SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale Informazioni aggiuntive per i cittadini: Sede centrale: Indirizzo: Via Monti di Pietralata 16, Roma Tel: Fax Sito Internet: Associazione locale dell ente accreditato a cui far pervenire la domanda: Arci Servizio Civile Sicilia Indirizzo: Via Carlo Rao 16, Palermo Tel: Sito Internet: Responsabile dell Associazione locale dell ente accreditato: Michele Carelli Responsabile informazione e selezione dell Associazione Locale: Michele Carelli, Rosario Rossi Le modalità di partecipazione, candidatura e tutto l iter relativo alla selezione, verranno pubblicati all url: I candidati sono tenuti ad attenersi alle indicazioni che verranno ivi riportate e ad indicare sulla domanda di candidatura, un valido indirizzo , per ricevere comunicazioni in merito a tutte le procedure di selezione e seguenti. In particolare le comunicazioni in merito alle convocazioni per le procedure di selezione saranno veicolate esclusivamente sul sito indicato. Solo per gravi e giustificati motivi, nei limiti previsti dalla calendarizzazione dei colloqui, può essere richiesto il differimento della data fissata per i colloqui. In ogni caso la domanda va presentata entro la data fissata per il colloquio. Non saranno tenute in considerazione le domande pervenute successivamente. 2) CODICE DI ACCREDITAMENTO: NZ ) ALBO E CLASSE DI ISCRIZIONE: Albo Nazionale Ente di I classe CARATTERISTICHE PROGETTO 4) TITOLO DEL PROGETTO: Oltre lo Sport 5) SETTORE ED AREA DI INTERVENTO DEL PROGETTO CON RELATIVA CODIFICA: Settore: EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE Area di intervento: Attività sportiva di carattere ludico finalizzata a processi di inclusione Codifica: E12 6) DESCRIZIONE DEL CONTESTO TERRITORIALE E/O SETTORIALE ENTRO IL QUALE SI REALIZZA IL PROGETTO CON RIFERIMENTO A SITUAZIONI DEFINITE, RAPPRESENTATE MEDIANTE INDICATORI MISURABILI; IDENTIFICAZIONE DEI DESTINATARI E DEI BENEFICIARI DEL PROGETTO: Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 1

2 La UISP (Unione Italiana Sport Per tutti) ha operato sul territorio attraverso i sette comitati sedi d attuazione del progetto con molteplici progetti di servizio civile grazie ai quali si è potuto evidenziare che l attività sportiva di gruppo ha influito in maniera positiva al benessere psicofisico dei giovani coinvolti, che hanno avuto, attraverso lo stimolo della partecipazione alle attività motorie di gruppo, una motivazione in più a seguire altresì, percorsi di supporto scolastico. L ultimo progetto di servizio civile concluso attuato dall ente è stato Risorse Giovani 2010, che ha coinvolto un utenza di 500 minori e 130 famiglie. Attualmente è attivo il Progetto Risorse Giovani 2012 che invece ambisce a coinvolgere 770 minori e 300 famiglie. Inoltre la presenza dei giovani volontari, è stata un incentivo in più per i ragazzi a partecipare alle attività, vista la loro giovane età. Con il progetto Oltre lo Sport, vogliamo incrementare il numero dei ragazzi coinvolti nelle attività sportive, al fine di avviare percorsi di inserimento sociale, culturale e sportivo per giovani dagli 11 ai 17 anni, destinatari privilegiati del progetto. 6.1 Breve descrizione della situazione di contesto territoriale e di area di intervento con relativi indicatori rispetto alla situazione di partenza: La Regione Sicilia, luogo in cui si realizzerà il progetto, ha una realtà piuttosto controversa e difficile; giornali, documentari, per certi versi, la dipingono come terra di emarginazione, di mafia, di povertà, di criminalità, di disoccupazione. Dalle ricerche statistiche, infatti, emergono alte percentuali di disoccupazione, insieme alla dispersione scolastica, agli abbandoni, al lavoro minorile in nero, alla poca partecipazione politica e sociale nel nostro territorio. Nello specifico, la Sicilia, territorio su cui interviene il progetto, è il luogo in cui maggiormente si manifestano condizioni di squilibrio sociale che spesso sfociano in episodi di illegalità o di devianza. Un caso emblematico che si può assurgere come sintesi della situazione siciliana è quello della città di Palermo, che ha realtà territoriali piuttosto precarie e disagiate, per quanti numerosi siano stati, anche nel recente passato, gli interventi a sfondo sociale mirati, nella città, sono ancora numerose le lacune che determinano al proprio interno la presenza di sacche di residenti che per carenze socio-culturali-ambientali, vivono in condizioni di disagio e di emarginazione che li isola in sottogruppi etichettati, con notevoli difficoltà di reinserimento nello stesso tessuto urbano del medesimo quartiere. Il settore d intervento su cui il presente progetto vuole intervenire è relativo all EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE. Tenuto conto delle problematiche territoriali quali: insuccesso scolastico, lavoro minorile in nero, microcriminalità, disagio sociale, familiare, individuale ed economico, aumento del numero di anziani residenti, della loro solitudine e degrado, ridotta erogazione di servizi rispetto alle elevatissime richieste anche per i disabili, il progetto Oltre lo Sport proposto vuole intervenire su tre importanti criticità quali lo scarso livello di partecipazione sociale alle attività sportive, la dispersione scolastica e la marginalità sociale dei giovani. Territorio su cui interviene il progetto Il progetto interverrà nelle città di Palermo, Trapani, Caltanissetta, Enna, San Giovanni Gemini, Giarre e Messina, in cui operano i comitati individuati in qualità di sedi d attuazione di cui al box 16. Palermo Il territorio del Comune di Palermo è suddiviso in otto Circoscrizioni e conta 25 quartieri per un totale di abitanti di cui maschi e femmine (dati ISTAT al 1 Gennaio 2013). La popolazione è distribuita in famiglie (fonte comuni-italiani, dato aggiornato al 2012) con un numero medio di componenti per famiglia di 2.0. Nello specifico come si evince dalla Ripartizione Anagrafica del Comune di Palermo aggiornata al 31 dicembre 2012 la V circoscrizione di Palermo comprendente i quartieri Borgo Nuovo, Uditore, Passo di Rigano, Noce e Zisa, si contraddistingue per la presenza di nuclei familiari composti da più di 4 componenti, a seguire ci sono la IV circoscrizione, comprendente i quartieri Montegrappa, S. Rosalia, Cuba, Calatafimi, Mezzomonreale, Villatasca, Altarello e Boccadifalco, con famiglie con oltre 4 componenti e la II Circoscrizione, comprendente i quartieri Settecannoli, Brancaccio e Ciaculli, con nuclei familiari composti da oltre 4 componenti. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 2

3 Tabella 1: Famiglie distribuite per numero di componenti e circoscrizione Dall analisi degli ultimi dati aggiornati al 31 dicembre 2012 forniti dal Comune di Palermo si evince che la VIII circoscrizione, comprendente i quartieri Politeama, Libertà, Montepellegrino, Malaspina-Palagonia, risulta essere la zona più ricca della città, la più abitata ed i nuclei familiari che vi vivono sono prevalentemente composti da uno o due componenti. Al contrario, la meno abitata è la I circoscrizione cui fanno parte i quartieri Tribunale-Castellamare, Palazzo Reale-Monte di Pietà, corrispondente al centro storico che, negli ultimi decenni si è svuotato riducendo, dal dopoguerra ad oggi, la propria popolazione residente di due terzi. Dei nuclei familiari in ben non hanno figli, mentre i restanti nuclei familiari, come si evince dalla tabella 2 riportante dati della Ripartizione Anagrafe del Comune di Palermo aggiornati al 31 dicembre 2012, sono per la maggioranza composti da 1 o due figli. Tabella 2: Famiglie distinte per numero di figli conviventi e per circoscrizione Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 3

4 Pertanto utilizzando l analisi condotta dall Osservatorio Interistituzionale sulla Condizione Sociale della Città di Palermo, sono state individuate le circoscrizioni del territorio palermitano e più specificatamente i quartieri in cui è presente maggiormente il target sul quale si intende intervenire. Come si evince dalle tabelle 3 e 4 riportanti dati relativi alla popolazione residente a Palermo suddivisa per quartiere, circoscrizione e fascia d età aggiornata al 31 dicembre 2012, le circoscrizioni in cui risiedono più minorenni sono tre. La più popolata di minori da 0 a 17 anni è la V circoscrizione con minori (tabella 3) suddivisi in quattro quartieri: Zisa, Uditore-Passo di Rigano, Noce e Borgo Nuovo. Segue l VIII circoscrizione (tabella 3) con minori suddivisi in quattro quartieri in modo non uniforme (tra i quartieri Libertà, Politeama, Montepellegrino e Malaspina-Palagonia). Nella graduatoria delle circoscrizioni con più popolazione minorenne al 3 posto abbiamo la IV (tabella 3) con minorenni (da 0 a 17 anni) suddivisi nei cinque quartieri in modo non uniforme (tra i quartieri Montegrappa-S. Rosalia, Cuba-Calatafimi,Mezzomonreale-Villatasca, Altarello, Boccadifalco). Nelle altre circoscrizioni di Palermo il numero di minori residenti è nettamente inferiore; minori nella I circoscrizione, minori nella II circoscrizione, minori nella III circoscrizione, minori nella VI circoscrizione, e minori nella VII circoscrizione. Tabella 3: Popolazione minorile residente a Palermo suddivisa per fascia di età, nazionalità e circoscrizione, dati aggiornati al 31 dicembre 2012 Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 4

5 Tabella 4a: Popolazione residente a Palermo suddivisa per circoscrizione e fascia di età dati aggiornati al 31 dicembre 2012 circoscrizioni I, II, III, IV e V Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 5

6 Tabella 4b: Popolazione residente a Palermo suddivisa per circoscrizione e fascia di età dati aggiornati al 31 dicembre 2012 circoscrizioni VI, VII, VIII e non localizzati Inoltre, di questa popolazione minorile (da 0 a 17 anni) quella di età compresa tra gli 11 e i 17 anni sulla quale il progetto intende intervenire è, secondo i dati ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013, composta da soggetti di cui maschi e femmine. Secondo tali dati, che riassumiamo nella tabella 5, abbiamo soggetti di 17 anni, soggetti di 16 anni, soggetti di 15 anni, soggetti di 14 anni, soggetti di 13 anni, di 12 anni e di 11 anni. Età Totale Maschi Totale Femmine Maschi + Femmine TOTALE Tabella 5: Popolazione residente al 1 gennaio 2013 per età e sesso nel comune di Palermo (ISTAT) Per quanto concerne la popolazione degli ultra 65enni del comune di Palermo si registra una maggiore presenza nella VIII circoscrizione (tabella 4b) in cui vi sono in totale ultra 65enni di cui sono donne mentre sono uomini. Un altra circoscrizione con un alta percentuale di anziani è la V (tabella 4) in cui risiedono ultra 65enni di cui uomini e donne. Infine, un altra circoscrizione che è possibile menzionare per l elevato numero di anziani residenti è la IV, in cui in totale risiedono anziani di cui sono uomini e sono donne. Se si osservano nel dettaglio questi dati è facile notare che più della maggioranza degli ultra 65enni sono donne; rispettivamente, nella VIII circoscrizione raggiungono il 61,83%, nella V circoscrizione il 60,35% e nella IV circoscrizione il 59,54%. Tra le restanti circoscrizioni abbiamo la II, la III, la VI e la VII circoscrizione in cui gli ultra 65enni (tabelle 4) sono tra e , mentre la circoscrizione che si contraddistingue per la scarsa presenza di ultra 65enni è la I, in cui ne risiedono solo 3.349; in cui la percentuale di donne è comunque nettamente superiore a quella degli uomini. Il progetto Oltre lo Sport otre ad interessare il comune di Palermo interverrà in altri comuni della regione Sicilia quali: Trapani, Caltanissetta, San Giovanni Gemini (Agrigento), Enna, Messina e Giarre (Catania). Trapani Il territorio del Comune di Trapani è suddiviso in 23 quartieri per un totale di abitanti (tabella 6) di cui maschi e femmine con un età media pari a 42,4 anni e una densità demografica pari a 253,8 ab./km² (dati ISTAT al 1 Gennaio 2013). L indice di vecchiaia registrato al 1 gennaio 2013 (dati ISTAT) è pari a 144,2. Trapani Popolazi one minorile (0-17 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (18-39 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (40-64 anni) Popolazione ultra 65enne Totale Maschi Femmine Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 6

7 Totale M+F Tabella 6: popolazione residente a Trapani suddivisa per fasce d'età (ISTAT, gennaio 2013) La popolazione è distribuita in famiglie con un numero medio di componenti per famiglia di 2,45. Nello specifico come si evince dalla tabella 7 pubblicata nel volume I numeri della città anno 2010 dall ufficio statistico del Comune di Trapani, il quartiere Fontanelle si contraddistingue per la maggiore presenza di popolazione, ben persone pari al 15,22% dell intera popolazione, a seguire il quartiere in cui risiedono più abitanti è il quartiere Sacro Cuore con abitanti pari al 13,38% dell intera popolazione, poi seguono i quarti Sacro Cuore, Maria SS. di Trapani e Rione Palma con una media di abitanti pari al 10% circa dell intera popolazione, mentre nei restanti quartieri risiede una percentuale inferiore, ma non per questo meno significativa. Tabella 7: Distribuzione della popolazione di Trapani nei quartieri (fonte: ufficio statistico Comune di Trapani). Dell intera popolazione di Trapani la popolazione minorile (da 0 a 17 anni) quella di età compresa tra gli 11 e i 17 anni sulla quale il progetto Oltre lo Sport intende intervenire è, secondo i dati ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013 (tabella 8), composta da soggetti di cui maschi e femmine. Secondo i dati forniti dall ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013 riportati nella tabella 8 abbiamo 718 soggetti di 17 anni, 762 soggetti di 16 anni, 760 soggetti di 15 anni, 703 soggetti di 14 anni, 713 soggetti di 13 anni, 716 di 12 anni e 694 di 11 anni. Età Totale Maschi Totale Femmine Maschi + Femmine Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 7

8 TOTALE Tabella 8: Popolazione residente al 1 gennaio 2013 per età e sesso nel comune di Trapani (ISTAT) La popolazione degli ultra 65enni del comune di Trapani (tabella 6) è in totale composta da individui di cui maschi e femmine. Caltanissetta Nel territorio del Comune di Caltanissetta vivono 61,651 abitanti (tabella 9) di cui maschi e femmine con un età media pari a 42 anni e una densità demografica pari a 147,9 ab./km² (dati ISTAT al 1 Gennaio 2013). Del comune di Caltanissetta fanno parte anche le frazioni di Borgo Petilia - Cantoniera - Casa Deliella - Casa Gangi - Cicuta Nuova - Cicuta Vecchia - Contrada Canicassè - Cozzo di Naro - Favarella - Marcato d'arrigo - Martinez - Masseria Foriana - Masseria Furiana - Ponte Capodarso - Prestianni Ramilia - Rocella - Sanatorio - Santa Rita - Torretta - Villaggio Santa Barbara - Xirbi. Caltanissetta Popolazione minorile (0-17 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (18-39 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (40-64 anni) Popolazione ultra 65enne Totale Maschi Femmine Totale M+F Tabella 9: popolazione residente a Caltanissetta suddivisa per fasce d'età (ISTAT, gennaio 2013) La popolazione è distribuita in famiglie con un numero medio di componenti per famiglia di 2,55. Dell intera popolazione di Caltanissetta, la popolazione minorile (da 0 a 17 anni) quella di età compresa tra gli 11 e i 17 anni sulla quale il progetto Oltre lo Sport intende intervenire è, secondo i dati ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013 (tabella 10), composta da soggetti, di cui maschi e femmine. Secondo i dati forniti dall ISTAT e aggiornati al 1 gennaio 2013 riportati nella tabella 10 a Caltanissetta risiedono 733 soggetti di 17 anni, 719 soggetti di 16 anni, 624 soggetti di 15 anni, 633 soggetti di 14 anni, 613 soggetti di 13 anni, 615 di 12 anni e 629 di 11 anni. Età Totale Maschi Totale Femmine Maschi + Femmine TOTALE Tabella 10: Popolazione residente al 1 gennaio 2013 Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 8

