Informatica Giuridica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informatica Giuridica"

Transcript

1 Informatica Giuridica anno accademico Prof. Giovanni Ziccardi Università degli Studi di Milano

2 Cos è l informatica giuridica! Basta riflettere un attimo sulla denominazione: informatica + giuridica.! Si tratta di una materia che sin dagli anni Sessanta del Secolo scorso si è occupata del rapporto tra il computer e il diritto.! Nozione pura di informatica giuridica: il computer come viene utilizzato da un giurista (giovane studente in giurisprudenza, avvocato, magistrato, notaio).

3

4 Il diritto dell informatica! Nel corso degli anni si è distinto tra informatica giuridica e diritto dell informatica.! Quale sarebbe la differenza?! Che nel diritto dell informatica non ci si occupa di come il giurista usa il computer, ma si analizzano casi nei quali il computer solleva questioni giuridiche o è oggetto di sentenze o di questioni legali.! Viene chiamato anche Cyberspace Law (il diritto del ciberspazio) o Internet Law vs. Legal Informatics

5 Fascio di sotto-discipline! La disciplina che riguarda i diritti dell informatica si caratterizza per non essere omogenea, ma per riunire, sotto un unica denominazione, un fascio di sottodiscipline che si possono ricollegare a una o più materie rilevanti.! Si può pensare, ad esempio, al diritto penale dell informatica, al diritto tributario dell informatica, al diritto pubblico dell informatica.

6 Per capirci meglio:! Uso della crittografia da parte dell avvocato: informatica giuridica.! Normativa che regola/vieta l esportazione di tecnologia crittografica: diritto dell informatica.! Uso corretto del sito Web da parte dello studio legale: informatica giuridica.! Diffamazione pubblicando su un sito Web: diritto dell informatica.

7 Tutto il diritto sarà informatico!! Non pare azzardato affermare che, man mano che passeranno gli anni, qualsiasi questione giuridica avrà un lato, o aspetto, informatico.! Si pensi alla diffamazione, alla contrattualistica con mezzi elettronici, al diritto di famiglia, alle indagini tributarie, e così via.! È normale: la tecnologia sta penetrando sempre di più nella nostra vita quotidiana.

8 Una definizione presa dal libro! Per informatica giuridica s intende quella disciplina scientifica che studia le modalità di applicazione delle tecnologie informatiche e telematiche alla teoria e alla pratica del diritto.! I riferimenti di queste prime due lezioni sono il Capitolo 1 e il Capitolo 2 del Tomo I di Informatica Giuridica (da fare integralmente).

9 Un altra definizione! L informatica giuridica, contrariamente a quanto sembrerebbe suggerire l espressione nella sua letteralità, non sarebbe una disciplina informatica ma giuridica.! Una disciplina destinata ad essere studiata ed applicata più dai giuristi che dai tecnici dell'informazione, e il cui studio presupporrebbe una serie di nozioni proprie della scienza dell elaboratore, ma finalizzate all applicazione giuridica.

10 Il fine Si tratterebbe, infatti, non già di costruire elaboratori o di ideare sistemi operativi o tecniche di programmazione, ma di ricercare i modi migliori per utilizzarli nel campo del diritto.

11 Anche a Milano:! Esistono corsi per un introduzione all informatica, quali ECDL, informatica per le scienze umanistiche, basi di informatica, reti e calcolatori.! L informatica giuridica NON è un corso su come usare un computer, o determinati programmi, ma è una materia giuridica (quindi il diritto ha una parte preminente) che è però strettamente correlata ai temi informatici.

12 Il rapporto con la filosofia! Per tradizione, in Italia (ma non solo) questa materia è stata studiata da studiosi dell ambito della filosofia del diritto.! Furono i filosofi del diritto, in Italia, i primi ad occuparsi del linguaggio del computer e delle applicazioni del computer al mondo del diritto.! Oggi alcuni temi nobili della filosofia del diritto quali i diritti di libertà, la libertà di manifestazione del pensiero, il pensiero anarchico, la dissidenza e la ribellione, sono molto interessanti anche in relazione all informatica.

13 Perché per il giurista?! Per quale motivo dovrebbe essere interessante studiare come il giurista usa l informatica. È una bestia rara? Ne fa un uso particolare?! È interessante non perché il giurista sia sui generis, ma perché un uso accorto dell informatica migliora il lavoro, è di ausilio alla professione.! Proviamo a ragionare su tre ipotesi: i) come tutti usano le tecnologie; ii) come un utente più esperto usa le tecnologie; iii) come un avvocato usa le tecnologie.

14 TUTTI! Oggi la tecnologia è molto semplice. Cercate su YouTube il video dove una scimmia o un bambino usano un iphone per fare le tre cose tipiche del proprietario di un iphone: i) sbloccarlo, ii) mandare messaggi e iii) giocare ad Angry Birds.! Che cosa vuol dire? Che un primo utilizzo stupido, inconsapevole del mezzo tecnologico è oggi possibile per tutti. Senza bisogno di istruzioni, ma con la semplice pratica. Anche senza capire.! Una volta non era così: computer con uno schermo nero e un cursore. O sapevi, o non andavi avanti.

15 La scimmietta e l iphone

16 Angry Birds

17 L iphone e il bimbo

18 Il Commodore 64

19 Il BASIC

20 Word per DOS

21 Amiga e il sistema operativo

22 Phiber Optik Noi facevamo tutto a mano, cercavamo e ascoltavamo i toni che indicavano che dall altra parte della linea c era un modem. Non esisteva l hacking automatico, dovevi scoprire tu, da solo, gli exploit di sicurezza.

23 Phiber Optik Per i giovani d oggi tutto è diventato conosciuto o conoscibile, in pochi secondi: ci si può recare in una libreria o in una biblioteca, o collegarsi a Internet, e acquistare un volume che è in grado di spiegare tutto ciò che interessa. In quegli anni, invece, la premessa da cui tutte le nostre azioni avevano origine era che dovevi imparare tutto da solo, non c erano libri di nessun tipo che ti potessero aiutare. C erano solamente sistemi cui accedere che vedevamo come una risorsa preziosa e intoccabile, e non come un qualcosa da distruggere o da danneggiare.

24 È un bene o un male?! È un bene: grande diffusione della tecnologia.! È un male: non c è consapevolezza di cosa si fa, in un era nella quale anche i nostri dati più sensibili sono custoditi da tecnologie.! Pensate ad esempio a:! i) invio di messaggio a persona sbagliata;! ii) smarrimento o furto del telefono o del portatile con dati in chiaro;! iii) accesso abusivo al nostro telefono perché insicuro.

25 Quattro esempi! Lo stalker e il telefono svizzero con la SIM russa.! Arturone e il regolamento di conti.! Homer che va a votare alle presidenziali.! I miei studenti su FB.

26 1. Lo stalker! Lui sta a Milano.! Va in Svizzera a comprare un telefono cellulare.! Inserisce una SIM con credito di un defunto russo.! E inizia a fare stalking.! Cosa succede?

27 2. Arturone! Cerca di recuperare un credito a modo suo! Si arma di fucile a canne mozze e telefono cellulare e si avvia a recuperare il credito

28 3. Homer va a votare! Ci sono le elezioni presidenziali.! Homer si trova davanti la macchina per il voto elettronico.! La macchina ha un comportamento inaspettato.

29 Homer va a votare

30 Sembra andare tutto liscio

31 Ma la macchina impazzisce

32 E alla fine inghiotte Homer

33 4. Miei studenti su FB! Ma fanno senza problemi il cambio cattedra x informatica?! Anche perché ho visto che con Ziccardi i libri sono due, sia frequentanti che non, mentre nell'altra cattedra i non frequentanti è solo uno e nemmeno tutti i capitoli mentre x i frequentanti comunicheranno poi il programma! Già ero tentata di chiedere il cambio cattedra x gli orari, poi ora che mi dici che pretende anche!!!! Che dite? Ho letto solo una volta ieri il libro, e neanche tutto, ed è l ultimo esame? Che cosa chiede?

34 Il punto Cosa ci insegnano questi esempi?

35 Dominio della tecnologia! Riflettete: siete voi a dominare la tecnologia, o è lei a dominarvi?! Conoscete a fondo ogni funzione degli strumenti che utilizzate, oppure no?! Perché è importante saper usare bene la tecnologia?! La tecnologia è buona o cattiva, o è il suo uso che è buono o cattivo?

36 La tecnologia fa paura! In genere, la tecnologia che non si conosce fa paura.! C è l idea del mad scientist, lo scienziato pazzo, ma anche della tecnologia che possa prendere il possesso del mondo, ribellarsi all uomo.! Tanti esempi: uno per tutti, il film WarGames del 1983 (attacco termonucleare globale)

37 War Games e Phiber Quando, nel 1983, fu proiettato nelle sale cinematografiche il film War Games, la maggior parte delle persone che lo andò a vedere non aveva la minima idea di che cosa fosse un computer e di come funzionasse. War Games fu il primo film che diede una percezione pubblica abbastanza realistica dell hacking e del mondo che lo circondava. Il film rivelava, per la prima volta, agli spettatori il fatto che potessero esistere ragazzini muniti di un computer che erano in grado di fare qualcosa di veramente importante.

38 War Games /2 Lasciamo stare, per un attimo, se fosse qualcosa di pericoloso, come accade nel film, oppure no; si comprese che questi ragazzini potevano fare qualcosa. Nel film, ad esempio, il protagonista è solamente un bambino curioso: l unica cosa che vuole fare è scoprire qualcosa di nuovo, è spinto unicamente dalla sua curiosità.

39

40

41

42

43 Primi gruppi di lettura/visione (1) George Orwell: 1984, Classici Moderni Oscar Mondadori, 322 pp., 7,80 Euro (2) Ray Bradbury: Farhenheit 451, Classici Moderni Oscar Mondadori, 210 pp., 9 Euro. (3) I film Metropolis (1927), Tempi Moderni (1936), Farehnheit 451 (1966), WarGames (1983), Brazil (1985).

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55 L evoluzione dei temi! Le origini: banche dati di sentenze.! Uso del computer da parte del giurista.! Intelligenza artificiale.! Uso di Internet.! Uso di software per la gestione dello studio legale.! Uso di Facebook, di Twitter, di Skype e di sistemi di videoconferenza.

56

57 Progetto (insieme) #1 INFOGIURE su Twitter a) Createvi un account Twitter se non l avete b) seguite gziccardi c) Iniziamo a interagire istituzionalmente su Twitter Le regole: i) attenzione alla sintassi; ii) attenzione alla pubblicità di ciò che viene scritto; iii) attenzione agli aggiornamenti che sono comunicati. Imparare il concetto di hashtag per raggruppare le conversazioni.

58 Perché il giurista è diverso! Il giurista non dovrebbe usare il computer come tutti gli altri? Cosa cambia rispetto ad un utilizzatore comune?! Tre aspetti:! i) ausilio all attività o alla professione;! ii) attenzione alla qualità e precisione del lavoro svolto;! iii) attenzione ai dati dei clienti.

59 Aiuto alla professione! Saper utilizzare in un certo modo il computer permette di svolgere meglio, o in maniera più efficace, l attività quotidiana.! Alcuni esempi: i) modalità di ricerca avanzate, ad esempio sul tipo di documento; ii) abbonamento a Feed RSS di aggiornamento o canali informativi particolari; iii) attenzione alla forma; iv) ricerca di dati e open source intelligence

60 Sicurezza nella professione! Utilizzo corretto del sistema di corrispondenza e comunicazione sicura con i clienti.! Protezione dei dati dei clienti.! Tutti concetti che si possono applicare anche all idea di sicurezza personale

61 Progetto #2 Scrivere secondo delle regole La videoscrittura è lo strumento in assoluto più utilizzato non solo dal giovane giurista ma da tutti Le prime applicazioni in assoluto sono fogli di calcolo o videoscrittura Cosa significa scrivere secondo una linea editoriale o uno stile? Significa lavorare non solo sulla sostanza ma anche sulla forma.

62 Progetto #2 LINEE GUIDA NELLA REDAZIONE! Prendere un testo (o scrivere un testo).! Prendere il riferimento (italiano o internazionale).! Verificare alla fine, nei minimi particolari, se il risultato conclusivo corrisponde alle regole.! È una attività che si solito richiede più attenzione alle lettere che al contenuto (come, spesso, la correzione di bozze).

63 Cosa porta?! Una pulizia formale.! Una uniformità di tutto il testo, soprattutto se si tratta di un documento lungo.! Lo scrivere bene in un mondo nel quale molti scrivono male, giornali pieni di errori, abbreviazioni e frasi spesso incomprensibili.! Quando scriverete atti giuridici, la forma sarà altrettanto importante dei contenuti.

64 Progetto #3 Il sito Web del professionista Analisi sul campo (in rete) Analizzare il rispetto dei dettati del codice deontologico e, in particolare, anche il rispetto del decoro e della dignità della professione.

65 La c.d. rivoluzione digitale! Nascita e commercializzazione, su larga scala, e a prezzi popolari, del personal computer;! Progettazione di Internet;! Diffusione del file sharing, dei social network, della tecnologia Wiki, del software libero, del set di licenze Creative Commons e del collaborazionismo in rete;! Il fenomeno del blogging, di Facebook, di Twitter e della condivisione di bookmark e di contenuti multimediali.

66 Un computer in ogni casa! Il processo di creazione del personal computer ha avuto il merito di portare un computer (quasi) in ogni casa, di liberare l'informatica sino a farla uscire dai grandi templi tecnologici costituiti, negli anni Sessanta e Settanta, dagli istituti di ricerca gestiti da operatori in camice bianco, dalle aziende militari, dai laboratori universitari e dalle corporation, quali l'ibm, per farla arrivare nell'ambiente familiare e domestico.! Nasce però contestualmente il concetto di digital divide.

67 Un computer per tutti!! «Un computer per tutti!» («A computer for all!») era lo slogan, a connotazione politica e propositiva, molto in voga negli anni Settanta negli ambienti amatoriali tecnologici californiani.! Tale formula era sovente ripetuta, in discorsi e scritti, da Lee Felsenstein, uno dei primi teorici del personal computer, attivista di area politica New Left e coinvolto nel Free Speech Movement.

68 Lee Felsenstein

69 Steve Jobs e Steve Wozniak

70 Internet! Internet, dal canto suo, ha concretizzato, negli anni Novanta, la possibilità di una connettività realmente globale e locale allo stesso tempo.! Ha reso tangibile l idea originaria dello studioso J. C. Licklider e degli altri progettisti della rete di un Intergalactic Network, una rete intergalattica di computer.! Ha fornito alla società un mezzo tecnologico rivoluzionario per la diffusione del pensiero e della cultura.

71 Licklider

72 File sharing! Il file sharing (nelle sue numerose varianti, dal peer-topeer a sistemi quali Bit Torrent), nato e sviluppatosi al di sopra dello strato (layer) tecnologico di Internet, ha diffuso nuovi costumi e modalità di comunicazione del sapere umano.! La condivisione e lo scambio su scala globale della musica, dei video, delle immagini, dei libri e di qualsiasi tipo di file.

73 Il social! Il social network, il social tagging e il social bookmarking hanno dimostrato come possa essere d'interesse, per l'essere umano/cittadino connesso ad una rete di computer (il netizen, come lo definì lo stesso Licklider), anche la condivisione, in Internet, dei propri gusti, degli elenchi di siti visitati, di appunti lasciati «appesi» alla rete affinché la comunità ne possa fruire in ogni momento.

74 Wiki, free software, CC! Wikipedia, il software libero e le licenze Creative Commons hanno evidenziato come la cooperazione di più persone per la creazione di contenuti (anche) enciclopedici, di codice sorgente alla base del software, per la diffusione dei prodotti culturali, al di là di confini geografici, delle regole tradizionali del business, di differenze di età, di cultura e di divide tecnologico, possa mutare rapidamente il volto, anche economico, del panorama mondiale.

75 Nuova etica del lavoro! All interno di tali laboratori prese piede, pur in ambienti che apparentemente erano molto rigidi, militarizzati e formali, un modo di lavorare del tutto nuovo, sviluppatosi in maniera naturale dalle grandi menti degli scienziati dell'epoca, caratterizzato da tre aspetti: l'idea (generica) del beneficio del lavoro collaborativo, il networking e lo sharing.

76 Contribuire al progresso! L idea del beneficio del lavoro collaborativo consisteva nel diritto/dovere per ogni studioso di concorrere con gli altri scienziati al fine di garantire il progresso della scienza o la risoluzione di un potenziale problema il più rapidamente possibile.

77 Gli scienziati! Agli inizi, questo modus operandi tra scienziati fu visto come un sistema semplice ed efficiente per operare al meglio in maniera indipendente e non burocratizzata.! Col passare degli anni si scoprì che tale metodo di lavoro era, incidentalmente, anche il più efficace per portare avanti, in completa armonia, progetti di grande complessità e di rilevanza nazionale ed internazionale.

78 Confronto con i colleghi! L etica del lavoro suggeriva all esperto di confrontarsi in ogni istante con i colleghi, di rendere pubblici i problemi con la speranza che un altro scienziato li avesse già affrontati e risolti o sapesse come superarli, di frequentare gli ambienti dei diversi centri di ricerca al fine di acquisire informazioni o metodi operativi, di scambiare documentazione e di diffondere i propri lavori.

79 Unione di menti! Si iniziò a percepire il fatto che l unione di più menti, che andava a costituire una sorta di intelligenza collettiva, potesse portare benefici diretti al progresso scientifico.

80 Un nuovo modo di lavorare! Questo nuovo modo di lavorare (che portò presto alla creazione di ambienti collaborativi più menti eccelse chiamate ad operare insieme ad uno stesso progetto, di networking reti «neurali» tra gruppi di ricerca anche collocati a distanza e di sharing la condivisione di conoscenze, paper, codici, esperienze e software), non si diffuse solamente all'interno delle strutture dell informatica istituzionale.

81 I primi club hacker! Anche i primi club hacker amatoriali, tra cui il celebre Homebrew Computer Club di Palo Alto, in California, in seno al quale nacquero la Apple e il Macintosh, alimentati da appassionati di elettronica, modellismo e autocostruzione, operavano allo stesso modo.! Le riunioni consistevano in informali sedute pubbliche dove, a turno, i presenti si alzavano in piedi e condividevano con gli astanti il problema, il codice, la propria scoperta o l'hardware appena costruito.

82 MIT! In ambiente universitario, soprattutto nei grandi centri di ricerca (ad esempio il laboratorio di Intelligenza Artificiale del MIT di Boston) si lavorava allo stesso modo.! Gli hacker comunicavano e facevano circolare il sapere, non tenevano nascoste informazioni e miglioravano le loro prestazioni grazie alla condivisione delle intelligenze e delle conoscenze.

83 Si stanno violando regole?! Questo modo di procedere, questo desiderio inesauribile di scoprire, di condividere e di rendere pubblico (a volte anche come affronto all Autorità, vista come ingiusta custode di segreti) non era, però, apprezzato da tutti.! Secondo alcuni, infatti, si stavano violando altre regole, più importanti per garantire lo sviluppo dell'informatica in questa sua delicatissima fase embrionale.

84 Lettera di Bill Gates! Celebre a tal proposito, si vedrà meglio durante il corso, è una lettera a firma di William (Bill) Gates III, nella quale il fondatore della (allora denominata) Micro-Soft si lamentava di episodi di pirateria a danno del suo software avvenuti tra gli hobbisti a causa di siffatti costumi di condivisione.

85 Documenti segreti! Non è un caso che i primi documenti apparentemente sottratti da hacker, durante le loro incursioni telematiche negli anni Ottanta negli Stati Uniti d'america, riguardassero manuali relativi a servizi 911 o di emergenza delle grandi compagnie telefoniche.! Alla base vi era l idea che tali informazioni, critiche per tutta la società, dovessero essere «liberate» e a conoscenza di tutti.

86 Operation Sundevil! La celebre Operation Sundevil statunitense degli anni Novanta, il primo grande crackdown contro gli hacker, ebbe inizio con indagini dei Secret Services volte a individuare chi avesse rubato e fatto circolare un 911 document della Bell South, coinvolgendo la società produttrice di giochi di ruolo Steve Jackson Games.

87 Full disclosure! Tale modalità di intendere l attività di ricerca diffusasi nell immediato dopoguerra si è tramandata inalterata sino ad oggi, e nel corso degli anni ha dato origine all apertura del codice e dell hardware, a progetti nati con la condivisione delle menti, alla full disclosure (l'atto di rendere pubblici, non solo per la comunità scientifica, difetti, vulnerabilità e problemi di sicurezza di hardware, software e servizi telematici critici), all'ideazione di software, contenuti e protocolli che hanno mutato il volto dell informatica.

88 Rivoluzioni in sequenza! La prima fase rivoluzionaria è stata quella che ha dato origine al movimento del software libero e alla creazione dei protocolli di comunicazione alla base di Internet.! Il primo fenomeno, il software libero, ha generato, nel giro di pochi anni, una seria e sostenibile alternativa di libertà al predominio del software proprietario.

89 Protocolli aperti! Il secondo fenomeno, ossia i protocolli aperti di trasmissione delle informazioni, ha fatto sì che la più importante infrastruttura per la comunicazione esistente, Internet, si basasse su protocolli, linguaggi e architetture aperti, modificabili, non controllabili da un centro, trasparenti e sufficientemente robusti.

90 Libertà della cultura! La seconda fase rivoluzionaria ha, invece, visto mutuare i principi del software libero e dei protocolli aperti al fine di applicarli al mondo della produzione culturale che, grazie all avvento delle nuove tecnologie, alla preparazione tecnica delle nuove generazioni e alla facilità della malleabilità delle informazioni ha registrato un accelerazione senza precedenti.

91 Lessig e Creative Commons! L eredità del software libero è stata ripresa, negli anni Novanta, da Lawrence Lessig con la creazione del sistema di licenze Creative Commons.! Ha proposto soluzioni alternative per la diffusione delle opere nel rispetto dei vincoli imposti dal diritto d'autore tradizionale.

92 Idea di hacker! Non è un criminale informatico, ma un soggetto che è curioso di una determinata tecnologia, la vuole conoscere in profondità e ha i mezzi per farlo.! Cosa vuol dire che ha i mezzi per farlo?! Ha tempo, ha cultura e capacità, ha inventiva, vuole percorrere percorsi che nessuno ha battuto, vuole inventare, vuole aprire, smontare e rimontare.! Una volta i computer ci obbligavano a farlo.

93 Aibo

94 Aibo jazz

95 Roomba

96 Roomba tosaerba

97 Lego + ipod

98 Ikea Hack

99 Come si fa a conoscere?! Studiando.! Provando.! Condividendo e scambiando informazioni tecniche.! Pensando a utilizzi creativi del sistema.! Più l apparecchio è facile, meno si è creativi.! Più è ostico o obsoleto, più ci si ingegna.

100 Perché è importante conoscere! Perché così il vostro dispositivo non ha funzioni nascoste (pensate al GPS attivato, o alla foto che contiene le coordinate).! Perché così non avete paura di reazioni strane della tecnologia ma sapete che cosa ha e che cosa fa.! Perché così comprendete la differenza tra un uso buono e un uso cattivo di una stessa tecnologia.

101 2. Identità e falsa identità! Cosa si intende per identità.! Come si valida una identità.! Come capire se è una falsa identità.! Quali sono i comportamenti tipici di chi ha una falsa identità.

102 Chi ha rubato l identità?

103 Cosa è l identità! Carta d identità.! Nascita: chi ci dà l identità?! Cosa è l identità nel contesto sociale?

104 Validiamo l identità! Occorrono dei riferimenti.! Più riferimenti ci sono, più l identità è sicura.! Tante truffe che riguardano l identità, soprattutto sentimentali (anziani).! Esempi di validazione di identità: individuate i riferimenti e incrociateli (più sono, più è sicura).

105 Falsa identità

106 Vera identità

107 Capire se è falsa! Falsa totale (inventata o sostituzione di persona).! Falsa parziale (alcune informazioni non vere).! Come si fa a capire: semplice, si interrompe la catena di validazione.! Come si fa a capire se un documento o una banconota sono falsi? Microscopio, reagenti chimici, analisi della filigrana.! Come si fa a capire se una persona è falsa? Si fanno domande, si cercano documenti, si fanno confronti.

108 Il vero trucco?! Non fidarsi mai. Essere sempre diffidenti.! Chi costruisce false identità, può essere un professionista, ad esempio un profilo di Facebook che apparentemente è vero, ha tanti amici, e anche fotografie.! Ma quanto è facile costruire un profilo falso di Facebook?

109 3. Privacy! Cosa si intende per privacy.! Come si tutela la propria privacy.! Come si viola la privacy altrui.! Che cosa è il concetto di sfera sociale.! Perché si parla tanto di privacy nei social network.

110 La privacy! Le origini: è il diritto di essere lasciati soli.! Si confonde e si fonde con intimità, riservatezza, vergogna.! La privacy è personale e può essere violata dal soggetto stesso (in tal caso si dice che regala la sua privacy) o da terzi.

111 Proteggere la propria privacy! Non dare informazioni, soprattutto attinenti i due dati più sensibili: lo stato di salute e la vita sessuale.! Stare molto attenti alla possibile correlazione delle informazioni.! Proteggere anche la privacy altrui nel caso si venga in possesso di dati.

112 La privacy nel social! Facebook: configurare la propria privacy.! Twitter: attenzione alle informazioni (anche geografiche).! Blog: le informazioni pubblicate.! Siti Web.! Chat: informazioni date durante i dialoghi.! Myspace.

113 4. Anonimato! Cosa si intende per anonimato?! Perché può essere importante?! Come si ottiene?

114

115

116 Essere anonimi! È sempre più complesso per il problema anche della correlazione dei dati.! Esistono servizi che permettono di creare mail anonime o di navigare anonimi ma bisogna fare grande attenzione al fattore umano che spesso porta a errori.! L anonimato può essere molto utile per denunciare ingiustizie o soprusi, ma deve essere reale.

117 Le regole! Essere curiosi: non fermarsi a un uso passivo delle tecnologie ( conoscenza è potere ).! Essere sempre diffidenti, paranoici e cauti, non dare mai confidenza (tantomeno informazioni sensibili).! Tutelare al massimo livello la propria privacy: Internet non dimentica (soprattutto foto e video) e Internet correla i dati.! Segnalare sempre comportamenti sospetti (bullismo, ma anche argomenti particolari o malfunzionamenti del computer, della posta o del sistema).

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INDICE. Parte I CONTROCULTURA, CYBERCULTURA ED EVOLUZIONE STORICO-SOCIOLOGICA DELLE NUOVE TECNOLOGIE

INDICE. Parte I CONTROCULTURA, CYBERCULTURA ED EVOLUZIONE STORICO-SOCIOLOGICA DELLE NUOVE TECNOLOGIE pag. Introduzione... XV Parte I CONTROCULTURA, CYBERCULTURA ED EVOLUZIONE STORICO-SOCIOLOGICA DELLE NUOVE TECNOLOGIE Capitolo Primo CONTROCULTURA, CYBERCULTURA E DIRITTO 1. Gli antefatti.... 3 2. Un innovativa

Dettagli

Linux Day 2013. Perche' siamo qui???

Linux Day 2013. Perche' siamo qui??? Perche' siamo qui??? tredicesima giornata nazionale per GNU/Linux ed il software libero Quindi noi siamo qui per sostenere e diffondere il GNU/Linux e il Software Libero!!! Quindi noi siamo qui per sostenere

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

Informatica giuridica

Informatica giuridica Informatica giuridica Corso di Informatica Giuridica Università di Bologna Facoltà di Giurisprudenza 1 Introduzione al corso: motivazioni per l informatica giuridica Lezione n. 0-a 2 1 Obiettivi del corso

Dettagli

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Simone Aliprandi IL LICENSING DI DATI E LE PRINCIPALI LICENZE OPEN DATA

Simone Aliprandi IL LICENSING DI DATI E LE PRINCIPALI LICENZE OPEN DATA www.copyleft-italia.it www.aliprandi.org www.array.eu Simone Aliprandi IL LICENSING DI DATI E LE PRINCIPALI LICENZE OPEN DATA qualche informazione su di me Copyleft-Italia: www.copyleft-italia.it Array

Dettagli

REALIZZATO DA MATTEO & CHRISTIAN 3 A - INTERNET E LA SICUREZZA - GLI HACKER E I CRACKER - I SOCIAL NETWORK

REALIZZATO DA MATTEO & CHRISTIAN 3 A - INTERNET E LA SICUREZZA - GLI HACKER E I CRACKER - I SOCIAL NETWORK REALIZZATO DA MATTEO & CHRISTIAN 3 A - INTERNET E LA SICUREZZA - GLI HACKER E I CRACKER - I SOCIAL NETWORK Internet non è sicuro nemmeno se lo si sa usare, ovvero le vostre informazioni non sono mai al

Dettagli

In quei giorni, su Facebook girava un post con un

In quei giorni, su Facebook girava un post con un P PROFESSIONE Le potenzialità In quei giorni, su Facebook girava un post con un elenco delle 11 cose che Mark Zuckerberg avrebbe potuto acquistare con quella stessa, astronomica, cifra. Avrebbe potuto

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

Social Network: (sopra) vivere nella rete

Social Network: (sopra) vivere nella rete Social Network: (sopra) vivere nella rete Michele Crudele www.crudele.it 2011-12-22 La rivoluzione sociale in rete Arpanet www Web 2.0 IT > 50% TCP/IP motori!? Person of the year 2 Social Network in sintesi

Dettagli

Social Networking nella PA: vietare o educare all'uso? Caterina Policaro www.catepol.net caterina.policaro@gmail.com

Social Networking nella PA: vietare o educare all'uso? Caterina Policaro www.catepol.net caterina.policaro@gmail.com Social Networking nella PA: vietare o educare all'uso? Caterina Policaro www.catepol.net caterina.policaro@gmail.com Cosa sono i social network? Tutta una serie di programmi per il computer che...bla bla

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

HO UN ACCOUNT CON GOOGLE. COSA POSSO FARE?

HO UN ACCOUNT CON GOOGLE. COSA POSSO FARE? HO UN ACCOUNT CON GOOGLE. COSA POSSO FARE? (account=area privata di un sito web in cui sono a disposizione un insieme di funzionalità e di personalizzazioni) Google ti regala una casella di posta elettronica

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

CONOSCI MEGLIO IL WEB.

CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. di Stefania Pompigna Il mondo virtuale offre infinite opportunità ed infinite insidie. E meglio scoprirle, capirle ed impararle. GUIDA SULLA TORTUOSA STRADA

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI

EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI : EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI Messaggero Telegrafo Telefono Televisione Internet Comunicazioni satellitari 1 VANTAGGI DELL'EVOLUZIONE Velocità delle comunicazioni Accesso a varie informazioni Scambio

Dettagli

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie.

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. cchi in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. COME SI ARTICOLA IL PROGETTO Internet è diventato uno straordinario strumento

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Università del Tempo Libero Caravaggio INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Prof. Roberto Foglia roberto.fogl@tiscali.it 21 gennaio 2016 COS È INTERNET È una rete di composta da migliaia di reti di computer

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

575risposte. Riepilogo Vedi le risposte complete Pubblica i dati di analisi. 1 di 9 07/05/2013 12.00. Dati generali.

575risposte. Riepilogo Vedi le risposte complete Pubblica i dati di analisi. 1 di 9 07/05/2013 12.00. Dati generali. 1 di 9 07/05/2013 12.00 mediacocchi@gmail.com Modifica questo modulo 575risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Pubblica i dati di analisi Dati generali Quale plesso della scuola frequenti? Todi 378

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Un corso di Marco De Veglia Brand Positioning: la chiave segreta del marketing Mi occupo di Brand Positioning

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 11 -

Informatica per la comunicazione - lezione 11 - Informatica per la comunicazione" - lezione 11 - Wiki" Wiki deriva dall espressione hawaiana wiki wiki, che significa rapido : il termine è stato introdotto da B. Leuf and W. Cunningham (in The Wiki Way:

Dettagli

Web. Meglio chiedere

Web. Meglio chiedere Di cosa si tratta Sono molti coloro che si divertono a creare software particolari al solo scopo di causare danni più o meno gravi ai computer. Li spediscono per posta elettronica con messaggi allettanti

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

Angelo Iacubino, Roberto Marmo Creare applicazioni per Facebook Editore FAG, Edizione 2009, Prezzo 19.90 euro, Pagine 224 ISBN 978-88-8233-814-5

Angelo Iacubino, Roberto Marmo Creare applicazioni per Facebook Editore FAG, Edizione 2009, Prezzo 19.90 euro, Pagine 224 ISBN 978-88-8233-814-5 Angelo Iacubino, Roberto Marmo Creare applicazioni per Facebook Editore FAG, Edizione 2009, Prezzo 19.90 euro, Pagine 224 ISBN 978-88-8233-814-5 RACCOLTA DI SITI INTERNET UTILI DA CONSULTARE AGGIORNATA

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

La sicurezza di Internet sei tu

La sicurezza di Internet sei tu La sicurezza di Internet sei tu Modena, 21-10-2011 Michele Colajanni Università di Modena e Reggio Emilia michele.colajanni@unimore.it http://weblab.ing.unimo.it/people/colajanni Le 3 dimensioni + 1 Tecnologie

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

2013 EDITION. Frasi da Startup. Raffaele Gaito

2013 EDITION. Frasi da Startup. Raffaele Gaito 2013 EDITION 100 Frasi da Startup Raffaele Gaito INDICE Indice... 1 Autore.... 2 Licenza... 3 Ringraziamenti.... 4 Prefazione. 5 Introduzione.... 6 Le Frasi..... 7 Aspiranti Startupper.. 7 Competitor..

Dettagli

GESTIONE VIRTUALE DELLO STUDIO LEGALE. Intervento dell Avv. Gerardina Abbondandolo. La telematizzazione del processo civile, tra i suoi mille limiti e

GESTIONE VIRTUALE DELLO STUDIO LEGALE. Intervento dell Avv. Gerardina Abbondandolo. La telematizzazione del processo civile, tra i suoi mille limiti e GESTIONE VIRTUALE DELLO STUDIO LEGALE Intervento dell Avv. Gerardina Abbondandolo La telematizzazione del processo civile, tra i suoi mille limiti e difficoltà, raccoglie però l occasione di modificare

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Assistenza completa anche online

Assistenza completa anche online Assistenza completa anche online MyVisana, il nostro portale dei clienti online Per una copertura assicurativa ottimale per ogni fase della vita. www.visana.ch Iscrivetevi ora! www.myvisana.ch Con MyVisana

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

Il progetto Insieme a Scuola di Internet

Il progetto Insieme a Scuola di Internet Il progetto Insieme a Scuola di Internet Glossario Glossario > A @ (at) La @, che si pronuncia at oppure chiocciola comunemente chiamata a commerciale, è un carattere utilizzato generalmente per la posta

Dettagli

L avvocato hacker. Genova, 15 marzo 2012. Prof. Giovanni Ziccardi Università degli Studi di Milano

L avvocato hacker. Genova, 15 marzo 2012. Prof. Giovanni Ziccardi Università degli Studi di Milano L avvocato hacker Genova, 15 marzo 2012 Prof. Giovanni Ziccardi Università degli Studi di Milano L ultimo hacker I temi oggetto d attenzione! La cifratura dei dati con l uso della crittografia.! La sicurezza

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

[on-line store?] on line store??

[on-line store?] on line store?? [on-line store?] 1.6 il mondo 1.4 il dell on-line mondo store free 1.6 il mondo 1.4 il dell on-line mondo store free [on-line store?] cosa significa? lo shopping on-line è il sistema che consente ai consumatori

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

Maurizio Del Corso. Internet CASH. I Segreti per guadagnare veramente dalla rete

Maurizio Del Corso. Internet CASH. I Segreti per guadagnare veramente dalla rete Maurizio Del Corso Internet CASH I Segreti per guadagnare veramente dalla rete 1 Titolo Internet CASH Autore Maurizio Del Corso Editore Top Ebook Sito internet http://www.top-ebook.it ATTENZIONE: questo

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Internet un nuovo MONDO. COSTRUIAMOLO

Internet un nuovo MONDO. COSTRUIAMOLO Internet un nuovo MONDO. COSTRUIAMOLO Conoscere E importante conoscere internet tanto quanto l evoluzione avvenuta nel mondo della comunicazione lungo la storia dell essere umano. Con la nascita della

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo.

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 6 Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. Dopo aver ragionato su quanto una spiccata consapevolezza

Dettagli

SICUREZZA INFORMATICA SICUREZZA DEI DISPOSITIVI MOBILI

SICUREZZA INFORMATICA SICUREZZA DEI DISPOSITIVI MOBILI SICUREZZA INFORMATICA SICUREZZA DEI DISPOSITIVI MOBILI Consigli per la protezione dei dati personali Ver.1.0, 21 aprile 2015 2 Pagina lasciata intenzionalmente bianca I rischi per la sicurezza e la privacy

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati.

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati. IL MINIDIZIONARIO Tutti i diritti sono riservati. CIAO A TUTTI, IL MIO NOME È MARCO E PER LAVORO STO TUTTO IL GIORNO SU INTERNET. TEMPO FA HO AIUTATO MIA NONNA A CONNETTERSI CON SUO FIGLIO IN CANADA E

Dettagli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli Comunicare e relazionarsi in Rete Marco Gui Marina Micheli Prima parte L evoluzione dei media STAMPA TELEVISIONE 1456 d.c. 1940 3000 a.c. fine 1800 d.c. anni 90 SCRITTURA CINEMA INTERNET I media digitali

Dettagli

Scheda di approfondimento cartone animato I social network

Scheda di approfondimento cartone animato I social network Scheda di approfondimento cartone animato I social network Da qualche hanno i social network sono diventati un vero e proprio fenomeno sociologico. Ne esistono vari con diverse finalità, anche di tipo

Dettagli

Plaze, il termine che definirà un nuovo concetto di piazza

Plaze, il termine che definirà un nuovo concetto di piazza , il termine che definirà un nuovo concetto di piazza Crema 19-20 Settembre 2013 Gianluca Vaccaro The first on the road social network 1 Cosa è? è un Social Network il cui scopo è quello di avvicinare

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO INFORMATICA CLASSI PRIME. Tecnico in Turismo

PIANO ANNUALE DI LAVORO INFORMATICA CLASSI PRIME. Tecnico in Turismo PIANO ANNUALE DI LAVORO INFORMATICA CLASSI PRIME Tecnico in Turismo A.S. 2014/15 ISIS Zenale e Butinone di Treviglio INFORMATICA Premessa: La programmazione del biennio punta a rendere lo studente consapevole

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 L uso dei social network e della tecnologia propone nuove riflessioni e strategie educative. Dal cyberbullismo alle opportunità creative, il panorama dei

Dettagli

IdentitàDigitali. Bologna 28 maggio 2015. Brand e Personal Branding nell era digitale. Roberto Marsicano

IdentitàDigitali. Bologna 28 maggio 2015. Brand e Personal Branding nell era digitale. Roberto Marsicano IdentitàDigitali Brand e Personal Branding nell era digitale Bologna 28 maggio 2015 Roberto Marsicano AGENDA Architetture digitali Social Network Ascolto Strategie, Policy & Codici di Comportamento Networking

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Chiara Albanese Michele Dell Edera In collaborazione con: Asernet tecnologia, comunicazione e nuovi media Zeroventiquattro.it Il quotidiano on line

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Incontro 3: Corso di aggiornamento sull uso di internet Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it

Dettagli

DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI:

DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI: DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI: APS - LP LABORATORIO DIDATTICO PEDAGOGICO INTEGRATO PER L INSEGNAMENTO DELL INFORMATICA 1

Dettagli

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer Seminario della Consulta delle Associazioni Culturali del Comune di Modena La Rete Civica del Comune di Modena per le associazioni culturali" Internet e condivisione di interessi: social networking, blog,

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Intelligenza o abilità?

Intelligenza o abilità? a Intelligenza o abilità? L apprendimento è stato spesso collegato con l intelligenza, e l intelligenza è stata misurata dagli psicologi con vari tipi di test. Ma come funziona un «tipico» test di intelligenza?

Dettagli

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop È ORA di diventare GRANdI MASTER IN GRAPHIC design CERTIFIED ASSOCIATE AbC formazione PROfESSIONALE Via Pisanelli,

Dettagli

Assessorato Pubblica Istruzione CENTRO @LL IN VILLACIDRO

Assessorato Pubblica Istruzione CENTRO @LL IN VILLACIDRO COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano ASSESSORATO ALLE POLITICHE CUTURALI Assessorato Pubblica Istruzione CENTRO @LL IN VILLACIDRO CATALOGO CORSI 1. Informatica di base Partendo dalla descrizione

Dettagli

Corso di LABORATORIO DIGITALE 1

Corso di LABORATORIO DIGITALE 1 Corso di LABORATORIO DIGITALE 1 Laurea triennale - Comunicazione&DAMS 1 1 Dipartimento di Matematica Università della Calabria Corso di laurea intercalsse in COMUNICAZIONE&DAMS www.mat.unical.it/bria/labdigitale1-aa2011-12.html

Dettagli

Formazione educativa, nuove prassi e nuovi linguaggi Esempi di utilizzo delle nuove tecnologie offerte dalla rete

Formazione educativa, nuove prassi e nuovi linguaggi Esempi di utilizzo delle nuove tecnologie offerte dalla rete Formazione educativa, nuove prassi e nuovi linguaggi Esempi di utilizzo delle nuove tecnologie offerte dalla rete Barbara Bruschi, Università di Torino Cosa sono le tecnologie? STRUMENTI LINGUAGGI MEZZI

Dettagli

FORSETI BLOG. Readcast. Ottobre 2013 Speciale Linux Day. http://blog.forseti.it/

FORSETI BLOG. Readcast. Ottobre 2013 Speciale Linux Day. http://blog.forseti.it/ FORSETI BLOG Readcast Ottobre 2013 Speciale Linux Day http://blog.forseti.it/ Indice di Denis Turrina 3 Forseti Blog - Ottobre 2013 3 di Denis Turrina Denis Turrina Dottore in Sicurezza dei Sistemi e delle

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Proteggi gli account personali

Proteggi gli account personali con la collaborazione di Proteggi gli account personali Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Proteggi gli

Dettagli

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Utenti Internet nel mondo Utenti Internet in Europa Utenti Internet in Italia Utenti

Dettagli