Aspetti criminologici del cosiddetto fenomeno del file sharing di: Bruno Fiammella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspetti criminologici del cosiddetto fenomeno del file sharing di: Bruno Fiammella"

Transcript

1 Aspetti criminologici del cosiddetto fenomeno del file sharing di: Bruno Fiammella Pubblicato nel 2008 sulla rivista cartacea Diritto Economia e Gestione delle Nuove Tecnologie, Nyberg editore, Milano Sommario: 1.Premessa 2.La cultura della condivisione delle risorse: un problema sopranazionale 3.Ubi societas hominum ibi ius 4.Le nuove tecnologie e la destrutturazione della personalità dell individuo 5.La rivendicazione sociale 6.Conclusioni 1.Premessa La lotta tra le grandi major musicali ed i navigatori che si avvalgono della tecnologia del P2P (peer to peer) sembra riproporre lo scontro tra Davide e Golia. Il Testo Sacro insegna: Golia perse la sfida. Molte sono le domande aperte a cui è difficile dare un immediata risposta. Per esempio, ci si potrebbe chiedere se quella a cui stiamo assistendo in questi ultimi anni è una battaglia della quale s inizia ad intravedere la fine o, viceversa, è soltanto l inizio di una delle rivoluzioni storico sociali verso cui la grande rete ci sta conducendo. Oggetto dei nostri dubbi potrebbe essere il comprendere se il file sharing rappresenti o meno una particolare forma di esternazione tecnologica di un bisogno sociale collettivo. Prima di addentrarci in alcune considerazioni in merito a questi interrogativi, sembra opportuno evidenziare alcuni profili tecnologici che ci permettano di comprendere meglio, senza alcuna presunzione esaustiva, il fenomeno stesso. 2.La cultura della condivisione delle risorse: un problema sovranazionale La sigla P2P è un abbreviazione del termine peer to peer la cui traduzione, non strettamente letterale, significa "condivisione delle risorse fra pari". Tale nuova forma di scambio e condivisione delle risorse deve essere analizzata, per comprenderne le dimensioni normative, anche e soprattutto sotto il profilo sociale, in quanto la rivoluzione che sta generando può essere interpretata come la punta di un iceberg: quello di un grande cambiamento all interno della nostra collettività. L era digitale in effetti, modificando la natura costitutiva delle nostre relazioni, contribuisce allo sviluppo di una cultura della condivisione delle risorse. Si tratta, in buona sostanza, di una condivisione di file tra due o più soggetti in cui non viene direttamente coinvolto, per intermediare, un server centrale al fine di determinare le regole di scambio e comunicazione. A differenza infatti di uno dei suoi predecessori, il Napster, che basava la sua tecnologia su un architettura informatica client/server, il P2P è invece fondato su una architettura in cui i computers, collegati tramite la rete internet, fungono contemporaneamente sia da client che da server. Lo scambio delle risorse, idealmente e concettualmente comprensibile sotto il profilo sociale, si scontra tuttavia con il non meno importante problema giuridico della liceità dei contenuti che vengono scambiati e della eventuale violazione della normativa relativa al diritto d autore delle opere musicali, cinematografiche e quant altro, che sono oggetto del file sharing.

2 Il successo e la diffusione di questa tecnica, all interno della comunità virtuale di internet è dovuto alle dimensioni relativamente modeste, in termini di byte, dei file trasmessi, ed alla semplicità ed intuitività dell utilizzo dei software basati sulla tecnologia P2P che hanno causato la genesi di un fenomeno di scambio, acquisizione e duplicazione tale da raggiungere dimensioni oggi difficilmente controllabili. Stante l alta definizione dei formati dei file condivisi (MP3, DVX etc.) e la materiale convertibilità e riproducibilità degli stessi, ogni individuo ha la concreta possibilità di creare un proprio cd audio o video, di ricostruire intere compilation di ogni singolo artista in conformità ai propri gusti e preferenze semplicemente accedendo e prelevando l opera ricercata dalla banca dati di un altro personal computer che in quel momento utilizzi il software di condivisione degli archivi che si avvale della tecnologia P2P. Le case di produzione e parte degli autori, intravedendo una possibilità di riduzione dei profitti, se non a volte di un vero e proprio fallimento, hanno intrapreso su questo fronte, a livello internazionale, una vera e propria battaglia. E di pochi giorni or sono la notizia che la RIIA, Recording Industry Association of America, ha formalmente denunciato 261 utenti di sistemi peer to peer, accusati di aver posto in condivisione su internet file protetti da copyright. Sebbene i sistemi di common law differiscano notevolmente da quelli di civil law, ciò non toglie che a volte uno sguardo alla legislazione ed ai casi d oltre oceano non sia di poco conto, considerato il fatto che, internet, superando le barriere nazionali, sembra essere costruita per un futuro in cui i differenti sistemi legislativi convergano verso l adozione di misure internazionali per la salvaguardia di valori e beni comuni posti a rischio da un uso illegittimo della rete. Il legislatore, a differenza del caso Napster, si trova di fronte ad una forma di condivisione la cui illegalità non è data, almeno secondo la maggioranza delle interpretazioni, dallo strumento utilizzato per lo scambio, ma dal contenuto (il file) che tramite lo strumento è veicolato. E vero da un lato, che i possibili vantaggi, sotto il profilo economico, che derivano dall utilizzo di tale tecnologia possono essere evidenti (basti inquadrare il fenomeno, sotto questo profilo, come una sorta di rivoluzione nella catena della grande distribuzione), ma dall atro è altrettanto evidente come il primo uso e sviluppo di questa tecnologia sia lontano dal rispetto delle normativa vigente. 3.Ubi societas hominum ibi ius Iniziando a risponde alle due domande poste all inizio di questo lavoro, occorre asserire che, per comprendere un fenomeno sociale, al fine di varare una norma adeguata che rispetti da un lato i diritti delle parti in causa e dall altro le esigenze collettive (ubi societas hominum ibi ius) e che, al tempo stesso, si adatti alle innovazioni tecnologiche, occorre studiarlo sotto il profilo sociale per comprenderne meglio la genesi e le possibili evoluzioni. La domanda da porsi allora è capire cosa determina in molti individui, altrimenti rispettosi dell imperativo legale, la volontà di prelevare una enorme mole di brani (musicali, cinematografici, etc.) pur essendo consapevoli della illiceità della contrarietà all ordinamento giuridico del loro comportamento (ammesso che lo siano )? Il fenomeno può essere analizzato sotto diversi profili. 4.Le nuove tecnologie e la destrutturazione della personalità dell individuo Le nuove tecnologie, con la loro dirompente ed inarrestabile presenza, hanno determinato un cambiamento, una trasformazione che incide in profondità su tutti gli aspetti della realtà umana. L impatto dei computer e delle reti telematiche, quale nuovo strumento di comunicazione, sembra avere profonde ripercussioni sulla sfera emotiva e comportamentale delle persone. Queste ripercussioni provocano non solo una gamma di reazioni che vanno dall accettazione al totale rifiuto delle stesse, ma conducono a veri e propri mutamenti nella vita psichica, relazionale, a volte ad una cosiddetta destrutturazione della personalità in cui si smarrisce la tradizionale unità dell io, il

3 suo accentrarsi intorno ad un ben definito asse psicologico e comportamentale per disperdersi in una pluralità di fenomeni instabili ed irrelati. I mass-media, le reti telematiche, la musica, i videogames, sono tra i principali mezzi di influenza sulla psicologia giovanile contemporanea. Essi contribuiscono, in forma indiretta e mediata a modificare l asse dei valori ed a creare un nuovo sistema di priorità ed esigenze. Si sta cioè verificando sotto questo profilo, più che una globalizzazione, una omogeneizzazione planetaria, i cui fondamenti non risiedono più, o comunque, non soltanto, nelle scelte del consumo. 1 In modo particolare internet e le nuove tecnologie rappresentano una forma di svago, di gioco, di stimolazione sensoriale, di autointrattenimento, di aggiornamento sulle novità di mercato, di ricerca scientifica e di continuo stimolo per coloro che con la tecnologia intendono quotidianamente misurarsi. Per molti la sensazione è quella di svolgere un attività piacevole, stimolante ed a volte ludica. La globalizzazione ha rivoluzionato e democraticizzato le aspettative, tuttavia non ha distribuito le risorse economiche e culturali necessarie per godere dei nuovi beni materiali ed immateriali. Ecco allora che molti individui, pur di soddisfare i loro desideri, scelgono la via della devianza aggirando l imperativo legale. Ciò provoca in loro la gratificazione del possedere e una sensazione temporanea di potere e d identità. Christopher Lasch 2, rifacendosi ad uno schema psicoanalitico, spiega come la cultura contemporanea ci incoraggi a sostituire forme di gratificazione infantile a quella forma di integrazione emotiva matura che dovrebbe invece caratterizzare la personalità adulta, vale a dire alla ricerca attiva e concreta di condizioni di vita più appaganti sul piano psicologico. Il computer quindi esalta le problematiche relative all unità/divisione 3, essendo uno strumento potente, versatile, e diffuso tanto da modificare la nostra vita ed il nostro modo di relazione. Il computer può fornire le principali metafore con cui l uomo interpreta se stesso ed il proprio rapporto con il reale. Se da un lato, dunque, l ambiente virtuale contribuisce ad ampliare la consapevolezza del Sé, dando forma a molteplici istanze presenti nello individuo, dall altro lato può condurre ad una sovrapposizione, a volte drammatica ed esasperata, tra finzione e realtà. Soltanto mantenendo una netta separazione tra la comune vita di relazione e quella virtuale sviluppatasi attraverso i nuovi strumenti che la tecnologia ci mette a disposizione (chat, navigazione, , ICQ) sarà allora possibile cogliere gli straordinari vantaggi di questo cambiamento epocale o di questo inizio di quella che è stata, già da più parti, definita come nuova era telematica. Tutto quanto ciò premesso, appare evidente, allora, come l analisi delle problematiche inerenti la duplicazione, la diffusione, la commercializzazione e distribuzione (con le dovute distinzioni tra fine commerciale o meno sotto il profilo normativo) di software pirata o di brani musicali, sia una diretta conseguenza e rappresenti una delle possibili canalizzazioni di un uso in parte distorto della tecnologia. 5.La rivendicazione sociale Al di là, comunque, degli aspetti più prorompenti, la distribuzione di file in violazione del diritto d autore e di software illegittimamente duplicato e posseduto va analizzata anche sotto un altro aspetto. In primo luogo deve essere considerato che negli ultimi anni, il prezzo di vendita di un cd musicale è lievitato fino ad arrivare a dover spendere la non tanto modica cifra di 20 euro per acquistarne uno. Tuttavia, considerare il fenomeno sotto il profilo esclusivamente economico, sarebbe riduttivo. E vero, poter ottenere un bene senza spendere denaro per acquistarlo e, soprattutto, senza rinunciare alla qualità del prodotto (non dimentichiamo che la compressione di un file, ad esempio, musicale, in MP3, rende minima la perdita di qualità dello stesso) è una prospettiva allettante per chiunque.

4 Tuttavia, ogni individuo sano di mente riconosce anche l esistenza di un imperativo legale che sanziona o punisce determinati comportamenti. Agiscono quindi sulla sua persona alcuni cosiddetti freni inibitori. La società in cui viviamo tuttavia è costruita sul principio del consumo ed in particolare sulla cultura del possesso. Possedere diversi libri, una collezione di bottiglie di vino o di cd o comunque avere nella propria disponibilità importanti collezioni è una necessità, a volte per la gratificazione del nostro ego. Nella società dei consumi, il possesso è anche sinonimo di potere. Si potrebbe allora ritenere che questa sia già una delle spinte motivazionali che inducono il soggetto a prelevare o scambiare una grande quantità di file musicali o video, al solo fine di poterla possedere per mostrarla agli amici o comunque per il semplice appagamento intrinseco che deriva dal possedere intere collezioni del proprio autore preferito. L utilità materiale, effettiva che si trae da così grandi collezioni, se si riflette, può anche essere minima. E la gratificazione del possedere, unita probabilmente all idea di avere ottenuto un beneficio aggirando l imperativo legale, a fornire la spinta motivazionale. La percezione della illegalità della condotta, in questo modo, è sicuramente ridotta al minimo. La configurazione nella mente del soggetto agente che sta scaricando un brano di suo interesse a discapito di una grossa major musicale o casa cinematografica è probabilmente quella di una zanzara che si poggia sul dorso di un bisonte per succhiargli il sangue. Quale grave perdita potrà mai causargli? Il discorso può ovviamente essere ampliato, con particolare riferimento al software. Non solo giochi ma anche e sopratutto, nelle abitazioni dei privati ed a volta anche in sedi istituzionali pubbliche o aziendali, programmi, utility e sistemi operativi per un valore complessivo di diverse migliaia di euro. L esigenza di rivalsa del piccolo consumatore che non ha i mezzi per sopravvivere sul mercato o per soddisfare i propri gusti ed esigenze, agisce sull inconscio dell individuo azionando dei meccanismi di rimozione del senso di illegalità della propria azione. Il senso di frustrazione che si può provare nel vedere le vetrine dei negozi ricche di beni di nostro interesse e sapere di non poter sostenerne il costo apre la strada ad una sorta di rivendicazione sociale per il raggiungimento del fine. 6.Ritornare all imperativo legale Il legislatore è intervenuto anche in Italia proprio al fine di sanzionare sotto il profilo civile e penale le condotte illecite aventi per oggetto la violazione della legge sul diritto d autore. Tale normativa, il cui testo base risale al 1941, è stata recentemente oggetto di alcune importanti modifiche dettate dalla necessità di rafforzare le esigenze dei produttori del software, in conformità anche a quanto previsto da diversi accordi internazionali tra cui il TRIPS 4 adottato a Marrakech da diversi paesi e dall accordo OMPI 5 concluso a Ginevra nel A questo scopo, il vero e proprio ariete per le case di produzione, è dato dall art. 156 della l. n. 633/1941 sul diritto d autore che stabilisce proprio che chi ha ragione di temere la violazione di un diritto di utilizzazione economica a lui spettante in virtù di questa legge, oppure intende impedire la continuazione o la ripetizione di una violazione già avvenuta, può agire in giudizio per ottenere che il suo diritto sia accertato e sia interdetta la violazione. Inoltre, il titolare del diritto di utilizzazione economica che si accorge della riproduzione o della utilizzazione abusiva può richiedere anche la distruzione delle copie illegali, oltre al risarcimento del danno. La riforma introdotta dalla l. n. 248/2000 ha aggiunto, tra gli altri, l importante art. 171 bis in base al quale è stata estesa la punibilità di chi riproduce software non solo ai casi già previsti relativi alla rivendita o all arricchimento di chi riproduce il software ma anche al cosiddetto risparmio di spesa. L espressione per trarne profitto, inoltre, dissipa ogni dubbio in relazione alla duplicazione ad uso aziendale del software, confermando che essa è punibile sia in sede civile

5 ai fini del risarcimento del danno materiale e morale, sia in sede penale, con la reclusione e la multa se il fatto è di rilevante gravità. Tale articolo, è importante sottolinearlo, trova concreta applicazione anche per le fattispecie che si concretizzano attraverso internet. Scaricare un programma senza la necessaria licenza, creare link ad opere pubblicate su internet illegalmente o comunque contra legem, costituiscono comportamenti rilevanti. Le sanzioni poste in violazione del copyright sono state oggetto di recenti modifiche con l entrata in vigore dell art. 171 ter di cui al d. lgs. 68/03. Da un lato questo articolo punisce se il fatto è commesso per uso non personale, una multiforme varietà di condotte che vanno dalla duplicazione, riproduzione, trasmissione, diffusione, vendita, distribuzione, detenzione; dall altro, consente la copia per uso personale purché effettuata da una persona fisica, senza scopo di lucro e senza finalità di tipo commerciale. 6.Conclusioni La nuova versione della norma, con le sue evoluzioni ed aggiornamenti, anche atti a tutelare le rimozione delle misure tecnologiche di protezione, interviene per estendere la tutela anche sotto il profilo penale alle opere musicali e multimediali, cinematografiche e non solo, ed interviene con un testo omnicomprensivo che in parte risolve alcuni dubbi relativi alla punibilità o meno di alcune condotte, in parte lascia ancora aperta qualche riflessione. Non può non riconoscersi, in conclusione, che il fenomeno della pirateria è diffuso in ogni classe e ceto sociale, e che la spersonalizzazione mediata ed attuata dal computer, agisce in questo, come in molti altri casi, rimuovendo la percezione dell illegalità della condotta del soggetto attivo del reato. Occorre quindi, come in ogni settore relativo alle nuove tecnologie, che la nostra collettività raggiunga, in questo come in altri aspetti legati all information technology, una coscienza adulta nell approccio alle stesse ed una sufficiente maturità. 1 D. Francescato: Amore e potere, Milano, Christopher Lasch: La cultura del narcisismo, Milano, Sherry Turale: La vita sullo schermo, Milano, Agreement on Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights Including Train in Counterfeit Goods 5 Copyright Treaty

Con li patrocinio del:

Con li patrocinio del: Con li patrocinio del: BENVENUTI 26 Novembre 2010 Varese Con li patrocinio del: Sponsor della serata: 27 Novembre 2010.. ricordiamoci.. AGENDA DELLA SERATA 1. Modalità di associazione anno 2011. 2. E tu...scarichi?

Dettagli

FPM Federazione contro la Pirateria Musicale

FPM Federazione contro la Pirateria Musicale FPM Federazione contro la Pirateria Musicale Cosa dice la legge? La Legge sul Diritto d Autore 633/41, aggiornata dalla Legge 248/00, prevede dure sanzioni penali per coloro che violano le disposizioni

Dettagli

È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare..

È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare.. Il File sharing È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare.. Il file sharing nasce come mezzo per favorire

Dettagli

Matteo Giacomo Jori - matteo.jori@unimi.it

<file sharing> Matteo Giacomo Jori - matteo.jori@unimi.it Con il termine file sharing (letteralmente condivisione di file ) si è soliti indicare la condotta di chi, sfruttando particolari software e protocolli di comunicazione, utilizza le reti

Dettagli

Diritto d autore e nuove tecnologie

Diritto d autore e nuove tecnologie Diritto d autore e nuove tecnologie Capitolo I: Il diritto d autore 1. Origini del diritto sulle opere dell ingegno. 2. La normativa italiana 3. La legge 22 aprile del 1941 n. 633 sul diritto d autore

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico REATI INFORMATICI Le reti telematiche non sono spazi virtuali senza regole, sottoposti ad una sorta di extraterritorialità: le norme che ne regolamentano il funzionamento sono, infatti, sempre più numerose.

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica digitale quello che bisogna sapere Ci sono molti modi per avere accesso in maniera sicura e legale a musica, film e TV sul web. Questa

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili.

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Da questo principio deriva, per tutti gli operatori sanitari,

Dettagli

Herman Miller Limited, Filiale Italiana

Herman Miller Limited, Filiale Italiana Herman Miller Limited, Filiale Italiana Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo [ex D. Lgs. 231 del 2001] Parte Speciale 3 Edizione settembre 2011 PARTE SPECIALE 3 Reati in materia di violazione

Dettagli

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO PREMESSA a) la genuinità e la bontà del vino che quotidianamente consumiamo determinano lo stato fisico e la condizione del cittadino-consumatore; b) il consumatore

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AD INTERNET

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AD INTERNET REGOLAMENTO PER L ACCESSO AD INTERNET della Biblioteca Comunale Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. 53 del 30/11/2006 REGOLAMENTO PER L ACCESSO AD INTERNET della biblioteca comunale INDICE

Dettagli

Numero Verde: 800-241751 www.bsa.org

Numero Verde: 800-241751 www.bsa.org 2_folder_BSA_9_10_00 16-10-2000 18:14 Pagina 1 Numero Verde: 800-241751 www.bsa.org Aggiornata con la nuova legge 248/00 2_folder_BSA_9_10_00 16-10-2000 18:14 Pagina 2 2_folder_BSA_9_10_00 16-10-2000 18:14

Dettagli

I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO. Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it

I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO. Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it I REATI INFORMATICI NELL ORDINAMENTO ITALIANO Danilo Vizzarro info@danilovizzarro.it 15 Novembre 2006 INDICE 1 Indice 1 Il Computer Crime 2 1.1 Il Panorama Europeo....................... 2 1.2 Il Panorama

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE PROPRIETÀ INTELLETTUALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Registrazione del Marchio a Singapore Le fonti normative a tutela dei marchi sono: il Trade Marks Act, le Trade Marks Rules ed i

Dettagli

INFORMATICA APPLICATA Informatica Giuridica

INFORMATICA APPLICATA Informatica Giuridica INFORMATICA APPLICATA Informatica Giuridica Internet: la Rete delle Reti Che cos è il Diritto d Autore Norme per la tutela del Diritto d Autore Violazioni in Internet News Art. 2575 c.c. Formano oggetto

Dettagli

Rischi derivanti dalla pirateria informatica: come proteggersi

Rischi derivanti dalla pirateria informatica: come proteggersi Rischi derivanti dalla pirateria informatica: come proteggersi Matteo Mille Presidente BSA Quanto vale la pirateria globale? Dal 7% al 9% è la valutazione della quota di vendite di merci contraffatte sull'intero

Dettagli

Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc

Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc LA RATIO DELLA DISCIPLINA LEGISLATIVA SULLA COPIA PRIVATA La copia privata consiste nella

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

1. IL SOFTWARE La nascita L attività Il funzionamento

1. IL SOFTWARE La nascita L attività Il funzionamento 1. IL SOFTWARE La nascita Partiamo prima di tutto dalla genesi della vicenda ovvero dalla nascita di Napster. Nel gennaio del 1999, uno studente diciannovenne del New Jersey (Shawn Faning) realizza un

Dettagli

Quando il Software Libero prevale.

Quando il Software Libero prevale. Quando il Software Libero prevale. 1 Nel 1990 solo mille computer erano connessi in Internet, ma già nel 1988 era nato uno strumento di comunicazione istantanea, cioè di chat. L Internet Relay Chat (IRC),

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 febbraio 2009, n. 31

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 febbraio 2009, n. 31 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 febbraio 2009, n. 31 Regolamento di disciplina del contrassegno da apporre sui supporti, ai sensi dell articolo 181-bis della legge 22 aprile 1941,

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

INTERNET E LA SCUOLA

INTERNET E LA SCUOLA INTERNET E LA SCUOLA INTERNET NON È PIÙ SOLTANTO UNA TECNOLOGIA LA DIMENSIONE TESTUALE DI INTERNET INTERNET È FLUIDA INTERNET È INFINITA INTERNET È INTRECCIATA INTERNET È UNA COSA A PIÙ STRATI È UN VEICOLO

Dettagli

Informatica e diritto, Vol. XV, 2006, n. 1, pp. 229-236

Informatica e diritto, Vol. XV, 2006, n. 1, pp. 229-236 Informatica e diritto, Vol. XV, 2006, n. 1, pp. 229-236 Rec. a: A. Maggipinto, M. Iaselli (a cura di) Sicurezza e anonimato in rete. Profili giuridici e tecnologici della navigazione anonima (Milano, Nyberg,

Dettagli

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Corporate Law Alert SETTEMBRE 2013 AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Con l articolo 9 comma 2 del D.L. 14 agosto 2013, n. 93 recante Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PREMESSA

REGOLAMENTO PREMESSA REGOLAMENTO PREMESSA Il Laboratorio Informatico di Architettura è una risorsa preziosa per gli studenti, per tale ragione è opportuno che ognuno lo utilizzi con coscienza e responsabilità. Ogni danneggiamento

Dettagli

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015 NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Milano 22/06/2015 1 Introduzione 2 Le Responsabilità nella classificazione del rifiuto 3 Classificazione: come deve operare il Produttore 4 Caratterizzazione:

Dettagli

CODICE ETICO FACCHINI FRANCESCO SPA. Rev. 00 09/01/2015 secondo la norma internazionale SA8000: 2008 e il D. Lgs. 231/2001 e s.m.i.

CODICE ETICO FACCHINI FRANCESCO SPA. Rev. 00 09/01/2015 secondo la norma internazionale SA8000: 2008 e il D. Lgs. 231/2001 e s.m.i. FACCHINI FRANCESCO SPA CODICE ETICO Rev. 00 09/01/2015 secondo la norma internazionale SA8000: 2008 e il D. Lgs. 231/2001 e s.m.i. 2014 FACCHINI FRANCESCO S.p.A..- Tutti i diritti di diffusione e riproduzione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

3 a edizione. Aggiornata con la legge 248/00 ed il regolamento 338/01

3 a edizione. Aggiornata con la legge 248/00 ed il regolamento 338/01 3 a edizione Aggiornata con la legge 248/00 ed il regolamento 338/01 BSA: chi è, cosa fa. La Business Software Alliance (BSA) è un organizzazione internazionale senza scopo di lucro fondata nel 1988 al

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015

Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015 Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015 di Lorenzo Roccatagliata 1. Premessa. Dopo due esami preliminari, con il Consiglio dei Ministri n. 82 di venerdì 22 settembre,

Dettagli

PINEROLO (Torino) Via dei Rochis, 25 segreteria@buniva.it. http://www.bunivaweb.it 0121 322374 fax 0121 322666 Codice Fiscale 85007140016

PINEROLO (Torino) Via dei Rochis, 25 segreteria@buniva.it. http://www.bunivaweb.it 0121 322374 fax 0121 322666 Codice Fiscale 85007140016 L 10064 PINEROLO 25 segreteria@buniva.it Economico Amministrazione, Finanza e Marketing - Sistemi Informativi Aziendali - http://www.bunivaweb.it 0121 322374 Relazioni fax Internazionali 0121 322666 per

Dettagli

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a.

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a. Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA EMAK s.p.a. con delibera del Consiglio di Amministrazione del 31Gennaio 2014 Parte Speciale H 1. I reati

Dettagli

Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati

Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati Giornalismo 3.0 e Pensiero Critico Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati Avv.Luigi Gianfelice Avv. Gianluca Ludovici a cura di Valentina Benedetti ed Arianna Vagni 1 Intellettual Property

Dettagli

LEGAL NOTICE Gestore del Sito Oggetto Copyright

LEGAL NOTICE Gestore del Sito Oggetto Copyright LEGAL NOTICE LA NAVIGAZIONE NEL SITO E IL SUO USO SONO REGOLATI DALLA PRESENTE LEGAL NOTICE. LA NAVIGAZIONE NEL SITO COSTITUISCE ACCETTAZIONE ESPRESSA DELLE CONDIZIONI STABILITE NELLA PRESENTE LEGAL NOTICE

Dettagli

Manuela Massari Deborah Mola Valeria Roncone Il crowdfunding, i finanziamenti viaggiano in rete. Un modo innovativo per finanziare progetti e imprese

Manuela Massari Deborah Mola Valeria Roncone Il crowdfunding, i finanziamenti viaggiano in rete. Un modo innovativo per finanziare progetti e imprese A13 Manuela Massari Deborah Mola Valeria Roncone Il crowdfunding, i finanziamenti viaggiano in rete Un modo innovativo per finanziare progetti e imprese Copyright MMXIV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Premesse La normativa mira a prevenire l'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di

Dettagli

- 1 - AVVISO DI ABILITAZIONE AI SERVIZI DI PUBBLICAZIONE DI CONTENUTI DIDATTICI DIGITALI NELLA LIBRERIA DIGITALE APERTA DELLA PIATTAFORMA INNOVASCUOLA

- 1 - AVVISO DI ABILITAZIONE AI SERVIZI DI PUBBLICAZIONE DI CONTENUTI DIDATTICI DIGITALI NELLA LIBRERIA DIGITALE APERTA DELLA PIATTAFORMA INNOVASCUOLA - 1 - AVVISO DI ABILITAZIONE AI SERVIZI DI PUBBLICAZIONE DI CONTENUTI DIDATTICI DIGITALI NELLA LIBRERIA DIGITALE APERTA DELLA PIATTAFORMA INNOVASCUOLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO

Dettagli

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano Giuliano Gaia - Stefania Boiano Sommario 1. Che cos è il podcasting... 7 2. Trovare e ascoltare i podcast... 15 3. Creare il primo podcast... 33 4. Podcast di qualità... 65 5. Sperimentare... 99 6. Di

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET Una guida per i genitori sul P2P e la condivisione di musica in rete Cos è il P2P? Come genitore hai probabilmente già sentito tuo figlio parlare di file sharing, P2P (peer

Dettagli

Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore

Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta 1. Il sistema di responsabilità correlato

Dettagli

INTERNET IN BIBLIOTECA

INTERNET IN BIBLIOTECA INTERNET IN BIBLIOTECA REGOLE PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO Obiettivi del servizio La Biblioteca Comunale di Roè Volciano riconoscendo l utilità di implementare l uso delle nuove tecnologie al fine di diversificare

Dettagli

Diritto d autore e banche di dati

Diritto d autore e banche di dati Introduzione al diritto d autore: Le banche di dati Dott.ssa Michela Rossi Corso di laurea Giurisprudenza Informatica giuridica 2012/2013 Diritto d autore e banche di dati Diritto d autore Diritto d autore

Dettagli

INTRODUZIONE CHE COSA E IL D.LGS. 231/01? n. 026 - GIUGNO 2014

INTRODUZIONE CHE COSA E IL D.LGS. 231/01? n. 026 - GIUGNO 2014 AUDIT INFORMATICO PER PREVENIRE I REATI INFORMATICI (ART. 24 BIS D.LGS. 231/01) E ANNULLARE LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELL IMPRESA NEL RISPETTO DEL CODICE DELLA PRIVACY (D.LGS. 196/03) E DELLO STATUTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ 1) Il Comune di Casier riconosce le funzioni peculiari del Servizio Biblioteca, richiamando e condividendo

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli

COMUNE DI SPECCHIA. PROVI NCI A DI LECCE www.comune.specchia.lecce.it CAPSDA (CENTRO DI ACCESSO AI PUBBLICI SERVIZI DIGITALI AVANZATI)

COMUNE DI SPECCHIA. PROVI NCI A DI LECCE www.comune.specchia.lecce.it CAPSDA (CENTRO DI ACCESSO AI PUBBLICI SERVIZI DIGITALI AVANZATI) COMUNE DI SPECCHIA PROVI NCI A DI LECCE www.comune.specchia.lecce.it CAPSDA (CENTRO DI ACCESSO AI PUBBLICI SERVIZI DIGITALI AVANZATI) 1 COMUNE DI SPECCHIA PROVI NCI A DI LECCE www.comune.specchia.lecce.it

Dettagli

Pirateria: scenario 2011

Pirateria: scenario 2011 Pirateria: scenario 2011 Presentazione della ricerca Ipsos sulla pirateria audiovisiva Casa del Cinema - Roma 19 gennaio 2011 1. Obiettivi e Metodologia 2. Descrizione generale del fenomeno: incidenza

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI POZZUOLO DEL FRIULI

REGOLAMENTO SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI POZZUOLO DEL FRIULI REGOLAMENTO SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI POZZUOLO DEL FRIULI Approvato con deliberazione consigliare n. 58 del 25.11.2004 Esecutivo dal 25.11.2004 Art. 1 OBIETTIVI DEL SERVIZIO La biblioteca

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA Art. 1 - Patrimonio e finalità La Biblioteca dell Accademia Teatro alla Scala possiede testi specialistici, musica a stampa, libretti per musica

Dettagli

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi L importanza della comunicazione Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi FAbio ACCARDi se nella ricerca

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI INTERNET IN BIBLIOTECA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 4 settembre 2006 Pagina 1 di 6 1. Obiettivi

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

Allegato A alla Delibera n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013

Allegato A alla Delibera n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013 Allegato A alla Delibera n. del 12 dicembre 2013 REGOLAMENTO IN MATERIA DI TUTELA DEL DIRITTO D AUTORE SULLE RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA E PROCEDURE ATTUATIVE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO E VIOLAZIONE DEI DIRITTI DI AUTORE

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO E VIOLAZIONE DEI DIRITTI DI AUTORE FAMIGLIA DI REATI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO E VIOLAZIONE DEI DIRITTI DI AUTORE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Con l entrata in vigore dell art. 15 della Legge 23 luglio 2009, n. 99 avente

Dettagli

L opera Omnia dei contratti pubblici: dal Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 allo schema di Regolamento IN CAPO AL RUP

L opera Omnia dei contratti pubblici: dal Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 allo schema di Regolamento IN CAPO AL RUP L opera Omnia dei contratti pubblici: dal Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 allo schema di Regolamento LE RESPONSABILITA IN CAPO AL RUP Reggio Emilia Mercoledì 12 Dicembre 2007 Matteo Biraschi COMPITI

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

aver compilato l apposito modulo di iscrizione dopo aver preso visione del presente Regolamento. L iscrizione ha validità annuale.

aver compilato l apposito modulo di iscrizione dopo aver preso visione del presente Regolamento. L iscrizione ha validità annuale. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 DEL 06.04.2006 Regolamento per il SERVIZIO MULTIMEDIALE della Biblioteca di Palosco Art.1 - Obiettivi del servizio 1. La Biblioteca di Palosco riconosce

Dettagli

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Avv. Francesco Celluprica Barzanò & Zanardo Studio Legale Associato Istituto di Commercio Estero 3-5 febbraio 2015 Poli tecnologici 2015 Barzanò & Zanardo

Dettagli

La criminalità economica

La criminalità economica Con la crescente domanda di una migliore qualità della vita, la reazione sociale nei confronti dei reati economici e dei colletti bianchi si è molto inasprita: l opinione pubblica è sempre più attenta

Dettagli

COMUNE DI RUDA BIBLIOTECA COMUNALE L. CHIOZZA

COMUNE DI RUDA BIBLIOTECA COMUNALE L. CHIOZZA REGOLAMENTO PER L ACCESSO INTERNET IN BIBLIOTECA (punto dialogo) Allegato alla delibera C.C. N. 31 del 24.6.2008 1. La biblioteca offre ai propri iscritti l accesso ad internet come ulteriore strumento

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Art. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa Copyright e Internet Diritto d autore e normativa I programmi per elaboratore sono tutelati civilmente e penalmente dalla normativa sul diritto d autore, in quanto opere dell ingegno, che si esprimono

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte valutazioni e proposte FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore 1. ANALISI CRITICA DELLE NORME Tra le principali innovazioni portate dal decreto

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE

IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE 1. Generalità Il testo unico, al pari del decreto 494/96 ormai abrogato, dedica

Dettagli

Regolamento per un uso corretto e consapevole della rete

Regolamento per un uso corretto e consapevole della rete Regolamento per un uso corretto e consapevole della rete Art.1 Premessa Il curricolo scolastico all ITTS Volt@ smartschool prevede il regolare utilizzo nei laboratori e nelle aule laboratorio di device

Dettagli

Darwinbooks sistema integrato per la consultazione di libri on line

Darwinbooks sistema integrato per la consultazione di libri on line Darwinbooks sistema integrato per la consultazione di libri on line LICENZA DARWINBOOKS L accesso a Darwinbooks e ai suoi contenuti/materiali e servizi è soggetto alle condizioni e ai limiti di cui alla

Dettagli

Global Compact per un mondo economico migliore. Rendilo possibile. Sognalo oggi - 1

Global Compact per un mondo economico migliore. Rendilo possibile. Sognalo oggi - 1 GLOBAL COMPACT PER UN MONDO ECONOMICO MIGLIORE. RENDILO POSSIBILE. SOGNALO OGGI Un concorso di idee riservato agli studenti delle scuole superiori e Università Cosa fanno 120 studenti, rappresentanti di

Dettagli

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 1 Regolamento sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 2 Premessa: Il presente regolamento deve essere un punto di

Dettagli

LICENZA PER L UTILIZZAZIONE DELLE OPERE MUSICALI AMMINISTRATE DALLA SIAE IN SITI WEB NON MUSICALI n. /I/... URL DEL SITO OGGETTO DELLA LICENZA...

LICENZA PER L UTILIZZAZIONE DELLE OPERE MUSICALI AMMINISTRATE DALLA SIAE IN SITI WEB NON MUSICALI n. /I/... URL DEL SITO OGGETTO DELLA LICENZA... Questo contratto di licenza è visualizzato per informazione. La licenza deve essere richiesta attraverso i servizi on line. Si attiva così la procedura automatizzata di emissione MAV. A pagamento avvenuto,

Dettagli

Nuovi orientamenti della Cassazione Nuova disciplina dei costi da reato Il nuovo reato di falso in verifica fiscale

Nuovi orientamenti della Cassazione Nuova disciplina dei costi da reato Il nuovo reato di falso in verifica fiscale Nuovi orientamenti della Cassazione Nuova disciplina dei costi da reato Il nuovo reato di falso in verifica fiscale Milano, 5 giugno 2012 Avv. Angelo Vozza (a.vozza@gpjus.it) Nuovi orientamenti della Cassazione:

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

Pirateria: restarne fuori conviene.

Pirateria: restarne fuori conviene. Pirateria: restarne fuori conviene. I numeri della pirateria 48% 33% 42% Tasso di pirateria del software in Italia Tasso medio di pirateria in Europa Tasso medio di pirateria nel mondo. 1.945 63.456 Controvalore

Dettagli

Punto Pubblico di Accesso P3@

Punto Pubblico di Accesso P3@ Provincia di Padova Regione del Veneto Regolamento Comunale per l uso del Punto Pubblico di Accesso P3@ Intervento finanziato dalla Regione del Veneto, nell ambito del programma Operativo regionale (POR)

Dettagli

Web Privacy Policy ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13

Web Privacy Policy ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 Web Privacy Policy ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 Gentile Utente, H3G S.p.A. (di seguito 3 ) è titolare di Sue informazioni qualificate come dati personali, che Le sono richieste per

Dettagli

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

COMUNICATO RELATIVO ALLA TUTELA DEI NOSTRI MARCHI

COMUNICATO RELATIVO ALLA TUTELA DEI NOSTRI MARCHI COMUNICATO RELATIVO ALLA TUTELA DEI NOSTRI MARCHI Informazioni relative a Tecnica di Polizia Giudiziaria Ambientale, Diritto all ambiente ed altri copyright registrati e protetti Diritto all ambiente Corsi

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI

Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione (in seguito denominata RSI) 1. Oggetto e definizioni

Dettagli

Il diritto d autore nel mondo analogico, digitale e open access

Il diritto d autore nel mondo analogico, digitale e open access Il diritto d autore nel mondo analogico, digitale e open access Avv. Beatrice Cunegatti STUDIO LEGALE CUNEGATTI BOLOGNA MILANO Università degli Studi di Verona 1 febbraio 2013 I SEZIONE Diritto di autore:

Dettagli

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE . DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Moderna definizione della DEONTOLOGIA Strumento di informazione e guida permanente nell esercizio professionale, diretto sin dalla preparazione universitaria a realizzare una

Dettagli

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI Dott.ssa Stefania Ercolani Società Italiana degli Autori ed Editori WEB TV, WEB RADIO E VIDEO ON DEMAND: UN REBUS NORMATIVO? LE FONTI Direttiva

Dettagli