9 per età e sesso nel comune di Caltanissetta (ISTAT) La popolazione degli ultra 65enni del comune di Caltanissetta (tabella 9) è in totale composta da individui di cui maschi e femmine; l indice di vecchiaia è pari al 133,0%. Enna Il Comune di Enna ospita un totale di abitanti (tabella 13) di cui sono maschi e sono femmine con un età media pari a 43,7 anni e una densità demografica pari a 78,0 ab./km² (dati ISTAT al 1 Gennaio 2013). Enna Popolazione minorile (0-17 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (18-39 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (40-64 anni) Popolazione ultra 65enne Totale Maschi Femmine Totale M+F Tabella 13: popolazione residente a Enna suddivisa per fasce d'età (ISTAT, gennaio 2013) Nel comune di Enna sono presenti famiglie con un numero medio di componenti per famiglia di 2,46. Dell intera popolazione di Enna la popolazione minorile (da 0 a 17 anni) quella di età compresa tra gli 11 e i 17 anni sulla quale il progetto Oltre lo Sport intende intervenire è, secondo i dati ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013 (tabella 14), composta da soggetti di cui 964 maschi e 934 femmine. Secondo i dati forniti dall ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013 riportati nella tabella 14 abbiamo 310 soggetti di 17 anni, 288 soggetti di 16 anni, 258 soggetti di 15 anni, 268 soggetti di 14 anni, 248 soggetti di 13 anni, 269 di 12 anni e 257 di 11 anni. Età Totale Maschi Totale Femmine Maschi + Femmine TOTALE Tabella 14: Popolazione residente al 1 gennaio 2013 per età e sesso nel comune di Enna (ISTAT) La popolazione degli ultra 65enni del comune di Enna (tabella 13) è in totale composta da individui di cui maschi e femmine; l indice di vecchiaia è pari al 169.7% (fonte: San Giovanni Gemini Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 9

10 Il Comune di San Giovanni Gemini (provincia di Agrigento) ospita un totale di abitanti (tabella 15) di cui sono maschi e sono femmine con un età media pari a 42,5 anni e una densità demografica pari a 308,6 ab./km² (dati ISTAT al 1 Gennaio 2013). San Giovanni Gemini Popolazione minorile (0-17 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (18-39 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (40-64 anni) Popolazione ultra 65enne Totale Maschi Femmine Totale M+F Tabella 15: popolazione residente a San Giovanni Gemini suddivisa per fasce d'età (ISTAT, gennaio 2013) Nel comune di San Giovanni Gemini sono presenti 3079 famiglie con un numero medio di componenti per famiglia di 2,63. Dell intera popolazione di San Giovanni Gemini la popolazione minorile (da 0 a 17 anni) quella di età compresa tra gli 11 e i 17 anni sulla quale il progetto Oltre lo Sport intende intervenire è, secondo i dati ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013 (tabella 16), composta da 573 soggetti di cui 288 maschi e 285 femmine. Secondo i dati forniti dall ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013 riportati nella tabella 16 abbiamo 73 soggetti di 17 anni, 85 soggetti di 16 anni, 84 soggetti di 15 anni, 85 soggetti di 14 anni, 92 soggetti di 13 anni, 71 di 12 anni e 83 di 11 anni. Età Totale Maschi Totale Femmine Maschi + Femmine TOTAL E Tabella 16: Popolazione residente al 1 gennaio 2013 per età e sesso nel comune di San Giovanni Gemini (ISTAT) La popolazione degli ultra 65enni del comune di Enna (tabella 15) è in totale composta da individui di cui 765 maschi e 914 femmine; l indice di vecchiaia è pari al 144,5% (fonte: Giarre Il Comune di Giarre (provincia di Catania) ospita un totale di abitanti (tabella 17) di cui sono maschi e sono femmine con un età media pari a 43,0 anni e una densità demografica pari a 1.021,9 ab./km² (dati ISTAT al 1 Gennaio 2013). Giarre Popolazione minorile (0-17 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (18-39 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (40-64 anni) Popolazione ultra 65enne Totale Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 10

11 Maschi Femmine Totale M+F Tabella 17: popolazione residente a Giarre suddivisa per fasce d'età (ISTAT, gennaio 2013) Nel comune di Giarre sono presenti famiglie con un numero medio di componenti per famiglia di 2,74. Dell intera popolazione di Giarre la popolazione minorile (da 0 a 17 anni) quella di età compresa tra gli 11 e i 17 anni sulla quale il progetto Oltre lo Sport intende intervenire è, secondo i dati ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013 (tabella 18), composta da soggetti di cui 982 maschi e 924 femmine. Secondo i dati forniti dall ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013 riportati nella tabella 18 risiedono a Giarre 309 soggetti di 17 anni, 256 soggetti di 16 anni, 269 soggetti di 15 anni, 272 soggetti di 14 anni, 239 soggetti di 13 anni, 248 di 12 anni e 313 di 11 anni. Età Totale Maschi Totale Femmine Maschi + Femmine TOTALE Tabella 18: Popolazione residente al 1 gennaio 2013 per età e sesso nel comune di Giarre (ISTAT) La popolazione degli ultra 65enni del comune di Giarre (tabella 17) è in totale composta da individui di cui maschi e femmine; l indice di vecchiaia è pari al 155,0% (fonte: Messina Il Comune di Messina ospita un totale di abitanti (tabella 19) di cui sono maschi e sono femmine con un età media pari a 43,1 anni e una densità demografica pari a 1.146,9 ab./km² (dati ISTAT al 1 Gennaio 2013). Giarre Popolazione minorile (0-14 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (15-39 anni) Popolazione anagraficamente Attiva (40-64 anni) Popolazione ultra 65enne Totale Maschi Femmine Totale M+F Tabella 19: popolazione residente a Giarre suddivisa per fasce d'età (ISTAT, gennaio 2013) Nel comune di Messina sono presenti famiglie con un numero medio di componenti per famiglia di 2,37. Dell intera popolazione di Messina la popolazione minorile (da 0 a 17 anni) quella di età compresa tra gli 11 e i 17 anni sulla quale il progetto Oltre lo Sport intende intervenire è, secondo i dati ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2013, composta da soggetti di cui maschi e femmine. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 11

12 La popolazione degli ultra 65enni del comune di Messina (tabella 19) è in totale composta da individui di cui maschi e femmine; l indice di vecchiaia è pari al 153,2% (fonte: Dati di contesto e settore di intervento Da alcuni anni l Osservatorio Interistituzionale promuove un indagine sugli alunni frequentanti la scuola secondaria di I grado a Palermo, allo scopo di fornire una lente d ingrandimento sul fenomeno della dispersione scolastica. Attraverso la partecipazione attiva delle singole scuole, il cui contributo permette di delineare la dimensione quantitativa della problematica rilevando la numerosità degli iscritti, degli effettivi frequentanti, degli evasori, degli abbandoni, dei prosciolti, dei bocciati e dei promossi, l Osservatorio Interistituzionale calcola l indice di dispersione scolastica, non solo a livello cittadino, ma anche a livello circoscrizionale. Il focus sulle diverse circoscrizioni che compongono il capoluogo siciliano permette di individuare i territori a maggiore rischio di dispersione scolastica, fenomeno che denuncia un malessere dei minori che in quel contesto vivono e che funge da cassa di risonanza per le stesse agenzie educative che, in maniera solerte, forniscono il dato. Dai più recenti dati del Ministero dell Istruzione e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e per i Sistemi Informativi per l A.S. 2011/2012, (Focus La dispersione scolastica, giugno 2013) risulta che il rischio di abbandono è maggiormente diffuso nelle aree meridionali nelle quali sono maggiormente presenti situazioni di disagio sociale ed economico. A livello regionale per la scuola secondaria di I grado, gli alunni della Sicilia a rischio di abbandono sono lo 0,47% degli iscritti. Per la Sardegna lo 0,41%, per la Campania lo 0,36%, seguite dalla Puglia 0,29% e dalla Calabria 0,19%. Analogamente per la scuola secondaria di II grado, le percentuali di alunni a rischio di abbandono sono presenti nelle regioni del meridione, prima fra tutte la Sardegna con il 2,64% degli iscritti all inizio dell anno scolastico, seguita dalla Sicilia con l 1,6% e dalla Campania con l 1,36%. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 12

13 Secondo gli ultimi dati forniti dall Osservatorio Interistituzionale sugli indici di dispersione scolastica nella scuola secondaria di I grado a Palermo, l indice di dispersione scolastica dall anno scolastico 2009/2010 è stato pari al 10,67%. Dalla tabella 19 si evince come varia l indice di dispersione in funzione della circoscrizione. La circoscrizione con più alto indice di dispersione è la VII (quartieri Tommaso Natale- Sferracavallo, Partanna-Mondello, Pallavicino, Arenella-Vergine Maria) con il 20,35%; seguono la II circoscrizione (quartieri Settecannoli, Brancaccio-Ciaculli) con il 16,25%, la III circoscrizione (quartieri Oreto- Stazione, Villagrazia-Falsomiele) con il 15,38%, la V circoscrizione (quartieri Zisa, Noce, Uditore-Passo di Rigano, Borgo Nuovo) con l 11,62% e la I circoscrizione (quartieri Tribunali-Castellamare, Palazzo Reale- Monte di Pietà) con il 10,87%. Le restanti circoscrizioni hanno un indice di dispersione scolastica maggiormente contenuto ma non per questo di minore importanza. Tabella 19: Indici di dispersione scolastica a Palermo suddivisi per circoscrizione Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 13

14 La VII circoscrizione si distingue quindi per un valore altamente preoccupante dell indice di dispersione, così come significativo è il valore che descrive il fenomeno nella II circoscrizione. Si fa presente che nel territorio della VII e della II circoscrizione ricadono, rispettivamente, il rione Zen e il quartiere Brancaccio, tristemente già noti per fenomeni di devianza e malessere giovanile. Rilevante anche il dato relativo alla III e alla V circoscrizione. Calcolando il trend degli indici di dispersione dall anno scolastico 2004/2005 al 2009/2010 si evince un andamento piuttosto altalenante che culmina con un picco in salita nel 2007/2008, raggiungendo un valore allarmante e pari al 12,76%. La linea di tendenza, che riassume graficamente l andamento (grafico 1), denuncia un globale aumento negli anni dell indice di dispersione scolastica. Nell ultimo anno scolastico preso in esame il valore, sovrapponibile al dato registrato nell anno precedente, risulta consistente, sebbene in flessione rispetto al 2007/2008. Grafico : Trend indici di dispersione scolastica nella scuola secondaria di I grado di Palermo. Anni scolastici dal 2004 al Se poi si effettua uno zoom sulla situazione delle principali scuole secondarie di I grado dei quartieri a rischio di Palermo si possono attestare i seguenti dati allarmanti (tabella 20) che si distribuiscono più o meno in maniera uniforme da quartiere a quartiere. Il dato che spicca maggiormente è quello della Scuola Media Statale Leonardo Sciascia presente nella VII circoscrizione in cui si registra il 19,6% di evasori, il 20,4% di abbandoni e un indice di dispersione pari al 55%. Altrettanto allarmanti sono i dati della Scuola Media Statale Sandro Pertini della II circoscrizione in cui si registra l 1,8% di evasori, il 4,8% di abbandoni e un indice di dispersione pari al 45,2%. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 14

15 Tabella 20: Indice di dispersione per circoscrizione e per scuole. Dati ancora più specifici sulla dispersione scolastica aggiornati all anno scolastico 2009/2010 vengono forniti dal 2 Rapporto sulla qualità nella scuola di Tuttoscuola, pubblicato a maggio 2011 (rapporto pubblicato con cadenza quadriennale). Come si evince dai dati pubblicati nel 2 Rapporto sulla qualità nella scuola, la Sicilia è la penultima regione in assoluto con il peggior tasso di dispersione scolastica, tasso che non ha registrato nessun miglioramento rispetto all ultimo rapporto effettuato nel Nello specifico, (tabella 23) si registra il 13,2% di abbandoni nel biennio iniziale dei licei classici/scientifici, 23,2% di abbandoni durante il biennio iniziale degli istituti tecnici, il 36,8% durante il biennio iniziale degli istituti professionali, il 24,6% durante il quinquennio dei licei scientifici, il 23,3% durante il quinquennio dei licei ex-magistrali e infine il 39,5% durante il quinquennio degli istituti tecnici. Se prendiamo in considerazione la graduatoria sulla percentuale di dispersione scolastica (a.s. 2009/2010) per le 100 province d Italia stilata dal 2 Rapporto sulla qualità nelle scuola (pag ) si evince che territori dei comuni nei quali il progetto Oltre lo Sport vuole intervenire registrano dati allarmanti (tabella 22). La provincia di Trapani si colloca al 74 posto in quanto si registra il 8,8% di abbandoni nel biennio iniziale dei licei classici/scientifici, 15,2% di abbandoni durante il biennio iniziale degli istituti tecnici, il 32,4% durante il biennio iniziale degli istituti professionali, il 17,4% durante il quinquennio dei licei scientifici, il 22,5% durante il quinquennio dei licei ex-magistrali e infine il 36,5% durante il quinquennio degli istituti tecnici. La provincia di Caltanissetta si colloca al 93 posto in quanto si registra il 19,5% di abbandoni nel biennio iniziale dei licei classici/scientifici, 18,1% di abbandoni durante il biennio iniziale degli istituti tecnici, il 39,7% durante il biennio iniziale degli istituti professionali, il 30,8% durante il quinquennio dei licei scientifici, il 19,1% durante il quinquennio dei licei ex-magistrali e infine il 41,9% durante il quinquennio degli istituti tecnici. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 15

16 La provincia di Enna si colloca al 75 posto, subito dopo quella di Trapani, in quanto si registra il 13,6% di abbandoni nel biennio iniziale dei licei classici/scientifici, 14,9% di abbandoni durante il biennio iniziale degli istituti tecnici, il 35,3% durante il biennio iniziale degli istituti professionali, il 20,3% durante il quinquennio dei licei scientifici, il 22,6% durante il quinquennio dei licei ex-magistrali e infine il 28,8% durante il quinquennio degli istituti tecnici. La provincia di Agrigento, in cui si trova il comune di San Giovanni Gemini, in cui si vuole intervenire, si colloca al 92 posto in quanto si registra il 17,0% di abbandoni nel biennio iniziale dei licei classici/scientifici, 26,5% di abbandoni durante il biennio iniziale degli istituti tecnici, il 35,2% durante il biennio iniziale degli istituti professionali, il 32,5% durante il quinquennio dei licei scientifici, il 21,7% durante il quinquennio dei licei ex-magistrali e infine il 35,9% durante il quinquennio degli istituti tecnici. Infine al terzultimo posto della graduatoria (98 posto) si trova la provincia di Catania, in cui si trova il comune di Giarre, in cui si vuole intervenire, in quanto si registra il 11,50% di abbandoni nel biennio iniziale dei licei classici/scientifici, 27,2% di abbandoni durante il biennio iniziale degli istituti tecnici, il 40,7% durante il biennio iniziale degli istituti professionali, il 26,9% durante il quinquennio dei licei scientifici, il 27,4% durante il quinquennio dei licei ex-magistrali e infine il 45,9% durante il quinquennio degli istituti tecnici. Per il quinquennio degli istituti tecnici rispetto valutazione del 2007 c è stata una variazione in negativo. Trapani Enna Siracusa Agrigento Caltanissetta Palermo Catania Nazionale Posizione nella graduatoria nazionale sui tassi di dispersione scolastica Biennio iniziale dei licei 8,8% 13,6% 12,8% 17,0% 19,5% 15,0% 11,50% 11,40% classici/scientifici, Biennio iniziale degli istituti 15,2% 14,9% 21,9% 26,5% 18,1% 27,7% 27,2% 16,6% tecnici Biennio iniziale degli istituti 32,4% 35,3% 30,0% 35,2% 39,7% 37,9% 40,7% 24,0% professionali Quinquennio dei licei scientifici 17,4% 20,3% 20,6% 32,5% 30,8% 26,2% 26,9% 22,0% Quinquennio dei licei ex-magistrali 22,5% 22,6% 21,1% 21,7% 19,1% 24,6% 27,4% 22,0% Quinquennio degli istituti 36,5% 28,8% 38,4% 35,9% 41,9% 40,5% 45,9% 30,7% tecnici Tabella 22: Tasso di dispersione a.s (Fonte: TuttoScuola, 2 Rapporto sulla qualità nella scuola, ed. 2011) Tra le nove province siciliane la provincia che registra il più alto tasso di dispersione scolastica è la provincia di Siracusa con una media del 3,9%; un primato triste e preoccupante. Nel confronto tra i dati del 2007 e quelli del 2010 la regione Sicilia registra peggioramenti per quanto riguarda la dispersione scolastica, infatti, come si evince dalla tabella 23, tratta dal 2 Rapporto sulla qualità nella scuola, l indice di dispersione del 2010 è aumentato del 1,6% nel biennio iniziale dei licei classici/scientifici, dello 0,8% nel biennio iniziale degli istituti tecnici, del 2,5% nel biennio iniziale degli istituti professionali, del 3,4% nel quinquennio dei licei scientifici e dello 0,3% nel quinquennio dei licei ex-magistrali. Il dato registra un miglioramento solo per il quinquennio degli istituti tecnici. Dove si è abbassato del 2,6% rispetto al Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 16

17 Dispersione scolastica biennio iniziale licei classici e scientifici biennio iniziale istituti tecnici biennio iniziale istituti professionali Quinquennio dei licei scientifici Quinquennio dei licei classici ed ex istituti magistrali Quinquennio degli istituti tecnici ,6% 22,4% 34,3% 21,2% 22,9% 41,2% ,2% 23,2% 36,8% 24,6% 23,2% 39,5% diff. 1,6% 0,8% 2,5% 3,4% 0,3% -1,7% Tabella 23: Confronto dell indice di dispersione in Sicilia tra il 2007 e il 2010 (fonte: 2 Rapporto sulla qualità nella scuola 2010). Questi sono numeri che fanno riflettere e che devono richiamare interventi di inclusione non più rinviabili, che devono aiutare a capire meglio le cause di un disagio sociale che priva tanti ragazzi di una formazione più completa, che gli possa offrire pari opportunità, anche nell inserimento lavorativo, rispetto ai loro coetanei delle altre Regioni d Europa. Recenti studi hanno dimostrato che la dispersione scolastica è un fenomeno complesso legato profondamente al contesto storico, sociale, culturale ed economico che non si manifesta ed identifica unicamente con l abbandono, che tuttavia resta sempre il fenomeno più drammatico e culminante di un processo di rottura (culturale, sociale, esistenziale) a lungo preparato, ma è anche, e spesso prima di tutto, una forma d insuccesso scolastico, che si verifica quando gli studenti non riescono a dispiegare pienamente il loro potenziale d apprendimento, soddisfacendo i propri bisogni formativi. In moltissimi casi la dispersione scolastica assume diverse forme, a volte più mascherate, ma comunque gravi quali: disaffezione, disinteresse, demotivazione, noia, disturbi comportamentali, mancati ingressi, evasione, ritardi rispetto all età regolare, proscioglimento dall obbligo senza conseguimento del titolo, ripetenze, bocciature, frequenze irregolari, assolvimento formale dell obbligo, qualità scadente degli esiti. La dispersione scolastica è l espressione e la manifestazione di un disagio giovanile più diffuso. Il progetto Oltre lo Sport vuole dare un contributo alla lotta alla dispersione scolastica attraverso lo sport in quanto studi specifici ne hanno riconosciuto il valore sociale. Lo sport, infatti, oltre a migliorare la salute dei cittadini, ha una dimensione educativa e svolge un ruolo sociale, culturale e ricreativo, e il suo ruolo sociale può anche rafforzare le relazioni esterne; valore che è stato ulteriormente confermato nella relazione della Commissione al Parlamento Europeo del 18 gennaio L attività fisica concorre a migliorare la qualità della vita ed è associata positivamente sia allo stato di salute sia alla nascita di valori importanti come lo spirito di gruppo, la solidarietà, la tolleranza e la correttezza, contribuendo così alla realizzazione personale e allo sviluppo dei rapporti sociali. La scelta di utilizzare l attività fisica quale mezzo per l educazione è stata dettata anche dalla scarsa partecipazione allo sport dei giovani. Dalle pubblicazioni ISTAT (Annuario Statistico Italiano Indagine Multiscopo Famiglie e aspetti sociali vari del 19 dicembre 2013), lo scenario della pratica sportiva del nostro Paese che si tratteggia nel 2013 è rappresentato nella tabella 24. Nel 2013, in Italia, le persone di 3 anni e più che praticano sport sono il 21,3 per cento della popolazione nella stessa fascia di età. Tuttavia l 8,7 per cento si dedica allo sport in modo saltuario. Coloro che pur non praticando uno sport svolgono un attività fisica sono circa il 27,7 per cento della popolazione nella fascia di età considerata, mentre i sedentari sono più del 42,0 per cento della popolazione di 3 anni e più (il 46,5 per cento tra le donne e il 37,1 per cento tra gli uomini). L analisi temporale mette in luce un aumento della propensione alla pratica sportiva (dal 26,8 per cento del 1997 al 32,9 per cento del 2010), di 1,8 punti percentuali solo nell ultimo anno. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 17

18 Classi d età In modo continuativo In modo saltuario Pratica sportiva Qualche attività fisica Mai Non indicato Totale PER CLASSE DI ETÀ E SESSO MASCHI ,3 3,5 21,7 51,5 3,0 100, ,0 6,0 12,2 23,2 0,6 100, ,6 7,9 14,5 15,7 0,3 100, ,0 12,5 15,4 18,0 0,1 100, ,8 16,4 18,5 21,0 0,3 100, ,6 17,2 16,8 24,2 0,2 100, ,6 15,6 19,8 31,0 0,2 100, ,2 14,3 24,7 35,4 0,4 100, ,5 11,7 28,4 40,1 0,3 100, ,7 9,4 33,2 42,5 0,1 100, ,9 7,7 38,7 39,7 0,1 100, ,7 6,7 39,8 43,5 0,3 100,0 75 e oltre 4,7 2,3 29,4 63,4 0,2 100,0 Totale 25,8 10,6 26,1 37,1 0,4 100,0 FEMMINE ,5 3,0 23,4 50,3 2,8 100, ,8 5,1 17,3 28,0 0,7 100, ,5 7,2 21,1 24,8 0,4 100, ,0 9,1 25,0 29,0-100, ,0 12,4 25,6 34,7 0,3 100, ,1 13,1 29,1 33,7 0,0 100, ,0 10,0 29,4 40,5 0,1 100, ,5 9,5 31,0 42,7 0,2 100, ,9 8,1 35,8 42,0 0,2 100, ,5 6,6 36,5 44,2 0,3 100, ,5 5,4 37,5 44,9 0,6 100, ,8 3,4 32,3 56,4 0,2 100,0 75 e oltre 2,9 0,9 16,6 79,1 0,5 100,0 Totale 17,1 6,9 29,1 46,5 0,4 100,0 MASCHI E FEMMINE ,4 3,3 22,6 50,9 2,9 100, ,5 5,6 14,7 25,5 0,7 100, ,3 7,6 17,7 20,1 0,4 100, ,0 10,9 19,9 23,1 0,0 100, ,8 14,5 21,9 27,5 0,3 100, ,8 15,1 23,0 29,0 0,1 100, ,9 12,8 24,5 35,7 0,1 100, ,8 11,9 27,9 39,1 0,3 100, ,6 9,8 32,2 41,1 0,2 100, ,6 8,0 34,9 43,3 0,2 100, ,7 6,5 38,1 42,4 0,3 100, ,7 4,9 35,8 50,3 0,2 100,0 75 e oltre 3,6 1,4 21,5 73,1 0,4 100,0 Totale 21,3 8,7 27,7 42,0 0,4 100,0 Tabella 24: Percentuale di persone di 3 anni e più che dichiara di svolgere pratica sportiva (ISTAT, dicembre 2013) Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 18

19 Se prendiamo in considerazione i dati riguardanti il target sul quale il progetto Oltre lo Sport vuole intervenire, ovvero i giovani di età compresa tra i gli 11 e i 17 anni, in tutta Italia vediamo che i dati forniti sempre dall ISTAT il 19 dicembre 2013 segnalano una flessione della percentuale di giovani che praticano sport in modo continuativo al crescere dell età (tabella 25); se tra i 6 e i 14 anni oscilla tra il 53 e il 54 percento a anni scende di circa 10 punti per un valore del 42%. Al crescere dell età aumenta la percentuale di giovani che praticano sport in modo saltuario e qualche attività fisica. Tabella 25: Percentuale di persone che svolgono pratica sportiva per fasce d'età (ISTAT, dicembre 2013) Se confrontiamo i dati Nazionali con quelli della Regione Sicilia (fonte: ISTAT, dicembre 2013) riportati nella tabella 26 si evincono notevoli margini di differenza tra i valori. Se in tutta Italia i soggetti di 3 anni e più che praticano in modo continuativo sport sono il 21,7% in Sicilia sono solo il 13,1%, praticano sport in modo saltuario in Sicilia il 7,8% mente in tutta Italia il 8,7%. Se in Italia a non praticare sport è il 42% in Sicilia la percentuale sale al 59,6%. (tabella 27). Tipo di pratica sportiva in modo continuativo 15,7 13,1 in modo saltuario 7,2 7,8 qualche attività fisica 18,2 19,1 mai 58,2 59,6 non indicato 0,7 0,3 Tabella 26: Percentuale di 3 anni e più della Sicilia che dichiara di praticare attività fisica (ISTAT, dicembre 2013) Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 19

20 REGIONI In modo continuativo In modo saltuario Pratica sportiva Qualche Mai attività fisica Non indicato Totale PER REGIONE Piemonte 19,3 9,7 35,1 35,7 0,2 100,0 Valle d'aosta 28,1 12,4 28,4 31,0 0,1 100,0 Liguria 20,8 6,5 29,2 43,2 0,2 100,0 Lombardia 25,8 9,9 29,9 33,8 0,6 100,0 Trentino Alto Adige 30,0 17,8 36,8 15,0 0,4 100,0 Bolzano 34,4 17,9 32,6 14,2 0,9 100,0 Trento 25,8 17,6 40,7 15,9-100,0 Veneto 26,7 11,0 37,4 24,8 0,1 100,0 Friuli Venezia Giulia 26,5 11,9 32,5 28,7 0,4 100,0 Emilia Romagna 26,0 9,8 32,6 31,4 0,2 100,0 Toscana 24,2 8,5 29,3 37,6 0,3 100,0 Umbria 21,2 9,7 28,0 41,1-100,0 Marche 23,7 9,2 31,0 35,8 0,3 100,0 Lazio 23,7 8,0 23,3 44,5 0,4 100,0 Abruzzo 19,8 7,1 27,9 44,7 0,5 100,0 Molise 17,7 5,9 25,2 50,9 0,4 100,0 Campania 12,6 4,9 21,1 60,9 0,4 100,0 Puglia 17,2 7,8 19,6 54,8 0,6 100,0 Basilicata 17,4 6,9 20,8 54,7 0,2 100,0 Calabria 14,2 6,0 19,3 60,1 0,3 100,0 Sicilia 13,1 7,8 19,1 59,6 0,3 100,0 Sardegna 21,9 8,3 30,5 39,1 0,2 100,0 Nord 24,9 10,2 32,8 31,7 0,3 100,0 Centro 23,7 8,4 26,6 41,0 0,3 100,0 Mezzogiorno 15,2 6,8 21,4 56,2 0,4 100,0 ITALIA 21,3 8,7 27,7 42,0 0,4 100,0 Tabella 27: Persone di 3 anni e più che praticano sport, qualche attività fisica e persone non praticanti per regione, ripartizione geografica e tipo di comune - Anno 2013 (valori in migliaia) Dopo avere osservato questi dati, se ci soffermiamo agli investimenti effettuati nel settore sport in Sicilia, negli ultimi anni, non possiamo certamente affermare che è andata male. In Sicilia non sono mancati gli investimenti, ma probabilmente è stato sbagliato, più che altrove in Italia, l indirizzo delle risorse. Dai dati pubblicati dall ISTAT a dicembre 2013 (Annuario Statistico Italiano Indagine Multiscopo, Famiglie e aspetti sociali vari, relativamente alle persone di 3 anni e più che praticano sport in Italia (tabella 28), si evince che lo sport è un attività tipicamente giovanile: le quote più alte di sportivi si riscontrano per i maschi nella fascia di età tra gli 11 e i 14 anni (61,6%) e per le femmine in quella tra i 6 e i 10 anni (48,%). Il confronto tra i sessi mostra una dedizione allo sport più accentuata tra i maschi (in media 25,8 per cento contro il 17,1 per cento delle femmine), in tutte le fasce di età ad eccezione dei giovanissimi (3-5 anni), in cui le quote di bambine praticanti un attività sportiva superano di poco quelle dei maschi. Le differenze di genere sono successivamente a favore dei ragazzi, con divario massimo tra i 18 e i 24 anni (circa 17 punti percentuali in più di maschi praticanti uno sport rispetto alle coetanee) e si attenuano successivamente al crescere dell età. Con l aumentare dell età diminuisce anche l impegno sportivo e aumenta l interesse per le attività fisiche. Per gli ultra 65enni, oggetto d attenzione del progetto, inoltre, si registrano percentuali molto basse nella pratica di attività fisica sia per le donne che per gli uomini. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 20

21 Età Uomini % Donne % ,3 20, ,0 48, ,6 46, ,0 37, ,8 27, ,6 24, ,6 20, ,2 16, ,5 13, ,7 12, ,9 11, ,7 7,8 75 e più 4,7 2,9 Totale 25,8 17,1 Tabella 28: persone di 3 anni e più che praticano sport in Italia per classi di età e sesso I dati elaborati annualmente dall ISTAT e dal CONI fanno infatti emergere fenomeni e tendenze nelle abitudini e negli stili di vita dei cittadini, che sono il riscontro oggettivo ed evidente del lavoro svolto e delle iniziative messe in campo per promuovere l attività fisica e sportiva nel Paese. Dall analisi sul lungo periodo, emerge che finalmente il 2010 fissa un inversione di tendenza rispetto agli anni precedenti, in quanto la quota dei sedentari si riduce sensibilmente di 2,3 punti percentuali, vale a dire 1 milione 203 mila sedentari in meno, ma lo stesso non si può dire per la Sicilia. Purtroppo non si hanno dati specifici sulla frequenza dello sport per le province interessate dal progetto in quanto tutte le ricerche svolte sia dall Istat sia dal CONI sono condotte al livello regionale, però quanto detto in merito alla regione Sicilia nel suo complesso ci fa presagire che sia necessario un intervento anche nelle province di Trapani, Caltanissetta, Agrigento, Enna e Catania. Tendenzialmente la pratica sportiva varia in funzione del tipo di comune in due modi: i piccoli comuni con meno di abitanti e i comuni centro delle aree metropolitane (dove vivono 2 milioni 303 mila persone, pari al 3,86 per cento della popolazione). Per motivi opposti, ma tutti riconducibili alle difficoltà di fruizione degli impianti e degli spazi attrezzati, i cittadini che vivono in queste aree presentano le quote più alte di sedentari, ossia di coloro che non praticano né sport, né attività fisica. Se pensiamo alle tipologie dei piccoli comuni, localizzati soprattutto in zone interne e/o di montagna, con difficoltà di aggregazione per gruppi consistenti di giovani della stessa età e sesso (necessari per lo sviluppo degli sport di squadra e per la partecipazione, ad esempio, a tornei e campionati federali), o alle difficoltà connesse alla mobilità nel centro delle grandi aree metropolitane, i dati non sono affatto sorprendenti, dimostrano solo, ancora una volta, che lo sport è uno specchio fedele dello sviluppo sociale della società. Rispetto al totale della popolazione residente su ogni territorio e alle medie nazionali, la popolazione giovanile è consistente, a riprova che nel Sud c è ancora un alto tasso di natalità e che non è possibile ignorare o sottovalutare il peso che ricopre questa fascia di popolazione sul tessuto politico, sociale, economico, urbano e culturale del territorio. L evidente presenza della fascia minorile, rispetto alle altre città presenti sul territorio italiano, segnala un bisogno di carattere prioritario, e riferito alle modalità di intervento nei confronti di questa fascia di popolazione. Nello specifico, bisogna integrare e implementare i servizi già esistenti, e creare un sistema informativo di rete che si occupi di garantire le politiche dei minori, al fine di progettare interventi efficaci alla gestione dei servizi presenti sul territorio e alla tutela del benessere psicofisico e sociale dei minori e degli anziani Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 21

22 Questa analisi territoriale che prende spunto principalmente dal comune di Palermo ma che risulta sovrapponibile alle situazioni degli altri comuni siciliani su cui ricade il progetto Oltre lo Sport, rafforzano l ipotesi di dover pianificare e progettare servizi sportivi e socio-educativi innovativi, alternativi o di supporto a quelli già in essere, con la finalità di riuscire a prendere in carico un numero maggiore di utenti, coinvolgendo trasversalmente anche le intere famiglie, in modo da avere anche maggior forza ed alleanza nell obiettivo di soddisfare adeguatamente il fabbisogno dei soggetti richiedenti i servizi, o di ridurne la necessita di richiesta da parte loro. Per fare tutto ciò risulta fondamentale e necessario accedere all utilizzo delle risorse umane dei volontari del servizio civile. 6.2 Criticità e/o bisogni relativi agli indicatori riportati al 6.1 CRITICITA /BISOGNI Criticità 1. Scarso livello di partecipazione sociale INDICATORI MISURABILI Innalzamento della frequenza dei giovani di età compresa tra gli 11 e i 17 anni dei comuni coinvolti che parteciperanno a manifestazioni sportive e a laboratori psicomotori. Oggi solo il 64,32% partecipa a manifestazioni sportive e attività laboratoriali. Numero partecipanti (inseriti altresì in percorsi di supporto allo studio e lotta alla dispersione scolastica): nel 2011, grazie all attivazione del progetto SCN Risorse giovani 2010, abbiamo raggiunto 500 utenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni. Criticità 2. Dispersione scolastica L indice di dispersione scolastica delle province coinvolte dalle attività progettuali (dati riportati nella tabella 22 del box 6.1): nel 2011 è del 37% La percentuale di soggetti che conseguono un diploma (dati riportati nella tabella 22 del box 6.1): nell anno scolastico 2010/11 solo il 57,61% degli iscritti ha conseguito il diploma. Numero famiglie coinvolte nei percorsi di supporto allo studio: nel 2011, grazie al progetto Risorse giovani 2010, abbiamo raggiunto circa 130 famiglie. Criticità 3. Marginalità sociale Numero di adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni che partecipano alle attività sportive in modo continuativo: nel 2011 solo il 13,1% dei soggetti. 6.3 Individuazione dei destinatari ed i beneficiari del progetto: destinatari diretti In tutti i comuni di attuazione del progetto Oltre lo Sport, ovvero, Palermo, Trapani, Messina, Caltanissetta, Enna, San Giovanni Gemini (AG) e Giarre (CT) i destinatari finali degli interventi sono minori in obbligo scolastico e formativo, in particolare gli studenti delle scuole secondarie di primo grado e secondarie di secondo grado che, come dimostrano le statistiche finora riportate, sono quelli a più rischio di Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 22

23 abbandono e dispersione scolastica. Si prevede di raggiungere circa 850 studenti segnalati dagli istituti partner del progetto e dai soggetti delle reti locali presenti sul territorio e circa 500 famiglie. Le percentuali dei ragazzi da recuperare non saranno distribuite equamente per comune e tipologia di istituto, perché alla luce dei dati riportati in riferimento al contesto d intervento (box 6.1) si darà priorità agli adolescenti a forte rischio di abbandono o dispersione scolastica, con conseguente probabilità di cadere in condotte devianti o di emarginazione perché già alimentano le percentuali locali delle ripetenze nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, a coloro che hanno difficoltà a determinare scelte di vita progettuali e non manifestano obiettivi e programmazione e a coloro che mostrano difficoltà nelle capacità di relazione con i pari e gli adulti, come espressione di un più vasto disagio giovanile. In particolare, i destinatari diretti del progetto Oltre lo Sport, suddivisi per comune di sede d attuazione, saranno: Tipologia destinatari Studenti scuola secondaria di I grado Studenti scuola secondaria di II grado Palermo VII circ.ne Palermo II circ.ne Palermo III circ.ne TP CL EN ME AG Giarre Totale beneficiari indiretti I beneficiari indiretti delle azioni previste dal progetto Oltre lo Sport sono rappresentati: - dalle famiglie dei giovani coinvolti direttamente alle attività del progetto le quali avranno la possibilità di risolvere o quantomeno smussare manifestazioni di disagio dei loro figli come per esempio la dispersione scolastica, il bullismo, l aggressività ecc; si conta di raggiungere almeno 500 famiglie. - le équipe di insegnanti e docenti degli Istituti scolastici partner del progetto, e di quelli che verranno successivamente raggiunti nelle diverse iniziative di promozione e sensibilizzazione, che dal progetto potranno veder rafforzato il loro ruolo educativo attraverso anche lo scambio (con la comunità professionale presente nelle sedi di svolgimento del progetto) di buone prassi, metodologie e strumenti; - la comunità professionale degli educatori, formatori e tutor presenti nel territorio di svolgimento del progetto, che attraverso le attività proposte e l interazione con i docenti della scuola e i soggetti della rete locale, potranno sperimentare non solo nuovi dispositivi didattici di lotta e prevenzione alla dispersione scolastica, ma rafforzare anche strategie di recupero e lotta all evasione scolastica; - infine i partner del progetto potranno veder rafforzati legami con gli altri soggetti della rete, ampliare i propri ambiti di intervento, sperimentare nuovi interventi, incrementare le proprie azioni Indicazione su altri attori e soggetti presenti ed operanti nel settore e sul territorio Dai vati studi effettuati dall Istat che si sono occupati negli anni di analizzare le realtà territoriali si evince con chiarezza la sostanziale carenza dell offerta ludico-culturale e sportiva presente nelle province. Le poche e spesso mal funzionanti strutture non possono di certo colmare completamente le richieste, le necessità e i bisogni da parte della popolazione giovanile. Di seguito una tabella riassuntiva delle principali strutture che operano nei comuni oggetto d attenzione. Denominazione Tipo di ente Indirizzo Settore di intervento & attività principali Centro socio Associazione Via Gioacchino Ventura n. Attività culturali finalizzate alla Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 23

24 Culturale Emanuele Piazza ONLUS Centro di Accoglienza Padre Nostro - ONLUS Associazione Lega Contro la Droga - ONLUS ONLUS Palermo promozione di iniziative volte a realizzare interventi sociali nelle circoscrizioni della città di Palermo, con particolare riguardo a quelle più disagiate. Ente Morale con Decreto Ministeriale del 22 Settembre 1999 Associazione ONLUS Via Brancaccio Palermo Via Palmerino, Palermo Gioidè Associazione Via Matrice c/o Oratorio San Giovanni Gemini (AG) Arca - Associazione Sportiva per disabili. I.P.F. Istituto per La Famiglia - ONLUS La Città del Sole Associazione Via Garibaldi, Cammarata (AG) Associazione ONLUS Cooperativa di Servizi sociali ONLUS Via Riccardo Casalaina, n Catania Via V. Brancati n Catania Opera nell ambito della promozione umana, favorendo la partecipazione attiva alla vita cristiana soprattutto per le fasce più svantaggiate, della prevenzione e del trattamento del disagio e dell emarginazione sociale, nelle diverse manifestazioni in cui gli stessi possono trovare espressione. Prima accoglienza, orientamento, intermediazione psico-sociale. Supporto psicoeducativo. Inserimento lavorativo soggetti svantaggiati. L associazione nasce allo scopo di catalizzare tutte le istanze provenienti dal mondo giovanile; ideare e mettere in atto occasioni di confronto, di interscambio di idee, di conoscenza ma anche di accoglienza, ovvero, opportunità di formazione e crescita; creare centri di aggregazione e gruppi di lavoro. Attività socio-educative, culturali e sportive a favore di giovani disabili e minori svantaggiati per sollecitare nel territorio una maggiore cultura dell'integrazione sociale. Attività socio-educative finalizzate al recupero minori, assistenza ragazze madri, attività ludiche nei quartieri e all aiuto economico e familiare. L associazione coinvolge ogni anno circa 25 famiglie nella provincia di Catania Centri di aggregazione pensati come uno spazio-laboratorio, come luogo di incontro e di trasferimento di abilità e di apprendimento. Lo scopo del servizio è la promozione della socializzazione e la crescita armoniosa degli adolescenti e dei giovani, attraverso l organizzazione di laboratori ed attività pratiche (laboratorio di teatro, di musica, di informatica, di arti grafiche, dopo scuola etc.). L associazione coinvolge ogni anno circa 35 famiglie nella provincia di Catania. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 24

25 OCG - Oratorio Centro Giovanile Parrocchia Sacro Cuore Associazione cattolica Via del Bosco, Catania Svolge, a favore di fanciulli, adolescenti, giovani e famiglie, nei giorni e negli orari programmati, svariate iniziative religiose, culturali e sportive promosse dalla Parrocchia, dal medesimo Centro Giovanile e dalle Associazioni del Tempo Libero. 6.5 Soggetto attuatore ed eventuali partners Soggetto attuatore L'Uisp (Unione Italiana Sport Per tutti) è l'associazione di sport per tutti che ha l'obiettivo di estendere il diritto allo sport a tutti i cittadini. Lo sport per tutti è un bene che interessa la salute, la qualità della vita, l'educazione e la socialità. In quanto tale esso è meritevole di riconoscimento e di tutela pubblica. Abbiamo deciso di mettere al centro dell'uisp il soggetto, il cittadino, le donne e gli uomini di ogni età, ciascuno con i propri diritti, le proprie motivazioni, le proprie differenze da riconoscere e da valorizzare: le diverse età, le abilità, le disabilità, le differenze sessuali, le diverse motivazioni alla pratica sportiva. L'unica differenza che combattiamo è quella che nasce dalla disuguaglianza sociale, dalla mancanza di pari opportunità. L'Uisp attraverso le sue iniziative ha l'obiettivo di valorizzare le varie facce dello sport, da quello competitivo (con particolare attenzione al mondo dilettantistico e amatoriale) a quello coreografico-spettacolare, da quello strumentale (sport per la salute, il benessere, per difendere l'ambiente) a quello espressivo (pratiche individuali o collettive al di fuori di circuiti sportivi strutturati). Attraverso il coinvolgimento nelle proprie attività istituzionali, educazione e promozione culturale, salvaguardia dell ambiente, valorizzazione del cittadino e del territorio, l Uisp mira ad un miglioramento della società e persegue il benessere del cittadino. Sin dal 2001, l UISP gestisce progetti di SCN nel settore educazione e promozione culturale, area di intervento attività sportiva di carattere ludico finalizzata a processi di inclusione, raggiungendo gli obiettivi prefissati con ottimi risultati, e rimanendo punto di riferimento per i giovani che hanno svolto SCN presso le nostre sedi. Partners A.S.D Mondo Jeans F.B.S. - C.F Box 8.1: attività , e L associazione persegue finalità di carattere culturale, ricreativo, sportivo e formativo; ha organizzato e promosso diverse attività per minori a rischio, famiglie, anziani, giovani, adulti, genitori, corsi di avviamento ed educazione motoria per minori in diverse discipline, e per la terza età, si occupa di progetti di educazione motoria nelle scuole e promuove la partecipazione a campionati e manifestazioni sportive locali, regionali e nazionali. Nella realizzazione del progetto, l Associazione coadiuverà i volontari nell organizzazione dei corsi dedicati alle attività motorie ed espressive-corporee, al fine di promuovere la partecipazione a campionati e manifestazioni sportive locali, regionali e nazionali. In particolare, le attività relative all area espressivamotoria saranno realizzate col coinvolgimento diretto degli operatori dell Associazione, che affiancheranno e coadiuveranno i volontari del SCN. Per la realizzazione di tali attività laboratoriali l associazione metterà a disposizione le attrezzature sportive necessarie per favorire l attività motoria agli utenti del progetto quali: materassini, reti, palloni da calcio e pallavolo, corde per il salto, ecc. A.S.D. Circolo culturale Nuova Società - C.F Box 8.1: attività e Da anni, l associazione opera nel terzo settore in quartieri a rischio di marginalità sociale e di dispersione scolastica laddove la famiglia diviene il principale nucleo di riferimento. L associazione persegue finalità di carattere culturale, ricreativo, sportivo e formativo; ha organizzato e promosso diverse attività per minori a rischio, famiglie, anziani, giovani, adulti, genitori, corsi di avviamento ed educazione motoria per minori in diverse discipline, e per la terza età, si occupa di progetti di educazione motoria nelle scuole e promuove la partecipazione a campionati e manifestazioni sportive locali, regionali e nazionali. Le attività supportate dal partner punteranno alla creazione di spazi di riflessione al fine di analizzare gli aspetti riguardanti la relazione genitori-figli e di discutere sulle problematiche della relazione con i figli all interno del Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 25

26 nucleo familiare e della condizione dell anziano attraverso le competenze messe a disposizione dall ente partner. Gli esperti messi a disposizione dall Ente, formati alla conduzione di gruppi e alle tematiche genitoriali, in una dimensione laboratoriale avranno il compito, altresì, di stimolare la riflessione sul territorio e sulle risorse presenti in esso e sulla promozione del benessere nell anziano. Per la realizzazione di tali attività laboratoriali l associazione metterà a disposizione del materiale di suo possesso funzionali alla realizzazione delle attività quali: fotocamera, video proiettore, registratore, computer. A.S.D. Legambiente Sportecò - C.F.: Box 8.1: attività , L'associazione si propone di favorire la partecipazione e la legalità tra i giovani; di realizzare laboratori per il miglioramento della qualità della vita e del benessere sociale; di attuare interventi di prevenzione primaria e secondaria. Attraverso il coinvolgimento delle principali agenzie educative, formali e informali, dalla scuola alla famiglia, al gruppo dei pari, l associazione progetta e realizza e fornisce servizi, interventi psico-sociali volti al diffondersi di una cultura di cittadinanza attiva e partecipazione collettiva. In particolare, le azioni progettuali relative alle attività laboratoriali sulla legalità e sul rispetto delle regole saranno supportate dagli esperti dell Ente in questione che da anni, nel territorio palermitano, si occupa di interventi a favore della comunità. Per la realizzazione di attività laboratoriali l associazione metterà a disposizione del materiale di suo possesso quali: video proiettore, registratore, computer. TECNICASPORT srl - C.F.: Box 8.1: attività La società è leader nel settore della vendita e della distribuzione dell abbigliamento e delle attrezzature sportive. In particolare, l ente collaborerà per la realizzazione del progetto mettendo a disposizione le proprie attrezzature sportive, gadget, t-shirt,nell organizzazione di attività sportive e gare. Il ruolo concreto rivestito dai copromotori del progetto in questione è di tipo collaborativo/partecipativo rispetto alle attività e alle iniziative progettuali. Alla rete dei partner formali, si aggiungono gli Istituti di I e II grado presenti nelle città e nelle circoscrizioni in cui il progetto interverrà, con cui si stipuleranno accordi specifici finalizzati al raggiungimento degli obiettivi del progetto, con particolare attenzione ai dati forniti dalle stesse sulla dispersione e abbandono scolastico nell anno scolastico coincidente con il periodo di attuazione del progetto. 7) OBIETTIVI DEL PROGETTO: Il progetto, se pure in più sedi di attuazione ed in comuni diversi del territorio siciliano, interverrà considerando bisogni comuni all intera area considerata e si realizzerà con azioni condivise attraverso il coordinamento della sede regionale. Pertanto è possibile individuare obiettivi condivisi da tutte le sedi. 7.1 Gli obiettivi di cambiamento generati dalle criticità e bisogni indicati nel 6.2: CRITICITA /BISOGNI Criticità 1. Scarso livello di partecipazione sociale Criticità 2. Dispersione scolastica OBIETTIVI Obiettivo 1.1 Favorire la partecipazione di minori di età compresa tra gli 11 e i 17 anni a manifestazioni sportive e alle attività laboratoriali di educazione motoria e ludico-ricreativi. Obiettivo 2.1. Favorire il recupero nei soggetti coinvolti nel progetto delle carenze cognitive e degli svantaggi sull apprendimento delle abilità di base, linguistiche, espressive, logiche e di metodo di studio. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 26

27 Obiettivo 2.2. mitigare, per gli 850 soggetti coinvolti nel progetto, gli insuccessi scolastici e i fallimenti attraverso azioni di sostegno e accompagnamento sociopsicologico. Criticità 3. Marginalità sociale Obiettivo 3.1. Favorire lo sviluppo delle capacità socio relazionali dei soggetti coinvolti attraverso la pratica dello sport. 7.2 Gli obiettivi sopra indicati con gli indicatori del 6.2 alla conclusione del progetto OBIETTIVO Obiettivo 1.1 Favorire la partecipazione di minori di età compresa tra gli 11 e i 17 anni a manifestazioni sportive e laboratoriali di educazione motoria e ludico-ricreativi. INDICATORI Indicatore : Innalzamento della frequenza dei giovani di età compresa tra gli 11 e i 17 anni dei comuni coinvolti che parteciperanno a manifestazioni sportive e a laboratori psicomotori al 70%. Indicatore Numero partecipanti alle attività sportive (inseriti altresì in percorsi di supporto allo studio e lotta alla dispersione scolastica): si conta di coinvolgere complessivamente 850 giovani Obiettivo 2.1. Favorire il recupero negli 850 soggetti coinvolti nel progetto delle carenze cognitive e degli svantaggi sull apprendimento delle abilità di base, linguistiche, espressive, logiche e di metodo di studio. Obiettivo 2.2. mitigare, per gli 850 soggetti coinvolti nel progetto, gli insuccessi scolastici e i fallimenti attraverso azioni di sostegno e accompagnamento socio-psicologico; Indicatore La percentuale di soggetti che conseguono un diploma: si conta di raggiungere il 65% Indicatore L indice di dispersione scolastica delle province coinvolte dalle attività progettuali: si conta di ridurre tale indice al 30% Indicatore Numero di famiglie coinvolte: si conta di raggiungere almeno 500 famiglie. Obiettivo 3.1. Migliorare le capacità socio relazionali degli 850 soggetti coinvolti attraverso la pratica dello sport. Indicatore Numero di adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni che partecipano alle attività sportive in modo continuativo: si conta di raggiungere il 25% della popolazione residente nelle realtà territoriali coinvolte. 7.3 Il confronto fra situazione di partenza e obiettivi di arrivo INDICATORI Ex ANTE Ex POST Indicatore Innalzamento della frequenza dei giovani di età compresa tra gli 11 e i 17 anni dei comuni coinvolti che parteciperanno a manifestazioni sportive e a laboratori psicomotori 64,32% dei giovani età compresa tra gli 11 e i 17 anni che 70% Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 27

28 Indicatore Numero partecipanti alle attività (inseriti altresì in percorsi di supporto allo studio e lotta alla dispersione scolastica) Indicatore La percentuale di soggetti che conseguono un diploma parteciperanno a manifestazioni sportive e a laboratori psicomotori ,61% (fonte: 2 Rapporto sulla qualità nella scuola, Tuttoscuola 2011) % Indicatore Indice di dispersione scolastica delle province coinvolte dalle attività progettuali 37% (fonte: 2 Rapporto sulla qualità nella scuola, Tuttoscuola 2011) Indicatore Numero di famiglie coinvolte % Indicatore Numero di adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni che partecipano alle attività sportive in modo continuativo. 13,1% (fonte: ISTAT, dicembre 2013) +25% 7.4 Obiettivi rivolti ai volontari: - formazione ai valori dell impegno civico, della pace e della nonviolenza dando attuazione alle linee guida della formazione generale al SCN (vedi box 33) e al Manifesto ASC 2007; - apprendimento delle finalità, delle modalità e degli strumenti del lavoro di gruppo finalizzato alla acquisizione di capacità pratiche e di lettura della realtà, capacità necessarie alla realizzazione delle attività del progetto e successivamente all inserimento attivo nel mondo del lavoro, a cominciare dai soggetti no profit; - fornire ai partecipanti strumenti idonei all interpretazione dei fenomeni socio-culturali al fine di costruire percorsi di cittadinanza attiva e responsabile; - crescita individuale dei partecipanti con lo sviluppo di autostima e di capacità di confronto, attraverso l integrazione e l interazione con la realtà territoriale. Nell ambito del progetto specifico, i partecipanti al servizio civile volontario svolgeranno, nel campo educativo, una concreta esperienza formativa, grazie alla quale potranno acquisire nuove conoscenze e competenze sia di tipo professionale (tecnico-scientifiche ed educative) che di tipo relazionale (capacità di ascolto e di negoziazione, saper lavorare in gruppo, ecc.). I volontari in SCN sperimenteranno sul campo diverse attività, tra cui la realizzazione di iniziative ed eventi di sensibilizzazione allo sport, la partecipazione ad attività sportive ed educative formative, la conduzione di laboratori sportivi e attività di gruppo, l organizzazione di programmi di educazione e formazione ai minori, l organizzazione di laboratori ludico culturali. Gli obiettivi di crescita individuale dei volontari sono: - acquisire competenze e conoscenze nel settore educativo e didattico; - applicare conoscenze e competenze, acquisite nel percorso formativo ed educativo, al mondo del lavoro; Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 28

29 - imparare a comunicare con cittadini di diverse fasce d età attraverso la realizzazione di iniziative di sensibilizzazione; - imparare ad operare in gruppo e in rete grazie ai momenti di scambio, formazione, conoscenza e effettivo lavoro in team; - acquisire competenze in ambito sportivo e di educazione alla salute. 8 DESCRIZIONE DEL PROGETTO E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO CHE DEFINISCA IN MODO PUNTUALE LE ATTIVITÀ PREVISTE DAL PROGETTO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A QUELLE DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE, NONCHÉ LE RISORSE UMANE DAL PUNTO DI VISTA SIA QUALITATIVO CHE QUANTITATIVO: Premessa Il settore d intervento su cui il presente progetto vuole intervenire è relativo all EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE. Tenuto conto delle problematiche territoriali quali: insuccesso scolastico, lavoro minorile in nero, microcriminalità, disagio sociale, familiare, individuale ed economico il progetto Oltre lo Sport vuole intervenire su tre importanti criticità quali lo scarso livello di partecipazione sociale alle attività sportive, la dispersione scolastica e la marginalità sociale dei giovani. La dispersione scolastica assume diverse forme, a volte più mascherate, ma comunque gravi quali: disaffezione, disinteresse, demotivazione, noia, disturbi comportamentali, mancati ingressi, evasione, ritardi rispetto all età regolare, proscioglimento dall obbligo senza conseguimento del titolo, ripetenze, bocciature, frequenze irregolari, assolvimento formale dell obbligo, qualità scadente degli esiti pertanto il progetto Oltre lo Sport vuole dare un contributo alla lotta alla dispersione scolastica attraverso lo sport che oltre a migliorare la salute dei cittadini, ha una dimensione educativa e svolge un ruolo sociale, culturale e ricreativo, e il suo ruolo sociale può anche rafforzare le relazioni esterne; l attività fisica concorre a migliorare la qualità della vita ed è associata positivamente sia allo stato di salute sia alla nascita di valori importanti come lo spirito di gruppo, la solidarietà, la tolleranza e la correttezza, contribuendo così alla realizzazione personale e allo sviluppo dei rapporti sociali. Il progetto intende affrontare le tematiche inerenti la partecipazione sociale e lo sport, il reinserimento dei minori a scuola, la riduzione di condizioni di disagio culturale, economico e sociale che investono ad ampio spettro individui, gruppi e comunità. Gli ambiti di interesse riguardano la comunicazione e lo sport, l espressione sana di difficoltà nella sfera emotiva, quindi le aspettative, i desideri, le paure che ricadono nell'ambito educativo. A tal proposito, il progetto prevede un servizio socio-educativo correlato allo sport contrassegnato dai caratteri dell autonomia, della socializzazione, della partecipazione e della creatività, attuando una proposta educativo-formativa e privilegiando una metodologia attivo-partecipativa che scorra parallela alla dinamicità del processo di crescita, in una continua e molteplice evoluzione. Le attività saranno realizzate su uno sfondo ludico che, oltre a garantire una migliore e globale motivazione alla partecipazione, costituisce un momento educativo importante per lo sviluppo cognitivo, corporeo, emotivoaffettivo e socio-relazionale degli adolescenti. La struttura ludico-educativa-ricreativa si configura come un laboratorio dei laboratori, un ambiente nel quale minori e adulti possono disporre di molteplici opportunità di apprendimento. Il progetto in questione mira a realizzare interventi di carattere sportivo e socio-educativo contrassegnati dai caratteri dell autonomia processuale e di gestione. Gli ambiti d azione previsti, infatti, riguardano il rispetto delle regole, percorsi inerenti alla legalità ed allo sport, alla partecipazione sociale, alla genitorialità competente. La qualità del servizio, che poi corrisponde alle azioni da implementare, deve mirare all efficienza del progetto e quindi delle attività che vengono proposte, all accuratezza dei materiali e degli strumenti che vengono utilizzati, alla coerenza degli obiettivi e delle finalità, in fase iniziale, intermedia e finale dell intervento, al rispetto dei tempi, nell attuare piani operativi di lavoro, affinché gli utenti non si disorientino, perdendo di vista il percorso formativo e di crescita da compiere. Gli elementi quantitativi li si rintracciano nel numero di risorse umane beneficiarie dell intervento, nel numero di prodotti realizzati e restituiti al contesto, in risposta alle azioni implementate, nel numero di presenze o assenze all attività. Nel dettaglio le attività del progetto Oltre lo Sport saranno: Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 29

30 miglioramento della proposta formativa: attraverso laboratori linguistici, di recupero scolastico, di sviluppo delle competenze informatiche e acquisizione di un metodo di studio. attività motorie ed espressivo corporee: strutturazione di laboratori settimanali di ginnastica, attività sportive, competizioni a squadre, laboratori espressivo motori e attività di ballo che potranno essere svolte sia negli istituti scolastici coinvolti sia in palestre affiliate. attività di educazione alla legalità e di cittadinanza attiva: strutturazione di attività laboratoriali e di focus group sul tema di pertinenza, realizzeranno cartelloni divulgativi, rassegne fotografiche e cortometraggi sul tema della prevenzione della devianza che potranno essere svolte sia negli istituti scolastici coinvolti sia in palestre affiliate. attività di orientamento scolastico e professionale attraverso incontri settimanali con gli alunni più a rischio di dispersione o insuccesso scolastico e con i genitori di tali alunni. Tutte le attività prevedono la realizzazione di prodotti finali quali cartelloni, fumetti, drammatizzazioni, saggi finali, gare sportive e quanto verrà pensato ed elaborato dai partecipanti con l ausilio dei volontari stessi che svolgeranno funzione di regia. 8.1 Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Obiettivo 1.1 Favorire la partecipazione di minori di età compresa tra gli 11 e i 17 anni a manifestazioni sportive e laboratoriali di educazione motoria e ludico-ricreativi. Azione Implementazione delle attività laboratoriali Attività laboratori di attività motorie ed espressivo corporee, supportate da: A.S.D. Mondo Jeans Foot-Bal School, A.S.D. Circolo culturale Nuova società. Attività attività sportive a squadre con gare, supportate da Circolo culturale Nuova società e da TECNICASPORT, che metterà a disposizione gdget, sttrezzature sportive e t-shirt. Obiettivo 2.1. Favorire il recupero negli 850 soggetti coinvolti nel progetto delle carenze cognitive e degli svantaggi sull apprendimento delle abilità di base, linguistiche, espressive, logiche e di metodo di studio. Azione attività di recupero e orientamento scolastico e professionale (ente proponente) Attività attività di doposcuola per il recupero scolastico, per lo sviluppo delle competenze informatiche e per l acquisizione di un metodo di studio; Attività incontri settimanali con gli alunni e con i genitori degli alunni più a rischio di dispersione o insuccesso scolastico; Obiettivo 2.2. mitigare, per gli 850 soggetti coinvolti nel progetto, gli insuccessi scolastici e i fallimenti attraverso azioni di sostegno e accompagnamento socio-psicologico; Azione educazione alla legalità (rispetto delle regole, stare in gruppo etc.), Attività strutturazione di attività laboratoriali e di focus group (attività supportata dall'associazione Legambiente Sportecò ). Attività Rassegne fotografiche e cortometraggi sul tema della prevenzione della devianza (attività supportata dall'associazione Legambiente Sportecò ). Obiettivo 3.1. favorire lo sviluppo delle competenze socio relazionali dei soggetti coinvolti Azione Migliorare le capacità socio relazionali degli 850 soggetti coinvolti attraverso la pratica dello sport. Attività strutturazione alle attività sportive a squadre per adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni (supportata da A.S.D. Mondo Jeans Foot-Bal School). Azione partecipazione a tornei sportivi. Attività organizzazione di tornei sportivi (supportata da A.S.D. Mondo Jeans Foot-Bal School). Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 30

31 Cronogramma Azioni Mesi Ideazione sviluppo e avvio x Obiettivo 1.1 Favorire la partecipazione di minori di età compresa tra gli 11 e i 17 anni a manifestazioni sportive e laboratoriali di educazione motoria e ludico-ricreativi. Azione Implementazione delle attività laboratoriali Attività laboratori di attività motorie ed espressivo corporee. x x x x x x x x x Attività attività sportive a squadre con gare. x x x x x Obiettivo 2.1. Favorire il recupero negli 850 soggetti coinvolti nel progetto delle carenze cognitive e degli svantaggi sull apprendimento delle abilità di base, linguistiche, espressive, logiche e di metodo di studio. Azione attività di recupero e orientamento scolastico e professionale. Attività attività di doposcuola per il recupero scolastico, per lo sviluppo delle competenze informatiche e per l acquisizione di un metodo di studio. x x x x x x x x x x x Attività incontri settimanali con gli alunni e con i genitori degli alunni più a rischio di dispersione o insuccesso scolastico. x x x x x x x x x x x Obiettivo 2.2. mitigare, per gli 850 soggetti coinvolti nel progetto, gli insuccessi scolastici e i fallimenti attraverso azioni di sostegno e accompagnamento socio-psicologico. Azione educazione alla legalità (rispetto delle regole, stare in gruppo etc.). Attività strutturazione di attività laboratoriali e di focus group. x x x Attività Rassegne fotografiche e cortometraggi sul tema della prevenzione della devianza. Obiettivo 3.1. favorire lo sviluppo delle competenze socio- relazionali dei soggetti coinvolti x x x x x Azione Migliorare le capacità socio-relazionali degli 850 soggetti coinvolti attraverso la pratica dello sport. Attività strutturazione alle attività sportive a squadra per adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni Azione partecipazione a tornei sportivi x x x x x x x x x x x Attività organizzazione di tornei sportivi x x x x x x Azioni trasversali per il SCN Accoglienza dei volontari in SCN x Formazione Specifica x x x Formazione Generale x x x x x Informazione e sensibilizzazione x x x x x x x x x x x x Inserimento dei volontari in SCN x x Monitoraggio x x x x Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 31

32 Azioni trasversali: Durante tutto il periodo di servizio civile, dalla formazione generale, (box 29/34) a quella specifica, (box 35/41), al monitoraggio (box 21 e 42),verranno inserite anche altre attività che permetteranno ai partecipanti al progetto di sviluppare le competenze poi certificate attraverso l Ente ASVI (box 28). I volontari del SCN saranno altresì coinvolti nelle azioni di diffusione e sensibilizzazione previste dal progetto (box 17). Il complesso di tutte le attività previste dal progetto aiuteranno infine i giovani a realizzare la finalità di contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani indicata all articolo 1 della legge64/2001 che ha istituito il Servizio Civile Nazionale. 8.2 Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività previste, con la specifica delle professionalità impegnate e la loro attinenza con le predette attività Numero Profilo Ruolo nel progetto 7 (1 per sede) 7 (1 per sede) 7 (1 per sede) 10 (2 per le sedi di Palermo, Trapani e Caltanissetta mentre 1 per le sedi di Messina, Enna, San Giovanni Gemini e Giarre) Coordinatore del progetto / responsabile dell organizzazione, con esperienza pluriennale nel settore e nell area del progetto Formatori esperti in dinamiche di gruppo e tutoraggio Educatori esperti nel sostegno scolastico Esperti in attività motoria È colui che si occupa di coordinare le attività progettuali della sede assegnatagli e che consente il corretto svolgimento delle attività come previsto nel progetto. Inoltre fornisce la sua competenza per promuovere le attività del progetto, sensibilizzare gli attori locali e rafforza la rete dei partenariati. Sono formatori senior che si occuperanno di fornire un concreto supporto al coordinamento, al monitoraggio e alla valutazione del progetto. Essi avranno il compito di monitorare l andamento del progetto, le dinamiche di gruppo e gestire eventuali conflitti Sono esperti di settore sostegno scolastico che nelle sedi di attuazione del progetto si occuperanno di organizzare e supervisionare i corsi di sostegno allo studio e di orientamento per minori e di trasmettere le competenze ai volontari in SCN al fine di renderli autonomi nella gestione dell attività. Gli stessi avranno il ruolo di gestire i contatti con le famiglie e le istituzioni locali Sono esperti di settore dell attività motoria che nelle sedi di attuazione del progetto si occuperanno di gestire i laboratori di attività motorie ed espressivo corporee, supportando i volontari nella gestione delle attività. Gli stessi coordineranno le attività connesse all organizzazione dei tornei e degli eventi sportivi pubblici. Tipologia di impiego Volontario Volontario Volontario Volontario 7 Esperti in educazione alla Sono esperti di settore che nelle sedi Volontario Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 32

33 (1 per sede) legalità di attuazione del progetto si occuperanno di affiancare, dopo un primo addestramento, i volontari in SCN nella gestione dei laboratori sulla legalità. Agli operatori dell ente si affiancheranno gli operatori degli enti partner, che avranno il ruolo di supportare le attività, così come descritto al box 8.1, mettendo a disposizione le esperienze e le professionalità nel settore d intervento. Tutte le risorse umane impegnate nel progetto sono soci volontari dell associazione; gli operatori degli Enti partner coinvolti nel progetto collaboreranno a titolo gratuito. 8.3 Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto In relazione alle azioni descritte nel precedente punto 8.1 i volontari in SCN saranno impegnati nelle seguenti attività con il ruolo descritto: Azioni Attività Ruolo Attività laboratori di attività motorie ed espressivo corporee. Attività attività sportive a squadre con gare. Azione Implementazione delle attività laboratoriali Azione attività di recupero e orientamento scolastico e professionale. Azione educazione alla legalità (rispetto delle regole, stare in gruppo etc.). Attività attività di doposcuola per il recupero scolastico, per lo sviluppo delle competenze informatiche e per l acquisizione di un metodo di studio. Attività incontri settimanali con gli alunni e con i genitori degli alunni più a rischio di dispersione o insuccesso scolastico. Attività strutturazione di attività laboratoriali e di focus group. Attività Rassegne fotografiche e cortometraggi sul tema della prevenzione della devianza. Conduzione di esercizi fisici insieme agli operatori. I volontari saranno attivamente impegnati nella gestione delle attività sportive. Gli stessi avranno anche il compito di gestire le attività di segreteria e i contatti con l utenza. Nel caso di manifestazioni sportive pubbliche, i volontari cureranno l organizzazione dell evento, i contatti con i destinatari, la pubblicizzazione degli eventi, sia grazie al volantinaggio che alla mail list dell ente, e la distribuzione di cappellini, maglie e materiale utile alla realizzazione dell evento. Infine, i volontari avranno il compito di riordinare gli attrezzi utilizzati. Contatti con le scuole per l individuazioni dei soggetti più bisognosi di doposcuola, tutoraggio per lo svolgimento dei compiti, orientamento scolastico, supporto alla segreteria per organizzazione logistica degli incontri e per i contatti con le famiglie e le scuole e partecipazione agli incontri di equipe per il monitoraggio dell attività. I volontari assumeranno il ruolo di osservatori delle dinamiche durante i focus group attraverso la griglia di Baless, si occuperanno di cercare filmati, di organizzare mostre e rassegne di cortometraggi, supporteranno le attività laboratoriali e la segreteria organizzativa. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 33

34 Azione Migliorare le capacità socio relazionali degli 850 soggetti coinvolti attraverso la pratica dello sport Azione partecipazione a tornei sportivi Attività strutturazione alle attività sportive a squadra per adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni. Attività organizzazione di tornei sportivi Si occuperanno di contattare squadre presenti nel territorio per organizzare partite, organizzeranno tornei, supporteranno la segreteria per l organizzazione degli eventi. Azioni e/o attività trasversali Accoglienza dei volontari In questa fase i volontari in SCN vengono coinvolti nelle diverse attività condotte dagli operatori dell ente e partecipano all avvio delle attività programmate, mirato alla partecipazione attiva e alla condivisione dei valori da parte dei volontari in SCN, oltre a condividere necessità di lavoro e organizzazione delle attività. Formazione generale e specifica I volontari in SCN partecipano sia alla formazione generale che a quella specifica. Sono previsti momenti di scambio e verifica tra i volontari, il responsabile del progetto, la sede d assegnazione. Inoltre, i volontari parteciperanno tramite apposita piattaforma, alla formazione a distanza. Informazione e sensibilizzazione sul SC I volontari in Servizio Civile avranno il compito di promuovere e diffondere l esistenza del Servizio Civile Nazionale attraverso alcuni incontri con i giovani e la comunità locale, come previsto al box 17. Monitoraggio - I volontari in SCN saranno invitati a compilare due questionari di monitoraggio online al fine di verificare l andamento del piano di attività, dell andamento del progetto e della soddisfazione delle aspettative, e per procedere eventualmente alla rimodulazione del progetto. Infine i volontari selezionati per questo progetto parteciperanno attivamente alla presa di coscienza delle competenze che acquisiscono nei campi di cittadinanza attiva e di lavoro di gruppo, finalizzato a realizzare gli obiettivi di cui al box 7 attraverso specifiche attività individuali e collettive. In particolare questa loro partecipazione è funzionale alla realizzazione dell obiettivo indicato al box 7, sezione obiettivi dei volontari che viene qui riportato: - formazione ai valori dell impegno civico, della pace e della nonviolenza dando attuazione alle linee guida della formazione generale al SCN e al Manifesto ASC 2007; - apprendimento delle modalità e degli strumenti del lavoro di gruppo finalizzato alla acquisizione di capacità pratiche e di lettura della realtà, capacità necessarie alla realizzazione delle attività del progetto e successivamente all inserimento attivo nel mondo del lavoro; - partecipazione alle attività di promozione e sensibilizzazione al servizio civile nazionale di cui al successivo box 17. 9) NUMERO DEI VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO: 37 10) NUMERO POSTI CON VITTO E ALLOGGIO: 0 11) NUMERO POSTI SENZA VITTO E ALLOGGIO: 37 12) NUMERO POSTI CON SOLO VITTO: 0 13) NUMERO ORE DI SERVIZIO SETTIMANALI DEI VOLONTARI, OVVERO MONTE ORE ANNUO: Monte ore annuo 1440, inclusa la formazione. 14) GIORNI DI SERVIZIO A SETTIMANA DEI VOLONTARI (MINIMO 5, MASSIMO 6): 5 giorni Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 34

35 15) EVENTUALI PARTICOLARI OBBLIGHI DEI VOLONTARI DURANTE IL PERIODO DI SERVIZIO: Le giornate di formazione potrebbero essere svolte anche nella giornate del sabato. Considerando le finalità del progetto, la necessità di attuazione delle attività sportive nel territorio e in luoghi adeguatamente attrezzati, le esigenze degli studenti e gli accordi con le scuole da realizzarsi in itinere, le attività previste potranno essere svolte anche all interno degli istituti scolastici coinvolti e presso alcune palestre affiliate alla UISP presenti nei comuni coinvolti nella realizzazione del progetto. I/Le volontari/e dovranno garantire la possibilità di rendersi disponibili per tali occasioni, anche se dovessero svolgersi fuori dalla sede di attuazione, secondo quanto calendarizzato dall OLP. In caso di esigenze legate all attuazione del calendario del progetto, gli orari potranno essere rimodulati e i/le volontari/e dovranno attenersi all organizzazione del lavoro definita dall OLP. CARATTERISTICHE ORGANIZZATIVE 16) SEDE/I DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO, OPERATORI LOCALI DI PROGETTO E RESPONSABILI LOCALI DI ENTE ACCREDITATO: Allegato 01 17) EVENTUALI ATTIVITÀ DI PROMOZIONE E SENSIBILIZZAZIONE DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE: Complessivamente, le/i volontarie/i del SCN saranno impegnati nelle azioni di diffusione del Servizio Civile per un minimo di 25 ore ciascuno, come di seguito articolato. I volontari del SCN partecipanti al progetto, nell ambito del monte ore annuo, saranno direttamente coinvolti nelle attività di promozione e sensibilizzazione del servizio civile nazionale che l Ente intende attuare tramite incontri presso: - associazioni, precipuamente giovanili con cui la sede Arci Servizio Civile locale organizza attività di informazione e promozione - luoghi, formali ed informali, di incontro per i giovani (scuole, università, centri aggregativi, etc.) con cui la sede di attuazione intrattiene rapporti nell ambito della propria attività istituzionale o in occasione di eventi sul territorio a cui l ente partecipa. Verranno programmati un minimo di 3 incontri di 4 ore cadauno, durante i quali i volontari in SCN potranno fornire informazioni sul Servizio Civile Nazionale, grazie alle conoscenze acquisite durante la formazione generale. Inoltre un giorno al mese, nei 4 mesi centrali del progetto, o in concomitanza con la pubblicazione dei bandi SCN, presso la sede di attuazione o presso la sede locale di Arci Servizio Civile, i volontari in SCN saranno direttamente coinvolti nell attività degli sportelli informativi sul servizio civile, propri delle nostre associazioni Arci Servizio Civile, che da anni forniscono informazioni e promuovono il SCN nel territorio, per complessive 13 ore. Le azioni sopra descritte tendono a collegare il progetto stesso alla comunità locale dove i volontari del SCN prestano servizio, portando alla luce (tramite la loro testimonianza diretta) le positive ricadute del progetto nel contesto in cui esso interviene. L azione informativa, di promozione e sensibilizzazione viene intesa quale attività continuativa che tende a coinvolgere attivamente i volontari in SCN e si esplica in 3 differenti fasi: - informazione sulle opportunità di servizio civile (da effettuare ex ante, precipuamente nel periodo di vigenza del bando tramite le sotto indicate modalità di comunicazione sociale) - sensibilizzazione alla pratica del SCN (effettuata in itinere, con i succitati interventi presso i luoghi aggregativi e coinvolgendo in modo attivo i giovani tramite le associazioni suddette) - diffusione dei risultati del progetto (da effettuare ex post, anche grazie alla partecipazione dei giovani in SCN alle attività promozionali dell associazione e alla stesura di una relazione finale sull esperienza maturata, che concorrerà alla pubblicazione nella rivista locale di ASC Sicilia Civilmente, raccolta di esperienze e testimonianze sul SCN e nonviolenza) Comunicazione sociale: il testo del progetto e le modalità di partecipazione verranno pubblicati sul sito internet dell ente per l intera durata del bando (www.arciserviziocivile.it). Verrà diffuso materiale informativo preso le Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 35

36 sedi di attuazione di Arci Servizio Civile interessate, con particolare attenzione agli sportelli informativi che le nostre sedi di assegnazione organizzano nel proprio territorio. La sede locale di Arci Servizio Civile curerà la possibile diffusione del progetto sui media locali, regionali e nazionali presenti nel proprio territorio. 18) CRITERI E MODALITÀ DI SELEZIONE DEI VOLONTARI: Ricorso a sistema selezione depositato presso il Dipartimento della Gioventù e SCN descritto nel modello: - Mod. S/REC/SEL: Sistema di Reclutamento e Selezione 19) RICORSO A SISTEMI DI SELEZIONE VERIFICATI IN SEDE DI ACCREDITAMENTO (EVENTUALE INDICAZIONE DELL ENTE DI 1^ CLASSE DAL QUALE È STATO ACQUISITO IL SERVIZIO): Si 20) PIANO DI MONITORAGGIO INTERNO PER LA VALUTAZIONE DELL ANDAMENTO DELLE ATTIVITÀ DEL PROGETTO: Ricorso al sistema di monitoraggio e valutazione, depositato presso il Dipartimento della Gioventù e SCN descritto nel modello: Mod. S/MON: Sistema di monitoraggio e valutazione 21) RICORSO A SISTEMI DI MONITORAGGIO VERIFICATI IN SEDE DI ACCREDITAMENTO (EVENTUALE INDICAZIONE DELL ENTE DI 1^ CLASSE DAL QUALE È STATO ACQUISITO IL SERVIZIO): Si 22) EVENTUALI REQUISITI RICHIESTI AI CANDITATI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO OLTRE QUELLI RICHIESTI DALLA LEGGE 6 MARZO 2001, N. 64: I candidati dovranno predisporre, come indicato negli allegati alla domanda di partecipazione, il proprio curriculum vitae, con formati standardizzati tipo Modello europeo di Curriculum Vitae, evidenziando in esso eventuali pregresse esperienze nel settore. (http://europass.cedefop.europa.eu) Si richiede ai candidati di attenersi alle indicazioni che verranno riportate all url: sull iter relativo alla selezione, nonché ad indicare, sulla domanda di candidatura, un valido indirizzo personale per ricevere comunicazioni in merito a tutte le procedure di selezione e seguenti adempimenti. In particolare le comunicazioni in merito alle convocazioni per le procedure di selezione saranno veicolate esclusivamente sul sito indicato. Ai volontari è richiesto: Buona conoscenza della lingua italiana; Buone capacità relazionali con il pubblico e con i ragazzi in età scolare; Conoscenze di base di informatica; Disponibilità alle attività sportive e di educazione allo sport e alla salute; Interesse alle tematiche sportive ed educative; Disponibilità al lavoro in giorni festivi ed in orari serali; Disponibilità agli spostamenti dalla sede di attuazione e a trascorrere dei brevi periodi fuori sede per la partecipazione alle giornate di formazione specifica previste dal progetto. Inoltre, costituiranno titoli preferenziali esperienze pregresse nel settore e nell area di intervento del progetto; partecipazione ad esperienze associative, in particolare di tipo sportivo ed educativo 23) EVENTUALI RISORSE FINANZIARIE AGGIUNTIVE DESTINATE IN MODO SPECIFICO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 36

37 - Sedi ed attrezzature specifiche (box 25) Utenze dedicate Materiali informativi Pubblicizzazione SCN (box 17) Formazione specifica-materiali Spese viaggio Materiale di consumo finalizzati al progetto Altro: (materiale ricreativo per la realizzazione delle attività ludico-ricreative e culturali, quali libri, strumentazioni multimediali, giochi da tavolo, carte da gioco, etc... ) TOTALE ) EVENTUALI RETI A SOSTEGNO DEL PROGETTO (COPROMOTORI E/O PARTNERS): Nominativo Copromotori e/o Partner A.S.D.Mondo Jeans Foot-Bal School C.F A.S.D. Circolo culturale Nuova società C.F A.S.D. Legambiente Sportecò C.F.: TECNICASPORT srl C.F.: Tipologia (no profit, profit, università) No profit No profit No profit Profit Attività Sostenute (in riferimento al punto 8.1) Attività laboratori di attività motorie ed espressivo corporee. Attività strutturazione alle attività sportive a squadre Attività organizzazione di tornei sportivi. Attività laboratori di attività motorie ed espressivo corporee. Attività Attività sportive previste per adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni Attività strutturazione di attività laboratoriali e di focus group. Attività Rassegne fotografiche e cortometraggi sul tema della prevenzione della devianza. Attività Attività sportive a squadre con gare 25) RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI NECESSARIE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO: I volontari in SCN saranno integrati nei processi della quotidiana attività istituzionale dell ente, ed avranno a disposizione tutti gli impianti tecnologici e logistici presenti nelle sedi di attuazione. In coerenza con gli obiettivi (box 7) e le modalità di attuazione (box 8) del progetto, si indicano di seguito le risorse tecniche e strumentali ritenute necessarie ed adeguate per l attuazione del progetto e fornite dal soggetto attuatore: Materiale di cancelleria: n.q. penne, matite, gomme, colori a spirito, colori a tempera, colla liquida, scotch, quaderni, risme di carta, pennelli. Attrezzature sportive: Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 37

38 bastoni palloni da pallavolo palloni da calcio palloni da basket birilli canestro da basket porte di calcio Luoghi attrezzati per attività sportive computer 14 sedie 200 scrivanie 20 stanze 14 Videoproiettore 7 videoregistratore 7 Lettore dvd 7 Filmati 150 Stanza attrezzata per attività laboratorio legalità 7 telefono 12 fax 8 fotocopiatrice 8 Impianto amplificazione 8 Obiettivo 1.1 Favorire la partecipazione di minori di età compresa tra gli 11 e i 17 anni a manifestazioni sportive e laboratoriali di educazione motoria e ludico-ricreativi. Attività laboratori di attività motorie ed espressivo corporee Risorsa Attrezzature sportive. spazi per attività sportive impianto amplificazione. Attività attività sportive a squadre con gare Risorsa Attrezzature sportive. spazi per attività sportive impianto amplificazione. Adeguatezza con gli obiettivi in quanto finalizzata all implementazione dei laboratori di attività motoria e alla realizzazione dei laboratori Adeguatezza con gli obiettivi in quanto finalizzata a realizzare attività sportive di gruppo e a squadre Obiettivo 2.1. Favorire il recupero negli 850 soggetti coinvolti nel progetto delle carenze cognitive e degli svantaggi sull apprendimento delle abilità di base, linguistiche, espressive, logiche e di metodo di studio. Attività attività di doposcuola per il recupero scolastico, per lo sviluppo delle competenze informatiche e per l acquisizione di un metodo di studio; Attività incontri settimanali con gli alunni e con i genitori degli alunni più a rischio di dispersione o insuccesso scolastico. Risorsa Adeguatezza con gli obiettivi in quanto finalizzata a: sedie e tavoli. stanze materiale cancelleria dare la possibilità a ciascun ragazzo di sedersi e poter lavorare su un piano d appoggio. dare la possibilità di lavorare in uno spazio definito e protetto. a far costruire dei prodotti (cartelloni, brochure, locandine) da utilizzare anche come messaggio di prevenzione nelle scuole e quindi per raggiungere i destinatari indiretti. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 38

39 Postazione completa di telefono organizzazione degli incontri. Obiettivo 2.2. mitigare, per gli 850 soggetti coinvolti nel progetto, gli insuccessi scolastici e i fallimenti attraverso azioni di sostegno e accompagnamento socio-psicologico. Attività strutturazione di attività laboratoriali e di focus group Risorsa Adeguatezza con gli obiettivi in quanto finalizzata a sedie e tavoli. dare la possibilità a ciascun ragazzo di sedersi e poter lavorare su un piano d appoggio. stanze. dare la possibilità di lavorare in uno spazio definito e protetto. materiale cancelleria a far costruire dei prodotti (cartelloni, brochure, locandine) da utilizzare anche come messaggio di prevenzione nelle scuole e quindi per raggiungere i destinatari indiretti. materiale didattico (libri, riviste, giochi da utilizzare per facilitare e favorire l apprendimento didattici ) Attività Rassegne fotografiche e cortometraggi sul tema della prevenzione della devianza Risorsa Adeguatezza con gli obiettivi in quanto finalizzata a sedie e tavoli. dare la possibilità a ciascun ragazzo di sedersi e poter lavorare su un piano d appoggio. stanza. dare la possibilità di lavorare in uno spazio definito e protetto. computer realizzare filmati e materiale divulgativo sul tema della prevenzione della devianza. Videoproiettore vedere documentari illustravi sul tema della prevenzione della devianza. lettore dvd, video, documentari vedere documentari illustravi sul tema della prevenzione della devianza. videoregistratore realizzare filmati sul tema della devianza. impianto amplificazione, pc ascoltare l audio dei documentari illustravi sul tema della prevenzione della devianza. Obiettivo 3.1. favorire lo sviluppo delle competenze socio relazionale dei soggetti coinvolti Attività strutturazione alle attività sportive a squadre per adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni Risorsa Adeguatezza con gli obiettivi in quanto finalizzata a Attrezzature sportive. all implementazione dei laboratori di attività motoria luogo per attività sportive Attività organizzazione di tornei sportivi Attrezzature sportive. all implementazione dei laboratori di attività motoria e dei luogo per attività sportive tornei Al fine di completare la descrizione delle risorse tecniche e strumentali utili alla realizzazione del progetto, l Ente metterà a disposizione dei volontari 10 stanze, 18 postazioni complete di tavolo, sedia, telefono, computer connesso ad internet, fax, fotocopiatrice, stampanti e scanner al fine di organizzare le attività e supportare l organizzazione tecnica e logistica delle azioni previste dal progetto: contatto delle scuole, pubblicizzazione delle attività e del progetto educativo promossi dall ente, comunicazione e gestione delle attività in cui sono coinvolti gli enti partner, trasmissione dati raccolti, contatti con gli enti partner e con le istituzioni presenti nel territorio, organizzazione degli incontri con le famiglie e gli utenti. Utili a tal fine saranno anche materiali di consumo, quali cancelleria, cd, raccoglitori, etc., utili al fine di raccogliere materiali, dati, appunti, per lo svolgimento delle attività, utilizzati altresì, durante i momenti di formazione, oltre alla stampa di documenti utili e dispense sugli argomenti trattati, negli incontri di formazione specifica. Oltre alle utenze dedicate e alle attrezzature presenti presso le sedi, saranno stampati, al fine di promuovere le attività, materiali informativi quali dépliant, manifesti per gli eventi pubblici, utili altresì, all attività di promozione del SCN, così come previsto al box 17 del progetto. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 39

40 CARATTERISTICHE DELLE CONOSCENZE ACQUISIBILI 26) EVENTUALI CREDITI FORMATIVI RICONOSCIUTI: L ateneo di Palermo ha recepito le direttive impartire dal MIUR con la circolare della Direzione Generale per l Università, ufficio III, prot.2626 del 9/7/04, riconoscendo, con delibera del Senato Accademico dell Università degli studi di Palermo del 18/04/05, crediti formativi a tutti gli studenti che svolgano il SCN indipendentemente dallo specifico progetto o ente. I crediti saranno attribuiti fino ad un massimo di 9 relativamente alla lettera d) dell art. 10, comma 1 del DM 509/99, e fino ad ulteriori 9 crediti relativamente alla lettera f) dello stesso articolo. Detta delibera integra l art. 11 del regolamento didattico di Ateneo, demandando ai singoli Consigli di Corso di studio la valutazione sul numero di crediti da riconoscere ad ogni studente che ne faccia documentata richiesta. 27) EVENTUALI TIROCINI RICONOSCIUTI: Il Consiglio della Facoltà di Scienze della Formazione dell Università degli Studi di Palermo nell adunanza del 12/11/2003, nel deliberare il regolamento del tirocinio previsto per le lauree triennali della classe XVIII, ha previsto all art.6 che lo svolgimento del SCN presso enti accreditati dal il Dipartimento della Gioventù e SCN permette a chi lo svolge di ottenere i CFU previsti per il tirocinio definito all art.1 del suddetto regolamento. Detti CFU saranno riconosciuti dal Consiglio della classe XVIII agli studenti che presenteranno istanza corredata dalle relative certificazioni. 28) COMPETENZE E PROFESSIONALITÀ ACQUISIBILI DAI VOLONTARI DURANTE L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO, CERTIFICABILI E VALIDI AI FINI DEL CURRICULUM VITAE: La certificazione delle competenze per i giovani partecipanti al progetto verrà rilasciata, su richiesta degli interessati, da ASVI - School for Management S.r.l. (P. Iva ) FORMAZIONE GENERALE DEI VOLONTARI 29) SEDE DI REALIZZAZIONE: La formazione generale dei volontari viene effettuata direttamente da Arci Servizio Civile Nazionale, attraverso il proprio staff nazionale di formazione, con svolgimento nel territorio di realizzazione del progetto. 30) MODALITÀ DI ATTUAZIONE: In proprio presso l ente con formatori dello staff nazionale con mobilità sull intero territorio nazionale con esperienza pluriennale dichiarata all atto dell accreditamento attraverso i modelli: - Mod. FORM - Mod. S/FORM 31) RICORSO A SISTEMI DI FORMAZIONE VERIFICATI IN SEDE DI ACCREDITAMENTO ED EVENTUALE INDICAZIONE DELL ENTE DI 1^ CLASSE DAL QUALE È STATO ACQUISITO IL SERVIZIO: Si 32) TECNICHE E METODOLOGIE DI REALIZZAZIONE PREVISTE: I corsi di formazione tenuti dalla nostra associazione prevedono: lezioni frontali - LF (lezioni formali con metodo espositivo, proiezione di video, proiezione e discussione di power point, letture di materiali, lezioni interattive con coinvolgimento diretto dei partecipanti tramite metodo interrogativo ). La lezione frontale è utilizzata per non meno del 30% del monte ore complessivo di formazione in aula. Nelle giornate di formazione con prevalente metodologia di lezione frontale si possono prevedere sino a 28 partecipanti in aula. dinamiche non formali DNF- (giochi di ruolo, di cooperazione, di simulazione, di socializzazione e di valutazione, training, lavori di gruppo, ricerche ed elaborazioni progettuali). Le dinamiche non formali sono utilizzate per non meno del 40% del monte ore complessivo di formazione in aula. Nelle giornate di formazione con prevalente metodologia non formale si possono prevedere sino a 25 partecipanti in aula. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 40

41 formazione a distanza - F.A.D. - (Il percorso consiste in moduli conclusi da un apposito test di verifica, allocati su piattaforma e-learning dedicata,con contenuti video, audio, forum e simili, letture, dispense, strumenti collaborativi). 33) CONTENUTI DELLA FORMAZIONE: La formazione dei volontari ha come obiettivi il raggiungimento delle finalità di cui all art. 1 della legge 64/2001: la formazione civica, sociale culturale e professionale dei volontari. Essa intende fornire ai partecipanti strumenti idonei all interpretazione dei fenomeni storici e sociali al fine di costruire percorsi di cittadinanza attiva e responsabile. Attraverso i corsi di formazione si intende altresì fornire ai volontari competenze operative di gestione di attività in ambito no-profit. I contenuti della formazione generale, in coerenza con le Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale, (Decreto 160/2013 del Dipartimento Gioventù e SCN del 13/07/2013) prevedono: 1 Valori e identità del SCN a. L identità del gruppo in formazione e patto formativo b. Dall obiezione di coscienza al SCN c. Il dovere di difesa della Patria difesa civile non armata e nonviolenta d. La normativa vigente e la Carta di impegno etico 2 La cittadinanza attiva a. La formazione civica b. Le forme di cittadinanza c. La protezione civile d. La rappresentanza dei volontari nel servizio civile 3 Il giovane volontario nel sistema del servizio civile a. Presentazione dell ente accreditato Arci Servizio Civile, finalità, struttura, soci, settori di intervento b. Il lavoro per progetti c. L organizzazione del servizio civile e le sue figure d. Disciplina dei rapporti tra enti e volontari del servizio civile nazionale e. Comunicazione interpersonale e gestione dei conflitti 34) DURATA: La durata complessiva della formazione generale è di 42 ore. Ai fini della rendicontazione, verranno tenute 32 ore di formazione in aula attraverso metodologie frontali e dinamiche non formali e ulteriori 10 ore attraverso formazione a distanza (FAD). In base alle disposizioni del Decreto 160 del 19/07/2013 Linee guida per la formazione generale dei giovani in SCN questo ente erogherà l intero monte ore di formazione generale entro e non oltre il 180 giorno dall avvio del progetto. La Formazione generale è parte integrante dei progetti ed è conteggiata a tutti gli effetti ai fini del monte ore. FORMAZIONE SPECIFICA (RELATIVA AL SINGOLO PROGETTO) DEI VOLONTARI 35) SEDE DI REALIZZAZIONE: Presso sedi di attuazione di cui al punto ) MODALITÀ DI ATTUAZIONE: In proprio presso l ente. Saranno organizzate due aule per ogni modulo di formazione. Tali corsi si svolgeranno principalmente nelle sedi d attuazione site nella città di Palermo, al fine di garantire la partecipazione di tutti i volontari compatibilmente alla presenza di mezzi pubblici che garantiscano i servizi verso le città sedi d attuazione del progetto. I volontari, pertanto, dovranno garantire la disponibilità agli spostamenti in tali occasioni. Le spese viaggio saranno a carico dell Ente. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 41

42 37) NOMINATIVO/I E DATI ANAGRAFICI DEL/I FORMATORE/I: Formatore A: cognome e nome: Accomando Ignazio nato il: 28 luglio 1975 luogo di nascita: Palermo C.F. CCMGNZ75G28G273S Formatore B: cognome e nome: Maratea Fabio nato il: 24 aprile 1974 luogo di nascita: Palermo C.F. MRTFBA74D24G273O Formatore C: cognome e nome: Verace Giovanni nato il: 27 agosto 1973 luogo di nascita: Palermo C.F. VRCGNN73M27G273X 38) COMPETENZE SPECIFICHE DEL/I FORMATORE/I: In coerenza con i contenuti della formazione specifica, si indicano di seguito le competenze dei singoli formatori ritenute adeguate al progetto: Formatore A: Ignazio Accomando Titolo di Studio: laurea in psicologia clinica e di comunità Ruolo ricoperto presso l ente: educatore e formatore esperto in dinamiche relazioni e psicologiche Esperienza nel settore: orientamento professionale, tutor per minori a rischio di devianza e dispersione scolastica, accompagnamento al lavoro per giovani studenti, orientamento professionale, conduttore di laboratori con minori a rischio, assistenza di pazienti con disabilità psichiche, conduzione corso di formazione per operatori della terza età. Competenze nel settore: psicologo, conduttore di gruppo, educatore, formatore in progetti di SCN Formatore B: Fabio Maratea Titolo di Studio: diploma di geometra, qualifica in tecnico di natural body building e fitness Ruolo ricoperto presso l ente: Presidente regionale dell associazione UISP SICILIA Esperienza nel settore: operatore motorio per attività motorie, assistente operatore motorio per la promozione dello sport dilettantistico, coordinatore progetto Insieme per la grande età, progettista e coordinatore di eventi sportivi ed ambientali, coordinatore centro aggregativo per anziani, Competenze nel settore:operatore sportivo, coordinatore centri aggregativi, conduzione e dinamiche di gruppo Formatore C: Giovanni Verace Titolo di studio: Laurea in scienze politiche e relazioni internazionali Ruolo ricoperto presso l ente: Responsabile della sicurezza Esperienza nel settore: Formatore tecnico del settore ginnastiche e del settore attività subacquee, formatore di istruttori per i corsi di salvamento subacqueo e rianimazione cardio polmonare con l uso del defibrillatore, organizzatore e coordinatore della formazione dei quadri tecnici e dirigenti della UISP, responsabile della sicurezza sugli ambienti di lavoro presso la sala operativa regionale di Protezione Civile della regione Siciliana, organizzatore e coordinatore di progetti di scambio europei sulla sicurezza e prevenzione del rischio. Competenze nel settore: formatore di BLSD, esperto di rischio e sicurezza sui temi di protezione civile, formatore per il soccorso in acqua e a terra. Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 42

43 39) TECNICHE E METODOLOGIE DI REALIZZAZIONE PREVISTE: Per conseguire gli obiettivi formativi verranno privilegiate le metodologie didattiche attive che favoriscano la partecipazione dei giovani, basate sul presupposto che l'apprendimento effettivo sia soprattutto apprendimento dall'esperienza. Le metodologie utilizzate saranno: Lezione partecipata consente di trasmettere elementi conoscitivi e di omogeneizzare le disparità di conoscenze teoriche; Lezione frontale finalizzata alla trasmissione diretta delle informazione di base; Il lavoro di gruppo permette di suddividere il gruppo in sottogruppi, di operare in autonomia su aspetti che prevedono la partecipazione attiva dei partecipanti, permette lo scambio delle reciproche conoscenze ed esperienze, fa crescere l autostima e la consapevolezza delle proprie capacità, stimola e crea lo spirito di gruppo Learning by doing apprendere attraverso l esecuzione dei compiti così come si presentano in una giornata di servizio. Si tratta di Role Playing individuale in cui si simulano in modo realistico una serie di problemi decisionali ed operativi. Casi di studio finalizzati a esemplificare le buone prassi; Formazione a distanza. Gli incontri di formazione specifica saranno registrati su apposito modulo contenente l indicazione del luogo di svolgimento dei corsi, data e orari delle lezioni, nominativi e firme di presenza dei volontari e indicazione dell orario di inizio e fine lezione, firma del formatore, tematiche trattate e metodologie utilizzate. Le ore di formazione specifica da effettuarsi a distanza su apposita piattaforma saranno formalizzate con apposito report di download e consultazione personalizzati. 40) CONTENUTI DELLA FORMAZIONE: Modulo 1: Presentazione del progetto Formatore: Fabio Maratea Argomento principale: introduzione alle attività Durata: 4 h in 1 giornata Temi da trattare: Obiettivi della UISP, storia dello sport, concetti generali sull associazione, presentazione del progetto e degli obiettivi, aspettative dei volontari e analisi delle competenze Modulo 2: Misure di prevenzione ed emergenza Formatore: Giovanni Verace Argomento principale: Informativa sui rischi connessi all impiego dei volontari nel progetto SCN. Durata: 2 h in 1 giornata Temi da trattare: Rischi connessi all impiego dei volontari nel progetto di SCN; rischi nell espletamento delle attività presso le manifestazioni sportive, e nelle attività presso le scuole e nelle palestre. Modulo 3: gestire un laboratorio corporeo espressivo Formatori: Fabio Maratea / Ignazio Accomando Argomento principale: la pratica sportiva Durata: 24 h in 3 giornate di 8 ore ciascuna Temi da trattare: Costruire un laboratorio, il controllo motorio, principi di neurofisiologia, principi di ginnastica preventiva, presentazione di esercizi Modulo 4: empowerment individuale e di gruppo Formatore: Ignazio Accomando Argomento principale: la partecipazione attiva Durata: 28 h in 4 giornate da 7 ore ciascuna Temi da trattare: dinamiche di gruppo, ruoli, funzioni, compiti, tecniche di animazione e ludico-ricreative, gestione dei conflitti e sport di squadra. Modulo 5: psicologia della salute e dell età adolescenziale Formatore: Ignazio Accomando Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 43

44 Argomento principale: psicologia della salute e dell età adolescenziale. Durata: 6 h in 1 giornata Temi da trattare: sviluppo, problematiche connesse all adolescenza, dinamiche sociali. FORMAZIONE E INFORMAZIONE SUI RISCHI CONNESSI ALL IMPIEGO DEI VOLONTARI Arci Servizio Civile in ambito di formazione specifica e rispondendo al Decreto 160 del 19/07/2013 Linee guida per la formazione generale dei giovani in SCN inserirà, nel computo del totale delle ore da svolgere, due moduli per complessive 8 ore sulla Formazione e informazione sui rischi connessi all impiego dei volontari nei progetti di SC. Nominativi, dati anagrafici e competenze specifiche dei formatori Andrea Morinelli: nato il 18/02/1969 a Torricella in Sabina (RI) -Laurea in Geologia -Abilitazione alla professione di Geologo; -Manager dell'emergenza; -Consulente per sicurezza, piani di protezione civile, ubicazione aree di emergenza, Legge 626/96 e DL 81/08, NTC 2008 e Microzonazione sismica, ricerche geologiche, stabilità dei versanti, ricerche di acqua, perforazioni, edifici, piani di protezione civile, cartografia dei rischi, geologia ambientale; -Realizza piani di fattibilità per aree di emergenza per Protezione Civile per i Comuni; -Progettista di corsi di formazione ad hoc sia per la formazione generale (corsi di recupero, corsi per enti esteri su progettazione e comunicazione interpersonale, sui comportamenti in emergenza), che per la formazione specifica (sui temi dei rischi connessi all impiego di volontari in progetti di SCN, DL 81 e sicurezza sul lavoro), coprogettista (per i contenuti, test, ricerche e materiali), autore e tutor della parte di formazione generale che ASC svolge in FAD (2007/2014); -dal 2003 ad oggi formatore accreditato presso l Ufficio Nazionale per il Servizio Civile con Arci Servizio Civile; -dal 2004, supervisione delle attività di SCN dei progetti di ASC, relativamente ai settori e ai luoghi di impiego indicati nel progetto. Vincenzo Donadio: nato il 14/07/1975 a Frankenthal (D) -Diploma di maturità scientifica -Responsabile del Servizio per la Prevenzione e la Protezione sul luogo di lavoro; -Progettista di soluzioni informatiche, tecniche e didattiche per la Formazione a Distanza. -Progettista della formazione generale, specifica ed aggiuntiva; -Referente a livello nazionale per le informazioni sull accreditamento (tempi, modi, DL 81 e sicurezza dei luoghi di lavoro e di SCN); -Progettista ad hoc sia per la formazione generale (corsi di recupero, corsi per enti esterni su gestione e costruzione di piattaforme FAD, manutenzione e tutoraggio delle stesse), che per la formazione specifica ai sensi della Linee Guida del 19/07/2013(coprogettista per i contenuti, test, della formazione specifica che ASC svolge in FAD sul modulo di Formazione ed informazione sui Rischi connessi all impiego nel progetto di SCN (2014); -Formatore accreditato presso l Ufficio Nazionale per il Servizio Civile con Arci Servizio Civile; -Responsabile informatico accreditato presso l Ufficio Nazionale per il Servizio Civile con Arci Servizio Civile; -dal 2004, supervisione delle attività di SCN dei progetti di ASC, relativamente ai settori e ai luoghi di impiego indicati nel progetto. MODULO A Poiché le sedi di svolgimento dei progetti di SCN sono, come da disciplina dell accreditamento, conformi alle norme per la tutela dei luoghi di lavoro, ed in esse si svolgono i progetti di SCN, si reputa adatto e necessario partire con un modulo omogeneo per tutti i volontari sulla tutela e sicurezza dei luoghi di lavoro. DURATA: 6 ore Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 44

45 CONTENUTI: - Comprendere: cosa si intende per sicurezza sul lavoro e come si può agire e lavorare in sicurezza cos e, da cosa dipende, come può essere garantita, come si può lavorare in sicurezza - Conoscere: caratteristiche dei vari rischi presenti sul luogo di lavoro e le relative misure di prevenzione e protezione concetti di base (pericolo, rischio, sicurezza, possibili danni per le persone e misure di tutela valutazione dei rischi e gestione della sicurezza) fattori di rischio sostanze pericolose dispositivi di protezione segnaletica di sicurezza riferimenti comportamentali gestione delle emergenze - Normative: quadro della normativa in materia di sicurezza codice penale codice civile costituzione statuto dei lavoratori normativa costituzionale D.L. n. 626/1994 D.L. n. 81/2008 (ed testo unico) e successive aggiunte e modifiche Il modulo, erogato attraverso una piattaforma FAD, sarà concluso da un test di verifica obbligatorio. MODULO B Nell ambito delle attività svolte dai volontari di cui al precedente box 8.3, si approfondiranno le informazioni sui rischi specifici esistenti negli ambienti di frequentazione indicati al precedente box16, per i settori e le aree di intervento individuate al precedente punto 5. DURATA: 2 ore Contenuti: Verranno trattati i seguenti temi relativi ai rischi connessi all impiego di volontari in scn nel settore Educazione e Promozione Culturale, con particolare riguardo all area di intervento indicata al box 5 Educazione e promozione culturale fattori di rischio connessi ad attività di aggregazione ed animazione sociale e culturale verso minori, giovani, adulti, anziani, italiani e stranieri, con e senza disabilità fattori di rischio connessi ad attività di educazione, informazione, formazione, tutoraggio, valorizzazione di centri storici e culture locali fattori di rischio connessi ad attività sportive ludico-motorie pro inclusione, attività artistiche ed interculturali (teatro, musica, cinema, arti visive ) modalità di comportamento e prevenzione in tali situazioni Focus sui contatti con l utenze e servizi alla persona modalità di comportamento e prevenzione in tali situazioni gestione delle situazioni di emergenza sostanze pericolose ed uso di precauzioni e dei dispositivi di protezione segnaletica di sicurezza e riferimenti comportamentali normativa di riferimento Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 45

46 Inoltre, come indicato del Decreto 160/2013 (Linee Guida ), in considerazione della necessità di potenziare e radicare nel sistema del servizio civile una solida cultura della salute e della sicurezza e soprattutto, al fine di educarli affinché detta cultura si radichi in loro e diventi stile di vita, con riferimento ai luoghi di realizzazione ed alle strumentazioni connesse alle attività di cui al box 8.3, si approfondiranno i contenuti relativi alle tipologie di rischio nei seguenti ambienti: Per il servizio in sede Verranno approfonditi i contenuti relativi alle tipologie di rischio possibili nei luoghi in cui i volontari si troveranno ad utilizzare le normali dotazioni (vedi in particolare box 25) presenti nelle sedi di progetto (rispondenti al DL 81 ed alla Circ 23/09/2013), quali uffici, aule di formazione, strutture congressuali, operative, aperte e non al pubblico, per attività di front office, back office, segretariato sociale, operazioni con videoterminale, oltre agli spostamenti da e per detti luoghi. Fatto salvo quanto indicato come possibilità al box 15 Per il servizio fuori sede urbano (outdoor) Verranno approfonditi i contenuti relativi alle tipologie di rischio possibili nei luoghi aperti urbani (piazze, giardini, aree attrezzate o preparate ad hoc) in cui i volontari si troveranno ad operare in occasioni di campagne, promozione e sensibilizzazione su temi connessi al SCN e/o al progetto, utilizzando le dotazioni (vedi in particolare box 25) presenti e disponibili in queste situazioni (quali materiali promozionali, stand, sedie, tavoli e banchetti, ) materiali e dotazioni rispondenti a norme UE e al DL 81), per le attività indicate al box 8.3, oltre agli spostamenti da e per detti luoghi. Fatto salvo quanto indicato come possibilità al box 15 Per il servizio fuori sede extraurbano (ambiente naturale e misto) Verranno approfonditi i contenuti relativi alle tipologie di rischio possibili nei luoghi aperti extraurbani (parchi, riserve naturali, aree da monitorare o valorizzare, mezzi quali Treno Verde, Carovana Antimafia, individuate ad hoc) in cui i volontari si troveranno ad operare in occasioni di eventi, incontri, campagne, promozione e sensibilizzazione su temi connessi al SCN e/o al progetto, utilizzando le dotazioni (vedi in particolare box 25) presenti e disponibili in queste situazioni (quali abbigliamento ed attrezzature ad hoc, tutte rispondenti a norme UE e al DL 81), per le attività indicate al box 8.3, oltre agli spostamenti da e per detti luoghi. Fatto salvo quanto indicato come possibilità al box 15. Il modulo, erogato attraverso una piattaforma FAD, sarà seguito da un incontro di verifica con l OLP di progetto. Infine è prevista la partecipazione ai corsi di esperti in campo educativo e sportivo, che supporteranno i formatori, con le proprie competenze, al fine di simulare casi studio, grazie alle metodologie del Learning by doing e del Role Playing. 41) DURATA: La durata complessiva della formazione specifica è di 72 ore, con un piano formativo di 10 giornate in aula per 64 ore e 8 ore da svolgersi attraverso la FAD. La formazione specifica è parte integrante del progetto ed è conteggiata a tutti gli effetti ai fini del monte ore. La formazione specifica, relativamente a tutte le ore dichiarate nel progetto, sarà erogata ai volontari entro e non oltre 90 giorni dall avvio del progetto stesso. ALTRI ELEMENTI DELLA FORMAZIONE 42) MODALITÀ DI MONITORAGGIO DEL PIANO DI FORMAZIONE (GENERALE E SPECIFICA) PREDISPOSTO: Formazione Generale Ricorso a sistema monitoraggio depositato presso il Dipartimento della Gioventù e SCN descritto nei modelli: - Mod. S/MON Formazione Specifica Localmente il monitoraggio del piano di formazione specifica prevede: Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 46

47 - momenti di restituzione verbale immediatamente successivi all esperienza di formazione e follow-up con gli OLP - note periodiche su quanto sperimentato durante i percorsi di formazione, redatti sulle schede prestrutturate allegate al rilevamento mensile delle presenze dei volontari in SCN L ente predispone inoltre, apposito registro della formazione generale e specifica. Data, 14 Luglio 2014 Il Responsabile Legale dell Ente/ Il Responsabile del Servizio Civile Nazionale dell Ente Arci Servizio Civile è socio della Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile (CNESC) 47

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale Informazioni aggiuntive per i cittadini: Sede centrale: Indirizzo:

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE PENELOPE Coordinamento Solidarietà Sociale 2) Codice di accreditamento: NZ00321

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 12 aprile 2007 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2006 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, con particolare riguardo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali 19 gennaio 2011 L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali Anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010 L Istat diffonde i primi risultati

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto Abbandonoscolasticoedilfenomenodelladispersione RicercacondottadaAdiconsumnell ambitodelprogetto Laquestioneeconomicadell abbandonodeigiovanineipercorsi formativi conilfinanziamentodi ForumANIA Consumatori

Dettagli

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE Resto in Famiglia! Il progetto Resto in famiglia promosso da NOVA preserva la famiglia, attraverso un adeguata accoglienza delle problematiche presenti all interno

Dettagli

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo Aggiornamento dei dati al 2013 (16 aprile 2014, ver. 0.3) APRILE 2014 Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012-2014 Area

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Famiglie e società Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini Indagine Multiscopo sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

Appendice Statistica

Appendice Statistica REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Appendice Statistica

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Informazioni n. 27-2005

Dettagli

Giovani generazioni nel mercato del lavoro in Italia

Giovani generazioni nel mercato del lavoro in Italia Giovani generazioni nel mercato del lavoro in Italia Il contesto italiano Il processo di invecchiamento della popolazione interessa il nostro paese ormai da decenni. Oggi in Italia si contano più di 151,4

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 2004-2005) - 50 100 150 200 250 300 350

Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 2004-2005) - 50 100 150 200 250 300 350 Camera dei Deputati 81 Senato della Repubblica Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 040) Migliaia 0 0 10 0 20 300 30 Piemonte 0,0 Valle

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

Il profiling nella Garanzia Giovani in Italia

Il profiling nella Garanzia Giovani in Italia SEMINARIO INTERNAZIONALE MODELLI AVANZATI DI PROFILING Roma 24 Giugno, 2014 Sala Biagi - Via Guidubaldo del Monte, 60 Il profiling nella Garanzia Giovani in Italia Maurizio Sorcioni Staff di Statistica

Dettagli

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015 Roma, 4 Dicembre 2015 I giovani presi in carico sono 553.507. A più di 239 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 38.000 gli iscritti a dodici settimane dal lancio. A partire

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

ASSE IV CAPITALE UMANO

ASSE IV CAPITALE UMANO ASSE IV CAPITALE UMANO 1.PERCORSI FORMATIVI E SERVIZI SUCCESSIVI AL CONSEGUIMENTO DELL OBBLIGO Attività SCOLASTICO FINO A 16 ANNI, RIVOLTI ALL ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA 2. PERCORSI FORMATIVI ANCHE

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA MI SENTO FORTUNATO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA MI SENTO FORTUNATO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: VIDES (Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo) Codice di accreditamento: NZ00946

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE III.3.1. Progetti di reinserimento sociale III.3.1.1 Strategie e programmazione di interventi di reinserimento sociale III.3.2. Misure alternative

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana

Alunni con cittadinanza non italiana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la partecipazione

Dettagli

I destinatari del programma Youth Guarantee in Basilicata

I destinatari del programma Youth Guarantee in Basilicata I destinatari del programma Youth Guarantee in Basilicata Le caratteristiche dei giovani Neet e le politiche per i target più critici (16 giugno 2014, ver. 0.2) GIUGNO 2014 Azione di Sistema Welfare to

Dettagli

Bando Occupiamoci! Edizione 2013

Bando Occupiamoci! Edizione 2013 Bando Occupiamoci! Edizione 2013 Il presente bando è promosso da quattro Fondazioni italiane, con esperienza nell ambito del finanziamento e sviluppo di progetti sociali rivolti a bambini e giovani in

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 20 aprile 2006 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2005 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, in particolare vengono studiati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio.

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio. COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani prosegue il suo percorso: sono 179.439 i giovani che si sono registrati, 41.989 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 26.668 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 6 luglio 2015 IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 Le cure odontoiatriche hanno subìto una flessione negli anni della crisi economica. La quota di popolazione che

Dettagli

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino FONDAZIONE BRUNO KESSLER IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE Garanzia Giovani in Trentino Rapporto di monitoraggio 2015 1 Aprile 2014 - Giugno 2015 FBK-IRVAPP in collaborazione

Dettagli

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE Roma, gennaio 2012 INDICE Prima parte 1 Donazione del sangue e quadro demografico 1 1. Un Paese che invecchia 2 2. Il quadro demografico

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Renato Pizzuti Gaetano Sicuranza Assessorato alla Sanità Agenzia Regionale Sanitaria

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL SETTORE ISTRUZIONE

PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL SETTORE ISTRUZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili CAPITOLO 7 Sicurezza Per non sentirsi vulnerabili Una percezione soggettiva di serenità e un vissuto di sicurezza oggettiva nella propria vita quotidiana sono dimensioni cardine nella costruzione del benessere

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

PRESENTAZIONE dell AZIENDA

PRESENTAZIONE dell AZIENDA 2015 PRESENTAZIONE dell AZIENDA INTRODUZIONE Presentazione dell Azienda anno 2015 ENAIP, Ente Nazionale ACLI Istruzione Professionale, è una rete nazionale di servizi per la formazione e il lavoro che

Dettagli

L A SCUOLA CATTOLICA IN CIFRE

L A SCUOLA CATTOLICA IN CIFRE L A SCUOLA CATTOLICA IN CIFRE Anno 2014/2015 Fonte: elaborazione CSSC su dati MIUR 2015 LE SCUOLE DELL INFANZIA Nell universo di scuola paritaria le scuole dell infanzia costituiscono la porzione più importante,

Dettagli

I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012

I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012 I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012 Il servizio 114 Emergenza infanzia svolge la sua attività di aiuto in emergenza a bambini e adolescenti dal 2003. La fase sperimentale, inizialmente realizzata

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41%

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41% COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani entra nel vivo: sono 110.333 i giovani che si sono registrati, 10.241 sono stati già chiamati dai servizi per il lavoro per il primo colloquio e profilazione; 2.743 le

Dettagli

Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006. Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF

Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006. Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS -6 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF Novembre I Numeri del Sud segnalano le disparità esistenti tra

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 SOMMARIO 1 - CONTESTO DI RIFERIMENTO...2 DATI DEMOGRAFICI...2 2 - OBIETTIVI GENERALI...6 3 - I COMPITI

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli