CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO"

Transcript

1 INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo ndpendentemente dalle caue che l poono generare. In partcolare la cnematca delle trutture occupa otanzalmente d potament, coè d dentfcare le pozon che un dato tema materale aume nello pazo enza precare la ucceone temporale con cu ueguono. Occorre nnanztutto defnre la geometra del tema materale, detta anche confgurazone del tema. a confgurazone d un tema materale conte nell neme d coordnate d tutt uo punt materal, n un dato tema d rfermento. onderando un generco corpo n una generca confgurazone d rfermento, tratta d defnre l neme d tutt pobl potament de punt del tema da una confgurazone ad una quala altra. P (P) P Spotamento del tema o campo degl potament (P) è l neme d tutt pobl potament (P -P) de punt P. Il vettore potamento coì defnto è funzone oltanto delle coordnate d P e P n un dato tema d rfermento. Spotamento d un corpo rgdo è un campo d potament n cu tutte le mutue dtanze retano nvarate. Un tema d punt materal, o un tema materale, defnce nfatt rgdo quando poono conderare nvarabl le mutue dtanze tra due qualunque de uo punt, per qualunque potamento d aeme ubca. Un corpo rgdo può avere olo potament rgd. Se n uno potamento pano conocono gl potament d due punt, l campo d potament è defnto. Soltamente punt d un tema materale, anzché mobl lberamente, poono eere, come vedremo, obblgat ad aumere olo le pozon compatbl con certe condzon, dette d vncolo. Qualunque dpotvo atto a lmtare la mobltà d un corpo nel pano o nello pazo aume l generco nome d vncolo. Un vncolo rappreenta una conneone del tema con l ambente eterno (vncolo eterno) o d part del tema tra d loro (vncolo nterno), che analtcamente eprme con qualche equazone nelle coordnate del tema che fa dmnure l numero d coordnate lbere (grad d lbertà del tema). S defnce potamento tralatoro uno potamento n cu tutt punt ubcono lo teo potamento. oneguenza d tale defnzone è che lo potamento tralatoro è rgdo pano (tutte le drezon ono drezon prncpal, coè rmangono nvarate).

2 Un corpo rgdo ha un moto d tralazone e pota n modo tale che le traettore d tutt punt del corpo ono lnee parallele e vettor che defncono gl potament ono parallel e d uguale modulo. Il campo vettorale formato dagl potament d tutt punt rulta coì unforme. a ucceone de punt occupat dal punto cottuce una lnea che chama traettora, la quale, a econda della ua forma, può eere rettlnea, curvlnea, o mta. S dce potamento rotatoro uno potamento rgdo n cu a tutt punt d una retta compete potamento nullo. Tale retta dce ae d rotazone. ae d rotazone e l corrpondente angolo d rotazone determnano lo potamento rotatoro. O P P O centro d rotazone. Ogn potamento rgdo pano non tralatoro è rotatoro. Se n uno potamento rgdo un punto è fo, allora tutt punt d un ae retano f, e qund lo potamento è rotatoro. Per decrvere lo potamento rgdo nello pazo occorrono 6 parametr ndpendent (tre component della tralazone e tre component della rotazone), mentre nel pano ne occorrono 3 (due component della tralazone e una componente della rotazone). a rotazone non è con tutt drtt un vettore, n quanto non egue le regole dell algebra vettorale. Due ucceve rotazon non compongono econdo le regole del parallelogramma. Dveramente verfca e gl potament ono nfntem. Sano OXYZ e O z due terne d a cartean ortogonal, la prma oldale con lo pazo d rfermento e la econda oldale con l tema. Per la defnzone d rgdtà non varano le coordnate de punt materal del tema rpetto alla terna O z. Pertanto la pozone del tema è fata quando a fata quella della terna O z rpetto alla terna OXYZ. E noto che per tablre la pozone della terna d a O z rpetto alla terna OXYZ è necearo e uffcente fare valor d 6 parametr tra loro ndpendent qual ad eempo le tre coordnate d O rpetto ad OXYZ e tre angol d Eulero che determnano la pozone d rpetto a O z. Per defnre le pozon d un tema rgdo nello pazo occorre qund ndvduare 6 parametr ndpendent q,., q 6 che decrvono le pozon occupate dal corpo rgdo rpetto alla terna d rfermento OXYZ. Tal parametr ono denomnat coordnate generalzzate o coordnate lagrangane. Nello pazo le coordnate generalzzate della pozone del corpo ono: 3 coordnate dell orgne O d un tema d a local d rfermento rpetto ad una terna fa; 3 parametr angolar che defncono le rotazon degl a local rpetto alla terna fa. Ogn poble varazone d quet parametr dce grado d lbertà del tema. Qund l concetto d grado d lbertà è aocato alla pobltà d un determnato potamento del corpo. Il numero d grad d lbertà d un tema rgdo è uguale al numero d parametr tra loro ndpendent che defncono la pozone del tema. Eendo 6 le coordnate generalzzate del corpo rgdo nello pazo, ne egue che lo teo poede 6 grad d lbertà. Nel pano un corpo rgdo ha 3 grad d lbertà. a pozone d un corpo rgdo nel pano è defnta da tre ol parametr ndpendent (coordnate generalzzate) q, q 2, q 3. Infatt tre ono parametr necear per fare la pozone degl a local rpetto ad un tema d rfermento fo XY. 2

3 Y Y O O X X O Per l pote fatta ulla rgdtà del corpo non cambano le dtanze relatve O, O,. e coordnate neceare a defnre la pozone del corpo rgdo ono: 2 coordnate (X O, Y O ) dell orgne O degl a local rpetto agl a f; parametro angolare che defnce l orentamento degl a local rpetto agl a f (ad eempo l angolo che forma l ae con l ae X). e coordnate generalzzate che defncono la pozone del corpo ono qund: q X O q 2 Y O q 3 qund un corpo rgdo nel pano ha tre grad d lbertà. Uno potamento rgdo condera pano e gl potament d tutt punt del tema rultano parallel ad uno teo pano α. Eendo rgdo l tema, gl potament d tutt punt d una retta b perpendcolare ad α, rultano ugual e qund poono eere decrtt nel pano α conderando gl a d rfermento. b z α α α α 2 2 α α α 2 2 b α Spotamento rgdo pano Y Spotamento del corpo Pozone O 2 Pozone 2 O O 2 2 X Il vettore relatvo alla Pozone è: M { q Il vettore relatvo alla Pozone 2 è: M 2 { q 2 q 2 2 q 2 q 3} 2 q 3 } (tre component) (tre component) 3

4 2 2 2 a varazone delle coordnate generalzzate da valor q; q 2 ; q 3 a valor q ; q 2 ; q 3 defncono uno potamento generalzzato del corpo rgdo pano: {} { M 2 M }, ovvero: q O O {} q 2 O q3 dove O è lo potamento dell orgne degl a, O e O ono le component d O, e è la rotazone (vettore normale al pano ). Rotazon nfnteme pote d potament nfntem permette d effettuare gnfcatve emplfcazon nella caratterzzazone degl potament, a che tratt d rotazon che d tralazon. a ae d rotazone a P O P P t O r t P Nella rotazone ono null gl potament de punt d una retta propra a chamata ae d rotazone. Gl potament d tutt punt P che gaccono u pan ortogonal ad a decrvono arch d crconferenza con centro nell nterezone tra l ae d rotazone e la crconferenza (punto ) e raggo uguale alla dtanza P. o potamento può eprmer come la omma d un vettore t tangente alla traettora (crconferenza) ed un vettore r dretto econdo l raggo vero l centro. t + r r P ( - co) r (r è l verore della drezone radale, dretto vero l centro d rotazone ) t P en t (t è l verore della drezone tangenzale, dretto nel vero dello potamento) t + r P ( - co) r + P en t Se vluppamo l co e l en n ere d Mcaurn, e tracuramo gl nfntem d ordne uperore al prmo, ottene: 2 co en Pertanto ottene: che può eere anche epreo come: P t 4

5 ( P) a epreone generale per defnre lo potamento d un generco punto P è: ( P ) a eendo l centro d rotazone. Qund e l angolo d rotazone è pccolo può tracurare la componente radale dello potamento del punto P amlandolo alla ola componente tangenzale alla traettora. Detto altrment, una rotazon nfntema d ampezza ntorno all ae d rotazone a produce uno potamento n drezone perpendcolare al raggo P, d grandezza par al prodotto della dtanza P per la rotazone. Il vettore rotazone è ortogonale al pano formato da vettor potamento e dtanza d da P. P t P P P P e component d potamento d due punt econdo la loro congungente ono ugual. d P P Q d P P t Q P Q Q Q P ( P) a Q ( Q) a Q d P d P Q E una coneguenza dell netenbltà del egmento PQ. Per la trattazone d potament nfntem non è pù necearo dtnguere tra a local e a f. Nell ambto della cnematca lnearzzata vale l prncpo d ovrappozone degl effett. Una ucceone d potament rgd nfntem determna uno potamento rultante ndpendente dall ordne d applcazone de ngol potament. Spotamento nfntemo pano d tralazone S conder un corpo rgdo pano che ubce una tralazone nfntema caratterzzata dallo potamento O dell orgne. e component O e O del vettore O poono eere conderate come parametr della tralazone rgda nfntema. 5

6 P P O O O O o potamento generalzzato d un corpo rgdo pano oggetto ad una tralazone nfntema è: O O O o potamento d un punto quala P del tema rgdo pano che ubce una tralazone nfntema è uguale allo potamento dell orgne O, qund: O O O epreone può anche crvere n forma matcale: O [I] { O } O Spotamento nfntemo pano d rotazone S conder ora un corpo rgdo pano che ubce una rotazone nfntema attorno ad un punto. // ae z P O Nello potamento d ola rotazone nfntema ha O, qund lo potamento generalzzato del corpo rgdo pano è: O o potamento d un generco punto P ( ; ) dovuto ad una rotazone nfntema può eere determnato conderando l rultato del prodotto vettorale del vettore ( P ) per l vettore rotazone applcato n e perpendcolare al pano. ( P ) Eendo e le coordnate del punto e e le coordnate del punto P, le component del vettore ( P ) ono: ( P ) ( P ) ( P ) z 6

7 Il vettore ha componente oltanto nella drezone z, qund: z α z P ( P ) ( P ) o potamento del punto P dovuto alla rotazone nfntema rulta: ( P ) ( ) ( ) k j ottene qund: ( ) ( ) ( ) ( ) j Ponendo l orgne degl a n O, rulta: P O a formulazone matrcale dello potamento del punto P dovuto alla rotazone nfntema rulta n queto cao: ( P ) (O P ) j k ome può vedere dalla fgura e rcordando che le component d potamento d due punt econdo la loro congungente ono ugual, ha che le component dello potamento d P concdono con modul degl potament delle proezon d P ugl a e, a caua dell netenbltà de egment all nterno d un corpo rgdo. entro tantaneo d rotazone Poché ogn potamento rgdo pano nfntemo può eere conderato come una rotazone ntorno ad un certo punto del pano, rconoce l etenza d un centro tantaneo d rotazone (.R.), che corrponde a quel punto n cu l ae tantaneo del moto ncontra l pano. In altre 7

8 parole, un generco potamento pano nfntemo d un corpo può ntender come generato da una rotazone nfntema ntorno al centro tantaneo d rotazone. Il.R. è caratterzzato dal fatto che l uo potamento è nullo. P 2 O.R. O P 2 P.R. P 2.R. 2 O O R R.R. O O + Se cerchamo le coordnate del centro tantaneo d rotazone ha: R O R R O + R n quanto l.r. ha potamento nullo. O R R O e precedent forncono le coordnate del centro tantaneo d rotazone. o potamento pano nfntemo del tema rgdo OP può eere vto anche: P * O R.R. O* O O P O O + O (.R. P ) R. ome compoto da una tralazone O e da una rotazone ntorno a O*. 2. ome generato da una rotazone ntorno al centro tantaneo d rotazone.r. S oerv che, per l pote d potament nfntem, l centro tantaneo d rotazone è ndvduato dall nterezone delle normal agl potament de punt condott per la loro pozone nzale. onocendo parametr dello potamento del corpo, le coordnate del.r. poono determnare mmedatamente, utlzzando le epreon: R O 8

9 R O Poché ogn potamento rgdo pano nfntemo può eere conderato come una rotazone attorno al centro tantaneo d rotazone, una tralazone rgda può eere vta come cao lmte d rotazone l cu centro d rotazone tende al punto mpropro (coè all nfnto) n drezone perpendcolare a quella della tralazone. Nel cao pù generale qund lo potamento d un generco punto P (, ) arà compoto d una tralazone pù una rotazone, coè rcade nel cao pù generale d potamento rototralatoro. S può dmotrare che per gl potament nfntem vale l prncpo d ovrappozone degl effett, per l quale l generco potamento rgdo nfntemo rototralatoro può eere ottenuto dalla ovrappozone d una tralazone pura e d una rotazone. S può qund crvere: + ( P ) + emplfcando ulterormente la precedente epreone ottene: ( ( ) ) j [V ] {} a matrce [V ] è formata dalla ubmatrce untara e dalla dfferenza tra le coordnate del punto e quelle del punto P. Ponendo l orgne degl a n concdenza con l punto precedentemente conderato le relazon emplfcano. In queto cao la tralazone rulta caratterzzata dallo potamento O dell orgne e la rotazone avvene attorno ad O. o potamento generalzzato del corpo rulta qund: O O O + (O P ) k O O [V ] {} O O + omponente dello potamento d un generco punto econdo una aegnata drezone Sa lo potamento d un generco punto P (, ) appartenente ad un corpo rgdo pano oggetto ad uno potamento generalzzato nfntemo. S vuole determnare la componente r dello potamento econdo una drezone r. 9

10 β r α r r O r r ϕ P ( ; ) r r P ϕ ϕ < π/2 r è potva P r ϕ ϕ > π/2 r è negatva Eendo r r r, l valore della componente r ottene proettando ortogonalmente ulla retta orentata r. Rulta qund: r coϕ ò corrponde al rultato del prodotto calare tra l verore r e l vettore potamento : r r e component del verore r econdo gl a ono date da coen drettor α r e β r della ua drezone, che rcorda eere coen degl angol format dalla drezone r con gl a e rpettvamente. S ottene qund: r r T { α r β r } α r + β r β r α r r r P a componente d potamento r può anche eprmere n funzone de parametr dello potamento generalzzato del corpo: Infatt, eendo: O O + ha: r α r + β r α r ( O ) + β r ( O + ) α r O + β r O + (α r + β r ) Il termne (α r + β r ) d r rappreenta la dtanza dalla retta r paante per P (, ) dall orgne O degl a d rfermento. r α r O + β r O + d r d r β r α r dtanza del punto O dalla retta r Il egno della dtanza d r è potvo e è potvo, coè antoraro, l momento d r rpetto al polo O. o teo rultato trovato precedentemente può eere raggunto operando n termn matrcal: r r T { α r β r } O O [α r ; β r ; (α r + β r )] O O

11 r r T [α r ; β r ; d r ] O O [V r ] {} r β r r r α r α r β r β r P α r O d r P + α r O α r d r a matrce [V r ] ha una rga e tre colonne. I uo termn ono d natura geometrca. Se voglono calcolare le component dello potamento d un punto econdo gl a del tema d rfermento O, rcorre alle eguent epreon: [α r ; β r ; d r ] [α r ; β r ; d r ] O O O O [; ; d r ] [; ; d r ] O O O O INEMTI DE ORPO RIGIDO VINOTO Dal punto d vta cnematco, un vncolo è quala condzone o legame che lmt qualche pobltà d movmento del corpo rgdo o del tema d corp rgd. Qund un vncolo cottuce una lmtazone alle pobltà d potamento. llo copo d evtare ogn potamento che comprometta la funzonaltà e la tabltà della cotruzone vengono realzzate fondazon che ono rappreentat medante dpotv attv ul contorno del corpo rgdo. Il vncolo può anche eere conderato come una conneone del tema con l ambente eterno (vncolo eterno) o d part del tema tra d loro (vncolo nterno) che analtcamente eprme con qualche equazone nelle coordnate del tema, rducendo n tale modo grad d lbertà del tema teo. I vncol che rfercono ad una partcolare confgurazone geometrca, e qund mpongono una retrzone alla ola pozone, defncono vncol d pozone o vncol olonom. E ono ndpendent dal tempo e cottucono legam che lmtano le pobltà d certe forme d potamento del tema. S conder ad eempo l tema rgdo pano defnto da tre punt,, rappreentato nella fgura eguente. Se l punto è cotretto a rmanere aderente alla

12 retta a + b, è mpoto un vncolo al tema n quanto l punto non può potar lberamente, ma è cotretto a rmanere aderente alla retta. Tale lmtazone mplca una relazone analtca ndcata dalla eguente relazone: a + b In altr termn le coordnate del punto devono oddfare una relazone d vncolo olonomo blaterale. b O a + b arattertche de vncol S è vto che vncol cottucono condzon mpote al tema o al generco corpo rgdo. E poono eere: Olonom: e comportano oltanto condzon tra le coordnate de punt vncolat, enza ntervento del tempo. Unlateral: e ono effcac n un olo vero. d eempo mpedcono lo potamento n una aegnata drezone, ma n un olo vero. Spotamento mpedto lateral: e ono effcac n due ver oppot. d eempo mpedcono gl potament n una aegnata drezone, a che ano un vero che nell altro oppoto. Spotamento mpedto Spotamento mpedto c: coè prv d attrto. Un corpo che pota u vncol lc non è oggetto a neuna forza reattva nella drezone dello potamento. Perfett: coè non cedevol, capac qund d bloccare completamente lo potamento a cu oppongono. F: coè ndpendent dal tempo. Puntform: coè prv d etenone. Inoltre vncol poono anche clafcar n: Vncol d appartenenza: un punto o un elemento del tema rgdo è cotretto a rmanere aderente ad una uperfce,o a una lnea, o a un punto. Naturalmente tal vncol ono blateral. Vncol d appoggo: ad un punto o a un elemento del tema è mpedto l attraveramento d una uperfce, una lnea, un punto. Tal vncol ono unlateral. Nel trattamento de problem d tatca e cnematca de corp rgd opererà n generale con vncol olonom blateral. S ammetterà noltre nella maggor parte de ca che vncol ano lc. 2

13 In nte la lmtazone alle pobltà d potamento eerctata dal vncolo traduce n una o pù condzon del tpo: Vncolo Eterno F ( ; ; z ) Vncolo Interno G ( ; ; z ; j ; j ; jz ) Quet vncol poono eere epre anche n funzone degl potament generalzzat: Vncolo Eterno f ( O ; O ; Oz ; ; ; z ) Vncolo Interno g ( O; O; Oz; O; O; Oz; j O; j O; j Oz; j O; j O; j Oz;) Un vncolo è detto emplce e è eprmble attravero una delle condzon opra ndcate; è detto molteplce e è eprmble attravero pù condzon. Un vncolo eterno lmta gl potament aolut de punt del corpo cu è applcato; un vncolo nterno lmta gl potament relatv tra due punt de corp che collega. Gl potament generalzzat non poono eere celt n modo arbtraro, ma devono oddfare le uddette condzon o relazon d vncolo, che qund rducono l numero d grad d lberà del tema. Una confgurazone ndvduata da parametr che oddfano tutte le relazon d vncolo è detta compatble o congruente. Modell meccanc de vncol pan Ne problem d cnematca e tatca vncol d un tema rgdo vengono rappreentat medante opportun modell meccanc. Il vncolo pù elementare è l carrello che non permette lo potamento d un punto del corpo n una aegnata drezone. e del carrello, r orpo rgdo orpo rgdo e del carrello, r r Spotament mpedt r Schema Un tale vncolo permette la rotazone attorno all ae paante per (ae del carrello), normale al pano medo, e la tralazone econdo una retta che è la tracca ul pano medo del pano d corrmento. a tuazone corrpondente a quella d un punto appartenente ad un tema rgdo cotretto a rmanere aderente ad una retta può rappreentare medante un carrello che pot n modo tale che le coordnate del punto aumano oltanto valor che oddfano l equazone della retta. r a + b r b O Il punto non può potare nella drezone ortogonale alla retta a +b. Il carrello ottrae un grado d lbertà al corpo rgdo e può qund eere conderato come vncolo emplce. ffnché l comportamento reale del vncolo a l pù poble promo a quello dello chema è necearo che la realzzazone tecnca a tea effettvamente al manfetar delle due component d potamento che l vncolo deve poter conentre. 3

14 lafcazone de vncol pan on rfermento alla fgura llutrata nel eguto, analzzano dver tp d vncolo eterno che verranno utlzzat nelle notre applcazon. I vncol ono aunt blateral, per cu l vncolo non conente l dtacco dalla retta d corrmento. I vncol etern agcono ugl potament aolut d un dato corpo. Vncolo Eterno Rappreentazone ondzone ugl potament RREO ERNIER GIFO INSTRO Il carrello è un vncolo emplce, che mpedce la componente d potamento del punto del corpo nella drezone normale a quella d corrmento del carrello. S rcord che a un corpo vncolato da un carrello retano due grad d lbertà, una tralazone parallela alla retta d corrmento e la rotazone. a cernera è un vncolo doppo, che mpedce lo potamento del punto del corpo cu è applcata. l corpo reta un olo grado d lbertà, la rotazone. Il glfo, o pattno, è un vncolo doppo, che mpedce la tralazone n drezone normale alla retta d corrmento e la rotazone del corpo. l corpo reta una ola componente d tralazone. Il glfo equvale dunque ad una cernera pota all'nfnto. ncatro è un vncolo trplo, che mpedce la tralazone d e la rotazone del corpo cu appartene. l corpo non retano grad d lbertà. 4

15 I vncol ntern agcono ugl potament relatv tra due corp. d eempo, eamnando l prmo cao llutrato nella eguente fgura, la condzone d vncolo mpone che lo potamento del punto del prmo corpo nella drezone dell ae del carrello a uguale allo potamento j del punto j del econdo corpo nella tea drezone. In nte, le condzon d vncolo mpongono che gl potament relatv tra punt e j nelle drezon vncolate devono annullar. Se lo potamento relatvo vncolato è una rotazone le rotazon de due corp devono eere ugual. Vncolo Interno Rappreentazone ondzone ugl potament RREO j - j j ERNIER j j j j - j - GIFO j j j - - j j INSTRO j j j j - j - - j Un vncolo equvalente al carrello è la bella o pendolo, che mpedce lo potamento d un punto del tema n una drezone prefata. Eo è uppoto cottuto da un ata rgda collegata da una parte a un punto fo del uolo e dall altra ad un punto del tema. In generale, un vncolo d molteplctà m equvale, da un punto d vta analtco, a m vncol emplc (ad eempo m pendol o carrell). Quando pù corp rgd ono collegat tra d loro (medante vncol ntern) e/o anche con l uolo (medante vncol etern) è n preenza d un tema artcolato d corp rgd (SR). Un tema cottuto da n c corp rgd ha, come gà detto, 6n c grad d lbertà nello pazo e 3n c grad d lbertà nel pano. Rcordando l epreone che permette d determnare la componente d potamento d un generco punto econdo una data drezone: r r T [α r ; β r ; d r ] O O α r O + β r O + (α r + β r ) [V r ] {} 5

16 a condzone d vncolo emplce è eprea dalla relazone: [V r ] {} [α r ; β r ; d r ] O O r eendo nullo lo potamento nella drezone r,mpedto dal vncolo. a relazone precedente eprme una condzone fra tre parametr (e nello pazo), gl potament generalzzat, che decrvono lo potamento del tema rgdo. Se n v vncol emplc vncolano l tema d corp rgd econdo r drezon, poono crvere altrettante matrc del tpo [V r ], cacuna d una rga e tre colonne (6 nello pazo). Raccoglendo le n v rghe [V r ] n un unca matrce [] l tema d potament mpedt da vncol è epreo dalla relazone: [] {} Se vncol non ono n grado d annullare una o pù component d potamento nella drezone della loro retta d azone, r, l epreone precedente modfca n: [] {} {q} ovvero q n cu q è un vettore che contene tutt gl potament mpot ne vncol, dett anche cedment vncolar. Tramte l nverone della matrce (detta anche matrce cnematca) determnano parametr dello potamento rgdo delle tema, coè le ue coordnate generalzzate che ne defncono la pozone. d eempo, conderamo l eguente corpo rgdo nel quale vene aegnato un cedmento vncolare n par a δ. p δ onderando come polo d rfermento. S aumono come potve le rotazon antorare. egnamo, n corrpondenza de vncol le component d potamento,, con ver ndcat n fgura (tal ver ono tat pre concord con gl a d rfermento e ). Tal potament aranno tutt ugual a zero, ad eccezone d che arà nvece par a δ. O O r [ α r β r ( α r + β r )] O [ α r β r dr ] O ϑ ϑ Per cu, ad eempo, lo potamento arà dato da (α e β ono coen dell angolo formato dalla drezone d potamento d con gl a e rpettvamente del tema d rfermento centrato nel polo ): 6

17 [ α β ( α + β )] [ ] δ ϑ ϑ Procedendo allo teo modo per le altre due component d potamento, amo ora n grado d cotruamo ora la matrce cnematca α ( ) α β α + β ( ) α β α + β ϑ δ q ϑ δ Rolvendo l tema d equazon ( - q), rcavano le component dello potamento generalzzato: δ ϑ Una volta noto lo potamento generalzzato può procedere al calcolo degl potament degl alt punt del corpo medante le note relazon: O O + n cu O. d eempo, le component d potamento del punto ono: + δ ( ) δ δ + Il centro d rotazone arà dato da: β ( α + β ) R R e qund avrà le eguent coordnate: R R Per cu concderà con l polo d rfermento. Se vncol emplc vengono dpot tra due punt appartenent a due corp rgd dtnt, gl potament relatv tra due punt ono condzonat ad aumere l valore mpoto dal vncolo. a condzone d vncolo mpota da un pendolo (o una bella) che collega due punt appartenent a due corp rgd dfferent può ancora eere epreo da: I r [V r ] { I } II r [V r ] { II } Dove gl apc I e II tanno ad ndcare due dver corp rgd. a condzone d vncolo mpone che lo potamento relatvo tra due punt collegat dal vncolo, coè l allontanamento de due corp nella drezone del pendolo, a uguale a : I r + r I V II r II I II r [ r Vr ] a matrce che compare nell epreone precedente contene n un unca rga le due matrc d vncolo relatve a due corp. a relazone d vncolo per l tema artcolato d corp rgd è ancora: q 7

18 dove l vettore contene parametr d potamento generalzzato d tutt corp rgd che cottucono l tema artcolato: 3n c (n c numero d corp) nel pano e 6n c nello pazo. a matrce cotruce aemblando aeme le matrc corrpondent a cacun corpo n relazone a vncol etern, e a coppe per vncol ntern. Il vettore q raccogle gl potament mpot, che aranno potament aolut nella drezone del vncolo per vncol etern, o potament relatv tra punt vncolat d due corp, convenzonalmente potv e comportano allontanamento, pre anch e nella drezone del vncolo. onderamo l eguente eempo d tema artcolato d corp rgd cottuto da due corp (corpo ) e (corpo 2) vncolat a terra cacuno con una cernera rpettvamente n e, e vncolat recprocamente con una cernera nterna n. Queto chema è noto come arco a tre cernere. In fgura ono ndcat le drezon e ver, quet ultm potzzat, delle component d potamento n corrpondenza de vncol. E aegnato un cedmento vncolare n n drezone vertcale con l vero ndcato n fgura. p 2 + M δ Per cacun corpo deve eere defnto uno potamento generalzzato n corrpondenza d un polo quala per mezzo del quale eprmere gl potament d tutt uo punt. S poono uare ndfferentemente gl te a d rfermento, con la tea orgne, per tutt corp, o rferment dfferent. In genere è pù comodo ceglere un rfermento propro per ogn corpo. Famo come pol d rfermento punt e. Per determnare qund l campo d potamento d tutt punt del corpo è necearo calcolare preventvamente gl potament generalzzat de due pol. Per queto motvo dobbamo rolvere l tema d equazon q. Per valutare la matrce, è necearo calcolare le component d potament de punt vncolat medante: O O r [ α r β r ( α r + β r )] O [ α r β r dr ] O ϑ ϑ e po aemblare coeffcent not nella matrce. d eempo, lo potamento arà dato da (α e β ono coen dell angolo formato dalla drezone d potamento d, una volta uppoto appartenente al corpo e una volta al corpo 2, con gl a e rpettvamente del tema d rfermento O centrato rpettvamente nel polo e n ): 8

19 9 ( ) [ ] [ ] ϑ ϑ + β α β α I ( ) [ ] [ ] ϑ ϑ + β α β α II emblamo due contrbut e ottenamo: I + II [ ] ϑ ϑ oè lo potamento relatvo tra due corp n drezone è nullo. Procedendo allo teo modo per gl altr potament de vncol e aemblando coeffcent nella matrce, ha: δ [] {} {q} che permette d rcavare lo potamento generalzzato: {} δ δ δ 2 2 PROEM INEMTIO NE PINO S conder un tema d corp rgd cottuto da n c corp, mutuamente vncolat, e d norma vncolato al uolo. Sa n v l numero globale de vncol emplc, ntern ed etern. S conderno po de cedment vncolar, che vengono applcat a partre da una data confgurazone d rfermento. S formula l eguente problema cnematco (d congruenza o compatbltà cnematca): aegnat cedment vncolar, determnare, e etono, le confgurazon compatbl del tema. Rprendamo la condzone q. è la matrce d compatbltà cnematca del tema, d dmenon n v 3n c, è l vettore degl potament generalzzat ncognt, d dmenon 3n c, e q è l vettore de cedment vncolar not, d dmenon n v. on queta formulazone analtca la natura del problema fco vene a dpendere dalle propretà della matrce. Infatt, per trovare

20 parametr dello potamento generalzzato, che defncono la pozone del corpo o de corp rgd nel pano (o nello pazo), dobbamo nvertre la matrce cnematca : - q a pobltà qund d trovare una oluzone del tema d equazon opra ndcato dpende dalla nvertbltà della matrce. Può accadere che cò non a poble n quanto la matrce cnematca può preentare delle ngolartà. d eempo è noto che e due rghe d una matrce quadrata ono proporzonal l uo determnante è nullo, e l nverone è mpoble. lafcazone cnematca In bae alle carattertche della matrce è poble procedere ad una clafcazone de Stem d orp Rgd (SR). S dtnguono quattro ca fondamental. a) n v 3n c : l numero de vncol è par a grad d lbertà del tema. Il tema defnce tema cnematcamente determnato, o ocnematco. a matrce è quadrata ed ha rango mamo, poché det. Il problema cnematco ammette una ed una ola oluzone. I vncol devono eere ben dpot, nel eno che non devono rpetere delle condzon gà epree da altr vncol e qund cacuno d e deve eere rappreentato da una equazone che a lnearmente ndpendente dalle altre n v equazon. Un tema cnematcamente determnato non può aumere confgurazon dvere da quella d rfermento e non ntervengono cedment vncolar. Qualunque e ano, l tema trova empre una nuova confgurazone cnematcamente ammble. onderamo un tema cnematcamente determnato, o ocnematco, cottuto da un olo corpo, n cu ha: p n [ ] { } { q} v c c v 3 n 3n n otruamo la matrce cnematca conderando come polo d rfermento. α β ( α + β ) ( ) α β α + β ( ) α β α + β ϑ q ϑ a matrce è quadrata e non ngolare per cu può eere nvertta. b) n v <3n c : Il numero d vncol è nferore a grad d lbertà del tema per cu l tema defnce come tema lable, o cnematcamente ndetermnato, o percnematco. a matrce è rettangolare baa, con un numero d colonne maggore del numero delle rghe, 2

21 per cu l tema d equazon è ndetermnato. In queto cao vncol lacano al tema d corp rgd 3n c - n v grad d lbertà a qual corrpondono altrettante pobltà d potamento. nche n aenza d cedment vncolar l tema può aumere confgurazon dvere da quella d rfermento, e per queto motvo è detto lable. onderamo l eguente tema lable cottuto da un olo corpo. p ome nell eempo precedente cotruamo la matrce cnematca conderando come polo d rfermento. q ϑ In queto cao la matrce è rettangolare con un numero d colonne maggore del numero d rghe, per cu l tema è ndetermnato: ϑ Il tema d equazon può eere rolto aegnando valor arbtrar a o ϑ e calcolare l rmanente. c) n v >3n c. Il numero d vncol è maggore del numero d grad d lbertà per cu l tema defnce come tema cnematcamente mpoble, o pocnematco. a matrce è rettangolare alta, con numero d rghe maggore del numero d colonne, per cu l tema d equazon è ovradetermnato. Il tema ha pù equazon che ncognte. In queto cao è mpoble aegnare a punt vncolat potament arbtrar. Il problema cnematco, n generale, non ammette oluzone. onderamo l eguente tema cnematcamente mpoble cottuto da un olo corpo. p 2

1 Laser Doppler Velocimetry

1 Laser Doppler Velocimetry Laer oppler Velocmetry 1 Laer oppler Velocmetry 1.1 Introduzone L anemometra laer (LV) è applcata nel campo dell aerodnamca permentale a partre da prm ann ettanta, ann n cu le apparecchature laer dvennero

Dettagli

1.1 Identificazione del campo di operatività di un motore AC brushless. Sia dato un motore AC brushless isotropo di cui siano noti i seguenti dati:

1.1 Identificazione del campo di operatività di un motore AC brushless. Sia dato un motore AC brushless isotropo di cui siano noti i seguenti dati: Captolo 1 1.1 Ientfcazone el campo operatvtà un motore AC bruhle Sa ato un motore AC bruhle otropo cu ano not eguent at: Vn = 190 V In = 3.5 A Tn =.6 N n pol = R = 1 Ω L = 8 mh Ke = Kt = 0.4 S etermn l

Dettagli

Appunti Sui Transistor A Giunzione Bipolare

Appunti Sui Transistor A Giunzione Bipolare ..S.. Matte San Donato Mlanee Appunt Su Trantor A Gunzone polare A cura d Galao Omar Appunt del coro d lettronca del prof.. Azzmont A.S. 2009-2010 ed approfondment ttuto ndutrale Statale. Matte San Donato

Dettagli

Regolatori di pressione elettroidraulici e regolatori di portata,

Regolatori di pressione elettroidraulici e regolatori di portata, Regolator d preone elettrodraulc e regolator d portata, tecnca degl attuator per clndr d pozonamento u turbomacchne Tecnologa affermata I regolator elettrodraulc d preone e regolator d portata ono la oluzone

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO

RISPARMIO ENERGETICO RISPARMIO ENERGETIO GRUPPO DI OGENERAZIONE ON MOTORE A OMBUSTIONE INTERNA Ttolo Abtract e obettv Ambto INSTALLAZIONE DI UN GRUPPO DI OGENERAZIONE ON MOTORE A OMBUSTIONE INTERNA (M..I.) PER LA PRODUZIONE

Dettagli

La spettroscopia Raman spettroscopia ottica spettroscopia di assorbimento spettroscopia di fluorescenza o di luminescenza

La spettroscopia Raman spettroscopia ottica spettroscopia di assorbimento spettroscopia di fluorescenza o di luminescenza La pettrocopa Raman Con l termne pettrocopa oltamente ntende peccare un nterazone d una onda con la matera. In una chematzzazone puttoto emplcata poamo dre che la onda emerge dall nterazone portando con

Dettagli

Regime Permanente. (vedi Vitelli-Petternella par. VI.1,VI.1.1,VI.2)

Regime Permanente. (vedi Vitelli-Petternella par. VI.1,VI.1.1,VI.2) Regme Permanente (ve Vtell-Petternella par. VI.,VI..,VI.) Comportamento a regme permanente Clafcazone n tp Conzon a Cclo Chuo Conzon a Cclo Aperto Rpota a Regme per Dturb Cotant Dturbo ulla mura Rpota

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Dai circuiti ai grafi

Dai circuiti ai grafi Da crcut a graf Il grafo è una schematzzazone grafca semplfcata che rappresenta le propretà d nterconnessone del crcuto ad esso assocato Il grafo è costtuto da un nseme d nod e d lat Se lat sono orentat

Dettagli

Rotazione di un corpo rigido intorno ad un asse fisso

Rotazione di un corpo rigido intorno ad un asse fisso INGEGNERIA GESTIONALE corso d Fsca Generale Prof. E. Puddu LEZIONE DEL 14 15 OTTOBRE 2008 Rotazone d un corpo rgdo ntorno ad un asse fsso 1 Cnematca rotazonale y Supponamo d osservare un corpo rgdo sul

Dettagli

Ridurre la Capacità di Ingresso di un Convertitore Buck con il Multi-Phasing e la Sincronizzazione del Clock

Ridurre la Capacità di Ingresso di un Convertitore Buck con il Multi-Phasing e la Sincronizzazione del Clock nformazon Prelmar Rdurre la Capactà d ngreo d un Converttore Buck con l Mult-Phag e la Scronzzazone del Clock NOA: Queto artcolo preenta formazon prelmar che poono eere oggette a varazon. Pertanto tutte

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Mappatura della temperatura superficiale terrestre con i dati NOAA-AVHRR

Mappatura della temperatura superficiale terrestre con i dati NOAA-AVHRR Quaderno Tecnco APA-SIM n 6/2003 Mappatura della temperatura uperfcale terretre con dat OAA-AVH ASLab Laboratoro APA d telerlevamento ambentale ASLab Laboratoro APA d telerlevamento ambentale MAPPATUA

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA RISERVA SINISTRI NELLE ASSICURAZIONI DANNI: METODI ATTUARIALI DETERMINISTICI E STOCASTICI

LA VALUTAZIONE DELLA RISERVA SINISTRI NELLE ASSICURAZIONI DANNI: METODI ATTUARIALI DETERMINISTICI E STOCASTICI UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Interfacoltà d Economa/Scenze Bancare Fnanzare e Acuratve Coro d Laurea n Scenze Stattche Attuaral ed Economche LA VALUTAZIONE DELLA RISERVA SINISTRI NELLE

Dettagli

La potenza assorbita dalla pompa per sollevare il liquido dal serbatoio a valle al serbatoio a monte si calcola con la relazione

La potenza assorbita dalla pompa per sollevare il liquido dal serbatoio a valle al serbatoio a monte si calcola con la relazione 1 E S E R C I Z I S U L L E P O M P E C E N T R I F U G E ESERCIZIO 1 In un panto ollevaento per acqua ono not Il lvello geoetco tra ue erbato g 0 La preone aoluta ul erbatoo a valle p A p at La preone

Dettagli

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica Fotogrammetra Scopo della fotogrammetra è la determnazone delle poszon d punt nello spazo fsco a partre dalla msura delle poszon de punt corrspondent su un mmagne fotografca. Ovvamente, affnché questo

Dettagli

Ama il tuo Seno. Prevenire, cioè amare il proprio seno

Ama il tuo Seno. Prevenire, cioè amare il proprio seno Ama l tuo Seno Prevenre, coè amare l propro eno P E L u c d d p N p tr c Alberto Lun Drettore Dvone d Senologa Ittuto Europeo d Oncologa, Mlano Il P o d fe m lo la C L n fe r In n fl C n p p Il eno è molto

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

Il rischio di investimento per annualità vitalizie differite

Il rischio di investimento per annualità vitalizie differite Il rcho d nvetmento per annualtà vtalze dfferte Mararoara Coppola Dpartmento d Scenze Stattche Unvertà degl tud d Napol Federco II m.coppola@unna.t Marlena Sbllo Dpartmento d Scenze conomche e Stattche

Dettagli

IL PREDIMENSIONAMENTO DELLE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO prof. Luis Decanini

IL PREDIMENSIONAMENTO DELLE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO prof. Luis Decanini Lu Deann. Il predmenonamento delle trutture n emento armato Unvertà degl Stud d Roma La Sapenza Prma Faoltà d rhtettura Ludovo Quaron IL PREDIESIOETO DELLE STRUTTURE I CEETO RTO prof. Lu Deann (verone

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

Fondamenti di meccanica classica: simmetrie e leggi di conservazione

Fondamenti di meccanica classica: simmetrie e leggi di conservazione Fondament d meccanca classca: smmetre e legg d conservazone d Marco Tulu A. A. 2005/2006 1 Introduzone Un corpo s dce omogeneo se ha n ogn suo punto ugual propretà fsche e chmche, ed è sotropo se n ogn

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

7 Verifiche di stabilità

7 Verifiche di stabilità 7 Verfche d stabltà 7.1 Generaltà Note tutte le azon agent sul manufatto, vanno effettuate le verfche d stabltà dell opera d sostegno. Le azon da consderare sono fornte dalla spnta del terrapeno a monte,

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

E. Il campo magnetico

E. Il campo magnetico - 64 - - 65 - E. Il campo magnetco V è un mportante effetto che accompagna sempre la presenza d una corrente elettrca e s manfesta sa all nterno del conduttore sa al suo esterno: alla corrente elettrca

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

MEDIANA. 1. Numero di termini dispari (s dispari) VARIABILE STATISTICA N.B. Le frequenze della distribuzione devono essere cumulate

MEDIANA. 1. Numero di termini dispari (s dispari) VARIABILE STATISTICA N.B. Le frequenze della distribuzione devono essere cumulate MEDIANA SUCCESSIONE N.B. I termn della ucceone devono eere pot n ordne non decrecente 1. Numero d termn dpar ( dpar) Me x + 1. Numero d termn par ( par) Me x + x + 1 VARIABILE STATISTICA N.B. Le frequenze

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

5 Secondo principio della termodinamica... 2 5.1 Motori termici... 2 5.1.1 Rendimenti termici... 3 5.2 Secondo principio della termodinamica secondo

5 Secondo principio della termodinamica... 2 5.1 Motori termici... 2 5.1.1 Rendimenti termici... 3 5.2 Secondo principio della termodinamica secondo 5 eondo rno della termodnama... 5. Motor term... 5.. Rendment term... 3 5. eondo rno della termodnama eondo Ke-Plan... 4 5.3 Mahne frgorfere... 4 5.3. Coeffente d retazone (COP... 4 5.4 Pome d alore...

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015)

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015) Proa d erfca n.0 lettronca I (26/2/2015) OUT he hfe + L OUT - Fgura 1 Con rfermento alla rete elettrca d Fg.1, determnare: OUT / OUT / la resstenza sta dal generatore ( V ) la resstenza sta dall uscta

Dettagli

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti UNIVERSIA DEGLI SUDI DI CAGLIARI Facoltà d Ingegnera Elettronca Corso d Calcolo Numerco 1 A.A. 00/003 Anals e confronto tra metod d regolarzzazone drett per la rsoluzone d prolem dscret mal-post Docente:

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013

Moduli su un dominio a ideali principali Maurizio Cornalba versione 15/5/2013 Modul su un domno a deal prncpal Maurzo Cornalba versone 15/5/2013 Sa A un anello commutatvo con 1. Indchamo con A k l modulo somma dretta d k cope d A. Un A-modulo fntamente generato M s dce lbero se

Dettagli

Costruzioni in c.a. Metodi di analisi

Costruzioni in c.a. Metodi di analisi Corso d formazone n INGEGNERIA SISICA Verres, 11 Novembre 16 Dcembre, 2011 Costruzon n c.a. etod d anals Alessandro P. Fantll alessandro.fantll@polto.t Verres, 18 Novembre, 2011 Gl argoment trattat 1.

Dettagli

7. TERMODINAMICA RICHIAMI DI TEORIA

7. TERMODINAMICA RICHIAMI DI TEORIA 7. ERMODINMI RIHIMI DI EORI Introduzone ermodnamca: è lo studo delle trasformazon dell energa da un sstema all altro e da una forma all altra. Sstema termodnamco: è una defnta e dentfcable quanttà d matera

Dettagli

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI R. Fagla (*), M. Flppn (**), A. Zappon (***) (*)Dp. Ing. Meccanca Unv. degl Stud

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Ottica geometrica. Capitolo. 1. Come si riflette la luce? Cosa è la luce? Come possiamo classificare le sorgenti luminose?

Ottica geometrica. Capitolo. 1. Come si riflette la luce? Cosa è la luce? Come possiamo classificare le sorgenti luminose? Captolo 8 Ottca geometrca 1. Come s rflette la luce? Cosa è la luce? Spacente: per l momento non rsponderemo a questa domanda. Invece d dre cosa la luce sa, ne analzzeremo dapprma l comportamento, utlzzando

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Il pendolo di torsione

Il pendolo di torsione Unverstà degl Stud d Catana Facoltà d Scenze MM.FF.NN. Corso d aurea n FISICA esna d ABORAORIO DI FISICA I Il pendolo d torsone (sezone costante) Moreno Bonaventura Anno Accademco 005/06 Introduzone. I

Dettagli

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI STRATIGRAFI PARTIZIONI VRTICALI 6. L solamento acustco: tecnche, calcol 2 Trasmssone rumor In edlza s possono dstnguere dfferent tp d rumor: rumor aere (vocare de vcn da altre untà abtatve, rumor provenent

Dettagli

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE Captolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE 1 INTRODUZIONE I sstem d condotte n pressone destnat all'approvvgonamento drco comprendono: - gl acquedott estern, che adducono l'acqua dalle font d'almentazone alle zone

Dettagli

Determinazione delle tensioni tangenziali massime di taglio nei bulloni e della pressione specifica nei fori della piastra d attacco alla fusoliera.

Determinazione delle tensioni tangenziali massime di taglio nei bulloni e della pressione specifica nei fori della piastra d attacco alla fusoliera. SCOO DEL ROGETTO Determnazone delle tenson tangenzal massme d taglo ne ullon e della pressone specfca ne for della pastra d attacco alla fusolera. 183 11 R15 35 6 7 1 1 60 5 5 R38 R15 15 5 3 R17 155 30

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca fnanzara aa 2012-2013 lezone 13: 24 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/23? reammortamento uò accadere che, dopo l erogazone

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

Amplificatori operazionali

Amplificatori operazionali mplfcator operazonal Parte www.e.ng.unbo.t/pers/mastr/attca.htm (ersone el 9-5-0) mplfcatore operazonale L amplfcatore operazonale è un sposto, normalmente realzzato come crcuto ntegrato, otato tre termnal

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA La acque d precptazone atmosferca che gungono al suolo scorrono n superfce o penetrano n profondtà dando orgne alla crcolazone, la quale subsce l nfluenza d molt fattor

Dettagli

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA Valore attuale d una rendta Nella scorsa lezone c samo concentrat sul problema del calcolo del alore attuale d una rendta S che è dato n generale da V ( S) { R ; t, 0,,,..., n,... } n 0 R ( t ), doe (t

Dettagli

ISIS L. Einaudi S.Giuseppe Vesuviano (NA) 2015/16- Saperi minimi di Fisica prof. Angelo Vitiello

ISIS L. Einaudi S.Giuseppe Vesuviano (NA) 2015/16- Saperi minimi di Fisica prof. Angelo Vitiello 15/16- Saper mnm d Fsca prof. Angelo Vtello Magnetzzazone. S dce che un corpo è magnetzzato (magnete o calamta) se ha la propretà d attrarre materale ferroso. Questo fenomeno fu scoperto n un mnerale d

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE Matematca e statstca: da dat a modell alle scelte www.dma.unge/pls_statstca Responsabl scentfc M.P. Rogantn e E. Sasso (Dpartmento d Matematca Unverstà d Genova) STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. REGRESSIONE

Dettagli

ENERGIA CINETICA. T := 1 2 mv2. (1) T := N 1 2 m ivi 2. (2) i=1

ENERGIA CINETICA. T := 1 2 mv2. (1) T := N 1 2 m ivi 2. (2) i=1 ENERGIA CINETICA Teorema de energa cnetca Defnzone Per un punto P dotato d massa m e veoctà v, s defnsce energa cnetca a seguente quanttà scaare non negatva T := mv. () Defnzone Per un sstema dscreto d

Dettagli

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura orma UI CEI EV 3005: Guda all'espressone dell'ncertezza d msura L obettvo d una msurazone è quello d determnare l valore del msurando, n altre parole della grandezza da msurare. In generale, però, l rsultato

Dettagli

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte Lavoro, Energa e stabltà dell equlbro II parte orze conservatve e non conservatve Il concetto d Energa potenzale s aanca per mportanza a quello d Energa cnetca, perché c permette d passare dallo studo

Dettagli

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca ONTOI UTOMTII Ingegnera della Gestone Industrale e della Integrazone d Impresa http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/ontrollutomatcgestonale.htm MODEI DI SISTEMI Ing. ug Bagott Tel. 05 0939903

Dettagli

Analisi dei flussi 182

Analisi dei flussi 182 Programmazone e Controllo Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Anals de fluss 82 Programmazone e Controllo Teora delle

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

D.G.R. VIII/8745. Punto 5.4 a) Nota interpretativa sulla valutazione quantitativa dell efficacia dei sistemi schermanti

D.G.R. VIII/8745. Punto 5.4 a) Nota interpretativa sulla valutazione quantitativa dell efficacia dei sistemi schermanti D.G.R. VIII/8745 Punto 5.4 a) Nota nterpretatva sulla valutazone quanttatva dell effcaca de tem schermant Cestec SpA Va Restell, 5/A 04 Mlano Italy - +39 0 66737400 Fax +39 0 66737499 nfo@cened.t - www.cened.t

Dettagli

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE GIOVANNI CRUPI, ANDREA DONATO SUMMARY. We characterze a set of

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

Esempi di Cinematica Diretta/Inversa. Massimo Cavallari. Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini 2007/2008

Esempi di Cinematica Diretta/Inversa. Massimo Cavallari. Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini 2007/2008 Eemp Cnemt Drett/Inver Mmo Cvllr Coro Robot Prof. Gueppn Gn 7/8 Cnemt rett: Pozone e Gunt Pozone e Orentmento ell EnEffetor Obettvo ell nemt rett è l etermnzone ell pozone e orentmento ell orgno termnle

Dettagli

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale.

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale. . ll metodo del fattore d scala globale Il progetto d un sstema d controllo dgtale può avvalers del cosddetto metodo del fattore d scala globale (FSG), attraverso l quale è possble stablre una corrspondenza

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Metastability, Nonextensivity and Glassy Dynamics in a Class of Long Range Hamiltonian Models

Metastability, Nonextensivity and Glassy Dynamics in a Class of Long Range Hamiltonian Models Alessandro Pluchno Metastablty, Nonextensvty and Glassy Dynamcs n a Class of Long Range Hamltonan Models Dscussone Tes per l consegumento del ttolo Febbrao 2005 Tutor: Prof.A.Rapsarda E-mal: alessandro.pluchno@ct.nfn.t

Dettagli

Problemi variazionali invarianti 1

Problemi variazionali invarianti 1 Problem varazonal nvarant 1 A F. Klen per l cnquantesmo annversaro del dottorato. Emmy Noether a Gottnga. Comuncazone presentata da F. Klen nella seduta del 26 luglo 1918 2. 1 Invarante Varatonsprobleme,

Dettagli

La taratura degli strumenti di misura

La taratura degli strumenti di misura La taratura degl strument d msura L mportanza dell operazone d taratura nasce dall esgenza d rendere l rsultato d una msura rferble a campon nazonal od nternazonal del msurando n questone affnché pù msure

Dettagli

22 - Il principio dei lavori virtuali

22 - Il principio dei lavori virtuali - Il principio dei lavori virtuali ü [.a. 0-0 : ultima reviione 5 aprile 0] Eempio n. Si conideri il portale di Figura, emplicemente ipertatico. Si vuole applicare il principio dei lavori virtuali per

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli