Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari

2 2

3 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge il 6 8%fino agli otto anni dietà. le allergie alimentari Nel mondo occidentale le sono in continuo aumento ed in particolare riguardo la manifestazione più grave, la anafilassi da cibo. 3

4 Si parla di allergia alimentare per indicare una reazione immunologica verso proteine alimentari normalmente tollerate 4

5 Allergie e intolleranze alimentari non sono sinonimi: si tratta di due patologie ben distinte, che presentano sintomi comuni. Allergia ed intolleranza stanno ad indicare due modalità differenti dell organismo di reagire a sostanze estranee. 5

6 Per allergia si intende una reazione anomala del sistema immunitario che si esprime con la produzione di immunoglubuline E (IgE). Le IgE sono un tipo di anticorpi, cioè molecole coinvolte nella risposta immunitaria dell organismo umano. Può presentarsi con sintomi lievi o gravi, fino ad arrivare allo«shock anafilattico». 6

7 Per intolleranza si Per si intende la reazione anomala dell organismo ad una sostanza estranea, non mediata dal sistema immunitario. L intolleranza alimentare è determinata da una carenza di enzimi digestivi o da meccanismi farmacologici o tossici. Tra le intolleranze alimentari, quella al lattosio, legata ad un deficit enzimatico, è la più diffusa dal punto di vista epidemiologico 7

8 Un altra importante e diffusa intolleranza alimentare è quella conosciuta con il termine celiachia. Viene definita come condizione morbosa, geneticamente determinata, caratterizzata da intolleranza permanente al glutine, in particolare ad una sua frazione proteica, la gliadine che si trova in alcuni cereali: orzo, frumento, farro, segale, Di conseguenza si ritrova in: farina, amido, semolino, pasta, pasta ripiena, pane, pizza, dolci, biscotti, ecc. 8

9 Informazioni ai consumatori Nei prodotti preconfezionati l informazione è assicurata dauna dicitura: Senza Glutine e/o da un logo. La scritta senza glutine può essere posta in etichetta solo dopo la concessione, da parte del Ministero della Salute, diuna specifica autorizzazione 9

10 Tale autorizzazione viene concessa allo stabilimento di produzione con la notifica al Ministero stesso del singolo prodotto da parte di questo. Per concedere l Autorizzazione Ministeriale vengono fatte visite ispettive per verificare l idoneità dello stabilimento edel piano di autocontrollo che deve prevedere le opportune misure in grado di garantire l assenza di contaminazioni crociate con altri alimenti contenenti glutine. 10

11 La gravità delle allergie alimentari hanno portato alla emissione di norme che permettessero ai soggetti interessati di evitare gli alimenti che contengono fra i loro ingredienti sostanze allergene. Inizialmente le informazioni erano previste per gli alimenti confezionati, e dal 2011 (Regolamento (UE) n. 1169/2011), tale obbligo è stato esteso anche agli alimenti non confezionati. 11

12 Con il regolamento (UE) n. 1169/2011, il legislatore ha voluto fornire, soprattutto ai consumatori affetti da allergie alimentari, informazioni utili per individuare l esatta composizione degli alimenti. Al punto 3 dell elenco delle indicazioni obbligatorie si legge: «qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico che provochi allergie o intolleranze usato nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche sein forma alterata» 12

13 Alimenti e prodotti che provocano allergie o intolleranze (Allegato III del Reg. UE n. 1169/2011) 1. Cereali contenenti glutine (grano, orzo, avena, farro, kamut, ecc.) 2. Crostacei e prodotti a base di crostacei 3. Uova e prodotti a base di uova 4. Pesce e prodotti a base di pesce 5. Arachidi e prodotti a base di 6. Pesce e prodotti a base di pesce arachidi 7. Latte e prodotti a base di latte 8. Frutta a guscio (mandorle, noci, nocciole, pistacchi e loro prodotti) 9. Sedano e prodotti a base di sedano 10. Senape e prodotti a base di senape 11. Semidi sesamo samo e prodotti a base di semi di sesamo 12. Anidride solforosa e solfiti > a 10 mg/kg o 10 mg/litro in SO2 totale 13. Lupini e prodotti a base di lupini 14. Molluschi e prodotti a base di molluschi. 13

14 Potenzialmente ogni alimento è in grado di indurre allergia. Alcune proteine contenute negli alimenti, ormai note, in soggetti geneticamente predisposti stimolano la produzione di immunoglobuline IgE, scatenando una risposta allergica. Queste proteine si definiscono con il termine termine ALLERGENI. 14

15 Gli allergeni di origine animale (uova, pesce, latte, ) sono termostabili, cioè resistono alla cottura. Ciò accade, ad esempio, perla β-lattoglobulina del latteol l ovoalbumina dell albume dell uovo o la parvalbumina del pesce. 15

16 Gli allergeni di origine vegetale (frutta, verdura, ecc. ) sono termolabili, e se vengono cotti non sono più allergenici. Possono produrre reazioni allergiche solo se assunti crudiopoco cotti. Fanno eccezione le arachidi, che sono più allergeniche se tostate, ed una proteina contenuta nella buccia della pesca (Lipid Trasfer Protein) che resiste alla cottura e dà allergia anche nei succhi di frutta e nelle marmellate. 16

17 Principali alimenti causa di allergie alimentari Le proteine del latte vaccino, quali β- lattoglobuline, β-lattoalbumina e caseina, rappresentano la più frequente causa di allergie, soprattutto nei bambini. Tutti i tipi di latte sono simili, e quindi chi è allergico al latte vaccino non può utilizzare latte di capra, pecora, ecc. con esclusione di quelli di asino e cammello. 17

18 Attenzione Talvolta gli allergeni si nascondono in altri cibi. Le proteine del latte ad esempio si possono trovare nei sostitutivi del burro, salsicce, pesce in scatola, ripieni di carne, hot-dog. Il glutine può essere presente nelle salsicce, mentre i semi di soia sono presenti negli hamburger. L albume può trovarsi nei condimenti per insalate, zuppe commerciali, carne in scatola, salsicce e ripieni di carne. 18

19 Anche l uovo contiene un ampia gamma di proteine, sia nel tuorlo che nell albume. Quelle più allergenizzanti sono contenute nell albume: ovoalbumina, ovotransferrina e ovomucoide. La cottura ne riduce l allergenicità del 70%, ad eccezione dell ovomucoide che risulta termostabile. L uovo presente nei cibi cotti come dolci e pasta all uovo è quindi meno rischioso. 19

20 Prevenzione e controllo del rischio Detto che negli alimenti preconfezionati la presenza di allergeni viene indicata nell elenco degli ingredienti con caratteri ben visibili al consumatore, il problema si pone negli alimenti sfusi e nelle attività di preparazione e somministrazione quali ristoranti, mense, tavole calde, ecc. 20

21 Ai sensi dell art, 44, paragrafo 2, del Regolamento n. 1169/2011, per gli alimenti offerti al consumatore finale o alle collettività, senza imballaggio, imballati sui luoghi di vendita su richiesta del consumatore finale o preimballati per la vendita diretta, gli Stati membri possono adottare disposizioni nazionali concernenti i mezzi con i quali le indicazioni sugli allergeni devono essere rese disponibili e, eventualmente, la loro forma di espressione e presentazione. 21

22 A tal fine si ricorda che in materia di informazioni sugli alimenti e di responsabilità degli operatori del settore alimentare, è necessario il rispetto di quanto sancito dall art. 8 del Regolamento n. 1169/2011, par. 2 «L operatore del settore alimentare responsabile delle informazioni sugli alimenti assicura la presenza e l esattezza delle informazioni sugli alimenti, conformemente alla normativa applicabile in materia di informazioni sugli alimenti e ai requisiti delle pertinenti disposizioninazionali». 22

23 Inoltre al par. 6 dell art. 8 del Regolamento n. 1169/2011 si legge «Gli operatori del settore alimentare, nell ambito delle imprese che controllano, assicurano che le informazioni sugli alimenti non preimballati destinati al consumatore finale o alle collettività siano trasmesse all operatore del settore alimentare che riceve tali prodotti, in modo che le informazioni obbligatorie sugli alimenti siano fornite, ove richiesto, al consumatore finale». 23

24 Si legge ancora al par. 8, dell art. 8 del Regolamento n. 1169/2011 che «Gli operatori del settore alimentare, che forniscono ad altri operatori del settore alimentare alimenti non destinati al consumatore finale o alle collettività, assicurano che a tali altri operatori del settore alimentare siano fornite sufficienti informazioni che consentono loro, se del caso, di adempiere agli obblighi di cui al paragrafo 2». 24

25 Pertanto, in relazione alle informazioni sulle sostanze o sui prodotti che provocano allergie o intolleranze, così come elencati nell allegato II del Regolamento n. 1169/2011, qualsiasi operatore che fornisce cibi pronti per il consumo all interno di una struttura, come ad esempio un ristorante, una mensa, una scuola o un ospedale, o anche attraverso un servizio di catering, o ancora per mezzo di un veicolo o di un supporto fisso o mobile, deve fornire al consumatore finale le informazioni richieste. 25

26 Quindi il cliente che, ad esempio, si siede al tavolo di un ristorante deve essere sempre informato della eventuale presenza di allergeni negli alimenti somministrati nell esercizio. L informazione può avvenire attraverso il menù, il personale, o con la presenza di indicazioni (cartellonistica ben visibile) all interno dell esercizio sull eventuale uso nel locale di sostanze allergene. 26

27 Quindi l obbligo di cui all art. 44, par. 2, del sopra citato Regolamento, potrà essere considerato assolto anche nei seguenti casi: 1. L operatore del settore alimentare indica per iscritto, in maniera chiara ed in un luogo ben visibile, una dicitura del tipo : «le informazioni circa la presenza di sostanze o di prodotti che provocano allergie o intolleranze sono disponibili rivolgendosi al personale diservizio» 27

28 2. L operatore del settore alimentare riporti, per iscritto, sul menù, sul registro o su un apposito cartello, una dicitura del tipo : «per qualsiasi informazione su sostanze e allergeni, è possibile consultare l apposita documentazione che verrà fornita a richiesta, dal personale in servizio» E comunque necessario che, qualunque modalità venga scelta per fornire le necessarie informazioni, risulti da idonea documentazione scritta da esibire a richiesta all autorità addetta ai controlli. 28

29 Le informazioni attraverso il menù potranno quindi avvenire: Specificando nel menù gli ingredienti allergenici; Indicando nel menù che il cliente può esporre le proprie esigenze in caso di allergie alimentari; Eventualmente includendo nel menù alcune pietanze che non contengano sostanze allergeniche. 29

30 La formazione del personale Allergie ed intolleranze alimentari Risulta di fondamentale importanza che il personale sia consapevole della serietà delle allergie alimentari e come poter minimizzare il rischio per i consumatori con allergie ed intolleranze. Il personale, edin particolare quello addetto alla preparazione dei cibi, deve avere ben chiaro a quali ingredienti è necessario prestare la massima attenzione. Un elenco ben visibile dei più comuni allergeni potrebbe essere utile a ricordarlo 30

31 Il personale che entra in contatto con il cliente (es. il cameriere) deve essere in grado di comunicare le informazioni sugli ingredienti dei piatti. Le informazioni devono essere disponibili per i consumatori allergici prima di ordinare i piatti e devono essere fornite in modo chiaro e sicuro. 31

32 Identificare e gestire i rischi Allergie ed intolleranze alimentari Individuato il rischio (allergeni) non resta che gestirlo. Senza dubbio dovrà essere sviluppata una procedura che il personale possa capire e seguire. Tale procedura andrà dalla conoscenza degli ingredienti utilizzati, alle modalità con cui possono avvenire le contaminazioni crociate, fino alla comunicazione al cliente. Infine preparare un piano di emergenza 32

33 L informazione in alcune tipologie di esercizi Bar- Caffè Sui prodotti preconfezionati nessun obbligo in capo all esercente, se non la verifica della regolarità delle etichette. Sui prodotti venduti sfusi (brioches brioches, pizzette) gli allergeni devono comparire con carattere distinto dagli altri ingredienti nel cartellino che il produttore (es. pasticceria panificio) deve fornire all esercente, che dovrà esporre detto cartellino in posizione ben visibile sul contenitore degli alimenti 33

34 Bar- Caffè Sui prodotti preparati all interno del pubblico esercizio contenenti allergeni (es. panini, toast, piatti freddi contenenti uova, pesce, ecc) occorre evidenziare tramite apposito cartello ben visibile al pubblico o sulla lista-menù eventuali allergeni contenuti in tali alimenti, con carattere chiaramente distinto dagli altri ingredienti 34

35 Macellerie La carne, qualora non venga sottoposta a particolari trattamenti, non rientra nell elenco degli allergeni. Per gli insaccati e i prodotti preparati nel laboratorio dell esercizio (es. polpette, cotolette già impanate, ecc.) è invece obbligatorio evidenziare gli allergeni contenuti in tali alimenti, tramite apposito cartello ben visibile al pubblico, con carattere ben distinto dagli altri ingredienti 35

36 Pescherie Il pesce e i prodotti a base di pesce sono allergeni e quindi deve esserne data espressa indicazione alla clientela mediante apposito cartello in posizione ben visibile. Nei crostacei (es. gamberi) possono essere presenti solfiti, sostanza allergene, che devono essere dichiarati nel cartellino di vendita del prodotto 36

37 Vendita al dettaglio in sede fissa o su area pubblica Nessun obbligo nei prodotti preconfezionati dal produttore (conserve, pasta, ecc.) se non la verifica sulla regolarità delle etichette. Sui prodotti venduti sfusi o imballati sul luogo di vendita su richiesta del consumatore (es. formaggi, insaccati, dolci, ecc) occorre evidenziare, tramite apposito cartello ben visibile al pubblico, gli allergeni contenuti in tali alimenti, con carattere chiaramente distinto dagli altri ingredienti elencati. 37

38 Panificatori, pasticcerie, gastronomie e gelaterie Per queste attività il cartello unico degli ingredienti, già obbligatorio per effetto del Decreto legislativo n. 109/ e s.m.i., deve essere integrato con l indicazione degli allergeni con carattere chiaramente distinto dagli altri ingredienti. 38

39 Sanzioni Allergie ed intolleranze alimentari In attesa che gli Stati membri provvedano, eventualmente, ad aggiornare le proprie disposizioni sanzionatorie nazionali, per le violazioni al Reg. (UE) n. 1169/2011, si applicherà il quadro sanzionatorio attualmente vigente nei singoli Stati membri In Italia applicazione dell art. 18 del D.Lgs. 109/1992edel nuovo Codice del Consumo ma anche art. 515 C.P. (frode in commercio). 39

40 Grazie dell attenzione Domande??? 40

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

La gestione del rischio allergeni negli esercizi di vendita e somministrazione di prodotti alimentari

La gestione del rischio allergeni negli esercizi di vendita e somministrazione di prodotti alimentari La gestione del rischio allergeni negli esercizi di vendita e somministrazione di prodotti alimentari A. Testa, V. Marotta, M. Bassoli, F. Piovesan, R. Goi, R. Sattanino, B. Griglio ASL TO5 CHIERI/Ce.I.R.S.A.

Dettagli

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI GENERALI Codice (cartone) 4129 Nome Prodotto TORTINA CAPRESE LIMONE RSPO/MB Linea Prodotto Già cotti Codice Ean14 Unità di Vendita (cartone) 08003269041298 Codice

Dettagli

Prot. 50/2013 Roma, 14 ottobre 2013. OGGETTO: Etichettatura prodotti alimentari. Reg. Ue n. 1169/2011. -

Prot. 50/2013 Roma, 14 ottobre 2013. OGGETTO: Etichettatura prodotti alimentari. Reg. Ue n. 1169/2011. - Prot. 50/2013 Roma, 14 ottobre 2013 ALLE ORGANIZZAZIONI PROVINCIALI DEI PANIFICATORI L O R O S E D I OGGETTO: Etichettatura prodotti alimentari. Reg. Ue n. 1169/2011. - Con la pubblicazione del Regolamento

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

Allegato A. a)segnalazione di ingredienti allergenici. b) segnalazione di assenza di specifici allergeni,

Allegato A. a)segnalazione di ingredienti allergenici. b) segnalazione di assenza di specifici allergeni, Allegato A Indirizzi regionali per le imprese alimentari che producono e somministrano e/o vendono alimenti non confezionati, con ingredienti allergenici o privi di specifici allergeni, destinati direttamente

Dettagli

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI GENERALI Codice (cartone) 2304 Nome Prodotto CORNETTO VEGA VUOTO PALMA SEGREGATO Linea Prodotto Prontoforno Codice Ean14 Unità di Vendita (cartone) 08003269023041

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCANO ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011)

ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCANO ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011) ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCA ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011) Glutine:!! Cereali contenenti glutine,, cioè: grano, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi!!!! ibridati

Dettagli

NoProtein - Rm. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein - Rm. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 CODICE PRODOTTO: 2009 CARATTERISTICHE: è un preparato per la produzione di prodotti da for in generale senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito

Dettagli

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006 Alle Imprese Associate del Settore Alimentazione e Pubblici Esercizi Oggetto: etichettatura alimenti ed indicazione alergeni La piena applicazione del Regolamento (CE) 25 ottobre 2011, n. 1169 ha comportato

Dettagli

ALLERGENI: Metodi & Analisi

ALLERGENI: Metodi & Analisi ALLERGENI: Metodi & Analisi 1 PARLEREMO DI Allergeni (definizioni e classificazioni) Normativa e limiti di legge R&C Lab e gli allergeni Metodi e tecniche analitiche applicate 2 Allergeni (definizioni

Dettagli

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare Etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari: il Regolamento CEE 1169/2011. L etichetta delle carni macinate, gli allergeni e la tabella nutrizionale. 25 Febbraio 2014 Dr.ssa Simona Corti Tecnologo

Dettagli

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA NORME VIGENTI Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA LEGISLAZIONE L. 4 luglio 2005, n 123 Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia 1. Celiachia come malattia sociale 2. Diagnosi

Dettagli

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009 L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI TORINO 26 maggio 2009 A cosa serve l etichettatura? l l insieme di tutte le indicazioni fornite all acquirente, necessarie al fine di consentire l acquisto con piena

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI

ETICHETTATURA PRODOTTI ETICHETTATURA PRODOTTI Alimenti senza segreti con il nuovo servizio di CNA Roma CNA ROMA Viale Guglielmo Massaia, 31 00154 Roma Tel. 06 570151 Fax 06 57015222 info@cnapmi.com www.cnapmi.org PREMESSA Dal

Dettagli

COMUNICAZIONE N 12/01/2015

COMUNICAZIONE N 12/01/2015 Da: Assicurazione Qualità A: Clienti EcorNaturasì COMUNICAZIONE N 12/01/2015 Oggetto: Aggiornamento Etichettatura alimenti Reg.CE 1169/2011 Con la presente Vi informiamo in merito alle principali novità

Dettagli

Alimenti privi di glutine e prontuario AIC. Dietista: Francesco Macrì

Alimenti privi di glutine e prontuario AIC. Dietista: Francesco Macrì Alimenti privi di glutine e prontuario AIC Dietista: Francesco Macrì LA CELIACHIA La CELIACHIA è un intolleranza permanente al glutine; Il GLUTINE è una sostanza proteica contenuta in alcuni cereali, farine

Dettagli

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Orientamenti ministeriali sull applicazione della nuova normativa sull etichettatura

Dettagli

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità susanna neuhold responsabile nazionale area food il glutine negli alimenti CONOSCERE:

Dettagli

Entra in vigore il regolamento sugli ALLERGENI

Entra in vigore il regolamento sugli ALLERGENI Focus Normativo Entra in vigore il regolamento sugli ALLERGENI Gastronomia Uova, crostacei, arachidi, soia e cereali. Cosa accomuna questi prodotti? Possono provocare allergie o intolleranze. Per questo

Dettagli

Pancetta arrotolata senza cotenna

Pancetta arrotolata senza cotenna Scheda tecnica Pancetta arrotolata senza cotenna Prodotto a marchio: Descrizione prodotto: Salumificio Bonalumi snc Prodotto ottenuto dal pannicolo adiposo della parte ventrale della mezzena suina (pancetta),

Dettagli

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E.

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E. SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO Sciroppo di glucosio 44 D.E. Rev. 2 - Pag 1 di 4 Sciroppo di Glucosio Sciroppo di Glucosio a 44 D.E. purificato e concentrato ad alto contenuto di maltosio, con diversi

Dettagli

COOKIES CIOCCO LATTE GR 50

COOKIES CIOCCO LATTE GR 50 Pag.1/5 Ingredienti in ordine decrescente: Descrizione prodotto: Consistenza: Aspetto: Forma: Dimensioni Lunghezza: Dimensioni Altezza: Dimensioni Larghezza: Cioccolato al LATTE 31% (zucchero, LATTE intero

Dettagli

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 NoProtein Frolla CODICE PRODOTTO: 2050 CARATTERISTICHE: NoProtein Frolla è un preparato per la produzione di Pasta Frolla senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo

Dettagli

la casa ristorante - vivande -

la casa ristorante - vivande - la casa ristorante - vivande - dal 1 9 9 8 Sacrifici, errori, crescita e soddisfazioni. Un grazie di cuore a tutti i collaboratori, alle masserie, alle aziende agricole alle macellerie e pescherie di fiducia,

Dettagli

SCHEDA TECNICA CIAMBELLONE AL COCCO E NOCCIOLATA

SCHEDA TECNICA CIAMBELLONE AL COCCO E NOCCIOLATA PANIFICIO E PASTICCERIA DeQuintili S.R.L SCHEDA TECNICA CIAMBELLONE AL COCCO E NOCCIOLATA Prodotto ciambellone ciambellone da 2kg con cocco e nocciolata Denominazione commerciale Descrizione dell unità

Dettagli

Settimo Torinese, 14 dicembre 2010 Chivasso, 28 gennaio e 7 febbraio 2011

Settimo Torinese, 14 dicembre 2010 Chivasso, 28 gennaio e 7 febbraio 2011 Maria Franca Dupont SIAN con il contributo delle presentazioni di: Gruppo regionale 4 -Progetto prevenzione obesità Rete regionale di allergologia Settimo Torinese, 14 dicembre 2010 Chivasso, 28 gennaio

Dettagli

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Mira (VE) CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Revisione n : 00 Art. CI43 Data: 01/08/2011 DESCRIZIONE GENERALE DEL PRODOTTO Preparato

Dettagli

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Mille menùper una grande città Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Paola Boni SIAN AUSL di RE CHE COSA E LA CELIACHIA? La celiachia è una intolleranza permanente al glutine in soggetti geneticamente

Dettagli

Prof.ssa Paola Pittia Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-alimentari ed ambientali Università di Teramo ppittia@unite.it

Prof.ssa Paola Pittia Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-alimentari ed ambientali Università di Teramo ppittia@unite.it Questione di etichetta Teramo, 12 dicembre 2014 Etichettatura e nuove normative come strumento di comunicazione e informazione di qualità e sicurezza degli alimenti Prof.ssa Paola Pittia Facoltà di Bioscienze

Dettagli

PRESENTAZIONE CONTIENE INFORMAZIONI UTILI PER: CONOSCERE GLI ALLERGENI ALIMENTARI. DARE INFORMAZIONI CORRETTE e FARE UN PASSO VERSO IL CLIENTE

PRESENTAZIONE CONTIENE INFORMAZIONI UTILI PER: CONOSCERE GLI ALLERGENI ALIMENTARI. DARE INFORMAZIONI CORRETTE e FARE UN PASSO VERSO IL CLIENTE 1 PRESENTAZIONE QUESTO DEPLIANT E? RIVOLTO A TUTTI GLI OPERATORI COINVOLTI NELLA PREPA- RAZIONE E DISTRIBUZIONE DI CIBO NON CONFEZIONATO. CONTIENE INFORMAZIONI UTILI PER: CONOSCERE GLI ALLERGENI ALIMENTARI

Dettagli

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 SCHEDA TECNICA Paina 1 di 6 INFORMAZIONI GENERALI Codice (cartone) 61640 Nome Prodotto CIMABELLA / DONUT TRIS Linea Prodotto Già cotti Codice Ean14 Unità di Vendita (cartone) 08003269016401 Codice Ean

Dettagli

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di SICUREZZA ALIMENTARE Tutte le risposte su allergie e intolleranze: il quiz dalla FSA inglese. A cura di Roberto Bernardini e di Iride dello Iacono del SIAIP Pubblicato da Redazione Il Fatto Alimentare

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio.

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio. Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. NUTRIZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL di Modena DIETISTA DOTT.SSA MARIANGELA CIRILLO Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati.

Dettagli

Unione CNA Alimentare Modena, 6 novembre 2014 Prot. n. 38/2014 Raggruppamento di interesse CNA.COM Prot. n. 50/2014

Unione CNA Alimentare Modena, 6 novembre 2014 Prot. n. 38/2014 Raggruppamento di interesse CNA.COM Prot. n. 50/2014 Unione CNA Alimentare Modena, 6 novembre 2014 Prot. n. 38/2014 Raggruppamento di interesse CNA.COM Prot. n. 50/2014 - ALLE IMPRESE ALIMENTARI IN INDIRIZZO e p.c. - Ai Direttori di filiale - Agli Uffici

Dettagli

Allergie e intolleranze alimentari. Food allergy and intolerance

Allergie e intolleranze alimentari. Food allergy and intolerance Allergie e intolleranze alimentari Food allergy and intolerance Vivere con allergie e intolleranze alimentari senza correre rischi Le allergie e le intolleranze alimentari possono essere spiacevoli, complicare

Dettagli

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI?

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIA ALIMENTARE reazione anomala mediata dal sistema immunitario nei confronti di uno o più alimenti riconosciuti erroneamente come estranei INTOLLERANZA ALIMENTARE

Dettagli

Nuova normativa sull etichettatura Reg. UE 1169/2011. SAN SEVERO, 4 Novembre 2015 Dott.ssa Ersilia Arace Tecnologo Alimentare

Nuova normativa sull etichettatura Reg. UE 1169/2011. SAN SEVERO, 4 Novembre 2015 Dott.ssa Ersilia Arace Tecnologo Alimentare Nuova normativa sull etichettatura Reg. UE 1169/2011 SAN SEVERO, 4 Novembre 2015 Dott.ssa Ersilia Arace Tecnologo Alimentare Informazioni sugli alimenti ai consumatori: - Modifica: Regolamenti (CE) n.

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO Avv. Michele Mea Avv. Michele Mea NORMATIVA ATTUALE DI RIFERIMENTO 1. 1. Direttiva CE n. n. 18/2001 2. 2. Regolamento CE n. n. 1829/2003

Dettagli

Vademecum etichettatura. Vademecum. etichettatura alimenti

Vademecum etichettatura. Vademecum. etichettatura alimenti Vademecum Vademecum etichettatura etichettatura alimenti alimenti Introduzione Gli interventi europei sull etichettatura degli alimenti hanno attraversato diverse fasi che rispecchiano gli orientamenti

Dettagli

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE ULSS20 9 CASEIFICI CE RICONOSCIUTI 1 CASEIFICIO CE AZ. RICONOSCIUTO 16 CASEIFICI AZIENDALI

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22558 SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 11:24:28 * * * Codice : 22558 Descriz. : SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 014 Ingredienti Purea

Dettagli

Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita

Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita Le novità introdotte I punti chiave Il Regolamento UE 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori

Dettagli

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI -Guida per la ristorazione-

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI -Guida per la ristorazione- ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI -Guida per la ristorazione- Progetto GAIA Gruppo Allergia e Intolleranza Alimentare Guida per la ristorazione in linea al Regolamento UE 1169/2011 Responsabile Scientifico

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione LA RISTORAZIONE SCOLASTICA

DIPARTIMENTO PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione LA RISTORAZIONE SCOLASTICA DIPARTIMENTO PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Direttore: Maurizio Montanelli LA RISTORAZIONE SCOLASTICA Indicazioni per la gestione delle diete speciali nella Ristorazione Scolastica

Dettagli

Barcode Labeling Solutions

Barcode Labeling Solutions TEKLYNX Barcode Labeling Solutions Soluzioni per etichettatura per codici a barre Consente la conformità al Regolamento UE in materia di etichettatura degli allergeni Siete pronti al nuovo regolamento

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO. 9 Novembre 2012 Leggio Katia

LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO. 9 Novembre 2012 Leggio Katia LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO 9 Novembre 2012 Leggio Katia ATTIVITÀ ANALISI CONSULENZA FORMAZIONE - CONSULENZA AZIENDE ALIMENTARI (laboratori artigianali, piccole-medie imprese) - AUDIT

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO LA NUOVA NORMATIVA, D.G.R. 20 DICEMBRE 2013 N. X/1105

INCONTRO INFORMATIVO LA NUOVA NORMATIVA, D.G.R. 20 DICEMBRE 2013 N. X/1105 INCONTRO INFORMATIVO LA NUOVA NORMATIVA, D.G.R. 20 DICEMBRE 2013 N. X/1105 Applicazione del Regolamento n. 1169/2011 nei negozi alimentari e nei Pubblici Esercizi Regolamento Europeo 1169/2011 obbligo

Dettagli

PRODOTTI PRECONFEZIONATI Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati

PRODOTTI PRECONFEZIONATI Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati Rif Normativo Decr. L.vo 27.1.92 n. 109 Art. 2 ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI a) non indurre in errore l'acquirente sulle caratteristiche del prodotto alimentare e precisamente sulla

Dettagli

Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12

Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12 Pag. 1 di 5 Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12 CODIFICA PRODOTTO EAN interna Grissino Tradizionale 8004583711409 1N2601AHB Denominazione articolo Grissini tipo 00 agli oli vegetali Marchio: ORAZIO Ingredienti

Dettagli

etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109

etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 Etichetta: l'insieme delle indicazioni, dei marchi di fabbrica o di commercio, che si riferiscono al prodotto alimentare e che figurano direttamente

Dettagli

ELENCO INGREDIENTI RICETTARIO PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA DRIVE

ELENCO INGREDIENTI RICETTARIO PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA DRIVE ELENCO INGREDIENTI RICETTARIO PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA DRIVE MODALITA DI CONSERVAZIONE: in Frigorifero 0/ +4 C IN MERITO ALLE REFERENZE IN VENDITA AL BANCO ASSISTITO, SI CONSIGLIA DI CONSUMARE I

Dettagli

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN PROVA SCRITTA CONCORSO PUBBLICO PER N. 1 POSTO DI ADDETTO ALLA CUCINA PROVA N. 2 (Crocettare la risposta esatta delle domande dalla n. 1 alla n. 20 e fornire una risposta sintetica ed esauriente alle domande

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D. LGS. 196/2003

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D. LGS. 196/2003 INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D. LGS. 196/2003 Gentile Cliente, desideriamo informarla che il D.Lgs. 196 del 30 giugno 2003 Codice in materia di protezione dati personali prevede la tutela delle persone

Dettagli

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica)

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DATA della richiesta : DATA scadenza dieta : COGNOME E NOME: pasta o riso o orzo o farro con olio e parmigiano reggiano, con pomodoro o con verdure;

Dettagli

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO BIOGLUCC

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO BIOGLUCC SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO BIOGLUCC Rev. 3 - Pag 1 di 6 Sciroppo di Glucosio BIOGLUCC BIOGLUCC è uno sciroppo di glucosio ad alto contenuto di maltosio, ottenuto da amido di frumento da agricltura

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI - G u i d a p e r l a r i s t o r a z i o n e -

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI - G u i d a p e r l a r i s t o r a z i o n e - ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI - G u i d a p e r l a r i s t o r a z i o n e - Progetto GAIA Gruppo Allergia e Intolleranza Alimentare Guida per la ristorazione in linea con il Regolamento UE 1169/2011

Dettagli

Responsabile del progetto Dr. Roberto Puggioni - Direttore del Servizio

Responsabile del progetto Dr. Roberto Puggioni - Direttore del Servizio La celiachia è una intolleranza permanente al glutine, che si manifesta in soggetti geneticamente predisposti con sintomi e segni estremamente variabili che spesso rendono la diagnosi difficile e/o tardiva.

Dettagli

Etichettatura dei prodotti per celiaci

Etichettatura dei prodotti per celiaci Etichettatura dei prodotti per celiaci Elisabetta Toti toti@inran.it Introduzione Nella dieta della popolazione generale, i cereali contribuiscono alla gran parte del consumo energetico giornaliero in

Dettagli

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più SCHEDA TECNICA PRODOTTO FINITO Cod. Prod. FTROSPA007 C66 REV.1 del 23/12/2014 Tronco di pesce spada ST PV Mare Più Catering Via Arno 7, 63824 Altidona (AP) - Telefono 0734 931254 Fa 0734 935014 info@marepiusrl.com

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ALLEGATO B (Secondo le Linee di indirizzo regionali per la ristorazione scolastica B.U.R.T. supplemento n.2 del 12.01.2011 della Regione Toscana) DIETE SPECIALI ETICHE, CULTURALI, RELIGIOSE 1 Il momento

Dettagli

La gestione del pasto

La gestione del pasto La gestione del pasto La produzione, la composizione e lo smaltimento dell avanzo. Torino - 29 ottobre 2013 Gabriella Iacono Presidente Milano Ristorazione Chi è Milano Ristorazione Milano Ristorazione

Dettagli

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore Ministero della Salute Dipartimento sanità pubblica veterinaria, sicurezza alimentare organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA.

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA. La terapia della intolleranza al glutine consiste solo nella dieta che NON deve contenere alimenti preparati con le farine dei cereali tossici per il paziente celiaco: FRUMENTO, ORZO, SEGALE (e analoghi

Dettagli

APERITIVI. CANTINA NANI RIZZI Prosecco Superiore DOCG Extra Dry euro 4.00 Prosecco Superiore DOCG Brut euro 4.00

APERITIVI. CANTINA NANI RIZZI Prosecco Superiore DOCG Extra Dry euro 4.00 Prosecco Superiore DOCG Brut euro 4.00 BENVENUTI Il Tesoro Living Resort nasce incastonato nel meraviglioso Parco del Mincio, poco distante dalle porte della città, nei suggestivi ambienti di un antica e signorile tenuta di campagna, una struttura

Dettagli

Prodotti da forno particolare attenzione al pane e ad alcuni prodotti dolciari della tradizione DM del 20 dicembre 1994

Prodotti da forno particolare attenzione al pane e ad alcuni prodotti dolciari della tradizione DM del 20 dicembre 1994 Prodotti da forno Oltre alle norme di carattere generale sull etichettatura, esistono diverse norme nazionali che regolamentano il settore dei prodotti da forno; la legislazione italiana presta particolare

Dettagli

Gli allergeni: dall etichettatura al sanzionatorio per la sicurezza alimentare

Gli allergeni: dall etichettatura al sanzionatorio per la sicurezza alimentare REAZIONI AVVERSE Gli allergeni: dall etichettatura al sanzionatorio per la sicurezza alimentare Cosimo Nicola Pagliarone* Costantina Capozzo** Fondamentale importanza assume, nella trattazione che segue,

Dettagli

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA Qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce all alimento e che figura direttamente sull imballaggio o su un

Dettagli

7. DISTURBI ALIMENTARI

7. DISTURBI ALIMENTARI 7. DISTURBI ALIMENTARI Introduzione La maggior parte degli individui può generalmente assumere una grande varietà di cibo senza alcun problema. Per un gruppo sempre maggiore di persone, tuttavia, determinati

Dettagli

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Preparati per il settore alimentare

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Preparati per il settore alimentare Organismo accreditato da ACCREDIA Reire SITO DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE Preparati per il settore alimentare Gennaio 2015 PREPARATI PER IL SETTORE ALIMENTARE SOSTITUTIVI DEL LATTE

Dettagli

EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA. La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico

EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA. La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico Esclusione TOTALE del glutine dall alimentazione in modo permanente e rigoroso EDUCAZIONE Evitare trasgressioni

Dettagli

STANDARDS INTERNI DI PRODOTTI FINITI STD/PF

STANDARDS INTERNI DI PRODOTTI FINITI STD/PF MOLINI PIVETTI STANDARDS INTERNI DI PRODOTTI FINITI STD/PF Rev. 08 10/12 Pag. 1 di 2 1. IDENTIFICAZIONE E PACKAGING TIPO FARINA: 0 Biologica MARCHIO: Amor di farina CONSEGNA: SFUSA IN SACCO TIPO DI SACCO:

Dettagli

Formaggi fermentati e stagionati (grana, groviera, gorgonzola, pecorino) Pesce fresco e/o conservato (tonno, sardine, salmone, acciughe, aringhe)

Formaggi fermentati e stagionati (grana, groviera, gorgonzola, pecorino) Pesce fresco e/o conservato (tonno, sardine, salmone, acciughe, aringhe) Allergie a vari alimenti Alimenti che possono dare reazioni allergiche Alimenti Istamino-Liberatori Albume d'uovo Fragole, agrumi, melone, banana Noci, nocciole, cioccolato Legumi (piselli, ceci, fave,

Dettagli

APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO UE 1169/2011 IL QUADRO NORMATIVO

APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO UE 1169/2011 IL QUADRO NORMATIVO 1 introduzione Questa breve guida è uno strumento introduttivo alle nuove norme che riguardano la comunicazione della presenza di allergeni negli alimenti secondo il regolamento ue 1169/2011. secondo queste

Dettagli

ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fax: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer.

ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fax: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer. ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fa: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer.com SCHEDA TECNICA: A310401 TARTOAST ASSORTITO 8 pz L articolo A310401

Dettagli

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI 1 SCHEDA DESCRITTIVA 1.1 DENOMINAZIONE DI VENDITA E una conserva alimentare costituita da peperoni grigliati, in vaschetta da 1900g con trattamento termico di pastorizzazione.

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC.

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 UNITA' CONSUMATORE Codice EAN Peso Netto (kg) 0,500 Tara (kg) 0,072 Peso Lordo (kg) 0,572 Dimensioni (alt x lun x lar) (cm) Confezioni per Cartone

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Dove si trovano i prodotti? Che cos è questa malattia? Cosa si mangia? OLTRE Oggi le persone affette da celiachia trovano

Dettagli

VESPASIA. Con la nostra Cucina, con la nostra Ospitalità vogliamo raccontare questa terra, i nostri valori e le nostre passioni. Buon Viaggio!

VESPASIA. Con la nostra Cucina, con la nostra Ospitalità vogliamo raccontare questa terra, i nostri valori e le nostre passioni. Buon Viaggio! VESPASIA E L Amore per il bello e per il buono che segna tutte le nostre scelte qui al Vespasia, che racconta la nostra storia e che ci aiuta a progettare il futuro. Cerchiamo le migliori materie prime

Dettagli

! " $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # "

!  $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # ! " $ % &' ( ) * * +,, -'./.'''..'' " , 1! " 2 ( 2 3 $ 4 4! 1 5.6 7 $ 2 $ 8, + " + $ + + La piramide alimentare del celiaco 9 + : / Verdure tal quali o conservate sott olio o sott aceto o surgelate Frutta

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con

Dettagli

Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11

Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11 Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11 Avv. Dario Dongo responsabile Politiche UE e Regolative, Federalimentare dongo@federalimentare.it - GSM (+39) 335 7313 726 Background

Dettagli

CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI (contenuto medio in 100 g di prodotto) Proteine g 10,8 Carboidrati g 54,7 Lipidi g 7,28 Valore Energetico kcal/100g 328

CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI (contenuto medio in 100 g di prodotto) Proteine g 10,8 Carboidrati g 54,7 Lipidi g 7,28 Valore Energetico kcal/100g 328 ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fa: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer.com SCHEDA TECNICA: G501135 NAVETTE ASSORTITE Prodotto surgelato

Dettagli

GIORNATA CON MENU SPECIALE FACCIAMO FESTA 30 GENNAIO 2014 Nelle scuole di Milano servite da Milano Ristorazione

GIORNATA CON MENU SPECIALE FACCIAMO FESTA 30 GENNAIO 2014 Nelle scuole di Milano servite da Milano Ristorazione GIORNATA CON MENU SPECIALE FACCIAMO FESTA 30 GENNAIO 2014 Nelle scuole di Milano servite da Milano Ristorazione Il prossimo 30 gennaio 2014 nelle scuole d infanzia, primarie e secondarie di Milano, in

Dettagli

Menù. chef Marco Martini. I prodotti biologici stagionali, forniti da Agricoltura Nuova, sono parte integrante della nostra proposta.

Menù. chef Marco Martini. I prodotti biologici stagionali, forniti da Agricoltura Nuova, sono parte integrante della nostra proposta. Menù chef Marco Martini I prodotti biologici stagionali, forniti da Agricoltura Nuova, sono parte integrante della nostra proposta. I piatti vegetariani, vegani e per celiaci sono sempre disponibili e

Dettagli

OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE Reg. (UE) n. 1169/2011 Vicenza, 26 settembre 2014 E. Feller

OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE Reg. (UE) n. 1169/2011 Vicenza, 26 settembre 2014 E. Feller OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE Reg. (UE) n. 1169/2011 Vicenza, 26 settembre 2014 E. Feller La Centrale del latte di Vicenza UN POLO INTERREGIONALE 2 CLVI: FATTURATO PER

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO

LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO Enrico Pavoni Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna-Brescia Roma 25/09/2013 Ruolo degli IIZZSS Supporto agli organi di

Dettagli