COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza"

Transcript

1 COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA NON ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI ovvero PERIODICI (Ai sensi rispettivamente art. 6 e art. 2 comma 6 D.Lgs. 24/04/2001 n.170) (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 in data ) 1

2 NORME COMUNI ART. 1 Generalità e definizioni ART. 2 - Durata del piano ART. 3 - Suddivisione del territorio comunale in zone ART. 4 - Autorizzazione amministrativa ART. 5 - Modalità di rilascio dell autorizzazione ART. 6 - Deroghe ART. 7 - Trasferimento dell attività ART. 8 - Cessazione dell attività, trasferimento della gestione o della proprietà per atto tra vivi o per causa di morte nei punti vendita esclusivi ART. 9 - Sospensione temporanea dell attività ART Distanze minime ART Registrazione della dinamica di piano ART Procedimento ART Orari di vendita ART Parità di trattamento e modalità di vendita ART Sanzioni ART Norme finali PIANO DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI ART. 1 - Suddivisione del territorio comunale in zone ART. 2 - Consistenza dei punti vendita ART. 3 - Popolazione e numero delle famiglie ART. 4 - Previsioni di punti vendita esclusivi CRITERI PER L INSEDIAMENTO DI PUNTI VENDITA NON ESCLUSIVI ART. 1 - Nuove autorizzazioni ART. 2 - Disposizioni finali 2

3 NORME COMUNI * * * * * * * * * * * Art. 1 GENERALITA E DISPOSIZIONI 1. Il presente Piano disciplina per il territorio del Comune di Mussolente, l insediamento dei punti vendita di commercio al dettaglio su sede fissa di quotidiani e periodici. 2. Ai sensi dell art. 2 Definizione del sistema di vendita della stampa quotidiana e periodica della delibera di Giunta Regionale del Veneto n del 16 maggio 2003, coordinata con la delibera n del 13 giugno 2003: A. La vendita della stampa quotidiana e periodica si articola su tutto il territorio regionale in punti vendita esclusivi e punti vendita non esclusivi. B. In base al D.Lgs. 24 aprile 2001 n. 170 si intendono per: a) punti vendita esclusivi: gli esercizi che, previsti nel piano comunale di localizzazione, sono tenuti alla vendita generale di quotidiani e periodici. Rientrano nella definizione anche gli esercizi che nella precedente disciplina erano denominati promiscui, essendo caratterizzati dalla vendita di quotidiani e periodici congiuntamente ad altre merci nonché gli esercizi che, attivati in vigenza della Legge 5 agosto 1981, n. 416, abbiano esteso la loro attività al settore merceologico non alimentare grazie alla facoltà concessa dal decreto legislativo 31 marzo 1998 n.114; b) punti vendita non esclusivi: gli esercizi individuati dall art. 2, comma 3, lettera dalla a) alla f) del decreto legislativo che, in aggiunta ad altre merci, sono autorizzati alla vendita dei soli quotidiani oppure dei soli periodici ed in specie: - le rivendite di generi di monopolio; - le rivendite di carburanti e di oli minerali con il limite minimo di superficie pari a mq.1.500; - i bar, inclusi gli esercizi posti nelle aree di servizio di autostrade e nell interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali e marittime, ed esclusi altri punti di ristoro, ristoranti, rosticcerie e trattorie; - le strutture di vendita come definite dall art. 4, comma 1, lettere e), f) e g) del decreto Legislativo n. 114/98, con un limite minimo di vendita pari a mq.700; - gli esercizi adibiti prevalentemente alla vendita di libri e prodotti equiparati, con n limite minimo di superficie di mq.120; - gli esercizi a prevalente specializzazione di vendita, con esclusivo riferimento alla vendita delle riviste di identica specializzazione. Il Piano ha validità quadriennale Art. 2 DURATA DEL PIANO 3

