI TUTELA

Dettagli

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti Sezione Rifiuti Speciali 21 febbraio 2014 PGR parte rifiuti speciali Per quanto attiene i rifiuti speciali, la disciplina legislativa prevede un regime differenziato

Dettagli

ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO

ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO PARTE I - NORME GENERALI Articolo n.1 - CAMPO DI APPLICAZIONE Il Piano Provinciale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (di seguito chiamato Piano Provinciale)

Dettagli

La strategia regionale per il recupero della frazione organica da raccolta differenziata

La strategia regionale per il recupero della frazione organica da raccolta differenziata La strategia regionale per il recupero della frazione organica da raccolta differenziata Servizio tutela dell atmosfera e del territorio Salvatore Pinna 1 2 3 4 5 6 Gli scenari futuri: caratteristiche

Dettagli

TERMOVALORIZZATORI IN LOMBARDIA: STATO DELL ARTE. Direttore Generale Dott. Bruno Mori

TERMOVALORIZZATORI IN LOMBARDIA: STATO DELL ARTE. Direttore Generale Dott. Bruno Mori TERMOVALORIZZATORI IN LOMBARDIA: STATO DELL ARTE Direttore Generale Dott. Bruno Mori Milano, 20 Aprile 2011 SOMMARIO competenze di Regione Lombardia; quantitativi di rifiuti inviati ad incenerimento; efficienza

Dettagli

CALCOLO DELLE GARANZIE FINANZIARIE. Deposito, raggruppamento preliminare, ricondizionamento (operazioni D13, D14, D15)

CALCOLO DELLE GARANZIE FINANZIARIE. Deposito, raggruppamento preliminare, ricondizionamento (operazioni D13, D14, D15) Allegato A CALCOLO DELLE GARANZIE FINANZIARIE Deposito, raggruppamento preliminare, ricondizionamento (operazioni D13, D14, D15) Il calcolo delle garanzie finanziarie deve essere effettuato considerando

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 28 La gestione dei rifiuti riguarda due tipologie di attività previste dalla normativa: il recupero (R) e lo (D). In linea generale, però, con il termine gestione possono

Dettagli

L applicativo O.R.SO. Modalità,, contenuti e tempistiche per la compilazione previsti dalla dgr 2513/2011 Scheda Impianti

L applicativo O.R.SO. Modalità,, contenuti e tempistiche per la compilazione previsti dalla dgr 2513/2011 Scheda Impianti L applicativo O.R.SO. Modalità,, contenuti e tempistiche per la compilazione previsti dalla dgr 2513/2011 Scheda Impianti Limbiate, 20 marzo 2013 Matteo Lombardi ARPA Lombardia - Settore Attività produttive

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta Regione del Veneto Deliberazione della Giunta n. 2528 del 14 luglio 1999 Oggetto: Nuova disciplina in materia di garanzie finanziarie relative alle attività di smaltimento e di recupero disciplinate da

Dettagli

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Agenzia Regionale Recupero Risorse Lucia Corsini Audizione VI

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 3 gennaio 2013. Nomina del Commissario per fronteggiare la situazione di grave criticità

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche, ed in particolare la parte quarta relativa alla gestione dei rifiuti;

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche, ed in particolare la parte quarta relativa alla gestione dei rifiuti; Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 8 aprile 2008 (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 99 del 28 aprile 2008) Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

ALLEGATO A Norme generali

ALLEGATO A Norme generali ALLEGATO A Norme generali Rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - dell Impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e valorizzazione della accolta differenziata a servizio dell Ambito Ottimale

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma ORIGINALE SERVIZIO AMBIENTE E PATRIMONIO sezione ambiente - patrimonio - demanio DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 639 del 01/04/2014 (Art. 107 D.Lgs. 18 agosto 2000,

Dettagli

COMBUSTIBILE SOLIDO SECONDARIO

COMBUSTIBILE SOLIDO SECONDARIO COMBUSTIBILE SOLIDO SECONDARIO Il controllo della produzione e dell utilizzazione del CSS e della gestione del CDR in regime transitorio Roma, 27 novembre 2014 - PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

MODULO D ISCRIZIONE AL SISTRI N 1 Il presente modulo deve essere compilato in stampatello in modo leggibile in ogni sua parte SEZIONE 1 - DATI GENERALI Questa Sezione va compilata in ogni sua parte con

Dettagli

FOGLIO NOTIZIE CLASSE PER LA QUALE SI RICHIEDE L ISCRIZIONE

FOGLIO NOTIZIE CLASSE PER LA QUALE SI RICHIEDE L ISCRIZIONE CATEGORIA 1 Raccolta e trasporto di rifiuti urbani e assimilati a) Popolazione complessivamente servita superiore o uguale a 500.000 abitanti b) Popolazione complessivamente servita inferiore a 500.000

Dettagli

I dati di produzione e gestione dei Rifiuti urbani in Campania

I dati di produzione e gestione dei Rifiuti urbani in Campania I dati di produzione e gestione dei Rifiuti urbani in Campania ARPAC U.O. R.I.U.S. Dott. Claudio Marro a cura della Sezione Regionale del Catasto Rifiuti (Ing. Alberto Grosso, Ing. Giuseppe De Palma) La

Dettagli

Schema DPCM Emendamenti Osservazioni Regioni. 2 di 19 27/01/16, 18:42

Schema DPCM Emendamenti Osservazioni Regioni. 2 di 19 27/01/16, 18:42 Allegato Osservazioni e proposte di emendamento allo schema di DPCM recante Ricognizione dell offerta esistente e del fabbisogno residuo degli impianti di recupero della frazione organica dei rifiuti urbani

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Art. 1 Definizione, finalità e localizzazione Ai sensi del Piano di adeguamento di cui al D.Lgs. 13.01.2003 n. 36, registrato in atti Provinciali

Dettagli

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER.

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Capitolo 9 - Rifiuti 201 Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Figura 5. Andamento della produzione di rifiuti speciali pericolosi per macro CER. Da un

Dettagli

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA Edo Ronchi Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile Obiettivi dello studio Individuare

Dettagli

allegato b) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

allegato b) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Progetto per l affidamento del Servizio smaltimento frazione umida dei rifiuti solidi urbani (CER 20.01.08) per il periodo 1 gennaio 2014-31 dicembre 2015 CIG 5232403B8A allegato b) CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI L.R.26/03 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI L.R.26/03 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI L.R.26/03 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA SINTESI PROPOSTA DI PIANO Bergamo, 18 Giugno 2008 Prof.L.Bonomo, Dr. F.Brevi, Ing.L.Zoppei

Dettagli

Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani

Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Provincia di Vercelli Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Inquadramento normativo Con il recepimento della Direttiva 98/2008 sui rifiuti, è stata introdotta nell ordimento interno

Dettagli

Il modello impiantistico che trasforma il rifiuto in risorse.

Il modello impiantistico che trasforma il rifiuto in risorse. Replicabile, esportabile, versatile. Il modello impiantistico che trasforma il rifiuto in risorse. COSA PROPONE IL MODELLO SOGLIANO AMBIENTE? È un modello replicabile, esportabile e versatile di impianti

Dettagli

D.A. Territorio 12 novembre 1998

D.A. Territorio 12 novembre 1998 D.A. Territorio 12 novembre 1998 (G.U.R.S. del 12/12/98 Parte I, n 62) Prescrizioni tecniche minime necessarie per l attivazione, all interno di una discarica di tipo 2A, di una specifica sezione dedicata

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti:

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: Delibera di giunta Numero: 1895 del: 07.11.2000 (Prot.: SSF/00/33292 del: 18/10/2000) Oggetto: DIRETTIVE CONCERNENTI I CRITERI E LE MODALITA' DI SVOLGIMEN TO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO

Dettagli

Provincia di Roma. Dipartimento 04 Servizio 01. Gestione rifiuti. e-mail: c.vesselli@provincia.roma.it

Provincia di Roma. Dipartimento 04 Servizio 01. Gestione rifiuti. e-mail: c.vesselli@provincia.roma.it Provincia di Roma Dipartimento 04 Servizio 01 Gestione rifiuti e-mail: c.vesselli@provincia.roma.it Proposta n. 4891 del 09/09/2013 RIFERIMENTI CONTABILI Atto Privo di Rilevanza Contabile Responsabile

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 novembre 2004, n. 3221.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 novembre 2004, n. 3221. Suppl. straord. N. 2 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA 7/1/2005-59 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 novembre 2004, n. 3221. Legge regionale 30/1987, articolo 8 bis

Dettagli

Capitolo 4. Impianti privati di gestione dei rifiuti. Gli impianti privati. Tutti i trattamenti. Le schede tecniche per ogni impianto.

Capitolo 4. Impianti privati di gestione dei rifiuti. Gli impianti privati. Tutti i trattamenti. Le schede tecniche per ogni impianto. Gli impianti privati Tutti i trattamenti Le schede tecniche per ogni impianto Capitolo 4 Impianti privati di gestione dei rifiuti Premessa N el presente capitolo è stato descritto il sistema impiantistico

Dettagli

LA PRODUZIONE DEI RIFIUT I URBANI NELLA REGIONE ABRUZZO E STIMA DELLE

LA PRODUZIONE DEI RIFIUT I URBANI NELLA REGIONE ABRUZZO E STIMA DELLE AGENZIA REGIONALE PER LA T UTELA DELL AMBIENT E LA PRODUZIONE DEI RIFIUT I URBANI NELLA REGIONE ABRUZZO E STIMA DELLE VOLUMETRIE RESIDUE DELLE DISCARICHE IN ESERCIZIO PESCARA, 29 NOVEMBRE 2011 PREMESSA

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il D.Lgs 24.06.2003, n. 209 e s.m.i. Attuazione della direttiva 2000/53/Ce relativa ai veicoli fuori uso ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il D.Lgs 24.06.2003, n. 209 e s.m.i. Attuazione della direttiva 2000/53/Ce relativa ai veicoli fuori uso ; Garanzie finanziarie previste per le operazioni di smaltimento e/o recupero dei rifiuti, nonché per la bonifica dei siti contaminati. Nuova disciplina e revoca della D.G.R. n. 132 del 22.02.2006. LA GIUNTA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 39/33 DEL 23.9.2011

DELIBERAZIONE N. 39/33 DEL 23.9.2011 IBERAZIONE N. 39/33 23.9.2011 Oggetto: Atto di indirizzo per lo sviluppo delle raccolte differenziate dei rifiuti urbani nel territorio regionale per il 2011. L Assessore della Difesa dell Ambiente ricorda

Dettagli

CALCOLO DELLE GARANZIE FINANZIARIE. 1) Deposito, raggruppamento preliminare, ricondizionamento (operazioni D13, D14, D15)

CALCOLO DELLE GARANZIE FINANZIARIE. 1) Deposito, raggruppamento preliminare, ricondizionamento (operazioni D13, D14, D15) Allegato A (al documento tecnico) CALCOLO DELLE GARANZIE FINANZIARIE 1) Deposito, raggruppamento preliminare, ricondizionamento (operazioni D13, D14, D15) Il calcolo delle garanzie finanziarie deve essere

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

Capitolo 19 - AMBIENTE

Capitolo 19 - AMBIENTE Capitolo 19 - AMBIENTE Tab. 19.1 - Consumi di energia elettrica per settore di attività economica (milioni di kwh). Anno 2013 2013 Province e regioni Agricoltura Industria Terziario* Domestico Totale Torino

Dettagli

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n.

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 recante Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del

Dettagli

1 Perché occorre avere una vigilanza assoluta sull attribuzione del Cer ai rifiuti? 2 Attribuzione non causale del CER e responsabilità Cass. Pen., sez. III, 22 dicembre 2011, n. 47870 L attribuzione del

Dettagli

Metodologie di calcolo delle raccolte differenziate Firenze, Piazza Tasso, 7-8 (zona Porta Romana) Sala delle ex Leopoldine

Metodologie di calcolo delle raccolte differenziate Firenze, Piazza Tasso, 7-8 (zona Porta Romana) Sala delle ex Leopoldine presentazione delle studio ATIA-ISWA Italia sulle Metodologie di calcolo delle raccolte differenziate Firenze, Piazza Tasso, 7-8 (zona Porta Romana) Sala delle ex Leopoldine La raccolta differenziata nel

Dettagli

Articolazione del sistema informativo. Bologna, 24 Febbraio 2014

Articolazione del sistema informativo. Bologna, 24 Febbraio 2014 Articolazione del sistema informativo O.R.So e rapporti con gli altri applicativi Bologna, 24 Febbraio 2014 Compilatori Modulo Comuni Comuni o Gestori se delegati Compilazione e chiusura schede 30 aprile

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D 1 MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D. E DI UN SERVIZIO DI SMALTIMENTO SOVVALLI CONFERITI DALL ASIA NAPOLI SPA Disciplinare tecnico 2 1. Principi

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE INDICE raccolta fisso area presidiata ed allestita, senza ulteriori oneri a carico della finanza pubblica, per l'attività di raccolta mediante raggruppamento differenziato dei rifiuti per frazioni omogenee

Dettagli

ISO 14001:2004. Revisione 01 Data revisione 17/01/2011. Emissione RSGA Prima Approvazione DIR GIUNTA. Approvazione revisioni

ISO 14001:2004. Revisione 01 Data revisione 17/01/2011. Emissione RSGA Prima Approvazione DIR GIUNTA. Approvazione revisioni Emissione QUALIFICA NOME RUOLO FIRMA RSGA ARCH. ALDO BLANDINO Prima Approvazione DIR GIUNTA Approvazione revisioni RD DOTT. GIORGIO GUGLIELMO REVISIONI DATA REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 17/11/2010 00 PRIMA

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA Capitolo 2 Rifiuti urbani: produzione e raccolta differenziata 2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA 2.1 Situazione 2013 In base ai dati rilevati dall Osservatorio Rifiuti della Provincia

Dettagli

l attribuzione del codice CER ai fini della pericolosità del rifiuto e del suo smaltimento Laura Balocchi

l attribuzione del codice CER ai fini della pericolosità del rifiuto e del suo smaltimento Laura Balocchi Procedure e problemi per l attribuzione del codice CER ai fini della pericolosità del rifiuto e del suo smaltimento Laura Balocchi Sommario Breve excursus dell evoluzione normativa in materia di classificazione

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E del 21/10/2010 n. 665 D I P A R T I M E N T O I I I G o v e r n o d e l T e r r i t o r i o SETTORE I - TUTELA E VALORIZZA ZIONE DELL AMBIENTE A r e

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione.

Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione. Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione. LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO che la Regione Abruzzo intende affermare

Dettagli

I RIFIUTI. capitolo 4

I RIFIUTI. capitolo 4 capitolo 4 I RIFIUTI Quella dei rifiuti è senza dubbio una questione aperta di fondamentale importanza; le problematiche sono molteplici: dall inquinamento alla spesa per lo smaltimento, fino alla ricerca

Dettagli

REGOLAMENTO 27 luglio 2012, n. 8

REGOLAMENTO 27 luglio 2012, n. 8 REGOLAMENTO 27 luglio 2012, n. 8 Regolamento per l'assegnazione ai comuni della Campania del contributo di ristoro ambientale previsto dall'articolo 28 della legge regionale 28 marzo 2007, n. 4 "norme

Dettagli

VISURA RIDOTTA Modello Unico Dichiarazione Ambientale

VISURA RIDOTTA Modello Unico Dichiarazione Ambientale VISURA RIDOTTA Modello Unico Dichiarazione Ambientale Dall'archivio delle dichiarazioni MUD ( legge 70/94 ) presentate alla CCIAA di BZ risulta quanto segue: Dichiarazione relativa all'anno: 2014 Data

Dettagli