4 Art. 3 SUDDIVISIONE DEL TERRITORIO COMUNALE IN ZONE Ai fini della normativa del presente piano, si considera il territorio comunale suddiviso in 2 zone: zona 1) MUSSOLENTE Capoluogo, zona 2) CASONI. Art. 4 AUTORIZZAZIONE AMMINISTRATIVA Ai sensi dell art. 2, comma 2 del D.Lgs. n.170/2001, l attività di vendita della stampa quotidiana e periodica è soggetta al rilascio di autorizzazione da parte del Comune, nel rispetto, per i punti vendita esclusivi, del presente Piano di localizzazione e, per i punti vendita non esclusivi, dei presenti criteri di insediamento. Art. 5 MODALITA DI RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE 1. La domanda per il rilascio dell autorizzazione di un punto vendita di giornali e riviste, per l apertura, il trasferimento di sede, le modifiche della superficie di vendita deve essere redatta su carta resa legale, in conformità alla legge sull imposta di bollo, indirizzata al Sindaco e presentata mediante raccomandata o a mano al competente ufficio comunale. 2. L interessato, se ditta individuale, o il legale rappresentante, se trattasi di società, deve dichiarare nella domanda: a) Il possesso dei requisiti morali di cui all art. 5 comma 2 del D.Lgs. n.114/98; b) L ubicazione esatta dell esercizio; c) L eventuale affidamento della gestione a terzi, con i dati anagrafici di questi; d) Certificato di agibilità dei locali o comunicazione degli estremi dello stesso; e) Documentazione comprovante la disponibilità dei locali. Se trattasi di punto vendita non esclusivo, l interessato deve inoltre dichiarare: f) di essere titolare di una delle attività indicate dalle lettere da a) a f) del comma 3 dell art. 2 del D.Lgs. n. 170/2001, con l indicazione degli estremi dell autorizzazione di cui sia in possesso o della comunicazione/denuncia/dichiarazione fatta al Comune; g) la tipologia di prodotto prescelto (solo quotidiani o solo riviste) o entrambe le tipologie; 3. Sulla domanda di nuova autorizzazione il Responsabile competente decide per l accoglimento o per il diniego in base al presente Piano, se trattasi di punti vendita esclusivi, o in base ai Criteri se trattasi di punti vendita non esclusivi. 4. In caso di domande concorrenti relativamente alla stessa zona si dovrà seguire il seguente criterio di priorità: - casi di trasferimento; - la disponibilità dei locali documentata con atto di proprietà o contratto di locazione; - ordine cronologico. 4

5 Art. 6 DEROGHE Per quanto riguarda la vendita della stampa presso i distributori di carburanti, si applica il regime derogatorio introdotto dall art. 23 della D.C.R 18 febbraio 1998 n. 3 e riconfermato dall art. 16 dell allegato alla D.G.R. n.1562 del 26/05/2004. Art. 7 TRASFERIMENTO DELL'ATTIVITA' 1.) Il trasferimento di sede dell azienda all interno della stessa zona del Piano è soggetta a preventiva dichiarazione da presentare all ufficio comunale competente e potrà essere effettuato decorsi 30 (trenta) giorni a decorrere dalla data del protocollo comunale di arrivo. Il trasferimento deve essere compiuto nel rispetto delle disposizioni del presente Piano, compreso il rispetto delle distanze minime. 2.) Il trasferimento di sede dell azienda in altra zona del Piano è soggetto alla preventiva autorizzazione amministrativa e dovranno essere rispettati i contingenti di zona e le distanze minime. 3.) Nel caso di forza maggiore ed in specie nel caso di ristrutturazione del locale sede di vendita dei quotidiani e delle riviste, il Responsabile dell Ufficio competente può consentire il trasferimento temporaneo dell attività in altri locali della medesima zona o in altre zone, in deroga alle norme sulle distanze minime. Il trasferimento può essere autorizzato per un periodo di mesi sei con possibilità di proroga, per cause non imputabili al soggetto interessato, per ulteriori sei mesi. 4.) Il trasferimento di sede dell azienda avente ad oggetto una rivendita non esclusiva è soggetto a dichiarazione o ad autorizzazione a seconda della natura dell esercizio connesso. La vendita della stampa nei punti vendita non esclusivi è legata all attività primaria di vendita esercitata e non può essere fisicamente disgiunta dall attività di vendita principale. Non è pertanto consentito il trasferimento di sede, la cessione o l affidamento in gestione della sola attività di vendita della stampa. Art. 8 CESSAZIONE DELL ATTIVITA, TRASFERIMENTO DELLA GESTIONE O DELLA PROPRIETA PER ATTO TRA VIVI O PER CAUSA DI MORTE NEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI 1.) Nei punti vendita esclusivi il trasferimento della gestione o della proprietà per atto tra vivi nonché la cessazione dell attività sono soggetti a dichiarazione da presentare all Ufficio comunale competente. Il trasferimento della gestione o della proprietà mortis causa è comunicato all Ufficio competente entro i sei mesi successivi all apertura della successione. Alla dichiarazione di subingresso deve essere allegata copia dell atto notarile attestante il trasferimento effettivo dell azienda. 5

6 Art. 9 SOSPENSIONE TEMPORANEA DELL'ATTIVITA' 1.) In caso di chiusura temporanea dei punti di vendita o di impedimento temporaneo del titolare, questi deve affidare a titolare di altra autorizzazione la vendita, anche porta a porta, di quotidiani e periodici e deve esporre sulla rivendita chiusa apposito cartello indicante le sedi più vicine di rivendita. Il termine massimo della sospensione dell attività è fissato in anni uno. Art. 10 DISTANZE MINIME 1.) I nuovi insediamenti di punti vendita, sia esclusivi che non esclusivi, devono osservare una distanza minima dai punti vendita già esistenti di ml La distanza fra punti vendita va misurata mediante il percorso pedonale più breve, seguendo le seguenti modalità: si parte dal centro dell ingresso ove si intende aprire o trasferire l attività e si raggiunge in senso trasversale la mezzeria della strada situata a fronte, indi, seguendo quest ultima sino all accesso dell esercizio preesistente, si procede ad angolo retto sino a raggiungere il centro di quest ultimo ingresso. Art. 11 REGISTRAZIONE DELLA DINAMICA DI PIANO 1.) Le variazioni che intervengono nella rete di vendita vanno registrate dall'ufficio Comunale competente nei singoli atti che concorrono a determinarle. Le disponibilità per nuove autorizzazioni sia per punti vendita esclusivi che non esclusivi vanno tenute aggiornate: - aumentandole nei casi di: cessazione di attività, decadenza di autorizzazione, revoca di autorizzazione; - diminuendo le disponibilità nei casi di: autorizzazione di nuova apertura, autorizzazione al trasferimento di esercizi in altra zona. Art. 12 PROCEDIMENTO 1.) La conclusione del procedimento per il rilascio delle autorizzazioni dovrà avvenire entro il termine di 90 (novanta) giorni. I termini per la conclusione del procedimento inizieranno a decorrere da quando la pratica sarà completa. Sia per i punti vendita esclusivi sia per i punti vendita non esclusivi, non potrà formarsi l istituto del silenzio-assenso in mancanza di parametri numerici disponibili. Art. 13 ORARI DI VENDITA 6

7 1.) Ai punti vendita esclusivi che non hanno esteso la vendita ad altre tipologie merceologiche del settore non alimentare e/o alimentare e ai punti vendita non esclusivi di cui all art. 2, comma 3, lettera e) del Decreto si applicano le disposizioni di cui all art. 13, comma 1, del Decreto Legislativo n. 114/ ) Ai punti vendita esclusivi che hanno esteso la vendita ad altre tipologie merceologiche e ai punti vendita non esclusivi si applica il regime di orario previsto per l attività connessa economicamente prevalente. 3.) Per i punti vendita esclusivi e/o non esclusivi collocati all interno dei centri commerciali si applica l orario di apertura previsto per il centro commerciale nel suo complesso, così come disposto dall art. 9 della Legge n. 15/2004 e successive circolari esplicative emanate dalla Regione Veneto. 4) per il personale dipendente dei punti vendita, l orario di lavoro è quello previsto dal contratto nazionale di lavoro della categoria. Art. 14 PARITA DI TRATTAMENTO E MODALITA DI VENDITA 1.) La vendita della stampa quotidiana e periodica, sia per i punti vendita esclusivi sia per i punti vendita non esclusivi, è effettuata nel rispetto delle seguenti modalità: - ogni punto vendita deve prevedere un adeguato spazio espositivo per le testate poste in vendita assicurando parità di trattamento; - il prezzo dei prodotti non può subire variazioni in relazione alla tipologia di punto vendita (esclusivo o non esclusivo); - le condizioni economiche e le modalità commerciali di cessione delle pubblicazioni, comprensive di ogni forma di compenso riconosciuta ai rivenditori, devono essere identiche per le diverse tipologie di esercizi, esclusivi e non esclusivi, che effettuano la vendita. - è vietata l esposizione al pubblico di giornali e riviste e materiale pornografico, indipendentemente dal contenuto, osceno o meno, della copertina. 2.) Le condizioni e le modalità ora elencate si applica anche alla stampa estera posta in vendita in Italia. Art. 15 SANZIONI 1.) Per effetto di quanto indicato all art. 9, comma 1, del Decreto Legislativo n. 114/1998, in caso di violazione delle presenti disposizioni si applicano le norme di cui all art. 22 del Decreto Legislativo n. 114/1998, in quanto compatibili. Art. 16 NORME FINALI 1.) In conseguenza dell abrogazione dell intero art. 14 della Legge n. 416/1981, operata dall art. 9 comma 2^ del decreto Legislativo, non sono più applicabili: - il divieto alle persone diverse dal titolare o dai familiari o parenti o affini al terzo grado di svolgere l esercizio della rivendita fissa; - il divieto di affidamento in gestione a terzi; - il divieto di rilascio dell autorizzazione a persone giuridiche; 7

8 - il divieto di rilascio alle persone fisiche di più di una autorizzazione. 2.) Per quanto non previsto nella presente normativa si applica il Decreto Legislativo n. 114/1998 e le altre norme vigenti in materia. PIANO DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI 8

9 * * * * * * * * * * * Alla data di approvazione del presente Piano sussistono n. 5 punti vendita esclusivi su tutto il territorio. Per il periodo di vigenza del presente piano non sono previsti nuovi punti vendita esclusivi di giornali e riviste. Le motivazioni e i procedimenti per tale scelta sono illustrati nella relazione che costituisce parte integrante di tale piano. RELAZIONE Art. 1 SUDDIVISIONE DEL TERRITORIO COMUNALE IN ZONE Il territorio comunale è stato suddiviso in due zone: ZONA 1) MUSSOLENTE CAPOLUOGO ZONA 2) CASONI Art. 2 CONSISTENZA DEI PUNTI VENDITA Il Comune, in base alle disposizioni di legge ha provveduto a rilevar la consistenza della rete distributiva in atto nel territorio del Comune. Gli esercizi che, in base alla precedente normativa, sono stati autorizzati a vendere prodotti editoriali, sono considerati come rivendite esclusive. Pertanto nel territorio del Comune di Mussolente sono presenti n. 5 punti vendita esclusivi e n. 0 non esclusivi, come da tabella seguente. PUNTI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE ZONA N. ESERCIZI ESCLUSIVI N. ESERCIZI NON ESCLUSIVI 1 - MUSSOLENTE CENTRO CASONI 2 0 TOTALI 5 0 Art.3 POPOLAZIONE E NUMERO DELLE FAMIGLIE 9

10 La popolazione residente nel comune è di n abitanti al 31/12/2008, mentre il numero delle famiglie è di 2.814, così suddiviso: ZONA ABITANTI FAMIGLIE 1 - MUSSOLENTE CAPOLUOGO CASONI TOTALI Art. 4 PREVISIONI DI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI ZONA 1- MUSSOLENTE CAPOLUOGO: Con riferimento al sistema di vendita dei quotidiani e periodici: criteri per l applicazione del decreto legislativo 24 aprile 2001, n.170 recante norme in materia di riordino del sistema di diffusione della stampa quotidiana e periodica, ed alla Deliberazione della Giunta Regionale del Veneto n del , Titolo III Programmazione dei punti vendita, Art. 13 Criteri per l adozione dei piani di localizzazione, Punti 5 e 7, applichiamo i rapporti di cui al punto a) rapporto tra la popolazione residente e punti vendita esclusivi cioè 4.062/3= abitanti per punto vendita essendo il totale compreso tra i e i residenti per punto vendita, il punteggio è di 0,50 e al punto b) rapporto tra il numero delle famiglie e il numero dei punti vendita esclusivi cioè 1520/3=507 famiglie per punto vendita ed essendo il totale compreso tra 0 e famiglie per punto vendita, il punteggio è di 0,25. Il punteggio totale è pari alla somma dei punti risultanti (0,50+0,25=0,75) quindi non viene raggiunto il punteggio minimo di 1,50. Pertanto nella zona 1 non sono concedibili nuovi punti vendita esclusivi ZONA 2 - CASONI: rapporto abitanti/punti vendita cioè 3.628/2=1.841 abitanti per punto vendita, essendo il totale compreso tra i e i residenti per punto vendita, il punteggio è di 0,50 e al punto b) rapporto tra il numero delle famiglie e il numero dei punti vendita esclusivi: 1.294/2=647 famiglie per punto vendita, essendo il totale compreso tra 0 e 700 famiglie per punto vendita, il punteggio è di 0,25. Il punteggio totale è pari alla somma dei punti risultanti (0,50+0,25=0,75) quindi non viene raggiunto il punteggio minimo di 1,50. Pertanto nella zona 2 non sono concedibili nuovi punti vendita esclusivi 1

11 CRITERI PER L INSEDIAMENTO DI PUNTI VENDITA NON ESCLUSIVI * * * * * * * * * * * Art. 1 NUOVE AUTORIZZAZIONI Non è previsto il rilascio di alcuna autorizzazione per l apertura di punti vendita non esclusivi. Art. 2 DISPOSIZIONI FINALI 1.) Per quanto non previsto nei presenti Criteri si fa riferimento al presente Piano di localizzazione, al Decreto Legislativo n. 170/2001, al Decreto Legislativo n. 114/1998 e agli indirizzi regionali in materia. 2.) I presenti Criteri costituiscono appendice al Piano di localizzazione dei punti vendita esclusivi. * * * * * * * * * * * 1

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA AREA 3 Comune di Torri di Quartesolo Via Roma, 174 36040 TORRI DI QUARTESOLO (VI) Cod. Fiscale Part. Iva : 00530900240 Official Web Site : www.comune.torridiquartesolo.vi.it Posta Elettronica Certificata

Dettagli

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI edicole PIANO ESCLUSIVE 1 20 marzo 2007 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Aspetti di carattere generale 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER I PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI Approvato con delibera Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE I N D I C E ARTICOLO 1 oggetto, indirizzi ed ambito di applicazione del piano ARTICOLO 2 - definizioni ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA. SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna

COMUNE DI BOLOGNA. SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna tel. 051 2194082-2194013 - Fax 051 2194870 - DIFFUSIONE DELLA STAMPA QUOTIDIANA E

Dettagli

PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI OTTIMALI DI VENDITA DI GIORNALI QUOTIDIANI E PERIODICI

PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI OTTIMALI DI VENDITA DI GIORNALI QUOTIDIANI E PERIODICI PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI OTTIMALI DI VENDITA DI GIORNALI QUOTIDIANI E PERIODICI Regolamento emanato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 11/01/2010 INDICE Capo I PRINCIPI GENERALI...3

Dettagli

REGOLAMENTO PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA DI QUOTIDIANI E PERIODICI DEL COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA

REGOLAMENTO PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA DI QUOTIDIANI E PERIODICI DEL COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA IL PRESIDENTE Danieli Allegato alla delibera di C.C. n 55 del 31 luglio 2003 IL VICE SEGRETARIO GENERALE Fortin REGOLAMENTO PIANO LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENTA QUOTIANI E PERIOCI DEL COMUNE PIAZZOLA SUL

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

SNAG- SINAGI UILTUCS- FENAGI- USIAGI- CONFCOMMERCIO

SNAG- SINAGI UILTUCS- FENAGI- USIAGI- CONFCOMMERCIO Milano, 10 ottobre 2011 Spett.le Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per l informazione e l editoria Via Po, 14/b 00198 ROMA a mezzo e-mail c.a. Il Capo del Dipartimento - Cons. Elisa Grande

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PER LA PROGRAMMAZIONE DEI PUNTI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE -approvato con delibera del Consiglio Comunale n.9 del 22.03.

RELAZIONE TECNICA PER LA PROGRAMMAZIONE DEI PUNTI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE -approvato con delibera del Consiglio Comunale n.9 del 22.03. COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Piazza Garibaldi, 5/1-42011 Bagnolo in Piano Provincia di Reggio Emilia ALL.1 RELAZIONE TECNICA PER LA PROGRAMMAZIONE DEI PUNTI VENDITA DI GIORNALI E RIVISTE -approvato con delibera

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_05

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_05 AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive - Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 144 del 30.11.2000 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 102 del

Dettagli

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA RIFERIMENTI NORMATIVI

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA RIFERIMENTI NORMATIVI PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI ESCLUSIVI DI VENDITA DI STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA RIFERIMENTI NORMATIVI 1 Legge n. 108 del 13.04.1999 2 Decreto Legislativo n. 170 del 24.04.2001 2 Delibera

Dettagli

Modulistica unificata

Modulistica unificata Modello: COM_0103_ITA - Revisione n. 03 del 17/01/2009 - Pagina 1 di 11 In fondo al modello brevi istruzioni per l utilizzo e la compilazione Scheda Generale Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Allegato alla delibera di C.C. n. 9 in data 21/03/2015 COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Regolamento disciplinante il procedimento per l apertura di medie strutture di vendita e altre procedure per

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA

COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA 2008 2 SOMMARIO TITOLO I - FINALITÀ, DEFINIZIONI E NORME GENERALI... 3 Articolo 1. Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE Articolo 1 Dichiarazione inizio attività 1-L esercizio del noleggio di cicli, ciclomotori

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI Art. 1 LICENZA D'ESERCIZIO La licenza per l esercizio di sale pubbliche o per altre giochi

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI.

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 26 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI Approvato con deliberazione consiliare n. 41 del 28/07/2011 Pubblicato all albo pretorio dal 08 al 22 agosto 2011 Art. 1 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE Approvato con atto C.C. n 127 del 18/12/1996 Modificato con successivo atto C.C. n 76 del 16/11 /2000 Modificato con successivo atto C.C. n.59

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO ART. 1 Disposizioni generali L esercizio di una sala pubblica per biliardi o per altri giochi leciti, in seguito definita convenzionalmente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 16 del 18.02.2004 Art. 1 NASTRO ORARIO Il nastro orario giornaliero, nell ambito

Dettagli

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 7213 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio 1999, n. 11. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO Art.

Dettagli

BANDO COMMERCIO DELLA REGIONE PUGLIA 2013 - Finanziamenti Commercio - Finanziamenti Regione

BANDO COMMERCIO DELLA REGIONE PUGLIA 2013 - Finanziamenti Commercio - Finanziamenti Regione Ai nastri di partenza il nuovo bando della Regione Puglia a favore delle piccole e medie imprese del commercio. Le risorse disponibili sono pari a euro 6.579.387,24 di cui euro 1.000.000,00 riservati ad

Dettagli

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE 1 COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE S.C.I.A. (Segnalazione certificata di Inizio Attività) ESERCIZIO COMMERCIALE AL DETTAGLIO CON SUPERFICIE DI VENDITA FINO A 250 MQ. D.Lgs. 31 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 53 DEL 20.12.2000) CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in ottemperanza agli obblighi derivanti dalla legge 14.12.1963 n. 161

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE *******************************************************

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ******************************************************* 1 COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ******************************************************* S.C.I.A. - (SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ) DI ESERCIZIO PUNTO VENDITA NON ESCLUSIVO

Dettagli

Comune di Civitella in Val di Chiana

Comune di Civitella in Val di Chiana Comune di Civitella in Val di Chiana PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Anno 2011 Approvato con DCC n.38 del 30.4.2011 Comune di Civitella

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n.

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 1 COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 69 del 22/12/1999 2 INDICE

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_01

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_01 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso

Dettagli

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI PIANO DI PROGRAMMAZIONE COMUNALE CONCERNENTE I CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ED I CRITERI DI PROGRAMMAZIONE ALL APERTURA, AL TRASFERIMENTO DI SEDE E ALL AMPLIAMENTO DI SUPERFICIE DELLE MEDIE

Dettagli

COMUNE DI Settimo Milanese (Provincia di Milano) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI E SALA SCOMMESSE

COMUNE DI Settimo Milanese (Provincia di Milano) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI E SALA SCOMMESSE COMUNE DI Settimo Milanese (Provincia di Milano) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI E SALA SCOMMESSE Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente provvedimento disciplina

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a il a codice fiscale. residente a via/piazza n. C.A.P. tel. cellulare fax

Il/La sottoscritto/a. nato/a il a codice fiscale. residente a via/piazza n. C.A.P. tel. cellulare fax COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIO TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna tel. 051 2194082-2194013 - Fax 051 2194870 COMUNICAZIONE AI FINI DELLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE COMMERCIALI E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale DEFINIZIONE DI COMMERCIANTE E commerciante quel soggetto (persona fisica o società) che esercita un attività economica consistente nell acquisto

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

98 Prelevato dal sito http://gurs.pa.cnr.it/gurs Suppl. ord. alla G.U.R.S. (P. I) n. 41 del 17-8-2001 (n. 21)

98 Prelevato dal sito http://gurs.pa.cnr.it/gurs Suppl. ord. alla G.U.R.S. (P. I) n. 41 del 17-8-2001 (n. 21) 98 Prelevato dal sito http://gurs.pa.cnr.it/gurs Suppl. ord. alla G.U.R.S. (P. I) n. 41 del 17-8-2001 (n. 21) COM 9 (Spazio per l ufficio) FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO VENDITA PER CORRISPONDENZA,

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUDCENTE CON AUTOBUS DA RIMESSA E PER LE MODALITA DI RILASCIO E DI RINNOVO DELLE RELATIVE

Dettagli

Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita

Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita (ai sensi dell art.8 D.Lgs.114/98 Regolamento regionale n.3/2000 Delibera C.C. n.14 del 05.04.2004) pag. 1 TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI

Dettagli

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO COMUNE DI SAREZZO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Commercio tel. 030/802021 DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA FISSAZIONE DEI CANONI DEGLI ALLOGGI DENOMINATI CASETTE DELLA CROCE ROSSA DI PROPRIETÀ DEL COMUNE E NON SOGGETTI ALLA DISCIPLINA

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei

Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei Centri di Telefonia Internazionale Approvato con deliberazione consiliare n. 17 del 30/06/2006 ART. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento

Dettagli

IN MATERIA DI RILASCIO DI

IN MATERIA DI RILASCIO DI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 168 DEL 02.12.2003)

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

Cognome Nome. data di nascita luogo di nascita. cittadinanza residente a Prov. via, piazza, ecc. n. CAP. denominazione

Cognome Nome. data di nascita luogo di nascita. cittadinanza residente a Prov. via, piazza, ecc. n. CAP. denominazione marca da bollo. 14.62 (spazio per l ufficio) SOCIETA DI PERSONE Al COMUNE di USMATE VELATE Oggetto: domanda di rilascio di autorizzazione per esercitare l attività di commercio su aree pubbliche, ai sensi

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI Delibera del Consiglio Comunale n 1 del 09.01.2012 INDICE Art. 1 DEFINIZIONE e AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO CITTÀ DI BORGOMANERO PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO APPROVATO CON ATTO C.C. N. 38 DEL 07/07/2008 Il presente Regolamento è entrato in vigore il 07/07/2008 INDICE Art. 1 Definizione

Dettagli

ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA 0 0 4 1 1 6

ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA 0 0 4 1 1 6 CODICE PRATICA riservato allo SUAP MOD.6COM FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO Segnalazione Certificata di Inizio attività (compilare in stampatello) ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

REGIONE PIEMONTE ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD. COM 2 COMPILARE IN STAMPATELLO REGIONE PIEMONTE ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE BOLLO AL COMUNE DI * _ _ _ _ _ _ Ai sensi del d. lgs.

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE PROVINCIA DI ASCOLI PICENO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE PER L INSEDIAMENTO DI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (ex art. 8, comma 4, D. Lgs. 114/98) E LIMITAZIONI

Dettagli

Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM)

Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM) Roma, 23 maggio 2003 Ufficio D2- Disciplina del commercio Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM) Oggetto: Legge 25 agosto 1991, n. 287. Apertura

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza )

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) SETTORE N. 7 Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 ATTIVITA AGENZIA DI AFFARI legislazione di riferimento :

Dettagli

Comune di Partinico Provincia di Palermo

Comune di Partinico Provincia di Palermo Comune di Partinico Provincia di Palermo SETTORE AFFARI GENERALI E LEGALI Piazza Garibaldi 90047 PARTINICO (PA) Tel. 0918913317 - Fax 0918903078 centralino 091 8913111 Responsabile: Dr. Sebastiano Randisi

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 (Agg 11/2010) AVVIO ATTIVITÀ NON SOGGETTE A PROGRAMMAZIONE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Al Comune di Ai sensi del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI ASSO Prov. di Como REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 29.09.2010 IL PRESENTE REGOLAMENTO: è stato deliberato dal

Dettagli

MENSA AZIENDALE Segnalazione certificata di inizio attività/comunicazione

MENSA AZIENDALE Segnalazione certificata di inizio attività/comunicazione spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE di NARNI MENSA AZIENDALE Segnalazione certificata di inizio attività/comunicazione Il/La sottoscritto/a QUADRO INIZIALE

Dettagli

l sottoscritt nat _ a il residente in via Società con sede in Prov. via CF iscritta alla CCIAA di n.

l sottoscritt nat _ a il residente in via Società con sede in Prov. via CF iscritta alla CCIAA di n. Al COMUNE DI POGGIARDO (Provincia di LECCE) Servizio SUAP -ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' l sottoscritt nat _ a il residente in via n. C.F., titolare dell omonima

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO IN CENTRO COMMERCIALE COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE

REGIONE PIEMONTE ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO IN CENTRO COMMERCIALE COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE MOD. COM 4b COMPILARE IN STAMPATELLO AL COMUNE DI * _ _ _ _ _ _ Ai sensi del d. lgs. 114/1998, l.r. n. 28/99 e D.C.R. n. 563-13414/99 il sottoscritto Cognome Nome C. F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AVVIO ATTIVITÀ NON SOGGETTE A PROGRAMMAZIONE Al SUAP del Comune di GIUGLIANO IN CAMPANIA Ai sensi dell art. 64 d.lgs.

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO Marca da bollo 14,62 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Costa Masnaga Il/La sottoscritt nat_ a il prov. cittadinanza

Dettagli

Provincia di Livorno

Provincia di Livorno - 0 - Provincia di Livorno SETTORE GESTIONE E CONTROLLO Servizio Attività Economiche e Sportello Unico.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-..-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-..-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Dettagli

&RPXQHGL$YHOOLQR5HJRODPHQWRSHUOHDXWRUL]]D]LRQLGLSXEEOLFLHVHUFL]L

&RPXQHGL$YHOOLQR5HJRODPHQWRSHUOHDXWRUL]]D]LRQLGLSXEEOLFLHVHUFL]L &RPXQHGL$YHOOLQR5HJRODPHQWRSHUOHDXWRUL]]D]LRQLGLSXEEOLFLHVHUFL]L $33529$72&21'(/,%(5$=,21(&216,/,$5(1 $UWLFROR3ULQFLSL*HQHUDOL 1. Il presente regolamento è ispirato all'applicazione dei principi in linea

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali concernenti le domande relative alle medie strutture

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali concernenti le domande relative alle medie strutture COMUNE DI MARANO VICENTINO Allegato B alla delibera C.C. n. 42 del 17/05/06 Pag. 1 di 20 Criteri e norme per il rilascio delle autorizzazioni commerciali (ai sensi art. 14 L.R. n. 15/04) Criteri per il

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

1) E indetto Bando Comunale per la formazione di graduatorie utilizzabili per la concessione

1) E indetto Bando Comunale per la formazione di graduatorie utilizzabili per la concessione BANDO COMUNALE PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI POSTEGGI IN OCCASIONE DELLA FIERA QUARESIMALE E DEL GRILLO DELL ANNO 2014. IL RESPONSABILE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE E SERVIZI Visto il Piano Comunale

Dettagli

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento ALLEGATO A Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione di progetti per la nuova costruzione, ristrutturazione ed ampliamento delle aree sosta- artt. 3 e 4 l.r. 26/93-.

Dettagli

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI COMUNE DI PONTE LAMBRO Via Roma n. 23 22037 Ponte Lambro (Co) C.F. / P.I. 00601450133 tel. 031 / 623240 fax 031 / 622491 www.comune.pontelambro.co.it UFFICIO COMMERCIO Posta elettronica: protocollo@comune.pontelambro.co.it

Dettagli

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. Le sanzioni per il commercio all ingrosso e al dettaglio

Dettagli

Residente/con sede in via/piazza n. CAP tel. con domicilio presso. In via/piazza n. CAP

Residente/con sede in via/piazza n. CAP tel. con domicilio presso. In via/piazza n. CAP pag. 1 di 5 SPAZIO RISERVATO AL COMUNE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE IN SEDE FISSA RIVENDITA DI GIORNALI E RIVISTE (art. 34, legge provinciale 30 luglio

Dettagli

COMUNE DI BORETTO P r o v i n c i a d i R e g g i o E m i l i a

COMUNE DI BORETTO P r o v i n c i a d i R e g g i o E m i l i a BANDO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI POSTEGGI NEL MERCATO SETTIMANALE DEL GIOVEDI IL RESPONSABILE DEI SERVIZI GENERALI ALLA PERSONA Visto il D.Lgs. 31.03.1998 n. 114 recante "Riforma della disciplina

Dettagli

Domanda di autorizzazione di commercio su aree pubbliche temporanea. ο M comune di residenza provincia o stato estero di residenza C.A.P.

Domanda di autorizzazione di commercio su aree pubbliche temporanea. ο M comune di residenza provincia o stato estero di residenza C.A.P. COMUNE DI VENEZIA Direzione Sviluppo economico Settore Commercio fascicolo (riservato all'ufficio) modulo codice procedimento (riservato all'ufficio) spazio per la protocollazione riservato al Comune AL

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate

Dettagli

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ Decreto legislativo 24 aprile 2001, n.170 sul riordino del sistema di diffusione della stampa quotidiana e periodica, a norma dell'articolo 3 della legge 13 aprile 1999, n. 108. (GU n. 110 del 14-5-2001),

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l'apertura e la gestione di sale giochi. Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l'apertura e la gestione di sale giochi. Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007 Comune di Follonica per l'apertura e la gestione di sale giochi Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007 REGOLAMENTO INDICE SOMMARIO Articolo 1 Definizioni 1 Articolo 2 Ambito di applicazione

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ INTERNET POINT PHONE CENTER ALTRE ATTIVITA SIMILARI Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate

Dettagli

ESERCIZIO PER IL COMMERCIO DI QUOTIDIANI E PERIODICI

ESERCIZIO PER IL COMMERCIO DI QUOTIDIANI E PERIODICI 1 ESERCIZIO PER IL COMMERCIO DI QUOTIDIANI E PERIODICI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ AL COMUNE DI *MEOLO (VE) 027022 ISTAT (RISERVATO AL COMUNE) Ai sensi del D.Lgs. 170/2001 (art. 9, 1) e

Dettagli

Comune di Gaeta. Criteri per il rilascio di autorizzazioni per la somministrazioni di alimenti e bevande

Comune di Gaeta. Criteri per il rilascio di autorizzazioni per la somministrazioni di alimenti e bevande Comune di Gaeta * * * * * Criteri per il rilascio di autorizzazioni per la somministrazioni di alimenti e bevande * * * * * (Approvati con deliberazione consiliare n 51 del 04/11/2011) 1 Art.1 - Oggetto

Dettagli

Scheda informativa del modulo B3

Scheda informativa del modulo B3 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? - Spacci interni di vendita: esercizio dell attività - Vendita al domicilio del consumatore: esercizio dell attività - Vendita per mezzo di apparecchi automatici:

Dettagli

Città di Roncade Provincia di Treviso

Città di Roncade Provincia di Treviso Città di Roncade Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli